Comunicando n. 03/2013

Page 44

comunicare il vino

di luca maroni a cura di giannina airaghi www.lucamaroni.com

Autore dell’ “Annuario dei Vini Italiani” giunto alla 17° edizione, Luca Maroni è riuscito a determinare in una formula la struttura chimica della piacevolezza del vino, rendendola tecnicamente riproducibile. Nel 2000 ha creato il portale internet sul vino più ricco del mondo, con le sue 380.000 pagine web gratuitamente consultabili. È esperto di riferimento dell’Enciclopedia Treccani e dei principali quotidiani e media televisivi. Dal 1998 a oggi ha degustato oltre 250.000 vini.

I SENSI COMUNICANO

IL VINO

NESSUN’ALTRA ENTITÀ EDIBILE RIVELA LA SUMMA DI VALENZE IMPLICATE DAL VINO, ESPRESSIONE MASSIMA DELL’AGRICOLTURA, DELL’ DELL’ENOLOGIA,, DELLA STORIA DELL’UOMO. IL MIO MESTIERE È COMUNICARE TALE VALORE INTEGRO, SENZA TRALASCIARE NULLA DEL SUO CALEIDOSCOPICO BRILLARE, ACCENDENDO NEL LETTORE IL DESIDERIO DI CONTATTARE CONSAPEVOLMENTE QUESTO ETEREO, IRRADIANTE, UMANIZZANTE VETTORE La comunicazione senza analisi sensoriale è sostanzialmente monca, trasmette vacuità e non muove nel lettore il desiderio di comprendere l’esperienza narrata, che può costituire una novità rispetto alla propria. È molto importante rompere tale inerzia e ciò avviene solo riferendosi ai fatti di senso, modulati attraverso lo strumento del linguaggio. Non sempre una ricezione perfetta viene automaticamente a trasformarsi in una descrizione perfetta. È qui che subentrano il filtro dell’intelletto e il potere della scrittura. Per coinvolgere il lettore e muoverlo nel senso che desidero, riferisco con la massima precisione ciò che percepisco in qualità di analista sensoriale,, attraverso un linguaggio musicalmente e sonoramente piacevole. Il vino libera un sentire che è globale, aumenta la profondità di percezione del senso e dona al narratore quella forza sensibile e quel coraggio di espressione che sono solo l’esplosione intellettiva del sentito.

“Il VINO ARRIVA AI SENSI muovendosi innanzitutto per l’aria attraverso il profumo, vettore che è lo stesso impiegato dalla MUSICA, le cui ONDE SONORE si propagano attraverso l’aria.”

“SENSOFWINE”... Per comunicare il vino, mi sono accostato al mondo della musica, della cultura, all’eccellenza della produzione artistica. Il vino è universale e piace soprattutto agli esseri colti, profondamente sensibili e umilmente consapevoli della beltà della vita e del creato. Cerco di porre il vino come elemento spiritualisticamente capace di essere il denominatore comune di chi vale nel nostro Paese, interessando così architetti, musicisti, registi. Nel mio evento “Sensofwine” desidero comunicare, assieme al valor del vino, il senso di valore dell’applicazione dell’italica intelligenza e dell’italica straordinaria disponibilità di strumenti ed elementi naturalistici.

42 aprile 2013