Issuu on Google+


www.teamwork-eu.it

LE LUCI DELLA CITTÀ

Nuove e brillanti idee prendono forma sotto la luce delle foglie Kurz. Con Metropolis, il nuovo progetto presentato in occasione di Luxe Pack 2011 e realizzato in collaborazione con Hinderer + Mühlich, Kurz arricchisce le collezioni “Presentation Box” dedicate ai designer. La resa dei dettagli è estremamente nitida e precisa su foglie trasparenti, lucide, olografiche e perlacee: così un packaging nobilitato può diventare una metropoli alle prime luci dell’alba. Embossing, lamine per la decorazione a caldo e a freddo, effetti metallizzati lucidi e opachi, le possibilità di nobilitazione offerte da Luxoro sono infinite e creative, proprio come le idee.

DISTRIBUTORI ESCLUSIVI PER L’ITALIA DELLE FOGLIE KURZ PER LA STAMPA A CALDO E A FREDDO Luxoro è a Impatto Zero®. Le emissioni di CO2 generate sono state compensate contribuendo alla creazione e tutela di foreste in crescita.

Luxoro utilizza energia rinnovabile a Impatto Zero®.

K_GRAPHIC bellezza & valore w w w. l u x o r o . i t


SOMMARIO 4 notizie in evidenza 9 speciale materiali 11 approfondimento 14 15 publishing 18 grandi interviste 24 comunicando presenta 28 editoriale

comunicando incontra espositori io lo farei così news rubrica green way

30 32 34 36 40

Passaparolando Una guida al pack diVINO Sembra carta ma non è... di Cecilia Cantadore Carta cover Nobilitazione cover Arredamento & design di Cecilia Cantadore Lorenza Luti di Cecilia Cantadore L’estetica del progetto Packaging: quando tutto è possibile Identikit dell’espositore contemporaneo Una femminilità chic in ogni momento... Novità, applicazioni & tendenze dal mondo della comunicazione Come le bioplastiche possono sostituire i meteriali classici del packaging? di Paolo Serafin

tutorial cordenons rubrica naming rubrica marketing dei sensi

42 44 46

Carta canta... Special design di Béatrice Ferrari I pionieri del marketing sensoriale di Alessandro Miani

11

2

gennaio | febbraio 2012


borse in texuto te per comunicare il design modello design

modello sparkly design

textile becoming sexy +39-342.3777985


E

D

I

T

O

R

I

A

L

E

di susanna bonati | susanna.bonati@sunnycom.it

PASSA PARO LANDO

Sì, è successa anche questa, ebbene sì. È successo che parlando con una realtà implicata nel nostro meraviglioso circolo comunicativo (area creativa), mi sia capitato di sentirmi dire che, dopo tutto, il passaparola, beh!, è il più antico, statisticamente performante, e decisamente funzionante metodo di comunicazione. Assì? Quindi un ciabattino dovrebbe urlare di evitare di riparare le scarpe e preferire di comprarne di nuove; così come un architetto di non restaurare una casa, no, ma di investire in mattoni di sale perché le case, ma quali case?, sono un mondo in declino! E un medico? Curarsi? E perché mai? Con tutte le alternative di suicidio a basso impatto emotivo ed economico che oggi offrono le tecnologie. Ma perché mai, credere in ciò che si fa, e crederci a tal punto da essere disposti a investire (tempo e danari), mettendo in prima persona in gioco la propria competenza e professionalità? Quella stessa proposta a un mercato (detti clienti), a questo punto poveri sprovveduti, a cui si racconta di quanto la costruzione di una buona ed efficiente immagine aziendale passi da media-mix accuratamente studiato e personalizzato. Non sto parlando della mancata fiducia nei mezzi che contribuiscono a dare forma al mondo in cui si è deciso di esprimere la propria eccellenza; parlo di mancate parole nell’esserne testimoni... Ma tant’è! E la vita è bella; non c’è dubbio. Assolutamente e nonostante tutto. E questa qui, sì, la bonati, continua a credere nella sua amata comunicazione-fatta-bene-col-senso-dentro, forse più che mai. E lo dimostra quotidianamente. Ora, veniamo a com (qui in redazione, comunicando la chiamiamo così) di aprile. Non notate qualcosa di diverso già dalla copertina? Abbiamo scelto un oggetto di design per il numero dedicato al salone del mobile e ai suoi aggiornamenti stilistici e di tendenza; un oggetto kartell, di cui abbiamo l’onore di ospitare la grande intervista alla sua direttrice marketing. Che ne dite? Numero dedicato al design, design per sempre. Perché così si cresce, perché cerchiamo di tenere alta la bandiera della qualità, perché ce la mettiamo tutta per migliorarci e non sentirci mai “arrivati”, perché noi ci crediamo. Oggi più di ieri. E voi?

4

aprile 2012


COMUNICARE COL VINO (PER NOI)

È ARTE!

*

Dal 2001 Tenute La Montina è anche il Museo d’Arte Contemporanea in Franciacorta, dedicato all’artista milanese Remo Bianco (1922-1988). Non una scelta dettata dal caso, ma una volontà di avvicinare al vino chi s’appassiona all’arte. Così come un pittore cerca, davanti a una tavolozza di colori puri, mischiandoli, di trovare le giuste tonalità; allo stesso modo lo Staff de La Montina cerca di unire le uve, provenienti da 7 località diverse della Franciacorta, per ottenere vini dalle sfumature organolettiche ricche e coinvolgenti. Il binomio arte-vino ha trovato poi nel 2010 il perfetto compimento quando la Famiglia Bozza, titolare dell’azienda, in occasione dei vent’anni della società, ha affidato allo scultore Paolo Menon il compito di studiare e disegnare le forme della nuova bottiglia e della sua etichetta. Il Museo d’Arte Contemporanea Remo Bianco in Franciacorta ospita regolarmente durante l’anno diverse mostre personali temporanee sempre visitabili su prenotazione. blog.lamontina.it/category/arte-e-vino

via baiana, 17 | 25040 monticelli brusati (bs) t. 030.65.32.78 | lamontina.it

*


INSERZIONISTI Cartiere del Garda. . . . . . . . . . .IV cover Crossmedia . . . . . . . . . . . . . . .pag. 39 Db Ingegneria . . . . . . . . . . . . . .pag. 16-17 Gasperini. . . . . . . . . . . . . . . . . .pag. 7 Idice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .pag. 43 La Montina . . . . . . . . . . . . . . . .pag. 5 Luxoro. . . . . . . . . . . . . . . . . . . .pag. 1 Pixartprinting. . . . . . . . . . . . . . .pag. 22-23 Proposte . . . . . . . . . . . . . . . . . .pag. 8 Scatolificio Pasubio. . . . . . . . . .III cover Sunnycom Publishing. . . . . . . .pag. 45, 48 Texy . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .pag. 3 Tipografia Valdostana . . . . . . . .II cover Zen Arte . . . . . . . . . . . . . . . . . .pag. 10 Tutti i diritti sono riservati. Notizie e articoli possono essere riprodotti solo con l’autorizzazione dell’Editore e in ogni caso citando la fonte. Manoscritti, disegni, foto e altri materiali inviati in redazione, anche se non pubblicati, non verranno, in nessun caso, restituiti. In particolare l’invio di articoli implica, da parte dell’autore, l’accettazione (in caso di pubblicazione) di un compenso puramente simbolico stabilito dall’Editore, salvo accordi preventivi sottoscritti e comunicati a mezzo R.R. Gli articoli firmati impegnano esclusivamente gli autori. Dati, caratteristiche e marchi sono generalmente indicati dalle Case Fornitrici (rispettivi proprietari); non sono comunque tassativi e possono essere soggetti a rettifiche in qualunque momento. Informativa ai sensi dell’art. 13, d. lgs 196/2003. I dati sono trattati, con modalità anche informatiche, per l’invio della rivista e per svolgere le attività a ciò connesse. Titolare del trattamento è: Sunnycom Publishing srl - Via Stromboli 18 - 20144 Milano (MI). Le categorie di soggetti incaricati del trattamento dei dati per le finalità suddette sono gli addetti alla registrazione, modifica, elaborazione dati e loro stampa, al confezionamento e spedizione delle riviste, al call center, alla gestione amministrativa e contabile. Ai sensi dell’art. 7, d. lgs 196/2003 è possibile esercitare i relativi diritti fra cui consultare, modificare, aggiornare o cancellare i dati, nonché richiedere elenco completo ed aggiornato dei responsabili, rivolgendosi al titolare al succitato indirizzo. Spedizione in Abbonamento a titolo oneroso: il ricevimento di questa rivista avviene a titolo oneroso secondo il tipo di abbonamento sottoscritto o tacitamente accettato. Chiunque desiderasse sospendere tale abbonamento ne avrà piena facoltà, senza alcun costo e basterà darne comunicazione scritta all’Ufficio Abbonamenti.

Mr.

di vanalon@tiscali.it

Applicazioni, idee, prodotti e tendenze per la comunicazione www.comunicandoweb.com Registrazione Tribunale di Milano n° 407 del 28-05-99 Anno XIII - n° 3 aprile 2012 DIRETTORE RESPONSABILE E CREATIVO: SUSANNA BONATI // susanna.bonati@sunnycom.it RESPONSABILE MARKETING E COMUNICAZIONE: EDOARDO DECIO // edoardo.decio@sunnycom.it RESPONSABILE DI REDAZIONE: ALEXIA RIZZI // alexia.rizzi@sunnycom.it REDAZIONE: CECILIA CANTADORE // cecilia.cantadore@sunnycom.it DARIO ZOCCO RAMAZZO // dario.zocco@sunnycom.it IMPAGINAZIONE E COPERTINA: STEFANIA MORUZZI // stefania.moruzzi@sunnycom.it PUBBLICITÀ: DEBORAH FERRARI, MARCO MARCUCCIO // advertising@sunnycom.it UFFICIO TRAFFICO: MANUELA SPATOLA // advertising@sunnycom.it HANNO COLLABORATO PER QUESTO NUMERO: SUSANNA BONATI, BÉATRICE FERRARI, MATTHAN GORI, FABIO PAVANINI, PAOLO SERAFIN ___________________________________ Carta copertina: GardaMatt Art 300 g/m2 by Cartiere del Garda Immagine di copertina by Kartell Stampa: Copertina: Tipografia Valdostana - Aosta (AO) - Tel +39 0165 239559 Interno: A.G.F. ITALIA - Peschiera Borromeo (MI) - Tel +39 02 55305659 Tiratura: 10.000 copie Abbonamenti e diffusione Mensile 8 numeri all’anno. L’abbonamento decorre dal primo numero raggiungibile. Una copia: euro 5,00 - Arretrati euro 10,00 Abbonamento 8 numeri: Italia euro 40,00; Estero euro 80,00 Ufficio abbonamenti: tel. +39-02.48.51.62.07 e-mail: abbonamenti@sunnycom.it I pagamenti possono essere effettuati: - on-line con carta di credito su http://abbonamenti.sunnycom.it - c/c postale n. 31993207 SunnyCom Publishing srl - Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione (ROC) n° 14289 del 15/07/2005 - Poste Italiane s.p.a. - Sped. Posta Target Magazine (SMA autorizzazione LO/CONV/037/2010) CMP di Milano-Roserio - Contiene I.P. - In caso di mancato recapito inviare al CMP di Milano-Roserio per la restituzione al mitt. previo pagamento dei resi Sunnycom Publishing Srl Direzione, Redazione e Amministrazione: Via Stromboli, 18 - 20144 Milano tel. +39 02 48516207 fax +39 02 43400509 Associato a:


We weave passion.

World Preview of Furnishing Fabrics and Curtains 8 / 9 / 10 May 2012 Villa Erba, Cernobbio (Como), Italy Specialized exhibition Entrance by invitation only Proposte srl - Viale Sarca, 223 20126 Milano - Italy Phone +39 02 6434054 www.propostefair.it


NOTIZIE IN EVIDENZA a cura del Comunicando Team

S

GUIDE

ith icate w commun ation. you to allows mmunic ality co r paper in mind. y qu he r lit ot fo bi staina and no g brand with su you are, al leadin nge. g quality cts who the glob cled ra oducin use refle ueror – ed to pr ium recy per you as Conq committ 0% prem The pa e 10 integrity ar a e d e w an yle d includ choice: an le such st ib ed ns ifi e se cert e and or is th e FSC boo rang es onquer pers ar w Bam ror mak Our pa as our ne e do, Conque w ns such ything novatio er in m ev ith co of r r. w oice, nquero e heart ch co th g w. at tin w ity w e exci ith qual re, visit e also th logy. W out mo To find e techno oice. T ffect ch Print E the perfe

com querorr.r. ww.con

Una guida al pack diVINO Tornano le “Comunicando Guides”, pratici vademecum del pack più glamour del momento. Questa seconda puntata (la prima era stata a ottobre con la Guida al packaging di lusso, ricordate?) è interamente dedicata alle confezioni di alta gamma dedicate al mondo del wine & spirits. Quindi etichette preziose, cofanetti e contenitori ricercati sfilano tra le pagine di questa mini-guida, tra carte pregiate e un copertina assolutamente glamour. Un prodotto editoriale nuovo e accattivante, che ci ha accompagnato tra gli stand di Vinitaly, fiera di riferimento per il mondo del vino. Siete comunicatori ma vi siete persi la fiera? Il vino non è il vostro core business ma trovate interessanti i suoi linguaggi comunicativi? Avete modo di recuperare: trovate la guida al pack di vino allegata a questo numero di Comunicando! www.sunnycom.it aprile 2012

9


l’equilibrio della comunicazione

comunicare ZEN è un po’ ritornare al cuore delle cose, alla semplicità del messaggio, all’immediatezza del dire. Amiamo lavorare al meglio con il gusto di avere un pensiero in EQUILIBRIO dietro. Amiamo agire con fermezza e determinazione; perchè ogni MOSSA possa essere quella decisiva.

ZEN arte Srl, via Caprera 11, 21040 Venegono Superiore VA, tel. 0331.824896 | info@zen-adv.com | www. zen-adv.com


PECIAL

materiali

a cura di Cecilia Cantadore

Sembra carta ma non è...

Con la carta, lo sappiamo, possiamo fare grandi cose a livello comunicativo. Ma in queste pagine andiamo “oltre”, e prendiamo in considerazione quei materiali che vengono considerati speciali, perché si differenziano da quelli tradizionali, sfruttano materie prime diverse, toccano corde emotive altre, aggiungono valore alle applicazioni. I supporti possono essere olografici, possono nascere dalla carta accoppiata ad altri materiali attraverso lavorazioni particolari, possono essere film, possono arrivare dalla plastica e diventare, ad esempio, lenticolari. I produttori lanciano supporti sempre più attrattivi al tatto e alla vista, che riescono a elevare qualsiasi applicazione venga realizzata con essi. I creativi possono sbizzarrirsi, trovando il “vestito” più adatto, più calzante o fuori dagli schemi per quel particolare prodotto. I supporti speciali hanno un importante valore aggiunto e sono destinati ad applicazioni specifiche, come rivestimento di scatole e confezioni di lusso, copertine di libri in edizioni prestigiose, biglietti, inviti di alto livello. aprile 2012

11


SPECIAL

materiali

Wibalin Collection La Collezione Wibalin, recentemente rinnovata con l’aggiunta dei colori Papvr alla gamma Natural e l’inserimento dell’elegante Satina, si amplia ulteriormente e introduce Wibalin Lite e Wibalin Textures, dando vita a un nuovo concept. Wibalin Lite riunisce in un’unica collezione le carte da 100 g/m2 Covera, Picot, Neferta, Milskin. Queste due collezioni comprendono 188 differenti combinazioni di colori e texture, per un totale di 532 alternative disponibili. Wibalin Textures racchiude invece tutte le texture che si possono desiderare… effetto pelle, tessuto e motivi astratti. 41 disegni differenti che permettono di raggiungere 1804 possibilità di combinazione di colori e superfici. Tutti i prodotti Wibalin sono certificati Fsc e completamente riciclabili. www.fontanagrafica.net

IL SEGRETO DEL SUCCESSO

Legatoria, cartotecnica, packaging, cancelleria e pelletteria. Non importa a quale settore sia destinato il materiale. Il denominatore comune è l’esclusività nell’aspetto e la capacità di creare aspettativa al primo colpo d’occhio, una superficie speciale al tatto e una buona lavorabilità, che renderanno esclusive le creazioni di qualsiasi tipologia.

Carte di Betilla Dall’unione di diverse lavorazioni – accoppiatura, politenatura, paraffinatura, bitumatura, goffratura, apprettatura – e materiali differenti – carte, alluminio, reti, garze, fili, jute, rafia e “tessuti non tessuti”– le Carte di Betilla hanno dato vita a materiali di struttura complessa e multiforme, eccentrici nell’aspetto e duttili nell’uso, adatti per molteplici applicazioni. Le Carte di Betilla sono distribuite da Paper&People. www.paperandpeople.com

12 aprile 2012

Supporto in movimento H3D System lenticolare è un sistema di processi, software e materiali, proprietario di Tre D, che consente di portare in stampa effetti 3D e di movimento. Nato per soddisfare le esigenze di designer e artisti, il lenticolare consente di personalizzare con tridimensionalità e animazione uno stampato che può essere usato per soluzioni di packaging, cartellini prezzi o etichette. www.lenticolare.it


Metalvuoto lancia un’innovativa tecnologia Laser per goffrature speciali che conferiscono un look originale al packaging. Olpack offre al mercato cinque linee di prodotti. Olpack Motion conferisce alle confezioni una percezione unica di movimento; Olpack Touch invece ha come peculiarità l’effetto a rilievo del materiale lavorato. Questi primi due effetti si fondono in Olpack T-Motion per regalare al packaging eleganza. Su ognuna delle variabili Olpack è possibile incidere fino a 8 micron Olpack Ghost: micro testi, micro codici, micro loghi per anti contraffazione capaci di offrire rintracciabilità e sicurezza al brand. Olpack Design è invece affine a lavorazioni fashion su pelli naturali e abbraccia il mondo della moda, degli accessori, dell’interior design, dell’arredo e tante altre applicazioni. Olpack si sposa in modo armonico con svariati film plastici, carta stampata, cartoncini laminati, alluminio e pelli naturali. www.metalvuoto.it

Cover e cofanetti vestiti di preziosa tela Il cofanetto Fired by Passion e i tre volumi in esso contenuti si presentano in una veste preziosa e particolare. Sono stati rivestiti infatti da Comtesse, tela 100% viscosa disponibile in 27 colori, utilizzata in questo caso in bianco e viola. Questa tela, con uno spessore di 210 g/m2 e composta da numerosi fili, è adatta alla stampa offset. La tela Comtesse è distribuita dall’azienda svizzera Peyer Graphic. www.peyergraphic.ch

aprile 2012

13

SPECIALE

Laser Embossing, nuova frontiera per il packaging

materiali


APPROFONDIMENTO COVER | CARTA GardaMatt Art 300 g/m² by Cartiere del Garda

NATA PER ESSERE SEMPRE LA PRIMA Non è un caso che GardaMatt Art sia stata scelta per la nostra copertina. La brillantezza di stampa e la sua alta rigidità la rendono infatti la soluzione ideale per realizzare stampati eccellenti, eleganti e raffinati, e lavori editoriali di pregio...

ART COME ARTE

Libri fotografici, cataloghi di lusso per qualsiasi settore merceologico, cover e pubblicazioni di alto livello trovano in questa carta una vera alleata. I fatti parlano da soli, basti guardare il catalogo Juxtapositions, stampato su GardaMatt Art e GardaPat 13 e libro Simplexity, qui accanto.

BELLEZZA PATINATA

GardaMatt Art è una patinata senza legno, a massima levigatezza e dalla superficie opaca, che si distingue per la sua ottima resa in spessore. Disponibile in dieci grammature diverse, dai 90 ai 350 g/m², è prodotta in ambiente neutro, senza acidi, non contiene metalli pesanti ed è disponibile con certificazione FSC o PEFC su richiesta.

ESTETICA E FUNZIONALITÀ

Ma oltre a quelli estetici, la carta soddisfa anche tutti i requisiti di stampabilità. Assicura, infatti, rapidità di essiccazione degli inchiostri, facilitando così le più svariate nobilitazioni e lavorazioni industriali post-stampa. Cosa che, per noi di Comunicando, è molto importante. Sono garantiti ottimi risultati finali, soprattutto nella resa di incarnati o nelle immagini per le quali l’alta fedeltà nella riproduzione dei colori è fondamentale. La macchinabilità e l’ottima stampabilità si coniugano a un’altra caratteristica non meno importante: la resistenza all’invecchiamento.

Catturare lo sguardo, stupire, colpire il lettore con effetti speciali per far sì che si ricordi di noi. Questa è la funzione che hanno tutte le copertine di Comunicando. L’occhio vuole la sua parte, il tatto e le dita che scorrano sulle pagine, anche. Per questo motivo la scelta della carta di copertina è cruciale. Questo mese GardaMatt Art è una garanzia!

14 aprile 2012

tel 0464 57.91.11 info.garda@lecta.com www.gardacartiere.it


APPROFONDIMENTO COVER | NOBILITAZIONE by Tipografia Valdostana

tel 0165 23.95.59 fax 0165 23.66.48 www.tipografiavaldostana.com

COMUNICANDO E IL DESIGN Avete riconosciuto l’oggetto in copertina? Dai, non era poi così difficile! Per questa cover di aprile abbiamo scelto di rendere omaggio a Kartell e a una delle sue sedie più belle e particolari. Aprile è per noi il mese dell’atteso Salone del Mobile milanese. Per incontrare il mondo del design, abbiamo scelto di presentarci con una cover dalla grafica pulita ed essenziale, con un solo oggetto che troneggia al centro. Come sempre però, abbiamo reso un po’ speciale il tutto con abili accorgimenti di stampa, per rendere la copertina ancora più adatta a identificarci ed esprimere a chiare lettere il nostro modo di essere.

1 | Facciamo i brillanti La nostra cover è stata stampata in quadricromia offset. Abbiamo usato inchiostri particolari, a base vegetale, senza l’utilizzo di alcool isopropilico. Il vantaggio? Lo vedete a colpo d’occhio: maggiore contrasto e brillantezza dei colori. Tipografia Valdostana ha utilizzato per la realizzazione Heidelberg Speedmaster XL 105 a 6 colori, fiore all’occhiello del parco macchine aziendale, dotata di spalmatore e tecnologia Foilstar, che permettono di realizzare le nobilitazioni in linea. 2 | Effetto soft touch Toccando la cover lo sentite immediatamente: l’effetto soft touch che rende la nostra rivista piacevole da toccare e conferisce alla superficie un aspetto mordibo e delicato al tatto, è stato ottenuto con una vernice all’acqua a tavola piena.

1

2

3

3 | Lucido che esalta E per sottolineare il valore dell’oggetto che “troneggia” al centro della nostra cover e per evidenziare e far risaltare all’occhio le nostre amate virgolette, elemento distintivo di Comunicando per eccellenza, abbiamo scelto di usare una vernicie lucida in riserva.

aprile 2012

15

Tipografia Valdostana ha sede ad Aosta ed è guidata dal creativo Paolo Perrin. È una realtà che ama la sperimentazione e continua a mettersi in gioco, anche attraverso un rinnovamento tecnologico costante. Lo dimostrano gli stampati prodotti sulla sua macchina da stampa Heidelberg, dotata di tecnologia Foilstar per la laminazione a freddo in linea. La sua mission è quella di rappresentare per i clienti un punto di riferimento unico e completo per l’intero ciclo produttivo del manufatto stampato.


25%


INE PAG GNI O E S ttore to e en i l se I

od dam arre n è un in i ig s d de i mon go que catalo volge il cui pato s ruolo stamora un ale t anc amen d è n d a n r o f r il b nto e pe strume g e uno arketin e di di m magin uò di im on si p o. Il n cui a men eve fare logo d ltezza a cat re all’a he esse rand c a b del resent p rap


publishing

di cecilia cantadore | cecilia.cantadore@sunnycom.it

Arredamento & design Libri e cataloghi hanno una doppia valenza. Devono essere utili, mostrare i prodotti e le loro peculiarità, e allo stesso tempo devono garantire forte impatto visivo. A maggior ragione se si tratta di prodotti di lusso e di design.

La casa dei propri sogni, l’oggetto di design che abbiamo sempre desiderato all’interno di uno spazio che ci faccia stare bene. Il lusso di una casa accogliente, minimal, elegante, preziosa, antica, a seconda dei gusti, degli stili personali di ognuno. Cosa ci fa sognare così? Sono le pagine di cataloghi e brochure, che raccontano storie e luoghi unici, accoglienti. In un settore come l’arredamento e il design il catalogo è uno strumento di comunicazione molto importante. E nel mese di aprile, mese del design per eccellenza, e mese del Salone del Mobile, abbiamo scelto di analizzare quello che per questo settore è lo strumento di comunicazione per eccellenza: il catalogo. Qualità fotografica ed eccellenza nella produzione sono le caratteristiche che danno vita a prodotti di alto livello e stampati d’eccellenza.

aprile 2012

19


publishing

1 2

3

1. Grafiche Gemma – il settore dei mobili e dell’arredamento richiede stampati di qualità eccezionale. I cataloghi devono dare vita ai mobili, mantenendone i dettagli e le caratteristiche di colore (www.grafichegemma.it) 2. Unigrafica – catalogo per Sant’Ambrogio Milano, azienda produttrice di mobili in vetro. Tra le pagine di questo catalogo sono stati inseriti fogli in PVC trasparente serigrafati in UV bianco che riproducevano gli schizzi a mano libera del designer, brossurati a registro con la foto del mobile. Il lavoro di precisione è stato effettuato con una rilegatura bodoniana Pur (www.unigrafica.it) 3. Artestampa – brochure realizzata per Windor, azienda specializzata in porte, finestre e complementi. La copertina è stata realizzata non su carta, ma stampando su due specchi, in modo da evocare il concetto finestra; all’interno è stato inserito un quartino realizzato in digitale (www.arte-stampa.com)

NEL DETTAGLIO Il catalogo destinato al mondo dell’arredamento e del design è uno strumento di comunicazione emotivamente enfatico, che fa innamorare a prima vista del prodotto che mostra. Per raggiungere questo scopo sfrutta le leve del marketing. Qualità fotografica ed eccellenza nella produzione sono le caratteristiche che danno vita a prodotti di alto livello e stampati d’eccellenza. Il più piccolo dettaglio fa la differenza. Ecco quindi che la nitidezza delle fotografie è fondamentale. Anche la qualità e la consistenza della carta fanno la differenza. Da sfogliare, le pagine si prestano a trasmettere tutte le sensazioni volute. Generalmente si utilizzano carte patinate, per esaltare maggiormente colori e impatto visivo o pregiate carte naturali: sempre più spesso è in uso inserire anche singole pagine di carte o materiali speciali per creare effettivi visivi e

tattili di impatto. Lo studio e la progettazione di un catalogo di questo tipo richiede tempo e tecnica, accurata in tutti gli aspetti, testuali e visivi. Il progetto grafico deve essere fatto su misura, così come la scelta delle nobilitazioni. UN APPUNTAMENTO ATTESO Anche il costante aggiornamento e il presentarsi ogni anno in modo diverso sono alcuni elementi chiave del settore arredamento. Così come è importante il momento del lancio. La maggior parte delle aziende lancia le novità di prodotto e il nuovo catalogo in concomitanza con il Salone del Mobile di Milano. Il catalogo diventa così uno strumento di fidelizzazione, atteso dagli interlocutori del brand, un prodotto fisico e tangibile da sfogliare con iniziale curiosità, da assaporare con maggior concentrazione con il passare del tempo per assimilare il brand e il suo stile.

20 aprile 2012

IL FENOMENO IKEA Non possiamo parlare di cataloghi d’arredamento senza citare quello che – pur non appartenendo al mondo del lusso – è diventato vera e propria icona: il catalogo Ikea, stampatonel 2011 in 208 milioni di copie, 59 edizioni e 30 lingue!


publishing

GICO

O R I G I N S

O R I G I N I •

ALBE RO GENE ALOG

ICO

Un moderno albero genealogico che accoglie nel suo ramo i frutti della nostra in due lingue (francese storia familiare. Disponibile e inglese) e in due finiture. CARATTERISTICHE TECNICHE Funzione: portafotogr Materiali: acciaio afie inox Colori: lucido o bianco e metacrilato Dimensioni: - Francese 123 x 1,3 x 45 h - Inglese cm 115 x 1,3 x 44 h Peso: Kg 2,90

3

11

G E N E A LO

di L i a Tag li av ini, R A C C O 2008 N T A R E T H E S L E P R T O R Y O P R I E O F O N E ’ S

11

2 ALBERO • P E R

11

1

A modern genealogica l tree, in a wit alphabetic reflects our family branch, history. Available in two (French and English) and in two different languages finishes. TECHNICAL FEATURES Function: snapshot holder. Materials: varnished Colours: polished or polished stainless steel, acrylic steel o white varnished Dimensions: steel - French: cm 123 x 1,3 x 45 h - English: cm 115 x 1,3 x 44 h Weight: Kg 2,90

22

23

1. Ditre – Libro Christmust, cartonato rimboccato con copertina stampata su carta speciale accoppiata a fibre che simulano il cotone. L’interno è stampato con tecniche diverse a seconda della tipologia di carta. L’interno presenta dunque tre differenti tipologie di carta Favini: oro per i risguardi, nera per l’introduzione e la conclusione, bianca spessorata per il corpo centrale del libro (www.ditre.com). 2. Lettera G – Lettera G, per la prima volta al Salone del Mobile, presentare al mondo del design le sue creazioni esclusive, attraverso un catalogo ideato per l’occasione (www.letterag.it). 3. Kartell – Il catalogo Kartell cambia ogni anno. Gli scatti fotografici sono presi dai redazionali usciti sull’azienda durante l’anno e provengono quindi da fonti e da “mani” diverse. Un bel modo per guardare l’azienda i suoi prodotti da più punti di vista possibili! (www.kartell.it)

Cataloghi...

UN SETTORE POCO SOCIAL Nel mese del Salone del Mobile, una delle fiere più importanti e seguite di Milano, la metà delle aziende specializzate in Kitchen design non è presente sui social media. Questo è quanto risulta dall’indagine condotta da DAG Communication, agenzia specializzata in Relazioni Pubbliche e Social Media Marketing su uno dei settori più esposti durante la fiera. Sono state analizzate le attività sui social media principali (Facebook, Twitter, Youtube, Linkedin e Flickr) di 40 tra i più importanti brand italiani. Dall’indagine emerge un dato significativo: il 48% delle aziende italiane del settore non conosce o non considera la potenzialità dei social network per dare visibilità al proprio brand. Il restante 52% non sembra averne compreso le potenzialità. Nemmeno i marchi che investono in modo significativo in pubblicità classica si comportano da protagonisti sui social media.

Elisa Trevisan, Area Commerciale & Marketing, Ditre Arti Grafiche

Il design ha bisogno di stimolare i sensi, il colore, il tatto, l’olfatto, la matericità. Elementi fondamentali per trasmettere emozioni nella comunicazione cartacea. Il catalogo dimostra il peso di un’azienda, le dimensioni, la struttura, le persone, la ricerca. Non tutti possono permettersi un catalogo oggi, soprattutto di un certo tipo, di una qualità che si può toccare. I nuovi media servono a vendere ma da soli possono dare il senso di effimero, di facile accesso a chiunque. Un libro o un catalogo rimane sulla scrivania, sulla libreria, in mostra, se la confezione e l’ideazione lo rendono un ottimo oggetto di design.

aprile 2012

21


Pixartprinting attacca duro con i manifesti per l’affissione...

50 c

5 gr t a offse a blueback 11 p m a t s r • magist • carta

87 100 pie 70X

250 copa offset

, 50*

100 cm

X100 opie 70

70 cm

100 cm

35

, 00*

15 gr eback 1 • stama magistra blu • cart 70 cm

Stampa con le ultimissime 8 colori Komori Carta Magistra Blueback da 115 gr per esterni Disponibile nei formati 50x70, 70x100 e 100x140 Scelta tiratura da 5 a 50.000 copie Stampa HP Latex sotto le 25 copie

2 Komori LS1029P - 2012

Puoi seguirci anche su: facebook.com/pixartprinting.it

Prezzi IVA esclusa.

• • • • •

Guarda anche le videopillole sul nostro canale youtube.com/user/pixartwebtoprint


...e su pixartprinting.it ogni giorno nuove idee sempre pronte!


le grandi interviste

LORENZA LUTI

«KARTELL KARTELL NON È SOLO UN’AZIENDA DI DESIGN, MA UN VERO E PROPRIO BRAND DI LIFESTYLE. QUESTO È IL RISULTATO DI UN ECLETTICO E INTENSO LAVORO DI COMUNICAZIONE UNITO ALLO SVILUPPO INTERNAZIONALE DELLA RETE DISTRIBUTIVA» DISTRIBUTIVA» Direttore Marketing&Retail Kartell di Cecilia Cantadore

24 aprile 2012


MISSION

AZIENDA LEADER DEL DESIGN, KARTELL SI PROPONE A UN PUBBLICO INTERNAZIONALE CON UNA COLLEZIONE UNICA PER ORIGINALITÀ, VARIETÀ E AMPIEZZA DI GAMMA. KARTELL UTILIZZA LA PLASTICA IN ARREDAMENTO IN UN MODO DEL TUTTO ORIGINALE E CON L’USO DI TECNOLOGIE DI LAVORAZIONE TRADIZIONALMENTE USATE IN ALTRI SETTORI INDUSTRIALI. I PRODOTTI KARTELL SONO TOTALMENTE PRODOTTI IN ITALIA.


le grandi interviste

Cosa usa Kartell per comunicarsi? Che linguaggi utilizza e quali media sceglie? L’azienda è stata fondata nel 1949 e da circa 20 anni a questa parte, col cambio generazionale, abbiamo cambiato strategia di comunicazione. Se prima puntavamo sui media tradizionali e sulla carta stampata, ora adottiamo una comunicazione meno convenzionale. Tutte le nostre iniziative sono centrate sul brand, sui nostri prodotti, sul nostro museo, sugli eventi, su progetti di co-marketing, sul modo di presentare il marchio. La comunicazione sul punto vendita e la distribuzione sono molto importanti. Abbiamo aperto il primo negozio a Milano nel 1997 e oggi sono circa 130 i nostri negozi monomarca in tutto il mondo. Le vetrine di questi punti vendita esprimono la filosofia del marchio, permettono di associare i prodotti al brand. Colpiscono il consumatore, lo inducono a entrare nello store, provocano l’acquisto d’impulso.

Kartell & Salone del Mobile di Milano: quanto è importante questo evento? Come fate sentire la vostra presenza nella città del design per eccellenza? Il Salone è per noi l’evento più importante dell’anno, l’occasione per mostrare tutti i nostri nuovi prodotti e per incontrare un pubblico qualificato e internazionale. Il nostro stand cambia di anno in anno, per ogni edizione scegliamo un concept diverso. Quest’anno occupa una superficie di ben 1000 m2 ed è serio e profondo. Si chiama “Kartell, work in project” e ha lo scopo di mostrare tutti i passaggi che portano alla nascita dei nostri prodotti: dall’idea creativa alla realizzazione di prototipi, dalla sfida tecnologica alla produzione. Al Fuorisalone invece mostriamo la nostra anima più ludica, il nostro lato più “social”. Anche in questo caso ogni anno tocchiamo temi diversi. Per il 2012 abbiamo scelto di svelare l’anima rock dell’azienda, organizzando un evento con una super celebrity...

Kartell ha una produzione 100% made in Italy. Quanto è importante veicolare la vostra “italianità”? La nostra italianità è importante e teniamo a veicolarla, è un valore aggiunto. Per questo motivo da due anni il nostro slogan è “Kartell, made in Milano”, omaggio alla nostra città natale nonché patria del design contemporaneo. Con questo slogan coniughiamo italianità e internazionalità, emozione, qualità della progettazione e design industriale. Caratteristiche che fanno parte dell’anima e del Dna di Kartell. Il 25% del nostro fatturato arriva dall’Italia, mentre il 75% è prodotto all’estero. Lavoriamo in più di 100 paesi e generalmente siamo sempre i primi del noPossiamo paragonare il Salone del Mostro settore ad arrivare nei paesi emergenti. bile alla comunicazione tradizionale e il Fuorisalone a quella più “social”, fuori dagli schemi. Quale prediligete, e in che modo integrate questi due aspetti? “KARTELL, MADE Sono importantissimi entrambi e il futuro sarà senz’alIN MILANO È IL tro sempre più digitale. Kartell comunica attraverso NOSTRO SLOGAN, i social network e le PR online da circa due anni e i risultati sono buoni. Tramite il web riusciamo a capire OMAGGIO le emozioni che i nostri prodotti suscitano nel conALLA NOSTRA sumatore.

CITTÀ NATALE NONCHÈ PATRIA DEL DESIGN”

Dopo l’era della plastica innovativa, capitanata da Giulio Castelli (il fondatore dell’azienda nel 1949), e la fase del design per tutti (con Claudio Luti, genero

26 aprile 2012


BIOGRAFIA Lorenza Luti, Direttore Marketing & Retail di Kartell, affianca all’interno dell’azienda il padre Claudio Luti, proprietario dell’azienda dal 1988. Lorenza inizia la sua esperienza lavorativa fuori dall’azienda di famiglia, in Ermenegildo Zegna. Nel 2002 prende in carico il management del flagstore Kartell di Milano, il principale punto vendita del brand. Successivamente trascorre un anno a Parigi, per continuare la sua esperienza nelle vendite come area manager dei clienti Kartell della capitale francese. Nel 2005 Lorenza lascia Parigi per approdare nel quartier generale dell’azienda, in qualità di Direttore Marketing e Retail del marchio di design. Grazie a un’intensa politica di espansione globale del brand, sotto la sua guida il retail arriva a contare 130 negozi monomarca. Nel frattempo, le attività di marketing da lei seguite accrescono la brand awareness e implementano le attività di comunicazione e co-branding a livello internazionale.

di Castelli e padre di Lorenza Luti, alla guida dell’azienda dal 1988), qual è il sogno della “terza generazione” Kartell per il vostro marchio? Negli ultimi 20 anni Kartell ha puntato a consolidarsi a livello commerciale. Ora, per me e mio fratello Federico, che si occupa dell’area commerciale, è giunto il momento di consolidare l’azienda a livello di marchio. Ci posizioniamo a metà strada tra il mondo dell’arredamento e quello della moda. La nostra strategia strizza l’occhio alle dinamiche che regolano il fashion, secondo noi questo è il futuro. Non si vende più il prodotto in sé, ma il brand. Come per la moda: non importa se la collezione è bella o brutta, quello che conta è il valore del marchio. Il nostro brand è un affascinante mix tra moda e design. Vogliamo farlo diventare una vera e propria “griffe del design”.

La nostra strategia punta a consolidare l’azienda a livello di marchio, proprio come avviene nel mondo della moda. Non si vende più solo il prodotto, ma il brand. Per questo motivo il nostro modo di comunicare strizza l’occhio al fashion.

Se potesse chiedere al “genio della lampada” di esaudire un desiderio, quale sarebbe? Chiederei di avere in tutte le più importanti città del mondo un grande building, interamente dedicato a Kartell e ai suoi prodotti, proprio come avviene per i grandi nomi della moda come Prada, Luis Vuitton... aprile 2012

27


PRESENTA...

L’ESTETICA del progetto Oggi è possibile arricchire con grafiche d’impatto anche oggetti con spessori elevati, per una creatività senza limiti Immaginate di non avere più limiti nel dare vita alle vostre idee creative anche sotto forma di oggetti decorati direttamente come gadget, complementi d’arredo o addirittura pezzi di arredamento. Aggiungete che ogni progetto può diventare unico e arricchirsi del valore aggiunto della personalizzazione che rende anche ogni singolo pezzo diverso dall’altro. Il tutto in tempi rapidi e a costi sostenibili! Vi sembra un sogno? Dalle immagini che vedete in queste pagine in parte lo è: un variopinto mondo onirico che mescola creatività, materiali e possibilità decorative multiformi. Il risultato è che, così come l’universo dell’editoria, del packaging anche quello degli oggetti può essere trattato come un grande “foglio” bianco a cui applicare i principi della grafica e quindi della comunicazione. Non è forse comunicativo un grande divano-cuore quando prende i colori tipici della stilista che lo ha firmato, o i mobili in cartone con le grafiche che danno loro un tocco di stile... Lugi XVI? La nuova tecnologia UV LED firmata Mimaki rende possibile tutto questo. “Le nostre soluzioni danno libero sfogo alla creatività offrendo una fonte inesauribile di ispirazione per progettare” ha spiegato Massimo Bompan, presidente di Bompan, importatore esclusivo per l’Italia dei plotter Mimaki. La tecnologia Mimaki si è sempre distinta nel variegato panorama della stampa digitale per alta qualità, versatilità e affidabilità: requisiti necessari per realizzare progetti di valore.

UN CASO DI SUCCESSO Savino Corvasce, titolare dell’omonima azienda pioniere nella sperimentazione delle tecniche di stampa digitali applicate alle soluzioni creative, si è innamorato a prima vista della tecnologia UV LED Mimaki UJF-3042HG, che lavora materiali fino a 150 mm di spessore e gestisce in contemporanea 4 colori più il bianco coprente,vernice lucida o opaca e primer. Per acquistarla subito, si è quindi rivolto a Fenix DG con cui ha un rapporto consolidato da tempo e che fa parte storicamente della rete capillare di vendita di Bompan. Mimaki UJF-3042HG è una stampante da tavolo, piccola e con un prezzo accessibile che si adatta facilmente a ogni ambiente, negozio o ufficio.

28 aprile 2012


2

1 LA SPERIMENTAZIONE DELLE TECNOLOGIE E DEI MATERIALI È UN ASPETTO FONDAMENTALE PER STIMOLARE LA CREATIVITÀ DAL PUNTO DI VISTA DEL PROGETTO E DELL’ USO MULTISENSORIALE ED EMOZIONALE DELLA COMUNICAZIONE. L’ALCHIMIA TRA IDEE CREATIVE, MATERIALI INSOLITI E TECNICHE DI STAMPA EVOLUTE PUÒ DAR VITA A OGGETTI, COMPLEMENTI D’ARREDO E MOBILI ORIGINALI, SPIRITOSI E AL CONTEMPO FUNZIONALI

3

Creatività e ricerca Come ha ricordato Savino Corvasce, titolare dell’azienda da lui fondata, esplorare è un’azione necessaria se si vuole proporre al mercato qualche cosa di innovativo. Da sempre pioniere nella stampa digitale, Corvasce ha sperimentato quello che definisce le “arti applicative”: grazie alla ricerca sui materiali e alle potenzialità dell’inkjet ha saputo mettere a punto un set di prodotti originali che spaziano dagli arredi ai complementi di arredo, dagli allestimenti per punti vendita agli espositori, dai soprammobili ai gadget personalizzabili. Tutti elementi scaturiti dalla passione per la creatività. 1 | I materiali Anche nell’uso del cartone Corvasce è stato precursore, individuando le potenzialità di questo materiale affascinante definito il “supporto del futuro” in quanto interpreta le esigenze sempre più attuali di leggerezza, semplicità, stampabilità ed è sinonimo al contempo di durevolezza e di riciclabilità, quindi di ecologia e sostenibilità. Il cartone apre una nicchia di mercato interessante che nasconde infinite potenzialità ancora inesplorate soprattutto se associato alla stampa digitale. 2 | I prodotti Il catalogo Corvasce offre complementi di arredo e accessori, allestimenti ed espositori in cartone di ogni formato assolutamente personalizzabili. Il cartone sa essere affidabile e resistente ma anche scherzoso, lo dimostra la serie di arredi che Corvasce ha prodotto in collaborazione con Agatha Ruiz De La Prada che esprimono colore puro ed elementare: lo stile unico della stilista, femminile e indipendente, ha plasmato la sua collezione di mobili in icone oniriche e ironiche. Oppure i mobili in cartone della collezione di Luigi XVI, che riprendono le forme dell’arredamento tradizionale e i motivi tipici del Settecento francese con un tratto nero sottile quasi inciso, come fosse un bassorilievo. 3 | La progettazione Nonostante la collaborazione con diversi designer per una produzione on-demand sia uno dei punti di forza di Corvasce e alcuni brand, come i negozi Bionature, abbiano scelto di affidarle i loro punti vendita, l’azienda ha messo a punto un ricco catalogo di prodotti standard che consiste in una serie di oggetti personalizzabili secondo un’ampia scelta di grafiche ad alto contenuto scenografico e multisensoriale in quanto, sfruttando le potenzialità della stampa digitale, producono effetti a rilievo seduttivi anche al tatto.

aprile 2012

29

Bompan Srl, azienda fondata nel 1996 da Massimo Bompan con sede a Tradate (VA), si propone al mercato italiano quale importatore esclusivo dei prodotti firmati Mimaki, multinazionale giapponese leader nella produzione di stampanti inkjet di grande formato e di sistemi da taglio dedicati alla grafica, al tessile e abbigliamento, nonché al mercato industriale.

Bompan srl Via Pasteur 15 21049 Tradate (VA) Tel. 0331 81971 – Fax 0331 819799 informazioni@bompan.it www.bompan.it


INCONTRA...

PACKAGING: quando tutto è possibile “Pensare” il progetto packaging dal design al prodotto finito personalizzato e di alto livello Mettiamoci nei panni di chi – azienda, brand o negozio che sia – desideri trovare un packaging per il proprio prodotto. Un packaging che sia coerente con ciò che andrà a contenere, che abbia un rapporto qualità/prezzo sostenibile nella fase di progettazione e realizzazione, che nasca da un pensiero logico e mirato, sviluppato appositamente per rispondere all’esigenza specifica del momento. Le criticità e le cose a cui pensare sono molte, e non le abbiamo certamente elencate tutte! In quanti pezzi realizzare il pack, senza far lievitare i costi di produzione? Quali materiali utilizzare, per cercare di uscire dagli schemi e portare sul mercato qualche cosa di innovativo? Quali effetti scatena l’utilizzo di velluto, pelle, tessuti, nastrini? Per rispondere a tutte queste (e alle mille altre possibili) domande, non è sufficiente confrontarsi con un produttore di packaging qualsiasi. Questa è la filosofia di To Be Packing, azienda che, con le molteplici lavorazioni che svolge al suo interno, è in grado di realizzare confezioni di tutte le tipologie a basse tirature. Senza necessariamente essere specializzata in una sola gamma di prodotti, questa realtà è in grado di “pensare” il progetto di packaging con il cliente e di proporre una vastissima varietà di colori, materiali e modalità di personalizzazione, ponendosi come unico interlocutore dal progetto al prodotto finito. Astucci, borse, nastri, carta e tessuti diventano elementi da trasformare in strumenti di comunicazione, di alta qualità e coordinati tra loro. La produzione di To Be Packaging è interna all’azienda, quindi flessibile e adatta ai tempi di risposta rapidi che il mercato richiede. To Be Packing ha una produzione 100% made in Italy ma lavora in tutto il mondo.

NEI PACK DI LUSSO E NEGLI SHOPPER SONO I DETTAGLI CHE FANNO LA DIFFERENZA. ECCO PERCHÉ TO BE PACKING REALIZZA INTERNAMENTE ANCHE NASTRI, STAMPATI A CALDO O PERSONALIZZATI A RILIEVO, DI SVARIATE ALTEZZE, TONALITÀ E TIPOLOGIE (RASO, GROS GRAIN, COTONE, ORGANZA E DECORATO)

30 aprile 2012


... STEFANO AGAZZI

Amministratore Delegato To Be Packing COME NASCE UN PROGETTO DI PACK IN CASA TO BE PACKING? I nostri, più che semplici packaging, sono veri e propri progetti integrati che nascono da un confronto diretto con i committenti. Ascoltiamo le loro esigenze, cerchiamo di individuare quale soluzione possa incontrare i loro obiettivi, senza porci limiti “tecnici” o di fattibilità. A seconda degli interlocutori, del numero di pezzi che desiderano produrre, del budget che hanno a disposizione, creiamo un packaging coordinato e di qualità.

IL VOSTRO SERVIZIO È QUINDI COMPLETAMENTE PERSONALIZZATO? Il termine “personalizzazione” nel nostro settore è ormai inflazionato, ma nel caso di To Be Packing è estremamente centrato. I nostri articoli vengono prodotti appositamente per ciascun cliente, secondo una logica di filiera 100% italiana. Ogni progetto è a sé, non proponiamo soluzioni preconfezionate. Ogni cliente può intervenire nella scelta dei materiali, nel progettare forme e confezioni, nello scegliere le nobilitazioni e arricchire i dettagli.

LA VOSTRA OFFERTA È DI CONSEGUENZA MOLTO AMPIA... Abbiamo una gamma vastissima di prodotti, tutti caratterizzati da un forte contenuto di innovazione e design, per ogni fascia prezzo. Riusciamo a offrire un servizio completo di progetti coordinati in tantissimi colori, materiali e modalità di personalizzazione, con consegne rapide. Dalle scatole automontanti alle borse in carta manuali, dai display in plexiglass ai sacchetti in pelle. Siamo specializzati in cartotecnica e stampa a caldo, ma possiamo offrire qualsiasi tipologia di soluzione e nobilitazione.

To Be Packing è leader in produzione di packaging e astucci, propone soluzioni esclusive per borse in carta e pochette in tessuto.Il suo obiettivo è creare un packaging coordinato e di qualità.

QUALI SETTORI MERCEOLOGICI SERVITE ABITUALMENTE?

To Be Packing Italy via dell’Industria 24040 Comun Nuovo (BG) Tel.: +39 035 4191340 Fax: +39 035 4191343 tobe@tobe.it

Il nostro target comprende sia il retail sia le aziende. Realizziamo packaging per gioielli e orologi, per specialty products (occhiali, candele, abbigliamento, accessori, cellulari, regalistica, bomboniere…), rivolgendoci ad agenzie di comunicazione, aziende manifatturiere o negozi al dettaglio. Serviamo anche pasticceria, cioccolateria e gastronomia di livello, realizziamo packaging per il settore di vini, champagne e alcolici. Siamo aperti a qualsiasi interlocutore e ci poniamo come unico fornitore per un servizio completo. Possiamo realizzare prodotti in qualsiasi tiratura, anche in pochi pezzi. In questo modo andiamo incontro alle esigenze più svariate che il mercato ci richiede. aprile 2012

To Be Packing U.S.A. 560 Fifth Avenue (at 46th street) 10036 New York, NY usa@tobe.it www.tobe.it

31


espositori

di alexia rizzi | alexia.rizzi@sunnycom.it

Identikit dell’espositore contemporaneo Multimaterici, multimediali e multisensoriali, nobilitati e personalizzati sono gli espositori del futuro: belli, efficaci e anche intelligenti… per una shopping experience emozionante e coinvolgente.

Nell’era 2.0. l’espositore di lusso è il tradizionale artefatto tridimensionale in cartone pregiato accoppiato, nobilitato con i virtuosismi del caso, plastificato e rifinito con dovizia di attenzione per ogni dettaglio, magari tenendo conto della facilità di trasporto e di allestimento. Ma ci sono altre frontiere da esplorare: ad esempio cosa ne dite di un espositore in cartone riciclabile – quindi ecologico – modulare, pratico e anche personalizzabile tanto da sembrare un armadio? O di un espositore in vetro rifinito in ottone che ha le sembianze di una vetrinetta d’altri tempi? O, ancora, un altro con look total black lucido che lo fa assomigliare ai mobili di una cucina di design? Se l’espositore contemporaneo è sempre più paragonabile a un pezzo di arredamento, per i brand più tecnocrati ne esiste una tipologia più vicina all’elettrodomestico intelligente e multimediale. Non siamo sul set di Minority Report, il film che ha anticipato le magie del digital signage, ma nella realtà: espositori che incorporano una perfetta sintesi di digital signage (monitor Lcd full HD per la trasmissione di filmati pubblicitari), di sensore “shopper tracking”, che decodifica il profilo del consumatore per personalizzare i messaggi promozionali, e di “pick up sensor” che segnala le variazioni di peso sui ripiani e permette di quantificare in tempo reale il flusso dei prodotti in uscita trasferendo i dati nel cloud. Nonostante il balzo in avanti nel futuro, la progettazione grafica tradizionale gioca un ruolo di primo piano. Anche per questi espositori le parti intercambiabili della struttura che ne identificano il brand di riferimento sono stampate su cartone, per un vero capolavoro di media mix tridimensionale!

CONCEPT STORY Nasce prima l’espositore o lo scaffale, più elegantemente chiamato libreria? Bisogna andare alle origine del design per rispondere: di certo il concetto di esposizione è insito nella natura umana, in casa come nel PDV, lo confermano gli esemplari di scaffali con un design più o meno ricercato sul mercato.

32 aprile 2012


1

2

3 5

6

4

1. Pop Channel - 2012 Odissea nel Pop Channel… espositore da mille e una notte in formato e-pal composto da vassoi in plexiglass con Led luminosi, monitor Lcd in full HD per la trasmissione di video pubblicitari, pick up sensor per la misurazione dei prodotti acquistati e shopper tracking per la profilazione del consumatore (www.popchannel.com) 2. Visual Display - Espositore ideato per il lancio di un elettrodomestico Kenwood Cooking Chef. Concept total black dalle linee essenziali, reso dinamico da colpi di luce, grafiche emozionali, dalla singolare distribuzione del prodotto e degli accessori all’interno del focus visivo nonché dalla dotazione di un monitor. Un concentrato di linguaggi dallo stile informativo, emozionale e distintivo. Il contrasto di materiali (plexiglass illuminato a neon, laminato lucido, acciaio) evoca l’eleganza, la tecnicità e l’high tech caratteristici del brand (www.visualdisplay.it) 3. Pasubio - Couvette porta occhiali realizzato in cartone pressato rivestito in tela Luxor marrone stampata in oro lamina (www.pasubio.it) 4. Giovanardi - Elementi espositivi realizzati per Valentino orologi. Gli espositori sono stati sviluppati partendo dal concept delle boutique utilizzando materiali quali l’ottone anticato e un particolare tessuto setato. L’obiettivo della griffe, attraverso le varie declinazioni dei display, è stato quello di trasmettere leggerezza e artigianalità. Per le basi e i “castelletti” che compongono i display è stato utilizzato legno grezzo imbottito nella parte superiore, il tutto rivestito con tessuto setato. Il supporto orologi è stato realizzato in materiale plastico con una particolare colorazione in massa richiesta dal cliente (www.giovanardispa.it) 5. Pasubio - Espositore a quattro vetrine con ruote, realizzato in legno rivestito in carta Carbon-x, cubi in plexiglass da 5 mm, illuminazione a Led su tutte le vetrine. L’ispezione delle vetrine avviene tramite una porta con chiusura a serratura (www.pasubio.it) 6. Colortech - Chi ha detto che il cartone “naturale” non ha personalità? Guardate questo esemplare di espositore/armadio prodotto e stampato da Colortech. Le possibilità di personalizzazione sono praticamente infinite, per un prodotto facilmente trasportabile, installabile e… riciclabile! (www.colortech.it)

aprile 2012

33


io lo farei così

* Una femminilità chic in ogni momento... di Matthan Gori

Questo mese vi “regaliamo” un restyling “in rosa” in quanto dedicato al packaging di un prodotto esclusivamente femminile... per restare in tema di moda abbiamo affidato il progetto a uno stylist.

*

Da fashion designer di Matthan Gori, mi trovo a realizzare abiti e accessori dedicati solo alla donna ogni giorno, e a confrontarmi spessissimo con le clienti della linea Couture su misura, con le quali ho ormai un rapporto di amicizia tale da avere un’intesa femminile su quasi ogni argomento che ci troviamo a trattare, dal più frivolo al più personale. La femminilità è quindi parte integrante del mio lavoro. Ecco perché, quando mi è stato proposto dagli amici di Comunicando di realizzare un progetto di restyling di un prodotto di largo consumo, ho voluto allontanarmi dall’ambiente della moda ma non dalla femminilità, in cerca di un prodotto che fosse esso stesso “sintomo” e simbolo di femminilità. Tampax è stata la mia scelta, un prodotto che senz’altro limita il suo utilizzo solamente alle donne e che spesso è stato oggetto di discussione con le mie clienti-amiche, circa gli imbarazzi sulla sua gestione nei momenti più sensibili in ufficio, magari prima di una riunione importante o fuori casa per shopping o in palestra. Ho così voluto pensare a una soluzione divertente, sdrammatizzante e più chic di questi momenti così particolari per una donna.

Matthan Gori nasce a Istanbul in una famiglia di origine italiana. Questa città e le sue radici europee influenzano il suo modo di intendere il mondo e di interpretare il gusto estetico. Si laurea in Design della Moda al Politecnico di Milano con il massimo dei voti. Insegna “computerized pattern design” per il Fashion Istitute of Tecnology di NY nella sede di Milano. Fondatore dell’omonima Maison, con sede a Milano, ha realizzato e realizza collezioni di abbigliamento e accessori di successo e progetti esposti in importanti musei ed eventi dedicati alla moda. //www.Matthangori.it

34 aprile 2012


Tampax è un brand conosciuto nel mondo femminile: se le confezioni delle diverse versioni dei tamponi hanno subito nel tempo i restyling del caso, il pack primario, quello che avvolge il prodotto, è rimasto una semplice bustina di carta, ma non per un amico di Comunicando, che lo vede così...

Bon Ton

Interventi soft nel packaging tradizione di Tampax, per renderne immediata l’identificazione, la categorizzazione come prodotto di igiene personale, smussando allo stesso tempo alcune caratteristiche grafiche troppo rimarcate e inserendo elementi ironici e sdrammatizzanti. Per quest’ultimo obiettivo, il logo è stato scherzosamente sostituito con caratteri ricavati dalla sovrapposizione dei tamponi stessi e le gocce stilizzate sono state sostituite con ombrellini. Per rendere più armonioso l’impatto cromatico sono stati attenuati i punti di luce, i riflessi e le brillantezze degli elementi grafici frontali, uniformando i colori a tre elementi fondamentali: tutti accorgimenti mirati a semplificare le suggestioni di impatto in un’ottica più “bon ton”. Per un uso più coinvolgente del packaging, è stato inserito un elemento grafico interattivo.

Multipack caramelle

Per il Multipack Tampax, un potpourri di caramelle colorate da lasciare in bella mostra nella stanza da bagno! Il formato multipack racchiude le tre tipologie di tamponi, selezionate tradizionalmente dai colori verde giallo e glicine. In questo caso l’intervento non si è limitato al restyling del pack, ma è stato esteso al confezionamento dei tamponi, trasformandoli in allegre caramelle. Per la confezione si sono seguite le stesse linee guida della prima proposta, modificando il logo in modo ironico, alleggerendo la grafica generale, sostituendo le gocce stilizzate con simpatici ombrellini e ridisegnando con il simbolo “donna” le 8 ore di massima durata del prodotto. Si è inoltre intervenuto anche nel disegno relativo allo skirt extra protection, che ora è rappresentato dal più immediato simbolo stilizzato della donna, che per antonomasia indossa una gonna. aprile 2012

35

Tutti i marchi citati o raffigurati sono di proprietà esclusiva delle rispettive aziende. Le elaborazioni grafiche ai packaging originali dei prodotti sono da intendersi come puro esercizio creativo.

Un astuccio da 007!

È stato pensato come edizione limitata, l’astuccio porta Tampax da taschino, progettato per mimetizzare il prodotto con eleganza! Tampax prende così le sembianze di un’elegante penna stilografica, con tanto di clip, capace di mimetizzarsi nel suo utilizzo in qualunque luogo, in ufficio come in treno, in palestra, o nella più esclusiva boutique. L’idea è di un contenitore, ultraportatile. Il packaging riprende le custodie delle stilografiche, e non comunica a prima vista il suo contenuto se non con alcuni simboli/messaggi lontani dagli occhi indiscreti. La custodia contiene due astucci a forma di penna Tampax, elemento sottolineato nella clip a forma di T allungata, e nel lettering inciso fra gli anelli di metallo del guscio superiore. Anche il colore del metallo utilizzato per la clip e per gli anelli del guscio superiore, riprende la tinta tradizionale del prodotto.


a cura della redazione

NOTIZIE Pack rombante

E TU CHE ACCENDINO HAI?

Leader mondiale di categoria con 5 milioni di pezzi venduti ogni giorno nel mondo, l’accendino Bic presenta una nuova collezione dedicata al pubblico femminile. Il nuovo brand Miss Bic strizza l’occhio al mondo della moda e alle donne fashion victim con una gamma di prodotti decorati a e dalla forma slim, nata attraverso il contributo delle rilevanze emerse da un’indagine di mercato condotta da Eurosyn. Miss Bic si affaccia al mondo della moda con una serie di iniziative che vedranno coinvolti prestigiosi influencer, artisti e designer internazionali. Una delle collezioni del 2012 già annovera la firma prestigiosa di Independent Ideas! www.mybiclighter.com

L’ETICHETTA DEL 2012 È SOSTENIBILE Finat, l’associazione mondiale dei produttori di etichette autoadesive e di prodotti correlati, ha presentato i dettagli relativi alle modalità d’iscrizione all’edizione annuale del concorso internazionale per produttori di etichette e il programma provvisorio del congresso annuale che si terrà a giugno in Grecia. All’insegna dello slogan “Etichette sostenibili: un’opportunità da non perdere!”, il congresso quest’anno desidera analizzare i diversi aspetti associati al concetto di sostenibilità per il settore. “Nella società odierna le aziende stanno adottando un approccio che va oltre il profitto”, spiega Kurt Walker, presidente Finat. “Sta aumentando la consapevolezza del fatto che l’ottimizzazione dei profitti a breve termine non può essere raggiunta senza considerare l’ambiente.” www.finat.com

L’agenzia di pubblicità Loscarabocchio da oltre 10 anni sviluppa packaging per multinazionali prettamente a licenza. I suoi clienti sono Nestlè Italiana, Walt Disney, Hasbro, Cartiere Pigna, Luigi Zaini e molti altri. Un loro pack ha vinto l’award come miglior packaging rappresentativo de “La magia Disney”. Il packaging è la rappresentazione perfetta di Saetta, è in cartone riciclabile e contiene caramelle e cioccolatini. www.loscarabocchio.net

FAVINI PER L’IMPEGNO SOCIALE

La cartiera ha sposato attraverso un’operazione di sponsorizzazione tecnica la conferenza “Serve Essere Eroi? – Smart Graphics and Social Commitment”, promossa da Plug Creativity, associazione culturale operante nel settore della comunicazione sociale. Sulla carta Favini hanno preso forma i progetti dei designer. www.favini.com

36 aprile 2012

PER STAMPE BRILLANTI C’È MEDIACARD, Stora Enso amplia la propria offerta di cartoncini grafici con MediaCard, un materiale monogetto con una superficie patinata dalla finitura satinata. Grazie alla sua superficie luminosa e all’elevato punto di bianco, MediaCard può essere impiegato per varie applicazioni grafiche e di packaging che richiedano elevato impatto visivo. www.storaenso.com


“NATURE GOES TECH”

In occasione del Fuorisalone 2012, Patrizia Pepe e A4Adesign presentano l’eco-installazione “Nature goes tech”. L’allestimento, ad alto impatto visivo e stilistico, unisce moda, design ed ecosostenibilità attraverso la reinterpretazione di alcuni oggetti cult dell’arredo contemporaneo. A4Adesign, azienda leader nel settore dell’eco design, è nota per le sue creazioni in cartone riciclato e riciclabile. L’equilibrio tra natura e tecnologia riflesso nelle tonalità, nelle astrazioni e nelle geometrie dei capi, modella anche le sagome e le forme degli arredi ricreati in cartone alveolare negli interni e nelle vetrine delle due boutique milanesi di Patrizia Pepe. www.a4adesign.it

QUESTIONE DI STILE

Lo stilista Manish Arora, Direttore Artistico della maison Paco Rabanne, ha creato, in collaborazione con la storica Maison di Champagne Pommery, un coloratissimo pareo che racchiude al suo interno una pregiata etichetta di Champagne. Questo ricercato capo riflette l’universo meraviglioso e multicolore di questo apprezzato stilista. www.pommery.fr

Anticontraffazione e cliché L’azienda francese EPGA ha messo a punto un sistema di riconoscimento visivo che permette di personalizzare e di proteggere le stampe tramite cliché di marcatura. Etichette, biglietti di lotteria, francobolli o packaging: i campi d’applicazione di questo procedimento (brevettato) sono molteplici, così come i suoi vantaggi strategici che ne fanno il concorrente naturale dell’ologramma. www.epga.fr aprile 2012

37

GUIDA E CAMPIONARIO PER SAPER SCEGLIERE La scelta della carta giusta per ogni progetto nasce sempre dalla combinazione di molteplici fattori: dagli obiettivi di comunicazione alle necessità di produzione, dai formati disponibili alla voglia di creare oggetti innovativi e memorabili. Con questo spirito Fedrigoni ha studiato e realizzato Le forme della carta, un innovativo progetto editoriale rivolto agli studenti di grafica e ai giovani designer con l’obiettivo di fornire informazioni tecniche e suggerimenti progettuali per l’uso della carta nel progetto grafico. www.paperideas.it


CARLO MONTANARO ALLA DIREZIONE DE I VIAGGI DEL SOLE

CS MediaGroup e Gruppo 24 Ore annunciano che Carlo Montanaro, direttore di Dove e Style, assume anche l’incarico di direttore del mensile I Viaggi del Sole. L’idea portante dei Viaggi del Sole è offrire tutti i mesi a un lettoreviaggiatore esigente, curioso e aperto alle novità un punto di vista pratico e, soprattutto, inedito sulle mete di viaggio proposte, che siano le grandi capitali o gli angoli più remoti del pianeta. www.viaggi24.ilsole24ore.com

COMUNICARE LA MODA

Peperosa visual design è stata invitata a ideare dal Lanificio F.lli Cerruti un progetto di ampio respiro, una brochure dedicata al mercato estero che narra l’anima della moda. Il progetto parte dalla scelta di un formato importante che comunica in modo immediato il prestigio del Lanificio. La copertina diventa l’icona dello stile Cerruti grazie alla preziosità delle finiture: serigrafia del logo, rilegatura in tela nera e plastificatura lucida della carta. Un’impostazione grafica raffinata e ricercata, giocata sul contrasto tra bianco e nero, rende la brochure un oggetto prezioso, di grande eleganza da vivere pagina per pagina. www.peperosadesign.it

Come scegliere la carta giusta

Spesso capita di voler realizzare un progetto con una carta speciale, ma i quantitativi minimi d’acquisto sono troppo elevati per rispondere alle esigenze di creativi e designer che lavorano come freelance o in piccoli studi. Altre volte capita di voler creare da soli le partecipazioni di matrimonio, gli auguri di Natale o il menù del proprio ristorante. Scegliere la carta giusta per un progetto, grande o piccolo che sia, non è una decisione banale. Come la creatività non ha limiti, la carta non può essere un limite ma una risorsa dalla quale attingere quotidianamente. È proprio per questo che Gruppo Cordenons ha realizzato un sito e-commerce dove poter acquistare in formato A4, e a breve anche in formato SRA3, le carte speciali e le relative buste coordinate. www.gruppocordenons.com

38 aprile 2012

BARBIE LOVES SALVO FILETTI Detentore del titolo Hair Designer e co-fondatore insieme a Renato Gervasi del marchio internazionale Compagnia della Bellezza, Salvo Filetti da circa un ventennio lancia vere e proprie collezioni sulle tendenze moda capelli. Per la sua collezione “Ritratti Riflessi” ha scelto un’icona glamour capace di adattarsi alle mode e agli stili del tempo: Barbie. Da qui è nata la collezione “Barbie Loves Salvo Filetti” in un 2012 speciale, anno in cui l’imperativo per Barbie è “Play with fashion”, cioè giocare con la moda. Ventitre diversi look capelli nei quali Barbie cambia completamente taglio e colore interpretando sia le acconciature più chic sia quelle più sauvage. www.it.barbie.com


NOTIZIE

düsseldorf, germany

IL PACK INCONTRA LA COMMUNITY CREATIVA TS packaging e Creathead hanno lanciato un concorso di idee per promuovere l’utilizzo di Corner Zip, un innovativo strumento per l’apertura e la chiusura di packaging. L’intero concorso è stato gestito da Creathead, una delle piattaforme più famose tra le community online, un grande reparto creativo dal quale attingere idee, promuovere servizi e attaccare la rete. www.tspackaging.it

L’innovazione marketing: Il Multi Channel La comunicazione online e offline si intrecciano sempre più. Lo si vede anche, e non solo, nel rapporto tra i print media, i contenuti internet e le apps mobili, lungo tutti i servizi completi crossmedia. L’integrazione offre numerosi vantaggi ad aziende ed utenti: canali di vendita più corti, processi di ordinazione più semplici, una più elevata mobilità e un customer service migliore. In breve: collegare i canali di stampa ai canali online crea valore aggiunto. Tutto questo lo potete ammirare e sperimentare live a drupa 2012, la manifestazione più grande al mondo dedicata ai print media! one world – one drupa, may 3 – 16, 2012, www.drupa.com

INSIEME NEL NOME DELL’ARTE

Litorama Group e Deaprinting Officine Grafiche Novara 1901, storiche aziende del settore grafico, hanno sottoscritto un accordo per l’acquisizione sul mercato internazionale della produzione di libri d’arte e di grande formato. La potenzialità produttiva delle due aziende è in grado di esprimersi partendo dal 70x100 fino ai grandi formati. La confezione è garantita da due storiche legatorie: quella di Deaprinting, specializzata in cataloghi, libri commerciali e cartonati, e la Legatoria LEM, specializzata in libri d’arte fuori formato. www.litorama.it

Registratevi ora! Per pc webcam cliccate su: www.drupa.com/ ar-ad. Per smartphone/tablet pc: scaricate gratuitamente e avviate la App Junaio. Cercate il canale “drupa ad”, avviate e puntate il logo drupa – in grafica AR+ – sulla webcam. Per ulteriori informazioni consultate: www.drupa.com/help. Ulteriori servizi per voi: le informazioni per i visitatori drupa come webapp per iPad e altri tablet android! HONEGGER GASPARE S.r.l. Via F. Carlini, 1 20146 MILANO Tel. (02) 47 79 141 Fax (02) 48 95 37 48 E-mail: honegger@tradefair.it Internet www.tradefair.it


green way

*

a cura di Paolo Serafin

COME LE BIOPLASTICHE POSSONO SOSTITUIRE I MATERIALI CLASSICI DEL PACKAGING? La nostra indagine sulle bioplastiche a cura di Paolo Serafin, esperto e consulente in ambito di prodotti ecosostenibili alternativi, si fa sempre più avvincente. Dopo avere affrontato un’introduzione più teorica sui materiali, sulle normative e sulle certificazioni a cui questi prodotti sono sottoposti, entriamo nel vivo delle applicazioni con un’analisi che entra nello specifico dei settori merceologici che siamo soliti affrontare sulle pagine di Comunicando. Eccovi dunque una full immersion nelle soluzioni possibili che la progettazione del packaging alimentare ha a disposizione per una creatività basata su materiali alternativi...

Bioplastica, un materiale che rivoluziona il mondo dell’imballaggio alimentare Per quanto riguarda gli imballaggi dei prodotti da forno come biscotti, merendine, cracker, grissini e snack, i materiali più utilizzati sono carta, cartoncino, polietilene, polipropilene, sia trasparenti sia metallizzati, anche combinati tra loro. In molti di questi casi, ad esempio nei classici sacchetti dei biscotti realizzati in accoppiato carta + polipropilene metallizzato, il polipropilene potrebbe essere sostituito con lo stesso materiale bio-based o con un PLA metallizzato, con prestazioni paragonabili in termini di barriera, processabilità, tenuta della saldatura, aspetto finale. Il PLA, trasparente e metallizzato, potrebbe sostituire il polipropilene anche nell’imballo dei cracker, delle merendine e dei grissini. Alla stessa maniera, il polietilene utilizzato per molti sacchetti può essere sostituito da film realizzati in biopolimeri a base amido, con proprietà simili in termini di elasticità e tenuta della saldatura. Nel settore merceologico di caramelle, cioccolato e praline molte plastiche tradizionali potrebbero essere sostituite con biopolimeri: PLA e cellulosa biodegradabile possono sostituire film PVC e PET in diverse applicazioni twist. Gli stessi materiali possono rimpiazzare il polipropilene nei sacchetti e nel sovra imballo degli astucci in cartoncino. Che dire dei packaging per pasta, riso e farine? Il tradizionale imballo della pasta, realizzato in accoppiati di polipropilene, trova nel PLA un’alternativa efficace ed eco sostenibile. Laddove sia necessario migliorare la resistenza alla lacerazione, è possibile accoppiare il PLA con altri biopolimeri più elastici a base amido. Una struttura simile può essere utilizzata per prodotti come farine e semi vari. Per affrontare il variegato mondo dei prodotti da frigo come yogurt, latticini e gelati si può dire che anche in questo settore si riscontrano già esempi concreti di impiego delle bioplastiche: Danone ha lanciato recentemente sul mercato tedesco il bicchierino termoformato in PLA per lo yogurt Activia, con l’intenzione di allargarne l’uso anche ad altri mercati europei. In questo caso, il PLA offre anche vantaggi in termini di conservazione, come hanno dimostrato studi recenti. La stessa tecnologia si sposa benissimo con le vaschette per burro e formaggi spalmabili, ma trova applicazione anche nel settore dei gelati. Per quanto riguarda i supporti flessibili, le proprietà di barriera ai grassi e di tenuta della piega del PLA lo rendono un ottimo imballo per burro, formaggi e dadi da brodo. Infine, sempre rimanendo nell’ambito dell’imballaggio flessibile, il film in PLA rappresenta un’ottima alternativa anche per i gelati, sia nella versione termosaldante sia in combinazione con colle a freddo.

*

Paolo Serafin si è laureato in Commercio Estero presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia. Rientrato in Italia dopo uno stage di 6 mesi negli Stati Uniti, ha iniziato la sua carriera lavorativa come Export Manager per Radici Group nel settore dei film per imballaggio flessibile, fino a diventare Key Account Manager. Attualmente vive a Udine e ricopre il ruolo di Product Manager e Consulente nel settore packaging e bioplastiche. //paoloserafin@hotmail.com

40 aprile 2012


a cura della redazione

Le proposte Burgo Group per un approccio sostenibile Burgo Group, produttore mondiale di carte patinate, è intervenuto al primo incontro bilaterale tra imprese e Corrado Clini, Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio, tenutosi il 16 febbraio 2012 alla Triennale di Milano, organizzato dal neonato comitato Nuvolaverde che si propone di aprire un dialogo costruttivo tra imprese e istituzioni per la difesa del’ambiente, il risparmio energetico, la mobilità a basso impatto, l’impegno sociale e il recupero della qualità della vita nei centri urbani. La presenza di Burgo Group a questo tavolo di lavoro conferma il ruolo primario dell’industria della carta per un reale impegno a favore della sostenibilità. www.burgogroup.com

Una partita a scacchi che fa bene all’ambiente Sono moltissime le proposte di eco-design relative all’interior decoration che saranno protagoniste al Salone del Mobile 2012. In particolare si moltiplicano i progetti in cui spicca l’uso del cartone, materiale dalle molteplici potenzialità e per definizione ecologico in quanto riciclabile, che l’arredamento prende in prestito dalla comunicazione e soprattutto dal packaging. Tra le diverse proposte abbiamo selezionato questo simpatico oggetto ludico: si chiama Paperloo ed è la nuova eco-scacchiera progettata dal designer belga Andrea Vecera per Skitsch. È interamente realizzata in cartone microonda e si presta per essere un piano da gioco regolamentare e al contempo un contenitore per le pedine degli scacchi, anch’esse realizzate rigorosamente con lo stesso materiale. Queste ultime, tagliate a laser secondo la buona prassi di un “nesting” sostenibile, sono ottenute tenendo conto del risparmio nel processo produttivo. Curioso e comunicativo anche il nome della scacchiera Paperloo... una battaglia di carta in cui il vincitore è l’ambiente? www.skitsch.it

I temi ambientali fonte di ispirazione per la creatività Parlare di energia ha a che fare con la creatività: su questo principio si basa il concorso letterario per narrativa breve “Energia Futura. La corrente del destino”, lanciato dai promotori dell’evento: Festival dell’Energia – la più importante manifestazione sui temi dell’energia in Italia, in programma a Perugia dal 15 al 17 giugno – e Edizioni Ambiente, casa editrice specializzata in tematiche ambientali. Fino al 15 maggio 2012, sarà possibile partecipare con il proprio racconto inedito, della lunghezza massima di 20.000 battute, e concorrere così alla realizzazione di un progetto editoriale innovativo. I tre racconti vincenti, selezionati dalla giuria del concorso, saranno infatti pubblicati all’interno di un e-book, scaricabile gratuitamente all’interno di freebookambiente. it. Un’apprezzata biblioteca online, edita da Edizioni Ambiente, che annovera nel proprio catalogo pubblicazioni di organizzazioni come IMQ, Conai, Barilla Center for Food & Nutrition. www.festivaldellenergia.it aprile 2012

41

Ermete Realacci, ambientalista, politico italiano e Presidente onorario di Legambiente.

GREEN ITALY. PERCHÉ CE LA POSSIAMO FARE Un estratto dell’intervento di Ermete Realacci registrato in occasione della presentazione del libro “Green Italy” di cui è autore. “Ci troviamo davanti a due questioni: la prima è fronteggiare la crisi e non si tratta di un problema di ottimismo o pessimismo, ma di cose da fare. Ci troviamo in una situazione che pone esigenze di governance, di politiche, di regole in un quadro che non è fermo ma si colloca in uno scenario in cui ci sono grandi paesi che emergono – nazioni con oltre un miliardo di abitanti – che cercano il loro spazio nel mondo. La seconda questione è quella ambientale che si incrocia con quelle citate. Il punto di fondo è che l’insieme di queste questioni va affrontato nella sua interezza: non si può pensare di risolverle singolarmente. Da un lato è necessario affrontare la crisi e dall’altro avere un’idea di futuro che non può essere letta solo in chiave economica. La domanda che si pone nel libro è: abbiamo le risorse per mettere in campo un’idea di Italia che oltre a fronteggiare la crisi sia in grado di superarla? Questo è assolutamente possibile partendo da cose che già ci sono. Una di queste è la green economy: secondo un censimento che abbiamo effettuato, il 24% delle aziende italiane ha investito nella green economy intesa in senso allargato. Questa realtà è in grado di diventare un fattore di competizione economica.”


carta canta... Gruppo Cordenons, sotto la guida della famiglia Gilberti da quattro generazioni, è un’importante azienda italiana produttrice di carte fini e tecniche che offre al mercato internazionale oltre 2.500 prodotti specializzati per target e applicazioni. Da sempre dedica sostanziali risorse alla ricerca e allo sviluppo di carte innovative e originali mantenendo una qualità eccellente fatta di contenuti tecnologici e creatività.

TUTORIAL

communication@gruppocordenons.com www.gruppocordenons.com Eccoci al secondo appuntamento con la carta e con le belle possibilità che essa ci offre, comunicativamente parlando. In questi tutorial, volta per volta, andiamo alla scoperta delle carte speciali prodotte dal Gruppo Cordenons, che potete toccare con mano nell’inserto che trovate tra le pagine della nostra rivista. Questi inserti accompagnano “Printed on”, la campagna di comunicazione lanciata dalla cartiera friulana per il 2012, che gioca con la dicitura tipica che negli stampati attesta quale supporto è stato utilizzato per la realizzazione.

Dall’unione intelligente tra una carta speciale e una tecnica di nobilitazione nascono i migliori risultati creativi. Questo secondo appuntamento con il tutorial Cordenons è dedicato al rilievo a secco, tecnica tanto antica quanto nobile e di grande effetto. La scelta della grammatura da 350 g/m2 consente di esaltare al massimo l’effetto di tale nobilitazione e di gestire lo sbalzo della superficie della carta. Il rilievo a secco conferisce infatti una tridimensionalità al soggetto rappresentato, dona eleganza. E senza quasi che ve ne accorgiate, ecco che vi trovate a scorrerci sopra il dito. L’inserto si presenta graficamente diviso in quattro parti e permette in questo modo di vedere, al primo sguardo, la resa di stampa in diverse declinazioni possibili, a colori e in bianco e nero.

la carta:

L’inserto di questo mese è realizzato su una carta che ha qualcosa di speciale. Il suo nome, So...Wool, ci porta con la mente al mondo della moda, alla sensazione di un tessuto, bello e fashion ma anche piacevole da toccare, prodotto con elementi di prima scelta. E l’immagine che la nostra mente ha prodotto non è poi così lontana dalla verità che sta dietro a questo supporto. Infatti le fibre di lana e di cotone con cui è stata realizzata questa speciale carta creano una texture distintiva e rendono So…Wool una vera e propria carta tessuto. So…Wool copre, riscalda e riempie di suggestioni i progetti di comunicazione, qualunque essi siano, è adatta alla stampa e al packaging di lusso. La creatività incontra i suoi sei colori, che richiamano quelli tradizionali della lana: White Merinos e Ivory Fleece, per un messaggio morbido, Red Tartan e Violet Shetland, per

42 aprile 2012

un’immagine d’impatto, Green Loden e Blue Jersey, per una promozione classica. In tutti i casi, l’effetto tattile è assicurato. Grazie alle sue caratteristiche, la carta è particolarmente adatta per realizzare copertine, packaging di lusso, cataloghi, brochure, menù, calendari, biglietti augurali e partecipazioni, cartellini, inserti, bilanci e monografie, shopping bag, espositori e tutto ciò che volete rendere bello, fashion, d’effetto. Completamente riciclabile e biodegradabile, questa carta è realizzata con fibre di pura cellulosa vergine ECF (Elementary Chlorine Free) proveniente da fonti gestite in maniera responsabile e con fibre di lana e cotone, ed è certificata FSC. So… Wool è disponibile in tre grammature (120, 250 e 350 g/m2), con le buste coordinate in 16x23 cm, e fa parte della gamma Boutique, che trae ispirazione dal mondo della moda e dalle sensazioni tattili e visive dei tessuti.


Fair

Almost 250 exhibitors will present creative and original solutions for successful promotional activities: Packaging solutions, design, communication, promotional gifts or CRM. Detect trends and anticipate the market evolutions by attending the free conferences and exclusive exhibitions.

Information IDICE SAS - 33 Cours de Verdun - 01100 Oyonnax - TĂŠl : 04 74 73 42 33 - Fax : 04 74 73 45 22 - info@idice.fr


tutto sul naming

Béatrice Ferrari

Béatrice Ferrari è la voce più significativa del brand naming in Italia. Laureata in semiotica, comincia la sua pratica a Parigi per sbarcare nel 1989 a Milano e fondare la società Nomen Italia, prima realtà italiana completamente dedicata alla creazione di nomi commerciali della quale è socio e amministratore per 16 anni. Dal 2005 opera come professionista indipendente: offre collaborazioni di tipo strategico (brand architecture, global positioning) e creativo (brand naming e renaming). Nel 2008 lancia il brand Synesia®, che identifica un nuovo modo di fare consulenza nel campo del branding. www.beatriceferrari.com www.synesia.com

special design

info@beatriceferrari.com

L’ULTIMO NATO in casa Ésé

Il brand del mese

Ésé è un nuovo marchio di design fondato nel 2010 a Saint-Étienne (Francia) dall’idea di Valérie Gonot, François Mangeol e Vincent Lemarchands. L’impatto del marchio è visivamente forte e richiama con decisione l’ambito del design moderno e del complemento d’arredo sperimentale. Giovane, alternativo, il segno grafico diventa sigillo. Il simbolo centrale gioca sui piani prospettici e gli assi cartesiani x-y-z, ma ripropone anche la ‘E’ e la ‘S’ in modo estremamente stilizzato. Il cerchio, simbolo di perfezione, è rassicurante, esprime qualità, affidabilità e spiega la sigla sintetizzata in alto. Il nome Ésé è un bisillabo composto da tre sole lettere e costruito a partire dalle tre parole Édition Sous Étiquette: una sigla quindi che consente al nome di essere facilmente pronunciabile in numerose lingue. La sua traduzione in italiano

potrebbe essere ‘Edizione Sotto l’Etichetta’ e si rifà all’etichetta dei tappetti che funge da certificato di autenticità poiché riporta molte indicazioni sul prodotto. La sonorità è discreta e dolce, caratterizzata dalla doppia presenza della vocale /é/ semichiusa e accentata unita al suono /s/ sibilante che richiama il soffio e la leggerezza. Una melodia vicina a un sussurro, semplice e simpatica. Il carattere tipografico utilizzato è maiuscolo e appartiene alla categoria delle font ‘dots’ o ‘spotty’, che evocano il mondo digitale e della tecnologia video. È originale e anticonformista, fresco, leggero, moderno e comunica creatività. Il nero, in contrasto con il bianco, è invece aggressivo, maschile e freddo, molto adatto per un brand di design alternativo, ricercato e di tendenza. Il nero è anche elegante, raffinato, comunica sobrietà e competenza.

Fonetica Un nome piuttosto lungo e molto vivace, dal ritmo sostenuto grazie a un accostamento consonanti/ vocali ripetitivo e deciso: il livello vocalico viene caratterizzato dalla ripetizione dei suoni /a-i/ che esprimono apertura e simpatia, mentre la parte consonantica /k-l-g-r/ è molto forte e incisiva. Una melodia imponente e di grande personalità. Morfologia Un quadrisillabo di origine cognominale che deriva dal tardo latino caligarius con il significato di calzolaio. Si tratta di un cognome italiano reperibile essenzialmente nella regione Friuli e tipico dell’Udinese. Semantica Calligaris è il cognome di Antonio, artigiano italiano che nel 1923 avvia un laboratorio per la produzione di sedie impagliate a mano con sede a Manzano, in Friuli. Dall’introduzione dell’impagliatrice automatica al primo catalogo e all’estensione della produzione al mondo dell’arredamento, Calligaris è diventato oggi uno dei protagonisti del successo all’italiana.

Iconografia Il picchio evoca con immediatezza la natura e gli alberi restituendo un’immagine dell’azienda ‘ecofriendly’. Il picchio, lavoratore instancabile, è simbolo della perseveranza e della resistenza; è immagine della passione per il legno ma anche dell’ingegno e della creatività, valori che la marca esprime attraverso i suoi prodotti. Cromia Il rosso Calligaris è brillante, estroverso e allegro. La tonalità è radiosa ed esprime dinamismo, energia positiva, vivacità e passione. A livello simbolico il rosso ha un forte legame con l’amore, l’eros e la sensualità. Si associa bene ai prodotti innovativi del brand. Tipografia Il carattere è un minuscolo lineare dalle linee morbide e dall’aspetto familiare e simpatico. L’ampiezza dei tondi dà grande respiro al logo e comunica un senso di libertà e di serenità. Visivamente la composizione è danzante, pulita e leggera. Carattere giovane e fresco.

44 aprile 2012


è ora anche su

Cerca “CoMuNiCaNdo” su Facebook! Scopri tutta la sunnycommunity:


marketing dei sensi Alessandro Miani

Alessandro Miani è la voce più significativa del Marketing Sensoriale in Italia. Laureato in Medicina e Chirurgia, Ricercatore Universitario della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Milano e autore di numerosissime pubblicazioni, tra cui “Il Marketing dei Sensi” e “Marketing Sensoriale”, ha all’attivo anche docenze universitarie allo IED e al CdL in Scienze della Comunicazione dell’Università Vita-Salute San Raffaele.

pionieri

alessandro.miani@gmail.com

i pionieri del marketing SENSORIALE L’evoluzione del marketing ha portato nel corso degli anni all’affinamento di tecniche sempre più evolute e innovative per cogliere le necessità del mercato e per conquistare e fidelizzare il consumatore cliente. Il marketing sensoriale – come sappiamo – rappresenta una di queste tendenze. Tra i pionieri che si sono avventurati nella delineazione di questa utile e affascinante disciplina, definendone le modalità di approccio e i temi principali, va citato l’americano Marc Gobé, autore di “Emotional Branding”, il nuovo paradigma per la connessione Brands to People. Gobé fa parte del consiglio di Brand Design Association ed è membro di AIGA, l’associazione americana delle agenzie pubblicitarie, The Art Directors Club e di Fragrance Foundation. Ha insegnato presso la Design École Superieure di Parigi e tiene regolarmente conferenze in tutto il mondo sul marketing e sul design. Designer, fotografo, regista, autore rispettato e ricercato oratore pubblico, si è dedicato al collegamento emozionale tra marca e consumatore. Aradhna Krishna, docente presso la Ross School of Business, University of Michigan, considerata una tra i pionieri del marketing sensoriale, ha condotto un’approfondita ricerca su come la percezione dei consumatori e le loro risposte cambiano in funzione delle azioni sulle varie leve di prezzo, di promozione, di packaging e di branding. La sua ricerca ha esaminato molte forme di percezione sensoriale: visive, tattili, olfattive, gustative e combinazioni delle

46 aprile 2012

stesse. La studiosa ha inoltre organizzato nel 2008 la prima conferenza sul marketing sensoriale, riunendo psicologi, neurologi, leader accademici e professionisti del marketing di tutto il mondo. Vanno menzionati anche gli svedesi Bertil Hulten, professore associato presso la Business School del Baltico (BBS) – Kalmar University e Niklas Broweus. Più recentemente, Martin Lindstrom, autore del best seller internazionale “Brand Sense” e Simon Harrop, Ceo dell’azienda Brand Sense Agency, hanno dato valore aggiunto alla disciplina realizzando case history aziendali di successo (brandsenseagency.com). Il “fenomeno” marketing sensoriale in Italia è esploso nel 2008, dopo la pubblicazione del libro “Il Marketing dei Sensi”, scritto a sei mani da Gianfranco Virardi (gianfrancovirardi.it), Marialuisa Tonielli e dal sottoscritto. Da qui a breve scaturiranno corsi universitari e seminari dedicati all’argomento, un secondo libro “Marketing Sensoriale. 5 sensi per comunicare, vendere e comprare”, un blog (aimse.blogspot.com) e una vivace community sul web, che ne hanno segnato l’inizio ufficiale e a oggi innumerevoli sono le aziende italiane che hanno scelto il marketing dei sensi e delle emozioni per le loro attività comunicazionali, come altrettanto numerosi sono i giovani laureati in discipline economiche, in scienze della comunicazione e artistiche, che hanno voluto dedicare a questa affascinante materia le loro tesi di laurea, decretandone così successo e continuità.


AL TATTO... MI PIACE

Lumson Engraving (LED) è una tecnologia innovativa, ideata dal produttore di packaging per la cosmesi Lumson, che mette a disposizione dei clienti la possibilità di personalizzare non solo la grafica, ma anche il tatto dei flaconi. Si può scegliere tra cinque decorazioni: pneumatico, foglia, pelle, natura e maya a cui corrisponde la relativa sensazione tattile. www.lumson.it

MULTISENSORIALITÀ IN VERSIONE GREEN

Chi ha detto che i temi ecologici non sono anche coinvolgenti per i cinque sensi? Tra le novità che interessano la kermesse milanese dedicata all’ambiente “E’vento Green”, in programma dal 25 marzo al 21 aprile, ci sono anche alcuni espositori multisensoriali a disposizione dei visitatori, che mostrano il possibile miglioramento dello stile di vita attraverso innovazioni eco-friendly. www.naeli.it

SCENT OF... ADV

McCain, grazie a un cartellone pubblicitario che utilizza i principi del marketing multisensoriale, ha aggiunto alla comunicazione pubblicitaria tradizionale – nella maggior parte dei casi prettamente visiva – anche il profumo delle patate per lanciare il suo nuovo prodotto: le Jackets Potatoes. Lo scopo è sedurre il consumatore con la vista e con l’olfatto. www.mccain.it

CONOSCI I TUOI SENSI?

Sapevate che abbiamo 10 mila papille gustative nella nostra bocca? Che il 75% della percezione del gusto è data dall’olfatto? E che abbiamo almeno 100 ricettori tattili sulla punta di ognuna delle nostre dita? Questi e altri sono i buoni motivi per creare una comunicazione che coinvolga tutti i sensi. aprile 2012

47


n

non pensarci pi첫...

FALLO!

pa gn a

201 2 / abb

ri tre s o n onati alle

vi

... e t s

a

www.zen-arte.it

c

am

nc he on -l

in e

su

ab

bo

na

m en t

u i.s

.i t com y n

Abbonamento annuale 10 numeri euro 50,00* Abbonamento biennale 20 numeri euro 95,00*

Abbonamento annuale 8 numeri euro 40,00* Abbonamento biennale 16 numeri euro 75,00*

Abbonamento annuale 4 numeri euro 20,00* Abbonamento biennale 8 numeri euro 35,00*



Comunicando n. 3/2012