Page 1

TITOLO PROGETTO Presentazione progetto e ricerca

ARGOMENTO venerdĂŹ 29 aprile 2011, ore 10.30 sala Multifunzione LUOGO - ORA 1 DATA

TIS convention center Via Siemens 19, Bolzano

1


Agenda dei lavori TITOLO PROGETTO

10.30

Arrivo e registrazione

10.45 11.00 11.20 12.00 12.15

Saluto AutoritĂ Roberto Bizzo Presentazione progetto Paolo Tanesini, Berloffa Presentazione Ricerca Carlo Borzaga, Sara Depedri Presentazione strumenti-raccordi di rete Luisa Dudine LUOGO - ORA Metodologia, piattaforma informatica Alessandra Berloffa

ARGOMENTO

DATADiscussione e conclusioni 12.30 13.00 Buffet

2


Organigramma progetto e professionisti coinvolti Direzione progetto

Paolo Tanesini TITOLO PROGETTO

Resp. Metodologico prog. e coordinam. comitato scientifico

Alessandra Berloffa

Angela Tomaino ARGOMENTO

Coordinamento organizzativo e traduzioni

Devid Delvai

Referente amministrativo Staff di progetto

Euricse - Carlo Borzaga, Sara Depedri LUOGO - ORA Syntegra – A. Barillari, S. Schena, L. Dudine , P. Ricchiuti, M. Favretto Gruppo cooperativo CGM - S. Taraschi A. Baldrati, M. Mennella, DATA Multimedia Flug - Marco Tomazzoni, Paolo Gasperi Contatti : federsol.bz@gmail.com FSE.2.265.10@gmail.com 3


Comitato scientifico del progetto TITOLO PROGETTO Borzaga Carlo Euricse - Università di Trento Alessandra Berloffa Federsolidarietà – coordinamento comitato

ARGOMENTO

Sergio Bonagura Antonia Barillari Alberto Stenico Bruno Marcato DATA Da definire

Coop. Altri Mondi Syntegra – Trieste LUOGO - ORA Legacoopbund Azienda Servizi Sociali Bolzano Servizio Inviante

4


I partner del progetto EURICSE: European Research Institute onPROGETTO TITOLO Cooperative and Social Enterprises)

SYNTEGRA Srl: professioniARGOMENTO integrate a supporto di politiche e servizi sociali e del benessere delle organizzazioni

CGM: Consorzio Nazionale della Cooperazione LUOGO di - ORA Solidarietà Sociale “Gino Mattarelli” S.C.S. a R.L. DATA

collaboratori del progetto MULTIMEDIA FLUG S.a.s 5


I sostenitori del progetto Istituzionali

TITOLO PROGETTO

- Provincia Autonoma di Bolzano: Assessorato Innovazione, Ricerca, Sviluppo e Cooperative

ARGOMENTO

-Provincia Autonoma di Bolzano: Ripartizione 24, Famiglia e Politiche Sociali - Comune di Bolzano: Assessorato alle Politiche Sociali e ai Giovani - Azienda dei Servizi Sociali di Bolzano - Confcooperative Bolzano

LUOGO - ORA

- Legacoopbund - DATA Banca Etica - Servizi Invianti: Ser-D, Hands - Consorzio Lavoratori Studenti CLS

6


Le Cooperative sociali

TITOLO - Consorzio sociale CONSIS - Wiedes - Mebocoop

PROGETTO - Altrimondi - Il Ponte

- Libera ARGOMENTO

- Eureka

- Multiservice

- Volontarius

- Learning Center

- Turandot

LUOGO - ORA

- Gnews DATA - Inside - La Fenice

7


Gli obiettivi del progetto Preparare il sistema TITOLO cooperativo,PROGETTO dal punto di vista metodologico, delle competenze e delle tecnologie, a rispondere in modo efficace ed efficiente alla sempre nuova domanda espressa dalle istituzioni, dai servizi invianti e direttamente dalle persone.

ARGOMENTO

-Rappresentazione dell’efficacia e dell’efficienza dell’inserimento lavorativo attraverso la cooperazione sociale; LUOGO - ORA

- Produzione di unità documentali e di protocolli d’azione; - Dotazione al sistema di uno strumento informatico per la gestione dei DATA processi e l’applicazione dei metodi;

- Sviluppo di sinergie tra economia tradizionale ed economia sociale.

8


Le Fasi del progetto FASE 1: GLI ATTORI NEL CONTESTO DELL’INSERIMENTO LAVORATIVO TITOLO PROGETTO - Individuazione del sistema come rete degli attori coinvolti in processi di inserimento lavorativo; - Ri-descrizione del contesto;

ARGOMENTO

- Ri-descrizione degli obiettivi possibili dell’inserimento lavorativo. LUOGO - ORA FASE 2: IL RUOLO DELLE COOP. SOCIALI NELL’INSERIMENTO LAVORATIVO FaseDATA empirica di ricerca sulle cooperative sociali: - Governance, caratteristiche gestionali,coinvolgimento della rete, raporti con i servizi invianti, percorsi formativi,dati economico-finanziari, target dei lavoratori, ecc; - Questionario rivolto ai lavoratori svantaggiati. 9


FASE 3: DALLA TEORIA ALLA PRATICA - Dotare il sistema di documentazione, metodo e processo condiviso;

TITOLO PROGETTO - Implementazione delle unità documentali sulla piattaforma informatica GILCOOP; - Allargamento della base statistica della piattaforma informatica;

ARGOMENTO

- Misurazione e rappresentazione in tempo reale dei benefici economici dell’inserimento lavorativo tramite Gilcoop.

FASE 4: CERTIFICAZIONE - Certificazione del processo di inserimento lavorativo realizzato attraverso la piattaforma LUOGO - ORA informatica GILCOOP – certificazione del metodo in ottica “multi-sito”

FASE 5: LA RETE DEL TERRITORIO DATA - Ricerca di sinergie tra economia tradizionale ed economia sociale; - Definizione di accordi quadro, procedure di attivazione di partnership nella gestione di commesse e/o appalti che prevedono l’inserimento lavorativo con clausole sociali. 10


Il partner: EURICSE • EURICSE (European Reserach Institute on Cooperative and Social Enterprises) è nato a Trento nel 2008, fondato da Federazione Trentina della Cooperazione, Università degli Studi di Trento, Cooperatives Europe, Fondazione Cassa di Risparmio di Trento e Rovereto, Provincia Autonoma di Trento • Conta ad oggi 15 dipendenti, 2 stagisti , 2 post-doctoral fellows, 5 dottorandi con borsa di studio, 1-2 visiting researchers, 25-30 professori e ricercatori universitari coinvolti a vario titolo • E’ attiva lungo quattro aree:  Ricerca (Multidisciplinare, teorica ed empirica)  Formazione (per studenti e ricercatori e per operatori del settore)  Consulenza (per imprese e organizzazioni di rappresentanza, per governi e organi legislativi)  Comunicazione (Eventi e pubblicazioni)

11


L’esperienza pregressa di EURICSE • EURICSE si è occupato di ricerca sulla cooperazione sociale e l’inserimento lavorativo in più occasioni:  Le ricerche ad oggi attive sulla cooperazione sociale sono numerose (inquadramento teorico e ruolo economico dell’impresa sociale, analisi empirica delle motivazioni di soci e lavoratori, consistenza e caratteri delle cooperative sociali, innovazione nelle cooperative sociali, impatto sullo sviluppo economico e sul capitale sociale, ecc.)  In passato, pubblicazioni come ISSAN (sulla cui base è stato fondato Euricse) sull’inserimento lavorativo (Borzaga-Loss, 2002; 2006)  Ricerca Euricse 2009 sulle caratteristiche dell’inserimento lavorativo in alcune cooperative sociali del Nord Italia  In fase di conclusione, ricerca Euricse sull’inserimento lavorativo in provincia di Trento su finanziamento Agenzia del Lavoro di Trento, con obiettivo la valutazione di costi e benefici generati dall’inserimento in cooperativa sociale

12


Perché la ricerca in provincia di Trento • La ricerca riprende, corregge e approfondisce modelli proposti in precedenti analisi empiriche realizzate a livello nazionale per la valutazione di costi e benefici dell’inserimento lavorativo (Marocchi, 2005; Loss, 2006; Chiaf, 2010); essi avevano dimostrato che l’inserimento in cooperativa comporta voci di uscita per la PA inferiori alle riduzioni di spese per politiche alternative; • L’Agenzia del lavoro sostiene con azioni mirate l’inserimento in cooperativa sociale (Azione 9) e voleva valutare con precisione gli esiti degli inserimenti in termini quantitativi e qualitativi; • L’esito delle ricerche non è utile solo per la PA (per individuare costi e benefici) ma anche per le singole cooperative sociali (per individuarsi nel sistema, per attualizzare i propri dati nel bilancio sociale e comunicare all’esterno, per descrivere policy interne per migliorare i servizi e l’efficacia dell’azione) 13


I risultati raggiunti dalla ricerca in Provincia di Trento  I risparmi di costo “puri” realizzati dalla Provincia e dall’Agenzia del lavoro per sostenere l’inserimento in cooperativa a confronto con le politiche sociali alternative sono ridotti; ma vi è un risparmio di costo “sociale” elevato (considerando quanto un soggetto potrebbe costare se opportunamente integrato o se non recuperato);  Il ruolo economico svolto per singolo lavoratore è elevato (in termini di garanzia di reddito, andamento salariale, vs. contributi ricevuti)  L’efficacia dell’azione è elevata (in termini di recupero al lavoro, accrescimento delle abilità, della capacità relazionale, del commitment dei lavoratori svantaggiati inseriti) 14


Qualche dato ed esempio‌ Area

Nr.coop

Svantag.

Ordinari

Svant. % svant/ per coop Ordinari

2001 Nd-Ovest

614

6.000

13.885

9,8

43,2

Nord-Est

392

5.200

8.458

13,2

61,5

Centro

394

4.100

8.179

10,3

50,1

Sud

427

3.400

6.464

8,0

52,6

1.827

18.700

36.986

10,2

50,5

Italia

2005 Nd-Ovest

693

9.976

18.368

14

54,3

Nord-Est

474

7.836

12.622

17

62,1

Centro

616

7.398

14.974

12

49,4

Sud

636

4.931

8.366

8

58,9

2.419

30.141

54.330

12

54,5

Italia


Avere una stima patrimoniale-finanziaria 2003

2004

2005

Avanzo di gestione

71,4

76,9

72,5

Pareggio o perdita

28,6

23,1

27,5

Patrimonio (capitale sociale + riserve)

%

Fino a 20.000 euro

20,0

Da 20.000 a 50.000 euro

17,6

Da 50.000 a 200.000 euro

27,1

Pi첫 di 200.000 euro

35,3 locale

nazionale Ricavi dal settore privato

41,7

47,1

Ricavi dal settore pubblico

49,9

47,0

Contributi dal settore privato

2,5

0,3

Contributi dal settore pubblico di cui:

4,4

2,2

0,3

-

1,2

3,4

in conto capitale Altri ricavi


Stimare la capacitĂ formativa Progetti individualizzati

%

SI di cui:

81,0

predisposti dalla cooperativa

27,8

predisposti dalla coop con supporto dei servizi sociali

48,4

predisposti con il supporto del consorzio di adesione

4,8

No

19,0

Figure per la formazione Nessuna specifica

disab. psich

tossic.

Alcol.

Carcer.

Immig.

tot

6.1

5.7

10.5

4.8

.0

7,9

Tutor

86.6

84.9

86.8

90.5

78.6

78,0

Responsabile sociale

62.2

62.3

57.9

76.2

71.4

56,0

Altre figure

30.5

24.5

36.8

19.0

28.6

25,2

(psicologi‌)


Dare la parola ai lavoratori svantaggiati e valutarne il benessere


Perché riproporre la ricerca in provincia di Bolzano • Identificarsi nel panorama nazionale e confrontarsi con gli altri per capire ‘chi siamo’ e ‘come agiamo’

sistemi

• Avere un momento di riflessione congiunta tra cooperative sociali pubblica amministrazione/servizi invianti

e

• Individuare best practices a livello locale e strutturare policy interne per migliorarsi come organizzazioni • Capire l’efficienza e l’efficacia dell’azione di inserimento lavorativo • Individuare le necessità e i limiti dell’attuale sistema per migliorare • Dare l’avvio ad una riflessione continua su questi temi

19


PRIMO STEP: analisi preliminare - questionario alle cooperative - raccolta dati di bilancio


SECONDO STEP: raccolta informazioni sui lavoratori svantaggiati inseriti nei periodi di riferimento. Esempio di file di raccolta dati individuali

E raccolta presso i servizi invianti dei costi dei servizi alternativi e del loro ricorso Elenco di possibili servizi da indagare


TERZO STEP: analisi dell’efficacia dell’azione attraverso la valutazione data dagli svantaggiati.

Somministrazione questionari Esempio di questionario da somministrare


Fase III : Dalla Teoria alla pratica Obiettivo Generale

TITOLO PROGETTO

ARGOMENTO

Migliorare l’incontro domanda offerta rispetto all’accesso al lavoro di persone svantaggiate nelle imprese cooperative sociali nel raccordo con i servizi invianti LUOGO - ORA DATA

Riconoscere l’apporto delle cooperative sociali nella risposta alla domanda di inserimenti lavorativi generate dai servizi sociosanitari territoriali

23


Obiettivi specifici

TITOLO PROGETTO  condividere con i soggetti della rete metodologie e strumenti di individuazione delle competenze ed abilità delle persone da inserire

ARGOMENTO

 strutturare processo di ingresso delle persone con l’utilizzo di strumenti omogenei per la rilevazione delle caratteristiche del posto di lavoro ( job analysis) e delle competenze della persona LUOGO - ORA determinare il beneficio dell’inserimento/ costo di un mancato inserimento

rilevare la domanda di inserimento lavorativo dei nuovi target di svantaggio DATA ( fasce grige)

strutturare percorsi di integrazione lavorativa interaziendali 24


Azioni 1.

TITOLO PROGETTO Ricognizione quali-quantitativa dei percorsi di inserimento lavorativo delle persone svantaggiate giĂ incluse (anche afferenti nuovi target svantaggio ) e delle best practics elaborazione condivisa con i soggetti della rete di strumenti di definizione di job analysis dei posti di lavoro e delle competenze dei lavoratori e loro formalizzazione

ARGOMENTO

2.

Strutturazione protocollo operativo tra enti invianti, altri soggetti della rete, cooperative sociali per l’utilizzo degli strumenti individuati e dei processi e raccordi di sistema definiti LUOGO - ORA

3.

Elaborazione metodologica di processi di mediazione sostegno ed accompagnamento di persone svantaggiate tra diversi soggetti della rete e delle competenze relative ,per DATA agevolare i percorsi di transito interaziendale

4. Illustrazione e diffusione dei risultati metodologici e strumentali della fase

25


Implementazione della piattaforma informatica Gilcoop con:

TITOLO PROGETTO

-

prodotti della ricerca: dati, indici ed indicatori;

-

unitĂ documentali e protocolli individuati nella fase 3;

-

Strutturazione di un’area dedicata alla rilevazione dei nuovi target di persone e lavoratori (fasce grigie);

ARGOMENTO LUOGO - ORA

-

Evidenziazione in tempo reale dei vantaggi economici generati DATA dagli inserimenti lavorativi/costi dei mancati inserimenti.

26


FASE IV: Certificazione del sistema di gestione per la qualità (SGQ) sull’inserimento lavorativo

TITOLO PROGETTO

- Costruzione graduale del SGQ per quanto relativo al processo d’inserimento lavorativo;

ARGOMENTO

- La piattaforma informatica costituirà la sede della condivisione dei processi, dei dati e dei risultati al fine di supportare lo scambio LUOGO - ORA di buone prassi tra le diverse cooperative; DATA

- La certificazione del processo contenuto in GILCOOP quale valore aggiunto per le cooperative.

27


FASE V: L’integrazione tra cooperazione sociale e il “sistema imprese”

TITOLO PROGETTO

- Creare sinergie tra economia tradizionale e economia sociale;

ARGOMENTO

- Individuazione di ambiti/aree per lo sviluppo di accordi e interazioni tra imprese e cooperazione Sociale; - Definizione delle procedure di attivazione delle Partnership (commesse, appalti, ATI,ecc); LUOGO - ORA DATA

strumento di politiche del lavoro elemento di responsabilità sociale d’impresa e territoriale

28

Progetto Lavorare tutti conviene a tutti  

il progetto lavorare tutti conviene a tutii analizza la convenienza di inserire le persone disabili in cooperativa invece di tenerle a casa...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you