Issuu on Google+

Associazione politico-culturale NERVIANO VIVA - www.nervianoviva.it - info@nervianoviva.it -volantino numero 1 - Gennaio 2007

Perchè un volantino... Da qualche mese a questa parte sentiamo sempre più cittadini che ci chiedono cosa stia succedendo a Nerviano e come mai non si sappia nulla di quanto "bolle in pentola". Probabilmente chi ci interpella si era illuso che la nuova Amministrazione Comunale avesse una marcia in più, ma siamo tutti comuni mortali, i rivoluzionari non esistono più e le acque dell'Olona continuano a scorrere placide, sempre che non piova troppo… Ma anche la normalità ha il diritto di essere raccontata, soprattutto se nasconde qualche sorpresa per i nervianesi e quindi ecco che, con un semplice volantino, Nerviano Viva vuole semplicemente fornire un'alternativa… al silenzio! Magari poi, come è già successo diverse volte negli ultimi tempi, diventiamo uno stimolo e chissà mai che qualcuno reputi opportuno riesumare il notiziario comunale, di cui tutti i nervianesi sentono la mancanza. Naturalmente sperando che non diventi un organo di regime. Comunque, sia chiara una cosa: il Villoresi non è un fiume e nella nostra impostazione non è previsto di sederci sulla riva ad aspettare… SP

Un anno di Nerviano Viva Sembra ieri, quando nove persone si sono riunite attorno ad un tavolo per mettere a confronto le esperienze passate e provare a proporre per Nerviano, non qualcosa di nuovo, ma qualcosa che mancava da tempo. Nei primi tempi, in vista delle elezioni comunali, decidemmo di mettere alcune nostre idee a disposizione di coloro che si fossero candidati a Sindaco. Lavorando però su questo progetto ci si è resi conto che quello che stava nascendo era un "vestito" su misura e che nessuno avrebbe indossato con la convinzione di chi lo stava

cucendo. Da qui la decisione di creare una lista civica, con tanta buona volontà e ambizioni limitate, ottenendo un rappresentante in Consiglio Comunale e di essere, ancorché all'opposizione, protagonisti nella vita politica di Nerviano. Ma Nerviano Viva va al di là dell'attività consiliare: ha inoltrato proposte per il futuro Piano del Governo del Territorio; ha messo a conoscenza dei cittadini di Garbatola il progetto di pista ciclo-pedonale lungo via Carlo Porta, esponendolo in piazza (visto che non lo aveva fatto l'Amministrazione

Comunale); segnala abusi e disfunzioni e avanza proposte concrete agli Amministratori. Nerviano Viva ha anche organizzato un riuscitissimo Concerto di Natale. Infine, ha preso corpo questo "volantino di informazione". E' passato un anno e non ce ne siamo accorti, entusiasti di quanto fatto e di quanto si sta progettando per il futuro. L'Associazione Nerviano Viva si ritrova tutti i giovedì alle 21.00 in via XX Settembre, 13 a Garbatola ed è aperta a collaborazioni, suggerimenti e iniziative sociali, culturali, sportive e ludiche. AL

Nasce Nervyoung, la Nerviano per i giovani E' appena passato un anno dal primo respiro di Nerviano Viva che già siamo pronti ad appendere un nuovo fiocco alla porta, lo facciamo con molto orgoglio ed una punta di emozione, come si conviene ad ogni nascita. Nasce NervYoung, benvenuta! NervYoung (unione delle parole "Nerviano" e "Young" giovane) è un'associazione giovanile guidata da ragazzi, studiata da loro per tutti i coetanei del ter-

ritorio. L'obiettivo è quello di trasformare una volta

per tutte il nostro paese in una città vivibile per chiunque, anche per i ragazzi che sempre più spesso vengono dimenti-

cati in bar e piazzette povere di iniziative. Animare il paese non vuol dire ostacolarne la vita di tutti i giorni, ma aggiungere elementi vivi ed attivi per tutti, nel rispetto di chiunque. Questo è il nostro intento e lo porteremo fino in fondo, aprendo occhi ed orecchie di fronte alle esigenze ed alle proposte di quelle persone che vogliono passare dalla parola all'azione, per creare qualcosa di concreto. UDA

“fatti non foste a viver come bruti, ma per seguire virtute e canoscienza” (Dante Alighieri - Divina Commedia - Inferno)


La faccenda Gesem non è chiara... Chi era presente all'ultimo consiglio comunale ha assistito ad uno spettacolo deprimente, con un centrosinistra che parla di confronto e partecipazione, ma che nei fatti, in quattro e quattr'otto, senza il minimo coinvolgimento delle minoranze e in barba alla tanto sventolata "decisione partecipata", ha liquidato l'adesione alla società Gesem legando Nerviano ad una sconosciuta s.r.l. sino al 2030. Surreale che a giustificare l'ingresso di Nerviano in Gesem S.r.l. ci fosse il Direttore Generale della società… nessuno meglio del massimo dirigente avrebbe potuto decantare le qualità di una società che invece - a detta di molti e non solo a Nerviano - convince poco e lascia intravedere un futuro incerto per i comuni soci. Palese è stata la difficoltà con la quale il centrosinistra ha tentato di difendere una

decisione che è stata unicamente del sindaco, che ha portato in consiglio comunale un accordo già sottoscritto il 17 novembre senza informare neanche la maggioranza del contenuto. L'entrata in Gesem significherà il completo smantellamento dell'ufficio tributi e la riduzione del settore ecologia ad un ufficetto che segue solo la potatura delle piante. Non è stata data una giustificazione plausibile del perché è stata scelta a priori questa società e non un'altra e la sensazione è che non si sia detto tutto… diversamente non si spiegherebbe l'ostinazione e la fretta con la quale è stata liquidata l'intera vicenda. E' vergognoso come è stato trattato il consiglio comunale. Ma questo è il metodo di amministrare del sindaco Cozzi a Nerviano. Il fatto che più è grave è stato l'abbandono dell'aula dell'intera

opposizione, che non ha partecipato al voto per protesta di fronte alla chiusura alle richieste di dare maggior tempo al consiglio comunale per approfondire la questione e acquisire maggiori elementi. Quindi continuiamo a non vederci chiaro e siccome prima sono stati presi accordi di nascosto dal Consiglio e poi si è accelerato, tutte le giustificazioni che vengono inventate ora puzzano di bruciato. Il sindaco parla di una "scelta strategica" e di Gesem che sarà la "cassaforte dei Comuni". Ma le frasi fatte e le scelte non giustificate non possiamo accettarle. A Babbo Natale lasciamo che continuino a credere i consiglieri della maggioranza. Mentre scriviamo veniamo a sapere che il Direttore Generale di Gesem si è dimesso… la perplessità diventa preoccupazione… SP

Vita in Comune Sono passati sette mesi dall'insediamento del nuovo sindaco e si dovrebbero già vedere gli effetti su Nerviano del cambiamento promesso dalla nuova amministrazione di sinistra. I primi due mesi sono passati in un lampo a causa del periodo estivo di vacanza…a settembre, anziché riprendere (?!?) a pieno ritmo, la macchina amministrativa è andata in stallo. I consigli comunali sono convocati solo per scadenze istituzionali obbligatorie (piano di diritto allo studio, piano socio assistenziale, presentati in ritardo e senza alcun apporto concreto

della maggioranza) e per la surroga di due consiglieri dimissionari. La giunta comunale prende le proprie decisioni senza informare il consiglio comunale (e il fatto da evidenziare è che non sono informati neppure i membri della maggioranza!). Le poche commissioni consiliari vengono convocate su pressione della minoranza. Si aspetta che partano i lavori per le modifiche dello statuto comunale e del regolamento del consiglio comunale; si aspetta che partano i lavori di adeguamento del regolamento edilizio e delle norme tecniche di

attuazione. Si aspetta di sapere quale sarà il futuro utilizzo dell'ex municipio (chiuso da tre anni) e dell'ex meccanica; stiamo aspettando che si "schiodi" l'ex Acli di S.Ilario. Si aspetta che vengano applicati i principi tanto decantati in campagna elettorale: DEMOCRAZIA, TRASPARENZA E PARTECIPAZIONE. Questa maggioranza si era spacciata per ultra-efficiente, in realtà sta solo andando "al traino" di ciò che già era impostato. Nel frattempo si aspetta… ma non si spera, perché chi vive sperando… AL


Ci sono ancora i ragazzi di una volta Lo spazio è poco, ma ci siamo stretti un pò per lasciare spazio anche a chi , con trasversale spirito di collaborazione, partecipa alle nostre iniziative o ci guarda con interesse. Per l'esordio abbiamo chiesto un contributo a Marco Verpilio, giovanissimo

Consigliere

Comunale di Forza Italia.

Ringrazio gli amici di Nerviano Viva che mi hanno coinvolto in questa stimolante iniziativa, fuori dal "politicamente corretto". Propongo una riflessione partendo dall'iniziativa che ho realizzato con un amico: l'organizzazione

di tornei di PlayStation, che hanno visto la partecipazione di oltre 60 ragazzi. Le serate si sono rivelate una giostra di emozioni e sensazioni alternate: la gioia di chi vince contrapposta alla rabbia di chi perde, il tutto condito da inevitabili sfottò, nella cornice del sano agonismo. Questa esperienza testimonia come i tanto vituperati giovani d'oggi sanno ancora divertirsi in modo genuino, senza per forza doversi "sballare". Evitando di scendere sul piano del moralismo, nel quale non mi ritrovo, vorrei sottolineare che i

La Ricetta: Ossibuchi alla Milanese Ingredienti: 4 ossibuchi di vitello (spessore circa 4 cm l'uno); 50 gr. di burro; Mezza cipolla; 1 cucchiaio di farina bianca; Mezzo bicchiere di vino bianco secco; 1 ciuffetto di prezzemolo; 1 spicchio d'aglio; 200 gr. di pomodori pelati; La scorza grattugiata di mezzo limone; Sale e pepe quanto basta. Preparazione: Far sciogliere il burro in un tegame e porvi gli ossibuchi passati nella farina. Far rosolare bene le due parti bagnando con il vino. Una volta asciugati aggiungere i pelati passati al setaccio, coprire e lasciar cuocere a fuoco lento per circa un'ora e mezza, rigirandoli spesso fino a quando la carne comincerà a staccarsi dall'osso, facendo attenzione che il sugo risulti piuttosto denso. Preparare quindi un trito di prezzemolo, aglio, scorza di limone, versarlo sugli ossibuchi e lasciarli sobbollire ancora cinque minuti. L'ideale è accompagnare questo piatto con qualche cucchiaiata di risotto alla milanese.

ragazzi d'oggi non sono poi così diversi da quelli di una volta; diversi sono solo i tempi. Quello che per i nostri nonni fu la "rella", è stato per i nostri genitori il "calcio balilla" ed è oggi per noi la "PlayStation". La società muta continuamente, grazie al progresso, alla moda, ambiti che ogni giorno ci forniscono beni da consumare rapidamente; non stupitevi dunque se i giovani hanno un taglio di capelli particolare, se portano orecchini o hanno tatuaggi, se ascoltano musica ad alto volume, o se rientrano tardi la notte. I giovani

sono sempre gli stessi, semplicemente si sono adeguati alle caratteristiche della società del terzo millennio: frenetica, stressante, eccessiva, fatta di relazioni on line e sentimenti in provetta. Quando sentirete ripetere che "non esistono più i ragazzi di una volta", consideratelo puramente un luogo comune che i nostri nonni hanno rivolto ai nostri genitori, che questi a loro volta rivolgono a noi e che probabilmente la nostra generazione rivolgerà a quelle future. I ragazzi di una volta esisteranno sempre…MV

Eventi passati e futuri Passati Il 29 ottobre è stato presentato agli abitanti di Garbatola il progetto della pista ciclopedonale e si è approfittato per allietare la mattinata con la distribuzione di caldarroste in piazza Don Musazzi. Il 22 dicembre si è tenuto presso la chiesa di S. Ilario un concerto di Natale organizzato con la collaborazione del Maestro Carlo Roman e di altri 7 artisti. Un pubblico numeroso ha assistito attentamente al concerto applaudendo l'ottimo programma presentato. Un ringraziamento particolare a Don Alberto che ha ospitato l'evento. Futuri Il 17 gennaio falò di S. Antonio (vedi riquadro)

17 Gennaio 2007 NervianoViva presenta:

‘VIVA LA TRADIZIONE!” serata in compagnia dello storico Falò di Sant’Antonio e del suo fido compagno, il vin brulè! Garbatola - via XX settembre ore 21.00

volantino stampato in proprio per uso interno - completamente riproducibile


Qui Sant’Ilario... E' morto il re! Viva il Re! Le amministrazioni cadono, si susseguono, cambiano colore politico, ma il vivere quotidiano resta. Sono passati sette mesi dall'insediamento del nuovo sindaco, ma nella nostra frazione (oso dire in tutto il territorio comunale) non ci si è accorti del cambiamento di rotta. Un punto fermo di tutti i programmi elettorali riguardava il problema Ecoter. Problema molto sentito a S.Ilario, tutti ci ricordiamo la notevole affluenza di pubblico alle assemblee svoltesi sotto il tendone della Proloco o nei locali della Parrocchia. I grandi manovratori di ieri oggi sono al governo, cosa stanno facendo? Di sicu-

ro c'è che la montagne di terra all'interno stanno lievitando giorno per giorno: forse è il caso di dire che "la montagna ha partorito il topolino”. La novità più rilevante ad oggi è data dai divieti di sosta che dal nulla sono comparsi in Via Garibaldi. Non so se gli esercenti dei pochi negozi siano stati preventivamente informati, se sono contenti di questa novità, so invece che in passato le scelte viabilistiche venivano discusse prima nelle assemblee pubbliche o nelle commissioni consiliari con lo scopo di coinvolgere il maggior numero di cittadini nelle s c e l t e dell'Amministrazione. Meditate gente, meditate… GLR

Qui Garbatola... Nel mese di gennaio partiranno i lavori per la nuova pista ciclabile che collegherà Garbatola con il cimitero della frazione e la S.P. 109; primo tratto di quello che sarà, una volta realizzata la rotatoria da parte della Provincia , il collegamento in sicurezza per pedoni e ciclisti fino a Nerviano. La ciclabile verrà realizzata con il contributo economico della Regione Lombardia, a seguito di quanto previsto con il PRG del 2002 ed un progetto partito nel 2003. La precisazione è d'obbligo, affinché si sappia chi ringraziare e affinché qualcuno non "millanti" i meriti che non gli spettano. I cittadini di Garbatola hanno avuto l'occasione

di vedere il progetto solamente il 29 ottobre 2006, quando Nerviano Viva lo ha esposto in piazza durante la castagnata organizzata per l'occasione. Le biciclette e i pedoni viaggeranno in sicurezza: la carreggiata delle auto sarà separata da un aiuola piantumata e verranno posizionate anche alcune panchine e il tratto sarà adeguatamente illuminato. Chi volesse vedere il progetto può rivolgersi all'Associazione Nerviano Viva, che prossimamente si farà promotrice per la realizzazione di altri tratti di ciclopedonale su tutto il territorio di Nerviano. Se volete collaborare, contattateci. MN


numero 1