Issuu on Google+

L’ a n g o l o d e l M e s s a g g i o

. . . a r u t n e v v a e n u Coinvolti nella com

Lettera del Ministro Regionale OFS, Matteo Claudione per le fraternità francescane secolari della Toscana

I

nizia la Quaresima, tempo di grazia e di perdono, tempo liturgico che ci prepara alle celebrazioni della Pasqua e ci invita a rinnovare il nostro impegno ad essere cristiani. Gli appuntamenti, gli affanni, le preoccupazioni ci fanno cadere, oggi più degli anni scorsi e ogni anno più degli anni precedenti, nelle abitudini trasformando la nostra vita esponendoci al rischio di dimenticare quanto sia straordinaria l’avventura nella quale siamo stati coinvolti da Dio. Con il rito dell’imposizione delle Ceneri, tutta la Chiesa Cattolica entra nel periodo penitenziale della Quaresima, tempo “forte” di preghiera e di digiuni, di deserto interiore e di conversione che ci conduce a rinnovare la nostra vita. Imponendo sul capo le Sacre Ceneri il celebrante ci dice oggi “Ricordati che sei polvere ed in polvere ritornerai” e “Convertitevi e credete al Vangelo”. Sono un richiamo alla verità dell’esistenza umana ed un invito a ricordare che siamo peccatori bisognosi di penitenza e di conversione. L’invito alla conversione è una spinta a ritornare a Dio, ad affidarsi a Lui. Non possiamo certo dimenticare che San Francesco dava particolare importanza alla Quaresima: si metteva in contemplazione del Creato ed entrava in un periodo fatto di digiuno, penitenza, preghiera, deserto interiore e meditazione, esortando tutti, soprattutto dando testimonianza, dando esempio. Cerchiamo di non sprecare questo tempo “forte”, anche questo influenzato dalle tante sollecitazioni consumistiche come succede per il Natale. Anche se siamo pressati dai nostri impegni, incalzati e quasi soffocati dal lavoro e dalle esigenze della nostra vita, cerchiamo di vivere in famiglia e con la famiglia questi giorni praticando insieme il digiuno e l’astinenza e, nei limiti delle possibilità e delle attività lavorative, cercando di partecipare ai momenti di preghiera programmati nelle nostre chiese e nelle nostre Parrocchie. Ed è bene dare esempio ai nostri bambini, ai nostri figli spiegando loro le scelte che si propongono: alcune coinvolgenti tutta la famiglia, altre specifiche per loro, come la rinuncia ad un dolce, ad una bibita, ad un gioco, ad una merendina superflua.

MEMO

Certo, viene quasi spontaneo sorridere leggendo tutto questo. Possono sembrare scelte di vita non attuali, magari inutili e banali, ma forse possono portare ad apprezzare i veri valori della vita, ad impostare una nuova vita, diversa dall’attuale, più essenziale. Sono scelte difficili, alla base delle quali deve esserci una famiglia solida nelle motivazioni, abituata a dialogare sia all’interno della coppia che con i figli. Ma proviamoci…. Chiediamo alla Madonna di accompagnarci in questo nostro cammino quaresimale perché sia cammino di vera conversione e di penitenza. Lasciamoci condurre da Lei verso la celebrazione del grande Mistero della Pasqua del Signore. La Quaresima 2014 possa essere l’inizio di un nuovo cammino che orti ognuno di noi a realizzare con la pratica quotidiana un tipo di vita migliore e, con la vicinanza dei fratelli che ci dona gioia e forza, perseverare nel cammino quotidiano di conversione. Il Signore ci benedica e ci accompagni in questi giorni di Quaresima. Un fraterno abbraccio ad ognuno di voi.

Pace e bene. Matteo

31-4Aprile:Frascati Eserizi spirituali Con Fr.Gianfranco Berbenni

Tema: La Fede nell’incontro di persone luoghi e testimonianze della Città Eterna

7-11Aprile: Montepulciano E s e r c i z i s p i r i t u a l i Fr.Piero Vivoli accompagnerà Studenti e Postnovizi verso la Pasqua


V i t a d i Fr a t e r n i t à

Dal

18 febbraio al 2 Marzo si sono incontrati presso la Casa di Postnoviziato e Studentato di Borgo S.Lorenzo i rappresentanti di tutte le case formative cappuccine dell’Italia, per continuare gli incontri preparatori della Convocazione fraterna nazionale, un evento a scadenza biennale che ormai da circa vent’anni vede riuniti tutti i Post-novizi e gli Studenti d’Italia che si incontrano per passare insieme un momento di fraternità e approfondire un tema di riflessione scelto di volta in volta. Quest’anno il tema della convocazione, che si terrà presso il santuario passionista di Mascalcia, alle falde dell’Etna, ha come titolo “Perché stessero con lui e per mandarli a predicare”, per riflettere insieme sempre attuale dell’evangelizzazione.

La gioia di incontrarsi con i fratelli

Gli Esercizi

con

D a n i e l A n ge

Dal 24 al 28 febbraio fr.Luigi Ruggiero, fr.Luigi Lorusso e fr.Marco

per condividere vita ed ideali

situazione sanitaria Sabato 15 Febbraio, mentre tornava da una riunione Scout nei dintorni di Firenze, Fr.Franco Di Sibio ha battuto violentemente la testa per una brutta caduta dalla bici. Il conseguente trauma cranico ed ematoma interno lo ha costretto ad urgente ricovero in Ospedale dove è rimasto per una settimana. Attualmente è ospite in Infermeria con la consegna di un mese di assoluto riposo. Dopo giorni di fortissimi mal di testa, la sua condizione è in evidente miglioramento. Anche Fr.Maurizio Granai è stato vittima di una caduta, con conseguente danneggiamento di alcune vertebre che lo hanno costretto per più giorni a sostegno rigido del tratto dorsale-cervicale.

ONOMASTICI di Marzo 26 Fr.Emanuele Aceto 15 Fr.Cesare Brandi 17 Fr.Patrizio Baldini 30 Fr.Amedeo Ferretti, 19 Fr.Giuseppe M.D.Giudice Fr.Amedeo Senesi 26 Fr.Emanuele Garofalo,

Auguri A nniversari

12 Valentino Vuga 65° di Sacerdozio 18 Silvio Fedi compie 80 anni 23 Valentino Vuga compie 90 anni

Bernardi hanno partecipato al Corso di Esercizi Spirituali organizzati da Don Gianni Castorani di Jeunesse Lumière (Sentinelle del Mattino di Pasqua) presso la Casa di Esercizi Spirituali all’Eremo di Lecceto. Animatore di eccezione Daniel Ange (tutti nella foto). Agli esercizi hanno partecipato quindici sacerdoti e un diacono, provenienti dal nord Italia e dalla Diocesi di Firenze.

Fr.Bernardo Mons. Gremoli è stato colpito da un virus intestinale che lo ha destabilizzato notevolmente e dal quale non si è ancora completamente rimesso. Fr.Andrea Pighini, venuto in Infermeria per accompagnare i Postulanti de Le Celle a fare la settimana di servizio presso i nostri confratelli infermi, si è ritrovato, suo malgrado bloccato, a causa della sua malferma salute. Dovrà ricuperare con qualche giorno di riposo. Fr.Giacomo Carlini, a metà mese, è stato sottoposto ad un intervento di colicistictomia in laparoscopia, conseguente al malore che lo colpì durante le feste natalizie. Da bravo ultraottantenne, dopo tre giorni era già in Archivio al suo lavoro! A fine mese fr.Lamberto Tozzi è stato ricoverato a Careggi per asportazione di un polipo vescicale, che gli stava causando notevoli fastidi. Già in convento, prosegue una riservata convalescenza.

Dal Diario del Ministro Provinciale CaLEN DARIO DI Marzo ...01: Arcidosso: Visita pastorale 03-04 Montughi: 23ma Riunione del Consiglio Provinciale 10-16 In Tanzania con Fr.Francesco Borri: Visita fraterna a Fr.Egidio Guidi, ricoverato in ospedale a Dodoma e ai confratelli missionari. 17-21 S.Giovanni Rotondo: Assemblea Unione Ministri Provinciali della Famiglia Francescana e Assemblea CimCap. 24-28 B.S.Lorenzo: Visita pastorale 31-4/4 Cortona: Visita pastorale N.B. Anche nel mese di Marzo, previo accordo con i Guardiani per la data, gli orari e le modalità, il Segretario e l’Economo Provinciale si recheranno nelle Fraternità per la Visita dell’Amministrazione fraterna, contestuale alla Visita Pastorale, svolta dal Ministro Provinciale.

2


Alle radici di un 50° a cura di Fr.Giacomo Carlini

L

La Missione di Tanzania

a “Provincia Toscana dei cappuccini” ha celebrato, nel 2013, il 50mo della sua ultima Missione: Tanzania. Anche se è stata una celebrazione più tanzaniana che cappuccina toscana, ci è sembrato utile riprendere in mano la bella storia, che 50 anni fa la nostra Provincia visse con slancio e francescano impegno. Risaliamo, così, al 1959, quando il Ministro Provinciale, P.Basilio Tosi da Baggio (1913-1978), accompagnato dal giovane Segretario per le Missioni, P.Bernardo Gremoli, compì la visita alla storica missione di Agra (India). La visita rivelò il lento esaurirsi di quella missione sia per la crescita del clero locale e sia, soprattutto, per la nuova legislazione civile, negativa verso l’emigrazione missionaria. La Provincia Toscana rischiava di trovarsi senza una sua missione. S’impose, pertanto, la ricerca di un nuovo campo di lavoro missionario. La presenza a Dar Es Salaam di un confratello, cappellano degli italiani, fece pensare all’Africa e precisamente all’allora Tanganyka. Anche se c’erano già i confratelli svizzeri, ci poteva essere un posto anche per i Cappuccini toscani! E così fu. Provvidenziale si rivelò l’incontro con il Vescovo missionario passionista, Mons. Geremia Pesce (1908-1971), che reggeva la Diocesi di Dodoma e cercava missionari. Fu felice di accogliere i Cappuccini toscani e affidò loro una zona ben distinta nella sua Diocesi: zona missionaria di Mpwapwa. Superate alcune difficoltà, nel frattempo sorte in seno al Definitorio Generale dei Cappuccini, finalmente veniva accolto il ricorso del Ministro Provinciale e il 27 Marzo 1963 veniva dato l’assenso richiesto. Il Ministro Provinciale ed il Segretario per le Missioni si erano mossi sui risultati di una lunga visita nel territorio offerto, che si era protratta dal 2 Gennaio al 5 Marzo di quell’anno. Al ritorno, quando scesero dalla nave, a Genova, erano felici! Il 28 Marzo 1963 la Congregazione di Propaganda Fide dava il suo assenso ad una intesa conclusiva di collaborazione tra la Diocesi di Dodoma e la Provincia Toscana dei Cappuccini. Il colloquio fu ripreso nei giorni seguenti, in occasione di una visita a Montecasale di Mons. G. Pesce. I protagonisti, nel silenzio dell’antico Eremo, in fraterno colloquio lungo la strada interna sterrata, suggellarono definitivamente gli accordi raggiunti. Nasceva la Missione Tanzaniana dei Cappuccini toscani. Protagonisti Mons Geremia Pesce, Vescovo di Dodoma, P.Pancrazio Poli, Ministro Provinciale e P.Bernardo Gremoli, Segretario Provinciale per le Missioni. Entrò subito in azione il Segretariato Provinciale per le Missioni, diretto da P.Bernardo Gremoli, che, d’altra parte, aveva avuto parte diretta in tutti i precedenti atti, in stretta collaborazione con i Superiori. Il gruppo dei primi cinque missionari era già pronto; per la loro preparazione linguistica si fece venire a Montughi un missionario passionista, esperto in lingua swahili. Il 02 Giugno 1963, solennità di Pentecoste, nella chiesa dei Cappuccini di Firenze, durante una suggestiva celebrazione del mandato, fu consegnato loro il Crocifisso. Si imbarcarono il 06 Giugno seguente a Venezia. L’08 Dicembre 1963, presero ufficialmente possesso del campo di lavoro loro assegnato. La missione era partita. Nei decenni successivi molti altri confratelli affiancheranno e amplieranno il lavoro iniziato. Nel consegnare alla storia i 50 anni celebrati, non possiamo fare altro che dar lode al Signore ed ammirare i tanti frutti raccolti. Con la morte di P.Alessandro Merighi (nel Dicembre scorso), unico testimone dei giorni iniziali resta lui, P.Egidio Guidi, che, con la sua instancabile ed operosa presenza, ha continuato a scrivere fino ad oggi pagine preziose di questa bella storia, ma che, stando alle notizie di questi ultimi giorni, piuttosto allarmanti sulla sua salute, sembra voglia concludere la sua ultima pagina. Nella foto: P.Egidio Guidi, uno dei primi cinque, il giorno della consegna del Crocifisso.

Pasto ra l e G i ova n i l e Vo c a z i o n a l e

Per ragazzi e ragazze dai 18 ai 35 anni I weekend vocazionali

In cerca di Te...

presso il

Convento di Borgo S.Lorenzo

prossimo appuntamento: 29-30 marzo Per informazioni

Centro Pastorale Giovanile Vocazionale (PGV) di Borgo San Lorenzo (Fi): Tel. 055.8459385, e-mail: toscana.cpgv@fraticappuccini.it oppure: fr.Marco Bernardi cell. 346.6242401 su Facebook e su Twitter

Inoltre sul sito:

www.suisuoipassi.org E’ disponibile un commento video al Vangelo festivo,

Tre minuti di...

offerto da un frate cappuccino, che si rende disponibile per questo servizio. Per informazioni dettagliate sulla

SC U OLA D I P R E G H I E RA a Le Celle di Cortona

vedi il sito: info@lecelle.it - www.lecelle.it o rivolgersi a: Eremo “Le Celle” 52044 Cortona (Ar) tel. 0575-603362

PROPOSTA TAU ha compiuto 30 anni

L’inserto redazio-

nale della Pastorale Giovanile Vocazionale dei Frati Minori Cappuccini Toscani ormai da 30 anni offre ai giovani (ma non solo) degli spunti di riflessione su Dio, la fede, ma anche sulla vita e le scelte da compiere per realizzarla; un modo diverso per conoscere i frati cappuccini della Toscana e le iniziative sulla loro attività pastorale svolta nell’arco dell’intero anno. Oggi, nell’epoca di internet, è coadiuvato dal sito www.suisuoipassi.org che svolge la stessa funzione in rete. Il formato cartaceo tuttavia, aggiornandosi nei decenni trascorsi, sia nella grafica che nel formato, visita puntualmente, tramite posta, i nostri cari benefattori, ai quali va tutta la nostra gratitudine per la loro fedeltà e generosità. La spedizione, insieme all’almanacco annuale “Fra’Pace e Bene“ è curata con diligente fedeltà, da un piccolo gruppo di volontarie presso la storica Redazione di Poppi, che, da anni, offrono questa preziosa collaborazione. A loro e a tutti coloro che curano la distribuzione manuale nelle varie realtà ecclesiali, va il nostro grazie fraterno.

3


Arte e devozione nei conventi dei frati cappuccini toscani

S

A cura di Fr.Giacomo Carlini i presenta come una “maiolica policroma” a forma leggermente rettangolare a basso ed alto rilievo.

Madonna del Rosario

La Madonna è seduta su di un basamento gialloverde-bruno di manganese, la testa inclinata verso il visitatore; la mano destra è distesa in basso a porgere il rosario, mentre la sinistra cinge il bambino, vestito solo di un lembo di panno, in atto benedicente. Il mantello ed il turbante della Vergine sono in blu cobalto; la veste gialla e decorata da fiorellini stilizzati in verde e in blu. Ai due angoli in alto, fra le nubi giallo-azzurro, spiccano delle testine di angeli; ai due lati in basso due piante di fiori stilizzati in verde, giallo e blu cobalto. Risalente alla fine del sec. XVIII - primi decenni del XIX, si tratta di un prodotto della prestigiosa “Manifattura Ginori di Doccia” (presso Sesto Fiorentino FI), che, tra le miriadi pregiatissime opere in maiolica e porcellana, che hanno arricchito il mondo aristocratico di tutta Europa, ha anche fornito graziose immagini devote, piuttosto frequenti nei nostri conventi di Toscana. La critica la ricollega alla Madonna che allatta il Figlio, modellata da Giuseppe Bruschi, figlio del più noto Gaspero, nell’ultimo decennio del sec. XVIII. Al presente fa parte della raccolta di opere d’arte di Montughi, dopo varie collocazioni all’interno dello stesso convento.

maiolica policroma - cm 51x44 Manifattura Ginori (sec. XVIII-XIX)

Movimento francescano della toscana Corso di Francescanesimo

I

A cura di Fr.Luca M.De Felice

l Corso di Francescanesimo che abbiamo appena terminato al Convento dei Frati Minori, in Piazza Savonarola, è stato esaltante, istruttivo, nuovo. Sicuramente esaltante è stato vedere la serietà delle persone che vi hanno partecipato: il sacrificio di riservarsi un sabato pomeriggio intero (ad esempio, cambiando turni di lavoro; pagando somme un po’ troppo elevate di parcheggio etc.) e, anche, l’entusiasmo di poter condividere la propria spiritualità con persone di diversa estrazione, provenienza, cultura (suore, frati, terziari, consacrati laici, insegnanti etc). Certamente è stato istruttivo: i professori intervenuti, provenienti da varie Facoltà, con la semplicità e brevità di discorso, hanno fatto sì che la prima parte di questo Corso (cioè il I° anno, fondamentalmente storico), sia stata per tutti una base per trasmettere il carisma senza confusione. Ma è stato un corso nuovo, non solo perché così organizzato e sponsorizzato non era mai stato fatto, ma perché tutto è stato registrato e messo su internet, affinché tutti possano rivederlo o seguirlo per la prima volta (diventando, così, un documento per il futuro). Il corso ha un ultima lezione: il 5 Aprile ad Assisi, si vivrà una lezione-visita sulla città di Francesco: verranno fatte delle brevi lezioni di informazione sulla città, una lezione sugli affreschi nella Basilica e una lezione sulla Porziuncola e sul museo. Pregate per noi. Pace e bene a tutti.

Per informazioni: www.mofratoscana.it - mofratoscana@gmail.com - su Facebook: Movimento Francescano Toscana

S cuola di E vangelizzazione A scuola d’Amore presso il Convento di Ponte a Poppi

D

all’estate di due anni fa, per iniziativa dei nostri confratelli Fr.Luigi Ruggiero e Fr.Luigi Lorusso, posti al servizio dell’annuncio della Parola, è stata costituita la Scuola di Evangelizzazione Sant’Andrea (metodo SESA) presso il Convento dei Frati Cappuccini di Ponte a Poppi (AR). L’obiettivo a cui mira la scuola è evangelizzare e formare nuovi evangelizzatori, in modo tale che essi stessi diventino a loro volta testimoni attivi di Gesù risorto nel proprio contesto quotidiano, familiare, lavorativo, ecc. Gli incontri, curati da animatori specificamente formati, si svolgono nel fine settimana, dal venerdì pomeriggio alla domenica sera. In essi si cerca di creare una comunione totale con Dio e con il prossimo, attraverso una catechesi, la preghiera, la riflessione personale e comunitaria, il dialogo e la gioia di vivere insieme agli altri. Tutti possono partecipare: giovani, adulti, famiglie con figli (è previsto il servizio baby-sitter), religiosi, sacerdoti, non oltre le cinquanta persone. Il percorso formativo è articolato in tre fasi: 1) Scoprire Dio, la sua presenza, il suo amore; 2) Imparare a vivere da discepolo; 3) Imparare a trasmettere il messaggio del Vangelo. L’ appuntamento prossimo: 4 - 6 Aprile: Corso vita nuova: conosci l’amore di Dio? Per informazioni: luigiruggiero2@gmail.com - fragigi74@libero.it. Oppure telefonare: 339.3464666 e 320.4762147 Per contattare la Redazione Fra Noi Telefono: 0 5 5 - 4 6 . 2 4 7 7 4 E-mail: firenze.curia@fraticappuccini.it A t t e n d i a m o n ot i z i e da l l e f r at e r n i t à

4


Fra noi 3 marzo 2014 a4