Page 1

Shanghai New Towns: searching for community and identity in a sprawling metropolis Harry den Hartog, Li Xiangning, Jiang Jun, Laurence Liauw, Mari Fujita, Marijn Nieuwenhuis, Zhou Jing Edited by Harry den Hartog Photography by Richard Rowland, Chen Taiming Designed by Studio Joost Grootens English/Chinese 416 pp / 240 x 170 mm / paperback ISBN 978 90 6450 735 9 010 Publisher, the Netherlands, 2010

English version One of the main impact of the high speed economic growth in China is the structure of urbanization and the resettlement of the balance between metropolis and rural areas; in this book (written in English and Mandarin) published by the Dutch publishing 010, Harry den Hartog produces the results of a collective research about policies development and urban planning actions in Shanghai in the last and next decades. In 2001 Chinese governement launched a urban development strategy called “One City, Nine Towns Development Plan”, that overcomes the main role of metropolis and instead develops a multi-cenered approach. This model defines the creation of urban structure with ten new cities, one middle size city surrounded by nine towns, and aims to avoid the urban sprawl benefiting instead a more soft urbanization spread in separated but interconnected economic district. The research tells the story of the plan development in the Shanghai area, and it documents the current processes and actions to build these new towns, using maps, photography collections and chapters about the new chinese urbanism, the rural areas transformation and the analysis of the communities involved in such processes. The book is a collective production of writers, urban planners and photographers, both chinese then europeans; den Hartog edited the publications and contributed with essays that has been inspired by several years of experience and projects in Shanghai. He tells us the story of the chinese experiment in the direction of new practices of “Better city better life”; during the Expo 2010 Shanghai promised to show new possible shapes for the city of the future, and indeed the chinese model aims to be a concret solution for new form of urbanism, in order to reduce the pressure of development on the metropolis and to extend the economic benefits to periurban areas. Some of the characteristics of this model, as well as the implementation details are clearly shaped, and in the first part of the book they are accurately described. Several thematic cities that refer to western style aesthetic patterns has been designed, aiming to achieve organic and recognizable characters (an italian city, a spanish one, german, dutch and scandinavian, and a Thames city are currently being developed). European and North American architects participate to all the project teams. Other cities are based on functional and strategic criteria for the economy of the region, as for example a city built according to ancient and traditional aesthetic, an harbour city, the ecological city and that one that surround the automotive industry district, where also the racetrack has been installed. These model are not fully innovative from the point of view of the design concept, but surely they innovate in the way they are applied to the chinese specific context, and represent a hybrid model between the statal planning and the market driven development. As an unique


aspect, these new city promise to be completely self-sufficient, they won't to represent a reduction of the metropolis lifestyle and environment but should suggest to the potential citizens (and if they are successfull, concretely provide to them) comprehensive and satisfying lifestyles. In particular, and this is definitely not easly assumed in chinese cities, all of these projects take into account the role of public and open spaces, and a lot of greenery. The book deeply analyze these processes through several case studies description, pointing out the success of some of the new communities, as well as the failures of actual ghost or incomplete cities. Indeed the most interesting theme of the book is to join this analysis with a wide interpretation about the spatial, cultural and social impact and the meaning of such urban planning model. The project described make a breakthorugh changing in the traditional design of the city in China, but at the same time they try to preserve and reinterpret that features connected to the local spirit of communities. To design thematic cities means to build also a immaterial story that facilitate participation and feeling of inclusion by the new citizens; the public space is surely one of the central element of the design strategy. So the main issues of the new towns is the process of community setting-up, and the construction of identity starting from a non-existent social structure; beyond the urban planning specific problem, then the book underlines issues and experiments related to the process of designing communities. This topic is tackled through rich and thick documentation, that describe the context with detailed references as well as accurate design and project documentation . Moreover, several sections of the book are fully based on photographic essays that even in a more detailed way are able to describe the New Town research context, and help in visualizing and picturing the urban transformation. The detailed documentation renders the book as an effective portrait of the difficulties of the different disciplines and stakeholders involved in such kind of urban development, from politicians to planners and technicians, to the citizens or the still missing citizens, and their challenge to act in this material and immaterial complexity framework.

Testo Italiano Uno degli impatti macroscopici della rapida crescita economica della Cina è la struttura dell'urbanizzazione dei territori e il riassestamento dell'equilibrio tra le metropoli e le aree rurali; in questo volume (in inglese e cinese) pubblicato dalla casa editrice olandese 010, Harry den Hartog presenta i frutti di una ricerca collettiva che analizza lo sviluppo delle politiche e dei progetti urbanistici di Shanghai nell'ultimo e nel prossimo decennio. Nel 2001 il governo cinese ha promosso una strategia di sviluppo urbano denominata “One City, Nine Towns Development Plan” che rinuncia alla centralità della metropoli, e sviluppa invece un approccio basato sui molti centri. Il modello consiste nella creazione di strutture con dieci nuove città, una di medie dimensione circondata da nove città più piccole, con l'intenzione di evitare lo sviluppo incontrollato della metropoli a favore di una urbanizzazione più morbida distribuita all'interno di aree economiche distinte ma tra loro interconnesse. La ricerca racconta lo sviluppo progettuale di questo piano a Shanghai, documentando i processi e le implementazioni attualmente in corso in queste nuove città attraverso raccolte fotografiche e di mappe, e con capitoli sui temi del nuovo urbanismo in Cina, della trasformazione delle campagne, e dell'analisi delle comunità coinvolte in questi processi.


Il libro è una produzione collettiva di scrittori, urbanisti e fotografi cinesi ed europei, di cui den Hartog ha curato l'edizione e a cui ha fornito alcuni contributi concettuali derivati da molti anni di esperienza e pratica progettuale a Shanghai. Ci racconta la sperimentazione della Cina alla ricerca di nuove pratiche di “Better city better life”; la promessa di Shanghai all'Expo era quella di mostrare una forma possibile di città del futuro, il modello cinese infatti si presenta come una proposta concreta di nuove forme di urbanismo, con l'obiettivo di alleviare l'enorme pressione sulla città ed estendere la condivisione dei benifici economici ai territori della periferia metropolitana. Alcune caratteristiche di questo modello di sviluppo e dettagli dell'implementazione sono chiaramente riconoscibili, e sono accuratamente descritti nella prima parte del libro. Sono state progettate città tematiche costruite a imitazione di modelli architettonici ed estetici occidentali, in grado di esprimere caratteri omogenei e facilmente riconoscibili (sono in corso di realizzazione una città spagnola, italiana, tedesca, una inglese, olandese, scandinava). A tutte le squadre di progetto hanno partecipato anche architetti dal nordamerica e dall'europa. Altre si basano su strutture più funzionali e strategiche per l'economia e il territorio, come la costruzione di città dall'estetica antica, la città del porto, la città ecologica, quella costruita attorno alle industrie dell'automobile dove ha sede anche l'autodromo. Per quanto i modelli implementati non siano completamente innovativi da un punto di vista progettuale è certamente nuovo il modo in cui sono stati inseriti nel contesto cinese, dando luogo ad un modello ibrido tra la tensione di una pianificazione statale spinta dall'alto e uno sviluppo orientato al mercato. Un aspetto unico di queste nuove città è la promessa di essere completamente auto sufficienti, non devono rappresentare un distaccamento in termini riduttivi dalla metropoli ma suggerire (e in caso di successo, offrire) ai potenziali cittadini delle complessive e sodddifacenti opzioni di vita. In particolare, cosa non ovvia per la città cinese, in questi nuovi progetti c'è parecchio spazio, e molto verde. Anche attraverso la descrizione di casi studio di alcune di queste città, dei successi delle nuove comunità e dei fallimenti delle comunità fantasma o rimaste incompiute, il libro analizza profondamente questi processi. Ne deriva l'aspetto più interessante del testo: soprattutto dare a questa analisi una interpretazione che tenga conto dell'impatto e del significato spaziale, culturale e sociale dell'applicazione di questo modello urbanistico. I progetti descritti rivoluzionano i modi tradizionali di vedere la città cinese, ma allo stesso tempo cercano di preservare e reinterpretare caratteristiche legate al senso di comunità. Progettare città tematiche significa anche cercare di costruire una storia in cui si possano ritrovare tutti i partecipanti e abitanti; e lo spazio pubblico è sicuramente uno degli elementi che vengono maggiormenti rivalutati dal progetto. La questione centrale dietro alle nuove città è infatti quella della costruzione di comunità, e di una identità della comunità, senza che ci sia nessun tessuto sociale da cui partire; al di la quindi del problema progettuale urbanistico, il libro evidenzia questioni ed esperimenti del come si progetta una comunità. La tematica viene affrontata con una documentazione ricca, e descrive il contesto con dettagliate referenze storiche oltre che accurata documentazione di progetto. Inoltre alcune sezioni sono interamente basate su capitoli fotografici che raccontano in maniera ancora più precisa il contesto di ricerca delle New Towns, e aiutano nell'immaginare, nel visualizzare la trasformazione. L'apparato documentale rende il libro un ritratto delle difficoltà e della sfida delle diverse discipine coinvolte, dai politici agli sviluppatori, ai pianificatori, agli abitanti o agli abitanti che non ci sono ancora, nell'agire su questo terreno della complessità.


shanghai new towns  

The book is a collective production of writers, urban planners and photographers to destribe Shanghai New Towns.

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you