Issuu on Google+

soluzioni avanzate per la sicurezza ambientALE

analisi chimiche consulenze AMBIENTALI bonifiche di siti contaminati costruzione discariche TRATTAMENTO e smaltimento rifiuti

Brochure_ambiente_V4.indd 1

20/03/13 10.34


IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI

LE RICHIESTE LE RISPOSTE LE SOLUZIONI Il gruppo Bertoli Ambiente comprende oggi due discariche costruite secondo le norme più restrittive in materia di trattamento rifiuti, per rispondere ad un’esigenza che diventerà sempre più critica in futuro. Investendo su tecnologie e sistemi di gestione avanzati, il gruppo Bertoli Ambiente si propone oggi come una realtà di riferimento nel settore, anche mediante un impianto di trattamento che va a diminuire l’impatto ambientale dei rifiuti trattati.

Soluzioni avanzate per la sicurezza ambientale

Bonifica di siti contaminati

Smaltimento definitivo

Costruzione discariche

Trattamento rifiuti

Gestione amministrativa e commerciale

2 Brochure_ambiente_V4.indd 2

20/03/13 10.34


SMALTIMENTO DEFINITIVO Inerteco è autorizzata all’esercizio di una discarica per rifiuti non pericolosi e pericolosi stabili e non reattivi, non putrescibili, ed aventi caratteristiche conformi a quanto previsto dal D. L.vo 36/03. L’impianto è situato in provincia di Verona è in grado di accettare i fanghi provenienti dal trattamento delle acque reflue industriali, sia in conto proprio che in conto terzi, fanghi ceramici, fanghi da trattamenti galvanici, residui da sabbiatura, terre da bonifica, etc.. Tutti i rifiuti conferiti vengono scaricati in appositi box di prestoccaggio, per essere sottoposti a campionamento ed analisi. Eventuali rifiuti non conformi vengono resi al produttore. Inerteco effettua un costante monitoraggio delle acque dei piezometri che intercettano la falda

Pro-In è una discarica autorizzata per rifiuti non pericolosi, non putrescibili, con caratteristiche conformi al D. L.vo 36/03. L’impianto è sito in Provincia di Verona ed è in grado di accettare i fanghi provenienti dal trattamento delle acque reflue industriali, sia in conto proprio che in conto terzi, fanghi ceramici, residui da sabbiatura, terre da bonifica, etc. L’impianto nasce da un progetto di recupero ed ampliamento volumetrico di una ex discarica 2B in fase di

sottostante sia a monte che a valle dell’impianto. Il rischio di inquinamento è tuttavia ridotto al minimo dal particolare pacchetto costruttivo della barriera di base, che garantisce un tempo di attraversamento di 1.300 anni. Il percolato viene captato attraverso una rete dedicata di raccolta, immagazzinato in silos in vetroresina, e smaltito presso centri esterni autorizzati. Le emissioni gassose sono praticamente assenti, non ritirando la discarica rifiuti putrescibili che possono produrre esalazioni fastidiose. I gas in uscita ai diversi pozzi di estrazione sono analizzati con cadenza mensile. L’impianto di discarica è certificato ai sensi della normativa ambientale come UNI-EN ISO 14001:2004 ed ai sensi della normativa sulla qualità come UNI-EN ISO 9001:2008 e risulta anche inserito nelle categorie 9C e 8F di cui all’Albo dei Gestori Ambientali.

post-gestione. Tutti i rifiuti conferiti vengono scaricati in appositi box di prestoccaggio, per essere sottoposti a campionamento ed analisi. Eventuali rifiuti non conformi vengono resi al produttore. Pro-In effettua un costante monitoraggio delle acque dei piezometri che intercettano la falda sottostante, sia a monte che a valle dell’impianto; il percolato viene captato attraverso una rete dedicata di raccolta, immagazzinato in silos in vetroresina e smaltito presso centri esterni autorizzati. Le emissioni gassose sono assenti, in quanto la discarica non ritira rifiuti putrescibili che possono produrre esalazioni fastidiose.

3 Brochure_ambiente_V4.indd 3

20/03/13 10.34


BONIFICA SITI CONTAMINATI Il recupero funzionale di aree industriali dismesse e di siti inquinati sta diventando uno degli aspetti più interessanti per una nuova valorizzazione del territorio. Inerteco possiede tecnologie e knowhow che hanno permesso l’esecuzione di interventi di riqualificazione di ampie porzioni di territorio degradato. Il recupero ambientale passa attraverso le fasi della caratterizzazione preliminare, della

individuazione

delle

fonti

di

inquinamento e della definizione della migliore tecnologia da utilizzare per il risanamento del sito, tecnologia che può essere sia in situ sia ex situ. Inerteco è iscritta all’Albo dei gestori ambientali alla categoria 9 per l'attività di bonifica ed è certificata ai sensi della normativa ambientale come UNI-EN ISO 14001:2004 ed ai sensi della normativa sulla qualità come UNI-EN ISO 9001:2008.

4 Brochure_ambiente_V4.indd 4

20/03/13 10.34


Caratterizzazione e progettazione preliminare. Una corretta gestione dei siti contaminati prevede inizialmente la caratterizzazione

del sito per identificare gli eventuali stati di contaminazione del suolo e del sottosuolo, determinare l’estensione dell’inquinamento e raccogliere gli elementi necessari alle successive attività di progettazione e realizzazione degli interventi di bonifica. La caratterizzazione del sito passa attraverso le seguenti fasi: 1. screening di tipo documentale: consiste nell’analisi storica del sito oggetto di intervento e nella raccolta ed analisi dei dati ambientali specifici; 2. individuazione fonti di inquinamento: consiste nella ispezione visiva del sito e nella raccolta di campioni da sottoporre ad analisi chimica; 3. definizione geologia ed idrogeologica del sito: consiste nell’effettuazione di analisi dirette ed indirette su terreni, acque sotterranee ed altre eventuali componenti ambientali, evidenziando situazioni di vulnerabilità; 4. definizione del modello concettuale: consiste nell’identificazione della fonte di inquinamento, della sua propagazione e nella stesura di un modello concettuale relativo alla contaminazione in essere. Successivamente vengono identificate le possibili tecniche di risanamento applicabili. 5. progetto preliminare: consiste nello studio di fattibilità delle diverse tipologie di intervento e nella individuazione di quella che meglio si adatta al sito in esame, in base a considerazioni di tipo tecnico, economico e logistico. 6. progetto definitivo: consiste nell’illustrazione del tipo di intervento prescelto, con indicazione di attività, tempi, costi, etc.

TRATTAMENTI EX-SITU: IMPIANTO DI INERTIZZAZIONE Le tecnologie di trattamento ex-situ consistono nella rimozione del terreno contaminato e nel trattamento in un impianto mobile situato nel sito o presso un centro esterno opportunamente attrezzato. In tale maniera, il terreno inquinato subisce un trattamento di decontaminazione ed una preselezione per ridurre la frazione da trattare. Si evita così di trasportare materiale potenzialmente pericoloso, e si riducono i costi di intervento. L’impianto mobile di inertizzazione di Inerteco ha lo scopo di ridurre entro i limiti di legge il rilascio di sostanze inquinanti, in particolare i metalli tossici, attraverso tre meccanismi: 1. riduzione della superficie specifica del rifiuto esposta ad agenti esterni, quali le acque piovane; 2. riduzione della mobilità dell’inquinante attraverso la immobilizzazione in una matrice impermeabile basata sulla tecnologia della presa del cemento; 3. trasformazione degli inquinanti tossici in forme non tossiche, attraverso la loro speciazione chimica. L’impianto è completamento contenuto all’interno di 2 cassoni scarrabili standard, posto in depressione e totalmente chiuso. L’aria aspirata viene trattata in apposti filtri per evitare la dispersione di polveri. Il rifiuto inertizzato è inviato allo smaltimento in discarica, al riutilizzo, oppure interrato nuovamente nel sito, secondo gli usi consentiti dalla legge.

5 Brochure_ambiente_V4.indd 5

20/03/13 10.34


COSTRUZIONE DISCARICHE Inerteco è in grado di progettare e costruire discariche controllate per lo smaltimento dei rifiuti sia pericolosi che non pericolosi ed è per questo in possesso dell’attestazione SOA OG12 classe V. La discarica tipo di Inerteco per Rifiuti Non Pericolosi (RNP) viene realizzata sopra una barriera di base con portanza di almeno 250 Kg/cm2, ed è costituita da almeno due semistrati di 0,5 m di argilla a bassa permeabilità (k<10-9 m/sec), con interposti teli in HDPE saldati a doppia pista e teli bentonitici, ottenendo un pacchetto che garantisce un tempo di attraversamento minimo di 1.300 anni. Tra i vari semistrati vengono realizzati dei pozzi di ispezione per verificare che non vi sia perdita accidentale di percolato dal fondo. Sul fondo della discarica vengono adagiati dei tubi fessurati per drenare l’acqua piovana che ne ha attraversato lo strato e che ha portato in soluzione degli inquinanti (=percolato). Il percolato è inviato mediante pompe sommerse autoadescanti ad appositi silos di stoccaggio; da qui viene inviato ad impianti di trattamento autorizzati. Il fondo è realizzato a più falde, con pendenza verso un lato dove è posizionato il pozzo di raccolta ed estrazione del percolato. Nel caso nella discarica siano smaltiti rifiuti putrescibili, vengono inseriti nella massa dei rifiuti stessi dei pozzi di estrazione di bio-gas, che possono venire collegati tra loro per il convogliamento del bio-gas a motori per la produzione di energia elettrica o a fiaccole di combustione. La discarica di Cà Bianca, costruita da Inerteco, è stata dichiarata dalla regione Veneto “più cautelativa per l’ambiente rispetto alla normativa vigente”. A coltivazione terminata, la discarica viene sigillata mediante realizzazione di un pacchetto di copertura composto da strati di ghiaia, argilla e terreno vegetale per un totale di 2,5 metri, così da assicurane l’impermeabilità; la superficie viene piantumata a verde.

6 Brochure_ambiente_V4.indd 6

20/03/13 10.34


INFORMAZIONI COMMERCIALI

Commerciale Ambiente si occupa della commercializzazione di tutte le tipologie di rifiuto oggetto di smaltimenti industriali, garantendo il corretto smaltimento definitivo sia delle discariche del gruppo sia di altri impianti in conto terzi. Commerciale Ambiente si occupa inoltre anche della gestione commerciale di siti inquinati, provvedendo direttamente alla fase di bonifica di terreni, di suoli, di dismissione di impianti, di attività di inertizzazione dei fanghi e dei terreni con impianti fissi e mobili, sia per rifiuti solidi che liquidi, e con impianti di centrifuga e di vagliatura. Commerciale Ambiente è iscritta all’Albo Gestori Ambientali nella categoria 8B.

SEDE AMMINISTRATIVA UNICA Via Copernico, 21 - 37135 Verona Tel. +39 045 8250003 • Fax +39 045 8210460 Email: amministrazione@bertoliambiente.it

COMMERCIALE AMBIENTE S.R.L. Info: commerciale@bertoliambiente.it C.F. e P.IVA 03730260233 • C.C.I.A.A.VR - REA 361037 Cap. Soc. € 50.000,00 i.v. INERTECO Info: ricezione.inerteco@bertoliambiente.it C.F. e P.IVA 02612230231 • C.C.I.A.A.VR - REA 249683 Cap. Soc. € 203.840,00 i.v. SEDE OPERATIVA Via Cà Bianca, 16 37059 Campagnola di Zevio (VR) Tel. +39 045 6050653 • Fax +39 045 6051644

PRO-IN S.R.L. Info: ricezione.proin@bertoliambiente.it C.F. e P. IVA 03702730239 • C.C.I.A.A. Verona REA 358341 Cap. Sociale € 100.000,00 i.v SEDE OPERATIVA Località Casetta - 37066 Sommacampagna (VR) Tel. +39 045 8960939 • Fax +39 045 8960392

7 Brochure_ambiente_V4.indd 7

20/03/13 10.34


www.bertoliambiente.it

Brochure_ambiente_V4.indd 8

20/03/13 10.34


Bertoli Ambiente