Page 2

Generated by Foxit PDF Creator © Foxit Software http://www.foxitsoftware.com For evaluation only.

e partecipazione al suo amore redentore per tutti gli uomini. - Come "Amici di Gesù Crocifisso", anche noi siamo chiamati a una continua obbedienza di fede, anche quando non comprendiamo, secondo l’esempio di Maria. Scrive Giovanni Paolo II: "La Beata Maria continua a precedere il popolo di Dio. Maria non cessa di essere la stella del mare per tutti coloro che ancora percorrono il cammino della fede. Essi alzano gli occhi verso di Lei" (RM 6). - Maria ci è sempre accanto quando giunge la nostra "ora"; Ella è sempre vicina a chi è nella prova, perché esperta del dolore e perché è madre, come fu vicina all'ora del suo Figlio. Quanta forza hanno attinto da Lei tanti suoi devoti! Dobbiamo imparare da Maria a capire e santificare la nostra "ora". Mentre Maria "stava" ai piedi della croce, anche Lei sarà stata torturata dal "perché", che Gesù aveva gridato nella sua agonia: "Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?". Maria ha sofferto e offerto, ha detto ancora “sì”. Confronta - Ognuno di noi ha una vocazione e una missione: non sempre vediamo chiaro nel nostro cammino; spesso dobbiamo camminare al buio: è il momento dell’obbedienza nella fede; è il momento di ripetere con Maria: “Eccomi, sono la serva del Signore, si faccia in me la volontà del Signore”. La parola più bella che possiamo dire a Dio è dirgli “sì”. - Nelle difficoltà, nel buio, nelle angosce, nelle tempeste, S. Bernardo ci invita “a guardare sempre la Stella, a invocare Maria”.

maggio 1999  

n. 80: maggio 1999 Maria e l’obbedienza nella fede “Voi siete miei Amici” Gv 15,14 Generated by Foxit PDF Creator © Foxit Software http://ww...