Issuu on Google+

1st “Prince of Salina Gattopardo” International Exhibition

GENERAL CATALOGUE of the maestros


1st “Prince of Salina - Gattopardo” International Exhibition Don Fabrizio Section

Art Maestros


Valeria Ballestrazzi “Balleva” The primordial fire is still present in every movement of the universe. This fire has become energy that attracts or repels everything, starting from celestial object till subatomic particles. This idea is represented on a rigid support from the artist Balleva, in the artwork “Attraction”. In this artwork a layer similar to an hot and red ocean, throws flashes of orange and yellow, and it transmits energy to the celestial bodies, which are circling over it. Gravity as a force implements all its power. The two bodies will begin soon their timeless dance with countless others bodies, in a continuous movement, that is energy. Energy is hidden everywhere, even in the creativity, it creates art and beauty. Il fuoco primordiale è ancora presente in ogni movimento dell’Universo. Esso è diventato energia, che attrae o respinge ogni cosa, dall’oggetto celeste alla particella subatomica. Quest’idea viene rappresentata sul supporto rigido dall’ottima artista Balleva, nell’opera “Attrazione”. In essa uno strato simile a

Attraction, acrylic on canvas, 50x50 cm

un oceano, caldo e rosso lancia lampi d’arancio e di giallo, e trasmette l’energia a dei corpi celesti, che volteggiano su di esso. La gravità come forza mette in atto tutta la sua potenza. I due corpi inizieranno in breve la loro danza senza tempo assieme a innumerevoli altri, in un incessante movimento, che è energia. Celata ovunque, anche nella creatività, dà vita all’arte e al bello. Dino Marasà 1st “Prince of Salina - Gattopardo” International Exhibition - Don Fabrizio Section

1


Patrizia Biagini Pure transcendent emotion pervades the “Alma” artwork, composed by the creative wisdom of the artist Patrizia Biagini. Alma, which means "soul", is a materialization of soul implemented with shapes and evanescent colors, which are the result of a slow and intimate pictorial research. The shade of yellow over a blue layer reveals transparently a human shape, which stretches itself on the canvas like a vision with deep and very special tones. A border not well delineated between two worlds, that are different, and a transparency, just mentioned, that unites them in a certain way. Pura trascendente emotività pervade l’opera d’arte “Alma”, composta dalla sapienza creativa dell’artista Patrizia Biagini. Alma, cioè “anima”, è la materializzazione della stessa attuata con forme e cromatismi evanescenti, che sono il risultato di una ricerca pittorica lenta e intimistica. Le tonalità di giallo sopra uno strato blu lasciano trasparire una sagoma umana, che distende se stessa sulla tela come una visione dai toni profondi e particolarissimi. Un confine non ben delineato tra due mondi, che sono diversi, e una trasparenza appena accennata che in un certo qual senso li unisce. Alma, 2015, mixed and acrilic on canvas, 100 x 70 cm

Dino Marasà

1st “Prince of Salina - Gattopardo” International Exhibition - Don Fabrizio Section

2


Sylvia Ditchburn Colors are expressed at maximum degree. This colors’ potential is a salient feature of Sylvia Ditchburn. Such a feature we find on the pictorial stage of the artist's canvas with a triumph of nature rich in sign and light. Artist’s themes enchant the mind of the viewer and they do get in touch with a world of natural wonders, exaltation of beauty and imagination, deep as the strength of a secret thing. But this is a remembrance well guarded in the heart, and which possesses the power of life and nature enclosed in a brush stroke, in one color, in a sign. Line, circle, trapeze as figures intersect themselves in the canvas and express life and radiance. I colori sono espressi all’ennesima potenza. Tale potenzialità dei colori è una caratteristica saliente di Sylvia Ditchburn. Tale caratteristica la ritroviamo sul palcoscenico pittorico della tela dell’artista con un trionfo naturale ricco di segno e di luce. Le tematiche dell’artista incantano l’animo dello spettatore e lo fanno entrare in contatto con un mondo fatto di meraviglie naturali, esaltazione della bellezza e dell’immaginazione, profonda come la forza di un ricordo segreto. Si tratta, però, di una rimembranza ben custodita nel cuore, e che possiede la forza della vita e della natura racchiuse in una pennellata, in un colore, in un segno. La linea, il cerchio, il trapezio come figure si intersecano nella tela ed esprimono vita e solarità. Dino Marasà

Palmetum II, 2014, acrylic on canvas, 91 x 51 x 4 cm

1st “Prince of Salina - Gattopardo” International Exhibition - Don Fabrizio Section

3


Dagmar Gogdun

Rhapsody in yellow, 2014 oil on canvas, (triptic) 85x50, 90x35, 85x50 cm

The elegance of the flower, symbol of already renewed life, is the protagonist of the pictorial phrasing of Dagmar Gogdun. Shades of the color of the sun rising stand out on the support, making immediately obvious the life-giving power they have. Some flowers of this beautiful composition are plotted on a dark background, deliberately, to emphasize the contrast between life and mystery of oblivion. Black, yellow, red, shades, are many small ingredients, many small “pieces of cloth” that are “sewn” with vivifying skill mastery of Our Artist. And this “rhapsody of the passing time” includes life itself, which is short time, yellow flash, soft, like a flower. A beautiful warp, caught in the moment of maximum splendor. The artist is “soul tailor”. L'eleganza del fiore, simbolo di vita già rinnovata, è la protagonista del fraseggio pittorico di Dagmar Gogdun. Sfumature del colore del sole che sorge campeggiano sul supporto, rendendo immediatamente percepibile la potenza vivificatrice che esse posseggono. Alcuni fiori di questa splendida composizione sono tracciati su sfondo scuro, volutamente, per enfatizzare il contrasto tra vita e mistero dell'oblio. Il nero, il giallo, il rosso, le sfumature, sono tanti piccoli ingredienti, tanti piccoli “pezzi di stoffa” che vengono “cuciti” con maestria dall’abilità vivificatrice della Nostra Artista. In questa “rapsodia dello scorrere del tempo” è compresa la vita stessa che è un tempo breve, un lampo giallo, soave, come un fiore. Un ordito splendido, colto nel momento di massimo fulgore. L’artista è “sarto dell’animo”. Dino Marasà

1st “Prince of Salina - Gattopardo” International Exhibition - Don Fabrizio Section

4


Dagmar Gogdun Poppy, flower of the elusive and delicate beauty as its petals, is the theme of visual storytelling made of extraordinary realistic effect by Dagmar Gogdun. In botany it is called “Papaver rhoeas” and it has the colours of life: deep red and flamboyant green reinforce the sign delivered with skill by the artist. Intense veins spread vitality and expressive force, the leaves dance to adapt to the natural standing of the plant. Green and red, therefore, calm and passion, are synthesized into a single impulse that hides the black oblivion of the corolla from which it renewed life into an unfathomable mystery but well represented by Dagmar Gogdun. Mind flies to the artwork, made of musical notes and words by Jose Maria Lacalle Garcia in 1924, but “Amapola” by Gogdun has nothing to regret in comparison with that. Very evocative. Il papavero, fiore dalla bellezza sfuggente e delicata come i suoi petali, è il tema della narrazione visiva di straordinario effetto realistico di Dagmar Gogdun. In botanica si chiama “Papaver Rhoeas” e ha i colori della vita: rosso intenso e verde sgargiante che rafforzano il segno distribuito con assoluta padronanza di tecnica dall’artista. Le venature intense diffondono vitalità e forza espressiva, le foglie danzano per

Amapola, 2014 oil on canvas, 60x60 cm

assecondare la naturale stasi della pianta. Verde e rosso, dunque, calma e passione, sintetizzati in un unico impeto, che cela il nero oblio della corolla dalla quale si rinnoverà la vita in un mistero insondabile ma ben rappresentato da Dagmar Gogdun. La mente vola al capolavoro artistico, fatto di note musicali e parole da José Maria Lacalle Garcia nel 1924, ma “Amapola” di Gogdun non ce lo fa di certo rimpiangere. Molto evocativo. Dino Marasà

1st “Prince of Salina - Gattopardo” International Exhibition - Don Fabrizio Section

5


Margaretha Gubernale are dispersed into the atmosphere of the artwork. In this occasion the artwork becomes a single light vibration. La notazione descrittiva si trasforma in trama pittorica leggera, sottesa tra mistico e divino, che nasce da un moto interiore. Colori tenui ma decisi, che esaltano le potenzialità del disegno pittorico. La creatività di Margaretha Gubernale contempla la grandezza della natura, piena di simboli geometrici e non, frammista con il divino, che è numero, figura e segno. Gubernale è capace di trasformare la natura pensata, sognata e cercata in esperienza artistica, associando segno pittorico a parola filosofica in un “unicum” di pregiata fattura, esclusiva, che riesce a stendere i colori che si disperdono nell’atmosfera dell’opera d’arte, che in questa occasione diviene un’unica vibrazione luminosa. Mathematics of God, 2015, oil on canvas, 100x100 cm

Dino Marasà

The descriptive notation becomes light painterly texture, underlying between mystical and divine love, that comes out from an inner impulse. Soft colors but safe, that enhance the power of the pictorial design. The creativity of Margaretha Gubernale contemplates the greatness of nature, full of geometric symbols and not, mixed with the divine, which is number, figure and sign. Gubernale is capable of transforming painted, dreamed and sought nature into artistic experience, combining pictorial sign with philosophical word, and creating an “unicum” finely crafted, exclusive, that is able to roll out the colors that

1st “Prince of Salina - Gattopardo” International Exhibition - Don Fabrizio Section

6


Lisbeth Häljesgård Dark trees in the distance, almost on the line of a horizon, liked and sought after; a lot of snow; rare dry grass bushes, and a leaden sky, hanging over everything and everyone. But snow has its own language and the Peoples of the North know this. By snow drifts, that are seen scattered here and there, you can imagine that it is just finished snowing. We are in that rare moment of rest and peace after the tempest. You can contemplate the beautiful spectacle of nature, that even in the North offers you extraordinary surprises like that shape of heart, that almost seems mentioned prominently in the snow. Master Haljesgard has a beautiful painting technique! The landscape becomes messenger of stings toward deep and cultured thought, not without inspiring fear and doubt. The Artist seems as if in search of her ubi consistam, that leaves time to enjoy life and nature as it is. Brushwork of Haljesgard is generous and full of expression, and it uses a very interesting chromatic texture and well-determined in order to convey emotions. Alberi scuri in

Winter, watercolor

lontananza quasi sulla linea di un orizzonte voluto e ricercato; molta neve; rari cespugli di erba secca e un cielo plumbeo, che incombe su tutto e su tutti. Ma la neve ha il suo linguaggio e i Popoli del Nord questo lo sanno. Dai cumuli di neve fresca che si vedono sparsi qua e là si intuisce che da poco è finito di nevicare. Ci troviamo in un raro momento di pausa, di pace. È possibile contemplare il bello spettacolo della natura, che anche al Nord riserba straordinarie sorprese come quella figura di cuore, che quasi sembra accennata in primo piano nella neve. Bella tecnica quella del Maestro Haljesgard! Il paesaggio diventa messaggero di stimoli alla riflessione profonda e colta, non senza ingenerare paura e dubbio. L’Artista sembra quasi alla ricerca di un suo ubi consistam, che gli lasci il tempo di godersi la vita e la natura così come è. La pennellata di Haljesgard è generosa e ricca di espressività, e si avvale di un tessuto cromatico assai interessante e determinato allo scopo di trasmettere emozioni. Dino Marasà 1st “Prince of Salina - Gattopardo” International Exhibition - Don Fabrizio Section

7


Kirsten Høst

Two women

“Two women” meet and share memories, impressions, secrets. Two special women are painted by the artist Kirsten Host with elegance and excellent technical staff. Their faces express the satisfaction of souls for a sincere agreement, full of immediate spontaneity. It’s a artwork created with a broad palette of colors, with a regular brush and determined, expressing herself with pure and rich signs of beauty. It is, however, a beauty that comes from intimate simplicity of the human soul. Relations between lines and colors are sharp, parallel and regular; triangles meet circles, then they fit inside the rectangle, finally touching the roar and the oval. We are dealing with a work of great conceptual clarity. Kirsten Host manages to make the emotion “artistic richness and tonal strength”. Surely “Two women” is a work of great emotional depth. 1st “Prince of Salina - Gattopardo” International Exhibition - Don Fabrizio Section

8

“Two women” (“Due donne”) s’incontrano e condividono ricordi, impressioni, segreti. Due donne speciali vengono dipinte dall’artista Kirsten Host con eleganza e ottima tecnica personale. I loro volti esprimono la soddisfazione per un accordo sincero d’anime, ricco di immediata spontaneità. Un’opera realizzata con una tavolozza di colori ampia, con una pennellata regolare e decisa, che esprime se stessa con segni puri e ricchi di bellezza. Si tratta, però, di una bellezza che scaturisce da intime semplicità dell’animo umano. I rapporti tra linee e colori sono netti, paralleli e regolari; i triangoli incontrano il cerchio, poi si inscrivono in un rettangolo, infine toccano il rombo e l’ovale. Abbiamo a che fare con un’opera di grande nettezza concettuale. Kirsten Host riesce a far diventare l’emozione “ricchezza artistica e forza tonale”. Sicuramente “Two women” è un opera di grande spessore emozionale. Dino Marasà


Kostas Loudovikos

Last Family, 2013, tempera and graphite powder on cardboard, 83x140 cm

Master Kostas Loudovikos expresses himself almost exclusively through a rich field of colors, experimenting expressive qualities, which he controls strongly during the drafting warp. Sign becomes a messenger of stings toward deep and cultured thought, not without inspiring fear and doubt. There are references that range from the great works of the masters of the Nineteenth and Twentieth Centuries. The brushwork of Loudovikos is generous and full of expression, and it uses a vibrant color fabric, well-determined in order to convey emotions. An impetuous freedom in storytelling is palpable in the work “Last Family”, which belongs to the collection/series “Lamps - Angels”, and it springs out from the technical expertise of Loudovikos and from his innate creativity. Bright red, yellow gold are highly evocative colors. Artist uses them for transmitting the announcement of the birth of a New Man, which, however, has a mythical-tragic and heavy-psychological background. Il Maestro Kostas Loudovikos si esprime quasi esclusivamente attraverso una materia ricca di colore, sperimentandone le qualità espressive, di cui controlla fermamente la stesura. Il segno diventa messaggero di stimoli alla riflessione profonda e colta, non senza ingenerare paura e dubbio. Ci sono richiami che spaziano tra le grandi opere dei maestri dell’Ottocento e del Novecento. La pennellata di Loudovikos è generosa e ricca di espressività, e si avvale di un tessuto cromatico vibrante e deter- minato allo scopo di trasmettere emozioni. Palpabile nell’opera “Last Family”, che appartiene alla serie “Lampade – Angeli”, una prorompente libertà narrativa, scaturita dalla perizia tecnica di Loudovikos e dalla sua innata creatività. Il rosso acceso, il giallo oro sono colori altamente evocativi, che servono all’Artista per trasmettere l’annuncio della nascita di un Uomo Nuovo, che, però, alle spalle porta un substrato mitico, tragico, psicologico molto pesante. Dino Marasà 1st “Prince of Salina - Gattopardo” International Exhibition - Don Fabrizio Section

9


Cristina Maya Caetano

Being free, 2014 oil on canvas, 80x100 cm

Cristina Caetano Maya organizes a pictorial warp, using generous strokes of color, that are signs themselves. Being free, the aspiration to become free, it is not just the title of this work, but also it is the central theme of the painting exhibition. Freedom means a willingness to break the mold and the constraints imposed by the past and by the social environment in which one is born and lives. Breaking the “bars of the cage of the mind”, this is instead the message underlying this narrative fantastic and allusive painting. A strong smile welcomes the longed freedom, which is masterfully rendered as a metaphor from a fantasy world that is color, flower, music, woman with auburn hair and fairytale animal. Cristina Maya Caetano organizza un ordito pittorico, servendosi di tratti generosi di colore che sono segno essi stessi. Being free, non è solo il titolo di questa opera, ma l’aspirazione al divenire liberi è anche il tema centrale dell’esposizione pittorica. Libertà significa volontà di rompere gli schemi e le costrizioni imposte dal passato e dall’ambiente sociale, in cui si nasce e si vive. Infrangere le “sbarre della gabbia della mente”, questo è invece il messaggio sotteso a questo narrare pittorico fantastico e allusivo. Un sorriso forte accoglie la libertà anelata, che è magistralmente resa come metafora da un mondo fantastico che è colore, fiore, musica, donna dai bei capelli e animale da fiaba. Dino Marasà 1st “Prince of Salina - Gattopardo” International Exhibition - Don Fabrizio Section

10


Manuella Muerner Marioni Materials’ sheen makes the artwork “Labella” a poly-dimensional mosaic, which is peculiarity of the artistic expression of Maestro Manuella Muerner Marioni. Artist uses light and color to emphasize the creative syntax, led by her innate talent and her creativity. Forms are, therefore, supported by special materials and acquire a strong and effective descriptive power, which born from a targeted approaches to the transmission of emotions in a direct and sincere way. La lucentezza del materiale rende l’opera d’arte “Labella” un mosaico polidimensionale, che è peculiarità dell’espressione artistica di Manuella Muerner Marioni. L’artista usa la luce e il colore per enfatizzare la sintassi creativa, guidata dal suo talento innato e dal suo estro. Le forme sono, dunque, supportate da materiali particolari e acquistano una capacità descrittiva robusta ed efficace, che nasce da accostamenti mirati alla trasmissione delle emozioni in modo diretto e sincero. Dino Marasà Labella, 2010, mirror sculpture 55x28x19 cm 1st “Prince of Salina - Gattopardo” International Exhibition - Don Fabrizio Section

11


Tatjana Palcuka Rikane

Marine Band, 2013 oil on canvas, 80x100 cm

The sound of the sea becomes melody played by a beautiful fantastic orchestra, adorned and enriched by the gifts of the sea. A metaphor of freedom of expression and wonder generated by Art. Atmosphere suspended in time and space, imbued with a luminous effect of great poetic phrasing. Characters of Tatyana Palchuk’s opera are immersed in sunshine timeless color, they praise cosmic harmony and they are suspended on the surface of an imaginary sea, sure to be heard by an audience certainly favorable. Marine Band seems suspended in a stage without walls, while seagulls fly happy, giving thickness and depth to the warp painting. Il rumore del mare diventa melodia suonata da una bellissima orchestra fantastica, ornata e arricchita dai doni del mare. Una metafora della libertà di espressione e della meraviglia generata dall’Arte. Un’atmosfera sospesa nel tempo e nello spazio, intrisa di un fraseggio luminoso di grande effetto poetico. I protagonisti dell’opera di Tatyana Palchuk sono immersi nella solarità senza tempo dei colori, inneggiano all’armonia cosmica e sono sospesi sulla superficie di un mare immaginario, certi di essere ascoltati da un pubblico certamente favorevole. La “banda marina” sembra sospesa in un palcoscenico senza pareti, mentre i gabbiani volano felici, dando spessore e profondità all’ordito pittorico. Dino Marasà 1st “Prince of Salina - Gattopardo” International Exhibition - Don Fabrizio Section

12


Tatjana Palcuka Rikane

Still Life with Pomegranates, 2014, oil on canvas, 70x78 cm

Chromatic power and signs’ power of artist Palcuka Rikane reveals an impressive closeness to reality and to the usual family life, where observation becomes a basic element for the interpretation of the relationship between the elements of the work, which is entitled Still Life with Pomegranates. Doing Art of deep meaning, intellectual, yet simple and at the same time blunt, where the objects represented acquire soul and vitality, becoming part of the pictorial scenario, yet revealing and once again the great mastery of the artist Palcuka Rikane. La potenza cromatica e segnica dell’artista Palcuka Rikane rivela una vicinanza impressionante alla realtà familiare e alla vita consueta, dove l’osservazione diventa elemento basilare per l’interpretazione del rapporto tra gli elementi dell’opera, che ha per titolo Still Life with Pomegranates. Un “fare Arte” dal significato profondo, intellettuale, ma semplice e allo stesso tempo schietto, dove gli oggetti rappresentati acquisiscono anima e vitalità, entrando a far parte dello scenario pittorico, svelando ancora e ancora una volta la grande maestria dell’artista Palcuka Rikane. Dino Marasà 1st “Prince of Salina - Gattopardo” International Exhibition - Don Fabrizio Section

13


Lauro Pedraza ricca di particolari, supportata da un’armonia tonale, che è risultato di una ricerca dettagliata e approfondita. Quello che il Maestro Pedraza realizza sulla tela è una “perfetta rapsodia di colori” naturali che esplodono dalla tela e colpiscono l’occhio attento di chi guarda, cercando le trame profonde di una composizione che è pura arte, mai esercizio di stile. Il disegno si libera dai canoni del realismo, per diventare mezzo di visione originale e personalissima del mondo. Dino Marasà

Still life of flowers in a vase with fruits mixed media on canvas, 101x76 cm

The pictorial research of the Maestro Lauro Pedraza is filled with a strong emotional charge. An attractive emotional charge which is reflected in his abstract language, and describing the plant life in its myriad facets. The choice of color meets the descriptive requirements, revealing emotions that enhance the viewer’s sensibility, who appreciate a rich narrative detail, supported by a harmony tone, which is the result of detailed and deep research. What Master Pedraza realized on the canvas it is a “perfect rhapsody of natural colors” exploding from the canvas and strike the watchful eye of the beholder, looking for the deep textures of a composition that is pure art, never exercise in style. The design is free from the canons of realism, and it becomes a mean of personal and original vision of the world. La ricerca pittorica del Maestro Lauro Pedraza è piena di una forte carica emotiva. Una carica emotiva attraente che si riflette nel suo linguaggio astratto, e che descrive la vita vegetale nelle sue infinite sfaccettature. La scelta del colore risponde alle esigenze descrittive, svelando emozioni che esaltano la sensibilità dell’osservatore, che apprezza una narrazione

1st “Prince of Salina - Gattopardo” International Exhibition - Don Fabrizio Section

14


Karen Salicath Jamali

Enjoying, bronze, 60x40x20 cm

Karen Salicath Jamali works bronze and she adapts it to her figurative needs, giving it an independent life. A figure deliberately sketchy, reminiscent of the stylistic adventures of the Twentieth Century Style, is reaching out to the fun, enjoyment, towards something generic, which is the direct object of the verb “to enjoy” (have fun, enjoy). And the glass, on which the figure lies, follows with unsurpassed agility the swaying of time as a sum of cyclic events and undefined, scanned in the procession of human life. Karen Salicath Jamali plasma il bronzo e lo adatta alle proprie esigenze rappresentative, dandogli una vita autonoma. Una figura volutamente abbozzata, che ricorda le avventure stilistiche del Novecento, è protesa verso il divertimento, il godimento, verso un qualcosa di generico, che è l’oggetto diretto del verbo enjoy (divertire, godere). E il vetro, sul quale la figura è adagiata, ricalca con insuperabile agilità l’ondeggiare del tempo inteso come sommatoria di eventi ciclici e indefiniti, scanditi dall’incedere della vita umana. Dino Marasà 1st “Prince of Salina - Gattopardo” International Exhibition - Don Fabrizio Section

15


Anga Sterrenberg Highly personal style of Anga Sterrenberg enhances her works, loading them with authentic artistic force. Artist manages to build a robust figurative system, which highlights the reality, highlighting its many aspects. Sterrenberg’s elegant pattern, made of lines and colors, transmits euphoria and vigor, and it is linked to the sense of beauty, outlining a universalistic world, which is well-connected with pure aesthetics in its most sublime forms. Mix of used colors is simple, effective and highly evocative. Il personalissimo stile di Anga Sterrenberg esalta le sue opere, caricandole di autentica forza artistica. La pittrice riesce a costruire un robusto impianto figurativo, che mette in risalto la realtà, evidenziandone i suoi molteplici aspetti. Lo schema elegante, fatto di linee e colori, della Sterrenberg trasmette euforia e vigore, ed è legato al senso del bello, delineando un mondo universalistico che ben si collega all’estetica pura nelle sue forme più sublimi. Il mix di colori utilizzato è sobrio, efficace ed altamente evocativo. Dino Marasà

Atelier – Metamorphosen, 2009, oil on canvas, 50x100 cm 1st “Prince of Salina - Gattopardo” International Exhibition - Don Fabrizio Section

16


Josefina Temín

Alcatraces, 2015, paper, eucalyptus wood, painted wood, 19x36x37 cm 20x40x36 cm

Artwork Alcatraces, rich in descriptive notation, acquires the plot of an artistic beauty that comes out from an ancient wisdom, directly connected with nature. The sculpture, as a whole, turns to a vision where the weaving plastic joins the great power of the wood and so it gives to wood agility, which evokes the inherent vibration of a physical representation. The whole work catches our glance, containing it in lines but do not deprive it to find spaces in the boundless plans of compositional estrus. La composizione Alcatraces, ricca di notazione descrittiva, acquisisce la trama di una bellezza artistica, che nasce da sapienza antica e direttamente proveniente dalla natura. La scultura nel suo insieme volge a una visione ove la tessitura plastica si associa alla potenza del legno e gli conferisce un’agilità grandiosa, che rievoca con grande potenza la vibrazione intrinseca della fisicità del rappresentato. L’opera tutta rapisce il nostro sguardo, lo racchiude in linee, che, però, non lo privano di spaziare nei piani sconfinati dell’estro compositivo. Dino Marasà 1st “Prince of Salina - Gattopardo” International Exhibition - Don Fabrizio Section

17


Joseph Virgone guarda. Si intuisce forse la sagoma di un cavallo rosso come il fuoco al galoppo, che sembra uscito or ora dagli inferi, dall’intimo dell’uomo mosso da intenti distruttivi, spesso di vendetta. Una «anabasi» ricca di richiami letterari e mitici. Macchie di colore e tratti, lampi luminosi d’umore scuro, che evocano la potenza dell'effetto della rabbia, che lascia dietro di sé teste, sofferenza, fumo e scompiglio. Può essere creativa la rabbia (come diceva Eraclito “Di ogni cosa è padre la guerra”)? La risposta si trova nei meandri della riflessione filosofica. Cercarla, ispirati dall’opera evocativa del maestro Virgone, sarà più facile.

Furie, 2015, acrylic on panel, 110x80 cm

Prof. Dr. Dr. Salvatore Costantino Joseph Virgone paints “Furies”. “Fury” that is personified in a face, in a glance, in a grimace. Expressive. Rhythmic and intense iter of a devastating feeling and numbing. The magnetic gaze fascinates, terrifies and blocks the attention of the beholder. Perhaps you can imagine the silhouette of a red-fire horse galloping, which seems to come out just now from the underworld, the man moved from within by destructive intent, often for vengeance. An Anabasis rich in literary references and mythical. Splashes of color and lines, bright flashes of dark humor, evoking the powerful effect of anger, which leaves behind... heads, pain, smoke and turmoil. Could be anger creative (as Heraclitus said, “War is father of everything”)? The answer is in the twists and turns of philosophical reflection. Looking for it, inspired by the evocative work of Maestro Virgone, will be easier. Il maestro Joseph Virgone dipinge “Furie”. “La furia” che si personifica in un volto, in uno sguardo, in una smorfia. Espressivi. Ritmato e intenso incedere di un sentimento devastante e paralizzante. Lo sguardo magnetico affascina, terrorizza e blocca l’attenzione di chi 1st “Prince of Salina - Gattopardo” International Exhibition - Don Fabrizio Section

18


Misa Aihara Aihara Misa expresses herself almost exclusively through a rich field of colours, experimenting with the expressive qualities, which she controls strongly. The sign becomes a happy light feast full of hard-edged and outlined contours, made by a generous brushwork rich of expressiveness that uses a vibrant color cloth, determined to convey emotions. An irrepressible freedom fiction is palpable in her work “Verko 10-9”. It springs from the technical expertise of Misa Ahara and from her innate creativity. Artist renews herself in the nature and she takes inspiration in this artwork from a fine colored carpet made in Turkey. Misa Aihara si esprime quasi esclusivamente attraverso una materia ricca di colore, sperimentandone le qualità espressive, di cui controlla fermamente la stesura. Il segno diventa una festa felice di luce piena di contorni netti e delineati da una pennellata generosa e ricca di espressività, che si avvale di un tessuto cromatico vibrante e determinato allo scopo di trasmettere emozioni. Palpabile nell’opera “Verko 10-9” una prorompente libertà narrativa, scaturita dalla perizia tecnica di Misa Ahara e dalla sua innata creatività. L’Artista si rigenera nella natura e prende ispirazione in quest’opera dai bei colori di un tappeto fatto in Turchia. Dino Marasà

Verko 10-9, 2011, oil on canvas, 100x80 cm

1st “Prince of Salina - Gattopardo” International Exhibition - Don Fabrizio Section

19


Georg Cornelius Freundorfner

Spherical beings

Creative skills of Maestro Georg Cornelius Freundorfer develop themselves totally in the technique and the use of wood. Creative vibration shares in a partnership of intent, which creates a work that perfectly replicates the general concept of "being spherical", just "Spherical being", that is the center of every action and tension. Fantasy together with reflection and creative talent come together to give voice to the intrinsic spaciousness of a stuff, that is completely identified with the artistic narrative. L'abilità di Georg Cornelius Freundorfner si sviluppa nella tecnica e nell'uso del legno. La vibrazione creativa è partecipe di un sodalizio d’intenti, che genera un’opera che perfettamente replica il concetto generalista di “essere sferico”, appunto “Spherical being”, cioè centro di ogni azione e tensione. Fantasia assieme alla riflessione e all’estro creativo si uniscono per dare voce alla spazialità intrinseca di una materia, che si identifica completamente con la narrazione artistica. Dino Marasà 1st “Prince of Salina - Gattopardo” International Exhibition - Don Fabrizio Section

20


Anne Elisabeth Nitteberg “Darkness is falling down”, in Italian “Le tenebre calano”, indicates that darkness fall with their power and strength over the world. The white sun light becomes red and it lets the blue space of the night, shaking everything in its hands. It will be deeper with the passage of time and it will surround everything in an embrace of mystery, cold, sometimes with fear and superstition. And to escape these situations people will start to think rationally, to seek help to light. Dispel the darkness, then, in addition to curiosity, it is one of the reasons for the evolution of the reflection of human thought. Anne Elisabeth Nitteberg is perfectly able to express this artistically and with great skill. Darkness is falling down, cioè “Le tenebre calano”, con la loro potenza e forza su ogni cosa. La luce del sole da bianca diviene rossa e lascia spazio al blu della notte, che stringe ogni cosa tra le sue mani. Con il passare del tempo essa sarà più profonda e circonderà ogni cosa in un abbraccio fatto di mistero, di freddo, talvolta di paura e di superstizione. E per sfuggire a esse l’uomo inizia a pensare razionalmente, a chiedere aiuto alla luce. Scacciare la tenebra è, dunque, oltre alla curiosità, uno dei motivi promotori dell’evoluzione della riflessione del pensiero umano. Anne Elisabeth Nitteberg è perfettamente in grado di esprimere questo concetto artisticamente e con grande maestria.

Darkness is falling down, 2014, linen canvas deep edge acrylic, 100x120 cm

Dino Marasà 1st “Prince of Salina - Gattopardo” International Exhibition - Don Fabrizio Section

21


Alexander Saner Compositional flow of Alexander Saner is manifested directly in the stuff, bending it to his creative will. The artistic dialogue occurs without interruption and it seems to gain vitality, as if it wanted to move into the surrounding space. "Tension" says with certainty the ability to confer plasticity straightforward geometric and pure forms, like circle, line, rectangle. The inspiration of the artist strives and it find the way of a creativity, that does not declare it but evokes it.. ll flusso compositivo di Alexander Saner si manifesta direttamente nella materia, piegandola ai suoi voleri creativi. Il dialogo artistico avviene senza interruzione e sembra acquisire vivacità, come se volesse muoversi nello spazio circostante. “Tension” afferma con certezza la capacità di conferire plasticità a forme geometriche schiette e pure, il cerchio, la linea, il rettangolo. L’estro dell’artista si sforza e trova la via di una creatività che non dichiara ma evoca. Dino Marasà

Tension, 2015, steel, 30x92x125 cm

1st “Prince of Salina - Gattopardo” International Exhibition - Don Fabrizio Section

22


George Tkabladze In the sculpture “Cain and Abel” is expressed the eclectic compositional technique typical of Maestro Tkabladze. An effective compositional language and well-meditated, charming, who devotes much attention to the dimensional rendering of the artwork. So that the free expression of George Tkabladze is full of creative energy, which gives the viewer moments of mental and aesthetic evasion. The mind imagines, perceives, finally understands. A triptych path that leads to knowledge. A choreography of shapes and materials, combined and enhanced according to an open plan, forms the backbone of a “poetic plastic” of great value. Two colors alternate and intertwine, leaving the observer pensive and thoughtful. Nella scultura “Cain and Abel” si manifesta tutta l’eclettica tecnica compositiva propria del Maestro Tkabladze. Un linguaggio compositivo efficace e ben meditato, affascinante, che dedica molta attenzione alla resa dimensionale dell’opera d’arte. Sicché la libera espressività di George Tkabladze è intrisa di energia creativa, che dona al fruitore istanti di evasione mentale ed estetica. La mente immagina, percepisce, infine capisce. Un percorso trittico che porta alla conoscenza. Una coreografia di forme e materiali, accostati e valorizzati secondo un libero schema, costituisce la struttura portante di una “poetica plastica” di grande pregio. Due colori si alternano e si intersecano, lasciando il fruitore pensoso e meditabondo. Dino Marasà

Cain and Abel, 2015, wood, 62,23x39x20 cm 1st “Prince of Salina - Gattopardo” International Exhibition - Don Fabrizio Section

23


J. Ashàn The compositional poetics J. Ashan emphasizes the social contrasts that are present in today's Europe. Dominated by Germany, Europe often turns into a place of pain, hence the title Ohi-ropa. A work made by subtle and disturbing contents, that makes us reflect about the forms of government and the current economy that often serve the interests of a few men and not of the people. La poetica compositiva di J. Ashàn sottolinea i contrasti sociali che sono presenti nell’Europa attuale. Dominata dalla Germania, l’Europa spesso si trasforma in luogo di dolori, da qui il titolo Ohi-ropa. Un opera dai contenuti sottili e sconvolgenti, che ci fa riflettere sui governi e sull'economia attuale che sono spesso al servizio degli interessi di poche persone e non dei popoli. Dino Marasà

Ohi-ropa - Europe, digital photo,

1st “Prince of Salina - Gattopardo” International Exhibition - Don Fabrizio Section

24


1st “Prince of Salina - Gattopardo” International Exhibition Angelica Section

Art Maestros


Attika Boubezari A thought is a pictorial image enlivened by Attika Boubezari in his work entitled "Pensiero" . A thought is the creation of the soul, a spontaneous, profound expression of the person. A thought is almost a secret to treasure or to share with others. The eyes of the protagonist speak with a look and they want to attract the attention of the viewer; the only question to be asked: if such thinking will be communicated or will become part of the heritage of the intimate of the protagonist. Attika Boubezari is really capable to bring us in the wonderful world of day - dreaming. Un pensiero è un'immagine pittorica vivificata da Attika Boubezari nella sua opera così intitolata. Un pensiero è creazione dell'anima, spontanea espressione profonda della persona. Quasi un segreto da custodire gelosamente o da condividere con gli altri. Gli occhi del protagonista parlano e vogliono attirare con uno sguardo l'atten- zione del fruitore; l'unico interrogativo da porsi è se tale pensiero verrà comunicato o entrerà a far parte del patrimonio intimo del protagonista. Attika Boubezari è davvero capace di portarci nel meraviglioso mondo dei sogni ad occhi aperti. Dino Marasà

Pensiero

1st “Prince of Salina - Gattopardo” International Exhibition - Angelica Section

29


Claudette Allosio The flower becomes the interpreter of the pictorial sign in this work of the artist Claudette Allosio. Vivid and strong colors trace the intimate narrative in which we found a palette full of technical concepts and real talent that is master of formalism. Calligraphie floreale is the result of careful and meticulous artistic research and of years of experience that make the artworks of Claudette Allosio even more precious and sublime. A true manifestation of the soul and the intimate of the artist. Il fiore diviene l'interprete del segno pittorico in quest'opera dell'artista Claudette Allosio. Colori vivi e decisi tracciano la narrazione intima in cui si ravvisa una tavolozza piena di concetto tecnico e di talento vero e padrone di formalismo. Calligraphie florale è il risultato di un'attenta e meticolosa ricerca artistica e di anni di esperienza che rendono l'operato artistico di Claudette Allosio ancora più prezioso ed eccelso. Una vera manifestazione dell'anima e dell'intimo dell'artista. Dino Marasà

Calligraphie florale, 2016, pastel, 80x60 cm 1st “Prince of Salina - Gattopardo” International Exhibition - Angelica Section

30


Nanda Rago This artwork of Nanda Rago is significant - Women in the quarry - where hard female work becomes art. It transports us to distant worlds, of which often we deny the existence and makes us think how different the world can be. A world often made of imbalances and conflicts but above all a world of humanity. How human and fa- miliar is the smile of a worker, that reminds us that we are all equal, human beings deserving of respect whatever the condition that fate has for us Significativa è quest'opera di Nanda Rago - Donne nella cava - dove il duro lavoro femminile diviene arte. Essa ci trasporta in mondi lontani, di cui spesso neghiamo l'esistenza e ci fa pensare quanto sia vario il mondo. Un mondo spesso fatto di squilibri e contrasti ma soprattutto un mondo fatto di umanità . Come tanto umano e familiare è il sorriso di una lavoratrice, che ci ricorda che siamo tutti uguali, esseri umani meritevoli di rispetto qualsiasi sia la condizione che il destino ci ha riservato.

Donne nella cava, 2006, oil on canvas, 70x70 cm

Dino Marasà

1st “Prince of Salina - Gattopardo” International Exhibition - Angelica Section

31


Marta Melniczuk The work "Hidden" of Marta Melniczuk describes what is hidden deeper in the human soul. Let it be a thought, a passion a desire they all are represented by bright colors covered by dark lines. And it is the dark brushstroke to hide them. Hidden is a conceptual metaphor, that is full of visual poetry and immediate impact with the visual imagination of the user. "Hidden tells also "with the voice of colors the restlessness that generates what is hidden because it's unknown and shrouded in mystery. Melniczuk Marta talent makes the palette a real interpreter of human feeling. L'opera "Hidden" (nascosto) di Marta Melniczuk descrive ciò che di più profondo è celato nell'animo umano. Sia esso un pensiero, una passione un desiderio tutti sono rappresentati da colori vivaci coperti da pennellate scure. Ed è la pennellata scura a nasconderli. Hidden è una metafora concettuale, piena di poesia visiva e d'immediato impatto con l'istinto visivo del fruitore. Hidden narra con la voce dei colori anche l'inquietudine che genera ciò che è nascosto poiché ignoto e avvolto di mistero. Il talento di Marta Melniczuk rende la tavolozza vera interprete del sentimento umano.

Hidden, 2012, acrylic relief, 50x60 cm

Dino Marasà

1st “Prince of Salina - Gattopardo” International Exhibition - Angelica Section

32


Fu Wenjun "The horse's head as a guide" is a metaphor for the right partner to choose to face the journey of life. The animal that has made traveling man before the advent of the automobile and the triumph of speed, has always assumed vestments in all civilizations. His expert eyes should be alert, vigilant, ready to dodge the dangers that the journey hides. Therefore "Take the horse's head as a guide" is an advice of the master Fu Wenjun, a skilled communicator for images that can always manage to enrich our thinking of valid human experience. "La testa del cavallo come guida" è la metafora del giusto compagno da scegliere per affrontare il cammino della vita. L'animale che ha fatto viaggiare l'uomo prima dell'avvento dell'automobile e del trionfo della velocità, ha sempre assunto vesti sacre in tutte le civiltà. I suoi occhi esperti devono essere attenti, vigili, pronti a scansare i pericoli che il viaggio nasconde. Pertanto "Prendi la testa del cavallo come guida" è un consiglio del maestro Fu Wenjun, abile comunicatore per immagini che riescono sempre ad arricchire di valida esperienza umana il nostro pensiero. Dino Marasà

Take the horse head as a guide, 2014 - 2015,conceptual photography, 80x100 cm

1st “Prince of Salina - Gattopardo” International Exhibition - Angelica Section

33


1st “Prince of Salina - Gattopardo” International Exhibition Tancredi - Section

Art Maestros


Nicola Rizzo of someone who shows to his neighbor the expressive canons of balance, with kindness and wisdom, rich in examples of a life dedicated to the successful search of true pictorial art. "Atrani" acquires with the Master Rizzo value and strength, is reinvigorated and given to the world to be known as well as possible. It is natural to enhance our homeland and its products be they cultural or materials. Evaders do deny their origins, harms their neighbor; be "Atrani" an incitement for them to go back, and reconsider their actions.

Atrani, 2016, oil on linen, 100x100 cm

"Atrani" is a pearl of the Mediterranean, elegant testimony of the creativity and of the man's tenacity. "Atrani" is immersed in light, it is inspiring justice and moral severity. It is full of beauty inherited from nature, rich in elements that make it one exuberant landscape glimpse in its complexity. "Atrani" is so well described by the color and the sign of the Master Rizzo and it becomes exemplary village, an happy marriage between nature and man's harmony parent. The harmony that resides in the perfection and delicacy of the soaked by light mark. The light of the Mediterranean, full of East and West, seals the pass of life of humanity hidden in the old walls of the village, among the narrow streets full of colors. "Atrani" is an ideal destination, a haven for those who needs to confront themselves with the transcendent, the divine, the spirit. This work deserves attention. Since it's made by a deep, thoughtful, strong, pictorial inspiration, typical

"Atrani" è una perla del Mediterraneo, elegante testimonianza della creatività e della tenacia dell'uomo. "Atrani" è immersa nella luce, ispiratrice di giustizia e di rigore morale. Piena é di bellezza ereditata dalla natura, ricca di elementi che la rendono uno scorcio paesaggistico esuberante nella sua complessità. "Atrani" è così ben descritta dal colore e dal segno del Maestro Rizzo, diviene borgo esemplare, felice sposalizio tra natura e uomo che è genitore dell'armonia. L'armonia che risiede nella perfezione e nella delicatezza del tratto intrise di luce. La luce del Mediterraneo, ricca di oriente e d'occidente, suggella lo scorrere della vita di un'umanità celata tra le mura antiche del borgo, tra le vie strette e ricche di colori. "Atrani" è una meta ideale, un rifugio per chi abbia bisogno di confrontarsi con il trascendente, con il divino, con lo spirito. Merita attenzione quest'opera. Poiché fatta con ispirazione pittorica profonda, meditata e salda, tipica di chi indica al suo prossimo i canoni dell'equilibrio espressivo, con gentilezza e sapienza, ricche di esempi di una vita dedicata alla fortunata ricerca della vera arte pittorica. "Atrani" acquisisce con il Maestro Rizzo valore e forza, viene rinvigorita e consegnata al mondo per farsi conoscere nel miglior modo possibile. Del resto è naturale nonché valorizzare la propria patria e i propri prodotti siano essi culturali o materiali. Chi evita di farlo rinnega le proprie origini, danneggia il suo vicino; che "Atrani" gli serva da stimolo per ritornare indietro sui propri passi e riconsiderare i suoi atti. Dino Marasà

1st “Prince of Salina - Gattopardo” International Exhibition - Tancredi Section

36


Nicola Rizzo "Acropolis of Athens" testimony of the expressive grandeur of the divine-fearing man. The Acropolis, maximum celebratory offer of democracy to itself, was built by skilled hands of master craftsman more than skillful and becomes pictorial tale of Maestro Nicola Rizzo. The Acropolis is shining example of greatness, every part of Parian marble is witnessing a state that focuses on the people, gives it the power, the power to decide on issues of common interest. Democracy is freedom of thought of ordinary people acting for the good of the community and the state. Utopia? No! Civilization! Although democracy has been, is still vilified by men who do not shine for clarity of mind, it enjoys the protection of his devotees who do not flinch themselves, not even at the extreme sacrifice. In these men shines the light of the Mediterranean, the same one that was reflected on the swords which rose against the tyrant of the East and its satraps, men unable to lead a life in respect for the other. Today the "Acropolis of Athens" is still there waiting for the awakening of his defenders, it is full of light like a beacon that leads man towards justice and spirituality that are inherent in a spirit of true artist, Maestro Nicola Rizzo.

nianza della magnificenza espressiva dell'uomo timorato dal divino. Lei l'Acropoli, offerta celebrativa massima della democrazia a sé stessa, costruita da mani sapienti da maestrie più che abili, diviene narrazione pittorica del Maestro Rizzo Nicola. Fulgido esempio di grandezza, ogni parte di marmo pario è testimone di uno stato che mette al centro il popolo, gli dà il potere, la forza di decidere su questioni di interesse comune. La democrazia è libertà del pensiero della gente comune che agisce per il bene della collettività e dello stato. Utopia? No! Civiltà!Sebbene la democrazia è stata, viene tuttora vilipesa da uomini che non brillano per limpidezza d'animo, gode della difesa dei suoi devoti che non si tirano indietro neanche davanti all'estremo sacrificio. In tali uomini splende la luce del mediterraneo, la stessa che si riflettè sulle spade che si alzarono contro il tiranno d'oriente e i suoi satrapi, incapaci di condurre un'esistenza nel rispetto dell'altrui. Oggi l "Acropoli di Atene" è ancora lì che aspetta il risveglio dei suoi difensori, lei che piena di luce è come un faro che conduce l'uomo verso la giustizia e la spiritualità che sono insite in un animo d'artista vero, il Maestro Rizzo.

L'"Acropoli di Atene" testimo-

Dino Marasà

Acropolis of Athens, 2016, oil on linen, 80x120 cm,

1st “Prince of Salina - Gattopardo” International Exhibition - Tancredi Section

37


Sirtori Elena The particular tonal composition of the artist Elena Sirtori is rich of fantasy and full of talent. In the artwork work Yana she applies a formal elegance with large brushstrokes where color is the protagonist of the pictorial tale. The structure of drawing is pure expression of this use of colors, which are full of light but in a gentle and delicate way. So viewer walks along the road of stylistic comprehension of the artwork, discovering others horizons and enjoying the great creativity of Elena Sirtori, a really Maestro of coloristic feelings.

La particolare composizione tonale dell'artista Elena Sirtori è ricca di fantasia e piena di talento. Nell'opera d'arte applica un'eleganza formale con grandi pennellate dove il colore è il protagonista del racconto pittorico. La struttura del disegno è pura espressione di questo uso dei colori, che sono pieni di luce in modo gentile e delicato però. Sicché il fruitore cammina lungo la strada della comprensione stilistica dell'opera, scoprendo altri orizzonti e godendo della grande creatività di Elena Sirtori, un vero Maestro delle sensazioni coloristiche.

Yana, 2011, mixed media, 80x80 cm

Dino Marasà

1st “Prince of Salina - Gattopardo” International Exhibition - Tancredi Section

38


Sirtori Elena A big heart. Around it colors and marks born in a chromatic party with joyful atmosphere. This is the artistic plot of the work "Vertigo" created by the painter the artist Elena Sirtori. "Vertigo" - dizziness is consequence of a colored swirl. The essence of color and of the sign emphasize the harmony of forces which is the cause of vertigo. It's pleasant and inspiring at the same time of deep feelings in which we lose ourselves willingly in moments when you come into contact with the infinite. Un grande cuore. Attorno ad esso colori e segni nati in una festa cromatica in un' atmosfera gioiosa. Tale è la trama artistica dell'opera "Vertigo" creata dalla pittrice Elena Sirtori. "Vertigo" - vertigine è conseguenza del turbinio cromatico. L'essenza del colore e del segno enfatizzano l'armonia di forze che è causa di vertigine, piacevolissima ed ispiratrice allo stesso tempo di sensazioni profonde nelle quali ci si perde volentieri in attimi nei quali si entra in contatto con l'infinito.

Vertigo, 2008, mixed media, 80x80 cm

Dino Marasà

1st “Prince of Salina - Gattopardo” International Exhibition - Tancredi Section

39


1st “Prince of Salina - Gattopardo” International Exhibition Carolina- Section

Art Maestros


Catherine Benoist The thyme smells of strength, of vigor. Its essence gave courage to warriors of ancient Greece. Each leaf of thyme has the Mediterranean sun in and as well as giving strength and vigor, it cures the soul by heating it scaring off the darkness of the night. Wild thyme fragrance is once again a evocative work, created by theclever and poetic brush of Catherine Benoist, painter, mistress and interpreter of human emotion a painter who is able to find the most intimate relations between man, nature and soul. Il timo odora di forza, di vigore. La sua essenza dava coraggio guerrieri dell'antica Grecia. Ogni foglia di timo ha il sole mediterraneo dentro e oltre a dare forza e vigore, cura l'animo riscaldandolo e mettendo in fuga il buio della notte. Wild thyme fragrance è ancora una volta un'opera altamente evocativa, nata dal pennello abile e poetico di Catherine Benoist, pittrice, dominatrice e interprete dell'emozione umana e capace di trovare le più intime relazioni tra uomo, natura e anima. Dino Marasà

Wild thyme fragrance, 2016 acrylic on canvas, cm 60x40 1st “Prince of Salina - Gattopardo” International Exhibition - Carolina Section

42


Catherine Benoist Leaves and leaves. They well represent the distant island of the Atlantic, where Europe is already over, and America has not yet started. Catherine Benoist represents this island this way: with a blue and a green that prevail on each other. There are leaves moved by a gentle wind, a warm wind with the scent of ocean. This work is a metaphor of the Atlantic, vast and restless, the backbone of the planet. The art of Benoist is pure color that enters the soul, is the light of a powerful and formidable sun which creates dynamic geometry on the canvas, also precious and sincere. Foglie e foglie. Ben rappresentano la lontana isola dell'Atlantico. Li dove già l'Europa è finita e l'America non è iniziata.Catherine Benoist la rappresenta così con un blu e un verde che prevalgono l'uno sull'altro. Foglie mosse da un vento dolcissimo, caldo che profuma d'oceano. Tale opera è anche metafora dell'Atlantico, immenso e inquieto, spina dorsale del pianeta. L'arte della Benoist è colore puro che entra nell'animo, è luce di un sole potente e formidabile che crea geometrie dinamiche sulla tela, preziose e sincere. Dino Marasà

Terceira, 2016, acrylic on canvas, 50x40 cm

1st “Prince of Salina - Gattopardo” International Exhibition - Carolina Section

43


Catherine Benoist Azurite. Blue as the shining color of the off shore sea, a precious stone set on the canvas. Endless pleasure for the eyes and senses this is the work of the excellent painter Catherine Benoist. A color drawing full of vigor and strength invests the viewer and invites him to board a ship to sail to hidden and mysterious lands. They are enchanted places, where myth becomes tangible reality, where the echo of the deeds of ancestors is still audible, it's romantic and domineering. A work, "Azurite" that speaks to the heart and soul and that makes Catherine Benoist a color poetess. Azurite. Azzurro come il colore del mare al largo che splende, una pietra preziosa incastonata sulla tela. Infinito piacere per la vista e per i sensi è questo l'opera dell'eccellente pittrice Catherine Benoist. Una stesura cromatica piena di vigore e forza investe il fruitore e lo invita a salire su una nave per navigare verso terre nascoste e misteriose. Sono esse luoghi incantati, dove il mito diviene realtà tangibile, dove l'eco delle gesta degli antenati è ancora udibile, romantico e prepotente. Un'opera, "Azurite" che parla al cuore e all'anima e che rende Catherine Benoist una poetessa del colore. Dino Marasà Azurite, 2015, mixed media, 60x50 cm

1st “Prince of Salina - Gattopardo” International Exhibition - Carolina Section

44


The Maestros Aihara Misa, 19 Allosio Claudette, 30 Ballestrazzi Valeria "Balleva", 1 Benoist Catherine, 42 Biagini Patrizia, 2 Boubezari Attika, 29 Ditchburn Sylvia, 3 Freundorfner George Cornelius, 20 Gogdun Dagmar, 4 Gubernale Margaretha, 6 Häljesgård Lisbeth, 7 Høst Kirsten, 8 J. Ashàn, 24 Loudovikos Kostas, 9

Maya Caetano Cristina, 10 Melniczuk Marta, 32 Muerner Marioni Manuella, 11 Nitteberg Anne Elisabeth, 21 Palcuka Rikane Tatjana, 12 Pedraza Lauro, 14 Rago Nanda, 31 Rizzo Nicola, 36 Salicath Jamali Karen, 15 Saner Alexander, 22 Sirtori Elena, 38 Sterrenberg Anga, 16 Temín Josefina, 17 Tkabladze George, 23 Virgone Joseph, 18 Wenjun Fu, 33

copyright Studio Byblos International Palermo 2016 ISBN 9788894149227


I

t is a mild task and my great pleasure to present, as Publisher of Studio Byblos, International Publishing House, this bilingual catalog “1st Prince of Salina Gattopardo - International Exhibition”, which will be distributed in paper copy at the vernissage of the exhibition that will be associated with it in January 29th, 2017 at a prestigious villa of Piana dei Colli, where artworks of excellent masters will be video-projected there for seven days. The ebook version of the catalog, which is a work in progress, has been already sent to all participants and reported to the international exhibition and to all experts of art merchandising, Studio Byblos’ friends, which follow very carefully our artistic and cultural initiatives.

È

mio lieve compito e immenso piacere presentare, in qualità di Editore della Studio Byblos, Casa Editrice Internazionale, il catalogo bilingue associato al “1st Prince of Salina Gattopardo - International Exhibition”, che verrà distribuito in copia cartacea in occasione del vernissage della mostra a esso associata del 29 gennaio 2017 presso una prestigiosa villa della Piana dei Colli che per sette giorni vedrà video-proiettate le opere di eccellenti maestri. La versione ebook di tale catalogo, che risulta un work in progress, è stata già inviata a tutti i partecipanti e ai segnalati alla mostra internazionale e a tutti gli esperti di art merchandising amici di Studio Byblos, che seguono con molta attenzione le nostre iniziative artistiche e culturali. Dino Marasà

ISBN 9788894149227


Prince of Salina-Gattopardo International Exhibition