Page 1

Studio Ecoarch


La nostra architettura si fonda sulla ricerca della semplicità e dell’equilibrio, sul desiderio di aria, luce, calore: poche cose utili e belle. Progettiamo spazi per vivere e per lavorare: luoghi sani, dove poter ritrovare una parte di noi stessi; qualcosa di forte e sensoriale che ci assomigli; un’estensione del corpo, una seconda pelle che mantenga la corretta relazione con l’ambiente esterno Lo studio Ecoarch raccoglie attorno a sé esperienza, conoscenza e creatività. Il nostro lavoro si fonda su una solida ricerca teorica e progettuale, sul controllo del programma e del budget e su una gestione esperta per rispondere alle diverse e mutevoli esigenze del vivere contemporaneo Ricerchiamo l’alta qualità del risultato nella continuità dei processi progettuali e in un dialogo intenso con il cliente, i costruttori e i futuri abitanti. Noi lavoriamo insieme per ottenere la più alta sintesi tra funzione e bellezza. Progettiamo per l’abitare Our architecture is founded on the search for simplicity and equilibrium; on the desire for air, light and warmth: a few things, useful and beautiful. We design spaces for living and working: healthy places, where we can find ourselves; something sensuous and shaped around our body; a second skin which maintains the correct relationship with the environment. Ecoarch Studio gathers experiences, know-how and creativity. Our work is based on a strong theoretical and practical research; thanks to a great experience in project management we control all the functional and economical aspects to fullfill the different and evolving needs of contemporary living. In our projects we search for the greatest quality through a complete control on the design process and an intense dialogue with our clients, the contractors and the future inhabitants. We work together to obtain the best synthesis between function and beauty. We design for living


Alessandro Contavalli, Architetto Laureato presso la Facoltà di Architettura dell’Università di Firenze. Corso post-laurea ‘Material & Interior design’, (Politecnico di Milano). Corso Europeo di Perfezionamento post-laurea ‘Progettazione sostenibile dell’ambiente costruito’, (ABITA, Università degli Studi di Firenze). Seminario ‘Innovation in building envelopes and enviromental systems’, EPF Losanna, MIT, Harvard University) Master Degree in Architecture, University of Florence. Post-graduation course in ‘Material & Interior Design’, (Polytechnic School of Milan). European Course in ‘Sustainable Design of the built environment’ (ABITA, University of Florence). Seminar ‘Innovation in building envelopes and Environmental systems’(EPFL with MIT and Harvard University)

Stefania Mirandola, Architetto Laureata presso la Facoltà di Architettura dell’Università di Firenze. Corso Europeo di Perfezionamento post-laurea ‘Progettazione sostenibile dell’ambiente costruito’, (ABITA, Università degli Studi di Firenze. Corso ‘Strumenti operativi per la gestione degli aspetti bio-climatici del progetto (ECOTECT)’ Master Degree in Architecture, University of Florence. European Course Postgraduate postgraduate ‘Sustainable Design of the built environment’ (University Center LIVES - University of Florence. Course ‘Operational tools for the management of bio-climatic aspects of the project (ECOTECT)’


Mauro Rivolta, Architetto Laureato presso la Facoltà di Architettura del Politecnico di Milano. Corso europeo ‘Tecnologie bio-climatiche per la progettazione dell’ambiente costruito’, (ABITA, Politecnico di Milano). Corso di formazione ‘Gli impianti solari termici negli edifici’, (AMBIENTE ITALIA, ISES, Reg. Lombardia). Diploma di tecnico bio-edile, corso di perfezionamento post-laurea in architettura bio-ecologica (ANAB-IBN-SIB) Master Degree in Architecture, Polytechnic School of Milan. European course ‘Technologies for bioclimatic design of the built environment’ (ABITA, Polytechnic of Milan). Training Course ‘Solar thermal systems in buildings’, (ITALY ENVIRONMENT, ISES, Region Lombardy. Diploma in bio-construction, postgraduation course in bio-ecological architecture (ANAB - IBN-SIB)

Davide Ferrari, Architetto, PhD Laureato presso la Scuola di Architettura e Società del Politecnico di Milano, dove svolge attività di assistenza alla didattica nei laboratori di progettazione. Dottorato con lode in Progettazione Architettonica e Urbana. È autore di saggi ed articoli e relatore presso convegni internazionali Master Degree in Architecture and PhD cum laude in Architectural and Urban Design. Teaching Assistant at the School of Architecture of the Polytechnic of Milan


Progetti


Casa CB . Lugano 2010 La casa domina da una posizione incantevole il Malcantone, territorio montano verdissimo e per lo più incontaminato della Svizzera italiana. Tema di questo progetto è la luce, che dall’esterno scava con precisione il solido costruito, mentre invade serenamente l’interno manipolandone le candide superfici. La casa è bioecologica, prefabbricata in legno e ha ottenuto la Certificazione Minergie ECO per l’alta qualità, tra le prime del Cantone Ticino The house dominates the Malcantone (an untouched mountain area of Italian-speaking Switzerland) from a breathtaking position. The main theme of this project is the light, that excavates from the outside the volume, invading quietly the indoor space, manipulating its white surfaces. This bio-ecological building is prefabricated in wood and obtained (one of the first houses in Cantone Ticino) the quality certificate Minergie ECO


Casa MZ . Bologna 2011 Il progetto si concentra sull’esigenza del committente di utilizzare materiali bioecologici e di conservare alcune alberature esistenti. L’ampliamento, realizzato in legno con tecnologia X-LAM, si invera a partire da un parallelepipedo per sottrazione di due volumi che, interferendo con le piante, sono stati ‘asportati’. In corrispondenza di queste ‘sottrazioni’ si generano ampie vetrate che creano una chiara relazione tra interno ed esterno, tra l’artificiale ed il naturale This renovation project focuses on two needs expressed by the clients: to expand an existing house without interfering with some existing trees, using bio-ecological building materials only. The small wooden extension is the result of the subtraction of two volumes from an originary stereometric solid. The ‘cut’ of this two volumes (originated by the interfering with the trees) determines the position of large windows that create a close link between the internal space and the garden


Casa FR . Varese 2013 Un piccolo edificio rurale da cui si gode della splendida vista sul lago di Varese e del Monte Rosa è oggetto di una radicale ristrutturazione che ne riconfigura la distribuzione interna, con il recupero di parte del sottotetto, l’aggiunta di un soppalco al piano primo e di una serra solare al piano terra. Ogni ambiente, fluidamente connesso agli spazi vicini, gode di viste sul parco e sul paesaggio attraverso aperture libere o filtrate da pannelli in muratura ‘a traforo’ A small rural building with beautiful views over Varese lake and Monte Rosa is the subject of a radical intervention that reconfigures the internal distribution, with the recovery of part of the attic, the addition of a mezzanine on the first floor and of a solar greenhouse on the ground floor. Each room, fluidly connected to the adjacent spaces, enjoys views of the park and the landscape through open windows or filtered by woven masonry panels


Scuola dell’infanzia Ponticelli . Bologna 2008 La scuola è stata ideata a partire da criteri bioecologici, analizzando la relazione tra ambiente e occupanti con particolare attenzione all’universo del bambino. Abbiamo immaginato uno spazio in stretta relazione al giardino esterno, attraversato da lunghe prospettive che collegano diversi ambienti in una partitura ricca di variazioni, un gioco continuo di spazi reali ed immaginari

The school is designed moving from bio-ecological criteria and from the analisys of the relationship between the environment and the occupants, with particular attention to the child’s point of view. We imagined a space in strong relation with the garden, a place characterized by perspectives that connect different rooms in a random order, a continuous game of spaces, real and imaginary, where all it takes is a change of position to change the game


L’edificio è un sistema ad elevato rendimento energetico ed è costituito da una struttura in legno abbinata a setti in calcestruzzo fortemente coibentata. È dotato di un sistema di gestione automatizzato che, in base alle condizioni climatiche, regola l’intensità dell’illuminazione naturale, il recupero di calore della vetrata a doppia pelle e il raffrescamento notturno. La qualità dell’aria è garantita da un sistema di ventilazione naturale. Una serie di telai mobili in alluminio e legno regola l’irraggiamento solare delle aule vetrate poste a sud The school is a is a high - performance energetic system. It consists in a heavily insulated wooden structure reinforced by concrete walls. According to the climatic conditions, an automatic system manage the intensity of daylight illumination, heath recovery from the double-skin glass wall and night cooling. Air quality is guaranteed by a natural ventilation system. A series of wood and aluminium frames protects the southoriented rooms from the solar radiation


Casa SG . Milano 2007 La casa, prefabbricata in legno, nasce dall’incontro di due volumi puri. Gli ambienti del volume maggiore si articolano attorno a uno spazio a doppia altezza illuminato dall’alto: questo è il cuore della casa da cui è possibile godere della vista del cielo e delle sue infinite variazioni. La struttura della parete è costituita da montanti in legno con coibentazione in cellulosa e sughero. Sul tetto, prefabbricato in legno lamellare, trova posto un impianto fotovoltaico e solare termico The house, a prefabricated wooden structure, is designed as an addition of two distinct parts. The spaces contained in the bigger volume are positioned around a large void that let the light come frome above: this is the heart of the house, an area where you can enjoy the light and appreciate the view of the sky. The walls are made of wooden posts with cellulose and cork insulation. The roof, prefabricated and made in laminated wood carries photovoltaic and solar thermal panels


Cimitero Piratello . Bologna 2001 Il progetto nasce attorno ad uno scavo, un’incisione che separa il visitatore dal convulso agitarsi degli umani. Al centro, uno specchio d’acqua lega a sé, nel segno della croce da cui prende forma, gli eventi spaziali. Il contatto con gli elementi naturali, l’acqua, il sole, le alberature evoca le infinite implicazioni della vita. Raggiunta la superficie, la tensione si attenua, la luce ed il paesaggio hanno il sopravvento, non rimane che una sottile sensazione di silenzio The project develops the idea of an excavated space that separate the visitor from the chaos of everyday life. In the center, a cross-shaped fountain organizes the space around. The contact between the visitors and the natural elements evokes the infinite implications of life. On reaching the surface, the tension subsides, the light and the landscape prevail, nothing remains but a subtle feeling of silence


Appartamenti Biumo . Varese 2008 Oggetto dell’intervento è il recupero di una corte del ‘600 in totale stato di abbandono. Il progetto ha coniugato la conservazione delle caratteristiche tipologiche dell’edificio e l’adeguamento alle esigenze abitative contemporanee. I materiali da costruzione sono tutti bio-ecologici: il legno utilizzato è certificato FSC e trattato con vernici naturali, gli isolanti sono naturali (sughero bruno e fibra di legno), gli intonaci in calce idraulica naturale, i pavimenti in legno di rovere oliato The project of restoration of an abandoned 17th century courtyard, in the historical centre of Varese try to conserve the typological characteristics of the building adapting it to contemporary housing needs. The building materials are all choosen according to bio-ecological criteria: the wood is FSC certified and treated with natural paints, the insulations are totally natural (brown cork and wood fiber), the plaster is natural hydraulic lime; floors are made of oiled oak wood


Tribuna Imola . Bologna 2005 Il parco naturale in cui è inserito costituisce il principale ‘materiale’ del progetto. La sua leggerezza e una certa idea di complessità si contrappongono alla retorica massa dello Stadio Comunale, di epoca fascista. L’alternanza di elementi strutturali opachi e di parti in vetro trasparenti evoca un gioco continuo di luci ed ombre; fasci di luce attraversano le nervature della grande copertura che si smaterializza nella densità atmosferica con gli alberi, i rami le foglie The real material which the project deal with is the natural park where it is situated. The sensation of lightness amidst a certain tinge of complexity oppose the rethorical mass of the fascist stadium. The alternation of opaque structural elements and transparent glass parts evokes a game of light and shadow, keeping a close connection with nature: beams of light enter the structure’s cover, almost disappearing as it blends in with the surrounding environment: trees, branches and leaves


Appartamenti Giubiano . Varese 2010 Pareti ventilate e frangisole in legno, terrazzi in acciaio e legno, tetto ad unica falda rivestito in rame: questi gli elementi che restituiscono un linguaggio inusuale per il contesto semiperiferico in cui l’edificio è inserito. I materiali sono scelti secondo principi bio-ecologici: le murature sono in laterizio, la struttura dei solai e del tetto in legno certificato FSC, gli isolanti in fibre naturali. L’edificio è dotato di un impianto geotermico coadiuvato, al piano terra, da una serra solare Ventilated walls, blinds made of wood, steel and wooden terraces, roof covered with copper dormers of unconventional shape: these are the element that set an unusual language for the semi-peripherial context in wich the building is loated. The materials are all natural, selected according to the principles of bio-ecological architecture. The walls are made of brick, the structure of the floors and roof of FSC certified wood, the fiber insulation is natural, the heating uses pumps, geothermal sondes and radiant distribution floor


Ostello Piratello . Bologna 2005 L’intervento concerne il recupero conservativo di un’ala rimaneggiata del convento di S. Maria del Piratello, da destinare ad attività ricettiva economica. Il progetto si è posto l’obiettivo di rendere nuovamente leggibile il tessuto distributivo e materico originario. Lo scopo, in particolare, era di ridare dignità originale all’ambiente della galleria, posta sopra al chiostro, ripristinando la sequenza originale degli spazi. Nello stabilire le finiture si è optato per gli stessi materiali tradizionali che caratterizzano tutto il complesso monumentale del Convento The project recover a damaged part of S. Maria del Piratello cloister to recover spaces for an economic hostel. In particular, the aim was to restore the dignity of the original gallery, which is located above the cloister, in search for the original sequence of the spaces. We employed the same traditional materials used in the whole monumental cloister complex: the lime used on the walls for the plasters and the veilings, traditional ‘cotto’ for the floorings


Casa BM . Varese 2005 Adagiata sulle pendici montuose del Lago Maggiore, questa casa si affaccia sul panorama delle Prealpi lombarde. Il progetto di ampliamento stabilisce un dialogo sottile tra il linguaggio vernacolare dell’edificio esistente e una concezione contemporanea dell’abitare. Nei due alloggi, attorno a due grandi stufe in maiolica si dispongono con rigore cartesiano gli ambienti del piano terra, mentre al piano primo spazi fluidi si dilatano gli uni negli altri. L’edificio è stato pensato tenendo conto di semplici procedimenti di costruzione bioecologici e regolazione bioclimatica Lying on the mountain slopes of the Lake Maggiore, this house overlooks the panorama of lombard Prealps. At the center of the two apartments a large tiled stove heater define the large spaces. The building has been designed according to simple bio-ecological construction processes and bioclimatic principles


Museo Piratello . Bologna 2000 Il progetto del Nuovo Museo d’Arte Sacra nasce dall’esigenza di garantire una corretta conservazione e la fruizione di una cospicua raccolta di suppellettili, paramenti sacri e oggetti devozionali. La luce accarezza le modanature architettoniche; mostra ed enfatizza gli oggetti esposti, in modo pressoché invisibile, cadenzando il percorso espositivo. I materiali impiegati dialogano silenziosamente con la severità dell’edificio: il legno, il ferro, il cristallo, tutto contribuisce a creare quell’impressione di semplicità e sobrietà a cui il luogo rimanda The project ensure a proper conservation for a large collection of furnishings, vestments and devotional objects. The light caresses the moldings, discreetly illuminating the path through the exhibition. A strong relationship is set between the building and the materials used: the wood, the iron, the crystal. They all contribute to create an impression of simplicity


Lavori in corso


Complesso ‘La Vela’ . Varese Progetto di un complesso polifunzionale commerciale, direzionale e residenziale in un’area strategica situata lungo l’innesto autostradale per Milano. In collaborazione con Studio Tecnico Associato Giani, Varese Design of a multifunctional complex with offices, commercial and residential spaces. In collaboration with Studio Tecnico Associato Giani, Varese


Casa AA . Bologna Progetto per un piccolo ediďŹ cio residenziale delicatamente posato sul suolo naturale e caratterizzato da soluzioni innovative di involucro Project for a small house. Gently placed on the natural soil, the building is characterized by innovative skin solutions


DOeMA . Milano Opere di adeguamento di un vecchio ediďŹ cio a corte, situato a poca distanza dal Naviglio Pavese, che ospita le attivitĂ di una onlus impegnata nella tutela delle donne e dei minori Adaptation an old courtyard building, situated close to Naviglio Pavese, which houses the activities of a non proďŹ t organization that protects women and children


Casa MN . Varese Progetto per una abitazione in legno. Altamente efďŹ ciente dal punto di vista energetico, è concepita secondo criteri bioecologici Project for a high efďŹ cency wooden house based on bioecological criteria


Complesso ‘Il vigneto’ . Mendrisio Progetto di otto unitĂ residenziali su un terreno anticamente terrazzato, oggi abbandonato. In collaborazione con gli architetti Giovanni Dal Cin e Daniela Scanu Project of eight residential units on a land formerly terraced, now abandoned. In collaboration with Giovanni Dal Cin and Daniela Scanu, architects


studioecoarch.it Varese Corso Matteotti 45 +39 0332 287949 Imola Via Emilia 65 +39 0542 22744


Studio ecoarch portfolio  

Our architecture is founded on the search for simplicity and equilibrium; on the desire for air, light and warmth: a few things, useful and...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you