Issuu on Google+

1


Indice Fonologia 1, 3, 4

L’ordine alfabetico

2

Lettere e parole straniere Comunicazione

5, 6

I messaggi verbali Sintassi

74

GN, N

75

SC, S Morfologia

25, 26

I nomi

27

Il genere

28

Maschile e femminile

29, 30

Singolare e plurale

7, 11

Gli enunciati

31

Nomi primitivi e derivati

8

Ricostruzione di frasi

32

Nomi collettivi

9

I sintagmi

33

Nomi alterati

10

I sintagmi negli enunciati

34

Nomi composti

12, 13

Il soggetto

35, 36

Articoli

14

Il soggetto sottinteso

37, 38, 39

Aggettivi qualificativi

15

Soggetto sottinteso e soggetto assente

40, 41

Aggettivi possessivi

42

16

Il predicato verbale

I verbi

43, 44

17

Il predicato nominale

Le persone del verbo

45

18, 19

Predicato verbale e nominale

Le coniugazioni del verbo

46

20, 21, 22

L’enunciato minimo

Il modo infinito

47

23, 24

Le espansioni

I tempi del verbo

48, 49, 50

60, 61

Il discorso diretto e indiretto

Il verbo essere

51

I tempi del verbo essere

52, 54

Il verbo avere

55, 56

Le preposizioni semplici

57

Le preposizioni articolate

Ortografia 53

L’H nel verbo avere

62

L’accento

63, 64

L’apostrofo

65

Le doppie

66

GA, GO, GU e GIA, GIO, GIU

67

CA, CO, CU e CIA, CIO, CIU

68

CE, CI e CHE, CHI

69

GE, GI e GHE, GHI

70

CE, CIA, CIE e GE, GIA, GIE

71

QU, CU

72

QU, CU, CQU

73

GLI, LI

Punteggiatura 58

Il punto

59

I due punti e la virgola Analisi testuale

76, 77, 84, 85

Comprensione di fiabe, favole, filastrocche e modi di dire

78, 79, 80, 81, 82, 83

Analisi, completamento e produzione di testi descrittivi e regolativi


L’ordine alfabetico

Fonologia

scheda

1

1 Un tempo le lettere J, K, W, X, Y facevano parte solo degli alfabeti

stranieri. In questi ultimi anni, però, sono entrate a far parte anche di quello italiano. Quale posizione occupano? Aiuta Gisella a scriverle nel posto giusto.

O

E A

D B C

F

G

P

Z

Q

N

R S

M

H

T

L I

2 Riscrivi in ordine alfabetico

questo elenco di parole che iniziano con J, K, W, X, Y.

U

V

3 Riscrivi in ordine alfabetico

questo elenco di parole che contengono J, K, W, X, Y.

killer

bijou

western

parka

yacht

boxe

jolly

fax

xilofono

clown

yeti

majorette

kiwi

backup

xenofobo

coyote

windsurf

canyon

jeans

Halloween

4 Cerca sul dizionario il significato delle parole che non conosci. 1


scheda

Lettere e parole straniere

2

Fonologia

1 Molte parole straniere ormai fanno parte anche della nostra lingua.

Usa le seguenti parole per completare le frasi.

yogurt • hotel • week-end • karate • toast • mouse • dribbling • wafer • roulotte Durante questo andremo al lago. Ho passato due notti in un sul mare. A colazione, di solito mangio un al prosciutto. Ho appena mangiato uno squisito alla frutta. D’estate trascorro le vacanze in . Il è uno sport che richiede agilità e concentrazione. Il calciatore ha fatto un strepitoso. Il è un piccolo strumento collegato al computer. I sono biscotti leggeri farciti di crema. 2 Ricerca sul dizionario il significato di queste parole straniere e scrivilo

sulle righe.

hostess cowboy kit jazz jolly record 2


scheda

L’ordine alfabetico

Fonologia

3

1 Completa gli schemi, inserendo in ordine alfabetico le seguenti parole

che iniziano con L:

che iniziano con M:

lettera; liquore; lana; lavagna; lucciola; limone; laccio; letto.

musicista; mente; mattone; muso; mare; minestra; micio; metro.

2 Un commerciante vuole inserire in ordine alfabetico i dati di alcuni

clienti nella sua agenda. Aiutalo tu, riscrivendo in ordine i loro cognomi.

Bianchi • Moschin • Gariglio • Rapetti • Lauri • Bedetti Salvai • Angione • Passanti • Tedeschi • Fasano • Artioli • Cairoli Faure • Navigli • Degiovanni • Baresi • Donati • Fenoglio Gambaro • Ceretto 1.

8.

15.

2.

9.

16.

3.

10.

17.

4.

11.

18.

5.

12.

19.

6.

13.

20.

7.

14.

21. 3


scheda

L’ordine alfabetico

4

1 Risolvi il cruciverba degli animali, aiutandoti con le lettere già inserite. 1 3

2

4

5

N

6

G 7

L

N

8

9

S 10

F

12 14

11

O P

13

15

O

U 16

E 17

Orizzontali

Verticali

4. È grosso, peloso e goloso di miele. 5. L’animale bianco e nero che si nutre di germogli di bambù. 7. È enorme, vive in acqua, ma non è un pesce. 10. È un insetto volante con ali variopinte. 13. È un animale grigio, goloso di formaggio. 14. È robusto, tozzo e ama l’acqua. 16. Ha il mantello a strisce bianche e nere. 17. Gracida negli stagni.

1. È un pesce piatto. 2. Raglia e ha le orecchie lunghe. 3. È il fedele amico dell’uomo. 6. È un animale preistorico estinto. 8. È l’animale con la proboscide. 9. È un gran cacciatore di topi. 11. È il re degli animali. 12. È un serpente velenoso che vive in montagna. 15. È l’animale mansueto utile per il suo latte.

4


Fonologia

2 Riscrivi in ordine alfabetico i nomi degli animali che hai trovato nel

cruciverba della pagina precedente.

1.

7.

13.

2.

8.

14.

3.

9.

15.

4.

10.

16.

5.

11.

17.

6.

12.

3 Sottolinea in ciascuna coppia di parole quella che viene prima

nell’ordine alfabetico.

nero albero coniglio muro zero pigiama orso sudare

nuvola amico cane mostro zebra piede otto siringa

bere furto questione pomata istrice torto ruota latte

befana fucile quaderno pomodoro isola torre radio limone

4 Per ogni parola scrivine una che precede e una che segue nell’ordine

alfabetico. Mantieni uguale la parte evidenziata, come nell’esempio.

frana

FRENO

frutta

BRICIOLA PERO BARBA ALBERO CIBO SPIEDO 5


scheda

I messaggi verbali

5

Comunicazione

1 Collega ogni vignetta con la sua modalitĂ  di comunicazione.

Con parole Con movimenti Con suoni

Ciao, come stai?

Con segnali Quando comunichiamo con le parole inviamo un messaggio verbale. chi parla EMITTENTE

codice LINGUAGGIO

chi ascolta RICEVENTE

2 Chi parla? Scoprilo e scrivilo!

La sua auto ha il carburatore sporco.

Apra bene la bocca: devo far passare il trapano.

6

In questo dettato hai fatto troppi errori.

Devo farle la multa: non ha dato la precedenza.


Comunicazione

scheda

I messaggi verbali

6

L’emittente invia un messaggio con uno scopo, che può essere…

Convincere

Informare Comandare

Esprimere emozioni o sentimenti

Interrogare

1 Scrivi sotto ogni vignetta lo scopo della comunicazione.

Chi ha mangiato la torta che era in frigo?

Metti subito a posto le tue scarpe.

Non mi sono fermata al supermercato perché c’era troppa gente.

Prestami i tuoi pattini. Ti prometto che li tratterò con cura.

Che noia! Devo passare la domenica in casa, senza amici.

7


scheda

7

Gli enunciati

Sintassi

Le persone comunicano tra di loro pronunciando frasi. La frase (o enunciato) è un insieme ordinato di parole con un senso logico. 1 Metti in ordine le parole per ottenere frasi di senso compiuto.

libri e giornalini la leggere preferisco televisione al posto di guardare

sabato a farci prossimo verrà dall’America cugino un visita

nascondino nel giocare parco a andare a vorrei

estate a vela nel in andremo quest’ barca Mar Mediterraneo

2 Cerca le frasi non logiche e segnale con una X.

Il leone vola nel cielo azzurro. Una nave solca le onde del mare. A causa dell’enorme calore le strade si coprirono di ghiaccio. Gli automobilisti saltavano sulla cima degli alberi. Nell’aria volava una farfalla variopinta. Luigi e Carlo pedalavano velocemente sulle loro biciclette. Luca lanciò il piatto di spaghetti sulla luna. 8


Ricostruzione di frasi

Sintassi

scheda

8

1 Riscrivi le frasi in modo che abbiano senso.

Papà è salito con gli ascensori. Franco ha voltato le teste. Ho mangiato le polente. La scarpa mi sono strette. 2 Correggi le frasi nei due modi possibili, come nell’esempio.

I topi mangia il formaggio.

I topi mangiano il formaggio. Il topo mangia il formaggio.

Le bimbe canta una canzone.

Il geranio sono fioriti.

L’auto si fermano al semaforo.

3 In ogni frase trova la parola non

adatta e sostituiscila.

parola non adatta

parola adatta

Quando piove chiudo l’ombrello. L’elefante è un animale leggero. La mucca è un pesce mansueto. La barca scivola veloce sulla nuvola. Il gelato era molto caldo. 9


scheda

I sintagmi

9

Sintassi

I sintagmi sono le parti più piccole in cui si può dividere l’enunciato (o frase). Ogni sintagma mantiene un significato e risponde a una domanda precisa. 1 Dividi le frasi in sintagmi e inseriscili nella tabella al posto giusto,

come nell’esempio.

Franca

mangia

la pizza

con Laura

chi?

che cosa fa?

che cosa?

con chi?

Franca

mangia

la pizza

con Laura

Ieri la zia è andata al cinema. quando?

chi?

che cosa ha fatto?

dove?

In autunno gli alberi perdono le foglie. quando?

che cosa?

che cosa fanno?

che cosa?

Al mattino Andrea frequenta la scuola. quando?

chi?

che cosa fa?

che cosa?

Domani io m’incontrerò con mia cugina. quando?

10

chi?

che cosa farò?

con chi?


scheda

I sintagmi negli enunciati

Sintassi

10

1 Collega in modo logico i sintagmi per formare gli enunciati, usando un

colore diverso per ognuno.

tu

recita

la merenda

il gatto

sono sbocciate

il topo

le primule

abbaiano

in una commedia

quell’attore

insegue

nel cortile

i cani

mangi

nei prati

2 Riscrivi gli enunciati ottenuti.

1) 2) 3) 4) 5) 3 Metti in ordine i sintagmi e scrivi un enunciato per ogni gruppo.

il gelato l’auto

mangia

guida

Luca

l’autista

il cane

accarezza

il padrone

la palla

insegue

il calciatore

la radio

ascolta

Giuseppe

un vetro

ha rotto

Giulio 11


Gli enunciati

scheda

11

Sintassi

1 Metti in ordine i sintagmi e scrivi due enunciati per ogni gruppo.

a inizio partita

in campo

sono entrate

le due squadre

1. 2.

di sera

spesso

le rondini

volano

in cielo

1. 2.

Luisa

Carla

accompagnerĂ 

al supermercato

domani

1. 2.

2 Costruisci tre enunciati rispondendo alle domande e scrivendo negli

spazi i sintagmi adatti.

12

chi?

che cosa fa?

con chi?

dove?

quando?

chi?

che cosa fa?

dove?

dove?

chi?

che cosa fa?

che cosa?


Il soggetto

Sintassi

scheda

12

Io sono il protagonista. In un enunciato il soggetto è il sintagma che indica chi compie l’azione. Il soggetto è la persona, l’animale o la cosa protagonista della situazione.

1 Individua il soggetto nei vari enunciati e riquadralo, come nell’esempio.

Dopo il violento temporale, i passanti ripresero a camminare per strada. Ieri, la Luna brillava nel cielo sereno. Da domani, la scuola resterà chiusa per le vacanze pasquali. Dal pullman scesero i passeggeri con le valigie. In primavera, sui rami degli alberi spuntano le gemme. Il vigile fermò un automobilista indisciplinato. 2 Inventa due frasi che contengano le parole maestra e bambina.

Nella prima frase il soggetto deve essere la maestra e nella seconda il soggetto deve essere la bambina.

1.

2. 13


Il soggetto

scheda

13

1 Completa gli enunciati con il soggetto adatto.

brillano nel cielo notturno. cade imbiancando le strade. ripara le automobili. cuoce il pane. studiano. sbocciano in primavera. ha una lunga proboscide. è caldo. è salato. ha il dorso coperto di aculei. è un animale fedele. è una cantante. 2 Utilizza ogni soggetto per costruire un enunciato.

La barca I ciclisti Il vento L’orso Gli amici 14

Sintassi


Il soggetto sottinteso

Sintassi

scheda

14

In un enunciato il soggetto può essere sottinteso, cioè non espresso. In questi casi, per capire quale sia il soggetto sottinteso bisogna osservare il verbo. 1 Per ogni frase scegli il soggetto giusto e indicalo con una X.

Ho voglia di mangiare un gelato. Noi

Io

Voi

Andiamo insieme al cinema? Egli

Tu

Essi

Essi

Io

Tu

Restituirete quello che avete preso. Noi

Piangevano per il dispiacere. Io

Dammi tue notizie al piĂš presto!

Voi

Essi

Egli

Beveva con gusto una bibita. Noi

Egli

Tu

Essi

2 Scrivi una frase per ogni soggetto sottinteso indicato.

(noi) (tu) (essi) (voi) (io) (egli) 15


Soggetto sottinteso e soggetto assente

scheda

15

Sintassi

1 Completa gli enunciati scrivendo il soggetto sottinteso adatto.

aspettami all’uscita da scuola, poi

andremo

insieme in palestra. Quando

sono venuti a casa vostra,

li avete

ricevuti con grande cortesia. hai fatto un bellissimo regalo a mio fratello.

si è

commosso! seguo una dieta vegetariana, invece

mangiano

carne.

Il soggetto manca del tutto quando il verbo è impersonale, cioè ha solo la 3ª persona singolare.

2 Colora di verde il quadratino vicino alle frasi che hanno il soggetto

sottinteso e di rosso quello delle frasi senza soggetto.

16

È necessario riflettere bene.

Per noi va bene così.

Non accettiamo le tue scuse.

Aveva molto freddo.

Non andrò mai più in quel ristorante.

In quella stanza fa molto caldo.


Il predicato verbale

Sintassi

scheda

16

Il predicato verbale è il sintagma che indica che cosa fa il soggetto. 1 In ogni enunciato è stato evidenziato il soggetto. Riconosci e cerchia

con il rosso il predicato verbale.

Dal vagone del treno uscirono i passeggeri .

Le fiamme dell’incendio hanno distrutto il bosco. Noi giochiamo volentieri a pallone. Sulla pianura si stendeva la nebbia .

I nonni , domani, partiranno per le vacanze. 2 Completa ogni enunciato con il predicato verbale adatto, scegliendolo

fra quelli elencati.

Voi

in mare con il motoscafo.

Un forte temporale Io

alcuni alberi.

alla televisione un documentario.

I popoli antichi

molte guerre.

In meno di mezz’ora I pesci Franco e Luigi

il lavoro.

per mezzo delle pinne. un gelato al bar.

combatterono andate abbatté concluderò hanno gustato hai smarrito ho visto nuotano

3 Inventa un enunciato con l’unico predicato verbale che non hai usato

nell’esercizio 2.

17


Il predicato nominale

scheda

17

Sintassi

Quando il predicato indica che cos’è o com’è il soggetto si chiama predicato nominale.

che cos’è = verbo essere + nome com’è = verbo essere + aggettivo

1 Completa gli enunciati come nell’esempio.

che cos’è?

La margherita

è un fiore

che cosa sono?

Le mucche

com’è?

La margherita

è profumata

come sono?

Le mucche

che cos’è?

L’aranciata

che cosa sono?

Le mosche com’è?

L’aranciata

come sono?

Le mosche

che cos’è?

La pizza

che cosa sono?

Le maglie com’è?

La pizza 18

come sono?

Le maglie


Sintassi

Predicato verbale e nominale

scheda

18

1 Collega ogni soggetto al predicato adatto, in verde se è verbale, in blu

se è nominale.

Le api Carlo L’atleta La neve Le auto Il cielo La pasta Le lampade

è azzurro sono accese è un alimento ride sfrecciano ronzano è fredda salta

2 Per ogni soggetto scrivi un predicato verbale e due tipi

di predicato nominale.

soggetto

predicato verbale

chi è?

che cosa fa?

che cos’è?

com’è?

Lo squalo

nuota

è un pesce

è aggressivo

predicato nominale

Il cane La lucertola La farfalla La formica Il leone La lepre L’aquila 19


scheda

19

Predicato verbale e nominale

Sintassi

1 In queste frasi i predicati sono composti da due parti non vicine tra loro.

Trovale e sottolineale, come negli esempi.

Il gatto aveva velocemente inseguito il topo. Il telefono era sempre occupato. Germana e Luca sono nuovamente andati via. Lucia era a letto ammalata. Gianni aveva malvolentieri prestato i suoi giochi. Adriana non è del tutto sincera. Nessuno era ancora tornato a casa. Il muratore ha in brevissimo tempo costruito il muro. Loredana era sinceramente stupita. 2 Trova e scrivi due possibili soggetti per ogni predicato.

predicato verbale

20

predicato nominale

corre.

è verde.

urla.

è un animale.

scrive.

è lenta.

parla.

è un oggetto.

mangia.

è colorato.


L’enunciato minimo

Sintassi

scheda

20

1 In ogni riga elimina un sintagma non necessario, fino a ottenere

l’enunciato minimo.

con entusiasmo

in alto

l’atleta

ieri

Andrea

nel cielo

correva

Luca

gareggiava

le rondini

velocemente

piangeva

per la sua classe

volavano

nel parco

per la caduta

dalla bicicletta

L’enunciato minimo è formato da SOGGETTO + PREDICATO. Quando il verbo è impersonale l’enunciato minimo è formato dal solo predicato. 21


scheda

21

L’enunciato minimo

Sintassi

1 In ogni frase sottolinea l’enunciato minimo.

Di pomeriggio, il telefono squilla in continuazione. Il cielo, oggi, è azzurro più del mare. Il gatto di Matteo miagola per la fame. La sorella di Andrea studia in salotto. Cade la pioggia sul tetto. La trota è un pesce d’acqua dolce. Fra i sassi l’acqua scorre impetuosa. Franca si pettina davanti allo specchio. Durante l’intervallo gli alunni giocano in giardino. 2 Inserisci nella tabella gli enunciati minimi che hai sottolineato.

enunciato minimo soggetto

predicato

Il telefono è azzurro

3 Colora in rosso le caselle con i predicati nominali e in verde le caselle

con i predicati verbali. 22


L’enunciato minimo

Sintassi

scheda

22

1 Alcuni di questi enunciati hanno un significato: indicali con SÌ; altri,

invece, non hanno alcun significato: indicali con NO.

Giorgio ha visto. Il sole risplende. La notte è buia. Silvana tocca. Il giardiniere prende. L’acqua è limpida. Non sempre soggetto e predicato sono sufficienti per dare un significato all’enunciato. In questo caso l’enunciato minimo deve comprendere anche il sintagma che risponde alla domanda che cosa? 2 Completa con il sintagma adatto, in modo da formare un enunciato

minimo che abbia un significato.

Carlo

prende

Il vigile

fa

La maestra

apre

La mamma

prepara

Luisa

spinge

Il calzolaio Il papà

ripara

guarda

Giuseppe

accende 23


scheda

Le espansioni

23

Sintassi

Le espansioni sono sintagmi che si aggiungono al soggetto e al predicato per ampliare il loro significato. Il fratello

è caduto

di chi?

dove?

quando?

di Sara

per le scale

ieri

espansione del soggetto

espansioni del predicato

1 Espandi l’enunciato minimo, scegliendo due sintagmi tra i quattro

proposti.

La pioggia cade

Fido dorme

Silvia legge

La mamma ha steso

Sara ha bucato

Enrico ha perso

24

ieri

di Luca

sui tetti

con violenza

nella cuccia

sull’albero

con fame

profondamente

con i colori

un libro

a piedi

in biblioteca

sotto la neve

con il pallone

i panni

sul balcone

la gomma

in aereo

a quadretti

della bicicletta

di ieri

di casa

le chiavi

del quaderno


Le espansioni

Sintassi

scheda

24

1 Arricchisci con espansioni adatte gli enunciati minimi.

Alessia cucina (che cosa?) (con che cosa?)

(per chi?)

.

Il medico (di chi?) discuteva (con chi?)

(quando?)

.

Il viaggio (con che mezzo?) (da dove?)

(a dove?)

è lungo.

2 Inserisci ogni enunciato che hai completato nello schema adatto.

soggetto

predicato

soggetto

predicato

soggetto

predicato

25


scheda

25

I nomi

Morfologia

La ricottina C’era una volta una bambina povera povera, di nome Metilde. Dice la bambina: – È meglio che io vada da quel contadino per vedere se mi dà una ricottina. Va da quel contadino, che le dà la ricottina. Quando ha preso la ricottina, fa una ciambellina e se la mette in capo. Quand’è per strada pensa: «Ora vado in città, vendo la ricotta e prendo i soldi. Con questi soldi comprerò due uova; queste uova le metterò sotto la chioccia e nasceranno due pulcini. Quando saranno diventati due bei polli grossi grossi li venderò e comprerò un’agnellina. Dopo, l’agnellina mi farà due agnellini, li farò crescere e acquisterò una vitellina. La vitellina si farà grossa, la venderò e comprerò due vitelli. Quando questi vitelli saranno diventati grossi, li venderò e mi farò una bella casina con un terrazzino; la gente che passerà di lì s’inchinerà e mi saluterà dicendo: – Signora Metilde…». Metilde fece una bella riverenza e la ricotta schizzò in mezzo alla strada. Giuseppe Pitrè, Fiabe e leggende popolari siciliane, Forni

1 Leggi attentamente la fiaba, poi trova e scrivi:

due nomi comuni di persona un nome proprio di persona tre nomi comuni di animali tre nomi comuni di cosa tre nomi alterati 26


Morfologia

I nomi

scheda

26

1 Rispondi alle domande, scrivendo il nome proprio adatto.

In quale città abiti? In quale via o piazza? In quale regione? Come si chiama la tua scuola? Quale modello di auto preferisci? Quale programma televisivo ti interessa? Qual è il nome della tua squadra del cuore? Come si chiama il tuo miglior amico? Come si chiamano le tue maestre? 2 Qual è il tuo nome? Come si chiamano i tuoi genitori e i tuoi nonni?

Completa il tuo «albero genealogico».

I tuoi nonni

I tuoi genitori Tu

27


scheda

Il genere

27

Morfologia

Alcuni nomi conservano la stessa forma al maschile e al femminile; in questi casi, per indicare il genere si utilizza l’articolo. 1 Completa la tabella.

nomi maschili

nomi femminili

il dentista il farmacista il custode la cantante la testimone la nipote Molti nomi di animali hanno un’unica forma; per specificare il genere si aggiunge «maschio» o «femmina». 2 Completa la tabella, scrivendo i nomi mancanti.

nomi maschili

nomi femminili

il canguro maschio il leopardo maschio il cinghiale femmina il corvo femmina 3 Colora le caselle con i nomi di animali che hanno un solo genere.

l’aquila

l’asina

la formica

l’orsa

la mula

la zebra

la gatta

il picchio

la trota

il salmone

la pantera

il lupo

il cavallo

il cane

il panda

28


Morfologia

scheda

Maschile e femminile

28

1 Trasforma questi nomi dal maschile al femminile

e dal femminile al maschile.

maschile

femminile

femminile

il posto

l’attrice

il cavallo

la colla

l’amico

la testa

lo scolaro

la cugina

il banco

la corsa

il foglio

la pittrice

il porto

la mostra

il manico

la pianta

il gatto

la gallina

il contadino

l’ora

l’orco

l’asina

maschile

2 Quali parole hanno cambiato significato? Sottolineale di rosso.

Molti nomi hanno un genere solo; per esempio il fungo è solo maschile e la finestra è solo femminile. 3 Quali di questi nomi hanno un solo genere?

la fiamma il cuoco il temperino il gelato il bambino il fuoco

la gomma l’albero la matita la maestra il fiammifero la sedia 29


scheda

Singolare e plurale

29

Morfologia

Le parole che al singolare finiscono con CIA o GIA conservano la lettera I al plurale se il gruppo CIA o GIA è preceduto da vocale. micia

micie

Invece se CIA o GIA sono precedute da una consonante la lettera I scompare. roccia rocce Fa eccezione la parola scia che ha come plurale scie. 1 Leggi la regola, osserva gli esempi e completa le tabelle scrivendo il

plurale di ogni parola nella giusta colonna.

CE

CIE

socia doccia treccia camicia farmacia guancia provincia acacia GE

bugia spiaggia valigia ciliegia pioggia grattugia frangia reggia 30

GIE


scheda

Singolare e plurale

Morfologia

30

1 Osserva l’esempio e scopri i plurali errati, poi cancellali e riscrivili

correttamente, come nell’esempio.

singolare

plurale

correzione (se necessaria)

asparago

asparaghi

asparagi

zio

zi

superficie

superfici

zucca

zucche

doccia

docce

uovo

uovi

monaco

monachi

addio

addii

idea

ideie

dio

dii

psicologo

psicologhi

camice

camici

farmaco

farmaci

fango

fangi

tacco

tacci

cardiologo

cardiologi

Alcuni nomi hanno una sola forma per il singolare e il plurale. Si distinguono solo dall’articolo. 2 Colora gli unici due nomi che hanno sia il singolare sia il plurale.

boa

ipotesi

stella

re

gas

città

caffè

film

radio

virtù

matita

gorilla

crisi

civiltà 31


scheda

Nomi primitivi e derivati

31

Morfologia

Da un nome primitivo si possono formare piÚ nomi derivati il cui significato è sempre in relazione con il nome da cui derivano. Nome primitivo e nome derivato hanno sempre in comune alcune lettere. fiore fioraio

fiorista

fioritura

fioriera

1 Scrivi almeno un nome derivato da ognuno di questi nomi primitivi.

dente

pane

gamba

frutta

braccio

libro

occhi

giardino

2 Scrivi vicino a ogni coppia di derivati il nome primitivo.

latteria

saliera

latticino

salina

maniglia

calcolatrice

manico

calcolatore

3 Scopri e circonda il vero nome derivato.

da OROLOGIO:

orologiaio

da VIA:

oroscopo da PASTA:

da SOLE:

pastore

vicenda

pastaio

da GINOCCHIO: ginnastica ginocchiera

solitario

da GIORNALE:

solare 32

viale

giorno giornalaio


scheda

Nomi collettivi

Morfologia

32

I nomi collettivi indicano un insieme di persone, animali o cose. 1 Completa le frasi con il nome collettivo adatto per ogni insieme di

animali. Sceglilo tra quelli indicati.

gregge • branco • mandrie • sciame • stormo Sul cespuglio fiorito si è posato uno Nel cielo sereno è passato uno Nei prati di montagna pascolano Un

di api. di uccelli. di mucche.

di cavalli galoppa nella prateria.

Il cane aiuta il pastore a radunare il

di pecore.

2 Spiega il significato di ciascun nome collettivo.

L’orchestra è un insieme di La scolaresca è un insieme di L’esercito è un insieme di La squadra è un insieme di Il coro è un insieme di

3 Scrivi il nome collettivo di questi gruppi di cose.

Un insieme di pini è una Un insieme di isole è un Un insieme di navi è una Un insieme di alberi è una 33


scheda

Nomi alterati

33

Morfologia

1 Risolvi il cruciverba, inserendo i giusti nomi alterati.

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 1. Casa maltenuta, trascurata. 2. Cavallo piccolo. 3. Vento violento e pericoloso. 4. Libro grazioso e piccolo. 5. Ragazzo grande e grosso.

6. Cane grosso e minaccioso. 7. Donna piccola. 8. Quadro piccolo e grazioso. 9. Mani molto grandi. 10. Piedi molto piccoli.

2 Nella griglia sono scritti dodici veri alterati e dodici falsi alterati.

Cancella i falsi alterati e riscrivi nella tabella i veri alterati.

fazzoletto

limone

cappellaccio crepaccio

aquilone

figliolo

mattone

cavalluccio

muretto

pagliaccio

boccuccia

guantone

pagliuzza

omone

uccellaccio

ghiaccio

librone

burattino

rubinetto

gattaccio

scontrino

seggiolino

bottone

cappuccio

alterato accrescitivo

34

alterato dispregiativo

alterato diminutivo

alterato vezzeggiativo


scheda

Nomi composti

Morfologia

34

I nomi composti sono nomi formati dall’unione di due parole. 1 Collega ogni parola del primo gruppo con una parola del secondo,

per formare sei nomi composti.

cassa

passa

tappi cielo

salva scansa

fatiche

gratta

panca

cava

porto gente

2 Per ogni parola, scrivi almeno due nomi composti.

porta auto palla guarda 3 Volgi al plurale i seguenti nomi composti, tenendo conto delle indicazioni.

cambia il primo nome

cambia il secondo nome

capolettera

capolavoro

capocannoniere

cavolfiore

capobarca

pomodoro

cambiano entrambi i nomi

non cambia nessuno dei due nomi

terracotta

attaccapanni

cartastraccia

portamonete

mezzaluna

lustrascarpe 35


scheda

Articoli

35

Morfologia

1 Metti insieme con una matita

lo

rossa gli articoli determinativi e con una matita blu gli articoli indeterminativi.

i l’

gli la

il

una un

le

un’ uno

2 Leggi e completa le frasi.

Quando voglio indicare una persona, un animale o una cosa qualsiasi uso l’articolo

Quando voglio indicare proprio quella determinata persona, animale o cosa uso l’articolo

3 Inserisci l’articolo determinativo adatto per ogni nome e poi trasforma

al plurale, come nell’esempio.

il treno

36

i treni

sbaglio

aereo

incendio

abito

penna

zaino

sandalo

sedia

telefono

gnomo

arancia

faro

struzzo

auto

ipotesi

re

verità


scheda

Articoli

Morfologia

36

1 Inserisci l’articolo indeterminativo adatto.

elefante

squalo

rana

asino

oca

pavone

uccello

cavallo

scimpanzĂŠ

zebra

aquila

istrice

struzzo

scoiattolo

cammello

2 Completa con gli articoli determinativi o indeterminativi adatti.

Era

domenica di maltempo. pioggia batteva contro

e

vento fischiava tra

Carla leggeva faceva Intanto e

vetri delle finestre rami degli alberi.

libro, mentre

gatto Marameo

fusa sdraiato sul divano. mamma preparava

papĂ  guardava

Andrea,

torta

spettacolo alla televisione.

fratellino di Carla, colorava

figure di

album.

3 Riscrivi i nomi trasformando gli articoli indeterminativi

in articoli determinativi.

uno sciatore un’infermiera un operaio una maestra un vigile una zia un muratore 37


scheda

L’aggettivo qualificativo

37

Morfologia

Birilla Birilla è una micia tutta bianca, con una piccola macchia nera sulla coda. Ha occhi verdi, grandi e magnetici e la sua coda nervosa e sottile si muove continuamente. Con le persone sconosciute è timida e scontrosa, ma diventa dolce e coccolona con il suo padroncino Andrea. Quando è affamata, il suo miagolio è petulante e insistente perché in fatto di cibo è golosa ed esigente. In casa dorme per ore su una comoda poltrona vicino al termosifone. 1 Leggi il testo e individua gli aggettivi qualificativi, poi abbinali al nome

a cui si riferiscono.

Birilla è

Gli occhi sono

La coda è

Il miagolio è

La macchia è

Le persone sono

38

La poltrona è


Morfologia

scheda

L’aggettivo qualificativo

38

1 Scrivi due aggettivi qualificativi adatti ai seguenti nomi.

pizza

mare

amico

arancia

divano

automobile

strada

giocatore

2 Scrivi un nome per ogni gruppo di aggettivi.

illustrato

ordinata scolastico

ampia

giallo

luminosa

avvincente

accogliente

viscido

rossa surgelato

profumata

fritto

appassita

fresco

spinosa

frizzante

aggressivo

dissetante

minerale

feroce

potabile

predatore agile 39


scheda

L’aggettivo qualificativo

39

Morfologia

1 Completa con l’aggettivo qualificativo più adatto.

Come si può dire di una persona che... ... fa facilmente amicizia. ... soffre d’ansia. ... si arrabbia facilmente. ... rispetta gli impegni presi. ... ha modi sgarbati. ... ha molta esperienza. ... gode di buona salute. ... non è soddisfatta. ... non sta attenta. ... non sa svolgere bene il suo lavoro. ... non ha commesso colpe. 2 Completa il cruciverba, scrivendo il contrario dell’aggettivo

qualificativo indicato nelle definizioni.

1 3

4

7

2

5

6

O 8 9 10

Orizzontali

Verticali

5. Vicino - 7. Ricco - 8. Largo 9. Leggero - 10. Cotto.

1. Insolito - 2. Bello - 3. Pulito 4. Allegro - 6. Moderno.

40


scheda

Gli aggettivi possessivi

Morfologia

40

1 Leggi attentamente le frasi.

La mia giacca è blu. La tua sciarpa è elegante. La sua matita è spuntata. Abbiamo perso il nostro pallone nei cespugli. Ho ammirato il vostro giardino. La loro auto è molto veloce.

2 Osserva l’esempio e rispondi.

A chi appartiene… … la giacca? Appartiene a me, quindi è mia. … la sciarpa? Appartiene a

, quindi è

.

… la matita? Appartiene a

, quindi è

.

… il pallone? Appartiene a

, quindi è

.

… il giardino? Appartiene a … l’auto? Appartiene a

, quindi è

.

, quindi è

.

Mio, tuo, suo, nostro, vostro e loro sono aggettivi possessivi. 3 Sostituisci le parole in colore con l’aggettivo possessivo adatto.

la maglia che hai tu

la

maglia

la palla che ho io

la

palla

le schede che hanno essi

le

schede

la gonna che ha lei

la

gonna

l’amico che avete voi

il

amico

i nonni che abbiamo noi

i

nonni 41


scheda

Gli aggettivi possessivi

41

Morfologia

1 Trasforma al plurale, come nell’esempio.

la mia penna

le mie penne

il tuo abito il suo giocattolo la nostra auto il vostro quaderno la loro casa 2 Cambia genere, come nell’esempio.

la tua amica

il tuo amico

la sua maestra la vostra istruttrice il mio cane il nostro gatto il loro zio 3 Inserisci nelle frasi gli aggettivi possessivi adatti.

Ho finito la

colla. Mi presti la

Abbiamo terminato il con il ?

lavoro. A che punto siete

Carlo non ricorda mai il numero del Tu conosci il ? Se ci presti la nel

telefono.

palla, ti lasciamo giocare giardino.

Presteremo a Matteo i Gli zii mi hanno regalato il il si è rotto. 42

?

colori perchĂŠ lui ha perso i computer quando

.


scheda

I verbi

Morfologia

42

1 Le persone non riescono a capirsi perchĂŠ le frasi sono incomplete.

Completale scegliendo le azioni scritte nei cartellini in basso.

Luca, a piedi con me?

questa

No, mio padre.

Mi

gonna!

vorrei

vado

con

, la sua taglia.

dispiace

vieni

acquistare

manca

Tutte le parole mancanti sono verbi. I verbi indicano un’azione, uno stato o un modo di essere di una persona, di un animale o di una cosa. Essi forniscono informazioni indispensabili per la comprensione del discorso. 43


scheda

Le persone del verbo

43

Morfologia

1 «Colpisci» il barattolo su cui è scritta la persona adatta per ogni verbo e

inseriscila al posto giusto.

ballerete

nuotiamo

sei caduto

salto

ho dormito

mangiate

avete preso

abbiamo visto

volavano

hanno fatto

piangevi

eravamo venuti

siete venuti

arrivate

guardavo

fuggirono

giocaste

sapevate

è tornato

cantò

fece

prendi

tornerà

leggerai

2 Indica a quale persona corrisponde la definizione.

seconda persona plurale

prima persona singolare

terza persona plurale

prima persona plurale

terza persona singolare

seconda persona singolare

La persona indica chi compie l’azione espressa dal verbo. 44


Morfologia

Le persone del verbo

scheda

44

1 Scrivi un verbo adatto per ciascun nome o persona.

L’atleta

La Luna Il leone

Il marinaio

Noi

Voi

Io

Luigi e Sara

Essi

Tu

I muratori

2 Leggi le coppie di frasi e completa la seconda.

L’ape ronza sui fiori. Le api

sui fiori.

Io pratico il nuoto. Io e Andrea

il nuoto.

Tu scrivi una poesia. Voi

una poesia

La margherita sboccia nel prato. Le margherite

nel prato.

Franca viaggia in aereo. Noi

in aereo.

Sara partecipa a uno spettacolo. Sara e Luisa

a uno spettacolo.

Egli si spaventa facilmente. Essi si

facilmente. 45


scheda

45

Le coniugazioni del verbo

Morfologia

Un invito a pranzo Sandra ha invitato Laura a pranzo e, con l’aiuto della mamma, prepara un antipasto per la sua amichetta. Eccolo!

Cornetti di prosciutto Dosi e ingredienti: 4 fette di ananas in scatola al naturale; 2 etti di formaggio morbido, dolce e cremoso; 6 fette di prosciutto cotto tagliate un po’ spesse. Esecuzione: aprire la scatola di ananas, prendere le fette senza sciroppo e spezzettare l’ananas con le mani. Unire il formaggio morbido, amalgamare gli ingredienti e spalmare il composto sulle fette di prosciutto; avvolgere le fette su se stesse e mettere i cornetti in frigorifero. Servire con insalata fresca.

1 Sottolinea i verbi che trovi nella ricetta e inseriscili nella tabella.

1ª coniugazione (-are)

46

2ª coniugazione (-ere)

3ª coniugazione (-ire)


scheda

Il modo infinito

Morfologia

46

Quando i verbi terminano in -are, -ere, -ire sono al modo infinito. 1 Trasforma i verbi al modo infinito, poi completa la tabella indicando

con una X a quale coniugazione appartengono.

coniugazioni 1ª (-are) 2ª (-ere) 3ª (-ire)

io salto voi correste tu disprezzavi noi fuggimmo noi dormiremo voi giungerete essi conversavano egli sentiva essi leggono

2 Scrivi dodici verbi al modo infinito, quattro per ogni coniugazione,

diversi da quelli dell’esercizio precedente.

1ª coniugazione

2ª coniugazione

3ª coniugazione

47


scheda

I tempi del verbo

47

Morfologia

1 Individua nel testo i verbi e riscrivili nella colonna giusta; poi osserva

l’esempio e completa la tabella.

Le rondini Le rondini, nella bella stagione, nidificano nel nostro paese perché qui trovano gli insetti di cui si nutrono. In autunno partono verso i paesi caldi e ritornano da noi in primavera, sempre negli stessi luoghi, dove costruiscono nuovamente il nido e depongono le uova. Adatt. da Donatella Zoi Bruno e Alfio Zoi, Tam Tam, Editrice La Scuola

tempo presente

tempo passato

tempo futuro

nidificano

nidificavano

nidificheranno

2 Davanti a ogni verbo scrivi la sua persona, poi indica PR se il verbo è al

tempo presente, PA se è al tempo passato, F se è al tempo futuro.

48

riderò

cresceranno

prendete

presi

guida

toglieremo

fermarono

scrivesti

piangi

correva

cercavamo

salgono

mangiate

aprì

preparerò


scheda

Il verbo essere

Morfologia

48

Il verbo essere ha una coniugazione propria. Può essere usato da solo con un significato proprio, oppure in aiuto agli altri verbi per formare i tempi composti. In questo caso è detto ausiliare. 1 Individua il verbo essere nelle seguenti frasi: sottolinealo in rosso se è

usato con significato proprio, sottolinea in verde l’intera voce verbale se è usato come ausiliare.

Luigi e Francesco sono andati al cinema da soli. Dove sei? Antonio è cresciuto molto. Gli zii erano scesi con l’ascensore. Andrea è a Parigi per lavoro. Qui un tempo c’era un prato. Luigi fu lodato per i buoni risultati. Pasqua è in primavera. L’albero è carico di frutti. Siete caduti in un tranello. 2 Usando quattro colori diversi, collega ogni verbo con il suo tempo.

io ero

io sono tu fosti

presente

tu sei

egli è

imperfetto

egli era

noi saremo

passato remoto

noi fummo

voi sarete

futuro semplice

voi eravate

essi furono

essi saranno 49


scheda

Il verbo essere

49

Morfologia

1 Completa le frasi con e oppure è.

Luca

Andrea vanno a scuola.

Gatto Silvestro Il treno

un personaggio dei cartoni animati.

arrivato in stazione due ore fa.

Nevica: indosserò gli stivali Il golfo

prenderò l’ombrello.

un’insenatura nella costa.

In primavera gli alberi si ricoprono di fiori A volte cani

foglie.

gatti non vanno d’accordo.

inutile restare qui. 2 Completa le frasi con ce oppure c’è.

Secondo me non In riva al mare

più tempo. sempre un po’ di vento.

l’aveva detto, ma noi non gli abbiamo dato retta. Quando il gatto non Non

i topi ballano.

la faremo mai! l’ha detto solamente ieri sera. ne andremo di qui quando vorremo noi.

Qui non

più nessuno!

3 Completa le frasi con c’era oppure cera.

In quell’armadio

il mio maglione.

Le fiabe cominciano quasi sempre con

una volta.

Luca era così pallido che sembrava una statua di Il miele e la Durante la festa 50

sono due prodotti delle api. molta allegria.

.


Morfologia

Il verbo essere

scheda

50

1 Osserva l’esempio e riscrivi le frasi trasformandole

dal singolare al plurale.

Nel lampadario c’è una lampadina bruciata. Nel lampadario ci sono alcune lampadine bruciate. Nel giardino c’è un grillo che frinisce.

All’angolo della via c’è un poliziotto.

Sul tetto c’è un gatto che miagola.

Sul tavolo c’è una matita rossa.

2 Osserva l’esempio e riscrivi le frasi trasformandole

dal singolare al plurale.

Sul pavimento c’era una cartaccia. Sul pavimento c’erano alcune cartacce. In camera c’era una mosca fastidiosa.

Nel vassoio c’era una banana.

Nel giardino c’era un albero.

Nel parcheggio c’era un’auto. 51


scheda

I tempi del verbo essere

51

Morfologia

1 Inserisci nella tabella le voci verbali elencate in fondo alla pagina.

tempi semplici

tempi composti

presente

passato prossimo

tu

noi

egli

voi

noi

essi imperfetto

trapassato prossimo

io

io

tu

tu

voi

essi passato remoto

trapassato remoto

io

tu

egli

noi

essi

essi futuro semplice

futuro anteriore

egli

io

noi

egli

voi

voi

fui • saremo • eravate • siamo • ero stato • fummo stati • furono è • erano stati • siete stati • eri • sarà • sarete stati • fosti stato sarò stato • siamo stati • sei • fu • sarà stato • sarete • eri stato ero • furono stati • sono stati. 52


Morfologia

Il verbo avere

scheda

52

Il verbo avere ha una coniugazione propria e può essere usato da solo, oppure in aiuto agli altri verbi per formare i tempi composti. In questo caso è detto ausiliare. 1 Individua nel racconto il verbo avere: sottolinealo in rosso se è usato

con un significato proprio, sottolinea in verde l’intera voce verbale se è usato come ausiliare.

Un incidente Giulio ha una grande paura. Ha trasgredito all’ordine della mamma e ha giocato a pallone nell’ingresso di casa. Con una pallonata ha mandato in frantumi il lampadario di cristallo. Ha poco tempo per rimediare perché presto sua madre rientrerà dal lavoro. Giulio, però, ha una grande amica: la nonna, nella quale ha fiducia. Inoltre ha accumulato un bel gruzzolo nel suo salvadanaio. 2 Riscrivi al modo infinito i verbi con ausiliare avere trovati nel racconto.

1)

3)

2)

4)

3 Completa il racconto a tuo piacere.

53


scheda

L’H nel verbo avere

53

Ortografia

1 Completa le frasi con o oppure ho.

Domenica andrò al parco

in montagna.

deciso di restare qui. con o oppure ho

Dimmi se preferisci la pasta Ieri

la minestra.

seguito Franco in bicicletta.

Ti

raccomandato di far presto.

2 Completa le frasi con a oppure ha.

Mi diverte andare Quel signore con a oppure ha

Corri

preso il pullman sbagliato.

fare i compiti.

Tornando Luisa

scuola.

casa ho incontrato Mario. conseguito il diploma da infermiera.

3 Completa le frasi con ai oppure hai.

Avete partecipato Perché con ai oppure hai

giochi olimpici.

scelto quella maglia?

Per venire da me molta strada.

dovuto percorrere

telefonato alla nonna? Lo zio ha raccontato una storia

nipoti.

4 Completa le frasi con anno oppure hanno.

con anno oppure hanno

Gli atleti

raggiunto il traguardo.

Gli aerei

sorvolato l’oceano.

È già passato un sono trasferito. L’ Non mi

54

da quando mi

scorso sono stata in Olanda. ancora risposto.


scheda

Il verbo avere

Morfologia

54

1 Accanto a ogni voce verbale scrivi P se è al tempo presente, I se è

all’imperfetto, PR se è al passato remoto, FS se è al futuro semplice.

tu avevi

essi avranno

noi avremo

io ebbi

io ho

noi avevamo

egli ha

tu avrai

egli ebbe

voi aveste

essi avevano

voi avete

2 Collega ogni voce verbale con il suo tempo.

tu avrai notato egli ebbe dormito io ho visto voi aveste seguito noi avremo detto

passato prossimo

essi avevano chiesto

trapassato prossimo

essi avranno capito

trapassato remoto

tu avevi riso

futuro anteriore

voi avete aperto egli ha sentito io ebbi partecipato noi avevamo reso 55


scheda

Le preposizioni semplici

55

Morfologia

1 Collega ogni frase alla vignetta che la illustra.

Ciao Anna, come stai?

Roberto parla di Anna.

Ho saputo che Anna è stata promossa.

Roberto parla con Anna.

Le parole come «di» e «con» che servono per unire tra loro parti di un enunciato si chiamano preposizioni semplici. Le preposizioni semplici sono: di a da in con su per tra fra 2 In ogni frase, scrivi le due preposizioni semplici mancanti.

me non c’è più niente poco sarà ora Sono lavori

cena.

eseguire

Mi sono dimenticato Sono rimasto

molta attenzione. prendere la tuta

casa

Francesco non è tornato Questa gonna è stata cucita 56

dire.

ginnastica.

terminare i compiti. casa

tempo.

misura

me.


scheda

Le preposizioni semplici

Morfologia

56

1 Leggi il testo, ricerca tutte le preposizioni semplici e circondale.

Il bambino di gomma Melampo era un bambino di gomma e cancellava i passi che segnava mettendosi in cammino. Era di gomma rossa, tondo come una palla, e stava sempre a galla in bagno, e senza ossa dolce, tenero, buono, scendeva per le scale senza mai farsi male. Adatt. da Alfonso Gatto, Il vaporetto, Mondadori

2 Completa con la preposizione semplice pi첫 adatta.

legno tavolo

cucina coltello

picnic

acciaio

prosciutto

patate

pane

carne cassetta

vitello

corsa

bibita

auto

cannuccia pedali

plastica 57


scheda

Le preposizioni articolate

57

Morfologia

Le preposizioni semplici di, a, da, in, su si uniscono agli articoli determinativi che le seguono e formano una preposizione articolata. a + il = al

su + la = sulla

Le preposizioni per, tra e fra non si articolano mai. La preposizione con può articolarsi (per esempio: con + il = col), ma nell’uso comune non avviene quasi mai. 1 Completa la tabella delle preposizioni articolate.

di a

il

lo

del

dello allo

da

la

i

gli

le

alla dalla

in su

dai nei

negli sugli

sulle

2 Circonda tutte le preposizioni articolate presenti nelle frasi.

A lato scrivi da quale preposizione e articolo sono formate.

Confido molto nel tuo aiuto.

+

L’orologiaio ha sostituito le lancette dell’orologio antico.

+

Mio padre ci accompagnerà alla stazione. Finalmente la nonna è stata dimessa dall’ospedale. Ho visto molti gabbiani sulla spiaggia. Gianluca ha ricevuto uno splendido regalo dagli zii. Nei prossimi giorni risolveremo certo il tuo problema. 58

+ + + + +


Punteggiatura

Il punto

scheda

58

1 Al termine di ogni frase scrivi il segno di punteggiatura necessario:

punto fermo (.), punto interrogativo (?) o punto esclamativo (!).

Quanti mesi mancano alla fine dell’anno scolastico Evviva, sono arrivato primo nella gara di corsa La stanza era immersa nel buio Sbrighiamoci, altrimenti perderemo l’aereo Preferisci il gelato o una fetta di torta Fra tre giorni ricomincerà la scuola 2 Leggi il racconto e riscrivilo mettendo i punti fermi dove sono necessari.

Non dimenticare la lettera maiuscola e vai a capo quando serve.

Il fiume Il fiume cammina, cammina e non sa dove va attraversa le valli, scende verso il piano, passa tra paesi e villaggi, viaggia per chilometri e chilometri arriva a una grande città il fiume è sbalordito da tante luci e tanto movimento cammina, cammina ancora a un tratto giunge fino a una grande distesa azzurra che scintilla e tremola: è il mare Giorgio Saccaro e Pierluigi Signorini, Guida alla comprensione e alla produzione del testo scritto, Atlas

59


scheda

I due punti e la virgola

59

Punteggiatura

1 Con il rosso scrivi i due punti e le virgole necessarie.

Gli ingredienti per la pasta al pesto sono la pasta il basilico i pinoli l’aglio l’olio e il formaggio.

Per realizzare la cartapesta servono i seguenti strumenti e materiali giornali quotidiani due secchi pieni d’acqua colla in polvere un pezzo di tessuto a trama larga scagliola e un sacchetto di plastica. 2 Adesso prova a scrivere tu gli ingredienti necessari per fare la pizza,

mettendo la giusta punteggiatura.

Per fare la pizza

I due punti (:) possono essere usati anche per introdurre una spiegazione. 3 Leggi le frasi e scrivi in rosso i due punti dove ti sembrano necessari.

Carlo si è messo a correre all’impazzata aveva veramente paura! Luigi è assente ha una brutta influenza. Sara è una brava tennista ha vinto tutti i tornei a cui ha partecipato. Anna non smetteva di ridere la situazione era proprio buffa! 60


Il discorso diretto e indiretto

Sintassi

scheda

60

1 Che cosa sta chiedendo Carlo a suo padre? Che cosa risponde il padre?

Scrivilo con il discorso diretto…

Carlo chiede: « ». Suo padre risponde: « ». Scrivilo con il discorso indiretto…

Carlo chiede se

.

Suo padre risponde che

.

Il discorso diretto è formato dalle parole pronunciate direttamente dal protagonista di un dialogo. Nel discorso diretto le battute del dialogo sono racchiuse tra lineette o virgolette. – Buon giorno a tutti! – disse Laura. «Buon giorno a tutti!» disse Laura. “Buon giorno a tutti!” disse Laura.

Nel discorso indiretto si eliminano i due punti e le virgolette (o i trattini) e si riferiscono le parole del protagonista del dialogo facendole precedere da: che, se oppure di. 61


scheda

61

Il discorso diretto e indiretto

Sintassi

1 Osserva le scenette e scrivi quello che dicono i protagonisti, usando al

punto A il discorso diretto e al punto B il discorso indiretto.

A) Il medico raccomanda

B) Il medico raccomanda

A) Il contadino urla

B) Il contadino urla

A) Il padre ordina

B) Il padre ordina

62


scheda

L’accento

Ortografia

62

1 Leggi la filastrocca.

Como nel comò Una volta un accento per distrazione cascò sulla città di Como mutandola in comò. Figuratevi i cittadini comaschi, poveretti: detto e fatto si trovarono rinchiusi nei cassetti. Gianni Rodari, Filastrocche in cielo e in terra, Einaudi Ragazzi

2 Che cosa ci fa capire la filastrocca?

L’accento su una parola serve per fare rima. L’accento può cambiare il significato di una parola. L’accento cambia il significato anche in alcuni monosillabi. si/sì di/dì la/là se/sé ne/né te/tè li/lì da/dà

3 Completa le frasi con il monosillabo giusto.

Al momento del Quando il Hai visto

, gli sposi

finisce viene voglia mia giacca? Era

Bisogna cavarsela da Non

sono giurati fedeltà.

,

voglio sentir parlare

rilassarsi.

, sulla poltrona. si vuole essere autonomi. voglio incontrarlo!

si

di

la

se

ne né 63


scheda

L’apostrofo

63

Ortografia

1 Riscrivi le parole con l’apostrofo.

quello uomo

bello aspetto

bello amico

nessuna altra

santa Anna

alla ombra

alla ora

nello armadio

sullo albero

ci erano L’apostrofo può sostituire un’intera sillaba. di’ invece di «dici»

po’ invece di «poco»

Nel linguaggio popolare si usa anche be’ invece di bene. 2 Riscrivi le frasi, apostrofando le parole evidenziate.

Ne mangio solamente un poco. Va bene, faremo come vuoi tu. Mangio un poco di cioccolata. Alcuni comandi vogliono l’apostrofo. di’ (dici)

da’ (dai)

fa’ (fai)

va’ (vai)

sta’ (stai)

3 Completa le vignette con il comando apostrofato che manca.

la zampa! 64

piano e attenzione!

attento al gradino!


scheda

L’apostrofo

Ortografia

64

1 Completa le frasi scrivendo la parola giusta.

Per essere in forma bisogna andare a presto. Questo salame costa 2 euro

.

Quando Paolo è tornato era

di notte.

Questa notte ci sarà la Ti aspetto

letto l’etto

piena. di cena.

Se eri presente, intervenuto?

perché non sei

I pastelli a

sono colori molto coprenti.

Alla festa

anche la sorella di Ada. è un metallo molto prezioso.

Non mi piace il

modo di fare.

Il vento muoveva le onde del Non trovo più

per ricamare.

Ti telefono questa Luisa

.

prima di cena.

dimenticata di eseguire i compiti.

Non ho mai vinto al gioco del Io sono nato

dicembre.

luna l’una

allora all’ora

cera c’era

loro l’oro

lago l’ago

sera s’era lotto l’otto 65


scheda

Le doppie

65

Ortografia

1 Aiutandoti con la rima, risolvi l’indovinello e sottolinea le parole che

contengono doppie.

Indovinello La massaia affaccendata non s’accorge del ladrone, la salsiccia è preparata: oh, bellissima occasione! Spicca un salto... è già nel piatto! Via di corsa: il colpo è fatto. Ma da chi? Da chi? Dal

.

2 Disegna tu il responsabile del furto. 3 Completa le frasi con le parole adatte. Attenzione: tutte le parole

contengono sempre una o più doppie!

Di domenica gioco sempre a sca Con l’inchiostro hai ma

con mio padre.

to la gia

Per fare le ceste s’intre

no fili di vimini.

Sui vetri dell’auto cadono grosse go Si è rotto il sa Carlo a

.

sta la cinghia dello zaino che si era stra

Prendi gli stra Quell’uomo ha la fa

li da sole.

per asciugare il pavimento. triste.

ghe sono pesci di mare.

A pranzo ho mangiato la foca 66

di pio

che conteneva la spesa.

Mio nonno ha perso gli o

Le a

nuova.

al forma

.

ta.


Ortografia

Difficoltà ortografiche: GA, GO, GU e GIA, GIO, GIU

scheda

66

1 Risolvi il cruciverba, aiutandoti con le lettere già inserite. 1

L

4

3

6

5R

Z Z 7

B 8

B 11

2

L

I

9

F 12

A

10

13

S 14

T T O

15

16

17

I

18 19

20

L L

21

E

22

23

Orizzontali

Verticali

1. Faceva divertire il re. 2. L’animale fantastico che sputa fuoco. 4. Appuntito. 7. Si indossa quando si va a letto. 11. Il contrario di tristezza. 12. Giudica in tribunale. 14. Gli oggetti per giocare. 15. Un vegetale che sta nel baccello. 19. Le lettere e i numeri di un’auto. 21. Le dice chi nasconde la verità. 22. La fa chi scappa.

1. S’indossa quando fa freddo. 3. Serve per misurare e tracciare linee. 5. Edificio per ripararsi in montagna. 6. Il verso del gatto. 8. Un uccello preda dei cacciatori. 9. Si trovano al Luna Park. - 10. Dono. 13. Nome proprio maschile. 15. Ha gambo e cappello e può essere velenoso. - 16. Un colore. - 17. Si trova in bocca. - 18. È cattiva nelle fiabe. 20. Un uccello rapace notturno. 23. Produce la fiamma in cucina. 67


scheda

67

DifficoltĂ  ortografiche: CA, CO, CU e CIA, CIO, CIU

Ortografia

1 Individua la parola adatta in ogni coppia, circondala e scrivila sulle righe

per completare il testo.

calvo panciuto

artiglio ciuffo

barca bicicletta

corona coda

goloso curioso

binocolo banco

calzino qualcuno

lancia taglia

chiama scava

casa cassa

Un procione a spasso Un procione grasso e

, con un

color

cioccolato sulla fronte, dorme in una Al risveglio usa la

sul fiume.

come timone e guarda

con il

se arriva

; poi

un saluto a una tinca e dove si costruisce la

un gran buco

.

2 Completa le parole con CA, CO, CU oppure CIA, CIO, CIU in modo che

abbiano un senso compiuto.

stagna

noc

cami an

ba 68

ac

sa lo rona

ra bo

cina

rma

ttolo Afri

boc di

eli tto

dis scino bar s

batta coc

to

ac

io

aba ssa

ac

ga


scheda

Difficoltà ortografiche: CE, CI e CHE, CHI

Ortografia

68

1 Nel puzzle devono trovare posto queste tredici parole con CI e CE.

cibo • noce • cento • radici • uncino • annunci • cerchio • cipolla forbici • cerniera • ciminiera • cinghiale • ciclamino C

I

A

C

I C

I

E

I

C

I C

C

I

C

I

C C

E

C

I

C

E

2 Nel puzzle devono trovare posto queste tredici parole con CHI e CHE.

oche • bachi • occhi • orchi • chiodo • fuochi • mosche brocche • fiaschi • macchie • zucchero • ranocchie • fischietto C

H

I C

C

H

H C

H

H

I

I

C H

C

C

H

H C

H

I

E

C

H

C

E

C

H

I

I C

H

E 69


scheda

69

DifficoltĂ  ortografiche: GE, GI e GHE, GHI

Ortografia

1 In ogni frase devono trovare posto una parola con GHE o GHI e una con

GE o GI. Scegli tra quelle indicate.

ghepardo

margherite

righe

ghiacciolo

ghiaia

ringhiera

argento

gerani

gelato

giaguaro

ginocchio

seggiovia

Il

e il

sono due splendidi esemplari di felini selvatici. Ho battuto il la

contro del balcone.

Le

ei sono fiori

molto comuni. Avevamo caldo e allora abbiamo mangiato un e un

.

2 Componi quattro frasi usando le quattro parole che non hai utilizzato

nell’esercizio precedente.

70


Ortografia

Difficoltà ortografiche: CE, CIA, CIE e GE, GIA, GIE

scheda

70

1 Completa le parole con CE o con CIE.

radi so

soffi tà

mento na

lo

in

cro

ndio

ra co

suffi

nte

ar

re

superfi

2 Completa le parole con GE o con GIE.

rmoglio formag ar

ra nto

sor a greg

nte nda

rag i ser

era ne

melli an

nte

lo nerale

3 Volgi al plurale queste parole che finiscono con CIA e GIA.

roccia

camicia

magia

bugia

mancia

bilancia

valigia

ciliegia

pancia

acacia

pioggia

malvagia

I verbi che all’infinito terminano con -ciare e -giare perdono la i davanti alle finali che iniziano per e. Esempio: futuro semplice: comincerò, mangerò.

71


scheda

Difficoltà ortografiche: QU, CU

71

Ortografia

Una giornata poco proficua Oggi, a scuola, l’insegnante ha distribuito un questionario ma Pasquale, invece di rispondere ai quesiti, apre il quaderno e disegna cinque aquiloni. Poi, tutto curvo, immagina di percuotere il tamburo di cuoio che sua cugina gli ha appena regalato. Mentre aspetta inquieto lo squillo del campanello che annuncia l’intervallo, sogna di diventare, da adulto, un cuoco di qualità, in grado di cucinare piatti accurati. L’insegnante lo osserva incuriosita, poi si avvicina e cerca di scuoterlo e di rincuorarlo perché inizi il lavoro, ma i suoi occhi restano fissi al quadrante dell’orologio. 1 Nel racconto (compreso il titolo) ci sono parole con QU,

con CU + consonante e con CU + vocale. Trovale e scrivile nella tabella.

QU

72

CU + consonante

CU + vocale


scheda

Difficoltà ortografiche: QU, CU, CQU

Ortografia

72

1 Completa le parole con CU o QU.

adro

fre

ente

oziente

li

ido

assi

rato

mulo

li

ore

ar

inno ris cir

o otere ito

ato

a

leo

otidiano tac in

lla

ino

ore

inare

cciolo

2 Completa il racconto, inserendo queste parole.

subacquei • acquamarina • acquazzoni • acquitrini • acquario acquedotti • acquerelli • acquattano • acquisti

Acqua e le sue amiche Acqua e le sue amiche abitano in un ma si tuffano e nuotano anche negli

.

Per giocare si dipingono la faccia con gli In primavera si

.

negli

per spiare le rane e adorano danzare sotto gli

.

A volte vanno in città a fare e comprano gioielli con l’

.

Spesso vanno a passeggio con i loro amici

. 73


scheda

73

Difficoltà ortografiche: GLI, LI

Ortografia

1 Leggi la filastrocca e circonda le parole con GLI.

Un intruglio Con cipiglio piglio l’aglio, lo taglio e faccio un miscuglio. Aggiungo del miglio e assaggio l’intruglio. Mi scappa uno sbadiglio. Forse è meglio che mangi trifoglio! 2 Osserva le coppie di parole. Una è scritta in modo giusto, l’altra no:

cancella quella non corretta.

Guglielmo cavagliere manilia miglione Emilio familia

Gulielmo cavaliere maniglia milione Emiglio famiglia

coniglio miliardo Giulia sagliera olio milialia

conilio migliardo Giuglia saliera oglio migliaia

3 Completa le frasi con le parole che trovi a fondo pagina: scrivile in blu

se contengono GLI e in rosso se contengono LI.

Al circo si è esibito un

.

Mettiti il

perché fa freddo.

Carla è la

di Andrea.

Ho commesso un grave

.

Nel film si vedeva l’invasione degli

.

Ieri ho fatto acquisti in un negozio di

.

Per fare il pane servono acqua, farina e

.

La

di Natale è un momento emozionante. alieni • pagliaccio • lievito • moglie vigilia • maglione • abbigliamento • sbaglio

74


scheda

DifficoltĂ  ortografiche: GN, N

Ortografia

74

1 Completa ogni parola del racconto con GN o N.

Lo

omo Lino abitava in un condomi

vicino a Bolo

a con mille altri

omi,

con i quali stava volentieri in compa Lino era inge

iera

e in una fabbrica di allumi

io.

Gli

ia.

ere e dirigeva gli altri

che lavoravano in una mi

io

omi

omi erano stufi di non vedere mai la luce del sole,

per cui un bel giorno fecero una riu

ione

durante la quale decisero di cambiare lavoro. Alcuni diventarono fale

ami,

altri si impiegarono come ragio

ieri.

Lino, invece, che era un tipo ge

iale, diventò giardi

e, con il soste s’impe

o della moglie A

iere

ese,

ò nella coltivazione dei gera

i.

2 Otto parole sono scritte in modo errato. Scoprile, sottolineale e

riscrivile nel riquadro in modo corretto.

bagnino cologna matrimonio insegniante fogna congegno iniorante castagnie

lasagne ghigno bisognio agnello usiniolo cognato impegnio cimigniera

1) 2) 3) 4) 5) 6) 7) 8) 75


scheda

Difficoltà ortografiche: SC, S

75

Ortografia

1 Queste parole prive di significato possono acquistare senso compiuto

se precedute da SC o da S. Completale e riscrivile.

illaba • ena • ette • endiletto • ecco • iopero • edia • imile egretaria • ivolo • iabola • elta • iocco • iame • ilenzio • iepe con SC

con S

2 Prova a sostituire SC con S, ma riscrivi solamente quelle parole che

conservano un significato.

76

pesci

asciutto

biscia

lisce

scemi

cosce

sciame

sceriffo

ruscello

scivolo

fasci

usci


Analisi testuale

La fiaba

scheda

76

1 Leggi attentamente la fiaba.

Le scarpette rosse C’era una volta un fornaio pigro e avaro che si chiamava Pennellino. Un giorno si presentò nella sua bottega un calzolaio, che gli offrì un paio di scarpe rosse in cambio di una torta. Pennellino accettò lo scambio e indossò immediatamente le scarpe nuove. Dopo un po’, annoiato e sfaticato come sempre, si accinse a chiudere la bottega, anche se era ancora giorno. All’improvviso, però, le calzature divennero strettissime e il fornaio sentì provenire dal basso una vocina che gli diceva: – Com’è possibile lasciare il forno sudicio e il pavimento da spazzare? Corri, datti da fare! Pennellino, spaventato, corse a prendere la scopa e ricominciò a lavorare. Le scarpe allora diventarono morbide e comode come pantofole. Quando si rifiutò di tagliare una porzione di torta per una vecchina dicendo che non avrebbe sciupato una torta intera per venderne una sola fetta, un dolore atroce ai piedi lo costrinse a diventare più disponibile. In tal modo, a fine giornata, la bottega era linda e splendente, le torte erano state vendute e le ultime fette regalate ad alcuni bambini. Pennellino era in forma e soddisfatto come non mai e si addormentò sognando le sue scarpe rosse. Il mattino dopo, appena sveglio, le cercò per indossarle, ma non le trovò. Ormai non gli servivano più perché era diventato più attivo e generoso. Fiabe da tutto il mondo, a cura di Carla Poesio, Giunti

77


scheda

76

La fiaba

2 Procedi all’analisi guidata della fiaba, segnando con una X

i completamenti giusti.

I fatti narrati sono:

La vicenda si svolge:

reali.

10 anni fa.

fantastici.

nel futuro.

possibili.

in un tempo imprecisato.

3 Segna con una X la risposta giusta.

Quali personaggi e situazioni tipiche della fiaba sono presenti nel testo della pagina precedente? Un protagonista

Le nozze con una principessa

Un antagonista

Un oggetto magico

Un compito da svolgere

Un lieto fine

4 Rispondi alle domande.

Come si chiama il protagonista? Che lavoro svolge? Come si comporta all’inizio della fiaba? Come si comporta al termine della fiaba? 78


Analisi testuale

La fiaba è un testo narrativo di origine popolare in cui compaiono personaggi e creature fantastici (maghi, streghe, draghi, ecc.) e vi si narrano vicende irreali. 5 Qual è l’oggetto magico di cui si

parla nella fiaba di Pennellino? Disegnalo, poi scrivi di che cosa si tratta.

6 Leggi queste affermazioni sull’oggetto magico e indica con una X

se sono vere o false.

Il protagonista ha ricevuto l’oggetto magico da un calzolaio.

V F

Il protagonista ha pagato l’oggetto magico 25 euro.

V F

L’oggetto magico è un paio di scarpe che esaudisce tutti i desideri.

V F

L’oggetto magico parla e rimprovera il protagonista della fiaba.

V F

Quando il protagonista si comporta male l’oggetto magico cambia colore.

V F

L’oggetto magico scompare quando il protagonista non ne ha più bisogno.

V F

7 Ti piacerebbe possedere un oggetto magico?

Quale? Disegnalo e racconta come lo useresti.

79


scheda

77

La favola

1 Leggi attentamente la favola.

Il leone e il cinghiale Un’estate, quando il calore provoca la sete, un leone e un cinghiale andarono a bere a una piccola fonte e cominciarono a litigare su chi dei due dovesse dissetarsi per primo. La lite si inasprì fino a trasformarsi in un terribile duello. A un certo punto, mentre si riposavano dalla lotta e riprendevano fiato, scorsero avvoltoi e corvi che stavano lì ad aspettare che uno dei due morisse per mangiarselo. Vedendo questo, i due animali posero fine al duello e dichiararono: – Meglio diventare amici che cibo per gli avvoltoi. Esopo, Fiabe

2 Inventa e scrivi nei fumetti le parole che probabilmente si sono detti i due

animali quando si sono incontrati, tenendo presente che il primo a parlare è stato il leone; poi trascrivi il dialogo in discorso diretto utilizzando in modo opportuno la punteggiatura.

Il leone dice Il cinghiale risponde 80


Analisi testuale

3 Rispondi alle domande.

Chi sono i protagonisti della favola? Per quale motivo sono rivali? Chi sono i loro antagonisti? Che cosa sarebbe successo se i due animali avessero continuato a litigare?

Nelle favole gli animali parlano e si comportano come esseri umani. Le favole, di solito, propongono un insegnamento: la morale. 4 Segna con una X la risposta giusta.

Qual è la morale espressa in questa favola? È meglio scappare di fronte a un pericolo. È meglio andare al pascolo con avvoltoi e corvi. È meglio essere uniti di fronte a un pericolo. 5 Scrivi due proverbi che contengano un insegnamento morale.

Per esempio: «Chi la fa, l’aspetti».

81


scheda

78

Dati visivi in un testo descrittivo

I dati visivi sono tutti quegli elementi che si possono percepire con la vista, cioè la forma, la dimensione, la posizione, il colore, l’aspetto, l’espressione o l’atteggiamento di persone, animali o cose.

1 Osserva attentamente l’immagine e poi completa la descrizione che si

trova alla pagina seguente con i dati visivi elencati.

basso • due • parete • stelle • laterale • liquido • vela protuberanze • tavolo • sinistra • destra • scure • alto dentati • rotondo • arrotondata • mare • primo • semi fuoriescono • concentrici • metà 82


Analisi testuale

Sul

, in posizione

forma

, spicca una brocca di

, con

manici.

Da essa emerge un mazzo di foglie

con i margini

mescolate a fiori che sembrano piccole Sul vaso sono dipinti alcuni cerchi A

.

è collocato un piatto

sul quale sono

posate un’arancia dalla buccia piena di tagliata a

.

dalla quale

e una mela alcuni

. A

, invece, c’è un bicchiere che si allarga verso

l’

pieno di

Infine sulla

. è appeso un quadretto dove sullo

sfondo, in

, è stato dipinto il piano spicca una barca a

, mentre in .

2 Leggi e disegna.

In mezzo al prato verde c’era una torre di pietra, con una porta di legno e tre finestre rettangolari, disposte l’una sopra l’altra. Sulla cima sventolava una bandiera gialla e blu. A sinistra della torre c’era un cespuglio, a destra un pozzo. Sullo sfondo si vedeva un bosco e in alto un cielo azzurro con due piccole nuvole bianche. 83


scheda

Dati uditivi in un testo descrittivo

79

Analisi testuale

1 Leggi attentamente il testo.

Il signor Silenzio Alla periferia brontolavano le fabbriche; per le strade della città rombavano le auto, i furgoni, gli autobus, le motociclette e i motocicli. Nei mercati i venditori bandivano le loro merci; nelle case televisori e radio «urlavano» a squarciagola. Stridevano le sirene delle auto della polizia; strombazzavano gli altoparlanti delle vetture pubblicitarie. Sottoterra rombavano i convogli della metropolitana e nel cielo tuonavano gli aerei. I timpani della gente rimbombavano come tamburi, così tutti i giorni, senza un attimo di pace. Ma un giorno il signor Silenzio non ne poté più. Perseguitato dalle bocche urlanti degli altoparlanti, dal frastuono dei motori e dalle radio scatenate, il povero Silenzio non resistette più: fuggì al Polo Nord ed è ancora là. Marcello Argilli, II gioco delle cose, Bompiani

2 Sottolinea i dati uditivi espressi sotto forma di verbo, poi trascrivili al

posto giusto nella tabella.

nomi

le fabbriche le auto, i furgoni… i venditori televisori e radio sirene delle auto della polizia altoparlanti i convogli della metropolitana gli aerei i timpani 84

dati uditivi


Analisi testuale

Dati uditivi in un testo descrittivo

scheda

80

1 Trova e scrivi un soggetto adatto, scoprendo chi...

... scroscia

la pioggia

... uggiola ... picchietta ... borbotta ... sibila ... ulula ... schiamazza ... scalpita ... sussurra ... stride ... ronza I dati uditivi sono tutti quegli elementi che si possono percepire con l’udito. Possono essere espressi sotto forma di verbi, nomi o aggettivi. 2 Scrivi per ogni verbo il nome corrispondente.

scrosciare

scroscio

scalpitare

borbottare

uggiolare

ronzare

sussurrare

sibilare

picchiettare

ululare

stridere

schiamazzare

3 Come possono essere un suono o un rumore? Elenca almeno sei

possibili aggettivi qualificativi.

85


scheda

81

Dati olfattivi, tattili e gustativi in un testo descrittivo

1 Leggi attentamente il testo.

Una dolce tentazione Silvia vide sul tavolo un vassoio pieno di pere grandi, di forma allungata, appena chiazzate di rosso da un lato. Attratta e vogliosa ne prese una in mano: era pesante, soda, compatta. Sulla sua superficie liscia e lucida si avvertivano leggere protuberanze e asperità e, a osservarla attentamente, si notavano alcune piccole macchie scure, quasi dei fori disposti in modo irregolare. Avvicinò il frutto alle narici e percepì un odore zuccherino, penetrante e leggermente acidulo, estremamente invitante. Con un coltello incise la pera e tagliò via una fetta. La polpa era chiara, cedevole, leggermente acquosa e appiccicosa; i semi, incastonati nel mezzo, erano neri, umidi e lucenti. Silvia, impaziente, portò alla bocca la fetta e sentì un gusto dolce, intenso, quasi sciropposo, accompagnato da una sensazione di dissetante freschezza. 2 Sottolinea nel testo gli elementi descrittivi che vengono percepiti con

il tatto, l’olfatto e il gusto, poi trascrivili nelle tabelle giuste.

dati olfattivi

L’odore della pera è

86

dati gustativi

Il gusto della pera è


Analisi testuale

dati tattili

La pera è La superficie è

con

La polpa è I semi sono 3 Collega con una linea ogni cibo al suo gusto tipico.

limone

dolce

salame

amaro

peperoncino

salato

torta

aspro

pompelmo

piccante

4 Per ogni tipo di superficie scrivi il nome di un frutto adatto.

liscia

granulosa

vellutata

spinosa

5 Per ogni tipo di odore scrivi il nome di un frutto adatto.

pungente

delizioso

sgradevole

aromatico 87


scheda

82

Le istruzioni

Le istruzioni sono testi regolativi, servono cioè per guidare il nostro comportamento, insegnandoci dei procedimenti. 1 Nei primi anni di scuola avrai senz’altro collezionato alcuni oggetti o

documenti che ti ricordano momenti significativi della tua vita scolastica. Per conservarli ti consigliamo la costruzione di una «scatola dei ricordi». Segui le istruzioni.

1. Procurati una scatola solida con coperchio e pareti a tinta unita. 2. Con le forbici ritaglia immagini colorate da riviste o libri. 3. Volta le immagini e, con un pennello, spalmale di colla vinilica. 4. Appiccicale sulle pareti della scatola, disponendole a tuo piacere. 5. Quando il lavoro sarà asciutto, stendi su di esse una vernice trasparente protettiva.

88


Analisi testuale

2 Elenca i materiali e gli strumenti necessari per eseguire il lavoro.

3 Segna con una X il completamento giusto.

Le istruzioni sono: in disordine. in ordine di esecuzione.

La successione delle fasi: si può modificare. deve essere rispettata.

in ordine alfabetico. I disegni: aiutano a capire le operazioni da eseguire. servono solo come abbellimento.

Questo testo: racconta l’esperienza di un bambino durante gli anni di scuola. insegna a realizzare un lavoro.

4 Scrivi in ordine le operazioni necessarie per temperare una matita.

Un testo regolativo è sempre breve e schematico. Il linguaggio è semplice e comprensibile a tutti, il testo si rivolge direttamente a chi legge e usa la seconda persona singolare o plurale oppure il verbo all’infinito. 89


scheda

L’avviso

83

1 Leggi attentamente l’avviso.

Il giorno 10 maggio avra` luogo la gita scolastica al Parco Nazionale d’Abruzzo, come concordato nella riunione del Consiglio di Interclasse del 7 febbraio. Si partira` alle ore 7.30. I pullman della ditta Buonviaggio saranno in attesa in piazza della Repubblica. Gli alunni dovranno presentarsi con abbigliamento adatto per un’escursione in montagna; sono vivamente consigliati scarponcini, pantaloni lunghi e giacca a vento. Il pranzo sara` consumato al sacco. Si raccomanda di portare anche le bevande. Si prega di non fornire gli alunni di denaro contante, che potrebbe andare smarrito. Il rientro è previsto per le ore 18, anche se saranno possibili ritardi. 2 Completa questo schema, scrivendo i dati essenziali letti nell’avviso.

Data della gita Destinazione Ora di partenza Luogo di partenza Mezzo di trasporto Abbigliamento consigliato Modalità per il pranzo Ora di arrivo Gli avvisi sono testi regolativi che servono per informare, dare istruzioni e regole. 90


Analisi testuale

3 Segna con una X le due risposte giuste.

Come sono le informazioni contenute nell’avviso? Imprecise Sovrabbondanti Inutili

Incomplete

Complete

Dettagliate

4 Secondo te, come verrà fatto conoscere l’avviso?

Elenca alcuni modi possibili.

5 Segna con una X la risposta giusta.

Qual è lo scopo del testo? Raccontare un’esperienza personale. Informare sulle modalità di svolgimento di una gita programmata. Descrivere una gita già effettuata. 6 Scrivi un avviso per informare i tuoi compagni che presto parteciperete

a un corso di nuoto.

91


scheda

84

La filastrocca

La filastrocca è un testo poetico di origine popolare, in cui si gioca con le parole per comunicare allegria. Spesso la filastrocca non ha né un argomento preciso né un senso logico. È formata da versi, cioè righe di testo alla fine delle quali si va sempre a capo. 1 Leggi la filastrocca.

Cecco bilecco Cecco bilecco monta sullo stecco, lo stecco si rompe e Cecco va sul ponte; il ponte va in rovina e Cecco s’infarina; la farina si setaccia e Cecco si sculaccia. Lina Schwarz, Ancora… e poi basta!, Mursia

I versi sono a volte riuniti in gruppi. Ogni gruppo è una strofa. Quasi sempre i versi consecutivi rimano fra loro (rima baciata): l’ultima parola della riga che precede ha lo stesso suono finale dell’ultima parola della riga seguente. 2 Sottolinea con colori diversi le parole in rima della filastrocca. 3 Segna con una X il completamento giusto.

Cecco bilecco è un personaggio:

92

La filastrocca ha lo scopo di: informare su che cosa fa Cecco.

reale.

insegnare nuove parole.

fantastico.

divertire con il ritmo.


Analisi testuale

4 Qual è, secondo te, il verso più assurdo e privo di senso logico?

Scrivilo qui sotto.

5 Segna con una X la risposta giusta.

Come giudichi il ritmo della filastrocca? Lento Rilassante Rapido Secondo te, com’è questa filastrocca? Noiosa Divertente Triste 6 Cerca e scrivi vicino a ogni parola due nuove parole in rima.

stecco ponte farina sculaccia 7 Scegli fra tutte le parole proposte soltanto quelle adatte per

completare la filastrocca, poi scrivile al posto giusto. Attenzione: tutti i versi della filastrocca hanno la stessa rima!

fiera • sera • pantera • patata • scogliera • ramo cerniera • cera • corona • viso • panetteria C’era una volta una pera a cui serviva una pancera; la voleva con la e allora andò alla

.

Là incontrò una che aveva una cattiva

.

Decisero di incontrarsi sulla per ammirare il mare di 93


scheda

85

I modi di dire

Analisi testuale

1 Nella lingua esistono frasi fatte o modi di dire in cui le parole hanno un

significato diverso da quello letterale. Leggi e rifletti, per esempio, su alcuni modi di dire che contengono la parola testa.

Tener testa. Ricevere una lavata di testa. Avere la testa nelle nuvole. Fare un colpo di testa. Fare di testa propria. Uscirne con la testa rotta. Avere la testa dura. Tagliar la testa al toro. Perdere la testa.

2 Scrivi ogni modo di dire che hai appena letto accanto al suo significato.

Essere rimproverati. Prendere decisioni senza aiuto. Essere distratti. Prendere una decisione avventata. Resistere, fronteggiare. Avere la peggio. Essere testardi. Non capire pi첫 niente. Prendere una decisione definitiva. 94


Una parola tira laltra 3