Page 1

C O L L A N A

D I

S T U D I

E

T E S T I

3

STUDI

MONTEFELTRANI

E d i t r i c e Società d i S t u d i S t o r i c i p e r i l M o n t e f e l t r o S . L e o 1975


PASQUALE

ROTONDI

capolavori d'arte sottratti ai pericoli della guerra ed alla rapina tedesca Una pagina di storia montefeltrana

nell'opera

patrimonio

la seconda guerra

artistico italiano

durante

di salvataggio

del

mondiale


La seconda guerra mondiale era finita da pochi mesi quando l'Accademia RAFFAELLO di Urbino mi invitò ad illustrare l'attività da me svolta per sottrarre ai pericoli della guerra ed alla rapina tedesca una parte imponente del patrimonio artistico italiano. V[n giornale di Firenze (Il NUOVO CORRIERE) aveva diffuso notizie totalmente false sul salvataggio di uno dei capolavori affidato alla mia custodia — « La Tempesta » di Giorgione — e perciò una mia relazione fu ritenuta necessaria allo scopo di confutare quelle notizie e di far conoscere la verità sui fatti che da esse erano stati deformati con invenzioni destituite d'ogni fondamento (1). A distanza di trentanni da quel mio rapporto che vide la luce sulla rivista URBINUM, organo ufficiale dell'Accademia RAFFAELLO, il Dott. Francesco V. Lombardi, Presidente della Società di Studi Storici per il Montefeltro, mi ha invitato a ripubblicarne su « Studi Montefeltrani » il testo, ormai pressoché introvabile: invito da me accolto con vivo piacere, sembrandomi giustO' che la narrazione di avvenimenti svoltisi nel cuore del Monte^ feltro, in ore altamente drammatiche per la vita della Nazione, riveda la luce — con l'aggiunta di qualche breve nota — sulle pagine della rivista che alla storki montefeltrana dedica la sua pubblicazione. I pro ta g o nis t i dei f a t t i c h e m i accingo a n a r r a r e sono t a l i , n e l l a l o r o grandezza e n e l l o r o v a lore , — i n s i g n i

(1) C h i desideri conoscere dettagliataraente queste invenzioni consulti l a terza pagina del giornale fiorentino I I Nuovo C o r r i e r e (numero delj 12-13 agosto 1945). I testi integrali delle smentite che fecero seguito a l l a suddetta pubblicazione s i trovano r i p o r t a t i nell a r i v i s t a U r b i n u m (fascicolo luglio - agosto 1945).


8

PASQUALE ROTONDI

c a p o l a v o r i d i t u t t i i t e m p i e dì tutte le scuole — che m i p a r e tanto più doveroso render n o t a l a loro s t o r i a i n quest'ultimo quinquennio: una storia altrimenti oscura, eppure t a l v o l t a cosi a v v e n t u r o s a : i n s i g n i c a p o l a v o r i , t r a i più f a m o s i e più g r a n d i che possano essere n a t i d a art i s t i i t a l i a n i , ed a l c u n i dì essi d i sì u n i v e r s a l e grandezza, d a essere r i c o n o s c i u t i a d d i r i t t u r a q u a l i pietre m i l i a r i n e l d i v e n i r e d e l l ' u m a n a civiltà. T a n t o più doveroso m i pare i l n a r r a r e l a loro v i t a d i p r o f u g h i i n U r b i n o che, n e l loro salvataggio, t a n t a parte ebbe, c h i a m a t a a n c o r a u n a v o l t a a d assolvere i l prop r i o compito d i città dell'arte.

*

*

*

Come q u i pervennero quel c a p o l a v o r i è l a p r i m a cos a che sarà necessario n a r r a r e . E bisognerà q u i n d i r i f a r s i a m o l t i a n n i addietro: a quando cioè, p r i m a dello scoppio d e l l a g u e r r a , s'era reso necessario lo studio d ' u n progetto d i protezione a n t i a e r e a del p a t r i m o n i o a r t i s t i c o nazionale. S ' e r a fin d ' a l l o r a p a r l a t o d i fare d i U r b i n o u n centro d i r a c c o l t a delle p r i n c i p a l i opere d'arte m o b i l i d ' I t a l i a . L e a m p l i s s i m e sale del Palazzo ducale s i sarebbero d i f a t t i m e r a v i g l i o s a m e n t e prestate a d accogliere, sulle loro par e t i , i più celebri q u a d r i delle nostre G a l l e r i e e delle nos t r e Chiese, che perciò avrebbero potuto essere c u s t o d i t i d u r a n t e l a g u e r r a senza r i m a n e r e c h i u s i negli i m b a l l a g g i , c o l vantaggio notevolissimo d i poter essere quotidianamente sorvegliati n e l l a loro conservazione ed integrità. D a p a r t e s u a , d a t a a n c h e l a s u a posizione topografica, U r b i n o avrebbe potuto essere facilmente r i c o n o s c i u t a , c o n u n accordo internazionale, città l i b e r a . M a a tale l u s i n ghiero p r o g r a m m a ecco o p p o r s i decisamente u n a impensabile c i r c o s t a n z a : Tessere cioè l a stessa U r b i n o u n obiettivo m i l i t a r e p e r v i a dei depositi d i m u n i z i o n i dell'Aeron a u t i c a c e l a t i n e l suo sottosuolo. F u perciò necessario rivolgere

a l t r o v e lo sguardo a l -


CAPOLAVORI

D'ARTE

9

l a r i c e r c a d ' a l t r a località ove fosse p o s s i b i l e convogliare i nostri capolavori. I r e q u i s i t i r i c h i e s t i rendevano però ab b a s t a nz a diffic i l e l'esito d i tale r i c e r c a . I n d i s p e n s a b i l e doveva essere d i f a t t i , a n z i t u t t o , l a l o n t a n a n z a d e l l a località d a c e n t r i i n d u s t r i a l i o f e r r o v i a r i o a d d i r i t t u r a m i l i t a r i d'interesse bellico. I l o c a l i p r e s c e l t i dovevano p r e s e n t a r e i n o l t r e u n a perfetta idoneità p e r l a solidità delle loro s t r u t t u r e , i n modo d a dare d i p e r se stessi u n a sufficiente g a r a n z i a n e l l a eventualità, s i a p u r e ipotetica, dì a t t a c c h i aerei. L o r o essenziale condizione doveva p o i essere u n a p e rf e t t a assenza d'umidità, i n modo che le opere d'arte n o n avessero a s u b i r e i l benché mìnimo danno d u r a n t e l a loro p e r m a n e n z a i n ricovero. N è doveva esservì, n e l l a località prescelta, scarsezza d'acqua n e p p ur e n e i m e s i d'estate; c h e d i f a t t i tale s c a r s e z z a avrebbe impedito i l funzionamento degli impiantì ìdrici d a instìtuire a scopo a n t i n cendio. Così p u r e ì l o c a l i d a a d i b i r e a ricovero n o n dovevano, possibilmente, essere troppo i s o l a t i d a l c e n t r o abitato, potendo i l loro isolamento compromettere l a s i curezza del m a t e r i a l e d a l l a possibilità dì f u r t i : u n r a p i d o pensiero all'ingente v a l o r e delle cose d a c u s t o d i r e e r a sufficiente a giustificare q u e s t ' u l t i m a a u s p i c a t a p r e r o g a t i v a dell'istituendo ricovero. Così p u r e , sempre p e r rendere più efficace l a so r v e g l i a n z a e l a s i c u r e z z a del prezioso deposito, n o n p a r e v a che s i potesse scegliere u n a località troppo l o n t a n a d a U r b i n o , ove l a S o v r i n t e n d e n z a h a sede. L a v i c i n a n z a avrebbe permesso u n controllo maggiore s u i s e r v i z i d i c u s t o d i a del ricovero, a t t r a v e r s o f r e q u e n t i e faciU contatti. D a t a però tale molteplicità d i premesse, dove m a i sarebbe stato possibile t r o v a r e l'edificio ed i l C o m u n e a d esse rispondenti?... I I trecentesco palazzo dei P r i o r i d i S a s s o f e r r a t o , i l cinquecentesco palazzo B r a n c a l e o n i d i Piobbico, l a R o c c a Montefeltresca d i S . L e o , l a c h i e s a d i S . F r a n c e s c o d i Mercatello, i l Palazzo ducale d i U r b a n i a , l a Corte B a s s a e l a Corte A l t a d i F o s s o m b r o n e ed a l t r i edifizi di m i n o r e


IO

PASQUALE ROTONDI

i m p o r t a n z a furono attentamente d a m e v i s i t a t i ed esamin a t i senza che v i r i s c o n t r a s s i t u t t i i d e s i d e r a t i r e q u i s i t i . A i q u a h s i d i m o s t r a r o n o invece perfettamente rispondent i due a l t r e m o n u m e n t a l i f a b b r i c h e d e l l a p r o v i n c i a d i P e s a r o : l a r o c c a quattrocentesca d i S a s s o c o r v a r o ed i l Palazzo dei P r i n c i p i d i Carpegna. Capolavoro insigne d i a r c h i t e t t u r a , l a R o c c a d i Sassoc o r v a r o è u n a delle più belle creazioni a r t i s t i c h e d i F r a n cesco d i Giorgio M a r t i n i , i l grande architetto m i l i t a r e d i Federico d a Montefeltro. F a t t a c o s t r u i r e n e l l a seconda metà del Quattrocento p e r ordine d i Ottaviano U b a l d i n i , i n u n a località a lungo contesa d a i M a l a t e s t a , e s s a f u i n n a l z a t a c o n u n ' i n s o l i t a grandiosità d i s t r u t t u r e , i n m o d o d a accrescere l a n a t u r a l e inespugnabilità del luogo con l a poderosa i m p o n e n z a e con l ' u n i t a r i a c o m p a t t e z z a delle m u r a t u r e gigantesche. E ' e s s a l a p r i n c i p a l e protagonista dell a n o s t r a n a r r a z i o n e : essa, che h a saputo c u s t o d i r e così a lungo e così gelosamente u n tesoro d i t a n t a grandezza. E ' t o r n a t a o r a , d a p o c h i giorni soltanto, a l l a s u a vecc h i a destinazione. L e opere d'arte che le erano state affidate ne sono state o r m a i allontanate p e r f a r r i t o r n o , sane e salve, alle r i s p e t t i v e sedi. M a i l r i c o r d o d e l l a v i t a segreta d i quelle opere, n e i cinque a n n i d i p e r m a n e n z a n e l m o n u m e n t a l e edifizio, n o n potrà essere cancellato giamm a i . E c h i potrà i n v e r o distruggere i l r i c o r d o che lassù, n e l t o r r i o n e maggiore, ove più s ' i n a r c a l a superficie, ebbe s i c u r o r i c o v e r o l a « T e m p e s t a » d i Giorgione? o che i n quelle stanze che s'affacciano n e l cortiletto i n t e r n o fur o n o c u s t o d i t i sì a lungo i l « M i r a c o l o dello S c h i a v o » del T i n t o r e t t o e le « S t o r i e d i S . O r s o l a » del C a r p a c c i o ? o che per quell'ingresso angusto f u necessario t r a c c i a r e nel terreno u n profondo solco, a l fine d i permettere i l passaggio, sotto l a b a s s a p o r t a , a i c a p o l a v o r i d i m o l e maggiore?... E c h i potrà d i m e n t i c a r e m a i l a l u c e m e r a v i g l i o s a che n e l l ' i n t e r n o dei p i c c o l i a m b i e n t i q u a t t r o c e n t e s c h i s i faceva, allorché, nelle r i t u a l i verifiche, u s c i v a n o d a i loro imballaggi i P i e r o e i T i z i a n o e i G i a m b e l l i n o e i Lotto?... F u dunque i n questo m o n u m e n t a l e castello che cad-


CAPOLAVORI D'ARTE

II

de, n e l 1940, l a scelta per l'adibimento a ricovero. I l fatto che s i t r a t t a v a d ' u n edifizio d i proprietà c o m u n a l e e l a s u a maggiore prossimità a d U r b i n o lo fecero p r e f e r i r e a l Palazzo dei P r i n c i p i d i Carpegna, s u l quale s'era anche soffermata l a m i a attenzione. I p r i m i p r o v v e d i m e n t i n e c e s s a r i p e r accogliere n e l l a R o c c a d i S a s s o c o r v a r o i c a p o l a v o r i a d e s s a d e s t i n a t i , furono c o m p i u t i n e l giugno 1940 c o n grande rapidità, mentre aveva contemporaneamente inizio l'affluenza delle opere d'arte. U n grato pensiero v a doverosamente r i v o l t o a tutte i n d i s t i n t a m e n t e le Autorità del luogo, che ben consapevoli d e l l ' i m p o r t a n z a d i quei p r o v v e d i m e n t i , ne fac i l i t a r o n o i n ogni modo l a r i u s c i t a , prodigandosi c o n es e m p l a r e zelo. E s s e n d o i l o c a l i i n t e r n i dell'edificio adib i t i a d uffici p u b b l i c i ed a scuole f u a m m i r e v o l e lo spìr i t o dì abnegazione c o l quale t a l i l o c a l i furono l a s c i a t i l i b e r i dagli E n t i i n t e r e s s a t i . D a p a r t e s u a , l a popolazione della p i c c o l a c i t t a d i n a dovette r i n u n z i a r e (e lo fece con alto s p i r i t o d i comprensione) a l l ' u n i c o diversivo d i c u i poteva d i s p o r r e : l'uso cioè del teatro-cinema i n s t a l l a t o n e l l a R o c c a . F u d i f a t t i necessario sospenderne le rappresentazioni, n o n essendo esse c o m p a t i b i l i , p e r ovvie ragion i , c o n l'esistenza del r i c o v e r o . A s s i c u r a t a così l a disponibilità degli a m b i e n t i , f u s u bito provveduto a d a t t r e z z a r l i i n m o d o d a rendere possibile i l deposito delle opere. Poderosi m u r i antischeggie ed a n t i c r o l l o furono r a p i d a m e n t e i n n a l z a t i , a c h i u s u r a delle porte e delle finestre esterne. L a grande c i s t e r n a d'acqua, già esistente nell'interno del castello, f u r i a t t i v a t a mediante u n a p o m p a a s p i r a n t e elettrica, capace d i i m m e t t e r e l ' a c q u a a sufficiente pressione negli i d r a n t i ant i n c e n d i appositamente prediposti. S p e c i a l i e s t i n t o r i a s c h i u m a e a d a n i d r i d e c a r b o n i c a furono collocati i n g r a n n u m e r o n e i v a r i a m b i e n t i . L a c o s t r u z i o n e d'una grande c i s t e r n a d i r i s e r v a , a l i m e n t a t a perennemente dall'acquedotto comunale, f u i n i z i a t a e p o r t a t a r a p i d a m e n t e a term i n e . L ' a t t r e z z a t u r a c o m p l e t a d ' u n corpo d i g u a r d i a f u subito organizzata, predisponendovi tutto quanto poteva


12

PASQUALE ROTONDI

occ o rrere p e r i l r i s c a l d a m e n t o , p e r le c u c i n e , i d o r m i t o r i ed i s e r v i z i igienici. U n a p a r t i c o l a r e attenzione f u posta n e l l a costruzione d ' u n a rete s o t t e r r a n e a a funzionamento autonomo d i c a m p a n e l l i d ' a l l a r m e , i n comunicazione c o n l a S t a z i o n e dei C a r a b i n i e r i , a t t a a g a r a n t i r e l a sicurezza delle opere d'arte q u a l o r a esse avessero corso qualche pericolo. A l posto d i g u a r d i a v e n i v a n o assegnati q u a t t r o c u stodi fissi e due s t r a o r d i n a r i , c o n servizio c o n t i n u a t o diurn o e n o t t u r n o . A d essi e r a anche a t t r i b u i t o l'obbligo d i c o s t i t u i r e u n a s q u a d r a d i p r i m o intervento i n caso d i pericolo , e ne v e n i v a p e r t a n t o c u r a t a , anche sotto tale aspetto, un'adeguata i s t r u z i o n e ed u n a c o m p l e t a attrezzatura. V e n i v a n o i n o l t r e i n i z i a t e le p r a t i c h e , condotte più tard i felicemente i n porto, perchè l a r o c c a fosse p r e s i d i a t a d a u n apposito corpo d i g u a r d i a m i l i t a r e . Così p u r e f u s t u d i a t a , c o n i competenti organi t e c n i c i , e p o s t a i n atto l ' i n s t a l l a z i o n e d ' u n apposito distaccamento d i V i g i l i del F u o c o i n collegamento diretto col r i c o v e r o . U n a revi sio n e a c c u r a t a dello stabile, dei s u oi tetti e della s u a s t a t i c a , u n i m p i a n t o completo d i p a r a f u l m i n i , u n a sistemazione adeguata degli i m p i a n t i e l e t t r i c i i v i esistenti, ed a l t r i s i m i l i l a v o r i c a u t e l a r i furono eseguiti o subito o i n prosieguo d i tempo, a l fine d i r e n d e r e sempre più idoneo i l r i c o v e r o . N e l tempo stesso s i procedeva a l r i m b a l l a g g i o ed a l l a r a c c o l t a delle opere d'arte dei v a r i cent r i delle M a r c h e , p e r i l l o r o r a p i d o i n o l t r o a Sassocorv a r o , dove esse c o m i n c i a r o n o a d affluire i n d a t a 8 giugno 1940. B e n 347 furono i g r a n d i c a p o l a v o r i c h e giunsero i n questo p r i m o tempo, i n meno d ' u n mese, n e l r i c o v e r o . Se n o n s e m b r a u t i l e — perchè tedioso — e l e n c a r l i dettagliatamente, p a r e però opportuno n o m i n a r n e a caso qualcuno, affinchè possa emergere l a grande i m p o r t a n z a dell'insieme: l a grande p a l a d ' a l t a r e d i G i o v a n n i B e l l i n i del M u seo d i P e s a r o , i T i z i a n o d i A n c o n a e q u e l l i d i U r b i n o , i l R u b e n s d i F e r m o , i P i e r o ed i l Paolo Uccello ed i Signo-


CAPOLAVORI

D'ARTE

13

r e l l i ed i l Melozzo e d i G i u s t o d i U r b i n o , i L o t t o d i J e s i e d ì Perugino d i F a n o ed i C r i v e l l i d i A s c o l i e gli Allegretto d i M a c e r a t a d i U r b i n o e d i F a b r i a n o , ed i l fior fiore delle c e r a m i c h e d i Pesaro, ed i p i v i a l i r a r i s s i m i d i F e r m o e d i A s c o l i , e gli a r a z z i d i A n c o n a e d i F a b r i a n o . . . Poco più t a r d i ecco aggiungersi a questo p r i m o gruppo u n nucleo notevole d i d o c u m e n t i e d ' i n c u n a b o l i d e l l a Biblioteca Oliveriana di Pesaro. Più t a r d i a n c o r a , e p r e c i s a m e n t e i l 16 ottobre 1940, giungono a S a s s o c o r v a r o i g r a n d i c a p o l a v o r i delle Galler i e , della Cà d'Oro e del Museo O r i e n t a l e d i V e n e z i a : più d i cento opere d'arte r i n c h i u s e i n s e t t a n t a casse: p r i m a t r a esse p e r i m p o r t a n z a l a « T e m p e s t a » d i Giorgione (2). L a v i t a del r i c o v e r o poteva svolgersi o r m a i i n t u t t a l a s u a completezza. T r e erano i l o c a l i d e l l a r o c c a dove erano depositate le opere: due g r a n d i sale a p i a n t e r r e n o ed i l lungo c o r r i d o i o s e m i c i r c o l a r e a l piano superiore. I n q u e s t ' u l t i m o erano state destinate l e cose d i m i n o r e dimensione. N e l l e sale terranee invece s i t r o v a v a n o le tele e le tavole d i m o l e maggiore. I n u n a d i esse erano stat i p o s t i i r u l l i c o n le opere del T i n t o r e t t o e d i V i t t o r e Carpaccio. I c o n t a t t i t r a S o p r i n t e n d e n z a e r i c o v e r o erano freq u e n t i s s i m i . S i c e r c a v a d i giungere i n a s p e t t a t i nelle ore più impensate, p e r c o n t r o l l a r e se i l servizio d i c u s t o d i a procedesse c o n ordine. V i t a m o n o t o n a ed u m i l e . V i p o r t a v a n o i m p r o v v i s i s p r a z z i d i l u c e le verifiche che, d i tanto i n tanto, s i compievano del prezioso m a t e r i a l e . R a r a soddisfazione e r a q u e l l a d i p o t e r s i estasiare, i n c o n d i z i o n i sì eccezionali,

( 2 ) S u l trasporto n e l Montefeltro delle opere d'arte d i Venez i a — u n p r i m o gruppo a Sassocorvaro ed u n secondo gruppo a Carpegna — e per altre notizie relative a l salvataggio del patrimonio artistico veneto cfr. V . M O S C H I N I , Vicende di guerra delle opere d'arte venete, i n «Arte Veneta», Anno I , Venezia gennaiom a r z o 1 9 4 7 , n . 1 , pp.

60-64.


14

PASQUALE ROTONDI

della bellezza d i così g r a n d i affermazioni d'arte: q u a s i u n p r e m i o a l l a gelosa c u r a con l a quale quei c a p o l a v o r i venivano custoditi! A l t r e provvidenze v e n i v a n o i n t a n t o adottate p e r l a s a l v a g u a r d i a del m a t e r i a l e a r t i s t i c o m o b i l e delle M a r c h e n o n a n c o r a r i m o s s o d a i l u o g h i d'origine. D i v e r s i r i c o v e r i d ' i m p o r t a n z a locale fur o n o i s t i t u i t i p e r raccogliere detto m a t e r i a l e : m a è ben n a t u r a l e che le m a g g i o r i attenzioni fossero prodigate a l l a r a c c o l t a più i m p o r t a n t e d e l l a regione: l a G a l l e r i a N a z i o n a l e d i U r b i n o . L o c a l i opportunamente a l l e s t i t i furono organizzati p u r essi a r i c o v e r o , a p i a n t e r r e n o del palazzo ducale. C i n q u e g r a n d i sale, tre delle q u a l i abbandonate ed i n u t i l i z z a t e , fur o no sottoposte ad u n a r a d i c a l e bonifica, dopo d'esserne state d i s t r u t t e le a r b i t r a r i e s o v r a s t r u t t u r e i n t e r n e . I n o l tre, c o n l ' a p e r t u r a d i a l c u n e porte, dette sale v e n i v a n o rese i n t e r c o m u n i c a n t i c o n accesso d a l c o r t i l e d'onore. I n esse, dopo t a l i l a v o r i , f u r o n o sistemate tu t t e le opere dell a G a l l e r i a che, per r a g i o n i tecniche, n o n e r a stato possib i l e t r a s p o r t a r e a S a s s o c o r v a r o , t ut t e le a l t r e d ' im p ort a nz a n o n p r i m a r i a , a c u i seguirono più t a r d i le porte i n t a r s i a t e nonché i p a n n e l l i dello studiolo d i F e d e r i c o . M a i l a v o r i effettuati nelle cinque sale i n p a r o l a avev ano anche u n a l t r o scopo: quello d i a p p r o n t a r e gli a m b i e n t i dove, dopo l a g u e r r a , avrebbero potuto t r o v a r posto u n a sezione archeologica ed u n a sezione epigrafica. M i a costante preoccupazione è s t a t a d i f a t t i , d a quando i n U r b i n o dirigo l a G a l l e r i a Nazionale, q u e l l a d i l i b e r a r e le soprallogge del Palazzo d a i n u m e r o s i m a t e r i a l i archeologici e dalle epigrafi che, p o s t i v i n e l sec. X V I I I , n e deturpano l ' o r i g i n a r i a serenità d i linee. T r a t t a n d o s i però d i cose d i n o n t r a s c u r a b i l e i m p o r t a n z a s t o r i c a , o c c o r r e v a a n z i t u t t o t r o v a r e p e r esse un'adeguata destinazione, dove fosse possibile s i s t e m a r l e decorosamente. A t a l i i n t e n t i m'è p a r s o che potrebbero pienamente r i s p o n d e r e — dopo i l a v o r i c o m p i u t i —• le c i n q u e sale s u m m e n z i o n a t e . A m pie v e t r a t e d i comuiiicazione col cosiddetto gia rd ino del P a s q u i n o , opportunamente costruite, potrebbero i l l u m i -


CAPOLAVORI

D'ARTE

15

n a r n e l ' i n t e r n o , e lo stesso giardino, c o l p o r t i c o che sorge s u d i esso, potrebbe d i v e n i r e u n a b u o n a sede d'esposizione delle s c u l t u r e d i maggior m o l e o d i qualche f r a m mento o r n a m e n t a l e . M a qualche a l t r a c o s a d i b e n maggiore i m p o r t a n z a io devo a i mìei l a v o r i d i protezione del m a t e r i a l e della Gallerìa d i U r b i n o : qualche c o s a b e n pììi r a r a e suggestiv a : l a v i s i o n e delle sale del Palazzo ducale c o m p l e t a m e n t e spoglie d'ogni oggetto decorativo, d'ogni suppellettile, d i ogni arredo, n e l pieno trionfo d e l l a l o ro s t r u t t u r a m u r a r i a . U n a f o r t u n a questa — così m i piace dì c h i a m a r l a — toccata a m e e che forse n o n toccherà a d a l t r i g i a m m a i . M i s i s c u s i o r a l a digressione, m a a n c o r a m i p a re u n sogno l'aver potuto vagare n e l l ' i m m e n s a s o l i t u d i n e del mon u m e n t o n o n t u r b a t a d a n u l l a che potesse essere estraneo a l l a s u a p u r e z z a a r m o n i o s a . M i p a r e v a t a l v o l t a che l a fabb r i c a , appena c o s t r u i t a , attendesse i p r o p r i a b i t a n t i , m a i n t a n t o , deserta, poteva l i b e r a m e n t e e m a n a r e u n suo pieno r e s p i r o m u s i c a l e . F u anche questo u n p r e m i o , forse i l p r e m i o maggiore r i s e r v a t o a l l a m i a fatica... E c c o i n t a n t o d e l i n c a r s i , sempre c o n maggiore urgenza, l a necessità d i a l l o n t a n a r e anche d a a l t r e regioni d ' I t a l i a le opere d'arte m o b i l i . C o m u n i c a z i o n i i n t a l senso m i giungono d a l l a L o m b a r d i a e dalle Puglie, m e n t r e da V e n e z i a m i sì a n n u n z i a che a l t r i c a p o l a v o r i s a r a n n o avv i a t i nelle M a r c h e . A S a s s o c o r v a r o d'altronde, n o n v'è posto p e r a l t r o m a t e r i a l e , nè sarebbe stato forse opportuno r a g g r u p p a r e i n u n a sola località u n sì notevole tesoro. M i rivolgo pert a n t o a C a r p e g n a , dove avevo già notato l a possibilità d i u t i l i z z a r e come rifugio i l Palazzo dei P r i n c i p i . L a s o l i d a costruzione secentesca, i s p i r a t a nelle sue linee achitettoniche alle f o r m e del V i g n o l a , poteva pres t a r s i superbamente, anche per l a s u a eccentricità, a d u s o d i r i c o v e r o . L ' a m p i e z z a delle sale e dei p o r t a l i d'ingresso r e n d e v a possibile l'accesso anche a d opere d i grande mole; nè m a n c a v a n o g l i a l t r i r e q u i s i t i e n u m e r a t i p e r Sassocorvaro.


P A S Q U A L E ROTONDI

L e t r a t t a t i v e p e r r o c c u p a z i o n e dei l o c a l i f u rono dunque sollecitamente i n i z i a t e c o i P r i n c i p i d i Carpegna, prop r i e t a r i del m o n u m e n t a l e Palazzo ed i v i r e s i d e n t i . Nè v a d i m e n t i c a t o a lor o onore i l sentimento d i comprensione che essi s u b i t o d i m o s t r a r o n o , rendendo c o s i maggiormente spedito l'esito degli a c c o r d i , che fur o no i n b r e v e conclusi. R i p e t u t i a l l o r a gli stessi l a v o r i d'allestimento del r i covero d i S a s s o c o r v a r o ( m a a C a r p e g n a t a l i l a v o r i furono anche m a g g i o r i a c a u s a d e l l a maggiore grandiosità dell'edifizio), i l o c a l i fur o n o b e n presto p r o n t i a r i c e v e r e le opere: q u a t t r o g r a n d i l o c a l i t e r r a n e i con annesso u n v a s t i s s i m o a t r i o ed u n a scalea r i s e r v a t a d'accesso, e quatt r o s a l o n i a l piano superiore, s o v r a p p o s t i agli a m b i e n t i precedenti: u n complesso perciò v e r a m e n t e superbo.

*

*

*

L'afflusso delle opere d'arte a C a r p e g n a ebbe inizio i n d a t a 21 a p r i l e 1943 con l ' a r r i v o d a M i l a n o d i ottantasette casse, contenenti s c u l t u r e c e r a m i c h e d i p i n t i e m a teriale archeologico del Castello Sforzesco. A questo p r i m o a r r i v o ne fece seguito u n secondo d a V e n e z i a e l'oper a più i m p o r t a n t e g i u n t a a l l o r a a C a r p e g n a f u i n d u b b i a mente l a celebre « P a l a d'Oro » della B a s i l i c a d i S . M a r c o . Questo insigne capolavoro d'oreficeria, p r e z i o s i s s i m o n o n soltanto c o m e r a r o prodotto d'arte medioevale, m a anche p e r le pietre preziose e gli s m a l t i o r n a n t i le superfici a u ree, e r a r i n c h i u s o i n due casse, che fur o n o collocate n e l l a più r i p o s t a s a l a del r i c o v e r o . N e l l a stessa s a l a f u depositato i l « T e s o r o » d i S . M a r c o , giunto con lo stesso c a r i c o d a V e n e z i a e comprendente centocinquantuno oggetti preziosi, d ' i n e s t i m a b i l e v a l o r e . S e m p r e da V e n e z i a v e n i v a n o contemporaneamente r i cevuti i l medagliere, l a r a c c o l t a d i b r o n z i e targhette del r i n a s c i m e n t o ed u n a seconda s c e l t a d i d i p i n t i delle G a l lerie, oltre a d u n b u o n n u m e r o d i c a p o l a v o r i p r o v e n i e n t i dalle Chiese: e gioverà q u i m e n z i o n a r e i l « Donatello » dei


CAPOLAVORI

D'ARTE

17

F r a r i , i l « F r a n c e s c o d i Giorgio » del C a r m i n e , i l « Veronese » d i S . B a r n a b a , ecc. N è bisogna credere che l a consistenza del r i c o v e r o s i arrestasse a t a l punto... E c c o d i f a t t i giungere d a R o m a , a p o c a d i s t a n z a d i tempo, sessantasette c a p o l a v o r i prov e n i e n t i d a l l a G a l l e r i a Borghese, d a l l a C o r s i n i , d a S . M a r i a del Popolo, d a S . L u i g i dei F r a n c e s i , d a l Museo d i T a r q u i n i a . Seguono, p o c h i g i o r n i dopo, l e maggiori opere d'arte della G a l l e r i a d i B r e r a , del Museo Poldi-Pezzoli, dell ' A c c a d e m i a C a r r a r a d i Milano... E d a questi a r r i v i pongono alfine suggello i c i m e l i i r o s s i n i a n i del L i c e o M u s i c a l e d i Pesaro, c o m p r e n d e n t i , c h i u s i i n u n baule e due casse, d i p i n t i ed oggetti a p p a r t e n u t i a l R o s s i n i , insieme a i m a n o s c r i t t i del grande Maestro. V i e n e così completata, c o n q u e s t ' u l t i m a consegna, l a consistenza del ricovero d i Carpegna. P a r t e i n questo ricovero e parte i n quello d i Sassoc o r v a r o , c i r c a d u e m i l a oggetti d i g r a n d i s s i m a i m p o r t a n z a storico-artistica vengono a t r o v a r s i nelle m i e m a n i (senz a calcolare le opere depositate, come h o detto, n e i sott e r r a n e i del Palazzo ducale d i U r b i n o ) . Oltre a l l a «Tempesta» ed a l l a «Pala d'oro» primeggiano p e r i m p o r t a n z a lo «Sposalizio della Vergine» d i Raffaello, r « A m o r sacro e profano» d i T i z i a n o , i l «Cristo a l l a colonna» del B r a m a n t e , l a «Madonna e S a n t i c o l D u c a d i Urbino» dì Piero della F r a n c e s c a , l a «Vergine dì T a r q u i nia» d i F i l i p p o Lìppi, l a «Crocifissione dì S a n Pietro» e l a «Conversione dì S a n Paolo» del Caravaggio, l a «Madonna d e l l a Corsini» del Murìllo, i l «Ritratto d ' E n r i c o V i l i » dell'Holbeìn... A queste opere a l t r e ne v a n n o aggiunte: dì Piero, d i Antonello, d i Gentile e G i o v a n n i B e l l i n i , dei Vivarìni, del F r a n c i a , dell'Angelico, dì Cosmè T u r a , del Mantegna, del Poppa, d e l B r a m a n t i n o , d ' E r c o l e de' R o b e r t i , del Correggio, del Veronese, del T i e p o l o e v i a dicendo: u n a parte, i n s o m m a , davvero cospicua del p a t r i m o n i o artìstico della Nazione... Quanto più s i porrà mente però a l l ' i m p o r t a n z a delle cose ricoverate, tanto più sì potrà comprendere l a mìa


i8

PASQUALE ROTONDI

preoccupazione per l a l o r o conservazione dopo l ' S settemb r e del 1943. N e l mese precedente, v e r a m e n t e , q u a s i che s i presagisse i l f u t u r o , s'era d a più p a r t i v e n t i l a t a l'idea d i affidare a l V a t i c a n o le cose m o b i l i d i maggior interesse a r t i stico d ' I t a l i a (3). U n a s c e l t a delle opere i n m i a consegna, d a i n v i a r e a tale destinazione, e r a già s t a t a d a m e f a t t a , d'accordo coi colleghi d i V e n e z i a e d i M i l a n o , ed i n t a l senso m' era no p e r v e n u t i anche degli o r d i n i p r e v e n t i v i d a p a r t e del M i n i s t e r o . S o p r a v v e n u t o però l 'S settembre, senza che i l provvedimento d i r i m o z i o n e potesse a v e r seguito, tutte le cose r i m a s e r o a l loro posto, con i n più l ' a s s o l u t a impossibilità d i t r o v a r e o r a u n q u a l s a i s i mezzo d i t r a s p o r t o c h e potesse permettere l a l o r o evacuazione. E s s e n d o s i s p a r s a d i f a t t i l a voce che i tedeschi r a z z i a v a n o q u a l s i a s i autoveicolo che i n c o n t r a s s e r o s u i loro p a s s i , t u t t i i p r o p r i e t a r i d i a u t o r i messe e d i p u b b l i c i s e r v i z i s i guardavano bene dall'avvent u r a r s i i n viaggi, i n t e n t i piuttosto a s m o n t a r e i loro a u t o c a r r i e a disperderne i pezzi. Nè valevano le preghiere d a m e r i v o l t e alle v a r i e ditte d i a u t o t r a s p o r t i d i U r b i n o e Provincia. A d ogni b u o n conto però, studiavo f i n d ' a l l o r a l a possibilità d i c r e a r e i n U r b i n o a l c u n i s i c u r i nascondigli, i n c u i potessi occultare, ove fosse necessario, a l l ' u l t i m o momento, i c a p o l a v o r i d i maggiore interesse. E f u p r o p r i o i n quei g i o r n i che, demolendo a l c u n i m u r i ed alzandone a l t r i , r i u s c i i a r i m e t t e r e i n efficienza u n a s t a n z a abbandon a t a n e i s o t t e r r a n e i del Palazzo Ducale, l a quale e r a ubic a t a i n modo d a n o n poter essere più i d e n t i f i c a t a , quando n e fosse stato r i m u r a t o l'ingresso. I n q ue s ta s t a n z a ed i n a l t r i due a m b i e n t i a t t i g u i a l l a c r i p t a del D u o m o d i U r -

(3) S u l ruolo assolto dal V a t i c a n o n e l l a difesa del patrimonio a r t i s t i c o italiano cfr. G . D E A N G E L I S D ' O S S A T , Il tutore dei patrimoni culturali, i n «Pio X I I Pont. Max...», Città d e l V a t i c a n o 1956, pp. 209-224.


CAPOLAVORI D'ARTE

19

bino a v r e i potuto occultare b e n i s s i m o , ove ve ne fosse stato bisogno, u n a b u o n a parte del m a t e r i a l e i n m i a c u stodia, sempre che a v e s s i avuto l a possibilità d i trasfer i r l o i n U r b i n o . M a e r a p r o p r i o q u e s t a impossibilità che m i rendeva oltremodo preoccupato, tanto più che, col pass a r e dei g i o r n i , l a situazione d i v e n i v a sempre più grave. E c c o d i f a t t i , a d i s t a n z a d i più d ' u n mese d a l l a d a t a d e l l ' a r m i s t i z i o , v e r i f i c a r s i d a p a r t e tedesca l a p r i m a tem u t a rappresaglia. U n reparto d i S S germaniche s i p r e s e n t a v a improvv i s a m e n t e n e l Palazzo dei P r i n c i p i d i C a r p e g n a verso le ore 22 del giorno 19 ottobre, allo scopo d'effettuarvi u n a perquisizione. L'azione s i svolse f u l m i n e a . I c a r a b i n i e r i d i g u a r d i a a l ricovero, che avevano cercato d i opporsi a che fossero p e r q u i s i t i anche i l o c a l i dove erano le opere d'arte, furono d i s a r m a t i , m a l m e n a t i e p o r t a t i v i a d a i tedeschi. S e m b r a che questi opinassero che nel ricovero fossero nascoste a r m i . «Munitionen, munitionen» ripetevano smuovendo le casse e rivolgendosi a i c u s t o d i B a r u c c h i e r i V i n cenzo e Sguazzini Ignazio che, con coraggiosa resistenza, tentavano invece d i p e r s u a d e r l i che i l contenuto d i quegli imballaggi e r a d i t u t t ' a l t r a n a t u r a . Uno dei più a c c a n i t i p e r q u i s i t o r i , fatto s a l t a r e u n suggello d a l baule coi manos c r i t t i del R o s s i n i (depositato n e l l a s a l a stessa o v ' e r a c u stodito anche i l T e s o r o d i S, M a r c o ) , s i c o n v i n c e v a p o i f i nalmente che a r m i i n quelle casse n o n ve n'erano, e desisteva d a l l ' i m p r e s a . Quale poteva essere però l'atteggiamento dei tedeschi, o r a che essi avevano scoperto i l r i c o v e r o ? T u t t o v e r a m e n te a l l ' a p p a r e n z a s e m b r a v a t r a n q u i l l o , allorché, nelle p r i m e ore del m a t t i n o del giorno 20, i o g i u n s i s u l posto, c h i a m a t o v i da u n a telefonata dei c u s t o d i . I tedeschi, c o m p i u t a l a perquisizione, n o n s'erano più v i s t i n e l palazzo; m a er a n o s c o m p a r s i anche i c a r a b i n i e r i , n e l l a c u i c a s e r m a s ' e r a i n s t a l l a t o u n reparto d i S S . Che f a r e dunque i n questa situazione? M i p a r v e saggio, n o n potendo assumere a l c u n a informazione s u l posto, d i p o r t a r m i i m m e d i a t a m e n t e a Pesaro p e r chiedere


PASQUALE ROTONDI

l ' a i u t o del Prefetto. V i s t o d i f a t t i c h e , c o n l ' a l l o n t a n a m e n t o d e i c a r a b i n i e r i , e r a s t a t a soppressa l ' u n i c a g a r a n z i a che pot e v a essere d a t a a l servizio d i v i g i l a n z a a r m a t a del ricovero, m i p a r e v a che i l Prefetto potesse ben i m p o r s i a l Com a n d o germanico per ottenere p e r lo meno dei c h i a r i m e n t i , i n seguito a i q u a l i s i sarebbe potuto anche s t u d i a r e u n q u a l s i a s i espediente p e r i m trasporto delle opere i n U r b i n o ( F A v v . Giorgio Paoi, a l l o r a Podestà d i U r b i n o , m i dette i n questa ed i n a l t r e circostanze u n grande a i u t o : e d i q u i gli e s p r i m o p u b b l i c h e grazie). L o stesso Prefetto f u però i m b a r a z z a t i s s i m o allorché i o gli r i v o l s i queste m i e richieste, né m i nascose che o r m a i l a s u a autorità e r a i n c o m p l e t a decadenza d i fronte a l l ' o l t r a c o t a n z a g e r m a n i c a . A n c h e a v o l e r u s u f r u i r e d i automezz i m i l i t a r i i t a l i a n i t u t t o r a i n u s o presso r e p a r t i l o c a l i , l a m a n c a n z a a s s o l u t a d i c a r b u r a n t e avrebbe impedito l'uso d i t a l i mezzi. I tedeschi avevano, subito dopo l'S settemb r e , occupato m i l i t a r m e n t e i depositi d i n a f t a e b e n z i n a della p r o v i n c i a ed essendo perciò soltanto essi a r b i t r i dell a situazione, a d essi bisognava r i v o l g e r s i p e r ottenere, se n o n p r o p r i o i mezzi, a l m e n o i l q u a n t i t a t i v o d i c a r b u r a n t e necessario... F u dunque p e r tale m o t i v o che, dopo l u n g a esitazione, i l Prefetto s i decise a d i n t e r p e l l a r e l'Alto C o m a n d o germanico d e l l a zona. M a l a r i s p o s t a f u sconcert a n t e : « N o n r a v v i s a r s i l'opportunità del t r a s p o r t o , dovend o s i considerare le opere d'arte d i C a r p e g n a sotto l a t u t e l a delle F o r z e a r m a t e del Reich». T o r n a t o dopo tale insuccesso i n U r b i n o , l a m i a attenzione f u subito r i v o l t a a l r i c o v e r o d i S a s s o c o r v a r o . O r a d i f a t t i che i tedeschi avevano r i v e l a t o l a loro intenzione, n o n potevo d a p a r t e m i a n o n temere che, se e s s i avesser o avuto cognizione d i detto deposito, s i sarebbero s u b i t o affrettati a d o c c u p a r l o , mettendo sotto l a «tutela del Reich» anche le ingenti ricchezze colà a m m a s s a t e . E c c o perché m i p a r e v a urgente r e c a r m i subito s u l luogo p e r r i m u o v e r n e ed o c c u l t a r e almeno i m a g g i o r i c a p o l a v o r i : n o n fosse a l t r o l a «Tempesta» d i Giorgione: i l q u a d r o forse più r a r o e suggestivo che possegga l ' I t a l i a .


CAPOLAVORI D'ARTE

21

Nello stesso tempo andavo r i m u g i n a n d o i n m e medesimo l a m a n i e r a d i s o t t r a r r e a i tedeschi anche i capolav o r i d i Carpegna. N o n potevo d i f a t t i r a s s e g n a r m i a l l ' i d e a che essi avessero a p r o p r i a disposizione opere i n s i g n i com e l a «Pala d'oro», lo «Sposalizio d e l l a Vergine» d i Raffaello o r « A m o r sacro e profano» dì Tiziano... M a certo o r a n o n e r a facile sottrarglìele. P e r l a stessa r i m o z i o n e d a S a s s o c o r v a r o delle opere più i m p o r t a n t i le difficoltà erano immense. M a n c a v a n o totalmente, come s'è detto, ì mezzi d i t r a s p o r t o ; m a v ' e r a però i l benefizio d e l l a modesta dimensione d i molte delle più i m p o r t a n t i opere, che perciò potevano essere trasportate anche per mezzo d ' u n a m o d e s t a a u t o v e t t u r a . A questo punto d e l l a m i a relazione v e r r e i meno a d u n preciso dovere se d i m e n t i c a s s i d i rivolgere u n pensiero d i v i v a gratitudine a d u n a u t i s t a d i U r b i n o — i l sig. A u gusto P r e t e l l i — senza i l c u i aiuto n o n a v r e i potuto mettere i n atto n u l l a d i quanto sto o r a per n a r r a r e . E g l i dif a t t i n o n soltanto m i s e a m i a disposizione l a s u a m a c c h i n a i n u n m o m e n t o i n c u i n o n v ' e r a più u n solo automezzo che facesse servizio p e r téma, come s'è detto, delle razzìe germaniche, m a m i dette i n o l t r e u n aiuto così incondizionato d a n o n poter essere m a i d a m e dimenticato. E c c o m i dunque, i l 21 ottobre, c o n luì a S a s s o c o r v a r o , impegnato i n questo estremo tentativo d i salvataggio. S o l t a n t o due dei custodi addetti a l r i c o v e r o — S i c h e l G i o v a n n i e R e n o n F r a n c e s c o — vengono i n f o r m a t i delle m i e intenzioni. I n s i e m e col P r e t e l l i essi m i aiutano' a d ap r i r e le casse e d a toglierne i c a p o l a v o r i maggiori (di piccole d i m e n s i o n i ) delle G a l l e r i e d i V e n e z i a . L a «Tempesta» d i Giorgione, i l « S . Giorgio» del Mantegna, l a «Madonna c o l bambino» d i Cosmè T u r a , quattro «Madonne» d i Giov a n n i B e l l i n i ( t r a c u i q u e l l a «degli Alberelli»), l a « P i e t à » , le tavolette f r a m m e n t a r i e c o l «Cristo» e le c i n q u e pìccole «Allegorìe» dello stesso a r t i s t a , le tavolette c o n l a «Passione» dì Maestro R i m i n e s e del secolo X I V , i l «Ritratto Morosìni» del T i n t o r e t t o ed i l «Ritratto maschile» dì L o renzo L o t t o l a s c i a n o i loro imballaggi, vengono r a v v o l t i i n


22

PASQUALE ROTONDI

soffici coperte e vengono nascostamente c h i u s i nell'auto del P r e t e l l i . L e casse che contenevano i preziosi d i p i n t i vengono invece m u r a t e i n u n ripostiglio d e l l a R o c c a , a l fine d i cancellare ogni t r a c c i a dei c a p o l a v o r i r i m o s s i . Quind i , s u l f a r della notte, s i p a r t e d a S a s s o c o r v a r o e s i raggiunge a t a r d i s s i m a o r a l a T o r t o r i n a : l a v i l l a del n o s t r o Presidente, dove con l a m i a f a m i g l i a i o t r a s c o r r e v o l'estate. Q u i m i a moglie, agitatìssima, m ' a v v e r t e che i n città v i sono i tedeschi e che è pericoloso a v v e n t u r a r v i s i c o l prezioso c a r i c o . Meglio perciò depositare ogni cosa a l l a T o r t o r i n a , i n g r a n segretezza, n e l l a n o s t r a stessa c a m e r a . I n u t i l e d i r e che m i a moglie ed io p a s s i a m o b u o n a p a r t e della notte i n contemplazione dei c a p o l a v o r i g i u n t i cosi singolarmente i n n o s t r a p r i v a t a custodia, nè t r o v o parole adatte a d e s p r i m e r e le i m p r e s s i o n i d i q u e l l a straord i n a r i a veglia n e l silenzio del fabbricato, dove n e s s u n a l t r o conosceva o sospettava l'esistenza t r a n o i d i cose tanto famose.

*

*

*

L ' i n d o m a n i però urge provvedere a d u n a loro adeguata e sollecita sistemazione. I l reparto d i f a l e g n a m e r i a d e l l a S c u o l a d'Arte d i U r b i n o p r e p a r a , secondo le m i s u r e d a m e fornite, m a n a t u r a l m e n t e senza conoscerne l'uso, u n a r o b u s t a c a s s a d i legno che viene d a l P r e t e l l i trasport a t a a l l a T o r t o r i n a . Q u i le opere possono essere i n t a l modo d a n o i stessi, e senza a l t r e testimonianze, a c c u r a t a m e n t e i m b a l l a t e n e l l a stessa g i o r n a t a del 22 ottobre, dopo d i che l a c a s s a che le r a c c h i u d e , n a s c o s t a sotto u n innocente m u c c h i o d i coperte e d i m a t e r a s s i può facilmente raggiungere, con l a s o l i t a automobile e sotto l a m i a scort a , i l Palazzo ducale d i U r b i n o dove viene t r a s p o r t a t a d a m e e d a l P r e t e l l i n e l nascondiglio sotterraneo p r e p a r a t o i n precedenza. Contemporaneamente m'adopero a tener d'occhio i l r i covero d i C a r p e g n a ed a proseguire l'opera d i salvataggio di altri capolavori di Sassocorvaro.


CAPOLAVORI

D'ARTE

23

A Carpegna, dove torno, t r o v o o r a allogati i tedeschi, i n g r a n n u m e r o , nello stesso Palazzo dei Prìncipi. I m i e i c u s t o d i B a r u c c h i e r i e S g u a z z i n i , r i m a s t i fedelmente s u l posto, n o n possono o p p o r s i a i s o l d a t i che entrano ed escono a loro piacimento dalle v a r i e stanze del deposito, m a l a maggiore preoccupazione nasce d a l fatto che l'apparecchio telefonico del r i c o v e r o è stato posto sotto controllo. A S a s s o c o r v a r o invece i tedeschi n o n s i son v i s t i ; m a , ciò m a l g r a d o , ritengo oportuno t r a s p o r t a r e a l t r i capolav o r i i n U r b i n o . È cosi che l a f a m o s a «Predella» d i Paolo Uccello, l a «Flagellazione d i Cristo» d i P i e r o d e l l a F r a n cesca, i l «S. Girolamo» e l a «Madonna d i Senigallia» dello stesso a r t i s t a , l a preziosa «Casula» d i S . T o m m a s o d i Cant e r b u r y del D u o m o d i F e r m o , i l «Ritrattino» d i M e m l i n g delle G a l l e r i e d i V e n e z i a ed u n a r a c c o l t a d i disegni d i grand i a u t o r i p r o v e n i e n t i dalle stesse Gallerìe raggiungono^ i n d a t a 24 ottobre con le stesse modalità i l precedente car i c o nel sotterraneo del Palazzo ducale, dopo d'essere s t a t i r i n c h i u s i i n u n a seconda c a s s a appositamente p r e p a r a t a . I n p a r i data, 24 ottobre, conduco d a S a s s o c o r v a r o i n U r b i n o i l custode R e n o n F r a n c e s c o , c o l proposito d'inv i a r e per suo mezzo u n a l e t t e r a r i s e r v a t a a l S o p r i n t e n dente alle G a l l e r i e d i V e n e z i a , con l a n o t i z i a di q u a n t o s t a avvenendo e c o n u n a r i c h i e s t a d i aiuto. *

*

*

M a , per m i a f o r t u n a , i l m i o collega prof. V i t t o r i o Mos c h i n i , q u a s i intuendo i l pericolo c o n u n a contemporaneità d i pensiero che stupisce e che farebbe pensare a d u n v e r o fenomeno d i telepatia, a v e v a già provveduto d a parte s u a a m a n d a r m i questo a i u t o n e l l a f o r m a migliore possibile. E c c o d i f a t t i che, l a s e r a stessa del 24 ottobre, m e n t r e io giungo i n U r b i n o col custode R e n o n , ho l'inaspettato piac e r e d i t r o v a r e i l prof. G . B a t t i s t a P i c c o l i , r a p p r e s e n t a n t e delle P r o c u r a t i e d i S . M a r c o e messo d e l l ' E m . m o P a t r i a r c a d i V e n e z i a , i l quale m i consegna i l seguente foglio:


.PASQUALE ROTONDI

24

R. S O P R I N T E N D E N Z A A L L E DI VENEZIA

GALLERIE

Venezia,

22 Ottobre

1943.

P r o t . n . 1154

A l S o v r i n t e n d e n t e alle G a l l e r i e U R B I N O I l P a t r i a r c a d i V e n e z i a h a chiesto c h e vengano a l u i r e s t i t u i t e le opere d'arte della B a s i l i c a d i S . M a r c o e delle a l t r e chiese dì V e n e z i a d a n o i t r a s p o r t a t e n e l r i c o v e r o d i C a r p e g n a e consegnate a codesta Soprintendenza. A l tempo stesso i l P a t r i a r c a c i h a chiesto d i consegnare t a l i opere all'Arcivescovo d i U r b i n o che le riceverà a nome e p e r conto dello stesso P a t r i a r c a , così d a d a r luogo a d u n a restituzione v a l i d a sotto ogni r i g u a r d o . Poiché i l M i n i s t e r o , c o n l e t t e r a n , 5656 del 13 corrente, h a autorizzato questa S o p r i n t e n d e n z a a d accogliere le r i c h i e s t e d i restituzione delle opere d'arte d a parte degli E n t i ecclesiastici. V i prego d i v o l e r consegnare p e r conto d i questa S o p r i n t e n d e n z a le dette opere all'Arcivescovo d i U r b i n o . R e s t a n d o t a l i opere per adesso n e l l a v o s t r a zon a , V i prego d ' i n t e r e s s a r v i d e l l a loro s i c u r e z z a e d e l l a loro b u o n a conservazione. I l P a t r i a r c a d i V e n e z i a h a i n c a r i c a t o i l prof. G i o v a n B a t t i s t a P i c c o l i d i seguire per suo conto le operazioni rel a t i v e a l t r a s p o r t o delle opere suddette d a C a r p e g n a a U r b i n o ed a l l a loro consegna e sistemazione. V i sarò grato se vorrete agevolare i l prof. P i c c o l i , a mezzo del quale V i prego d ' i n v i a r m i u n documento che attesti l'avvenut a restituzione delle opere n e l modo suddetto. Ringraziamenti e saluti. IL SOPRINTENDENTE f.to M o s c h i n i


CAPOLAVORI

D'ARTE

25

L e t t a però l a lettera del collega M o s c h i n i , u n a dom a n d a subito m i s i presenta: come s i comporteranno o r a i tedeschi? e c o n q u a l i mezzi t r a s p o r t e r e m o d a C a r p e g n a a d U r b i n o le opere delle chiese d i V e n e z i a ? M a ecco contemporaneamente u n ' a l t r a idea: c h i potrà v i e t a r m i d i c a r i c a r e , i n s i e m e con le opere delle chiese, anche quelle dello S t a t o ? L a maggior parte delle casse r i c o v e r a t e a C a r p e g n a erano p r i v e d i etichette con l'indicazione del loro contenuto ed io stesso avevo i n precedenza provveduto, dopo l'S settembre, a togliere t a l i etichette dalle casse che ne erano p r o v v i s t e e che contenevano i maggiori c a p o l a v o r i . P r o f i t t a n d o perciò o r a d i tale m i a previdenza, a v r e i pot u t o b e n i s s i m o confondere t r a le casse d i proprietà eccles i a s t i c a quelle d i proprietà statale... E d anche se i tedes c h i avessero voluto compiere u n a v e r i f i c a , q u a l i elementi d i controllo avrebbero essi potuto t r o v a r e a loro disposizione? U n esperto t r a l o r o e r a b e n difficile che v i fosse. Meglio dunque affrettare l a r i c e r c a degli a u t o c a r r i . I n U r b i n o , a F a n o , a Pesaro, a R i m i n i vengono sentite le ditte più attrezzate. I l prof. P i c c o l i s i m o l t i p l i c a n e l desiderio d i p e r v e n i r e a d u n concreto r i s u l t a t o e, senza m a i r i s p a r m i a r s i , con s p i r i t o i n f a t i c a b i l e e con u n a perseveranza davvero encomiabile, s i r e c a d i p e r s o n a nelle v a r i e citate località, sempre n e l l a s p e r a n z a di poter trov a r e finalmente q u a l c u n o disposto a d esaudirlo... P u r t r o p po invece i g i o r n i passano i n v a n o . E già u n a s e t t i m a n a è t r a s c o r s a d a l suo a r r i v o i n U r b i n o , e già egli h a q u a s i deciso di t o r n a r e v i n t o a V e n e z i a , allorché uno dei camion i s t i d i U r b i n o , i l sig. C e c c a r e l l i , che già aveva i n precedenza rifiutato d i v e n i r e i n C a r p e g n a e che nel frattempo h a r i s i s t e m a t o i l suo c a m i o n che aveva smontato, accetta o r a d i compiere u n viaggio, mettendo a n o s t r a disposizione u n autotreno d i g r a n d i s s i m e d i m e n s i o n i . R i c o r d o a n c o r a l a gioia del prof. P i c c o l i , n o n certo i n f e r i o r e a l l a m i a , allorché i l 1. novembre gli c o m u n i c a i l a notizia... « S . M a r c o h a fatto i l m i r a c o l o ! » ecco l a s u a p r i m a esclamazione. E , dopo t a n t i t e n t a t i v i v a n i , p r o t r a t t i s i comples-


26

PASQUALE ROTONDI

s ivam ente per c i r c a u n b i m e s t r e , s e m b r a v a davvero u n miracolo! A c c o r d a t i c i a l l o r a con l'Arcivescovo d i U r b i n o e c o n Mons. Ugo A i u t i , che l'Arcivescovo a v e v a designato a seg u i r c i quale suo rappresentante, decidemmo d i p a r t i r e senz'altro l ' i n d o m a n i . A Carpegna, quando v i giungemmo, i l C o m a n d a n t e germanico e r a assente. R e n d o n o t a a l suo r a p p r e s e n t a n t e l a ragione del nos t r o viaggio avvertendolo che s a r a n n o prelevate d a l ricovero le sole opere d'arte delle chiese d i V e n e z i a . E g l i m i risp o nde c h e i l C o m a n d a n t e deve essere a v v e r t i t o , m a accondiscende allorché gli chiedo d i c o m i n c i a r e a c a r i c a r e . I l l a v o r o viene a l l o r a effettuato p r i m a possibile. A l l e casse del T e s o r o d i S . M a r c o alterno quelle delle G a l l e r i e dello S t a t o : lo « S p o s a l i z i o della V e r g i n e » d i Raffaello, r« A m o r sacro e profano » d i T i z i a n o , i l « R i t r a t t o B o r ghese » d i Antonello, l a « Crocifissione Borghese » del P i n t u r i c c h i o , i l « T r i t t i c o » del B e a t o Angelico d e l l a G a l l e r i a Corsini, i l « Ritratto di E n r i c o V I I I » dell'Holbein, i l « Cristo a l l a c o l o n n a » del B r a m a n t e , l a « M a d o n n a col B a m b i n o , S a n t i e F e d e r i c o d a Montefeltro » d i P i e r o d e l l a Francesca, i l « Trittico » di Carlo Crivelli della Galleria d i B r e r a , i l « S a n t o Stefano » del F r a n c i a , i l « R i t r a t t o della F o r n a r i n a », i l « R i t r a t t o d e l l a d o n n a c o l L i o c o r n o » e i l « R i t r a t t i n o d'uomo » d i R a ffa e l l o , l a « M a d o n n a c o l B a m b i n o » del M u r i l l o , V« A d u l t e r a » del T i n t o r e t t o . i l « S . Matteo e l'Angelo », d i S . L u i g i de' F r a n c e s i del Caravaggio, i due Caravaggio d i S . M a r i a del Popolo, i l F i lippo L i p p i del Museo d i T a r q u i n i a , i V i t t o r e C a r p a c c i o e i due Correggio d i B r e r a , i n u n a p a r o l a i n s o m m a tutte le opere m a g g i o r i i n m i a c u s t o d i a p r o v e n i e n t i dalle G a l lerie d i M i l a n o e dì R o m a , nonché dalle chiese d i R o m a e d i Venezia... Né so d i r e davvero l a m i a emozione allorché, fatto i l c a r i c o e r i c e v u t o i l n u l l a o s t a per l a p a r t e n z a , p o s s i a m o r i m e t t e r c i finalmente i n viaggio e, qualche o r a dopo, poss i a m o raggiungere i n perfetto ordine U r b i n o .


CAPOLAVORI

D'ARTE

27

L ' i n d o m a n i le opere v e r r a n n o , sotto l a m i a direzione, così d i s t r i b u i t e n e i v a r i n a s c o n d i g l i : tutto i l gruppo delle G a l l e r i e S t a t a l i e delle chiese d i R o m a n e l solito sotterraneo del Palazzo ducale, i l T e s o r o d i S . M a r c o i n u n b r a c c i o s e m i c i r c o l a r e della c r i p t a del Duomo d ' U r b i n o e t u t t e le cose delle chiese d i V e n e z i a i n u n a c a p p e l l a sott e r r a n e a della stessa c r i p t a ( a S . E . Mons. Antonio T a n i , Arcivescovo d i U r b i n o ed a Mons. Ugo A i u t i , P a r r o c o dell a M e t r o p o l i t a n a , confermo l a m i a g r a t i t u d i n e p e r t u t t a l ' a s s i s t e n z a c h e m i dettero). M u r i f o r m i d a b i l i dello spessore d i più d ' u n m e t r o ed i n a l c u n i p u n t i r a d d o p p i a t i , vengono a l z a t i d a operai d i a s s o l u t a fiducia a protezione dei t r e depositi. L e par e t i d i questi m u r i vengono r i d i p i n t e e s i m u l a t e , i n modo che nessuno p o s s a m a i sospettare l a presenza, dietro d i loro, degli a m b i e n t i a d i b i t i a r i c o v e r o . N e l l o stesso tempo però, a mezzo d i s o t t i l i t u b a t u r e o p p o r t u n a m e n t e dis t r i b u i t e nelle p a r e t i , viene s t a b i l i t a u n a sufficiente aerazione dei l o c a l i , a t t a a p r e s e r v a r e d a i p e r i c o l i d e l l ' u m i d i tà le preziose opere. Questo provvedimento sarà così efficace, che tutto sarà p o i trovato i n perfette condizioni.

*

*

*

L u s i n g a t o d a l successo, torno n a t u r a l m e n t e a l l ' o p e r a cercando anzitutto d i convincere i l c a m i o n i s t a C e c c a r e l l i a d effettuare subito u n secondo viaggio. M a egli o r a n o n h a i l c a r b u r a n t e necessario, nè riesco d a parte m i a a trov a r n e . R i e s c o però, a l c u n i giorno dopo, a p o r m i i n com u n i c a z i o n e col prof. Guglielmo P a c c h i o n i , Soprintendente alle gallerie d i M i l a n o , e ne ricevo n e l l a seconda metà d i novembre u n a v i s i t a quanto m a i p r o p i z i a . Posso d i f a t t i i n f o r m a r l o d i tutto i l m i o operato che egli a p p r o v a i n condizionatamente e posso f o r m u l a r e c o n l u i u n p r o g r a m m a d i l a v o r o p e r l ' i m m e d i a t o avvenire. Che s i a necessario s m o n t a r e definitivamente i l ricovero d i C a r p e g n a e disperderne le opere, pare a d e n t r a m b i indispensabile. M a a l t r e t t a n t o certo è che, p e r i t r a -


28

PASQUALE ROTONDI

s p o r t i , n o n s i potrà f a r e a meno d ' u n q u a l c h e a l t r o b u o n espediente. I l prof. P a c c h i o n i m i a s s i c u r a t u t t a v i a che egli sarà ben presto d i r i t o r n o , fornito dei mezzi e dei p e r m e s s i n e c e s s a r i , dato che egli è più che deciso a trasfer i r e tutte le cose l o m b a r d e i n u n r i c o v e r o p a r t i c o l a r m e n t e idoneo a c a u s a della s u a v i c i n a n z a col confine svizzero. D a parte m i a potrò, a l l a s u a v e n u t a , profittare p e r r i m u o v e r e d a C a r p e g n a a l t r o m a t e r i a l e , trasferendolo i n luogo dove s i a possibile o c c u l t a r l o . P r e p a r o perciò a S a s s o c o r v a r o , n e l l a stessa r o c c a , u n b u o n nascondiglio, utilizzando anche q u i u n a c a m e r a i n t e r n a che può essere facilmente c h i u s a e s i m u l a t a . V i f o eseguire c o n t u t t a sollecitudine i l a v o r i m u r a r i n e c e s s a r i ( m u r i antischeggie ed a n t i c r o l l o ) , e c o m i n c i o c o l trasport a r v i intanto le cose d i maggior interesse t u t t o r a esistenti nel ricovero di Sassocorvaro. R i t o r n a quindi, a i p r i m i di dicembre, i l prof. P a c c h i o n i i n c o m p a g n i a del p r o f . G i o r gio N i c o d e m i direttore delle raccolte c o m u n a l i m i l a n e s i , ed essi, oltre a d avere a loro disposizione u n n u m e r o sufficiente d i a u t o c a r r i e d i autofurgoni f o r n i t i d a l C o m u n e d i M i l a n o , h a n n o a n c h e u n regolare l a s c i a p a s s a r e tedesco che consente loro d i p o r t a r v i a d a l r i c o v e r o d i C a r pegna tutte le cose l o m b a r d e . U n a v e r i f i c a effettuata aprendo a caso u n a delle casse, c o n f e r m a che l a conservazione delle opere d'arte è perfetta e che i n questo senso l'efficienza del r i c o v e r o n o n avrebbe potuto essere perciò maggiore. D a parte m i a , a l fine d i completare lo smontaggio del r i c o v e r o dì Carpegna, organizzo l'evacuazione d i tutte le cose n o n l o m b a r d e a n c o r a esistenti e m i affretto a t r a s f e r i r l e a S a s s o v o r v a r o e a d U r b i n o , dove provvedo a nasconderle n e i l o c a l i predisposti. Così p u r e rimangono nelle m i e m a n i , col pieno consenso del prof. P a c c h i o n i , i g r a n d i c a p o l a v o r i d e l l a G a l l e r i a d i B r e r a che io avevo già n a s c o s t i i n U r b i n o .


CAPOLAVORI

*

*

D'ARTE

29

*

A f a r e dunque, dopo queste u n esame dei r i s u l t a t i o t t e n ut i , tuto essere scontento. M a a l t r e v ano o r a addensando, f a c e n d o m i to c r i t i c a l a situazione.

operazioni d i t r a s p o r t o , n o n credo c h e a v r e i pop r e o c c u p a z ioni s i andaconsiderare ancora mol-

D i « l i n e a gotica », a d esempio, i n quei t e m p i n o n s i p a r l a v a a n c o r a . M a cosa facevano i tedeschi coi loro l a v o r i i n i z i a t i s u l C a r p e g n a e s u l l ' a l t o F o g l i a ? E quale s i c u r e z z a poteva d e r i v a r e a d U r b i n o d a l l a presenza del deposito d i m u n i z i o n i nascosto p r o p r i o nelle sue v i s c e r e ? S p e c i a l m e n t e questo secondo p e r i c o l o e r a tale, d a rend e r m i b e n poco t r a n q u i l l o . E c c o però, i m p r o v v i s a m e n t e , u n aiuto i n s p e r a t o giungere q u a l c h e giorno dopo d a R o m a . I l prof. E m i l i o L a v a g n i n o ed i l dott. Alberto N i c o l e t t i vengono, i l 19 dicembre, i n U r b i n o , p e r r i t i r a r e con n u m e r o s i a u t o c a r r i u n a p r i m a p a r t e delle cose r i c o v e r a t e nelle M a r c h e e per t r a s p o r t a r l e i n V a t i c a n o . U n Ufficiale tedesco segue i l t r a s p o r t o , m a a l solo scopo d i proteggerlo d u r a n t e i l percorso (4). L e c r e d e n z i a l i , d i c u i i l prof. L a v a g n i n o e i l dott N i coletti sono i n possesso, sono costituite d a d o c u m e n t i att i a d attestare l'opera così nobilmente s v olt a , p e r i l s a l vataggio del n o s t r o p a t r i m o n i o a r t i s t i c o , d a u n gruppo d i v a l o r o s i s s i m i f u n z i o n a r i d e l l a D i r e z i o n e Generale delle B e l l e A r t i , l a c u i i n i z i a t i v a ed i l c u i personale coraggio d o v r a n n o essere sempre a d d i t a t i a l l a r i c o n o s c e n z a d e l l a Nazione. P e r m e t t e t e m i a n z i . S i g n o r Presidente e S i g n o r i A c c a d e m i c i , che io V i proponga che detti f u n z i o n a r i , a

(4) I l d i a r i o tenuto d a Lavagnino durante i giorni da l u i dedicati a l l a organizzazione e a l compimento dei t r a s p o r t i delle opere d'arte i n V a t i c a n o è stato pubblicato n e l n. 2084 (Agosto 1974, pp. 509-547) della rivista «Nuova Antologia» c o l titolo Diario di un salvataggio artistico (prefazione d i B r u n o MolajoU).


30

P A S Q U A L E ROTONDI

segno d i tale riconoscenza, siano accolti i n seno a l n o s t r o Sodalizio. (Questa proposta viene accolta da unanimi vivissimi applausi). D a parte m i a , considero u n onore ed u n a f o r t u n a l ' a v e r dato t u t t a l a m i a collaborazione a quell'opera, cont r i b u e n d o a f a c i l i t a r e i n t a l modo, p e r quanto e r a i n m i a facoltà, u n compito così delicato e diffìcile. P a r t o n o i n questa occasione d a S a s s o c o r v a r o e d a U r b i n o ben centoventi casse, t r a le q u a l i figurano anche u n a p a r t e d i quelle con i c a p o l a v o r i d a m e c e l a t i n e l Palazzo ducale. L e opere c o m e l a « T e m p e s t a », che erano state d a m e separate d a i loro imballaggi o r i g i n a r i , vengono a d essi r e s t i t u i t e e partono anch'esse a l l a v o l t a d i R o m a . R i m a n e però i n U r b i n o i l « T e s o r o d i S . M a r c o » e, con esso, rimangono tutte le cose delle Chiese d i Ven e z i a ed a l c u n i c a p o l a v o r i d i M i l a n o , come lo « S p o s a l i zio d e l l a Vergine » di Raffaello e l a « P a l a d i S . B e r n a r dino » d i P i e r o d e l l a F r a n c e s c a . M a anche queste opere — i n s i e m e a d a l t r e d i V e n e z i a e delle M a r c h e r i c o v e r a t e a S a s s o c o r v a r o •— s a r a n n o i n o l t r a t e i n V a t i c a n o n e l successivo t r a s p o r t o che verrà effettuato, sempre a c u r a degli stessi f u n z i o n a r i , i l giorno 16 gennaio 1944 (5).

(5) T u t t i i capolavori t r a s p o r t a t i i n Vaticano v i restarono custoditi fino a l termine del conflitto, f a t t a eccezione di 46 opere d'arte che, subito dopo l a liberazione di R o m a , mentre U r b i n o e il! Montefeltro erano ancora i n stato d i guerra, furone esposte i n u n a grande m o s t r a a l l e s t i t a nelle sale di Palazzo Venezia d a l l a Divisione B e l l e A r t i e A r c h i v i del Governo M i l i t a r e Alleato. L e 46 opere sono eUencate e descritte n e l Catalogo della M o s t r a e t r a esse figura, a l n u m e r o 20, l a Tempesta d i Giorgione che restò ininterrottamente esposta nelle suddette sale f i n quando, termin a t a l a guerra, n o n f u r i p o r t a t a a Venezia. Sono perciò false tutle le notizie pubblicate s u questo grande capolavoro dal Nuovo Corriere precedentemente citato (cfr. nota 1 ) .


CAPOLAVORI *

*

D'ARTE

31

*

A seguito d i q u e s t ' u l t i m o t r a s p o r t o , a S a s s o c o r v a r o rimangono soltanto le cose d ' i m p o r t a n z a locale delle Marche, i n quello d i U r b i n o r i m a n g o n o le cose n o n p r i m a r i e della G a l l e r i a Nazionale, oltre alle porte i n t a r s i a t e del Palazzo ducale n o n t r a s p o r t a t e i n V a t i c a n o perchè p r i v e d i adeguati imballaggi. L a consistenza però dei due depositi dovrà presto a u m e n t a r e a c a u s a d i n u o v i a r r i v i dalle località d e l l a n o s t r a regione più esposte a i p e r i c o l i della guerra. S e t t a n t u n o casse contenenti m a t e r i a l e archeologico, bibliografico e p i t t o r i c o giungono a S a s s o c o r v a r o i l 10 m a r z o 1944, p r o v e n i e n t i d a i v a r i i s t i t u t i c u l t u r a l i d i Pesaro. Sono r a c c h i u s i i n quelle casse m a n o s c r i t t i , c o d i c i , i n c u n a b o l i e r a r e edizioni d e l l a B i b l i o t e c a O l i v e r i a n a : più d i t r e m i l a v o l u m i , t u t t i d i notevole i m p o r t a n z a . V'è racc h i u s a l a parte m i g l i o r e del Museo Archeologico pesarese, i v i compreso i l medagliere, e v i sono anche le p i t t u r e d ' i m p o r t a n z a locale d e l l a P i n a c o t e c a d i Pesaro. A l t r e t r e casse dì m a n o s c r i t t i , sempre p r o v e n i e n t i d a Pesaro, vengono successivamente t r a s p o r t a t i i n U r b i n o i n s i e m e a due cassette d i a n t i c h e monete. Così p u r e dall a stessa Pesaro provvedo a t r a s p o r t a r e n e i s o t t e r r a n e i del Palazzo ducale dì U r b i n o i l quattrocentesco « Coro ligneo » d e l l a C h i e s a dì S . Agostino, che l a S o p r i n t e n d e n z a a i M o n u m e n t i aveva nel frattempo fatto s m o n t a r e . A n c o r a i n U r b i n o è r i c o v e r a t a l a r a c c o l t a dì disegni d e l l a B i b l i o t e c a C o m u n a l e dì C a g l i e, dì lì a poco, scenderanno n e i s o t t e r r a n e i del Palazzo ducale anche i c e l e b r i i n t a r s i dello S t u d i o l o del D u c a F e d e r i c o , s m o n t a t i c o n difficile l a v o r o sotto l a direzione d e l l a S o p r i n t e n d e n z a a i Monumenti e mia. E s s e n d o i n t a n t o , c o n q u e s t i l a v o r i , g i u n t a l a fine d i maggio ed essendo o r m a i i n atto l a r i t i r a t a dell'esercito germanico dopo i l crollo del fronte dì C a s s i n o , nuove preoccupazioni sopraggiungono: d i concretare cioè u n a maggiore difesa dei m a t e r i a l i a r t i s t i c i c o n c e n t r a t i n e i due


32

PASQUALE ROTONDI

depositi, adottando le opportune cautele perchè le oper e ricoverate n o n abbiano a s u b i r e d a n n i o m e n o m a z i o n i . A n c o r a u n a v o l t a dunque s t a b i l i s c o d i procedere all'occ u l t a m e n t o d i t a l i opere, s f r u t t a n d o n e l l a r o c c a d i Sassocorvaro e nel Palazzo ducale d i U r b i n o quegli stessi a m b i e n t i che, p e r l a stessa ragione, avevo già usato p r i m a del t r a s p o r t o a R o m a . I n e s s i dunque dispongo d i raccogliere senza indugio le cose m i g l i o r i , m e n t r e tutto i l resto viene posto i n a l c u n e sale ed i v i c h i u s o con pod e r o s i m u r i d i protezione. N o n potendosi però prevedere p e r quanto tempo i l prezioso m a t e r i a l e sarebbe r i m a s t o sepolto, e necessario abbondare oltre m i s u r a nelle prec a u z i o n i contro i d a n n i dellumidità, e ciò specialmente i n U r b i n o , dove, essendo le opere p r i v e d'imballaggi, s i deve procedere a d o p p o r t u n i i s o l a m e n t i mediante c a r t o n i catramati. N è è i n u t i l e dire che questi l a v o r i devono essere comp i u t i c o n m o l t a cautela, f u r t i v a m e n t e , e con poco personale d i fiducia. B i s o g n a dare a t u t t i i costi l ' i m p r e s s i o n e c h e a d U r b i n o n o n s i a r i m a s t o più n u l l a , essendo s t a t a ogni cosa t r a s p o r t a t a a suo tempo i n V a t i c a n o , m e n t r e d ' a l t r a p a r t e per S a s s o c o r v a r o occorre d i r e che le poche cose r i m a s t e v i h a n n o u n a s c a r s a i m p o r t a n z a . L a g u e r r a s e m b r a d'altronde i r r o m p e r e c o n r i t m o così travolgente, d a f a r m i pensare che i tedeschi b e n poc a v o g l i a a v r a n n o d ' i n t e r e s s a r s i d i cose d'arte. M a ecco invece a d u n t r a t t o i r r i g i d i r s i , a s u d d e l l a n o s t r a p r o v i n c i a , l a r e s i s t e n z a g e r m a n i c a . L a situazione divenne a l l o r a insostenibile ed a S a s s o c o r v a r o v'è perfino l a m i n a c c i a d ' u t i l i z z a r e l a r o c c a come deposito d i m u n i z i o n i . R i c o r d o a n c o r a come m i f u difficile sventare l a m i n a c c i a e con quale a r r o g a n z a i n t i m i d a t o r i a f u i accolto dall'ufficiale presso i l quale m'ero recato p e r e v i t a r e i l grave provvedimento.... E c c o , d'altronde, a d i s t a n z a d i p o c h i g i o r n i , l'ordine d i sfollamento d i S a s s o c o r v a r o e d i n t o r n i . Poche ore d i t e m p o vengono l a s c i a t e a i c i v i l i p e r a l l o n t a n a r s i dalle l o r o case, m a i c u s t o d i , S i c h e l , B a r u c c h i e r i , R e n o n e T a -


CAPOLAVORI D'ARTE

33

m a n t i , seguendo l e m i e d i r e t t i v e , tergiversano a b i l m e n t e e rim a ng o no s u l posto. C e r c o a l l o r a , d a p a r t e m i a , d i legalizzare l a l o ro posizione, chiedendo a l c o m a n d o german i c o d i U r b i n o che essi siano f o r n i t i d i u n ' a u t o r i z z a z i o n e che e v i t i l o ro delle noie. I l c o m a n d a n t e m i chiede però, a t a l punto, se n o n v a l g a l a p e n a d i r i m u o v e r e d a Sassoc o r v a r o tutto i l m a t e r i a l e i v i esistente trasferendolo i n luogo s i c u r o . « A d esempio, i n U r b i n o ? » domando io. « S e i l m a t e r i a l e deve essere r i m o s s o , n o n è p e r port a r l o i n U r b i n o , m a a n o r d » m i r i s p o n d e l' int e rp re t e . D a p a r t e s u a i l c o m a n d a n t e c o n c l ud e i l colloquio r i c hie dendo mi u n a dettagliata relazione d a i n v i a r e p e r i p r o v v e d i m e n t i a l comando s u p e r i o r e germanico. ( M i guardo bene n a t u r a l m e n t e d a l p r e s e n t a r e tale re la z ione nè a l u i , nè a c o l u i che, q u a l c h e giorno dopo, gli succede i n Urbino). C o n t e m p o r a n e a m e n t e i l t e r r i t o r i o d i S a s s o c o r v a r o vien e posto sotto i l c o n t r o l l o d ' u n a l t r o comando germanico che prende d o m i c i h o a M a c e r a t a F e l t r i a ed è d a questo comando, più m a l l e a b i l e d i quello d i U r b i n o , che a i c u stodi viene o r a r i l a s c i a t o u n a specie d i consenso a r i m a n e r e i n servizio m a l g r a d o lo sfollamento. L ' a r r i v o degli A l l e a t i è d'altronde o r m a i p r o s s i m o . I l 28 agosto le p r i m e pattuglie inglesi sono i n U r b i n o e, q u a s i contemporaneamente, i tedeschi s i r i t i r a n o a n o r d del F o g l i a , facendo s a l t a r e t u t t i i p o n t i ed isolando completamente i l piccolo C o m u n e d i S a s s o c o r v a r o . L a l i n e a gotica cade subito dopo e c o m u n q u e i c o m b a t t i m e n t i s i s v i l u p p a n o c o n maggiore intensità a v a l l e più che a m o n t e d i essa: a l c u n e cannonate raggiungono t u t t a v i a l'abitato d i S a s s o c o r v a r o ed u n a d i esse cade a d d i r i t t u r a s u l l a r o c c a , m a senza r i u s c i r e n e p p u r e a d aprìre u n a b r e c c i a nelle sue f o r m i d a b i l i m u r a . I cu sto di, d a parte loro, con s p i r i t o dì d i s c i p l i n a degno d'essere segnalato, r i m a n g o n o t u t t i fedelmente a l lor o posto, c o s i come a l suo posto e r a r i m a s t o tutto i l personale d e l l a S o p r i n t e n d e n z a d i U r b i n o .


34

PASQUALE ROTONDI

Q u a l c h e mese più t a r d i , a l l o n t a n a t a s i o r m a i l a l i n e a d i battaglia, anche i m u r i d i protezione possono essere rimossi. I n U r b i n o le sale del Palazzo ducale, a P e s a r o , a F a j i o , a d A s c o l i , a F e r m o , a J e s i , a F a b r i a n o chiese e m u s e i v a n n o r i p o p o l a n d o s i d e i l o r o icapolavori, a d e s s i già d a me restituiti. A R o m a invece, g r a n d i m o s t r e vengono aperte, a P a lazzo V e n e z i a ed a l l a G a l l e r i a Borghese, nelle q u a l i figur a n o i g r a n d i tesori che nelle M a r c h e erano s t a t i , i n epoc a così b u r r a s c o s a , c u s t o d i t i . P r i m i t r a questi v i figurano, f i n d a l l a liberazione d e l l a Città E t e r n a , l a « T e m p e s t a » d i Giorgione e l o « S p o s a l i z i o d e l l a V e r g i n e » d i Raffaello, che t u t t o r a v i s i a m m i r a n o i n c o m p a r a b i l i gemme. N e l r i c o r d o del l o r o fulgore c i p a r e bello d i t e r m i n a r e o r a m a i i l racconto delle l o r o fortunose vicende. E ' soprattutto d a l l o r o fulgore che t r a e d i f a t t i l u c e e sereno conforto l ' i n t i m a soddisfazione d i c h i dette c o n s i n c e r o entusiasmo u n suo c o n t r i b u t o a l l a l o r o salvezza.


MARCO B A T T I S T E L L I

miniere di zolfo del santagatese


Sommario 1. 2. 3. 4.

Dalle origiìii alla fine del secolo X V I I I Dal Regno d'Italia alla Restaurazione La miniera Marazzana Alcune notizie sulle miniere minori

Abbreviazioni

usate:

A.S.RO. = Archivio di Stato, Roma A . S . P E . = Archivio di Stato, Pesaro A . S . M E . = Archivio storico metaurense A . S . R I , = Archivio storico. Rimini A . S . C E . = Archivio di Stato, Cesena A.S.SA. = Archivio storico, Sant'Agata Feltria A . C U . P E = Archivio Curia, Pennabilii R I V . S . M . = Rivista sul servizio minerario, in «Annali dì agricoltura» del Ministero dell'agricoltura, industria e commercio E S . A . A . P E . = Esercitazioni della accademia agraria di Pesaro.


1 — Dalle origini alla fine del secolo

XVIII

I l 19 febbraio 1563 Aurelio Fregoso, signore di Sant'Agata, invitava la Comunità agatese a fare tutto i l possibile per «rintracciare le miniere di solfare di Maiano», L a Comunità dette otto bolognini di salario giornaliero ad ogni operaio addetto al lavoro di ricerca e la miniera fu ritrovata, «ma alla Comunità non fu dato alcun prodotto, che si presero invece l i Marchesi» (1). A Maiano di Sant'Agata si era dunque estratto minerale solfureo ancor prima del 1563, verosimilmente da più di una cava (se è veritiero il plurale del primo transunto), ma nulla di più ci è dato di sapere in merito a questa attività, e non solo per gli anni precedenti i l ritrovamento della miniera, ma anche per quelli immediatamente seguenti, poiché, oltre a mancare, al punto attuale delle ricerche, una documentazione specifica su Maiano icui poter attingere, nessuno storico o cronista interessato alle vicende del Montefeltro ne fa cenno alcuno (2). Nel 1632 la miniera, da qualche tempo abbandonata, fu rimessa in attività da Orazio Fregoso (vicario e poi marchese di Sant'Agata dal 1596 al 1654) che fu sollecitato dal cardinale Antonio (nipote di Urbano V I I I ) a farne «una

(1) L . D O M I N I C I , Storia generale montefeltrana, voi. I , Lanciano, 1931, p. 23. (2) Non possiamo accettare la rivelazione del Dominici secondo cui nel Santagatese si i n c o m i n c i ò ad estrarre zolfo al tempo degli E s a r c h i di Ravenna p o i c h é non corredata dalla precisa citazione di alcun documento che ne testimoni la veridicità. Della presunta « Memoria » in sue mani — unica prova dellia sua asserzione non ne è rimasta traccia alcuna (cfr. L . D O M I N I C I , ibidem).


MARCO B A T T I S T E L L I

38

sorgente di guadagno per sé e per i poveri lavoratori del luogo e dei dintorni» (3). Che la miniera fosse sorgente di guadagno per i l signore di Sant'Agata è confermato dallo Olivieri quando ricorda, nelle sue Memorie (4), come nel 1632 «Innotuit interea fodina sulphuris in Marchionato S. Agathae unde non modice utilitatis proventus prò Domino ditionis extrabuntur». Siamo propensi invece a ritenere che, nonostante le paterne raccomandazioni del cardinale, la riattivazione della miniera non sollevò i poveri lavora-" tori del luogo e dei dintorni dalla atavica condizione dì miseria in cui essi versavano ed erano tenuti costantemente dal signore in carica, AI tempo di Orazio Fregoso la miniera fu visitata da un «romito franzese» che la stimò ricca di «tanta pietra da zolfo che, per quanta se ne cavasse (avrebbe durato) finché durerà i l mondo» (5). Che si trattasse della intuizione fortunata di un empirico o del parere di un bravo geologo sta di fatto che i l giacimento di zolfo cui attingevano quegli antichi coltivatori si rivelò negli anni avvenire talmente fertile da essere sfruttato su vasta scala, pressoché continuamente, fino ai giorni nostri, dapprima in territorio santagatese e successivamente in quello finitimo di Perticara (6). Abbiamo ancora notizia della miniera nel 1656 grazie ad un bando del marchese Aurelio Fregoso che commina-

(3) V . M . CiMARELLi, Istoria dello Stato d'Urbino, Brescia, 1642, p. 139 e P. FRANCIOSI, Vicende storiche d San Leo, Rep. di San Marino, 1928, p. 106. Quest'ultimo ritenne erroneamente che la miniera in questione si trovasse « in quel di Perticara ». (4) O . O L I V I E R I , Memorie del Montefeltro dal principio della religione cristiana fino all'anno 1644, trad. da G . G I N E P R I , Pennabilii, 1880, p. 289, (5)

L . DOMINICI,

ibidem.

(6) Cfr. M. B A T T I S T E L L I , La miniera di zolfo dì Perticara, «Notiziario 1975» del! Centro di mineralogia e paleontologia Riccione, pp.

10-12.

in di


L E M I N I E R E D I ZOLFO DEL

SANTAGATESE

va la pena pecuniaria di scudi dieci agli osti che andavano a comprare i l pane alla buga allo scopo di eludere il pagamento dei diritti spettanti agli appaltatori (7), Dello stesso anno è un altro bando del marchese Fregoso sulla proibizione di fabbricare «salnitri e polveri (e di) venderli fuori del suo Stato con i l pretesto che siano fatti dalli deputati, e che siano di buonissima qualità come sempre è stato» (8). Due sono dunque le date a cui poter fare preciso riferimento, i l 1632 e i l 1656; sembra comunque non troppo azzardato supporre, alla luce delle conoscenze su riferite, che entro questi limiti cronologici l'attività estrattiva e manifatturiera dello zolfo dovette essere esercitata nel Santagatese senza soluzione di continuità. Con l'incorporazione del Marchesato di Sant'Agata, col titolo di Vicariato, alla Legazione d'Urbino (1660) sembra scomparire l'industria delle polveri, infatti l'ultima volta che si sentirà parlare di esse (ma forse ci è sfuggita la documentazione che prova i l contrario) sarà a proposito di un appalto concesso dal 1660 al 1664 (9). Per ciò che concerne invece la miniera di Maiano non mancano testimonianze che ne denuncino la presenza nel Seicento anche sotto i l governo della Legazione. Fondamentale, perché diretta, è quella del Marsili (10) che la segnala attorno al 1675, ma da non trascurare è anche l'inciso del Dominici (11) che ne fa risalire una ennesima

(7) A.S.SA., Bandi e decreti, 34, voi. 1 (dal 1656 al 1660), p. 18. (8) A.S.SA. Bandi e decreti, cit., p. 28. (9) A.S.RO., Camerale 11, nn. 1 e 2, p. 336 (elenco degli anr tichi appalti camerali). (10) L . F . M A R S I L I , Storia naturale dei gessi e solfi delle miniere di Romagna, in «Scritti inediti di Luigi Ferdinando Marsili», a cura di T . L I P P A R I N I , Bologna, 1930, pp. 195-204. (11) L . D O M I N I C I , op. cit., p. 24. Nei tempi antichi era di ordinaria amministrazione che i lavori venissero sospesi per qualche tempo a causa di allagamenti, frane e altri inconvenienti di varia natura.


40

MARCO B A T T I S T E L L I

riattivazione al 1693. Non si può, infine, ignorare che dal 1671 al 1680 e dal 1689 al 1695 (nulla si sa del periodo intermedio) appaltatore delle miniere di zolfo della Legazione fu un santagatese (12). Circostanza questa che assume un preciso significato se si considera che nel Seicento quella di Maiano era l'unica miniera esistente nel Santagatese e che le date menzionate cadono proprio entro i due periodi di durata dell'appalto. Nel 1720 i lavori nella miniera di Maiano, di nuovo in istato di abbandono, furono intrapresi dalla famiglia Casotti, la quale però fu contrastata negli scavi da Tommaso Puppi, appaltatore delle miniere di zolfo della Legazione d'Urbino dal 1707 al 1725. L a lite che sorse tra le parti fu di tale portata da richiedere i l ricorso alla Sacra Rota per la sua composizione (13). Nulla sappiamo delle vicende che occorsero alla nostra miniera negli anni che seguirono i l 1720, a parte una notizia che ne testimonia l'esistenza nel 1739 (14). Siamo però a conoscenza che in quegli anni — precisamente dal 1725 al 1752 — la corrisposta pagata dagh appaltatori camerali degli zolfi d'Urbino fu notevolmente superiore a quella degli anni precedenti (15), verosimilmente proprio a causa della messa in attività di questa miniera e del notevole aumento di produzione che ne dovette perciò derivare. Non ignoriamo che proprio negli anni in cui la miniera dì Maiano rientrò in attività i l prezzo dello zolfo a-

(12) M. B A T T I S T E L L I , Vappalto degli zolfi di Urbino nei secoli X V I I e X V I I I , in «Quaderni storici delle Marche», n. 2, Ancona, 1966, p. 267. (13)

M. B A T T I S T E L L I , Appalto,

cit., p. 268 e A. M. ZuccHi TRAVA-

G L I , Annali della provincia del Montefeltro, Pennabilii, t. V I I , n. X X I , f. 282-a, p. 492. L'opera, manoscritta, è conservata nell'Archivio comunale di Pennabilii. (14) A.S.SA., Maiano, Consigli, 278, 1 (dal 1732 a l 1807), p. 29. (15)

M. BATTISTELLI,

Appalto,

cit., p. 268.


L E M I N I E R E D I ZOLFO DEL SANTAGATESE

41

veva segnato un sensibile rialzo (16), e siamo convinti che l'aumento della corrisposta risentì di questa favorevole congiuntura. Riteniamo tuttavia che la variazione nel prezzo del metalloide contribuì soltanto in minima parte a determinare i l forte aumento del corrispettivo dell'appalto, che quasi triplicò. E ' anche facile intuire come i l lavoro d'estrazione dovette sicuramente procedere con molta alacrità se nel 1752, a poco più di trent'anni dalla sua riattivazione, e nonostante la rudimentalità dei mezzi di scavo e di estrazione, la «ricca e doviziosa miniera di Maiano (era già) ridotta per l i continui cavi quasi esausta» (17). Dal 1752 al 1771 quella di Maiano fu la sola miniera di zolfo della Legazione d'Urbino che gli appaltatori (santagatesi dal 1743) poterono sfruttare. A quell'epoca infatti tutte le altre miniere dello Stato erano in completo abbandono all'infuori di quella di San Lorenzo in Zolfinelli (presso Urbino), che però non era più soggetta a libero appalto dal 1743, da quando cioè Benedetto X I V l'aveva concessa in perpetuo allodio alla famiglia Albani. A partire dal 1771 gli zolfi d'Urbino non poterono più essere appaltati poiché «non fù trovato alcun oblatore che volesse offrire per i l suddetto appalto». Così, per consentire lo sfruttamento delle miniere (in realtà si trattava ancora della sola Maiano), si ricorse alla concessione di licenze o permessi «di poter cavare la pietra sulfurea con l'obbligo di contribuire (alla Camera Apostolica) la decima di tutto i l solfo». I l provento camerale relativo a tale industria fu però assai modesto; si calcola infatti che furono ricavati dalla decima degli zolfi scudi 43: 88 nel 1771, nulla nel 1772, scudi 61:41:1 nel 1773, scudi 99:64:1 nel 1774, scudi 34:85 nel 1775, scudi 16:53:3 nel 1776, nulla dal 1777 al 1780, scudi 5:48:2 nel 1781, nulla

(16) A.S.RO., Camerale (17) A.S.RO., ibidem.

I I I , b. 2437 (appalto degli

zolfi),


MARCO B A T T I S T E L L I

42

dal 1782 al 1784 (18). La crisi economica che in quegli anni attanagliava tutto lo Stato pontificio aveva provocato una lenta, ma inesorabile regressione dell'industria estrattiva, determinando fra l'altro la sospensione dei lavori in molte miniere di zolfo. Ad onta di ciò, e a conferma della sorprendente vitalità delle miniere del Montefeltro, due cave erano ancora aperte in territorio santagatese nel 1788, mentre addirittura sei se ne potevano contare in quello di Perticara (19). Alcuni anni più tardi la crisi in atto nel settore dello zolfo segnò una battuta d'arresto. Grazie all'aumentata domanda estera del metalloide per le necessità della guerra si verificò infatti un notevole rialzo del suo prezzo di vendita, che invogliò molti imprenditori ad intensificare la produzione (20). Ben presto però «la guerra crudelissima, e quasi generale, la rovina delle raffinerie, e le fabbriche di acido vìtrìoHco di Rotterdam, e Olanda (tutta), i l fallimento e la fuga dei proprietari di tali fabbriche, incagliarono la vendita del zolfo grezzo», senza che per i l momento (1795) apparisse i l modo di spacciarlo (21). L'inevitabile conseguenza di tale stato di cose fu Taccumulo di riserve invendute nei magazzini dei principali

(18)

M. B A T T I S T E L L I ,

Appalto,

cit., p. 269.

(19) M . F A N T U Z Z I , Informazione sopra le zolfare di Romagna, in «Memorie di vario argomento», Venezia, 1804, p.CCX. Perticara faceva allora parte della Contea di Sarsina, feudo del principe Paolo Borghese Aldobrandini (A.S.RO., Camerale I I I , b. 1620). (20) A . S . C E . , Tit. X V I I I , Miniere rubr. 5, 1818. (21) M. F A N T U Z Z I , op. cit., p. C C V I I I . Nella seconda m e t à del secolo X V I I I l'Olanda assorbiva p r e s s o c h é tutta la produzione di zolfo grezzo romagnolo e marchigiano destinato all'esportazione. L a rimanente parte era destinata principalmente agli arsenali imperiali della Lombardia e di Trieste. «Dicesi che 5 0 anni addietro si mandava zolfo raffinato in Levante ed in altri luoghi dove ora lo mandano gli olandesi» {ivi, p. C X C I I I ) .


L E M I N I E R E D I ZOLFO D E L SANTAGATESE

43

scali marittimi dell'Adriatico pontificio, cui seguì in breve volger di tempo la chiusura della quasi totalità delle miniere dell'entroterra romagnolo e del Montefeltro (22). I n questo contesto, anche se non si hanno testimonianze sulle vicende che interessarono la nostra miniera negli ultimi anni del secolo X V I I I , siamo convinti che essa non potè sottrarsi al destino comune e dovette necessariamente chiudere i battenti.

2 — Dal Regno d'Italia alla Restaurazione, Nella Romagna e nelle Marche del Regno d'Italia tutte le attività minerarie furono regolate dal decreto napoleonico sulle miniere del 9 agosto 1808 e, successivamente, dalla legge mineraria francese del 21 aprile 1810. In base alla nuova legislazione chi intendeva effettuare delle ricerche doveva chiederne i l permesso al prefetto del dipartimento e presentare, allegata alla domanda, una relazione nella quale era tenuto a provare l'esistenza del minerale, la propria capacità e i l possesso dei mezzi per intraprendere le lavorazioni. La licenza per effettuare le ricerche durava sei mesi; entro questo termine i l ricercatore poteva chiedere al prefetto l'investitura della miniera. Quest'ultima aveva di norma la durata di cinquanta anni (23). Nel comune di Sant'Agata furono richieste, e poi concesse, dal 1810 al 1812 investiture per la coltivazione di sei miniere di zolfo, di cui quattro, cioè: Cà del Buono (ora Casalbono), Solfatara, Marazzana ed una di cui non

(22) Qui, nota 20. (23) F . SQUARZINA, La legislazione mineraria nei vari Stati italiani, in «L'industria mineraria», febbraio 1958, p. 95; G . B R U Z Z O , Legislazione e industria mineraria, in «Rivista di agricoltura, industria e c o m m e r c i o » , dicembre 1 8 7 1 , 3 ° dispensa, p. 102 e A . S . P E . , Regno d'Italia, Vice prefettura di Pesaro, Commercio, 1810.


44

MARCO B A T T I S T E L L I

conosciamo i l nome, nella parrocchia di Maiano (24). Si trattava in effetti, almeno per le prime tre, ancora della antica miniera di Maiano che, spezzettata fra diversi concessionari, aveva perso la sua primitiva individualità e veniva ora ribattezzata con i nomi dei fondi agrari su cui si aprivano i suoi pozzi. Per i coltivatori di miniere di zolfo della Romagna e del Montefeltro l'annessione al Regno d'Italia, e la conseguente riapertura dei mercati internazionali, segnò l'inizio di una congiuntura davvero favorevole. Per di più il continuo e sempre crescente fabbisogno del metalloide per usi bellici e l'assenza dal mercato della Sicilia, isolata dal hocco continentale, aveva portato i l suo prezzo a livelli elevatissimi e largamente remunerativi (25). I l momento era dunque propizio per una mobilitazione generale delle miniere, e cosi fu in realtà: nel 1812 le miniere in attività furono infatti, fra Romagna e Montefeltro, ben 135 (26)! E ' facile intuire che con una domanda così sostenuta

(24) E . ROBETTI, La Romagna, geografia e storia, Milano, 1894, p. 386; A.S.PE., ibidem; A.S.PE., Regno d'Italia, cit., 1811, Sez. I I ; A . S . C E . , Tit. V I I , Commercio, 1 8 1 2 e A . S . C E . , Tit. X V I I I , rubr. 18.1.15, 1811. Dalle stesse fonti archivistiche apprendiamo che la miniera Ca' del Buono fu data in investitura a F , Bertani di Longiano (Porli) e B . Prosperi di Sant'Agata, la Solfatara a G. Fabbri di Ravenna, la Marazzana a G. Fabbri di Ravenna e D. Manzoni di Forlì e l a quarta miniera ad A. Baldassarri di Tomba (?). L e località di residenza dei beneficiari delle concessioni rivelano che l'interesse per questa attività non si esauriva nello stretto ambito dei paesi della zona mineraria del Montefeltro, m a si estendeva anche a imprenditori o capitalisti di alJtre regioni. (25) L . D A L PANE, Aspetti della vita economica in Romagna secondo un manoscritto del 1284, Faenza, 1935, p. 15. (26) E . ROBETTI, op. cit., p. 386. L a cifra assume appieno i l suo significato se confrontata con le 3 1 miniere attive del 1788 e le 50 (circa) dei primi anni dell'Ottocento (cfr. F . B O N E L L I , / / commercio estero dello Stato Pontificio nel secolo X I X , in «Archivio economico dell'unificazione i t a l i a n a » , s. I , v. X I , fase, 2 , p. 9 1 ) .


L E M I N I E R E D I ZOLFO DEL SANTAGATESE

45

il lavoro di estrazione dovette esclusivamente essere improntato a realizzare in tempi brevi i l massimo sfruttamento possibile. E di ciò abbiamo trovato conferma in una lettera del podestà dì Sant'Agata al vice prefetto di Cesena (27) dalla quale apprendiamo che «poco prima della mezzanotte (del 23 marzo 1812) scoppiò (in un pozzo della Marazzana) la mina fatta dagli operai onde provvedere i l minerale con più speditezza e quantità giacché (essi) vengono pagati un tanto per secchio». Non possediamo dati statistici, né valori isolati, della produzione di zolfo di quegli anni, ma non c'è dubbio che i l suo incremento dovette essere notevole. E ' significativo, a tal proposito, ricordare come i fabbricanti iocali di crogiuoli d'argilla per la depurazione dello zolfo non fossero in grado di soddisfare la domanda, circostanza che costrinse gl'imprenditori ad importare pentole di ghisa dal Bresciano, benché queste fossero assai più costose (28). Lo stato di prosperità però non durò a lungo. Tornata infatti la pace e ristabilitasi la libertà di navigazione (1814), lo zolfo di Sicilia rientrò in circolazione e inondò le piazze di smercio provocando una forte diminuzione dei prezzi (29). Gli imprenditori romagnoli e marchigiani non furono in grado dì competere con la concorrenza dipendendo i loro alti costi di produzione da fattori di natura assai rigida, quali la notevole profondità delle lavorazioni e — retaggio della passata prosperità — l'alto prezzo della legna da ardere. Così essi furono costretti ad abbandonare la quasi totalità delle miniere, limitando l'at-

(27) A . S . C E . , Tit. V I I , Commercio, 27 aprile 1812.

1811 e 1812. L a lettera è

datata

(28)

L . D A L PANE, op.

cit.,

p.

16.

(29) «In Sicilia Ila produzione dello zolfo, che era stata stazionaria per secoli, c o m i n c i ò a svilupparsi verso il 1800 e p i ù rapidamente dopo la fine delle guerre napoleoniche» (C. RODANO', in « E n c i c l o p e d i a T r e c c a n i » , ediz. 1949, voce Zolfo, p. 976).


46

MARCO B A T T I S T E L L I

tività estrattiva a solo alcune delle più produttive (30). Nel 1819 la miniera Marazzana, che dal 1814 era in i stato di completo abbandono, fu acquistata dal conte Giovanni Cisterni di Ancona, concessionario dal 1816 di una miniera di zolfo, aperta in territorio perticarese, denominata Cà de' Masi, antica pertinenza della famiglia Masi di Perticara (31). 3 — La miniera Marazzana Da una statistica industriale e manifatturiera del 1824 (32) apprendiamo che a Sant'Agata vi fu in quell'anno una produzione di zolfo fuso di libbre 656.640 (pari a tonn. 222,6, equivalendo una libbra a g. 339), per un valore di scudi 4.596:48. Riteniamo trattarsi, anche se non espressamente menzionato, della produzione della Marazzana. Non risulta infatti che nello stesso periodo esistessero altre miniere attive nel comune di Sant'Agata, I l 1824 segnò anche la fine di un breve periodo di prosperità, I prezzi dello zolfo, infatti, che a partire dal 1821 erano andati progressivamente aumentando, fino a

(30) L . D A L

PANE, op. cit., p. 16; A. G A L L I ,

Cenni

economico-stor

fistici sullo Stato pontifìcio, Roma, 1840, p. 140 e F . B O N E L L I , op. cit., p. 131. (31) A.CU.PE., Tit. X I I I . Vescovi e regolari, n. 194 (lettera del cardinale OrioM a Pio I X , Roma, 15 maggio 1847); A . S . C E . , Tit, X V I I I , rubr. 3, 1817 e A . S . R I . , Comune di Rimini, Memoria relativa alla statistica industriale e manifatturiera richiesta dal Governo, 1824, p. 66. Giovanni Cisterni si era interessato a questa attività fin dal 1810, quando aveva chiesto, e ottenuto, i l permesso di intraprendere gli scavi in una miniera di zolfo nel comune di Serrungarina in un fondo denominato L a Tombolina (A.S.PE., Regno d'Italia, cit., 1810, lettera del prefetto di Ancona al vice prefetto di Pesaro). Cfr. anche A . S . C E . , Tit. V I I , Commercio, 1811 e A. BARTOLINI, Perticara nel Montefeltro, Rimini, 1974, p. 66. (32) A.S.ME., Tit. I V , Arti, professioni e commerci, b, 14, 182425.


L E M I N I E R E D I ZOLFO DEL

SANTAGATESE

47

raggiungere i l massimo di scudi 7 i l migliaro di libbre nel 1824, precipitarono improvvisamente nel 1825 e si mantennero a livelli bassissimi fino al 1830 (33), con Fimmancabile conseguenza della chiusura delle miniere meno produttive. Con ogni probabilità però, se abbiamo ben interpretato una vaga informazione del Calindri (34), la Marazzana non segui la sorte di queste ultime, verosimilmente perché i l Cisterni adottò nelle sue minière «me^ todi atti a portare la mano d'opera alla minima possibile spesa, e i l lavoro a una tale perfezione da stare in concorrenza coi solfi esteri (massime siciliani) sia nella qualità sia nel costo» (35). Nel 1831 la forte domanda di zolfo da parte dei produttori inglesi di acido solforico determinò un nuovo rialzo del prezzo, a cui fece seguito Timmediata riattivazione di molte miniere fuori esercìzio e l'intensificazione dei lavori in quelle attive (36). La produzione di Marazzana fu nell'anno di circa 800.000 libbre di zolfo fuso (37) . Fino al 1834 la domanda estera del raffinato di Romagna — anche lo zolfo proveniente dalle miniere del Montefeltro diventava romagnolo in quanto la sua raffinazione veniva effettuata nello stabilimento di Rimìni — (38) fu in continuo aumento e a stento la produzione riuscì a soddisfarla (39).

(33) ES.A.A.PE., a. I , sem. I , Pesaro, 1829, appendice (il compilatore delle statistiche è ignoto); qui, note 28 e 36. (34) G . CALINDRI, Saggio Perugia, 1829, p. 456. (35)

A. G A L L I ,

statistico-stotico

del pontificio

Stato,

ibidem.

(36) F . SQUARZINA, Produzione e commercio dello zolfo in Sicilia, 1963, p. 22. (37) V . PROCACCINI R I C C I , Su la- miniera di zolfo della eccellentissima casa Albani nelle vicinanze di Urbino, in «ES.A.A.PE.», a. V , sem. I , 1835, p. 103. (38) A . S . R I . , Memoria, (39)

F . BONELLI,

op.

cit.,

cit., p. 19. p.

185.


48

MARCO B A T T I S T E L L I

L'alacrità delle lavorazioni nelle miniere dì Perticara e Marazzana in tale periodo è testimoniata dalla relazione di un socio dell'Accademia Agraria di Pesaro di ritorno da una visita alla zona mineraria del Montefeltro (40), di cui ricordiamo qui uno dei brani più significativi: «La minerà solfurea è sempre nascosta e profonda; né mai è accaduto di vederne un indizio a fior di terra. Si additano pur anco delle situazioni dove i l terreno ha franato, non potendo più sostenersi per gli scavi troppo spessi e profondi e ripetuti all'intorno per estrarre con soverchia avidità la sostanza infiammabile. L'avvallamento è distinguibile anche oggi alla superficie esterna, benché dopo qualche secolo dal funesto successo alle cave della Marazzana. Risalendo dalle sponde del Panante, punto più inferiore a quelle adiacenze, se ci rivolgiamo al Nord per progredire all'insù s'incontrano (in territorio perticarese) parecchi pozzi dai quali si estrae senza interruzione (il minerale) da esporsi alle fornaci per formare i pani di zolfo adatti all'uso del commercio. Intesi asserirsi con sicurezza che se ne cavano (da Perticara e Marazzana) oltre quattro milioni di libbre romane in ciascun anno. Da ciò si comprende abbastanza quanti abbiano ad essere gli operai colà, e con quanta sollecita premura — invogliati dal lavoro a cottimo — si affatichino in quei penosi lavori». , Nel settembre del 1838 Giovanni Cisterni vendette i suoi diritti sulle miniere Perticara e Marazzana, inattive da circa un anno e mezzo, alla Società francese Picard e C. per un milione di franchi (200.000 scudi) (41). Si conservano da allora alcune topografie e sciografie delle per-

(40) V . PROCACCINI R I C C I , Osservazioni geognostiche da Monteturo nel pesarese a Perticaja, in « E S . A . A . P E . » , a. I V , sem. I I , Pesaro, 1834, p. 87. (41) A . C U . P E . , ibidem tanti prodotti dello Stato

e G . N I G R I S O L I , Rivista dei più. imporpontificio, Ferrara, 1857, p. 230, nota 1.


L E M I N I E R E D I ZOLFO D E L SANTAGATESE

49

tinenze della Casa Cisterni (42) che mostrano, fra Taltro, l'estensione superficiale della concessione di Marazzana (comprendente ormai tutta la zona mineraria della vecchia Maiano), l'ubicazione dei pozzi d'estrazione e l'ampiezza dei lavori sotterranei. I pozzi erano nove, tutti ubicati lungo una strada, detta «della Marazzana», -che da Casalbono (43) (un nucleo di poche case a non più di 1 Km. dal paese di Maiano) scendeva, e scende tuttora, anche se mal ridotta, rìpida e tortuosa fino al torrente Panante; un ponte (ricostruito agli inìzi del nostro secolo) la collegava ad un'altra strada (ancora rotabile), detta «della Perticara», lungo la quale erano disseminati i pozzi della omonima miniera. Dei nove pozzi della Marazzana i l più antico, l'Alessandro (da non confondersi con l'omonimo perticarese), si trovava a Casalbono ed era affiancato da una rampa di scale, scavata nella roccia, che consentiva ai minatori di accedere ai sotterranei della miniera. Più a valle, ma vicinissimi ad esso, si aprivano i pozzi denominati Lungo, dei Nottoli, della Grotta e del Gesso. Un po' più distanziato dagli altri, a mezza costa, c'era i l pozzo Vacca. Gli ultimi tre, infine, erano denominati pozzo del Marmo, Nuovo e Puppi; vicino a quest'ultimo c'era un'altra rampa di scale che conduceva ai sotterranei della miniera. A proposito del pozzo Puppi ci sembra fuor di dubbio che la sua denominazione gli derivasse da quei Puppi che dal 1695 al 1725 furono appaltatori delle miniere dì zolfo dello Stato d'Urbino (44), ed è anche assai probabile che esso sia stato aperto proprio da detti coltivatori. La sicura longevità degli scavi in questa parte della miniera trova del resto conferma nell'ultimo capoverso

(42) A.S.RO., Collezione delle mappe, voi. 116. (43) Ancor oggi è possibile vedere la copertura del pozzo in questione nei pressi di una vecchia casa colonica abbandonata. (44)

M. BATTISTELLI,

Appalto,

cit.,

p.

268.


50

MARCO BATTISTELLI

della citata lettera del podestà di Sant'Agata al vice prefetto di Cesena (45): «Si crede attribuibile l'avvenimento — forse un franamento dovuto allo scoppio della mina — allo sconsigliato atterramento delle colonne che da moltissimi anni reggevano la detta cava». La Società Picard gestì le miniere dal settembre 1838 all'agosto 1841. Durante questo periodo fu aperto alla Marazzana i l pozzo Paolo e restaurato i l pozzo Puppi; molte gallerie, da tempo abbandonate, furono ripristinate (massime alla Perticara), fra le quali una, lunga circa mezzo miglio, che collegava le due miniere, I lavori alla Marazzana furono comunque soltanto di preparazione e di riammodernamento (46). Dallo statuto siglato alla sua costituzione apprendiamo che la Società francese avrebbe dovuto durare 50 anni, ma la poco oculata gestione, ed ancor più la insostenibile concorrenza siciliana l'avevano condotta al fallimento in breve volger di tempo (47), La sospensione dei lavori a seguito del fallimento durò all'incirca un anno e mezzo, dopo di che questi furono riattivati per conto dei creditori insoddisfatti, ma riguardarono unicamente la miniera di Perticara (48). L'utilizzazione dello zolfo nella lotta contro l'oidio (1848), i l terribile parassita che stava distruggendo ì vigneti europei, fece aumentare notevolmente la domanda di zolfo romagnolo e marchigiano, ponendo fine a quella

(45) Qui, nota 27. (46) M . MiCARD, Risposta al libello del sig. P. F. Guébhard, R i mini, 1842, pp. 27, 32, 34 e 35. (47) A . S . C E . , Tit. X V I I I , rubr. 3, 1842 e A.CU.PE., cit., n. 929, lettera dell'agente subentrato nella conduzione delle miniere, indirizzata al vescovo del Montefeltro, del 22 gennaio 1843. Dalla stessa apprendiamo che anche i l Cisterni era coinvolto nel fallimento. Come ci entrasse p e r ò non abbiamo potuto chiarirlo. (48) A.CU.PE., cit., n. 929, lettera del consiglio di amministrazione della S o c i e t à delle Miniere Solfuree di Perticara a Pio IX, 7 luglio 1847.


L E M I N I E R E D I ZOLFO DEL SANTAGATESE

51

crisi che ormai rischiava di compromettere irrimediabilmente l'avvenire dell'intero settore (49). A questa nuova favorevole congiuntura gl'imprenditori risposero con la solita tempestività e la produzione segnò una progressiva e netta ripresa (50). Anche se non confortati da alcuna testimonianza siamo propensi a ritenere che con le migliorate condizioni del mercato la nostra miniera potè riaprire i battenti, così come avvenne sicuramente per altre miniere della vicina Romagna. Dal 1855 al 1896 le miniere Perticara, Marazzana ed altre del Cesenate furono coltivate dalla Società delle Miniere Solfuree di Romagna (51). I n questo lungo periodo crisi più o meno gravi si alternarono a periodi di prosperità. I l primo periodo critico si verificò negli anni 1866-67 a causa della contrazione della domanda estera di zolfo per la preparazione di acido solforico. I n Francia e in Inghilterra infatti lo si era cominciato a fabbricare sostituendo la tradizionale materia prima con la pirite. Nel 1868 una nuova apparizione della malattia della vite (forse dovuta questa volta al diffondersi della peronospora) determinò un forte aumento della domanda dei pregiatissimi zolfi di Romagna e la crisi fu superata (52). Una lunga depressione interessò poi i l settore dello zolfo a partire dal 1879 a causa del continuo ribasso dei prezzi del prodotto finito e della impossibilità di adeguare i costi di produzione alle nuove esigenze del mercato, stante la grande profondità dei giacimenti (massime nel Montefeltro) e la particolare giacitura del minerale (53). La

(49)

C . RODANO', cit.,

(50)

F . B O N E L L I , op.

(51)

A . B A R T O L I N I , op.

(52) Statistica 1868, p, 2 4 8 . (53) Relazione

p.

p.

cit.,

del Regno del

977.

cit,

185. pp.

73 e 9 2 e

RIV.S.M.,

d'Italia, Industria

curatore

del

fallimento

1896 p.

mineraria,

36.

Firenze,

della Cesana

Sul-


52

MARCO B A T T I S T E L L I

crisi fu superata soltanto nel secondo semestre del 1889 grazie alla vertiginosa impennata che si ebbe nella domanda di zolfo per combattere le peronospora della vite, che nei mesi di giugno e luglio aveva fattO' la sua ricomparsa nei vigneti italiani (54). Ben presto però un'altra crisi, ancor più grave, sarebbe sopravvenuta ed avrebbe costretto l'ormai esausta Società delle Miniere Solfuree di Romagna ad entrare in liquidazione (55). Le statistiche di cui disponiamo (56) testimoniano che la Marazzana fu in attività dal 1855 al 1868, con una produzione media annua di zolfo fuso di tonn. 1400 dal 1855 al 1861 e di tonn, 800, circa, dal 1862 al 1868. Per gli anni succesivi non si hanno più dati sulla sua produzione, ma soltanto, ed in maniera sporadica, la produzione complessiva delle due miniere del Moffitefeltro (57). Accenni alla nostra miniera comunque non mancano (58), ed anche

phur Company Limited, Cesena, 1889, p. 8 e appendice A. Per p i ù dettagliate notizie vedi la R I V . S . M . , decennio 1879-88. (54) R I V . S . M . , 1889, p. 35. (55) Cfr. la R I V . S . M . , quinquennio 1892-96. (56') Monografia statistico-economica della provincia di Forlì, Forlì, 1866, p. 78 e Statistica del Regno d'Italia, cit., p. 233. (57) Vedi A. S C I G L I , L'attività estrattiva e le risorse minerarie della regione Emilia-Romagna, Modena, 1972, pp. 152-154 (tabella della produzione di zolfo grezzo della miniera di Perticara dal 1860 a l 1964). (58) Vedi in proposito: A. BARTOLINI, op. cit., p. 123, quando racconta le imprese brigantesche di Martino Manzi, che fu operaio sorvegliante alla miniera Marazzana negli anni Settanta del secolo scorso; G . J E R V I S , / tesori sotterranei dell'Italia, parte I I , Torino, 1874, p. 188, che la ricorda fra le miniere attive del circondario di Urbino nei 1874; R I V . S . M . , 1879, p. 104, dove la Marazzana è annoverata fra le miniere in cui avvennero nell'anno incidenti mortah e R I V . S . M . , 1888, p. V i l i , (elenco dellfe miniere di zolfo in attività nel Distretto minerario di Bologna al 31.12.1888). L e statistiche degli infortuni sul lavoro verificatisi nel decennio 1879-88 nelle miniere di zolfo del Distretto minerario di Bologna sono una cruda testimonianza della grave insufficienza delle condizioni di sicurezza in cui i minatori erano costretti a lavorare.


L E M I N I E R E D I ZOLFO D E L SANTAGATESE

53

se non testimoniano che in essa si lavorò con continuità; ci consentono tuttavia di affermare che le interruzioni dei lavori dovettero certamente essere di breve durata. Nel 1892 alla Marazzana venne sospesa ogni attività estrattiva a causa della eccessiva onerosità dei trasporti e degli altri servizi interni derivante dalla lontananza degli scavi dal pozzo d'estrazione. Ciò nonostante i suoi impianti esterni non furono abbandonati, ma si sostennero giovandosi del minerale proveniente dalla miniera di Perticara, che poteva essere ritirato attraverso i l piano inclinato di un pozzo aperto nella sponda perticarese del Panante a non più di 200 metri a valle del paese di Marazzana (59). Negli anni 1893-94 la miniera continuò ad alimentarsi col minerale proveniente da Perticara. Nel 1895, invece, essa fu completamente inattiva (60). Nel settembre 1896 la gestione delle miniere del Montefeltro fu affidata ad una Cooperativa di Consumo e di Lavoro costituitasi fra gli operai per scongiurare l'ormai inevitabile chiusura delle miniere. L a commissione liquidatrice della fallita Società delle Miniere Solfuree di Romagna aveva infatti già da due mesi deliberato la cessazione dei lavori ed i l licenziamento di tutti gli operai, deliberazione che avrebbe dovuto diventare operante i l 1° ottobre dello stesso anno (61). Malgrado la difficile congiuntura la Cooperativa continuò lo sfruttamento del giacimento di Perticara ed effettuò vaste esplorazioni alla ricerca di «qualche esteso ammasso mineralizzato (che potesse) assicurare nuova vita alla miniera» (62). Dal resoconto d'esercizio del 1898 (63) apprendiamo che nell'anno «si avviò un pozzo di ri-

(59) R I V . S . M . , 1892, pp. 11 e 32. (60) RIV.S.M.., 1893, p. 26; 1894, p. 30 e 1893, p. 36. (61)

A.

BARTOLINI,

op.

cit.,

p.

92.

(62) R I V . S . M . , 1896, p. 27 e A. BARTOLINI, op. cit., pp. 92-100. L a citazione è tratta dal resoconto d'esercizio del'anno 1897. (63)

R I V . S . M . , 1899,

p. 27 e A. BARTOLINI, op.

cit.,

p.

101.


MARCO B A T T I S T E L L I

54

cerca nei pressi di Maiano ove per antica tradizione si suppone(va) esservi i l minerale, e se ne escavarono 40 metri sempre nella serie dei gessi». I lavori non dettero però esito positivo e furono di lì a poco abbandonati. Gli unici lavori produttivi che si fecero alla Marazzana durante la gestione della Cooperativa degli operai furono intrapresi negli ultimi mesi del 1898, ma esaurirono in breve volger di tempo. Essi non furono comunque lavori di rilievo, ma riguardarono esclusivamente l'abbattimento dei pilastri lasciati nelle vecchie escavazioni «che potevansi senza grave pericolo recuperare» (64). I l 1° settembre 1899 le miniere del Montefeltro furono acquistate dalla ditta Trezza (Società Trezza-Albani-Romagna dal 1904) che, nel 1902, riattivò i lavori sotterranei nella nostra miniera. Non si trattò comunque di un completo ritorno a nuova vita poiché i l servizio di estrazione del minerale ed i l transito degli operai venivano effettuati, rispettivamente, attraverso i l piano inclinato e la discenderia del Panante, che facevano parte della concessione di Perticara (65). Per di più anche la fusione del minerale era ormai effettuata nel cantiere Panante che, pur essendo impiantato sul terreno della concessione di Marazzana, era di fatto pertinente alla miniera di Perticara in quanto già da alcuni anni veniva fuso in esso i l minerale proveniente dai sotterranei di questa miniera (66) e, forse, era sorto proprio in funzione di essa. La miniera fu attiva fino al 1911, ma le prime avvisaglie del suo decadimento si erano avute due anni prima quando la produzione era diventata discontinua ed i lavori di ricerca avevano cominciato a non dare più esito positivo (67).

(64)

A. BARTOLINI,

ibidem,

(65) R I V . S . M . , 1902, p, 2 7 .

(66) Qui, nota 59. (67) R I V . S . M . , 1909, p. 1 4 e R I V . S . M . , 1910, p. 7. Vedi le

sta-


L E M I N I E R E D I ZOLFO D E L SANTAGATESE

55

Alla luce di questi antefatti siamo convinti che la causa prima della cessazione dei lavori alla Marazzana non debba essere addebitata alla grave crisi che la insostenibile concorrenza statunitense aveva determinato in quegli anni nell'intero settore dello zolfo italiano (68), bensì proprio all'esaurimento delle vecchie zone di sfruttamento e all'esito negativo delle reiterate esplorazioni. Negli anni avvenire si fecero unicamente, e per brevi periodi, lavori di manutenzione (dal 1915 al 1920 e dal 1924 al 1926) e di ricerca (dal 1927 al 1931), ma l'esito di questi ultimi fu sempre negativo o, per lo meno, insoddisfacente, per cui la miniera non fu mai più riattivata (69). Durata assai più lunga ebbe il cantiere Panante che, dopo essere rimasto per qualche tempo in abbandono, fu ripristinato (1918) dalla nuova Società esercente (70) — dal 1917 la Montecatini era subentrata alla Trezza-AlbaniRomagna nella conduzione delle miniere del Montefeltro — (71). I n esso la fusione del minerale continuò pressoché ininterrottamente fino al 1960 (72), l'unica sospensio-

tistiche delle miniere attive del! Distretto minerario di Bologna in R I V . S M . 1911 e ss. (68)

C.

RIV.S.M.,

RODANO', cit.,

(69)

1910,

p.

6;

1911,

pp.

6 e

CLVIII;

1914,

p.

9

e

977.

R I V . S . M . , 1925,

p. 25;

1926,

p. 10;

1927,

p.

17;

1930,

p.

16

e 1931, p. 13. (70)

R I V . S . M . , 1919,

p.

evi.

(71) La Società Montecatini e il suo gruppo industriale, Milano, 1935, p. 103. L e miniere di zolfo che furono acquistate dalla S o c i e t à Montecatini comprendevano tre gruppi: quello del Cesenate, con le miniere Formignano, Busca, Borello-Tana, Boratella I e I I , Piavola e Ca' di Guido; quello dell'Anconetano, con le miniere Cabemardi e Percozzone; quelle del Montefeltro e delITUrbinate, con le miniere Perticara, Marazzana e S a n Lorenzo in Zolfin e l i . Delle miniere menzionate soltanto Perticara, Cabemardi, Busca e Formignano erano attive a l momento dell'acquisto (F. SQUARZINA, Legislazione mineraria, cit., gennaio 1959, p. 33 e R I V . S . M . , 1925, p. 25).

(72)

Queste

notizie

ci

sono pervenute

da anziani

perticaresi


MARCO B A T T I S T E L L I

56

ne che si ebbe infatti fu dal settembre 1944 al dicembre 1945 a seguito della distruzione degli impianti operata da guastatori dell'esercito tedesco in ritirata (73). 4 — Alcune notizie sulle miniere minori Si tratta di miniere di minore importanza che contribuirono tuttavia ad ampliare l'utiHtà economica di cavar zolfo in quest'estremo, e altrimenti povero, lembo del Montefeltro. Ci riferiamo alle miniere Campo Bindi, Tomba e Panante, Sapigno e Inferno. La prima di esse era ubicata nei pressi della strada che collega San Donato alla provinciale per Sarsina, a circa 500 metri di distanza dal primo paese (74) — di essa è ancora visibile la copertura dell'unico pozzo di estrazione —. In una statistica mineraria del 1888 (75) è annoverata fra le ricerche del Santagatese e risulta condotta da Giuseppe Celli di Sant'Agata Feltria. A parte alcuni lavori di ricerca, effettuati presumibilmente nel 1874 (76), altro di essa non ci è dato di conoscere. A proposito di Tomba e Panante è opinione diffusa fra gli ex minatori di Perticara trattarsi (specialmente per la prima di esse) di miniere di assai antica data. Per quel che ci concerne esse potrebbero essere state coltivate per la prima volta durante l'età napoleonica (a meno di un

che per molti anni prestarono servizio alla miniera. (73) R I V . S . M , , 1944, p. 430 e R I V . S . M . , 1945, p. 440. (74) Cfr. la Carta geologica d'Italia, f. 108 (Mercato Saraceno), dell'Istituto Geologico Militare, Firenze, 1969, e la Carta mineraria delle Romagne e Marche, in R I V . S . M . , 1888. (75) R I V . S . M . , 1888, p. V i l i . (76)

G. J E R V I S , op.

cit,

p.

189.


L E M I N I E R E D I ZOLFO D E L SANTAGATESE

57

loro sfruttamento in tempi più remoti, di cui però non si ha memoria, né traccia alcuna), quando la febbre dello zolfo aveva determinato l'apertura di sì gran numero di miniere. Nulla però si può portare a sostegno di questa possibilità airinfuori di una duplice osservazione: l'esistenza di una miniera di zolfo nel territorio di Maiano nel 1810, di cui è ignoto i l nome; la mancanza di una qualsiasi notizia che riveli la presenza di altre miniere o ricerche di zolfo a Maiano, nello stesso periodo, all'infuori delle quattro già ricordate. La prima notizia certa è del 1875, anno in cui furono iniziati vasti lavori di ricerca che proseguirono fino al termine del decennio in corso e culminarono, nel 1881, con la richiesta della «dichiarazione di scoperta, che non venne però accordata perché i l complesso dei lavori eseguiti aveva avuto esito sfavorevole ». Gli scavi, « consistenti in pozzi, discenderie e gallerie », furono notevoli e si spinsero a una profondità non trascurabile: nel 1880 i l pozzo principale della Tomba raggiungeva infatti i 132 metri (78). La produzione invece fu del tutto irrilevante. Nonostante l'estrema vicinanza di queste miniere alla Marazzana — esse erano infatti ubicate a circa 500 metri più a valle di questa, proprio dove i l Panante de^ via bruscamente in direzione Sud-Ovest — i loro titolari non erano gli stessi: le prime erano esercite dal marchese Durazzo Pallavicini (79), la seconda — com'è noto — era della Società delle Miniere Solfuree di Romagna. Non sappiamo quali vicende occorsero alle miniere Tomba e Panante negli anni immediatamente seguenti i l rifiuto della concessione governativa, né se questa fu poi attribuita, sta di fatto comunque che nel 1888 esse sono annoverate fra le ricerche del comune di Sant'Agata e

(77)

A. S C I G L I , op.

(78)

RIV.S.M,

(79)

A.

SCIGLI,

cit.,

1880,

p. p.

ibidem.

141 29


MARCO B A T T I S T E L L I

58

sono ancora gestite dal marchese Pallavicini (80). Nell'aprile del 1937 la Società Montecatini decise di riprendere i lavori nella vecchia zona mineraria dì Tomba e Panante, che faceva ormai parte della concessione di Marazzana. Le indicazioni di anziani minatori consentirono l'individuazione degli imbocchi di un complesso di lavori sotterranei (in località Tomba) sepolti da una frana dell'argine sinistro del torrente Panante che, resi accessibili, permisero l'ingresso ai minatori ed ai tecnici addetti alle esplorazioni (81). Queste ultime però non dettro l'esito sperato e furono abbandonate in breve volger dì tempo. Altri lavori di un certo rilievo vennero effettuati alla Tomba nel 1962; essi consistettero nell'approfondamento di una discenderìa per i l raggiungimento di una zona sicuramente ricca di minerale — questo è per lo meno i l convincimento dei minatori che vi lavorarono —: Anche questa volta però la meta non fu raggiunta perché la risoluzione della società esercente di chiudere entro breve lasso di tempo la miniera di Perticara (ultima ancora in vita delle miniere di zolfo del Distretto minerario di Bologna) determinò ben presto la sospensione di ogni lavoro dì ricerca. Dì Sapigno parla per la prima volta Vincenzo Masini nel 1759, annoverandola fra le miniere che « a' più lontani popoli son note » (82). Mentre l'esistenza della miniera al tempo in cui scrisse i l Masini è confermata da un inventario (cui purtroppo non corrisponde alcuna raccolta di documenti) dell'archivio privato degli Aldobrandini (83), la notorietà della stessa ai più lontani po-

(80)

RIV.S.M.,

1888,

p.

Vili.

(81)

RIV.S.M.,

1937^

p.

455.

(82)

V.

(83)

Cfr.

M A S I N I , Il A.

zolfo,

Cesena, 1759,

B A R T O L I N I , op.

cit.,

p.

194.

p.

114.


L E M I N I E R E D I ZOLFO DEL SANTAGATESE

5?

poli è messa invece in forse dallo stesso Autore quando precisa, nelle note esplicative al suo Poema (84), che « Sapigno sta per Sarsina ». Con ogni probabilità l'attività estrattiva dovette essere esercitata in questa località anche in tempi più remoti. Da un atto del Consiglio di Sapigno deir8 febbraio 1792 (85) veniamo a conoscenza infatti della libertà di « fabbricare e lavorare salnitri e polvere solfurea di qualunque specie » di cui i sapinati avevano goduto da tempo immemorabile (circa due secoli). Libertà che veniva ora lor tolta con un bando che attribuiva ugual privativa agli appaltatori camerali. Ciò non prova inequivocabilmente che da tempo altrettanto immemorabile venissero coltivate in Sapigno miniere di zolfo, tuttavia ci sembra assai improbabile che potessero sorgere mulini di polvere in una località solfifera prima dell'inizio dello sfruttamento delle miniere. Nel 1788 Sapigno è annoverata dal Fantuzzi (86) fra le « cave di zolfo del Montefeltro e del Cesenate abbandonate per imperizia ». Egli però non c'informa dell'anno in cui i lavori furono sospesi. Preziosa risulta quindi essere, per la testimonianza che ci offre sul protrarsi dell'attività della miniera oltre gli anni Cinquanta del secolo X V I I I , la delibera del Consiglio di Sapigno dell'S maggio 1774 (87) con cui si stabiliva di destinare 6 scudi dei « frutti consueti presi con l'affitto della Solfanara » a favore della Comunità. Se poi non vogliamo misconoscere l'evidente legame esistente fra manifattura dello zolfo (di cui è noto l'esercizio agli inizi del 1792) e cave vicine da cui rifornirsi della materia prima, nella Sapigno dì quei tempi, possiamo argomentare che i l mentovato abbandono dovette sicuramente essere di breve durata.

(84) (85)

V . M A S I N I , ibidem. A . S . S A . , Sapigno, Consigli,

(86) M .

(87)

FANTUZZI,

A.S.SA.,

op.

ibidem.

cit.,

3 0 1 , 1 (dal

p. C C X .

1772 al

1802).


6o

MARCO B A T T I S T E L L I

Ad attingere minerale solfureo dallo stesso giacimento che veniva sfruttato dagli affittuari della solfanara dì Sapigno si aggiunse, nel 1756, con l'apertura dì una seconda miniera, denominata Inferno, Marco Filippo Angelini di Sapigno (88). L a mancanza di qualsiasi notìzia che la riguardi negli anni successivi alla sua scoperta indica, tuttavia, anche se non in maniera definitiva, che la sua attività iniziale dovette essere di breve durata. Di essa abbiamo nuovamente notizia nel 1812, in occasione della sua concessione a Filippo Angelini, erede dello scopritore (89). La stessa fonte ci informa che in quell'anno era in esercizio anche la miniera di Sapigno, quantunque «da sette mesi — l'osservazione è del giugno 1812 — non sì ricavasse da essa alcun prodotto ». Le notizie dì entrambe si perdono lo stesso anno e ricompaiono soltanto a distanza dì un cinquantennio (90). A onor del vero di Sapigno aveva fatto menzione il Nigrisoli nel 1857 (91), ma unicamente per rilevare che si trattava di una miniera abbandonata. Dal 1862 al 1865 esse furono interessate da lavori di esplorazione e dettero, insieme, una produzione media annua di zolfo del tutto trascurabile (92). I l relatore del Servizio Minerario del 1898 e, con lui, l'autore del recente trattato sulle Risorse Minerarie della Regione Emilia-Romagna (93) hanno confuso, forse per aver trovato accomxmati nella Statistica del Regno d'Italia del 1868 (94) i loro nomi e la loro produzione, Sapigno e Inferno per un'unica miniera. E ' proprio di quegli anni invece la prova inconfutabile dell'esistenza di due miniere distinte l'una dall'altra. Sapigno è infatti colti-

(88)

A.S.CE.

Tit.

(89) A . S . C E . , (90) Statistica (91)

V I I , cit.,

ibidem. del Regno

G . NIGRISOLI,

op.

1812.

d'Italia, cit., p. 233.

cit.,

p.

229.

A.

SCIGLI,

(92) Qui, nota 90. (93)

RIV.S.M.,

1898,

(94) Qui, nota 90.

p.

7

e

op.

cit.,

p.

133.


L E M I N I E R E D I ZOLFO DEL SANTAGATESE

vata dalla Società delle Miniere Solfuree Cesenati — è del 1867 i l decreto di delimitazione della concessione (95) —, Inferno viene invece data in concessione, per possesso antico, al Comune di Sant'Agata Feltria i l 15 settembre dello stesso armo (96). Nel 1872 la miniera Sapigno fu ceduta alla Cesena Sulphur Company Limited (97), ma le notizie di essa si perdono nuovamente, e definitivamente, dopo quell'anno, verosimilmente a causa del suo completo abbandono. Anche l'attività produttiva della miniera Inferno dovette essere di breve durata se nel 1879 i l relatore del Servizio Minerario annotava che « le miniere denominate Inferno, nel comune di Sant'Agata, e Peglio, nel comune di Fossombrone, sono afEatto improduttive da vari anni ed in esse si fa soltanto qualche lavoro » (98). In istato di completo abbandono almeno dal 1888, nel gennaio del 1893 ne venne accettata la domanda di rintmcia presentata dal Municipio di Sant'Agata e nel dicembre dello stesso anno, con sentenza del Tribunale di Urbino, la concessione venne aggiudicata per pubblica licitazione a Gregorio Zappi di Mercato Saraceno, al quale si asso^

(95)

G . J E R V I S , op.

ùit.,

p.

188.

(96) R I V . S . M . , 1902, p. L X X X I . L a formula adottata per l'attribuzione della miniera al Comune di Sant'Agata rivela che prima dell'Unificazione essa era esercita dall'amministrazione comunale senza la prescritta autorizzazione governativa. Comportamento del resto tutt'altro che infrequente dal momento che nel regolamento 6 giugno 1868 sullfe miniere d i Forlì si precisavano, fra l'altro, i criteri per la presentazione delle istanze da parte di coloro che coltivavano miniere di zolfo a l 2 3 marzo 1865 (data di emanazione del regio decreto con cui veniva regolata l'intera materia) senza che ne avessero mai ottenuta la concessione (cfr., per le disposizioni legislative sulle miniere di zolfo, F . SQUARZINA, /KH dustria e legislazione mineraria in Italia, parte I I I ^ Faenza, 1960, p. 3 5 ) . (97) Qui, nota 9 5 . (98) R I V . S . M . , 1879, p. 9 2 .


MARCO BATTISTELL

62

ciò Tanno successivo Giuseppe Celli (99), lo stesso che nel 1888 era concessionario della miniera Campo Bindi. I l cambiamento di gestione non segnò comunque un ritorno della miniera a nuova vita: di ciò è testimone i l relatore del Servizio Minerario del 1899 quando rileva che « la miniera Inferno rimase pratioameaite inattiva dal 1893 » (100). Nè ci risulta che essa fu mai più rimessa in esercizio, anzi, con decreto ministeriale 11 luglio 1914, ne venne revocata la concessione per inattività (101). Le indicazioni di alcuni ex minatori di Perticara e i riferimenti della Carta Mineraria delle Romagne e Marche del 1888 ci hanno permesso di localizzare con esattezza l'ubicazione della miniera Inferno, della quale è stato rintracciato (non da noi) anche l'imbocco ai sotterranei. La miniera, pur trovandosi in territorio sapinate, sul fianco Est del monte su cui sorge i l paese di Sapigno, dista in linea d'aria all'incirca 1 Km. dall'ex cantiere Certino di Perticara e poche centinaia di metri dalle miniere Tomba e Panante. Essa rappresenta dunque, assieme a Sapigno, l'estrema propaggine della zona mineraria del Montefeltro verso la Romagna cesenate e i l trait d'union fra quelli che furono i più importanti bacini solfìferi del l'Italia peninsulare. Va infine notato che Inferno dovette sicuramente avere facile comunicazione con i centri abitati della zona poiché situata a breve distanza dalla vecchia strada carreggiabile tracciata lungo lo spartiacque che sovrasta e divide le vallate del Chiusa e del Panante, alle estremità del quale sorgono i paesi di Perticara e Sapigno. Contrariamente a quanto è avvenuto per la miniera Inferno nessuno degli ex minatori interpellati ci ha saputo dare una qualche indicazione per rintracciare Sapi-

(99)

RIV.S.M.,

1888,

p. V i l i ;

1892,

(100) R I V . S . M . , 1899, p. 7. (101) A. S C I G L I , op.

cit,

p.

133.

p.

11 e

1893,

p.

9.


L E M I N I E R E D I ZOLFO DEL SANTAGATESE'

63

gno. Nessuno di essi aveva infatti mai sentito parlare della miniera (che ovviamente non poteva figurare neppure nella Carta Mineraria del 1888). I lunghi anni di abbandono avevano dunque cancellato nell'uomo ogni memoria di essa! I l Rapporto sulle Miniere Zolfuree Cesenati del 1864 (102) c'informa che una strada non carrozzabile (verosimilmente una mulattiera) collegava a quei tempi la miniera con la strada maestra del Savio e che i l minerale estratto veniva fuso in loco in una « batteria di sei doppioni ». Possibile che di esse non sìa rimasta traccia? Noi non lo crediamo. Siamo però convinti che sarebbe impresa assai ardua andarla a ricercare per chi, come noi, non ha alcuna dimestichezza con quel tipo di ambiente cosi fittamente boscoso e impervio (in cui la vipera è di casa) qual è quello della vecchia zona mineraria di Sapigno; per cui vi rinunciamo e ci limitiamo ad attendere che altri, migliore conoscitore dei luoghi e più ardito di noi, porti a compimento questa ricerca e, se mai leggerà queste pagine, voglia rendercene partecipi.

(102) T . RICHARD, Rapporto sena, 1864, p. 4 1 .

sulle

miniere

zolfuree

cesenati, Ce-


GIROLAMO

ALLEGRETTI

CAVOLETO una comunità rurale nel montefeltro nei secoli XVII e XVIII


SOMMARIO 1. P r e m e s s a 2. L'archĂŹvio parrocchiale d i Cavoleto 3. ContabillitĂ e r e v i s i o n i 4. L e congregazioni religiose d i Cavoleto 5. I l censo bollare 6. I beni della Compagnia della Morte 7. I l Seicento e i l Settecento i n I t a l i a 8. A g r i c o l t u r a 9. Reddito agrario 10. Prezzi I L Pressione fiscale 12. Alimentazione 13. Popolazione 14. S t r u t t u r a sociale 15. Note s u l l a f a m i g l i a C o s m i 16. I b i l a n c i del Comune d i Cavoleto (1655 -1795) 17. Cavoleto nell'Ottocento

ABBREVIAZIONI L e citazioni M s . R. etc. (v. p a r . 2) senz'altra indicazione s i r i f e r i scono a i m a n o s c r i t t i dell'Archivio P a r r o c c h i a l e d i Cavoleto. A.C.MF. = A.P.F. = A.S.P. = A. S.R. B . O.P. B.U.U.

A r c h i v i o Comunale, M a c e r a t a F e l t r i a . A r c h i v i o Parrocchiale, F r o n t i n o . A r c h i v i o d i Stato, Pesaro (e i n esso D.A. = Delegazione Apostolica). = A r c h i v i o d i Stato, R o m a . ~ B i b l i o t e c a O l i v e r i a n a , Pesaro. = Biblioteca Universitaria, Urbino.

Fondo


1.

PREMESSA

I l presente saggio n o n h a l a p r e t e s a d i essere u n a stor i a ec o no mica , nè u n a s t o r i a d i Cavoleto: piuttosto u n o spoglio ragionato dei d o c u m e n t i esistenti n e l l ' a r c h i v i o parr o c c h i a l e d i Cavoleto, c h e l a c o r t e s i a d e l p a d r e francescano a t t u a l m e n t e officiante l a c h i e s a m i h a permesso d i es a m i n a r e diffusamente. Confesso c h e l a p r i m a m o l l a dell'indagine è s t a t a l a curiosità, s t i m o l a t a d a d o c u m e n t i d i v i t a e d i c os t u m e dì età r e l a t i v a m e n t e antiche, m a solo negli u l t i m i a n n i defin i t i v a m e n t e t r a m o n t a t e , e dunque n e l l a m e m o r i a d i m o l t i di n o i a n c o r a b e n p r e s e n t i e vive. R a p i d a m e n t e l a curiosità s i è però t r a s f o r m a t a i n i n teresse storico, e l'indagine, r i m o s s e i n secondo p i a n o le suggestioni c o l o r i s t i c h e , s i è a p p u n t a t a s o p r a t t u t t o s u i fatt i e c o n o m i c i e s o c i a l i , s u g l i a s p e t t i meglio d e f i n i b i l i d i c i viltà e d i costume. S u l l a necessità d i s t u d i a c a r a t t e r e locale che perm e t t a n o d i tentare s i n t e s i a t t e n d i b i h i n c a m p o d i s t o r i a d e l l ' e c o n o m i a (e specialmente d e l l ' a g r i c o l t u r a ) penso n o n v i siano d u b b i ( 1 ) : l a presente r i c e r c a è s t a t a s v o l t a anzitutto i n q u esta direzione, spero c o n u n m i n i m o d'utilità. Più sottile e vaga, n e l l o s c r i v e r e questo saggio, è s t a t a

(1) Questa esigenza, r i f e r i t a a l l ' E u r o p a i n generale, è affermata i n B . H . S L I C H E R V A N B A T H , Storia agraria dell'Europa occidentale (500-1850), T o r i n o 1972, p. 3. L a m a n c a n z a di t a l i studi r i s u l t a tanto più grave e generale i n I t a l i a , p e r l a quale l'autore dell'imponente opera n o n h a potuto v a l e r s i che d i r a r i repertori e ricerche.


68

GIROLAMO A L L E G R E T T I

l'ambizione d i f o r n i r e u n c o n t r i b u t o i n i z i a l e a u n a s t o r i a e c o n o m i c a e c i v i l e i n senso lato d i plaghe r i m a s t e per l u n g h i s s i m o tempo a i m a r g i n i della c u l t u r a e della civiltà europea, e nelle q u a l i però, p r o p r i o per l a l o r o i r r i m e d i a bile emarginazione, s i è v e n u t a elaborando s u l l a base d i u n a c h i u s a economia d i s u s s i s t e n z a i m a civiltà t u t t a pec u l i a r e , che i n t a n t o possiamo accettare d i designare coll'espressione i n verità poco c a r a t t e r i z z a n t e d i « civiltà cont a d i n a », Civiltà che Cavoleto, per essere stato r i s p a r m i a t o •r— ahimé suo m a l g r a d o — d a l l ' o n d a t a d i « progresso » postbellico, t e s t i m o n i a a n c o r a c o l l a p o v e r a bellezza delle sue case.

2. L ' A R C H I V I O P A R R O C C H I A L E D I C A V O L E T O I sei manoscritti di cui consta l'archivio e sui quali è condotto questo saggio sono (2): Ms, R: l i b r o d i b a t t e s i m i e m a t r i m o n i , d a l 1619 a l 1671; Ms. SA: « L i b e r S t a t u s A n i m a r u m S a n c t i A n d r [ e ] a e C a s t r i C a b u l e t i », d a l 1718 a l 1808; Ms. X: entrate e u s c i t e della C o m p a g n i a della Madonn a , p o i della M o r t e , d a l 1608 a l 1653; Ms. Y: e n t r a t e della C o m p a g n i a del S a n t i s s i m o S a c r a m e n t o , d a l 1619 a l 1664; Ms. W: « L i b r o dell'entrate della V e n e r a b i l e Compag n i a d e l l a M o r t e », d a l 1666 a l 1762; Ms. Z: « L i b r o delle spese d e l l a V e n e r a b i l e C o m p a g n i a d e l l a M o r t e », d a l 1666 a l 1762. N e l l ' a r c h i v i o n o n s i è trovato a l t r o : le g r a n d i l a c u n e d i questo s t u d i o sono dovute, i n p a r t e , a l l e lactme dell'ar-

(2) Ovviamente l a s i g l a t u r a dei m a n o s c r i t t i , come anche l a numerazione delle carte, è s t a t a f a t t a d a m e per comodità d i citazione.


CAVOLETO

69

c h i v i o ( 3 ) . M i a u g u r o che a h r e r i c e r c h e facciano luce più c o m p l e t a s u l l a z o n a e s u i t e m p i : poiché è c h i a r o che, m e n tre u n a sola ricerca esamina u n campione troppo ristretto e perciò soggetto a troppe deformazioni c a s u a l i , i l s o m m a r s i d i m o l t i s t u d i potrebbe p o r t a r e a c o n c l u s i o n i più generali e più valide. A l l a luce d i questo p r i n c i p i o m i sono astenuto i l più possibile d a l t r a r r e c o n c l u s i o n i , m e n t r e h o cercato d i off r i r e i l maggior n u m e r o d i d a t i : i q u a l i , anche quando sospetti, imprecìsi o p a r z i a l i , sono p u r sempre i n d i c i s i gnificativi d e l l a c o n s i s t e n z a dei f e n o m e n i s t u d i a t i , e t a l i c o m u n q u e d a poter essere s m e n t i t i solo d a a l t r i d a t i .

3. C O N T A B I L I T A ' E R E V I S I O N I U n a a l l e r g i a a s s o l u t a a l l e buone regole d e l l a contabilità e d e l l a più semplice a r i t m e t i c a d a p a r t e dei b u o n i c u r a t i che estesero i r e g i s t r i è i l p r i m o a r d u o ostacolo d a s u p e r a r e p e r giungere a u n a sistemazione i n serie omogenee del m a t e r i a l e i n e s s i contenuto. I m a s t e l l i sono i n c o l o n n a t i cogli s c u d i , e — quel ch'è peggio — gli s c u d i c o i g r o s s i e q u e s t i c o i bologninì. L a stessa spesa è r e g i s t r a t a d a u n anno a l l ' a l t r o i n m a n i e r a del tutto difforme, l a datazione è spesso p r o b l e m a t i c a , le u s c i t e s i mescolano alle entrate. G l i i m p o r t i i n c i f r e frequentemente n o n corrispondono a q u e l l i i n lettere. Q u a s i m a i esatte sono le somme. Nessuno sapeva fare i c o n t i : nè i p r i o r i iche l i presentavano, nè i c u r a t i che l i t r a s c r i v e v a n o e l i rivedevano « à l a p r e s e n z a de' n o v i P r i o r i », nè i t i t o l a t i c a n o n i c i c u i e r a d e m a n d a t a l a revisione i n seconda i s t a n z a .

(3) P u r integrato qui, n e i p a r a g r a f i 16 e 17, con documenti esistenti i n a l t r i a r c h i v i s u l l ' a m m i n i s t r a z i o n e comunale d i Cavoleto.


GIROLAMO A L L E G R E T T I

70

V a l g a oome esempio i l seguente. N e l q u a d r i e n n i o 1699 -1703 le entrate i n denaro della C o m p a g n i a d e l l a M o r t e fur o n o d i se. 12. 1. 9, le uscite d i se. 12. 1. 10. N e l luglio 1703 i l vescovo M a r t o r e l l i inviò t r e c a n o n i c i (4) d a i q u a l i « fù r i t r o v a t o e s s e r l i pervenuto i n m a n o » se. 12. 1 1 . 1 1 . ed a v e r speso se. 1 1 . 18. 5. P a r t i t i i r e v i s o r i furono eletti i n u o v i p r i o r i , e n e l verbale d i insediamento s i legge: « pare (sic) che n e l l i r e t r o s c r i t t i c o n t i delli P r i o r i p a s s a t i v i sij e r r o r e »: l ' e n t r a t a s i s t a b i l i s c e i n se. 12. 1. 6, l ' u s c i t a i n se. 11.19.5, « c o n f o r m e lì m e d ( e s i m ) i P r i o r i p a s s a t i asser i s c o n o ». A parte l ' i n a u d i t a p r o c e d u r a secondo l a quale i l c o n t r o l l o r e s i affida a i c o n t r o l l a t i per m o d i f i c a r e le c o n c l u s i o n i dei s u p e r v i s o r i , ciò che più sorprende è che i l b r a v o c u r a t o n o n fosse i n grado d i dare u n a r i p a s s a t i n a a i c o n t i per s t a b i l i r e c h i avesse ragione (5). Solo n e l 1727 i v i s i t a t o r i , c a n o n i c i L u d o v i c o Z u c c h i e G i a n Ippolito della T o r r e , tentano u n ' a n a l i s i a c c u r a t a dell a p a s s a t a gestione r i l e v a n d o f r a l ' a l t r o grossi b u c h i nelle entrate, e suggeriscono u n a impostazione più c o r r e t t a dell a contabilità: con r i s u l t a t i p e r a l t r o a s s a i m o d e s t i e d i b r e v e d u r a t a (6). N o n è questa l a sede per approfondire i l discorso, che p u r e sarebbe estremamente interessante, s u l l a i s t r u zione del tempo i n generale (7) e s u q u e l l a del clero i n

(4) Questa dell 1703 è l a p r i m a revisione c u r i a l e documentata nei m a n o s c r i t t i , dopo quella del 1664 ( i n ms. Y, c. I V v ) . I n seguito esse s a r a n n o piuttosto frequenti. (5) Ms. Z, ce. 22-24. (6) ìbià,

ce. 36V-39.

(7) Nei b i l a n c i della Comunità d i Cavoleto degli a n n i f r a i l 1655 e i l 1795 non s i prcvedono spese per l'istruzione (A.S.P. D.A., Registri di Tabelle, sub a n n i s ) . N e l 1815 l a Comunità paga a l parroco don B a r t o l i n i i l modestissimo salario di scr. 4 a n n u i per le sue funzioni d i « maestro » (A.C.MF., Fondo Pietrarubbia, Risoluzioni Consiliari 1814-18, c. 14 v ) . Già qualche anno più t a r d i però T o m a s s o L a t t a n z i , sindaco d i Cavoleto con Monte S . M a r i a , che


CAVOLETO

particolare. preti

Basti

capaci

dire

che s u i nostri

d i scrivere

latino, e altri

71 registri

dignitosamente

c h e sapevano

m a n o , f r a m i l l e incertezze

appena

operarono

i n italiano

tenere

e in

l a penna i n

ed errori. M a u n a caratteristi-

c a c h e t u t t i l i a c c o m u n a è l'incapacità, n o n dico d i tenere u n a contabilità, m a a n c h e d i c o m p i e r e l e più s e m p l i c i operazioni

laritmetiche:

poco s i o c c u p a v a poco f o n d a t o

evidentemente

di

questo

settore

l'istruzione impartita nel seminario d a

(8), a l quale

spettavano

ben a l t r i m e n t i e l e m e n t a r i , se p e n s i a m o

comunque

compiti

c h e i l suo fonda-

tore dettava disposizioni a che u n chierico o u n monaco che n o n sapessero i l C r e d o , l ' A v e e i l P a t e r fossero e s c l u s i dal

f a r da p a d r i n i (9).

s i f i r m a c o l l a croce perché « illetterato », accanto alila notificazione che i n quella « Università » « n o n esiste a l c u n a scuola », d i c h i a r a che « n o n s i crede proficuo d'introdurre l a S c u o l a p e r n o n togliere le b r a c c i a troppo scarse a l l ' a g r i c o l t u r a impiegando i giov a n i ne p r i m i R u d i m e n t i delle Lettere senza speranza p o i d i pot e r l i p e r m a n c a n z a de necessarj mezzi condurre a l l a m e t a degli studi ». Nello stesso anno n e l Comune d i Piandimeleto (costituito recentemente unificando tutte l e comunità già facenti p a r t e d e l governo d i Piandimeleto e del v i c a r i a t o d i F r o n t i n o , e p a r t e d e i v i c a r i a t i d i Peglio e P i e t r a r u b b i a ) solo le comunità d i Piandimeleto, S a n Sisto, F r o n t i n o e Piagnano denunciano i l funzionamento d i u n a scuola elementare m a s c h i l e : ne sono del tutto p r i v i Monastero, Lupaiolo, Campo, Cavoleto, P i r l o , L u n a n o , Belforte, V i a n o , T o r r i o l a . (A.S.P., D.A, Tit. I X {Istruzione Pubblica), b. 5 (1826)). (8) E N Z O B U S C A , Giovanni Francesco Sorniani vescovo di Montefeltro, i n « S t u d i Montefeltrani », I , Milano 1971, p. 97. L a istituzione del seminario f u approvata n e l 1591, m a agli inizi del secolo successivo praticamente n o n funzionava ancora. (9) Ibid., p. 95.


^2

GIROLAMO A L L E G R E T T I

4. L E C O N G R E G A Z I O N I R E L I G I O S E D I C A V O L E T O Manifestazione t i p i c a a d u n tempo d e l l a organizzazione rel ig i o sa po st -t r i d e n t i n a e d e l l a e c o n o m i a d i sussistenza d i queste campagne n e i secoli X V I I e X V I I I f u i l fiorire delle congregazioni religiose. N e l sec. X V I I a Cavoleto se ne c o n t a v a n o t r e : l a più i m p o r t a n t e f u q u e l l a d e l l a M a d o n n a , p o i d e l l a M o r t e (10), c o n u n a consistente dotazione p a t r i m o n i a l e e f i n a n z i a r i a , che più a v a n t i cercheremo d i d e t e r m i n a r e . L e a l t r e e r a n o l a C o m p a g n i a del S a n t i s s i m o S a c r a m e n t o , c o n q u a l c h e terreno, e l a C o m p a g n i a del S a n t i s s i m o N o m e d i D i o , o C o m p a g n i a del Gesù, pressoché p r i v a d i i m m o b i l i . E ' u n a proliferazione sorprendente, c o n s i d e r a n d o che l a popolazione d i Cavoleto s u p e r a v a d i poco — e n o n semp r e — le cento unità, e p u r tenendo presente c h e v i s i i s c r i v e v a n o a n c h e a b i t a n t i d i a l t r e p a r r o c c h i e (11), L e Compagnie avevano, c o m e ovvio, p r e m i n e n t e car a t t e r e devozionale. A questo s i affiancava l'attività assistenziale, consistente i n d i s t r i b u z i o n e d i grano a i p o v e r i i n occasione delle feste p a t r o c i n a t e dalle r i s p e t t i v e congregazioni. U n a t e r z a attività, che andò a c q u i s t a n d o semp r e maggior r i l i e v o , f u q u e l l a c r e d i t i z i a , d i c u i i n seguito s i parlerà, e d a l l a quale le Compagnie r i c a v a v a n o i magg i o r i cespiti. P e r f a r p a r l a r e quanto più possibile le c i f r e ho comp i l a t o con c r i t e r i m o d e r n i i l conto economico d e l l a C o m p a g n i a d e l l a M o r t e r e l a t i v a m e n t e agli a n n i 1666- 1693: può essere u t i l e e s a m i n a r l o (12).

(10) Già deirOspedalie? L ' u l t i m a denominazione c o m i n c i a a d essere u s a t a n e l 1640 (ms. X, c. 53r), senza spiegazioni. (11) M a a loro v o l t a gli a b i t a n t i dì Cavoleto s i iscrivevano anche alle Congregazioni delle v i c i n e parrocchie. L a mobilità delle persone e r a d i gran l'unga superiore a quanto noi i m m a g i n i a m o , considerando l a scarsità di vie e mezzi di comunicazione. (12) Date le difficoltà d i c u i s i è p a r l a t o n e l precedente paragrafo i conteggi delle p a r t i t e i n denaro possono n o n essere


CAVOLETO

73

UTILI E RENDITE: Avanzo precedenti gestioni Offerte Lasciti F r u t t i di censi R e n d i t a d a t e r r e n i (affitti) V e n d i t a p r o d o t t i agrìcoli V a r i o tìtolo

E n t r a t e i n grano

4. 18. 4. 44. 27. 57. 7.

2. 15. 11. 5. 17. 7. 10,

12 20 0 12 5 3 20

164, 10, 00 50. 00. 00 214, 10. 00

ONERI E

SPESE:

Spese i n conto c a p i t a l e Spese dì esercizio Spese p e r festività Obblighi testamentari

12. 11. 135. 3.

9, 12 5. 2 11. 3 12. 0

D i s t r a z i o n i p e r e r r o r e ( s o m m a algebr.)

162. 17. 17 1. 12. 7

Uscite i n g r a n o : p e r feste per i poveri

164. 10. 00 20. 00. 00 30. 00. 00 214. 10. 00

O g n u n a delle t r e Compagnie e r a r e t t a d a due p r i o r i , sorteggiati a n n u a l m e n t e i n u n elenco d i idonei a l l a car i c a : m a s c h i a d u l t i che potevano g a r a n t i r e , p e rs ona lm e n-

precisi a l quattrino, m a sono s t a t i compilati col m a s s i m o scrupolo. Invece i conteggi delle partite i n grano ( q u i espressi i n denaro) sono v a l o r i a p p r o s i m a t i v i di s t i m a .


GIROLAMO A L L E G R E T T I

74

te o p e r i n t e r p o s t a p e r s o n a , delle s o m m e l o r o affidate

(13).

B e n e o m a l e , q u e s t a r o t a z i o n e r a p i d a (14) costituì u n a occasione d i esercizio d'autogoverno: e f u , a n c h e questo, beneficio

non

ultimo

indotto

dall'esistenza

delle

Com-

pagnie. Il

gusto d e l l a p a r t e c i p a z i o n e p o l i t i c a e l a p r a t i c a

u n effettivo autogoverno — antiche giati

dai

libertà duchi,

v o l u z i o n e del

comunali

m o l t i c a s t e l l i retaggio

furono

specie d a l l ' u l t i m o

ducato alla Chiesa

andarono progressivamente ciò

per

u n a r a g i o n e può

rispettati e (15).

Ma

dopo

di di

incoragla

de-

(1631) queste a u t o n o m i e

svuotandosi di

contenuto.

vedersi nel carattere assolutistico

Di del-

(13) L a solvibilità come condizione d i ammissibilità a l l a car i c a , p u r non risultando esplicitamente nei m a n o s c r i t t i , s i evince da s c r i t t u r e come l a seguente i n ms. X, c. 25v: « A d i 10 de Agosto 1623. E u s e b i o de G i o . n i [ n ] o et And.a de Angelo p r i o r i della Comp. n i a della S a n t m a Mad.a di Cauoleto promettano et obligano de esercitare realm.te et fedelm.te i l loro offitio dell priorato et i n fine rendere sempre b u o n ' conto a me d. GuidO' di qui e che presentarono per l o r o sigurtà ms» d. C u r t i o Donati, et m9 Vent u r a genero de Agnelo et promettano i n solito et s i obligano et qli danno l a sigurtà i n f o r m a et i n solito l ' u n per l'alltro et io d. Guido P a p i Rettore ò s c r i t t o a l l a p.zia de l a c o m o de ms.° S a n t i n o Mariani del med° luoco ». (14) S i pensi che ogni anno a Cavoleto venivano « e s t r a t t i » otto p r i o r i , compresi i p r i o r i della Comunità, e che gli idonei alita car i c a potevano essere a l m a s s i m o u n a t r e n t m a . (15) E ' noto a d esempio i l tentativo d i F r a n c e s c o M a r i a I I Della Rovere di demandare l ' a m m i n i s t r a z i o n e del ducato a u n Governo degli Otto, eletti dalle città e d a l e province dello Stato, continuando p e r a l t r o a l a s c i a r e i n v i t a i p a r l a m e n t i provinc i a l i . Incidentalmente ricordo che a d ognuno degli Otto e r a assegnata l'annua provvisione di 300 scudi (ANTON M A R I A Z U C C H I T R A V A G L I , Animadversioni sull'Apologetico Feretrano e sul saggio Ragioni per la Città di San Leo dell'Abate G. Battista Marini, Venezia s.d. ( m a 1762?), p. 172; F . U G O L I N I , Storia dei conti e duchi d'Urbino dal 1190 al 1631, F i r e n z e 1859, pp. 424-433; R . P A C I , Politica ed economia in un comune del ducato d'Urbino: Gubbio tra '500 e '600, U r b i n o 1967, pp. 19-20).


CAVOLETO

75

l a sovranità p a p a l e ; u n ' a l t r a n e l l a sostanziale estraneità d e l l ' a m m i n i s t r a z i o n e c e n t r a l e agli i n t e r e s s i delle popolaz i o n i governate. M a i n m o d o più d e t e r m i n a n t e m i s e m b r a a v e r giocato l a c r i s i e c o n o m i c a che porterà a l l a scompars a d e l l a p i c c o l a proprietà e a u n a s o r t a d i r i f e u d a l i z z a zione (16). S t a d i fatto che anche n e l governo delle Compagnie s i r e g i s t r a u n o scadimento delle f o r m e d i partecipazione. Già v e r s o l a fine del '600 l a p e r m a n e n z a i n c a r i c a dei prior i s i estende a t r e a n n i ; n e l secolo successivo i p r i o r i restano i n c a r i c a per m o l t i s s i m i a n n i , p r a t i c a m e n t e a v i t a , e u n o dei due c o n t a g r a d u a l m e n t e s e m p r e meno, f i n o a s c o m p a r i r e del tutto (17). A n c h e queste c a r i c h e (e dunque l'assistenza, i l credito, l ' e n f i t e u s i dei t e r r e n i , etc.) f i n i scono così sotto i l controllo delle m a g g i o r i famiglie. A l l a fine del secolo e agli i n i z i del n u o v o i v i o l e n t i r i v o l g i m e n t i p o l i t i c i mettono a nudo l a debolezza delle s t r u t t u r e economiche, bloccano i l processo d i feudalizzazione, a v v i a n o l a r i s t r u t t u r a z i o n e a m m i n i s t r a t i v a : n o n s a r a n n o t r a s f o r m a z i o n i i n d o l o r i , nè s e m p r e positive. A q u e l punto, se p u r e a n c o r a esistevano le Compagnie, c e r t o già d a tempo s'erano dissolte le r a g i o n i che avevano p o r t a t o a l l a loro erezione: già d a tempo le l o r o attività s'erano c o n t r a t t e a n o r m a l e e a n z i a s f i t t i c a a m m i n i s t r a zione dell'originario p a t r i m o n i o . R e s t a d a d i r e che l'organizzazione a n n o n a r i a e r a a l l o r a l a prevalente attività della p u b b l i c a a m m i n i s t r a z i o n e . A n c h e a Cavoleto esistevano i l Corpo d'Abbondanza, p e r « lo sfamo a n n u o d e l l a popolazione », e i l Monte F r u m e n t a r i o p e r a s s i c u r a r e a n c h e agli a g r i c o l t o r i p o v e r i i l gra-

(16) S i vedano più a v a n t i i p a r a g r a f i 7 e 13. (17) Analogo processo s i è forse svolto n e l l ' a m m i n i s t r a z i o n e comunale, se n e l 1788 a l questionario di v i s i t a s i risponde da Cavoleto che « i l Magistrato è composto di u n sol sogetto, ed h a il) titolo di P r i o r e » (A.S.P., Visita Boria, voi. I I , c. 510).


GIROLAMO A L L E G R E T T I

76 no « i n occasione

delle s e m e n t i »

(18).

E r a a n c h e e s i s t i t o u n ospedale: costituirono

i l nucleo

pagnia della Madonna

patrimoniale

m a i suoi beni originario

della

forse Com-

(19), e c o m u n q u e n e l '600 v i e n e r i -

c o r d a t o solo p e r u n a s t a l l a d a t a i n a f f it t o . D o p o i l 1636 se ne perde ogni

5.

I L CENSO

di

Cavoleto

Come

già

memoria.

BOLLARE accennato,

ognuna

delle

tre

aveva u n a s i a pur modesta

congregazioni

dotazione

finan-

z i a r i a (20), c h e c o l t e m p o s'accrebbe p e r effetto d i l a s c i t i e u t i l i d i gestione. Con

q u e s t i f o n d i le c o m p a g n i e e s e r c i t a v a n o

d i c r e d i t o , a t a s s i v a r i a n t i f r a i l 6 e V8%, s i », e che sono c e r t a m e n t e censo

consegnativo

o

operazioni

chiamate «cen-

da ricondurre alla forma

del

bollare.

(18) A.S.P., DA., Registri di Tabelle, 1775 e altrove. I l Monte F r u m e n t a r i o disponeva d i 27 m a s t e l l i e mezzo d i grano, e l a dotazione e r a più o meno costante. Dopo l a parentesi delle dominazioni francesi, n e l censimento delle istitiozioni caritative della Le^ gazione fatto n e l 1816 n o n figurano P i e t r a r u b b i a e i suoi castelli. Probabilmente sono già compresi f r a i castelli d i F r o n t i n o — divenuto i n quell'anno governo con giurisdizione sugli ex-vicariati d i F r o n t i n o e P i e t r a r u b b i a (B.U.U., Fondo Università, v o i . 126) — dei q u a l i s i dice che « hanno i r i s p e t t i v i monti f r u m e n t a r i , ed anche i r i s p e t t i v i ospedali» (B.O.P., b. 1775, f. 17): d i questi u l t i m i però non s i h a altrove notizia. (19) I n Ms. X, c. 4, s e m b r a d i leggere che, n e l 1609, l a C9mpagnia s i c h i a m a v a anche « fraternità del hospitale ». E ' comunque l a Compagnia della Madonna a d « accomodare l'ospitale » n e l 1608 con u n a spesa d i 44 grossi, a d incassare l'affitto per l a « S t a l l a del Spidale», a d alienare nel 1636 « certe robbe dello spidale per 22 grossi (Ms. X, ce. I I , I I I , 6, 13, 41v). (20) Complessivamente n o n superavano i 100 scudi, secondo i mìei callcoli. L a Compagnia della Morte prestò fino a l 1708 25 scudi, p o r t a t i poi a 33 s c u d i e mezzo.


CAVOLETO

77

I l censo consegnativo n o n e r a che u n espediente, codificato dagli stessi pontefici, i n uso soprattutto i n I t a l i a e i n F r a n c i a , p e r aggirare i l rigoroso divieto d e l l u s u r a s a n c i t o d a l l a m o r a l e medievale e dall'insegnamento dell a C h i e s a . Detto i n t e r m i n i n o n s t r e t t a m e n te g i u r i d i c i , esso c o n s i s t e v a i n i m a m a c c h i n o s a finzione: a l l a s t i p u l a del c o n t r a t t o i l m u t u a r l o « consegna » a l m u t u a n t e u n fondo f r u t t i f e r o (generalmente u n terreno) d i v a l o r e p a r i a l l a s o m m a m u t u a t a : come fosse u n atto d i v e n d i t a c o n patto d i r e t r o v e n d i t a : l a s o m m a m u t u a t a f i g u r a così come cont r o v a l o r e del bene consegnato. I l m u t u a t a r i o t u t t a v i a res t a i n u s o del fondo, a fronte d i che c o r r i s p o n d e u n « censo » annuo perpetuo, che potrà c e s s a r e solo c o l l a r e s t i t u zione d e l l a s o m m a . L'illiceità dell'impiego f r u t t i f e r o del d a n a r o e r a m a s c h e r a t a d a l l a finzione iche s i t r a t t a s s e d i u n a c o m p r a v e n d i t a a n n u a dì entr a t e : i n sostanza s i t r a t t a v a d i i m vero e p r o p r i o p r e s t i t o fruttìfero c o n t r o ipoteca. I l censo consegnativo e r a più generalmente noto c o m e « censo b o l l a r e », dalle bolle d i d i v e r s i pontefici ( u l t i m e quelle d i P i o V del 1569 e 1570) che d i s c i p l i n a v a n o l a m a t e r i a (21). S e ì censì d a c u i l e congregazioni religiose d i Cavole^ to t r a e v a n o le l o r o più c o s t a n t i entrate sono d a r i c o n d u r s i a questo tipo d i costituzione d i r e n d i t a , c'è però d a oss e r v a r e che l ' i s t i t u t o n o n f u n z i o n a v a esattamente c o m e vol e v a n o l e bolle: e ciò s i a perché, specialmente n e l '700, n o n s i s e n t i v a più t a n t o forte l'esigenza d i u n a s i m i l e cop e r t u r a a u n fatto c h e e r a o r m a i considerato se n o n prop r i o m e r i t o r i o certo necessario; s i a p e r l a b i z a n t i n a m a c chinosità d e l l a p r o c e d u r a che, per n o n essere c a p i t a , e r a r e s a a n c o r più c o m p l i c a t a . S i confondevano

c o n t i n u a m e n t e i t e r m i n i , perché l a

(21) S u g l i aspetti g i u r i d i c i e s t o r i c i dell'istituto s i v e d a i n Cristoforo D E V I L L A , Rendita (Costituzione di), i n « N u o v o D i gesto Italiano», voi. X I , T o r i n o 1939, pp. 386 e segg.


78

GIROLAMO A L L E G R E T T I

realtà s i s o v r a p p o n e v a spesso a l l a finzione, o q u e s t a a quell a . I l pagamento degli i n t e r e s s i t a l v o l t a e r a m o t i v a t o com e « f r u t t i d i censo », t a l a l t r a come « affitto d i t e r r e dell a C o m p a g n i a » s a l v o p o i specificare « c h e i l sudetto tiene e possiede ». Opp ur e l a finzione finiva t a l v o l t a p e r essere così c r e d u t a che u n a v o l t a un censioaarìo deve presentare lo s t r u m e n t o d i consegna a s s i e m e a l l a s o m m a del r i s c a t t o p e r r i e n t r a r e i n possesso del suo fondo, che s i e r a f i n i t o per c r e d e r davvero come proprietà d e l l a Com p a gnia e d a q u esta cedutagli i n affitto (v. A P P . I , 8). M i è p a r s o u t i l e r i p o r t a r e nelle a p p e n d i c i che seguono, as sieme a d a l t r e s c r i t t u r e significative sull'argomento, l'estratto d i tu tt e l e s c r i t t u r e e r e g i s t r a z i o n i r e l a t i v e a l censo acceso i n favore d e l l a C o m p a g n i a d e l l a M a d o n n a d a Renzo d i G i o v a n n i n o n e l 1632, d a q u e s t i t r a s m e s s o a l figlio M a r c o , e d a questi p o i ceduto a M s . M a u r i z i o G a m barìni (22), d a c u i passò a l figlio S e b a s t i a n o che l'estinse n e l 1728 (App. I e I I ) . Ciò a titolo d i esemplificazione, e come c o n t r i b u t o d o c u m e n t a r i o a u n o studio più organico delle a r c a i c h e form e d i credito che, anziché sorreggere, estenuavano e i n ceppavano con i r r a z i o n a l e c a r i c o d i p e s i l ' e c o n o m i a già c o l l a s s a t a d i queste zone, e, i n queste, delle categorie più deboli.

(22) Questi 'aveva evidentemente acquistato i l fondo accollandosi il! censo. F u anche i n uso l a compravendita del censo, cioè della rendita costituita: m a d i questa p r a t i c a le carte d i Cavolleto non forniscono esempi.


CAVOLETO

6. I B E N I D E L L A C O M P A G N I A

79 DELLA

MORTE

A t t r a v e r s o u n paziente lavoro d i r i s c o n t r i è s t a t o poss i b i l e r i c o s t r u i r e u n elenco degli i m m o b i l i che l a Comp a g n i a della M a d o n n a (poi della M o r t e ) possedeva i n C a voleto e f u o r i . N o n è certo che l a C o m p a g n i a avesse u n a c a p p e l l a p r o p r i a , m a s e m b r a a b b a s t a n z a p r o b a b i l e : sono registrate spese v a r i e per l a f a t t u r a del quadro (23) e della c o r n i ce (24), p e r l ' a l t a r e e per g l i a r r e d i (25). A l t r e s o m m e vengono stanziate per r i s a r c i m e n t o del tetto, per l ' i n f e r r i a t a a l l a finestra, per l a c o r d a della c a m p a n a : tutte spese queste che v e r o s i m i l m e n t e sarebbero state d i spettanza della p a r r o c c h i a se l a compagnia avesse f r u i t o solo d i u n a l t a r e n e l l a c h i e s a p a r r o c c h i a l e (26). C o m e già accennato, l a C o m p a g n i a possedeva i n o l t r e i m

(23) N o n m i è stato possibile identificarlo con mio dei q u a d r i a n c o r a esistenti n e l l a chiesa parrocchiale. M i s e m b r a ugualmente d i qualche interesse riportare le registrazioni d i spesa relative, i n Ms. X, c, 55: « A d i 25 Marzo 1638... I t . paoli quattordici pagati a l Pittore del quadri, s c u d i 2. 2. 0 .. I t . grano riscosso del quale se ne misurò q u a r t i otto e coppe doi a l Sig.r Pittore, q.ti 8 ». (24) M s Z, c. 42 (sotto l'anno 1733): « I t . nella p i t t u r a della cornice del quadro se. 2. 5. 0 ». (25) M s X, c. 57r: « A d i 24. d i Marzo 1636, . . . I t . grossi t r e n t a noui per h a u e r fatto uenire u n a Croce per l a Compagnia se. 1. 19. 0». Ibid., c. 53: « A d i 20 di 9bre 1640. . . . Ite o auto q u a r t i doi d i grano d a Do Claudio i l quale s i e uenduto grossi quindeci per cop r a r e i candelieri ». Ibid., c. 52r: « A d i 20 d i 9bre 1640 » ( m a 1641) « Ite speso p a u l i quattro i n doi c a n d l i r i se. 0.12. 0 ». (26) Contro questa ipotesi non sembrano m i l i t a r e significativamente i frontespizi dei m s s . W e Z, del seguente tenore: « L i b r o . . . della Venerabile Compagnia della Morte di q.ta Chiesa Parocchiale di S . A n d r e a d i Cauoleto ». Per contro, v a anche rilevato che a Cavoleto, o nelle immediate adiacenze, esistono ancora, olt r e alila chiesa parrocchiale, due cappelle.


8o

GIROLAMO A L L E G R E T T I

edificio, o quanto meno u n a s t a l l a , già d i p e r t i n e n z a dell'ospedale. S u i p o s s e d i m e n t i d i P i e t r a r u b b i a , Monteboaggine e V a l b o n a s i vedano d i seguito i p a r a g r a f i 7 e 9 e l e relative tabelle. L e t e r r e d i V a l b o n a e r a n o dotate d i c a s a col o n i c a , nonché d i u n a c a p p e l l a , d i c u i s a p p i a m o solo che e r a a t t r e z z a t a d i c a s s e t t i n a p e r l e offerte. O l t r e questi, l a C o m p a g n i a a v e v a a l t r i appezzamenti m i n o r i , i c u i p r o v e n t i n e l l e tabelle suddette sono raggrupp a t i sotto l a voce « Cavoleto ». D i q u e s t i i l più i m p o r t a n te, r e l a t i v a m e n t e , è i l fondo Ortaletto o R i p a che, affittato, d a v a u n reddito v a r i a n t e d a i 9 a g h 11 g r o s s i . U n a l t r o è i l fondo Molino, i n c o n t r a d a C a ' O l i v i e r i s u l f i u m e , a n c h e esso affittato p e r 6 g r o s s i l'anno e poi, dopo u n a f r a n a , p e r 4 grossi e mezzo. I l fondo C a ' J a c o m i n o , n e l '600 boschivo, f u dissodato v e r s o l a fine del secolo e, anch'esso dato i n affitto, fruttò a l l a c o m p a g n i a c i r c a 3 grossi a l l ' a n no. A n c h e i l fondo C a ' M a r i n o , i n p a r r o c c h i a d i M o n t e S . M a r i a , n e l 1714 f u affittato p e r poco più d i due gross i a n n u i (27).

(27) S i danno q u i i v a l o r i d'affitto per essere i più facilmente quantificabili. S i noti però che questi e gli a l t r i fondi solo occasionalmente furono ceduti i n affitto. Questa f o r m a di conduzione e r a senz'altro l a più vantaggiosa per l a compagnia, assicurandole u n rendimento fisso r e l a t i v a m n te elevato, libero da r i s c h i e spese. Almeno d a l 1703 è testimoniata l'esistenza della colonia appoderata, che l a compagnia applicò p e r lungo tempo a V a l b o n a , p r i m a d i cederlo i n affitto. U n a t e r z a f o r m a d i conduzione i n d i r e t t a ( « à laorìo ») e r a quell a i n uso per t e r r e n i n o n appoderati, come quelli d i P i e t r a r u b b i a e Monteboaggine: i l proprietario p a r t e c i p a v a ad alcime spese, a l meno per l a parte attinente le imposte, e divideva i prodotti (o alcuni di essi) i n relazione all'andamento dell'annata.


CAVOLETO

8i

A l t r i f o n d i possedeva l a C o m p a g n i a prevalentemente o esclusivamente boschivi: l a Selva della S e r r a (fruttato m a s s i m o : 32 g r o s s i n e l l a tagliata d e l 1705) e r a l ' u n i c o d i q u a l c h e consistenza. G l i a l t r i e r a n o l a M a c c h i a d i Roteto, l a C a s e l l a , i l Fageto, i l Monte d i V a l b o n a , C a ' Iseppe.

7. I L S E I C E N T O E I L S E T T E C E N T O

I N ITALIA

Poiché l a trattazione d i questo argomento t r a v a l i c a i l i m i t i e l e i n t e n z i o n i d e l presente studio, m i limiterò a delineare a l c u n e delle condizioni generali c h e s i riflettono a n c h e n e l l a v i t a e c o n o m i c a e c i v i l e d i Cavoleto, e c h e s i a n o necessarie p e r s n e l l i r e l a t r a t t a z i o n e s u c c e s s i v a rendendola più c o m p r e n s i b i l e (28). Già n e l l a p r i m a metà d e l Cinquecento l'economia ital i a n a e r a s t a t a i n t e r e s s a t a a f o r t i fenomeni r e c e s s i v i : m a l a decadenza s i manifesterà i n a r r e s t a b i l e solo dopo i l 1620 e continuerà sempre più c u p a f i n o a l l a metà d e l '700, q u a n d o s i avrà u n a decisa inversione d i tendenza, i n i z i a t a s i negli s t a t i più d i n a m i c i e c o n governi i l l u m i n a t i , e d a questi p r o p a g a t a s i a t u t t a l ' I t a l i a (29). N e l periodo c h e e s a m i n i a m o , a l l a c r i s i e n d e m i c a dell ' i n d u s t r i a e d e i c o m m e r c i f a r i s c o n t r o u n a decadenza a n c o r più grave d e l l ' a g r i c o l t u r a . L ' e q u i l i b r i o f r a r i s o r s e agricole e bisogni a l i m e n t a r i s i spezza continuamente, e s i r i s t a b i l i s c e solo a prezzo d i t e r r i b i l i epidemie c h e deci-

( 2 8 ) H o utilizzato per questa breve n o t a : G I N O L U Z Z A T T O , Per una storia economica d'Italia, B a r i 1 9 6 7 , pp. 1 5 6 - 1 7 1 ; E M I L I O S E R E N I , Storia del paesaggio agrario italiano, B a r i 1972, pp. 157-284; SLICHER

VAN BATH,

Storia

agraria,

cit., pp.

105-450;

CARLO M . C I -

POLLA, Storia economica dell'Europa pre-industriale, Bologna 1 9 7 4 . ( 2 9 ) N e i m a n o s c r i t t i d i Cavoleto, che riguardano appunto i l periodo della più grave decadenza (1620-1750 c i r c a ) , l'insorgere delia c r i s i emerge con molta evidenza. N o n v i s i registrano i n vece che s c a r s i e contradditori segni d i ripresa.


82

GIROLAMO A L L E G R E T T I

m a n o l a popolazione. M a i n t a n t o , n e l m o m e n t o ascendente della c u r v a demografica, s i t e n t a d i accrescere le disponibilità a l i m e n t a r i mettendo a c o l t u r a p r a t i e b o s c h i : l a degradazione del t e r r i t o r i o diventerà così sempre più grave e, quel ch'è peggio, l a c o n t r a z i o n e dei p a s c o l i porterà a l l a d i m i n u z i o n e degli a l l e v a m e n t i fino a l l a loro q u a s i totale s c o m p a r s a . I l s i s t e m a d e l l a rotazione t r i e n n a l e , i n u s o i n t u t t a E u r o p a , n o n prevedeva come oggi l a rotazione dei c e r e a l i c o n c o l t u r e foraggere: l'allevamento d e l bes t i a m e e r a perciò i m p e r n i a t o e s c l u s i v a m e n t e s u i p a s c o l i naturali. L a scarsità del b e s t i a m e significherà scarsità d i letame, e q u esta porterà a u n a d i m i n u z i o n e s e m p r e più grav e d e l l a produttività d e i t e r r e n i già m e s s i a c o l t u r a ; così s i m e t t e r a n n o a c o l t u r a nuove t e r r e , e i l cerchio, come s'intuisce, diverrà sempre più stretto. R i s t r e t t a è l a g a m m a delle c o l t u r e : n o n s i c o l t i v a n o l e p i a n t e foraggere, i l m a i s h a fatto poche e t i m i d e p r o v e solo n e l l ' I t a l i a settentrionale, l a p a t a t a è a n c o r a sconos c i u t a . A l c u n e c o l t u r e i n d u s t r i a l i , c o m e q u e l l a d e l gelso, sono state travolte n e l l a c r i s i d e l l ' i n d u s t r i a tessile, c h e d e l resto n o n r e m u n e r a più adeguatamente n e p p u r e l a l a n a . I b o s c h i sono sempre più p o v e r i e s t e n t i , e d ' a l t r a p a r t e n o n c'è u n a v i v a c e attività e d i l i z i a che ne v a l o r i z z i i l prodotto. L e c o l t u r e legnose c h e s i sposano bene a l l a cerealic o l t u r a (vite, olivo, a l b e r i d a frutto) n o n scompaiono m a decadono gravemente senza che, n e l l a maggior p a r t e dei c a s i , c i s i a l a forza, o l a volontà, p e r r e i n t e g r a r l e . Quel che n o n r i e s c e a fare l a n a t u r a l e decadenza lo fanno i governi, specialmente quello pontificio, c o n u n a d i s s e n n a t a p o l i t i c a d i imposizione fiscale che colpisce l a produzione e i l c o n s u m o , e i m m u n i z z a invece l a r e n d i t a , p r i v i l e g i a le c l a s s i meno p r o d u t t i v e , p r e m i a i l d i s i n v e s t i mento. A n c h e le condizioni c u l t u r a l i , politiche, religiose, soc i a l i sono t u t t ' a l t r o che b r i l l a n t i : e t u t t a v i a troppo note perché c i s i debba soffermare.


CAVOLETO

83

8. A G R I C O L T U R A A l l a generale c r i s i dell'economia i t a l i a n a n e l Sei-Settecento n o n s i sottrae certo Cavoleto, se n o n forse p e r u n a m i n o r e vulnerabilità della s u a a g r i c o l t u r a (30) d o v u t a a s t r u t t u r e più r u d i m e n t a l i e già i n p a r t e n z a più a r r e t r a t e : n o t o r i a m e n t e alle c r i s i sono più s e n s i b i l i o r g a n i s m i più sviluppati e complessi. V e r o è c h e P i e r An t o n i o G u e r r i e r i , c h e d a l 1624 a l 1635 e r a stato sacerdote n e l l a v i c i n a A b b a z i a d e l M u t i n o (31), s c r i v e v a d i Cavoleto c h e è « luoco a s s a i vistoso e c o n i l suo tenimento assai copioso d i f r u t t i . . . onde g l ' H a b i t a n t i v i v o n o c o n m o l t a commodità » e c o n t i n u a v a c h e « l a s u a spiaggia d a l l a p a r t e et aspetto d e l sole è t u t t a p i e n a d i o l i v i filonatì d i v i t i , f i c h i , M a n d o l a t i , et ogni sorte d i P o s t i m i gentili e perciò è luooo m o l t o allegro »: m a temo c h e i l b u o n prete forzasse u n p o ' l a p r o s p e r a giocondità d e l luoco p e r f a r d a p u n t e l l o a l l a s u a b i z z a r r a etimologia d i Cauleto d a Colletto d a CoUis laetus(32). Co me s'è v i s t o , l a C o m p a g n i a d e l l a Morte possedeva d i v e r s i t e r r e n i , e d a i s u o i r e g i s t r i ( m s s . X , W , Z ) è possib i l e i n t u i r e , quando n o n documentare, u n a condizione d i a r r e t r a t e z z a c h e s i v a accentuando c o l tempo. L ' a g r i c o l t u r a è, q u i , c o l t u r a d e l grano. I r e d d i t i a g r a r i della C o m p a g n i a provengono d a l grano, direttamente p e r i l 62%, e i n d i r e t t a m e n t e (affitti) p e r u n a l t r o 1 6 % . C o l t u r e costantemente p r a t i c a t e sono quelle dell'orzo e delle fave e, i n s c a l a r i d o t t i s s i m a , d i c i c e r c h i e , f a r r o , cerv i a , l i n o , v e c c i a , m i g l i o e p a n i c o . F r a l e c o l t u r e oggi più

( 3 0 ) Che del resto c o s t i t u i v a l'attività economica d i gran lunga preminente, e poi pressoché esclusiva. (31)

Nota

introduttiva

Del luogo e dell'antica I , Milano 1 9 7 1 , p. 9 . (32)

Montefeltro

PIER

ANTONIO

Illustrato,

città

a

P.A.

GUERRIERI

di Pitino,

GUERRIERI,

Della

DALLA

CASTELLACCIA,

i n « S t u d i Montefeltrani », Carpegna

Abellita,

et

del

p a r t e H I , R o c c a S a n Casciano 1924, pp. 5 0 - 5 1 .


84

GIROLAMO A L L E G R E T T I

diffuse nelle medesime campagne, m a n c a q u a l s i a s i accenno, oltreché alle patate e a l g r a n t u r c o d i c u i s e detto, a i fagioli, a i ceci, a i p i s e l l i . P o c h i s s i m o d i f f u s a l a produzione d i ortaggi. U n a l t r o 6 % del reddito a g r a r i o p r o v i e n e d a l l a vend i t a d i « legne e f a s c i n e » : sono numerose r e g i s t r a z i o n i q u a s i sempre d i m o d e s t i s s i m a entità, sì d a f a r p e n s a r e piuttosto a l l a p u l i z i a d i « s p a l i » e scarpate che a d abbattimenti veri e propri. N e l periodo 1703-1739, a seguito dell'assunzione delle t e r r e d i V a l b o n a , a c q u i s t a g r a n d i s s i m a r i l e v a n z a n e l b i l a n c i o della C o m p a g n i a l a v i t i c o l t u r a . L e vendite d i mosto a s s o m m a n o a l 1 3 % d i tutto Al redditto a g r a r i o d i questo periodo (33). L ' o l i v i c o l t u r a è assente nelle t e r r e d e l l a C o m p a g n i a della Morte, ed anche i n quelle della C o m p a g n i a d e l S a c r a m e n t o : m a f r a i l 1625 e i l 1655 d i v e r s i p a g a m e n t i a q u e s t ' u l t i m a vengono effettuati « i n tanto olio » (34), F r e q u e n t i , a n c h e se d i i r r i l e v a n t e i m p o r t o , le registraz i o n i d i v e n d i t a d i f r u t t i : ciliege, sorbe, pere, f i c h i , m a soprattutto mele e n o c i (35).

(33) Negli a n n i successivi anche di questa c o l t u r a quasi n o n restano più tracce. S e m b r a t u t t a v i a assai dubbio l'arresto della produzione d i mosti nel periodo successivo a l 1739, come risulterebbe dall'allegata tabella I . R E N Z O P A C I , i n L'ascesa della borghesia nella legazione di t/rbino dalle riforme alla restaurazione, Milano 1966, p, 223, dice che della v i t i c o l t u r a « s i l a m e n t a f i n d a l a seconda metà del Settecento l a eccessiva diffusione » m a che essa « ciononostante seguita tranquillamente ad espandersi ». (34) Ms. Y. ce. 12, 35v, 36, 36v, 37, 47: gran parte d i questi pagamenti però sono stati effettuati da B r a r d i n o della M u r c i a , e l'olio proviene dunque dalle terre d i Piagnano. (35) U n catalogo abbastanza completo, e interessante, della f r u t t i c o l t u r a della zona s i h a i n A.S.R., Statuta Castri Frontini Massae, p. 48: « . . . A r b o r i domestici, cioè [ d ' ] o l i v i , fichi, a m a n d o r l i , ciregij, o castagni, noci, m e l i granati, m e l i , m o r i , succini, p e r i


CAVOLETO

Mancano

85

quasi completamente registrazioni relative a

e r b i c o l t u r a e a l l e v a m e n t o : e q u i s i t o c c a i l p u n c t u m dolens dell'agricoltura Rarissimi

italiana

di questo periodo.

accenni agli

ovini

(36),

e

tutti

anteriori

al

1618. Suirallevamento

dei b o v i n i le notizie

molto scarne: v i si parla Sacramento

per

sono certe,

ma

di entrate della Compagnia

del

risarcimento

di

danni

dati

dalle

e per bovi r i m e s s i nella stalla del Comune, o della pagnia

della Madonna

per

l'affitto

della stalla

bestie Com-

dell'hospi-

t a l e (37), I

f o r a g g i sono c i t a t i

i l letame

(38). L ' u l t i m a

più t r a c c i a

u n a sola volta, e u n a sola v o l t a citazione

è d e l 1635: p o i n o n

dì a l l e v a m e n t i b o v i n i nè d i foraggi, d i

v'è

nessun

genere (39). A n c h e degli e q u i n i r e s t a n o n e i l i b r i

poche tracce, i n

e p e r s i c h i ». S e s i tiene presente che gli S t a t u t i d i F r o n t i n o r i salgono probabilmente a l sec. X V , anche per questa v i a e anche i n questo settore s i constata u n deterioramento dell'agricoltura. (36-) Ms X, ce. 5v, 14, V i l i . S i t r a t t a dell'acquisto d i due pecore, per gr. 11 e 12 rispettivamente, i n occasione dei prandi d i festa, e della vendita d i i m a pelle d i pecora per gr. 2. (37) Ms. Y, ce. lOv, 18; ms Y, ce. 18, 29, 30, 45; ms. X , ce. 6, 13. (38) Ms X, ce. 37v ( « grossi tre per l'herba d a C a M a r i n o » ) , 58r ( « p a g a i boli. 8 à m.ro Gioanno per stabbio»). (39) N o n pensiamo n a t u r a l m e n t e a u n a s c o m p a r s a totale dei b o v i n i da u n villaggio a economia soltanto agricola: m a certo a u n fortissimo impoverimento. S u l l a vulnerabilità del bestiame (per frequenti e disastrose epizoozie e per a l t a sterilità) e sullfe conseguenze dellle m o r i e d i bestiame nella società p r e i n d u s t r i a l e sì legga i n C I P O L L A , Storia economica cit., pp. 145-147. P e r u n dato orientativo sì veda l a « Nota d i s t i n t a d i tutto i l bestiame vaccino esistente » n e l V i c a r i a t o d i F r o n t i n o attorno agli a n n i 1730-33: b o v i n» 141, vacche n^ 111, v i t e l l i n . 3 1 . I l V i c a r i a t o poteva a l l o r a contare 6-700 a b i t a n t i . S i noti l ' a l t i s s i m a incidenza dei buoi, e dunque l a destinazione dell bestiame più a l lavoro che a l r a l i m e n t a z i o n e (A.S.P., Delegazione Apostolica, Lettere delle Comunità, Frontino 1581-1807).


86

GIROLAMO A L L E G R E T T I

occasione d i pagamenti p e r t r a s p o r t o d i m a t e r i a l i p e r l'odilizia. S a l v o p o c h i s s i m i a c c e n n i alle u o v a c o m e c o n s u m o , e u n o solo come prodotto v e n d u t o (40), m a n c a q u a l s i a s i r i f e r i m e n t o agli a n i m a l i d a c o r t i l e d i q u a l s i a s i specie. P e r q u a n t o r i g u a r d a i s u i n i , essi sono c o m p l e t a m e n t e a s s e n t i d a i r e g i s t r i f i n o a l 1710, anno i n c u i s i c o m p r a u n « S e r b a t o j o a l L a v o r a t o r e d i V a l b o n a » p e r g r o s s i 13.12 (41), e a l t r i nove se ne c o m p r e r a n n o fino a l 1727, dopodiché n u o v a m e n t e s c o m p a r i r a n n o d a i l i b r i . E ' vero che s i c o n t i n u a a vendere l e ghiande, e dunque q u a l c h e a l t r o agricoltore se ne doveva s e r v i r e : m a è più p r o b a b i l e che se ne s e r v i s s e p e r s f a m a r n e i figlioli che per a l l e v a r p o r c i , se dobbiamo credere a m o n s i g n o r P a i l o t t a che p o c h i a n n i più t a r d i (1775) visiterà p e r conto del p a p a l a Legazione d ' U r b i n o (42). N o n c'è foraggio, dunque i l b e s t i a m e è scarso, d u n que n o n c'è possibilità d i p r o f o n d i e s i s t e m a t i c i l a v o r i c o l t u r a l i e soprattutto n o n c'è possibilità d i a r r i c c h i r e i t e r r e n i c o l letame. P e r f o r t u n a (e sarebbe meglio d i r e per s o m m o d i m i s e r i a ) , c o n t r a r i a m e n t e a l l a tendenza generale (43), l a popolazione a Cavoleto tende a d i m i n u i r e : m a ugualmente n u o v e t e r r e p r i m a b o s c h i v e vengono messe a c o l t u r a , com e C a J a c o m i n o , affrettando così l a degradazione del terr i t o r i o , a l l a quale del resto provvedono d a s o l i gli agenti n a t u r a l i n o n i n f r e n a t i : n e l 1725 i l f i u m e s i p o r t a v i a u n

(40)

Ms W, c. 17.

( 4 1 ) Ms. Z, c. 27v, Prezzo medio dei dieci serbato] se. 0.14.18, m a s s i m o se. 0,18.0, m i n i m o se. 0.9.0.

( 4 2 ) A.S.R., Camerale II, Computisteria Generale, b. 7, I l tesoriere generale riferisce che i contadini della Legazione s i cibano d i pane fatto con f a r i n a d i ghiande, e osserva che « i n a l t r i paesi mangiano assai migliore l i cani d a c a c c i a ». ( 4 3 ) R . P A C I , L'ascesa

della

borghesia

cit., p. 4 .


CAVOLETO

87

q u a r t o del campo d i C a O l i v i e r o (44).

9. R E D D I T O A G R A R I O N e i novantaseì a n n i che v a n n o d a l 1666 a l 1761 l a C o m p a g n i a d e l l a M o r t e r e g i s t r a , c o m e reddito d i t u t t i i s u o i t e r r e n i (v. T A B . I ) , entrate p e r 350 s c u d i , a l netto delle d e c i m e e p a r z i a l m e n t e a l netto d i a l t r e spese d i esercizio. R e s t a n o t u t t a v i a d a s o t t r a r r e u l t e r i o r i spese e tasse (v. T A B . I I ) per 104 s c u d i , s i che i l reddito netto s i r i d u c e a 246 s c u d i , p a r i a c i r c a 60 some d i grano. D a l l ' e s a m e d e l l a T a b . I s i deduce che i l reddito agrar i o , già così basso n e l X V I I secolo, andò r i d u c e n d o s i n e l secolo successivo. Se s i escludono i n f a t t i — p e r omogeneità d i v a l u t a z i o n e — le t e r r e dì V a l b o n a , i l reddito lordo medio annuo, che n e l perìodo 1666 - 1703 e r a d i 62 gross i , n e l periodo 1703 - 1739 r i s u l t a d i 46 grossi e n e l periodo 1 7 4 0 - 1 7 6 1 scenderà a 16 g r o s s i . I n f i n e , d a l l a c o m p a r a z i o n e f r a l e T a b b . I e I I , e poiché le s e m e n t i c o n s u m a t e n e l perìodo 1703 - 1739 sono q u a s i tu tte p e r V a l b o n a , s i h a c h e i n q u e l podere d a u n c h i c c o d i grano seminato n o n sempre s i r i u s c i v a a raccoglierne due (45).

(44) Ms. W, ce. 44v. Solo i n anni successivi s e m b r a s i prenda coscienza del p r o b l e m a della degradazione del t e r r i t o r i o e dei suoi pericoli. Nel 1742 « furono date i n affitto le t e r r e della Venerabile Compagnia della Morte a G i o : B a t t a d i G i o : C o n t i per prezzo d i paoli v e n t i all'anno per tré anni, e per Sigurtà f u m e s s a D.a L i sabetta d i l u i moglie; onde che i l med.o n o n possi deteriorare m a più tosto bonificare...» (Ibid., c. 32v); e n e l 1745 a l medesimo l a Compagnia lasciò nell'affitto t r e paoli « havendoli bonificato cert i l a v o r i i n bonificamento» (Ibid., e. 33). (45) Che i l dato r i s u l t a n t e d a questo studio n o n s i a troppo lontano d a l vero è confermato i n v a r i studi. R . P A C I , i n L'ascesa


TAB. I - E N T R A T E D E L L A COMPAGNIA D E L L A M O R T E 1666 - 1703

affitti

C MB PR VB D/I

14.14.00

â„¢ " TOT

GRANO

biade

0. 3. 8 15. 3. 0 0. 9. 0

legna

DERIVANTI DAI

mosto

maiali

TERRENI diversi

3.10.15

82.12. 0

0. 8. 0

0.15. 0

14.14.00

98. 7. 8

0. 8. 0

4. 5.15

C MB PR VB D/I

10.15.05

0. 2. 0

2.11.15

7.12.12 1. 8. 0

6. 1. 0 34. 4. 0 5.14. 0 52. 4. 0 5. 3.12

9.11.12 2. 9. 0

2.11.12 5.15. 0

17. 8.18 6. 5. 6

9.12.18 0.12. 0

TOT

19.15.17

103.06.12

12.02.12

10.18.03

23.14.00

10.04.18

/

/

TOT.

0.16.15

18.07.23 15.03.00 0.09.00 / 84.11.15

0.16.15

118.11.14

0. 1.12

1.18. 5 2. 4.12

19.11.08 34.04.00 5.14.00 100.19.05 23.17.06

4.04.05

184.05.19

1703 - 1739

1740-1761 C MB PR VB D/I TOT ToT. G.

1.16. 0 9. 3.18 20. 6. 5

3.13.12 1.16. 0

3. 6. 1

0.13.12 4.13.18

0. 2. 8

l2.02.05

14.13.06

3.06.01

5.07.06

" 0.02.08

56.11.22

216.07.02

15.16.13

20.11.00

23.16.08

2.10.10 / 10.04.18

1.16.00 9.03.18 / 30.12.00 6.09.18

2.10.10

~48 0 U 2

7.11.06

350.18.21


89

CAVOLETO

TAB. I I - U S C I T E D E L L A COMPAGNIA D E L L A M O R T E P E R S P E S E D I CONDUZIONE AGRICOLA E C O L L E T T E

semenza grano semenza biade manutenz. e risarò. edif. r u r a l i acquisto m a i a l i collètte TOTALE

1666-1703

1703-1739

3.12. 0

34. 9.12 3.13. 0

1740-1761

TOTALE 38.01.12 3.13.00

3. 4.12

10.13. 9

14. 8.12 7. 7.18 19. 2. 2

8. 1. 0

17.13.00 7.07.18 37.16.11

14.05.09

79.00.20

11.05.12

104.11.17

AVVERTENZE ALLE TABB. I - I I . a) N e l l a T A B . I , C sta per Cavoleto (terre di), M B per Monteboaggine, P R per P i e t r a r u b b i a , V B per V a l b o n a , D / I per diverse, incerte o senza indicazioni. b) Per « biade » s'intendano: orzo, leguminose, sementine. c) L e entrate i n grano e biade, nei registri, sono per lo più espresse i n m i s u r a . Nelle tabelle invece sono ovviamente espresse solo i n denaro, rapportando i l grano a 36 grossi a mastello fino a l 1739, a 42 grossi dal 1740; le biade a 32 grossi a mastello fino a l 1739, a 20 grossi dal 1740. T a l i coefficienti sono stati assunti calcolando l a media aritmet i c a d i t u t t i i prezzi pervenuti per i r i s p e t t i v i periodi. d) D a l 1740 tutte le registrazioni sono espresse i n moneta romana. Nellle tabelle sono rapportate tutte a l l a moneta d'Urbino. e) Per l a divisione i n periodi v a precisato che essa è s t a t a fatt a tenendo presenti c r i t e r i di omogeneità d i impostazione contabile. Dopo l a «visita» del 1703 (v. par. 3) l a contabilità diventa m o l t o più circostanziata e precisa. I n o l t r e proprio a l l o r a compaiono le p r i m e entrate e le p r i m e spese relative a V a l b o n a . Dopo i l 1739 a D. Benedetto B i n d e l l i è subentrato come c u r a t o don Carl'Antonio L u z i , molto m e n o prodigo d i p a r t i c o l a r i , che adotta l a monetazione r o m a n a .


GIROLAMO A L L E G R E T T I

9° Questo

dà u n a s u f f i c i e n t e

idea

d e l l a sterilità

c u i a-

vevano ridotto i nostri terreni pratiche agricole

sempre

più

da c u i

dissennate

d o v e v a n o esser a causa

10.

e disperate,

e

della

disperazione

p r e s i g l i a b i t a n t i delle n o s t r e

campagne

d e l l a sterilità d e l suolo.

PREZZI Dall'analisi

d e i p r e z z i emerge c h i a r a

l a rigidità

com-

p l e s s i v a a lungo t e r m i n e , tanto p e r i p r o d o t t i a g r i c o l i c h e p e r q u e l l i n o n a g r i c o l i : p e r q u e s t i s i e s a m i n i l a ser i e dì d a t i r e l a t i v i a l l a c e r a b i a n c a d ' a l t a r e , i l c u i prezzo o s c i l l a fra

gli 8 e i 9 grossi a libbra, con punte m i n i m e di 7 e

m a s s i m e d i 10 ( T a b . I I I ) .

della borghesia cit., p. 1 2 1 , a f f e r m a che n e l t e r r i t o r i o della Legazione d i U r b i n o « i l grano rende sovente n o n più d i due o t r e sem e n t i ». Anche n e l resto d e l l ' E u r o p a r a p p o r t i così bassi, se pure raramente, sono documentati: 1,8 nell 1 2 9 8 a Wistowe, 1,6 n e l 1300-39

a

Blakenham, 2 nel

1700-12

a Giersdorf,

1,9 n e l

1777-99 a

L o h m e n . T u t t a v i a n e l corso d e l ' 7 0 0 i r a p p o r t i m e d i migliorano decisamente, fino a superare i l 2 0 n e i Paesi B a s s i . S i v e d a i n B . H . S L I CHER V A N B A T H , Storia agraria, cit., p p . 4 8 8 sgg., dove peraltro m a n c£mo notizie s u l l ' E u r o p a meridionale. I n u n a relazione della Municipalità d i U r b i n o del 1 7 9 9 s i aff e r m a a n c o r a che n e l territorio i l prodotto n o n sempre raddoppia l a semente, e che l a produttività m e d i a dei t e r r e n i n o n a r r i v a a t r e sementi ( G . GARAVANI, Urbino e il suo territorio nel periodo francese ( 1 7 9 7 - 1 8 1 4 ) , U r b i n o 1 9 0 6 4 9 0 8 , parte I I , p. 9 4 ) . E l'anno stesso i n agosto, a raccolto avvenuto, s i constata: « i n quest'anno [la t e r r a ] n o n h a reso l'altrettanto della sementa » (Ibid., p. 1 0 1 ) . I l rapporto medio p e r Cavoleto 1703-1739 sarebbe d a calcolarsi i n 1,5. .


CAVOLETO

T A B . I l i - P R E Z Z I C E R A B I A N C A : grossi / l i b r a . 1611 1613 1624 1625 1634 1642 1666 1667 1669 1670

9,0 8.0 8.0 10.0 8.0 8.0 9.0 8.0 9.0 9.0

1671 1673 1674 1675 1676 1677 1678 1681 1684 1687

7.12 8.12 8.0 7.0 7.0 8.0 9.0 8.2 9.0 8.0

TAB. IV - PREZZI grossi / libra).

DELL'OLIO:

1609 1610 1613 1614 1616 1625 1626

1927 1632 1633 1634 1635 1637 1939

2.0 2.0 1.16 2.0 3.8+ 4.0+ 2.12

grossi

4.16+ 5/5.8 + 2.0 2.0 2/2.12 1.20/2 1.19

1695 1703 1711 1715 1718 1719 1723 1727 1734 1737

8.0 8.6 8.10 7.12 10.0 9.0/9.18 8.0 7.18 9.0 8.10/9.0

/ foglietta

1642 1643 1644 1655 1673 1679 1681

(+ :

2.8/3.5 2.6/3.5 3.13 2.0 2.0 2.0 2.0

T A B . V - P R E Z Z I D E L V I N O : g r o s s i / boccale. 1609

1612 / 1613 1618 1623.

1.0 1.10 1.0 1.0 1.0

1626 1633 1634 1635 1636

1.8 1.8 1/1.16 1/1.15 1.12

1639 1651 1669 1673

1.0 1.0 1.0 1.7


GIROLAMO A L L E G R E T T I

92

T A B . V I - P R E Z Z I D E L G R A N O : grossi a m a s t e l l o (quatt r i n i a r r o t o n d a t i a l grosso). 1608 1610 1621 1623 16-24 1626 1632 1634 1640 1641 1642 1643 1644 1645 1646 1647 1649 1650 1652 1654 1655

44 30 80 56 52 44 40/60 20 30 60 48 32/48 40 52 60 32/48 52 64 64 40 44

1656 1657 1662 1666 1669 1670 1671 1672 1677 1678 1681 1685 1686 1690-3 1693 1694 1695 1696 1697 1699 1702

53 40 24 30 28/30 30 45 30 48 56 24 24/36 24 24 63 45 44/45 53 48 36 34

* Moneta r o m a n a r a p p o r t a t a a moneta

1705 1707 1708 1709 1711 1712 1713 1715 1716 1718 1719 1721 1722 1725 1726 1733 1749* 1750* 1751* 1755* 1760*

30 40 60 44 24 24 40 45 43 24/36 36 24 30 30 18 36 44 39 44/51 36 46

d'Urbino.

A n d a m e n t o sostanzialmente t r a n q u i l l o h a n n o anche i prezzi dei p r o d o t t i a g r i c o l i : l'olio, a p a r t e l ' i m p e n n a t a 1642 - 44, è q u a s i costantemente f e r m o a 2 grossi a fogliett a ( T A B . I V ) ; i l v i n o c o s t a generalmente 1 grosso a boccale, e solo n e l q u a d r i e n n i o 1 6 3 3 - 3 6 s i n o t a u n a sensibile lievitazione: i l m a s s i m o r e s t a t u t t a v i a l ' I . 16 d e l 1634 ( T A B . V). I l d i s c o r s o è invece a s s a i d i v e r s o p r quanto r i g u a r d a le biade (46) e i c e r e a l i (47), e f r a questi s o p r a t t u t t o i l gra-

(46) I dati disponibili p e r le fave documentano u n a oscillazione m a s s i m a f r a 14.16 e 32 grossi a mastello; per l a granella f r a 34.16 e 58.8; per miglio e panico f r a 40 e 64. (47) I l prezzo dell'orzo v a d a u n m i n i m o di 18 a u n m a s s i m o


CAVOLETO

ì

C)3

n o ( T A B . V I ) , le quotazioni del quale h a n n o o s c i l l a z i o n i f o r t i s s i m e anche nell'arco della s t e s s a a n n a t a : più d i t m a v o l t a l'oscillazione tocca i l 5 0 % . L a quotazione m a s s i m a attestata è d i 80 g r o s s i a mastello (1621), l a m i n i m a d i 18 g r o s s i (1726). N e l lungo periodo l a grande c r i s i d e l l ' a g r i c o l t u r a ital i a n a è r i s p e c c h i a t a d a l l a stagnazione dei prezzi a g r i c o l i e a d d i r i t t u r a d a s i n t o m i d i recessione, i n c e r t i e t a l v o l t a d i segno opposto per i l grano (48), a s s a i più evidenti per l'orzo (49). I prezzi dei m a n u f a t t i appaiono i n confronto a s s a i più s o s t e n u t i : i c h i o d i costano, a parità d i peso, più dell'olio; con u n a s o m a d i v i n o s i s t e n t a a c o m p r a r e c a r t a d a s c r i v e r e m a l t a g l i a t a e peggio r i l e g a t a per l'equivalente dì due c h i l o g r a m m i . L a s e r r a t u r a per l a c a s s e t t i n a delle offerte sì m a n g i a le offerte dì d i e c i a n n i (50).

d i 40 grossi a mastello. (48) I l prezzo medio del grano, calcolato sullla T A B . V I , è all'inc i r c a d i grossi 45.12 a mastello nel periodo 1608-1644, 44 nel periodo 1645-1669, 39 nel periodo 1670-1696, 37 n e l periodo 1697-1716, 35 infine negli a n n i 1718-1760. I n t u t t a E u r o p a , dopo l a 2,a metà del X V I secolto, s i h a u n a f o r t i s s i m a contrazione dei prezzi agricoli. N e l l ' I t a l i a settentrionale l'indice del prezzo del frumento (172145 = 100) h a i l seguente andamento: 1501-50 = 114,8; 1551-600 = 232,5; 1601-50 = 209,6; 1651 -1700 = 112,7; 1701-50 =102,5; 1751-800 = 145; 1801-50 = 185,2. Per questi e per a l t r i d a t i sull'andamento dei prezzi s i veda B . H . S L I CHER V A N B A T H , Storia agraria cit., pp. 486-7. (49) L'orzo quota mediamente 32 grossi a mastello nel periodo 1623-1648, 25 negli a n n i 1749-60. (50) E c c o i prezzi d i a l c u n i m a n u f a t t i : t r a parentesi l'anno d i registrazione, manoscritto e carte. L i b r o di conti: gr. 2.14 (1608; X, I ) , gr. 2.13 (1608; X, I I I ) , gr. 3 (1642; X , 5 0 r ) , gr. 2.12 (1666; Z , l ) . T r e q u i n t e r n i d i c a r t a : gr. 2.12 (1627; X , X X I V v ) . Coppi: a l cento: gr. 20 (1641; X , 52), gr. 19.4 (1685; Z, 16v); Coppi grossi: a l cento: gr. 26 (1608, X, I I ) ; m a t t o n i a l cento gr. 8.18 (1608; X , I I ) ; u n vasetto di t e r r a per f i o r i gr. 0.12 (1699; Z, 22).


94

GIROLAMO A L L E G R E T T I

S e t u t t i i prezzi r i m a n g o n o s t a b i l i o a d d i r i t t u r a tendono a c o m p r i m e r s i , l a « carità a i S a c e r d o t i » p e r l a mess a o s c i l l a f r a 1 e 2 grossi n e l l a p r i m a metà d e l '600, f r a 2 e 3 g r o s s i n e l l a seconda metà, s i s t a b i l i z z a a 3 g r o s s i n e l '700. S c a r s e e incerte notizie c i r e s t a n o invece s u l l e r e t r i b u z i o n i d i operai e a r t i g i a n i (51).

11. P R E S S I O N E

FISCALE

S u l l a gravosità, s u l l a molteplicità, i c o m e s u l l a i n i q u i tà d e l l a imposizione fiscale i n questo periodo e i n questo t e r r i t o r i o m o l t o è stato s c r i t t o , e, p e r l a verità, n o n r i m a n e m o l t o d a aggiungere; nè i m a n o s c r i t t i d i Cavoleto offrono documentazione c o m p l e t a ed o r g a n i c a s u i d i v e r s i e c o m p l e s s i aspetti d e l l a m a t e r i a . R e s t a c o n f e r m a t a l a proliferazione d i imposte e tasse, anche se riesce difficile p r e c i s a r n e l ' i n c i d e n z a s u l complesso delle attività economiche. Sono documentate spese

Chiave per cassone gr. 4 (1634, X , 60); s e r r a t u r a gr. 6 (1666, Z, 1); i n f e r r i a t a gr. 27 (1666, Z, 1); i n v e t r i a t a gr. 32 (1675, Z, 9); chiodi u n a l i b b r a gr. 2 (1669, Z, 4 v ) . Candeliere gr. 6 (1640, X , 52r), gr. 3 (1705, Z, 25); sopratovaglia gr. 13.12 (1691, Z, 19v). P e r i l confronto olio/chiodi s i tenga presente che l a l i b b r a d a olio pesava 32 once contro Ile 12 once della l i b b r a n o r m a l e (v. APP. I V ) . (51) G l i artigiani, r a r i s s i m i e m a g a r i scadenti, sembrerebbero ben pagati: i manovaU poco o niente. I n Ms. X , c. I I (1608): « p e r accomodare 1 ospitale grossi 12 d i spesa e s a l a r i per l i m a s t r i che f u m o giornate quattro». Ibid., c. V (1611): « p e r acconciare l a c h i a u a t u r a a l casone doi grossi». Ibid., c. 61r (1634): « u n giulio p e r esser stato doi giorni aiutante a l M u r a t o r e ». N o t a delle spese per i l « resarcimento della Capella » n e l 1666, i n ms Z, ce. lv-2: « i n u n a f e r r a t a per l a finestra 1.7.0; i n c a l c i n a e gesso 0.15.0; i n m a n u a l i 0.6.0; a M.ro M a r c o m u r a t o r e 4.4.0; a l Pittore p e r depingere i l scalino 0.5.0 = 6.17.0.


CAVOLETO

95

n o t a r i l i e c a t a s t a l i v a r i e , imposte s u l m a c i n a t o (52), taglioni e tangenti s u i c e n s i , spoglie e galere, c o n t r i b u z i o n i pontificie, decime p a p a l i (53). L ' i m p o s i z i o n e più onerosa e r a n a t u r a l m e n t e q u e l l a o r d i n a r i a , p e r decime e collette. L e decime, pagate a i c u r a t i d i Cavoleto, Monteboaggine, Monte S . M a r i a , P i e t r a r u b b i a e V i a n o — legate a l reddito dei t e r r e n i — , sono registrate s p o r a d i c a m e n t e , forse perché d i solito v e n i v a n o pagate i n n a t u r a , p r i m a che l a Compagnia registrasse l'entrata netta. D a t i più o r g a n i c i a b b i a m o invece s ul l e Collette o Colte ( T A B . V I I ) , imposte che l a C o m p a g n i a pagava s u l l ' e s t i m o dei t e r r e n i che possedeva n e i s u c c i t a t i c a s t e l h . E ' possibile osservare, anzitutto, che i l c a r i c o f i s c a l e s u l complesso dei t e r r e n i v a aggravandosi col tempo: e s i capisce c o m e p o s s a d i v e n t a r e i n s o s t e n i b i l e se lo m e t t i a m o i n rappo rto a l l a già i l l u s t r a t a contrazione d i reddito.

(52) Ms. Z, c. 13: « N e l l a boletta per m a c i n a r e sei q.ti d i grano per i poveri grossi uno » E ' l'unica attestazione dell'imposta s u l macinato, m a è significativo che, f r a tante immunità concesse a nobili e prelati, non ne fosse p r e v i s t a u n a , tanto necessaria, per i poveri. (53) Spoglie e galere sono registrate nove volte i n ms. Z, p a s s i m , d a l 1690. Decime papali i n ms. X, c. 52r. Contribuzioni pontificie i n ms. Z, c. 30.


96

GIROLAMO A L L E G R E T T I

TAB. V I I - C O L L E T T E P A G A T E DALLA COMPAGNIA D E L LA MORTE C

MB

PR

VB

D/I

TOT

1666-1703 1703-1739 1740-1761

1.16.10 10. 8.19 2.11. 6

0.12. 1 1.14.20 0. 0. 0

2. 0. 9 2.12.13 1.14.12

0. 0. 0 0.17.16 0.15. 0

6. 4.13 3. 8. 6 3. 0. 6

10.13. 9 19. 2. 2 8. 1. 0

TOTALE

14.16.11

2. 6.21

6. 7.10

1.12.26

12.13. 1

37.16.11

S i vedano avvertenze a ) , d ) , e) alle T A B B . I e I I .

Avendo presente l a T A B . I s i o s s e r v a c h e l a pressione f i s c a l e p e r sole collette raggiunge n e l periodo 1 6 6 6 - 1 7 0 3 i l 9% del reddito a g r a r i o c o m p l e s s i v o ; n e l periodo 1 7 0 3 1739 l a percentuale s'eleva a l 1 0 , 3 % p e r t oc c a re n e l periodo 1740-1761 i l 16,7%. Osservazione forse singolare, m a n o n certo n u o v a , è che l a entità del c a r i c o fiscale n o n s e m b r a a v e r e a l c u n a relazione c o l l ' a m m o n t a r e del reddito, e dunque col v a l o r e a t t u a l e del terreno. Poiché i l c a r i c o d e l l a c o l o n n a D / I ( T A B B . I e V I I ) s i d i s t r i b u i s c e p r o p o r z i o n a l m e n t e s u lle r e s t a n t i colonne e perciò n o n a l t e r a s e n s i b i l m e n t e i l quadro, s i può c a l c o l a r e che per i l periodo 1703 -1739 (54), m e n t r e le colte pagate a V i a n o p e r V a l b o n a c o r r i s p o n d o n o a l l o 0 , 9 % del reddito lordo, quelle pagate a Monteboaggine toccano i l 5 % e quelle r e l a t i v e a P i e t r a r u b b i a superano i l 45%. N e l periodo successivo, a d d i r i t t u r a , s i r i l e v a n o sette pag a m e n t i d i colte a P i e t r a r u b b i a p e r 34 grossi, m e n t r e dall a s t e s s a località n o n s i r e g i s t r a n e p p u r e u n r i s c o s s o (55): d i p e n d a d a u n a combinazione p u r a m e n t e c a s u a l e ?

(54) E ' quello i n c u i i d a t i sono più organici. (55) I n u n catasto della fine del sec. X V I I I Ila « Compagnia d i Cavoleto » figura p r o p r i e t a r i a a P i e t r a r u b b i a d i i m appezzamento d i canne 64, dell'estimo d i 3 scudi: A.C.MF., Fondo Pietrarubbia, Catasto Nuovo, c. 97v. ,


CAVOLETO:

U n tratto delle m u r a del

castrum

(A.

Renda)


CAVOLETO:

Portale di C a s a C o s m i

(A. Renda)


CAVOLETO:

Case sulla piazzetta

(A. Renda)


CAVOLETO:

Case s u bastione (sec.

XVI)


T e r r e n i degradati i n agro d i Cavoleto


CAVOLETO

97

12. A L I M E N T A Z I O N E I m a n o s c r i t t i d e l l ' a r c h i v i o p a r r o c c h i a l e n o n consentono d i conoscere, n e p p u r e i n modo i n d i r e t t o , le condiz i o n i d i v i t a e l a situazione a l i m e n t a r e dei c o n t a d i n i , dei b r a c c i a n t i , dei n o l a n t i d i Cavoleto. U n sottile spiraglio, che t u t t a v i a n o n m i è p a r s o giusto ignorare, s i a p r e invece s u i « d e s i n a r i » d e i p r e t i i n occasione delle feste d i m a r z o e novembre organizzate d a l l a C o m p a g n i a d e l l a M o r t e (56). A p p a r e a p r i m a v i s t a , e a n c o r a u n a v o l t a , evidente l a contrazione dì r i s o r s e n e l corso del sec. X V I I e p o i n e l l a p r i m a metà del X V I I I . S e n e l periodo 1608- 1652 l a s p e s a m e d i a a n n u a r e g i s t r a t a è dì g r o s s i 28, n e l p e r i o d o 17401750 scenderà a 15 grossi ( T A B . V i l i ) . L a p r i m a metà d e l '600 a p p a r e i n f a t t i , i n confronto a i s u c c e s s i v i , u n periodo p r o s p e r o : lo s i r i l e v a a n c h e d a l l a composizione della spes a , m o l t o più a r t i c o l a t a d i quanto a p p a i a (57) i n seguito. I I pane costituisce sempre l ' a l i m e n t o d i base: s i può c a l c o l a r e che i n p a n e andasse u n terzo d e l l a spesa (58).

I n A.S.P., Visita Boria, voi. I I , e. 511, è riferito che a Cavole^ to « l a Coletta c o m m i m i t a t i v a è imposta super es, et l i b r a m e s i paga egualmente s i da Paesani, che d a F o r e s t i e r i a l l a r i s e r v a dei beni d i p r i m a erezione, P a t r i m o n i S a c r i , e privillegiati. I n o n possidenti n o n pagano ». E a n c o r a che « è i n osservanza i l B r e v e d i P i o I V : onde 'anche gli E c c l . t i c i pagano egualm.te, che i S e c o l a r i per i beni d i secondo acquisto ». (56) Ms X per gli a n n i 1608-1652, ms. Z dopo i l 1666. (57) Nei periodi 1666-1700 e 1740-1750 l a preponderante incidenza delle registrazioni c u m u l a t i v e rende poco proficua l ' a n a l i s i della composizione d i spesa. (58) Per i l pane ai m a c i n a v a ogni anno i l grano della Compagnia, e m a n c a l a registrazione d i spesa. P e r difficoltà dì c a l c o l i l'importo relativo r e s t a perciò escluso dalla tabella, almeno n e l periodo 1608-1652: per i successivi esso è spesso compreso n e l l a voce « diverse ». Per i l periodo 1608-1652 l a spesa m e d i a a n n u a globale dovrebbe dtmque essere p o r t a t a a c i r c a 40 grossi, r i m a n e r e pressoché i n v a r i a t a per ì periodi successivi.


98

GIROLAMO A L L E G R E T T I

TAB. V i l i - COMPOSIZIONE DELLA SPESA A L I M E N T A R E NEI

PRANZI FESTIVI

DEL CLERO 1608-52

1666-70

Vino Olio Carne Formaggio Pesce Spezie Ortaggi Legumi Frutti Altri Diverse

18 % 9 % 26,5% 20 o/o 1 % 4 % 1 o/o 2,5% 3,5% 2,5% 12 %

7,4% 2,4% 3,2% — % 3,1% 0,1% 0,6% 0,4% 0,2% 0,2% 82,4%

Tot. Spesa m e d i a a n n u a escluso i l pane ( i n grossi)

100 %

100 %

28

1740-50 3 % — o/o 1,5% — % — % — % — % . — % — % o/o 95,5% 100 %

23

T A B . I X - C O N S U M I A L I M E N T A R I C . S : frequenze tazione Alimenti

base:

Formaggio

15

d i ci-

Pane, V i n o , Olio.

29

Carni: C a r n e 20, P e c o r a 3, S a l a m i 1, L a r d o 2, S a l s i c c e 1, Polli 1 Spezie:

Spezie 23, Zafferano 3, Pepe 3, G a r o f a n i 1, S a l e 3

Frutti:

Pere 1, F i c h i 3, Mele 2, Castagne 1, N o c i 8, U v a 1,

Frutti 1 Legumi:

F a g i o h 2, C e c i 7, L e g u m i 5, F a v e 2, C i c e r c h i e 1

Ortaggi:

C a v o l i 4, S p i n a c i 1, P o r r i 1, S e d a n i 2 S a r d e l l e 3, Pesce 2, A r i n g h e 5

Pesce

conservato:

Altri:

M i e l e 4, F a r i n a 2, U o v a 4, C r e m a 2, M a c a r o n i 1.

L e voci sono i n ordine d i apparizione. A d es. le noci, benché presenti 8 volte, compaiono l a p r i m a volta dopo le castagne che hanno u n a s o l a presenza.


CAVOLETO

99

N e l m e d e s i m o periodo, r e l a t i v a m e n t e elevato è i l cons u m o d i c a r n e , che costituisce i l 2 6 , 5 % della r e s i d u a spes a : seguono i l formaggio, i l v i n o , l ' o l i o (59), spezie, f r u t t a , legimii, pesce conservato, ortaggi. A n c h e l'esame delle frequenze d i citazione ( T A B , I X ) , p u r senza voler loro a t t r i b u i r e carattere probatorio assol u t o , n o n è p r i v o d i significative i n d i c a z i o n i . S e s i r i l e v a c o m e t u t t i i prodotti, anche s e d i m o d e s t i s s i m o v a l o r e e t i p i c i d i u n ' e c o n o m i a — per così d i r e — d e l l ' a i a , vengan o a c c u r a t a m e n t e r e g i s t r a t i e v a l u t a t i , è i n f a t t i evidente c h e i n generale presenze e assenze d i d e t e r m i n a t i p r o d o t t i n o n possano essere c o n s i d e r a t i p u r a m e n t e c a s u a l i . S i n o t i così, a d esempio, l'assenza f r a i l pesce conserv a t o del baccalà; f r a le c a r n i , d i conigli, p i c c i o n i , p a l m i pedi, eoe. S i n o t i l a g a m m a p o v e r i s s i m a degli ortaggi, le i n f r e q u e n t i c i t a z i o n i d i sale (60), u o v a , l a r d o . S i n o t i i n fine l ' a s s e n z a del latte oltreché dello zucchero (61).

13. P O P O L A Z I O N E I d a t i che è possibile desimiere s u l l a situazione e s u l l'andamento demografico (62) sono d a prendere con cautela, a c a u s a della e s t r e m a l i m i t a t e z z a del campione, e c o n beneficio d'inventario a c a u s a delle inesattezze degli estense-

(59) Alcune registrazioni n o n distinguono però gli a c q u i s t i d i olio per impieghi a l i m e n t a r i d a quelli per u s o r i t u a l e (lampada del S a n t i s s i m o ) . (60) D a l 1655 a l 1664 l a Comunità d i Cavoleto spese a n n u i scud i 2.04.0 per l a «condotta dell sale»: 4 some all'anno (A.S.P., Delegazione Apostolica, Tabelle, sub a n n i s ) . (61) D e l latte non è m a i m e m o r i a n e i m a n o s c r i t t i : è u n a ind i r e t t a conferma della contrazione f o r t i s s i m a degli allevamenti. (62) Per i dati 1627 ms. R, ce. 69-73; per d a t i 1732-1808 ms, passim.

SA,


100

GIROLAMO A L L E G R E T T I

r i dei r e g i s t r i (63) oltreché delle difficoltà n e l leggerli (64). T u t t a v i a a l c u n e c o n s i d e r a z i o n i possono r i t e n e r s i v a lide perché t r o v a n o r i s c o n t r o i n a l t r e a c q u i s i z i o n i , a l c u n e

(63) Clamoroso l'errore n e l computo degli a b i t a n t i del 1787 (l'estensore ne h a elencati 88 e poi h a dato l a c i f r a r i a s s u n t i v a d i 119), errore che s i ripete anche l'anno successivo: v. T A B . X . I n genere tutte le successive registrazioni fino a l 1804 (estensore don F u c c i ) appaiono fortemente scorrette. Non mancano, rellativamente a l l a popolazoine d i Cavoleto, a l t r i dati ed a l t r i problemi. D a A.M. Z u c c H i T R A V A G L I , Raccolto Istorico ovvero Annali del Montefeltro, m s . i n B I B L . C O M . P E N N A B I L L I , s i h a notizia che nel 1563 Cavoleto e r a censito per 23 f u m i ( T o m o V , ce. 170 2/v) e nel 1707 per 146 abitanti ( T . V I , c. 246r). G. B . M A R I N I , Memorie storiche sulla Provincia di Montefeltro, m s , e ds. i n A r c h i v i o Comunale S a n Leo, T o m o I I , p a r t e I I , p.ds. 35, r i p o r t a u n documento databile f r a i l 1597 e i l 1631, i n cui s i danno, per Cavoleto, 168 anime. Secondo i l censimento ecclesiastico del 1656 Cavoleto aveva 170 anime ( F . CORRIDORE, La popolazione dello Stato Romano 16561901, R o m a 1906, p. 79). I n A.S.P., Visita Boria, voi. I I , c. 510, s i apprende che n e l 1788 l a comunità d i Cavoleto comprendeva « a n i m e n^ 113». I n A.S.P., B.A, Tit. IX (Istruzione), b. 5 (1826) Cavoleto è censito assieme a Monte S a n t a M a r i a per 168 abitanti. I n B.U.U., Fondo Università, voi 119, Cavolleto con Monte S . M a r i a h a 37 famìglie n e l 1834, 40 n e l 1840, 43 n e l 1846. Dei tre dati disponibili per i l 1788 (abb. 88-113-120) quale accettare? Accantonando subito i l maggiore come ingiustificato, resta t u t t a v i a u n a discrepanza grave f r a l'elenco parrocchiale e i l dato fornito d a l l a Comunità. E s i s t e u n a possibilità d i comporla solo pensando che i confini della comunità n o n coincidessero con quelli della p a r r o c c h i a . N e l l a descrizione del t e r r i t o r i o comunale della stessa Visita Boria m f a t t i s i legge che « passa quasi i n mezzo a l territorio i l fiume Muttino», mentre dagli s t a t i d'anime r i s u l t a che s u l l a sponda destra del fiume l a p a r r o c c h i a aveva solo due case: i l Colle e ( C a Oliviero) « T r a n s F l m n e n », e dimque u n l i m i t a t i s s i m o territorio. A l l a comunità, allora, s i riferirebbero anche i d a t i del Mar i n i , Zucchi-Travaglì e Corridore. (64) P a r t i c o l a r m e n t e p e r gli a i m i 1627 e 1753.


CAVOLETO

lOI

v a n n o e n u n c i a t e anche se d u b b i e p e r essere a l t r i m e n t i r i scontrate o smentite. I n T A B . X s i n o t i c h e l a c u r v a d e l l a popolazione reg i s t r a , i n accordo c o l già notato decMno d e l l ' a g r i c o l t u r a , u n a d i m i n u z i o n e pressoché costante fino a l l ' u l t i m o decenn i o d e l '700, q u a n d o s i h a invece u n a v i g o r o s a r i p r e s a (65). D e n u t r i z i o n e e m a l a t t i e decimano l a popolazione, e l a d u r a t a m e d i a della v i t a tende a c o n t r a r s i c o n t m a progressione i m p r e s s i o n a n t e ( T A B . X I I I ) : n e l 1778, s u 88 a b i t a n t i , solo 6 h a n n o superato i s e s s a n t ' a n n i , m e n t r e 55 n o n h a n n o a n c o r a raggiunto i t r e n t a (66). L e famiglie sono meno n u m e r o s e d i quanto c i s i poss a aspettare ( T A B . X I V ) : l a «famiglia patriarcale» è ancor a s c o n o s c i u t a (67). N o n è c h e l a prolificità s i a b a s s a : piuttosto l a gente s i sposa t a r d i , o n o n s i sposa affatto: n e l 1732, f r a i 61 a b i t a n t i sotto i t r e n t ' a n n i (18 f r a v e n t i e ventinove) u n o solo è sposato (68). P e r contro precoce è l a vedovanza, specie f e m m i n i l e ( T A B . X I ) ( 6 9 ) .

( 6 5 ) L'andamento demografico documenta t r a i l 1763 e i l 1 7 6 5 i m forte calo d i popolazione, i n coincidenza colla grande c a r e s t i a di quegli anni ( R . P A C I , L'ascesa delta borghesia cit., p. 1 2 ) , m e n t r e a l l a c r i s i agricola e demografica che t r a v a g l i a l a Legazione d'Urbino negli u l t i m i anni del secolo (Ibid., p. 9 0 ) corrisponderebbe per Cavoleto, secondo i dati p a r r o c c h i a l i , u n incremento d i popolazione: m a della s c a r s a attendibilità delle registrazioni d i quegli anni s'è già detto. ( 6 6 ) L'esame d i 1 0 0 casi d i decesso v e r i f i c a t i s i del 1 8 6 0 a l 1885 a F r o n t i n o d i M a s s a h a dato i seguenti r i s u l t a t i : 3 1 m o r t i p r i m a d i u n anno d i v i t a , 2 2 m o r t i f r a uno e cinque anni, 0 f r a sei e dodici, 2 4 f r a t r e d i c i e cinquantanove, 2 3 da sessanta i n poi. Aspettativa d i v i t a : a l l a n a s c i t a 2 6 a n n i , a sei anni d i età 4 8 a n n i (A.P.F., Anagrafe Parrocchiale, ms. 8) ( 6 7 ) I l nucleo d i 1 7 persone registrato per i l 1 7 3 2 è eccezionale e p r o v v i s o r i o : consta d i due famiglie i n u n a , destinate a sep a r a r s i , come presto avverrà, a l l a morte del vecchio. ( 6 8 ) N e l l a fascia d'età venti - ventinove a n n i r i s u l t a n o sposati 1 s u 1 8 n e l 1 7 3 2 , 3 s u 1 7 nel 1 7 5 3 , 4 s u 1 8 n e l 1 7 7 7 , 8 s u 1 4 n e l 1783, 4 s u 1 9 nel 1788. ( 6 9 ) Diffusa p r a t i c a del celibato, m a t r i m o n i i n età avanzata.


102

GIROLAMO A L L E G R E T T I

T A B . X - A B I T A N T I E F A M I G L I E D A L 1627 A L 1808 Anno 1627 1719 1727 1732 1734 1753 1758 1759 1760 1761 1763 1765 1766 1768 1770 1772 1775 1777 1778 1779 1780 1781 1782 1783

famiglie 29

23 21

23 23 20

24

18

18 18 18

16 18 19 18 18 18 18 18

abitanti 120 134 124 117 112 111 113 113 110 124 111 112 116 101 102 100 103 103 104 104 104 115 118 113 113 112 112 114 109 110

1784 1785 1786 1787 1788 1789 1790 1791 1792 1793 1794 1795 1796 1797 1798 1799 1800 1801 1802 1803 1804 1806 1807 1808

18 18 18 14 15

18 18 18 14 15

21

15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 23 23 22

106 107 105 88 88

106 107 108 119 120 112 112 117 119 112 113 121 124 125 130 139 140 142 140 141 144 144 149 138

N.B. — Nelle colonne « F a m i g l i e » e « abitanti » i n u m e r i a s i n i s t r a sono i l r i s u l t a t o dello spoglio a n a l i t i c o degli elenchi, quelli a destra sono i dati r i a s s u n t i v i forniti dai compilatori: don Claudio F a b b r i n i 1627, Benedetto B i n d e l i 1719-1732, C a r l A n tonio L u z i 1753-68, Bartolantonio C u r z i V a l e n t i 1770, Benedetto Manenti 1771-73, G i o v a n n i M. F u c c i 1775-1804, F r a n c e s c o B a r t o l i n i 1804-08.

elevata fluttuazione demografica, a l t a incidenza delle età giovani s u l totale della popolazione, breve d u r a t a della v i t a m e d i a sono osservate f r a le caratteristiche generali della demografia preind u s t r i a l e d a C . M. C I P O L L A , ap.

cit.,

pp.

13

sgg..


TAB. X I - STATO ANAGRAFICO P E R SESSO E CLASSI classe d'età

stato civile

049

cel. spos. ved.

20-39

cel. spos. ved.

6 6 0

40 e oltre

cel. spos. ved.

4 11 6

m

1627 f mf

22 23

m

1732 f mf

D'ETÀ'

m

1753 mf f

m

1777 f mf

m

45 0 0

19

24

43 0 0

17

23

40 0 0

26

17

43 0 0

25

9 13 1

13 5

14 6

27 11 0

7 5

16 10

23 15 0

6 6 0

11 9 1

17 15 1

7 9

13 17 10 21 8 14

2 13 4

0 2 14 27 3 7

3 8 2

8 3 11

11 11 13

2 8 1

5 5 7

7 13 8

1 9 3

3 7 1

POP. TOT.

120

TAB. X I I - COMPOSIZIONE

117

113

% L E P E R STATO

1783 f mf 19

44 0 0

9 '"Ì6 10 19 0 6 8 3

104

7 17 6

m

1788 mf f

14 22

36 0 0

7 5 0

9 7 2

16 12 2

3 6 2

4 4 3

7 10 5

109

88

ANAGRAFICO

stato civile

1627

1732

1753

1777

1783

1788

cel. spos. ved.

59 28 13

61 33 6

66 23 11

65 27 8

61 33 6

67 .25 8

TOT.

100

100

100

100

100

100


GIROLAMO A L L E G R E T T I

TAB. X I I I - INCIDENZA P E R C E N T U A L E D E L L E E S T R E M E D'ETÀ'

CLASSI

Aimo

1627

1732

1753

1777

1783

1788

ab. o l . 60 a. ab. fino a 9 a.

9,2 18,3

14,3 18,8

10,6 22,1

10,6 22,1

10,1 23,8

6,9 20,3

TAB. XIV - CONSISTENZA D E I N U C L E I FAMILIARI Anno ab/fam. fam. max.

1627

1732

4.1 7

5,1 17

1753 5,4. 9

1777

1783

1788

5J 11

6,0 11

5,8 9

14. S T R U T T U R A S O C I A L E A l c u n e r i l e v a z i o n i istatistiche, q u i r i u n i t e nelle T a b e l l e X V e X V I (70), poissono' interessare a i fini d i u n esame dell a s t r u t t u r a sociale d e l l a comunità e d e l l a r e l a t i v a dinamica. N e l l a 2" metà del sec. X V I I I s i assiste allo sfaldamento della p i c c o l a proprietà a s s o r b i t a , per r a g i o n i b e n comp r e n s i b i l i dopo quello che s'è detto s u l declino d e i r a g r i c o l t u r a , d a possidenti l o c a l i per o r a m o d e s t i m a già r e l a t i v a m e n t e più f o r t i e d a famiglie o e n t i f o r e s t i e r i (71). S e n e l 1732, s u 23 famiglie, 15 abitano i n c a s a prop r i a e 4 i n c a s a colonica, già n e l 1780 s u 18 famiglie solo 8 abitano i n c a s a p r o p r i a e b e n 9 famiglie sono ridotte a m e z z a d r i a . L e condizioni d i queste famiglie dovevano tutt a v i a r e s t a r e i n s o p p o r t a b i l i , se i l loro n u m e r o v a r i a sens i b i l m e n t e d a u n a n n o all'altro', e n e l 1786-7 q u a t t r o fa-

(70) Desunte sempre d a m s . SA. (71) C'è da pensare che uno dei m o t i v i p r i n c i p a l i della concentrazione sempre maggiore della proprietà a g r a r i a consistesse nelil a già esaminata variabilità dei prezzi agricoli e soprattutto del grano. L e incredibili escursioni nelle quotazioni permettevano certo grossi m a r g i n i speculativi a q u a n t i potevano p e r m e t t e r s i d i accantonare scorte anche modeste di cereali.


CAVOLETO

105

m i g l i e a bba ndo n a n o i l podere e i l paese. L a m i s e r i a crescente dà v i t a a d u n i s t i t u t o che s i prot r a e sino alle soglie dei g i o r n i n o s t r i : quello delle serve e dei garzoni, che p r e s t a n o l a loro o p e r a nelle f a m i g l i e deg l i a g r i c o l t o r i i n c a m b i o del p u r o m a n t e n i m e n t o : i s t i t u t o che t r o v a spiegazione ed a l i m e n t o forse anche nell'elevato n u m e r o d i i l l e g i t t i m i (72) e che h a m o l t e analogie c o n u n a l t r o i s t i t u t o t i p i c o delle economie depresse, quello del celiba to m a s c h i l e (e q u i n d i forzatamente a n c h e f e m m i n i l e ) che s i è v i s t o già tanto rigoglioso. N e l 1780 i l processo è già avanzato: l a proprietà delle case e dei t e r r e n i è c o n c e n t r a t a i n poche m a n i : p o c h i p r o p r i e t a r i , a l c u n i r e s i d e n t i altrove, c o n t r olla no dodici fam i g l i e s u l l e diciotto p r e s e n t i a Cavoleto (73). S i è f o r m a t a u n a n u o v a classe, che v i v e e s c l u s i v a m e n t e del l a v o r o m e z z a d r i l e s u i p r o p r i fondi. I l processo sarà p e r lungo tempo i r r e v e r s i b i l e . L a p i c c o l a comunità m a n c a completamente d i u n tcF suto intermedio d i a r t i g i a n i , p r o f e s s i o n i s t i , c o m m e r c i a n -

(72) D a ms. R r i s u l t a che negli a n n i 1628 - 1632 furono battezz a t i a Cavolleto quattro trovatelli. A F r o n t i n o , n e l periodo 1661 - 1700, s u 234 battezzati s i contano 10 esposti e 7 illegittimi. I l fenomeno m o s t r a u n a recrudescenza negli anni 1841-1900 quando, s u 627 battezzati, s i contano 34 esposti (A.F.F., Anagrafe parrocchiale, m s s . 3, 5, 7). (73) Nelle stesse condizioni s i sono venute a trovare le vicine comunità r u r a l i . Numerose testimonianze i n questo senso ( i n A. S.P., D.A., Lettere relative alle Comunità, Frontino 1581-1807, 1814, 1815-17) s u V i a n o e Torriolla: i n u n a lettera dell'8 febbraio 1801 ad esempio i l v i c a r i o di F r o n t i n o scrìve che a V i a n o « tutti l i C o n s i g l i e r i . . . a l l a r i s e r v a di due, sono ridotti m i s e r a b i l i s s i m i , e l a loro Possidenza di stabili, ed a l t r o è p a s s a t a q u a s i tutta i n potere de Forastierì ». I n u n a lettera del 25 giugno 1814 i l v i c a r i o d i c h i a r a che « Hi abitanti di queste due Comunità [ V i a n o e Torr i o l a ] sono tutti m i s e r a b i l i , senza eccettuarne uno; l a possidenza n e l l a m a s s i m a parte spetta a F o r e s t i e r i » etc.. Occorre anche dire, però, che i l fenomeno non h a così forte consistenza nelle altre due comunità del V i c a r i a t o , Belforte e F r o n t i n o .


I06

GIROLAMO A L L E G R E T T I

t i (74); i l p a r r o c o risulta

abbia

(75) n o n s e m b r a a v e r e g r a n peso, e n o n

possedimenti

in

proprio,

q u e l l i , d e l r e s t o i n s i g n i f i c a n t i , delle I

tempi

sembrano

se

si

escludono

Compagnie.

m a t u r i per u n a restaurazione

feu-

dale. TAB.

XV

- PROPRIETÀ' D E L L E i n casa p r o p r i a

1732 1770 1777 1780 1788 1798 1808

i n casa d'affitto

f.

ab.

s.

15 12 10 8 9 8 9

85

— —

— —

56 48 47

ABITAZIONI

f. 4 4 1 1 1 0 3

3 6 4

ab.

s.

11

— —

3 4 6

0 0 0

i n c a s a colonica f. 4 8 7 9 5 7 9

ab.

s.

21

— —,

39 52 30

3 3 1

— — —

A V V E R T E N Z E : ab. = abitanti (esclusa servitù) f. = famiglie s. = serve e garzoni

— —

T A B . X V I - F A M I G L I E E S T R U T T U R A S O C I A L E N E L 1780 A

B

e

E

D

F

G

H TOT

AB CDE A/F

f. ab. s.

1 3 3

1 8 2

0 0 0

0 0 0

0 0 0

0 0 0

— —

5 28 1

7 39 6

2 11 5

0 0 0

2 11 5

nolanti

f. ab. s.

1 4 0

0 0 0

0 0 0

0 0 0

0 0 0

0 0 0

0 0 0

0 0 0

1 4 0

1 4 0

0 0 0

1 4 0

coloni

f. ab. s.

2 11 2

1 4 0

2 10 0

1 8 0

1 2 1

2 17 0

0 0 0

9 52 3

3 15 2

4 20 1

9 52 3

f.

4

2

2

1

1

2

— — — 1

5

18

6

4

12

ab. s.

18 5

12 2

10 0

8 0

2 1

17 0

9 0

28 1

104 9

30 7

20 1

67 8

famiglia propria

TOTALE

AVVERTENZE: A = C o s m i , B = R a g n i , C = Conti V a l l o n i d i ?, D = Monache d i Montecerignone, E = Dedominìcis d i Lupaiolo, F = Prop r i e t a r i n o n identificati, G = Proprietà e conduzione non definib i l i , H = Piccola possidenza a conduzione diretta.


CAVOLETO

107

15. N O T E S U L L A F A M I G L I A C O S M I L e vicende d i q u e l l a che f u n e l sec. X V I I I l a f a m i g l i a più c o s p i c u a d i Cavoleto s i possono p a r z i a l m e n t e r i c o s t r u i r e d a i m a n o s c r i t t i , e n o n m a n c a n o d i aspetti i n t e r e s s a n t i . T o m a s s o dì C o s m o giunge a Cavoleto d a L u n a n o t r a i l 1627 ed i l 1634 (76). V i giunge solo e senza m o l t i mezzi, se d a l 1646 a l 1657 paga i f r u t t i d ' u n censo a l l a C o m p a g n i a della M a d o n n a (77). N e l 1662, dunque già anziano, sposa A n t o n i a B a s s i , f i g l i a del magnano del luogo (78). Nascono d a l l ' u n i o n e Cosmo (1663), A n t o n i o M a r i a (1666), F r a n c e s c a T h e o d o r a (1669) e G i a c o m o Domenico (1671), t u t t i t e n u t i a battesim o d a D o n n a C a t e r i n a M a n f r e d i , pennese, s o r e l l a del parroco (79). M e n t r e dei p r i m i tre s i perde a Cavoleto ogni t r a c c i a G i a c o m o C o s m i fonda e consolida le f o r t u n a della famiglia. S u l l a q u a r a n t i n a s i sposa, e l a moglie forse gli p o r t a u n a b u o n a dote: s t a d i fatto che n e l 1715 f a c o s t r u i r e l a grande e b e l l a c a s a i n Cavoleto (80) c h e t e s t i m o n i a d i u n a r i c c h e z z a già a m p i a e solida, e certo, comunque, d i orgo-

(74) Nella p r i m a metà del X V I I secolo l a s t r u t t u r a economica e il! tessuto sociale sono senz'altro più articolati. S i h a per quel tempo frequente menzione d i a r t i g i a n i (vasaro, fabbro-magnano, m u r a t o r i , molinaro) e bottegai (oste, mereiaio) anche se i l frequente ricorso ai censi ne testimonia le condizioni già precarie. (75) Affiancato nella p r i m a metà del '600 d a u n coadiutore. (76) Ms. R, e. 70, e ms. X, c. 40. Verosimilmente giunge a Cavoleto chiamatovi d a i vecchi coniugi A s c a n i , forse parenti, dei q u a l i sarà esecutore testamentario ed erede. (77)

Ms.

Y,

ce.

41-52V.

(78) Ms. R, c. 75v. (79) Ibid., ce. 49v-57v. (80) L a data di costruzione è scolpita s u l portale della facciata principale. Nello stato d'anime del 1732 {ms. SA, e. I I I v ) l a famiglia è censita come abitante « i n Pago i l Ponte », dopo i l Cas t r u m e ili B o r g o : toponimi che possono suggerire qualcosa s u l l a s t r u t t u r a più a n t i c a d i Cavoleto.


GIROLAMO A L L E G R E T T I

io8

gliose vedute (81). N e l 1732, a 60 a n n i , G i a c o m o h a sei figlie e u n figlio, l ' u l t i m o , d i n e p p u r t r e a n n i : T o m a s o Ponziano. N e l 1753 G i a c o m o è m o r t o , m a i l figlio g i o v a n i s s i m o è già i l S i g . C a p i t a n T o m a s o C o s m i (82). I l m e s t i e r e delle a r m i e r a stato sempre, i n q u e s t i m o n t i , u n o d e i p o c h i m o d i p e r f o r m a r s i o c o n s o l i d a r e u n a posizione: o r m a i e r a p r o b a b i l m e n t e n u l l ' a l t r o che u n a sinec u r a d i prestigio. D a l 1755 a l 1765 almeno è segretario d e l l a comunità d i Cavoleto, come i l p a d r e ne e r a stato cancelliere f r a i l 1715 e i l 1725 (83). A n c h e i l C a p i t a n o tarderà a s p o s a r s i , s i deciderà a 46 a n n i , n e l 1777, q u a n d o u n a giovinetta d i 20 a n n i , c e r t a L u i g i a , gli porterà i n dote i l b e l podere del G a m b e r i n o (84). I n s i e m e godranno, r i v e r i t i e b e n s e r v i t i , d i u n consistente p a t r i m o n i o i n case e t e r r e n i (85). M a n o n a v r a n n o fort u n a c o i figli, se p u r ne ebbero (86).

(81) Notevoli le dimensioni e nobili le linee dell'edificio. Curiose le cinque spingardiere inserite n e l l a facciata. (82) Ms. SA, c. 5. (83) A.S.P., D.A.,

Registri

di Tabelle,

s.a.

(84) N e l 1777 compare per Ila p r i m a v o l t a l'annotazione « I n Pago d.o G a m b e r i n o D m Ducis C o s m i » {ms, SA, c. 22v) e l a registrazione dì « T)na A l o i j s i a eius u x o r » {Ibid., c. 20v). (85) Certo possedevano a l t r i t e r r e n i oltre a i due poderi d i Cavolleto d i c u i a l l a T a b . X V I . A d es. i n A.C.MF., Fondo Pietrarubbia, Catasto Muovo, c. 3 1 , i l Cap. T o m a s s o C o s m i è all'estimo con due appezzamenti di canne 339 per se. 11 1/2. (86) N o n figurano loro figli negli s t a t i d'anime dal! 1777 a l 1790, i n ms. SA. T u t t a v i a u n a tradizione orale r a c c o l t a a Cavoleto p a r l a d i u n figlio dell'ultimo C o s m i morto per u n a c a d u t a da cavallo: per i l dolbre i genitori avrebbero lasciato Cavoleto r i t i r a n dosi a U r b a n i a . E u n a « S i l v i a f i l i a T h o m e C o s m i ex P a r e c i a Caboleti » f a d a m a d r i n a a u n battesimo nell'agosto 1793 (A.P.F., Anagrafe Parr.le, ms. 7).


CAVOLETO

109

I l Gap. C o s m i morì i l 7 maggio 1794 (87). N e l 1802 g l i e r e d i C o s m i - B e n v e n u t i (88) s a r a n n o t a s s a t i per 870 scud i , più delle C o m u n i d i Montecerignone e S a n t ' A g a t a i n sieme (89). N e l 1816 « per v a r i e vicende » i l b e l p a t r i m o n i o e r a già i n dissoluzione (90).

( 8 7 ) A.P.F., Vacchette,

ms, 9, c. 2 3 .

( 8 8 ) S i t r a t t a q u a s i certamente della cospicua famìglia frontinese dei B e n v e n u t i . I f r a t e l l i don Vincenzo B e n v e n u t i , V i c a r i o della S a c r a Inquisizione, e dottor Giacomo B e n v e n u t i , già V i c a r i o d i F r o n t i n o , negli a n n i a cavallo f r a i due secoli compaiono i n diverse carte col doppio cognome. F r a le due famiglie n o n m i è r i u s c i t o d i scoprire nessun legame d i parentela, e m i sono i n c o m p r e n s i b i l i le ragioni della trasmissione d i eredità. ( 8 9 ) G m L i o C E S A R E M E N G O Z Z I , Montefeltro Giacobino, i n « Stud i Montefeltrani» I I , S. Leo 1973, p. 9 2 . E ' tutt'altro che certo, tuttavia, che l a tassazione rispecchi fedelmente l'entità del patrimonio. ( 9 0 ) A.S.P., D.A. Lettere relative alle Comunità, Frontino 1 8 1 5 17, lettera del 2 9 agosto 1816. V i s i p a r l a d i ipoteche generali e speciali accese s u i beni di Francesco B e n v e n u t i (fu Giacomo) e della moglie E u r o s i a A l e s s a n d r i n i . F r a gli a l t r i beni ipotecati r i s u l t a i l « predio Gamberino ». N e l frattempo è andata i n r o v i n a anche l ' a l t r a famiglia benestante di Cavoleto. N e l 1 8 1 5 G. B . R a g n i della Bottega « dimmìse t u t t i l i suoi B e n i Mobili e S t a b i l i , convocando per questi i l Concorso, onde soddisfare per quanto s'estende i l suo P a t r i m o n i o a i suoi Creditori» {Ibid., fascicolo Ragni-Bornaccini-Ligi).


GIROLAMO A L L E G R E T T I

110

16.1 B I L A N C I D E L C O M U N E D I C A V O L E T O (1655 - 1795) Come d i tutte le a l t r e comunità d e l l a legazione, a n che dì Cavoleto restano i b i l a n c i c o n s u n t i v i a n n u a l i d a l 1655 a l 1795 (91). I n genere, p e r facilità d i s t e s u r a e p e r n o n sobbarcars i a noiose contestazioni d a p a r t e dell'autorità legatizìa, i c a n c e l l i e r i r i c a l c a v a n o i l b i l a n c i o quanto più possibile s u quello dell'anno precedente. Ogni nuovo stanziamento dov e v a r i s c u o t e r e l'approvazione p r e v e n t i v a dell'autorità t u t o r i a ; s i poteva invece l i b e r a m e n t e a p p o r t a r e tagli a molte v o c i d i spesa. Questi due s o l i f a t t o r i , d i p e r sé, tendev a n o a p r o d u r r e rigidità d i b i l a n c i o e — i n s u b o r d i n e — contrazione della spesa. A questo secondo effetto concorr e v a i n modo p a r t i c o l a r e i l fatto che solo i possidenti (oltre a i deputati ecclesiastici) potevano f a r p a r t e dei cons i g l i c o m u n a l i , e che, spettando a loro i l maggior peso fiscale, e s s i cercavano d i contenere a l m a s s i m o l a spesa pubblica. Ciò è già p a r z i a l m e n t e leggibile n e l l a s c h e m a t i c a T A B . X V I I (92), che m o s t r a i n o l t r e come l ' a u t o n o m i a c o m u n a l e fosse s v u o t a t a d i ogni effettivo contenuto. L e imposte cam e r a l i e i l funzionamento d e l l ' a m m i n i s t r a z i o n e inghiottiv a n o attorno a l 7 0 % d e l l a spesa. U n i c o servizio pubblico a s s i c u r a t o e r a i l culto, m e n t r e le stesse spese s t r a o r d i n a r i e erano p e r lo più destinate a l l a manutenzione degli u n i c i edifici p u b b l i c i esistenti a Cavoleto, e cioè i luoghi d i culto (93). M a n c a v a n o a Cavoleto t u t t i i s e r v i z i s o c i a l i

(91) A.S.P., DA,,

Registri

di

Tabelle.

(92) I d i v e r s i s i s t e m i m o n e t a r i usati nei b i l a n c i vengono q u i ridotti a l s i s t e m a dello scudo d'Urbino diviso i n grossi, coH'awertenza che i l grosso r e s t a diviso i n 25 q u a t t r i n i invece che i n 24. (93) L a spesa del 1795, a d esempio, servì a l l a riparazione del campanile.


CAVOLETO

I I I

d i c u i t u t t a v i a erano dotate m o l t e comunità: medico, maes t r o , postiglione, v i a l e , ecc. L e s c r i t t u r e c o m u n a l i erano tenute d a u n c a n c e l l i e r e o segretario, d i solito forestiero dato che i n luogo diffic i l m e n t e e r a n o r e p e r i b i l i soggetti a t t i (94), e t u t t a l a pubb l i c a a m m i n i s t r a z i o n e e r a sotto i l c o n t r o llo del v i c a r i o d i P i e t r a r u b b i a , o meglio del podestà d i M a c e r a t a f e l t r i a che solitamente reggeva a n c h e i l v i c a r i a t o . E i n s o m m a i l funzionamento del c o mu ne nè l a s c i a v a effettivo spazio a l l ' a u t o n o m i a d i gestione, nè c r e a v a occas i o n i p e r l'eoonomia locale, nè i n a l c u n modo cooperava a l m i g l i o r a m e n t o delle c o n d i z i o n i d i v i t a d e l l a popolazion e (95).

(94) Sola eccezione r i s c o n t r a t a è quella dei Cosmi, d i c u i s'è detto. (95) V i v a c e e documentata descrizione della v i t a comunale del tempo i n E . L I B U R D I , Set e Settecento nella Valle del Conca, i n « A t t i e Memorie» della Deputazione d i S t o r i a P a t r i a p e r le Marche, serie V i l i , v o i . V I (196Ó.67), pp. 119-144. già


112

GIROLAMO A L L E G R E T T I

TAB. X V I - BILANCI COMUNALI

1655

1715

1795

84.00. 8 1.09. 0 2.08. 0

58.16.11

46.10.18

ENTRATE: Colletta o r d i n a r i a Dazio forno Dazio macello Dazio m o r i Affitto b e n i s t a b i l i F r u t t i censuali a t t i v i Avanzo precedente gestione

1.0522 1.04. 4

~7JT~8 Abbondanza

6r.06TT2 107.08.10

0.06. 8 2.15. 6 1.05.10 6.16.15 59Xr2i7"

168.14.22 USCITE: Imposte camerali Spese di funzionamento pubblici uffici Culto Decime e q u a r t e s i m i F r u t t i censuali p a s s i v i Condotta sale P a r t i t e fallite, bonif., inesigib. Straordinarie

43.03. 5

22.14.17

17.06.23

23.00. 9 12.00. 0 0.06.16 7.00. 0 2.04. 0

11.01.20 9.00. 0 0.08. 5 4.00. 0

19.05.16 9.00. 0 1.01.11

0.03. 3

9.17.24 4.00. 0

— 0.04.12 7.04. 4

87.17. 8

6I.O2TÌ6

54.0216"

Abbondanza Avanzo 87.17. 8

168.11. 1 0.03.21

5.00. 1

168.14.22

59.02.17


CAVOLETO

" 3

16. C A V O L E T O N E L L ' O T T O C E N T O Anche se e s u l a d a l l ' a s s u n t o del presente saggio, m i semb r a n o n i n u t i l e chiudere queste pagine coll'esame del « L i b r o M a e s t r o d e l l a Contabilità » (1834-1846) d i Cavoleto coll'annesso d i M o n t e S . M a r i a , esistente a U r b i n o ( 9 6 ) . Cavoleto, già castello del v i c a r i a t o d i P i e t r a r u b b i a d a l X V a l X V I I I secolo, n e l l a riorganizzazione a m m i n i s t r a t i v a operata a l tempo della R e p u b b l i c a C i s a l p i n a e r a e n t r a t o a f a r p a r t e della C o m u n e d i Piandimeleto (97). C o l l a restaurazione e r a tornato sotto P i e t r a r u b b i a (98); m a n e l 1834 e r a n u o v a m e n t e aggregato a l comune principale di Piandimeleto, d i recente entrato a f a r parte d e l l a legazione d i Pesaro e U r b i n o ((99), come appodiato comprendente anche M o n t e S, M a r i a . I b i l a n c i (v. A P P . I I I ) sono s t i l a t i con c u r a e impostat i c o n a s s o l u t a correttezza: retaggio forse della a m m i n i strazione napoleonica (100). P u r n o n potendo i s t i t u i r e raff r o n t i d i r e t t i e p r o b a n t i s i h a l a sensazione d i u n a econom i a più a p e r t a , d i u n a a g r i c o l t u r a m e n o a s f i t t i c a ; l'allevamento, specie del bestiame m i n u t o , è i n r i p r e s a (101); le c o m u n i c a z i o n i sono più agevoli e frequenti.

(96) B.U.U., Fondo Università, voi. 119: «Università di Cavoleto con Monte S. Maria. Libro Maestro della Contabilità 1834-1846 ». (97) G. C. M E N G O Z Z I , Montefeltro Giacobino, cit., p. 83. (98) I n B.O.P., Fondo Manoscritti, b. 1775, f. 14, Cavoleto e Monte S . M a r i a sono censiti assieme a P i e t r a r u b b i a per i l catasto (1816?) della Delegazione di Pesaro e Urbino. L e stime catas t a l i sono dì se. 58.098,09 per P i e t r a r u b b i a , 7.433,03 per Cavoleto, 6.024,39 per M. S . M a r i a . (99) G l i ex domini della C a s a Oliva, passati a l l a S a n t a Sede, avevano sempre fatto parte della Legazione d i Romagna, con capoluogo R a v e n n a . (100) Segretario comunale di Piandimeleto (ed « emanuense » d i T o m m a s o L a t t a n z i , sindaco illetterato di Cavoleto) è i n t u t t i questi anni M a r c o S e v e r i n i . (101) Nel 1834 erano censiti e tassati, nell'appodiato di Cavoleto colll'annesso d i Monte S. M a r i a , i seguenti c a p i : vacche 15,


114

GIROLAMO A L L E G R E T T I

U n esame delle u s c i t e può a p r i m a v i s t a f a r pens a r e a u n a maggiore attenzione alle esigenze s o c i a l i . M a s i n o t i che i n t r e d i c i a n n i n o n s i spende u n baiocco per insegnare a l l a gente a leggere e s c r i v e r e ; che l'imposizione i n d i r e t t a è a l t i s s i m a e spietata; che gli stessi « c o n t r i b u t i » (medico c o m u n a l e , difesa r e i , dozzina dementi, ospedale) s e m b r a n o i m p o s t i più dalle categorie p r o f e s s i o n a l i interessate — o r m a i c l a s s e d o m i n a n t e n e l l a società emers a d a i g r a n d i r i v o l g i m e n t i d i fine secolo — che d a sensibilità p e r i bisogni s o c i a l i . L a pressione fiscale s i è f a t t a m o l t o d u r a (102), e anc h ' e s s a meglio organizzata. M a r e s t a a n c o r a piuttosto ciec a , o meglio, a n c o r a t a a i bisogni d i c a s s a più che a l l a eff e t t i v a capacità c o n t r i b u t i v a , c o m e m i s e m b r a evidenzi i l d i a g r a m m a costruito' s u l l a t a s s a b e s t i a m e e s u l focatico (fig. 1) (103). I l m i g l i o r a m e n t o generale delle c o n diz ioni economiche e l a d e f i n i t i v a s c o m p a r s a delle s t r u t t u r e più scopertamente f e u d a l i p e r m e t t e r a n n o a q ue s t a ed a l t r e località u g u a l m e n t e disagiate, eccentriche, a s c a r s o potenziale prod u t t i v o , d i s o p r a v v i v e r e a n c o r a p e r u n secolo, e i n condiz i o n i obiettivamente meno ferine che n e l corso dei secoli X V I I e X V I I I : solo n e l l ' i m m e d i a t o u l t i m o dopoguerra lo esplodere d e l l a civiltà i n d u s t r i a l e , che v a sotto i l discusso n o m e d i m i r a c o l o economico, r a p i d a m e n t e p o r t a v a a llo spopolamento q u a s i totale d e l l a borgata.

m a n z i 22, v i t e l l i 7, castrati 112, pecore 278, capre 110, m a i a l i 74, m u l i 1, s o m a r i 8. (102) Nei b i l a n c i non compaiono, neppure come p a r t i t e d i giro, le imposte s u l patrimonio: i l governo ne avrà appallato direttamente l'esazione. (103) E c c o le imposizioni n e l 1834. T a s s a bestiame, a capo: vacche, m a n z i e m u l i se. 0.30, v i t e l l i e s o m a r i 0.18, m a i a l i 0.15, capre 0.12, c a s t r a t i e pecore 0.9. Focatico: famiglie 1° grado se. 1.40, 11° 1.20, 111° 0.90, IV° 0.65, V 0.30.


CAVOLETO

" 5

A: famiglie residenti (numero) B : capacitĂ c o n t r i b u t i v a (scudi) calcolata i n base a i p a r a m e t r i usati per le imposizioni iniziali (1834) C : imposizione fiscale effettiva (se.) 1: tassa bestiame 2: focatico FIG.

1


ii6

GIROLAMO

ALLEGRETTI

APP. I — CENSO D I RENZO D I GIOVANNINO I N FAVOR E D E L L A COMPAGNIA D E L L A MADONNA 1. Ms. X, c. 36. Adi 10 di Maggio 1632. Renzo di Gioanino Consegna alla Compagnia della Mad.a un pezzo di terra lauoratiua, et filonata posta nella corte di Caoleto in cap.a di S. Andrea in fondo Campo Candolo appresso i beni dell'istesso Renzo, i beni di Bastiano di Donino, et i l sentiero uicinale, di misura tauole dodici à rag.e di grossi quatordici l a tauola, stimata da m.ro Ridolfo di Lud.co et da Giommo d'Ant.o stimatori comunem.te eletti, che in tutto asce(n)de a l a somma di scudi otto, et grossi otto et promette pagare, et rendere i l frutto che farà t a n t O ' del grano, quanto del uino, ò uero l'affitto secondo sera d'accordo co' i Priori che scranno p(er) te(m)po. Quali den.ri d.o Renzo gli ha hauuti in più uolte, cioè quattro scudi hauuti da Gio:Dnico di Piero da Valbona — 4 — I t / Da Franco Antonini due scudi e tre grossi — 2 - 3 — I t / i l prezzo di tre quarti di grano à rag.e di quindici grossi al quarto che sono g.ssi quara(n)ta cinq/ — 2 - 5 ~ Quali sommano in tutto scudi otto e grossi otto, che tanto uale d.a terra, et si asserisce fame l'instrom.to ad ogni requisitione della Compagnia et questo fù fatto alla presenza di lacomo di m.ro Santino, et di Tomaso di Giomo Testimonij. E t Io Do(n) Claudio Rett.re della Chiesa di S, Andrea ho scritto di propria mano adi et mill.o sud.o. Claudius Fabr. Rettor ut sup.a 2 Ms X , ce. 37v, 38v, 39, 41, 42v, 44, 45, 53r, 53. 1632: Renzo ha pagato un fiorino della terra che tiene della comp.a 1633: It. da Renzo di Gioanino grossi tredici e quatrini quattro, quali sono di un pezzo di terra che tiene e possiede i l sud.o Renzo della Comp.a 1634: It. Renzo di Gioanino pagò grossi uintitre quali sono p/resto d'un pezzo di sellua vendutali et d'un censo che i l sud.o tiene della v. Conpagnia 1635: It. boll.ni 40 da Renzo 1637: Renzo di Gioanino pagò g.ssi 1639: I t . oute da renzi grosso 1640: I t o uto da Renzo di Giouanino un fiorino E più ha hauto da Renzo g.si tredici in tanto uino 1642: E più hanno hauto l i predetti g.si tredici e q.ni otto da Marco di Renzo a buon conto di qllo che deue

0.13. 8

0.13. 4

0.23. 0.13. 0. 9. 0.13. 0.13. 0.13.

0 0 0 8 8 8


CAVOLETO

3:17

alla Compagnia 0.13. 8 1643: Da Marco di Renzo a buon conto di quello che deue a l a Compagnia 0.10.16 e più da Marco di Renzo p / saldo di im fiorino che deue p / frutti maturati del suddetto anno 1644 0. 2.12 3. Ms. W, c i . Adi p.° 8bre 1666. Faccio Fede io D. Franc.co Bonci come Lorenzo Carlotti, et Andrea Saluadori Priori della Venerabile Comp.a della morte hanno hauuto, e riceuuto da Marco di Renzo scudi tré e grossi dodeci p/ intiero saldo del debito, che haueua t(a)nto p/ frutti del Censo, q(ua)nto del grano che haueua in mano delaffitto p/ tutto i l mese di 7bre prossimo passato. I n fede io D. Franc.co Bonci hò scritto p / comissione.

- 4. Ms W, c e 2-9v. Dal 1666 al 1677 Marco di Renzo paga puntualmente un fiorino all'anno, sempre colla motivazione « p / frutti del Censo» o equivalenti. 5. Ms W, ce. 10v-17v. 1679: It. p/ la subintratione che h à fatto i l sud.o Ms. Mauritio in fiorini dodeci e mezzo in lluogo di Marco di Renzo deue 1680: It. deue un fiorino Fistesso Ms. Mauritio à conto di Marco di Renzo dico 1681-2-34: Mauritio Gambarini p/ frutti di censo annui 1685: It. da Mauritio Gambarini p / affitto d'im pezzo di terra 1686-7-8: da Mauritio Cambini annui 1689: I t . i l med.o Mauritio ha dato d'affitto di terre che tiene

1. 6.16 0.13. 8 0.13.08 0.13. 8 0.13. 8 0.13. 8

6. Ms. W, ce. 18-31. Dal 1690 al 1718 i versamenti sono molto irregolari e le registrazioni non recano la motivazione, salvo in due casi in cui si parla di affitto. Secondo i miei conteggi i pagamenti coprono fino al 1714 incluso.


GIROLAMO A L L E G R E T T I

ii8

7. Ms. Z, c. 38v. Revisione

del 4 novembre 1121.

Fù anche riconosciuto l'affitto di Campo Candolo d'un fiorino l'anno essere stato saldato a tt.o l'anno 1713 dal Sig. Gambarini, e poi essere decorsi sino a tt.o l'anno pjite 1727 fiorini quatordici, che sono scudi noue, grossi sei, e q.ni sedici, dico 9. 6.16. Inoltre essere stata affittata nell'anno 1714 al med.o Sig. Gambarini la macchia p/ paoli noue, e mezo secondo asserì i l sud.o Vincenzo di Biagio Priore saluo che fanno uno scudo, et otto grossi, e mezzo ducali saluo dico 1. 8.13. Che fanno in tutto i l dare di d.o Sig. Gambarini di scudi die^ ci, grossi quindici, e q.ni quattro, saluo dico 10.15. 4. E t auendo pagato in tre pag.ti negli anni 1714. 1715. e 1717. uno scudo, e grossi sedici, dico 1.16. 0. Resta il) dare di d.o Sig. Gambarini a tt.o i l p.nte anno 1717. di scudi otto grossi diecinoue, e q.ni quattro dico saluo 8.19. 4. E cosi diciamo, e riportiamo saluo, sempre ogni errore.

8. Ms.

c. 45.

sub 1108 (?) I l Sig.r Gambarini paga per un pezzo di terra affittata in Campo Candolo fiorini uno ciò è grossi treddici, ed un bolognin' all'anno, e l i pagam.ti si uedon' adietro, doue si notano l'altr' entrate. Adi 22 gen.o 1728 I l Sig.r Sebastiano Gambarini restituì à Vincenzo Priore della med.a V . C. dellla Morte scudi noue moneta d'Urb.o con patto di far l i conti sopra l i frutti, restituendo così fiorini dodec'e mezzo à rag.e d'otto essendosi riconosciuto essere cens' e non altnment' affitto di terra. Dico scudi noue. L'istromento di d.o censo di fiorini dodec'e mezzo si ritrou'alla Penna.. e là sud.a terra in fondo Campo candolo doueu'esser'il fondo di d.o censo.


CAVOLETO

119

APP. I I — COSTITUZIONI, S U B E N T R A Z I O N I , E S T I N Z I O N I D I CENSI VARI 1. Ms. W, c. 1. Adi 25 Marzo 1669. Fabritio di Gio: e Gio: Piero di Marco come Priori della V . Comp.a della morte confessano essere intieram.te sodisfatti da Lattantio Lattantij come cessionario di Cecchino di Bedino di dodeci fiorini, e mezzo, ne quali p / i l d.o Cecchino era ili sud.o Lattantio subintrato, quali dodeci fiorini e mezzo sono di uera sorte. E di più detti priori si chiamano sodisfatti intieramente de frutti, si come anco hanno hauuto un altro mezzo fiorino p / sei mesi decorsi compresoui i doi mesi d'intimatione. I n fede Io Fran.co Bonci hò scritto p / comissione 2. Ms. W, c. 45. Adi 20 Xbre 1708. Pietro Gio: da Torito pigliò à censo dalla V . C. della Morte di Cauoleto scudi uenticinque moneta d'Urbino, quali furono restituiti da Angelo di Marchionne, cioè fiorini uenticinque, e gli fù fatto l'acrescimento infìn aMa detta somma di detti scudi uenticinque con l i frutti. Rog: i l Sig.r Pierini dà S. Angelo di pnte Vicario di Frontino à rag.e di sei. I l pagamento delli frutti si uede doue si notano l'altr'entrate, et ancora in questo, una carta qui adietro. 3. Ms. Y, c. 5. Adi 18 de Aprile 1623 in casa dlla Chiesa. I n presentia de ms.o Brardino de Marcant'Ant.o dlla murcia et de Bartollino de Renzo da san Martino et de Ant.o de ms.o Mariano già Priore di Sant.mo Sacram.to di Cauoleto furono fatti l i conti tra l i sopra d.ti et i l d.o Ant.o di dare et pagamenti che deueno i l d.o Bartolino et ms.o Brardino sud.i p / Frutti de scudi dodeci tenuti da loro à censo come Heredi del già Agostino de Santo assieme co(n) d.a Biatrigia figliola di ms.o Franco de dalla Murcia et Gio: lacomo de Horatio da patema quali dissero essere fondati l i detti scudi dodici in u(n) pezzo di terra chiamati i l capanno i l fondo nella Villla dlla Murcia capella de San' Martino lat/ imbeni di Giouan.no di Marco et Gioua.no già di ceccho d.o i l . prato et altri lati posseduti di md.o ms.o Brardino et questo alla prsentia di me D. Guido Papi Rettore et de ms.o Donino Mancini et Filippo di Vincentio priore adesso di detta compagnia.


I20

GIROLAMO A L L E G R E T T I

4. Ms. Y, c. 20v. Adi 12 di Maggio 1635. Per i l presente si dichiara qualm.te Domenico di Gio'mo dalla Murce villa di Piagnano s'obliga di pagare un scudo l'anno di frutti per censo comprato già da Agostino di sante da d.o luogo à fauore della Comp.a del ss.mo sacram.to di Caulieto, et questo per hauere hauuto tm campo da Gio: Jacomo d'Hor.o da Paterna, coherede di d.o Agostino, et promette d.o Domenico à Gio'mo d'Antonio da Caoleto Priore di d.a Comp.a di rispondere de frutti, che correra'no p / l'auenire, et di consignare i l fondo per la somma di dodici scudi e mezo, che di tanto deue pagare, et p / instrom.to obligherà, et darà p / fondo un pezzo di terra posta nel ter.rio di piag.no cap.a di s. saluadore, in luogo d.o Ca Guiero appresso i beni di Fran.co di Mengo, et di Antonio Mancini, et d.o Instrom.to Domenico pred.o promette fare ad ogni requisitione di d.a Comp.a. I n fede. Io Do' Claudio Fabrini Curato di Caoleto ho scritto et sottoscritto ili presente di pp.a mano alla presenza dì . . . Mario Fabrini, et di Do' Donino di Bastiano da Caoleto. Io D. Donino fui presente a quanto di sopra. lodo' Claud. Fabr'ni


CAVOLETO

121

APPENDICE I I I COMUNE D I P I A N D I M E L E T O - APPODIATO D I CAVOLETO B I L A N C I D E L 1834 E D E L 1846 1834

ENTRATE: Avanzo Dazio uva, mosto e vino Focatico , Tassa bestiame Tassa sui carri Tassa sul macinato Censi attivi Affitto terre M. S. Maria Varie

;

i

USCITE: Aggio esattoriale al Sindaco Quota compenso al Medico comunale Emanuense (sic) Assegno ai parroci Spese amm.ve straordinarie Dativa e tasse reali Decime e quartesimi ai parroci Sp. pubb. utilità: contributo al Com. princ. Quota riparti prov.li: » » » » Contributo Difesa Rei Contributo Dozzina Dementi Sussidio Ospedale dei Proietti (?) Subappalito esazione tassa macinato' Spese relative a » » Sopravanzo di tabella

10.33.6 18.48 31.50 73.50 8.02 1.70 2.00

1834 6.76 20.47.9 8.00 10.50 5.90 3.62 22.88.3 23.88 1.10.2

37.05.8

1846 26.53.4 12.01 25.53 64.13 6.60 51.16 1.70 2.25 1.30 1846 5.68 22.90.8 8. ? 11.50 11.11 1.87.2 3.82 22.26.5 20.92.5 1.15.6 3.37.5 4.16 48.07.8 3.22.5 7.95


GIROLAMO

122

ALLEGRETTI

APPENDICE I V P E S I , MISURE, MONETE A. P E S I : libbra da olio = once 32 » da carne = once 18 libbra comune = once 12

= gr. 904 = gr. 509 = gr. 339

B. MISURE ARIDI: rubbia = 2 Soma o sacco = 2 mastello = 4 quarto = 8 coppa

some mastelli quarti coppe

= 640 libbre = K g . 217,00 = 320 » = » 108.50 — 160 » = » 54.25 = 40 » = » 13,56 =5 » = » 1,695

C. M I S U R E L I Q U I D I (vino): soma barile boccale fogUetta

= 2 barili = 240 » = 16 boccali ^ 120 » = 4 fogliette= 90 once = 221/2 »

= K g . 81,376 = » 40,688 = » 2,542 = » 0.635

A V V E R T E N Z A — Pesi e misure di cui sopra sono desunte, nei valori reciproci, da A.S.P., Visita Boria cit., c. 512. L'equivalenza in grammi è stata calcolata assumendo come base i l valore più diffuso nelle Marche, cioè libbra ^ g. 339,07. D. M O N E T E : a) moneta ducale, o d'Urbino: scudo = 20 grossi grosso = 24 quattrini altre monete: paolo (gr. 3), fiorino (gr. 13 e q.ni 8), bolognìno (q.ni 8), giulio (gr. 2), testone (gr. 9). b) moneta papale, o romana: scudo — 100 bajocchi bajocco: si divide nei suoi quinti o decimi. altre monete: paolo (baj. 10), testone (baj. 30). c) equivalenze tra le due monete: paolo romano = paoKo ducale scudo romano = 1 1/2 scudi ducali 1 grosso = 3,33 bajocchi.


FRANCESCO V. LOMBARDI

l'epigrafe della pieve di sestino e un rettore della massa trabaria


La presente nota vuol rappresentare i l tentativo di chiarire l'epigrafe che è scolpita nella mensa d'aitar maggiore della pieve di Sestino, tuttora non completamente decifrata; nello stesso tempo intende anche apportare una nuova testimonianza sulla presenza di un Rettore della Massa Trabaria, finora ignorato dalla quasi totalità degli studiosi locali o, da taluno, ritenuto in carica solo per un determinato perìodo nel corso del X I I I secolo. A quanto ci risulta, l'epigrafe è ricordata per la prima ed unica volta dal Salmi, in uno studio del 1938; peraltro, in modo frammentario e per inciso, in quanto l'oggetto specifico delle sue ricerche era costituito dal tempietto paleocristiano rinvenuto, appunto, a Sestino (1), Questo autore data l'abside della pieve (2) alla seconda metà del X I I secolo e prosegue: « Ciò conferma indirettamente l'iscrizione intorno alla mensa dell'altare maggiore, iscrizione di difficile lettura, in parte così interpretata da Angelo Silvagni: H(OC) C(ON)SEC[RATUM] E [ S T ] M(ENSE) A[U]G(USTI) P(ER) JOH(ANNEM) EP(ISCOPU)M... D I E XVIK?)....».

I

( 1 ) M. S A L M I , L'edificio paleocristiano (1938), estratto, pag. 12, nota 2.

dì Sestino,

in Palladio,

(2) L a pieve di Sestino, come istituzione ecclesiale, è senza dubbio antichissima e risale ai primi tempi dellla diffusione del cristianesimo nella zona. Sorge sull'area della « Curia » romana del municipium di Sestinum. Cfr. A . MINTO, Sestinum, Roma 1940, pag. 5. E ' dedicata al martire romano Pancrazio. Nel V I I I - I X secolo dovette essere ricostruita, come fa fede l'a cripta con risonanze ravennati e i l copiosissimo materiale frammentario con decorazioni d'epoca carolingia.


126

FRANCESCO V. LOMBARDI

Da allora, se non andiamo errati, nessun altro studioso ha tentato una lettura analitica ed integrale di questa epigrafe (3) e pertanto una sua riscoperta critìoa non sarà del tutto inutile. Innanzi tutto i l Salmi, con ogni evidenza, fu male informato; infatti alla scritta sopra citata, nel lato sinistro rispetto a chi guarda, è chiaramente premessa la data: MCCLVIIII, cioè 1259. Con i l che, ferma restando la validità dell'attribuzione dell'abside romanica della pieve di Sestino alla seconda metà del X I I secolo per i caratteri stilistici dell'opera, come giustamente vuole lo stesso autore, è senz'altro da escludere che l'epigrafe si possa ritenere la testimonianza dell'anno in cui l'intero complesso dell'edificio romanico fu costruito: a meno che l'abside sia stata compiuta in tempi anteriori e che i l corpo delle navate possa essere stato ultimato nel 1259. E salvo che la mensa non sia stata originariamente di altra chiesa, cosa poco probabile, ma non del tutto da rifiutare a priori (4). Passando all'esame della pietra che contiene l'iscrizione, si nota che essa è costituita da un monolito d'are-

(3) G . MoROZZi, L'Abbazia di Farneta e la Pieve di Sestina in provincia di Arezzo, in Bollettino d'arte, n. I (1949) pag. 67, si limita a ricordare la data 1259, senza dare la lettura dell'epigrafe. Peraltro, per dovere di verità, chi scrive deve precisare di aver citato questa epigrafe, sulla sola scorta di quella riportata dal Salmi, nella comunicazione fatta al convegno di studi sul romanico nel Montefelltro (S. Leo, 4 ott. 1973); e deve ammettere che dalla stessa errata lezione ha tratto erronee considerazioni (cfr. pag. 7 del ciclostilato diffuso). Ma proprio in riparazione di c i ò è nato lo stimolo ad approfondire il problema ed è scaturita la non facile preparazione di questo saggio. (4) S i pensi, per analogia, all'iscrizione posta nel duomo di S. Leo (1173), in relazione ai caratteri gotici che compaiono all'interno; talché si è anche supposto che la costruzione fosse stata interrotta per vari decenni. Cfr. L . TONINI, Valori architettonici del Duomo di S. Leo, in Studi Montefeltrani, I , MiMno 1971, pagg. 42 e ss.. Quanto sopra, tuttavia, non esclude una ricostruzione parziale dell'interno delle navate.


L'EPIGRAFE D I SESTINO

127

naria di cava locale, a forma di parallelepipedo. Allo sitato attuale, gli spigoli anteriori e posteriori sono sdoppiati da una modanatura, concava inferiormente e ad angolo retto nella parte superiore, talmente da creare una fascia leggermente sporgente destinata all'iscrizione stessa. Sembra da escludere che tale masso possa essere un reperto d'epoca romana, come non di rado si riscontra in casi analoghi; è più verosimile che i l blocco sia stato cavato e tagliato per l'occasione (5). La base di marmo bianco che lo sostiene è, invece, inequivocabilmente i l piede di un'ara romana pagana, dedicata al « Genius Curiae », nel 375 dopo Cristo, al tempo dell'imperatore Graziano (6). La collocazione della piana d'altare su un cippo pagano dovrebbe essere posteriore all'epoca rinascimentale (7). Le misure della superficie della mensa sono le seguenti: m. 1,88

(5) Melila zona sestinate, ricca di materiale litico, sono stati rinvenuti vari blocchi di cava, d'epoca romana, squadrati e sbozzati; (fatto che allo scrivente, in altro studio, ha fatto nascere in mente l'idea della presenza nel territorio di varie maestranze di iscalpellini che si sono tramandati i l mestiere da epoche remote fino all'attuale). U n blocco squadrato è ancor oggi visibile al lato della strada provinciale per Belforte Isauro, all'altezza del ponte presso il Palazzaccio. S i tratta di un macigno di calcare zoogeno, dì derivazione erratica dalla dorsale del Sasso Simone; questa, in effetti, era il tipo di pietra preferito dai lapicidi romani, e non certo l'arenaria, che pure è diffusamente presente nella zona. (6) Cfr. Corpus Inscriptionum Latinarum, a cura di E . BORMANN, X I , n. 5996, Berolini, M C M I , pag. 885. (7) « Sostiene la pietra dell'aitar maggiore della cattedrale di S. Pancrazio di Sestino », si scriveva di questo Cippo nel sec. X V I I . Nella prima silloge dei marmi sestinati, fatta dal Fantaguzzl nel 1500 circa, non c'è questo titolo, che dunque non poteva reggere l'altare, altrimenti sarebbe ben stato visto e riportato. L o stesso compare però già nel codice di Petrus Victorii, prima della fine del sec. X V I . Cfr. C . / . L . cit. pag. 884. Per quante ricerche abbiamo fatto, nessuna menzione si fa della mensa nelle « Visite dell'Ordinario di Sestino 1565-1776 », tomo unico, esistente nell'Arch. Vesc. di Sansepolcro. Cfr. anni 1592, 1610 (30 ott.), 1637 (16 ott), 1648 (21 genn.), 1666 etc.


128

FRANCESCO V. LOMBARDI

di lunghezza, m. 1,35 di larghezza e m. 0,20 d'altezza (8). Si tratta, quindi, di un blocco di massa volumetrica assai rilevante, specie in rapporto alle piĂš ridotte misure della base di sostegno. L'iscrizione corre su tre lati, l'anteriore e due laterali, restando anepigrafo quello posteriore. Sul lato sinistro sono incise le seguenti lettere:

sul lato di fronte:

sul lato destro:

(8) I n particolare i l lato anteriore misura m. 1,87, quello posteriore 1,88; i l lato destro m. 1,34 e il lato sinistro m. 1,35. L'altezza è rispettivamente di cm. 14,5 - 15,5 - 20 - 19. Della modanatura concava inferiore non è stato tenuto conto. Quella superiore.


L'EPIGRAFE D I S E S T I N O

129

Secondo la nostra interpretazione, le abbreviazioni, le cooitrazioni, i troncamenti e i segni convenzionali dovrebbero sciogliersi nel modo seguente (9): M.CC.L.VIIII. H(AEC). C(ON)SEC(RA)C[IO]. F(ACTA). F(UIT)„ / M [ E N ] S [ E ] . A[U]G[USTI]. P(ER). JOH(ANNE)M. E P (ISCOPU)M CEPHAL(U)D[ENSEM]. MAS(SAE). R(EC) T[OREM]. / D(IE) X V I I . / La traduzione letterale è la seguente: 1259. QUESTA CONSACRAZIONE FU FATTA / N E L M E S E D I AGOSTO DA GIOVANNI VESCOVO DI CEFALÙ' RETTORE DELLA MASSA / I L GIORNO 17/

a sezione triangolare — a L — si presenta in termini di cm. 4 d'altezza e cm. 5 di profondità orizzontale. Un'altra grossa pietra, di forma paralleliepipeda e pure con due modanature, si trova inserita come cantonale fra la facciata e la parete estema sinistra della chiesa, poco sopra l'attuale livello del! terreno. Questa pietra, tuttavia, pur sembrando nel taglio coeva a quella in esame, non è di arenaria, ma di quel « c a l care a briozoi » così comune nella dorsale del Sasso Simone e nelle vallate che da essa declivano: potrebbe essere stata una prima bozza della mensa dell'alitare centrale, poi non utilizzata proprio perché inadatta ad essere incisa, o anche la piana non p i ù usata di un altro altare. I n ogni modo non presenta iscrizioni visibili. L e misure sono: 1,72x0,75x0,28. Con l'occasione, si vuole segnalare un'altra datazione epigrafica coeva scoperta recentemente nel territorio della Massa Trabaria, e precisamente poco a sud di Frontino di Massa, in località C a ' Scentino, nel predio del prof. Girolamo Allegretti e da lui stesso conservata. Nella scritta — su pietra arenaria — si legge M . C C . L I I . M . S E . MAD.. Cioè: 1252 N E L M E S E D I MAGGIO. (9) S i noti la differenza con la trascrizione fornita dal Silvagni al Salmi: H ( O C ) C ( O N ) S E C [ R A T U M ] E [ S T ] M ( E N S E ) A [ U ] G(USTI) P(ER) JOH(ANNEM) E P ( I S C O U ) M . . . D I E X V I I ( ? ) . . . » Sembra evidente che la lettura riuscì incompleta ali Silvagni prò-


130

FRANCESCO V. LOMBARDI

Questa interpretazione, considerata in termini analitici, si fonda sulle seguenti considerazioni e osservazioni di carattere epigrafico, di riferimento storico e di deduzione logica: M.CC.L.VIIII: l'anno non presenta alcuna difficoltà di lettura. Da notare solo che manca A.D. = Anno Domini, che talora si trova in scritte analoghe. Non è neppure i l caso di accennare che i l numero nove, nell'antichità era espresso da V i n i , anziché dal moderno I X . H(AEC). C(ON)SEC(RA)C[IO].: questa a noi pare la unica lezione possibile. Attribuendosi l'avvenimento ad un preciso giorno (17 agosto 1259) e all'intervento di un eminente personaggio (Giovanni vescovo, rettore della Massa Trabaria), non si può che logicamente pensare ad una « consacrazione ». Peraltro, di particolare rilievo può essere l'accento posto su « questa » consacrazione, proprio per distinguerla da altre precedenti analoghe cerimonie liturgiche. Ora, proprio sul piano della liturgia cattolica si hanno le seguenti consacrazioni: del vescovo, del calice e della patèna, della chiesa, dell'altare fisso, della pietra sacra per l'altare (10). Scartate ovviamente le prime due, restano quelle successive: al riguardo è da notare che, secondo le regole canoniche, la consacrazione o — come forse in questo caso — la riconsacra^ione di una chiesa, necessariamente postulava la correlativa funzione per l'altare maggiore: in questo modo si può spiegare perché nel nostro caso si parla di « questa consacrazione » in generale, onnicomprensiva, e non della « consacrazione di questo altare ».

prio p e r c h é non riusci a identificare il predicato del vescovo Giovanni. S i avverte che i segni di abbreviazione presenti nel testo sono stati espressi nelle corrispondenti lettere racchiuse fra parentesi tonde, mentre si è proceduto all'integrazione delle lettere sottintese, racchiudendole fra parentesi quadre. (10) P A U L Y - WissowA, Realencyclopadie, voi. V I I , v. « Consecration », coli. 896-902.


L'EPIGRAFE D I S E S T I N O

131

La perdita della « sacralità », in genere derivata per distruzione totale o rilevante delFedificio, per spargimento violento di sangue all'interno della chiesa, per usi empi o sordidi, per sepotura di persona scomunicata. Nel caso concreto, pur non escludendo le altre cause, propendiamo per la prima ipotesi. Sul piano epigrafico vi sono varie oonsiderazioLni da fare: per molte delle quah siamo debitori alla cortesia del prof. Augusto Campana. Innanzi tutto, la — H — con la lineetta orizzontale sovrapposta costituisce comunemente l'abbreviazione di haec e non di hoc, né di huius, che hanno in genere altri segni abbreviativi. La analoga lineetta sovrastante la prima C è indice di una vocale nasalizzata, cioè — ON. La linea ondulata posta sopra le due C in posizione intermedia, sta indubbiamente a rappresentare un — RA. In un primo tempo si era pensato che la seconda C costituisse un errore aggiuntivo dell'esecutore, ma si ritiene più logico proporre la spiegazione sopra riportata, considerando cioè la seconda C al posto della più comune T, come CONSECRACIO in luogo di CONSECRATIO, variazione che talora si trova nella grafia medioevale. F(ACTA). F(UIT).: costituiscono sigle iniziali di uso comune. M [ E N ] S [ E ] . A[U]G[USTI].: si noterà come tale espressione sia staccata tanto dalla precisazione del giorno, posta in fine, quanto dalla indicazione dell'anno, posta all'inizio dell'iscrizione. Da notare anche che la — s — minuscola è sovrapposta alla M, in posizione esponenziale. Nella coeva epigrafe riportata a nota 8, la parola MENS E è abbreviata in M.SE. Questa ed altre particolarità, già rilevate, potrebbero far pensare che l'estensore del testo dell'epigrafe sestinate non sia stato di questa zona: forse qualche letterato al seguito del vescovo siciliano. P(ER). JOH(ANNE)M, EP(ISCOPU)M. CEPHAL(U)D


FRANCESCO V. LOMBARDI

[ENSEM]. (11): per la prima volta si dà una spiegazione sull'oscura parola CEPHALD, che ha bloccato finora tutti coloro che si sono interessati a quest'epigrafe. Sarebbe bastato indagare sulla storia della Massa Trabaria intorno all'anno 1259, per avere un chiaro nesso' fra i l vescovo Giovanni e la titolarità della sua diocesi. In questo modo si sarebbe evitato di continuare a ripetere che Giovanni fu vescovo della Massa, quando è noto che tale « comitatus » non costituì mai diocesi a se stante. La fascia della mensa che contiene questa parte della scritta presenta la modanatura superiore a sezione triangolare, la quale sembra resegata in tempi posteriori alla iscrizione. A riprova, si può notare come l'asta obliqua dell'H di JOHANNEM si perde oltre lo spigolo, mentre, con ogni verosimiglianza, legava una — m — in posizione esponenziale. La stessa abbreviazione posta sopra EPM è appena percettibile, perché quasi assorbita dalla linea dello spigolo. Di normale prassi abbreviativa è, invece, la linea obliqua che taglia la L di CEPHAL: essa sta chiaramente a supplire la vocale U. MAS(SAE). R(EC) TfOREM].: la linea obliqua che risulta di troncamento sulla S, si pone — al contrario — come abbreviazione per contrazione di — E C , allorché è successivamente apposta sulla R di RECTOREM. D(IE). X V I L : qui si può rilevare una vahda conferma

(11) Uno dei p i ù antichi storici di tale doicesi, B . D E PASSAFLUMINE, intitola il proprio tomo: De origine ecclesiae Cephaloritanae, eiusque urbis et dioecesis descriptio, Venetiis 1645. Peraltro, G. MoRONi, Dizionario di erudizione storico - ecclesiastica, voi. X I , Vene^ zìa 1841, pag. 46, alla voce Cefalù fa seguire la corrispondenza latina « Cephaluden ». Ai fini del nostro assunto, comunque, la conferma della lezione viene dalla bolla originale citata a nota 28, nella quale è scritto chiaramente « Cephaludens » riferito a « episcopus ».


L'EPIGRAFE D I S E S T I N O

133

conclusiva di quanto sopra argomentato: infatti, i l giorno 17 agosto 1259 fu proprio di domenica (12), e quindi « fausto » per la consacrazione di una chiesa, oltreché favorevole al concorso dei fedeli, come d'altra parte raccomandavano i sacri canoni. Resta singolare i l fatto che l'epigrafe inizi con l'anno e termini con i l giorno: questo potrebbe anche essere stato un caso o una necessità pratica, derivante dal fatto di far preincidere, varie settimane prima, gran parte del testo, lasciando all'ultimo momento la apposizione del giorno. In realtà i l Rettore della Massa era anche Legato in Romagna e viaggiava per queste due regioni continuamente: talché la sua preannunciata presenza poteva subire notevoli ritardi anche per una cerimonia importante quale era la consacrazione di una chiesa plebale. Tuttavia, non si può fare a meno di rilevare che la frase a « cornu evangelii » inizia con l'anno; quella disposta sul fronte comincia con i l mese; quella a « cornu epistulae » principia ^con i l giorno. Inoltre la scritta pare come incompleta: forse nella mente del committente, o dell'estensore del testo, essa doveva girare armonicamente per tutte le quattro facciate. E si può ipotizzare che, dopo la indicazione del giorno, avrebbe potuto proseguire con la specificazione della giornata domenicale, e quindi con quella dell'indizione e del pontefice regnante, venendosi così ad allacciare all'anno. Che la scritta sia incompiuta anche come incisione, lo si può desumere da altri particolari: le lettere dell'anno, tenendo conto dei canoni epigrafici dell'epoca, sono riprodotte con una certa cura nel disegno e con una certa regolare profodità nel « ductus ». Le lettere degli altri lati, al contrario, risultano appena scalfite a punta di chiodo, quasi disegnate e predisposte per essere incise a intaglio triangolare: senza che tale operazione abbia poi potuto

(12) A . C A P P E L L I , Cronologia, Cronografia tuo, ni ed. Milano 1969, pag. 8 1 .

e Calendario

Perpe-


FRANCESCO V. LOMBARDI

134

avvenire (13). Viene così ad essere confermata l'impressione che i l lavoro sia stato affrettato, oppure interrotto e ripreso da altra mano. E qui può cadere acconcia una considerazione: non bisogna dimenticare che nell'anno 1259 la Massa Trabaria, fino allora sicura per la sua naturale posizione, per la soggezione diretta e protezione della S. Sede, venne indubbiamente a trovarsi circondata e quasi assediata dai ghibellini di Montefeltro, di Urbino e di Città di Castello. I l successo di re Manfredi aveva consentito a questi di prevalere sui fautori del papa « . . . anche se l'opera del Legato intesa a rafforzare le difese della Massa Trabaria non era senza un qualche successo', la regione montuosa era come isolata » (14). Ecco, forse, perché anche l'epigrafe di Sestino potrebbe essere rimasta incompleta: muratori e scalpellini occorrevano maggiormente in opere di difesa che non in lavori, sia pur lodevoli, di tradizione cronachistica religiosa. Dalla lezione fatta, comunque, vengono in rilievo due considerazioni di una certa importanza per la storia locale. L a prima è che la chiesa, e non l'altare, (come sembrerebbe dalla trascrizione del Silvagni), fu consacrata, o meglio riconsaorata, nel 1259, ammesso che tale chiesa

(13) L'altezza delle lettere, a partire dall'anno, è la seguente, espressa in cm: 15-15-13,5-12,5-11-12-12,5-12,5.12,5/7/7-8/7-7-7/7/7= n/7,5-5,5/8/12-S-10;5/8,5-8,5-10,5/9,5-7,5-8-10-7-6,5/7/10-8^7/10/8= 7/9,5-8-7,5-8 =

(14) G. FRANCESCHINI, / Montefeltro, Milano 1970, pag. 5 1 . Peraltro, anche questo autore pensa che il Legato sia Uguccione e non Giovanni di Cefalti al pari di T. CODIGNOLA, Ricerche storico-giuridiche sulla Massa Trabaria nel XIII secolo, estratto da Archivio Storico Italiano, voi. I l i (1939) voi. I (1940) pag. 120 nota 379. G. MAGHERINI-GRAZIANI, Storia di Città di Castello, voi. I I , C.d.C. 1910, non fa alcuna menzione di questo nostro Rettore.


L'EPIGRAFE D I SESTINO

135

fosse proprio la plebale di Sestino: e non sembra vi sia ragione di dubitarne. Ciò concesso, si verrebbe a ribadire che, ferma restando l'abside ai caratteri dell'arte romanica della seconda metà del X I I secolo, la chiesa potrebbe essere stata ultimata alla metà del secolo seguente. Ma è più verosimile che, in quest'epoca, fosse ricostruita la parte delle navate, forse caduta per incendi, per moti sismici o per movimenti franosi, i quali ultimi ancor oggi interessano l'area su cui sono costruite la pieve e la canonica (15).

La seconda considerazione riguarda la testimonianza della presenza di Giovanni, Vescovo di Cefalù, come Rettore (16) della Massa Trabaria anche nell'anno 1259, la qual cosa era ignota a quasi tutti gli studiosi. Innanzi tutto viene spontaneo chiedersi come mai un vescovo titolare di una sede siciliana ricopriva a quel tempo l'incarico di Rettore della Massa. Le cause, a nostro avviso, vanno ricercate nelle vicende storiche dell'Italia di allora, della Sicilia e di Cefalù in particolare. Una memoria testimoniale del 1266, posteriore agli eventi e redatta allorché Carlo d'Angiò aveva già sconfìtto gli ultimi Svevi, attesta: « . . . che la terra di Cefalù col castello e gli Uomini di detta terra e tutti i diritti e redditi dello stesso, non spettano al demanio (regio), ma dal

(15) L'Antiquarium sestinate, contiguo alla canonica, è attualmente inagibile e precluso alle visite a causa delle lesioni detern minatesi per u n liento m a progressivo processo di smottamento del terreno. (16) Sulla natura giuridica dei rettori papali vedasi: G. E R M I N I , / Rettori provinciali dello Stato della Chiesa da Innocenzo III allo Albornoz. in Rivista di Storia del diritto italano, I V (1931) pagg. 29-101. Quivi comunque, i l nostro rettore non è oggetto di menzione.


136

FRANCESCO V. LOMBARDI

tempo di re Ruggero e per volere dello stesso re, furono donati al vescovo e alla diocesi cefaludense. Peraltro, re Federico I I aveva usurpato le rendite di queste terre dal tempo della sua incoronazione fino alla sua morte, e dopo di lui re Corrado e i l suo successore Manfredi fecero incamerare a loro beneficio tali diritti » (17). Era inevitabile che fra la dinastia sveva e i l vescovo Giovanni — nominato nel 1253 — Hgio alla S. Sede, leso per i suoi diritti usurpati, e fors'anche filo-angioino, si creasse un insanabile dissidio. La conferma l'abbiamo da un rescritto' di Papa Alessandro I V al cardinale di Via Lata, Legato Apostolico in Sicilia, dato a Napoli i l 22 maggio 1255, dopo la scomunica comminata a re Manfredi (18): « . . C o m e i l Venerabile nostro fratello Giovanni, Vescovo Cefaludense ci riferì, la Comunità e gli Uomini di Cefalù, con pregiudizio e angherie nei confronti del loro Vescovo, presumono di tenere occupato i l castello di Cefalù che appartiene allo stesso presule », e gli dà mandato di favorirne la restituzione. L'otto gennaio dell'anno dopo (1256), i l medesimo pontefice scriveva al podestà ed alle autorità cittadine di Palermo « affinché fossero restituiti alla Chiesa cefaludense il castello e la Rocca di Cefalù » (19). Evidentemente c'era stata una sottomissione o una annessione di questa terra da parte della vicina e forte capitale sveva. E così i l vescovo Giovanni, 'napoletano d'origine, secondo i l Pirri (20), non solo non potè riavere i be-

(17) R . P I R R I , Sicilia Sacra, T . I I , Palermo 1733, pag. 807. (18) I v i , pag. 806. Inesattamente, peraltro, questo scrittore, attribuisce la data del rescritto all'anno 1254. (19) Ivi. (20) E ' tuttavia interessante la nota I a pag. 807, ove lo stesso Pirri ricorda che alFanno 1266 i l Carandino (f. 120) e il D'Auria (f. 7 3 ) citano un « Joannes Francigena » come vescovo di Ce-


L'EPIGRAFE D I S E S T I N O

137

ni della sua chiesa, ma dovette rassegnarsi all'esilio per tutto il tempo del potere svevo in Italia e in Sicilia.

Fra le poche notìzie della sua presenza nella Massa, quella più conosciuta è del tutto inesatta. Essa ci è giunta dal portato della tradizione, ed è così riassunta dal Lanoiarini (21): « . . . perciò gli abitanti di Massa e i l Venerabile Padre i l Signor Giovanni Vescovo di Cefalù, Rettore di Massa Trabaria, nelle cose spirituali e temporali, legato della sede Apostolica nella Romagna, nella Città d'Arezzo ed in Città di Castello e nelle loro Diocesi, riuniti assieme a consiglio e parlamento, deliberarono e stabilirono che per costituire detta Comunità (di Mercatello), sì distruggessero sette castelli, cosicché di tutti sì formasse un solo ter-

falù; e conclude: « e u n d e m esse censeo ac Joannem N e a p o l i t a n u m » , in quanto questi risultava ancora vivo nel 1268. (21) V . LANCIARINI, Il Tiferno Metaurense e la Provincia di Massa Trabaria, R o m a 1890-1905 (1902), pag. 446: pergamena coU'albero genealogico di Casa Stefani; questa fu da noi visionata in Mercatelllo, presso il M° Tomassini Alfiero nell'aprile del 1975. L e misure risultano: cm. 48,5 di larghezza e cm. 63 d'altezza. L a data, come si dirà p i ù oltre, è manifestamente errata: forse l'episodio si riferisce al 1257: « u t murum Mercatelli, quem facere coeperunt, murare sive facere non debeant », come si deduce dalla reazione del Consiglio di Città dì Castelllo. Cfr. G. M. Muzi, Memorie ecclesiastiche e civili di Città di Castello, C.d.C. 1842, voi. I Civ-, pag. 100. L'azione del Rettore fu indubbiamente coraggiosa, considerati i tempi, e modernamente lungimirante. Egli aveva compreso che l'esiguità e la f r a m m e n t a r i e t à dei comuni dellla Massa impedivano il sorgere spontaneo di un vero e proprio capoluogo di regione, come invece era avvenuto in altre zone. Di qui il tentativo di far emergere Mercatello, che era un po' il baricentro della Massa, anche a costo di sacrificare sette piccoli castelli limìtrofi. L ' a zione promossa, se realmente l'avvenimento accadde, per innumerevoli cause non ebbe i l successo che i l Rettore s'era prefisso.


138

FRANCESCO V. LOMBARDI

ritorio e distretto cittadino. E queste cose furono fatte in Mercatello, nella casa del detto Legato, l'anno del Signore 1235, nel tempo di Papa Gregorio ( I X ) , i l di 21 marzo, nel qual giorno si celebra la festa di S. Benedetto ». I l Moroni (22) aveva già raccolto l'eco di questo avvenimento, sulla scorta di uno scritto del Padre Civalli (23): « Racconta inoltre i l p. Civalli, che da Guido Rocco Gentiluomo della Terra gli furono mostrati gli annali mss. di Mercatello, ne' quali si legge la sua fondazione risalire al 1232 (24), d'ordine di mgr. Giovanni Vescovo Confaludense (sic), a quel tempo legato della Massa Trabaria.. ». Inoltre, poi, la stessa notizia era stata citata anche dall'Ugolini (25), i l quale — narrando l'avvenimento — ricorda i l « Venerabile prete messer Giovanni Cefaldolese vescovo di Massa Trabaria (!) in spirituale e temporale », con inesatta variante circa l'individuazione del predicato diocesano e confusione di cariche pastorali (26).

(22) G. MORONI, cit. voi. 86 (Venezia 1857), v. Urbino, sub v: Mercatello, pag. 132. C'è un errore tipografico nel predicato vescovile, che è poi riferito correttamente nell'indice, alla voce Cefalù. (23) Cfr. Visita Triennale di F . Orazio Civalli, etc. in G. COLUCCI, Antichità Picene, tomo XXV, Fermo MDCCXCV, pag. 213. L a visita è degli anni 1594-97. (24) L a data 1232 non p u ò esere assolutamente esatta: anche p e r c h é rettore della Massa, in tale anno, era Raynaldo, Cappelllano dell Papa, presente ad un atto rogato proprio « ad Plebem Xistini de Massa ». Cfr. L . A. MURATORI, Antiquitates Italicae Medii Aevii, Milano 1738-43, tomo I , col. 225. (25) F . UGOLINI, Storia dei Conti e Duchi di Urbino, voi. I , F i renze 1859, pag. 308. Egli, pur ponendo la frase in corsivo, non ne cita la fonte, m a pare evidente che questa sia Ila pergamena mercatellese. D'altra parte l'Ugolini stesso fu autore dì un'ode su questo avvenimento. Cfr. E . L I B U R D I , Una poesia patriottica di Filippo Ugolini, in Picenum, a. X V I I , fase. 4 (aprile 1915). (26) I n merito alla lettura del nome della diocesi, sì veda quanto sopra argomentato nell'analisi dell'epigrafe. Dalla inter-


L'EPIGRAFE D I SESTINO

139

La memoria mercatellese, riferibile al secolo X V I nella stesura rimastaci, è troppo ben circostanziata per poter essere rifiutata a priori: ma la data 1235 non può essere assolutamente accolta, in quanto i l vescovo Giovanni venne eletto non prima del 1253, e non venne nella Massa prima del 1257. Tuttavia, nonostante tale testimonianza, resta singolare il fatto che l'esistenza di questo Rettore di Massa sia ignorata da quasi tutti gli autori che, più o meno direttamente, si sono interessati a questa regione, salvo i l Lanciarini, i l quale, peraltro, ha contribuito a creare la maggior confusione. Secondo lui, infatti, i l vescovo Giovanni avrebbe ricoperto l'incarico dal 1235 al 1250, allorché gli subentrò nel rettorato Uguccione dei Marchesi di Monte S. Maria Tiberina: e invece avvenne proprio i l contrario (27). Ma ormai, i l pur meritevole studioso si era prefissato nel periodo 1235-50, e dovette perfino mettere in discussione alcuni documenti che, al contrario, rivelano tutte le caratteristiche di essere autentici. Si tratta di una bolla data da Papa Alessandro I V alle

pretazione dell'Ugolini deriva i l malinteso di O. T. LoccHi, La provincia di Pesaro - Urbino, Roma 1934, pag. 659, v. Mercatello, ove il vescovo Giovanni diventa un « camaldolese ». (27) LANCIARINI, cit.; pag. 314, ove riporta un elenco di tutti i rettori da lui conosciuti. Da aggiungere, che nel 1243 era nominato Rettore di Massa Trabaria Azzpne vescovo di Città di Castello. Cfr. Les Régistres d'Innocent IV, par E . BERGER, Paris 1884, voi. I n. 15, pag. 4. Ancor prima abbiamo due notizie secondo le quali Gregorio I X ricorda il proprio Cappellano Jaquinto come Rettore di Massa Trabaria: la prima è del 2 gennaio 1234 e la seconda del 14 giugno 1240. Cfr. M.G.H., Epistulae saeculi XIII et Regestis Pontificum Romanorum, Berolini 1883, T. I , n. 569, pag. 465 e n. 777, pag. 676. Non risulta che Giovanni di Cefalù, nel 1235 possa essersi inserito a Jaquinto, anche perché è noto che lo stesso Giovanni, i l secondo nella serie dei vescovi di Cefalù, ebbe la nomina non prima del 1253. Cfr.

PIRRI,

cit.;

pag.

806.


140

FRANCESCO V. LOMBARDI

monache di Ponte Persaiolo nel 1258 e di altri documenti di esecuzione della bolla stessa (28). Su di essi afferma testualmente i l Lanciarini: « Debbo, per esattezza storica, avvertire che se la Bolla dì Alessandro I V ha veramente la data 1258, la missione di mettere in possesso le monache di Persaioli non poteva essere data al Rettore di Massa Trabaria Giovanni di Cefalù, che fin dal 1250 aveva cessato quest'incarico (vedi pag. 314). E se delegato a questa faccenda fu veramente Giovanni di Cefalù, bisognerebbe ammettere che la bolla relativa non fosse di Alessandro IV, pontefice della Casa de' Conti di Segni, i l quale sah al trono Pontificio i l 24 dicembre 1254, cioè quattro anni dopo che i l Vescovo di Cefalù non era più rettore di Massa ». I l Lanciarini non ebbe nemmeno a pensare che, al limite, a tale persona poteva ben essere stato nuovamente conferito i l rettorato di Massa, dopo la presenza di Uguccione dal 1253 al 1257 (29). Ma le cose, in realtà, hanno avuto un ben diverso svolgimento. E i l Rossi (30) aveva già intravisto i l nodo del problema: « Una pergamena, già di Casa Stefani, vergata nel sec. X V I ed ora esistente nella Sala Comunale di Mercatello, ricorda questi fatti; un solo dubbio sorge intorno alla piena veridicità di tale documento: e cioè la

(28) LANCIARINI, cit.; pag. 478 ed ivi nota 1 . L o stesso autore, tuttavia, a pag. 474, nota 1 , afferma di non aver potuto vedere i documenti originali, ma solo dei regesti. L a bolla — da noi visionata — è attualmente conservata nell'arch. arcipretale di Mercatello col n. 1 1 di catalogazione: misura cm. 59,50 x 47. Ili nome del vescovo, in origine, era indicato con la sola iniziale, in inchiostro rosso, ora non p i ù distinguibile. (29) Sulla nomina di Uguccione cfr, M u z i , cit-, Civ. I , pag. 124. Anche A. T H E I N E R , Codex diplomaticus domimi temporalis S. Sedis, voi. I , Roma 1861, n. 249, pag. 133. (30) D . ENRICO R O S S I , Memorie ecclesiastiche della Biocesi di Vrbania, voi. I I , Urbania 1930, pag. 93. L a bolla, comunque, non è del 1258, come egli dice, b e n s ì del 1259 « die xxiij Aprilìs ».


L'EPIGRAFE D I SESTINO

141

> presenza del Legato Pontificio Giovanni Vescovo di Cefalù alla grande adunata massana del 1235. I l detto Vescovo era certissimamente Legato Papale e presente in Mercatello nel 1258, come prova la pergamena n. 11 dello Arch. Arcipr. Non mi pare ammissibile che lo fosse anche 23 anni innanzi ». E non lo poteva essere, visto che la sua elezione non era anteriore al 1253, Quindi, è da concludere che l'avvenimento di Mercatello, presente i l vescovo Giovanni, non sia quello del 1235, bensì un evento posteriore, forse proprio quello della ricostruzione delle mura, che venne deliberata dal parlamento della Massa, riunito a S. Angelo in Vado nel 1257 (31). Ma abbiamo ancora delle altre conferme sulla presenza del vescovo Giovanni come rettore della Massa nel 1258-59. Scrive i l Vasina (32): « . . n e l corso della seconda metà del '200 non sono infrequenti i casi in cui si ha uno scambio di rappresentanti papali tra una regione e l'altra: nel 1257 e nel 1263 Uguccione Marchese Rettore della Massa Trabaria diviene legato apostolico in Romagna; nel 1258 Giovanni vescovo di Cefalù rettore di Massa Trabaria, viene nominato legato papale in Romagna.. ». Nello stesso anno, infatti, troviamo che questi delega l'abate Ventura di S. Lorenzo di Cesena quale giudice in una controversia fra Giacomo, vescovo di Rimini, e Antonio abate di S. Giuliano (33).

(31) Vedi M U Z I , cit. a nota 2 1 . (32) A . VASINA, / Romagnoli fra autonomie cittadine e accentramento papale nell'età di Dante, Firenze 1956, pag. 28, nota I ) e pag. 4 0 1 . S . B E R N I C O L I , Governi di Ravenna e di Romagna dalla fine del secolo XII alla fine del secolo XIX, Ravenna 1898, pag. 19. (33) C . C L E M E N T I N I , Raccolto Istorico della fondatione di Rimino e dell'origine, e Vite de' Malatesti, in Rimino 1617, tomo I , pag. 479. L'atto è stato pubblicato da M . F A N T U Z Z I , Monumenti Ravennati de' secoli di mezzo, tomo V I , Venezia 1804, n. 50, pag. 97 con la data del 9 giugno 1258.


V

142

FRANCESCO V. LOMBARDI

L'anno dopo, in maggio, era ancora Legato in Romagna, oltreché rettore di Massa (34). Siamo, dunque, di fronte ad una inoppugnabile convergenza di fonti circa l'effettivo permanere di Giovanni, vescovo di Cefalù, quale rettore della Massa Trabaria negh anni 1258-59. L'epigrafe della mensa d'altare della pieve di Sestino ci dà una ulteriore testimonianza inedita: i l 17 agosto 1259 egli ricopriva ancora tale carica (35). Concludendo: mentre da ima parte, tramite l'iscrizione sestinate si è potuti risalire a delineare con maggiore certezza la ancora poco conosciuta figura di un Rettore

Non sappiamo quale valore attribuire alla notizia incompleta riportata in regesto da A. POTITO, Badia Tedalda nei secoli, Forlì 1971, pag. 18, con la data del 7 settembre 1258: « C o p i a autentica di causa civile agitata al tempo dell sapiente uomo Michele di Domenico da Fermo Arcangelo, Rettore della Massa Trabaria, per Ha Santa Romana Chiesa ». Non si capisce se tale Michele da Fermo sia da intendere come Rettore o suo delegato, o giudice. Nel primo caso, comunque, dovrebbe essere sbagliata la data, in quanto — sicuramente fin dal giugno dello stesso anno — era Rettore i l vescovo Giovanni. N é è ipotizzabile, per questi tempi, una ripartizione di competenze connesse a l Rettorato, distinte in « temporalibus » e « spiritualibus ». Siamo legittimati a pensare, dunque, che quei puntini nascondano la presenza del nome del vescovo Giovanni. (34) L . TONINI, Della storia civile e sacra riminese, voi. I l i , R i mini 1862, pag. 223. (35) Nel mese di marzo dell'anno 1268, Giovanni vescovo di Cefalù, era presente a Messina, nella casa di Donna Maria « de Pariselo ». Evidenti, dunque, i legami con la Casa Angioina. Nello stesso anno, o morì, o fu trasferito ad altra sede episcopaDe, in quanto i l 26 febbraio 1269 vescovo di Cefalù è « Petrus Taurs Gall u s » . Cfr. P I R R I , c i t , pag. 807. L'ultima sua notizia l'abbiamo « post mortem », in un atto processuale del 9 agosto 1278: « quod R . E . de ipsis in pacifica possessione fuit, ratificantes et approbantes processum habitum per b(onae) me(moriae) Johannem Cephaludensem episcopum tunc Masse Trabarie rectorem, Apostolicae Sedis legatum, super ca-


L'EPIGRAFE D I SESTINO

143

della Massa, dall'altra le fonti documentarie hanno offerto materia preziosa per decifrare un'epigrafe rimasta finora inspiegabilmente trascurata.

stro S c a l o c l i s . . . Âť in P . FABRE, Massa d'Arno, Massa di Bagno, Massa Trabaria, in Arch. della R. S o c i e t Ă romana di storia patria, X V I I (1894), fase. M I , pag. 21 (estratto).


I T A L O PASCUCCI

il toponimo di montecopiolo


S i premette che i lemmi i n lingua greca sono stati riprodotti senza accenti e senza spiriti per ragioni tecniche. (n.d.e.).


Sul toponimo di Monte Copialo (Mons Copiolus), per quel che sappiamo, corrono due versioni etimologiche u gualmente suggestive m a prive, a nostro avviso, di qualsiasi fondamento. Alcuni storici, ora con giudizi improntati a cautela (1), ora con espressioni piuttosto perentorie (2), hanno creduto di poter allacciare l'etimologia di Monte Copiolo, a Mons copiae, per via di particolari prerogative (ricchezza di acque sorgive, campi fecondi, armenti ben pasciuti, famosi giureconsulti) celebrate i n u n suo distico (3) dall'umanista Gioanni Hercolani de' Sarti (4) di Macerata Feltria. Altri storici riconducono i l toponimo Mons Copiolus,al lemma Aucupium da cui, per metaplasmo i n aferesi, sì avrebbe « Cupium o Cupìolum, e quindi Copiolus » (5), va-

(1) Cfr. P. FRANCIOSI, Montecopiolo, Il castello d'origine dei Conti di Montejeltro divenuti poi Duchi d'Urbino, Bologna, 1922, p. 3 . (2) L . D O M I N I C I , Storia generale montefeltrana, I , Lanciano, 1931, p. 284. (3) « Mons Copiolus aquas et pinguia rura bovesque / Causidicos multos Mons Copiolus habet ». (4) L'Hercolani, dottore i n legge e umanista, vissuto nel sec. X V I , dettò numerosi distici che illustrano varie Ilocalità del Montefeltro, poste lungo i l Pisaurus-Foglia, il Crostumium-Conca., l'AriminM5-Marecchia. I distici delI'Hercolani sono conservati nel Tomo I , Cap.

2° dei Rerum

Feretranarum

Scriptores

di ANTON M A R I A Z U C -

CHi TRAVAGLI, la cui raccolta, tuttora inedita, è conservata nel'Archivio civico di Pennabilli. (5) P. FRANCIOSI, op. cit., p. 3. E ' sicuramente errato scrìvere aucupium colla lettera maiuscola come fanno i l Franciosi e gli storici che citiamo a nota 6.


148

ITALO PASCUCCI

le a dire « monte della caccia degli uccelli », « monte della uccellagione » (6). Ora, anche a prescindere dal fatto che non è possibile giustificare i l metaplasmo in aferesi nel sostantivo (7) aucupium, perchè composto da avis, capto, non s i vede come da codesto sostantivo possano derivare le forme diacroniche Cupiolus, Cuppiolus, Copiolus, Coppiolus; ma finora, proprio perché non sono state prese i n esame codeste forme, è venuto a meno la possibilità dì risalire airetimo del toponimo. Per l a diacronia delle forme suddette (8) (e noi per parte nostra cercheremo di prendere i n consideraziione anche le forme evolutive del volgare), notiamo che nel documento relativo al patto di Rimini del 1228, è scritto Castrum Montis Cupioli (9) mentre nella Descriptio Romandióle (1371) del Cardinale Anglico Grimoard, si legge Ca-

(6) I l D O M I N I C I , op. cit., p. 285, entusiasta com'è della pseudo etimologia ancorata a Mons copiae, riferisce la lezione ricordata e discussa dal Franciosi, cit., p. 3, nel modo che segue: « Secondo alcuni i l nome di Montecopiolo deriverebbe da Aucupium (ucceUagione) onde Cupium e Copiolum e quindi Copiolus ossia monte della caccia ». Sembrano voler aderire alla tesi aucupium = Mons Copiolus, sia O.T.L(occhi), Montecopiolo in La provincia di Pesaro ed Urbino, Roma, 1934, p. 698, che scrive: « si ritiene che i l suo nome derivi dal latino « Aucupium » onde Cupium e Copiolum e quindi Mons Copiolus », sia N . M A T T E I N I , Romagna, Rocca S. Casciano, 1963, p. 268, che annota: « S i ritiene che i l suo nome derivi da]) latino « Aucupium » (caccia degli uccelli) onde Cupium e Copiolum e quindi Mons Copiolus, ossia monte della caccia ». (7) L'osservazione è tanto più valida per i l toponimo che viene collegato, come s'è avvertito, a Mons copiae. (8) Non prendiamo in esame le forme: castrum montis Cuppioli, castrum montis Copioli (citiamo da D . BERNARDI e altri. Rocche e castelli di Romagna, Bologna, 1972, p. 195) che si leggono nel diploma apocrifo di Ottone I , del 1 7 agosto 962, a Uldarico di Carpegna (cfr. G . P E C C I , Un diploma apocrifo di Ottone I in favore dei Conti di Carpegna, Rimini, 1935). (9) L . T O N I N I , Rimini nel sec. XIII, I I I , p. 452. (10) Citiamo da D . BERNARDI e altri, op. cit., p. 195, s.v.


I L TOPONIMO D I MONTECOPIOLO

149

strum Montis Cuppioli (10); i n una missiva del 1 maggio 1574, dettata dal Duca di Toscana Francesco I de' Medici, per i l Duca d'Urbino Guidobaldo dela Rovere, si riscontra l a forma Montecoppioli (11). Nel commento alla Divina Commedia condotto da Cristoforo Landino, a chiosa di 1,27,29, s i legge Monte Copiolo (12); Pier Antonio Guerrieri della Castellaccia, adopera l a forma Monte Cuppiolo (13). Ad ahundantiam, rileviamo che i l Parlamento Feretrano radunato nella chiesa di S. Croce di Montecerìgnone, essendo Papa Urbano V I e Signore di Urbino, di Cagli e di Montefeltro, i l Conte Antonio, incarica per l a revisione degli Statuti « come persona più istrutta e all'uopo adatta » (14), Angelo de Toso da Monte Coppiola; a sua volta, Giuseppe Ginepri, che tradusse i Monimenta Feretrana di Orazio Olivieri (16), usa l a forma Montecoppiolo (17).

(11) A POTiTO, La fortezza del Sasso Simone, S. Leo, 1972, p. 24. Per i l fatto cui s i riferisce l a lettera cfr. E COPPI, La fortificazione del Sasso Simone, « Studi Montefeltrani », Ser. monogr. 5 , Urbania, 1975, p. 9 2 . (12) C r . LANDINO, Commento alla « Divina Commedia », Firenze, 1481. (13)

P I E R ANTONIO G U E R R I E R I , Della Carpegna

abellita

(sic) e

del

Montefeltro illustrato, parte terza, capi I , I I , I I I stampati a cura di F . MANDUCHI, Bologna, 1924, pp. 26, 3 4 . (14) CoUez. Documenti storici antichi inediti e rari della Citt à e Terre Marchigiane per cura di C . CIAVARDINI, Tomo I I I , p. 247, Ancona, 1874. (15) S i tratta di Ser Angelo de Tonsis che nel 1384 f u incaricato di stender gli Statuti dell Montefeltro. Per notizie su Ser Angelo e sulla famiglia de Tonsis che h a onorato Montecopiolo e Montecerìgnone con uomini illustri, cfr. N . FABRINI, Comunicazioni e Appunti, « Giornale storico della lett. it. », fase. I , 1952, p. 107, n. 4 ; M . A R Z I L L I , Motivi danteschi sul Titano, Urbania, 1965, p. 1 9 sgg. Inoltre s i veda A . F . MASSERA, Il Vescovo Giovanni Tonsi, il suo commento dantesco i n « Museum », S a n Marino, 'anno V (1921), pp.

107-113. (16')

Per

notizie

sull'Olivieri

cit., p. 9 1 . (17) O O L I V I E R I , Monimenta

cfr.

PIER

Feretrana,

ANTONIO

GUERRIERI,

op.

tradotti da G . G I N E P R I ,


ITALO PASCUCCI

Le forme differenziate Cupiolus, Cuppiolus, Copiolus, Coppiolus derivano dai sostantivi cupa, ae (18) ( Ì C U T T Y I ) , classico di origine indoeuropea, cuppa ae (forma tarda da cupa); copa,ae, lat. tardo a;l pari dejl dirivato coppa,ae (19). Ma noi siamo convinti che codesti vocaboli (ci riferiamo soprattutto a cupa (20) che le altre forme sono derivate), nei loro significati di « b o t t e » , «barile », « tino » e di qualsiasi altro oggetto o cosa a forma tondeggiante (21), fissano efficacemente l a struttura a cupola del monte detto appunto anche i n volgare (evidentemente con oscillazioni diacroniche i n cui cupa rimane sempre l a matrice), Cupiolo, Cuppiolo, Copiolo, Coppiolo, Cuppioli quasi meravigliosa « cupola » naturale incastonata nel sistema orografico del Carpegna. Non diversamente si spiega i l variare delle forme dialettali del toponimo che a Montecopiolo, a Villagrande, a Montecerìgnone, pur con lieve inflessione di voce, suona Montcùpiól; a Cappuccini di Pietrarubbia, a Carpegna e

Pennabilli, (18)

1880,

pp. 63,

Similmente

67.

derivano da

cupa,

il diminutivo

« cupellus », « cupella » 3tu7rs>.>.òv « cupola »; da cuppa:

« cupula », « cuppulla »;

da « c o p p a » : « c o p p o l a » , tipico berretto siciliano. (19) S i ha copa dall'originario cupa, si ha Copiolus dall'originario Cupiulus per i l passaggio della vocale u posteriore o velare, molto chiusa e stretta, in o posteriore o velare di media apertura verso il suono grave. (20) Per cupa cfr. Varrò ap. Non. 83, 94; Cic. Ps. 67; Caes. Civ. 2, 11, 2. (21) Per la forma tondeggiante, sempre da cupa diciamo « copa » anche la parte posteriore del capo e, dallo stesso sostantivo, « coppa » di Champagne (cfr. G. DEVOTO, Scritti minori, Firenze, 1958, p. 175), nonché un certo insaccato fatto colle carni di maiale ; diciamo inoltre «coppa » tanto ili panciuto orcio di terracotta quanto il tegolo ricurvo. E l'elenco potrebbe continuare. Comunque si tratta di vocaboli che derivano dal mondo rurale, nel nostro caso dalla « botte », dal « barille », dal « tino » dell'agricolltore. A titolo di curiosità, per . coppa », parte posteriore del capo,

cfr.

D A N T E , D.C.

I , 25,

22;

3,

8,

12.


I L TOPONIMO D I MONTECOPIOLO

a Monteboaggine, Montcòpiòl; a S, Leo, a Pugliano di Montecopiolo e a Novafeltria, Montcùpiùl; a Soaiuie di Pennabilli Montcùppiùl. Resta da dire che Copiolo (l'osservazione vale naturalmente anche per le altre forme differenziate) è i l diminutivo di « cupa » con suffisso latino atono-ol-Copiolus (pronuncia Copiolus) i l quale nella ulteriore evoluzione che subisce, diventa tonico, Copiolus (22), da cui in volgare Copiolo (Monte Copiolo). Per quanto riguarda lo vocale i, presente nel lemma Copiolus (voi. Copiolus), essa va giustificata allo stesso modo che in capriolus (volg. capriólus) capriòlo (23), da capra, capreus, capréolus, capriolus (voi, capriólus) e cioè cupa, cupeus, cupiolus, cupiolus, cupiolus, Copiolo.

(22) G . R O H L F S , Grammatica star, delta lingua it. e dei suoi dial, Torino, 1969, pp. 405 sgg. parag. 1085, 1086; P. TEKAVCIC, Grammatica stor. dell'it., I l i , Bologna, 1972, p. 188, parag. 1872; V E I K K O VAANANEN, Introduction au latin vulgaire, Paris, 193r 1967^ (23) S i tratta di una località del Comune di Montecopiolo.


ITALO PASCUCCI

il toponimo di montecerignone


S u l toponimo di Montecerignone corrono versioni etimologiche

piene

almeno

un

equilibrato esame

rica più

alle

di

re

stimoli

nostre

e

suggestioni

indagini, filologico,

ma,

incapaci di

a

prive di consistenza

e mancanti di qualsiasi fondamento elementari norme della glottologia.

al vaglio

stato fatto,

delle si

(come

del resto, per qualche altro toponimo

nostro Montefeltro) collegandolo

a

sto-

P e r i l passato

è cercato di nobilitare i l nome di Montecerignone è

crede-

resistere

del

a l culto di Cerere I o n i a ,

per via di u n tempio dedicato alla dea che sarebbe sorto, a giudizio di qualche storico, « sopra le rive (1) del fiume

(1) I n uno scritto inedito dello storico montefeltrano Pier Antonio G u e r r i e r i s u Montecerignone, t r a s c r i t t o d a Anton M a r i a Z u c c h i T r a v a g l i nei suoi Rerum Feretr. Scriptores, Tomo I , p. 187, A r c h i v . Com.le PennabiMi, s i legge: « M o n t e Cerignone ricevette i l nome ed etimologia da u n antichissimo e famoso tempio di Cerere I o n i a che i v i stava sopra le rive del fiume detto latinamente C r u s t u m i o a l rincontro d i u n altro della D e a L u c i n a come si d i m o s t r e r à a suo luogo t r a le a n t i c h i t à del Recluso ». Dal! testo del G u e r r i e r n o n emerge s u quale « r i v a » s i trovasse i l tempio sacro a Cerere J o n i a ; a individuarne l a riva c i a i u t a oltre l'avverbio rincontro, u n passo dello stesso storico, relativo alila descrizione della Chiesa d i S . M a r i a i n « Recluso », d a c u i s i arguisce che i l tempio sacro a Cerere J o n i a e r a sulla riva des t r a del fiume. Dice i n quel passo (p. 190 dell'inedito summenzionato), i l Guerr i e r i : « D a l l a . . . ) Chiesa d i S . Croce calando- d a l l a v i a petrosa s i passa ali suo borgo posto i n s u l a riviera, dove contiguo è i l suo ponte d'un grand'arco fabricato ( s i c ) d i grosse pietre maestrevolmente per i l quale s i passa a l l ' a l t r a r i v a del fiume Conca, e sopra l a qual r i v a allo spatio (sic) meno d i u n quarto d i miglio è l a Chiesa d i S . M a r i a vecchia ( . . . ) ». C a m m i n a sulle peste d e l G u e r r i e r i , p u r esprimendosi c o n mag-

.


156

ITALO PASCUCCI

detto latinamente Crustumio » (2), secondo l'opinione di altri studiosi, sulla riva destra (3) del Crustumium-Concsi,

giore concisione, A . M A R I N I , Piano per una storia completa della provincia di Montefeltro, U r b i n o , 1843, p. 40, che scrive: « ( . . . ) Monte Cerignone, detto c o s ì d a u n tempio che n a r r a n o anticamente esistesse i n venerazione della D e a Cerere, stato de' p i ù popolosi della nostra p r o v i n c i a dopo i l m i l l e ( . . . ) ». I n Dizionario Encicl dei Comuni d'Italia. Cremona, 1950, p. 124, si legge: « I I nome gli d e r i v a ( s i allude, naturalmente, a Montecerignone) d a u n a n t i c h i s s i m o tempio che i R o m a n i , g i à abitat o r i del luogo, avevano dedicato a Cerere J o n i a dea delle messi, che l a t e r r a ubertosa prodigava ai coloni ». (2) S i i . I t . con 9 367, non « fa m e m o r i a » dell CrustumiumConca, come vorrebbe l ' A r z i l l i (cfr. M . A R Z I L L I , Monte Cerignone, U r b a n i a , 1962^ p. 12, n . I ) . Crustumium, di cui scrive S i i . It., è Crustumerio ovvero Crustumio, a n t i c h i s s i m a c i t t à dei S a b i n i , presso le sorgenti dell'Alila. S ì v d . E . P O R C E L L I N I , Onomast., Tomo V , p. 437 s.v. Crustumium (est i d e m ac Crustumerium) e Crustumerium; H i i l s e n i n Pauly-Wissowa, Realenc, I V , p. 1727, s.v, Crustumerium. Cfr. anche L . T O N I N I , Storia di Rimini, I , Rimini, 1848, p. 48. (3) P . F R A N C I O S I , Rocche e Castelli del M. Feltro, i n : « rassegna M a r c h i g i a n a », 5-6, Pesaro, 1925, osserva: « L'etimologia di Montecerignone, p i ù che d a l cerro, p i a n t a che i v i alligna, l o s i v u o l derivare d a u n antico e famoso tempio sacro a Cerere Jonia — l a D e a delle biade — che i v i sorgeva sopra l a r i v a destra del fiume Conca detto latinamente Crustumium, come di « rincontro » sopra altro giogo su la riva sinistra s i dice e s ì s t e s s e a l tro tempio romano i n onore della Dea L u c i n a o Giunone (cfr. M . A R Z I L L I , cit., p. 11) protettrice dei p a r t i . A proposito dellla dea L u c i n a , notiamo che d a l testo non emerge a l c u n indizio che ci poss autorizzare a credere che s i identifichi, come vuole i l F r a n c i o s i , con Giunone. L u c i n a sì p u ò identificare o r a con D i a n a (Verg. Ed. 4, 10; C a t u l l . 34, 13; C i c . Nat. 2, 68; H o r . Saec. 15); ora con Giunone (Plaut. Aut. 692; Ov. Fast. 6,39; o r a con fonte o c a u s a d i luce ( T b . 3,4,13; Ov. ars 3 785). Ma

per questa

PORCELLINI,

ed altre impllicazioni inerenti a l l e m m a , cfr. E .

Onomastic,

A sua v o l t a 1931, p, 289, e a quelite Conca sorge

s.v.

L . D O M I N I C I , Storia generale Montefeltrana, Foligno, uniformandosi a l l e notizie generiche del G u e r r i e r i acritiche del F r a n c i o s i , scrive: « ( . . . ) i n r i v a a l i l paese d i Montecerignone, capoluogo d i Comu-


I L TOPONIMO D I M O N T E C E R I G N O N E

a giudicare dalla notizia che si legge in scrittori p i ù recenti, entro la cerchia murale (4). S u codesta paretimologia, irrelata al mitotoponimo di Cerere Jonia, siamo del parere che non valga la briga di intrattenerci, vagamente basata c o m ' è su somiglianze di suoni, su illusorie corrispondenze di forma, su consonanze di nessun valore. L a voce Cerere {Ceres, eris), per chiara differenza di struttura morfologica, non p u ò giustificare n è la forma indigena Muncirignón (5) (pur con tutte le oscillazioni diacroniche cui p u ò essere andata incontro questa forma) n è le forme volgari Monte Ciragnone, Monte Cerignono, Monte Ciaragnone, Monte Cerignano, Monte Cerognono, Monte Ceregnone, Monte Cirignono, Monte Cerignione, Monte Cerignone, n è le forme latine derivate, e c i o è Mons Cerignonus, i; Mons Ceregnonus,'i; Mons Cerignonius, ii; Mons Cerìgnionius, ii; Mons Cerigno, onis; Mons Ceregno, onis.

ne, che trae l'etimologia del nome d a u n tempio a l l a Dea delle biade — Cerere J o n i a — tempio che r i t i e n s i i v i sorgesse s i n dall'epoca della repubblica r o m a n a ». O.T. L e c c h i , uniformandosi piattamente alle notizie degli s t o r i c i che lo hanno preceduto, dice: « III suo nome deriva, secondo a l c u n i , d a u n tempio a Cerere J o n i a (Dea delle biade), che esisteva s u l l a destra del Conc a ( . . . ) ». (4) M . A R Z I L L I , op. cit., p. 10, con parziale adesione alle notizie tradizionali, per l a notizia differenziata r e l a t i v a a l l a ubicazione del tempio, scrive: « H a n n o anche voltuto far derivare i l suo nome d a l l a Dea Cerere J o n i a , i n onore della quale pare esistesse u n tempio a lei dedicato entro l a c e r c h i a delle m u r a ». (5) Accanto a l l a f o r m a indigena M u n c f r i g n ó n , t a l o r a s i t r o v a anche l a f o r m a Muncerignon; non è infrequente l'una e l ' a l t r a pronuncia cioè con l a variazione d i vocale, nell'ambito d i uno stesso nucleo f a m i l i a r e . D i c h i a r i a m o che ogni n o s t r a discussione v e r r à angolata sulla prim a voce, M u n c f r i g n ó n , t u t t a v i a ogni osservazione riguardante tale l e m m a , s i deve intendere r i f e r i t a anche a l secondo l e m m a : l'attenzione s i s p o s t e r à direttamente s u Muncerignon soltanto se si t r a t t e r à di discutere l a variazione f r a l a vocale i e l a vocale e.


158

ITALO PASCUCCI

I n seguito, contro i mitotoponimi si avvertì l'esigenza di un maggiore realismo fondato sull'etimologia seria, sullo svolgimento reale delle parole, sulle loro vicende, tuttavia, per carenza di una sicura coscienza storica, nacque il pericolo di collegare i toponimi alla menzione, spesso illusoria, che illustri storici d ell'antic hità avrebbero fatto nei loro scritti, determinando c o s ì inevitabili forzature di significato e di forme. Ciò si è verificato proprio nel caso di Montecerignone il cui nome è stato fatto risalire, nella futile pretesa di una n o b i l t à discesa ab antiquo, allo scrittore greco Polibio dal quale, a giudizio di alcuni studiosi di problemi montefeltrani, sarebbe stato appunto ricordato col nome di Mons Ceregnus (6), Mons Cerenius (7), Mons Ceregno (8). Queste differenziate forme toponomastiche (forme tratte evidentemente da volgarizzamenti condotti sul testo polibiano in lingua latina (9), a n z i c h é direttamente dall'originale), le variazioni del toponimo, anche se apparentemente insignificanti, e la sua presenza in una temperie storica c o sì lontana, ci hanno spinto a fare una ricognizione sul testo delle tdTopsat di Polibio, per accer-

( 6 ) M . A R Z I L L I , cit., pag, 1 0 , annota che; « Monte Cerignone fu dagli a n t i c h i storici c h i a m a t o generalmente Mons. Ceregnus » e N . Matteini, senza l'impegno che s i sarebbe da l u i aspettato di u n a s i a p u r breve esplorazione storico-ermeneutica, ripete: « ( . . . ) a l t r i storici a n t i c h i lo denominano Mons Ceregnus ». ( 7 ) Diz. Encicl dei Comuni d'Italia, I I , C r e m o n a , 1950, p. 1 2 4 , r e c a : « ( . . . ) Polibio lo c h i a m ò Mons Cerenius (...) ». ( 8 ) P . F R A N C I O S I , op. cit., p. 168, annota: « ( . . . ) Montecerignone per l ' a n t i c h i t à sua e della s u a R o c c a è ricordato da m o l t i scritt o r i a n t i c h i e moderni. Polibio lo a p p e l l ò Mons Ceregno ». L . D O M I N I C I , op. cit., p. 2 8 9 , scrive: « ( . . . ) certo s i è che questo luogo è ricordato dai r o m a n i s c r i t t o r i : Polibio lo c h i a m ò Mons. Ceregno ». O.T. LoccHi, op. cit., p. 6 9 3 , ribadisce i n modo monotono: D a Polibio r i s u l t a c h i a m a r s i Mons Ceregno ». ( 9 ) Polybii historiarum libri quinque in Latinam conversi linguam Nicolao Perotto interprete, Florentiae, 1 5 5 2 .


I L TOPONIMO D I M O N T E C E R I G N O N E

I^C)

tare l'eventuale presenza di un toponimo del tipo: «Kv)p£vto? K s p s v i o ; , KepTjvio; » che corrispondesse a Ceregnus, Cerenius, Ceregno, m a l'esame del testo ha dato u n a r i sposta negativa alla pretesa derivazione del toponimo, da Polibio. A proposito dei summenzionati nomi in latino, osserviamo che essi (fanno eccezione Cerigno, Ceregno già forme complete che spiegano bene, come si vedrà, le voci Cerignone, Ceregnone) si identificano soltanto parzialmente colle forme volgari che abbiamo citate e c i o è Monte Ciragnone, Monte Ceregnono, Monte Cerignono, Monte Ciaragnone, Monte Cerignano, Monte Ceregnone, Monte Cirignono, Monte Cerignione, Monte Cerignone. KvipEvio;,

A nostro giudizio, per giustificare tali forme (i toponimi Ceregnus, Cerenius sì possono spiegare soltanto se si considerano come forme i n evoluzione), va tenuta presente la voce dialettale Muncirignón o una forma strettamente rispondente a un registro linguistico molto simile ovviamente non senza considerare le oscillazioni o meglio le alternanze dei timbri vocalici, c o m ' è avvenuto per la vocale posteriore o e la vocale anteriore i che è la p i ù chiusa del suo gruppo, colla interferenza, nei primi tempi, della vocale p i ù aperta a. Alternanze e timbri vocalici, d'altronde, che si possono osservare anche nelle forme indigene di paesi limitrofi o di aree linguistiche simili: Muncirignón, a Montec o p ì o l o ; Moncerignón, a Monteboaggine; Montcerignón e Muntcerignón, a Cappuccini di Pietrarubbia; Muncirignón, a Pietrarubbia; Muncirignón, a Carpegna; Muncirignón, a Pennabilli; Munciarignón, a Soanne; Munciarignón, a Pigliano Muncirignón, a Montegrimano; Moncerignón a Maceratafeltria; Montcerignón, a S. Marino. Con ogni p r o b a b i l i t à , su di una dizione indigena compresa nell'area linguistica indicata (e noi pensiamo alla dizione indigena Muncirignón) i curiales hanno esemplato il vocabolo latino coriispondente, la cui differenziate articolazioni morfologiche possono offrire, a loro volta, una non effimera giustificazione storica circa le genesi


i6o

ITALO PASCUCCI

del toponimo e l a sua non improbabile identificazione etimologica. fonologiche mento battono

A suo

luogo

diremo

delle

oscillazioni

morfo-

cui è andato incontro i l toponimo, per i l mo-

esaminiamo

un'altra

versione

etimologica

su cui

con particolare forza gli studiosi di storia e di

folklore, c i o è l a tesi che intende allacciare i l toponimo a l nome di Strabene, che nella sua Tewypa^ta (10) avrebbe r i cordato Montecerignone colla dizione identificato

Txìyyou^o^ o^oc, che fu

(e vedremo i n seguito con quanta ragione) e

poi tradotto i n latino colle voci Mons Cigunus

(11), Mons

( 1 0 ) Strabonis / R e r u m / Geographicarum / l i b r i X V I I / G r a e c a a d optimos codices manuscriptos / recensuit / varietate lectionis adnotatio nibusque / i l l u s t r a v i t / X y l a n d r i versionem / emendavit / Ioannes P h i l i p p u s Siebenkees / professor Altorfinus / inde a septimo libro continuavit / Carolius H e n r i c u s T z s c h u c k e / A . M . et scholae electoralis Misnensis conrector / T o m u s Secundus / L i p s i a e / i n L i b r a r i a W e i d m a n n i a / M D C C X C V I I I . ( 1 1 ) L . A L B E R T I . Descrittione di tutta Italia, Venezia, 1 5 5 7 , p. 2 9 5 , r e c a : « ( . . . ) monte Cerognono, mons. Cigunus d a Strabene nel 5 l i b r o descritto ». P.A. G U E R R I E R I , ined. cit., p. 1 8 7 , tram a n d a , a s u a volta: « ( . . . ) Monte Cerignone per l ' a n t i c h i t à s u a e della s u a R o c c h a ( s i c ) è nominato da m o l t i s c r i t t o r i a n t i c h i e moderni. Strabene a l l i b r o V Ito c h i a m a Mons Cigunus e con tal nome f u notato nel privilegio dell'imperatore Ottone fatto nell'anno del Signore 9 6 2 a Uldarico da Carpegna siccome regis t r ò i l Clementini e m o l t i autori ne fanno menzione come B i o n do, L e a n d r o Alberti, G i r o l a m o Muzio, G i a m b a t t i s t a L e o n i ed i l C i m a r e l H ». P . F R A N C I O S I , op. cit., p. 1 6 8 , quasi calcando le o r m e del G u e r r i e r i , suo fido Acate, scrive: « ( . . . ) Strabene lo modificò i n Mons Cigunus e con t a l nome f u notate nel diploma p r i v i legio ( . . . ) . I n seguito i l B i o n d e , l'AIIberti, i l Clementini, i l Muzioi, i l L e o n i ed a l t r i r i p r i s t i n a r o n o l'antico nome italianizzandolo ». O.T. LoccHi, op. cit., p . 6 9 3 , scrive: « ( . . . ) e Mons Cigunus da S t r a b e n e ( . . . ) . C o n i l nome d i Mons Cigunus figura n e l D i p l o m a del 9 6 2 ( . . . ) ». M . A R Z I L L I , op cit., p. 1 0 , osserva « ( . . . ) m a S t r a bene I b c h i a m a Mons Cigunus e c o n tale nome è d i continuo c i tato ». L . D O M I N I C I , op. cit., p. 2 8 9 , s c r i v e « ( . . . ) e S t r a b e n e lo disse Mons Cigunus. N . M A T T E I N I , ep. cit., p. 2 7 1 , annota: « ( . . . ) S t r a b e n e l o c h i a m a Mons Cigunus ». G . FONTANA e a l t r i . Rocche e Castelli di Romagna, Bologna, 1972, p. 1 9 0 camminando sulle pe-


I L TOPONIMO D I M O N T E C E R I G N O N E

ste degli s t o r i c i precedenti, scrivono: « ( . . . ) C a s t r u m montis Cerignonis nominato anche Montis Cigunus ( m a s i legga Montis Ciguni) fu donato n e l 962 d a Ottone I ( . . . ) ». P e r l a cronaca, rilev i a m o che nel p r i m o scorcio del sec. X V I I I , dubbi e relative polemiche inerenti a l l a d e n t i f ì c a z i o n e d i cigunus con Mons. cerignonus e a l t r i toponimi ( p r i m a di tale p e r ì o d o non abbiamo trovato t r a c c i a deli dubbio r e l a t i v o a l l a identificazione d cigunus con Mons cirignonus o con a l t r o toponimo), sì leggono n e l l a nota d i G . B . M A R I N I , Riflessione sopra il Diploma di Ottone I supposto in favore di Uldarico di Carpegna, i n s e r i t a n e l ms. inedito dello stesso M a r i n i , Notizie storiche varie sul Montefeltro e territori limitrofi. I I , part. I p. 28 sg., A r c h . Comun.le di S . Leo. Colla s u a nota i l M a r i n i , che non interviene nella questione con u n a personale elaborazione s t o r i c o - c r ì t i c a , h a i l merito d ì averci tramandato u n a rassegna, s ì a pure parziale, d i Mons cigunus e d ì taliunì toponimi coi q u a l i sì è inteso di identificare i l l e m m a cigunus. S c r i v e i l M a r i n i i n quella sua nota: « ( . . . ) per i l p r i m o dei q u a l i Castelli si n o m i n a n e l Diplioma ( s i allude a l D i p l o m a di Ottone I , i n favore della C a s a Carpegna, di c u i abbiamo messo i n evidenza, a nota 22, i l carattere apocrifo) Mons. cigunus, sotto i l q u a l nome pretendesi forse che debba intendersi Mons cerignonus. I o stimo bene d ì qui avvertire come fà c r e d e r s i che fosse, o s i a lo stesso che Mons cerignonus per cagione delle seguenti dubbiezze de' s c r i t t o r i . Paolo Merolia n e l l a sua Cosmografia par. 2 l i b . A . cap. 23 p. 602 Amstelod. apud I o a n . B l a e u i n 16 per Monte Ciguno intende Monte Inguno ( a v v e r t i a m o che tutte le sottolineature dei toponimi sono nostre) o Inginio, cioè Monte di Gubbio, i v i « Mons Cingunus nominatus apud S t r a b o n e m l i b . 5. N o n dubito q u i n scripser i t I n g u n u m v e l I n g i n u m ». S i c c h é i l M e r o l a pretende che Mons Cingunus, o Cigunus s i a uno sbaglio degli Amanuensi, o I m p r e s s o r i d i Strabene, i q u a l i dovessero scrivere Mons Ingunus, o Jnginus. II! Cluverio De Ital Antiq., T o m . I . l i b . 2 cap. 7. p. 625, dice: « S t r a b o n i i d oppidum ( I g u v i u m modo E u g u b i u m ) dici Cingunus Mons hactenus m a l e c r e d i t u m est, quanquam i d corrigere conati sint Ingunus Mons ». E d i l medesimo Cluverio altrove dice come qui sotto appresso. L o S t e u c h ì (sì t r a t t a d i A . Steuco, prelato ed


l62

ITALO PASCUCCI

Cicunus

(12), Mons Ciganus

(13).

Anche a non voler tener conto che fra l a forma indigena e i supposti toponimi straboniani coi quali si identificherebbe,

esistono

quasi inconsistenti

rapporti lingui-

stici e morfologici (manca, fra l'altro, l a nasale gutturale presente nel testo greco e l a liquida sonora r di

Cirignón,

c'è inoltre l a ridondanza della vocale posteriore lì) e u n a loro interdipendenza non p u ò essere giustificata con oscillazioni

diacroniche, da u n esame

condotto

sul

testo di

Strabene è emerso che l a d i z i o n e r u y y o i J v o v opo? altro non è che Gingunum

Mons (ma si legga Cingulum

Mons) che

erudito it., Gubbio 1 4 9 7 o 1498 — Venezia 1548 — a l secolo Guido, detto anche Steuchus Eugubinus, autore, t r a le altre opere, d e l De perenni philosophia i n c u i è inserito l'opuscolo relativo a l l a questione) eugubino n e l suo L i b . de nominibus patriae suae dice così « n a m quod alt Interpres (Petrus M a r s i u s q u i interpretatur S i l i u m I t a l i c u m , Venet. 1 4 9 7 ) I n g i n u m a Strabene p r ò Monte acc i p i i n Graecis exemplaribus Mons ille n o n I n g i n u m , sed Mons Cingunus vocatur ». E poi soggiunge l o Steuchi « H o s terminos ponit U m b r i a e Strabo flumen Aesim, et Gingunum Montem, q u i hodie quoque vocatur Genga ». S o p r a d i che i l S i g . Marcello F r a n c i a r i n i n e l l a s u a Dissert. i n torno a l l a c i t t à d i Gubbio stampata i n Venezia presso Cristoforo Zane 1 7 3 2 , dice a l f o l . 2 8 7 « E d invero Io Steuchi colla s u a v a s t a erudizione n o n s i s c o s t ò d a l verosimile nell'asserire che i l Monte Ginguno r a m m e m o r a t o d a Strabene n e l L i b . 5 . f r a i luoghi d e l l ' U m b r i a d i l à dagl'Apennini ne' t e r m i n i d i d. P r o v i n c i a non s i a l a Genga feudo degl' antichi Conti d i t a l cognome; p o i c h é i l nome Genga elitre all'accostarsi a d esser molto simile a quello d i Monte Ginguno, è situato ne' M o n t i t r a Fabriano, Sassoferrato, F i u m i g ì n o , e l a R o c c a Contrada, dove appunto Strabene d à per confine d a l l ' U m b r i a antica Cisapennina i l Monte Ginguno, F i u m i g i n o , Sassoferrato etc i v i : n a m a R a v e n n a U m b r i propinqua tenent, et deinceps S a r s i n a m e t c , i b i est et Aesis fluvius, Gingun u m Mons, S e n t i n u m etc. ». (12) (...) è di Casa (13)

L . D O M I N I C I , cit., p. 2 8 9 , reca: « ( . . . ) così n e l diploma detto Mons Cicunus. C f r . P.A. G U E R R I E R I , La Genealogia Carpegna, R i m i n i , 1 6 6 7 , 1 3 . Diz. Encicl. dei Comuni d'Italia, cit., p. 1 2 4 .


I L TOPONIMO D I MONTECERIGNONE

163

si rinviene in alcune vecchie edizioni (14) del testo straboniano affiancato dalla traduzione in latino ed erroneamente identificato con Mons Cigunus e questo, a sua volta, con Montecerignone. Da quello almeno che emerge da una nostra indagine, il primo a identificare Gingunum Mons con Cigunus, e questo toponimo con Alontecerignone, è stato Leandro Alberti, che nella sua opera Descrittione di tutta Italia (15), adopera la forma Cerognono evidentemente mutuata da Biondo Flavio che nell'Italia illustrata usa l a grafia Mons Cerognonus (16). Trascriviamo il passo dell'Alberti: « Penso che sia Monte Cerognono, "Mons Cigunus" da Strabene nel V libro descritto. E ciò me lo fa credere tanto la conformità del nome quanto i vestigi di molti antichi edifici che son quivi » (corsivo nostro). E sia: m a mentre « sulla c o n f o r m i t à del nome » non siamo d'accordo coll'Albeiti (e del nostro disaccordo diremo a suo luogo le ragioni), sui « vestigi di molti edifici che son quivi » siamo completamente all'oscuro perchè Montecerignone, a nostro avviso, è un paese le cui origini si potrebbero far risahre, grosso modo, t r a l'ottavo e il decimo secolo circa. Per quel che c i riguarda ,noi siamo sicuri che colla dizione TO ru^youvov opof;, Strabene intende alludere al Monte Cingolo (17), setto cui è posta l a c i t t à omonima di Cin-

(14) Cfr. nota 10, Strab. Rer. Geograph. cit., p. 143. A proposito della identificazione di Gingunum con Montecerignone, i n Scriptores Ordinis Praedicatorum recensiti auctoribus Jacobo Quetit et Jacobo Echart Ord. praed., L u t e t i c e P a r i s i o r u m , M D C C X X I , T o m . I l , s i legge ( . . . ) T u m deinde i n s u a m i n s u l a m ( s i allude a l B . Domenico Spadafora che r i t o m a d a Padova, i n S i c i l i a ) reversus, Gingunum, vulgo Monte Cerignone a b i r e iussus est ( . . . ) . (15)

L . A L B E R T I , op.

cit.,

(16)

BLONDI

Italia

(17)

Cingoli è stata fondata

FLAVII,

p.

295.

Illustrata,

Basileae,

p. 342.

verso i l 63 a. C r . Cingulum,

est


164

ITALO PASCUCCI

goli, « quod oppidum Labienus constituerat suaque pecunia exaedificaverat » (18), Comunque, contro eventuali dubbi che Strabene con Toruyyo^'^o^opo'; ^^^^^'^^sse alludere al monte sopra l a c i t t à di Cingoli, basta considerare l a dizione nell'ambito del contesto i n c u i prende rilievo storico geografico: oLT^o y a p Svi

P a o v s v v s ? «p^a^evot

Etps^vi; SapfTivav AptfAtvov TCOTafxo? ^xi

TO K u y ^ o u v o v

xaTS^^ouaiv

27]V«v K«p.aptvov

OUTOS

auTou

opo; i^at S s v T t v o v

T O , IIXv)(7tov )cat

S ' È R T I x « t 0 Aifft?

xat MsTaupo;

woTafxo;

xat TO ispov TV]? TU)^vi? (19).

Del testo straboniano, diamo l a versione del Buonacciuoli, traduttore del sec. X V I : « Percioche, incominciando costoro (Strabene parla degli Umbri) da Ravenna, pongono quel contorno, e di p i ù Sarsina, Arimino, Sena, e Camarino, e di questo è i l fiume E s i , e i l monte Ginguno, e i l Sentino, e i l fiume Metauro, e i l Tempio d ì Fortuna (o Fano, che i l chiamino i Latini) » (20). Strabene nomina, dopo Sarsina, c i t t à dell'interno. R i m i n i e Senigallia, due c i t t à poste lungo i l litorale adriatico, quindi quattro c i t t à dell'entroterra e c i o è Camerino, Iesi, Cingoli e Sentino, a poca distanza f r a loro. Se i l geografo greco, che procede con ordine, avesse

oppidum Piceni tribù Velina, ita dictum a Cingulo monte. E . PORC E L L I N I Onom., I , p . 3 8 5 . C f r . anche C i c . F . Att. 1 1 et Corp. 9 . ( 1 8 ) Caes. Civ. 1 1 5 2 . C f r . anche C i c . 7 . Att. 1 1 et Corp. 9 . ( 1 9 ) Strab. Rer. Geograph., cit., p. 1 4 3 . D i a m o l a traduzione i n latino, fatta d a Siebenkees p e r l'ed. summenzionata, i n riferimento a TO FuYYOUVOV opo? « ( . . . ) A R a v e n n a e n ì m U m b r i incipientes tenent eidem u r b i propinqua loca, ac deinceps S a r s i n a m , Arìm i n u m , S e n a m , Camarinum, I b i est et Aesis fluvius, Gingunum mons, S e n t i n u m , Metaurus fluvius et F a n u m F o r t u n a e ». (20)

La

Geografia

di

Strabene,

trad.

M . ALFONSO

BUONAC-

C I U O L I , part. I , paragr. 3 0 , Venezia, M D L X I I , s.p. Delle vecchie traduzioni i n lingua i t a l i a n a , citate d a F . L Ù B K E R , Lessico ragion nato della Antichità Classica, R o m a , 1 8 9 8 , p. 1 1 5 3 , s.v. abbiamo potuto consultare soltanto quella del B u o n a c c i u o l i che, p e r l a v e r i t à , è quella che meglio risponde a l nostro assimto.


I L TOPONIMO D I MONTECERIGNONE

165

avuto intenzione di nominare Monte Cerognono, come vuole l'Alberti, a giudicare dalla sua narrandi ratio, si p u ò verosimilmente ritenere che lo avrebbe collocato dopo Sarsina. A nostro parere, non ha fondamento alcuno credere che Strabene, dopo aver nominato Senigallia e Iesi, ab bia inteso, con Gingunum Mons, alludere al nostro toponimo per tornare quindi indietro e nominare Sentino che è vicino a Gingunum Mons e lontano parecchio da Montecerignone, come balza immediatamente agli occhi scorrendo una qualsiasi cartina geografica; m a è ancora p i ù ridicolo credere cheToruyyouvovopo? debba identificarsi con xal [xapivov (21) (S. Marino). A conferma delle osservazioni che siamo venuti via via facendo, nel Pape-Benseler, Wòrterbuch der griechischen Eigennamen, la forma è registrata colFaccento r i tratto Ksyyou^^ov con rinvio al passo dì Cesare che abbiamo citato; con Kivyóulóv, danno il passo di Strabene anche VOnomasticon del Thesaurus linguae Latinae, e The Geography Strabo curato da H . L é o n a r d Jones. Ab abundantiam, con Kt^you^óv la d à anche E . Porcellini, Onomasticon, I , p. 385; pure con Ktyyo^^òv , Hiilsen in Pauly-Wissowa, Realencyclopàdie, I I I , s. v. Cingulum. Da c i ò che siamo venuti via via dicendo, c i sembra che non possano sussistere dubbi che proprio dalla

(21) LÉONARD JONES, The Geography of Strabo, I I , London, M C M L X , p. 369, n . 8, scrive: « T h e better spelling is « Camerin u m ». B u t the M S S (see note 6 on opposite page i n c u i s i legge K a [xaptvov — f r o m correction i n B — Jones for x a i p.aptvov the editors before K r a m e r read jtai Kapi,aptvov read « and M a r i n u m », w h i c h w o u l d seem to m e a n w h a t is now san M a r i n o ; but this city appears not to have been founded u n t i l after A . D . 300 and ì t s position does not suit the context here. M a n y of the editors, fallowing Ortel, delete « and M a r i n u m » as being a n i n t e r p o l a t ì o n ».


i66

ITALO PASCUCCI

individuazione errata del toponimo di cui scrive Strabene, derivi l a identificazione di Montecerignone con Cigunus, il quale è diventato Cicunus nel diploma apocrifo (22) di Ottone I a Uldarico di Carpegna; la terza forma (ma in realtà Cigunus e Cicwnus sono un'unica forma per via della C che un tempo aveva in latino il doppio valore di

(22) U n a storia c u r s o r i a , fino a l p r i m o scorcio del Novecento, degli s t o r i c i favorevoli o c o n t r a r i alla a u t e n t i c i t à del D i p l o m a ottoniano, s i t r o v a i n L . B E S I , Lacrime e vittorie della Vergine delle Grazie venerata in Pennabilli, Gatteo, 1900, p. 113 sgg. M a si veda anche M . SALVADORI, Compendio genealogico della famiglia dei Carpegna, Urbino, 1880, p. 33, n . 17. I l p r i m o colpo contro i l supposititius fetus, a quel che sappiamo, venne sferrato da F . Jo. BAPTISTAE MARIAE

CONTARENI,

De

Episcopatu

Feretrano

dissertatio,

Venetiis, M C C L I I I , p, 78 sgg., che mise i n campo a l c u n i vaiadi argomenti storico-giuridici; successivamente u n secondo colpo fu portato da M . D E L F I C O , Memorie storiche della Repubblica di S. Marino, T o m o I , Napoli, 186-5*, p. 35, che lo definì « c a r t a schifosamente f a l s a agli occhi de' C r i t i c i D i p l o m a t i c i » mentre due a n n i p r i m a delia pubblicazione delle Memorie ( s i tratta, naturalmente, della p r i m a ed.), i l grande diplomatista G . M a r i n i i n u n a Itettera a l Delfico del 5 maggio 1802, s c r ì v e : « ( . . . ) non v i r i c o r d o i l diploma di Ottone I del 962 per ì Conti di Carpegna i n c u i s i h a oppidum S. Marini (osservazione, per l a v e r i t à , che aveva fatto i l Contareni nel suo De episcopatu... cit., p. 78 sg., mezzo secolo p r i m a ) p e r c h è è p i ù falso dellla f a l s i t à s t e s s a » . Crede fermamente a l diploma, L . D i CARPEGNA, Della casa di Carpegna, Perugia, 1911, p. 7 sgg., con r i s t a m p a dell'apocrifo, pp. 8-10. I n tempi p i ù recenti sono state raccolte notizie, dati c h i a r i m e n t i s u l l a figura del falsario Alfonso Ceccarelli alias Gabinio Leto (cfr. C. M A R C O L I N I , Notizie storiche della Provincia di Pesaro e Urbino, Pesaro, 1883 p.461), e presentata u n ' a m p i a e ragionata bibliografia suO'argomento, con u n elenco conciso degli storici che hanno creduto a l l a a u t e n t i c i t à del diploma, dal compianto e caro amico G . P E C C I , studioso attento e diligente, nell'articolo: Un diploma apocrifo di Ottone I in favore dei Conti di Campegna, R i m ì n i , 1935. I n epoca piuttosto v i c i n a h a fatto professione di fede a l l a donatio-ottoniana, i n u n articolo p r i v o d ì nerbo, P . F R A N C I O S I , Carpegna, i n Encicl. It., I X , 1949, p. 134 sg., i n c u i scioglie i l riserbo


I L TOPONIMO D I M O N T E C E R I G N O N E

167

sorda e di sonora, per influsso della lingua etrusca) c i o è Ciganus,

a nostro

parere, risulta

escludiamo qualche arbitrario

un

refuso

tipografico;

intervento.

L'ultima versione (e ce ne occupiamo brevemente) considera

Cigunus

un

antroponimo

derivato

dal

« Console

imperiale Cingonio o Cingonio Aproniano ». In

proposito, anche a voler astrarre dalle considera-

zioni che abbiamo fatto su Gigunus

e ammesso

tesi, e soltanto per ipotesi, che Cigunus

per ipo-

derivi da Cingo-

nio, rimane da giustificare la caduta della nasale vibrante dinanzi alla velare r, e l a caduta della semivocale anteriore i che precede, a sua volta, l a vocale posteriore o. E poi non è neppure storicamente vero che Cingonio (23) sia stato

dietro i l quale s i e r a trincerato, riguardo a l l a donatio, nella s u a breve dissertazione s u Montecerignone, i n Rocche e Castelli, cit., p.

168. S i cfr.

anche

M . ARZILLI,

cit.,

p.

14 e

n.

6;

L.

DOMINICI,

cit., p. 1 0 0 e p a s s i m . Assai d i recente hanno fatto fede a l d i p l o m a ottoniano N . M A T T E I N I , cit., p. 270, che annota: « ( . . . ) i l p r i m o documento che r i c o r d a questa illlustre f a m i g l i a è del 962, quando l ' I m p e r a t o r e Ottone c r e ò Conte Ulderico e Uldarico ( l a congiunzione f r a i due n o m i è sicuramente u n errore d i s t a m p a e usurpa l a funzione della disgiuntiva 0, p e r c h è « Ulderico e Ulldarico » sono lo stesso personaggio; non è pensabile che l a cosa s i a and a t a diversamente d a l nostro opinamento) Carpegno; G . FONTANA e a l t r i , cit., p. 125, parlano del Castrum Carpegne « nel 962 donato da Ottone I a Ulderico d i Carpegna ». U l t i m o , almeno per quello che sappiamo, a credere a l D i p l o m a , è I . L O M B A R D I N I , Montebello di Romagna, Gaeta, 1975, p. 1 0 . Contro l'apocrifo ottoniano s t a raccogliendo nuove prove l'amico F . V . L o m b a r d i , Direttore della R i v i s t a . (23) C f r . T A C , Hist. 1 6 37, reca: « T a r d u m Galbae iter et cruentum; interfectis Cingonio V a r r o n e consule designato et Petronio T u r p i l i a n o c o n s o l a r i : ille u t N y n p h i d i i socius, h i c u t d u x Neronis, inaudit atque indefensi t a n q u a m innocentes perierant ». S i v d . anche GROAG i n Pauly-Wissowa, Realenc, I I I , s.v. Cingonius, i n c u i viene fatta u n a succosa rassegna della a t t i v i t à politica d i Cingonio fino alUa s u a morte violenta, in via, con r i n v ì i a T A C . cit., e a P L U T . Galha, 14-15. A proposito d i Cingonio Apronano, c f r . P . V . ROHDEN i n Pauly-Wissowa, Realenc, I I I , s.v. Apro-


i68

ITALO PASCUCCI

« console imperiale », come vuole Anton Maria Zucchi T r a vagli citato dall'Arzilli, n è risulta che si identifichi con Cingonio Aproniano; Tacito parla di u n Cingonio Varrone, « console designato » che qualche codice identifica con Ciconio Barrone (24), qualche altro con Cingonio Barrone (25). Ma codesta versione, c i o è dell'antroponimo per spiegare l'etimologia di Muncirignón, tanto suggestiva quanto inconsistente al vaglio di un equilibrato esame storico, filologico e glottologico, non si discosta d a quella che vorrebbe far derivare il nome di Cingonio, da Cigunus, vale a dire da un toponimo che non corrisponde a nessuna c i t t à e a nessun paese, m a risulta soltanto una macroscopica distorsione linguistica. Siamo di fronte, come si vede, a supposizioni metastoriche sulla genesi e sulla etimologia del nome di Montecerignone, m a si tratta di supposizioni che non debbono suscitare meraviglia p e r c h è sono state fatte (a voler rimanere nell'ambito della nostra regione montefeltrana) anche per Penna, i l vico o foro romano di Ponte Messa, il cui nome è stato correlato con quello del console Lucio Pinnario (26), inoltre sono state avanzate anche per Carpegna, il cui toponimo è stato allegra-

nianus. Sotto tale nome abbiamo cinque consoli, u n consul suffect. e u n proconsole i n Asia, m a non compare nessun Cingonio Aproniano. (24)

V d T A C , Hist,

(25)

T A C , Ann., X I V 45 e i n apparato.

1 6- e i n

apparato.

(26) Contro aflabulazioni del genere, s i v d . L . B E S I ^ cit., p. 96 sgg., con relative note; E . P O R C E L L I N I , Onomast., T o m o V I , p. 493, s.v., m a , e soprattutto, F . MÙNZER^ Pauly-Wissowa, Realenc,, X X , s.v. L . Pinarius^ con n u m e r o s i rinvìi. Nonostante v a r i e ricerche, non siamo riusciti^ ovviamente^ a trovare nessun console romano con doppia n, come vogliono i l Conticelli ( s u G . Conticelli, s i v d . L . B E S I , cit., p. 173 con rinvìi) e P . M a t t e l Gentili ( s u P . MatteiG e n t i l ì , cfr. L . D O M I N I C I , Pennabilli, cit., p. 97) c i t a t i e giustamente c r i t i c a t i dal Besi, cit., p. 96.


169

I L TOPONIMO D I M O N T E C E R I G N O N E

mente collegato sia col nome di Caio Carpine© (27), generale di Cesare, sia con quello p i ù altisonante m a certo più goffo, di Armileon Carpignus (28), o Carpigno, o Carpineo! A nostro giudizio, al pari del nome di Casteldelci, quello di Montecerignone è u n fitonimo, deriva c i o è il

neus

(27) Contro tutti gli s t o r i c i feretrani che scrivono C . Carpi( m a l'esatta grafia nelle vecchie ed., di c u i citiamo C H R I -

STOPH.

CELLARI

adnot,,

Bassani,

MDCCLXXV,

e,

CAES.

h,g,

V

27,

e

Carpineius) r i n v i a m o a K L E B S i n Pauly-Wissowa, Realenc, 11, s.v. C. Arpineius. Questa versione, cioè del nome di Carpegna derivato da C. Carpineus (cfr. anche A. M A R I N I ^ cit., p. 47 sg.), è respinta con ragione d a l D O M I N I C I , cit., p. 99, presentata i n forma dubitativa d a A . T A N I Francesco nel Montefeltro^ Città di CastelUo, 1926, p. 19, n. I (28) Contro i sostenitori di questa etimologia o n i r i c a e cioè contro O . O L I V I E R I , Monimenta Feretr., t r a d . e pubbl. d a G . G i nepri, Pennabilli^ 1880, pp. 45, 65;P.A. G U E R R I E R I , Genealogia di Casa Carpegna^ R i m i n ì , 1667, p. 5 e, soprattutto, p. 8 sgg., con r i n v ì i ; M . SALVADORI, Compendio genealogico della famiglia dei Carpegna, Urbino, 1880, p. 11 sgg., con stucchevoli r i n v ì i ; L . B E S I , cit^, pp. 65, 107; A T A N I , cit., p. 19, dice l'essenziale i l D O M I N I C I ^ cit., p. 99. I n o l t r e ili D o m i n i c i , che aderisce opportunamente a l l a tesi di G . B . M A R I N I , Saggio di ragioni della città d S. Leo, Pesaro, 1758, p. 143, i l quale ritiene l a f a m i g l i a Carpegna o r i g i n a r i a del luogo « questa famiglia, per m i o avviso ,natia del Paese ( . . . ) rendutasi celebre nelle a r m i ( . . . ) fu quindi per gran tempo Ila più rinomata, e l a p i ù potente del Paese », h a i l merito di aver sostenuto l a tesi che i l monte Carpegna d e r i v a da u n fitonimo, i l nome del paese dall'oronimo (« Carpegna, scrive i l D O M I N I C I , cit., p. 99, trae l'etimologia del nome dal monte omonimo che glli sos v r a s t a e che u n dì e r a t u t t a una selva dì c a r p i n i ») e quello della famiglia, d a l paese; a l D o m i n i c i è forse m a n c a t a l a possib i l i t à d ì v a l u t a r e l'oscilDazione diacronica c u i è andato soggetto i l fitonimo che h a subito u n a evoluzione che r i c o r d a quella d i Monte Cerignone. Comunque (e i l particolare, a quel che sappiamo, non è stato m a i fatto notare) gà fin dal p r i m o scorcio del sec. X V I , ìli poeta u m a n i s t a G i o v a n n i H e r c o l a n ì già de' S a r t i , d a Maceratafeltria celebrando le prerogative di a l c u n i luoghi posti lungo i fiumi Foglia, Conca e M a r e c c h ì a , del Carpegna seri-


170

ITALO PASCUCCI

ve: « N a t a pascendo pecori mons splendidus h e r b a Carpineus Comites dat m i h i , nomen, opes ». M a per i l passato l'etimo di Carpegna è stato spiegato con « Armileon Carpignus » da O L I V I E R I , cit., p. 1 5 e passim; o r a con « Armileone Carpegna », o r a con « Armileone Carpegno » d a P.A. G U E R R I E R I ^ Genealogia, cit,, p. 5 ; o r a con « Armileone Carpineo », o r a con « Armileone Carpineus » d a M . SALVADORI, Compendio... cit., 1 5 col nome « latinizzato ( . . . ) c o m ' è recato dagli s t o r i c i p i ù ant i c h i ». M a c'è d i p i ù : i l S a l v a d o r i s i d i c h i a r a perentoriamente convinto che « l a sola e l a v e r a » etimologia (p. 5 5 ) è quella che si allaccia ad Armileone Carpineo. A prop. del S a l v a d o r i e dell'origine di Carpegna, i n modo i l a r e m a con finezza, dice i l D O M I N I C I , La regale S, Leo, S. Agata F e l t r i a , 1956, p. 1 4 2 , n . 6 3 . A l l a tesi degli storici che fanno derivare i l nome della f a m i g l i a « Carpegna » da Armileone Carpigno^ s i adeguano i l B E S I , cit., p. 6 7 , secondo i l quale « Armileone Carpigno seguace di Odoacre, s i i m p a d r o n ì , l'anno 4 5 7 , del monte Maggiore o Maggio o Olimpo, poi detto Monte Carpegna (cfr. O. O L I V I E R I , Moniment. Feretr, pp. 44-46) e gli diede ili nome che conserva tuttora », e i l T a n i (A. T A N I , Pennabilli e la Vergine delle Grazie, Casalbordino, 1925, p. 3 3 ) che ne segue le argomentazioni. D i recente h a ricollegato l'origine dellla f a m i g l i a Carpegna (e praticamente i l nome del paese) « a u n compagno d ì Odoare », E . C H I A R I N I ^ Enciclopedia Dantesca. 1 9 7 0 , p. 8 5 0 , e p r i m a del C h i a r i n i h a collegato l a f a m i g l i a Carpegna a d Armileone Carpigno, I ' A R Z I L L I , cit., p. 14. Contro la tesi d i BIONDO F L A V I O , cit., p. 3 4 2 , i l quale crede che i l monte h a ricevuto i l nome dal paese (« Carpegnum a quo nomen accepit mons arduus a m p l i s s i m u s et pascua praebens per aestatem animalibus u b e r r i m a ») affermiamo che è i l paese che d e r i v a i l suo nome dall'oronimo, vale a dire dal monte e questo, a sua v o l t a r i s u l t a u n fitonimo, riceve cioè i l suo nome d a l l a p i a n t a che i v i alligna, i l carpine. D a carpinus (carpine, carpino) s i è avuto l'aggettivo carpineus {a, um); d a l f. carpinea, per consonantizzazione, s i è avuto i l passaggio i n carpigna, Carpegna, con processo evolutivo per c u i da graminea, deriva gramigna, gramegna. P e r Carpigna^ v d . D.C., 2 1 4 9 8 , per gramigna^ D.C., 2 1 4 1 0 2 (variante gremigna, D.C., Ash)^ per gramegna^ D.C., 2 1 4 i n App., E d . Naz. a c. d i G . Petrocchi, sotto vers. 1 0 2 .


I L TOPONIMO D I M O N T E C E R I G N O N E

SUO

etimo

cerris

dalla di

cui

pianta nella

del zona

a lontano ricordo di un'area ri

(e

di

tale q u a l i t à

di

« cerro » che

(29)

quercus

consideriamo,

fittamente

quercia

quasi

ricoperta di

è appena il caso

di

Cerri-

chiamare alla memoria la molteplice u t i l i t à e la singolare incidenza sociale, soprattutto in

tempi

di

economia cur-

tense e di peculiari strette economiche) esiste ancora, lontano dalla ridente frazione di nel

verde, una A ben

località

Carando, tutta

non

coricata

denominata appunto « I l cerro ».

considerare, soltanto se

si

prende come base

Ad abundantiam, r i c o r d i a m o che d a ferrugineus {a, um) si hanno gli stessi passaggi che abbiamo osservato i n carpigna^ carpegna, da carpinea. I n CARDUCCI, 885 sì legge: T o n a i l cielo a Nebresina lungo l a ferrugigna costa; i n M A N Z O N I , Fermo e Lucia, 18: F r a questi alberi c r e s c o n o . . . v a r i e specie di sorbi, e d ì dafni, i l cameceraso, i l rododendro ferrugigno. (29) A i fini della tesi che noi sosteniamo ( d i c h i a r i a m o q u i che non abbiamo dato importanza a l c u n a n è a « cerrigno » per i l quale r i n v i a m o a C . B A T T I S T I - G . A L E S S I O , Diz. Etimol, It., F i renze, 1951, p. 872, S.V.; ad abundantiam, D E V O T O - O L I , VOC. illustr. ling. it., I , Milano, 1967 p. 519, s.v., n è a « c e r r o » , Vocab. degli Accad, della Crusca, I I , par. I , Firenze, 1866^ p. 777, paragr. I V , V , s.v. col significato di pietra, nelle v a r i e accezioni) non h a i m portanza assoluta n è valore determinante i l particolare che lo s t e m m a di Montecerignone s i a formato da fronde di q u e r c i a circondate d a ghiande di cerro. D'altronde, sull'importanza della q u e r c i a nellla zona d ì Montefeltro dì c u i è assorta a d insegna, mette icasticamente l'accento anche I ' O L I V I E R I , op. cit., p. 12: « commune N a t ì o n i s Feretranae stemma, v e l insigne fuit Quercus l o v i sacra, q u a Feretran o r u m C o m ì t i a adhuc i n sigillo utuntur, quod forsan Duces F e l t r i i de R u v e r e i n argenteis et a u r e ì s e o r u m n u m i s m a t i b u s sub i b i s c u l p t a m q u e r c u m sic inscribebant Feltria, innuebant », mentre per quel che concerne i l nostro toponimo, i l G U E R R I E R I , inedit,, cit., p. 187, sottolinea i n modo esplicito che « L a regione d ì Monte Cerignone generalmente è molto fruttifera di grani^ e abbondante di legnami, di c a p r i n i e q u a n t i t à di bestiami e numero di cavalli, per l a copia d ì fieni e grani, e ne r i s u l t a molt'utile alle famiglie d ì dentro et anco del contado ».


172

ITALO PASCUCCI

di discussione codesto sostantivo, si possono avanzare realistiche spiegazioni sia della forma indigena, sia delle forme latine che si leggono in atti amministrativi e che furono esemplate, a suo tempo, sulla voce indigena, sia dell'attuale forma volgare che rappresenta u n laborioso processo linguistico, di cui tenteremo di tracciare un quadro evolutivo partendo appunto dal fitonimo. Da cerrus (cerro) derivano gli aggettivi cerrinus e cerrineus; per consonantizzazione cerrineus costituisce l a base dei suffissi - igno, - egno (30); dal suffisso - igno, si ha « Cerigno » (cfr. volpigno, caprigno, lupigno, asprigno, nerigno, ferrigno - Dante, I 18 2 -), dal suffisso - egno, che è forma settentrionale, si h a « Ceregno » (cfr. veneziano antico: rassegno, verdegno, hlanchegno, piemontese goregn tiglioso'); nello spagnolo abbiamo agreho, aquileno, isleno, ecc., nel portoghese canhenho, ferenho, islenho, pezenho. I l fenomeno rispecchia gli stessi passaggi che si osservano in faginus, fagineus, sanguineus, farragineus, vitigineus, oleagineus, ferrugineus (31); tuttavia anche le forme in - ignus (larignus, salignus) possono essere considerate forme ulteriori del suffisso. Con ogni p r o b a b i l i t à , in un primo tempo all'accusativo Cerign{um) venne aggiunto i l suffisso accrescitivo onus da cui si è avuta l a forma Cerignonus, i derivato dalla forma indigena Cirignón. A giudicare dagli esempi che abbiamo raccolto, ci sembra di poter dire che

(30) S u i suffissi -igno, -egno cfr. G . R O H L S , Gramm. stor, della ling. it. e dei suoi dial, T o r i n o , 1969, p. 389, paragr. 1068; PAVAO T E K A V C I C , Gramm, Stor, dell'It.^ H I , Bologna, 1972. (31)

Cfr.

G . R O H L F S , op.

cit.,

p.

389,

paragr.

1068;

P.

TEKAVCIC,

op. cit., p. 105, paragr. 1576, I); G . BONFANTE, i n « R o m a n c e Philol o g y » V (1951/1952), 157; Y . M A L K I E L , i n « A m e r . J o u m . of P h i l . », 65 (1944), 372 sgg.; M . L . WAGNER, Historische Woortbildungstehre des Sardischen (« R o m a n i c a H e l v e t i c a » 39) B e m , F r a n c k e , 1952, pp.

60

e

149;

LEUMANN-HOFMANN,

Grammatik,

pp.

206.


I L TOPONIMO D I MONTECERIGNONE

la forma prevalentte, negli atti ufficiali redatti i n latino, sia stata, i n principio, quella esemplata sulla seconda declinazione e c i o è Cerignonus, i; i n seguito l a forma indigena venne tradotta con Cerigno, onis (32) p e r c h è i l punto di partenza della formazione dei nomi i n -one, come Cerignone, nei sostantivi latini è i n o, -onis, c o i quali si esprimeva una p a r t i c o l a r i t à qualificante di una persona (Jatro, «ladrone»; epulo, « c r a p u l o n e » ; biho, « b e v o n e » ) (33) quindi grazie alla s u a funzione caratterizzante, - one è arrivato anche a indicare gli abitanti di u n luogo. Sul suffisso {-one) troviamo esemplate varie forme sia in latino che i n volgare e, naturalmente, quella attuale del toponimo che nella forma indigena è Muncirignón, nella forma volgare MonteCerignone, i n latino Mons Cerigno, onis. Non è d a escludere che c i s ì a stato anche u n passaggio i n - io, ionis (34), Cerignio, ionis (cfr vulpio, ionis « uomo astuto », libellio, « librario povero », senecio, « vec-

(32)

V d . G . ROHLFS,

op. c i t . , p . 4 1 4 , p a r a g r .

1095; P .

TEKAVCIC,

op. cit., p . 1 9 2 , paragr. 1 8 8 7 . S u l l a forza d e l tipo « o, onis » s ì veda M . C O R T I , Studi sulla latinità merovingica, Milano, 1 9 3 9 , p . 97; PERSON, La langue des inscriptions latines de Gaules, B r u x e l les, 1 9 0 1 , p . 1 3 3 . (33)

C f r . G . R O H L F S , op. cit., p . 4 1 4 , p a r a g r .

op. c i t . p. 1 9 2 , paragr. 1887. ria

cfr. M E Y E R - L U B K E ,

1095; P . TEKAVCIC,

P e r questo suffisso e l a s u a preisto-

A L L 5 , 223-33;

L . SPITZER,

in

Gamìllscheg-

S p ì t z e r , « B e i t r a g e z u r r o m a n i s c h e n W o r t b i l d u n g », Genf 81

sgg.; W A R T B U R G ,

ZRPh

4 3 (1923),

1921, pp.

1 1 3 sgg.

( 3 4 ) C f r . G . R O H L F S , op. cit., p. 4 1 7 , paragr. 1 0 9 . ( 3 5 ) I n O . O L I V I E R I , op. c i t . , p. 3 1 6 s i legge M e m o r i e delle P r o v i n c i e d i Montefeltro / E s t r a t t e / D a i M . S . d e l Conte Gianbatt.a Cantalmaggi / D a Gubbio / N e l l a Bibllioteca Sperelli, e nell'Archivio / A r m a n n o (sic) d i essa c i t t à / P e r opera del S i g . Ant.o Guidobaldo / Angelini B i b l i o t e c a r i o / M D C C X L V I I I . I n fondo a l l a pagina s i legge ( V e d i ANTON M . A Z U C C H I T R A V A G L I , Rerum Feretranarum Scriptores T o m . I l i pag 1 0 9 . A pag. 3 1 7 s i legge: A r c h i v i o A r m a n n o ( = Arm.annì) / L i b . 1 2 F o g . 6 U m b r i a F o g . = Montefelitro / Memorie della q u a n t i t à d i T e r r e e loro adiacen-


174

ITALO PASCUCCI

chio ») di cui abbiamo u n esempio, Cerignione (35), che s i , trova in u n documento giacente nell'Archiv. Armanni di Gubbio. All'inizio, comunque( e tale dato noi abbiamo anticipat come impressione e soltanto come impressione, in mancanza di prove inoppugnabili), si registra la prevalenza del suffisso -onus, i, come emerge dai seguenti esempi, tratti da scritti di natura e tendenza diverse. I n occasione della convenzione fra Buonconte, Taddeo e Rainerio, Conti di Carpegna, e la città dì R i m i n ì , stipulata il 28 settembre del 1,228, il toponimo è registrato: castrum montis ceragnoni cum sua curte (36); nell'Apologeticon Feretranum di Giovan Battista Marini si legge » (37) (. . . ) quod quidem Instrumentum (si allude all'istrument della divisione dei beni celebrato il 4 agosto del 1258 fra Guido, Taddeo e Feltrano da una parte e lo zio Cavalcaconte dall'altra) originale asservatur in Archivio publico Oppidi Mentis Cerignoni Feretranae Dioecesis » (38). I n u n documento che risale probabilmente alla seconda m e t à del 1300, sì legge: « Anno Domini 1353, die 12 Martìi crux ista b e n e d ì c t a in loco isto Montis Cerignoni (39) miracolose de terra egressa est in auxilium Christianorum ( . . . ) »; nella descrizione dei Castelli del Montefeltro fatta dal Card. Anglico Grimoard, abbiamo: « C a s t r u m montis Cerignoni est in quadam Valle super fluvìum Conchae, in

ze. N e l l a stessa pag. s.v. Podesteria, subito sotto s i h a Monte Cerignone, a pag. 319, s.v. Castelli di Montefeltro, si ha: Monte Cirignione ( T e r r a ) . S u l nobile V . A r m a n n i , Cfr. G . B . M A R I N I , Saggio cit., p. 74. (36) L . T O N I N I , Storia di Rimini^ I I I , 1862 p . 452. (37) S u G . B . M a r i n i s i veda: G . T O M B I N I , Biografia di G.B. Marini storico del Montefeltro i n « S t u d i montefeltrani », Milano, 1971, pp. 105-113, con fitti r i n v ì i bibliografici. (38) G . B . M A R I N I , Apologet. Feretr., Pesaro, 1732, p. 68. (39) P.A. G U E R R I E R I , inedit., cit., p . 190. L'iscrizione s i p u ò leggere anche i n M . A R Z I L L I , cit., p , 2ó, n . I .


I L TOPONIMO D I M O N T E C E R I G N O N E

quo est Roccha fortis, ad cuius custodiam moratur unus Castellanus cum duobus famuHs p r ò D. Claro (40) E p i scopo F e r e t r a n o » (41). NeìVItalia illustrata di Biondo Flavio, s.v. Regio sexta, Romandiola sive Flaminia, si legge: « ( ) subest illi (Appennino) Castellatia, post sequitur Mons Cerognonus (42); in un atto del 4 dicembre 1463,

(40) S i t r a t t a del Vescovo C l a r o o C h i a r o Peruzzi, s u l quale si

vedano

sgg.;

G.B. MARIA

G . B . M A R I N I , Saggio

CONTARENI, . . . , cit.,

De p.

Episcopatu..cit.,

183;

L. BESI,

cit,,

p. p.

122,

118 n.

1.

(41) C a r d . Anglico G r i m o a r d , Descriptio Romandiole, 1371. L a descrizione riguardante i castelli del Montefeltro è stata pubb l i c a t a i n appendice: A d pseudo-Feretranum Apologeticon / J o . B a p t i s t a e M a r i n i / D a n i e l l i i et P i n n e n s i u m / responsa e x a r a t a / per / P e t r u m A n t o n i u m C a l v i c i v e m V e n e t u m et P i n n e n s e m / M D C C X X V I V , dove s i legge, p. 175: E x libro descriptionis Provinciae Romandiolae confect. de anno 1371. Indictione I X . de Mense Octobris et N o v e m b r i s , tempore S a n c t i s s i m i D o m i n i N o s t r i Gregorii X I . de ordine R e v e r e n d i s s i m i i n C h r i s t o P a t r i s , et Dom i n i D . Anglici miseratione D i v i n a E p i s c o p i Albanen., T e r r a r u m , et P r o v i n c i a r u m E c c l e s i a e i n I t a l i a c i t r a R e g n u m I t a l i a e consistentium Apostolicae Sedis V i c a r i i Generalis. L a Descriptio Romandiole è r i p o r t a t a anche d a G . B . M A R I N I , Saggio, cit., i n risposta alila dissertazione De Episcopatu Feretr., Pesaro, M D C C L V I I I , p. 275-279 (la descrizione di Montecerignone s i t r o v a a p. 276) c o l titolo: « Descrizione del V i c a r i a t o d i Monte Feretrano, distesa l'anno 1371 ne' m e s i d i Ottobre, e Novembre d'ordine del C a r d . Anglico, V i cario G e n . Pontificio i n I t a l i a , estratta dall'Originale delFArchiv i o V a t i c a n o , n e l quale è registrata a l fol. 45 fino a l 52 ». D i passata notiamo che i l C a l v i attribuisce a Montecerignone 75 focol a r i , ili M a r i n i 70; l a descrizione riguardante Montecerignone è stata r i p o r t a t a d i recente da G . FONTANA e altri, cit., Bologna, 1972, p. 190, con alcune sviste, f r a le quali Montis Cerigoni^ per Montis Cerignoni; cum duobus farmulis, per cum duobus famuHs, N e l l a p r i m a s v i s t a cade anche i l D O M I N I C I , cit., p. 289, che scrive: « ( . . . ) B r a n c a qd. Ugolinutii de Monte Cerigone^ per: de Monte Cerignone (cfr. M . D E L F I C O , Memorie stor. della Repubbl. di S. Marino^ Napoh, 1865, App., p. L X I I I ) . A nostro parere, s i a nel caso del F o n t a n a quanto i n quello del D o m i n i c i , crediamo che s i debba t r a t t a r e d i refusi tipografici. (42)

BLONDI FLAVII,

op.

cit.,

p.

342.


176

ITALO PASCUCCI

relativo alla

divisione dei

beni fra

rogato nella

Chiesa

Croce

scritto: « ( . , . ) nae

di

I n Arce

S.

Cameram

legge: « ( , . . )

, , . ) »;

E t ego

di

nello

di

Carpegna,

Montecerignone,

Montis Ciragnoni

Dioecesis i n secunda C a m e r a

primam

i Conti

(43)

d.

Superiori d. Arcis

stesso atto, p i ù

iuxta

sotto,

Joannes q. Antonii ser Angeli de

sis (44) de dicto Castro Montis Ciragnoni

sta

Feretra-

Anno 1463

si

Ton(...) »

(45). In

un

rochorum, giamo: ...

documento riguardante la Societas

centum

Pa-

istituita a Maceratafeltria i l 6 luglio 1621,

leg-

«Anno

Clerus

a

Feretr.,

salutifera prò

Nativitate

die

negotiis expediendis, i n

S. B l a s i i , C a s t r i Montis Cerignoni, gregationem ( . . . )

1661,

II

mail

Parochiali

generalem habuit

con-

(46).

U n caso singolare è quello rappresentato da Pietro An-

di

(43) Casa

L'atto è Carpegna,

stato riportato d a P.A. G U E R R I E R I , R i m i n i , 1667, p . 55.

Genealogia

(44) P e r notizie s u l l a famiglia de T o n s ì s e soprattutto s u ser Angelo, cfr. N . F A B R I N I , Comunicazioni e Appunti^ « G i o r n a l e stor i c o delia lett. i t . », fase. I , 1952, p. 107, n . 4; M . A R Z I L L I , Motivi danteschi sul Titano^ U r b a n i a , 1965, p. 19 sgg. S i v d . i n o l t r e A . F . MASSERA, Il Vescovo Giovanni Tonsi, il suo commento dantesco i n « M u s e u m », S a n M a r i n o , anno, V (1921), pp. 107-113. G r a n parte d e l l ' a t t i v i t à notarile dei de T o n s i s è connessa con solenni a t t i p u b b l i c i rogati nella Chiesa di S . Croce di Montecerignone. S u questa Chiesa, che f u eretta n e l 1300 e che a n d ò i n r o v i n a nel 1830 per l ' i n c u r i a degli u o m i n i e per l'azione edace del tempo, s i veda M . A R Z I L L I , op. cit., p. 26, n o t a I ; p. 54, nota 4. D i codesta celebre Chiesa, di recente è s t a t a r i n v e n u t a l a chiave del portone p r i n c i p a l e : s i t r a t t a di u n a grossa e pesante chiave a r t i s t i c a che attualmente fa m o s t r a di sè s u l bel camino della casa dei coniugi Maddalena e Raffaele Montagna, a b i t a n t i n e l borgo di Montecerignone. I l Montagna h a trovato M chiave scavando f r a le macerie dell'antica e gloriosa Chiesa d i S . Croce sul c u i perimetro sorge l'attuale abitazione dei fratelli Allegro e Oscar Renzini. Genealogia,

(45)

P.A. G U E R R I E R I ,

(46)

C i t i a m o da L . B E S I , op. c i t . , p. 147, n . I .

cit., p.

56.


I L TOPONIMO D I MONTECERIGNONE

tonio Calvi e Giambattista Maria Contarini che unici (e fra i due, per primo i l Calvi) adoperano l a forma - onius, ii (Cerignonius, ii) come si p u ò rilevare dalle seguenti espressioni del Calvi: « ( . . , ) Cernuntur adhuc i n eo monte (47), qui medius est Inter Montem Cerignonium, et Ma-

(47) S i t r a t t a del Monte Faggiolla, posto non proprio « medius » f r a Montecerignone e Maceratafeltria, non lungi d a l l a loc a l i t à d i S . Cassiano dove, con ogni p r o b a b i l i t à , sorse l'antico Pitinum Pisaurense (cfr., a tale proposito, i l ms. inedito d i G . A n t i m i C l a r i , che abbiamo potuto consulttare grazie a l l a cortesia dell'Avv. B r u n e l l o P e r c a r a che q u i c i è piacevole ringraziare, e G . S U S I N I , Pitinum Pisaurense, « E p i g r a p h i c a », Milano, 1957). S u l Faggiola, contro l a perentoria affermazione del D O M I N I C I , op. cit., p. 289, n , I , dimentico d i quanto aveva detto a p. 144, cit., u n a volta, e a p . 145, due volte, sorse u n castellto, i l Castrum fazole cum sua curte (cfr. L . T O N I N I , op. cit.. I l i , p. 452) che t r o v i a m o citato n e l l a convenzione d i R i m i n i del 28 settembre 1228 subito dopo i l Castrum montis cerignoni e p r i m a del Castrum ripe cum sua curte. Contro l'opinione del Dom i n i c i ( m a per l a questione s i v e d a anche, di L . D O M I N I C I , S . Agata Feltria, N o v a f e l t r i a , 1959, dove a pp. 110 e 142, i l Castrum fazole è nominato, passim, o r a come turris, o r a come valle, o r a come castello^ o r a come castelluccio) I ' A R Z I L L I — m a s i ved. anche G . FONTANA e a l t r i , cit., p. 144 op. cit., p. 16 oltre a ricordare l a dizione Castrum fazole cum sua curte, menziona anche u n Castellare ( l e m m a , questo, che non a m m e t t e distinguo di sorta) Castri Faggiole cum turri (ecco l a « torre », m a c'è p r i m a i l « cas t r u m »!) in ipso existenti, che Mons. L . Donati, per comprensibile lapsus freudiano, precisando, traduce: « Castellare significa castello distrutto: i n t a l modo s i comprende i l valore della frase aggiunta: c u m t u r r i i n ipso e x i s t e n t i . . . , p e r c h è , distrutto i l castello ,era r i m a s t a l a t o r r e » . (Cfr. M . A R Z I L L I , cit., p. 16, n. I ) . Contro l'interpretazione del Donati, i n D u Gange, Glossarium Mediae et Infìmae Latinitatis^ N i o r t , s.v. Castellare, I , leggiamo: Castelliare C h a r t a C a r o l i I I I I m p e r a t o r apud Steph. B a l u z i u m i n Append. ad C a p i t u l . n. 119: et C a s t e l l u m Vellese c u m Castellare suo i . e. « d i s t r i c t u ». I l Donati h a letto, per p a r o n i m i a , dunque, « distrutto » per « distretto » che è l e m m a , quest'ultimo, equivalente n e l Medio E v o a Castellare cioè « territorio sottoposto a l castello » ( v d . S . B A T T A G L I A , Grande Diz. della ling. i t . I l i , T o rino, 1962, p. 856), A l limite, e come seconda accezione, Castel-


178

ITALO PASCUCCI

ceratam rudera quaedam, exesique passim lapides ut dicas, hoc solum est, in quo Petinum fuit (48) ( . . . ) », e non molto p i ù sotto: « ( . . . ) Dicendum ergo Capita quandam Provinciae fuisse Montem Cerignonium, Montem Taxiorum; compertum enim habemus Commissarium et in his oppidis habitasse (49). A sua volta, il Contareni: « ( . . . ) quorum praecipua sunt (allude, i l Contareni, a Oppida, Castra, Fortalitia del periodo precedente) Macerata Feltria, ubi olim Petinum, oppida S. Agathae ad flumen A r i m i n u m vulgo Marecchia, Plani Meleti ad flumen I s a u r u m sive Foliam, Montis Cerignonii et Montis Grimani, ad flumen Concham ( . . . ) » (50). Del Contareni leggiamo ancora: « ( . . . ) Deo etiam dicatis mulieribus sex sunt i n Montefeltro Monasteria; vide licet i n oppido S. Marini, S. Agathae, Maceratae Feltriae, i n Monte Cerignonio ( . . . ) » (51) e, dello stesso Contareni, ad abundantiam: « Beatum Dominicum Spatafora (52) (Face, è retto da » fecunda parens . . . nonnullos etiam

lare, i n I t a l i a n o , h a assxmto i l significato di « Castellb i n r o v i n a » (si cfr. C . B A T T I S T I - G . A L E S S I O , Diz etimolog, it., I , Firenze, 1 9 5 0 , p. 7 9 8 ) , « di castello distrutto », m a i . (48) Ad pseudo Feretr. Apolog. Jo. Bapt. Marini resp. exarat. per Petr. Anton. Calvi civem Venet, et Finn. Venetiis M D C C X X X V I V 16.

( 4 9 ) Ad pseudo (50)

sert,,

F.

Jo

Feretr,

BAPT.

MARIA

. . . cit., p. 2 8 . CONTARENI,

De

Episcop.

Feretr.

dis-

Venetiis M D C C L I I I , p. 16. (51)

F.

JO. BAPT.

MARIA

CONTARENI,

cit.,

i v i , p.

56'.

( 5 2 ) S u l . b. Domenico Spadafora, s u l l a sua vicenda terrena, cfr, G . RONCONI, Biografìa del B. Domenico Spadafora^ Roma, 1667. D i questa biografia, notevole p i ù per i tempi i n c u i è stata s c r i t t a che per pregi i n t r i n s e c i , esiste u n a copia m a n o s c r i t t a nell ' A r c h . Municipale di Montecerignone. S u l b. Domenico vanno consultate: G . B . M A R I A C O N T A R I N I , Vita del b. Domenico Spadafora, Urbino, 1744, con r i s t a m p a c u r a t a da Don Alfonso F a b r i n i , Siena, 1 8 9 7 . I n occasione della Beatificazione, c u i h a dato u n grande impulso i l dottissimo domenicano P . M . M a u r o K a i s e r , è u s c i t a la pubblicazione di R . D I A C C I N I , Vita del b. Domenico Spadafora Domenicano^ Foligno, 1 9 2 1 . M a u n anno p r i m a e r a uscita, per


I L TOPONIMO D I M O N T E C E R I G N O N E

sanctitate celebres Filios aluit) Ordinis Praedicatorum, Conventus Montis Cerignonii Fundatorem, cuius incorruptum corpus i n E c c l e s i a S. Mariae (53) loci eiusdem, summa Fidelium veneratione colitur, et crebris prodigiis emi-

conto della Sacra Congr, dei Riti, a c u r a d i V i t t o r i o Amedeo R a nuzzi de' B i a n c h i , Domenico Spadafora, i n preparazione a l l a causa di beatificazione avvenuta l'anno seguente. A v o l e r credere a ciò che s i legge i n Q u e t i f - E c h a r d , Scriptores Ordinis Praedicatorum recensiti, notisque historicis et criticis illustrati, I I , p. 3 3 3 , i l b. Domenico Spadafora fu autore di Sermones de tempore et de Sanctis, che ne attestano l a preparazione t e o l ò g i c a e la conoscenza non superficiale dei testi s a c r i . ( 5 3 ) S i t r a t t a della Chiesa di S . M a r i a delle Grazie che i l G U E R R I E R I , Inedit., cit., p. 1 9 0 , c h i a m a d i « sotto », e « p i ù moderna », rispetto a « S. M a r i a v e c c h i a per essere (questa) molto a n t i c a Chiesa di c u r a . Della c u i a n t i c h i t à s i vede sopra l a porta della Chiesa u n m i l l e s i m o i n t a l f o r m a cioè 1 4 5 0 ( I ' A R Z I L L I , cit., p. 1 1 , n . 2 , stranamente legge 1350, data s u l l a quale non sapp i a m o a r r i s c h i a r e congettura di alcun genere). Qual Chiesa (di S. M a r i a vecchia) fù f a b r i c a t a (sic) dalle macerie d'un antichissimo tempio del Gentilesmo che e r a poco p i ù sopra dedicato a l l a D e a L u c i n a Lucinae fanum deipare sacrum D C C C L ». Anziché D C C C L , 0 D O M I N I C I , Storia Gen, Moni., cit., p. 2 8 9 , n . 2 e I ' A R Z I L L I , cit., p. 1 1 , n . 2 , leggono D I I I L ( 5 4 7 ) , spostando i n t a l modo l a data d i tre secoli; invece di sacrum, scrivono dicatum che non s i a r r i v a a capire da dove s i a saltato fuori; non s i tratta sicuramente di probi, di l e t t u r a p e r c h è , nel passo, l a grafia d i A.M. Z u c c h i T r a v a g l i non presenta a l c u n a difficoltà d i interpretazione. A sua volta, i l F R A N C I O S I , cit., p. 1 7 1 , oltre a fare confusione f r a « S . M a r i a v e c c h i a » e quella « p i ù moderna di S . M a r i a delle G r a z i e », non c i pare che abbia capito l a posizione polemica fra i sintagma L u c i n a e fanum (cfr, ISIDOR., Etymolg. XV 4 8) e deipare sacrum, n è pare che abbia intuito i l significato storico-teologico del l e m m a deipare, A L u c i n a , che i l F r a n c i o s i erroneamente identifica con Giunone, contro le ragioni che abbiamo detto a n . 3 (cfr., ad abundantiam, E . PORCELLINI, Onomast. s.v. Lucina), s i contrappone l a Madonna (deipara). A nostro par e r e , l'iscrizione v a interpretata: « T e m p i o (già) di L u c i n a , (ora) sacro a l l a Madonna 850 ». A proposito dell'aggettivo deipara (« Deus » e « parere ». cfr. C . B A T T I S T I - G. A L E S S I O , Diz. Etimo-


i8o

ITALO PASCUCCI

cat; ut conflat ex eius V i t a , quam typis dedimus ( . . . )

(54).

A iniziare dal p r i m o scorcio del sec. X V I , almeno giudicare dalle nostre indagini, l a forma -onus, nus,

i),

onis

{Cerigno,

incomincia onis),

a

essere

sostituita

dalla

a

{Cerigno-

forma

come si p u ò osservare i n u n

mento del 22 febbraio

-o,

docu-

1492 inviato da Alessandro V I nel

p r i m o anno del suo pontificato, tatis Oppidi Montis Cerignonis In

i

ai diletti figli « Universi-

Feretranae Dioecesis ». (55).

u n rogito d i S e r B e r a r d o di F i l i p p o de'

Berardi

di Montetassi, si legge « Anno 1520, de mense julio, F r a n ciscus

Victorius,

Commissarius

Reipublicae

Florentinae,

possessionem Provinciae Feretranae accepit ab E n n i o Phi-

log. It., I I , p. 1237, s.v.) notiamo che n e l l a l e t t e r a t u r a classica, almeno p e r quel che sappiamo, n o n è m a i stato adoperato n è p e r i n d i c a r e Giunone, n è per i n d i c a r e D i a n a , n è per indicare Cibelle, m a è stato coniato, collo stesso procedimento per c u i i n zoologia p a r l i a m o d i a n i m a l i o v i p a r i (cfr. oviparus: « ovum » e « p a r l o » , A p u l Apol 38) e vivipari (cfr. v i v ì p a r u s : « v i v u s » e « p a r l o » , A p u l . Apol 38), proprio per indicare l a Madonna, 0£OTO)^O? (vd. E . l o s i , Encicl Cattol,, V i l i , s.v. « M a d r e d ì D ì o » , p . 107 sg.). A v o l e r credere a E . G I B B O N , Decadenza e caduta dell'impero romano, V , t r a d . d i P i o A n g a r a n ó , R o m a , 1973, p. 2, n . 34, n o n e facilSe stabilire quando fu coniato i l termine che i l L A CROZE (Christìanisme des Indes^ T o m o I , p . 16) a t t r i b u i s c e a d E u s e b i o d ì Cesarea e agli A r i a n i . L e testimonianze ortodosse s i trovano i n C I R I L L O e i n P E T A V I O , Dogmata Theologica, T o m o V , c a p . 15, p. 254, m a l ' a t t e n d i b i l i t à è dubbia e, i n m a n o s c r i t t i c r i s t i a n i , l ' e p ì t e t o d i OEOTO^^O; faceva m o l t o i n fretta a i n s i n u a r s i d a l m a r g i n e n e l testo, Comunque codesto appellativo, riferito a l l a Madonna, f u sanzionato n e l Concilio d ì Costantinopoli del 381 (nella professione d i fede d e l Concilio d ì N i c e a dell 325 f u inserito: « et ì n c a r n a t u s est de S p i r i t u Sancto ex M a r i a Virgine et homo factus ») e, p i ù solennemente, nel Concilio d i Efeso del 431, dove l a dottrina d e l l a Chiesa f u difesa, contro Nestorio, d a S . C i r i l l o d i A l e s s a n d r i a . (54)

F . JO. B . MARIA

CONTARENI,

(55) R i n v i a m o a R . D I A C C I N I , dafora, cit., p . 39.

cit., p.

Vita

57.

del Beato

Domenico

Spa-


I L TOPONIMO D I M O N T E C E R I G N O N E

lonardo (56),

Episcopo Verulensi, a Papa deputato. Homi-

nes

Provinciae convenerunt ad

que

fidelitatem

qui ( . . . )

ibi-

orationem habuit ad Provinciales; cui respondere (57)

de

Pinna B i l l o r u m ».

una bolla di Leone X , del

dotta da G . Renzi,

è scrìtto:

stra Maceratae, Certaldi, Nell'esametro del

15 gennaio 1521,

« (...)

ripro-

videlicet loca et

Montis liciani (

marie, Montis ci(ri)gnonis

ca-

) Montis

s.te

(58).

distico su Montecerignone, il poeta

umanista Hercolani già de' ve:

Montem Ceregnonem

iurarunt in manibus D. C o m m i s s a r i i Fior.,

iussus Ioannes L u t i u s In

I8I

Sarti

di Maceratafeltria,

« Arce, opibus, l y m p h a gaudet Ceregno

scri-

(59) perenni »;

a sua volta, O. Olivieri (60), autore dei Monimenta

Feretr.,

( 5 6 ) S u E n n i o Fillonardi, Vescovo d a p p r i m a di V e r o l i , poi C a r d , e quindi anche Vescovo del Montefeltro beneficii causa, si vd. B.

F . Jo.

MARINI,

B . M A R I A C O N T A R E N I , De

Saggio,

cit.,

p.

2 0 2 sgg.;

Episcop., L. BESI,

cit., cit.,

p.

p.

1 4 1 sgg.;

1 3 8 sgg.,

n.

G. 3.

( 5 7 ) S i t r a t t a di ser G i o v a n n i L u c c i o L u c i s d i Pennabilli, che f o n d ò , n e l 1517, i l Monastero delle monache s u l l a R u p e (per notizie abbastanza diffuse s u l L u c c i e s u l Monastero d a l u i fondato, cfr. L . D O M I N I C I , Pennabilli, c i t . , p. 6 9 sgg.), lo d o t ò e l o pose sotto l a protezione d i S . Antonio d a Padova. P e r questa sua opera i l L u c c i venne celebrato d a u n suo contemporaneo, i l poeta u m a n i s t a Gioanni Hercollani g i à de' S a r t i , d i Maceratafeltria, col distico: « l U u s t r a s BilRos t u a n a m S a n c t i s s i m e l a n nes / candida vestali est piena sorore domus ». I n P.A. G U E R R I E R I , Della Carpegna Abellita^ cit., parte terza, B o logna, 1 9 2 4 , p . 1 2 8 , t r o v i a m o scritto Gioseffe Lutij, a n z i c h é Giov a n n i . E ' molto probabile che i l G u e r r i e r i s i a incorso i n i m lapsus p e r c h è L u c c i o L u c i s è sempre citato e r i c o r d a t o col nome

di

Giovanni.

I n proposito

si vd.

F . Jo. B . M A R I A

CONTARENI,

De Episcop., cit., p. 1 3 9 ; L . B E S I , cit., p. 139, n . I ( i l B e s i c i t a da Mattei-Gentili, con r i n v i o ) ; A . T A N I , Pennabilli e la Verg, cit., p. 6 1 , n . I . ( 5 8 ) G . R E N Z I , Sestino. Storia civile e religiosa del Cinquecento, Sestine, 1973. ( 5 9 ) I l toponimo s i t r o v a nell'esametro del distico dedicato a Montecerignone, d a G i o a n n i H e r c o l a n i g i à de' S a r t i . ( 6 0 ) S u 0 . O l i v i e r i , c f r . G . B . M A R I N I , Saggio, cit., p. 1 6 4 sgg.;


I82

ITALO PASCUCCI

tramanda: « Profecto universalis Feretranorum locorum laetitia magna fuit, et diversa quoque ubique gaudii data, succensis ignibus signa, atque p r ò filii nati gratulatione delegit Oratores Provincia G i n u m P a l m a r i n u m de Pinna, Petrum T u s i n u m de Monte Cerignone ( . . . ) » (61). E ancora, l'Olivieri: « ( . . . ) Sebastianus Bonaventura Urbinas, Ducis militiae Praefectus apud Montem Cerignonem aciem quoque profligavit E t r u s o o r u m ( . . . » (62). A proposito della visita pastorale di Mons. Bernardino Scala (63), Vescovo del Montefeltro, l'Olivieri annota: « Illinc (cioè dall'Abbazia di Valle Sant'Anastasio) (64) Montem Cerignonem et Maceratam invisit ( . . . ) » (65). A puro titolo di cronaca, notiamo che l'Olivieri adopera anche l a forma -onus, i, come emerge dal passo: « ( . . . ) i n Arce Majoli Federicus Travaglia de Macerata ( . , . ) et Montis Cerignoni Dux militum N ( . . . ) » (66). Alterna le due forme anche lo storico Anton Maria Zucchi Travagli che i n una breve espressione ricorda la

M . SALVADORI, cit., p. 3 ; L . B E S I , cit., p . 1 7 4 sg., con r i n v ì i bibliografici a P.A. G u e r r i e r i e A . M . Z u c c h i T r a v a g l i , e n. 2 ; L . D O MINICI,

(61)

Pennabilli,

cit,,

p.

95.

O . O L I V I E R I , Monim.

(62) O .

OLIVIERI,

ivi,

Feretr,,

Pennabilli, 1 8 8 0 , p. 2 4 0 .

194.

( 6 3 ) S u l Vescovo B . Scalla, s i v d . P.A. G U E R R I E R I , Della Carpegna abellita^ cit., parte terza, Bologna, 1 9 2 4 e passim; F . Jo. B.

C O N T A R E N I , De

MARIA

MARINI,

Saggio,

cit.,

p.

Episcop.

Feretr.,

cit.,

p.

154

sgg.;

G.B.

218.

(64) S u V a l l e Sant'Anastasio cfr. O . O L I V I E R I , cit., p. 2 9 6 ; F r Maggiotti, citato da A . M A R I N I , op. cit., p. 2 1 e n o t ì z i e del M a r i n i stesso; M . A R Z I L L I , Valle Sant'Anastasio nei secoli, Dogana d ì S . M a r i n o , 1 9 7 4 . (65)

O.

OLIVIERI,

cit.,

p.

312.

(66)

O. OLIVIERI,

cit.,

p.

216.

( 6 7 ) P e r notizie s u A n t o n M a r i a Z u c c h i T r a v a g l i s ì v d . G . G A R A M P I , Memorie della Beata Chiara, R o m a , 1 7 5 5 , p. 4 0 8 ; A . M A R I N I , cit., p. 4 5 ; F . U G O L I N I , Storia dei Conti e dei Duchi d'Urbino, Firenze,

CHI,

1859,

p.

8;

M.

(Pennabilllì 1-3-1881 —

MARCOLINI,

cit.,

p.

367

sgg.;

F.

MANDU-

R i m ì n i 28-10-1967), h i t r o d u z ì o n e a

Pier


183

I L TOPONIMO D I M O N T E C E R I G N O N E

Chiesa « Sanati B l a s i i de Monte Ceragnono » (68), i n un'altra espressione relativa alla genealogia della famiglia Carpegna, osserva: « E x volumine Poetae Dantis vetustissimi, et de primis libris impressis post repertam artem imprimendi, qui reperiebatur penes quendam Ser Dionysium Dodum de Monte Cerignone Prov. Feltriae » (69). Circa le forme i n volgare, abbiamo l'impressione che i risultati dell'indagine siano stati meno fortunati dei r i sultati riguardanti le forme i n latino, m a i l fenomeno si spiega col fatto che gli atti amministrativi, fin verso l'ultimo scorcio del sec. X I X , venivano redatti i n latino. A giudicare almeno dalle nostre ricerche, per trovare citato i l toponimo in volgare e precisamente nella forma composta Monte Cerignone, bisogna risalire allo Statuto della C o m u n i t à , che ebbe i l suo riconoscimento sulla base dello Statuto Generale del Montefeltro, redatto i n pubblica seduta durante i l « Parlamento Feretrano » del 1384, nell'antica Chiesa di S. Croce di Montecerignone, da S e r Angelo de Tonsis, e a u n a lettera postulatoria del 19 marzo 1445, scritta da Marino Calcigni oriundo di S. Marino e allora P o d e s t à del Montefeltro con residenza a Montecerignone, alla Reggenza di S. Marino. Scrive i n quella circostanza i l Calcigni: « Laurenzio figliuolo de Sante de Cecholo da Monte Ciaragnone è stato preso g i à p i ù di u n mese a Rimino ( . . . ) che quantunque ser Laurenzo sia nato a Monte Ciaragnone ( . . . ) ve

Antonio G u e r r i e r i , Della Carpegna Abellita e del Montefeltro illustrato, Bologna, 1924, p. 4, n . I ; L . D O M I N I C I , Pennabilli, cit., p . 95;

L . BESI,

di G.B. Marini, n. 27.

cit., p.

175 e

in «Studi

relativa

nota;

montefeltrani»,

G. TOMBINI,

Biografia

Milano, 1971, p.

Ili,

( 6 8 ) A . M . Zuccm-TRAVAGLi, Rer. Feretr. Script., cit.. T o m o I , cap. 3, a r t . 3. Altrove, (Annali, T . I V , c. 123/a, m s . i n A r c h . Com.le P e n n a b i l l i ) , l o stesso autore r i p o r t a u n atto del 25 nov. 1447 rogato « i n c a s t r o Montis Cerragnonis ». (69)

Citiamo

da

M. A R Z I L L I ,

op.

cit., p . 32, n . 2.


i84

ITALO PASCUCCI

pregamo una

vogliate fare per cavarlo di prigione » (70). I n

relazione

al suo

governo

sullo

stato

della c i t t à

di

R i m i n i , del 12 dicembre 1504, i l Provveditore veneto nella capitale dei domini soggetti ai Malatesta, Domenico Malipiero

(71), adopera l a forma non

guano

(72);

Cerognono

Leandro Alberti, a

no

Monteceri-

scrive

Monte

(73), con forma esemplata, come abbiamo av-

vertito, su quella latina di Biondo dor

composta

sua volta,

Salvadori, in pieno

Seicento,

Flavio, mentre scrive Monte

SalvaCirigno-

(74). In

un

documento

della p r i m a m e t à

del

Settecento,

esistente nell'Archiv. A r m a n n i di Gubbio, troviamo l a forma Cerignione

(70) il

tanto

(75), quanto l a p i ù comune e p i ù no-

A r c h i v . d i S. M a r i n o , Carteggio

della

Reggenza.

S i veda

d o c u m e n t o i l M . A R Z I L L I , cit., p. 3 1 . S u M . C a l c i g n i , c f r . G . C A R -

DUCCI, La libertà perpetua di S. Marino, con note d i M . R o s s i , Bologna 1966, p. 34 sg. (71) P e r notizie s u D . Malipiero « dignissimus Provisor et Potestas Civitatis Arimini... prò Serenissimo Ducali Dominio Venetiarum... « c f r . L . T O N I N I , Rimini dal 1500 al 1800, V I , part. I I , R i m i n i , 1888, r i s t a m p . a c. d i B . Ghigi, R i m ì n i , 1971, p . 8. (72) L a grafìa Montecerignano è sicuramente errata; per ipotesi e soltanto per ipotesi, penseremmo a u n a assimilazione d i suono da a l t r i numerosi toponimi c i t a t i d a l Mahpiero n e l l a s u a lettera ( c f r . L . T O N I N I , cit., V I , part. I I , p. 829 sgg.) e c i o è C a r ì g l i a n o , Patrignano, Passano, Gemmano, Marazano, Sogliano, M u lazano, M o n t ì g l ì a n o , Savignano, Maxiano ( = M a c ì a n o ) , S a r c i a n o ( = S a r t i a n o ) , Lonzano, Tornano, Montegrimano, Monteliciano, Molazano, S a n Zane i n M a r ì g n a n o , Misano, Covigliano, Patrignano, contro solo due toponimi i n -one: Castiglione, Moììone oppure a confusione c o n Cerignano, frazione d i Maceratafeltria, s i t a i n l o c a l i t à V a l e d i T e v a , frazione, a s u a volta, del Comune d i Montecerignone. (73)

L . BATTISTA

ALBERTI,

op.

cit., p.

292.

(74) S i t r a t t a della intitulatio a l distico s u Montecerignone, dovuta a S a l v a d o r S a l v a d o r i ( s u l S a l v a d o r i cfr. D . B O N A M I N I , Me^ morie di poeti it. pesaresi, M s . 1064, tomo I I , — n o n n u m e r a t o — cap. 43, B ì b l i o t . Oliv., Pesaro) che h a trascritto, verso i l 1634, i d ì s t i c i d i G i o a n n i H e r c o l a n i g i à de' S a r t i d ì Maceratafelltrìa. (75) C f r . n . 33.


I L TOPONIMO D I MONTECERIGNONE

185

ta Cerignone, mentre in u n a antica e originale carta notarile esistente nell'Archiv. Municipale di Montecerignone, s.d. e s.f., si legge: « Don Giovanni rosso da monte Ceregnone rettore della Chiesa di Santamaria i n reclauso su la curte di monte Ceregnone e d'ogn'uno che ci haura interesse se l a detta c o m u n i t à v o r à fare u n monesterio di sore nel Castello di monte Ceregnone dove è il spidale o lì vecino nel Castello di monte Ceregnone di Rendizione a detto Monasterio da farse ( . . . ) » (76). Delle tre forme differenziate, che abbiamo sottoposto alla considerazione degli appassionati di storia feretrana, richiamiamo l'attenzione sulla forma Monte Cerignione evidentemente esemplata su quella indigena p i ù volte citata e c i o è Muncirignón, in cui l a o finale è preceduta da una i fortemente sfumata da alcuni pronuncianti; su codesta forma è stata esemplata, al pari di Cerignione, anche la forma latina Mons Cerignionius che leggiamo a p. 129 del libro scritto dal Calvi contro VApologeticon del Marini: « Annon i n fronte Ecclesiae S. Catharinae V . et M . Monialiun Montis Cerignionii marmoreum stemma Episcopi Martorellii (77) conspicitur, qui nihìl tamen de suo ad eius erectionem contulit nisi quod eam ìussit, et consecravit ereclam? » (78). A iniziare dalla p r i m a m e t à del Seicento incomincia a infittirsi la forma attuale, esemplata sul suffisso o, onis ma con grafia composta. Monte Cerignone attestata costantemente in scrìtti dì B . B a l d i , C . Clementini, P.A. Guerrieri (79), C . Troya e autori del periodo che va dal sec. X V fino alla m e t à del sec. X I X ; nell'ultimo scorcio

(76)

Citiamo

(77)

S u P i e r V a l e r i o M a r t o r e l l i , Vescovo Feretrano,

CALVI,

De L.

Al

M.

ARZILLI,

pseudo-Feretranum

Episcop. BESI,

da

cit.,

Feretr,, p.

148

cit.,

Apolog.,

I.

1 3 1 sg.;

F.G.B.

cfr. P . A . CONTARENI,

cit., p. 2 4 4 ;

sgg.

P . A . C A L V I , Ad pseudo-Feretr.

(79)

Su

DUCHI,

p.

1 8 , n.

p. 1 6 2 sgg.; G . B . M A R I N I , Saggio,

(78)

PA.

p.

Guerrieri,

« Pref. » a Della

cfr.

Carpegna

M.

Apolog., SALVADORI,

abellita

cit., p. 1 2 9 . cit.,

p.

4;

F.

e del Montefeltro

MAN-

iltu-


i86

ITALO PASCUCCI

dell'Ottocento e i n tutto i l Novecento, prevale la grafia distesa Montecerignone, come emerge dalle pubblicazioni di L . Besi (80), L . Dominici, A. T a n i (81). Ma a ben vedere, quella distesa è una grafia che si trova g i à in un Diploma di Eugenio I V , del 1443, in cui si legge Montiscerignonis, i n un Breve di Pio I I , del 1464, che h a Montiscerignoni e i n una Relazione del 12 dicem-

strato, Bologna, 1924, pp. 1-6; L . B E S I , cit., p. 1 7 4 , n . I ; A . T A N I , S . Francesco, cit., p. 1 2 0 , n . 2 . L ' o p e r a del G u e r r i e r i , u s c i t a i n varie circostanze, a d eccezione della terza part., capp. I V - X , che è inedita e che s i t r o v a tuttora nei Rerum Feretr. Script, di A . M . Z u c c h i T r a v a g l i , è stata r i s t a m p a t a nella collana Historiae Urbium et Regionum Italiae Rariores, L X X , S a l a Bolognese, 1 9 7 4 . A l l a n o t i z i a che s i legge i n S a l v a d o r i , Compendio, cit., p. 4 ; i n BESI,

cit.,

p.

1 7 4 , n.

I ; in

TANI,

S . Francesco,

cit.,

p.

120, n.

2,

i

quali scrivono che la morte ha colto i l G u e r r i e r i a V a l l a v a d i Maceratafeltria verso i l 1 6 7 0 s i contrappone quella del nostro c a r i s s i m o amico F . V i t t o r i o L o m b a r d i , Direttore della R i v i s t a , che è riuscito a documentare che i l G u e r r i e r i è stato parroco a S . Leo di Carpegna fino a l giugno del 1 6 7 6 : nell'ottobre dello stesso anno, n e l l a p a r r o c c h i a menzionata « officiava g i à u n altro parroco. ( 8 0 ) P e r notizie sul B e s i (Pennabilli 7 dicembre 1 8 6 2 — Pontefelcino (Perugia) 1 8 maggio 1 9 2 3 ) cfr. L . D O M I N I C I , Pennabilli, cit., p. 9 8 . P e r notizie diffuse, F . D ' A M A N D O , P . Luigi Besi, T e r a m o , 1955, ora, sempre del D ' A M A N D O , Accanto a due Papi, T e r a m o , 1975. Da quello almeno che abbiamo letto, r i s u l t a che i l B e s i , p u r non riuscendo sempre a s v i n c o l a r s i da certe i n g e n u i t à critiche, dim o s t r a buona preparazione ermeneutica e non peregrina preparazione filologica. Dei testi sacri, egli ebbe s i c u r a e profonda conoscenza. Cfr. F . D ' A M A N D O , cit., ( 8 1 ) A . T a n i nacque a Savignano d i Rigo, Comune d i Sogliano a l Rubicone (Foriì), l ' 8 dicembre 1888, m o r ì a R o m a i l 1 6 novembre 1 9 6 6 . Insegnante di « Lettere n e l S e m i n a r i o F e r e t r a n o per quattordini a n n i » , f u consacrato Vescovo, a R o m a , i l 3 giugno 1 9 3 2 ; g i à Arcivescovo titolare di Urbino, ali momento d e l decesso e r a Arcivescovo titolare di Scitopoli, H a lasciato (oltre a pubblicazioni m i n o r i ) due pubblicazioni di carattere divulgativo, che abbiamo citato e che riguardano i l Montefeltro, e u n a r a c c o l t a d i poesie I canti del Montefeltro, Modena, 1 9 4 3 , a l l a


I L TOPONIMO D I MONTECERIGNONE

187

bre 1504, fatta alla Repubblica Veneta dal suo Provveditore o P o d e s t à D. Malipiero, sullo stato di R i m i n i , che reca Montecerignano. Di recente il Fontana (82) è ritornato alla grafia composta, adeguandosi all'uso scriptorio seguito negli atti amministrativi, m a contro l'uso della Ungangssprache cui, nella p r i m a ed. della sua pubblicazione sull'argomento, si era giustamente uniformato l'Arzilli che nella ristampa, si è inspiegabilmente adeguato all'usus scribendi curiale, contro la grafia distesa della Ungangssprache.

quale a r r i s e i l « giudizio benevolo » di C . Angelini e A, V i c i n e l l i . Per qualche indicazione s u l T a n i , cfr. A . GAZZANIGA, Elogio funebre di S. E. Mons. Antonio Tani, s.l. e s.d. ( m a 1966). (82)

G . FONTANA,

op.

cit.,

p.

190.

A l ricordo d i Don Renato Paolini — o r a rasserenato nella luce della v e r i t à dal gorgo delle invidie terrene — dedico questa modesta fatica, dolente di non poter a p i ù durevole lavoro raccomandare i l c a r o nome e l a m e m o r i a della s u a c u l t u r a umanistic a teologica filosofica scientifica, quale i i Montefeltro m a i annov e r ò f r a i suoi sacerdoti, e n o n solo.

Profile for studimontefeltrani

Studi montefeltrani, n. 3 - San Leo 1975  

INDICE: Pasquale Rotondi, Capolavori d’arte sottratti ai pericoli della guerra e alla rapina tedesca - Marco Battistelli, Le miniere di zolf...

Studi montefeltrani, n. 3 - San Leo 1975  

INDICE: Pasquale Rotondi, Capolavori d’arte sottratti ai pericoli della guerra e alla rapina tedesca - Marco Battistelli, Le miniere di zolf...