Page 1

Redazione Strade Nuove: parrocchia San Giuseppe Artigiano. Via G.Rossa,1

71016 San Severo (FG). Anno III n. 30 - Dicembre 2011

Strade Nuove


Strade Nuove

INDICE

Editoriale

pag. 2 Ottobre missionario pag. 4 Open Weekend pag. 5 Adesione AC pag. 7 Lavori in corso pag. 8 Photogallery pag. 9 Il dente di Gesù Bambino pag. 10 Ognipromessa pag. 13 On Air pag. 14 Cosa bolle in pentola??? pag. 16

2

Editoriale Siamo giunti alla fine dell’anno: è tempo di bilanci e anche Strade Nuove vuole ricordare gli avvenimenti riguardanti la parrocchia in questo 2011. L’inizio dell’anno, purtroppo, è stato caratterizzato dalla scomparsa di uno dei pilastri della nostra comunità: Dina. Ora dopo aver fatto tanto per la nostra parrocchia, per il centro missionario diocesano e per la Caritas, ci guarda l’alto e ci sprona a continuare e andare avanti, con la freschezza del suo spirito giovanile. L’estate la parrocchia non è andata in vacanza, ma i giovani e giovanissimi, insieme alle catechiste Giusy e Marisa, hanno organizzato due settimane di Grest per i bambini e i ragazzi fino a 12 anni, dopo aver fatto un’esperienza simile collaborando con il gruppo Gi.fra della parrocchia Maria SS. delle Grazie. Tuttavia l’evento più atteso per i giovani e i giovanissimi è stata la Giornata Mondiale della Gioventù che ha visto la partecipazione di un gruppo di 22 ragazzi della nostra parrocchia, in una


Strade Nuove Madrid che accoglieva 2 milioni di giovani provenienti da tutto il mondo. Che emozione unirsi al gigantesco coro al grido “Esta es la juventud del Papa!”. Poi al ritorno è ricominciato il tran tran di ogni anno. Catechismo per i bambini, Ottobre missionario, ACR, Open weekend, ma i locali sotto l’Oratorio avevano bisogno di piccoli lavori di ristrutturazione e così i giovani, dopo aver intonacato, presi i pennelli in mano hanno ridipinto tutto il

salone e le aule catechistiche e ora manca per completare tutta l’opera. E siamo giunti a dicembre, il mese delle novene all’Immacolata e al Natale, due occasioni importanti per poter gustare appieno, attraverso la preghiera, il Cristo venuto per noi.

redazione Strade Nuove

Strade nuove

porge a tutti i lettori i suoi più sentiti auguri di un sereno Natale e di un felice Anno Nuovo! In copertina L’angelo, termine che deriva dal greco ἄγγελος (=inviato, messaggero) annuncia agli uomini la venuta del Salvatore del mondo e canta l’inno del Gloria.

3


Strade Nuove

SPECIALE: O ttobre miss ionario

Come ogni anno, il mese di ottobre è dedicato alle missioni. Anche la nostra comunità lo scorso 23 ottobre ha celebrato, in comunione con la Chiesa universale, la Giornata Mondiale Missionaria, anche se per la prima volta non c’era Dina. Era lei che ci teneva particolarmente a richiamare l’attenzione di tutti verso chi non ha nulla. Quest’anno noi, suor Maria e Soccorsa, oltre ai segni abbiamo pensato di dare un’impronta missionaria all’impegno delle catechiste, che in questo stesso giorno hanno ricevuto il mandato. Le catechiste e i bambini del 1° anno hanno portato ai piedi dell’altare una croce sulla quale sono stati legati dei biglietti, con i pensieri di alcuni personaggi della chiesa mondiale e locale. Un bambino ha portato un mattone con la scritta Cotiakou, che è la nuova casa della della missione, nella diocesi di Natitingou. Le catechiste, come segno della propria missione all’interno della nostra comunità, hanno portato il libro di catechismo che il parroco regala ai genitori dei bambini battezzati. Accogliendo l’invito della lettera pastorale del vescovo (Tra Diluvio e Arcobaleno), la nostra parrocchia nel nuovo Anno Liturgico, circa, una domenica al mese avrà un occhio rivolto alle missioni. Tutti coloro che hanno incontrato Gesù Risorto sono chiamati alla missione, come tutti sono chiamati a donare anche poco perchè c’è sempre chi ha meno di noi.

Suor Maria e Soccorsa

4


Strade Nuove

: 1 1 0 2 d n e k e e W n e C Op A a r t s o n a l l e d e n a v o i Il volto g Zaino, sacco a pelo, un paese, 2 giorni, tanti giovani, cuori aperti.. No non è un gioco ma sono gli elementi della bellissima esperienza dell’open Week-end di quest’anno a San Paolo di Civitate. Il 5 e 6 novembre come giovani di AC della nostra Diocesi ci siamo incontrati per condividere una tappa del nostro cammino. Il tema di quest’anno è incentrato sulla vocazione, significativa è la frase tratta dal brano del Vangelo di Marco : “Alzati, ti chiama”. Un esortazione che a noi giovani ci invita innanzitutto a muoverci, ed è proprio questo che un centinaio di noi da ogni parte della Diocesi ha deciso di fare in questa due giorni. Riflettere sulla chiamata, partendo dal proprio progetto di vita, dai propri sogni. È iniziato così il nostro open con il brano del vangelo e la figura del cieco di Gerico, Bartìmeo, raccontata attraverso la narrazione e rappresentazione dei ragazzi dell’equipe giovani. Partire dalla Parola per arrivare alla vita, è questo che ha ispirato invece l’attività del sabato pomeriggio: i giovani divisi in 4 gruppi hanno fatto un “tour” in 4 sale esperenziali, sala cinema, sala musica, sala letteratura, sala teatro. In ogni sala si è potuto assistere a una “performance” di 15 minuti dove l’obiettivo era di dare provocazioni o stimolare la riflessione sul proprio progetto di vita. Nella sala cinema attraverso spezzoni di film di vario genere, nella sala musica attraverso l’ascolto dal

vivo di un violino e la spiegazione di uno spartito, la sala letteratura con la lettura di alcuni brani e la sala teatro attraverso il gioco dei movimenti del corpo si è cercati di far riflettere sulle motivazioni, gli ostacoli, i tempi, le domande e il ruolo di Dio nella propria vita e nel proprio progetto di vita. Divisi in gruppi guidati da alcuni responsabili giovani i gruppi hanno condiviso l’esperienza delle sale, confrontandosi sui temi e sulla loro esperienza. Dopo questa attività e la cena a sacco non poteva mancare un po’ di animazione dove l’entusiasmo dei giovani si è sposata benissimo con la pazzia della nostra equipe. I gruppi si sono sfidati a suon di improvvisazione, prima coreografie su delle canzoni scelte dall’equipe e poi per concludere un bel monumento umano. Conclusa l’animazione con proclamazione

5


Strade Nuove dei vincitori della serata, ci si è trasferiti in Chiesa dove ad attenderci c’erano i sacerdoti, tra cui don Andrea Pupilla che ha guidato il momento di veglia. Un momento molto importante dell’open perché la vita e le riflessioni del pomeriggio si sono tramutate in preghiera, è nel nostro cuore infatti, che i nostri desideri più veri diventano come il grido di Bartìmeo. Riflettere sul cammino, strada facendo (così il titolo della veglia) che iniziava con queste parole: “Siamo tutti dei viandanti, incamminati sulle strade della libertà, alla ricerca della Verità, sospinti dal Vento.” E in questa ricerca di Verità che siamo chiamati e invitati ad alzarci e come il cieco a seguire Gesù. Molto interessante per questa riflessione, è stata la meditazione della Domenica mattina, di don Roberto, assistente dei giovani di AC, che sulle domande sorte nei gruppi del sabato, ci ha aiutati a spostare l’obiettivo non tanto sui sogni ma sulla nostra felicità, sulla nostalgia di verità di cui vive il nostro cuore. Un cuore che non si accontenta mai delle cose finite ma che tende all’infinito. Nella sua meditazione don Roberto ha fatto un esempio molto chiaro, paragonando il cuore ai nostri piedi: se mettiamo una scarpa piccola ai piedi, questi ci fanno male, e così è anche il cuore, non possiamo accontentarlo di cose piccole, per essere felice ha bisogno di qualcosa di grande, ha bisogno di “infinito”. Nella messa conclusiva dell’open, durante l’omelia don Roberto ha concluso dicendo che questo infinito per noi ha un nome e un volto, Gesù Cristo. E su queste parole corredate dai saluti e i ringraziamenti finali che è terminato il nostro week-end, ma non è terminato il nostro cammino come dice il titolo “Walk in progress”.

6

Come Bartìmeo che riavuto la vista prese a seguire Gesù così anche noi al termine dell’open siamo stati invitati a seguirlo nelle nostre realtà parrocchiali, nella nostra quotidianità. Alcuni “immagini” che ci portiamo dietro di quest’open sono: la grande disponibilità e la gioia dell’accoglienza dei giovani di San Paolo di Civitate, con i loro responsabili e don Mimmo che hanno condiviso e sostenuto a pieno l’esperienza; ma soprattutto portiamo con noi l’entusiasmo del volto giovane della nostra Chiesa, un segno che ci fa ben sperare per il futuro e per il cammino della nostra AC, perché possano crescere giovani amanti della vita e missionari del Vangelo.

Gabriele Camillo


Strade Nuove

: 1 1 0 2 e n o i Ades C A n i o n g e p m i o u t l i

La scelta di aderire all’Azione Cattolica non è un punto atto formale. Scegliere l’AC. Significa scegliere “un impegno solenne, pubblico” per la Chiesa e per il Paese, avendo individuato nella forma associativa la modalità efficace per incidere costruttivamente nell’uno e nell’altro ambito. La forma associativa non ci solleva dalle responsabilità personali, anzi siamo chiamati ad annunciare il Vangelo e a “vivere la fede, amare la vita”, i due impegni fondamentali degli associati di AC. Siamo chiamati ad amare la vita come luogo in cui testimoniare la nostra fede. E proprio questo momento storico, questi avvenimenti quotidiani sono il tempo favorevole per dire il nostro “SÌ” a Dio!

Marisa Cipriani

NOI C’IMPEGNIAMO Noi ci impegniamo… Ci impegniamo noi, e non gli altri; unicamente noi, e non gli altri; né chi sta in alto, né chi sta in basso; né chi crede, né chi non crede. Ci impegniamo, senza pretendere che gli altri si impegnino, con noi o per conto loro, con noi o in altro modo. Ci impegniamo senza giudicare chi non s’impegna, senza accusare chi non s’impegna, senza condannare chi non s’impegna, senza cercare perché non s’impegna.

Il mondo si muove se noi ci muoviamo, si muta se noi mutiamo, si fa nuovo se qualcuno si fa nuova creatura. La primavera incomincia con il primo fiore, la notte con la prima stella, il fiume con la prima goccia d’acqua l’amore col primo pegno. Ci impegniamo perché noi crediamo nell’amore, la sola certezza che non teme confronti, la sola che basta a impegnarci perpetuamente.

Pirimo Mazzolari

“La responsabilità è il prezzo della grandezza.”

(Winston Churchill)

7


Strade Nuove

o s r o c n i i Lavor Fino a qualche mese fa quando scendevo nel salone sottostante l’oratorio, mi chiedevo come si possa far fare il catechismo in un luogo assolutamente inadatto ad ospitare dei bambini. Il problema della sistemazione dei locali era stato portato anche in Consiglio Pastorale per iniziativa dei giovani della Parrocchia....ma siccome stavamo nella stagione invernale si è voluto rimandare la questione alla stagione estiva.....ma d’estate la nostra parrocchia va in vacanza! Comunque solo grazie ad alcuni giovani e giovanissimi dell’oratorio e dell’Azione Cattolica che hanno deciso di prendere di “petto” la situazione si è messo mano sulla struttura. All’inizio del anno catechistico si sono verificati un po’ di problemi logistici …..ma ora i bambini possono godere di aule ripulite e più accoglienti. Al salone è stato dato un nuovo look e viene utilizzato come sala prova per le attività teatrali della parrocchia. Tutto bene quello che finisce bene!......no, non è finita, c’è un’altra aula da sistemare e ci sono da pagare i debiti per comprare il materiale quindi siate generosi e date la vostra offerta pro lavori direttamente al parroco don Salvatore o a Gabriele.

Ciro del Buono

8


Strade Nuove

PHOTOGALLERY

Norbert, a 20 anni iniza il cammino per diventare c ristiano

9


Strade Nuove

o n i b m a B ù s e G i d e Il dent

mi riempie di tenerezza e gioia perché ti Lo pensavo mentre in metropolitana veho rivisto ed incontrato molte volte, Gesù, nivo risucchiato dalla frenetica vita della in persone dal volto limpido e raggiante gente che corre e guarda ansiosamente l’o- e che mi hanno sorriso con l’unico dente rologio con visi cupi ed arrabbiati coperti che avevano in bocca: i vagiti dei bambini da fili, auricolari ed ipad… Faccio fatica appena nati, i poveri capaci di condivisioa incontrare volti liberi e sorridenti e mi é ne, i giovani amanti della vita e disorienspontaneo paragonare la fiumana di pertati dalle incapacità educative del nostro sone che si muove nelle città del mondo a tempo, gli anziani gelati dalla solitudine tanti robot telecomandati. Finalmente tra e dall’indifferenza dei figli, i malati tenuti tanta tecnologia colgo un pensiero verain vita dalla speranza e dal calore di una mente umano: nessuno riuscirà a toglier- carezza, le persone straniere, nomadi per mi dalla testa che il Bambino di Betlemme costrizione e non per vocazione, i vendiè nato ed ha avuto per tutta la sua vita tori del proprio corpo desiderosi più di sempre e solo un dente. Ci sto pensando amore che di soldi, preti e persone consada quando un amico etiope mi ha cantato crate stanchi e scoraggiati da un ministero un proverbio della sua terra: << Se hai un umanamente sempre più incompreso ed solo dente in bocca, usalo per sorridere ingrato ma rifocillati dal pane dell’Amore >>. Quel dente io lo avrei utilizzato per e della consolazione, monaci e monache nutrirmi… è naturale, è umano! Eppure felici della ricchezza del silenzio e della la saggezza africana, che più della civiltà preghiera, ricchi e possidenti capaci di occidentale, sa andare alla radice della donarsi per restituire quel che avevano vita, ha colto nel segno: il segreto della vita ricevuto da Dio… è imparare a sorridere e far sorridere. Signore, donaci uomini e donne con un dente solo e con un cuore grande, libeGesù, hai avuto sempre un dente nella tua ro, autentico, sorgivo di amore, capaci di bocca perché la tua esistenza è il sorriso seminare speranza nel tempo della facidi Dio per l’uomo incupito dall’orgoglio, le disperazione, di riaccendere il fuoco dall’egoismo e dalla solitudine. Un sorridell’impegno per la giustizia, la pace, il so figlio dell’Amore, del desiderio divino bene comune e una politica del servizio e di cercare la compagnia di una umanità della carità. infedele ma nel profondo desiderosa di Natale è la festa dell’autenticità, alla spaautenticità e di libertà. Il tuo, però, è un smodica ricerca del regalo sostituiamo dente che affascina gente semplice e che l’ansia della ricerca del dono più grande cerca l’amore, che sorride a chi amato non di Dio: Gesù, il Dio bambino che con un è e a chi amare non sa. Scommetto che dente solo, viene a portarci Dio Amore. anche i pastori e i sapienti ed onesti cer catori di Dio giunti a Betlemme avevano un dente solo. Pensarti con un solo dente

don Francesco, diacono

10


Strade Nuove

“L’Italia sono anch’io” è il nome dell’iniziativa di accoglienza e di solida-

rietà verso i nostri concittadini stranieri, per sostenerli nella battaglia di civiltà legata ai diritti di cittadinanza. È possibile firmare, esibendo un valido documento d’identità, la petizione popolare per sostenere le due proposte di legge per i diritti di cittadinanza per i bambini nati o cresciuti in Italia e il diritto di voto per le persone di origine straniera qui in parrocchia oppure presso l’Art Village di San Severo dalle ore 18,00 alle ore 20,00.

PROPOSTA di legge nr. 1  Raccolta Firme per “Nuove norme sulla Cittadinanza”, per i diritti di cittadinanza  delle persone di origine straniera  PROPOSTA di legge nr.2 Raccolta di firme per “Norme per la partecipazione politica ed amministrativa e il diritto di elettoralato senza discriminazioni di cittadinanza e di nazionalità“

11


Strade Nuove

“Un popolo che vive e condivide”  9.600 tonnellate di alimenti donati (+2%) Comunicato Stampa  Risultati Giornata Nazionale della Colletta Alimentare 2011 

  La XV edizione della Giornata Nazionale della Colletta Alimentare, svoltasi sabato in più di 8600 supermercati, è stata uno spettacolo di gratuità che ha cambiato coloro che vi hanno partecipato, come dimostrano i numerosissimi messaggi ricevuti. Grazie all'aiuto di più di 130.000 volontari sono state raccolte 9.600 tonnellate di prodotti alimentari, il 2% in più rispetto all'edizione 2010. Il cibo raccolto sarà ora distribuito alle oltre 8.000 strutture caritative convenzionate con la Rete Banco Alimentare che assistono 1,4 milioni di persone.

12

Quello che più ci ha colpito, in un periodo di grave incertezza economica


Strade Nuove come quello presente, è la generosità e la sensibilità di un popolo che condivide i bisogni, per condividere il senso della vita. Un popolo che non si è fermato di fronte alla crisi o alla paura del futuro, ma donando una spesa per i più poveri, si è fatto avanti con coraggio dimostrando che la carità è più forte della crisi e ridà speranza a chi l’ha persa.

ognipromessaedebito.co

m

Tutto è partito da una pagina del Corriere della sera. Un singolo cittadino prende l’iniziativa e scrive al suo popolo: «Facciamo uno sforzo, compriamo il nostro debito. Chi più ne ha più ne metta.» La proposta di Giuliano Melani (questo il nome dell’autore del messaggio) viene subito accolta da cinque studenti dell’Università di Bologna: così, Stefano Onofri ed altri compagni di corso decidono di aprire un sito (www. ognipromessaedebito.com) per raccogliere la chiamata dell’intermediario finanziario di Pistoia e il 10 novembre organizzano una colletta per l’acquisto di Btp. Ma non si accontentano, il loro intento, infatti, è di estendere l’appello a tutta Italia affinché ogni singolo cittadino, in base alle possibilità, partecipi attivamente nel processo di “auto responsabilizzazione” del popolo italiano. Un processo che parte da un’idea molto semplice: «Se una persona mette parte dei suoi soldi in titoli Italiani, inizierà ad interessarsi alle sorti dello Stato perché sarebbe uno di quei rari casi in cui è evidente che l’interesse personale e quello della comunità coincidono.» Ecco, inoltre, cosa hanno dichiarato gli studenti bolognesi in un’intervista al Resto del Carlino: «Non siamo impotenti di fronte a queste

complicate crisi: noi siamo l’economia reale, noi nelle leggi del mercato siamo la ‘domanda’ e dobbiamo ricordarci che abbiamo un peso importante. Mandando a ruba i titoli di Stato italiani, possiamo frenare questa pazza corsa dello spread ed evitare che l’Italia bruci ancora miliardi di euro nei prossimi giorni, quei miliardi che dovranno servire a noi per garantirci pensioni, assistenza sanitaria, istruzione e servizi di ogni genere.»  Un grande esempio di responsabilità e senso civico da parte dei giovani che hanno accolto senza riserve un’occasione per contribuire a cambiare le cose nel nostro Paese.

fonte: www.studentpass.it

13


Strade Nuove

On Air

Sogna, ragazzo sogna -

E ti diranno parole rosse come il sangue,  nere come la notte;  ma non è vero, ragazzo,  che la ragione sta sempre col più forte  io conosco poeti  che spostano i fiumi con il pensiero,  e naviganti infiniti  che sanno parlare con il cielo.  Chiudi gli occhi, ragazzo,  e credi solo a quel che vedi dentro  stringi i pugni, ragazzo,  non lasciargliela vinta neanche un momento  copri l’amore, ragazzo,  ma non nasconderlo sotto il mantello  a volte passa qualcuno,  a volte c’è qualcuno che deve vederlo.  Sogna, ragazzo sogna  quando sale il vento  nelle vie del cuore,  quando un uomo vive  per le sue parole  o non vive più;  sogna, ragazzo sogna,  non lasciarlo solo contro questo mondo  non lasciarlo andare sogna fino in fondo,  fallo pure te..  Sogna, ragazzo sogna  quando cade il vento ma non è finita  quando muore un uomo per la stessa vita  che sognavi tu  Sogna, ragazzo sogna  non cambiare un verso della tua canzone,  non lasciare un treno fermo alla stazione,  non fermarti tu...  Lasciali dire che al mondo  quelli come te perderanno sempre  perchè hai già vinto, lo giuro,  e non ti possono fare più niente 

14

R. Vecchioni

passa ogni tanto la mano  su un viso di donna, passaci le dita  nessun regno è più grande  di questa piccola cosa che è la vita  E la vita è così forte  che attraversa i muri per farsi vedere  la vita è così vera  che sembra impossibile doverla lasciare  la vita è così grande  che quando sarai sul punto di morire,  pianterai un ulivo,  convinto ancora di vederlo fiorire  Sogna, ragazzo sogna,  quando lei si volta,  quando lei non torna,  quando il solo passo  che fermava il cuore  non lo senti più  sogna, ragazzo, sogna,  passeranno i giorni,  passerrà l’amore,  passeran le notti,  finirà il dolore,  sarai sempre tu...  Sogna, ragazzo sogna,  piccolo ragazzo  nella mia memoria,  tante volte tanti  dentro questa storia:  non vi conto più;  sogna, ragazzo, sogna,  ti ho lasciato un foglio  sulla scrivania,  manca solo un verso  a quella poesia,  puoi finirla tu. 


Strade Nuove

15


Strade Nuove

Cosa bolle in pentola??? Linguine con vongole, zucchine e pomodorini Ingredienti (per 4 persone): 400 g di linguine 2 spicchi d’aglio 500 g di vongole veraci 500 g di zucchine 10 pomodorini 5 cucchiaio d’olio e.v. d’oliva peperoncino sale e pepe q.b.

Procedimento: In una padella imbiondire uno spicchio d’aglio con olio e peperoncino, quindi aggiungere le vongole. Aspettare che le vongole si aprano e sgusciarne una parte. In un’altra padella rosolare l’altro spicchio d’aglio nell’olio, quindi unire le zucchine, precedentemente tagliate a listarelle sottili, e i pomodorini, tagliati a pezzetti. Mescolare poi il composto alle vongole e condire le linguine cotte al dente; far mantecare per qualche minuto e servire ben caldo. Buon appetito!

Felicia Marchitto Si ringraziano tutti coloro che hanno contribuito alla realizzazione di questo numero. Le collaborazioni gratuite a questo giornalino sono sempre gradite. La redazione si riserva il diritto di sintetizzare gli articoli e le rubriche proposte in base agli spazi disponibili. Vuoi partecipare? Inviaci il tuo materiale all’indirizzo: stradenuove@hotmail.it

16

Inviaci una mail se vuoi ricevere il nostro giornalino per posta elettronica.


30 dicembre 2011  
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you