Page 1

mySwitzerland

Estate 2018


La natura ti rivuole: MySwitzerland.com/ estate


+

Buongiorno

+

Il ritorno alla natura è meglio farlo a piedi o su due ruote. Con la sola forza dei muscoli. In questo opuscolo tutto ruota intorno alla bici. Qualunque sia la bicicletta preferita, la Svizzera è il paradiso delle due ruote e fa felici tutti. Sui passi alpini non si annoiano neppure i ciclisti ben allenati. Quasi 9000 km di trail da percorrere in mountain bike: una promessa di esperienze spettacolari e pura adrenalina. Oltre 12 000 km di percorsi ciclabili per cicloturisti con segnaletica che attraversano i paesaggi più affascinanti e le città più belle. Pronto a partire? Ti auguro buon divertimento ed esperienze indimenticabili nella natura.

Martin Nydegger, Direttore di Svizzera Turismo

3


Contenuto

6

Ludo et son vélo Notevoli fermo immagine delle fumose discese di un campione di Enduro.

46

Testare i trail I downhill trail sono una sfida per i professionisti. Anche quando li realizzano loro.

52

Tour de Genève

Energia per buongustai

Un corriere su bici mostra la bellezza della città. Oggi non ha fretta.

Non solo ragù alla bolognese. I migliori chef svizzeri presentano le loro creazioni di pasta.

68

74

Jurassic Park Una famiglia di quattro persone esplora la preistoria in bici: un’avventura come al cinema.

4

20

my Switzerland  LA NATURA TI RIVUOLE

Max Küng Curve a volontà, una grande sfida. Un saggio sui momenti belli e meno belli in montagna.


26

Route 99 L’itinerario del cuore, che va da Rorschach a Losanna o viceversa, si snoda lungo una parte di Svizzera magicamente bella.

60

Bike, Spa e gioia Dopo la pedalata, l’idromassaggio: i Bärner Meitschi si godono l’Oberland bernese.

82

Pronti, attenti, via! Nella patria del mosto troverai tanti alberi di mele e gente cordiale.

6 Ludo May

16 A tutta ruota 20 Bikepark Lenzerheide 26 Attraverso la Svizzera 36 Galleria Dead Ends 46 Bike-City Ginevra 52 La pasta degli chef 60 Bärner Meitschi nella Spa 66 Opuscolo «Estate in hideaways» 68 Sulle tracce dei dinosauri 74 Passi alpini 76 Un must per i ciclisti 82 Turgovia in bici 88 Prix Bienvenu 90 La ruota chiama 95 Informazioni utili

5


Ludo et son vÊlo Ludovic May lo si vede in sella alla sua bici per conquistare i primi posti nelle principali gare di Enduro oppure per intrattenere l’ambiente della mountain bike con i suoi video sul web. Testo: Christian Sidow Foto: Videostills


Mountain bike: Ludo May

Video da: episodio #6 ÂŤfumisteriaÂť MySwitzerland.com/ ludo

7


8

my Switzerland  LA NATURA TI RIVUOLE


9


10

my Switzerland  LA NATURA TI RIVUOLE


11


Ludo May, come è nato il progetto «Ludo et son vélo»? Nel 2007 agli Outdoor Games di Interlaken ho conosciuto lo sciatore e cinoperatore Nico Falquet. Siamo subito diventati amici, scherziamo allo stesso modo e abbiamo riso tanto. Era ovvio che volessimo produrre insieme qualcosa. Nel 2013 il progetto «Ludo et son vélo» ha preso il via con il primo episodio, al bacino idrico d’Emosson. In un punto, per qualche giorno l’anno l’acqua è profonda solo qualche centimetro. Così sembra che io vada in bici sull’acqua. In bici su laghi artificiali, in pantaloncini sulla neve alta, con petardi sull’elmetto oppure sulla traiettoria del lancia-patate. Da dove nascono queste idee temerarie? Elaboriamo insieme ogni nuova idea. A volte l’idea è di Nico, a volte mia. Insieme si trasformano in pazzie. Le proviamo e se funzionano giriamo il video. Nico e io vogliamo mostrare la mountain bike da altre prospettive. Sii sincero, non è pericoloso a volte? L’aspetto ciclistico non è pericoloso, anche se dò il massimo in fatto di speed e style. Ma al primo posto c’è l’umorismo, quindi ci divertiamo, non siamo stuntmen. Non puntiamo ad andare oltre i limiti.

12

my Switzerland  LA NATURA TI RIVUOLE


Il 28enne Ludovic «Ludo» May dal 2004 è professionista di Enduro su mountain bike. Nel 2017 ha vinto la Trans Costa Rica e si è piazzato al quinto posto ai Trans-Provence in Francia. Tra le altre cose, gareggia per il marchio svizzero BMC e per Verbier, Zimtstern, Bliss, Giro, Shimano, FOX e Spy. Vive a Verbier, dove si trovano i suoi trail preferiti.

Raccontaci dell’episodio girato con i petardi fumogeni. I petardi li avevamo conosciuti nel gioco del Paintball e Nico ha proposto di provarli con la bike. Il risultato è ottimo, come si vede. In un giorno abbiamo girato quasi tutto l’episodio. Ho montato sette petardi in tutto sulla bike: tre per ruota e un altro sul telaio. Dopo averli accesi tutti insieme, la partenza! All’inizio non ho riuscivo a vedere proprio niente, e con l’aumentare della velocità mentre procedevo non ho praticamente notato più il fumo. Ti vedi come un artista di performance? (Ride) «artista» è una parolona.... Questo progetto non è incentrato sulla mia persona. Certo, sono al centro perché nel titolo si vede il mio nome e perché l’azione è mia, però io sono un elemento nell’insieme. Mi diverto e basta. Ci piace ridere e far ridere anche gli altri. I prossimi passi? Vorremmo due nuove puntate l’anno. Non temo certo che si esauriscano le nostre idee. Trovi gli episodi precedenti di «Ludo et son vélo» su youtube.com

13


5 consigli agli appassionati di mountain bike

2 1

Dorénaz

Scelto da Ludo: Scelto da Ludo: Portail de Trail di Fully Wouaiy Verbier

Per Ludo May è «tra i migliori trail che ho fatto in un Bike Park». E per giunta quasi davanti alla sua porta di casa, nel Verbier Bikepark. Il trail, lungo 2,2 km, attraversa il bosco e in caso di pioggia è molto impegnativo.

14

my Switzerland  LA NATURA TI RIVUOLE RIVUOLE

Prima si sale in funivia, poi si procede verso il notevole arco roccioso di Portail de Fully. «Qui, nel punto più alto del tour, si ha una fenomenale vista sul Massiccio del Monte Bianco.» La discesa avviene su single trail e sui tantissimi tornanti fin giù ai vigneti di Fully.

3 Le Sentier

Le Grand Risoud Bike Questo delizioso tour al confine tra la Svizzera e la Francia è natura allo stato puro. Dalla riva nord del Lac de Joux si continua su per una leggera pendenza, finché le case si fanno sempre più rade e le strade sempre più strette. Un single trail di 12 km riporta poi alla civilizzazione.


4 Airolo–Olivone

Gottardo Bike Tappa 2 Il pianoro di Piora nella Valle Leventina è ricco di laghi e laghetti alpini. L’impegnativo tour porta dal Lago Ritóm alla Valle di Blenio attraverso il Passo del Sole. Qui può esserci neve anche a giugno. La discesa avviene fra verdissime pianure e fitti boschi di abeti e larici.

5 Alpnachstad

o-tour Bike West L’itinerario che attraversa la più grande torbiera della Svizzera fa la felicità dei biker: salite impegnative, strade naturali, single trail, una vista magnifica e, ovviamente, anche bei ristoranti di montagna.

5 3

4 2 1

Altri tour per biker: MySwitzerland.com/mtb

15


Attrezzatura: Swiss made

A tutta ruota Per appassionati di bicicletta.

DesignYourBike Le biciclette prodotte nella fabbrica bernese rendono tutti felici. La felicità è individuale. Grazie al configuratore si può scegliere il colore di almeno 13 componenti: dal sellino, ai cerchioni fino ai pedali. Nascono così bici uniche, per la felicità individuale. Missione compiuta. designyourbike.ch

Biglietto giornaliero bici Spesso i trail migliori non sono nelle vicinanze. Con un biglietto giornaliero per bici, acquistabile per quasi tutti i treni o autopostali, vai nei più bei luoghi della Svizzera portando con te la bicicletta. ffs.ch/bici

16

my Switzerland  LA NATURA TI RIVUOLE


EGO Movement

Gli imprenditori svizzeri Daniel Meyer e Marie So hanno una visione tutt’altro che egoista. Le loro e-bike EGO Movement sono un successo nel portare la mobilità intelligente e sostenibile nello spazio cittadino. egomovement.com

Il Granger Bicycle Toolbag è cassetta attrezzi, portafogli e dichiarazione di sostenibilità in uno. freitag.ch

SvizzeraMobile Il giro in bicicletta ideale con un solo click. Sulla piattaforma SvizzeraMobile trovi centinaia di itinerari in bici attraverso la Svizzera oltre a relazioni di viaggio, previsioni del tempo, suggerimenti per la sicurezza, guide e mappe. Con quest’app percorri sempre la strada giusta in bici. svizzeramobile.ch

17


bmc-switzerland.com/speedfox


Gli Swiss Bike Hotels consigliati da Svizzera Turismo vantano un ottimo servizio per bici e ciclisti. Deposito bici chiudibile, lavaggio dell’abbigliamento sportivo e proposte di tour.

12 in 1 In aggiunta al famoso coltellino militare svizzero, quest’azienda della Svizzera centrale sviluppa anche prodotti innovativi come il BikeTool che, con soli 98 g di peso e 10 cm di lunghezza, si nota solo quando serve una delle sue 12 funzioni. victorinox.ch

MySwitzerland.com/bikehotels

B

Assisti, partecipa o semplicemente sii presente all’evento ciclistico più importante della Svizzera.

Tour de Suisse

La maggior gara annuale di ciclismo in Svizzera. tds.ch

Alpenbrevet

Da due a cinque passi alpini su quattro percorsi. alpenbrevet.ch

Maratona bike al Parco nazionale

Giro nel parco per chi ama la natura. bike-marathon.com

slowUp

Parola d’ordine «gradevole»: slowup.ch

A tutta birra! Se dopo il tour in bici la gola è secca come il deserto, il rinfresco ideale è in bottiglia. L’Appenzeller BrandLöscher calma la sete e rinfresca efficacemente la gola arsa. Il malto caramellato addolcisce questa birra di grado alcolico 4,8%. appenzellerbier.ch

Bike Days Soletta

A maggio: il maggior festival svizzero della bici. bikedays.ch

Tutti gli eventi: MySwitzerland.com/eventibici

19


20

my Switzerland  LA NATURA TI RIVUOLE


Outdoor: Bikepark Lenzerheide

Testare i trail Il Bikepark Lenzerheide è un successo fin dall’apertura, nel 2014. I cinque percorsi freeride sotto la ferrovia del Rothorn entusiasmano campioni e principianti. Il parco è stato costruito dalla ditta Trailworks. Testo: Lucas Roos Foto: Philip Ruopp

21


A destra: Rafael Rhyner traccia la linea ideale, gli avvallamenti e le curve su un trail in costruzione grezza. In basso: completato il trail, il terreno circostante è rinverdito con erba e muschio, anche per prevenire l’erosione.

22

my Switzerland  LA NATURA TI RIVUOLE


CM UCI di mountain bike 2018 a Lenzerheide «Per costruire un Bike Park», dice Ueli Guntli, responsabile progetto della ditta Trailworks, che ha realizzato il Bikepark di Lenzerheide, «oltre alla buona topografia serve una ferrovia di montagna ben funzionante. Tanti ciclisti non vogliono estenuanti pedalate in salita, ma preferiscono le discese. Downhill. Somiglia allo sci. Un Bike Park è molto simile a uno Snow Park. Soprattutto divertimento ed emozioni.» Per realizzare quello che nel frattempo è diventato il percorso World Cup più famoso del mondo, ci sono voluti pianificazione, impegno e tanta passione per questa disciplina che in cinque anni ha conquistato un ruolo decisivo nella promozione di Lenzerheide. Fin dall’inizio il comune, il turismo e le ferrovie di montagna hanno condiviso una strategia ben definita per creare una destinazione a misura di mountain bike in ogni aspetto. Il progetto comprende i trail, i mezzi di trasporto, gli hotel, il servizio nonché la scena MTB. In poco tempo Lenzerheide è diventata una meta molto richiesta dagli appassionati di mountain bike, anche oltre i confini nazionali.

Spazio agli ambientalisti

Anche il Bike Park di Lenzerheide è stato progettato in loco: fra abeti, radici e rocce, presso il Rothorn, dove il team di Trailworks si è fatto una prima idea dei possibili percorsi. Dopo averli delineati con il GPS, il team ha tracciato su una mappa gli itinerari e infine ha inoltrato il progetto che rispetta i requisiti delle associazioni ambientaliste e dell’ufficio forestale. «Noi costruttori di trail abbiamo in genere idee chiare in fatto di percorso ideale e sostenibile. La sfida consiste nel rispettare per ciascun progetto i

Dopo tre edizioni della Coppa Mondiale UCI di mountain bike si terrà a Lenzerheide dal 4 al 9  settembre 2018 il Campionato Mondiale di mountain bike. Gli atleti si disputeranno le medaglie nelle discipline Downhill e Cross Country (DH e XCO). Il supplemento dell’UCI è soprattutto anche un riconoscimento al lavoro degli anni passati e attua coerentemente la strategia bike di questa destinazione. I fan della mountain bike attendono con ansia l’azione highspeed della corsa downhill e le emozionanti gare testa a testa nel percorso cross country. lenzerheide2018.com

23


requisiti richiesti, in particolare quelli ambientali», dice Rafael Rhyner, comproprietario e direttore di Trailworks. «La costruzione di un trail modifica sempre la natura. Per questo cerchiamo di invaderla il meno possibile.» Spostiamo con cura erba, muschi e felci e, a lavoro concluso, li reinseriamo nel terreno ai bordi del percorso. «Si tratta di un lavoro oneroso, ma è importante per la natura», dice Rafael Rhyner.

Il drenaggio è essenziale

In alto e a destra: per la costruzione grezza sono serviti anche scavatori e macchinari leggeri. Nella fase finale occorre un gran lavoro manuale per tracciare la forma definitiva. In basso: perché il flow sia quello giusto ci vuole un occhio esperto.

24

my Switzerland  LA NATURA TI RIVUOLE

I trail in montagna sono esposti alle difficili condizioni meteo. «I violenti temporali portano grandi masse d’acqua ed è lì che si vede se i drenaggi sono stati posti correttamente», dice Ueli Guntli. «Sa l’acqua non defluisce bene erode i trail, causa la formazione di buchi fangosi e pozzanghere e lo strato diventa molle. Non è bello per i biker.» Il numero di visitatori in crescita lo dimostra: i cinque percorsi in discesa tra la stazione intermedia di Scharmoin e quella a valle di Rothorn sono entusiasmanti. Downhiller o freerider, slope styler, fan del northshore o principianti: qui ce n’è per tutti i gusti. Inoltre, ciascuno può scegliere il grado adrenalinico della propria discesa.


3 percorsi per mountain bike nei Grigioni

1 Pista freeride Gotschna, Davos Klosters

Facci un salto 200 curve paraboliche, 50 curve sopraelevate, 30 table, tanti salti e avvallamenti: è la pista di 6 km da Gotschnaboden a Klosters. La pista freeride Gotschna è davvero divertente, ma solo per i freerider molto bravi con la mountain bike.

3 Flow trail Corviglia, Engadina St. Moritz

Bike e panorama Sul Corviglia, la montagna di St. Moritz, vi sono tre trail: il Foppettas Flow Trail per chi ama la tecnologia, il WM Trail con la curva a 360° e il Corviglia Flow Trail, un pumptrack fluido per le discese. Tre volte divertimento e vista mozzafiato.

2 Runcatrail, Flims

2

Flow su tutta la linea Partenza: stazione di Naraus, 1800 m s. m. Arrivo: 7,6 km e 740 m più in basso. Per strada: double, table e avvallamenti per esperti nonché avvallamenti per principianti. In ogni caso: divertimento sicuro su uno dei più lunghi flow trail d’Europa.

1 3

Vuoi vederne altri?

MySwitzerland.com/mtb

25


Itinerario del cuore: attraverso la Svizzera

Route 99 L’itinerario del cuore collega il Lago di Ginevra con il Lago di Costanza in 13 tappe. Sembra faticoso ma non lo è: questo percorso è piacevole e gioioso. Espatriati tedeschi, statunitensi e cinesi hanno testato tre tappe per MySwitzerland. Testo: Andreas Feuerstein Foto: Lea Meienberg


La vista sul Lago Ägeri è uno dei punti salienti della tappa da Zugo a Einsiedeln.

27


Panorama. Natura. Ultima discesa.

Tamy Gunz e Jens Dünnebacke sono due tedeschi che vivono in Svizzera da poco più di quattro anni. Jens è Global Sales Manager e Tamy è assistente di marketing. Il percorso attraverso la torbiera di Rothenthurm è impressionante (in alto).

28

my Switzerland  LA NATURA TI RIVUOLE


6 Zugo–Einsiedeln

«Si parte dal pittoresco centro storico di Zugo scattando foto e selfie. Poi la salita vera e propria sulla Blasenberg. La splendida vista sul Lago di Zugo, che si estende fino alle Alpi di Uri, ricompensa la salita di 350 m. Sul tratto per Einsiedeln ci attendono un altro lago azzurro presso Ägeri, boschi e pascoli. Ora sappiamo da dove vengono il buon latte e formaggio: agricoltura a perdita d’occhio. Vicino ad Einsiedeln un altro saliscendi, ma nella stupenda chiesa conventuale ritroviamo subito la tranquillità. Che giornata!» Lunghezza: 40 km Strada sterrata: 6 km Altitudine: 1050 m Tempo di percorrenza: 4–5

ore

29


e h c c u m e l e h c n a Se andasserotraiffnicboi?ci, sai che

Mark Seman è venuto in Svizzera dagli USA 13 anni fa. Lavora in proprio e vive a Stein (Appenzello Esterno). Mark ama il formaggio e constata con piacere che nell’Emmental se ne possono gustare tantissimi tipi (a sinistra). Chissà se qui ci sono anche auto, si chiede nella salita presso Gondiswil (in alto).

30

my Switzerland  LA NATURA TI RIVUOLE


8 Willisau–Burgdorf

«Ho appreso solo dopo il tour che la tappa da Willisau a Burgdorf è il percorso classico dell’itinerario del cuore. Ritengo sia perché qui tutto è così “svizzero”. Come sintetizzerei l’itinerario? “Solitudine nei campi sconfinati” o “L’uomo che sussurrava alle mucche”. In mezzo a pascoli verdissimi e boschi ombrosi, cos’altro potrei volere? Solo una cosa: fermarmi ogni 100 m e scattare una foto. Dei simpatici villaggi, della splendida vista, degli animali, dei negozietti. Prima conoscevo solo l’Emmentaler, ora anche l’Emmental.» Lunghezza: 63 km Strada sterrata: 10,5 km Altitudine: 800 m Tempo di percorrenza: 5– 6

ore

31


12 Laupen–Romont

«Due le cose che affascinano di più in questa tappa: le e-bike e lo splendido paesaggio svizzero con le città ricche di storia. A Murten, ad esempio, è come trovarsi in un film ambientato nel Medioevo. Da lontano la destinazione Romont, con le sue torri, i merli e il castello, è di una bellezza quasi surreale. Le e-bike sono cool: è come pedalare piacevolmente col vento a favore, senza sforzo. Da ora, penso, ci sposteremo solo in e-bike.» Lunghezza: 63 km Strada sterrata: 9,5 km Altitudine: 850 m Tempo di percorrenza: 5–6

32

ore

my Switzerland  LA NATURA TI RIVUOLE


: i p m e t i r t l a n i e m o C Romont con il stuoorri. castello e le sue

Dong Liu e Ping An, cinesi, da circa cinque anni vivono in Svizzera. Lui è ingegnere, lei fotografa e giornalista. La coppia è affascinata dalle cittadine medievali incluse in questa tappa, soprattutto da Murten (a sinistra).

33


Itinerario del cuore: panoramica

L’itinerario del cuore conduce da Rorschach a Losanna o viceversa. 1 Rorschach–Altstätten [39 km] Strada sterrata: 0 km Altitudine: 1050 m Tempo di percorrenza: 4–5 ore

7

Il Lago di Sempach e le Alpi innevate

2 Altstätten–Herisau [43 km] 5 km / 1150 m / 4–5 ore 3 Herisau–Wattwil [55 km] 9 km / 950 m / 4–5 ore 4 Wattwil–Rapperswil [55 km] 2 km / 840 m / 4–5 ore 5 Rapperswil–Einsiedeln [58 km] 20 km / 1190 m / 5–6 ore

8

6 Einsiedeln–Zugo [40 km] 6 km / 580 m / 3–4 ore 7 Zugo–Willisau [69 km] 13 km / 800 m / 5–6 ore 8 Willisau–Burgdorf [63 km] 10,5 km / 800 m / 5–6 ore

8

Mucche: l’Emmental ne è pieno

13

7

Patrimonio mondiale UNESCO: i vigneti del Lavaux

Willisau

Burgdorf

12

9 Burgdorf–Langnau [45 km] 7 km / 1020 m / 4–5 ore

9

Laupen

Langnau

11

10 Langnau–Thun [72 km] 5 km / 1300 m / 6–7 ore

Thun 10

11 Thun–Laupen [64 km] 15 km / 1030 m / 6–7 ore

Romont

12 Laupen–Romont [63 km] 9,5 km / 850 m / 5–6 ore

13

Losanna

13 Romont–Losanna [50 km] 3,5 km / 550 m / 4–5 ore

12 Rent a Bike, il principale noleggiatore di bici svizzero, da oltre 30 anni gestisce una rete di stazioni di noleggio bici. L’azienda, in collaborazione con partner locali, propone anche il noleggio di e-bike lungo l’itinerario del cuore: affronta le colline con facilità e sicurezza con la FLYER a noleggio. Rent a Bike è in circa 180 sedi tra cui stazioni ferroviarie, negozi sportivi, campeggi, hotel e propri centri di noleggio. Otto stazioni mobili con oltre 200 bici, e-bike e tandem soddisfano anche le esigenze individuali di ritiro e riconsegna del mezzo. rentabike.ch

34

my Switzerland  LA NATURA TI RIVUOLE

Murten e il Lago di Murten, highlight della tappa n. 12

11

Vista da Riggisberg sulla regione del Gantrisch

9

Punto panoramico Moosegg nell’Emmental, 950 m s. m. 10

L’Aare e l’interessante centro storico di Thun


Paul Hasler e l’invenzione dell’itinerario del cuore 1

Rorschach, Lago di Costanza. Partenza con i fiocchi!

2

Rorschach

Un highlight della tappa n. 2: la cittadina di Appenzello

1

Herisau

Wattwil Rapperswil Zugo

3

Altstätten 2

4

5

Paul Hasler, come le è venuta l’idea di creare un itinerario ciclistico nazionale? Mi affascinano i percorsi segreti. Nel 1989 l’amore per i viaggi in bici mi ha portato negli USA: li ho girati sulla dueruote, con bagaglio di 30 kg. Allora ho realizzato che in un certo senso la Svizzera è «più grande» degli USA. Ha così tanto da offrire. Così si è rafforzato il sogno di creare una «via segreta» attraverso la Svizzera.

Einsiedeln

6 3

Herisau, capitale dell’Appenzello Esterno

6 Il Lago di Ägeri e come sfondo le Alpi di Uri 4

La città e il castello di Rapperswil, sull’estremità superiore del Lago di Zurigo

5

Stupefacente barocco: il convento di Einsiedeln

Come lo ha realizzato? Per 15 anni sono stato il solo a crederci. Nel 2003 ecco la prima tappa e subito dopo è arrivata l’e-bike FLYER. Cosa rende unico l’itinerario del cuore? Gli ospiti che mi riferiscono di aver riscoperto la Svizzera mi riempiono di particolare gioia. È la magia degli itinerari segreti, per me il turismo è proprio questo. Paul Hasler (54) da 25 gestisce un «Ufficio per utopie» a Burgdorf nel quale nascono progetti come l’itinerario del cuore.

Maggiori dettagli su: MySwitzerland.com/itinerariodelcuore

35


Fixed Gear: Patrick Seabase

Berna

Männlichen, Grindelwald


Dead Ends La via è la meta, si dice. Soprattutto quando la strada a un certo punto si interrompe. Il ciclista estremo Patrick Seabase ha testato per MySwitzerland i vicoli ciechi della Svizzera con la bici da pista a una marcia. Foto: Maurice Haas


Grigioni

Avers


Vallese

Lac de Mauvoisin, Bagnes


Altre immagini: MySwitzerland.com/senzauscita


Ticino

Lavizzara, Lago del Sambuco

43


Dead Ends: Titel prima bici? Una Patrick Seabase, qual è stata la sua mountain bike a otto anni. Ma mi piaceva molto di più lo skateboard. Dunque la passione per il Fixie è arrivata dopo? Sì, molto dopo. Circa dieci anni fa ho provato la prima bici da pista. Inizialmente ne ho apprezzato soprattutto l’estetica semplicissima. La trovavo piena di stile. Aveva davvero soltanto l’essenziale. Cos’ha di speciale il Fixie? La ruota è adatta alla pista da corsa. Senza cambio, modalità in folle o freni. La pedalata deve sempre essere costante, sempre! La velocità si riduce solo bloccando con forza la ruota posteriore. Per dare un’idea, è come essere attaccati saldamente a un razzo. Cosa c’è dietro il progetto «Dead Ends»? A parte la bellezza dei luoghi, il progetto ha anche un aspetto psicologico. Un vicolo cieco non è certo il più popolare tra gli itinerari. Non è un passo, perché non si traversa la montagna. Io suggerisco di non considerare soltanto i passi. In Svizzera esistono tante strade così affascinanti che vale la pena di ripercorrerle nell’altra direzione. Il Fixie è la sua passione. Quanti dei suoi tatuaggi riguardano il ciclismo? Solo uno: il profilo montano del «Seabase 1910».

44

my Switzerland  LA NATURA TI RIVUOLE


© Maurice Haas / 13 Photo

Il 34enne Patrick Seabase è il corridore di Fixie più famoso in Svizzera, se non addirittura del mondo. Con la sua bici da pista «Fixed Gear» affronta i passi più ardui. Da notare: con una sola marcia e senza freni. L’ITConsultant oggi è soprattutto ciclista di professione. Tra i suoi sponsor vi sono anche BMC, Red Bull, Samsung, Continental e IWC.

Regionaler Naturpark Gruyère Pays-d’Enhaut

Naturschutzgebiet La Pierreuse unter der Gummfluh

45


Bike-City: Ginevra

Tour de Genève Nessuno meglio dei corrieri in bici conosce le città. Tengono d’occhio solo l’orario o ammirano anche i luoghi che attraversano? MySwitzerland ha seguito Johan nel suo giro in bicicletta per farsi mostrare le attrazioni della città sul Rodano. Testo: Christian Sidow Foto: Maël Vagneux

46

my Switzerland  LA NATURA TI RIVUOLE


11.32

Resta sul sentiero per biciclette. Il corriere ginevrino Johan si fa elegantemente strada con la sua bike tra la gente. Ma i turisti guardano solo il loro cellulare. «Non si può fare a meno del selfie con il Jet d’Eau 1 . Ma oggi voglio farti vedere una Ginevra diversa», dice Johan. Con agilità sale su per il ciottolato dei vicoli del centro storico fino alla Cathédrale Saint-Pierre 2 . Una volta su, ancora 157 scalini per salire in cima alla torre della chiesa e ammirare la vista. Ma Johan deve proseguire quasi subito. Passa accanto a bei negozi e invitanti caffè, raggiunge il Mur des Réformateurs 3 e continua attraversando la grande Plaine de Plainpalais 4 , quartiere di vita notturna. «Qui la sera devi fare molta attenzione a non investire i festaioli.» Ma a quest’ora di giorno non c’è pericolo. Alla fine della Rue de l’École-de-Médecine, ecco la prossima attrazione. Il Pont Hans-Wilsdorf, 5 dal nome del fondatore di Rolex, è anche un capolavoro architettonico. Poi lungo il fiume fino al Pointe de la Jonction 6 dove l’Arve, un po’ torbido, sfocia nel limpido Rodano.

11.48 Tour con Johan

Una pausa all’ombra dei riformatori.

Il 30enne Johan Oberson è corriere in bici per Factotum, a Ginevra. Orafo di professione, su suggerimento di amici che già lo facevano ha provato a diventare corriere in bici ed è rimasto. Lo fa ormai da cinque anni.

47


12.24

Ginevra è più verde di quanto si pensi.

Ci sono dappertutto pontili di legno da cui ci si può tuffare. Il sole, quasi perpendicolare, riscalda il mio elmetto: un ottimo modo di rinfrescarsi. Lungo il Quai du Rhône arriviamo poi al Bâtiment des Forces Motrices 7 . L’allora centrale idroelettrica oggi è un teatro. Ora una pausa. Nel La Barje, sul fiume, ci sediamo all’aperto e ci rifocilliamo ascoltando musica. Un posto davvero invitante. «Ti mostro ora il punto di ritrovo non ufficiale dei corrieri», dice Johan rimontando sulla bici. Al di là del fiume ecco la Place de Saint-Gervais 8 . «Un posto centralissimo, tanto che ci vediamo qui nell’attesa degli incarichi. Oggi però sono tutti indaffarati, pare.» Continuiamo verso il Quartier des Grottes 9 . A soli 100 m dalla stazione centrale, Ginevra ha un tocco paesano. Qui è particolarmente interessante il complesso di edifici Les Schtroumpfs, che ricorda Gaudí, Hundertwasser e, ovviamente, i Puffi. «Questa non è la Ginevra delle banche e degli orologi», dice Johan sorridendo. Con queste impressioni ci avviamo a finire il giro.

13.15

Un soggetto così è irrinunciabile.

13.47

Qui anche la strada è un museo.

48

my Switzerland  LA NATURA TI RIVUOLE


49

6

Pointe de la Jonction

LE RHÔNE

Noleggio: Rent a Bike alla stazione noleggia city bike. Per le bici da corsa si va invece nella Rue des Grottes 22.

L’A

Percorsi: in genere si tratta di vie ciclistiche tracciate o di strade naturali lungo l’Arve.

Tempo di guida: con sightseeing il tour dura 4,5 ore. Ma i corrieri su bici fanno il percorso in meno di un’ora.

di Johan

Tour de Genève

RV E

5

Pont Hans-Wilsdorf

LES PLAINPALAIS

* Bar *

LES DÉLICES

Quartier des Grottes

4

8

Université

2

LAC LÉMAN

Monument Brunswick

10

LES PÂQUIS

Cathédrale Saint-Pierre

CITÉ

Mur des réformateurs

3

Place de Saint-Gervais

Plaine de Plainpalais

7

La Barje

LE SERVETTE

9

F CF RE GA

Le Reposoir

1

EAUX-VIVES

Jet d' Eau

LES TRANCHÉES

Bains des Pâquis 11

12


14.42

Il Rodano è il cuore vivo della città.

Passiamo sotto il ponte ferroviario e poi per scorciatoie varie – evitiamo vie a senso unico – costeggiamo il monumento Brunswick 10 e torniamo al lago. Qui, proprio di fronte al Jet d’Eau, ci sarebbe la piscina all’aperto Bains des Pâquis 11 , ma Johan preferisce farmi vedere Le Reposoir 12 . Un percorso di dieci minuti lungo il giardino botanico, verso periferia. Il ristorante con stabilimento balneare offre una splendida vista sul monte Salève. Com’è bello rinfrescare i piedi nel lago dopo un paio d’ore in bici e ripensare all’esperienza appena fatta.

16.00

Il Jet d'Eau è visibile anche da Le Reposoir.

«Al lavoro pedalo a tutta birra. Ma appena finito il turno, mi godo la città come fossi un turista.»

50

my Switzerland  LA NATURA TI RIVUOLE


5 consigli ai city biker

3 Zurigo

Città-campifiume Shopping tour 5

Basilea

1 Winterthur

Via industriale

Zurigo Turismo ti guida con la country bike nel percorso che dalla Stazione Centrale costeggia la Limmat e prosegue fuori città, sull’Uetliberg.

175 km di percorsi ciclistici attraverso la città. 15 km di essi lungo il sentiero culturale industriale. ripercorri 200 anni di storia industriale passando davanti a 20 attrazioni.

2 Lucerna

Highway bici L’ampio percorso tra Lucerna e Horw segue il tracciato dell’antica ferrovia. Qui si vede Lucerna da tutta un’altra prospettiva.

Un tour culturale e di shopping su due ruote? A Basilea è possibile. Questa route copre un ampio itinerario che dalla Messeplatz procede via porto sul Reno al Ponte Medio. Sul percorso vi sono punti di interesse artistico, storico, naturalistico e architettonico. E, naturalmente varie possibilità di fare shopping, dal centro commerciale al negozietto d’artigianato.

4 Losanna

Promenade Il Lago di Ginevra è visibile da quasi ovunque in città. Ma è consigliabile percorrere la Promenade ad esempio con la bici da Dorigny a Ouchy e lì fare un tuffo nel lago.

5

3

1

2 4

Altri itinerari per bici nelle città della Svizzera: MySwitzerland.com/ citybike

51


Gourmet: creazioni di pasta

Martin Dalsass, premiato con una stella Michelin e 18 punti GaultMillau, vizia gli ospiti nel ristorante Talvo di Champfèr, vicino St. Moritz. Ha creato i ravioli con i gallinacci che raccoglie nel bosco vicino.

1

52

my Switzerland  LA NATURA TI RIVUOLE


Energia per buongustai Ai ciclisti serve l’energia della pasta. Ma: non solo alla bolognese. MySwitzerland ha chiesto ad alcuni chef stellati svizzeri di crearne una per buongustai. Martin Dalsass, che in Engadina pratica la mountain bike con entusiasmo, apre le danze. Testo: Lucas Roos Foto: Ladina Bischof


Almeno una volta la settimana Guy Ravet inforca la sua bici da corsa. ÂŤNella Regione Lago di Ginevra vi sono tanti bei tour, basta avere il tempo per farli.Âť


2 Guy Ravet, premiato con una stella Michelin e 19 punti GaultMillau, cucina nell’azienda familiare Ermitage des Ravet a Vufflens-le-Château. La ricetta dei tagliolini di grano saraceno contiene burrata italiana, pomodori del vicino campo e basilico del suo giardino.

55


3 Tanja Grandits, due stelle Michelin e 18 punti Gault-Millau, è cuoca nel ristorante Stucki, Basilea. Colori ed erbe aromatiche sono importanti nella creazione dei suoi piatti, tra cui gli spaghetti alle vongole e fiori di finocchio. Il verde è fresco come il giardino.

56

my Switzerland  LA NATURA TI RIVUOLE


ÂŤAdoro andare in biciÂť, dice Tanja Grandits. La bici da trekking le serve per rilassarsi; nei suoi tour se la prende comoda e si gode splendidi momenti.


Pasta fatta in casa

e

Tanti chef rinomati fanno da sé la pasta. Per un buon impasto non servono stelle o punti: bastano farina, uova e sale.

1 Martin Dalsass, ristorante Talvo, Champfèr

Ravioli del plin con gallinacci Ricetta di base 1. Mettere farina, uova e una presa di sale in una scodella. Lavorare l’impasto fino a renderlo omogeneo. 2. Coprirlo con un canovaccio umido e lasciare riposare per almeno un’ora. 3. Rilavorare poi l’impasto e stenderlo in una sfoglia sottile. Tagliare a strisce o riempire, secondo il tipo di pasta. Vuoi dare un tocco speciale alla tua pasta? Segui i consigli dei nostri chef: Martin Dalsass nei suoi ravioli mette una nota verde con gli spinaci cotti e frullati. Per i tagliolini Guy Ravet usa semolino e grano saraceno integrale. Raffina poi l’impasto con 3 cl di olio d’oliva vergine. Tanja Grandits versa la pasta appena cotta direttamente sul condimento e mescola il tutto.

58

my Switzerland  LA NATURA TI RIVUOLE

e

Per 4 persone: 300 g a persona di pasta normale e pasta verde. Ripieno: 1 stinco anteriore di vitello, 1 cipolla, 1 carota, 1 piccolo sedano rapa, timo, rosmarino, vino bianco, sale, pepe, 100 g parmigiano, 2 uova, 10 g prezzemolo, 20 g mascarpone. Condimento: 200 g gallinacci, 2 dl succo di vitello Preparazione 1. Stufare lo stinco in forno finché diventa molto morbido con cipolla, carota e sedano rapa, aromatizzare con timo, rosmarino, vino bianco, sale e pepe. Togliere l’osso ed estrarre il midollo. Mixare le radici e il succo di carne nel tritacarne, piastra media. Aggiungere parmigiano, mascarpone, uova e prezzemolo e impastare. Assaggiare. 2. Con un cucchiaio, distribuire l’impasto in piccole porzioni su una metà della pasta stesa. Lasciare 4 cm di spazio tra i mucchietti di ripieno. Ricoprire con l’altra metà della pasta e premere gli spazi vuoti con le dita per chiudere tutt’intorno la pasta. Ritagliare con un coltello i ravioli in quadrati di 2 × 2 cm. 3. Riscaldare l’olio in una padella e far rosolare i gallinacci, aggiungere il succo di carne e cuocere brevemente. Versarvi i ravioli del plin. 4. Distribuire su un piatto con erbette aromatiche.


2 Guy Ravet, Ermitage des Ravet, Vufflens-le-Château

Tagliolini con burrata e pomodori

3

e

Tanja Grandits, ristorante Stucki, Basilea

Spaghetti alle vongole con fiori di finocchio

Per 4 persone: 400 g tagliolini di grano saraceno 300 g burrata, 400 g pomodori piccoli, di diversi colori, 15 cl olio d’oliva, 100 g pesto al basilico, 1 mazzetto di basilico

e

Preparazione 1. Togliere il liquido alla burrata e montare con una presa di sale, pepe e 5 cl di olio d’oliva.

Per 4-6 persone: 6 cucchiai olio d’oliva, 4 scalogni a pezzetti, 2 spicchi d’aglio tritati, 1 cucchiaino di semi di finocchio pestati al mortaio, 2 finocchi a dadini di 1 × 1 cm, 1 peperoncino verde tritato, senza semi, 2 kg vongole pulite, 1 rametto di barba del finocchio (o aneto), tagliato e tritato, 2 dl vino bianco, sale, 500 g spaghetti, 1 pugno fiori di finocchio

2. Lavare i pomodori togliendo con cura il picciolo senza tagliare la polpa. Preriscaldare il forno a 120°. Distribuire i pomodori su una piastra, condirli con sale, pepe e un po’ di zucchero e cospargere di olio d’oliva. Cuocere per 30-40 min finché saranno caramellati.

Preparazione 1. Scaldare l’olio in una pentola. Versarvi scalogni, aglio, finocchi, peperoncino e semi di finocchio e cuocere brevemente. 2. Aggiungere le vongole e sfumare con il vino bianco. Coprire e far cuocere per circa 3 min. 3. Estrarre le vongole con una schiumarola e staccare i ²∕³ dei gusci. Cuocere finché il liquido si riduce della metà.

3. Cuocere per circa 2 min i tagliolini al dente, scolare. Tenere 10 cl di acqua di cottura e versarvi i tagliolini con un po’ di burro. 4. Con una forchetta disporre i tagliolini a forma di nido, mettere la burrata al centro e distribuirvi intorno i pomodori caramellati, il pesto e le foglie di basilico.

4. Cuocere gli spaghetti al dente, scolare e versare nel sugo di vongole. Aggiungere le vongole e la barba di finocchio, mescolare e assaggiare. Cospargere con i fiori di finocchio.

Altri consigli: MySwitzerland.com/culinary

59


Wellness: Bärner Meitschi

Bike, Spa e gioia I Bärner Meitschi in genere si incontrano a Berna. Vi cercano la colazione migliore, testano nuovi bar e provano le lezioni di yoga. Tre delle blogger sono andate per MySwitzerland nell’Oberland bernese con delle amiche. Lì si sono divertite con bike e wellness. Testo: Caroline Hulliger Foto: Anja Zurbrügg e Yasmina Heni

60

my Switzerland  LA NATURA TI RIVUOLE


Tour in mountain bike tra amiche, in allegria (da sinistra): Stefanie Inniger (bike-guide), Caroline Hulliger (Bärner Meitschi), Salome Egli, Angela Huerta, Yasmina Heni (Bärner Meitschi).

Q

La mia mountain bike già da un po’ non respira aria di montagna. Ma da bambina la usavo tanto: non appena finiva la stagione degli sci, io e i miei fratelli tiravamo fuori le bike. Quando ad Adelboden salgo sulla modernissima bike BMC mi sembra di tornare bambina. Prima saliamo in ferrovia a Silleren, dove lasciamo ai monopattini il tratto asfaltato, mentre noi ci rechiamo al Hahnenmoos su un pietroso sentiero montano. La guida ci consiglia di staccarci un po’ di più dal sellino e di tenere i pedali ben paralleli. Freniamo solo quando serve, per il resto ci lasciamo andare. Ed ecco che la paura iniziale svanisce e iniziamo ad ammirare lo splendido panorama alpino.

Lasciarsi andare: Bärner Meitschi Caroline in azione.

61


Dopo un intenso tour in mountain bike, l’odoroso bagno aromatico ai fiori è proprio quello che ci vuole.

Esperienza montana diversa: le montagne di Adelboden ammirate dalla piscina esterna.

62

my Switzerland  LA NATURA TI RIVUOLE


o

Di ritorno al nostro raffinato Parkhotel Bellevue & Spa di Adelboden, l’abbigliamento sportivo lascia il posto al bikini e all’accappatoio. Non vediamo l’ora di poterci godere il meritato relax dopo la pedalata. Nel bagno di vapore ai fiori (40° C) è una vera goduria, tutte si massaggiano le gambe. Qui corpo e spirito si rigenerano in fretta dopo l’attività sportiva. Dopo esserci rinfrescate nella piscina coperta passiamo al bagno salino all’aperto (34° C), dove le imponenti montagne sembrano vicinissime. Che vista fantastica! L’acqua inizia a gorgogliare e rilassa la muscolatura ancora tesa. Sorrido fra me e me, ho in mente una vecchia melodia (com’è bello l’Oberland bernese).

Un giro in mountain bike all’insegna della felicità e del relax che ricorderemo per molto tempo.

Caroline si prepara per andare a cena nel ristorante gourmet dell’albergo. In alto: dopo una giornata intensa in montagna, una meritata carezza gastronomica.

63


L’esclusiva qualità svizzera.

Inclusa in ogni volo.

swiss.com

Made of Switzerland.


5 consigli per bike e wellness

1 Thun-Gwatt

Deltapark

3 Brunnen

Waldstätterhof Il Seehotel Waldstätterhof è degno del suo nome. Dopo il giro intorno al Fronalpstock si passa allo stabilimento balneare dell’hotel.

Il Deltapark Vitalresort sul Lago di Thun è dedicato al movimento e al riposo. Questo imponente impianto wellness con piscine, saune e trattamenti è l’ideale dopo il giro in bike.

5 Zermatt

Alpenhof Le vacanze nell’Hotel Wellness Alpenhof offrono al contempo tranquillità, natura e avventure in bike. Questo hotel familiare è in posizione centrale, tranquilla e soleggiata. Proprio di fronte alla funivia Sunnegga, con cui si raggiungono rapidamente i più bei itinerari su bike con vista sul Cervino.

4 2 Samnaun

Montana Hotel Wellness Chasa Montana: il giro in bike parte direttamente da lì. Dopo una giornata intensa, niente è meglio del relax nel bagno romano.

Ascona

Delta Il Parkhotel Delta gode di una posizione privilegiata, tra il tranquillo lago e la sfida delle montagne. Quest’oasi con parco subtropicale è ideale per gli amanti del relax e per i biker.

3

2

1 5

4

Altri Hotel Wellness per biker e buongustai: MySwitzerland.com/ benessere

65


Ritorno alla natura Sono tutti nella natura: presso laghi, montagne o cittadine. Ideali per allontanarsi dal solito tran tran, riposarsi e fare piacevoli tour in bici. MySwitzerland ti presenta 64 alloggi che non hanno certo bisogno di nascondersi.

Viaggi volentieri con la bici? Gli Swiss Bike Hotel fanno al caso tuo. MySwitzerland.com/bikehotels

66

my Switzerland  LA NATURA TI RIVUOLE


Opuscolo: Estate in hideaways

Opuscolo esaurito? MySwitzerland.com/hideaways

67


Tour per famiglie: sulle tracce dei dinosauri

Jurassic Park Nel tranquillo paesaggio dell’Ajoie ogni tanto si ritrovano tracce di dinosauri. Viaggiare a ritroso nell’era primordiale è come essere al cinema. Claudio, Irene, Marie Lotta e Hanna hanno esplorato lo Jura in bicicletta, ovviamente sull’itinerario Jurassic Bike. Testo: Claudio Zemp Foto: Irene Balmer

68

my Switzerland  LA NATURA TI RIVUOLE


69


Certo, si suda un po’. Ma l’Ajoie, scarsamente popolata, ricompensa le fatiche. Sui sentieri si incrociano escursionisti, ciclisti e a volte anche un cavallo al galoppo.

Attraversiamo il bosco, verso la preistoria. Il Préhisto-Parc è quasi surreale. Dà i brividi. Ecco una tartaruga preistorica. Lì, tra i rami, uno pteurodattilo e dai cespugli fa capolino un lucertolone preistorico: il fratello minore del T-Rex? Tra l’altro: l’aculeata dama a lato si chiama Saichania.

70

my Switzerland  LA NATURA TI RIVUOLE


Dino & Co. Nel Préhisto-Parc Réclère, in un percorso nel bosco di 2 km si trovano 45 riproduzioni in grandezza originale di dinosauri e altri animali preistorici, anche quelli illustrati in basso.

Stegosauro

Deinonico

Molto prima delle montagne, presso il Banné si estendevano lagune tropicali superficiali. Ora scaviamo e cerchiamo nelle marne: la roccia contiene numerosissimi fossili come la sabbia del mare. I paleontologi novelli possono tenere i fossili trovati. Le sacche si colmano presto di conchiglie, chiocciole e denti di coccodrillo pietrificati. Hanna e Marie Lotta sono tutte prese dalle scoperte.

Ipsilofodonte

Courtedoux Sentiero didattico Porrentruy Jurassica Museum

Réclère Préhisto-Parc

Pteranodonte

Montvoie

Ferme Montavon Parasaurolofo

71


La Ferme Montavon della famiglia Aebi è vicina al Préhisto-Parc di Réclère, al confine con la Francia. Oltre a mucche e vitelli, vi vivono quattro asini e delle rare capre Colomba. I bambini possono dare una mano. Samuel il contadino e i figli hanno costruito il castello di fieno. Si dice che nel fienile vi sia un passaggio segreto all’era dei dinosauri: ed ecco che dormire sulla paglia è ancora più entusiasmante. 72

my Switzerland  LA NATURA TI RIVUOLE


5 consigli per famiglie

3 Bellinzona–Locarno

Piano di Magadino 1 Sierre–Martigny

Itinerario del Rodano La valle del Rodano si percorre in discesa costeggiando vigneti e antichi castelli, ma attenzione: in Vallese soffia un forte vento contrario quando fa bello.

Il tour per famiglie costeggia il fiume Ticino prima di raggiungere il fascino meridionale e il clima mediterraneo del luogo sul Lago Maggiore.

4

5 Ziegelbrücke–Rapperswil

Pianura della Linth-Lago di Zurigo Lungo il dritto canale della Linth e l’Obersee si arriva nella regione di Bollingen, da cui proviene la pietra arenaria della chiesa abbaziale di San Gallo e del Grossmünster di Zurigo. La passerella da Rapperswil-Jona a Pfäffikon è un breve percorso a piedi.

Rorschach–Romanshorn

2 Vallorbe–Nyon

Itinerario dello Jura Imperdibile il panorama sul Col du Marchairuz nel Parco naturale Jura vaudois. Poi si prosegue verso il Lago di Ginevra.

Lago di Costanza

Lungo il «Mare svevo», altro nome del terzo lago interno mitteleuropeo, vi sono pittoreschi lungolago con spazi giochi, stabilimenti balneari, parchi e ristorantini con specialità di pesce.

4 5 2 1

3

Altri itinerari per bici per la famiglia: MySwitzerland.com/ famiglie

73


Outdoor: passi alpini

Max Küng Gioie e difficoltà della montagna.

A un mio amico belga vengono gli occhi lucidi ogni volta che ci vediamo. Sicuramente è contento di rivedermi, ma la sua emozione in realtà è dovuta a qualcos’altro: il mondo alpino. Condividiamo la passione per il ciclismo da corsa, dunque quando ci incontriamo gli torna in mente che vive in Belgio, un paese in cui la montagna più famosa per gli appassionati di questa disciplina si chiama Koppenberg. Altezza? 77 m s.l.m. Il mio amico, costretto in un paesaggio piatto, ha nostalgia di montagne e passi che le attraversano, che tuttavia sono molto lontani. E ogni volta che ci vediamo, mi rendo conto di quanto sono fortunato. Certo, non tutti hanno il nostro stesso entusiasmo. Quando di recente gli ho detto che avrei attraversato il mio passo preferito, il San Bernardino, mio suocero ha scosso la testa: «Meglio tu che io», ha detto, secco. Ha assolutamente ragione. Meglio io che qualcun altro, perché salire su una montagna è la cosa più bella che ci sia: in quei momenti esistono solo la persona e la montagna. Nel caso del San Bernardino si inizia a sud, dove vi sono palme, strada dritta e pianura. Proseguendo vi sono sempre meno abitazioni e più alberi, e il percorso diventa ripido. Il paesaggio cambia

74

my Switzerland  LA NATURA TI RIVUOLE

di continuo, gli abeti irradiano il loro profumo fin quando gli alberi terminano e tutt’intorno non c’è altro che solitudine e terreno spoglio. Si sale sempre più attraverso strade di montagna splendidamente incastonate nella natura: è bello ammirare con calma l’arte ingegneristica mentre il cielo si avvicina sempre più, dando la sensazione di lasciare piano piano questo mondo.

Niente di meno di una piccola ma vera avventura. E poi c’è sempre un momento in cui si riflette sul senso di tutto ciò: quando la pendenza è particolarmente ripida, quando fa molto caldo, quando il polso accelera a 180 battiti o più e la testa pulsa e il sudore cola sugli occhi facendoli bruciare. Ma poi arriva un soffio di brezza leggera o si offre una vista particolarmente suggestiva sul percorso dietro di sé, una marmotta fischia impertinente, il cielo blu e le cime delle montagne si riflettono fedelmente in un limpidissimo lago di montagna. E dopo poco, ecco il punto più alto: si appoggia la bici al cartello del passo per scattare la tradizionale foto ricordo e, indossata la giacca a vento e fatto uno spuntino con una banana, si prosegue dall’altro lato della montagna e di nuovo giù per le curve tutte diverse tra loro, il vento tiepido contro il viso.


A casa, la sera, con le gambe stanche e gli occhi chiusi, la mente ancora immersa nelle impressioni della giornata, l’esperienza vissuta continua a riscaldare il cuore. Perché si è trattato di una vera e propria avventura, per quanto piccola. L’unico elemento incerto è se si tratta di dormiveglia o di sogno, ma due cose sono sicure: la sensazione di essere vivi e la felicità che si prova. In un libro, un romanzo del titolo «Wenn du dein Haus verlässt, beginnt das Unglück» (l’infelicità inizia quando te ne vai di casa), il personaggio principale è un uomo di mezz’età il cui obiettivo è percorrere entro l’anno, in bici da corsa, tutti i passi della Svizzera in ordine alfabetico, 127 in tutto, dal passo dell’Ächerli al Susten fino al Wolfgang. Un ottimo libro, tra l’altro. E io posso dirlo, perché l’ho scritto io. Ma le intenzioni di quest’uomo sono ambiziose e anche io, lo confesso, voglio attraversare tutti i passi della Svizzera. Una cosa la so: non posso farcela in un anno o due. Nel corso della vita, però, l’impresa è realizzabile. Max Küng (49) è scrittore e ciclista entusiasta. Dal 2000 scrive regolarmente colonne e reportage per «Das Magazin» del Tages-Anzeiger e, ogni tanto, un libro.

Per i fan di curve e tornanti

Gli eventi «Ride the Alps» che si terranno dall’estate 2018 metteranno a disposizione esclusiva dei ciclisti alcuni passi alpini svizzeri selezionati. Le strade chiuse al traffico non oppongono ostacoli ai corridori ambiziosi su bici da corsa e attenti ai tempi di marcia e ai ciclisti alla ricerca di salite comode e discese rilassanti, ce n’è per tutti. La migliore qualità delle strade, panorami mozzafiato e ospitalità: le strade dei passi liberi sono ideate proprio per godersi un’esperienza ciclistica di prima classe. Libera circolazione. Luoghi e date su: ridethealps.ch

75


Attrezzatura: un must per i ciclisti

6

I più begli itinerari svizzeri per bici da corsa incluso trasporto bagagli, prenota il tuo alloggio su: MySwitzerland.com/bicidacorsa

76

my Switzerland  LA NATURA TI RIVUOLE

© Maya & Daniele

5


2

3

Un bel percorso su bici da corsa

1

4

Il fascino della bici da corsa consiste un po’ anche nei suoi rituali. Si comincia già indossando gli abiti aerodinamici 1 e con la rasatura 2  delle gambe prima di partire. I polpacci lisci riducono l’attrito con l’aria ma consentono anche di fare un miglior massaggio  3 dopo una giornata trascorsa a pedalare. Poi si preparano lo spuntino calorico 4 e la bevanda 5  da consumare per strada, e finalmente in sella alla bici   6 per affrontare il prossimo passo alpino (o il lungolago).

77


Sintonia totale con la mountain bike

4

2

Fare mountain bike ha analogie con la vita: un costante sali e scendi verso il sole  1 per scattare la classica foto panoramica 360° una volta arrivati in cima  2 . Poi si

scende di nuovo su percorsi sterrati le sospensioni della bike  3 rendono piacevole come una passeggiata, o quasi, anche il percorso più arduo. In caso di incontro troppo ravvicinato e involontario con i percorsi sterrati, è utile avere con sé un elmetto  4  , la pettorina  5 o un set di primo soccorso completo  6 .

© Maya & Daniele

5

78

my Switzerland  LA NATURA TI RIVUOLE


6

3

1

Indimenticabili percorsi per mountain bike con piĂš tappe e senza bagaglio partono da qui: MySwitzerland.com/mtb

79


1

Trovi piacevoli tour con e-bike incluso trasporto bagagli e alloggio su: MySwitzerland.com/cicloturismo

80

my Switzerland  LA NATURA TI RIVUOLE


Fantastici tour con l'e-bike

5

6

4 2

Un viaggio rilassato, un arrivo tranquillo: potrebbe essere il motto degli e-biker. Per i ciclisti e gli «esperti» il percorso è la meta, ma con la bici  1 elettrica ci si gode soprattutto il luogo di destinazione. Grazie all’azione propulsiva di supporto, si risparmiano le forze anche per fare il bagno  2  , giocare   3 e leggere 4 . Gli e-biker in Svizzera   5 raggiungono praticamente qualsiasi luogo, e con dignità  6 .

© Maya & Daniele

3

81


Bike con gusto: Turgovia

Pronti, attenti, via! Chi va in bici in Turgovia capisce perché la regione è chiamata anche «India del mosto». Le mele sono al centro di tutto. Cosa si fa con questi frutti lo si apprende man mano. Testo: Lucas Roos Foto: Martin Mischkulnig

Altnau Steinebrunn Neukirch

82

my Switzerland  LA NATURA TI RIVUOLE

Arbon


83


e Roland Essiccati, non pressati: nella loro fattoria, Monika producono ottimi anelli di mela.

Kauderer

La praticità del ciclismo in Turgovia: distanza breve tra un succo e l'altro.

A

lberi di mele. Prati. Alberi di mele. In un giro di piacere in bicicletta attraverso la Turgovia si vedono alberi di mele a perdita d’occhio, ma non quel che ruota tutt’intorno alla mela. In sostanza, da settembre 2018 il tour ad Arbon parte con un certo ritardo perché si inaugura il centro visitatori della Mosterei Möhl. Il primo e unico museo svizzero della distilleria e del succo è dedicato interamente alla mela e alla tradizione culturale della produzione di sidro. Ma il momento della spremitura delle mele non è ancora arrivato, quindi affondo sui pedali e proseguo verso Steinebrunn, con vista sul lago. Prati. Alberi di mele. Prati. A poca distanza di ruota, a sud di Steinebrunn, ecco l’attrazione locale: una fattoria delle mele, ovvio. Nell’azienda della famiglia Kauderer la mela – simbolo svizzero della libertà dai tempi di Guglielmo Tell – viene essiccata, non pressata. Cos’altro potrebbe desiderare una mela? Roland Kauderer è ad ogni modo un maestro indiscusso nella procedura di essiccazione. I visitatori possono vedere la produzione dei famosi anelli in un giro guidato di due ore. Assaggio consentito, poi si passa agli acquisti nel negozio annesso.

A Neukirch an der Thur

84

i campi di mele sono a

my Switzerland  LA NATURA TI RIVUOLE

perdita d’occhio.


Durante un tour in bici in Turgovia non si incontrano solo alberi di mele ma anche tanti agricoltori. diverse varietà di mele nella sua Hansruedi Schweizer coltiva 250 der Thur. azienda frutticola di Neukirch an

Alberi di mele. Prati. Alberi di mele. Da Steinebrunn a Schönenberg, ancora mele e pere. Constato che non c’è una pera uguale all’altra, e che lo stesso vale per le mele. A Neukirch an der Thur, paese vicino a Schönenberg, si trova la fattoria di Hansruedi Schweizer, che produce 250 varietà di mele, una delle quali è usata per un prodotto cosmetico. Le società di cosmesi impiegano le fito-cellule staminali della mela Uttwiler Spätlauber, nota perché si conserva a lungo e non raggrinzisce. Non si finisce mai di imparare. Prati. Alberi di mele. Prati. Proseguo il mio giro verso il lago, per essere precisi in direzione Altnau, dove c’è un’altra fattoria. Nel Feierlenhof della famiglia Barth si possono gustare le mele o persino diventare padrini di un albero di mele. La stanchezza si fa sentire e io decido di pernottare qui, nel Bubble-Hotel: una sorta di boccia di vetro sotto il cielo stellato e gli alberi di mele.

Specialità a base di mele e pernottamento nel Bubble-Hotel: nel Feierlenhof di Reinhard e Rita Barth è consigliabile pernottare.

85


Il frutto degli svizzeri

La frutte più amata in Svizzera è la Malus domestica. Ecco alcune croccanti cifre su questa mela.

calorie in un dl di succo di mela con acqua frizzante; tra l’altro è una bevanda isotonica naturale.

1

albero soltanto in

Gala

26 %

22 %

chilogrammi il

consumo di mele a persona, in un anno. Gli svizzeri le preferiscono persino al cioccolato (11,7 kg).

Le sei varietà di mela più amate in Svizzera

Pink Lady

Svizzera produce ancora la varietà Alant. Questa, molto robusta e resistente, oggi viene incrociata in modo naturale con altre varietà.

15,8

25

Golden Delicious

8 %

Jazz

11 %

Topaz

15 %

Braeburn

18 %

Turgovia

140 000 t

di mele all’anno raccolte

Vaud

>20 000

sono le varietà nel mondo; solo poche, tra cui Gala, Golden Delicious, Braeburn e Jonagold, vengono coltivate come frutti da tavola. 86

my Switzerland  LA NATURA TI RIVUOLE

1307

Vallese

anziché il 1291 fu l’anno in cui Guglielmo Tell centrò la mela col suo arco. Fino a 100 fa, l’8 novembre 1307 era ancora considerata la nascita della Confederazione.

dagli agricoltori svizzeri, di cui ²∕³ nelle maggiori aree di coltivazione.


5 consigli per cicloturisti

3 Bellinzona–Cavergno

Percorso Valle Maggia 1 Liestal–Laufen

Chirsi-Route

Il rigoglioso Piano del Magadino, la vivace città di Locarno e infine la romantica Valle Maggia: tre scenari magnifici in un solo tour.

L’itinerario passa accanto a bellissimi ciliegi. È consigliabile farlo in primavera nel pieno della fioritura o, in estate, quando le ciliegie sono già mature.

2

4

Appenzello

Martigny–Leuk

Tour con e-bike Specialità gastronomiche in varie osterie, vista spettacolare sul tipico paesaggio collinare e ospitalità tutta appenzellese: cosa vuoi di più?

5 Sciaffusa–Bad Zurzach

Itinerario del Reno tappa 7 Questo itinerario lungo l’Alto Reno inizia in modo spumeggiante, con le cascate del Reno. Poi il Reno si placa e scorre placido, con un ritmo congeniale alla bicicletta. Romantiche pianure fluviali e paesini storici sul Reno: questa tappa è una vera esperienza culturale su due ruote.

1

Vignoble Questo itinerario sul soleggiato fianco nord della valle del Rodano è un saliscendi tra vigneti ben curati e località e borghi vitivinicoli ricchi di storia, dove si può tra l’altro degustare il vino bianco.

4

5

2

3

Altri itinerari per bici per la famiglia: MySwitzerland.com/ cicloturismo

87


Prix Bienvenu: hotel accoglienti

1

Prix Bienvenu I criteri del Prix Bienvenu: attenzione, cordialità, empatia e disponibilità. Il premio svizzero all’ospitalità è assegnato ogni anno a circa 100 hotel svizzeri. La valutazione si basa sui commenti di ospiti di hotel su oltre 250 piattaforme di prenotazione e valutazione. Ecco i vincitori nelle cinque categorie per il 2017.

Hotel di lusso

Suvretta House, St. Moritz

L’Hotel Suvretta House , dal 1912 proprietà della famiglia fondatrice, si distingue per l’ospitalità individuale. Due ristoranti e tre ristoranti di montagna viziano il palato degli ospiti, che si rigenerano con una vasca di 25 m, campi da tennis e per pattinaggio su ghiaccio e aree putting e pitching green. Ä

suvrettahouse.ch

2 Hotel urbano di lusso

Des Bergues, Genève

Primo hotel della città, già due volte premiato con il Prix Bienvenu: Four Seasons Hotel Des Bergues nel cuore di Ginevra. Il fastoso albergo con 68 camere e 35 suite sulle rive del Lago di Ginevra colpisce con il suo fascino nostalgico. Il suo competente personale vizia gli ospiti con la sua rinomata cordialità e il suo impegno. Ä

fourseasons.com/geneva

88

my Switzerland  LA NATURA TI RIVUOLE


3 Hotel urbano

Hotel Uzwil

Hotel business con il fascino di uno hideaway. L’Hotel Uzwil , ricco di tradizione, concilia lavoro, piacere e riposo. 43 camere ben arredate e appartamenti all-inclusive invitano a sentirsi a casa propria per qualche giorno o per un periodo prolungato. L’hotel è anche l’ideale punto di partenza per un tour esplorativo nella regione San Gallo Lago di Costanza. Õ

hotel-uzwil.ch

4

5

Hotel vacanze piccolo e intimo

Hotel vacanze grande

Hotel Gädi, Grächen

Chasa Montana, Samnaun Circondato dai tremila del Gruppo del Samnaun, il Chasa Montana Hotel & Spa è la meta «shopping tax free» più alta d’Europa. Dopo lo shopping o lo sci, il relax è garantito nell’hotel benessere in stile chalet con bagno romano e grotta e ristorante gastronomico stellato La Miranda.

L’Hotel Gädi si distingue per la tranquillità e l’atmosfera familiare. Presso la stazione a valle della favolosa cabinovia per salire verso la Hannigalp e la pista da sci, un accogliente ritrovo per escursionisti, sciatori e buongustai. L’hotel dispone di ristorante, di una nuova area benessere e di un camino per tante serate piacevoli. Ã

À

hotelchasamontana.ch

hotel-gaedi.ch

Più informazioni sui vincitori del Prix Bienvenu e sui 100 hotel più accoglienti della Svizzera su: MySwitzerland.com/ bienvenu

3 5 1

2

4

89


Una selezione: storie estive

La ruota chiama

Partire per dove? MySwitzerland presenta persone e racconti sul tema bici.

1 Vallese

Il tour top 740 km, 20 passi alpini e 10 tappe tra montagna e valle: il «tour in bici nel Vallese» è ricco di highlight e reca l’impronta del corridore vallesano Steve Morabito.

3 Grigioni

2 Aargau

Giro dei castelli Il giro in bici attraverso l’Argovia calca sentieri ricchi di storia. È merito degli Asburgo se così tanti castelli orlano l’itinerario lungo il fiume Aare.

90

my Switzerland  LA NATURA TI RIVUOLE

Natura selvaggia Nel tour con e-bike intorno al Parco nazionale, il protagonista è il paesaggio naturale. L’itinerario conduce attraverso boschi e valli nascoste. Un giro incantevole da poter fare in quattro tappe, meglio se senza bagaglio. Questo viaggia da solo, da hotel a hotel.


4 Jura & Tre-Laghi

Fattorie ospitali La spettacolare cresta dello Chasseral, la vista sulla catena alpina e i famosi muri a secco attirano nello Jura gli appassionati di mountain bike. Per godersi davvero una pausa, l’ideale è sostare in una métairie (osteria di montagna). Nella Métairie du Milieu, lungo il tragitto, la giovane famiglia Krähenbühl serve squisiti prodotti della sua fattoria.

5 Friburgo Regione

Viticoltore on tour Il Monte Vully idilliaco è uno dei piccoli vigneti della Svizzera. Quando non esplora in bici le sue amate terre, il viticoltore Bernard Derron fa la vendemmia.

7 Lucerna-Lago di Lucerna

6 Berna

Quasi come allora Farina integrale del mulino del paese, burro del caseificio e un biscotto apprezzato da oltre un secolo: chi segue le tracce dei dolci Bretzeli di Kambly con la e-bike attraverso l’Emmental fa un viaggio un po’ nostalgico nel passato.

Incontro al vertice

Bruno Risi, ex ciclista su pista, affronta i passi con la bici da corsa. L’itinerario porta ad Andermatt via Furka, Novena e Gottardo. Ogni volta è una sfida contro sè e la montagna. Inoltre: «Decide la ragione».

8 Regione Lago di Ginevra

Passi tutti da godere

Passi solitari e forza muscolare, tentazioni gastronomiche sui lati del percorso e vigneti pittoreschi con vista sulle montagne: le Alpi vodesi entusiasmano e la guida di bici da corsa Alain Rumpf conosce i punti in cui sostare. 91


9 Treno, autobus e battello

Mix vincente Tutti conosciamo gli «Hop on, hop off» dai tour cittadini. In Svizzera, lo stesso principio vale anche per la bici. Gli itinerari per bici sono spesso vicini a una linea di trasporti pubblici. Sull’itinerario del Reno tra Kreuzlingen e Sciaffusa, ad esempio, si può pedalare, ma anche percorrere una tratta in treno o battello. I trasporti pubblici lo consentono: si sceglie in base all’umore. O alla condizione. MySwitzerland.com/swisstravelsystem

92

my Switzerland  LA NATURA TI RIVUOLE


10 Parchi svizzeri

La Route Verte L’itinerario per bici «La Route Verte» include ben sei parchi svizzeri. Attraversa i parchi dell’arco dello Jura da Sciaffusa a Ginevra. Un’esperienza ricca di natura, cultura e incontri interessanti.

11

12 Ticino

Mountain-bike e delizie del palato Sotto la cima del Monte Bar, sul magnifico itinerario di SvizzeraMobile per mountain bike «Lugano Bike», si trova un rifugio CAS che è molto più di quel che sembra. C’è tutto ciò che occorre alle bici e a chi pedala. Oltre alle genuine specialità ticinesi. I giovani gestori, Alessandro e Jvan, ex cuochi di hotel di lusso, ora viziano gli ospiti di Monte Bar secondo tutte le regole dell’ospitalità.

Svizzera Orientale / Liechtenstein

Trails by René

Nel 1999 René Wildhaber fu vice-campione europeo di downhill, oggi progetta trail sul Flumserberg: il luogo deve diventare una meta per la mountain bike. Wildhaber sa quel che fa, è un esperto. I trail hanno una linea fluida e sono costruiti in modo che tutti, principianti e avanzati, possano fare una discesa grintosa...

Leggi qui le storie in dettaglio: MySwitzerland.com/ raccontiestivi

9

2 4

5 10

11

6

3

7

8 1

12

93


LA FABBRICA DI CIOCCOLATO SVIZZERO AP ERTO 7/7

Rue Jules Bellet 7, 1636 Broc +41 (0)26 921 59 60 maisoncailler@nestle.com

CAILLER.CH


Servizio: Svizzera digitale

Torna alla natura con un clic La natura ti rivuole: con la bike, a piedi oppure in ferrovia, autobus o battello. L’estate svizzera ha tante sfumature: dalla montagna più alta al lago più limpido, fino alla gola più profonda. Vieni a conoscerle qui: MySwitzerland.com/estate

1 piattaforma – 777 esperienze Canyoning con Rik nella gola della Viamala o verso le colonie di animali selvatici presso il Niederhorn con Urs: vivi attivamente l’estate svizzera insieme alle persone del posto. MySwitzerland.com/myswissexperience

Novità dalla natura #MySwitzerland

Sui social media trovi immagini, video e storie di ospiti che hanno soggiornato in Svizzera e diventi parte della community condividendo le tue esperienze: facebook.com/MySwitzerland instagram.com/MySwitzerland twitter.com/MySwitzerland innamoratidellasvizzera.com

Nella nostra newsletter trovi le informazioni più recenti per un’indimenticabile estate nella natura svizzera. Iscriviti qui: MySwitzerland.com/newsletter

Sempre informato anche in viaggio

Con le nostre app mobili gratuite, sempre info utili e preziosi consigli a portata di mano. Ora in iTunes, Google Play e Windows Store. MySwitzerland.com/mobile

Best Swiss Hotels

Swiss Hike

Swiss City Guide

Swiss Events

Family Trips

Svizzera Mobile

95


Partner premium strategici

L’associazione degli imprenditori del settore alberghiero svizzero hotelleriesuisse.ch

Svizzera in treno, autobus e battello mystsnet.com

La compagnia aerea della Svizzera swiss.com

Partner strategici Editore Svizzera Turismo Tödistrasse 7 Casella postale 8027 Zurigo Svizzera Caporedattori Samuel Zuberbühler, Diana Rizzo Svizzera Turismo

American Express in Svizzera americanexpress.ch

Performance Bikes bmc-switzerland.com

Chocolat Suisse depuis 1819 cailler.ch

Commercio al minuto e all’ingrosso coop.ch

Autonoleggio europcar.ch

Zurich Airport zuerich-airport.com

Finissima pasticceria svizzera kambly.ch

Mobile Communications salt.ch

Switzerland Cheese Marketing formaggisvizzeri.it

SWISS ARMY KNIVES | WATCHES | TRAVEL GEAR victorinox.com

Layout Festland AG, San Gallo / Zurigo Svizzera Turismo, Zurigo Foto Copertina: Männlichen, Berna, © Thomas Dirnhofer / Maurice Haas Altre immagini: per gentile concessione dei Partner

Partner ufficiali

Stampa Stämpfli AG, Berna Tiratura 200 000 copie Lingue La Rivista delle vacanze svizzere my Switzerland viene pubblicata due volte all’anno nelle seguenti lingue: tedesco, francese, italiano, inglese, olandese e spagnolo.

appenzellerbier.ch

gastrosuisse.ch

gubelin.com

swisstravelcenter.ch

hero.ch

hertz.ch

holycow.ch

intersportrent.ch

kirchhofer.com

landquartfashionoutlet.com

lesambassadeurs.ch

odlo.com

suva.ch

swisseducation.com

swiss-ski-school.ch

swissinfo.ch

swissrent.com

swisswine.ch

visana.ch

MySwitzerland.com /strategicpartners

96

my Switzerland  LA NATURA TI RIVUOLE


Servizio: raccomandazioni

Un camper generoso con tanto spazio per bike e biker, apposite cartine per mountain bike e innumerevoli idee di itinerari, il miglior materiale a noleggio e un’e-bike pronta per ogni avventura: con queste offerte hai tutto quel che serve per vacanze splendide su due ruote.

Camper di Europcar Resta autonomo, scopri la Svizzera con un camper VW California di Europcar. Dotato di tante pratiche funzioni, il camper è una vera e propria casa su quattro ruote. Con portabici per il trasporto sicuro delle mountain bike. europcar.ch/camper

Cartine Hallwag per mountain bike Cartine impermeabili e antistrappo in scala 1: 50 000 per una vista d’insieme sul tour in programma. Con profili montani, gradi di difficoltà, distanze, tempi di percorrenza indicazioni di sicurezza e quant’altro. Ma non è tutto: le cartine possono essere scaricate gratuitamente sullo smartphone. swisstravelcenter.ch/mountainbike_karten

E-mountain bike di BMC La prima e-bike di BMC spicca per il design elegante e le ottime caratteristiche di corsa sul trail. Il modello Speedfox AMP, con il potente motore perfettamente integrato nel telaio in carbonio e la sua versatilità su trail, consente avventure finora considerate irraggiungibili. bmc-switzerland.com

Materiale a noleggio di swissrent Improvvisa voglia di bike? Noleggia il materiale comodamente online, via app oppure direttamente in uno shop swissrent. Scegli tra modelli di bike per downhill, freeride, cross-country ed enduro. Nell’assortimento trovi anche pettorine, rimorchi e molti altri articoli per grandi e piccini. swissrent.com

97


Fine

Consulenza e prenotazioni Conosciamo al meglio la Svizzera, ecco perché possiamo aiutarti a programmare alla perfezione le tue vacanze. Chiama lo:

00800 100 200 30 (numero gratuito*) 

Viaggia facile Suggerimenti e informazioni su come arrivare in Svizzera. In aereo, con la ferrovia o in auto: la Svizzera ha ottimi collegamenti internazionali. MySwitzerland.com Webcode: 25321

Viaggiare La vacanza inizia già in viaggio: una fitta rete di trasporti pubblici incentiva a visitare la Svizzera, il Paese di vacanze. MySwitzerland.com Webcode: 25349

Trova un alloggio Hotel lifestyle, grande albergo con wellness o dormire sulla paglia? In Svizzera le possibilità di pernottamento sono tante. Incluso prenotazione rapida. MySwitzerland.com Webcode: 25384 * Possibilità di tasse locali

98

my Switzerland  LA NATURA TI RIVUOLE

Trail eccezionali, agili sentieri su campi e boschi, ardue strade dei passi su un magnifico sfondo alpino: le vie per tornare alla natura sono tante. Con la bici, poi, si fanno esperienze uniche. Copertoni larghi e profilati oppure sottili e lisci? Il tour ha inizio: inforca la bici e parti!


895 motivi per scoprire la Svizzera con il Grand Tour

Primo «road trip» elettrico: 200 punti di ricarica per veicoli elettrici Grande spasso in curva: 5 passi alpini oltre i 2000 metri Acqua fresca a volontà: 22 laghi più grandi di 0,5 km² Attrazioni eccellenti: 12 Patrimoni UNESCO e 2 Biosfere Società multietnica: 4 lingue nazionali, infiniti dialetti Segnalazioni perfette: 650 indicazioni ufficiali del Grand Tour

B B

Ulteriori informazioni sul Grand Tour: MySwitzerland.com/grandtour

Le Do

s ub

La Chauxde-Fonds

Solothurn

H Aare

1607

Chasseral

l

er

FRANCIA

Bi e

E Ginevra

Neuchâtel

F Regione Lago di Ginevra H Jura & Tre-Laghi

La

c

N de

ch

Yverdon les Bains

Sarnen

Fribourg

La B

K Ticino

Thun

D

2175

Th

un

er

2350

Brienzer Rothorn

e

Brienz s. zer ien Br

see

r Aa

Gantrisch S im m e

Schwarzsee

L Vallese

e

Grindelwald

2362

Niesen Le Moléson

Léman

4158

Adelboden

Montreux

Gstaad

Jungfrau

Lenk Wildstrubel

2042

Rochersde-Naye

3244

Leukerbad

CransMontana

3210

3934

Bietschhorn

Les Diablerets

E Champéry

3257

Dents du Midi

e hôn Le R

Brig

Vispa

Sion

Finsteraarhorn

Ale g l e t s cht sch e r

Le

Eiger 3970 Mönch 4107 4274

La S

La Dôle

Wengen

2970

Schilthorn

arin

2002

e

F

e

rb

L'O

1677

2119

Pilatus

C Em m

I Lucerna-Lago di Lucerna J Svizzera Orientale / Liechtenstein

eu

ât

1408

Napf

e Aar

el

roy e

G Grigioni

M Regione di Zurigo

Bad

Aarau

see

A Aargau B Basilea Regione D Friburgo Regione

irs

Delémont

Le regioni C Berna

A

Liestal

L

Haute Nendaz Saas-Fee Verbier

Dent Blanche 4357

Grand Combin 4314

Grand-St-Bernard Il Grand Tour of Switzerland è un itinerario consigliato sull’attuale rete stradale svizzera. Il viaggio sull’itinerario si svolge a proprio rischio. Svizzera Turismo e l’associazione Grand Tour of Switzerland non si assumono alcuna responsabilità per variazioni edilizie, deviazioni, segnalazioni di eventi straordinari e disposizioni di sicurezza lungo la strada.

Matterhorn

4478

4545

Dom

Zermatt 3090

Gornergrat Dufourspitze 4634


GERMANIA

Schaffhausen Bo de ns ee

Thu r

Rhein

Töss

Frauenfeld

Limma t

den

M

uss

2502

h - s ee

Churfirsten

W a l e n s ee Grosser Mythen

Rigi

stättersee

Stans

Engelberg

Pizol

Braunwald

2844

La nd

Linthal

Altdorf

Stanserhorn

Bad Ragaz

2914

Stoos

I

Glarus Glärnisch

Schwyz

Vaduz

Li n t h

1899 1798

1898

LIECHTENSTEIN

2306

Chur

Flims

Re u s s

e

Säntis

Z u g ers ee

Vierwald-

Rhe in

Re

Weggis

9

n

ü r i c

Zug

s

Appenzell

J Z

AUSTRIA

Herisau

Tödi

Titlis

Disentis/ Mustér

in rhe de r Vor

3503

Sustenhorn

Andermatt

Furkapass

er r Hint

1914

Gotthardpass

n

he

3312

Scuol

Inn

2383

Flüelapass

Nationalpark

G

Müstair

Piz Kesch

in 2284

Julierpass

3056

Piz Nair

St.Moritz

3402

Rheinwaldhorn

2065

San-Bernardino-Pass

3272

Piz Buin

Davos

3294

2998

Piz Beverin

2431

rt

2834 Weissfluh

Arosa LenzerheideLai

3614

3238

qua

2973

Diavolezza Piz Bernina

4049

Basòdino

z Ver asc

g

a

Ma

gi a

o Tici n

K

Locarno

Bellinzona 0 0

40

10

80 km

20

40 miles

o gan Lu 1701

Monte Generoso

1097

Monte S. Giorgio

0

Le segnalazioni del Grand Tour sono in senso orario 20

40

80 km

Passi alpini lungo il Grand Tour

L

M a g o a

g

Lag

g

o di

io

r e

LUGANO

20

0

I TA L I A

10

20

1546

www.swisstravelcenter.ch

40 miles


Le nostre regioni partner

MySwitzerland.com

Nature wants you back - Magazine (SW10341.1005.2001.3011it)  

Nature wants you back - Magazine (SW10341.1005.2001.3011it)

Nature wants you back - Magazine (SW10341.1005.2001.3011it)  

Nature wants you back - Magazine (SW10341.1005.2001.3011it)