Page 1

1


5


9


11


13


Prato della Valle, Padova Venditore dei cappelli davanti al Santo, Padova

15


17


Canton delle Busie, Piazza delle Erbe Padova

Cappella degli Scrovegni, Padova

19


Palazzo della Ragione, Piazza delle Erbe, Padova

Mercato in Piazza della Frutta, Padova

21


p

na , e

‘ l b l te m e

ri po

me

na

lc ori e l’er i fi be, s a do u

iglia am f e

er ev imaver a a r p c an d id

P er rrir Progne a g e pia n g

o hil

e m na

miglia

s o i prati, ras e ‘ l ciel si on

erena;

r ia

, l’acqua

e la t e r a è r

mo d’a

lia; fig a ve s’allegr r su io a di mira

ie n r p a;

a n i m a l d ’a m a r s i r

n ico

sig

lia .

er

me , l a s s o

, to r n a n o

ù i pi

vi gra

s

Ma

p

og

ni

l’a

G

Ri

d

e

e

e

Ze

h i r o to r

piri, che d el cor pr os

ot nd o f o

ragge

h’al ciel s e

n e p or

t

hi a

vi;

e

belle do ‘n nne nest o

tti ea

s

e

qu

el l

ac

c ò le

Gabbiani in Riviera Paleoccapa, Padova

ca

n t a r a u ge le t t g ge , i , e f ior ir pia

a vi so

spr o un deser to, e fere a on

s ee

ag g e elv

Sonetto trecentodieci 23


Canale Piovego, Padova

25


Specola, Padova

27


Di ben far co’ suoi esempi m’innamora.

piangendo torno Spesse fïate quando

mpo e l’ora Ch’ogni vil cura mi levàr d’in

Amor m’accora; son fermo d’amare il te Io amai sempre, ed amo forte ancora, E son per amar più di giorno in giorno, Quel dolce loco ove piangendo torno Spesse fïate quando Amor m’accora; E son fermo d’amare il tempo e l’ora Ch’ogni vil cura mi levàr d’intorno; E più colei lo cui bel viso adorno Di ben far co’ suoi esempi m’innamora. Ma chi pensò veder mai tutti insieme Per assalirmi ’l cor or quindi or quinci Questi dolci nemici ch’i’ tanto amo? Amor, con quanto sforzo oggi mi vinci! E, se non ch’al desio cresce la speme, I’ cadrei morto ove più viver bramo.

mo forte ancora,E son per amar più di

Sonetto IVI Io amai sempre, ed a

torno; E più colei lo cui bel viso adorno

giorno in giorno, Quel dolce loco ove

Riviera Paleoccapa, Padova

29


Piazzetta Pedrocchi, Padova

31


Q

uanto più m’avvicino al giorno estremo Quanto piú m’avicino al giorno extremo che l’umana miseria suol far breve, piú veggio il tempo andar veloce et leve, e ‘l mio di lui sperar fallace et scemo. I’ dico a’ miei pensier’: Non molto andremo d’amor parlando omai, ché ‘l duro et greve terreno incarco come frescha neve si va struggendo; onde noi pace avremo: perché co llui cadrà quella speranza che ne fe’ vaneggiar sí lungamente, e ‘l riso e ‘l pianto, et la paura et l’ira; sí vedrem chiaro poi come sovente per le cose dubbiose altri s’avanza, et come spesso indarno si sospira.

Porta Portello, Padova Loggia Cornaro, Padova

33


35


Chiare, fresche e dolci acque

Loggia Cornaro, Padova Specola, Padova


39


Porta Santa Croce, Padova

41


Porte Contadine, Padova

Arqua Petrarca

43


45


B Benedetto sia ‘l giorno e’l mese e l’anno Benedetto sia ‘l giorno, et ‘l mese, et l’anno, et la stagione, e ‘l tempo, et l’ora, e ‘l punto, e ‘l bel paese, e ‘l loco ov’io fui giunto da’duo begli occhi che legato m’ànno; et benedetto il primo dolce affanno ch’i’ ebbi ad esser con Amor congiunto, et l’arco, et le saette ond’i’ fui punto, et le piaghe che ‘nfin al cor mi vanno. Benedette le voci tante ch’io chiamando il nome de mia donna ò sparte, e i sospiri, et le lagrime, e ‘l desio; et benedette sian tutte le carte ov’io fama l’acquisto, e ‘l pensier mio, ch’è sol di lei, sí ch’altra non v’à parte.

Arqua Petrarca

Arqua Petrarca

47


49


Parco Treves, Padova

Giardino di Valsanzibio

51


53


Magnolia, Valsanzibio

Giardino di Valsanzibio

55


57


Giardino di Valsanzibio

59


61


Pa dre po do el, l ci de ip

Padre del ciel, dopo i perduti giorni, dopo le notti vaneggiando spese, con quel fero desio ch’al cor s’accese, mirando gli atti per mio mal sí adorni, piacciati omai col Tuo lume ch’io torni ad altra vita et a piú belle imprese, sí ch’avendo le reti indarno tese, il mio duro adversario se ne scorni. Or volge, Signor mio, l’undecimo anno ch’i’ fui sommesso al dispietato giogo che sopra i piú soggetti è piú feroce. Miserere del mio non degno affanno; reduci i pensier’ vaghi a miglior luogo; ramenta lor come oggi fusti in croce.

rni gio uti erd Chiesa di Santo Stefano, Due Carrare

63


Castello del Catajo, Battaglia Terme

65


Battaglia Terme

67


69


Battaglia Terme

71


Erano i capei d’oro a l’aura sparsi Erano i capei d’oro a l’aura sparsi che ‘n mille dolci nodi gli avolgea, e ‘l vago lume oltra misura ardea di quei begli occhi, ch’or ne son sí scarsi; e ‘l viso di pietosi color’ farsi, non so se vero o falso, mi parea: i’ che l’ésca amorosa al petto avea, qual meraviglia se di súbito arsi? Non era l’andar suo cosa mortale, ma d’angelica forma; et le parole sonavan altro, che pur voce humana. Uno spirto celeste, un vivo sole fu quel ch’i’ vidi: et se non fosse or tale, piagha per allentar d’arco non sana.

Battaglia Terme

73


Battaglia Terme

75


Battaglia Terme

77


Castello Emo, Mezzavia

Monselice

79


81


Monselice

83

Padova tra luce e parole  

Libro fotografico su Padova

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you