Page 1

MAGAZINE

.ch

MARINA SABA

www.spaziodemomagazine.ch


TITOLARE Stefano Piavani REDAZIONALE: info@spaziodemomagazine.ch GRAFICA: www.abcdesign99.eu PUBBLICITA’ promo@spaziodemomagazine.ch DIRETTORE RESPONSABILE Gian Giacomo William Faillace

Le immagini presenti su questo SPAZIO DEMO sono state scattate da noi e/o da nostri partners


INDICE

06 - editoriale: 08 - Alexia Brancato

Lettera del Direttore :

Modella/Cantante

14 - Dreams Unlimited:

Panta Rhei Milano - Laura Carrubba

20 - rubrica:

Charm & Heels Academy

22 - Nutripeople:

Silvio Piccinini

24 - Monica Koh:

Fashion Designer

27 - rubrica:

Fashion & Luxury

29 -Mistretta Coiffure:

Hairstyle Trendy

34 - rubrica:

Abcdesign99 srls


LOGO VEGETALE STABILIZZATO À T I V O N Ÿ Non necessita di luce Ÿ Non richiede acqua

Il concetto della pianta stabilizzata esiste da oltre 30 anni e consiste nel prendere una vera e propria pianta o fiore e sostituire la sua linfa con una sostanza ecologica e stabilizzante, frutto di una ricerca accurata che permette di conservare la pianta per anni senza necessità di manutenzione, mantenendo il suo aspetto originale e la sua elasticità.

Lichene delle renne Chiamato “lichene delle renne” questo muschio cresce nelle foreste del Nord Europa. È raccolto a mano nel rispetto della pianta e del suo ambiente.

Numerosi vantaggi per i vostri clienti Le piante stabilizzate non necessitano di una manutenzione particolare: senza acqua, luce, fertilizzanti e terra. Ÿ Le piante stabilizzate non perdono le foglie, non è necessario potarle o curarle. Ÿ Le piante stabilizzate non temono né le variazioni di temperatura, né le correnti di aria e non rilasciano tossine. Ÿ

8 COLORI DI LICHENE DISPONIBILI

VERDE CEDRO

VERDE PINO

VERDE SCURO

Muschio del legno Il muschio del legno è una specie presente nella foresta, cresce in numerosi micro-habitat. La pianta forma un tappeto denso e intrecciato.

2 TIPOLOGIE DI FINITURA

NERO

VEGETAZIONE COMPLETA

PORPORA

LAMPONE

ROSSO

ALBICOCCA

VEGETAZIONE SELETTIVA

ABBINARE I COLORI NELLO STESSO LOGO È POSSIBILE !!!

PVC BIANCO

PVC NERO

per ordini e preventivi info@abcdesign99.eu


MARINA SABA FOTOMODELLA - INDOSSATRICE


Paolo Fossati


Siamo a metà del 2018 e possiamo già affermare che Marina è stata protagonista in oltre 200 set fotograci con tantissimi fotogra, questo a testimonianza del livello di gradimento ha raggiunto, non solo per le sue doti siche ma soprattutto professionali.

ph. Maurizio Gamerro


COMUNICARE 3.0 l’evoluzione non si ferma Smartphone e tablet sono la bussola del mondo. È arrivato il momento di scegliere gli strumenti più efficaci per arrivare al cuore dei tuoi clienti, raggiungendoli al momento giusto con messaggi personalizzati per il Mobile.

Contatta subito il tuo consulente per il futuro: Stefano Piavani 347.5525520


DREAMS UNLIMITED with Panta Rhei Milano di Laura Carrubba “Matrimonio 2019, cosa dobbiamo aspettarci? Il 2019 è più vicino di quanto si pensi! ” Sembra strano volgere lo sguardo già alla prossima stagione dei matrimoni, quando questa è iniziata da pochi mesi, ma il settore del wedding è un po' come quello della moda; le tendenze vanno anticipate e accolte per dare la possibilità a ogni futura sposa di realizzare un evento unico ed indimenticabile. In questo articolo, “Dreams Unlimited” di Panta Rhei Milano Wedding Luxury & Special Events, vi presenterà un assaggio degli stili e delle tendenze per chi si sposerà l'anno prossimo, e magari, sta già pensando al tema per il proprio Wedding Party. Per il 2019, nello specifico, le tendenze wedding si spostano verso una cerimonia in stile barocco, adatta a chi ama l'eleganza un po' stravagante. Il “Barroque Wedding”, questo il nome tecnico utilizzato dagli esperti, prevede l'organizzazione di un evento sfarzoso che, contrariamente a quanto si pensi, non risulta assolutamente volgare o eccessivo. Dal mondo anglosassone sta arrivando anche in Italia un turbinio di ispirazioni relative a questo stile, il “Barroque Wedding” si caratterizza, innanzitutto, per la presenza di elementi stilistici particolari, atipici, di grande effetto e quasi esagerati per il nostro gusto classico: le stiliste iberiche lo hanno omaggiato impreziosendo le creazioni sartoriali con filo color oro e, con ogni probabilità, sarà proprio il color oro il protagonista di tendenza per il matrimonio 2019. Per gli abiti da sposa sarà riproposto il mood del tattoo tanto apprezzato dalle

Laura Carrubba


spose dello scorso anno: la sensualità delle trasparenze sarà arricchita da un elaborato intreccio di ricami in oro e volant; il bouquet a cascata e contrasti di colore, come rosso e oro, nero e argento, bianco e nero… per una sposa femminile e languida. Le spose 2019 avranno, quindi, l'arduo compito di stupire i propri invitati con uno stile che sia stupefacente senza però, risultare eccessivo: bisognerà, allora, curare ogni cosa nei minimi particolari, armonizzando ogni elemento per creare un'atmosfera magica e da sogno. Come sempre, il segreto è non eccedere: bisogna saper bilanciare i vari elementi, cercando l'armonia, sia nella location che nei dettagli, 'dallabito da sposa alla mise en place, che diverrà più ricca e si colorerà di tinte verde smeraldo, viola, turchese e porpora, fino ad arrivare all'addobbo floreale, che la nuova tendenza vuole pieno e coloratissimo. “I candelabri ed i piatti dorati daranno luminosità e raffinatezza alla tavola!”. Sicuramente lo stile barocco ha il pregio di stupire ricreando un'atmosfera principesca, quasi magica, che bene si accompagna, ad esempio, alla musica austriaca o alle Quattro Stagioni di Vivaldi. Qualche altra tendenza per il 2019, direttamente dalle passerelle internazionali, suggerisce il ritorno dello stile boho chic, in una versione bohémien, dal gusto gitano ed artistico, che negli abiti da sposa sconfina in look anni '70, stile hippie e figli dei fiori. E se, appunto, fino a qualche anno fa il boho chic era semplicemente il nome di una collezione di abiti da sposa, gli “YolanCris”, oggi questo look diventa sempre più entità a sé, vero e proprio stile all'avanguardia nel settore wedding…e così, accanto ai classici eventi nuziali in stile simply chic piuttosto che romantici matrimoni dal gusto shabby, country o vintage, nel 2019 ritroviamo i matrimoni dal mood boho chic anche nel look della


sposa, a metà strada tra il poetico e il naturalistico. Le nozze bohémien riscoprono il gusto dell'improvvisazione: realizzate in location immerse in ambientazioni selvagge, come boschi o corti agresti, caratterizzate da allestimenti floreali molto “nature” o composizioni più delicate, molto vicine agli ideali di libertà, pace e amore tipici degli anni Settanta. Per chi ha un minimo di manualità, buona è l'idea di usare oggetti di recupero come barattoli e bottiglie per ricolorarli e adoperarli come portacandele e centrotavola. Il colore trionferà di sicuro, nei vestiti, nei fiori e nelle portate, per esaltare la naturalità e la leggerezza dell'atmosfera. Tra le nozze boho chic da noi recensite vi consigliamo quelle dallo stile gitano o, in alternativa, i matrimoni in stile hipster, più modaioli e in linea con le tendenze del periodo. Per gli amanti della musica rock italiana, poi, abbiamo pensato ad un particolarissimo matrimonio a tema Vasco Rossi un po' dark e caratterizzato principalmente da un'essenza ribelle. “Qualunque sia il tuo matrimonio ideale, lasciati conquistare dallo stile unico ed elegante di Panta Rhei Milano Wedding Luxury & Special Events!” Laura Carrubba lauracarrubba@pantarheimilano.it www.pantarheimilano.it


LE MANI IN PASTA con lo Chef-Pasticcere Matteo Luraghi Ecco che con vero piacere che vi annuncio la collaborazione con lo Chef Matteo Luraghi. Grazie alla sua esperienza nella ristorazione e nella pasticceria arricchirà questa pubblicazione con golosità, suggerimenti e trucchetti. Chi meglio degli italiani sa quanto sia importante saper cucinare, riconoscere le materie prime, creare gli impiattamenti con la giusta armonia? Sappiamo tutti che mangiare bene e sano porta benefici prima di tutto alla salute ma

Laura Carrubba

Matteo

Luraghi è anche un ottimo veicolo per la comunicazione come si è potuto riscoprire negli ultimi anni dal numero di programmi televisivi sorti ultimamente.


Il catering, spesso la vera chiave di successo di una cerimonia o di un evento. Lo Chef Luraghi è altamente qualificato per la realizzazione e/o gestione dei catering, da quello più ricercato a quello più stravagante ... L’accuratezza nella scelta delle materie prime, la maniacale precisione nella realizzazione fanno di questi bocconcini delle vere e proprie mini opere d’arte da gustare prima con gli occhi e poi con il palato. Ed ecco gli stuzzichini dolci e salati, quelli tipici regionali, i finger food, le emulsioni, le mini fritture, la frutta fresca e tanto altro ancora, un tripudio di golosità per tutte le occasioni.


La pasticceria è l’altro regno dove lo Chef Matteo Luraghi ama creare. Un tripudio di panna, crema zucchero, cioccolato, tanta frutta fresca e tantissima abilità. Dovrei descrivervi le caratteristiche, ma credo che queste immagini siano più esaudenti delle mie parole. Bene, non ci resta che aspettare che lo Chef ci sveli qualche suo trucco e ci suggerisca il modo di poter ricreare tutte queste golosità anche nelle nostre cucine. ... lo aspettiamo con l’acquolina in bocca.


AREA TECNICA

AREA LEGALE

AREA SVILUPPO

AREA COMMERCIALE


iscrizioni aperte disponibilitĂ posti limitata

nasce a Milano Charm & Heels Academy formata da professionisti al top nel loro settore come: Filippo Mistretta Hair Stylist, Flaviano Corti Make Up Artist, Beppe Bisceglia Photographer. Sono la nostra selezione di Tutors tra i piĂš quotati sul mercato europeo. per informazioni: info@charmheelsacademy.it


NUTRIPEOPLE w w w. n u t r i p e o p l e p r o j e c t . o r g La Malnutrizione La UN Food Security Organization (FAO) ha reso noto che circa 224 milioni di persone stanno soffrendo di forme di malnutrizione in Africa a causa dei conflitti e dei cambiamenti climatici. Secondo quanto riferito dall'assistente direttore generale per l'Africa, Bukar Tijani, la situazione è molto grave e preoccupante, dal momento che è previsto che la popolazione del continente raggiunga 1.7 milioni entro il 2030. A suo avviso, le situazioni in Somalia, Sud Sudan e Repubblica Centrafricana contribuiscono particolarmente a peggiorare il quadro. Il progetto NUTRIPEOPLE mira a costruire microallevamenti di grilli che forniscono l'approvvigionamento di proteine sia per l'alimentazione animale che per la nutrizione umana. La realizzazione di queste fattorie serve a superare le carenze proteiche nei paesi in via di sviluppo, dove spesso l'uso di proteine classiche (carne di manzo, pollo, pesce, maiale) e' molto oneroso o impossibile.

Allevare insetti e' molto meno dispendioso a livello di spreco di acqua,utilizzo di mangime e sfruttamento del terreno. Allevare insetti nei paesi in via di sviluppo e' un opportunità di lavoro e di crescita dei villaggi, si può avere a disposizione una fonte proteica sempre disponibile a un costo molto basso. Molto importante al contrario degli


allevamenti di bovini,suini,pollame, dove c'e un uso massiccio di ormoni e antibiotici ai nostri grilli non viene somministrata nessuna sostanza chimica o farmaco. Dove operiamo Nutripeople sta operando in Zambia nella cittĂ di Monze a circa 300 km a sud della capitale Lusaka. Gli obbiettivi di quest'anno sono aumentare il numero di farm ( da due a quattro ) la costuruzione di un essicatore solare, una cucina a legna da realizzare in muratura nel primo villaggio ed iniziare a produrre farina di grillo ( Gryllus bimaculatus ) . Creare una sede operativa che ci permetta di assistere le persone dei villaggi, donne e bambini,aiutarli ad aumentare l'allevamento e la produzione di farina proteica per colmare le carenze nutrizionale. Stiamo anche scrivendo un progetto scientiďŹ co per dimostrare quanto l'assunzione di insetti può migliorare lo stato di malnutrizione.

website: www.nutripeopleproject.org facebook: nutripeopleproject


MONICA KOH FASHION DESIGNER - STILISTA

U O M O


www.monte-varchi.it


DIGITAL magazine VS PRINT magazine


FASHION & LUXURY DI GIAN GIACOMO WILLIAM FAILLACE Gian G i giorna acomo Will iam Fa lis ill stamp ta, respons a di v abile ace, ar uf Italia c he all'e ie aziende, cio si s mond o dell tero, opera a in n a mod del lus a, dell ti nel so. 'arte e

Storia della moda: terza puntata La moda bizantina, di cui possiamo ammirare dei fulgidi esempi nei numerosi mosaici di Ravenna, in particolare in quelli dell'abside della Basilica di San Vitale, si diffuse in Europa soprattutto da quando l'imperatore Costantino trasferì la capitale da Roma a Bisanzio, ribattezzata poi Costantinopoli, nel 330 d.C.. Importantissimo centro culturale, Costantinopoli diventò un punto di riferimento anche per l'abbigliamento, che si arricchì di influenze provenienti dal vicino Oriente ed in particolare modo, grande rilievo per la moda del tempo, fu l'introduzione della seta: bozzoli di bachi, secondo i documenti lasciatici dallo storico Procopio, furono importati nell' Impero Romano, e quindi in Europa, dalla Cina. A Costantinopoli la produzione della seta era severamente controllata da editti imperiali che ne limitavano l'uso ai ceti dominanti così come anche l'uso della

porpora, riservato solo alla corte e che altro non è che una sostanza colorante che deriva da uno speciale prodotto di secrezione di certi molluschi gasteropodi. Gli antichi, in particolare i Fenici, se ne servirono, attraverso un laborioso processo di tintura, per conferire alle stoffe il prezioso caratteristico colore viola-rossastro. In quanto alle forme degli abiti la moda non fu che un proseguimento della tarda romanità. Gli uomini solevano indossare una tunica con maniche, portata sopra un'altra tunica interiore, braghe e un mantello corto e leggero bordato da tessuto dorato detto laclamide, copiato dai romani alla moda greca. Nel famoso mosaico di San Vitale l'imperatore Giustiniano viene rappresentato con un laclamide purpureo e dorato, gli uomini al seguito ne indossano uno bianco con un inserto romboidale color porpora. Quell'inserto a forma di rombo, detto “tablion” era simbolo distintivo di potere e dignità. Notevolmente ricco era anche l'abbigliamento femminile: nel mosaico citato, a fronte di Giustiniano, si può ammirare l'imperatrice Teodora che indossa anch'essa una tunica e un clamide ricamato con i Magi in processione. Teodora si distingue per lo splendore dei suoi gioielli: un grande diadema con perle e gemme, lunghi orecchini e una mantellina anch'essa incastonata di pietre preziose. Le dame che l'affiancano indossano dalmatiche e mantelli più corti. La dalmatica era spesso ornata da strisce verticali; nei mosaici della Basilica di Sant'Apollinare Nuovo, questo indumento


presenta solo per le donne l'orlo tagliato sbieco. Gli uomini invece indossano sulla tunica il “pallio” mantello di origine greca. Dopo la definitiva affermazione del Cristianesimo, non vi furono sostanziali mutamenti nella moda per parecchi secoli e i canoni dell'abbigliamento rimasero fissati a quelli dell'epoca tardo romana. Una delle cause fu l'ondata di depressione economica che attraversò l'Europa fino all'anno Mille. Il senso del sacro, fortissimo nel periodo medievale, e la condanna della carne che ne derivava, mise in ombra l'essere umano come individuo naturale e non a caso l'iconografia coeva rappresenta principalmente la vita di Cristo e dei Santi. La Chiesa raccomandava la massima modestia nel vestire. Troviamo esempio di questo “stile di vita” negli scritti di Sofronio Eusebio Girolamo, noto come san Girolamo o san Gerolamo, Padre e dottore della Chiesa, ricordato anche per il suo rigore morale, il quale si scagliò contro gli eccessi femminili. Quinto Settimio Fiorente Tertulliano scrittore romano e apologeta cristiano, fra i più celebri del suo tempo e anch'egli ricordato anche per alcune opere (De spectaculis, De virginibus velandis, De cultu feminarum) che sono improntate ad un estremo rigorismo morale, in cui condanna ogni mondanità e diletto terreno come un'insidia diabolica; la donna stessa, discendente di Eva, è vista come una creatura del demonio. Con lo sviluppo dei comuni si cambiò completamente il volto della società italiana, perché l'organizzazione della vita cittadina era basata sul lavoro e sulla mercatura, attività in mano alla borghesia. Con l'anno Mille compare la “camicia” e fanno capolino le prime “mutande” che i longobardi chiamavano femoralia. Vi si sovrapponevano poi due vesti, una tunica con maniche aderenti e una con maniche più larghe, che poteva

anche essere sostituita da un mantello. Gli uomini continuarono ad usare le braghe. Il clima gelido delle case dove non esisteva ancora il camino e mancavano le finestre a vetri, determinò la diffusione della pelliccia, elemento di lusso usato come fodera. Abissale era la differenza degli indumenti dei ceti più bassi rispetto a quelli signorili. Mentre i poveri spesso non avevano né scarpe né un mantello per coprirsi, i signori indossavano abiti serici ricamati in oro e calzature purpuree. Non si trattava soltanto di un'esibizione di status: a quel tempo si riteneva che i re e gli imperatori fossero investiti direttamente dall'autorità divina; non a caso uno degli oggetti che veniva consegnato durante l'incoronazione era il globo aureo sovrastato dalla croce, simbolo di potenza benedetta dal cielo. Si forniscono due esempi di costume regale. Nella Vita Mathildis scritta e illustrata da Donizone, la contessa di Canossa indossa una tunica, una sopraveste con grandi maniche a imbuto, un mantello, un velo e un alto copricapo a punta. Tuttavia il più raro e compiuto esempio di corredo, tuttora esistente e conservato al Kunsthistorische Museum di Vienna, è quello realizzato per Ruggero II di Sicilia nel 1133, come attestato dalla scritta in lettere arabe che circonda il bordo del mantello. Usate per incoronare gli imperatori, queste vesti sono costituite da due tuniche, una azzurra e l'altra bianca, da calze, guanti, cintura e da uno splendido mantello di seta scarlatta ricamato in oro e perle con due leoni che abbattono due cammelli. Il simbolo rappresenta probabilmente la vittoria della fede cristiana su quella musulmana. Gian Giacomo William Faillace


HAIRSTYLE TRENDY DI FILIPPO MISTRETTA PRIMAVERA/ESTATE 2018 DOMANDE E RISPOSTE CHE LE DONNE VOGLIONO SAPERE Evviva i capelli corti, così la pensano molte donne, soprattutto d'estate. I capelli corti sono ormai apprezzati anche dalle giovanissime. Secondo lei perché? La moda dei capelli corti sbarcò in Europa negli anni venti, però sempre con il giusto tocco femminile. Nell'arco degli anni la moda del corto è stata definita con tanti nuovi tagli, racchiudendo le ultime novità della moda viste a Milano, Parigi, New York e Londra, anche dal cinema e dai cantanti più importanti. Arrivando il primo caldo (cambio di stagione) si ha voglia di cambiare look, il taglio diventa più corto si cambia colore, contrasti, si alleggerisce, si crea struttura, i tagli sono irregolari asimmetrici, con ciuffi lunghi. Il corto, cioè con un solo taglio si possono creare diversi look, mettendoci un po' di fantasia e il prodotto giusto. La voglia di creare e variare. Quali sono i segreti per coniugare praticità e femminilità? Il taglio corto varia molto con la propria femminilità, personalità e stile, dipende anche dal tipo di persona si adatta il taglio al total look, dipende dalla personalità dello stile, gli abiti disegnati, eleganti oppure indossa un lungo abito di seta con l´effetto di un raggio di sole, lo stile può cambiare. La donna moderna, la donna che ha scelto il suo stile, tiene il look dei capelli abbinato al suo abbigliamento. Allora si che possiamo parlare di praticità e femminilità, una combinazione che alla donna di oggi piace. Importante i capelli devono essere con un


lo sport le abitudini della persona per avere il massimo del risultato. Il taglio deve essere sempre adattato al proprio stile per sottolineare ed rinforzare la propria personalità. Quali prodotti non dovrebbero mai mancare nella trousse di una donna che ha i capelli corti? Non deve mancare assolutamente il giusto prodotto Finish per uscire fuori dalla routine del solito Look. Il corto come già consigliato ha bisogno di nuova ispirazione perchè è variabile, per questo che il mio consiglio è, a dipendenza del corto, di portare con sè prodotti come cera cremosa con una rimodellabilità infinita, con una definizione extra durata e si può modellare e creare tutte le volte che si vuole. Un consiglio in base alla giornata ci sono prodotti ad effetto «matt» oppure prodotti lucidi per fare brillare il look con una grintosa texture. Insomma ne abbiamo da spendere, anche qua, il consiglio giusto dal professionista per non sbagliare prodotto e divertirsi con il proprio look. Corti mossi o lisci? Cosa suggerisce quest'estate? Le ultime novità della moda, di questa primavera/estate viste a Milano, Parigi, New York e Londra le parole chiavi sono « Spirito del Rock» come tema di ribellione nella moda. Abbiamo visto ragazze con capelli in piedi attraversare la passerella, si sentiva provocazione nell'aria. Questa crudezza e stata sottolineata da capelli con forme irregolari e corte in colori contrastanti. Rebel Rockers si distacca dalla moda sicura e sceglie invece di osare di più ... qui diciamo viva la differenza.Le passerelle erano inondate anche da ro-mantici fiori e riferimenti alla campagna per questa stagione, in un trend che cattura i cuori ai primi soli. I capelli sono stati acconciati in maniera romantica portati naturali con volume e onde. Corti mossi, onde lisci, stili vari che ognuno troverà il suo style giusto per quest’estate.


eleganza senza tempo, unita da una raffinata certezza. Questi look parlano di capelli nutriti e luminosi, portando ad un risultato che centra semplicità e lusso. Colori deliziosi e finish che dona radiosità. L'estate è arrivata e cominciano le vacanze al mare. Cosa fare per preservare la bellezza del capello dal sole e dal mare? Esistono tanti prodotti innovativi che offrono doppia protezione: da un lato i capelli vengono protetti con Filtri UV, dall´altro gli antiossidanti agiscono contro i radicali liberi, che altrimenti possono danneggiare i capelli, specialmente durante l´esposizione al sole. Ci sono Prodotti come Hair&Body, olio protettivo che protegge anche contro lo sbiadimento del colore, After Sun Treatment per citarne ancora uno, lo spray protettivo di uso quotidiano che aiuta a proteggere i capelli dai raggi UV e contro i radicali liberi con effetto districante e idratante. Lasciatevi coinvolgere e consigliare dal vostro parrucchiere professionista e vedrete che i vostri capelli con il prodotto giusto potranno fare sonni tranquilli. Da professionista dell'immagine, consiglierebbe i capelli corti a tutte? Oppure con precise caratteristiche? Succede ogni tanto che si sceglie il proprio stile di capelli o look, guardando riviste, modelle oppure star. La forma del viso è importantissima nella scelta. Un esempio, il viso ovale è quello che si adatta a quasi tutte le acconciatura. Con la forma ben equilibrata, si possono fare tagli sia lunghi che corti. Ci sono tagli consigliati per ciascuna forma del viso, abbiamo il viso rotondo, triangolare, si guarda se si ha il collo lungo o corto, oppure un naso grosso con mento ritirato sfuggente viso appuntito ecc.Un esempio, un collo lungo deve essere messo bene in vista, magari con un taglio corto. Per chiudere, da non dimenticare il profilo, cioè la vista laterale della testa al momento della creazione. Naturalmente nel consigliare si devono mettere in considerazione anche il proprio abbi-gliamento e gli hobby,


www.abcdesign99.eu


dalla progettazione alla stampa, qualitĂ /prezzo sopra la media

webdesign, social media e comunicazione digitale

vasta scelta di oggettistica, da tutti produttori nel mondo

anterioritĂ e registrazione nazionale ed internazionale

www.abcdesign99.eu


organizzazione eventi fashion, lattine promozionali

insegne per interni ed esterni, vetrofanie, graď€ ca per location

comunicazione express locale, alta visibilitĂ e prezzo basso

operazione a premi chiavi in mano per commercianti

www.abcdesign99.eu


creazione e gestione di pubblicazioni commerciali digitali

consulenza ed organizzazione di sponsorship service

servizio di Public Relation per aziende, associazioni, enti

lattine di energy drink e aranciata totalmente pubblicizzabili

www.abcdesign99.eu


CERCHIAMO DISTRIBUTORI PER ZONE LIBERE infoline:+39 (347) 552 55 20

info@missenergydrynk.it

Profile for Stefano Piavani

Spazio Demo CH  

prestigiosa pubblicazione commerciale SVIZZERA "made in Italy" dove personaggi, idee e progetti spazio spazio ed interesse, una piacevole pu...

Spazio Demo CH  

prestigiosa pubblicazione commerciale SVIZZERA "made in Italy" dove personaggi, idee e progetti spazio spazio ed interesse, una piacevole pu...