Page 1

INTERVENTO DI PAOLA CAMUSSONI DOCENTE DI SCUOLA PRIMARIA A SARTIRANA PRESIDENTE DELLA BIBLIOTECA DI SARTIRANA La collaborazione tra i due ordini della scuola locale con il maestro Beppe Pasciutti inizia quasi per caso, cioè senza premeditazione alcuna. Nel settembre 2013 gli alunni hanno partecipato all’esposizione di un lavoro di Beppe in cui i suoi disegni illustravano gli articoli della Costituzione. Questo è stato uno dei motivi che hanno portato la sottoscritta a promuoverne la visita: come insegnante di scuola primaria sento fortemente il dovere di iniziare a formare i futuri cittadini, tentando di porre le basi almeno, e la conoscenza della Costituzione ne è sicuramente il fulcro. Un altro motivo è il credere che la scuola debba sempre essere inserita, laddove sia possibile, nel tessuto sociale, nel contesto in cui si trova, insomma, nella realtà suo paese! In quel giorno di settembre, quindi, Beppe si è reso disponibile a spiegare ai ragazzi, a rispondere alle più svariate domande che spontaneamente scaturivano, sempre attinenti e con una loro logica, ben inteso! E quel primo approccio ha avuto dei risvolti tanto inaspettati quanto interessanti. L’opera di Pasciutti non è certamente di “facile fruizione”, non ha un impatto immediato come quelle di autori studiati e “conosciuti” in precedenza. Mi riferisco, ad esempio, al lavoro di approfondimento svolto lo scorso anno, con gli stessi alunni della primaria, su Pelizza da Volpedo. Non va però dimenticato che parliamo anche di bambini di quarta e quinta della scuola primaria il cui livello di attenzione ha margini molto stretti, ma si era innescata una tale curiosità che è diventata il punto di partenza per un’attività futura. Da lì a ciò che si voleva realizzare il passo è stato breve: la Dirigente Scolastica ha approvato la proposta e Beppe è entrato a scuola per illustrare il suo progetto, quello cioè di realizzare una grande opera pittorica collettiva, e per chiedere, a proposito, la collaborazione dei ragazzi lasciandoli sempre liberi di esprimere le loro opinioni o le loro


perplessità! Spontaneamente si sono creati dei gruppi di alunni, hanno individuato modi, tempi, soggetti e tecniche per realizzare il lavoro, hanno rispettato i “tempi di consegna” e il compito dei docenti è stato solo quello di monitorare che tutto procedesse per il meglio. Il risultato sono i lavori finali nei quali, per deformazione professionale, io ho colto soprattutto la valenza educativo-didattica, sotto forma di collaborazione, impegno personale volto ad un finalità di gruppo, rispetto delle proposte altrui e responsabilità in termini di tempi e scadenze da rispettare. Tutti aspetti non di poco conto! E per il resto?.. Beh, ad altri, più competenti di chi scrive, la valutazione estetica ed artistica! Paola Camussoni

presentazionemostrapasciutti1  
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you