Page 1

PROGRAMMA PARTECIPATO

IDEE DAI CITTADINI PER L'AMMINISTRAZIONE DI POMEZIA 2011 – 2016


Pomezia, 13 Aprile 2011

Grazie a Anna Maria, Mario, Roberta, Cristina, Giuseppe, Gennaro, Stefano, Fiorina, Roberto, Lorenzo , Gianfranco , Teodorico, Alfonso, Giovanni, Francesca, Lorenzo, Stefano, Enzo , Silvana, Andrea, Fabio, Francesca, Stefano, Renzo , Mauro, Enrico, Giulio , Roberto, Valter , Francesca, Giuseppe e a tanti altri cittadini. Grazie alle vostre idee, arricchite dal confronto con le altre persone intervenute in questi mesi sul nostro blog ed integrate con i contributi raccolti ai nostri banchetti, avete reso possibile la realizzazione di questa raccolta di proposte per il miglioramento della nostra città. Questo programma non è altro che una “fotografia” degli interventi che abbiamo finora ricevuto. Tutti voi cittadini siete invitati a continuare a partecipare attivamente allo sviluppo di idee per la città inviando il vostro contributo sul nostro sito www.pomezia5stelle.it. Vi ringrazio già da ora per l'impegno civico che vorrete dedicare a questo progetto.

Fabio Fucci Portavoce delle vostre idee Candidato Sindaco per il Comune di Pomezia

Pagina 2 di 45


Indice generale PROGRAMMA PARTECIPATO..........................................................................................................1 IDEE DAI CITTADINI PER L'AMMINISTRAZIONE DI POMEZIA..................................1 Ambiente, salute e territorio ........................................................................................................5 Acqua pubblica ...........................................................................................................................5 Fontane Pubbliche Normali e Alta Qualità ................................................................................5 Informazione e prevenzione sui rischi per la salute....................................................................6 Gas Radon ..................................................................................................................................6 Protezione della Riserva Naturale della Sughereta ....................................................................7 Rivalutazione di giardini, parchi ed edifici storici. ....................................................................7 La Carta Pometina ......................................................................................................................8 Blocco delle concessioni edilizie, dello sfruttamento del territorio e degli scarichi abusivi .....9 Repressione degli abusi per cartellonistica, manifesti e regolamentazione delle licenze ........10 Economia e produzioni locali .....................................................................................................12 Incentivazione della vendita di prodotti locali nei mercati ......................................................12 Incentivi per l’apertura di pub, birrerie, ristoranti ecologici ....................................................12 Sostegno alla pesca locale ........................................................................................................13 Sostegno all'economia del Litorale ..........................................................................................13 Sperimentazione dello ŠCEC ...................................................................................................14 Carta del Cittadino ...................................................................................................................14 Energia .........................................................................................................................................16 Approvvigionamento energetico sostenibile.............................................................................16 Informazione.............................................................................................................................16 Risparmio energetico................................................................................................................17 Fonti Rinnovabili e sostenibili..................................................................................................18 Giustizia e Sicurezza ...................................................................................................................19 Compiti della Polizia Locale ....................................................................................................19 Istituzione di un commissariato di Polizia di Stato a Pomezia ................................................20 Pubblica Amministrazione, trasparenza e cittadini .................................................................21 Democrazia Diretta e Partecipata .............................................................................................21 Potenziamento degli strumenti comunicativi del Comune .......................................................21 Federalismo demaniale .............................................................................................................22 Situazione patrimoniale e delle spese degli eletti ....................................................................23 Razionalizzazione della spesa pubblica. Uso di “Software Open Source” e “Software freeware” ..................................................................................................................................23 Razionalizzazione della spesa pubblica. Revisione degli stipendi dei dirigenti comunali. .....24 Segnalazioni guasti e anomalie per via telematica ...................................................................24 Incremento della connettività internet pubblica wi-fi...............................................................25 Rifiuti ...........................................................................................................................................26 Estensione della raccolta differenziata Porta a Porta ...............................................................26 Informazione sull'utilizzo dell'isola ecologica .........................................................................27 Riduzione degli imballaggi ......................................................................................................27 Adozione della strategia rifiuti zero .........................................................................................28 Scuola e cultura ...........................................................................................................................29 Sviluppo della cultura ambientale nelle scuole ........................................................................29 Pagina 3 di 45


Iniziative per una corretta e sana alimentazione ......................................................................31 Sostegno alle scuole - Emergenza fondi economici .................................................................31 Linee guida per un mondo web a sfondo culturale ..................................................................32 Sicurezza ed educazione stradale nelle scuole .........................................................................33 Rivalutazione dell'educazione fisica ........................................................................................33 Aumento degli asili nido comunali ..........................................................................................34 Valorizzazione di multiculturalità e cosmopolitismo nelle scuole ...........................................34 La "scuola" non è solo per ragazzi ...........................................................................................34 Trasmissione del sapere di generazione in generazione ...........................................................35 Compimento della costruzione di un teatro comunale .............................................................35 Sociale e sanità ............................................................................................................................37 Miglioramento dei centri per anziani .......................................................................................37 Deambulatori per anziani .........................................................................................................37 Pronto Soccorso Multidisciplinare ...........................................................................................38 Punto Primo Intervento H24 ....................................................................................................38 Incremento numero ambulanze emergenza sanitaria ...............................................................38 Servizio di Continuità Assistenziale (Guardia Medica) ...........................................................38 Elisoccorso ...............................................................................................................................39 Servizi Sanitari .........................................................................................................................39 Residenze Sanitarie Assistenziali .............................................................................................39 Sport, giovani e tempo libero .....................................................................................................40 Sport ed eventi sportivi non agonistici .....................................................................................40 Spazi pubblici e contenitori musicali e/o culturali per giovani ................................................40 Trasporti e mobilità ....................................................................................................................42 Linee guida ...............................................................................................................................42 Piano di intervento ...................................................................................................................43 Indicazioni progettuali .............................................................................................................44 Vietato ai maggiori di 18 anni ....................................................................................................45 Consiglio Comunale dei ragazzi ..............................................................................................45

Pagina 4 di 45


Ambiente, salute e territorio Acqua pubblica Perchè? L'origine vulcanica del nostro territorio, oltre ad interventi antropici, condiziona la qualità dell'acqua pubblica in merito alla presenza di forti inquinanti quali ad esempio arsenico, vanadio e fluoro. Il nostro obiettivo è di adottare un piano di intervento che consenta di bere in tranquillita' e sicurezza l'acqua pubblica che sgorga dalle nostre fontane e dalle nostre abitazioni. Come conseguiremo questo obiettivo? 1. Imponendo la realizzazione di impianti di abbattimento delle sostanze inquinanti sugli acquedotti pubblici, per quanto possibile tecnicamente, anche in presenza di valori inferiori ai limiti di legge. 2. Pubblicando e tenendo aggiornata una "mappa delle acque", su sito web accessibile a tutti, contenente sia i dati ufficiali che i dati forniti dai cittadini.

Fontane Pubbliche Normali e Alta Qualità Permettere di usufruire di acqua pubblica ai cittadini, senza dover acquistare obbligatoriamente una bottiglietta di acqua, è un diritto inalienabile. In alcuni punti si può installare una fontana dalla quale sgorga acqua filtrata e di qualità, magari anche addizionata di anidride carbonica. Le fontane però non dovranno essere una scusante per non abbattere gli eventuali fattori inquinanti nella rete di distribuzione. Perchè? La maggiornaza dei cittadini compra acqua in bottiglia di plastica. Ferma restando l’intenzione di promuovere l’uso dell’acqua di rubinetto anche per bere, la fontana pubblica abitua il cittadino ad utilizzare acqua pubblica, in questo caso filtrata. Inoltre, dato che molti quartieri non sono serviti dal servizio idrico diretto, l’acqua sarà erogata anche frizzante nei punti più frequentati, conseguendo quindi un forte abbattimento dell’acquisto di acqua in bottiglia. Come conseguiremo questo obiettivo? Installando fontane dislocate nel territorio, anche nelle zone non raggiunte dal servizio idrico (ad Pagina 5 di 45


esempio mediante serbatoi interrati da rifornire con autobotte).

Informazione e prevenzione sui rischi per la salute Perché? Uno dei compiti di un'Amministrazione è la tutela dei cittadini, con riferimento particolare alla loro salute. Come conseguiremo questo obiettivo? Attivando tutte i canali possibili per permettere una corretta informazione e prevenzione per la cittadinanza riguardo agli elementi nocivi (naturali e non), presenti nel nostro territorio. Periodicamente dovranno essere realizzate conferenze pubbliche sul tema, con la partecipazione di medici di base, medici associazione ISDE, cittadini, istituzioni pubbliche e professionisti del settore per rendere edotta la cittadinanza sui rischi, sulla situazione riscontrata e sulle iniziative da compiere a favore della prevenzione.

Gas Radon Perchè? Il Radon è un elemento chimico naturale, radioattivo, appartenente alla famiglia dei cosiddetti gas nobili o inerti che in alcune condizioni può diventare un serio problema ambientale/sanitario. Da diversi studi, di cui uno emanato dal Comune di Pomezia alcuni anni fa, emerge che il nostro territorio in alcune zone è ad alto rischio. Come conseguiremo questo obiettivo? 1. Attivando e divulgando un piano di informazione tra la popolazione, riguardo i rischi connessi all’esposizione al gas radon, indicando metodi di controllo delle proprie abitazioni. Tale piano dovrà essere concertato con i comitati di cittadini sensibili al problema e gli istituti scolastici. 2. Proseguendo con l’applicazione dei dosimetri all’interno degli istituti scolastici, fino alla totale copertura di tutti i complessi. 3. Applicando, nel regolamento edilizio, adeguate prescrizioni costruttive ed accorgimenti tecnici da osservare nelle nuove edificazioni e nelle ristrutturazioni. 4. Vietando la costruzione di locali interrati nelle zone a rischio. 5. Sostenendo la ricerca condotta dagli istituti pubblici, ISPRA e INGV. 6. Pubblicando e tenendo aggiornata una "mappa dell'aria", su sito web pubblico contenente sia i Pagina 6 di 45


dati delle rilevazioni comunali che i dati forniti dai cittadini.

Protezione della Riserva Naturale della Sughereta Il Comitato Promotore Parco del Sughereto (CPPS) formatosi circa 15 anni fa ha l’intento di tutelare un bosco di sughere di circa 40 ettari che si trova nella Città di Pomezia. Il bosco è attualmente in pericolo di vita. Perchè ci interessa? Tutto il territorio di Pomezia è interessato da un consistente fenomeno di espansione urbanistica. La zona della sughereta, già assalita dalle lottizzazioni Parnasi in cui è il Parco della Minerva, è interessata da singoli e associazioni che vorrebbero farne luogo di fruizione incontrollata come giochi di ruolo, piste podistiche e da bici-cross e non ultima la caccia. L'area va protetta per le sue caratteristiche paesaggistiche e per il suo unico ecosistema per la riproduzione dei coleotteri. Come conseguiremo questo obiettivo? Riprendendo pienamente gli intenti del Comitato Promotore Parco del Sughereto (CPPS), tramite i quali il sughereto dovrà diventare Riserva Naturale e inserito tra i siti protetti della rete “Natura 2000”. La direttiva europea “Habitat” - 92/43/CEE, di cui "Natura 2000" fa parte, emessa in tema di conservazione degli habitat naturali, seminaturali, della flora e della fauna, della salvaguardia della biodiversità, prevede infatti che la sughera delle foreste sclerofile mediterranee, debba rientrare sotto tale protezione. Il Sughereto di Pomezia è collegato, in tale rete, ad un sito già esistente Antica Lavinium–Pratica di mare, che va protetto in quanto risulta un habitat per la migrazione di due specie di uccelli: Nibbio Bruno e Falconcello.

Rivalutazione di giardini, parchi ed edifici storici. Nell’ambito di una mobilità alternativa (non solo ciclopedonale), è fondamentale che siano realizzati spazi verdi pubblici efficienti, attrezzati e tenuti in buono stato. Perché? La mancanza di spazi verdi pubblici efficienti mortifica la qualità della vita dei residenti e nega i diritti fondamentali dell’infanzia, ratificati dal nostro paese. Pagina 7 di 45


I ragazzi, gli adulti e gli anziani hanno bisogno di punti di ritrovo "verdi" in buono stato, fruibili e attrezzati per fare esercizi o attività motoria, ludica o semplicemente per rilassarsi.

Come conseguiremo questo obiettivo? 1. Preservando lo stato di decoro dei giardini e parchi, affidandoli alla sorveglianza e gestione di giovani residenti, per incentivarli a considerare lo spazio pubblico come la propria casa. Le attrezzature ove possibile saranno realizzate con materiale riciclato. 2. Avviando lo studio di fattibilità per la realizzazione del Parco della Valle, comprendente la riqualificazione dei giardini ed edifici di Piazza Indipendenza e del centro storico. L'obiettivo che perseguiamo è coniugare la riqualificazione con la minima spesa e con il minimo impatto sul territorio. Basti pensare che il progetto originale fu ideato con la piazza che "guarda" ai Castelli Romani e al Borgo di Pratica di mare, ora non più visibile. Piantare alberi sul declivio naturale, sughere, lecci e qualche pino oltre che cespugli di oleandri e alloro per delimitarne il perimetro. Sentieri pedonali in ghiaietto, pista ciclabile collegata alla rete cittadina in via della Tecnica e panchine lungo il viale. Ripristino dei giardinetti di fronte alla scuola elementare. Ripristino del giallo ocra iniziale per tutti gli edifici storici con avvolgibili verdi. 3. Rivalutando Largo Catone (in corrispondenza della biblioteca). Questo spazio sarebbe altamente rivalutato inserendo delle panchine di materiale riciclato, consentendo ai cittadini di poter leggere, sorseggiare una bibita, rilassarsi, conversare. 4. In osservanza alla legge n. 113/1992, entro dodici mesi dalla registrazione anagrafica di ogni neonato residente si dovrà piantare un albero nel territorio comunale. Alcuni andranno sistemati nei giardini pubblici. 5. Individuando e delimitando aree verdi da sottoporre a tutela ambientale.

La Carta Pometina Perchè? Ci hanno abituati esclusivamente a denigrare il nostro territorio. Tutto ciò è parte di una strategia. Ciò che è compromesso è indifendibile, dunque oggetto di ulteriore speculazioni. Vige insomma la teoria dei “vetri rotti” (se in un quartiere qualcuno rompe una finestra e nessuno la ripara, è molto probabile che ben presto qualcun altro faccia lo stesso se non peggio, dando così inizio ad una spirale distruttiva). Al contrario, il patrimonio storico, archeologico e paesaggistico (quest’ultimo inteso come insieme di risorse ambientali e culturali) Pometino fa parte di un contesto Europeo, latino-mediterraneo e contribuisce a definire l’identità locale ed il senso di appartenenza dei cittadini ad una comunità, che attualmente non esiste. Solo la reale conoscenza dei luoghi e della loro storia può permettere il radicamento e la difesa del territorio che li ospita. Conoscere di più il territorio, compreso quello urbanizzato, significa viverlo Pagina 8 di 45


con un’altra prospettiva, rispettarlo maggiormente e dunque difenderlo. Come conseguiremo questo obiettivo? 1. adottando diverse linee di principio perché il nostro territorio diventi un vero e proprio “Museo a cielo aperto”, senza muri, di cui i primi a goderne dovranno essere gli stessi abitanti. Dovrà nascere una Carta Pometina, di intesa con tutte le realtà quali istituzioni, enti, scuole, associazioni, imprese e chiaramente cittadini, che parteciperanno alla programmazione e valorizzazione delle risorse locali, storiche e paesaggistiche. Il nostro territorio, parte dell’agro romano, va vissuto come vista geografica di insieme, tralasciando la separazione dettata dai confini amministrativi. 2. L’offerta turistica locale dovrà essere qualificata e specializzata nell’ambito degli obiettivi strutturali previsti dalla Comunità Europea per il nostro territorio, integrando una mobilità alternativa all’auto privata ed incentivando Bed&Breakfast e punti vendita basati sulla produzione e vendita di prodotti locali, anche con marchio identificativo del territorio di Pomezia. 3. Incentivazione della riconversione delle attività industriali in industria turistica locale sostenibile, attraverso la diffusione via web e il coinvolgimento dei tour operator. Conservazione di beni non riproducibili come quelli archeologici, organizzazione di visite guidate da storici locali del territorio di Pomezia, urbano e dintorni.

Blocco delle concessioni edilizie, dello sfruttamento del territorio e degli scarichi abusivi In questi ultimi anni a Pomezia si è dato il via a costruzioni fuori controllo che non hanno fatto altro che distruggere il paesaggio ed il territorio e non hanno garantito uno sviluppo dei servizi ai cittadini. Perchè? La pratica dell’abusivismo “a norma di legge”, autorizzando le costruzioni in aree da preservare, devasta ulteriormente il territorio già invaso dall’abusivismo classico. E’ in atto uno sfruttamento senza controllo della aree agricole con autorizzazioni per scopi ben diversi dalla loro destinazione, a causa del bassissimo reddito che gli agricoltori ne ricavano. Aree di valore paesaggistico e turistico quali Torvaianica, sono state o sono oggetto di feroce ed intensa attività edilizia speculativa. Bisogna limitare drasticamente l'erosione del nostro territorio dovuto all'avanzamento incontrollato del cemento. Come conseguiremo questio obiettivo? 1. Bloccando le concessioni edilizie per la costruzione di nuovi edifici che non siano di pubblica utilità.

Pagina 9 di 45


Il blocco dovrà durare fino a che la città non abbia raggiunto un decoro e un livello di servizi adeguato ai cittadini. Si potrà derogare solo dove ci siano demolizioni e ricostruzioni della stessa cubatura. 2. Realizzando un vero piano urbanistico di servizi e mobilità alternativa, coinvolgendo la cittadinanza in un processo partecipato che la renderà protagonista nelle scelte che valorizzeranno il territorio. 3. Sgombrando il litorale di Torvaianica agendo sulle proprietà pubbliche ed edifici abbandonati e rimuovendo le limitazioni degli accessi pubblici al mare invasi dai privati (a loro spese). 4. Introducendo la possibilità di "lavori invernali part-time" di abitanti di zona per la tutela e salvaguardia del territorio e dell’ambiente e sostenendo i progetti delle associazioni ambientaliste per la salvaguardia della costa e della vegetazione autoctona. 5. Incrementando i depuratori per il mare e i controlli, costanti ed oculati, di tutti i corsi d’acqua che giungono al mare, anche mediante segnalazioni dei cittadini da pubblicare su una mappa web, tale da scongiurare e contrastare eventuali scarichi abusivi e dannosi.

Repressione degli abusi per cartellonistica, manifesti e regolamentazione delle licenze E’ ormai sotto gli occhi di tutti la totale invasione del nostro territorio ad opera dei cartelloni “pubblicitari”. Dalla pubblicità commerciale alla comunicazione elettorale, siamo alla totale mercè di cartellonistica per lo più abusiva, senza contare gli striscioni ed i manifesti che vengono attaccati ovunque. Perchè ci interessa? Salvaguardare il paesaggio, togliere ostacoli per la circolazione all’utenza debole (pedoni, ciclisti, diversamente abili etc.), rispristinare la legalità, eliminare il degrado urbano che non ci permette di pensare al nostro territorio come ad un bene da salvaguardare. Come conseguiremo questo obiettivo? 1. Emanando un'ordinanza comunale, in accordo con l’ente provinciale, con fortissime pene pecuniare per i reati connessi alle affissioni abusive (compresi manifesti e striscioni), con responsabilità diretta di chi incarica la società di affissione. 2. Creando e pubblicando on line la “mappa delle affissioni abusive”, disponibile per le segnalazioni dei cittadini (con foto e descrizioni dettagliate). Invieremo la mappa alle autorità competenti per la rimozione, aggiornandola anche con gli stati di avanzamento delle pratiche. 3. Responsabilità diretta e sanzioni dei funzionari inadempienti riguardo alla rimozione degli abusi segnalati. 4. Censimento delle licenze attuali e redazione di un regolamento con un numero ristretto di licenze, Pagina 10 di 45


che indichi con chiarezza dove, in che modo, con quali norme e quali prezzi sia possibile collocare cartelli, insegne di esercizio o altre affissioni. In funzione delle richieste, verranno estratti a sorte gli assegnatari degli spazi. 5. Divieto assoluto di cartelloni luminosi e divieto assoluto di sosta per pubblicitĂ carrellata o su furgoni in prossimitĂ  di percorsi stradali o aree di sosta. Il carrello non dovrĂ  essere visibile in alcun modo da qualsiasi strada, pena sequestro immediato del mezzo. 6. Regolamentazione dei permessi per la circolazione di mezzi con manifesti pubblicitari.

Pagina 11 di 45


Economia e produzioni locali Incentivazione della vendita di prodotti locali nei mercati Le produzioni locali sono ormai strozzate dalla concorrenza di prodotti di importazione a basso costo e bassa qualità. I mercati devono essere il principale nodo di commercio per tutti i produttori e artigiani che operano nel territorio del Comune di Pomezia. Perché va fatta? L’incentivazione delle produzioni locali fornisce una serie di vantaggi: 1. Benefici ambientali derivanti dall’assente (o molto limitato) trasporto delle merci e dei beni. 2. Sostegno all’occupazione (persone impiegate nelle coltivazioni e nella vendita). 3. Abbattimento dei prezzi di trasporto, imballaggio e distribuzione (risparmio sul prezzo di cui beneficiano gli acquirenti). Come conseguiremo questo obiettivo? La proposta si articola nel seguente modo: 1. I produttori locali e artigiani potranno avere diritto a posti riservati nei mercati con un forte sconto sulla tassa di occupazione suolo pubblico. Si potrebbe pensare addirittura che non paghino la tassa. 2. I commercianti che vendono nel mercato prevalentemente merci provenienti dai produttori locali, avranno diritto ad uno sconto sulla tassa di occupazione di suolo pubblico. Chiaramente l’entità dello sconto sarà minore di quella al punto precedente perché l’obiettivo è di sostenere le produzioni e i produttori locali. 3. In entrambi i casi, i prodotti commercializzati dovranno garantire uno standard qualitativo minimo, per cui saranno studiate soluzioni per la creazione o l'adozione di un'etichetta di di identificazione sui prodotti "Made in Pomezia". 4. Per i ristoratori che dimostreranno di offrire piatti a base di prodotti locali, saranno studiati incentivi per l'attività commerciale (un'ipotesi potrebbe essere uno sconto sui tributi locali).

Incentivi per l’apertura di pub, birrerie, ristoranti ecologici Pomezia offre pochi locali dedicati alla socializzazione. L'obiettivo che ci poniamo è coniugare l'incremento di punti di aggregazione con la diffusione dei prodotti a Km zero.

Pagina 12 di 45


Perché va fatto? 1. Per offrire spazi in cui le persone possano socializzare 2. Per diffondere la cultura della valorizzazione dei prodotti locali 3. Per incentivare l'utilizzo di prodotti a km zero Come conseguiremo questo obiettivo? 1. Offrendo uno sconto sulla tariffa sui rifiuti ai locali che servono prodotti a km zero, non utilizzano contenitori usa e getta e eseguono una raccolta differenziata corretta

Sostegno alla pesca locale Il nostro litorale andrebbe tutelato e preservato e la pesca è una delle peculiarità del nostro territorio. A ciò si aggiunge che l'attuale situazione vede le imbarcazioni dei pescatori lasciate sull'arenile in modo disordinato, generando una situazione di degrado e disagio anche tra i bagnanti. Perché? 1. I pescatori necessitano di un attracco che consenta di ormeggiare in sicurezza ed in modo efficiente le imbarcazioni 2. E' necessario restituire decoro all'arenile 3. Per incentivare la pesca nel nostro mare Come conseguiremo questo obiettivo? 1. Realizzazione, a seguito di uno studio approfondito, di un molo (non un porto) che consentirà ai pescatori locali di ormeggiare in sicurezza ed in modo agevole le proprie imbarcazioni e garantirà la discesa sulla terraferma del personale e lo scarico delle merci. 2. Realizzazione, a seguito dell'individuazione di un'area adatta, del "mercato locale del pesce", dove sarà consentito vendere esclusivamente pesce pescato in acque locali.

Sostegno all'economia del Litorale Torvaianica soffre della carenza di vitalità nei periodi al di fuori della stagione balneare. Perché? Il commercio nel litorale va incoraggiato per offrire ai residenti ed ai turisti servizi degni di un quartiere popoloso che tragga beneficio dalla vicinanza al mare. Pagina 13 di 45


Come conseguiremo questo obiettivo? Sostenendo una campagna di contrasto alle attività di vendita abusive e limitando la concessione dei banchi di vendita alle sole aree di mercato, privilegiando il commercio di beni locali.

Sperimentazione dello ŠCEC In un momento di crisi economica, dove il potere di acquisto delle famiglie ha perso consistenza, proponiamo di adottare in via sperimentale una moneta locale che integri la moneta tradizionale: gli ŠCEC (http://it.wikipedia.org/wiki/Valuta_locale). Gli ŠCEC rappresentano un patto, stretto fra persone comuni, imprese commerciali artigiane ed agricole, professionisti ed Enti Locali, al fine di promuovere localmente lo scambio di beni e servizi accettando una riduzione percentuale del prezzo rappresentata dagli ŠCEC. Un passo indietro del singolo a beneficio dell'intera comunità locale. Perché? Per promuovere solidarietà tra le persone che, attraverso questo sistema, vedrebbero recuperata parte del potere d'acquisto. Come conseguiremo questo obiettivo? 1. Promuovendo una campagna di informazione sull'iniziativa 2. Avviando una sperimentazione con i cittadini, i commercianti e le imprese che si dimostrino interessate 3. Pianificando l'eventuale estensione dell'iniziativa

Carta del Cittadino La Carta del Cittadino del Comune di Pomezia sarà un documento attraverso il quale si potrà instaurare un accordo reciproco di collaborazione tra amministrazione, fornitori di beni e servizi, e cittadini. Perché? Con questa "Carta" si potrà stimolare il cittadino di Pomezia a favorire l'economia e le produzioni locali; le aziende e i commercianti locali saranno incentivati ad effettuare sconti ai possessori della "Carta"; mentre l'amministrazione si impegnerà a rispettare i principi di efficacia ed efficienza, trasparenza, ascolto delle segnalazioni e dei suggerimenti.

Pagina 14 di 45


Come conseguiremo questo obiettivo? L'amministrazione istituirĂ delle agevolazioni ai titolari della "Carta" sui vari servizi pubblici offerti; stipulando degli accordi di concerto fra tutte le parti interessate.

Pagina 15 di 45


Energia Approvvigionamento energetico sostenibile La nostra linea politica si basa sul coniugare sostenibilità ambientale e fabbisogno energetico . Questo ambizioso obiettivo, oltre ad essere di estrema importanza, consentirà al nostro territorio di essere sempre meno dipendente dalle fonti di energia classiche (altamente dannose per la salute umana e di forte impatto ambientale) e quanto più autosufficiente possibile. Per quanto possibile, il fabbisogno energetico verrà ricercato da fonti esclusivamente rinnovabili e sostenibili (sole, acqua, vento, terra), in modo da massimizzare i vantaggi sotto diversi aspetti: ambientale, economico e sanitario. Perchè? Per quanto riguarda l'aspetto ambientale è oramai evidente che l'uso di fonti energetiche rinnovabili sia sempre più imprescindibile per la salvaguardia del Pianeta. Per l'aspetto economico è da evidenziare il significativo sviluppo industriale del settore, che di conseguenza comporterà un incremento dell'occupazione lavorativa. Infine, ma non ultimo per importanza, vi è da considerare l'aspetto sanitario; la fortissima riduzione di sostanze inquinanti e climalteranti porterà effetti benefici direttamente sulla salute umana. Come conseguiremo questo obiettivo? A monte di questa linea politica ci sarà la stesura del Piano Energetico Comunale (PEC), peraltro già previsto dalla Legge n.10/91. Il PEC dovrà sviluppare un'analisi accurata per delineare le azioni di breve e lungo periodo che il comune realizzerà concretamente, affinché si raggiunga l'obiettivo di cui sopra. Siamo convinti che attuando questo Piano si possano garantire dei risultati tangibili nel già nel breve periodo. Le basi del PEC saranno: 1. Informazione. 2. Risparmio energetico. 3. Fonti rinnovabili e sostenibili. Vediamo qui di seguito i dettagli:

Informazione Saranno programmati e pianificati degli incontri periodici con i cittadini, per confrontarsi sul tema dell'energia. Inoltre si procederà a sensibilizzare gli studenti di tutte le età sul tema del risparmio Pagina 16 di 45


energetico approfondendo la cultura della sostenibilità e dell'educazione ambientale. I punti che saranno analizzati in questi incontri riguarderanno: a) L'uso razionale dell’energia, con descrizione dei metodi per evitare gli sprechi. b) Il sistema energetico in Italia: fabbisogno, fonti di produzione elettrica, dati statistici (nazionali, regionali e locali). c) Analisi e proiezioni dei rapporti costi/benefici/danni delle fonti energetiche attuali e future, sia fossili che rinnovabili. d) Informazione e motivazioni sui motivi della nostra posizione contro il nucleare. e) Il piano che intendiamo adottare per il medio e lungo periodo e gli eventuali interventi che saranno attuati nel corso del tempo, vale a dire: - divulgare quanto esposto nel programma elettorale in maniera capillare su tutto il territorio comunale; - comunicare periodicamente nel dettaglio gli interventi deliberati, iniziati e conclusi nel tempo; f) Sarà inoltre istituito un "Ecosportello" comunale finalizzato alla diffusione delle fonti rinnovabili e del risparmio energetico.

Risparmio energetico Il risparmio energetico va conseguito riducendo il consumo: a) degli edifici comunali, amministrativi e delle infrastrutture comunali; ponendo come obiettivo minimo la riduzione del 30% rispetto al consumo totale del 2010, entro 5 anni. Gli interventi da eseguire saranno: - Sviluppare un sistema di illuminazione pubblica stradale che richieda il minimo consumo energetico ed una adeguata efficienza, garantendo la sicurezza per pedoni e veicoli e che al contempo contribuisca alla eliminazione dell'inquinamento luminoso, dovuto alle dispersioni della luce verso l'alto. - Revisione del Piano Regolatore Generale (PRG) comunale; le nuove concessioni edilizie e le ristrutturazioni straordinarie dovranno prevedere l'installazione di impianti solari termici e/o fotovoltaici, e altri interventi volti a ottenere edifici ad alta efficienza energetica. - Sistema di illuminazione a led per tutti i semafori, edifici pubblici e piazze/parchi presenti nel territorio comunale. b) degli edifici privati (singoli e condominiali), industriali e commerciali, attraverso l'istituzione nel "Regolamento Edilizio" comunale dell'obbligo di interventi volti alla maggiore efficienza energetica e al risparmio dei consumi totali per gli immobili soggetti a ristrutturazione straordinaria e di nuova costruzione.

Pagina 17 di 45


Fonti Rinnovabili e sostenibili Saranno attuati i seguenti interventi e piani: a) Realizzazione di Impianti Solari (Termici e Fotovoltaici) su tutti gli edifici comunali. b) Promozione dei Gruppi di Acquisto Solare: cioè gruppi di cittadini che possono organizzarsi per installare pannelli fotovoltaici sui tetti di casa a prezzi vantaggiosi rispetto ad una installazione individuale. c) Promozione di un progetto che, attraverso la collaborazione tra amministrazione e ditte specializzate del settore, consentirà ai cittadini di installare impianti solari (termici e/o fotovoltaici) sui tetti delle proprie abitazioni (indipendenti e/o condominiali) gratuitamente. In pratica il cittadino/condominio concederà il tetto in comodato d'uso per 20 anni all'azienda installatrice. Il cittadino/condominio beneficerà dell'energia prodotta dall'impianto e l'azienda avrà i proventi del conto energia. Il 21° anno l'impianto diverrà proprietà dell'utente. d) Studio, progettazione e successiva verifica di fattibilità dei seguenti sistemi di produzione di energia elettrica e termica, da fonti rinnovabili e eco-sostenibili: - Teleriscaldamento. E' un sistema di riscaldamento di edifici pubblici e/o privati a distanza. Una grande centrale di cogenerazione (capacità di produrre energia elettrica e termica), alimentato possibilmente da biomasse, che distribuisce acqua calda utilizzabile per riscaldamento e acqua sanitaria, attraverso un processo di scambio di calore; in parallelo, il vapore prodotto all'interno della centrale viene sfruttato per produrre energia elettrica. I vantaggi riguardano sia l'aspetto generale che quello individuale e sono: ridotto impatto ambientale; risparmio energetico; risparmio economico; eliminazione dei rischi di esplosione e intossicazione da fumi; semplicità e sicurezza. - Idrogeno. Anche questo è un sistema di cogenerazione di energia elettrica e calore per uso artigianale e domestico; inoltre può essere usato come combustibile per i trasporti. L'idrogeno, prodotto tramite fonti rinnovabili (biomasse, fotovoltaico ed eolico), attraverso diversi sistemi (elettrolisi, processi termochimici e gassificazione) denominati "celle a combustione", permette la trasformazione diretta dell'energia chimica contenuta nel gas in energia elettrica e termica. I vantaggi sono notevoli, sia dal punto di vista dell'efficienza energetica che da quello ambientale; l'unica emissione è vapore acqueo. e) Studio, progettazione e successiva verifica di fattibilità di altre fonti di energia elettrica e calore, quali: geotermia; eolico; idroelettrico e biomasse.

Pagina 18 di 45


Giustizia e Sicurezza Compiti della Polizia Locale Sul diffondersi di fenomeni di illegalità che comportano un sistematico aumento dell’allarme sociale interviene il Decreto legge 23/05/2008 n.92, convertito con modificazioni dalla Legge 24 luglio 2008, n. 125 che, con la riforma dell’art.54 TUEL ha portato ad un effettivo ampliamento delle competenze locali, rafforzando il potere del Sindaco nella sua qualità di ufficiale di governo, aumentandone la responsabilità e ridisegnando la rete di rapporti tra gli organi e le forze dell’ordine della sicurezza pubblica statali e di quelli comunali della sicurezza locale. In tale ambito particolare importanza riveste il ruolo della polizia municipale per il diretto coinvolgimento nella attuazione del comma 2, in cui viene previsto, a carico del Sindaco, l’obbligo di concorrere ad assicurare la cooperazione della polizia locale con le forze di polizia statali. Perché? A tutela della sicurezza della città e dei suoi abitanti, intendiamo utilizzare tutti i mezzi che la legge mette a disposizione dell'Amministrazione. Ci sono fenomeni che possono essere arginati attuando misure di prevenzione e controllo. Come intendiamo procedere? In virtù di quanto stabilisce la legge vigente in materia, ci faremo promotori e garanti per l'adozione di misure volte a contrastare, ridurre e prevenire fenomeni di illegalità di ogni genere e pericolo. Il Corpo di POLIZIA LOCALE, nei limiti delle proprie attribuzioni e nell’ambito delle direttive impartite dall’Amministrazione comunale, provvede a: 1. vigilare sull’osservanza delle Leggi statali e regionali, dei Regolamenti e degli altri provvedimenti amministrativi, la cui esecuzione è demandata alla polizia locale, svolgendo le relative attività di prevenzione, accertamento e repressione degli illeciti; 2. assolvere incarichi d’informazione, accertamento e rilevazione connessi ai compiti d’istituto; 3. vigilare sull’integrità e sulla conservazione del patrimonio pubblico; 4. prestare i servizi d’ordine, di vigilanza, di scorta e di rappresentanza per l’espletamento delle attività e dei compiti istituzionali del Comune; 5. prestare compiti di soccorso in occasione di pubbliche calamità e disastri; 6. collaborare, nell’ambito delle proprie attribuzioni, con le Forze di polizia dello Stato. Il Corpo di Polizia Locale, oltre alle funzioni di polizia locale, nell’ambito territoriale del Comune e nei limiti delle proprie attribuzioni, esercita anche funzioni di polizia giudiziaria, funzioni di polizia stradale e funzioni ausiliarie di pubblica sicurezza.

Pagina 19 di 45


Istituzione di un commissariato di Polizia di Stato a Pomezia Perché va fatto? Il Comune di Pomezia necessita di un aumento degli uffici di polizia e precisamente l’istituzione di un commissariato della Polizia di Stato, vista anche l’espansione urbanistica della città che, se paragonata ad altre città italiane con pari abitanti risulta carente sulla disponibilità di uomini delle forze dell’ordine. Inoltre bisogna fare i conti quotidianamente con il vertiginoso aumento di fatti criminali e dell’illegalità ormai in costante incremento sul litorale ma anche in molti altri luoghi del nostro territorio. Come conseguiremo l'obiettivo? Avviando la procedura di richiesta alle autorità competenti e monitorando nel tempo lo stato della richiesta.

Pagina 20 di 45


Pubblica Amministrazione, trasparenza e cittadini Democrazia Diretta e Partecipata L’obbligo del cittadino non deve esaurirsi con il voto. L’Amministrazione della città deve essere sempre partecipata direttamente dai cittadini. Perché? Chi viene eletto non è mai vincolato al programma presentato e durante il periodo di amministrazione molte volte non rispetta le promesse fatte in campagna elettorale. Come conseguiremo questo obiettivo? Modificheremo o integreremo lo statuto comunale, per facilitare la partecipazione dei cittadini alle decisioni pubbliche. In particolare: 1. Discussione di proposte di iniziativa popolare con soglia del 1,5% degli aventi diritto al voto. 2. Introduzione del referendum propositivo, deliberativo ed abrogativo. 3. Istituzione obbligatoria del bilancio partecipato con decisione della cittadinanza vincolante nella ripartizione delle risorse. 4. Pubblicazione on line delle proposte che l’amministrazione vuole portare in consiglio, per invitare la cittadinanza a proporre idee e dar loro il diritto a votare le proposte inserite, prima di votarle in consiglio, attraverso un social network ufficiale ed interattivo del comune.

Potenziamento degli strumenti comunicativi del Comune Un comune moderno deve sfruttare le grandi potenzialità offerte dalla tecnologia. Perchè? I cittadini devono accedere a tutte le informazioni rapidamente e senza ostruzioni tramite il web. Devono essere sempre puntualmente informati delle attività dell'Amministrazione e poter interagire con ogni persona che abbia funzioni pubbliche. Come? 1) Potenziamento del sito istituzionale arricchendolo di informazioni utili per i cittadini. Per Pagina 21 di 45


esempio, deve essere chiaro come richiedere un certificato o in generale interagire con gli uffici comunali. 2) Il Comune dovrà comunicare con i cittadini anche tramite account Twitter e Facebook (come già fanno altri Comuni). 3) Istituzione di una mailing list ad iscrizione pubblica per la divulgazione delle informazioni di interesse per la cittadinanza, come per esempio la data di riunioni di giunta e commissioni da comunicare almeno una settimana prima. 4) Potenziamento delle comunicazioni tramite PEC (posta elettronica certificata), incrementando il numero degli indirizzi del Comune assegnati ai Dirigenti, Assessori, Consiglieri, Presidenti di Commissione, Funzionari. 5) Dirette web (in streaming e con possibilità di visione in differita) del Consiglio Comunale. 6) Inviti alle scuole per assistere ai consigli comunali.

Federalismo demaniale L’Agenza del Demanio, secondo il decreto legislativo n.85 del 28 maggio 2010 emanato in attuazione dell’articolo 19 della legge 5 maggio 2009, n. 42 stabilisce che: alcuni beni statali vanno attribuiti a titolo non oneroso a Comuni, Province, Città metropolitane e Regioni, che sono tenuti a garantirne la massima valorizzazione funzionale. Perché? Gli enti locali in stato di dissesto finanziario non possono alienare i beni ad essi attribuiti, ma possono utilizzarli solo per finalità di carattere istituzionale. L’ente territoriale, a seguito del trasferimento, dispone del bene nell’interesse della collettività ed è tenuto a favorire la massima valorizzazione funzionale del bene attribuito, a vantaggio diretto o indiretto della medesima collettività territoriale rappresentata. Come conseguiremo questo obiettivo? 1. Coinvolgendo in una "consultazione popolare" i cittadini prima di decidere come valorizzare un bene. Tale consultazione dovrà avvenire on line e sarà possibile inserire proposte o progetti relativi al bene disponibile. La consultazione dovrà essere determinante nella decisione, essendo i cittadini i legittimi proprietari dei beni. 2. Rendendo pubblico nel sito del Comune l’elenco dettagliato dei beni. 3. Evitando la vendita (in particolare privati) e mettendo a disposizione dei cittadini i beni “comunali”. Visto che il nuovo piano particolareggiato prevede una MASSICCIA CEMENTIFICAZIONE del territorio, dare ai privati ulteriori spazi vuol dire far morire la città. I progetti che saranno privilegiati saranno quelli di valorizzazione del territorio, che siano un bene per la collettività come Pagina 22 di 45


ad esempio aree che diventino polmoni verdi per la città. Per le cubature già presenti, i capannoni abbandonati all’interno di queste aree devono diventare strutture sociali o servizi per il cittadino. Riteniamo che scegliere di vendere semplicemente ai privati, per coprire temporaneamente deficit di bilancio, non sia una scelta fatta per il futuro della nostra città.

Situazione patrimoniale e delle spese degli eletti Gli Amministratori di una città devono essere trasparenti davanti a tutti, dichiarando la propria professione e come avviene per i dirigenti pubblici, la propria denuncia dei redditi. Perché? Come stabilito dallo STATUTO del Comune di Pomezia, Art. 37, ovvero "Pubblicità della situazione patrimoniale e delle spese elettorali". 1. Gli atti relativi alla situazione patrimoniale, ai redditi del Sindaco, dei candidati alla carica di sindaco e dei consiglieri comunali sono depositati presso l’ufficio di Segreteria Generale e sono liberamente consultabili, su specifica richiesta, da chiunque. Nel rispetto della normativa vigente in tema di privacy, la Segreteria Generale deve comunicare all’interessato l’avvenuta richiesta di visione della propria situazione patrimoniale ed informarlo della data stabilita della visione. 2. Gli atti di cui al precedente comma devono essere depositati entro sessanta giorni dall’avvenuta elezione o subentro, rinnovati ogni anno contestualmente alla scadenza di presentazione di denuncia dei redditi. Come conseguiremo questo obiettivo? Pubblicando sul sito Istituzionale del Comune una presentazione completa di dati anagrafici, della propria professione e dei redditi dichiarati.

Razionalizzazione della spesa pubblica. Uso di “Software Open Source” e “Software freeware” Visto che la spesa per le pubbliche amministrazioni locali relativa ai sistemi informatici non è affatto trascurabile, perché acquistare computer con sistemi operativi (come Windows) e programmi a pagamento quando si possono installare programmi e sistemi gratuiti (es. Linux)? Oramai le interfacce e l'applicazione pratica sono talmente immediate che non operare in questo senso è un vero spreco. Perché? L'informatica è fondamentale per una gestione funzionale e un diretto contatto con i cittadini, l’intento principale è quindi risparmiare dalle casse comunali per ridistribuire i proventi del Pagina 23 di 45


contenimento della spesa verso interventi a favore della collettività. Bisogna fare in modo che i vari apparecchi/programmi/sistemi informatici comunali siano, per quanto possibile, dotati di programmi a “sorgenti aperte” (open source come Linux, Firefox, Open Office, VLC, Gimp, 7-Zip ecc.) e altri programmi a costo zero (software freeware). Come conseguiremo questo obiettivo? 1. Effettuando informazione sull’utilizzo di software "open source" (come Open Office) e più in generale sui vantaggi offerti da un approccio open source all’informatica. 2. Organizzazione di corsi (magari nella Biblioteca comunale) integrati con delle “install fest”, ovvero appuntamenti ai quali l’utente, munito di PC di proprietà, viene assistito nell’installazione di software libero. Le “install fest” saranno un'opportunità per far capire a coloro che si approcciano per la prima volta a questi strumenti, come risultino intuitivi ed efficaci come i software a pagamento. 3. Valutando la migrazione, negli uffici comunali, da sistemi basati su software commerciale a software gratuito e open source

Razionalizzazione della spesa pubblica. Revisione degli stipendi dei dirigenti comunali. L'Italia è un paese con un debito pubblico altissimo (oltre 1700 miliardi di euro-dati istat riferiti a dicembre 2009), che inevitabilmente grava pesantemente sul benessere sociale della collettività. La causa principale di questo enorme "buco finanziario" è una politica scellerata protratta da decenni in Italia. Perché? La soluzione per arginare questo "vortice" è la razionalizzazione delle risorse economiche pubbliche, riducendo fortemente i costi della burocrazia, della politica e di tutto ciò che a queste sono legate. Come? A livello comunale l'intervento principale per attuare un significativo risparmio delle spese per l'amministrazione è la riduzione degli stipendi dei dirigenti comunali.

Segnalazioni guasti e anomalie per via telematica Un’amministrazione efficiente deve ridurre le distanze con i cittadini ed instaurare con loro un filo diretto. I cittadini, infatti, posso operare un controllo capillare del territorio, almeno nei quartieri Pagina 24 di 45


dove risiedono. Come conseguiremo questo obiettivo? Dotando l’amministrazione comunale di un sistema informatico (da integrare nel sito istituzionale) con una o più pagine web, un numero verde dedicato e un numero per inviare SMS, a disposizione dei cittadini per le segnalazioni di: •

discariche abusive / abbandono di rifiuti

buche

anomalie nell’illuminazione pubblica

danni ambientali di vario genere (es. inquinamento dei fossi)

Tale sistema dovrà consentire al cittadino di seguire lo stato di lavorazione della sua segnalazione. Il recupero di queste informazioni direttamente dal sito, consente di alleggerire anche il carico di lavoro sui funzionari comunali, che vedranno limitate le richieste di informazioni sulla segnalazione.

Incremento della connettività internet pubblica wi-fi Il progetto WiFi consiste nell'installazione in piazze, biblioteche e luoghi di ritrovo del territorio comunale di apparati per l'accesso gratuito ad Internet. Perché? Permettere la libera connessione ai cittadini del Comune di Pomezia, raggiungendo le zone ancora non coperte da connessione via cavo. La connettività libera potrà fornire un notevole impulso allo sviluppo economico locale e costituirà certamente un esempio importante per tutti gli enti locali i quali seguendo tale esempio potrebbero fornire una possibilità per lo sviluppo economico e per l’ammodernamento del nostro paese. Come? Attivando ed ampliando i 4 hot spot (router collegati a provider) che ad oggi la Provincia di Roma ha installato nel nostro Comune. Sarà incentivato il contributo dei privati, esercizi commerciali e associazioni no-profit, che possono installare gli access point nei loro locali e, nel rispetto delle norme di legge previste per l'accesso alla Rete, offrire un servizio ai loro clienti o associati.

Pagina 25 di 45


Rifiuti Estensione della raccolta differenziata Porta a Porta La raccolta differenziata Porta a Porta rappresenta un metodo efficace per la separazione della frazione "umida" dei rifiuti (tipicamente scarti alimentari) da quella secca (plastica, vetro, ecc.). Perché? 1. Essa consente il recupero dei materiali fino ad oltre il 90% eliminando la necessità di ricorrere alle discariche e agli inceneritori (che qualcuno chiama impropriamente "termovalorizzatori"). 2. La legge (Decreto Legislativo 3 aprile 2006 n. 152) impone che si differenzi almeno il 65% dei rifiuti entro il 31 dicembre 2012. 3. Tramite la raccolta differenziata Porta a Porta è possibile passare dal sistema di tassazione TARSU al più equo TIA, che consente di pagare una tariffa proporzionale ai rifiuti prodotti (più ne produci, più paghi). Come conseguiremo questo obiettivo? 1. Realizzando una campagna informativa capillare per spiegare ai cittadini il nuovo sistema di raccolta. 2. Distribuendo opuscoli informativi che consentano una rapida separazione dei materiali riciclabili da quelli indifferenziati (basati sui Codici universali internazionali di riciclaggio). 3. Estendendo a tutto il territorio comunale la raccolta differenziata Porta a Porta. 4. Passando alla TIA per far risparmiare i cittadini che eseguono al meglio la raccolta differenziata. 5. Estendendo il numero dei materiali da avviare a recupero stipulando accordi con centri di riciclo come quello di Colleferro. 6. Pretendendo dalla ditta che si occupa del recupero dei materiali la tracciabilità degli stessi, in modo da pubblicare on line dati statistici sulla quantità e qualità dei rifiuti riciclati. 7. Diffondendo on line i dati aggiornati sulla percentuale di raccolta differenziata. 8. Avviando contatti con i comuni limitrofi per la realizzazione di impianti di compostaggio per il recupero della frazione umida dei rifiuti. 9. Coinvolgendo le attività commerciali (ad esempio i supermercati) nell'incentivazione alla differenziazione predisponendo contenitori per il recupero dei materiali che diano diritto ad uno sconto sulla merce acquistata.

Pagina 26 di 45


Informazione sull'utilizzo dell'isola ecologica L'isola ecologica è un'area di stoccaggio temporaneo di rifiuti che non possono essere prelevati tramite il porta a porta. Perché? Integra al meglio il sistema di raccolta differenziata Porta a Porta consentendo il conferimento di rifiuti pericolosi o ingombranti. Come? 1. Informando i cittadini sulla sua esistenza e sul suo corretto utilizzo allegando informazioni sugli orari di apertura e sulla natura dei rifiuti che è possibile conferire in essa nei bollettini per il pagamento della tariffa sui rifiuti e sulle comunicazioni sul tema dei rifiuti 2. Informando in modo capillare i cittadini attraverso il sito web istituzionale e incontri pubblici nei quartieri

Riduzione degli imballaggi I supermercati e i centri commerciali sono pieni di prodotti i cui imballaggi sono per lo più inutili. Le aziende produttrici “gonfiano” contenitori, scatole, sacchetti ed altro per invogliare all’acquisto i consumatori, seguendo dannose logiche di marketing. Questa pratica scorretta danneggia gravemente, in alcuni casi in modo irreparabile, l’ambiente. Perché? Gli imballaggi derivati dalla plastica generano un enorme spreco di risorse sia per la loro produzione che per il loro smaltimento. Alcuni tipi di plastica sono infatti praticamente indistruttubili e vanno a finire in discarica, negli inceneritori o addirittura dispersi nell’ambiente e nei mari. Come? Per limitare il problema dei rifiuti indotti dagli imballaggi inutili, ci faremo promotori di iniziative che coinvolgano i commercianti per avviare o potenziare la vendita di prodotti sfusi. E’ molto semplice da realizzare per: •

detersivi

cosmetici e prodotti per il corpo

prodotti alimentari

latte Pagina 27 di 45


vino

olio

Adozione della strategia rifiuti zero La gestione dei rifiuti è un'attività di primaria importanza per un comune. E' possibile mettere in atto una serie di iniziative che consentano di raggiungere l'azzeramento della produzione dei rifiuti entro il 2020. Perché? 1. Le discariche sono ormai sature e insieme agli inceneritori, generano danni irreversibili alla salute umana e all'ambiente. La strategia "Rifiuti Zero" ha come obiettivo la riduzione "alla fonte" dei rifiuti. Questo significa ripensare il meccanismo produttivo industriale per utilizzare solo materiale eco-compatibile e riutilizzabile. Come? 1. Adesione al programma internazionale Zero Waste (Rifiuti Zero), che prevede di coinvolgere industrie, attività commerciali e cittadini nel processo di riduzione dei rifiuti alla fonte 2. Acquisti Verdi (a basso impatto per l'ambiente) 3. Compostaggio domestico (realizzazione di terriccio fertilizzante dagli scarti alimentari) 4. Consumo di acqua del rubinetto 5. Latte alla spina 6. Acqua del rubinetto nelle mense scolastiche 7. Detersivi alla spina 8. Mercato dei prodotti locali 9. Pannolini ecologici 10. Assorbenti ecologici 11. Mercatino di scambio e riuso 12. Eliminazione della plastica "usa e getta"

Pagina 28 di 45


Scuola e cultura La scuola e' il sostegno della cultura e fornisce le basi del "buon cittadino". La scuola è il fondamento della società. E' soprattutto qui, infatti, che il bambino si trova a doversi relazionare con altri individui ed entra in contatto per la prima volta con oggetti che appartengono ad un'entità fino ad allora a lui poco nota, la "comunità". E' ancora tra i banchi di scuola che ai ragazzi vengono forniti gli strumenti per comprendere il mondo che li circonda, in modo da valutarlo criticamente e in ultima analisi, cercare di cambiarlo ove sia necessario. La scuola dev'essere pertanto fonte di "ispirazione" innovativa per le nuove generazioni, perché soltanto educandole al rispetto, alla condivisione e alla meritocrazia sarà possibile vedere, in futuro, un'Italia dal volto pulito.

Sviluppo della cultura ambientale nelle scuole Perché? Sviluppare ed arricchire gli insegnamenti scolastici su tematiche quali innovazione, ambiente e integrazione culturale, è il nostro lasciapassare per una città equilibrata e in armonia con il suo territorio e i suoi abitanti. Ad esempio l'educazione ambientale e i progetti interculturali sono di fondamentale importanza per raggiungere obiettivi come la corretta alimentazione, la valorizzazione del territorio, il risparmio delle risorse e il rispetto per l’ambiente. Come conseguiremo questo obiettivo? 1. Riduzione dei rifiuti alla fonte Uno dei primi insegnamenti per i bambini ed i ragazzi sarà quello di limitare la produzione dei rifiuti, ancor prima di differenziarli e riciclarli. Verrà scritto e distribuito nelle scuole un opuscolo informativo su come limitare al minimo gli imballaggi e minimizzare l'utilizzo delle risorse nella vita quotidiana. L'opuscolo verrà realizzato con il contributo on-line dei cittadini, tramite l'apertura di un blog dedicato. Inoltre, si getteranno le basi per: - Graduale eliminazione dei materiali "usa e getta", come bicchieri e piatti in plastica. Questa azione sarà applicata sia quotidianamente a scuola che durante le gite scolastiche. 2. Sostegno economico agli istituti scolastici "virtuosi". Grazie all'auspicabile estensione del porta a porta a tutto il territorio municipale e al conseguente passaggio dal sistema di tassazione TARSU al sistema TIA, gli istituti scolastici che meglio eseguiranno la raccolta differenziata e che diminuiranno la produzione di rifiuti indifferenziati Pagina 29 di 45


produrranno un abbassamento delle spese comunali, in quanto è il comune stesso a provvedere al pagamento di tali tasse tramite contributi statali forfettari. Questi istituti "virtuosi" verranno favoriti economicamente poiché una percentuale del risparmio comunale sullo smaltimento dei rifiuti dovrà essere ceduta all'istituto "virtuoso" in aggiunta ai fondi comunali annualmente forniti. Il risparmio verrà calcolato come la seguente differenza: spese comunali totali per lo smaltimento dei rifiuti nell'ultimo anno di utilizzo del sistema TARSU - spese di un anno di utilizzo della tassazione TIA. 3. Educazione al risparmio di energia e risorse. Ci faremo promotori (coadiuvati da associazioni con cui stipulare dei protocolli d'intesa) della fornitura di locandine e/o dei pieghevoli volti ad informare gli insegnanti sul risparmio energetico. Tale materiale conterrà spiegazioni a misura di alunno su: - Principali cicli naturali delle risorse utilizzate dall'uomo. (Provenienza e percorsi delle risorse; loro natura non infinita; benefici provenienti dal risparmio di energia e risorse) Verranno anche proposti agli insegnanti degli "stratagemmi" di risparmio energetico a portata di alunno e consigliate attività di educazione ambientale da svolgere durante le ore scolastiche, anche in contemporanea con altre materie (esempi: giochi a tema durante le ore di educazione fisica; l'assegnazione settimanale ad un alunno per classe del compito di "spegniluce" ufficiale = addetto allo spegnimento della luce ogni volta che la classe lascia l'aula). Inoltre, si getteranno le basi per: - Utilizzo di un depuratore per l'acqua di rubinetto, ove necessario (ad esempio se l'acqua risultasse troppo dura) - Utilizzo di filtri rompigetto per limitare lo spreco di acqua 4. Educazione alla differenziazione dei rifiuti. Noi proporremo (anche coadiuvati da associazioni con cui stipulare dei protocolli d'intesa) ai vari istituti: - iniziative volte alla conoscenza del grande valore dei rifiuti riciclati (es: lezioni sul processo di riciclo rifiuti). - iniziative volte a sensibilizzare i bambini e i ragazzi sull'emergenza rifiuti, descrivendo i danni prodotti dagli inceneritori e dalle discariche a tutti i livelli (inquinamento acque, rischio per la salute, ecc.). In particolare, si cercherà di insegnare che la soluzione non è "allontanare il problema", e quindi dislocare discariche o inceneritori, ma evitarlo alla radice. Come nel punto 3, si consiglieranno agli insegnanti attività di educazione alla differenziazione da svolgere durante le ore scolastiche, anche in contemporanea con altre materie.

Pagina 30 di 45


Iniziative per una corretta e sana alimentazione Perché? Le fasi dell'infanzia, adolescenza e pubertà sono momenti fondamentali dello sviluppo psicofisico di un individuo. E' soprattutto in questi periodi che le persone sviluppano delle abitudini alimentari che possono, a lungo andare, danneggiare la salute. E' per questo motivo che riconosciamo l'importanza di una corretta educazione alimentare. Come conseguiremo questo obiettivo? 1. Orti scolastici Realizzazione di orti scolastici nelle scuole del Comune di Pomezia, in cui i bambini possano imparare come dalla cura della terra possano nascere frutta e verdure da poter consumare nei pasti della mensa e a merenda. Un vero e proprio esempio di autoproduzione a impatto zero per l’ambiente. Inoltre i bambini, essendo stati protagonisti nella crescita dei prodotti, impareranno ad apprezzare frutta e verdura e probabilmente saranno invogliati a mangiarli. 2. Sensibilizzazione per combattere l'abuso di "cibo spazzatura". Si proporrà di verificare che tra i vari progetti scolastici siano presenti dei corsi tenuti da individui qualificati (cittadini volontari, membri di associazioni, ecc.) che descrivano, con il tatto necessario in caso di bambini, le conseguenze sia ambientali che fisiche dell'abuso di tali cibi malsani. Si sottolineerà inoltre il collegamento tra il benessere fisico e la corretta alimentazione. In linea con tali insegnamenti, si passerà alla rimozione o alla sostituzione dei distributori di snack nelle scuole con erogatori di cibo meno dannoso per la salute.

Sostegno alle scuole - Emergenza fondi economici E' risaputo che molte scuole sono costrette a chiedere "donazioni" ai genitori dei ragazzi per finanziare le esigenze più disparate, a volte anche basilari. I genitori sono quindi costretti a caricarsi una ulteriore spesa di cui talvolta non si riceve un resoconto di come sia stata utilizzata. Perché? I fondi economici alle scuole vanno diminuendo di anno in anno, a causa dei tagli delle manovre finanziare e delle riforme della scuola. Ci proponiamo quindi di aiutare le scuole in modo mirato, avendo tracciabilità delle donazioni fatte di volta in volta dai genitori. Come conseguiremo questo obiettivo? 1. Nell'immediato: Pagina 31 di 45


- Elencare esattamente quello che serve agli istituti scolastici, in modo da avere una tabella chiara delle esigenze della scuola. - Donazioni dei genitori e dei privati, non solo in denaro, ma anche in beni materiali come carta riciclata (ad esempio), in linea con quanto indicato nelle tabelle di cui sopra. - Coinvolgere le imprese presenti sul territorio, l'isola ecologica e privati cittadini che vogliano disfarsi di dispositivi elettronici in disuso (PC, stampanti), purché siano in condizioni idonee ad essere utilizzate dai ragazzi. - Coinvolgere le aziende private per ristrutturazioni di strutture (ad esempio bacheche, banchi, finestre ecc.) in cambio di targhe pubblicitarie da apporre sull’opera bonificata. 2. Iniziative per evitare conti in rosso in futuro: - Utilizzo di software gratuiti nei pc scolastici e stampanti esclusivamente LASER. - Le spese dei vari istituti scolastici (i bilanci) dovranno essere chiari e comprensibili anche per i non esperti in materie economiche, ed inoltre accessibili tramite internet da chiunque volesse consultarlo. Si inciterà in questo modo la partecipazione dei genitori e degli studenti stessi alle problematiche dei vari istituti. - Le scelte dei vari dirigenti scolastici in materia di fornitori dovranno essere trasparenti, le gare e le assegnazioni andranno registrate e tracciate su internet. - Incentiveremo la costituzione di commissioni formate da rappresentanti di genitori ed insegnanti. - Per venire incontro all'esigenza dei genitori di comprendere le modifiche che sta correntemente subendo il sistema scolastico, in caso di differenze nei costi dei corsi scolastici tra alunni di diverse età appartenenti allo stesso istituto, l’istituto stesso dovrà occuparsi di informare in maniera dettagliata i genitori dei motivi delle varie tariffe applicate. - Utilizzare le strutture scolastiche al meglio (corsi pomeridiani/serali ecc.) o permettere alla scuola di organizzare eventi di autofinanziamento in modo da reperire fondi da reinvestire per colmare i tagli statali.

Linee guida per un mondo web a sfondo culturale Perché? Lo scopo di queste linee guida sarà quello di porre l'attenzione sull'utilizzo di internet come risorsa web a sfondo culturale. Ad esempio: corsi di lingue straniere on-line gratuiti, blog e siti di ecologia, istruzione per l'accesso alle informazioni da più sorgenti, guida ai servizi di pubblica utilità ecc. Come conseguiremo questo obiettivo? Verrà aperto uno spazio apposito sul sito del Comune, con il compito di coadiuvare la stesura di un Pagina 32 di 45


opuscolo informativo riguardante degli esempi chiave di libera informazione tramite il web, come ad esempio il caso Wikipedia, l'enciclopedia libera e globale, siti dedicati allo studio delle lingue straniere, servizi di pubblica utilità on line, servizi di tutela dei consumatori.

Sicurezza ed educazione stradale nelle scuole Perché? La necessità di diffondere un progetto formativo sin dall’età scolare sulle nozioni di sicurezza stradale è fondamentale poiché gli incidenti stradali rappresentano un problema anche tra i giovanissimi. Infatti più di un terzo dei ricoveri al Pronto Soccorso per incidenti stradali rientra nell’età tra i 15 e i 29 anni. L’Italia si trova al secondo posto in Europa nella classifica per nazioni delle morti su strada e nello specifico proprio la Regione Lazio ma soprattutto la provincia di Roma ha un tasso d’incidentalità molto superiore rispetto ad altre province italiane(Fonte: Istat). Come conseguiremo questo obiettivo? 1. Formando i ragazzi sin dall’età scolastica, con l’ausilio delle forze dell’ordine, degli operatori del servizio di emergenza 118/Pronto Soccorso e dei docenti insegnanti delle scuole guida. 2. Implementando gli standard di efficienza del sistema formativo sul tema della sicurezza stradale, si contribuirà ad evitare molte cause di incidenti stradali.

Rivalutazione dell'educazione fisica Perché? Molto spesso le già scarse ore di educazione fisica vengono considerate delle ore di recupero di altre materie poiché non se ne comprende l'importanza nel processo di sviluppo psicomotorio del bambino e del ragazzo. Proponiamo di ridare a questa fondamentale materia il suo giusto peso. Come conseguiremo questo obiettivo? Ci impegniamo, in accordo con gli organismi scolastici preposti, a fornire dei fondamenti di educazione motoria per tutti gli insegnanti degli istituti sul suolo comunale, anche facendosi supportare da associazioni, previa fattibilità a livello economico. Tali fondamenti verranno assimilati dagli insegnanti tramite dei corsi obbligatori. I corsi saranno diversificati in base alle diverse età di sviluppo e saranno in numero massimo di quattro.

Pagina 33 di 45


Aumento degli asili nido comunali Perché? In questo periodo di crisi, molti genitori non possono permettersi di assentarsi dal lavoro per accudire quei figli che non hanno ancora l'età per entrare negli asili. Ne consegue la crescente domanda di asili nido sul territorio comunale. Visto che il numero di asili nido comunali è del tutto insufficiente e non ha seguito l'evoluzione demografica di Pomezia, ne consegue che molte famiglie non rientrano nelle graduatorie, e sono costrette letteralmente ad arrangiarsi. Come conseguiremo questo obiettivo? 1. Una città con ormai più di 60.000 abitanti come Pomezia, necessita della costruzione di nuovi asili comunali, sul modello di quello già esistente, con rette proporzionali al reddito familiare.

Valorizzazione di multiculturalità e cosmopolitismo nelle scuole Perché? L'integrazione culturale affonda le sue radici nell'educazione da ognuno ricevuta durante l'infanzia e l'adolescenza. Per questo, il Comune proporrà alle scuole comunali dei progetti che abbiano come fine la conoscenza delle varie culture (comprendendo anche quella occidentale) presenti sul territorio italiano, con particolare riferimento ai vari gruppi etnici di Pomezia.

La "scuola" non è solo per ragazzi Perché? Quando un adulto entra nel mondo del lavoro, molto spesso si trova a contatto con un singolo e particolare settore per la maggior parte del suo tempo. Non ha quindi molte occasioni per cimentarsi in altre discipline e finisce così per mettere da parte quell'elasticità mentale che era stata faticosamente acquisita grazie alla varietà delle materie scolastiche. E' invece importante che ogni individuo abbia quantomeno la possibilità di mettersi in gioco, di continuare ad apprendere e di stimolare la propria curiosità. Sono questi infatti dei requisiti fondamentali del cittadino consapevole. Pertanto la "scuola" (intesa come allenamento del pensiero) dovrebbe essere considerata un esercizio di vita, ed essere accessibile anche alle persone che hanno completato il loro percorso di studi. Esistono inoltre situazioni in cui l'apprendimento in una fase avanzata della vita diventa necessario. Si prenda ad esempio il caso degli immigrati, per i quali è necessario lo studio della lingua italiana. Ci impegniamo a promuovere quegli studi che favoriscano sia l'integrazione sociale a chi ne ha bisogno che il proseguimento di un percorso di apprendimento Pagina 34 di 45


concluso. Come conseguiremo questo obiettivo? 1. Potenziamento dell'insegnamento della lingua italiana gratuito o a costo ridotto (in base al reddito dichiarato) agli immigrati che abbiano il permesso di soggiorno o ne abbiano almeno fatto richiesta. 2. Sviluppo di programmi di conoscenza dei paesi di appartenenza degli stranieri per gli italiani di Pomezia. Organizzazione di manifestazioni ed eventi con tale tema con la cooperazione degli stranieri stessi. Possibile fondazione di una "Società Internazionale". Tale società-associazione culturale "internazionale" avrà il fine di permettere ai nativi italiani di comprendere le differenze tra le varie culture, di sviluppare un interesse nei loro confronti e possibilmente di essere infine in grado di apprezzarle. 3. Divulgazione dell'esistenza di punti gratuiti di ritrovo, come la sala conferenze della biblioteca comunale. Stimolare incontri tra adulti (studenti universitari e non) che abbiano temi scelti dalla popolazione stessa tramite sondaggi e gestiti dai cittadini stessi.

Trasmissione del sapere di generazione in generazione Perché? Gli anziani sono i detentori delle maggiori esperienze di vita. Per questo è importante che alle persone di età avanzata venga consentito di condividere le capacità acquisite nel loro percorso. Come conseguiremo questo obiettivo? Si darà la possibilità ai membri dei centri anziani di condividere le loro competenze sotto forma di "corsi" rivolti principalmente a bambini, ma anche a ragazzi ed adulti. I costi saranno ridotti e serviranno principalmente da autofinanziamento per i centri anziani che propongano tali corsi.

Compimento della costruzione di un teatro comunale Perché? La realizzazione di un teatro comunale non solo fornirebbe nuova linfa vitale all'attuale esigua vita culturale pometina ma, fungendo da punto di raccolta e ritrovo, permetterebbe l'aumento del numero associazioni artistiche locali, amatoriali e non.

Pagina 35 di 45


Come conseguiremo questo obiettivo? Ci impegniamo a mettere in atto tutte le procedure necessarie a portare a termine i lavori presso lo stabile di Pomezia, Via Virgilio (ex mercati coperti). In seguito, il teatro si svilupperà economicamente grazie alla messa in scena di spettacoli di società private. Ciò nonostante avremo come primo obiettivo il dare spazio alle associazioni locali e ai giovani promettenti, proponendo per questi prezzi di utilizzo vantaggiosi e alla loro portata. Ad esempio, il teatro potrebbe diventare il punto nevralgico delle esibizioni di gruppi musicali pometini, ad oggi forzati ad accontentarsi prevalentemente di fornire intrattenimento musicale gratuito in vari pub e locali.

Pagina 36 di 45


Sociale e sanità Miglioramento dei centri per anziani Ai centri per anziani sono state tagliate molte risorse nel tempo, come del resto a tutto il resto della comunità. In pratica il contributo del Comune nelle attività di questi centri è minimo e lo spazio è ormai insufficiente, bisogna aumentare le risorse di questi centri e dare il diritto agli anziani di Pomezia ad un posto di ritrovo che sia al tempo stesso efficiente e confortevole. Perché? La popolazione di Pomezia è aumentata molto negli ultimi anni, pertanto anche le persone della terza età che vi risiedono. Come conseguiremo questo obiettivo? 1. Valutando la necessità di destinare ulteriori locali in sostegno delle attività per la terza età 2. Donando o finanziando risorse di svago come carte da gioco, tavolini, un biliardo (ad esempio) che permettano a tutti di passare qualche ora di relax e divertimento. 3. Organizzando delle mini attività all'interno dei centri, come ad esempio: - corso di pronto soccorso, che aiutino gli anziani ad avere nozioni di base su questo argomento. - seminari di lettura, in modo da aiutare quelle persone che hanno difficoltà a leggere.

Deambulatori per anziani Perché? Gli anziani che non sono al 100% capaci di muoversi vanno aiutati perché hanno diritto ad una passeggiata all'aria aperta. Come conseguiremo questo obiettivo? Il Comune potrebbe mettere a disposizione dei deambulatori dotati di rotelle. Questi dispositivi, chiamati anche "rollator", sono di grande aiuto per quegli anziani che sono limitati nella loro capacita' di muoversi e camminare. I deambulatori saranno messi a disposizione delle ASL oppure dagli stessi centri per anziani di Pagina 37 di 45


Pomezia.

Pronto Soccorso Multidisciplinare Nonostante la veloce crescita demografica degli ultimi anni, Pomezia manca di un reparto maternità e di un ospedale pubblico. Proponiamo che il Comune si impegni per cercare di realizzare almeno un Pronto Soccorso Multidisciplinare. Perché? E' noto che a causa del perdurare della situazione di indebitamento della regione Lazio, non è possibile pensare attualmente alla realizzazione di un ospedale pubblico o reparto maternità di nessun genere nella nostra città. Mentre con una spesa notevolmente inferiore, si potrebbe aprire un pronto soccorso multidisciplinare attrezzato, che possa intervenire soprattutto nelle emergenze pediatriche e neonatali. Come conseguiremo questo obiettivo? Il Comune di Pomezia, di intesa con la Regione Lazio, potrebbe proporre e favorire dei distaccamenti di ospedali già esistenti come il Grassi, il S. Eugenio o il Bambin Gesù. La proposta potrebbe essere strutturata mettendo a disposizione uno stabile inutilizzato del comune o di altra istituzione presente sul nostro territorio. Successivamente quando e se saranno disponibili i fondi necessari, si potrebbe ampliare il pronto soccorso trasformandolo in un vero e proprio ospedale pubblico .

Punto Primo Intervento H24 PPI: Punto di Primo Intervento H24 per i codici Bianco/Verde gestito dai medici di base e Servizio di continuità assistenziale (Guardia Medica) per snellire gli accessi impropri al Pronto Soccorso e ridurre i costi dei DRG (Rimborsi per gli accessi al P.S.)

Incremento numero ambulanze emergenza sanitaria Sarà richiesto l'incremento a 2 unità Ambulanze ARES 118. Attualmente abbiamo a Pomezia solo un’ambulanza disponibile (ne servirebbe 1 ogni 30.000 ab.)

Servizio di Continuità Assistenziale (Guardia Medica) Servizio di Continuità Assistenziale (Guardia Medica) dedicata con numero (verde) dedicato locale Pagina 38 di 45


e centrale a Pomezia in P.zza A. Moro (attualmente è di difficile reperibilità perché si trova a Nettuno).

Elisoccorso Creazione di una Piazzola comunale dedicata per Atterraggio Elisoccorso abilitata H 24 (illuminata notturna) per trasporto pazienti urgenti al DEA II livello di riferimento Osp. S. Camillo-Forlanini o altro (Es. rianimazione, cardiochirurgia, neurochirurgia, politraumi) .

Servizi Sanitari Attiveremo procedure amministrative (attraverso il contatto con la ASL RM H) per dotare i Poliambulatori di competenza di maggiori potenzialità nei servizi da offrire, compresa assistenza domiciliare adeguata ed efficiente per gli utenti che ne hanno diritto come sancito dall'Art. 32 della costituzione e dalla "Carta europea dei diritti del malato".

Residenze Sanitarie Assistenziali Perché RSA - Residenze Sanitarie Assistenziali per anziani, attualmente il nostro territorio non dispone di questo genere di servizio pubblico ma solo privato a pagamento a differenza di altri comuni a noi limitrofi (es. Anzio, Albano). Come conseguiremo questo obiettivo? Attiveremo le procedure per realizzare tali residenze, individuando le strutture da adibire allo scopo.

Pagina 39 di 45


Sport, giovani e tempo libero Sport ed eventi sportivi non agonistici Perché? Lo sport è alla base di una società sana e in armonia con se stessa. Promuoviamo la realizzazione di attività sportive non agonistiche aperte a tutti, gratuite o a prezzi molto bassi. Come conseguiremo questo obiettivo? 1. L'accesso alle attività sportive amatoriali va promosso con una campagna informativa e va indirizzato a tutta la cittadinanza. 2. Chiusura domenicale del centro di Pomezia ed organizzazione di eventi sportivi amatoriali e a basso costo. In questi eventi andranno recuperati fondi che verranno destinati a corsi di attività sportiva promossi dal comune. Non ci saranno premi in denaro, ma solo simbolici. I fondi verranno recuperati grazie a donazioni da parte dei cittadini (a partire anche da 1 euro) ed esercizi privati che potranno sostenere economicamente l'evento sportivo in cambio di pubblicità, purché questa sia rispettosa dell'ambiente (esempio: postazioni multimediali con trasmissione di materiale audiovisivo, locandine riutilizzabili, locandine in carta riciclata, dimensioni contenute ecc.). Saranno pubblicati on-line i fondi disponibili e le attività, suggerite dai cittadini tramite un blog dedicato, a cui verranno destinati. 3. Riduzione dei costi per l'utilizzo di palestre di impianti scolastici comunali per quelle società sportive che propongano corsi a costi ragionevoli e/o personalizzati in base al reddito familiare. 4. Organizzazione diretta o convenzionata con palestre e strutture sportive di corsi di ginnastica dolce, piscina, arti marziali e in generale attività sportive meno popolari, a costi tali da poter consentire l’accesso anche alle categorie disagiate e/o a gruppi familiari. Si potranno individuare diverse fasce di pagamento in base al reddito familiare. 5. Possibilità di pagare le singole lezioni, in alternativa ad un canone mensile.

Spazi pubblici e contenitori musicali e/o culturali per giovani A Pomezia ci sono pochi centri di aggregazione che diano modo alle giovani realtà di esibirisi, ad esempio nella musica. Lo stesso dicasi per la danza, la recitazione e le più varie espressioni artistiche. Perché? Pur in presenza di un gran numero di giovani che impegnano le proprie energie ed il loro tempo in Pagina 40 di 45


attività artistiche e culturali (musica, danza, pittura, fotografia, recitazione ecc.), una città come Pomezia è particolarmente avara di spazi pubblici e contenitori culturali adatti. C’è quindi l’esigenza di nuovi e praticabili luoghi dove i giovani possano incontrarsi per scambiarsi esperienze e/o creare nuovi progetti. Come conseguiremo questo obiettivo? Vanno individuati nel territorio comunale edifici lasciati da anni all’incuria che, opportunamente riqualificati e tramite un progetto delineato insieme agli stessi giovani, possono trasformarsi in sale prova musicali, spazi per ballo, recitazione, arti grafiche, visive e fotografiche, fino a dare vita ad un centro culturale polifunzionale di aggregazione in cui i giovani possano trovare occasioni di confrontarsi e contaminarsi. In particolare, i costi di tutti i servizi dovranno essere contenuti ed accessibili.

Pagina 41 di 45


Trasporti e mobilità Il diritto alla mobilità per chiunque è alla base del diritto e della democrazia. E’ fondamentale che tutte le istituzioni comunali siano parte attiva nel processo di trasformazione del concetto di mobilità alternativa. La corretta organizzazione della mobilità in ambito urbano ed extraurbano richiede un’ampia e coordinata serie di interventi su tutto il territorio e su tutte le componenti della circolazione stradale. Varie commissioni, studi e leggi sia a livello Europeo che Statale (fino alla stessa Regione Lazio) hanno definito con chiarezza la necessità, le modalità e l’obbligo da parte degli Enti Comunali a realizzare una mobilità alternativa all’uso dell’auto di proprietà. Perché? La mobilità alternativa facilita gli spostamenti, garantisce collegamenti agevoli e a basso impatto ambientale verso i servizi, le scuole, i negozi e i luoghi di lavoro. Oggi il diritto alla mobilità è spesso confuso con il diritto a usare l’automobile in qualsiasi situazione, come se questo fosse un tipo di trasporto «perfetto e insostituibile». Il risultato è una paradossale tendenza alla “immobilità”, con traffico collassato nelle ore di punta e ore passate in isolamento in auto, anche per percorrere pochi chilometri. Inoltre si generano inquinamento atmosferico e acustico, sconsiderato consumo del territorio, incidenti stradali. I vantaggi della mobilità alternativa sono molteplici: - Mobilità ecosostenibile (risparmio risorse naturali, meno inquinamento atmosferico e acustico). - Mobilità anche per i non possessori di mezzi a motore, riduzione del traffico e degli incidenti. - Maggiore accessibilità a strutture pubbliche e negozi, aggregazione dei cittadini. - Per le corsie ciclabili, stimolo all’esercizio fisico e stimolo del senso di appartenenza al territorio creando itinerari alla scoperta dello stesso. Come conseguiremo questo obiettivo?

Linee guida 1. Divulgazione della Mobilità Alternativa e della Sicurezza Stradale mediante protocolli di intesa, coinvolgendo le istituzioni, gli istituti scolastici statali e privati, le attività commerciali e la cittadinanza (singolarmente e con associazioni). 2. Coinvolgimento della cittadinanza in progetti quali Piedibus ed istituzione di manifestazioni Biciday a cadenza regolare (giornate dedicate alla mobilità alternativa), diffusione attraverso la rete e relativo blocco del traffico. 3. Applicazione rigorosa della normativa europea e italiana in merito alla rimozione delle barriere Pagina 42 di 45


architettoniche (legge 503/96 -236/89), al rifacimento delle sedi stradali, alla costruzione di nuova viabilità, all’adeguamento infrastrutture esistenti (eliminazione delle criticità), disincentivo all’auto privata a favore del trasporto pubblico. Adeguamento al codice della strada e per le piste ciclabili, realizzazione di opere secondo legge 366/98. 4. Preferire interventi a basso costo come l'utilizzo di marciapiedi esistenti e di viabilità secondaria, realizzazione di sensi unici per sfruttare la corsia carrabile. 5. Analisi degli studi e norme sia legislative che tecniche per la realizzazione della mobilità alternativa e partecipazione ai bandi (dai provinciali fino ai Comunitari) per contributi ed incentivi per mobilità alternativa e messa in sicurezza viabilità esistente. 6. Interazione con comuni virtuosi che applicano da tempo un Piano di mobilità alternativa.

Piano di intervento 1. Stesura del Piano Urbano del Traffico (P.U.T.) con priorità assoluta a favore della mobilità alternativa, iniziando ad intervenire sulle infrastrutture esistenti. 2. Sviluppo “zone 30” con particolare attenzione all’utenza debole (bambino, anziano, persona con disabilità, cittadino non possessore di mezzi a motore). 3. Blocco della realizzazione nuova viabilità che non preveda mobilità alternativa, messa in sicurezza della viabilità esistente (progetto strade sicure). 4. Realizzazione di rete di piste ciclopedonali in affiancamento a viabilità esistente o di nuova realizzazione, stradale o pedonale, senza punti di discontinuità, individuando alcune direttrici preferenziali (percorsi radiali da e per il centro della città e percorsi circolari intorno al centro) al fine di consentire in sicurezza gli spostamenti ciclabili tra i vari quartieri e il centro città. Obbligatorietà di realizzazione di piste ciclopedonali per strade di nuova costruzione 5. Istituzione dei parcheggi di scambio auto/bicicletta nelle aree urbane e realizzazione rastelliere in ambito comunale (soprattutto scuole) e anche in ambito condominiale. 6. Sviluppo itinerari ciclo turistici integrati con la mobilità urbana ed extraurbana. 7. Potenziamento dei mezzi pubblici, taxi bus a “chiamata”. Il taxi bus consiste nel mettere a disposizione un numero verde, un numero sms e un servizio online con cui gli utenti possono “prenotare” le corse, indicando il luogo di salita e l’orario in cui desiderano partire. Un software (ne esistono ormai di collaudati) si occuperà di scegliere il mezzo idoneo e la tratta per coprire le richieste. 8. Progettazione esecutiva da parte del comune delle opere anche in convenzione privata, definizione delle competenze nella progettazione e assunzione di responsabilità diretta dei dirigenti comunali 9. Revisione delle zone di sosta (strisce blu) e permessi di sosta breve riservati ad utenti con necessità specifiche e residenti. 10.In ambito extraurbano sostegno allo sviluppo di un sistema intermodale basato sul trasporto pubblico di superficie (treno-tram con corsie dedicate e corsie ciclabili) legato al pendolarismo ed al Pagina 43 di 45


turismo (Ostia - Torvaianica- Pomezia – Santa Palomba ed ancora Eur-Tor de Cenci–Pomezia). Abbandono di progetti che incentivano ed aumentano il traffico veicolare privato (es. Corridoio Roma Latina) 10. Sviluppo e promozione del "Car pooling", per distribuire più persone in meno automobili e "Car sharing", per incentivare a rinunciare alla propria auto ed utilizzarne una più ecologica e in "multiproprietà". 11. Partecipazione del cittadino anche nella segnalazione delle criticità e difformità, mediante diffusione ed aggiornamento via web della Mappa dei Pericoli, dove segnalare con foto le difformità riscontrate. Coordinamento di referenti per la segnalazione di criticità (uno per quartiere) anche in altre piattaforme web dedicate.

Indicazioni progettuali 1. Realizzazione di una corsia ciclopedonale Pomezia-Mare partendo da Largo Brodolini (zona 167), passando per Vicerè fino a Via di Torvaianica Alta (con direttrice per Via Mar Tirreno, via principale di un quartiere senza marciapiedi) e proseguendo su Via Siviglia (che diventa a senso unico) fino al mare. 2. Studio di fattibilità corsia ciclopedonale Pratica di mare–Torvaianica e realizzazione della corsia ciclabile sul marciapiede realizzato in ambito urbano a Torvaianica. 3. Realizzazione di corsie ciclopedonali casa–scuola. 4. Blocco del progetto stradale Lavin-Santa Palomba finanziato dalla TAV (già parere negativo del ministero dell’Ambiente) e sostituzione con percorso treno-tram e pista ciclopedonale. 5. Tratta sperimentale Taxi Bus “a chiamata” Pomezia-Santa Palomba Stazione.

Pagina 44 di 45


Vietato ai maggiori di 18 anni Consiglio Comunale dei ragazzi Perchè? In base all'art. 12 della Convenzione Internazionale sui Diritti dell'Infanzia, il bambino ha diritto ad esprimere il proprio parere ogni volta che si prendono decisioni che lo riguardano ed il suo parere deve essere tenuto nel giusto peso. Come conseguiremo questo obiettivo? Istituendo un "Consiglio Comunale dei ragazzi" formato da rappresentanti delle Scuole primaria (quarta e quinta elementare) e secondaria, pubblica o parificata, che agisca con un proprio statuto. Tale organismo avrà funzioni consultive e propositive, esercitate mediante deliberazioni che, ove non contrastino con le disposizioni di legge, potranno essere assunte con propri atti tramite i competenti organi comunali. L'organismo potrà essere articolato secondo fasce di età (ad esempio: BABY consiglio per i ragazzi delle scuole elementari e JUNIOR consiglio per i ragazzi fino alle scuole superiori) e non potrà essere presieduto da organi dell'amministrazione comunale. Per coinvolgere i ragazzi, saranno loro proposti, in orario scolastico, dei questionari a risposta multipla (con almeno una domanda a risposta aperta) che serviranno come elemento di partecipazione alla vita amministrativa della città. I ragazzi dovranno rispondere alle domande in autonomia, senza che gli insegnanti possano intervenire nelle risposte. Per non gravare sulle lezioni, i questionari dovranno essere completati in un tempo massimo di 15 minuti. Non potendo avere ruolo deliberativo, il Consiglio comunale dei ragazzi ha la facoltà di inserire almeno un punto all'ordine del giorno di ogni consiglio comunale ordinario e formulare la sua proposta che dovrà essere messa al voto.

Pagina 45 di 45

Programma 2011 - 2016 Movimento 5 Stelle Pomezia  

programma elettorare del M5S Pomezia

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you