__MAIN_TEXT__
feature-image

Page 1

Portfolio curriculum / main works

Stefano Biasiolo


por tfo lio

Stefano Biasiolo

INDICE / CONTENTS

01

About me Essential curriculum

02

Educational projects

03

Work Experiences Architetcture Graphics

Address:

M. +39 333 5268926

via IV Novembre

E.mail stefano.baj@libero.it

30039 Stra - Venezia (IT)

www.bajlab.com


Stefano Biasiolo Dottore in Architettura - Bachelors in Architecture Designer - Visual

FORMAZIONE / EDUCATION • Laurea magistrale in Architettura per la Sostenibilità 2011 - IUAV Università di Architettura di Venezia. • Corso di lingua Inglese 2011 - EC School Covent Garden, Londra. • Bachelor of Science degree in Architecture 2011 - IUAV University of Architecture Venice. • English course 2011 - EC School Covent Graden, London.

LINGUE STRANIERE / FOREING LANGUAGES • Madrelingua Italiano. • Inglese intermedio superiore. • Giapponese livello principiante (2016). • Native Italian speaker. • English: B2 upper intermediate. • Japanese: level beginner (2016).

CAPACITÀ / SKILLS Composizione architettonica Sviluppo idee e concetti Project manager Disegno grafico e modelli Cooperatività Architectural projects Concept development Project manager Graphics and sketching Cooperativeness Operation system Apple Mac OS X / Micorsoft Windowos Software Adobe (Ps, Ai, Id, Ae, Lr) Autodesk Rhinoceros Sketchup 3D Printer (Makerbot) WordPress (web)

INTERESSI / INTERESTS

art / design

music and movie

travels

read

technlogy


Hello!

My name is Stefano Biasiolo and I am graduated in the architectural university of Venice. I have worked in graphics design studios and architecture firms for over seven years, where I could expand my skills and collect professional experiences and work attitude. I learned how important teamwork and interdisciplinary collaboration are while looking for a problem solutions and new creations. I always work with specific softwares and I have great competences about graphics. This portfolio introduces mostly main recent projects that I designed about architectural and landscape planning and also my visual graphics and communication designs. My endless curiosity and my affliction to creating, whether it is doing creative works or designing, are important traits of my personality. I also love getting know people from different cultures and learning from diverse prospective. This is enhanced my interest in traveling and besides my passions are photography, design-art and outdoors sports. I’m a green thinker and I believe in economically, socially, ecologically and sustainable solutions. As a designer I have the opportunity to contribute to higher quality living environments.


02

Formazione specifica

Education and qualifications

Università degli studi di Venezia Facoltà di Architettura Venice University of Architecture

Attività formative e stage First experiences and traineeship • Stage formativo presso studio Ing. Bruno Zandarin, Padova.

• Partecipazione al concorso di progettazione “Passo di Riva” del comune di Vicenza, arch. M. Meneghin di Venezia. • Allestimento di mostre ed esposizioni.

• Stage formativo presso l’ufficio marketing e vendite di Baldan costruzioni spa e Project industry, a Vigonza Padova. tutor arch. S. Baldan e dott. E. Dissegna. • WSH workshop “Architetture in laguna.” prof. A. Aymonino e M. Ferrari. • WSH workshop “La casa che cambia.” prof.sse M. Baretti e S. Carbonera.

• WSH fse “Atlante della laguna 2100”. prof. M. Frate.


2011 / IUAV Tesi di Laurea / Thesis master degree Sustainable shock proff. B. Albrecht / L. Schibuola / G. Mar / M. Frate

La Tesi sviluppa l’ipotesi di una pianificazione per la Laguna Veneta, ritenendo possibile un’organizzazione unitaria che riequilibra i valori paesaggisitci e il riassetto funzionale della “Città della Laguna”. L’intervento a grande scala opera sulle opportunità fornite da un mega evento, considerato come uno shock, il quale consente di realizzare in breve tempo la maggior parte dei progetti. L’ambito di ricerca si proietta in uno scenario al 2100 dove importanti cambiamenti climatici gravano sull’ambiente e sulla città e dunque si ritiene fondamentale pensare e gestire una serie di interventi che possano far fronte sia alle esigenze ambientalistiche di tutela, sia in termini di sviluppo urbano con il conseguente recupero dell’eredità del mega evento. La prerogativa che pone le basi per questa visione, viene data dalla riflessione sull’identità della Laguna; essa nonostante il carattere naturalistico, è un’ambiente fortemente antropizzato e uno sviluppo sostenibile è reso possibile solo attraverso un disegno generale che non tralascia nessun particolare di questo luogo complesso, ciò paraddosalmente, comporta la suddivisione della stessa in tre ambiti.

The thesis develops the programm to the Venetian lagoon and it is considerated an unique organization that balances the landscape values ​​and the functional reorganization of the Lagoon city.The response to large-scale works on the opportunities provided by a mega-event, which is considered as a shock, which allows you to achieve in a short time most of the projects. The purpose of research is to set a projects into a 2100’s vision. Where mainly changes imposed on the environment and climate of the city and therefore it is considered essential to think about and manage a range of interventions that can meet both the needs of environmentalist protection both in terms of development urban, with the consequent recovery of the legacy of the mega-event. The feature that sets the basis for this view is given by the reflection on the identity of the lagoon, it despite the naturalistic character is a strong man-made environment and sustainable development and made possible only through a general design that doesn’t leave out any details of this complex place, what paradoxically, involves the division of the same in the three areas.


VENICE LAGOON 2100


Concept e strategie di progetto / Concept and strategy


Scenari IPCC B1 > A1Fi

L'effetto serra

Università di Architettura di Venezia FaR/Facoltà di Architettura ClasArch/Corso di Laurea Specialistica

Effetto serra per la Sostenibilità in Architettura

Radiazione solare

2000

L’effetto serra è un principio naturale che si riferisce alla capacità di un pianeta di trattenere nella propria atmosfera parte del calore proveniente dal Sole. L'effetto serra fa parte dei complessi meccanismi di regolazione dell'equilibrio termico di un pianeta e agisce grazie alla presenza di un'atmosfera contenente diversi tipi di gas tra i quali il vapore acqueo H2O, il biossido di carbonio CO2, l'ossido di di azoto N2O, il metano CH4 l'ozono O3, detti appunto gas serra. Questi, per le proprie particolari proprietà molecolari spettroscopiche, risultano trasparenti alla radiazione solare entrante ad onda corta, mentre riflettono, diffondono oppure assorbono e riemettono la radiazione infrarossa, ovvero risultano opachi alla radiazione ad onda lunga riemessa dalla superficie del pianeta in seguito al riscaldamento dovuto ai raggi solari.

Tesi di Laurea

irradiato verso la Terra

Proiezioni del cambiamento del clima

pa

rt

e

de

a lc lo

re pr

od

progetti. L’ambito di ricerca si proietta in uno scenario al 2100 dove importanti cambiamenti climatici gravano sull’ambiente e sulla città e dunque si ritiene fondamentale pensare e gestire una serie di interventi che possano far fronte sia alle esigenze ambientalistiche di tutela, calore sia in termini di sviluppo urbano con il conseguente recupero irradiato verso dell’eredità del mega evento. La prerogativa che ot

to

da

ag i r gi

de

la Terra

Scenari IPCC B1 > A1Fi

A1.

more economic A1B. A1T. A1Fi

SHOCK SOSTENIBILE. more global

surriscaldamento dei mari e oceani, aumenta l’evaporazione

La famiglia di scenari A1 descrive un mondo futuro caratterizzato da una crescita economica molto rapida, con la popolazione globale che raggiungerà un massimo a metà secolo per poi declinare, e con una rapida introduzione di tecnologie nuove cause e più efficienti. I temi dominanti Principali sono le convergenze regionali, il capacity building 1/ Deforestazione e l’aumento delle interazioni culturali e sociali, con Emissioni inquinanti di origine una 2/sostanziale diminuzione delleindustriali differenze regionali di reddito pro-capite. La famiglia di 3/ Inquinamento dovuto ai trasporti scenari A1 si sviluppa da in tre gruppi che descrivo4/ Inquinamento combustibili fossili no direzioni alternative dei cambiamenti tecnolo5/ Disastri ambientali gici del sistema energetico. I tre gruppi si distinguono dalla loro enfasi tecnologica in: fossile intensivo A1FI, fonti di energia non fossile A1T o un bilancio fra tutte le fonti A1B.

le l so

La Tesi di Laurea sviluppa l’ipotesi di una pianificazione per la Laguna Veneta, ritenendo possibile un’organizzazione unitaria che riequilibra i valori paesaggisitci e il riassetto funzionale della “Città della Laguna”. L’intervento a grande scala opera sulle opportunità fornite da un mega evento, considerato come uno shock, il quale consente di realizzare in breve tempo la maggior parte dei

A2.

B2.

La famiglia di scenari B1 descrive un mondo convergente con la stessa popolazione globale che, come per la trama A1, raggiungerà un massimo a metà secolo per poi declinare, ma con un rapido cambio delle strutture economiche verso un’economia dell’informazione e dei servizi, con una riduzione dell’intensità dei materiali e l’introduzione di tecnologie pulite e che sfruttano le risorse in modo efficiente. Viene data molta importanza alle soluzioni globali per l’economia, alla sostenibilità sociale ed ambientale, includendo un miglioramento dell’equità, ma senza ulteriori iniziative climatiche.

La famiglia di scenari B2 descrive un mondo in cui l’enfasi è sulle soluzioni locali per la sostenibilità economica, sociale ed ambientale. E’ un mondo in cui la popolazione globale cresce continuamente, ad un tasso minore della famiglia A2, con livelli intermedi di sviluppo economico e cambiamenti tecnologici meno rapidi e più diversificati rispetto alle trame B1 e A1. Anche lo scenario è orientato verso la protezione ambientale e l’equità sociale, si focalizza sui livelli locali e regionali.

900

1.2

100

50

500

2000

L’incremento 4 della CH temperatura B2.

CH4 Concentrazioni (ppb)

30

5

3500

20

3

2

1

0

2000

Il metano è il prodotto della degradazione di materiale Le differenze di emissioni scenari SRES e le differenti organico negli in ambiente anaerobico. Esso è di origine sia risposte del modelli climatici(ad contribuiscono all’incertezza del antropica (ad naturale esempio, zone umide) che dato di aumento esempio, della temperatura globale. L'aumento l'agricoltura, le attività di gas della naturale e le discaritemperatura è la risposta di equilibrio temperatura che). L'attuale concentrazione diinCH4 non è stata mai La famiglia di scenari B2 descrive un della mondo superficiale globale a un raddoppio concentrazione superata nel corso degli ultimi 420 miladianni. Rispetto al cui l’enfasi è sulle soluzioni locali perdella la sostenibiliCO2 equivalente.valore La temperatura superficiale media globapre industriale di 700 ppb, ora si raggiungono 1786 tà economica, sociale ed ambientale. E’ un le dovrebbe aumentare 1,4 a 5,8°C di nelmetano periodosono 1990-assai più basse di ppb. Le da concentrazioni mondo in cui la popolazione globale cresce 2100. Il livello di riscaldamento èma molto più grande di tutti i quelle di CO2, il metano èconmolto più attivo per l'effetto tinuamente, ad un tasso minore della famiglia A2, cambiamenti osservati del XX secolo è molto di CH4 ha lo serra, nel dal corso momento che ognied tonnellata probabile che sia senza precedenti, negli stesso global warming almeno potential di 21 ultimi t di CO2. con livelli intermedi di sviluppo economico e cam10.000 anni, sulla meno base dirapidi dati paleoclimatici. biamenti tecnologici e più diversificati

2500

La famiglia di scenari B1 descrive un mondo convergente con la stessa popolazione globale che, come per la trama A1, raggiungerà un massimo a metà secolo per poi declinare, ma con un rapido cambio delle strutture economiche verso 10 un’economia dell’informazione e dei servizi, con una riduzione dell’intensità dei materiali e l’introduzione di tecnologie pulite e che sfruttano le risorse 2000 in modo efficiente. Viene data molta 2100 importanza alle soluzioni globali per l’economia, alla sostenibilità sociale ed ambientale, includendo un miglioramento dell’equità, ma senza ulteriori iniziative climatiche. N2O Emissioni (Tg N)

4

1500

rispetto alle trame B1 e A1. Anche lo scenario è orientato 2100verso la protezione ambientale e l’equità perlocali il periodo 2000-2100. Scenari Sres IPCC sociale, si focalizza sui livelli e regionali. special report on emission scenarios,

2000

N2O

2100 more enviromental

500

24

IS92a Le (mod. TAR) concentrazioni di N2O sono minori di quelle di CO2, ma l'ossido di azoto è estremamente attivo per l'effetto serra, dal momento che ogni tonnellata di N2O ha lo stesso global warming potential di 298 t di CO2. Tra i maggiori responsabili dell'inquinante da N2O ci sono i concimi chimici fossili: ammoniaca e urea, una volta sparsi sui campi rilasciano questo gas nell'aria. Se l'aumento di N2O negli ultimi 30 anni è stato relativamente modesto (7,1%), altrettanto non si può dire del radiativo, invece del 68%, come nel Dai risultati dalle forcing simulazioni con gliche scenari A2èecresciuto B2 si sono della CO2. sviluppate delle caso previsioni sul probabile aumento delle precipitazioni. In inverno, gli aumenti si osservano sulle latitudini nord, Africa tropicale e l'Antartide, e in estate nel sud e nell'est asiatico. Australia, America centrale e meridionale indicano riduzioni consistente delle precipitazioni2100 invernali. La media delle precipitazioni invernali è prevista in aumento ma il dato da tenere in considerazione è quello dell’aumento dell'intensità. Sono invece previsti fenomeni di desertificazione nei periodi estivi soprattutto nelle aree medio continentali dovuta all'aumento dell'evaporazione e al mancato bilanciamento con le precipitazioni.

Carta piovosità 400

20

La piovosità

300

16

2000

+ incremento +20%

2100

2000

SO2

Solfuri aerosol (Tg S)

SO Emissioni (Tg S)

- incremento da +5% 2 costante -5% a +5% 150 a -5% - decremento fino + decremento fino a -20%

A2 B2

1.2

DGF JJA

La principale fonte di emissione di SO2 è costituita dalla combustione di combustibili fossili in cui lo zolfo è presente come impurità. Viene pure emesso in maniera naturale nell'atmosfera durante le eruzioni vulcaniche. Quando raggiunge la stratosfera, si trasforma in particelle di acido solforico che riflettono i raggi solari, aumentando così la riduzione di radiazioni solari che raggiungono il suolo terrestre.

dato inconsistente 0.8 100

Innalzamento livello del mare 1.0

L’innalzamento livello del mare

0.4 50

Le principali cause dell’ aumento del livello del mare sono la dilatazione termica dell’ acqua e dallo scioglimento dei ghiacciai sia di terra che dalle isole della Groenlandia e 2100 Antartide. L'intervallo di variazione regionale nel cambiamento del livello del mare è notevole rispetto ai cambiamenti globali. Inoltre, i movimenti terrestri, sia isostatici che tettonici, continueranno nel XXI secolo a tassi che non sono influenzati dai cambiamenti climatici. Si può prevedere che entro il 2100, molte regioni attualmente non colpite dai fenomeni di aumento del livello del mare possano trovarsi in situazioni a rischio. Eventi estremi di inondazioni delle città costiere si verificheranno con sempre maggiore frequenza. Le differenze di emissioni negli scenari SRES e le differenti risposte del modelli climatici contribuiscono all’incertezza del dato di aumento della temperatura globale. L'aumento della temperatura è la risposta di equilibrio della temperatura superficiale globale a un raddoppio della concentrazione di CO2 equivalente. La temperatura superficiale media globale dovrebbe aumentare da 1,4 a 5,8°C nel periodo 19902100. Il livello di riscaldamento è molto più grande di tutti i cambiamenti osservati nel corso del XX secolo ed è molto probabile che sia senza precedenti, almeno negli ultimi 10.000 anni, sulla base di dati paleoclimatici.

0.8 2100

2000

2000

0.6

L’incremento della temperatura

Incremento di temperatura 0.4

6

5

0.2

4

0

more enviromental

2000

2050

2100

3

2

Scenari Sres IPCC per il periodo 2000-2100. special report on emission scenarios,

CAMBIAMENTI CLIMATICI

1 RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI

Scenari IPCC B1 > A1Fi

pone le basi per questa visione, viene data dalla riflessione sull’identità della Laguna; essa nonostante il carattere naturalistico, è un’ambiente fortemente antropizzato e uno sviluppo sostenibile è reso possibile solo attraverso un disegno generale che non tralascia nessun particolare di questo luogo complesso, ciò paraddosalmente, comporta la suddivisione della stessa in tre ambiti.

more economic

A1B. A1T. A1Fi

A2.

La famiglia di scenari A1 descrive un mondo futuro caratterizzato da una crescita economica molto rapida, con la popolazione globale che raggiungerà un massimo a metà secolo per poi declinare, e con una rapida introduzione di tecnologie nuove e più efficienti. I temi dominanti sono le convergenze regionali, il capacity building e l’aumento delle interazioni culturali e sociali, con una sostanziale diminuzione delle differenze regionali di reddito pro-capite. La famiglia di scenari A1 si sviluppa in tre gruppi che descrivono direzioni alternative dei cambiamenti tecnologici del sistema energetico. I tre gruppi si distinguono dalla loro enfasi tecnologica in: fossile intensivo A1FI, fonti di energia non fossile A1T o un bilancio fra tutte le fonti A1B.

La famiglia di scenari A2 descrive un mondo molto eterogeneo. Il tema dominante è l’auto-sufficienza e la preservazione delle identità locali. La natalità fra le regioni converge molto lentamente, con un conseguente continuo aumento della popolazione. Lo sviluppo economico è essenzialmente orientato su base regionale e la crescita economica pro-capite e i cambiamenti tecnologici sono molto frammentati e più lenti rispetti alle altre trame.

B1.

B2.

La famiglia di scenari B1 descrive un mondo convergente con la stessa popolazione globale che, come per la trama A1, raggiungerà un massimo a metà secolo per poi declinare, ma con un rapido cambio delle strutture economiche verso un’economia dell’informazione e dei servizi, con una riduzione dell’intensità dei materiali e l’introduzione di tecnologie pulite e che sfruttano le risorse in modo efficiente. Viene data molta importanza alle soluzioni globali per l’economia, alla sostenibilità sociale ed ambientale, includendo un miglioramento dell’equità, ma senza ulteriori iniziative climatiche.

La famiglia di scenari B2 descrive un mondo in cui l’enfasi è sulle soluzioni locali per la sostenibilità economica, sociale ed ambientale. E’ un mondo in cui la popolazione globale cresce continuamente, ad un tasso minore della famiglia A2, con livelli intermedi di sviluppo economico e cambiamenti tecnologici meno rapidi e più diversificati rispetto alle trame B1 e A1. Anche lo scenario è orientato verso la protezione ambientale e l’equità sociale, si focalizza sui livelli locali e regionali.

0

2000 - IPCC, 2007: Summary for Policymakers. In: Climate Change 2007: The Physical Science Basis. Contribution of Working Group I to the Fourth Assessment Report of the Intergovernmental Panel on Climate Change. Solomon, S., D. Qin, M. Manning, Z. Carta M.Tignor piovosità Chen, M. Marquis, K.B. Averyt, and H.L. Miller (eds.)]. Cambridge University Press, Cambridge, United Kingdom and New York, NY, USA.

- IPCC, Climate change and water. IPCC technical papaer VI. 2008 - ENEA, Enea per lo studio dei cambiamenti climatici e dei loro effetti. Roma 2007 2050 2100 Sitografia:

IS92a (mod. TAR)

www.acs.enea.it www.cmcc.it www.ipcc.ch

Dai risultati dalle simulazioni con gli scenari A2 e B2 si sono sviluppate delle previsioni sul probabile aumento delle precipitazioni. In inverno, gli aumenti si osservano sulle latitudini nord, Africa tropicale e l'Antartide, e in estate nel sud e nell'est asiatico. Australia, America centrale e meridionale indicano riduzioni consistente delle precipitazioni invernali. La media delle precipitazioni invernali è prevista in aumento ma il dato da tenere in considerazione è quello dell’aumento dell'intensità. Sono invece previsti fenomeni di desertificazione nei periodi estivi soprattutto nelle aree medio continentali dovuta all'aumento dell'evaporazione e al mancato bilanciamento con le precipitazioni.

+ incremento +20% - incremento da +5% costante -5% a +5% - decremento fino a -5% + decremento fino a -20%

A2 B2 DGF JJA

dato inconsistente

Innalzamento livello del mare

L’innalzamento livello del mare

1.0

Le principali cause dell’ aumento del livello del mare sono la dilatazione termica dell’ acqua e dallo scioglimento dei ghiacciai sia di terra che dalle isole della Groenlandia e Antartide. L'intervallo di variazione regionale nel cambiamento del livello del mare è notevole rispetto ai cambiamenti globali. Inoltre, i movimenti terrestri, sia isostatici che tettonici, continueranno nel XXI secolo a tassi che non sono influenzati dai cambiamenti climatici. Si può prevedere che entro il 2100, molte regioni attualmente non colpite dai fenomeni di aumento del livello del mare possano trovarsi in situazioni a rischio. Eventi estremi di inondazioni delle città costiere si verificheranno con sempre maggiore frequenza.

0.8

0.6

0.4

0.2

more enviromental

CAMBIAMENTI CLIMATICI

A1B A1T A1FI A2 B1 B2

La piovosità

more regional

more global

A1.

Documenti:

0 2000

RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI Documenti: - IPCC, 2007: Summary for Policymakers. In: Climate Change 2007: The Physical Science Basis. Contribution of Working Group I to the Fourth Assessment Report of the Intergovernmental Panel on Climate Change. Solomon, S., D. Qin, M. Manning, Z. Chen, M. Marquis, K.B. Averyt, M.Tignor and H.L. Miller (eds.)]. Cambridge University Press, Cambridge, United Kingdom and New York, NY, USA.

2050

2100

- IPCC, Climate change and water. IPCC technical papaer VI. 2008 - ENEA, Enea per lo studio dei cambiamenti climatici e dei loro effetti. Roma 2007 Sitografia: www.acs.enea.it www.cmcc.it www.ipcc.ch

La piovosità Dai risultati dalle simulazioni con gli scenari A2 e B2 si sono sviluppate delle previsioni sul probabile aumento delle precipitazioni. In inverno, gli aumenti si osservano sulle latitudini nord, Africa tropicale e l'Antartide, e in estate nel sud e nell'est asiatico. Australia, America centrale e meridionale indicano riduzioni consistente delle precipitazioni invernali. La media delle precipitazioni invernali è prevista in aumento ma il dato da tenere in considerazione è quello dell’aumento dell'intensità. Sono invece previsti fenomeni di desertificazione nei periodi estivi soprattutto nelle aree medio continentali dovuta all'aumento dell'evaporazione e al mancato bilanciamento con le precipitazioni.

+ incremento +20% - incremento da +5% costante -5% a +5% - decremento fino a -5% + decremento fino a -20%

A2 B2 DGF JJA

dato inconsistente

Innalzamento livello del mare

L’innalzamento livello del mare

1.0

Le principali cause dell’ aumento del livello del mare sono la dilatazione termica dell’ acqua e dallo scioglimento dei ghiacciai sia di terra che dalle isole della Groenlandia e Antartide. L'intervallo di variazione regionale nel cambiamento del livello del mare è notevole rispetto ai cambiamenti globali. Inoltre, i movimenti terrestri, sia isostatici che tettonici, continueranno nel XXI secolo a tassi che non sono influenzati dai cambiamenti climatici. Si può prevedere che entro il 2100, molte regioni attualmente non colpite dai fenomeni di aumento del livello del mare possano trovarsi in situazioni a rischio. Eventi estremi di inondazioni delle città costiere si verificheranno con sempre maggiore frequenza.

0.8

0.6

0.4

0.2

A1B A1T A1FI A2 B1 B2

N2O Concentrazioni (ppb)

2050

A1B A1T A1FI A2 B1 B2

Carta piovosità

2100

2100

2000

B1.

6

2100

IS92a (mod. TAR)

A2. CO2 SO2

La famiglia di scenari A2 descrive un mondo L'aumento previsto del livello di CO2 è prevalentemente molto eterogeneo. dovuto alla ossidazione del carbonio organico dalla Il temaLadominante ècombustione l’auto-sufficienza e laè preserdi combustibili fossili e dalla deforestazione. principale fonte di emissione di SO2 costituita La maggior parte delle nel corso degli ultimi 20 combustione di combustibili cui loemissioni zolfo vazione delle identità locali.fossili La innatalità fraè presente le anni al con consumo di combustibili impurità.molto Vienesono puredovute emesso in maniera naturale fossili, il resto regionicome converge lentamente, un con(dal 10 alle30%) è principalmente alla variazione della nell'atmosfera durante eruzioni vulcaniche.dovuto Quando seguente continuodestinazione aumento della popolazione. d'uso del insuolo, soprattutto raggiunge la stratosfera, si trasforma particelle di acidola deforestazione. Lo sviluppo economico èi raggi essenzialmente orienPrima della rivoluzione industriale si registrava solforico che riflettono solari, aumentando così la 278 ppm, nel 1959 era ppmraggiungono eeconomica ora tende a riduzione radiazioni che il quota suolo 385. tato su base di regionale e solari laa 315 crescita terrestre.e i cambiamenti tecnologici sono pro-capite molto frammentati e più lenti rispetti alle altre trame.

700

CAMBIAMENTI CLIMATICI

La famiglia di scenari A2 descrive un mondo molto eterogeneo. Il tema dominante è l’auto-sufficienza e la preservazione delle identità locali. La natalità fra le regioni converge molto lentamente, con un conseguente continuo aumento della popolazione. Lo sviluppo economico è essenzialmente orientato su base regionale e la crescita economica pro-capite e i cambiamenti tecnologici sono molto frammentati e più lenti rispetti alle altre trame.

B1.

CO2 Concentrazioni (ppm) Solfuri aerosol (Tg S)

La famiglia di scenari A1 descrive un mondo futuro caratterizzato da una crescita economica molto rapida, con la popolazione globale che 20 raggiungerà un massimo a metà secolo per poi declinare, e con una rapida introduzione di 0.8 tecnologie nuove e più efficienti. I temi dominanti sono le convergenze regionali, il capacity building e l’aumento delle interazioni culturali e sociali, con una sostanziale diminuzione delle differenze 10 0.4 regionali di reddito pro-capite. La famiglia di scenari A1 si sviluppa in tre gruppi che descrivono direzioni alternative dei cambiamenti tecnologici del sistema energetico. I tre gruppi si distin2000 2100 guono dalla loro enfasi tecnologica in: fossile intensivo A1FI, fonti di energia non2100 fossile A1T o un 2000 bilancio fra tutte le fonti A1B.

2050

2100

more economic

A1B. A1T. A1Fi

CH4 Emissioni (Tg CH4) Incremento di temperatura

I cambiamenti climatici sono sicuramente un argomento ampiamente dibattuto negli ultimi anni, e che coinvolge aspetti politici, sociali ed economici. La comunità internazionale sta cercando di instaurare strumenti per attuare forme di mitigazione dei cambiamenti climatici; l’efficacia di questi provvedimenti tuttavia comporta necessariamente la revisione condivisa di alcuni modelli di sviluppo economico. pone le basi per questa visione, viene data dalla Panel on Climate riflessione L’International sull’identità della Laguna; essaChange nono- opera in senso enaturalistico, fornisce attraverso i report un quadro stante il tal carattere è un’ambiente delle problematiche fortementeesauriente, antropizzatosia e uno sviluppo sostenibile coinvolte quantosolo delle conoscenze più geneaggiornate nel è reso possibile attraverso un disegno In questo contesto risulta fondamentale rale che campo. non tralascia nessun particolare di analizzare come questi cambiamenti si manifestiquesto luogo complesso, ciò paraddosalmente, anche a scala e ambiti. capire come il comportano la suddivisione della regionale, stessa in tre clima in Italia stia cambiando. Questo tipo di valutazioni si effettuano analizzando statisticamente modelli numerici che riproducono l’andamento del clima sotto diverse condizioni di forzanti radiative, che simulano gli effetti di altrettanti “regimi” di attività antropiche caratterizzati da diversi ritmi di crescita economica, incremento di popolazione, uso di tecnologie avanzate, queste ipotesi vengono usualmente denominate scenari.

more regional

Relatori prof. Benno Albrecht prof. Luigi Schibuola I g a s s e r ra l a sc i a n o p a ss a re l ’e n e rg prof. Giovanna Mar ia s Correlatore ola re calore irradiato prof. Mauro Frate ed dalla Terra int ap po Stefano Biasiolo / Stefano Carli la calore no Giorgio Donà / Matteo Pollani intrappolato ed

2000

CO2 Emissioni (Gt C)

150

0 2000

2100gas serra Principali componenti dei

A1.

30 SO2 Emissioni (Tg S)

more global

Cambiamenti climatici / Climate changes

Le concentrazioni in atmosfera di anidride carbonica, metano e protossido di azoto sono notevolmente aumentate come risultato dell’attività umana e attualmente superano i valori preindustriali, come dimostra l’analisi stratigrafica dei ghiacci. L’incremento globale della concentrazione di anidride carbonica è principalmente dovuto all’uso di combustibili fossili ed a cambiamenti di uso del suolo, mentre gli incrementi di metano e protossido di azoto sono principalmente dovuti all’agricoltura

Scenari Sres IPCC per il periodo 2000-2100. special report on emission scenarios, 1

more regional

Principali cause Cambiamenti Climatici

2

300

16

1/ Deforestazione Il termine di Cambiamenti Climatici, per lo standard 2/ Emissioni inquinanti origine industriali IPCC, si riferisce a qualsiasi fenomeno di cam3/ Inquinamento dovuto ai trasporti biamento del clima nel tempo, dovuto alla varia4/ Inquinamento combustibili fossilirisultato di attività umane. bilitàdanaturale o come 5/ Disastri ambientali Cambiamenti nell’atmosfera delle quantità di gas e aerosol ad effetto serra, della radiazione solare e delle proprietà della superficie terrestre alterano il bilancio energetico del sistema climatico. Questi cambiamenti sono espressi in termini di forzante radiativo, utilizzato per valutare come i fattori antropici e naturali influenzano la tendenza al riscaldamento o al raffreddamento del clima.

probabile che sia senza precedenti, almeno negli ultimi 10.000 anni, sulla base di dati paleoclimatici.

Le concentrazioni di N2O sono minori di quelle di CO2, ma l'ossido di azoto è estremamente attivo per l'effetto serra, dal momento che ogni tonnellata di N2O ha lo stesso global warming potential di 298 t di CO2. Tra i maggiori responsabili dell'inquinante da N2O ci sono i concimi chimici fossili: ammoniaca e urea, una volta sparsi sui campi rilasciano questo gas nell'aria. Se l'aumento di N2O negli ultimi 30 anni è stato relativamente modesto (7,1%), altrettanto non si può dire del forcing radiativo, che invece è cresciuto del 68%, come nel caso della CO2.

400

20

e le basi per questa visione, viene data dalla ssione sull’identità della Laguna; essa nononte il carattere naturalistico, è un’ambiente emente antropizzato e uno sviluppo sostenibile eso possibile solo attraverso un disegno geneche non tralascia nessun particolare di sto luogo complesso, ciò paraddosalmente, mporta la suddivisione della stessa in tre ambiti.

o ti e e a o e

24

attività antropiche caratterizzati da diversi ritmi di crescita economica, incremento di popolazione, uso di tecnologie avanzate, queste ipotesi vengono usualmente denominate scenari. surriscaldamento dei mari e oceani, aumenta l’evaporazione

0 2000

RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI Documenti: - IPCC, 2007: Summary for Policymakers. In: Climate Change 2007: The Physical Science Basis. Contribution of Working Group I to the Fourth Assessment Report of the Intergovernmental Panel on Climate Change. Solomon, S., D. Qin, M. Manning, Z. Chen, M. Marquis, K.B. Averyt, M.Tignor and H.L. Miller (eds.)]. Cambridge University Press, Cambridge, United Kingdom and New York, NY, USA.

2050

2100

- IPCC, Climate change and water. IPCC technical papaer VI. 2008 - ENEA, Enea per lo studio dei cambiamenti climatici e dei loro effetti. Roma 2007 Sitografia: www.acs.enea.it www.cmcc.it www.ipcc.ch


Masterplan

Parco equestre / Equestrian park

2010

2100


Strutture olimpiche / Olympic facilities

Scuderie Stables-horses

Maneggio coperto Covered arena

stalle 2000 / mq 200 cavalli Nel box il cavallo viene tenuto libero in modo da permettergli di coricarsi e muoversi con un certo agio, le dimensioni variano dai 250x300 ai 400x400 cm. La temperatura ambiente non deve superare i 20°C d’estate e non deve scendere sotto i 5°C in inverno. Partendo da questi presupposti, si prevede di sviluppare due blocchi antistanti tra loro, con miglior orientamento N.E/S.O, non tanto per il soleggiamento, ma quanto per i benifici ottenuti riparando l’hospitality dai venti freddi come la bora e sfruttando l’ariazione naturale dei venti e brezze estive.

struttura 2500mq Il maneggio e l’arena, rappresentano le strutture fondamentali su cui ruota l’intero impianto sportivo. La vicinanza all’hospitality sottolinea lo stretto legame con le attività equestri in particolare di addestramento ed ippoterapia. La struttura è accessibile alla quota di +4 mt. del terrapieno, in questo caso lo snodarsi del percorso forma una sorta di spazio in quota, da cui si può accedere all’impianto sportivo. Il volume del maneggio conta tre spazi, la hall di ingresso e l’area dedidicata al pubblico, gli spazi di servizio e infine il campo di gioco.


Spazi aperti Paddock

Arena Arena

Spazi aperti - Isole artificiali Il cavallo presenta un’elevata specializzazione morfologica e funzionale all’ambiente degli spazi aperti come le praterie, in particolare sviluppata un efficace apparato locomotore e un apparato digerente adatto ad una alimentazione variega- ta. Fondamentale è dunque, dotare l’impianto equestre di spazi aperti dove poter lasciare a pascolo libero, “paddok” i cavalli e tra i loro simili, di natura è un animale che vive in branco. In quest’area vengono predisposti due campi di allenamento delle dimensione di 60x35 mt.

Arena 5000 posti L’arena identifica uno dei maggiori poli dell’intervento, sia per le spiccate dimensioni volumetriche sia per la densità di eventi che essa ospita. La caratteristica principale è data dall’orientamento lungo l’asse N-S, che permette di focalizzare come panorama sullo sfondo, Venezia centro storico. Progettata per l’evento olimpico e successivamente riadattata a minori numeri, ospiterà compertizioni equestri, manifestazioni eventi di ogni genere. La morfologia delle tribune radica in sè ancora una volta il principio che genera l’intero intervento. Gli spalti sorgono sul versante di un terrapieno.


Alloggi / Accomodation

20

18

23 24

19

21

1

22

25

16

3

2

25 4

17

7

13 8

5 12

6

9 11

PLANIMETRIE

16

pianta secondo livello pianta primo livello scala 1:200

Sezione tipo / Section

16

15 16 16

9

10

14


Sviluppo / Development


2011 Fondo Sociale Europeo Altante della Laguna 2050


2011-12 Progetto per un padiglione Sustainable temporary architecture

Tubi in cartone . Il padiglione rappresenta un piccolo giardino dentro la città , composto dall’attraversamento di quattro percorsi. Lo slittamento dei setti, permette di creare una zona che passa dal caotico contesto urbano ad una sfera piÚ privata del giardino. Cardboard tubes. The pavilion is a small garden inside the city, composed by crossing four routes. Slippage baffles, allows you to create an area that goes from chaotic urban context to a more private sphere of the garden.

90

1300


Schemi di montaggio / Assembly tabs

PRO

La E- , n Ban 9 n, 1

ER PAP -

E

I R y of cult EMPO ESEMP a F s Y – T DN D E SUYALI PLATHE E TTAL G R FPOROESTIV anaka, F IEONNTI E Yam e, RIM TUR ake Kob

L HE995 URC OUS apa n, 1 H H C ER i, J PER PAP ana sh - PA 5 n m a a 199 Y S. B 5 ya , o o g eng 5-’0 - Na M. G n, 199 1 BOR R a A 201 p Ja ER NP O I A L P I nt PAV an nme S. B MES vi ro VILION R n E E H ilt PA RE an f Bu RY U S. B lt y o POR A IT ECT u c a H M F E C s T R W’ Y– YA UNS L PL A YDNE 2000 y L S e O n E R E TH - Sid CAV t aria FOR TIVAL ER tri a ca r P S A s P FE ed | u T er ale ind RA C za dell ’ s to lo c anz a p T S v e AB ort an l cont le rile p o L’im na e ne i notev Nuove il d a i l . è a ro e ss o à it peo ualit cupe ta eu ro tità e q e r il re o n un ai c n o p qua ologie car ta, ri spett tem i s tecn l o de lla bass o uovi si e r p e c i N t e c i n r e e r iam uropei. indust O2 e d e m e lli e dell e iC ni d mod st ione missi o e i e di g ar e le a inant limit ti inqu r a. n e age atmosf ’ l l e n

RI F

0

0,5 m


2010 IUAV / Viaggio Studio / Study trip “La costruzione, il sorreggere e l’essere sorretto, la terra e il cielo” Architetture di P. Zumthor prof. M. Marzo

Il tema del rapporto tra l’uomo e lo spazio è molto forte nelle architetture di Zumthor, tanto da trasformarsi in “magia del reale”, attraverso uno straordinario controllo dei materiali, la scelta degli elementi costruttivi e la qualità della luce, lo spazio stesso rende emozioni e suscita sensazioni umane. Una qualità dello spirito che dallo spazio costruito si trasmette immediatamente a chi lo osserva, a chi lo abita, a chi lo visita o perfino a chi vi si trova nei dintorni. The main theme about this trip is the research between human being and space. Zumthor‘s architecture, this concept becomes “real magic“ through an extraordinary use of materials. The choice of building’s elements and the quality of light, are make the same emotions and inspires human sensations. A quality of the spirit that from space built is transmitted immediately to the visitors.


2009 IUAV / Urbanistica / City planning Riconversione dell’area militare nel centro di Pesaro prof. R. Bocchi

Il corso di progettazione archiettonica urbana sviluppa il tema della riconversione e riuso di una parte di citta. Il sito messo a disposizione dal demanio dello stato, è un luogo noto in quanto sede militare dismessa. L’area è caratterizzata da forti legami con le realtà urbane che coesistono nella città di Pesaro, non chè dalle caratteristiche morfologiche del paessaggio. Il progetto prevede la realizzazione di uno spazio commerciale, con laboratori, show room, studi e un’area di promozione turistica e aziendale.

The course urban design develops the issues of conversion and reuse of part of the city. The site is ​​available by the state, is a place known as a military base fallen into desuse. The area is characterized by strong ties with the urban realities that coexist in the city of Pesaro , as well as physical from the morphological characteristics of the landscape. The project involves the construction of a commercial space, with laboratories, showrooms, studios and an area to promote tourism and business.


ogia oom gia A oom ampata gia A tezza

oom ampata tezzaA gia

ampata tezza

oom gia B oom ampata gia B tezza

oom ampata tezzaB gia

ampata tezza

oom gia C oom ampata gia C tezza

oom ampata tezzaC gia

ampata tezza

oom gia D oom ampata gia D tezza

pianta piano terra Piante / Plans

pianta piano primo

prospetto sud Prospetto / Faรงade

sezione showroom prospettica Modello / Model


2009 IUAV / Architettura / Architectural project Lab3 / Amphibian city - Sustainable metropolitan area of Venice Shopping hill proff. S. Pascolo / M. Vittadini / J. Gaspari / L. Porciani

La città di Dolo sorge nella Riviera del Brenta, in posizione baricentrica tra le città di Venezia e Padova. La stazione si trova in una posizione strategica. Il territorio è caratterizzato dalla presenza ampia dei trasporti, il traffico ferroviario si attesta a livelli medio alti con una forte intensità di spostamenti. Gli assunti di progetto sono stati fissati a partire da una visione suggestiva ma anche con il gusto di una sfida, che si può riassumere nell’ottica del progressivo abbandono dell’auto per recarsi a fare shopping. The town of Dolo rises in Riviera del Brenta, in the right of central position between Venice and Padua. The station is lcated in the countryside but the urban center has strategic position. The concept of the project is been designed a new shopping center like a hill up to the station.


2007 IUAV / Composizione architettonica Un progetto di landscape per l’area di San Giuliano, Venezia prof. Andrea Branzi

ParkOur / progetto di urbanizzazione debole su basi agricole. Scatole tecnologiche e sport di strada immersi in uno scenario rurale, tra frutteti, vitigni e campi di grano, sono gli elementi costituitivi del progetto di landscape che si caratterizzato dalla commistione di attività ad alto contenuto tecnologico e comunicativo, quali postazioni hi-tech e altre attività ricreative praticate dalle ultime generazioni, lo skate e il parckour: percorsi di agilità che prevedono il superamento di ostacoli non programmati a priori. Il concept parte dall’osservazione degli aspetti morfologici dei terreni coltivati nelle campagne venete, essi sono regolari, ortogonali e identificano un volume che per sottrazione definisce i collegamenti: in modo del tutto analogo si sviluppa il nostro progetto. L’obiettivo dell’intervento è rendere maggiormente fruibile e flessibile il parco in ogni sua parte, percepibile anche dalle sue modificazioni dovute al trascorrere delle stagioni che ne determina dimensioni e colori.

Parkour / Development project on spineless agricultural base. Technological boxes and sport submerged road in rural scenery, of orchards, vineyards and corn fields, form the building blocks of the project landscape that are costumized by the mixture of activities with high technological content and communicative. The garden guestes hi-tech sattion and several recreational activities like as, sporting, skating and the parckour: paths hat provide agility to overcome obstacles not programmed in advance. The concept begins with the observation of morphological aspects of farmlands in the Venetian countryside, they are regular, orthogonal and identify the volume to a subtraction, which defines the connections. The purpose of the project is to set a better place in the city, where the people couldt more could enjoy and use the park. In each season, the color and the size of the park is changing and this will get a good atmosphere.


03

Esperienze lavorative Works experience

Personal statements During my placement in H&A studio, I work in the architectural and design division. Here I have contributed to project such as the award-winning Jiading Art Museum in Shanghai, China. To the design and project management of hotels and houses. I have managed my tasks, researched of alternative proposals and participated in group project meetings.

Esperienze lavorative princiapali Mainly work experience • 2016/2014 - H&A associati, Venezia • 2016/2014 - Arka associati, Venezia HYD archiettura, Venezia Studio Feiffer, Venezia U-Tecnologies, Lugano CH Tobia Scarpa Architetto, Treviso • 2015 - Studio tecnico Bruno Zandarin, Padova


2016 Concorso / Competition Landscape Hotel - Syracuse Italy Ruolo principale nel team: architetto e grafico Mail role: architect and graphic designer

modulEs

PLATFORMS

WALKWAYS AND stone walls

NATURAL BORDER

GRID

ENVIRONMENT


T.03

LANDSCAPE HOTEL

FUNCTIONAL LAYOUT

WELCOME AREA RECEPTION

LEFT LUGGAGE OFFICE

PARKING

INFOPOINT

FUNCTIONAL MASTERPLAN

MAIN FACILITIES FRAMEWORK

ACCOMODATION ROOMS

TO SYRACUSE

WALKWAY GARDENS

SPORTS

Module room

JOGGING

BICYCLING

KAYAKING

SNORKELING

SWIMMING

SCUBA-DIVING

RECEPTION

ROOMS GARDEN PLATFORMS

KITESURFING RESTAURANT LOUNGE BAR

LIGHTHOUSE RESTAURANT

LIGHTHOUSE

RESTAURANT

PANORAMIC VIEWPOINT OBSERVATORY

CAFETERIA LOUNGE BAR

SPORT FACILITIES BOATHOUSE

LANDSCAPE PANORAMIC VIEWPOINT

WALKWAY ROUTES AND GARDENS

BATHING

OBSERVATORY

RELAX AREA

SWIMMING POOL PANORAMIC VIEWPOINT SPORT FACILITIES STAIRS - LIFT TO THE SEA

Sea platform SEA-PLATFORM SERVICE BOATHOUSE SPORT FACILITIES STAIRS - LIFT TO THE SEA

TECHNICAL SPACES SERVICES

Lighthouse restuarant

OFFICES


GUESTS: DOUBLE ROOM 2 persons EXTENDIBLE to 4 persons

PLAN SCALE 1:100

SECTION A-A’ SCALE 1:100

A

POOL

TERRACE

LIVING

BEDROOM

BATHROOM

ENTRANCE PORCH

LANDSCAPE HOTEL ROOM TYPE

A’


The basic module concept for the hotel’s room starts from a platform. We have decided to take a floating platform as our first sign because of its neatness and because it could help us preserving the site. The platform is conceptually a strict element but we adapted it to the natural ground. The same platform bends covering the module. Two walls close down the

CONCEPT

Floating platform

Roof

Terrace

module and they leave open the shot side of it. We have decided to place all the modules with a short side looking at the sea. In this way the short side becomes the most important of each module: it opens on the wonderful marine landscape with a wide glass wall and a terrace.

Wall

Volume

Module

MODULES GABION

GARDEN

wood

STONE

METAL

WOOD

POOL


2015 Concorso / Competition Progetto per il nuovo museo d’arte di Jiading Shanghai - Cina team: HYD Architettura - Arka Associati (Venezia) Ruolo principale nel team: architetto e grafico Mail role: architect and graphic designer

Sale espositive Inspiration exhibition room

Sale espositive Inspiration exhibition room

Cultura e tradizone Culture and tradition

Giardino cinese Chinese garden


Planimetria / General plan

N


曹俊1号-溶·融宽 2013

Sale espositive / Exhibition rooms


-

EX

rie

telle

Ho

&

n

teri

Ca

ly

Ita

a-

ezi

en

oV

ran

Mu

15

20

ral,

ctu

e hit

arc

nd

ga

rin

ee

gin

en

e

t

jec

pro

2015 Branding H&A Studio - Venezia Ruolo principale nel team: architetto, grafico e visual Mail role: architect, graphic designer and visual K

AL

YW

INIT

INF

ry xu

Lu

t

tle

ou

ing

gq

on

Ch

a

hin

-C

14

20

IT

CH

AR

EN

E

R EE

GIN

E

UR

T EC

LA

AP

SC

ND

ING

ct

roje

lp

tura

ec

hit

arc

DE

JO

MA

rie

telle

Ho

CE

LA

PA

&

ice

en

oV

n ura

M

ng

teri

Ca

aly

- It

15

20

e

tiv

cu

xe

de

an

tu

ec

hit

arc

ng

eri

ine

ng

e ral,

t

jec

pro

um

se

mu

ai

gh

an

Sh

G

DIN

JIA

M

EU

US

TM

AR

a

hin

-C

15

20

pt

e nc

co

e&

ri

telle

Ho

on

nti

me

GIO

LO

RO

L’O

TEL

HO

le

rab

no

ho

g

nin

lan

np

rba

du

an

ice

n Ve

ng

teri

Ca

aly

- It

14

20

t&

ec

al

loc

it rch

ve

uti

ec

ex

t

jec

pro

a

y

rs b

rio

inte

i-

ch

ioc

ac

oB

ert

b Ro

pe

ilip

Ph

zzo

Are

A

ZZIN

LA

PA

rie

telle

Ho

e nic

Ve

SI

AS

GR

&

ng

teri

Ca

aly

- It

13

20

loc

OX

S

RE

STO

l&

rcia

me

m Co

ly Ita

15

-20

10

20

ess

sin

bu

or

ri inte

&

ve

uti

ec

ex

t

jec

pro

pe

ilip

Ph

rck

Sta

s

ari

-P

er

ag

an

tm

jec

pro

y

rs b

rio

inte

GE

&

ct

ite

rch

a al

rc

Sta


ve

uti

ec

ex

2014 Hotel e resort / Hotellerie Riconversione di due ex-fornaci in strutture turistico ricettive Murano - Venezia team: Arka Associati - Studio Feiffer (Venezia) - U-Tecnologies (Lugano) E OF ENIC RY D V IO PR AN D IA AN RD GR MBA LO h

urc

ch

Ruolo principale nel team: architetto e project manager junior Mail role: architect and graphic project manager junior

e-

ic en

V

ly

Ita

13

20

ork

nw

tio

ora

rest

rks

wo

n

isio

erv

sup

ck

pe

ilip

Ph

rck

Sta

N


2015 Architettura residenziale / Housing River houses Moscow - Russia team: Arka Associati - HYD Architettura (Venezia) Ruolo principale: progettista, grafico e supporto alla coordinazione Mail role: architect, graphic designer and support-work

ITAL ENGINEERING INTERNATIONAL

RIVER PROPOSAL

JULY 2015 ITAL ENGINEERING INTERNATIONAL

RIVER PROPOSAL

MAIN HOUSE A - VIEW ВИЛЛА A - ВИД

Бизнеc-центр “Северная Башня”, подъезд 2, этаж 6, ул. Тестовская д.10 г. Москва тел. +7 495 708 41 87 www.italengineering.ru

RIVER PROPOSAL

SUGGESTION CONCEPT КОНЦЕПЦИЯ

RIVER BEACH

MAIN HOUSE A

ПЛЯЖ У РЕКИ

ВИЛЛА A

ITAL ENGINEERING INTERNATIONAL

Бизнеc-центр “Северная Башня”, подъезд 2, этаж 6, ул. Тестовская д.10 г. Москва тел. +7 495 708 41 87 www.italengineering.ru

Бизнеc-центр “Северная Башня”, подъезд 2, этаж 6, ул. Тестовская д.10 г. Москва тел. +7 495 708 41 87 www.italengineering.ru

RIVER PROPOSAL

MAIN HOUSE A - PLAN - SCALE 1:200 ВИЛЛА A - МАСШТАБ 1:200

ITAL ENGINEERING INTERNATIONAL


2014 Architettura e paesaggio / Landscape architecture Parco urbano a Venezia team: Arka Associati (Venezia) - Arch. Tobia Scarpa (Treviso) Ruolo principale nel team: architetto e grafico Mail role: architect and graphic designer


2015 Conservazione e restauro / Restoration project Casa della Servitù - “Villa Pisani” la Barbariga Riviera del Brenta team: Studio Ing. Bruno Zandarin (Padova) Ruolo principale nel team: architetto e interior Mail role: architect and interior design


Piano Terra / Ground floor

Piano Primo / First floor

N


Progetto di interni / Interior

Scala in cls Concrete stairs Mattoni Bricks

Cucina e soggiorno Kitchen and living

Pav. in legno Wooden floor

Vetro Glass

Marmi Marble

Salotto Living


Siepe Hedge

Il giardino / The garden

Fotovoltaico Photovoltaic

Ingresso Entrance

Ingresso Entrance

Pianta Tall Trees

Vialetto Walkway

Pargola Arbor

Metallo Corten

Pietra Stone

Prato Lawn


Design e comunicazione Visual and communication

Esperienze lavorative principali Mainly work experience • 2015 - Foiv. Concorso per il nuovo logo dell’ordine degli Ingegneri del Veneto.

• 2015 - Caffè Veneto, Padova. Grafica pubblicitaria e visual. • 2014 - Aspeiag e Caffe Veneto. Evento cinema estate. • 2014 - Avanspettacolo teathre restaurant, Venezia. Comunicazione e visual.

• 2014 - Mobilfar, Venezia. Interior design e grafica.

• 2012 - Hotel in Venice, Venezia. Comunicazione e visual.

• e altre aziende, attività commerciali e studi professionali.


2015 Concorso grafico / Competition Nuovo logo per la fondazione degli ordini degli ingegneri del veneto Venezia

Il logo nasce dalla peculiare volontà di realizzare un segno distintivo pulito, espressivo e che icasticamente esprima le attività riconducibili al “sapere” degli Ingegneri e, quindi, al ruolo istituzionale della Federazione Ordini degli Ingeneri del Veneto. Il risultato è un elaborato che fonde modernità e tradizione, dal forte valore iconico. Il logo nasce dalla volontà di unire in un’unica composizione i principali caratteri e i valori del territorio Veneto (Leone di San Marco) e dell’ingeneria, disciplina che sfrutta le conoscenze matematiche e fisiche per applicarle alla progettazione, alla realizzazione e alla gestione di dispositivi, macchine, strutture, sistemi e impianti per lo sviluppo del genere umano e della società (Triangolo).

X/2

X

X/2

PROPORZIONI

a

FONDAZIONE ORDINE INGEGNERI VENETO

I would design a logo comes with expressive feaures and appareance and with graphically signs to the activities related to the knowledge of engineers and, therefore, the institutional role of the Federation of Associations of engineers in Veneto. The result is a elaborated that blends modernity and tradition, with a strong iconic value. The logo gets into a single composition the main characters and values ​​territory of Veneto region (Lion of St. Mark’s) and engineer enviroment that leverages the knowledge to apply mathematical and physical planning, construction and the management of devices (Triangle).

X/3

X modulo di dimensione a spazi minimi di rispetto LOGO TIPO

FONDAZIONE ORDINE INGEGNERI VENETO

Pantone process black 0C 0M 0Y 100K


B

R

G G

00a389 ed1849 ffe894

00aaa6

008da8 d11242

ed1849 ffd457

ffd457

00728f

0084a9 ab0634

d11242 fdb913

886d00

fdb913

FONDAZIONE ORDINE INGEGNERI VENETO

70cde3

FONDAZIONE ORDINE INGEGNERI VENETO

ab0634

FONDAZIONE ORDINE INGEGNERI VENETO e7a614

FONDAZIONE ORDINE INGEGNERI VENETO

54bceb

FONDAZIONE ORDINE INGEGNERI VENETO

820024

FONDAZIONE ORDINE INGEGNERI VENETO

bb8d0b

FONDAZIONE ORDINE INGEGNERI VENETO

820024

FONDAZIONE ORDINE INGEGNERI VENETO

a4d7f4

Cromatismi / Colors


C

2015 Grafica / Graphics design Caffè Veneto - Padova

F CAFÈ /C

èe aff

C

LOGOVA

s

s pre

OF

so

ato

FE

n Biatt

la /m

,50

€1

,60

€1

E

,00

€2

,00

€2

/

,80

€1

o Orz

/ in

,50

€2

o in ett ffe orr ca /C De ng se o Gin cin uc g pp ne en to Ca ins hia cc og Ma cin uc pp co Ca ian iato eb h tt cc na La an ma to np era tte co ak La sh to tto ffè rre era co ak Ca sh to ffè era ak Ca h s na ffè an ta Ca ola np cc co ta tta Cio ola rre cc co Cio lata co c Cio h nc o Pu ald si ec Infu Th e/ an n Tis sio

,50

€1

,80

€2

,00

€3

,50

€3

€4

fu

s he oc y Bripastr

as /P

tin

e

/

D

/F

RO

M

E

N A LL ZIO DE ADI A TR NET VE

H CC I CI ETT Y /T

AL

PIC

DIS

c di

e ttin lpe balls

HE

arn

CH

EN

L SA IN ONE AT

R OU

KIT

/S

/c

,50

,50

€1

alà fish cc o d ba h c di wit ni a d z za sti bre rro Crogrilled ca d / a in ck be rell lla sti tte a z z are igre ina Momozz r av or o / sa sa on in ines i i in rin rda sard mp do on Sa fried ca m o wn s o ra n p / co te, e d p ni trifola, olive h frie ti s e a it Crocchinipollin ad w d

AD

e ola r ruc ca ro, d, do ala sic mo ts las , po ke e roc

*

,50

€1

e

AL

, ica verd ss nza ne* mato elta Claistica julien d, to sc nta m rote sala ti a giu ca reen ien re ag /g red erio oice ition ingni ult ts ch r add

€1

S

Pomeat /

T

OS

AN

L AL

A

IN

UC

C RA

,50

€1

,00

€6

,00

€8

g ien he ro pe gred h furt ing / in eac tre iù to for a p lla, ch / ri ssic are rcio ca cla ozz , ca r Ricsalata tra: m, maisplus thlla in elta live lad are sc va, o ic sa ozz rn, m o o s c u las of: s, / c oice live ch g s, o e eg ca en rde ick ve Chsalatan sala in ree /g c

a ra ...L .daily / ..

zu a c d bre e be erb rille rett / g inaig av

i t lum cu sa ld di ld co ere co gli r of Ta latte /p

N PAER

e gu Baozza

m m po a /b


CIA

LC

OF

FE

0

,5 €2

E

PE

,00

,50

€4

,00

€4

,50

€2

0

,0 €3

urg

au

OS

La

/R

SI

rne

gre

WIN

ED

in

Mo

rell

Ne

ino

ro

di

Sc

an

Ce

,50

KL

IN

G

WIN

,00

IN

I ER I AP TIV

E

ntr

if

Sp

ug

rem

ara

di

uta

0

5,0

/A

,00

Sp

...I

U /O

NO

R

D

E ISH

O

OD se

rro

n ci ce cus a s

e db

an

,00 ,00

s

0 €1

CA LA RNE

t

/M

,00

€7

i, a nti rett die be gre , gam o nts nn die p, ni ofi ingre hrim s e , re na s e tu a , hok on ic ac on art e b , bac n ar ke es ce hic a ca r sau /c a ar sals es ... es ollo, n, ca rno e p io e, hick g el ,c ad

tata

on cc lad

S rol eri

TD EA

E EG

TE

RIA

N

DIS

HE

oa tiv

,

, les

ISH

bla

d

TI IEN E E D HI I GR SC IN S IN FRE ENUDIENT G GRE

str

0

,0 €7

ES

s ne

0

0,0

€1 e

e be

a3

ce

s

rgel o su n. tti co froze pre d or re se oke o esbe co

IN

f

ed

0

0,0

€1

0

2,0

€1

0

2,0

€1

ia g m

l de

gio

/S

,00

Y ER an

db

as

,00

€5

il

to

o rcit

id

ib

Sa

a

rell

rda

a in in

Cro

,00

€4

ca

sa

sti

or

c ni

g Ta

,00

z za rro

li

on

ere

sc

di

am

sa

pi

lum

in

sa

or

WE

ET

NE

IT.

TU VA O RI PE PAD A IO GL ERE ME IL PIAC I LI EG T I D C N S ME MO

È FF CA 9 ,1 NO VA ova ertà DO Pad lla Lib 441 e 760 PA d 8 iri art 049 TO go M E l. via Te EN ase È V lbign FF ,1 CA ity - A erga 0527 rc via V 9 68 4 Ipe l. 0

0

/D

R

te an

,

ww

SH

ti.

IN

Restaura

ri w.

s

a to

si

o gr

u

c p.

200

M IL I LI EG I D SC ENT M MO

MEU N

O ET EN ÈV FF 3 CA dova a, 5 2 Pa Rom 46 t 52 via 87 ro.i 49 libe l. 0 i@ Te oas t. is r

,0 €6

I ON TA TT IBI PIA N B SA ED CO CLU CLUD IN IN INK

I ID CH ES FR EA RINAUR ING RIA L ER TE T T E CA CH CIC TI EN EV

Te

€4

la rge o su n. tti co froze pre or ere ked ess coo ero be bb ay tre ts m o p uc tti do rod pro e p ni o m lcu / S

RE

o f fee et C

F CAFÈ /C

om

0

/S

WE

N ET

n tala

0

,0 10

/c

N NI PAERIA /B

AK

, e ma ch d o , to es . cru am e fr sc co , h ett , pro sili rella gu lla ba zza Baozzaredoro es: mo

to

a

as

,00

€5

i to

Ma

xi

toa

n Pa

ti.

s

rc t fa

ito

in ffe

Gin

tt

e a fr

ato

n se

Ca

so

p

g/

Ma

FE

cin

,n ele

oc

a m ns di ca rta lla pe To nne pie, ca pple

n

ca

ne

in dc

na

,00

,80

€1

n mo

,00

,50

€2

o ett

,50

€1

pu

ne

cc

,80

€2

o ino

g

c ian

e ins

,00

€3

ng

,50

€3

,00

€4

o

/ in

0

,00

€3

to b hia tte cc na La an ma to np era tte co ak La sh tto rato ffè rre ke co Ca ha s to ffè era ak Ca sh na ffè an ta Ca ola np cc co ta tta Cio ola rre cc co io C lata co c Cio h nc o Pu ald si ec Infu Th e/ an n Tis sio

a

e ip

,00

€2

€2

to hia

p Ca

sc

,60

€1

E

rr Co

cc

CA

,50

€1

o Orz

/

c pu

€5

ce ttu d le an rella t ga z a d mu lattu moz rea Ka t: di tto e amu t-b se a fl ia o ee ch cc , c d k als nd ca lla rea ere / c ggio les a Fo ozzarecia-b li a b m cac rea rm ta ce e fo vege / fo ai no rigliategrilled ll o a a-r sc g h izz To rdure o wir /p ve anin za /p Piz ito di | farc st toa tolo rita ic ss Roarghe t cla m as t/ / to as

x Ma

D

a ec

OF

/a

m mo ette p o agu /b

... rno

fru

e Ch uit sa / fr

il

di

0

,0 €4

s

s pre

S

e ak ec es lad

/ fr

Y ER b nd

n

nia do ce lad Ma uit sa

0 5,0

ES

a

ca stard ma c u

Creatala

TO

C

L DOCE Z

,0 10

NE F CA È VE F

èe aff

ZE

,00

€4

,50

€4

,00

€4

,50

€2

,00

€3

fu

s/ he oc y Bripastr

s Pa

tin

e

/

,0 €5

,00

€4

,90

€4

,90

€6

,90

€6

0g 22

r.

o er ip urg od mb lett i fi Ha t a d te fille lett can ken oto roc chic o ctura cfried in n na h

llo

ino

Pa n pa o wit in co /p

an

PIZA Z

,00

€9

0

0,0

€1

0 sil o 0,0 ilic d ba €1 as o , b e an ott na oro uc .c ag 0 od sa sc am mp etto rita m to pro s, h 0,0 co he , p o m a rn e e live l €1 ac argzarella lla, to co de oliv s, o vi l i, M re e e z re a to fin k mo ozz sa rcio icho ne no d sapo ccia Ve /m cio ca art nte alia nso abbra erio ric m., to, ffè ca ap z. po toma id Ca tile it inte pic lami i s ta C , o n z , e e a s va mo ozz. min y s ma e aro ven lia d lo do ala ic e e /m am Pa ata, og la ., s , sp to str lce izion alsiv di vo om ato no l gu s rn do d re te O Diaozz. p , tom frit Qu alle uo la gio dal a tra ne RN te m ozz. ti. lc d IO nte AY a pata ies Ne nte gnato dell gus ito /m LG ED d a e clie tos m., to, fr ra a DE TO F TH du omp cucin lture esau re il ata z. po toma P z , fa u ICH EN H O c mo ozz. ac è. La ve c ente ddis DW MOM DWIC o N o /m ff N u s lm A A L c a he n vo di om E S TI A N D S ce ioni f cc c E o a A A ia n Z a p R A le nz . eto PIZ EPA PIZZ rà inte pirito en an sty f the sa PR RESH s o li èV n le aff e ita mor co ire lo / F av ,C ae e tr b ua ay, th nse fl ition nu ill ad d e d inte fP tra ish w tion n n o out th eet tian w te l. w in h to ny ou ne rsw wn roug itte e Ve s A h the the s do th th hb ste wit sh the you t wit e of d ta ands nouri In s n an h isin sa d nie pa crois e cu ures our te an h s m ult the ee. T w c fro ts ta e rd s ff ue co s n he a ce y eg bra santl g th in a ple atisfy s of

0 4,0

p

/F

L

RO

M

T

OS

N LA

C RA

H ITC

R

K

,90

o f fee et C

Restaurant

.

UO

I

NA

Ac

AL

AD

e ola ot ruc arr ro, ,c do lad sic mo sa et las po ck / c e, , ro ica verd ss anza nne* tomato elta la C istic julie d, sc nta m rote sala ti a giu ca reen ien re ag /g red rio ice tion

a qu

Ac

min

qu

Ac

EN

L SA IN ONE AT

OU

NT CA INA /W

VIN

FT SOINK DR

I UC

/S

,90

,00

€8

A

DA

€6 gr.

,00

€6

S

0 4,0

,90

,50

€1

,00

€8

OP F CA È SH F

,00

€6

,00

€7

/F

€5

€4

ola t rro ruc ca ro, d, do ala sic mo ts las , po ke e roc

TI IE N E E D HI I G R SC IN S IN FRE ENUDIENT G GRE

,00

,50

€1

e

i, ti a tt g ien he ien bere ro red am pe gred h furt ing , g / in eac tre no nts iù ton i die , for a p lla, fin gre mp ch / ri ssic are rcio in shri ca ta cla mozz is, ca three na, es ic tu a s R sala tra: , m plu lla, hok on in elta live lad are rtic ac on e b , bac sc va, o ic sa ozz rn, a n ar uo lass of: ms, co ke es ce hic a ca r sau / c oice live /c a ch g s, o ar , salscaes ... es eg rno ca polloken, gio en erde,, chic l k ic v d de Chsalatan sala tata in ree on /g cc d a ra sala ...L .daily / ..

,50

€1

e

AD

*

,50

€1

i, ti a tt g ien he ien bere ro red am pe gred h furt ing , g / in eac tre no nts iù ton i die , for a p lla, fin gre mp ch / ri ssic zare arcio e in shri , a c cla oz , c re na Ricsalata tra: m, maisplus thlla, tu hokes in elta live lad are rtic sc va, o ic sa ozz rn, a n ar uo lass of: ms, co ke es hic a ca r sa / c oice live /c a ch g s, o ar , salscaes es eg rn ca polloken, gio en rde, hic el ick ta ve lad, c d h C sala n sa tata in ree on /g cc d a raily sala .L .. .da / ..

OI

SS

/a

arn

,50

€1

S

*

,00

€5

Restaurant

i

ro be ti. eb otr rgela e ip b ott o su ay rod cotti ts m n. ip c un pre du oze Alc ere e pro or fr ess Som oked / co

ela

HE

/c

AL

, ic ve ss nza ne* mato elta Claistica julien d, to sc nta m rote sala ti a giu ca reen ien re ag /g red erio oice ition ingni ult ts ch r add

, ica verd ss nza ne* mato elta Claistica julien d, to sc nta m rote sala ti a giu ca reen ien re ag /g red erio oice ition ingni ult ts ch r add

alà fish cc o d ba h c di wit ni a d z za sti bre rro Crogrilled ca d / a in ck be rell lla sti tte a z z are igre ina Momozz r av or o / sa sa on in ines i i in a p rd rin rd sa do on am Sa fried m o wn sc po pra / on , i c late e e d tin e trifo a, oliv ith frie s Cro chin ollin d w

/

€5

e uc

tt d le lla b za an are ro e moz do s: rella t ga z a mo uette d mu lattu moz ag rea Ka t: e di o e mu t-b es fla cia cott ka he ls ac rella, read dc rea n c e a / c gio s Fo ozza cia-b ali rmag table m cac e ere / fo i c e fo veg o agliate rilled n ll o a a-r sc gri h g izz To rdure o wir /p ve anin za /p Piz ito di | farc st toa tolo rita ic ss Roarghe t cla m as t/ s / to a

xi

G

e ttin lpe balls Pomeat

na a tala sc ca stard fre ma n c u tta fru Creatala di /c nia o d ce lad Ma uit sa / fr ne ke ca ca se pe on ci ee lad am no Ch uit sa inn le, dc / fr an me ns di ca rta lla pe To nne pie, ca ple

€5

to

tin

€ cc s cro ra frie tta natu lta ing, tole pa sce ad 0 Co conita a y bre 0,0 o 1 pollo bib risp €1 ice mb di te e ith c oice ho Co filetto e frit llet w ur ch rc h u o di tatin en fi f yo wic fy nd elta e o pa hick ge o Sa a sc erag / c vera ice a gr. lub ibita - bev elt r cho be 0 C c b s u s 22 o 2 te e frie a a f yo da ibit e o mb frit and er eb g Co tatinewich urg oro, itte vera pa a nd e mb od e fr - be oic /s Ha pom tatin ies ch ur o 3 sa, , pa k, fr yo of mb a ro olla h pin ge Co n sals e ciper wit ra e e co uga urg ev | th / b ola | tea latt amb a c la lt /h ce o c a c o a s | c oca ita fanta ta | c Bibqua | r | fan ac ate /w IN

c di

ati.

L DOCE Z

, e ma ch d o , to es . cru am e fr sc co , h ett , pro asili rella

OU

DIS

EN

a d c zu a cipd bre e be erb rille rett i t / g inaig lum cu sa ld av di ld co ere co gli r of Ta latte /p

o f fee et C

a

S

AL

IC

,00

z za Mo

C LE

E

YP

KIT

R

/S

H TRVENET CCTTI I C E /T

CH

L SA IN ONE AT

OU

M RO

N A LL ZIO DE ADI A

INK

S

NO

LA

L DA

€5

r

da

s Cro

E RS

up

/F

ber ay treb m po ucts tti do rod pro e p ni o m lcu / S

ZE

AK

itte

So

DR

ro

s nt’

2004

rto oo

rg o su n. tti co froze pre or ere oked ess ro be co be eb may otr i p ducts tt o rod e pro ip un / Som Alc

N NI IA R

rutt aF

I MB I CO NAT

gli i ta ed r. on di nsig ed 0g lezi za co minc 20 a se llen da e / ta fat ta ovin ura cc of ttu ra b cc un’e % Ba pu un’a rvi ssi ly 2 La carneta da propodi grat - on di enu per 2% ea ott ori lo il ine m tato on min n so bov cc co pure o ra / iatt y o p da str the n o u p of l ...I . so / ..

A

ll

m

nb

ri pa

€9

L’Hcarneliamomeat

SH

Ca

Sa

,00

ck

r d fran ra m okin rge ata ttu co bu cin a co ch am ma un Fren

RE

o|

G

N LO

s ig

0

,5 €3

€7

re ne

/S

a n co Parm /

/F

a|

,00

€3

S

ere tab en olive ge o V e, l ve ris ion na di stag so ata di ta sea t

d log ce ure bo s au ir-c lla ese /a e a gn i ola gn olo es sa sa e b 4m L a s agn bre a2 di se / la rm ee cio Pa ch c i d lla rpa are do zz Ca ru ”; o c m ine ue us ang m tro rella nd os z z a m a gr. “Lim-al s ediu e Il n mo ha 00

0 8,0

a

/B

od

k’s ec e / B e nn res / T Ce rona Co

,50

€3

din

R

to a

IG BE TTOTTLE BO / B

lp Po

5 ali a1 ere ic od S nv ds ad nn i To i d tin co rille di i sem insala /g ata d e gli rata mo Ta lve esa La n spoero, s co pav pa

,50

e

o

EE

r is

LIAER

,00

r. 0g

on re g n w alm erdu almo

€1

rin

ro |C

RA

B FT

la

ra

go ini fra ss co, le lime Rorosec Mu ra, p e on r bir nd g e le , lim Loin, gin Mu birra g ow er sc ging d ne ero, Moodka, hio cch v fasn, zu, soda Old rbo ra

d’a

u tu r. liori bo gos ge an La mig ima m Le n ss miu a. geri 6, u Pre acqu leg 184 e, l ina ion ed e la da tore Sp en r la taz polo ne , sin s n a e io e o ll ole ati p rm lup raz con aa tev a fe is, atu ris bre r no ti us ss , ma a m onfe na b e e un ezia ba Medraft di alto lung esi c p zia m na ll / en iti s r. iara ge l. vid liev ch con e, u i bie . La 0c lp a ra e e ai 0,4 Bir dott prim prea ffinato ch zie ium dia ,00 rem Pro terie elle e ra ibrata gra P me , d €5 er ma qua ieno equil uttato cl. be ter. ,25 ac sto p sai di fr ted wa la 0 0 s e n s, co gu ra a ale e ne. rm hop ,0 ic e p 3 , € Bir flore duzio om-fcorn ro f bott alt, di l. m ap o vo su nde with % lo d 4,8 / B we NE Bre ,00 IO AZ / 6 AD ,00 R G €4

K

o ln e de chin co gre glia k fe no zuc feta ce ta gree ga a e ” / ri es, Ve ino itte oliv tto i qu n fr Piarger d - no n u ra b h itte s “fr toe Il Gn haman dis ia ota les co Veg cc d p tab / bu bake ge e n v d co sa / s rille tate ro /g ble Pa salsa liate eta ate rigd veg gli e g ri g re rille re rdu d g rdu ve e an Ve a ehees ll c re zzaarella Momozz /

2

€1

p , c ta lla te vege e a riglia irh

,00

IN

/D

ER

I TR I OS TT I N HE e CC carn CI ettine di ccalà

e n in ll de dité me with d m Pa n cru ca e telle ta an

u u tra s co s, c ias ou ble

€5

IF

RIT

Ap

TI

AF

ge

Ap

e nc

IAT

E /S

BIRE R

NE IO TI DIZ RA RA EPA AT R LL TA P NTO E E E D N M V E MO AL

PE IL CE S

S

ritz

Gin

/V

IP

PE

DR

€4

RD VEURE R ST

ES

osagne, p Mhim am ncia c

E /B

,00 / 5 ,00 ,50 21 0 € 3ott. € / 5,0 0 ,0 b ,50 23 € 3ott. € ,00 / 8 ,00 b ,00 36 € 6ott. € 8,000 / ,0 b ,00€ 45 0 6 € ott. 0,0 b / 1 9,00 0 ,00 € 4 € 8 ott. € 3,5,00 b 1 €2 tt. bo

ry ad L xtr l” o e io BO cc lom se rto io ” Pro “Bo co B rae i” tu e cs N a s tald Pro “Iu cortai Gas ia d ” nc nta co Fra “Co cortaBos ia l nc ’ d e e Fra “Ca n ag mp a Ch te an um Sp

€3

IC

E

R PA /S

g

,00

o an

la vo d’A LIC

JU

s

,00

/4

8 €1 0 tt. 1,0 bo €2 0 tt. 3,0 bo €2 0 tt. 3,0 bo €2 tt. bo

ES

t

,00

21

0 3,5

e ab

C

,50

IT

0

3,0

€2

r ine

IR

t o e es e p pp e s ng Th e Ora hw Sc on / m i Le on ss Ta

0

3,0

€2

tt. bo

tt. bo

€2

RU

tt. bo

ES

€ tt. bo

VIN

0

€1

A

ys

IN

r ea era o ,50 |p e hp €3 juic cca pelm eac uit ico om | p / fr alb | p ots tt ce | gola pric fruit Fruas | ae | fra ce | agrape i a o d an rd | y | € cc ia | anela ve apple berr u e w S nc | m in tra ice ara sca e | p | s it ju pe rang pple fru a/ / o en a rutt gre ice i F ir tillo y d ju ze o dro | m eberr e c e c o lu u ice sq Su mod to | b h ju ge es po ma ran / fr /o / to he

0 3,0 €4

Th er-

,5 €2

/F

0

4,0 €

on

EW

C DO

ll am rztr a wü iall Ge aG oll Rib a an g Lu

,50

HI CC A SU UTT R F DI a

0

ign

€2

o ca e di c a hit -w na ow ati sn fum e / ro ev è, p a an aff co nc ht, c ee, co tte i la lig off d te , c ma am milk cre re ino e ilk-c ch latte , m roc to, milk Ma ccolaolate, am cio hoc a nn -cre /c pa ilk afè è e , m k c caff milk ao ac Ciotella, olate, ec nu ho c to na za , pa n /c z ti è ma caff aro lta, ffè sce e Ca sto ar coffe gu avo / fl /S

uv

HIT

/W

HI

Gour m

F PEC CAFÈ S

Sa

NC

Gour m

VIN

IA

Gour m

I

IAL

IB

era

am

a qu

le

ra ine min

,30

€1

le

N

ign

on

lle

/

EW

CL

,00 ,50

€1

,00

€7

OS

IR

be

La

SI

rne

g

/R

W ED

Mo

rell

ino

EE

R

/D

RA

FT

BE

ER

ium

La

ES

ro

di

ri r. ge iglio a m im n Le iss

Sc

an

sa

no

la vo d’A E/

AR SP

KL

IN

G

W

ry ad xtr l” o e io cc lom se rto io ” Pro “Bo co B rae tu e cs N a s Pro “Iu cortai Gas ia d nc nta Fra “Co cortaBo ia l nc ’ d e Fra “Ca gn pa am Ch an um Sp

BO

/B

IN

t

rein

Ne

BIRE R

€2

ta an n e /F mo on la / le lim co ica a/ ca Co pesc s ton soda e e e p h p ng T e Ora hw Sc on / m i Le on ss Ta

€5

3,0

€2

er

Ca

K

0

1,0

€2

tt. bo

tt. bo

min

0 3,0

0

1,0

€2

tt. bo

tt. bo

au

a rztr

VIN

3 0.3 LIA S

IN

,00

/5

tt. bo

ES

C

urg

lt.

IG RIN TTTLE D BO/ BOT

IT WH

DO

h r-T

,50

€3

E

a wü iall Ge aG oll Rib na ga Lu

,50

€2

. 5 lt 0,2 .

r 0 lt ate 0,5 /w r 5 ate 0,7 /w r ate /w

IA

uv

,50

€1

le

era

IB

Sa

I CH

IN

LL

IC

IN


2014 Comunicazione / Code of Ethics Rist.Oasi - Aspiag Padova


COMPANY PROFILEI NOSTRI PRINCIPI

Indice

Le nostre regole, le idee ... e le nostre ricette

Our company

7

I nostri locali

11

Le nostre regole, le idee...

La cucina è sempre aperta

9

18 19

I nostri ingredienti

21

Per i vostri eventi

22

Le nostre regole, le idee ... e le nostre ricette

Prepariamo tutti i nostri panini, pizze e piatti nella nostra cucina, lo chef si impegna ogni giorno a cucinare al momento tutte le nostre specialità. Seguiamo la stagionalità e la freschezza degli ingredienti.

17

Il nostro menù

I NOSTRI PRINCIPI

La cucina è sempre aperta

5

Un’azienda di fatta di persone Delicious and healty food

IL NOSTRO LAVORO

21

La cantina

Un aperitivo esclusivo

23

Responsabilità

25

Beverages

24

100% handmade

Usiamo solo

ingredienti di stagione... sani e genuini Tutti i nostri piatti e prodotti da forno

sono preparati al momento...

o al mattino stesso per preservare il sapore e garantire la freschezza.

Uno non puo`... ensare bene, amare bene, dormire bene, se non ha mangiato bene...

Cerchiamo di non facciarvi mancare nulla scegliamo

le migliori specialità da tutto il Mondo.

Virginia Woolf

COFFEE DRINKS AND FOOD

e ingredienti per voi...

per la vostra salute e benessere.

27

Contatti

Abbiamo scelto le

migliori materie prime

Company profile

Nelle nostre ricette usiamo solo cacao pregiato... caffè di prima qualità... birre italiane ed estere vini di cantine pregiate. e anche nella pasticceria

ti offriamo il meglio.

GOOD LIFE GOOD FOOD 1

3

19

ABOUT US

COFFEE DRINKS AND FOOD

Rist.Oasi è un’azienda dinamica e in continua evoluzione, dal momento della fondazione ad oggi e per i progetti futuri, siamo spinti da principi e valori di onestà e trasparenza e dalla passione di nutrire i nostri clienti e il loro spirito. L’obiettivo principale è quello di creare un’esperienza del gusto, data dalla combinazione di prodotti genuini e di qualità, dall’eccellente livello di servizio e dall’atmosfera di un ambiente confortevole.

Il nostro impegno. L’attenzione con cui offriamo il nostro servizio, la cura con cui prepariamo i nostri prodotti e il costante perseguire obiettivi sempre più ambiziosi, per garantire la massima genuinità e un sapore inconfondibile... fa bene anche agli altri. La nostra attività da sempre è attiva in campagne di solidarietà sociale, pensiamo sia fondamentale investire per un futuro migliore e sulel future generazioni.

Un’azienda fatta di persone

I nostri ingredienti

Alla base di ogni nostra scelta c’è il nostro impegno a essere corretti e affidabili, questo grazie attreverso i nostri collaboratori, dipendenti e fornitori. Rist.Oasi ritiene fondamentale il lavoro d’equipe. Il nostro successo complessivo è dato dall’insieme di tutte le piccole operazioni che quotidianamente svolgiamo a regola d’arte. Il nostro compito e la nostra ambizione è mantenere alti ed incrementare questi standard ogni giorno.

WINERY

La nostra cantina

SMILE EAT LAUGH TALK KISS DRINK SHOUT

Rist.Oasi seleziona la carta dei vini stagionalmente tra le migliori etichette locali, italiane e francesi per offrire sempre i migliori vini, prosecchi e spumanti. Disponibili anche con menù degustazione.

5

21

COFFEE DRINKS AND FOOD

CATERING

Il nostro menù

Per i vostri eventi...

Caffetteria, pasticceria e bistrot

Eventi, feste e ricorrenze Feste di laurea e compleanni

Centrifughe di frutta e verdure, spremute e succhi freschi

Brunch and business break e colazione di lavoro

Antipasti, primi piatti, secondi e contorni insalatone, snackeria e piatti unici

Lunch time incontri di piacere

PESCE - CARNE - VEGETARIANO

MUSIC CAFFÈ | LOUNGE BAR | FREE WIFI

Tramezzini - Panini - Toast Piadine - Hamburger Club Sandwich - Focaccie e Pizza Aperitivi con fingher food e cicchetti veneti

Eat IN Take Away 17


2014 Comunicazione / Communication Avanspettacolo dinner show - Venezia


Globe-trotter travel guidebook - North Italy - A11 (japan) Venedig reiseleiter - Italien - city guide (Germany)


2012 Immagine coordinata/ Corporate identity Hotel in Venice


2012 Comunicazione / Communication Due Cafè - Padova

2012 Comunicazione / Communication Saint Street Padova

Menu

Menu

I° anniversario

Un anno di

Cena con Menù degustazione: il meglio di un anno

Non perderti questo fantastico evento, Posti limitati - Prenota ora!

Venerdì 5 Ottobre

Con il pratico cestino da asporto puoi portare sempre con te le nostre delizie,

Take Away) PACKED MEAL WITH TIPICAL DISHES

SALAD - SANDWICH - PIZZA BREAD - COFFEE AND CAKES


2013 Interior design Grafica / Graphics design Mobilfar - Venice

LOGOVA

Corso d’Opera ha una visione chiara e dinamica degli stili di vita contemporanei e sviluppa soluzioni di arredo uniche. Idee e progetti che rispondono alle esigenze sempre più dinamiche e articolate del vivere moderno per garantire altri standard qualitativi. Per esprimere al meglio la filosofia e l’esclusività dell’azienda, le opere in oggetto sono contestualizzate in diverse location e successivamente scomposte per presentare la gamma di varianti e personalizzazioni. L’immagine aziendale è basata sul concetto di “fare e pensare”, attraverso il quale si desidera presentare le componenti d’arredo ma soprattutto un’azienda fatta di persone il cui valore del lavoro artigianale dei falegnami aggiunge qualcosa di speciale. Corse d’Opera has a clear vision and dynamics of contemporary lifestyles and develops solutions unique. Ideas and projects that meet the demands of increasingly dynamic and articulated modern life to ensure other quality standards. The philosophy and the exclusivity of the company, the furniture are decomposed to show the range of variations and customizations. The corporate image is based on the concept of “doing and thinking“, through which want to present the components of furniture but also a people company where value of craftsmanship of carpenters adds something special.


corso d’opera

C O L L E Z I O N E

MOD. H

SISTEMA INTEGRATO CUCINA

H

SISTEMA INTEGRATO CUCINA

MOD. SISTEMA INTEGRATO CUCINA

Il sistema H cucina appare dall’esterno con forme pure ma al suo interno invece viene strutturato e dimensionato per rendere unica la cucina. Abitare e vivere, cucinare e mangiare diventano sinonimo di unità, senza mostrare chiaramente quale funzione si svolge in un determinato spazio. Il modello H viene di seguito scomposto per parti in modo tale da rendere più semplice la composizione del sistema.

SCOMPOSIZIONE PER ELEMENTI FUNZIONALI

Piano Cucina / interamente realizzato in legno massello e predisposto per ogni accessorio. Dimensione su misura - Spessore 8/7 cm

H basic

Dorso / interamente realizzato in listellare placcato essenza.

MOD. sistema integrato cucina

Dimensione su misura - Spessore 2,2 cm

Un solo lato operativo, lato opposto bancone. Fianconi strutturali / in listellare placcato essenza, per alloggio impianti - cestoni, vassoi estraibili - anta battente o anta estraibile. Dimensione 15x75 cm - H 85 cm - lavorazione a 45°- spes. 2,2 cm

H plus

MOD. sistema integrato cucina Doppia operatività.

Gola / profilo in legno fascia-maniglia

Moduli base disponibili su entrambi i lati.

Dimensione 4x6 cm - Lunghezza su misura Barra Omega / profilo di radrizzante verniciato Dimensione su misura

H wall

MOD. sistema integrato cucina Versione da addosare a parete.

(diversa configurazione dorso)

Modulo Base Sospeso /

Cestone interno / Cassetto /

interamente realizzato in

Vassoio

multistrato di betulla frontale

interamente realizzato in

listellare placcato essenze.

multistrato di betulla,

Dimensione fusto H. 60cm

portata guide 50 Kg.

Profondità 60 cm Modulo Base Sospeso / interamente realizzato in

DIMENSIONI / dimensioni sopra riportate riguardano la composizione illustrata in catalogo. [cm] Lunghezza 300 370

Prof. 90 107

Altezza 91 91

Spess. 8 8

Descrizione Noce Nazionale Noce Nazionale

SISTEMA INTEGRATO CUCINA SU MISURA DIMENSIONI PERSONALIZZATE ED INTERAMENTE LAVORATO SU MISURA

multistrato di betulla frontale listellare placcato essenze. Dimensione fusto H. 60cm Profondità 40 cm | MODELLO H PLUS | attenzione doppio modulo profondità fiancone 115 cm.

Lavorazioni Extra / Anta in listellare placcato essenza. Altezza 60 cm. Spessore 2 cm.


2013 Interior design Mobilfar - Venice

M45

MOD. Piano bagno

Mensola M45 [cm]

Piano bagno composto da elementi orizzontali in massello di essenza o in placcatura. Mensola personalizzabile nelle dimensioni e predisposizione per l inserimento del lavabo. Dal design semplice e minimale, il modello M 45 risulta essenziale e funzionale nonchè la soluzione ideale per conferire identità e stile agli spazi dedicati alla cura del corpo.

Elemento orizzontale - Mensola M45

20

Sistema di fissaggio a parete mediante staffe metalliche

8 35/40

Predisposizione lavabo

20

10

AMBIENTAZIONE

pe

rso

nal

iz za

bile

50

SCHEMA DIMENSIONALE

LAYOUT FUNZIONALE / modello M45

LISTINO PREZZI / ESSENZE

€/ml

ABETE ABETE VECCHIO CEDRO DEL LIBANO FRASSINO NOCE CANADESE NOCE NAZIONALE ROVERE EU / USA WENGE

MOD. H10

TINTURE LACCATO LUCIDO LACCATO OPACO

MOBILE BAGNO

EXTRA

TAGLIO DI SEGA

Rigore e pulizia tra arte e design per completare lo spazio della casa dedicato alla cura della persona. Struttura in essenza di legno massello.

PREDISPOSIZIONE FORI LAVABO STAFFE coppia STAFFA IN AGGIUNTA

[con L. > 150 cm]

Copyright CORSO D OPERA 2012

22 / 23

H10

MOD. MOBILE BAGNO

Struttura in massello di essenze. ELEMENTO SU MISURA

TAO

MOD. PIANO BAGNO

Struttura in massello di essenze. ELEMENTO SU MISURA Spessore 4 cm Interno cassetti in multistrato di betulla - h. 15 cm Profondità 50 cm. Altezza indicativa 70 cm.

Spessore 4 cm Interno cassetti in multistrato di betulla - h. 15 cm Profondità 50 cm. Altezza indicativa 70 cm.

corso d’opera

C

O

L

L

E

Z

I

O

N

E

L’azienda / Lavorazioni essenze e finiture Tutti gli articoli illustrati in questo catalogo sono disponibili in diverse essenze di legno. La finitura è ottenuta con il tradizionale trattamento a base di olii naturali e vegetali. Prendersi cura del legno perchè è un materiale vivo e come tale può avere nel tempo piccoli mutamenti di tonalità e di dimensione, questi non sono difetti ma bensì pregi di una essenza speciale e ognuna diversa dall’atra. Una nuova collezione di opere, mobili e complementi d’arredo dal design unico e oggetti d’arte incentrati sui valori tradizionali di artigianalità e sostenibilità. Le opere presentate in catalogo sono disponibili in otto essenze e diverse lavorazioni, tra cui la pregiata finitura a taglio di sega. Questo catalogo desidera presentare la collezione e il nostro modo di “fare e pensare”, attraverso un reportage di fotografie vogliamo far conoscere il prodotto “Corso d’Opera” ma sopprattutto invitarvi a conoscere un’azienda fatta di persone il cui valore del lavoro artigianale dei falegnami aggiunge qualcosa di speciale alle nostre idee di interior designer.

H30

MOD. MOBILE BAGNO

Struttura in massello di essenze. ELEMENTO SU MISURA Spessore 4 cm Interno cassetti in multistrato di betulla - h. 15 cm Profondità 50 cm. Altezza indicativa 70 cm.

HV

MOD. PIANO BAGNO

Tavola in messello scortecciata. Spess. 8 cm ~ . ELEMENTO SU MISURA Modulo giorno sospeso, interno cassetti in multistrato di betulla - h. 35 cm Profondità 35 cm. Altezza 35 cm ~.

SPECIFICHE TECNICHE

ABACO delle ESSENZE e FINITURE

S

ABETE

ABETE VECCHIO

CEDRO DEL LIBANO

FRASSINO

TAGLIO SEGA

NOCE CANADESE

NOCE NAZIONALE

ROVERE EUROPEO AMERICANO

WENGE’

LACCATO LUCIDO

L

TINTURE

O

LACCATO OPACO

LA CASA È L’UOMO TEL LE LOGIS, TEL LE MAÎTRE OVVERO: DIMMI COME ABITI E TI DIRÒ CHI SEI. MARIO PRAZ, LA FILOSOFIA DELL’ARREDAMENTO, 1945

46 / 47


2015 Comunicazione / Communication Animaglass lighting design - Venezia

2014 Comunicazione / Communication Logistic company

Catalogue

Company profile

Presente sul campo dal 1990, l’azienda Righetto Autotrasporti rappresenta una realtà in costante crescita nel panorama del trasporto su gomma.

SERVIZI LOGISTICI NAZIONALI ED INTERNAZIONALI

BRENNERO UDINE

EST EUROPA

Linea giornaliera Friuli Venezia Giulia, Triveneto, Toscana, Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna, Marche, Campagna e Puglia

SLOVENIA CROAZIA

PORDENONE

TRIESTE

TRENTO TREVISO

PIEMONTE

BRESCIA BERGAMO

PADOVA VENEZIA

MILANO

VERONA

L’ottimale utilizzo dei 1100 mq di superficie, permette rapidità nelle operazioni di carico e scarico anche nelle fasce orarie critiche. La nuova situazione struttuale e logistica ne fanno un partner affidabile per tutte le aziende che ricercano flessibilità, serietà e puntualità. L’assenza di tempi di stoccaggio facilita la movimentazione delle merci, riduce i problemi tecnici ed è il miglior segno di efficienza.

RAVENNA

FIRENZE

CAMPANIA

La completa gestione informatizzata degli ordini rappresenta uno dei punti di forza dell’organizzazione interna e garantisce precisione e controllo. I dodici collaboratori costituiscono una squadra affiatata e una flessibilità operativa che solo un’azienda di queste dimensioni può offrire.

PARTENZE DIRETTE DA DEPOSITO RIGHETTO AUTOTRASPORTI AUTOTRENO CON DESTINAZIONE OSNAGO (LC) Zone di competenza: Lombardia, Piemonte, Liguria, Valle D’Aosta. Sia in distribuzione che in ritiro.

1.100 mq di deposito pluriennale esperienza un team di 12 persone parco mezzi diversificato consegne in 24 ore partenze dirette dai nostri depositi

AUTOTRENO VIGEVANO (PV) Zone di competenza: Vigevano e provincia. Sia in ditribuzione che in ritiro. AUTOTRENO CON UNA CASSA A FORLI’ (FC) Zone di competenza: Rimini, Ravenna, Forli e provincie e Repubblica San Marino. Sia in distribuzione che in ritiro.

consegne in Goriza Pordenone - Udine Treviso - Padova Vicenza - Verona - Brescia Lalombardia Romagna Toscana - Marche Campagna

MODENA

MARCHE

LO STESSO AUTOTRENO (CON LA SECONDA CASSA) BOLOGNA Zone di competenza: Bologna, Reggio Emilia, Modena, Parma, Piacenza, Ferrara e provincie. Sia in distribuzione che in ritiro. AUTOTRENO CON DESTINAZIONE TOSCANA Zone di competenza: tutta la Toscana sia in distribuzione che in ritiro. AUTOTRENO DESTINAZIONE MARCHE Zone di competenza: tutte le Marche sia in distribuzione che in ritiro.

I nostri progetti per il futuro ci vedono impegnati nel potenziare la nostra offerta di servizi e la rete di copertura per arrivare sempre più lontani...

Il nostro parco mezzi è diversificato e qualificato per ogni soluzione, ottimizzando costi e tempi di consegne.

AUTOTRENO CON DESTINAZIONE CAMPANIA Zone di competenza: tutta la Campania sia in distribuzione che in ritiro.

www.righettotrasporti.com

SERVIZI LOGISTICI NAZIONALI ED INTERNAZIONALI Affidabilità e sicurezza nel trasporto

Servizi di ritiro e consegna espressi Servizio di trasporto veloce nazionale Logistica e deposito

Trasporto merci

Autotrasporti Righetto: 20 anni di impegno

Righetto Autotrasporti

Righetto Express

di Righetto Massimo

Trasporti nazionali ed internazionali

via II Strada, 29 Z.A. 30030 Galta di Vigonovo (Venezia)

via I Strada, 15 Z.A. 30030 Galta di Vigonovo (Venezia)

T. +39 049 9832281 F. +39 049 9832278 www.righettotrasporti.com direzione@righettotrasporti.com

www.righettoexpress.it www.righettoexpress.it

Qualità, velocità e sicurezza al vostro servizio

Cell. Roberto +333 4854800 Cell. Marco +335 5770944

Servizi Logistici Trasporti nazionali e logistica servizi espressi in tempo reale

www.righettoexpress.it amministrazione@righettoexpress.it

+ 45.395776; +12.016447

www.righettotrasporti.com www.righettoexpress.it


2009 Tirocinio / Traineeship Baldan costruzioni spa & Project industry Padova

Realizzazione di immagini coordinate per la vendita di residenze e case vacanze, residenze e uffici, pubblicate nelle pagine di diversi quotidiani: - Gazzettino di Padova e di Venezia, - Mattino di Padova, - Corriere del Veneto, - Riviste di settore. Creation of corporate identity for the sale of residences and cottages, published in the pages of several newspapers.


2009 Comunicazione / Comunication Green Power Energy - franchising - Padova

SCEGLIERE NOI SIGNIFICA... • Assistenza negli anni. • Estrema rapidità di installazione • Standard di qualità dei processi lavorativi elevata. • Prodotti testati con alti standard. • Garanzia 24 mesi sul montaggio anche per danni da infiltrazioni e ricerca del guasto. • Garanzia sui materiali di 5 anni. • Garanzia sulla resa dell’impianto: di 10 anni su 90% della potenza di 25 anni su 80% della potenza • Il pacchetto offerta con la rata che si auto paga. • Nessun esborso di denaroanxi, una rendita finanziaria.

Punto

G reen Power

Agente: Green Energy Italia srl

COME FUNZIONA IL FOTOVOLTAICO

Un impianto fotovoltaico è finalizzato alla produzione di energia elettrica. Questa tecnologia permette di trasformare direttamente l’energia solare, incidente sulla superficie terrestre, in energia grazie alle proprietà dei materiali semiconduttori, come ad esempio il silicio.

I principali componenti di un impainto fotovoltaico I MODULI FOTOVOLTAICI sono l’elemento principale dell’impianto, in quanto la loro esposizione alla radiazione solare determina la produzione in energia. I moduli fotovoltaici più diffusi sono rettangolari, delle dimensioni di 1-1,5 mq, protetti da un vetro resistente e trasparente il cui peso si aggira intorno ai 15-20 Kg. La potenzialità del modulo si esprime in watt di picco Wp e il valore indica la quantità di energia che il modulo è in grado di produrre nell’unità di tempo, in condizioni standard di irragiamento solare e temperatura, che corrispondono a quelle riscontrabili a mezzogiorno, in una giornata fredda e soleggiata. Generalmente, i moduli fotovoltaici per le applicazioni trattate in questa guida hanno potenze comprese tra 100 e 300 Wp. Ad esempio per un impianto residenziale da 3 Kwp occorrono circa 15 moduli fotovoltaici. STRUTTURE DI SOSTEGNO sono strutture che sorreggono i moduli e provvedono al loro orientamento dando un inclinazione rispetto al piano orizzontale. In italia l’inclinazione ottimale è di 30°. INVERTER è un dispositivo elettronico che consente di adeguare l’energia elettrica prodotta dai moduli alle esigenze delle apparecchiature elettriche della rete operando la conversione da corrente continua a quella alternata con frequenza di 50 Hz.

...SENZA PENSIERI

Il nostro programma di lavoro per te... • Fattibilità impianto • Programma finanziario • Convenzione di investimento • Sopralluogo tecnico • Disegno architettonico • Pratiche edilizie / autorizzative • Progetto elettrico • Domanda di allaccio alla rete idrica • Installazione a norma • Collaudo • Allaccio ENEL • Richiesta GSE • Garanzia di montaggio • Garanzia materiali • Smaltimento fine vita pannelli • Manuale uso e manutenzione

Punto

G reen Power

Agente: Green Energy Italia srl


2014 Comunicazione / Communication Multi-medica Medical care - Venezia

PROBLEMI AI DENTI?

Le malattie parodontali (gengiviti e parodontiti) sono molto diffuse e se non sono curate in tempo posso creare seri disturbi, arrivando a causare perfino la perdita dei denti.

Non sottovalutare il tuo problema

Le malattie parodontali (gengiviti e parodontiti) sono molto diffuse e se non sono curate in tempo posso creare seri disturbi, arrivando a causare perfino la perdita dei denti. IL POLIAMBULATORIO

PER LA FAMIGLIA Non sottovalutare il tuo problema CON MEDICI CHE

Il nostro studio dentistico è specializzato nel trattamento laser

Il nostro studio dentistico è specializzato ASCOLTANO LE VOSTRE nel trattamento laser ESIGENZE

● RISULTATI VISIBILI DOPO POCHE APPLICAZIONI

POLIAMBULATORIO

STUDIO DENTISTICO

● RISULTATI VISIBILI DOPO POCHE APPLICAZIONI

● NESSUN EFFETTO COLLATERALE

● NESSUN EFFETTO COLLATERALE

● NON INVASIVO ● NON NECESSITA DI ANESTESIA ● SEMPLICE E VELOCE

ORARI Piazza Vighizzolo, 12 Prozzolo di Camponogara (Ve)

PROBLEMI AI DENTI?

LUNEDÌ 9:00 - 12:00 e 14:00 19:00 MARTEDÌ 9:00 - 12:00 e 15:00 18:00 MERCOLEDÌ 14:00 19:00 GIOVEDÌ 15:00 19:00 VENERDÌ 9:00 - 12:00 e 14:00 19:00 SI RICEVE SU APPUNTAMENTO Si prega di dare disdetta dell’appuntamento con almeno 48 ore di anticipo.

● NON INVASIVO PROFESSIONALITÀ ED ● NON NECESSITA DI ANESTESIA ESPERIENZA AL TUO ● SEMPLICE E VELOCE SERVIZIO CON SPECIALI VANTAGGI PER LA TUTTA LA FAMIGLIA.

Piazza Vighizzolo, 12 Prozzolo di Camponogara (Ve)

MULTI MEDICA Piazza Vighizzolo, 12 Prozzolo di Camponogara (Ve)

Si riceve su appuntamento. Visita il nostro sito per tutte le informazioni o contattaci al:

Tel. 041 5150145

ORARI LUNEDÌ 9:00 - 12:00 e 14:00 19:00 MARTEDÌ 9:00 - 12:00 e 15:00 18:00 MERCOLEDÌ 14:00 19:00 GIOVEDÌ 15:00 19:00 VENERDÌ

9:00 - 12:00 e 14:00 19:00 POLIAMBULATORIO

SI RICEVE SU APPUNTAMENTO STUDIO DENTISTICO

Si prega di dare disdetta dell’appuntamento con almeno 48 ore di anticipo.

www.multimedicasrl.it

Speciale

sconto

Famiglia

Ci premdiamo cura di voi CLINICA DENTALE MEDICINA ESTETICA DERMATOLOGIA SCOPRI TUTTI I NOSTRI SERVIZI

Tel. 041 5150145 www.multimedicasrl.it

IL POLIAMBULATORIO

PER LA FAMIGLIA CON MEDICI CHE

ASCOLTANO LE VOSTRE ESIGENZE


2014 Comunicazione / Communication Dance accademy - gym

Company profile and school timetables

Advertisement


2014 Comunicazione / Communication White Studio Padova

A N I T A sneaker con zeppa interna in suede e laccio in velluto

A R I A sneaker in suede e laccio in velluto

S U E D E N E R O - L AC C I O V E L LU TO N ER O disponibile in tutte le versioni S U E D E C U O I O - L AC C I O V E L LU TO C U O I O

S U E D E B L U - L AC C I O V E L LU TO B L U

A R I A sneaker in specchio e laccio in velluto

S PEC C H I O A N T R AC I T E - L AC C I O V E L L U T O G R I G I O

S U E D E G R I G I O - L AC C I O V EL LU TO G R I G I O

F A L L

W I N T E R

SUEDE BORDEAUX- L AC C I O V E L LU TO B O R D E A U X

2 0 1 3 - 2 0 1 4

Il marchio Regi.A nasce dalla voglia di creare qualcosa di semplice e allo stesso tempo innovativo e chic nell’ambito della calzatura. La sua ideatrice, Regina Favaron si occupa oramai da diversi anni di stile, creando collezioni per diversi marchi nel suo ufficio, nella Riviera del Brenta dove nascono da sempre le più belle calzature made in Italy ad alto livello. Stimolata dai numerosi viaggi di ricerca e ispirata quotidianamente da vari input, moda e tendenza, la sneaker Regi.A racchiude semplicemente le caratteristiche che rispecchiano il suo gusto e ciò che le piace. Ha disegnato questa sneaker per una donna senza età che ami il fatto di portare ai piedi una scarpa innovativa a tutti gli effetti che attiri l’attenzione per la sua originalità. Il giusto mix di pellami particolari colori e nuance di tendenza e allo stesso tempo tradizionale.

A R I A sneaker in velluto e laccio in raso

S PEC C H I O B R O N ZO - L AC C I O VELLUTO M A R R O NE

V E L LU TO N E R O - L AC C I O R A S O N E R O

V E L LU TO B LU - L AC C I O R A S O B LU S PEC C H I O N ER O - L AC C I O V E L L U T O N ER O

STYLE OFFICE / Regina Favaron 30032 Fiesso d’Artico, Venezia info@regiashoes.com

A N I T A sneaker zeppa interna in velluto e laccio in raso

PRODUZIONE / Calzaturificio Zulian Via Noventana, 210 - 35027 Noventa Padovana, Padova SHOWROOM TRIVENETO: Scintille Showroom Via Fontane di Villorba 91/94 - 31020 Treviso T. +39 0422 1722030 - C. +39 335 5270484 info.scintillesnc@gmail.com SHOWROOM LOMBARDIA: New Proiezione Moda srl Via Carlo Botta, 8 20135 Milano - T. + 39 02 48026037 SHOWROOM EMILIA ROMAGNA: Newport sas Via Bonazzi, 26 40013 Castel Maggiore, Bologna - T. +39 051701672

V EL LU TO G R I G I O - L AC C I O R A S O G R I G I O

V E L L U T O B O R D E AU X - L AC C I O R A S O B O R D E AU X V E L L U T O M A R R O N E - L AC C I O R A S O M A R R O N E disponibile in tutte le versioni


2006 Comunicazione / Communication University portfolio www.bajlab.com


Venezia / Venice 2016 Autorizzazione del trattamento dei dati personali contenuti, ai sensi art. 13 del D. Lgs. 196/2003. Authorization of the treatment of personal data, in accordance with art. 13 of Legislative Decree no. 196/2003.


por tfo lio Stefano Biasiolo

Profile for stefano b.

PORTFOLIO  

PORTFOLIO  

Advertisement

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded