Page 1

EDIZIONE DEL LUNEDÌ

Nuova Apertura www.ilgiornaledivicenza.it

LUNEDÌ15 OTTOBRE 2012 € 1,20

MOTOGP

VettelsfrecciainCorea escavalcaAlonso

IlsuccessovaaPedrosa Lorenzodatitolo

f PAG23

La priorità globale della crescita

Tonfo Vicenza, vince ilPadova

I

9HRLFTB*bgjaab+[C\B\K\B\P

f PAG24

CALCIOSERIE B. Il derbyalMenti èstregato: altra sconfitta(0-2)dopo quellacolVerona

di CARLO PELANDA risultati del summit del Fondo monetario internazionale che si è appena concluso a Tokyo, possono essere sintetizzati sostanzialmente in cinque punti: (a) la crescita globale resterà ancora in contrazione per buona parte del prossimo anno, il 2013; (b) la ripresa globale sarà scarsa e lenta a causa dei problemi attraversati in questo momento dalle «locomotive» europea ed americana; (c) i programmi di austerità nell’Eurozona sono controproducenti perché, deprimendo in modo eccessivo la crescita, riducono il gettito fiscale che serve per pareggiare i bilanci e quindi aumentano i debiti nazionali; (d) per questo motivo l’Eurozona viene indicata da tutto il mondo quale causa principale sia della recessione globale sia dell’instabilità finanziaria; (e) il Fondo monetario, nella sua missione statutaria di garantire la stabilità economica mondiale, ha raccomandato una serie di misure, per lo più indirizzate verso l’Europa, per correggere gli eccessi di austerità ed irrobustire la ripresa, individuando nel summit della prossima primavera una data ravvicinata per valutarne gli effetti. In sintesi, all’Eurozona è stato in qualche modo imputato un attentato alla stabilità mondiale, mentre il Fmi, a nome del resto del pianeta, farà di tutto per far cambiare politica ai suoi governi. Ovviamente il messaggio è arrivato nel linguaggio formale della diplomazia, ma questa è la sostanza. Tale posizione, già espressa meno pubblicamente dall’estate scorsa, ha indotto il passaggio repentino di Angela Merkel e del governo tedesco, da una posizione di assoluto rigore ad una più lasca per schivare l’imputazione. Un’inversione di marcia che ha permesso alla Bce di annunciare la garanzia illimitata, fino ad allora ostacolata dalla Germania, degli eurodebiti in sofferenza per almeno attutire questo aspetto della tendenza depressiva in Europa. Ma non è bastato. Ora la pressione del Fondo, probabilmente, forzerà Berlino ad accettare di dar più tempo ed aiuti alla stremata Grecia, ed al Portogallo, nonché alla Spagna, per evitare una loro crisi di insolvenza che contagerebbe il pianeta. Ed è anche probabile, ma è già visibile, un ammorbidimento dei requisiti e dei tempi per ottenere il pareggio di bilancio come imposto dal trattato Fiscal Compact (convergenza fiscale). Inoltre i governi dell’Eurozona stanno accelerando i lavori per varare, forse già entro ottobre, un altro trattato che ne bilanci le restrizioni eccessive, denominato Growth Compact (convergenza per la crescita). Il mondo ha insomma bacchettato l’irrealismo economico dell’Eurozona a guida tedesca. Una buona notizia per gli italiani, alle prese con un rigore eccessivo. www.carlopelanda.com •

Biancorossi in crisi di risultati e di gioco. Al Menti passa anche il Padova con una doppietta di Cutolo e lo 0-2 incassato davanti a 8 mila spettatori fa il paio con il k.o. già subìto dal Verona. Il Vicenza è alla seconda sconfitta consecutiva e ha mostrato un’involuzione di gioco che co-

mincia a preoccupare anche il tecnico Breda. Squadra troppo lunga in campo, poco incisiva e con un’intensità di gioco ben diversa dall’inizio di stagione. Il Vicenza non è andato oltre un palo colpito da Malonga quando però il Padova era già scappato sul doppio vantaggio. f PAG 26-29

per essere sempre pronti a soddisfare le nuove esigenze di piccole, medie e grandi aziende, studi legali e di progettazione, semplificandone la gestione, la logistica, la produzione.

Sistemi Contabili S.p.A. Sede: Via Capitelvecchio, 20 BASSANO DEL GRAPPA (VI) Tel. 0424.523040 r.a. - Fax 0424.529409 Filiale: Via G. A. Longhin, 103 - PADOVA Tel. 049.8072368 - Fax 0424.529409 info@sistemicontabili.it - www.sistemicontabili.it

SECONDADIVISIONE

Bassanoinascesa IlblitzaRimini(2-1) bellaconferma f PAG 30

LucaCastiglia contrastatoda Cuffanel derby vintodalPadova alMenti conuna doppiettadi Cutolo.Peril Vicenzadue k.o. consecutivi

INODI. Il ministrodella Giustizia,PaolaSeverino: «Corruzionedilagante, èpeggio del1992 »

«Èuna nuova Tangentopoli» Il PdlscaricaFormigoni, la Lombardiavaal voto. Veltronisi “autorottama” L’INCREDIBILE IMPRESA DI BAUMGARTNER: “VOLA” PER 39 MILA METRI

Peggio del ’92. Peggio di Mani Pulite. Con la corruzione «dilagante» a livelli «dannosissimi per l’economia e l’immagine del Paese». È la denuncia del ministro della Giustizia, Paola Severino. Intanto la Lombardia va verso le elezioni anticipate: Alfano si dice contrario “all’accanimento terapeutico”. E Veltroni si... autorottama. f PAG 3

VICENZA

Erbadiunmetro nelparcheggio diviaCattaneo f ROVEROTTO PAG 11

CASSOLA. Rischial’amputazioneditreditadelpiede

Cacciatoresiferisce conuncolpodifucile

Haabbattutoilmurodelsuono Un lancio da record. Il temerario austriaco volante, il paracadutista Felix Baumgartner, entra direttamente dalla stratosfera nella Storia. S’è tuffato da una quota mai tentata prima, oltre 39

GW13447

Poste Italiane S.p.a. - Sped. in a.p. - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma 1, DCB Vicenza

GV10750

FORMULA1

mila metri di altezza e, in caduta libera, ha infranto il muro del suono, per poi toccare terra sano e salvo e, in ginocchio, esultare: «Ce l’ho fatta!». L’hanno seguito milioni di persone in diretta. f PAG 5

Stava caricando il fucile per effettuare una battuta di caccia. Per motivi che sono in corso di accertamento da parte delle forze dell’ordine, improvvisamente dalla doppietta rivolta verso il basso è partito un colpo. Il cacciatore A. C., 54 anni, residente a Cassola, s’è ferito al piede destro e rischia l’amputazione di tre dita. Assieme a lui al momento dell’incidente c’era un amico. f PAG18

VALLI

Alpinistadi83 annirecuperato sulPasubio f CUCOVAZ PAG 14

GV10762

ANNO66 NUMERO285

Un tuffo al cuore

B

ello e invincibile come un dio greco che esce dalla acque di Zante. Salì sulla vetta dell’Olimpo per ben cinque volte. Poi, a soli 24 anni, il grande nuotatore Ian Thorpe decise di ritirarsi. Si diceva: problemi di alcolismo. In verità, grazie alla sua biografia, “Questo sono io”, scopriamo che l’atleta australiano era finito negli umbratili abissi di una piscina, dove, nell’altra corsia, corre un avversario invisibile che è sempre più veloce di te: la depressione. Scrive Thorpe: “Ho pensato e ripensato ai luoghi e ai modi per suicidarmi. Con l’alcol cercavo di li-

di GIANCARLO MARINELLI berami da questo male”. Già, il male. Lo stesso che ha divorato Vittorio Gassman e tanti altri; uomini grandi e famosi, piccoli e sconosciuti. Tutti indifesi. Il male oscuro, il buio nell’anima, la tristezza di vivere; per chi ne soffre ha un solo colore: l’assenza di colori. Ha un solo odore: l’assenza di odori. E ti ritrovi con il cuore, come una inerme matassa grigia di pongo, trafitto da ogni chiodo della vita. Il silenzio diventa la tua casa, le lacrime il tuo respiro. “Un giorno vedi una finestra spalancata e provi per quel vuoto un’attrazione

irresistibile”, mi raccontò un amico svuotato in ogni sua fibra. E mentre dal recente convegno di Verona giungono incoraggianti novità sulla cura con l’introduzione della neuro modulazione, Thorpe ci commuove quando, con un sorriso, confessa: “Perché non mi sono suicidato? Mi sentivo ridicolo”. Come Francoise Sagan che scrisse: “Morire va bene, ma mai di ridicolo”. C’è troppa bellezza per smettere di nuotare. Si può sconfiggere il più potente dei nemici, anche restando ai bordi di quella piscina. Purché in fondo al cuore, ancora, sentiamo un tuffo. •

DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA

Vino consigliato dalla Venerabile Confraternita del Bacalà alla Vicentina


8 Cronaca

Lunedì 15 Ottobre 2012

GZ03547

Mamme volontarie per lo sportello

IL GIORNALE DI VICENZA

pronto? MAMMA CHIAMA MAMMA e-mail assconvivi@gmail.com

CRONACADIVICENZA

Diasporaadestra AlleComunali in ordinesparso Dopolostrappo lombardolaLega correrà dasola Pdldiviso, Conte “civico” eCicero vuolefare ilbis Verso una pioggia dicandidati. Sel vicinaa Variati Lega nord da sola, Pdl frammentato, Fli in salsa civica e Udc dall’altra parte della barricata, fedele alleato del sindaco Achille Variati e del centrosinistra. Si aggiunga una spruzzata di probabili liste civiche autonome e lo spezzatino è servito. I terremoti della politica nazionale, da Roma a Milano, finiscono sul tavolo delle elezioni comunali. E se il buongiorno si vede dal mattino è possibile che la griglia di partenza per la corsa a palazzo Trissino sia più affollata che nel 2008, quando si presentarono ben 12 candidati sindaco. All’epoca, se non altro, i “grandi partiti” erano uniti e le alleanze stabili. Oggi è un altro mondo. (IL FU) CENTRODESTRA. La frammentazione regna sovrana soprattutto a centrodestra dove, da un decennio, l’asse Pdl-Lega non è mai stato così compromesso. Se nel giorno in cui il Carroccio scarica Formigoni il suo leader Roberto Maroni annuncia una corsa in solitaria anche in riva al Bacchiglione, un’epoca è davvero finita. In passato gli accordi Berlusconi-Bossi indirizzavano il candidato padano in Provincia, quello azzurro in città: la corsa di un (o di una) leghista a palazzo Trissino sarà dunque una novità. L’idendikit del candidato manca ancora, ma di recente è tornato a circolare il nome di Manuela Dal Lago. Maroni non esclude né conferma. Idem Tosi: «Dal Lago è uno degli amministratori leghisti più capaci, se 4 anni fa si fosse candidata, oggi non ci sarebbe Variati sindaco, con tutto il rispetto per Variati». Ma

Quellochesifaall’oscuro, vieneal sole.

Telefono 0444.396.311 Fax 0444.396.333 | E-mail: redazione@ilgiornaledivicenza.it

POLITICA. Laconfusione nazionalerivive nella corsaapalazzo Trissino

Marco Scorzato

Ilproverbio delgiorno

Dal Lago, oggi, è un nome ancora spendibile? Tosi nicchia: «Il candidato lo decideranno le segreterie provinciali e cittadina: non nel chiuso delle loro stanze, ma chiedendosi cosa vogliono i vicentini». CONTE, CICRERO E I (VARI) PDL. Dal Lago non è il solo nome “esperto” finito nel toto-candidati. Chi potrebbe presto sciogliere le riserve è Giorgio Conte, che Futuro e libertà vorrebbe lanciare come leader di una civica di centro, fuori dallo schema bipolare destra-sinistra. In pista, a primavera, potrebbe esserci poi un Claudio Cicero-bis. L’ha già detto, l’ex consigliere delegato di Variati: «La mia lista ci sarà», lasciando intendere che è probabile una sua candidatura a sindaco. Sarà molto probabile se il Pdl non riuscirà a coagulare un’alleanza vasta a centrodestra. Oggi è più vicino al rischio opposto, l’iper-frammentazione, non solo per la guerra

DalLago? Nel2008avrebbe vinto.Lascelta delcandidatoora spettaaivicentini FLAVIO TOSI SEGRETARIOLIGA VENETA

tra Pdl provinciale e cittadino, ma anche per divergenze interne, solo in parte riconducibili alle vecchie etichette Forza Italia e An. Un collante potrebbe essere Enrico Hüllweck, altro nome “esperto” finito nel totocandidati. Il Pdl cittadino sta dialogando con il Patto per Vicenza e con La Destra, e ad oggi sembra questo il massimo dei confini di coalizione. SEL CON VARIATI? Questa diaspora a centrodestra fa apparire in piena salute un centrosinistra che, in realtà, non si fa mancare i mal di pancia interni, emersi anche nell’ultima seduta di Consiglio. Lì, però, il quadro è più chiaro e stabile: il sindaco Achille Variati corre verso la ricandidatura pur propenso al “prologo” delle primarie. La sua coalizione, è imperniata su Pd, Lista Variati, Vi.Capoluogo e Udc. Potrebbe aggiungersi un’altra lista centristra. Sinistra e libertà resta copertissima, ma pare orientata all’adesione. Più a gauche, invece, viaggiano in ordine sparso Italia del valori, Federazione della sinistra e nodalmoliniani, oggi rappresentati da Cinzia Bottene, ma che non hanno sciolto le riserve sul loro futuro. «Fate presto a scegliere il candidato», diceva l’altro ieri Maroni ai leghisti vicentini, ma il richiamo potrebbe valere per molti altri. Anche perché, sebbene il caos regni sovrano, tra sei mesi si vota. •

Sala(Pd)ribatte CRITICHE Il«fuoco amico»colpisce IsabellaSala. La consiglieracomunaledel Pd, dopol’assenzain Consiglioe lasuccessiva bagarre,risponde alle paroledi Federico Formisano.«Leggereche chinon ha temposideve dimettereamareggia commentariferendosi alle dichiarazionidel suo capogruppo-perché nonè correttodiresolo partidi verità e trovare lafacile viadeicapri espiatori.Mi assumolamiaparte di responsabilitàe faccio ammenda». RISPOSTE Salasi togliequalche sassolinodalla scarpa:«La maggioranzaè statain passatopiù corposa, e questesituazioni di cambiamentonumerico nonsonocausa dinoi consiglieridi maggioranza rimasti asostenere la giuntanelle diverse situazioni,anche a fare

Unasedutaconsiliare inSala Bernarda: lacorsa perleprossime Comunali è ancoraun rebus

AUTONOMIE. Lafesta dellaLega sièchiusa coldibattitobi-partisan

dibattiti(come mai era accadutoinpassato) senzagiuntae senza minoranza,caso avvenuto lascorsasettimanasul temadella sicurezza.Non trovo pernulla corretto puntare(solo) sultema del tempoadisposizione di un consigliereodi una consigliera;un’assemblea, qualunqueassemblea democraticae rappresentativa,ha bisognodiuna compagine socialevaria.Altrimenti la politicadiventa materia perpensionati».E conclude:«Nessuna dietrologiasul Pumo su divisioniinternealpartito, nétantomeno vendette». • © RIPRODUZIONERISERVATA

© RIPRODUZIONERISERVATA

Tosi, sìallalotta dei sindaci «Maladeveguidare Zaia» IlprimocittadinodiVerona afiancodeicolleghiVariati GentilineZecchinato: «Troppitagli,pochipoteri» «Troppi tagli dallo Stato, poteri insufficienti». Il bilancio comunale che piange sempre di più, le competenze in materia di sicurezza che lo Stato non delega. È la situazione nella quale Flavio Tosi, primo cittadino di Verona e segretario della Lega veneta, invoca «una protesta dei sindaci». A guidarla, dice, «dovrebbe essere il governatore Luca Zaia che rappresenta tutti noi». È l’appello con cui si è chiuso ieri il “Prima Vicenza Festival”, kermesse della Lega nord. Al Comunale, ieri, la Le-

Ildibattitocon i sindaci Gentilin,Tosi, Variati eZecchinato. COLORFOTO ga ha invitato, oltre a Tosi, i suoi colleghi Achille Variati (Vicenza), Giorgio Gentilin (Arzignano) e Marco Zecchinato (Orgiano). Quattro sinda-

ci di diverso colore politico e di Comuni di dimensioni diverse, accomunati dalle difficoltà a far quadrare i conti a causa di tagli ripetuti ai trasfe-

ILRETROSCENA. Gli scambi di messaggitra il coordinatoreprovinciale eil suovice sanciscono larottura definitiva

Quelleemail alvetriolonel Pdlberico Berlato invita Zanettin a concordare l’ordine del giorno del coordinamento «Non se ne parla proprio»

Vieni ad assaggiare le specialità dell’India del Nord!

PER TUTTO IL MESE DI OTTOBRE 15 % DI SCONTO VICENZA PADOVA Corso Padova, 18 info@buddharesturant.com Via Giotto, 31 Tel. 0444 300961 www.buddharesturant.com Tel. 049 8789308

APERTO TUTTI I GIORNI. TI ASPETTIAMO! Buddha indian resturant,Padova

GX21515

NUOVO RISTORANTE INDIANO

Che il clima in casa pidiellina fosse pessimo era noto da tempo. Ora pare essere arrivata la ceralacca che sancisce la rottura insanabile. Lo proverebbe uno scambio di email tra Sergio Berlato e Pierantonio Zanettin, rispettivamente coordinatore provinciale e vice del Pdl vicentino. L’ultima scintilla sulla polveriera del centrodestra berico è scoppiata lunedì scorso, in occasione della riunione del di-

rettivo provinciale. Pare siano volate parole grosse e, comunque, la decisione di proporre una auto-mozione di fiducia da parte di Berlato (fiducia ovviamente ottenuta) non è stata affatto gradita da Zanettin. Nei giorni successivi a quella riunione sono cominciate a rimbalzare delle email tra i due contendenti. Secondo le testimonianze di diversi iscritti che le hanno lette, l’iniziativa sarebbe partita proprio da Berlato. Lo scopo sarebbe stato quello di concordare con Zanettin la convocazione del coordinamento provinciale, oltre che stabilire gli argomenti da mettere all’ordine del gior-

PierantonioZanettin eSergio Berlato,la rotturapareinsanabile

no. La risposta di Zanettin la dice lunga sullo stato dei rapporti interni al Pdl: «Non se ne parla nemmeno». Questo il tono della replica, nella quale si lamenterebbe l’assoluta inutilità di convocare il coordinamento provinciale, alla luce di quanto accaduto il lunedì precedente. Mai più discussioni gridate, mai più reciproci inviti a dimissioni che non arrivano mai, mai più dialoghi tra sordi. Insomma, porta chiusa: non ci sono più argomenti da discutere insieme, non ci saranno più incontri al vertice. Se la situazione è questa, e non si trova un militante che


Lunedì 15 Ottobre 2012

Storie diSanti

Teresa d’Avilaè lagrande riformatrice degliOrdini carmelitaniche ilcalendario ricordaoggi. Quantoabbiasofferto Teresa,primadonna dellastoria ad essereproclamata dottore dellaChiesa

dapapa PaoloVInel 1970, losi deduce daalcuni fatti: iduecarmelitanisuoi amiciesostenitori Giovannidella Croce epadre Grazianofurono imprigionati.Il nunzioapostolicoladescrivevacome

“vagabonda,irrequieta, disobbediente e insubordinatachesottola veste della religiositàhainventatofalsedottrine, ha abbandonatolaclausura...”.

Dialettando “Piombin”in veneto vuol direpiombino ed èilnome popolaredel martin

pescatore,dettopiombino perilsuo mododi tuffarsiin acqua.

GZ03547

Cronaca 9

IL GIORNALE DI VICENZA

Mamme volontarie per lo sportello

pronto? MAMMA CHIAMA MAMMA e-mail assconvivi@gmail.com

LAVORI ECAOS. La chiusuradel sottopassodivialedello Stadiosta mettendoin ginocchio lacircolazionein viale Margherita conlunghe file

Troppecode,rivoluzionealtribunale IlComune modifica laviabilità apiazzaleFraccon dopoi tanti ingorghiche si sonoverificati CorsoFogazzaro ancora chiuso Una vettura dietro l’altra. Da piazzale Fraccon all’incrocio con corso Padova. La situazione è ormai insostenibile per le decine di automobilisti che da qualche settimana passano svariati minuti al volante procedendo a passo d’uomo in viale Margherita. Da quando ha chiuso il sottopasso di viale dello Stadio, le code sono ormai all’ordine del giorno. E dopo numerose proteste il Comune ha deciso di correre ai ripari.

rimenti statali. Tutti i sindaci hanno cercato di salvare la spesa per il sociale, cercando fonti di finanziamento, con «risparmi sui costi di gestione», ad Arzignano, o con contributi extra come quelli della «Fondazione Cariverona» per Vicenza, o con «la gestione associata dei servizi, nell’Unione dei Comuni», ad Orgiano. Tutti i sindaci concordano sulla «necessità di un’inversione di rotta nelle politiche dello Stato perché così i bilanci sono all’osso». Un’inversione invocata anche per le competenze in materia di sicurezza, ora esclusiva dello Stato. Variati ricorda che «la legge di polizia urbana giace in Parlamento dai tempi del ministro Maroni». Tosi precisa che «Maroni ha cercato di rinnovare un sistema ma si è scontrato con la lobby dei prefetti». Stefano Stefani, deputato, si è impegnato a farsi portavoce dell’appello a Roma, auspicando, rivolto a Variati, maggior dialogo tra la città e i parlamentari. • M.SC. © RIPRODUZIONERISERVATA

la smentisca, il futuro elettorale del Pdl vicentino diventa più incerto che mai. La tempesta abbattutasi in Lombardia potrebbe presto spostare nubi minacciose anche a queste latitudini, e poiché Vicenza ha la ventura di andare al voto in coincidenza con le prossime politiche, diventa sempre più complicata una decisione unitaria a livello provinciale. Primo, perché a questo punto sembrano sospese le comunicazioni interne; secondo, perché non si sa ancora quali implicazioni avranno le dimissioni di Formigoni nel panorama delle alleanze. Per ora l’unica cosa certa è che la Lega correrà da sola mentre il Pdl potrebbe partorire tre liste distinte e, se va avanti così, altrettanti candidati sindaci. • MA.SM. © RIPRODUZIONERISERVATA

CAMBIO. Da questa mattina cambierà la viabilità in piazzale Fraccon. La modifica è necessaria. L’obiettivo è snellire il traffico e superare le criticità che si sono create da quando viale dello Stadio e via Zanecchin sono stati chiusi per la realizzazione dello svincolo che porterà al tribunale. Ecco, quindi, che da oggi chi arriverà da viale Margherita dovrà svoltare a destra in direzione via Risorgimento, in modo tale che chi è diretto in Riviera Berica possa svoltare a sinistra a metà di via Risorgimento. In questo modo si eviterà la corrente di traffico proveniente da viale X Giugno. Contemporaneamente, chi giungerà da via Gallo, cioè dalla Riviera Berica attraverso il nuovo anello viabilistico del tribunale, impegnerà piazzale Fraccon percorrendo la corsia più centrale della rotatoria che sarà opportunamente delimitata. Il tutto fino alla riapertura del sottopasso, prevista il 6 novembre. CORSO FOGAZZARO KO. Altre criticità ci saranno invece in centro, dove da oggi e fino al 7 dicembre sarà chiuso corso Fogazzaro. Per residenti e negozianti si annuncia un altro mese abbondante di passione. La strada sarà interdetta al traffico da contrà Cantarane a contrà Busato, nell'ambito dei la-

vori di riqualificazione dell'arteria. In particolare saranno posate le lastre in pietra chiara sotto i portici e le lastre in trachite nei tratti di marciapiede a cielo aperto: da una parte fino alla chiesa dei Carmini, dall'altra fino all'incrocio con contrà Busato. Entro i primi giorni di dicembre, inoltre, Comune e Aim contano di posare anche il porfido stradale per i primi 50-60 metri dell'area di cantiere, e quindi dall'incrocio con via Beccariette fino alla casa del Fogazzaro. INCONTRI. Anche in questo caso la circolazione sarà modificata. Chi arriva da contrà Pedemuro S. Biagio dovrà poi obbligatoriamente svoltare a destra in via Beccariette o a sinistra in contrà Cantarane, dove verrà invertito il senso di marcia fino all'incrocio con stradella Soccorso Soccorsetto. «Sono molto soddisfatto di come sta proseguendo l'intervento - dichiara l’assessore ai lavori pubblici Ennio Tosetto, che ha incontrato i commercianti di corso Fogazzaro assieme ai tecnici di Aim e ai rappresentanti dell’impresa - perché gli stessi negozianti hanno espresso apprezzamento. Il prossimo appuntamento è fissato per l'inizio di dicembre, quando sospenderemo il cantiere per non influenzare lo shopping natalizio Riprenderemo i lavori il 9 gennaio e contiamo di chiudere tutto entro aprile, ovviamente salvo imprevisti». ALTRI LAVORI. Partiranno oggi inoltre nuovi lavori di asfaltatura, come in via Fabiani e via Marasca, che, salvo imprevisti, verranno ultimati entro la prima settimana di novembre. Durante gli interventi, in via Fabiani verrà istituito il senso unico in ingresso da viale della Pace verso via Dalla Scola; mentre via Marasca verrà chiusa alla circolazione. •

Cambiala circolazionenelle vicinanzedeltribunale:in particolare cisaràla rivoluzionein piazzaleFraccon, pocoprima diBorgo Berga

Inumeri

ViaParinie stradadi Bertesina

54

IGIORNI DICHIUSURA DICORSO FOGAZZARO

Untrattodi corso Fogazzaro rimarràchiuso dallagiornataodierna e finoal7 dicembre. Sipotrà inogni casocircolare svoltandoper via Beccarietteoppurein contrà Cantarane.

6

IL6NOVEMBRERIAPRIRÀ VIALEDELLO STADIO

Secondoilprogramma dell’amministrazionela riaperturadelsottopasso diviale delloStadioe divia Zanecchinèfissatail 6 novembre;si risolveranno lecriticitàchesonosortein vialeMargherita.

© RIPRODUZIONERISERVATA

«La situazione attuale ci preoccupa fortemente». Sono queste le parole usate dai sindacati - Cgil, Cisl, Uil - e dal comitato degli ospiti dell’Ipab nella lettera inviata al sindaco Achille Variati. Il documento è stato spedito a palazzo Trissino per chiedere «un incontro urgente». Secondo Ruggero Bellotto della Cisl «in tutto il Veneto non esiste un simile precedente. Da oltre un anno abbiamo osservato nei vertici dell'amministrazione un atteggiamento che riteniamo palesemente inadeguato sia nelle re-

lazioni sindacali che nella gestione del personale». Da qui la decisione di chiedere un incontro urgente e congiunto. «Al fine di tutelare e valorizzare le professionalità e i servizi pubblici dell'Ipab - continua -, ci rivolgiamo ora compatti al sindaco di Vicenza per conoscere gli indirizzi assegnati al Cda Ipab Vicenza, questione prioritaria per difendere il futuro occupazionale dei lavoratori pubblici e la qualità dei servizi assistenziali dagli stessi assicurati alla nostra comunità». Il gruppo che richiede l’in-

InvialeVerona, nelfrattempo, neltrattocompresotra via D'Annunzioe il cavalcavia FerretodeFerreti,da mercoledìscorsosi circola a doppiosenso dimarcia nelle duecorsie versoil Mercato Nuovo,perchéi lavoridi asfaltatura stannoora interessandole due corsie opposte,versola ferrovia. Permanequindi il senso unico dicircolazionesul cavalcavia da vialeVerona versoS.Agostino: chiarriva dai Ferrovieri diretto verso ilcentro cittàdeve percorrereviaMaganza,viale Fusinatoe vialeRisorgimento perdirigersipoi versola stazione;chi invece è diretto verso lazona nord-est della città(Maddalene, piscine)deve girarein vialedelLavoroe proseguiresu viale

Trafficoin vialeVerona dell'Industriae vialedel Sole. Questaseconda fase dell'intervento su vialeVerona verrà ultimataentro laprossima settimana;dopodiché i lavori, sempresullo stessolatodella strada,interesserannoil tratto compresofravia DeFerreti e la rotatoriaall'incrociocon viale Crispi.Verrà asfaltataanche via Parini,dove siè assestatoil terrenosmossoda Acque

© RIPRODUZIONERISERVATA

VOLONTARIE PER “PRONTO? MAMMA CHIAMA MAMMA”

LALETTERA. Richiesto un incontrourgente

Sindacatieospiti Ipab interpellanoil sindaco

Einsettimanapartono nuoveasfaltatureincittà

Vicentineper il potenziamentodei sottoservizi:per 15giorni quindi si circolerà a senso unicoalternato pervia delnecessario restringimentodella carreggiata. Èstata completatala posa del nuovo tappeto d'usurainstrada delCimiterodiPolegge,mentre su stradadi Polegge, apartire dalla prossimasettimana verranno realizzatidue attraversamenti pedonalirialzatidi frontealla scuolamaterna S.Gaetano e di frontealle“case rosse”. Risanamentisonoincorso in stradadi Bertesina,dove la posa delmantod'usura finaleè previsto perla fine della prossima settimanasia sulla strada chesui marciapiedi.Altermine verrà dato inizioalla sistemazionedistrada diQuintarello. Sistalavorandoanche incontrà Chioare,S.Marco e Cornoleo,per ilpotenziamento della retedi illuminazionepubblica a completamentodeiled segnapassogià installati lungoil fiumeBacchiglione. Terminati invece i lavorisu stradadei Nicolosi,incrocio con vialeAnconetta compreso. •

contro è composto da numerose sigle e rappresentanti. In particolare i segretari generali dei sindacati pensionati delle tre confederazioni; i segretari generali delle categorie dei dipendenti del pubblico impiego, la presidenza del comitato degli ospiti dell’Ipab e il segretario generale di Cupla. Prima di inviare la lettera si è svolta una riunione in cui si «sono focalizzati i problemi dell’ente locale che presenta diverse situazioni preoccupanti». Nella lettera a Variati i sindacati specificano che «pur essendo l’Ipab autonoma nelle gestione, il Comune ha in ogni caso le responsabilità delle politiche di indirizzo. Da qui la richiesta di convocare un incontro urgente». • © RIPRODUZIONERISERVATA

Corso di formazione gratuito per sostenere le neo mamme nella loro prima esperienza di maternità Per le neo mamme tutto è una nuova esperienza, dall’allattamento alla gestione degli stati d’animo che accompagnano il periodo post partum. Per questo l’Associazione Convivium Vicenza Onlus organizza un corso gratuito di formazione per volontarie, rivolto alle mamme che desiderano mettere a disposizione un pò del loro tempo, dedicandosi allo sportello di ascolto “Pronto? Mamma chiama Mamma”. Giorni e orari del corso: lunedì

22.10 - 29.10 - 5.11 - 12.11 dalle ore 20,30 alle ore 22,30

domenica

18.11 dalle ore 9.00 alle ore 17.00

lunedì

26.11 - 03.12 - 10.12 dalle ore 20,30 alle ore 22,30

Il corso si terrà presso la sede operativa dell’Associazione in Strada Scuole Anconetta 12 - Vicenza. Alle mamme che vorranno partecipare chiediamo di confermare l’ adesione entro venerdì 19 ottobre 2012 contattando il numero telefonico 328 7525295 oppure scrivendo all’indirizzo e-mail assconvivi@gmail.com.

GZ03546

Nicola Negrin


Cronaca 11

IL GIORNALE DI VICENZA Lunedì 15 Ottobre 2012

VIACATTANEO. Sull’areada tempoè attesaun’operazionedi bonifica.Intanto inquesti giorni sonoarrivatidei camper

Parking,erbaaltaepolemiche Iresidenti:«Unazonadegradata a duepassi dal centrocon topi esiringhe».Aim: «Èsolamente un’areadisosta provvisoria» Chiara Roverotto Un parcheggio o un prato verde? I clienti dell’area di via Cattaneo e non solo, se lo chiedono da tempo. Infatti l’erba sul lato finale dell’area di sosta, quella non asfaltata, per intenderci, che guarda verso via dei Mille è alta, poco meno, di un metro. Non si vedono i copertoni colorati di bianco, e nemmeno i nastri catarifrangenti che dovrebbero indicare alle auto la via da seguire per parcheggiare e, poi, proseguire verso l’uscita. Spuntano, si intuiscono, ma restano quasi coperti da fili d’erba. L’altro lato del parcheggio, verso i condomini è asfaltato ed è praticamente sempre occupato dalle auto di chi lavora negli uffici della zona oppure rimane riservato agli abbonati che risiedono nelle vie limitrofe, come prevede la convenzione di Aim.

Daunapartec’è l’asfaltoe dall’altranonsi riconosconopiù glistallidove lasciarel’auto

In questi giorni, peraltro, sono arrivati una cinquantina di camperisti per una visita culturale, dimenticando che in quella zona non ci sono piazzole attrezzate: le sole in città per il turismo sono nei parcheggi di via Bassano e in quello di via Cricoli. A chi spetta la manutenzione dell’area? Alle Aim fanno sapere, attraverso l’ufficio stampa di contrà San Biagio, che «non si interviene dal momento che l’area è provvisoria per la sosta e che il Comune deve comunque dare il via alla bonifica del terreno». «Lo sappiamo - dicono i residenti - che l’area è tutta da bonificare, ma non è un spettacolo edificante. Stiamo parlando di un parcheggio a ridosso delle mura. Per arrivare in centro ci vogliono poco meno di cinque minuti a piedi. Basterebbe poco - proseguono - per renderlo più appetibile anche con la mostra in Basilica, che sembra stia portando molti visitatori in città, sarebbe sufficiente tagliare l’erba, riempire qualche buca, operazione che in poche ore si può concludere». Infatti, tra i vari cartelli che indicano le zone di sosta per l’avvenimento culturale cittadino dell’anno compare anche il parcheggio di via Catta-

L’area delparking di viaCattaneo dove cresconoerbae polemiche

FORMAZIONE. Oggialle 17 verràinaugurato il32˚ annoaccademico

Volontaridella cultura Lasfidadel “Rezzara” Mons. Dal Ferro: «Sarà un club delle professionalità» Tra le 26 sedi ci sono Este e Carmignano di Brenta Oggi alle 17 in sala degli Stucchi a Palazzo Trissino si inaugura il 32˚ anno accademico dell’università degli adulti-anziani dell’Istituto Rezzara. La relazione introduttiva sarà tenuta da Alessandra Baldi su “La politica estera dell’Europa”. Con l'occasione saranno consegnati 23 diplomi a quanti hanno frequentato assiduamente il quinquennio. L'università adulti/anziani si è in questi anni ramificata in tutta la provincia e ha anche due sedi nel Padovano, appena al di là dei confini provinciali: Carmignano di Brenta ed Este. Attualmente sono 26 due delle quali in città con più di 4 mila frequentanti. Nelle ultime settimane tutte le università hanno riaperto i battenti, l’ultima a iniziare con le lezioni è proprio Vicenza. Il direttore mons. Giuseppe Dal Ferro ha proposto quest'anno un salto di qualità proponendo un coinvolgimento attivo dei corsisti nello studio per arrivare a costituire nel Vicentino un volontariato culturale, da accostare al già esistente volontariato sociale: gli anziani in alcuni casi diventano loro stessi docenti e animatori di laboratori e semina-

L’apertura dell’anno accademico2011 in salaStucchi ARCHIVIO ri, offrendo le loro competenze all’unvirsità ma pronti anche a offrirle nel territorio dove vivono. La proposta culturale è impegnativa e già una trentina di persone hanno dato la loro adesione al progetto. A tale scopo le università aumenteranno al loro interno le proposte di partecipazione, potenziando i concorsi, le ricerche sul territorio, i master di animazione socio-culturale, i gruppi di animazione. Oggi mons. Dal Ferro illustrerà il progetto e la costituzione del “Club delle professionalità per un servizio culturale”. Ricco anche quest’anno il calendario degli appuntamenti che riguardano le sedi: la Giornata interuniversità si terrà il 14 marzo a Torri di Quartesolo, con i partecipanti di tutte le 26 sezioni; il Meeting della creatività si terrà a Vicenza il 15 maggio, con la presentazione

di attività teatrali, artistiche e letterarie a cura delle università; sono previsti festeggiamenti per i 25 anni di attività ad Arzignano (il 10 novembre), per i 10 anni di Torri (il 14 marzo) per i 10 anni di Costabissara (il 12 aprile), per i 20 anni di Camisano (tre appuntamenti in fase di definizione), per i 25 anni di Thiene (il 19/20 aprile), per i 25 anni di Noventa (1 maggio). Viaggi culturali, dopo aver studiato i rispettivi Paesi nelle lezioni geostorico-culturali, saranno proposti agli iscritti nel Salento pugliese, in Corsica, in Abruzzo, in Borgogna, in Romanie e in Armenia. Al Rezzara è stato chiesto nel 2012 di organizzare anche l’incontro internazionale dei responsabili Aiuta, la rete delle Università terza età europee, a metà giugno. • © RIPRODUZIONERISERVATA

neo. «Facciamo vedere il volto meraviglioso di questa città, lo sfondo del campanile della basilica di S. Felice e Fortunato e l’erba alta dell’area dove i topi non mancano comprese le siringhe, le bottiglie rotte e altre amenità che si trovano accanto alle mura che delimitano l’area. Lasciare zone incolte significa anche importare degrado e non è un bel biglietto da visita». A parlare è uno dei residenti lungo corso S. Felice e Fortunato con vista sull’area verde. «Se volevano fare un prato - aggiunge ironicamente - bastava dirlo, non ci mettevano le auto. Quella rimane un’area per la sosta breve dove si pagano 80 centesimi alla prima ora, mentre il lato B è riservato soltanto agli abbonati. Senza dimenticare che quando piove per uscire dalle vetture bisogna diventare acrobati per scansare le pozzanghere». Al riguardo nei mesi scorsi, precisamente ad aprile, non non sono mancate le polemiche: numerosi dipendenti degli uffici vicino al park si sono ritrovati scarpe e abiti sporchi per aver parcheggiato l’auto nell’area, a pagamento, non asfaltata. E in quell’occasione piovvero anche i reclami. Del resto, quando piove bisogna fare lo slalom tra le pozzanghere. Anche allora le Aim risposero che il parcheggio «gode di un’autorizzazione temporanea che non consente interventi sul fondo. Manca la pratica autorizzativa del Comune». Insomma laghetti ed erba resteranno. In attesa della bonifica. • © RIPRODUZIONERISERVATA

vademecum SCUOLADEL LUNEDÌ Questopomeriggio dalle 15.30alle 17.30 appuntamentoconla scuoladel lunedìalla circoscrizione7. Tema dell’incontrosarà “Vivere conildiabete:aspetti tecnicie umani”. Relatore: GiuseppeErle. CENACOLODEI POETI Alle16nei localidella biblioteca“LaVigna”a palazzoBrusarosco Zaccaria,incontrà Santa Croce3,cisarà l’apertura dell’annosocialeconil salutodel consiglio direttivoe delleautorità. Conl’occasionesi presenterà l’antologia 2012congli autori che leggerannolepoesie. TRAENERGIA, GAS EBOLLETTE Questaseraalle 18 l’associazioneAmici di vialeTrentopropone un incontrosultema “Gas più energia;pagare solo ciò chesiconsuma”. Siparlerà dicome risparmiaresulle bollette conl’agente di Aim,OrnellaMusto. YOGA GRATUITO Ognilunedì dalle20.30 alle 22.15la circoscrizione 7,incollaborazionecon l’associazionedi Sahaya Yoga,propone uncorso basegratuitodi meditazione.Lelezionisi tengonoalcentro civico di viaRismondo2. NOTTE SENZA DIMORA Domanialle 18.30 in piazzadelle posteci sarà musicama anche racconti.

VERDE. Inzona2

Parcogiochi divia Sicilia Unprogetto da 20milaeuro «Tutti riqualificati i parchi gioco della zona 2». L’annuncio è dell’assessore al verde urbano, Antonio Dalla Pozza, in occasione della presentazione in giunta del progetto esecutivo del parco giochi di via Sicilia. L’intervento, del costo di 20 mila euro per l’inserimento di sabbiera, casette, altalena e castello-scivolo, va ad aggiungersi a quelli decisi per via Ischia, Longara e via Orlando, così come a quelli che si stanno concludendo nei numerosi altri parchi gioco riqualificati in città e nei giardini scolastici. «In ogni lavoro che abbiamo potuto eseguire grazie al tesoretto dell’autostrada - ha ribadito l’assessore - abbiamo privilegiato la sicurezza dei bambini, sostituendo i giochi pericolosi e sistemando i fondi antitrauma. In molti casi abbiamo accolto le segnalazioni delle persone che li frequentano e che ci stanno dimostrando grande soddisfazione». «Con i ribassi d’asta - ha concluso Dalla Pozza - contiamo di dare una risposta ad esigenze non ancora affrontate, come la sistemazione di alcuni bagni. Nostro obiettivo, infatti, è restituire parchi gioco più accoglienti non solo per i bambini, ma anche per i genitori e per i nonni, per i quali sono diventati un luogo di ritrovo. Ricordo infatti che nessun divieto d’accesso è mai stato emanato da questa amministrazione nei confronti degli adulti». • © RIPRODUZIONERISERVATA


12 Cronaca

IL GIORNALE DI VICENZA Lunedì 15 Ottobre 2012

STRANIERI. Scadeoggiiltermine perledomande diregolarizzazione

SCAMBI. Delegazione ricevutain Provincia

Èl’ultimogiorno perlasanatoria «Servepiùtempo»

Glistudenti delParaguay ricevuti apalazzoNievo

Ascuoladi agraria I“segreti” vicentini utilial Paraguay

Sindacatieassociazioni hannochiestolaproroga Dal Vicentinofinorasono partite1.781 richieste Oggi scade la sanatoria e la Cisl regionale non ha vie di mezzo. «Il Governo deve intervenire per riformulare alcuni contenuti e i parlamentari si devono rimboccare le maniche per prorogare i termini di presentazione delle domande». A parlare è il responsabile del settore immigrazione Maurizio Cecchetto. In realtà al ministero è già stato attivato un tavolo a cui siedono tutte le parti sociali, Caritas ed altre associazioni che chiedono una proroga rispetto alla scadenza prevista per oggi. Nei giorni scorsi, l’Avvocatura dello Stato aveva risposto ad un quesito, posto tra gli altri an-

Carletto(Cgil) «Unflopalivello nazionale Servononorme piùchiareecosti menoelevati»

che dalla prefettura di Vicenza, in merito ai documenti utili per attestare la presenza in Italia dal 31 dicembre del 2011, data fondamentale per poter rientrare nella sanatoria. Quest’ultima, come si legge sul sito del ministero dell’Interno, ha sicuramente aperto maglie impensabili in quanto possono rientrare nella documentazione la certificazione medica proveniente da una struttura pubblica, il certificato di iscrizione scolastica dei figli, tessere nominative di mezzi pubblici, certificazioni provenienti dalle forze pubbliche: sanzioni stradali, amministrative, multe di ogni genere, titolarità di schede telefoniche di operatori come Tim, Vodafone, Wind, attestati di centri di accoglienza e di ricovero autorizzati o religiosi. Opportunità nuove che dovrebbero dare una marcia in più a chi finora è rimasto a guardare in attesa di disposizioni più chiare. «Non bastano - prosegue Cecchetto - restano deluse, o quasi, le speranze di chi si attendeva un’apertura reale sulla documentazione attestante la

presenza in Italia. Lo spazio aperto viene definitivamente chiuso sui visti Schengen con timbro di ingresso in altro Paese. Il passaporto con questa segnatura è in grado di attestare soltanto la presenza dello straniero in area Schengen, ma non nel nostro Paese. Serve dunque che sia accompagnato da un documento rilasciato da un organismo pubblico. Da una prima verifica, svolta negli uffici della Cisl del Veneto, le colf e le badanti provenienti dall'Europa Orientale in possesso di questa documentazione sono una percentuale minima tra chi vorrebbe sanarsi». «Per le badanti, quelle vere, e per le famiglie dove sono occupate, emergere dalla clandestinità e dal lavoro nero rimane quindi più difficile che passare dalla cruna dell'ago. Ne vanno di mezzo centinaia di famiglie con persone anziane e non autosufficienti. Per questo - conclude - abbiamo deciso di scrivere anche ai sindaci e ai parlamentari del Veneto sollecitando un loro impegno. La legge va cambiata e serve un proroga».

Oggiscade lasanatoria: se non ci saràunaproroga, moltipartiranno

Lecifre

106.194 MODULIINVIATI AL MINISTERODELL’INTERNO

L’ultima rilevazione si riferisceavenerdì alle 18 Sono92.589ledomande cheriguardano esclusivamentele colf

8.432

LEDOMANE CHESONO STATEINVIATEDALVENETO

AVerona ilrecordcon 2.390,seguitadaVicenza, Venezia, Padova, Treviso, Rovigoe Belluno

Sulla stessa linea anche la Cgil. «L'avevamo detto fin dall' inizio - spiega Fabiola Carletto responsabile provinciale del settore migranti - che questa sanatoria sarebbe servita a poco. Si è rivelata un flop per lo Stato e, soprattutto, per le famiglie che contavano di regolarizzare persone indispensabili per la cura di anziani. Almeno bisogna recuperare il tempo perso per capire alcune interpretazioni». I dati pubblicati sul sito del Ministero dicono che le domande in tutta Italia sono state 106.194. Nel Veneto, Vicenza resta la seconda provincia con 1.781 richieste, al primo Verona con 2.390, Venezia con 1.338, Padova con 1.318, Treviso 1.070, Rovigo 389 e Belluno 146. • © RIPRODUZIONERISERVATA

Sei studentidelle superiorisono statialezionedi teoria e pratica Marta Benedetti Quando l'agricoltura vicentina insegna. Direttamente dal Paraguay per imparare e fare tesoro del nostro sistema di produzione agricolo, con lezioni teoriche e pratiche. La sala del consiglio di palazzo Nievo ha ospitato sei studenti paraguayani delle superiori (indirizzo agraria) di Fuerte Olimpo, città gemellata con Camisano. I ragazzi, accompagnati anche dall'ambasciatrice a Roma Ana Maria Baiardi Quesnel, hanno svolto una giornata all'insegna della formazione. Prima, in aula. Poi, sul campo, tra le stalle e gli spazi dell' azienda agricola di Montecchio Precalcino. Un primo momento è servito per presentare Vicenza ai ragazzi dal punto

di vista economico e i fiori all' occhiello della nostra produzione, ovvero ciò che ci rende famosi in tutto il mondo: il vino, il formaggio Asiago per fare due esempi. Una breve relazione è stata tenuta dal capo gabinetto della Provincia, Dino Secco. Poi l'esperto tecnico Giancarlo Torresin, responsabile dell'istituto di genetica "N. Strampelli" di Lonigo e del servizio fitopatologico della provincia di Vicenza, ha spiegato l'importanza della realtà economica vicentina. Il paese sudamericano, primo esportatore in Italia di semi di soia (base dei mangimi animali e della produzione di olio) e tra i primi nel settore dei pellami, vanta legami sempre più forti con la nostra Provincia. • © RIPRODUZIONERISERVATA

Mostra - Atelier internazionale della Manualità creativa

18 - 21 Ottobre 2012 Fiera di Vicenza Creative, sempre

Lana,feltro,cucito,colore,riciclo creativo,patchwork e un intero padiglione dedicato al ricamo: quattro giorni di atelier, workshop e dimostrazioni con oltre 250 espositori per liberare la tua creatività.

Orario: 9.30 - 19.00 Padiglioni: F, B, G, I www.abilmente.org

MEDIA PARTNER

Provincia di Vicenza

GX21387

Chiara Roverotto

rassegna 15-10-12  

rassegna giornale di vicenza 15-10-12