Page 1

■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ilPoliGrafico 178•17 ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■

Stampa e nuovi media nell’era digitale

Il monitoraggio della produzione nell’ottica Industria 4.0

speciale etichette AZIENDE GRAFICHE Incontro con Eurolabel

N. 178 Agosto Settembre 2017 Stratego Group 20090 Segrate (MI) via Cassanese 224 Euro 9,90


O S C A R D E L L A S TA M PA

DEFINING EXCELLENCE A N C H E Q U E S T ’ A N N O P O R T E R E M O A L L A R I B A LTA L’ E C C E L L E N Z A N E L L A S T A M P A COMMERCIAL PRINTER PACKAGING PRINTER CONVERTER O F F S E T – F L E X O – G R AV U R E – D I G I TA L

CON IL SUPPORTO DI BOBST – CORDENONS – GALLUS – HEIDELBERG – HP – KBA KOLOR + SERVICE – KOMORI – LUXORO – PRINTGRAPH – UTECO

W W W. O S C A R D E L L A S TA M PA . I T


Prodotti di Consumo

Con Heidelberg le vacanze non finiscono mai. Vinci un viaggio dove vuoi, quando vuoi, con chi vuoi!

Il regolamento completo su vaiinvacanza-hei.com. Montepremi Euro 9.500

Dal 18 settembre al 31 ottobre 2017 per ogni ordine di prodotti di consumo (valore minimo € 1.000) su sprintshop.it, puoi vincere un voucher del valore di € 5.000 valido per una vacanza a tua scelta e un trolley ultraleggero tutti i giorni! Vai sul sito, inserisci il numero d'ordine e scopri subito se hai vinto. ››vaiinvacanza-hei.com

Ogni giorno VINCI un trolley ultraleggero da cabina

Heidelberg Italia Srl Via Trento 61, 20021 Ospiate di bollate (MI) Telefono 02 35003500, www.heidelberg.com


4

bcdefghijklmnopqrstuvwyxz

Persone e aziende citate nel numero con riferimento alla pagina. I numeri in neretto si riferiscono a un’inserzione pubblicitaria 3DZ 18 ABG 32,52 ACE 17 Acimga 17,21,85 Ackermann Daniel 18 Agfa 91 Agor 84 Albertin 32,45 Albertin Ferruccio 32 Altagamma 89 Amodeo Cristina 53 Andreoni Antonella 18 Andreoni Carlo 18 Andreoni Felice 18 Andreoni Giancarlo 18 Api Foils 52 Arconvert 52 Argi 85 Arjowiggins 52 Aro Etichette 29,42 Arti Grafiche Alpine 95 Artuffo Luigi 16 Asia Pulp & Paper Group 88 Assocarta 21 Assografici 21 ATIF 17 ATS 84 Avanzi Marco 48 Avery 49,52 AVT 31 AWA 60 Babic Miodrag 14 Bacciottini 84 Baer Otto 70 Bagorda Francesco 20 Barbui Daniele 17 Bentley Gregory 56 BNM International 14 Bobst 15,32,66 Bobst Firenze 17,47 Bobst Jean-Pascal 66 Boccia Vincenzo 21 Boldoni Paolo 42 Bologna Franco 92 Bompan 16 Bompan Massimo 16 Booth Clive 74 Borghi Luigi Aurelio 83 Brambilla Elisabetta 26 Brambilla Eugenio 26 Calcagni Marco 17 Canon 74 Capacchione Giuseppe 20 Cardinotti Matteo 17,32 Cartes Gemini 52 Casaleggio Associati 18 Cattaneo Carlo 26 Cattaneo Lidia 26 Caufin Gianfranco 18 CDI Global Italy 14 Cerm 31 Citernesi Andrea 47 Codimag 32 Comieco 21 Condon Patrick 56 Conselvan Sante 16,17 Constantia 57 CP Bourg 84 Crotti Francesco 20

D’Amico Antonio 87 D’Annunzio Federico 47 Damato Francesco 20 De Grandis Antonio 16 De Grandis Paolo 16 Del Guasta Cristina 74 Di Franco Nino 83 Di Nardo Camillo 16 Di Paolo Mario 54 Didelme Sistemi 82 Dochstader Jennifer 60 Druck Styria 15 DSS 36 Durst 20,38,39 EB Technologies 38 Edigit 17 Edp 26 Ellison Chris 59 Epple Carl 70 Epple Druckfarben 70 Epson 32 Esko 31,32 Eurolabel 26,42 Favini 52 Fedrigoni 52 Ferag 21 Ferrulli Davide 18 Fiera Milano 17,94 Filippi Davide 16 Filippi Umberto 16 Finat 30,59 Fischer Joschka 98 Fischetto Manuela 53 Foliant 84 Franco Aldo 26 Franco Alfio 27 Fries Michael 20 FTA Europe 16 Fuji kikai 98 Fujifilm 11,33,67 Galaxie 52 Gallus 15,20,27,33,37,47,52 Gerlach Günther 70 Giannella Michele 20 Gipea 27 Goss China 98 GPN 99 Grafica Artistica Meridionale 87 Grafica Zannini 14 Grafical 51 Grafikontrol 16,35 Grafotronic 56 Greco Daniela 83 Gruppo Cordenons 15,16 Gruppo Masserdotti 20 Hagmaier Thomas 59 Hayashi Hirokazu 16 Heidelberg 3,15,18,52 Heidelberg Italia 20,47 Herma 57 Hobsbawm Andy 60 HP 15,18,20,28,36,42,48,52,74 IMS Deltamatic 17 InfoTrends 23,38 Innocenti 14 Inprint 60 International Paper 83 INX Digital 38 Ipack-Ima 17

J. Walter Thompson 88 Jackson Michael 59 KBA 15,87 Kiki Lab 97 Kocher+Beck 31 Kodak 38,46,66,72 Koera Packmat 84 Kolbus 10 Kolor+Service 15 Komori 15,52,79,95 La Fustella 14 Labelexpo Europe 30,86 Labels&Labeling 57 Lambiase Salvatore 87 Landa Benny 48 Lechel Stephan 60 Lecta Gruppo 16,52 Lejeune Jules 59 Levi Acobas Roberto 71 Limo Source 56 Lironi Pietro 21 Lombardi Conv. Machinery 35 Lonardi Anna 52 Luxoro 15,40,52 M2 Informatica 82 MAF 20 Manetti Battiloro 52 Manifattura del Seveso 92 manroland web systems 15 Marchi Mauro 14 Mastalia Anella 20 Matho 31 Matti 98 MCA Digital 8,74 Medugno Massimo 21 MGraf 55 Mida 29,42 Mimaki Bompan Textile 16 Mimaki Europe 16 Minipack 84 Mitsubishi Heavy Ind. 98 Mondi 69 Mongiovì Luca Guido 83 Mosca Giuseppe 92 Mouvent 66 MPS 31 Müller 84 Multi Import 84 Musolino Massimiliano 20 Nilpeter 52 Nimax 75 Notarianni 29,42 Nuceria Group 76 OIERRE 82 Omet 38 Onlineprinters 20 OPM Labels 59 Oropress 52 Palladio Group 14 Panini 56 PANTEC 32 Passamani Ivana 20 95 Pentagraf Peretti Aldo 17 Petratto 33 Pierantozzi Piero 67 Pilot 29,42,44 Pixartprinting 5,18 Plot Service 16

abcdefghijklmnopqrstuvwyx

ilPoliGrafico 178•17

indice dei nomi

Pollici Alfredo 43 Polyedra 16,52,100 Porsche Consulting 60 Press Up 62 Print Finishing Li.To.Ver 90 Print Label System 20 Print4All 17,85 Printered 13 Printgraph 15,24,70 QPH 42 Quaglia Alberto 42 Radex 66 Rainone Giovanni 87 Rapid 26 Realta Group 97 Reardon Corey 60 Ricatti Luca 20 Ricoh 61,84 Rigamonti Matteo 18 Ritrama 52 Rossini 17 Rossini Giulia 17 Rotas 54 Rothen Simon 68 Rotocontrol 31 Sàez Antonio 16 Sagane Sakae 16 Sangalli Renato 32 Saxoprint 18 Schumacher Packaging 20 Screen 36 SharpEnd 64 Sifa 14 Signori 14 Skillpress 22 Slum Design Studio 53 Smithers Pira 89 Sofia Roberto 48 Stora Enso 19 Sun Chemical 36,80 Tagliabue Giuseppe 95 Tagliabue Italo 95 Tarsus 30 Trasarti 14 Uchida 84 Unigrafica 18 Unione Grafici Milano 21 UPM 52 Uteco Group 15,17,38,98 Vaglietti Daniele 17 Vaia Francesco 93 Valente Fabrizio 97 Valenti Marina 53 Van Waeyenberge Martin 68 Vandagriff Randy 72 Vimercati Andrea 44 Viscom italia 50,96 Walsh David 60 Wasberger 31 Watkiss 84 Weerg.com 18 Worth Cameron 64 X-Rite 75 Xeikon 31,34 Xeikon Italia 48 Zanardi Marco 97 Zipcon Consulting 23 Zipper Bernd 23 Zund 35,74


1,234 customer reviews would buy again

AS OF DD/Mon/YYYY


Sommario

178

piombi Primo piano Palladio si espande in Russia.....14 Oscar della Stampa: Bobst e Uteco nuovi sponsor...... 15 Frenata degli e-book in USA...... 15 Fornitori................................. 16 Associazioni.......................... 17 Aziende grafiche................... 18 Istituzioni............................... 21 Online printing in Italia: 2a edizione della ricerca........... 23 Speciale etichette Incontro con Eurolabel............. 26 Labelexpo Europe 2017........... 30 Digitale: ibrido o standalone?.... 38 Il mercato delle etichette.......... 41 Settore vino: la nobilitazione, fra creatività e industria............ 51 Panini e Coca Cola, un accostamento vincente........ 56 European Label Forum............. 59

Speciale ETICHETTE

appuntamento a bruxelles con labelexpo 2017 pag. 30

eventi Bobst irrompe nel digitale......... 66 Monitoraggio della produzione... 82 Aspettando Print4All 2018........ 85 La rivoluzione del punto vendita.. 96 Open house Multi Import........... 84 interviste Günther Gerlach (Epple)............ 70 Randy Vandagriff (Kodak).......... 72 mercati Il packaging di lusso e cosmesi deve saper cambiare forma...... 88 uomini&aziende Grafica Artistica Meridionale..... 87 100 anni per Manifattura del Seveso.............................. 92 Arti Grafiche Alpine................... 95 tEcnologie News dai fornitori..................... 74 RUBRICHE I nomi di questo numero................ 4 L’opinione di... E. Posenato e F. Ceolini Augmented Reality (AR).............. 9 L’opinione di... S. Facchini L’impegno per lo sviluppo culturale, sociale e aziendale.......12 Cartaonline Cosa significa l’Internet of Things per il marketing?..........................64

6

incontro con eurolabel pag. 26

indagine: il mercato delle etichette pag. 41

Colophon

Direttore responsabile Ruggero Zuliani ruggero.zuliani@strategogroup.net

Comitato di redazione Cristina Rossi (coordinamento) tel. 02 7529101 cristina.rossi@strategogroup.net Emanuele Posenato emanuele.posenato@strategogroup.net

Hanno collaborato a questo numero: paola bonfanti, valentina carnevali, fausto ceolini, Sergio Facchini, robert leahey, Achille Perego, elena piccinelli, Stefano tenedini, federico zecchini Progetto grafico e impaginazione Cristina Mascherpa Redazione Stratego Group C.D. Milano Oltre, Segrate MI tel. 02 49534500 fax 02 26951006 Ufficio abbonamenti tel. 02 49534500 fax 02 26951006 abbonamenti@strategogroup.net Editore STRATEGO GROUP - Segrate MI

Pubblicità mauro tironi tel. 02 49534500 mauro.tironi@strategogroup.net deborah ferrari tel. 389 9004599 deborah.ferrari@strategogroup.net Rancati Advertising: Claudio Sanfilippo tel. 02 70300088 csanfilippo@rancatinet.it

www.stampamedia.net Stampa Grafiche Parole Nuove Brugherio MB

Ufficio traffico BRANDO ZULIANI tel. 02 49534500 brando.zuliani@strategogroup.net

Copertina Art direction: Cristina Mascherpa Foto: Cristina Rossi Nobilitazione: PRINT FINISHING LI.TO.VER

ABBONAMENTI

quota annua euro 84,00 per l’Italia, 144,00 per l’Europa, 159,00 extra-Europa. Numeri arretrati: 15 euro cad. copia. I versamenti possono essere effettuati con bonifico bancario a Stratego Group IBAN: IT91 B050 3420 6000 0000 0000 933

Associato a:


bobst irrompe nella stampa digitale pag. 66

WEB TO PRINT IL MERCATO IN ITALIA L’indagine 2017 che descrive tendenze, mercati e nuove tecnologie dell’online printing

2a

edizione della ricerca sull’online printing in italia pag. 23

R.E.A. Milano n. 1190227 Autorizz. Trib. Mi n. 512 del 26.10.85 Gli articoli firmati impegnano esclusivamente gli Autori. Dati e caratteristiche tecniche sono generalmente forniti dalle Case costruttrici, non sono comunque tassativi e possono essere soggetti a rettifiche in qualunque momento. Tutti i diritti sono riservati. Notizie e articoli possono essere riprodotti solo a seguito di autorizzazione dell’editore e comunque sempre citando la fonte. Testi e fotografie, qualora non espressamente richiesto all’atto dell’invio, non vengono restituiti. Desideriamo informarLa che il D.Lgs. 196/03 (Testo Unico Privacy) prevede la tutela di ogni dato personale e sensibile. Il trattamento dei Suoi dati sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e della Sua riservatezza. Ai sensi dell’art. 13 del Testo Unico, Le forniamo quindi le seguenti informazioni: il trattamento che intendiamo effettuare verrà svolto per fini contrattuali, gestionali, statistici, commerciali, di marketing; il trattamento, che comprende le operazioni di raccolta, consultazione, elaborazione, raffronto, interconnessione, comunicazione e/o diffusione si compirà nel modo seguente: archiviazione su supporto cartaceo e archiviazione informatizzata su personal computer. Il titolare dei dati è: Zeta’s srl nella persona del Rappresentante Legale. Il responsabile del trattamento dei dati raccolti in banche dati ad uso redazionale è Ruggero Zuliani (ruggero.zuliani@strategogroup.net - via Cassanese 224 - Segrate (Milano) - tel. 0249534500 - fax 0226951006). Al titolare del trattamento Lei potrà rivolgersi per far valere i Suoi diritti così come previsti dall’art. 7 del D.Lgs. 196/03.

In questo numero

Il packaging di lusso e cosmesi cambia forma pag. 88

Questione di... etichetta In base all’ultimo Osservatorio Economico realizzato da Gipea (Gruppo italiano produttori etichette autoadesive) l’Italia negli ultimi anni ha registrato crescite superiori agli altri Paesi europei, anche se in vetta alla classifica dei principali produttori di etichette autoadesive troviamo la Gran Bretagna, seguita da Germania e Francia. L’Osservatorio, giunto alla sua quinta edizione, ha monitorato l’andamento di 98 imprese italiane con ricavi da 200mila a quasi 70 milioni di euro, che hanno fatturato in totale nel 2015 706 milioni di euro, rispetto ai 1.168 milioni realizzati dalla Gran Bretagna. In realtà non occorre addentrarsi troppo nelle cifre per capire che quello delle etichette è, insieme al packaging, il segmento con maggiori prospettive di crescita nel mercato delle arti grafiche. L’etichetta è senz’altro l’elemento che, più di tutti, colpisce la nostra attenzione di consumatori quando dobbiamo scegliere cosa prelevare da uno scaffale. E i brand owner lo sanno bene e si impegnano costantemente per rendere le etichette sempre più attraenti, sicure e in grado di trasmettere certezze sulla provenienza dei prodotti. Ai trend nell’uso delle tecnologie di stampa, degli inchiostri e dei materiali abbiamo dedicato un’inchiesta a pag. 41, dove diamo voce ad alcuni tra i più importanti etichettifici e fornitori di tecnologie. Le testimonianze continuano a pag. 51, dove il focus si restringe al mercato delle etichette per vino… perché se gli occhi sono lo specchio dell’anima, l’etichetta è la finestra del vino. Una finestra che deve conquistare il consumatore attraverso il design innovativo, la stampa e la nobilitazione. Una rassegna speciale è invece dedicata all’appuntamento internazionale più importante per il mondo delle etichette – Labelexpo Europe – dove debutteranno soluzioni molto interessanti, soprattutto nell’ambito della stampa digitale (a pag. 30). Infine, l’intervista principale vede protagonista Elisabetta Cattaneo, alla guida di Eurolabel (a pag. 26), azienda leader in Italia nel mercato delle etichette autoadesive, con 70 dipendenti e più di 10 milioni di fatturato.

Organo Ufficiale ITALIA

associazione tecnici arti grafiche italia

EURO GRAPHIC PRESS

Il Poligrafico è la rivista italiana del Gruppo Eurographic Press www.eurographicpress.com

Cristina Rossi 7


Mettiti comodo con MCA Digital Alla scoperta di nuovi spazi nel mondo della VisualCom


ilPoliGrafico 178•17 ilPoliGrafico 167•16

usto Ceolini Opinioni Emanuele Posenato Opinioni Fausto Ceolini Opinioni Emanuele Posenato

Industry 4.0, parliamo di... Augmented Reality (AR) Fra le tecnologie abilitanti dell’Industry 4.0, apparentemente è la più conosciuta e scontata, probabilmente perché se ne parla da un po’ di tempo. Ma siamo sicuri di averne capito il vero potenziale?

Sarà perché è stata immediatamente cavalcata dai marketer alla ricerca di innovative e stimolanti customer experience da offrire al pubblico, sarà forse per l’abuso che ne hanno fatto (e ne fanno ancora) gli ‘action movies’ e le serie televisive crime e mediche, ma la realtà aumentata sembra essere una tecnologia ampiamente conosciuta. Non ne siamo del tutto convinti! Per i meno attenti, in una definizione semplice e molto generica, potremmo descriverla come la rappresentazione di una realtà ‘alterata’ in cui, alla normale realtà percepita dai nostri sensi, vengono artificiosamente sovrapposte (si parla di layer) delle informazioni virtuali. Promossa prematuramente fin dal lancio della meteora Google Glass, e cavalcata dalle successive ondate tecnologiche, nell’immaginario collettivo si riconduce spesso ad attività ludico ricreative, nella ricostruzione di scenari misti fra il reale e il virtuale, o nelle virtuose applicazioni in ambito culturale e museale, laddove all’ipotetico osservatore, munito della giusta device, sia questa un occhiale piuttosto che uno smartphone, appaiono informazioni aggiuntive rispetto a quanto la propria vista è in grado di offrire. In realtà il potenziale applicativo è decisamente superiore e nel prossimo futuro siamo certi che avrà un ruolo attivo nel quotidiano di molte attività professionali e manifatturiere cambiandone radicalmente l’ergonomia e il livello di efficacia e produttività. Come spesso accade, i primi esitanti passi di questa tecnologia sono stati mossi in ambito militare, nel settore dell’aeronautica, sotto forma di ‘head-up display’ (HUD), i visori a sovrimpressione che ci vengono mostrati in numerosi film, sugli aerei da combattimento, per agevolare i buoni nell’abbattere i cattivi con dati di volo come, ad esempio, la quota e velocità del velivolo o la distanza dall’obiettivo, senza distogliere lo sguardo dalla ‘guida’. In ambito civile ‘non belligerante’, le prime suggestive applicazioni sono giunte sul mercato con l’iPhone 3GS, nel 2009, grazie a Layar, un reality browser che, grazie ai dati su longitudine e latitudine in arrivo dal GPS del dispositivo, consentiva di inquadrare con la fotocamera un particolare edificio o monumento per ricevere informazioni come, ad esempio, il nome o la storia di esso.

@eposenato

Grazie a una collaborazione fra Microsoft e alcuni dipartimenti NASA, la tecnologia è stata rapidamente sviluppata negli anni successivi e ulteriormente implementata in termini di arricchimento virtuale, grazie alla tecnologia Windows Holograpich. ll funzionamento di tale sistema è onestamente alla portata di pochi e, nonostante gli sforzi del nostro ingegner Ceolini, i nostri limitati neuroni vacillano. Anche in questo caso emanuele.posenato@strategogroup.net

9


Fausto Ceolini Opinioni Emanuele Posenato Opinioni Fausto Ceolini Opinioni Emanuele Posenato

semplifichiamo molto: dei fotoni colpiscono le speciali lenti del visore formate da strati di vetro blu, verde e rosso, filtrando le particelle di luce, le quali, a una data angolazione, generano gli ologrammi visualizzati dall’utente. Proprio in questi giorni, nel corso di una visita alle linee di assemblaggio di Kolbus AG, nel quartier generale di Rahden, abbiamo avuto modo di visitare un innovativo reparto messo a punto in collaborazione con un team di ricerca universitario tedesco. Grazie all’ausilio di telecamere di ripresa e computer, gli operatori addetti al montaggio vengono guidati e agevolati nell’identificazione rapida delle componenti da assemblare e fissare, seguendo una griglia e delle istruzioni virtuali che riducono drasticamente i tempi di montaggio, azzerando le possibilità di errore. Appare immediatamente evidente il potenziale vantaggio generato dalla disponibilità di smartglass in grado di visualizzare direttamente la stessa cosa mantenendo il contatto visivo con il pezzo evitando i movimenti di raffronto fra tavolo di assemblaggio e monitor. Dobbiamo ammettere che, nello specifico delle attività manifatturiere grafiche e cartotecniche, non è altrettanto immediato trovare possibilità applicative simili ma, come abbiamo in altri casi sottolineato, non possiamo permetterci di trascurare l’impatto che questo tipo di tecnologie hanno sugli strumenti di comunicazione che produciamo conto terzi (cataloghi, manuali, libri e guide...). I contenuti che le piattaforme di realtà aumentata impiegano per alimentare i layer di informazioni supplementari sono gli stessi che popolano manuali, cataloghi, guide, libri che noi stampiamo fisicamente, e gli stessi che vanno a popolare il web nelle sue differenti fonti distributive, pagine html, piuttosto che application. Dobbiamo decidere se il nostro ruolo di aziende di servizio al mercato della comunicazione si debba fermare a quanto fin qui fatto o se è arrivato il momento di spingerci oltre entrando nella nuova filiera della comunicazione ed operare in ambiti di comunicazione integrata, espandendo i nostri saperi, le nostre competenze e i nostri output produttivi, e di conseguenza le nostre fonti di guadagno. Quello della realtà aumentata è evidentemente un tema ancora molto caldo e aperto, e lo dimostra la sfida ingaggiata fra Google ed Apple per il presidio del mercato. È proprio di queste settimane, infatti, l’annuncio del lancio di una nuova piattaforma, battezzata ARCore, che si propone come diretta concorrente del prodotto ARKit della Mela, che consentirà agli sviluppatori di portare la realtà aumentata sui dispositivi Android. Come spiegano i ricercatori di Mountain View in una nota ufficiale sul proprio blog, è già disponibile un kit con cui gli sviluppatori di applicazioni possono iniziare a sperimentare nuovi prodotti dedicati agli smartphone con sistema operativo Android. Giusto per dare una dimensione al potenziale mercato, attualmente nel mondo sono attivi circa due miliardi di dispositivi...

10


Maggiore qualità Performance più elevate Minore costo d’impiego

Flenex FW Lastra innovativa flexo lavabile ad acqua Le lastre Flenex FW sono state progettate per fornire la massima qualità di stampa per un’ampia gamma di applicazioni flessografiche, garantendo elevate prestazioni in produzione. Un componente speciale a base di gomma consente alla lastra Flenex FW di mantenere una struttura del punto perfetta per una superba qualità pari a 200 lpi. Estremamente resistente, consente tirature più elevate ed essendo più rapida in produzione, riduce i tempi di lavorazione.

Flenex FW rispetto alle altre tecnologie Più elevata qualità flexo Maggiore produzione per turno Tirature più elevate Minor consumo di energia e consumabili

Per maggiori informazioni visita www.fujifilm.eu/print o email marketing.fgs@fuji.co.uk

Minor impatto ambientale Maggiore sicurezza operativa


ilPoliGrafico 178•17

Opinioni Nuovi equilibri Sergio Facchini Opinioni Sergio Facchini Opinioni Sergio Facchini Opin

L’impegno per lo sviluppo culturale, sociale e aziendale Nelle scorse rubriche mi sono soffermato più volte sulla necessità di analizzare lo “status” aziendale in cui ci troviamo. Soprattutto nelle PMI è dimostrato che queste analisi portano a un miglioramento della qualità del lavoro permettendo di superare, per quanto possibile, tutte le “criticità” che un’attenta analisi può mettere in risalto. La diminuzione degli scarti e i minori tempi di avviamento, il miglioramento della qualità del prodotto che deve evitare le contestazioni dei clienti così da non dare modo di far slittare i termini di pagamento o, anBisogna cora peggio, richiedere un’ulteriore lavorazione del soprattutto prodotto perché non era perfetto ecc. Questi sono impegnarsi i “must” cui oggi occorre puntare per poter contia ricercare nuare a reggere in un mercato che, avendo risicato tutti i margini di guadagno, deve necessariamene migliorare te guardare ai costi per azzerare quelli superflui. in noi stessi Quindi non si deve sbagliare, ma soprattutto è nequelle cessario porre sempre più attenzione e impegnarsi qualità che a portare avanti idee brillanti, innovative e migliorative. potranno farci

riconoscere e considerare migliori degli altri.

L’internazionalizzazione ci ha portato a collaborare confrontandoci con mentalità, abitudini e modi di essere e di fare completamente differenti dalla nostra millenaria tradizione. La tecnologia oggi permette a tutti, in qualsiasi momento e ovunque ci si trovi, di confrontarsi con il mercato globale, raccogliere e scambiare pareri e informazioni. Bisogna sempre più essere convinti e spingere affinché possa aprirsi il mercato del lavoro per i giovani, investendo in cultura imprenditoriale e manageriale per dare la possibilità a chi ha idee e una mente brillante di essere ascoltato e quindi di avere sviluppo e successo. Occorre puntare sull’innovazione e non considerare secondario il settore della Ricerca e Sviluppo promuovendo la collaborazione fra la scuola e il mondo del lavoro, fra l’università e le aziende. Occorre aprirsi alle esperienze accettando criticamente l’apporto che proviene dagli altri Paesi, dalle altre culture, dalle altre abitudini e tradizioni. Ad esempio, possono essere utili l’esperienza di lavoro e il confronto con una delle mentalità che sembra proprio essere al nostro opposto. Si può lavorare bene con i giapponesi, ma occorre formare un gruppo ben strutturato, presente, costantemente informato e pronto al ricambio. Ho avuto modo di conoscere e frequentare dei colleghi giapponesi, tutte persone preparate e di elevata istruzione che si sono perfettamente integrati nella nostra società e nelle aziende da loro partecipate creando un ottimo scambio di lavoro e competenze con il nostro personale. La loro organizzazione prevede una turnazione massima di tre o cinque anni di presenza permettendo a loro di rientrare in Patria con il nuovo bagaglio acquisito di esperienza europea e a noi di aver beneficiato della loro esperienza, conoscenza e carica lasciando poi il posto ad altri colleghi. La conoscenza dell’Italia e della nostra cultura hanno fatto loro apprezzare anche la nostra concretezza, competenza e dedizione al lavoro che, unite a quel piccolo, ma sempre presente, pizzico di italico “estro e fantasia”, hanno permesso al gruppo di lavoro ben strutturato di integrarsi per raggiungere gli obiettivi che erano stati prefissati. >> segue a pag. 98

12


PRINTERED.IT

Designed by Luca Barcellona Printered non è solo una tipografia online. È anche un partner che offre lo storage dei file di stampa per facilitare ristampe e archiviazione. Velocità e puntualità di consegna in tutta Italia con corriere espresso e un servizio di consegna unbranded per operazioni di intermediazione. Mettici alla prova e scoprirai che non siamo affidabili solo sulla carta. Contattaci subito su printered.it e seguici su facebook.


ilPoliGrafico 178•17

Primo piano Aziende grafiche Dati di settore Fornitori Istituzioni Associazioni Accor

Palladio Group si espande in Russia Inaugurato un nuovo impianto per astucci farma. Era stato annunciato nel novembre scorso durante la festa per celebrare i 70 anni nella prestigiosa cornice della Basilica palladiana a Vicenza e il progetto si è poi concretizzato in giugno con l’inaugurazione del nuovo stabilimento produttivo di Obninsk, nella regione di Kaluga, frutto di una joint-venture – stipulata nel 2014 – fra Palladio Group e BNM International di Miodrag Babic, esponente leader nel mercato farmaceutico russo. Così come il gruppo di Dueville (VI) che fa capo alla famiglia Marchi è leader in Italia nel mercato

del packaging per i farmaci (dagli astucci ai fogli illustrati, dalle etichette autoadesive all’alluminio stampato) che copre oltre il 95% del fatturato con una quota per ora minoritaria nell’imballaggio dei prodotti cosmetici di alta gamma realizzato nello stabilimento di Thiene. Il nuovo impianto russo porta così a 6 gli insediamenti industriali di Palladio Group, dopo il quartier generale di Dueville, l’impianto di Thiene

Foto di gruppo delle famiglie Marchi e Babic. Mauro Marchi, ad Palladio Group, è il quarto da destra, Miodrag Babic, ad BNM, il quinto.

e i centri produttivi di Pontedera (PI), Tullamore (Irlanda) e Vrsac (Serbia). La scelta di investire per un impianto a Obninsk è collegata alle prospettive di sviluppo del mercato farmaceutico russo. Nella regione di Kaluga sono presenti le principali

aziende del settore con un tasso di crescita produttivo del 37% destinato ad aumentare ancora con il progetto 2020 della Russia di investire nella produzione interna per molti settori. Per questo diventa strategico uno stabilimento in grado di assicurare tutto il packaging per le confezioni dei medicinali. Un impianto, il nuovo Palladio BNM, che raggiungerà a regime 12.500 m2 di superficie e 200 addetti con un volume d’investimento totale di 17 milioni di euro (10 dei quali già spesi). In particolare Obninsk sarà dedicato alla produzione di astucci e fogli illustrativi di alta qualità e successivamente di alluminio stampato. E offrirà un’ampia gamma di componenti e servizi di packaging primario e secondario. Inoltre, in preparazione del programma di serializzazione

russo per i produttori del farmaceutico, Palladio BNM metterà a disposizione la propria esperienza nell’ambito realizzando un workshop permanente sulla serializzazione. L’investimento in Russia rientra in quella strada di sviluppo intrapresa in questi anni da Palladio, impegnata anche sul fronte della telemedicina e della stampa digitale. “La nostra crescita”, spiega l’ad Mauro Marchi, terza generazione della famiglia, “è legata sostanzialmente a 3 fattori: le acquisizioni di aziende (Grafica Zannini e Officina Farmaceutica Pharma Partners, ndr) che ci hanno permesso di ampliare offerta produttiva ed expertise; gli investimenti sia a livello tecnologico sia umano; un metodo di lavoro collaudato, sinonimo di qualità e affidabilità dei risultati”. Achille Perego

Sifa acquisisce lo scatolificio La Fustella Continua il processo di aggregazione nel settore del package printing.

14

Le aggregazioni in questo settore sono dettate dall’esigenza delle aziende più grandi di integrare la produzione di imballaggi in ondulato con quella delle scatole per offrire ai clienti una gamma completa di prodotti e avere nello stesso tempo economie di scala. L’ultima operazione su questo fronte si è conclusa sull’asse Marche-Toscana. Il gruppo Sifa di Francavilla d’Ete, in provincia di Fermo, ha infatti rilevato la cartotecnica La Fustella di San Salvatore di Montecarlo in provincia di Lucca.

Sifa è un’azienda fondata nel 1968 dai fratelli Trasarti per servire inizialmente il distretto calzaturiero marchigiano, che negli anni si è costantemente sviluppata e oggi conta circa un centinaio di dipendenti con quasi 30 milioni di euro di ricavi. Nello stabilimento di Francavilla d’Ete e in quello di Mogliano, in provincia di Macerata, produce sia cartone ondulato (produzione per cui recentemente è stato realizzato un importante investimento in una nuova linea da 280 cm) sia espo-

sitori, imballaggi industriali, cartelle polionda, cartotecnica e portapizza, servendo quindi un’ampia gamma di settori industriali. Lo scatolificio La Fustella, invece, appartenente alle famiglie Innocenti e Signori, con una ventina di dipendenti e circa 6 milioni di euro di ricavi con impianti produttivi a San Salvatore di Montecarlo e a Pescia, dagli anni

Settanta produce e vende in tutto il mondo imballi in cartone. Negli ultimi anni si è specializzato nella produzione di scatole per alimenti e per l’industria. Di fronte, come succede spesso in molte PMI anche nel settore grafico e cartotecnico, al classico passaggio generazionale, le famiglie Innocenti e Signori hanno deciso di cedere l’attività. E, assistite in qualità di advisor dalla Cdi Global Italy del gruppo Tim Management, hanno trovato nel gruppo Sifa l’azienda in grado di assicurare e sviluppare al meglio l’attività. A.P.


OdS 2017: Bobst e Uteco nuovi sponsor

Agli Oscar della Stampa premieranno le eccellenze nella stampa rotocalco e nella stampa flexo.

Sarà Bobst, multinazionale leader nelle tecnologie per stampa e converting degli imballaggi, a legare il proprio nome all’Oscar della Stampa che premierà l’eccellenza nella stampa rotocalco. Questo riconoscimento, insieme a quello per il miglior stampatore flexo, sponsorizzato invece da Uteco Group - leader mondiale nella produzione di macchine da stampa per packaging flessibile - sono nel segno dell’allargamento degli interessi che da quest’anno gli organizzatori degli Oscar della Stampa, in accordo con le Associazioni di settore, hanno voluto dare a tutto il mondo del package printing. Il 23 novembre prossimo nell’ambito della cena di gala di consegna degli Oscar 2017, sarà quindi un rappresentante di Bobst a consegnare l’ambito trofeo di “Gravure Printer of the Year” nelle mani del vincitore e altrettanto farà un rappresentante di Uteco Group, consegnando il premio al “Flexo Printer of the Year”. Per la selezione dei nomi delle società candidate c’è tempo fino a fine settembre per segnalare tramite il sito www.oscar-

dellastampa.it, aziende o imprenditori che ritenete meritevoli di essere presi in considerazione dalla Giuria. Gli Oscar della Stampa, a differenza di altri premi che vengono assegnati sulla qualità di un lavoro stampato, prendono in considerazione l’andamento complessivo di una società, dai risultati di bilancio agli investimenti, dalla propensione all’internazionalizzazione alla sensibilità per gli aspetti ‘green’ di responsabilità sociale CSR – tutti i parametri sono riportati nella pagina giuria del sito degli Oscar. Con l’adesione di Bobst e Uteco, il panel delle aziende che hanno scelto di supportare questa iniziativa che ha lo scopo di premiare e valorizzare le aziende italiane che sono “eccellenze” nei rispettivi segmenti del printing, si è completato. Di seguito, i nomi dei premi e la relativa azienda fornitrice che fa da sponsor: Bobst Gravure Printer of the Year Cordenons Best Nobilitazioni e Supporti speciali Gallus Best Label Printer Heidelberg Imprenditore dell’anno HP Best Digital Printer KBA Best Cartotecnica Kolor+Service Best Green e CSR Printer Komori Best Industry 4.0 Luxoro Best Technology Innovator Printgraph/PCO Industria grafica dell’anno Uteco Flexo Printer of the Year.

ilPoliGrafico 178•17

rdi Eventi Cultura Formazione Aziende Poltrone Eventi Premi Imballaggio Primo piano

In USA frenata degli e-book. Il libro è quello stampato

Quando comparvero nel 2007 gli e-book vennero accolti in modo contrastante. Gli amanti della tecnologia si affrettarono a recitare un de profundis per il libro stampato mentre i tradizionalisti sfoderarono la spada in difesa del libro su carta portando motivazioni logiche che però tremavano davanti all’affermazione “sì, però le nuove generazioni…”. Ora, a dieci anni di distanza, le statistiche che vengono dagli USA danno un chiaro segnale che i primi avevano cantato vittoria un po’ troppo presto... Negli ultimi due anni negli Stati Uniti la vendita dei libri digitali è infatti crollata del 30% mentre quella dei libri stampati è cresciuta del 20%. Il tutto in un mercato sostanzialmente stabile: 7 miliardi di dollari per l’editoria commerciale sia nel 2015 che nel 2016. I dati dell’Associazione editori americani dicono che nel 2016 sono stati venduti libri digitali per 1,1 miliardi (-17% rispetto all’anno precedente), un valore pari a quello del 2011, mentre i libri (cartonati e brossurati) hanno superato i 5 miliardi. E il trend non accenna a cambiare perché nei primi tre mesi del 2017 i libri digitali hanno perso un altro 5% mentre quelli su carta sono cresciuti dell’8%. Qual è il motivo? I sostenitori del libro su carta non hanno dubbi e sostengono che passata la fascinazione della novità sono prevalse le motivazioni logiche, prima fra tutte che la lettura su un monitor è più faticosa e non si aggancia alla memoria profonda. Ma gli editori americani hanno anche un’altra idea: si sta già molte ore del giorno davanti a un monitor e quando si vuol leggere si preferisce il foglio stampato. E se l’e-book sta ridimensionando il suo peso, c’è invece un altro aspetto ascrivibile al mondo digitale che sta riscuotendo sempre maggiore interesse da parte degli editori. È la stampa dei libri “tradizionali” in digitale. Piccole tirature, test di mercato, nuove logiche di magazzino e distribuzione sono alcuni degli elementi che stanno decretando il successo della stampa digitale nei libri.

Dall’Austria, un ordine a manroland per 16 milioni Druck Styria, uno dei maggiori stampatori austriaci di quotidiani e brochure pubblicitarie con rotative coldset, ha siglato con manroland web systems un ordine da 16 milioni di euro. Questo comprende una nuova rotativa Colorman e:line, il retrofit di una Colorman già installata nello stabilimento di Graz e un contratto di service che copre fino al 2027. Questo ordine, sostiene il costruttore di rotative tedesco, conferma la posizione di leader di mercato con un market share, nel 2016, di circa il 50%.

15


ilPoliGrafico 178•17

Fornitori Istituzioni Associazioni Accordi Eventi Cultura Formazione Primo piano Aziend

Conselvan rieletto alla presidenza di FTA Europe Si è svolta il 30 giugno a Barcellona l’annuale Assemblea dei soci FTA Europe, Associazione tecnica europea per la flessografia costituita dalle Associazioni di Benelux, Danimarca, Francia, Italia, Spagna e UK, in occasione della quale Sante Conselvan (terzo da destra nella foto) è stato rieletto alla presidenza dell’organizzazione. “Sono onorato e orgoglioso di rappresentare FTA Europe” ha affermato. “Nei prossimi due anni è mia intenzione consolidare i progetti avviati nel primo biennio e contribuire all’ulteriore rafforzamento dell’Associazione”.

Nasce Mimaki Bompan Textile Mimaki Europe e Bompan hanno siglato una joint venture per la costituzione della società Mimaki Bompan Textile. La mission è promuovere la digitalizzazione dei processi di stampa nell’industria tessile attraverso una realtà con sede in Italia, che gestirà anche alcuni Paesi EMEA e che ambisce a diventare l’hub del Textile Printing per i clienti di tutto il mondo. Avrà sede a Tradate (VA) in un nuovo edificio che includerà, oltre agli uffici, uno showroom inizialmente di 500 m2 con tutta la gamma di soluzioni Mimaki per stampa tessile. Nel CdA: Massimo Bompan (chairman), Hirokazu Hayashi (CEO), Sakae Sagane (director). Opererà da settembre indipendentemente da Bompan, che proseguirà la propria attività commerciale con le divisioni Sign&Graphics e Industrial Products, a cui si affiancherà la nuova Business Unit dedicata al 3D Printing.

Polyedra nel grande formato con Plot Service

16

Lo scorso 9 maggio è stata perfezionata l’acquisizione da parte di Polyedra – appartenente al Gruppo Lecta – di Plot Service (Rozzano - MI), azienda specializzata nell’assistenza su periferiche grafiche professionali di grande formato, quali plotter, stampanti digitali di varie tecnologie, scanner, digitalizzatori. Plot Service, che continuerà a operare in autonomia, ha centri di assistenza dislocati su tutto il territorio nazionale, con tecnici altamente qualificati e specializzati. Questa rete di assistenza si affiancherà alla già capillare presenza di Polyedra in tutta Italia. Questa scelta conferma la volontà di Polyedra di rafforzare ulteriormente il proprio primario posizionamento nei settori Stampa & Comunicazione, Sign & Display e Packaging, rivolgendosi sempre di più al mercato come partner in grado di offrire, oltre ai supporti, soluzioni complete per le esigenze di comunicazione dei clienti.

Continua la crescita per il Gruppo Cordenons Gruppo Cordenons, produttore di fine & technical paper, ha annunciato i risultati finanziari relativi all’intero 2016 confermando buone performance in tutte le aree di attività, e ha anche reso noti i risultati del primo trimestre dell’anno in corso. Con un fatturato di 85,5 milioni di euro, un incremento del 2% rispetto al 2015, il Gruppo consolida il proprio trend di crescita avviato nel 2014 confermando l’andamento positivo degli

ultimi anni. Nel 2016 l’azienda ha registrato un incremento dell’8,2% dell’utile netto che cresce di 5 punti percentuali rispetto all’anno precedente. Performance di rilievo anche per il flusso di cassa operativo che migliora del 7% rispetto al 2015. Inoltre, nel 2016 Gruppo Cordenons ha realizzato investimenti per 3,2 milioni destinati a R&S e al complemento di un’ulteriore fase del programma di efficienza energetica.

L’andamento positivo registrato nel 2016 ha permesso di assegnare, come già fatto l’anno precedente, a ciascun dipendente dei reparti produttivi un premio di risultato pari a 3.100 euro. I dati relativi al primo trimestre 2017 consolidano il trend di crescita con un fatturato che registra +5% ed EBITDA che si attesta a +18% rispetto ai primi tre mesi dell’anno precedente.

1° Meeting internazionale per gli agenti Grafikontrol Normalmente, dal 1969, anno di fondazione di Grafikontrol, era d’uso incontrare agenti, venditori e collaboratori provenienti da tutti i Paesi del mondo durante le fiere internazionali. In particolare, durante Drupa era tradizione organizzare una serata in cui si cercava di radunare tutto il ‘mondo’ Grafikontrol per uno scambio di idee e informazioni. Oggi le cose sono cambiate, anche grazie alla nuova generazione – Paolo De Grandis, direttore vendite & marketing, e Davide Filippi, direttore generale – che ha preso in mano la gestione dell’azienda, con il supporto dei soci fondatori Antonio De Grandis, Umberto Filippi e Luigi Artuffo. Total Quality Control a 360° era l’argomento per

Paolo De Grandis, a destra, consegna la targa ricordo per il Miglior Agente anno 2016 ad Antonio Sàez (Spagna).

il 1° meeting internazionale, tenutosi il 15 e 16 giugno scorso a Milano. Circa 30 i convenuti provenienti dall’Europa, dagli USA, dal Sud America, dall’India e dai Paesi Asiatici. La prima giornata è stata dedicata alla presentazione e spiegazione di cosa intende Grafikontrol con il simbolo e il marchio TCQ 360° e quale linea di prodotti, dedicati al packaging e alla stampa,

ne fanno parte. Paolo De Grandis, inoltre, presentando Camillo Di Nardo, ha messo in evidenza la nuova partnership che d’ora in poi permetterà la commercializzazione dei sistemi di controllo di prestampa per l’ottimizzazione del colore e il risparmio dell’inchiostro. Se il mercato interno italiano ha avuto una ripresa, i due mercati esteri principali sono stati gli USA e la Spagna.


e Primo piano Associazioni Aziende Poltrone Istituzioni

Premi Imballaggio Carta Scuole

Aldo Peretti nuovo presidente di Acimga Il CEO di Uteco Group, Aldo Peretti, è il nuovo presidente di Acimga, eletto dall’Assemblea dei soci, che si è riunita lo scorso 26 giugno a Milano. “Daremo un deciso impulso alla crescita, nella continuità, con la forte promozione in Italia e nel mondo del made in Italy delle macchine per la grafica e la cartotecnica”, ha dichiarato il neo eletto, che sarà in carica per il quadriennio 20172020. “Questo significa far crescere non solo le aziende più grandi, ma l’intero tessuto imprenditoriale, che rappresenta una ricchezza italiana,

costituito dalle imprese di piccole e medie dimensioni che costruiscono macchine, accessori, componentistica”. A coadiuvare il nuovo presidente, ci saranno quattro vice: Daniele Barbui (ACE), Matteo Cardinotti (Bobst Firenze), Giulia Rossini (Rossini), Daniele Vaglietti (IMS Deltamatic). Peretti ha raccolto il testimone della presidenza da Marco Calcagni, giunto al termine del suo mandato al vertice di Acimga, con un bilancio ragguardevole: soci più che raddoppiati, da 27 a 55, organizzazione radicalmente cambiata e strutturata con servizi

di marketing intelligence, comunicazione e formazione, con oltre 100 corsi. È stata radicalmente modificata e potenziata la tradizionale presenza dell’Associazione nel settore delle fiere: ceduto l’asset Ipack-Ima – in linea con la politica di attestazione esclusiva nelle aree di propria pertinenza merceologica – Acimga ha rilanciato i propri marchi Grafitalia e Converflex facendoli confluire nel progetto Print4All, in partnership con Fiera Milano Spa, per dare luogo alla grande manifestazione 2018.

Atif inaugura il centro tecnologico Si tratta di un progetto che l’Associazione italiana per la flessografia aveva in cantiere da tempo e che finalmente ha visto la luce grazie anche alla collaborazione del Comitato Grafico di Como che ha messo a disposizione i locali e che supporterà l’Associazione nell’organizzazione di corsi di stampa flessografica. “Il centro tecnologico è stato voluto da Atif per creare un laboratorio dove realizzare corsi di formazione pratici rivolti sia a studenti delle scuole professionali e tecniche che ad operatori del settore per l’aggiornamento, sperimentazioni del Comitato tecnico di Atif ed eventuali test da parte di soci. Non solo, la struttura sarà messa a disposizione anche delle scuole che vorranno utilizzarla”,

ha commentato Sante Conselvan, presidente dell’Associazione. “Abbiamo acquistato una macchina da stampa usata a 4 colori, compatta, adatta a produzioni di buona qualità. Si potranno realizzare operazioni di stampa sia con inchiostri all’acqua che a solvente e potrà essere aggiunto anche il gruppo UV per la verniciatura. ”. I Soci Atif hanno inoltre messo a disposizione materiali di consumo e

attrezzature ausiliarie. Un grande sforzo da parte di tutti che produrrà sicuramente buoni frutti per tutto il settore. “Abbiamo già in programma di far inserire corsi sulla stampa flessografica anche nel piano di studi dell’indirizzo di Grafica e comunicazione dell’Istituto”, ha dichiarato Elia Gerosa, presidente del Comitato Provinciale per l’Istruzione Professionale Grafica di Como.

17


ilPoliGrafico 178•17

Aziende grafiche Dati di settore Fornitori Istituzioni Associazioni Accordi Eventi Cultu

Giancarlo Andreoni, al centro, direttore commerciale di Unigrafica.

In Italia boom dell’e-commerce e quindi dell’online printing Secondo il report E-Commerce in Italia 2017 di Casaleggio Associati, nel 2020 le vendite online nel mondo raggiungeranno i 4.058 miliardi di dollari, il 14,6% del totale della spesa annua. Mentre il ritmo di crescita per le vendite al dettaglio è complessivamente in calo, la quota digitale continua a espandersi rapidamente, con un tasso di crescita del 23,7% nel 2016. In Italia la diffusione dell’online ha raggiunto l’88,7% della popolazione tra 11 e 74 anni (+2,8%). La crescita dell’utilizzo della rete ha prodotto un impulso per le vendite online: il fatturato dell’e-commerce in Italia nel 2016 ha raggiunto i 31,7 miliardi di euro, +10% sul 2015. Daniel Ackermann, ad di Saxoprint, commenta la situazione: “In un settore in crescita esponenziale come quello dell’ecommerce, la stampa online si sta affermando con sempre maggiore vigore. Per la Germania il fatturato complessivo si attesta oltre i 2,5 miliardi di euro e l’Italia, uno dei mercati più rilevanti per le arti grafiche in Europa, arriverà nei prossimi anni a cifre simili. Anche chi era restio all’utilizzo della rete per la stampa si sta convincendo che, affidandosi ad aziende serie e competenti, può ottenere risultati ottimali in tempi più brevi, con un servizio più efficiente e a costi contenuti”.

Prima Jet Fusion 4200 in Italia Weerg.com, il primo e-commerce che offre lavorazioni CNC (Computer Numerical Control) online con preventivazione gratuita in tempo reale, debutta nel 3D printing. Da metà giugno è in funzione presso lo stabilimento di Marghera la nuova stampante 3D HP Jet Fusion 4200, prima installazione italiana. “L’ingresso nel 3D printing nasce da specifiche esigenze produttive”, spiega Matteo Rigamonti, fondatore di Weerg. “Da un lato la prototipazione veloce di quelle morfologie non fattibili in CNC, dall’altro la possibilità di realizzare tirature anche di migliaia di pezzi in tempi rapidi e a costi competitivi”. Come promette di fare Jet Fusion 4200, grazie all’inedita tecnologia MultiJet Fusion by HP. Ad affiancare Weerg in questa scelta, l’esperienza di un rivenditore specializzato come 3DZ che si occuperà anche dell’assistenza post-vendita. Da sinistra: Davide Ferrulli (HP), Matteo Rigamonti, Gianfranco Caufin (3DZ).

18

Unigrafica, investimenti in ottica Industry 4.0 I recenti investimenti compiuti da Unigrafica – per la precisione la macchina da stampa digitale Heidelberg Versafire CV e il software gestionale HD Prinect Business Manager – sono gli ultimi tasselli di un progetto di integrazione e innovazione di più largo respiro. Fondata nel 1970 da Carlo Andreoni, Unigrafica è oggi guidata dai tre figli, Antonella, Felice e Giancarlo. Coadiuvati da oltre 20 dipendenti, gestiscono un’azienda nella quale hanno saputo fondere, con tanta passione per la stampa, tradizione e innovazione.

La tradizione si riflette nella cura quotidiana dei dettagli, nella qualità degli stampati e nella gestione personalizzata insita in ogni lavorazione; l’innovazione si manifesta nella scelta di essere costantemente all’avanguardia della tecnologia, sia in ambito offset – la sede di Gorgonzola ospita due Heidelberg Speedmaster XL 105 con laccatore – sia in ambito digitale. “L’arrivo della nuova Versafire CV ci consente di completare l’offerta con personalizzazioni, dato variabile e piccole tirature con la possibilità

di nobilitare lo stampato con vernice o bianco utilizzando il quinto colore disponibile”, afferma Giancarlo Andreoni, direttore commerciale. Un ruolo molto rilevante ricopre l’altro investimento, ovvero HD Prinect Business Manager: ora Unigrafica è in grado di ottimizzare tempi di lavorazione e sprechi di materiale, nonché di ottenere una consuntivazione in tempo reale. Il gestionale di Heidelberg integra in un unico flusso tutti i sistemi presenti in azienda secondo i dettami dell’Industry 4.0.

Pixartprinting premia i professionisti delle arti grafiche Arricchimento di gamma e innovazione tecnologica sono all’ordine del giorno per Pixartprinting, che a oggi conta oltre 250.000 clienti attivi su scala europea. Un portfolio in costante ampliamento grazie a politiche di marketing evolute, sviluppo di nuovi prodotti e apertura a mercati inediti.

Target particolarmente importante sono i professionisti delle arti grafiche, che si rivolgono al leader dell’Upload&Print per realizzare stampati che non potrebbero produrre direttamente per tempistiche, qualità, competenza tecnologica e prezzo competitivo. Il 18 luglio segna una tappa fonda-

mentale nella storia di Pixartprinting con la presentazione di PixartPro, il programma ideato per premiare la fidelizzazione dei rivenditori. Dedicato ai professionisti delle arti grafiche, assicura un’esperienza d’acquisto privilegiata attraverso servizi esclusivi e buoni spesa mensili su tutto il catalogo. L’accesso al programma, che avviene automaticamente in fase di registrazione, è riservato ai clienti-rivenditori, ovvero tipografie, agenzie di comunicazione e studi grafici. PixartPro potrà offrire nuove opportunità ai rivenditori.


IL VESTITO DI JULE WAIBEL È REALIZZATO CON ENSOCOAT

Commit to luxury. Nessun lusso è casuale. Noi lo sappiamo, perché ciò che definisce il lusso nel suo significato più profondo è l’impegno. È l’incrollabile dedizione per il dettaglio in ogni fase del processo che rende Ensocoat il cartone di lusso di maggior effetto sul mercato. Oltre alle sue eccellenti prestazioni e alla sua levigatezza, Ensocoat è ora più bianco che mai, rendendolo la migliore base di partenza per esaltare il vostro brand.

Venite ad incontrarci al Luxe Pack Monaco, Hall Ravel, Stand RC18, Monte Carlo, 2-4 Ottobre 2017.


ilPoliGrafico 178•17

Aziende grafiche Dati di settore Fornitori Istituzioni Associazioni Accordi Eventi Cultu

La fustellatrice Heidelberg, scelta per facilità d’uso ed elevate performance.

Onlineprinters aggiunge una HP Indigo 12000 “Con questo sistema intendiamo far fronte al notevole incremento di ordini, soprattutto nei settori delle piccole tirature e della stampa in giornata”. Così Michael Fries, CEO di Onlineprinters, ha commentato il nuovo acquisto. “Nel caso di clienti come Onlineprinters che hanno bisogno di nuove capacità di stampa in tempi rapidi, mettiamo a disposizione anche quattro montatori. Ciò ha consentito di installare la HP Indigo 12000 in soli tre giorni”, spiega Francesco Crotti, sales director EMEA di HP Graphics. E l’installazione di una macchina hightech come questa è estremamente impegnativa. Onlineprinters prevede ancora ulteriori investimenti nel proprio parco macchine.

Schumacher Packaging punta su Durst Proseguendo il piano di sviluppo della divisione Corrugated Packaging & Display Printing, dopo l’installazione dei primi sistemi di stampa multi pass Delta WT 250 basati su Durst Water Technology, l’azienda altoatesina affronta ora la prova su campo con la Delta SPC 130. Questa innovativa stampante per il settore cartotecnico, presentata come concept a drupa 2016, si basa sulle tecnologie single pass di ultima generazione già impiegate da Durst nei segmenti Label Printing e Ceramics Printing. Oltre all’economicità produttiva anche per piccole e medie tirature, Delta 130 SPC consente di realizzare direttamente e senza costi di preparazione campionature e prodotti personalizzati. Innovazione che ha conquistato Schumacher Packaging – partner strategico di Durst per la realizzazione del primo field test –, specializzata in soluzioni su misura per packaging in cartone ondulato e compatto.

Easymatrix 106 CS per MAF Nata nel 2008, MAF è un’azienda giovane specializzata in lavorazioni cartotecniche ad alto valore aggiunto. I mercati di riferimento sono la comunicazione diretta e il promozionale nei quali, come ulteriore specializzazione, è riconosciuta per le lavorazioni su supporti di grammatura elevata. Il successo in questi mercati è stato di stimolo per ampliare l’offerta alla produzione di packaging nei quali sia possibile inserire meccanicamente

all’interno card e tessere, campioni di prodotto, supporti di memoria USB e oggetti promozionali. Sia il pack che l’inserto possono essere ampiamente personalizzati. Una scelta azzeccata che ha portato il numero delle commesse e delle tirature a lievitare al punto da richiedere un ampliamento del parco macchine. “Investire in un sistema che ci offrisse maggior capacità produttiva era diventata una necessità”, afferma Anella Mastalia,

titolare di MAF. “Contemporaneamente, volevamo portare in house una fase di processo come la fustellatura, che ci permette di offrire valore aggiunto ai clienti”. Dopo attente analisi, MAF ha deciso di investire in una fustellatrice Heidelberg Easymatrix 106 CS. Una scelta che rinnova la fiducia al proprio fornitore storico e che punta su un sistema di facile utilizzo e dalle grandi performance.

Masserdotti riveste Palazzo Martinengo Palatini

Gallus ECS 340 per PLS Print Label System, specializzata nella stampa di etichette autoadesive in bobina, ha installato una Gallus ECS 340 a 7 colori completa di tutti gli accessori per effettuare lavorazioni con tecnica mista: flexo, lamina a freddo e serigrafia in un unico passaggio. Un investimento che per l’azienda fondata nel 2001 da 4 soci (Giuseppe Capacchione, Luca Ricatti, Francesco Damato, Michele Giannella – nella foto insieme a Francesco Bagorda, 2° da destra, di Heidelberg Italia) a Canosa di Puglia, rappresenta una prima volta, dato che è la prima flexo a entrare in azienda. La scelta è arrivata dopo che è stata identificata nella ECS 340 la soluzione più indicata per rispondere alle richieste dei vari mercati a cui l’azienda si rivolge – dal vinicolo all’oleario, dal conserviero alla detergenza.

20

‘Coprire per svelare’. Con questo ossimoro l’Università degli Studi di Brescia ha presentato l’installazione grafica posta a copertura dei lavori di restauro di Palazzo Martinengo Palatini, storica sede del Rettorato in piazza Mercato. L’opera – un maxi telo stampato di oltre 1.000 m2 dal titolo La tua strada per il futuro – fortemente voluta dalla delegata del Rettore all’edilizia universitaria – Campus sostenibile, Ivana Passamani, su ide-

azione e progetto grafico di Massimiliano Musolino (Università degli Studi di Brescia), è interamente ‘made in Brescia’. Il lavoro è stato realizzato da Gruppo Masserdotti Spa, da 50 anni pioniere della stampa digitale con pluriennale esperienza anche nel wrapping building, che ne ha curato la realizzazione e l’installazione. L’immagine, stampata in digitale su telo in PVC microforato da Masserdotti con tecnologie roll to roll di ultima generazione

e inchiostri UV ad alta resistenza, è volutamente simbolica e si compone di più parti: una strada a quattro colori identificativa delle quattro facoltà (Economia, Giurisprudenza, Ingegneria, Medicina); il tocco accademico, ambito traguardo sia per il singolo che per la comunità accademica; il nuovo logo dell’Ateneo e la riproduzione degli edifici storici che ospitano l’Università: Santa Chiara, Palazzo Calini ai Fiumi, Via Branze e Viale Europa.


ilPoliGrafico 178•17

piano Aziende Poltrone Eventi Premi Imballaggio Carta Scuole Associazioni Istituzioni

Pietro Lironi (a sinistra) con il presidente di Confindustria Vincenzo Boccia.

Nasce la nuova Federazione di settore carta e grafica Economia circolare, industria 4.0, costi energetici e sostegno strutturale alla lettura tra le priorità strategiche: il neoeletto presidente della Federazione Pietro Lironi ha rinnovato al Governo la richiesta di detrazione dalle imposte sul reddito delle persone fisiche per gli acquisti di libri e di abbonamenti a quotidiani e periodici. Tutto questo è emerso in occasione dell’assemblea pubblica della Federazione della Filiera della Carta e della Grafica, durante la quale Lironi, già presidente di Assografici, ha annun-

ciato la nascita della nuova Federazione di settore carta e grafica. Ad assumerne la direzione Massimo Medugno, già direttore di Assocarta. “La Federazione della Filiera della Carta e della Grafica”, ha affermato Lironi nel suo discorso di apertura, “evolve nella Federazione Carta e Grafica che rappresenterà i settori industriali di Acimga (macchine per grafica e cartotecnica), Assocarta (carta e cartone) e Assografici (grafica e cartotecnica, trasformazione), con Unione Grafici di Milano e Comieco quali

soci aggregati. Tre macro comparti che hanno mostrato nel 2016 andamenti diversificati ma nel complesso positivi, ad eccezione di quello delle carte e della stampa grafica. Positivi anche i primi mesi del 2017 per cartotecnica e trasformazione, ma soprattutto per la produzione di macchine. Ancora negativi gli andamenti del mondo grafico, sebbene è positivo il trend degli ordini esteri. Buona la performance della carta per imballaggio e di quella per usi igienico sanitari. Nel suo complesso un

settore da 23,7 miliardi di fatturato (1,4% PIL) nel 2016, generato da 169.500 addetti attivi in quasi 18.600 imprese, settore che, grazie a questa evoluzione federativa, avrà confermato un proprio seggio nel Consiglio generale di Confindustria, con l’obiettivo di dare voce alle problematiche della filiera e perseguirne lo sviluppo e la crescita”. La nuova Federazio-

ne avrà come obiettivo creare sinergie operative e organizzative, con ruoli associativi trasversali in chiave di arricchimento e miglioramento dei servizi associativi. “Lavoreremo in primo luogo sulla ricomposizione degli interessi delle categorie imprenditoriali affini, da monte a valle ai comparti rappresentati, a beneficio di tutta la catena del valore della filiera”.

21


ilPoliGrafico 178•17

Primo piano Aziende Poltrone Eventi Premi Imballaggio Pubblicazioni Carta Scuole

Esclusiva ricerca sull’online printing in Italia: pronta la 2a edizione È disponibile un’interessante ricerca di mercato dedicata alla stampa online sia in forma cartacea che in forma digitale. Il cuore del documento è costituito dai risultati emersi dalla seconda edizione dell’esclusiva ricerca di mercato sull’online printing in Italia, frutto della collaborazione tra Stratego Group e InfoTrends (Keypoint Intelligence). La ricerca - realizzata coinvolgendo 67 aziende operative in diversi segmenti di mercato, già attive nel web2print, in procinto di esserlo o non intenzionate al momento a farlo - dimostra una netta crescita dell’interesse dei fornitori dei servizi di stampa verso il web2print che va di pari passo con l’incremento dell’e-commerce, dove si registra in tutto il mondo un impressionante aumento degli utilizzatori, dei mezzi usati per accedere alla rete (smartphone, tablet e computer) e dei fatturati.

In particolare la ricerca ha approfondito 6 tematiche legate al web2print: • Costi: l’ingresso nel mercato W2P e l’impegno per mantenere e migliorare la posizione raggiunta richiedono la disponibilità a elaborare un piano di investimento a breve e medio termine. I costi da sostenere variano a seconda del tipo di azienda e di progetto. • Passaggio al W2P: la decisione di inserire all’interno di un’azienda di stampa una piattaforma W2P comporta numerosi cambiamenti da affrontare, problemi da risolvere e miglioramenti da introdurre.

• Prodotti e servizi: la gamma offerta dagli stampatori W2P è ampia e variegata e prevede sia la possibilità di accedere a funzionalità e servizi sia l’acquisto di prodotti stampati. • Marketing – Strategie e investimenti: nonostante la forte tendenza alla crescita del W2P, la possibilità di avvalersi di servizi di stampa online è ancora troppo poco conosciuta, anche perché l’approccio al mercato è completamente diverso da quello tradizionale. È dunque fondamentale che le aziende utilizzino di più e meglio gli strumenti di marketing e promozione verso i clienti acquisiti e potenziali. • Fattori di ritardo: Anche se il business del W2P in Italia è attualmente in fase di crescita, è ancora troppa la distanza che ci separa dalle performance degli altri Paesi europei. Le motivazioni a fronte di tale ritardo sono principalmente tre: le aziende non investono a sufficienza in comunicazione e promozione, hanno

difficoltà a convincere i clienti a usare i servizi di stampa online e tendono a proporre soprattutto i servizi W2P 1.0, non interattivi.

Il costo della ricerca di mercato, dal titolo “Web to print. Il mercato in Italia”, è pari a 349 euro+IVA.

A chi sta leggendo questo articolo è riservato un buono sconto del 25% per l’acquisto online su www.strategogroup.net nel menù “acquista”, sezione “Contenuti e ricerche”. Per usufruire dello sconto il codice è: vip_ilpoligrafico.

• Confronto con mercati tedeschi: un’analisi di Bernd Zipper di Zipcon Consulting, guru internazionale dell’online printing, evidenzia il fatto che i 5 top online printer che operano nel mercato tedesco hanno registrato un trend di crescita dei fatturati dal 2011 al 2016. Il tutto avviene in un mercato in cui il numero delle aziende di stampa tradizionali sta calando di anno in anno e in cui solo i grandi player stanno crescendo.

Chi invece è abbonato al Poligrafico ha diritto a uno sconto del 50%, che potrà utilizzare chiamando Stratego Group al numero 02.49534500 e richiedendo il codice sconto.

23


speciale etichette

speciale

etichette

INDICE DEI CONTENUTI Incontri: Eurolabel............................. pag 26 Labelexpo Europe 2017..................... pag 30 Il digitale: ibrido o standalone?........... pag 38 Indagine: il mercato delle etichette...... pag 41 Trend: il settore vinicolo..................... pag 51 Case history: Panini / Coca Cola.......... pag 56 Finat: European Label Forum.............. pag 59

IL PROSSIMO SPECIALE SARÀ DEDICATO AL POST-PRINT


ilPoliGrafico 178•17

speciale etichette

Eurolabel

Sempre al passo con l’evoluzione del mercato

di Achille Perego

Da madre in figlia. Sempre nel segno del coraggio dell’imprenditorialità femminile per essere, entrambe, considerate a buon diritto le ‘lady italiane’ delle etichette autoadesive. La madre si chiama Lidia, la figlia Elisabetta. Lidia Cattaneo, con tempra e tenacia, andando contro anche ai desideri del padre Carlo, titolare di una piccola tipografia, nel 1964 fondò a Milano la Rapid, quella che oggi si chiama Eurolabel. Un’impresa nata con l’idea di essere tra le prime stampatrici di etichette autoadesive in Italia e dopo aver abbandonato – di fronte al risoluto no del genitore – il progetto di aprire una lavanderia, portando all’ombra del Duomo quegli avveniristici negozi pieni di lavatrici che aveva visto a Londra. Per sua fortuna, Lidia, al posto del bucato, si è dedicata alla stampa e, insieme con il marito Eugenio Brambilla, ha costruito negli anni una delle aziende leader in Italia proprio nel settore delle etichette autoadesive e poi degli sleever e della radiofrequenza (Rfid). Quella appunto che è oggi Eurolabel. Un’impresa con oltre 70 dipendenti e più di 10 milioni di fatturato tra il quartier generale di Eurolabel in via Grazioli a Milano (4.500 metri quadrati) e la Edp di Lainate, dedicata in prevalenza al mercato delle etichette Rfid che stanno conquistando sempre più spazio sia sul mercato sia sui ricavi complessivi, anche se il punto di forza

26

Sfumato il progetto di aprire una lavanderia all’ombra del Duomo di Milano, Lidia Cattaneo decide di dedicarsi alla stampa di etichette. A raccogliere il testimone, insieme al marito Aldo Franco, è la figlia Elisabetta che oggi è alla guida di un’azienda leader in Italia nel mercato delle etichette autoadesive, con 70 dipendenti e più di 10 milioni di fatturato.

restano le etichette autoadesive per la farmaceutica, la cosmetica, l’alimentare, la Gdo, il settore chimico e petrolchimico e più in generale tutta l’industria che ha bisogno di un’etichetta da applicare ai propri prodotti messi in vendita. Un mercato al quale ha saputo dare un’offerta di successo Eurolabel prima sotto la guida di Lidia e da qualche anno di Elisabetta Brambilla. Superati gli ottanta, Lidia e il marito Eugenio hanno deciso di passare la mano alla figlia. Entrambi i genitori fanno parte del CdA di Eurolabel. E oggi Elisabetta, 50 anni e in azienda dal 1988 – senza contare l’impegno messo quando studiava – ha raccolto il testimone insieme con il marito Aldo Franco che si occupa in prevalenza della parte tecnica e commerciale. Ma qual è la ricetta del successo di Eurolabel? Investire, come abbiamo sempre fatto e in particolare negli ultimi cinque anni – risponde Elisabetta Brambilla che di Eurolabel è presidente – in nuove tecnologie per essere al passo con l’evoluzione del mercato e il necessario miglioramento del prodotto, senza dimenticare il ruolo fondamentale delle risorse umane. Per noi è fondamentale essere aggiornati sui prodotti e sul servizio offerto ed essere in grado, quindi, di risponde-


speciale etichette

Elisabetta Brambilla, alla guida dell’azienda specializzata in etichette autoadesive per farmaceutica, cosmetica, alimentare, Gdo e altri settori.

re in pieno alle richieste dei clienti e del mercato.

Un mercato, quello nel quale operate, che sta dando segnali di ripresa? Il mercato resta sostanzialmente positivo ma non più stabile come nel passato. Vive, infatti, di snervanti alti e bassi. Si passa da momenti di tranquillità negli ordini a improvvise accelerazioni. Ormai anche le grandi multinazionali del farmaco aspettano l’ultimo momento per capire come sta andando la domanda e di conseguenza inviare gli ordini con consegne entro tempi ristretti di 4 o 5 giorni.

Per rispondere a questa mutazione del mercato quali sono le scelte strategiche da adottare? Il nostro obiettivo è quello di aumentare il servizio al cliente per mantenere quelli che abbiamo e ovviamente conquistarne di nuovi. Un’impresa diventata oggi sempre più difficile. La nostra forza è la capacità di offrire prodotti diversi, sempre più specializzati e di alta qualità.

La concorrenza, però, anche sul fronte dei prezzi sta aumentando? Una volta gli etichettifici non erano molti. Adesso con la crisi che ha colpito il mercato editoriale, la fine del

modulo continuo e gli incentivi agli investimenti, dal super ammortamento all’industria 4.0, c’è chi compra macchine per etichette come patatine... E offre sul mercato prezzi non coerenti con i costi di produzione. Ma non basta acquistare una nuova macchina per saperla farla funzionare al meglio: servono esperienza, personale qualificato, conoscenza del prodotto e del mercato. In Eurolabel non compriamo nuove linee produttive solo per approfittare di un’agevolazione fiscale, ma perché sappiamo che quella macchina risponde a una precisa esigenza produttiva.

In fatto di macchine avete recentemente investito in una Gallus ECS 340, l’ottavo sistema di questo tipo venduto in Italia da Heidelberg nel 2016. Una macchina flexo combinata con 8 colori flexo e 3 unità rotative serigrafiche con possibilità di laminare a freddo o plastificare in linea, oltre a poter stampare su adesivo e carta siliconata. L’altro punto di forza è la possibilità di stampare sul tubo laminato. La Gallus ECS 340, in produzione da gennaio, ci ha offerto anche la possibilità di stampare il tubo laminato. Finora per le confezioni di prodotti cosmetici o del classico tubo del dentifricio, si poteva optare tra la classica stampa dell’etichetta o la stampa serigrafica. Con un mercato sempre più differenziato dove, dalle

Ritratto di famiglia Elisabetta Brambilla, 50 anni, è presidente di Eurolabel, azienda leader in Italia nella produzione di etichette autoadesive, sleeve ed etichette Rfid. Fin da piccola sempre in azienda, ha cominciato a lavorare in Eurolabel dopo gli studi nel 1988 e oggi ha raccolto l’eredità della mamma Lidia che ha fondato l’impresa, con il nome di Rapid, nel 1964. Elisabetta si occupa del settore amministrativo e delle strategie, mentre la parte tecnica e commerciale è affidata al marito Aldo Franco, amministratore delegato. L’anno prossimo dovrebbe diventare presidente di Gipea. Oggi Eurolabel è una realtà produttiva con oltre 70 dipendenti e più di 10 milioni di ricavi calcolando anche l’apporto di Edp, società controllata dalla famiglia, specializzata nelle etichette in radiofrequenza. Elisabetta Brambilla insieme al marito Aldo Franco e al figlio Alfio.

27


ilPoliGrafico 178•17

speciale etichette

Eurolabel

creme ai dentifrici, le aziende mettono in commercio svariate linee di prodotti, la nuova Gallus ci permette la stampa diretta sul tubo laminato che offre un’elevata qualità di stampa e riduce sensibilmente i costi per il cliente. Oltre che semplificare la sua produzione.

Nell’ottica di rispondere a un mercato che punta sempre più sulla differenziazione avete investito anche nella nuova Hp Indigo WS6800? È stata messa in produzione a fine giugno per sostituire una Hp Indigo WS6000 che aveva sette anni e si è affiancata all’altra Hp Indigo WS6600. Si tratta di una macchina perfetta per rispondere alla domanda di un mercato che vuole mettere sugli scaffali prodotti personalizzati. Con l’applicazione Hp Mosaic possiamo stampare un’etichetta diversa dall’altra. Del resto anche nel settore cosmetico sta avvenendo quella diversificazione del prodotto che si è vista per esempio con i vasetti personalizzati della Nutella. In pratica il cliente finale acquista un prodotto da collezione unico nel suo genere. E questo trend è destinato a diffondersi in altri settori.

Quali sono gli altri trend del mercato ai quali state dando una risposta tecnologica e produttiva? Nel settore farmaceutico, in particolare, sta aumentando la richiesta di etichette che diano anche un servizio di coupon. In pratica si tratta di etichette che

Alcuni esempi di etichette realizzate da Eurolabel per il settore cosmetico.

28

veicolano più informazioni e su più pagine con uno spazio, di per sé, limitato. Del resto anche la nuova normativa impone per questo settore di elencare gli ingredienti in più lingue. Lo stesso sta accadendo per il settore della cosmetica e non è facile pensare a un’etichetta così completa, ad esempio, da applicare a una matita per gli occhi. Con le nostre tecnologie siamo in grado di dare una risposta – dopo una consulenza con il cliente – a queste esigenze sia mediante la stampa tradizionale, sia con quella digitale. Dipende dai volumi. Un conto è la scatola di un farmaco a grande diffusione, un altro l’etichetta per uno smalto per unghie che, prodotto in decine di colori, per forza di cose esige tirature inferiori alle quali rispondiamo al meglio con la stampa digitale.

Quali altri investimenti avete in programma? Stiamo valutando l’inkjet drop on demand, la stampa digitale che ha una risoluzione simile alla serigrafia. Per ora copriamo la richiesta di stampa serigrafica con le tecnologie tradizionali, ma in futuro, anche in questo settore, potrebbe essere utile ricorrere, sempre per le tirature più basse, al digitale. Vedremo. Inoltre stiamo lavorando sulla digitalizzazione dell’azienda per offrire ai clienti un servizio diretto via web. In questo modo già oggi i nostri principali clienti, grazie alla soluzione che abbiamo acquistato da Heidelberg, possono gestire ordini, consegne e tutte le fasi di lavorazione. Un percorso non facile per una stampa complessa come


speciale etichette

quella delle etichette autoadesive, ma che sta dando soddisfazioni sia ai nostri clienti, sia a noi.

Il ricorso al web porterà anche Eurolabel a entrare nel mercato del web to print? Direttamente no, però abbiamo cominciato a collaborare con un’azienda romana. Sul loro portale è stata aperta un’area dedicata anche alle etichette autoadesive. Sappiamo però, come dicevo prima, che è diverso fare un ordine online per una brochure rispetto a un’etichetta autoadesiva che richiede, dal formato alla grafica, passaggi molto più complessi.

Quanto è importante il nuovo mercato delle etichette Rfid? È un mercato che si sta sempre più evolvendo. Le applicazioni si stanno ampliando e trasformando non solo per quanto riguarda la logistica, ma anche per l’aspetto della tracciabilità sempre più importante nel settore alimentare e nei prossimi anni anche per quello

farmaceutico con le nuove norme che entreranno in vigore. E il futuro vedrà sempre più la possibilità di inserire dati variabili e lo scambio di informazioni tra le etichette e la app di uno smartphone.

Sono previste acquisizioni o alleanze? Al momento no. Del resto un’alleanza in qualche modo l’abbiamo già siglata entrando a far parte l’anno scorso della rete 4.6 formata da cinque etichettifici (Eurolabel, Pilot, Mida, Aro, Notarianni) sia per quanto riguarda gli acquisti sia per la tipologia di prodotti con uno scambio di competenze e produttività in base ai singoli punti di forza.

Il parco macchine di Eurolabel è in continua evoluzione. Tra gli acquisti più recenti, una Gallus ECS 340 in configurazione personalizzata, con 8 colori flexo e 3 unità rotative serigrafiche.

Un’ultima domanda: prima sua madre, poi lei. Quanto è difficile ancora oggi in un settore maschile come quello della stampa essere un’imprenditrice donna? Le difficoltà sono diminuite ma qualche resistenza esiste ancora, anche se la presenza imprenditoriale femminile sta aumentando. E sono orgogliosa del fatto che l’anno prossimo da vicepresidente diventerò presidente di Gipea, giusto trent’anni dopo la presidenza di mia madre...

“La nuova Gallus ci permette la stampa diretta sul tubo laminato; quindi maggiore qualità e minori costi per il cliente”

29


ilPoliGrafico 178•17

speciale etichette eventi/labelexpo

Una storia di successi e alleanze

Appuntamento a Bruxelles, dal 25 al 28 settembre, con Labelexpo Europe. Manifestazione che, oltre alle etichette, coinvolge ormai anche la stampa di packaging e le tecnologie di trasformazione.

30

Due icone nell’industria delle etichette – Tarsus e FINAT – celebreranno il 25mo anniversario di una partnership di successo all’ormai imminente edizione di Labelexpo Europe, che si tiene dal 25 al 28 settembre a Bruxelles. L’evento offre ai due partner l’occasione migliore per focalizzarsi ancora una volta su un’industria alla cui crescita hanno contribuito in egual misura e che è ben rappresentata dagli espositori e dai visitatori di Labelexpo Europe. Dal suo debutto a Londra nel 1980, Labelexpo Europe ha fatto enormi passi avanti fino a diventare un evento di riferimento per il mondo delle etichette, andando a occupare quest’anno ben nove padiglioni dello spazio fieristico di Bruxelles, pari a oltre 35.000 metri quadrati, con più di 700 espositori da 40 Paesi. I predecessori di Tarsus (Labelex/Cowise Group), organizzatori dell’evento, e FINAT, l’associazione europea di produttori di etichette autoadesive, hanno firmato il primo accordo legato a Labelexpo nel 1991 e prossimamente verrà rinnovato per la quinta volta consecutiva. Nel frattempo, partnership similari sono state avviate con


speciale etichette

La quarta rivoluzione industriale sbarca a Labelexpo Europe In un momento in cui si fa tanto parlare di Industria 4.0 anche il mondo delle etichette non poteva esimersene. Tanto che gli organizzatori di Labelexpo Europe hanno deciso di allestire un’intera area – battezzata Automation Arena – che debutterà quest’anno, nel padiglione 11, e vedrà il coinvolgimento di numerosi player, tra cui Cerm, Esko, Xeikon, MPS, Kocher+Beck, AVT, Rotocontrol, Matho e Wasberger. Tre presentazioni della durata di mezz’ora verranno tenute ogni giorno alle h 11.00, 13.00 e 15.00 nei primi tre giorni e alle h 11.00 l’ultimo giorno. Queste sessioni verranno filmate e proiettate in tempo reale su grandi schermi per mostrare ai visitatori ogni singolo aspetto del processo di lavorazione. Le commesse stampate protagoniste della Automation Arena verranno realizzate con un mix di stampa digitale e tradizionale. La creazione del file avverrà su un sistema Cerm, mentre il preflight, il controllo di qualità e l’approvazione del cliente verranno gestiti con software Esko. La tiratura tradizionale avverrà su una MPS EF 430 a 8 colori mentre i lavori stampati in digitale usciranno da una Xeikon 3300 dotata di un’unità di fustellatura laser in linea. L’Automation Arena dimostrerà ai visitatori quali sono i benefici di un flusso di produzione altamente automatizzato, in cui tutti gli step sono integrati fra loro. Un’utile simulazione di come la produzione di etichette e di packaging potrebbe evolversi nei prossimi cinque/ dieci anni.

altre associazioni in giro per il mondo, come ad esempio TLMI (Labelexpo Americas, Chicago), LMAI (Labelexpo India, Nuova Delhi) e recentemente PEIAC Labels (Labelexpo Asia, Shanghai). La trasformazione di Labelexpo Europe da evento di nicchia dedicato alle etichette autoadesive a manifestazione di portata internazionale con un focus molto più ampio – che oltre alle etichette coinvolge anche la stampa di packaging e le tecnologie di trasformazione – riflette l’evoluzione di un’industria sia dal punto di vista

delle tecnologie di stampa, in primis la stampa digitale, sia delle varianti di packaging, dalle etichette termoretraibili a quelle inmould e le buste flessibili (pouche). Gli stampatori di etichette oggi si trovano senza dubbio al centro della vivace industria del packaging. Tuttavia, il continuo successo di Labelexpo dipenderà molto dalla sua abilità a rispondere in modo tempestivo e adeguato alle esigenze del mercato ed ecco perché Labelexpo e FINAT hanno esteso il Labelexpo Advisory Board (LAB), che inizialmente

raggruppava rappresentanti del management di Labelexpo e i membri del Consiglio FINAT, a una variegata compagine di espositori. I loro sforzi, abbinati ai primi risultati di investimenti di lungo termine da parte della struttura che ospita la fiera, porteranno a miglioramenti nella logistica a vantaggio dei visitatori.

31


ilPoliGrafico 178•17

speciale etichette eventi/labelexpo

Albertin Pad. 11 stand A21

Albertin, produttore di riferimento di cliché e lastre flessografiche per la stampa, si presenta con numerose soluzioni per la produzione di etichette. Primo tra tutti il Gruppo Piano in Linea, un particolare cliché realizzato in ottone o in magnesio attraverso il quale è possibile ottenere fino a cinque lavorazioni in un unico passaggio di stampa (stampa a caldo, rilievo, bassorilievo, texture, e ologrammi anticontraffazione senza alcun cambio cliché). Il Gruppo Piano in Linea è compatibile con i moduli Rhino di PANTEC e Big Foot di ABG. “Il grande vantaggio di questa soluzione”, spiega Ferruccio Albertin, CEO dell’azienda, “è l’uso di un’unica matrice, che assicura non solo lavorazioni rapide, ma anche estremamente precise”. Ancora una volta Albertin mantiene la sua promessa, indicata nel claim Leave your mark, permettendo ai propri clienti di lasciare il segno con soluzioni tecnologicamente avanzate per poter attrarre lo sguardo del consumatore e proiettarlo in una dimensione tattile unica. Presso lo stand, inoltre, non mancheranno i prodotti più classici e noti dell’offerta Albertin: lamierini per stampa a caldo di etichette compatibili con macchine Gallus, Codimag e di numerosi altri brand; cliché e rilievi in magnesio, per la stampa a caldo in ottone con incisione laser, in ottone per stampa a caldo e rilievo in contemporanea; rilievi in ottone, con incisione artistica e a più livelli; contromatrici e cilindri in ottone per la stampa a caldo; impianti e cliché per la microincisione; rilievi per la marcatura braille; cliché in gomma siliconica per la stampa a caldo piana e in sagoma; lastre in nyloprint e flessografiche per verniciatura; forme flessografiche per la stampa; caucciù e lastre spellicolabili. Inoltre, grazie all’esperienza acquisita in oltre 45 anni di attività, l’azienda è in grado di offrire un servizio completo che, oltre alla produzione di quanto sopra descritto, include il controllo dei file di stampa, il servizio di prestampa e, laddove richiesto, un supporto creativo.

Bobst

Pad. 3 stand A64

32

Chi ha già visitato uno stand Bobst a Labelexpo Europe sa che vi troverà una finestra aperta sulla tecnologia del futuro e sulle opportunità commerciali che ne seguiranno. Come sempre, anche quest’anno le aspettative dei visitatori non saranno deluse. Lo stand Bobst alla manifestazione è tra i più grandi della fiera e sarà animato da dimostrazioni di stampa, coinvolgenti presentazioni e display di connettività. Ben tre macchine da stampa a banda stretta e media saranno in dimostrazione: la M5X, la M1 e la M6 che, nelle configurazioni più recenti ed equipaggiate con funzionalità potenziate, stamperanno e trasformeranno live produzioni

di etichette e di imballaggio flessibile. Oltre alle tre flexo in linea, dotate di innovazioni incrementali mirate ad aumentare costantemente le prestazioni macchina, Bobst ha in serbo un’assoluta novità. “Riguarda l’imballaggio, ma per il momento non anticipiamo nulla”, ha spiegato Matteo Cardinotti, ad di Bobst Firenze, nonché responsabile della Linea di Prodotto Narrow & mid-web multi-process. “Quindi, ‘acqua in bocca’ fino a Labelexpo, quando tutto sarà svelato durante un evento speciale che si svolgerà sullo stand Bobst la sera del 25 settembre, giorno di apertura della fiera”. I visitatori troveranno inoltre sullo stand informazioni sulla vasta gamma di soluzioni che Bobst offre nei diversi settori dell’industria delle etichette, tra cui gli ultimi sviluppi in materia di stampa rotocalco, stampa flessografica a tamburo centrale e accoppiamento particolarmente indicati per soddisfare le esigenze di trasformatori che cercano l’efficienza nella stampa di brevi tirature. A questi si aggiungono le macchine spalmatrici Bobst per siliconatura, spalmatura di adesivi, pre/post metallizzazione e le soluzioni di metallizzazione in vuoto, come il nuovo metallizzatore K5 Expert e il processo AluBond® che migliora l’adesività del metallo sul nastro.

Epson

Pad. 9 stand A50 Epson presenta una vasta gamma di macchine da stampa digitali nel suo stand di oltre 400 m2. Saranno presenti i modelli digitali per la stampa di etichette in piccole e medie tirature della linea SurePress, accanto a prodotti delle serie ColorWorks, LabelWorks e SureColor SC-S. “Il nostro obiettivo”, afferma Renato Sangalli, sales manager prodotti Pro-Graphics di Epson Italia, “è presentare la più ampia offerta di soluzioni per la stampa di etichette del settore. Abbiamo varie tipologie di prodotti, dai modelli portatili per la produzione in-house di etichette on-demand a sistemi digitali flessibili di alta qualità per gli stampatori più esigenti. Siamo orgogliosi di sviluppare le nostre testine, gli inchiostri e l’hardware, perché così abbiamo la possibilità di confezionare una soluzione su misura per ogni applicazione. I nostri esperti saranno presenti allo stand per dare consigli e indirizzare i potenziali clienti, qualunque siano le loro esigenze. Durante la manifestazione sono previste dimostrazioni sia dei modelli con tecnologia UV dotati di inchiostri a base acqua della linea SurePress, sia dei modelli che utilizzano la tecnologia Esko RIP. Ci saranno poi ulteriori sorprese, ma non possiamo rivelarle in anticipo”.


PDF74-B2 DIGITAL-OFFSET

PLATINA FUSTELLATRICE TOTALMENTE AUTOMATICA FULLY AUTOMATIC PLATEN DIE-CUTTER PER PICCOLE E MEDIE TIRATURE SHORT RUN SOLUTIONS

Pad. 9 stand A34

Fujifilm mostrerà in che modo la soluzione Flenex FW di lastre flessografiche lavabili in acqua sta trasformando la produzione di etichette. Flenex FW garantisce livelli altissimi di produttività e qualità di stampa e, allo stesso tempo, riduce sensibilmente i costi di utilizzo rispetto alle tecnologie termiche, con solventi o di altro tipo con lavaggio ad acqua. Flenex FW, oltre a offrire agli stampatori di etichette e packaging l’opportunità di migliorare velocità e produttività, vanta certificazioni ambientali di tutto rispetto. Dopo il lancio avvenuto in occasione di Labelexpo 2015, Flenex FW è stata utilizzata sempre più da stampatori flessografici e aziende reprografiche, grazie fra l’altro alla sua durata, alla qualità, ai ridotti costi di utilizzo e alle certificazioni ambientali. Oltre a Flenex FW, in occasione di Labelexpo 2017 Fujifilm presenterà la gamma completa di inchiostri Uvivid narrow web e vari accessori. Progettata per massimizzare la produttività e semplificare il processo di produzione di etichette, questa gamma è formulata in modo da garantire le migliori prestazioni con le macchine da stampa narrow web.

www.briefandmood.it

Fujifilm

http://q-r.to/bamWZg

Gallus Pad. 5 stand B28

Gallus, parte del gruppo Heidelberger Druckmaschinen, avrà come leitmotiv Speed up for success. Al centro dello stand del produttore svizzero le nuove soluzioni Gallus Labelmaster e Labelfire, accanto alle più recenti proposte di Gallus Services e Gallus Screen Printing. Forte del successo riscosso dalla Labelmaster durante i Gallus Innovation Days lo scorso settembre, Gallus è ora pronta per alzare il sipario sulla Gallus Labelmaster Advanced, che affiancherà – anche sullo stand – le versioni base di questa macchina per etichette. Il design modulare della Labelmaster Advanced unisce alla massima flessibilità un elevato livello di automazione e offre agli stampatori di etichette una varietà di processi mai vista prima, in quanto le varie unità preposte alla stampa e al finishing possono essere collocate rapidamente e facilmente in qualsiasi punto della macchina. Tutte le Gallus Labelmaster condividono il medesimo design speciale della piattaforma e possono essere configurate in modo da soddisfare le varie esigenze dei clienti. Nella nuova piattaforma la Gallus Labelmaster è composta da moduli con due gruppi stampa ciascuno. Tali moduli sono disponibili in tre varianti: la versione base copre tutti gli standard essenziali della stampa di etichette, la Plus offre maggiore flessibilità e la Advanced può essere configurata in modo da includere tutti gli automatismi necessari per rispondere praticamente a qualsiasi esigenza del mercato. La velocità massima della Labelmaster è 200 m/min. Presente sullo stand anche la macchina da stampa digitale Gallus Labelfire 340, dotata di moduli per la finitura in linea. A differenza delle macchine digitali attualmente presenti sul mercato, la Labelfire è in grado di stampare e fustellare le

CAMBIARE NON È MAI STATO COSÌ FACILE CHANGE HAS NEVER BEEN SO EASY CAMBIO RAPIDO AUTOMATICO di formato

AUTOREGISTRO

MULTIPOSA

lettura foglio/tacche stampa

una sola forma per più posizioni

AUTOREGISTER

MULTIPOSITION

15 FAST AUTOMATIC CHANGE of format

reading of sheet edge/print marks

a single shape for different positions

PETRATTO srl 10044 PIANEZZA (TO) - ITALY www.petratto.com - e-mail: petratto@petratto.com

33


ilPoliGrafico 178•17

XEIKON a Labelexpo con tutta la potenza delle sue macchine digitali il settore delle etichette ha bisogno di velocità e qualità: la tecnologia panther uv-inkjet e xeikon cx3 - cheetah assicurano produttività e redditività agli stampatori La nuova macchina da stampa digitale per etichette UV PX3000 di Xeikon è basata sulla tecnologia inkjet UV Panther e completa le soluzioni per etichette Serie 3000 e CX3 basate su tecnologia dry-toner, dando così agli utilizzatori la possibilità di scegliere la soluzione più idonea.

alta opacità in un unico passaggio. Permette inoltre di stampare su diversi materiali termosensibili grazie alla tecnologia toner ICE di Xeikon che consente una temperatura di esercizio inferiore rispetto alle tipiche macchine da stampa a fusione. Importante anche l’elevata resistenza dei colori all’esposizione della luce e la stampa ecocompatibile (senza COV). Oltre alla tradizionale stampa CMYK + Bianco, la quinta stazione di Xeikon CX3 può essere equipaggiata con colori spot per ampliarne la gamma cromatica (Arancio, Blu, Verde, Rosso, extraMagenta).

UV Xeikon PX3000 utilizza l’esclusivo inchiostro UV PantherCure. La tecnologia inkjet UV risponde perfettamente ad alcune specifiche esigenze del mercato label come ad esempio durabilità del prodotto, brillantezza dei colori, elevata coprenza e resistenza ad abrasioni e/o agenti chimici. I principali punti di forza di questa innovativa attrezzatura di stampa sono velocità, potenza del software (X-800) e una struttura di costi in grado di aumentare l’efficienza nelle medie-alte tirature digitali. Il passaggio carta è di 350 mm (luce di stampa 330 mm) e la velocità massima è di 50 m/min. La configurazione dei colori è CMYK + Bianco, con una qualità di stampa di 600x600 dpi. I supporti utilizzabili vanno da quelli autoadesivi a materiali quali carta, PVC, PP, PET e PE.

Xeikon PX 3000, a sinistra, e Xeikon CX3.

Xeikon, che vanta anni di esperienza e knowhow nel settore della stampa digitale, può diventare un vero consulente, con la capacità di analizzare in dettaglio le richieste degli stampatori per offrire il sistema di stampa più adeguato, con tecnologia inkjet UV o dry-toner.

Comunicazione d’impresa

In fiera, all’opera anche l’ammiraglia Xeikon CX3, che stampa con risoluzione di 1.200x 3.600 dpi. L’impiego di tecnologia dry-toner soddisfa le normative FDA per il contatto con i cibi e la capacità di riprodurre un Bianco ad

Xeikon, divisione di Flint Group, può fornire tutto ciò che serve ai trasformatori di etichette. Nel corso di Labelexpo Europe questo concetto sarà particolarmente enfatizzato e dimostrato. Il team di esperti in prodotti narrow-web, prodotti flessografici e macchine da stampa digitali è in grado di fornire tutte le informazioni agli operatori del settore, supportandoli nella scelta della soluzione giusta per le loro applicazioni.

34

www.xeikon.com


speciale etichette

etichette in un singolo flusso di produzione, guadagnando in produttività e riducendo costi, tempi e sprechi di materiale rispetto ai processi di lavorazione multi-step. E grazie all’ultima generazione di testine inkjet di Fujifilm, Labelfire garantisce una risoluzione nativa di 1.200 dpi, raggiungendo una qualità paragonabile a quella della stampa offset.

Grafikontrol Pad. 11 stand D09

Presenta tutte le potenzialità del sistema Lynex nel controllo delle etichette. Lynex è un prodotto della linea TQC-360°, la piattaforma modulare dei prodotti Grafikontrol sviluppata per dare agli stampatori una soluzione completa a garanzia della qualità, che unisce alte prestazioni con un’assistenza eccellente. Presentato per la prima volta al mercato a Labelexpo 2015, Lynex è un sistema di ispezione al 100% della stampa che consente di rilevare e catalogare in automatico tutti i difetti. La sua capacità di ispezione continua dell’intero formato, insieme alla sua facilità d’uso, l’hanno reso in poco tempo un sistema apprezzato e ricercato dai produttori di etichette.

viene individuata l’imperfezione garantisce l’eliminazione del materiale difettoso. Lynex inoltre fornisce l’analisi della produzione e la raccolta dati. Lynex è un sistema altamente flessibile e può essere composto da una o più telecamere lineari a colori, configurabili in base alle esigenze, che possono lavorare con velocità di produzione fino a 900 m/min senza modificare la risoluzione dell’immagine. Lynex è adatto per il controllo delle difettosità su qualsiasi tipologia di stampa e substrato. L’illuminazione a LED bianco assicura una qualità e distribuzione di luce senza alcun degrado dell’immagine, anche su materiali e inchiostri riflettenti. I visitatori interessati al controllo delle etichette potranno assistere alle dimostrazioni dal vivo di Lynex su simulatore di stampa nello stand Grafikontrol e di Lynex installato su rotativa nello stand di Lombardi Converting Machinery (pad. 11 stand C53).

Grazie alla moderna interfaccia multitasking implementata su un monitor multi-touch da 23” ad alta risoluzione, l’operatore può analizzare in tempo reale l’intero formato e beneficiare dell’individuazione automatica dei difetti sia di stampa sia del supporto. L’allarme immediato quando

Il nuovo modulo laser LM 100W • Taglio e sigillatura contemporanea di tessili di poliestere (Cut & Seal)

NUOVO

• Laser a CO2 con 100 W di potenza • Sicurezza massima grazie al laser di classe 1 • La sigillatura dei bordi di taglio previene eventuali sfrangiature

ato igill s e iato tagl con il er o las l u d mo

Bord id sfra i taglio ngia ti?

Veniteci a trovare alla Viscom Milano

www.zund.com

infoitalia@zund.com

T: +39 035 43 78 276

35


ilPoliGrafico 178•17

speciale etichette eventi/labelexpo

HP

Pad. 5 Patio Proporrà nuove tecnologie e soluzioni che l’aiuteranno a continuare a guidare la conversione della stampa di etichette e packaging dall’ambiente analogico a quello digitale per qualsiasi tipo di applicazione. Nei 2.400 m2 dello stand, HP presenterà il più grande portafoglio di etichette e macchine da stampa digitale per il packaging industriale, inclusa la tecnologia GEM, che sta rivoluzionando il mercato, consentendo l’applicazione di decorazioni grafiche digitali in un solo passaggio. Sviluppata con JetFX, GEM permetterà una produzione semplificata di spot digitali e vernici tattili, effetti speciali, fogli digitali e altro ancora. Durante Labelexpo, la HP Indigo 8000 Digital Press mostrerà nuovi livelli di velocità e di capacità per la produzione mainstream, come il modello più recente della serie HP Indigo WS6000. HP Indigo 20000 Digital Press con il suo formato mid-web permetterà ai visitatori di vedere come catturare nuove opportunità per il digital packaging flessibile, per le etichette e le applicazioni di copertine. HP Indigo 20000, insieme a HP Indigo Pack Ready Lamination, è in grado di offrire confezioni end-to-end e on-demand con tempi di consegna immediati. I partner OEM HP Special Printing Systems (SPS) mostreranno inoltre soluzioni di etichettatura desktop che includono un’esperienza ambientale in-store. I visitatori dello stand avranno anche l’opportunità di conoscere le ultime soluzioni di sicurezza per la protezione del marchio e l’identificazione del prodotto, oltre a poter sperimentare inchiostri innovativi attuali e futuri, tra cui gli inchiostri HP Indigo ElectroInk argento, verde, giallo e arancione Fluorescent ElectroInks, la serie Premium White, bianco per le etichette e inchiostri resistenti alle sfumature.

Screen Pad. 9 stand B30

36

Screen ha annunciato l’introduzione sul mercato di due nuove macchine da stampa inkjet UV, con l’intento di espandere le proprie competenze nel settore della stampa di etichette per il settore alimentare. Il lancio, a livello commerciale, della Truepress Jet L350UV+ e della Truepress Jet L350UV+LM avrà luogo in contemporanea in occasione della manifestazione. Oltre all’introduzione di nuovi inchiostri appositamente studiati per la bassa migrazione che consentono un incremento nella sicurezza, la nuova Screen Truepress Jet L350UV+LM incorpora un’unità di gestione dell’azoto che permette di accelerare l’asciugatura degli inchiostri UV oltre a prevenire la migrazione dell’inchiostro e il tipico odore dell’UV. Screen Truepress L350UV+LM si spinge al limite in termini di produt-

tività e condivide con la Truepress L350UV+ una serie di nuove funzionalità, sviluppate da Screen per produzioni di fascia superiore e ad alte velocità di stampa specifiche per il settore delle etichette. La linea L350UV+ è in grado di garantire migliorata produttività (fino a 60 m/min), compatibilità con una svariata gamma di supporti e riproducibilità di un gamut colore ampliato grazie alla possibilità di supportare, come opzione, il colore arancione in aggiunta ai convenzionali C, M, Y, K e al bianco. La macchina può inoltre venir equipaggiata con speciali rulli raffreddati per consentire la gestione di supporti particolarmente sottili che notoriamente risultano sensibili al calore generato dalle lampade UV. Etichette tipo sleeve, come quelle applicate sulle bottiglie in PET, potranno da oggi venire stampate con estrema facilità sulla Truepress Jet L350UV+LM.

Sun Chemical Pad. 5 stand E45

Con lo slogan Brighter Ideas for Labels, fornirà dimostrazioni delle proprie capacità e del proprio impegno nei confronti del mercato delle etichette e stampa su bobina stretta. Lo stand è suddiviso in cinque zone: prodotti principali, digitale, funzionalità ed effetti, protezione dei marchi e gestione del colore. Fra i punti salienti dello stand, da segnalare la nuova piattaforma con tecnologia flessografica UV per applicazioni alimentari e non, un sistema di autenticazione tramite smartphone in collaborazione con Document Security Systems, il toolkit per la gestione del colore di Sun Chemical, SunColorBox, e la gamma di inchiostri per effetti speciali SunInspire™. La piattaforma con tecnologia flessografica UV di Sun Chemical offre sensibili vantaggi, in termini di produttività, rispetto ai sistemi esistenti. Il naturale complemento sarà l’ulteriore estensione della gamma di bianchi per la stampa flessografica UV, leader di mercato, con l’aggiunta di un nuovo bianco completamente aggiornato destinato alla produzione di tubolari ad alte prestazioni. Per rispondere alla costante crescita della tecnologia LED, Sun Chemical presenterà inoltre nuovi prodotti sviluppati per la stampa a LED di etichette e imballaggi compatibile con uso alimentare, sia flessografica UV sia offset UV. I prodotti fanno parte dell’ampia gamma di soluzioni per la stampa con tecnologia LED. Nell’area del digitale, SunJet, la divisione inkjet internazionale di Sun Chemical, presenterà Aquacure™, il suo inchiostro inkjet acquoso funzionale di nuova generazione. Inoltre, il team Digital di Sun Chemical parlerà dello sviluppo della gamma completa di rivestimenti digitali realizzati in collaborazione con HP Indigo per supportare converter, stampatori e proprietari di marchi. Al centro dell’area dedicata alla protezione dei marchi ci sarà una soluzione di autenticazione tramite smartphone che incorpora l’applicazione di convalida su smartphone AuthentiGuard™ di un’azienda specializzata in tecnologie anticontraffazione come DSS (Document Security Systems, Inc.), per offrire ai clienti di Sun Chemical una maggiore possibilità di scelta, flessibilità e potenzialità per proteggere i propri prodotti.


Successo e Sicurezza per gli Stampatori di Etichette.

Flessibilità nella perfezione. Oggi e nel futuro.

Gallus Labelmaster La scelta perfetta.

Configura la stampa di etichette per il tuo modello di business. Grazie alla combinazione delle due varianti, PLUS e ADVANCED, la Gallus Labelmaster offre una nuova dimensione di flessibilità ad un ottimo livello di rapporto qualità-prezzo con la nota qualità di Gallus. Gallus Labelmaster offre tutto ciò che ti aspetti da Gallus. Tranne il prezzo. www.gallus-group.com

Membro di Heidelberg Group


ilPoliGrafico 178•17

speciale etichette eventi/labelexpo

Ibrido o standalone? Il digitale a Labelexpo

38

Quest’anno Labelexpo torna a Bruxelles e avremo la possibilità di vedere le novità dei produttori di tutto il mondo. In InfoTrends, società di consulenza di Boston - USA, abbiamo un occhio particolarmente attento alle novità legate alla stampa digitale e abbiamo notato, tra le anteprime, che alcune delle novità importanti in questo ambito arrivano dall’Italia grazie a tre produttori: Durst Phototechnik, Omet e Uteco Converting. Ciascuna di queste ha una presenza di mercato a livello internazionale e sta contribuendo alla crescita della stampa digitale nel mercato delle etichette. Prima di entrare nel merito di ciò che queste aziende presentano, desideriamo suddividere le macchine da stampa digitale per etichette in due categorie generali: “standalone” e “ibride”. Un sistema standalone nasce come soluzione prettamente digitale e utilizza una tecnologia di stampa elettrofotografica o inkjet per realizzare etichette in quadricromia partendo da una bobina. Un sistema ibrido, invece, è l’unione tra un motore di stampa digitale a colori, solitamente inkjet, e varie unità di stampa flexo in linea. Il risultato sono etichette stampate sia in digitale che in analogico. Durst e Omet si sono alleate per presentare in

anteprima una soluzione ibrida, composta dalla macchina inkjet UV Durst Tau 330 e la macchina flexo Omet XFlex X6, pilotate da un unico front-end. Il sistema ibrido ha una risoluzione di stampa di 600x600 dpi, quattro livelli nella scala di grigio, una velocità di stampa di 50 m/ min e tutte le lavorazioni di finishing tipiche di una macchina flexo. I tempi di cambio lavoro sono assai rapidi: nel caso del motore digitale sono sostanzialmente istantanei, nel caso dei gruppi flexo i cambi hanno la stessa durata di quelli delle altre macchine XFlex di Omet. Uteco Converting presenta, invece, una macchina inkjet standalone battezzata Gaia, frutto di uno sviluppo con INX Digital ed EB Technologies. Ideata per la stampa su supporti flessibili, si differenzia dalla maggior parte dei sistemi inkjet per etichette che utilizzano inchiostri UV. Secondo quanto dichiarato da Uteco e i suoi partner, grazie agli inchiostri INX e alle lampade Ebeam non ci sarà nessuno dei fotoiniziatori solitamente associati alla stampa inkjet UV e pertanto non esiste il rischio di migrazione di monomeri tossici dalle etichette stampate agli alimenti. Gaia sarà dunque adatta all’imballaggio alimentare, ambito in cui la stampa inkjet UV

ha al momento un ruolo marginale, proprio a causa delle preoccupazioni legate alla migrazione delle molecole dei fotoiniziatori. A Labelexpo verrà presentato il modello entry level con una velocità di stampa fino a 25 m/min e risoluzione fino a 720x360 dpi, anche se sarà poi disponibile in una versione deluxe con velocità fino a 100 m/ min a 1200x1200 dpi. In entrambi i casi la macchina è modulare e disponibile in diverse larghezze di stampa. Un secondo progetto di Uteco nell’ambito del digitale è legato alla macchina inkjet Sapphire Evo, che però non verrà esposta a Labelexpo. Basata su tecnologia Kodak “continuous inkjet” e inchiostri a base acqua, la macchina viaggia a una risoluzione di 300 m/min a una risoluzione di 600x600 dpi e stampa a 7 colori. La macchina, che non è più un prototipo ed è in produzione presso Kodak da quasi un anno con risultati soddisfacenti, ha grandi potenzialità, visto che potrebbe stampare 10 milioni di m2 all’anno. Anche in questo caso la macchina potrebbe essere adatta al packaging alimentare, visto che gli inchiostri a base acqua non hanno componenti tossiche. >> segue a pag. 98

Durst e Omet presentano una soluzione ibrida composta dalla inkjet UV Durst Tau 330 e dalla flexo Omet XFlex X6.

Gaia è il nome della soluzione standalone sviluppata da Uteco insieme a INX Digital ed EB Technologies.

di Robert Leahey associate director di InfoTrends


ilPoliGrafico 178•17

Stampa digitale da bobina a bobina con metallizzazione inline novità assoluta A labelexpo da leonhard kurz: la stazione DM-liner uv ink integrata in una macchina da stampa rotativa

40

versatile sistema a rullo mobile, che consente di eseguire la metallizzazione o all’inizio o alla fine del processo di stampa flessografica. DM-Liner UV Ink stand-alone per stampa da bobinaa-bobina è adatto a qualsiasi processo di stampa. È un’unità estremamente flessibile, che permette di ottenere effetti metallizzati su stampe digitali, offset o flexo. Per produrre intensi colori metallizzati, ad esempio, lo stampato viene prima nobilitato e successivamente sovrastampato con inchiostro colorato. I dati variabili possono essere aggiunti in una fase successiva della produzione. Il nuovo sistema MLabel Generation 3 di Kurz stampa, nobilita, fustella e ribobina le etichette.

LUXORO DISTRIBUTORE IN ITALIA DI KURZ

Distributore esclusivo per l’Italia dei foil e dei cliché di nobilitazione del gruppo Kurz, Luxoro offre a settori industriali quali moda, lusso, packaging, cosmesi, food&wine, supporti e idee per creare oggetti unici, in grado di rispecchiare il valore esclusivo di un prodotto o un brand. Le partnership esclusive strette con Leonhard Kurz Stiftung & Co. KG (punto di riferimento assoluto nella produzione di film per stampa a caldo) e Hinderer + Mühlich KG (cliché e attrezzature per stampa a caldo), rendono Luxoro il fornitore ideale per qualsiasi esigenza nel campo della stampa e finitura di materiali vari. Luxoro è fornitore di materiali di decorazione, quindi, ma anche, e soprattutto, partner in grado di sviluppare, con designer e creativi, le migliori applicazioni per dare vita ai loro progetti. Per loro, Luxoro ha creato LuxExForma (www. luxexforma.it), un contenitore di preziose testimonianze del saper fare e del made in Italy, fonti d’ispirazione estetica e di bellezza. Grazie a rigorose politiche aziendali, Luxoro è oggi un’azienda completamente a impatto zero.

www.luxoro.it

Comunicazione d’impresa

La stazione per il trasferimento di foil metallizzati DM-Liner UV Ink è uno dei componenti del nuovo sistema di stampa MLabel Generation 3 MPrint che stampa, nobilita, fustella e ribobina le etichette. Presso lo stand di Kurz verrà presentata l’intera gamma di funzionalità del sistema MLabel e, soprattutto, la perfetta integrazione della stazione DM-Liner nel processo di stampa digitale. Durante la fiera, sulle etichette verrà applicato un disegno con dato variabile, metallizzato della stazione DM Liner, sovrastampato a colori e ulteriormente elaborato dal sistema di stampa a getto d’inchiostro. Il design dell’etichetta è stato selezionato per illustrare le possibilità creative della finitura metallizzata digitale, che permette di nobilitare non solo grandi aree, ma anche dettagli estremamente fini e caratteri in negativo, mantenendo un’eccezionale definizione di stampa. Anche alle elevate velocità della stampa digitale viene mantenuta l’estrema precisione del trasferimento del foil metallizzato. I visitatori dello stand (3D 40) verranno omaggiati delle etichette confezionate durante la manifestazione. La stazione di trasferimento presente nella macchina MLabel è una versione integrata del DM-Liner UV Ink per macchine digitali da bobina a bobina. DM-Liner UV Ink è inoltre ora disponibile sia come modulo integrato per macchine flexo, che come macchina stand-alone. Il DM-Liner UV Ink integrato è notevolmente più compatto in quanto utilizza l’unità corona, l’unità di avvolgimento e di svolgimento, il controllo di ribobinatura e la telecamera di registro generalmente utilizzata nelle macchine flexo. Il modulo integrato è montato su un


speciale etichette

Il mercato delle etichette

Innovazione nell’uso dei materiali, inchiostri, connettività e personalizzazione... ecco i motivi di un trend tutto rosa

L’etichetta è senz’altro l’elemento che, più di tutti, colpisce la nostra attenzione di consumatori quando dobbiamo scegliere cosa prelevare da uno scaffale - che sia quello reale della superficie a libero servizio o quello virtuale di un sito di e-commerce. I brand owner lo sanno bene, come pure i costruttori di macchine, gli stampatori e i converter, impegnati più che mai a cogliere nuove opportunità di creare etichette sempre più “wow”, sempre più sicure e in grado di trasmettere certezze sulla provenienza dei prodotti.

di Elena Piccinelli

Operatori in trasformazione Sono molte le fonti che stimano il mercato della stampa di etichette in buona crescita e ciò è dovuto sia all’ampliamento delle soluzioni offerte dall’industria del labeling nel suo complesso, sia all’introduzione di nuovi utilizzi di questo particolare strumento di comunicazione e non solo. Così, se inizialmente i converter erano principalmente focalizzati sulla cosiddetta banda stretta, negli ultimi anni le applicazioni, e dunque il parco macchine, si sono moltiplicati. Oggi gli etichettifici hanno aggiunto al loro repertorio, originariamente incentrato sulla fascetta autoadesiva, altri prodotti di successo, per potersi attestare come fornitori a tutto tondo e per aprire nuove linee di business. In quest’ultimo caso parliamo prevalentemente di etichette tubolari (sleeve), packaging flessibile ed etichette in-mould.

I segmenti più vivaci e i mercati di sbocco Gli avanzamenti tecnologici del digitale, che riguardano tutti gli ambiti della stampa, avvantaggiano anche l’industria delle etichette conferendo flessibilità e convenienza economica alle tirature sempre più corte di lavori ad alta qualità. Secondo le stime, nel prossimo anno i brand owner aumenteranno del 5% le loro aspettative in fatto di soluzioni di stampa digitale. E se entro i prossimi cinque anni il giro d’affari legato alle smart label raggiungerà un valore complessivo di 10 miliardi di dollari, con un tasso di crescita annuo del 17%, anche gli altri segmenti del comparto si sviluppano bene: le etichette industriali del 5% annuo, trainate dalle funzioni di tracciamento e sicurezza, fino a raggiungere un valore complessivo di 55 miliardi di dollari; le linerless pure del 5%, passando da 1,8 miliardi di dollari nel 2016 a 2,3 miliardi di dollari nel 2021. In quest’ultimo segmento la tecnologia digitale la fa da padrona, con il mercato alimentare come principale sbocco in crescita. Mentre nelle smart label sarà la tecnologia RFID a rivelarsi sempre più importante, soprattutto per i beni di consumo deperibili. Guardando ai segmenti produttivi di sbocco, il Food & Beverage fa, come sempre, la parte del leone. La crescente domanda di prodotti confezionati e di marca è alla base di una crescita generale che si manifesta nel bisogno di una sempre maggior personalizzazione di imballaggi ed etichette per differenziarsi, ma anche di soluzioni efficaci per il controllo e l’autenticazione dei singoli prodotti.

41


ilPoliGrafico 178•17

speciale etichette indagine/stampatori

Food e beverage, i settori più vivaci

Tracciabilità e anticontraffazione

Alberto Quaglia ad Aro Etichette

Paolo Boldoni

Cosa chiede il mercato dell’etichettatura? Quali sono i settori di sbocco e le aree geografiche più vivaci? Il mercato è alla costante ricerca di idee innovative sia in ambito comunicativo sia di soluzioni; il food in generale e il beverage sono di sicuro i settori in maggiore movimento. Quanto all’export, per i nostri clienti rappresenta uno sbocco importante e i mercati di destinazione cambiano in funzione di molte variabili.

ad Mida

Che tecnologie state impiegando? Oggi lavoriamo con macchine flessografiche fino a 10 colori con larghezza di banda 520 mm, e a tamburo centrale 6 colori in fascia 1400, ma abbiamo anche HP Indigo, la tipografia semirotativa, la serigrafia bobina bobina e il fustellatore laser con nobilitazioni. Pensa che sia necessario disporre di più tecnologie o che sia meglio specializzarsi? Come vede, non ci facciamo mancare niente e se estendiamo il ragionamento al gruppo di cui facciamo parte (il già QPH di Aro, Notarianni e Mida, ndr) l’impiantistica diventa importante: in termini di numero e di possibilità di stampa. La mia azienda in particolare non ha una specializzazione vera e propria ma è volta a risolvere i problemi di etichettatura in tutti gli ambiti; per questo abbiamo dato importanza alla prototipazione con plotter piani, fustellatori laser e stampa 3D. Quanto fatturate nel labeling e quanto in altre eventuali linee di prodotto? Facciamo per il 60% etichette e per il 40% rotoli per ATM e casse. Che servizi aggiuntivi offrite ai clienti? Progettazione e prototipazione, consulenza e service prepress, vendita e noleggio di sistemi per l’applicazione e la stampa di etichette. In che direzione state orientando lo sviluppo dell’azienda? Ci stiamo orientando verso un servizio completo al cliente, puntando a una partnership win-win che abbracci il progetto dalle prime fasi di studio e valutazione fino alla sua realizzazione e applicazione sul prodotto. Avete in programma degli investimenti? Sì, puntiamo alle aziende nuove, con nuove competenze e mercati… Come ha visto, il nostro parco macchine non ha bisogno di grandi integrazioni; ora servono know how e ‘visioni’.

42

Contate di usufruire dell’ “iper ammortamento”? Per alcuni progetti di automazione con robot collaborativi.

Esempio di sleeve creativa mostrata in occasione dell’evento Brand Revolution a Milano.

Mida produce etichette autoadesive, su diversi supporti e con differenti tecnologie, e sleeve che costituiscono il 30% del giro d’affari e, in questo periodo, per la società varesina rappresentano il settore più vivace. Adottate per metà nel food&beverage e per il resto nel pharma (ricordiamo che per più di vent’anni Mida è stato ‘lo’ stampatore italiano del bollino ottico, ndr), le etichette di questo converter sono la prova che a fare la differenza è anzitutto la capacità di proposta del fornitore. Non solo su piano grafico ma anche e soprattutto su quello funzionale, “ad esempio per etichettare le fiale dei farmaci soggetti a trattamenti e somministrazioni particolari” accenna Boldoni “o per mettere in campo sistemi efficaci di serializzazione in un’ottica anticontraffazione. E proprio in questo campo, di cui tutti parlano ma pochi hanno competenza, abbiamo sviluppato diverse innovazioni e un paio di progetti molto interessanti di tracciabilità”. Grafica, forma e QRcode: la personalizzazione spinta del digitale Per la rete d’impresa 4.0, costituita da Mida insieme ad Aro, Notarianni, Eurolabel e Pilot, lo scorso Brand Revolution è stato occasione per mostrare le potenzialità della stampa di etichette associata alle tecnologie digitali. Tre le applicazioni principali dei prodotti in mostra: la personalizzazione spinta, che dà luogo a serie di packaging unici; la gestione dei dati e delle grafiche variabili; la variabilità estrema della stessa forma. “Per questa occasione, ad esempio, abbiamo realizzato una bottiglia impreziosita da un’etichetta dorata che riproduce gli skyline delle grandi città del mondo. E vi abbiamo inserito un QRcode nascosto, che diventa visibile solo se rilevato da un’applicazione scaricabile su qualsiasi cellulare, e permette l’accesso a un sito di viaggi”. Si prospetta una rinascita del QRcode? Boldoni ci scommette: “Fino ad oggi” considera l’imprenditore “questo codice non ha avuto un gran successo, anche perché non ha


speciale etichette

Alcuni esempi di applicazioni realizzate da Mida.

Elevati livelli di nobilitazione per il vino Alfredo Pollici titolare di Notarianni

un bell’aspetto e non è semplice inserirlo sulla confezione. Ora l’abbiamo reso invisibile, risolvendo così il problema, e una volta che i consumatori impareranno a conoscerlo diventerà un ausilio preziosissimo in molti ambiti. Pensiamo, ad esempio, ancora al settore farmaceutico, che sui ‘bugiardini’ deve stampare una quantità incredibile di informazioni, in continuo aggiornamento: poterlo pubblicare sul web invece che su carta e renderne immediato l’accesso a tutti rappresenta un tale vantaggio, tanto sul piano economico quanto gestionale, che la sua adozione è inevitabile. Si tratta solo di tempo”. La cosmetica e i canali professionali A fare da apripista al QRcode invisibile, ragiona Boldoni, potrebbe essere il canale professionale. “Di primo acchito, il principale ostacolo all’uso di un codice invisibile è la necessità di farne conoscere l’esistenza a chi dovrà usarlo. Ma se in un supermercato questo potrebbe richiedere la messa in campo di un pesante apparato di annunci e materiali POP, in altre situazioni no. Pensiamo ad esempio alla distribuzione di cosmetici nei canali professionali, dove il 90% della comunicazione è dedicata a spiegare come si usano i prodotti, e all’enorme beneficio che deriva dall’uso del QRcode. Invece che studiare manuali e frequentare corsi di aggiornamento, l’estetista e il parrucchiere accedono in tempo reale ai video tutorial, alle schede postate su Internet e stampabili se e quando serve, a una documentazione sempre rinnovata e aggiornata... E una volta che in un ambito l’uso del QRcode diventerà ovvio e naturale, la sua diffusione avverrà naturalmente, per passaparola, e sarà virale”.

Cosa vi chiede il mercato dell’etichettatura oggi e come si va orientando? Quali i settori di sbocco più vivaci? E le aree geografiche? La nostra azienda è specializzata nella produzione per il mercato vinicolo, abbiamo quindi meno visibilità diretta su altri mercati. Il mercato vinicolo, che continua a vivere trend positivi, ci chiede di contribuire a massimizzare la percezione di valore che il consumatore finale ha del prodotto. Ogni elemento che possa rendere le etichette attrattive e preziose è apprezzato, così come tutto ciò che stimola sensorialmente il consumatore; tuttavia bisogna saper raggiungere livelli elevati di nobilitazione anche nelle piccole produzioni e senza perdere in termini di qualità e velocità, elementi che il mercato considera quasi scontati… Con che parco macchine operate - e in quali nuovi impianti intendete investire? Pensate che oggi sia necessario operare con più tecnologie di stampa o che sia meglio focalizzarsi su una sola? In Notarianni impieghiamo macchine a bobina offset, digitali e serigrafiche con luci comprese tra i 330 e i 430 mm. Abbiamo appena investito in una ibrida offset con gruppi flexo e seri che per il momento è unica al mondo. Con buona probabilità il prossimo investimento sarà nel digitale, tecnologia che utilizziamo ormai da 20 anni poiché siamo partiti nel ‘97 con una Indigo Omnius. Più in generale, le tecnologie di cui un’azienda deve dotarsi dipendono dal mercato di sbocco, ma nella maggior parte dei casi oggi le esigenze dei clienti sono talmente complesse che è difficile soddisfarle in un solo modo. Qual è, in percentuale, il vostro fatturato nel labeling e nelle eventuali altre linee di prodotto? Che servizi aggiuntivi offrite ai vostro clienti oltre alla stampa? In che direzione state orientando lo sviluppo dell’azienda? Riguardo ai nuovi investimenti, contate sull’ “iperammortamento”? Il nostro business è costituito quasi al 100% da etichette. Abbiamo sviluppato negli anni una conoscenza profonda della filiera produttiva del cliente e stabilito relazioni con gli altri operatori, a partire dai produttori di linee di imbottigliamento, macchine etichettatrici e bottiglie. Forniamo quindi una consulenza completa per supportare il cliente dalla fase della progettazione creativa all’applicazione. Le strategie di crescita dell’azienda poggiano su quattro pilastri fondamentali: • lo sviluppo del business tramite il potenziamento dell’attiOgni elemento che possa impreziosire le etichette è apprezzato, come tutto ciò che stimola sensorialmente il consumatore.

43


ilPoliGrafico 178•17

speciale etichette indagine/stampatori

Crescere per linee esterne, varianti all’italiana vità commerciale e di marketing; • la ricerca e lo sviluppo tecnologico per l’innovazione di prodotto e di processo; • il recupero di efficienza produttiva e il miglioramento dell’organizzazione; • lo sviluppo del business tramite partnership e anche per linee esterne. Avendo ultimato un investimento di importanza fondamentale nel 2016, usufruiremo del super ma non dell’iper ammortamento, anche se la macchina in oggetto, per caratteristiche tecnologiche e di interconnessione, si colloca appieno nei parametri dell’industria 4.0. Il prossimo investimento significativo sarà probabilmente, come già detto, in un sistema digitale. Nel frattempo continuiamo a investire nello sviluppo delle infrastrutture – soprattutto informatiche –, in iniziative di marketing e sulle competenze professionali dei nostri collaboratori.

44

Pilot Italia: 99,9% labeling con il cuore tecnologico “Oggi il mercato richiede una conoscenza sempre più approfondita delle nuove tecnologie di stampa, ma anche di tutto ciò che può essere trasformato e fornito come servizio per agevolare lo sviluppo di nuovi prodotti e la gestione dei processi interni. Sono soprattutto i settori cosmetico e farmaceutico, del food e il settore industriale a orientarsi verso nuovi scenari di packaging e, in particolare, verso soluzioni integrate con nuove tecnologie. E i Paesi trainanti sono Francia, Germania, Svizzera e Italia del Centro-Nord”. Chi parla è Andrea Vimercati, Chief Operating Officer, che delinea il conseguente orientamento dell’azienda e gli investimenti derivati: “L’impiantistica di Pilot Italia ha il cuore nelle 12 macchine da stampa con luci da 166 mm a 525 mm e velocità fra 25 e 90 m/min, dove la nostra forza sta nel combinare tutte le tecnologie di stampa direttamente su un’unica linea: offset, flexo, tipografia, serigrafia, cold e hot foil, embossing... Ci siamo orientati verso un mercato a elevato tasso tecnologico e abbiamo quindi investito in nuove macchine da stampa, usufruendo dell’iperammortamento. E, negli ultimi anni, abbiamo impiegato molte risorse anche per dotarci di nuove piattaforme e sistemi informatici, sia per facilitare la comunicazione con i clienti sia per migliorare i processi interni che aumentano l’efficienza delle risposte”.

Paolo Boldoni, ad dell’etichettificio Mida, è l’ispiratore di un interessante progetto imprenditoriale ‘in due fasi’, basato sulla collaborazione fra aziende dello stesso settore: quel genere di cosa facile a dirsi ma non a farsi, soprattutto nell’Italia delle PMI e dei campanili (e dove gli etichettifici attivi sono circa 500). • Nel 2012 è nata 4.6: una rete d’impresa fondata da Aro, Notarianni, Pilot e Mida, a cui si è aggiunta in seguito Eurolabel (vedi intervista a pag. 26). Si è ampliato così il campo delle competenze e il raggio d’azione delle singole aziende che possono oggi proporsi sul mercato con una capacità di servizio altrimenti impossibile (“compresa la garanzia di back-up in caso di blocchi della produzione”, sottolinea Boldoni). Fra le attività in comune figura, come da manuale, quella promozionale, che di recente ha visto in campo la mostra Brand Revolution, dove i 5 etichettifici hanno presentato al pubblico di brand owner e creativi un ventaglio di etichette con effetti visuali e funzionalità fino a ieri impensabili. • Due anni dopo, questa esperienza positiva ha suggerito ad alcune delle realtà del network un passaggio ulteriore, di tipo proprietario. Boldoni ha ceduto le quote di maggioranza di Mida Etichette a una holding appositamente costituita – la QPH di Alberto Quaglia (Aro Etichette) e Alfredo Pollici (Notarianni) – dando vita a un gruppo di società specializzate per tecnologia e mercato ma, al tempo stesso, complementari e sinergiche. Così strutturata, QPH è in grado di dialogare autorevolmente con i brand owner dei vari settori di sbocco, con una struttura più forte e proattiva, capace di proporre soluzioni all’avanguardia che aprono nuove prospettive di business.


© Kodak, 2017. Kodak e NexPress sono marchi registrati di Kodak.

STAMPATORI, PREPARATEVI A STUPIRE.

NUOVO KIT DI ESPANSIONE PER L’UTILIZZO DI CARTA E SUPPORTI SINTETICI PIÙ SPESSI

L’avrete notato ... c’è stupore negli occhi dei clienti quando si

10 INCHIOSTRI SPECIALI A SINGOLA PASSATA, INCLUSO IL NUOVO INCHIOSTRO A SECCO BIANCO OPACO

rendono conto di cosa si può ottenere con il sistema digitale NEXPRESS anche per le tirature più basse. Un Front-End ad alte prestazioni assicura velocità alla stampa su richiesta dei dati variabili, garantendo al contempo immagini di qualità fotogra-

NUOVO SOFTWARE DI SISTEMA V16 PER MIGLIORARE QUALITÀ DELLE IMMAGINI E PRODUTTIVITÀ STAMPA A 6 E A 8 PAGINE SU FOGLI DA 1 METRO

fica. Inchiostri speciali e finiture sorprendenti per soluzioni di stampa in oro, bianco opaco, con effetto lucido, dimensionale ed opaco in grado di fare la differenza per voi ed i vostri clienti. KODAK.COM/GO/NEXPRESS

PRESS ON con

MACCHINA DA STAMPA DIGITALE A COLORI

KODAK NEXPRESS ZX


speciale etichette

Velocità, economicità e sicurezza... il mercato vuole tutto Federico D’Annunzio strategic product marketing director, Bobst Firenze srl progetta e costruisce macchine a banda stretta e media. Nel 2016 ha fatturato 42 milioni di euro, di cui un 10% in Italia. Velocità, economicità, flessibilità, sicurezza… il mercato vuole tutto e ancora di più, per qualsiasi tipo di etichetta. A partire dalle finiture che massimizzano lo shelf appeal con soluzioni sempre più sofisticate: multilayer e multipagina; effetti serigrafici, cast and cure, tattili; stampe serializzate, multi-versione… Importante è anche la flessibilità di un impianto, in modo che possa lavorare il maggior numero possibile di substrati, effettuando processi di nobilitazione, fustellatura eccetera, ma anche di gestire la produzione sia di etichette sia di imballaggi. Naturalmente con un TCO più basso e redditività su un vario mix di lunghezze di ordini, comprese le tirature ultracorte.

Da citare, fra le richieste specifiche, la consistenza e ripetibilità del colore e la possibilità di impiegare personale con minori abilità tecniche rispetto al passato. Che si tratti di innovazione ‘assoluta’ o di sviluppi incrementali, a prescindere dalla tipologia di processo utilizzata gli sviluppi della stampa si collocano all’interno di un universo digitale. L’efficienza derivata dalla totale automazione del flusso di lavoro, il monitoraggio costante e la correzione automatica dello scostamento dei parametri, la perfetta corrispondenza tra file di stampa e prodotto finale è inestimabile sia per gli stampatori sia per i loro clienti, ed è quantificabile in termini economici, di sicurezza e di sostenibilità. Questo richiede una visione che oltrepassi i confini della singola macchina/componente/funzione per aprirsi a dei progetti collaborativi che amplino il valore e l’impatto dei risultati.

Aumenta la domanda di etichette sofisticate Andrea Citernesi Gallus e Heidelberg Folding Carton Gallus è specializzata in macchine per l’etichettatura. Lo scorso anno, tramite il rappresentante Heidelberg Italia, ha venduto nel nostro Paese sistemi per 13,5 milioni di euro. Il mercato richiede macchine sempre più efficienti, flessibili e affidabili: elemento, quest’ultimo, oggi davvero rilevante, soprattutto nel post-vendita che rappresenta un aspetto dell’offerta di importanza crescente. Inoltre, aumenta la domanda di etichette sofisticate e ‘distintive’, che ben si si sposano con la filosofia Gallus di fornire linee complete, in grado di effettuare tutte le nobilitazioni richieste dal brand owner, mettendo in gioco di volta in volta tutte le tecnologie di stampa – flexo, offset o digitale che sia. Oggi il reparto R&D di Gallus è impegnato su più fronti, fra cui supportare il successo della nuova Gallus Labelmaster 440 (presentata in anteprima agli Innovations Days del settembre 2016) con lo sviluppo di tutti gli accessori e dispositivi complementari, a partire dall’hot foil e dalle unità serigrafiche con lo sviluppo di nuove tele per la stampa di sicurezza. Si lavora, inoltre, a supportare lo sviluppo sul mercato della Gallus Labelfire: la macchina da stampa digitale ad alta produttività, che stampa a 1200x1200 dpi in un unico passaggio, perfettamente in linea con i parametri della Industry 4.0. Infine, l’azienda ha aperto un nuovo fronte su cui, per il momento, mantiene riserbo. Possiamo solo accennare al fatto che Gallus sta lavorando a una macchina che, coerentemente con la filosofia della Casa, mixerà le tecnologie offset, flexo e digitale.

47


ilPoliGrafico 178•17

speciale etichette indagine/fornitori

Qualità su tirature grandi e piccole Roberto Sofia

sales manager Industrial Presses di HP Italy HP Italia è la filiale nazionale del grande costruttore di sistemi per la stampa digitale, che nel 2001 ha acquisito la Indigo di Benny Landa. Il mercato chiede innanzitutto qualità dei prodotti stampati ma al contempo si orienta sempre di più verso la stampa in piccola tiratura, o comunque in lotti sempre più piccoli, richiedendo al contempo rapidità di esecuzione: per le tirature medie, in alcuni casi, per le più grandi. Questo è, a nostro avviso, il principale beneficio delle macchine da stampa digitali e ad alta produttività, oltre alla maggiore versatilità in termini di varietà dei supporti trattati e alla consistenza cromatica. Infatti, versatilità significa stampare su supporti diversi con la stessa fedeltà colorimetrica e assicurare una definizione di stampa elevata anche nelle piccole tirature. In questo contesto, l’etichetta si inserisce nel più ampio processo di confezionamento, che coinvolge supporti e contenitori diversi, molto spesso realizzati con altre tecnologie.

48

E dove la cromia della scatola esterna non può essere diversa da quella dell’etichetta applicata sul contenitore primario. HP ha l’innovazione nel Dna e ha capito in grande anticipo il valore della stampa digitale con inchiostri e colori speciali, del finishing digitale in linea e di altro ancora. Così, uno degli elementi fondamentali della nostra proposta è l’integrazione end-to-end con sistemi MIS ed ERP, permettendo la conversione digitale dell’intero flusso produttivo – dalla raccolta dell’ordine all’esecuzione e alla spedizione – come richiede Industria 4.0. Guardando più in dettaglio, vediamo lo sviluppo dei sistemi spettrofotometrici per il controllo della qualità, e quindi della resa di stampa, nonché di tracciabilità – e il converter sa bene quanto utili siano anche al marketing dei beni di consumo. Cresce dunque la richiesta di stampe con elementi variabili con funzioni anticontraffazione, logistiche (magari con inchiostri termocromici), di comunicazione one to one con grafiche che cambiano a seconda delle stagioni, delle ricorrenze o dei mercati di sbocco.

6 modelli diversi per soddisfare le esigenze produttive Marco Avanzi

country manager Xeikon Italia In merito alle macchine da stampa digitali per etichette il mercato è molto esigente. E personalmente ritengo che l’approccio degli stampatori da questo punto di vista sia corretto: i clienti finali pretendono tanto e parte delle richieste vengono ribaltate ai fornitori. Da un punto di vista pratico, il binomio costo/qualità di stampa è un sempreverde. I sistemi digitali devono garantire la massima replicabilità dei prodotti attualmente realizzati con tecnologie convenzionali a costi estremamente competitivi. Se è vero che il mercato del packaging è in costante ascesa, è altrettanto vero che il livello di stress sui prezzi non accenna a rallentare. Xeikon può vantare 6 diversi tipi di modelli di macchine (fino a 30 m di velocità) per soddisfare le necessità produttive più diverse senza mai ridurre la qualità di stampa che è al vertice nel settore label. Inoltre, aspetto fondamentale per l’Italia, sia il processo di stampa che i colori Xeikon rispettano tutte le caratteristiche di impiego in ambito alimentare grazie alle aggiornate certificazioni disponibili (ISEGA, FDA, Nestlé). Attualmente la nostra R&D è concentrata sull’ulteriore estensione del numero di applicazioni stampabili e sulla realizzazione di una piattaforma ibrida digitale denominata Fusion. Oltre alle etichette adesive sui materiali più vari (plastici, biodegradabili, carta termica, anticontraffazione e altro), Xeikon propone applicazioni nel non-adesivo come etichette IML, etichette wrap-around, etichette acqua e colla. Sul sito Xeikon è possibile trovare centinaia di substrati autorizzati. In merito alla piattaforma Fusion, si tratta di combinare in linea diversi gruppi di stampa unicamente digitali per l’arricchimento, la nobilitazione e la finitura delle etichette (es. vernice spot, foil metallizzato, rilievo, bianco digitale serigrafico). Per questo può essere classificata come stampa ibrida digitale in quanto pilotata da un’unica interfaccia software. Sarà possibile produrre etichette ad alto valore aggiunto ed estetico in tempi brevi e a basso costo in piccoli lotti anche nella stessa coda di stampa. Non c’è dubbio poi che la nuova frontiera dell’abbattimento dei costi di produzione sia rappresentata dagli aspetti gestionali: l’integrazione del flusso di lavoro a livello software (ordine/produzione/evasione) consentirà alle aziende di converting di superare alcuni limiti attuali, anche in ottica Industry 4.0.


Etichette SRA3 in carta vergata per stampanti digitali Etichette in carta vergata color crema di alta qualità, donano ai prodotti sui quali vengono applicate un aspetto artigianale. Resistono alle basse temperature da -20°C a 80°C, e per questo sono perfette per etichettare bottiglie di vino che devono essere immerse nei cestelli con il ghiaccio o tenute in frigo. Resistenti all’acqua, all’umidità, alle muffe, sono anti spappolo e non si deformano. Inoltre queste etichette possono essere applicate direttamente su alimenti secchi, umidi, congelati. Buona adesività anche su superfici difficili come cartone o sacchetti di plastica. Disponibili a foglio pieno (320x450mm) e in diverse fustellature. Certificate HP Indigo. Per maggiori informazioni visita il sito dedicato di Avery www.avery.it/digitale Assistenza dedicata da parte del Consumer Centre Avery.

Avery ti offre soluzioni innovative, modelli già pronti e assistenza - Vai su avery.it


LA CITTÀ

VISIBILE

/ THE VISUAL CITY

12/14 O T TO B R E O C TO B E R

2017 PAD / HAL L

8/12

29a Mostra Convegno Internazionale di Comunicazione Visiva

29th International Trade Fair and Conference on Visual Communication

www.viscomitalia.it


speciale etichette

Se gli occhi sono lo specchio dell’anima, dicono i vecchi vignaioli, l’etichetta è la finestra del vino. Una finestra che deve conquistare il consumatore attraverso il design innovativo, la stampa e la nobilitazione.

La filiera dell’etichetta: la nobilitazione, tra creatività e industria

Il vino italiano è tra i più apprezzati al mondo e le tendenze del mercato lo confermano anno dopo anno. E anche il settore della grafica, stampa, design e comunicazione non ha nulla da invidiare ai concorrenti stranieri sul piano tecnologico né come creatività. Quindi siamo a cavallo? Possiamo andare a conquistare i mercati? Certo che potremmo. A patto di curare sempre meglio l’immagine e il messaggio del nostro vino, ricominciando dai fondamentali. Se gli occhi sono lo specchio dell’anima, dicono i vecchi vignaioli, l’etichetta è la finestra del vino. Il potenziale cliente deve poter ‘guardare’ attraverso il vetro e giungere al cuore della bottiglia, lasciandosi conquistare dal tratto grafico, dai colori, dalle parole, dalla cura dei particolari. Deve assaporare il vino prima di stapparlo e versarlo nel bicchiere: altro che provare l’auto dal concessionario. Ecco perché bisogna valorizzare quella particolarissima filiera che parte dal produttore (la casa vinicola) e attraverso il lavoro del designer arriva fino al processo di stampa e nobilitazione dell’etichetta.

Etichetta per Amarone realizzata da Grafical per conto di Tommasi Viticoltori su carta naturale con vernice Braille lucida a rilievo e bollino olografico con microincisione.

Una filiera virtuosa

di Stefano Tenedini

A Marano, nei pressi di Verona ma soprattutto nel cuore della Valpolicella, là dove nascono alcuni dei vini italiani più celebrati e diffusi, c’è un’azienda che si colloca a pieno titolo in questa filiera virtuosa. È la Grafical, fondata nel 1984 dai fratelli Lonardi e oggi tra i leader del settore litotipografico. I numeri parlano chiaro: 12 milioni di fatturato, 85 dipendenti, oltre 20 mila metri quadrati di area produttiva, tre milioni di etichette stampate al giorno e soprattutto 1.200 clienti, con i quali ha un rapporto di partnership, anche grazie alle ‘magie’ che

51


ilPoliGrafico 178•17

speciale etichette analisi di settore

Etichetta Amarone Riserva realizzata da Grafical in quadricromia per conto di Canovino, su carta naturale martellata, con vernice Braille lucida a rilievo e numerazione progressiva.

“Di solito le lavorazioni preferite nel settore vinicolo sono la stampa della lamina a caldo e quella con la vernice spessorata lucida, tipo Braille”

è in grado di fare per le etichette di piccole e grandi cantine, come racconta Anna Lonardi, responsabile marketing. “Oggi è raro che un’etichetta da vino venga stampata soltanto in quadricromia: nell’80% dei casi è un prodotto che viene nobilitato, e noi possiamo utilizzare svariate tecniche, dalla tradizionale stampa della lamina a caldo con cliché fino alle vernici glitterate e profumate. Di solito le lavorazioni preferite nel settore vinicolo sono la stampa della lamina a caldo e quella con la vernice spessorata lucida, tipo Braille”, spiega illustrando vecchie e nuove tendenze. Molto apprezzata è anche la tecnica di stampa serigrafica di fondi con effetto vellutato, che sfrutta una sovrastampa di decori lucidi per creare un effetto di contrasti, molto d’impatto. Altra lavorazione che ha preso piede negli ultimi anni è il cosiddetto oro colato, una lamina a caldo spessorata in grado di dare un effetto tridimensionale a loghi e scritte. Grafical ha acquistato anche una fustellatrice laser che consente di tagliare anche sagome particolarmente complicate e praticare sull’etichetta fori e incisioni particolari. Tecnologie all’avanguardia e fornitori d’eccellenza sono elementi centrali per il successo di un’azienda, e Grafical non fa eccezione. Dispone di un notevole parco macchine sia a bobina (solo per citare alcuni nomi: Gallus, Nilpeter, HP Indigo, ABG Digicon, Galaxie, Cartes Gemini) che a foglio (Komori, Heidelberg), e acquista carte in bobina da Avery Dennison, UPM, Arconvert e Ritrama, le carte a foglio da Fedrigoni, Polyedra (Favini, Lecta, Arjowiggings) e le lamine foglio e bobina da Luxoro, Api Foils, Manetti Battiloro e Oropress.

La tecnologia in tandem con la creatività

52

La tecnologia però non è fine a se stessa: fa da supporto a una creatività che sembra non avere più confini… se non l’urgenza. “La rapidità di esecuzione è anche più importante del prezzo, ed è la conseguenza di un mercato del vino che è sempre più

veloce”, commenta Anna Lonardi. “In dieci giorni si passa dall’ordine alla consegna e i quantitativi per grandi volumi si sono rarefatti: andiamo da una lavorazione all’altra, spesso con esigenze particolari”. Tutti oggi vogliono il meglio, anche chi produce per la Gdo non può fare a meno della lamina, della vernice spessorata o di una fustella particolare. Per tacere dell’alta gamma, dove il catalogo è vastissimo: lamine in oro, di rame, d’argento, inchiostri speciali, supporti tattili dal velluto alle polveri e perfino al legno e al sughero. Per le edizioni particolari, limitate, i costi salgono ma c’è chi non bada a spese. “Non c’è limite alla creatività, ma bisogna valutare la fattibilità tecnica e misurarsi con le esigenze effettive di quel prodotto. È il cliente che decide, ma non sempre è consapevole di tutte le variabili” dice Anna Lonardi. “Meglio se si affida allo stampatore, d’accordo con l’agenzia”.

Il punto di vista del cliente

Etichetta Rosè Vintage realizzata da Grafical per conto di Monte Saline, con stampa pantoni su carta naturale liscia, con vernice Braille lucida a rilievo.

Entriamo allora nella visione del cliente. Nella filiera dell’etichetta e delle nobilitazioni di stampa il produttore, cioè la cantina, è sia il committente che la preziosa interfaccia del creativo e dello stampatore. Tiene l’equilibrio tra il designer, che cattura e ricrea l’essenza del vino in quel quadratino di carta, e l’azienda, che ne deve far risaltare l’immagine con il processo di stampa. Da un lato, dunque, estetica e comunicazione, dall’altro tecnica e produzione: e sarà il mercato a dire se questo lavoro di squadra ha avuto successo.


speciale etichette

Ce lo spiega Marina Valenti della Cantina Valpolicella Negrar, che con Grafical ha un rapporto consolidato nella produzione delle etichette, basato non solo sulle competenze tecniche ma anche sulla condivisione di obiettivi sfidanti e su progetti di valore artistico e culturale. La Cantina è una cooperativa nata 80 anni fa, che oggi ha 230 soci: considerata un’autentica eccellenza italiana, fattura 35 milioni e produce ogni anno sette milioni di bottiglie anche di alta gamma, vendute per oltre il 65% in Europa, nelle Americhe e in Asia.

Un connubio tra arte, cultura e vino Un recente esempio del connubio tra arte, cultura e vino è Wine Mythology Label, il concorso internazionale dedicato a Ulisse per realizzare un’etichetta in edizione limitata dell’Amarone Vigneti di Jago 2012, uno dei vini top della Cantina. L’opera vincitrice (fra 500 progetti da 34 Paesi), creata dallo Slum Design Studio di Firenze, è un’etichetta che si fonde in toni digradanti con il colore scuro della bottiglia, fino a far apparire il brand Domini Veneti. Per Anna Lonardi è stata l’occasione di mettere a frutto la passione per il design e la comunicazione del vino; e Grafical, come partner tecnico, ha realizzato la complessa etichetta con numerose lavorazioni a stampa e nobilitazioni. In precedenza, ancora parlando di arte, vino e cultura, c’era stata l’etichetta dedicata a un altro Amarone in occasione della mostra organizzata a Milano dalla Triennale sulla cucina futurista di Marinetti. Sempre con Grafical come partner tecnico, tra 22 illustratori provenienti da tutto il mondo era stata scelta l’opera Garofani allo spiedo, realizzata dell’artista Cristina Amodeo. “Non è però sempre così: la collaborazione con grafici e designer di solito è riservata ai prodotti più pregiati, in pochi esemplari. Per le linee di prodotto

“La collaborazione con grafici e designer di solito è riservata ai prodotti più pregiati”

più tradizionali ci avvaliamo di etichette e progetti meno impegnativi. A dover essere sempre elevata è invece la qualità tecnica nella stampa”. L’importante è che il produttore spieghi bene che pubblico vuole intercettare, con quale prodotto, coinvolgendo il territorio, offrendo un’esperienza complessa, fatta di emozioni e identità. Insomma, l’etichetta è sempre più una comunicazione in bilico fra il design, che è arte, e il progetto industriale di stampa, che è concretezza. “I produttori hanno l’ultima parola, certo: ma ci si scambiano competenze e si sfidano le proprie abitudini. Solo così cliente e fornitori diventano una squadra”. Lo abbiamo verificato con una designer che con i vignaioli e gli stampatori ha un rapporto quasi passionale: in oltre 25 anni, Manuela Fischetto, udinese, ha dato un’impronta netta alla comunicazione e all’immagine di piccole e grandi aziende vinicole anche all’estero attraverso una costante immersione nella realtà dei clienti e dei partner tecnici. “Il mio obiettivo è migliorare la visibilità dei vini rimanendo fedele alla loro natura”, spiega. “Un design e una stampa coerenti con il prodotto e il territorio creano una comunicazione che esalta le qualità del vino e valorizza tutto il brand”. Al produttore spetta indicare la strada, che a volte può essere sorprendente: oggi se la Sicilia punta molto su etichette moderne, in Toscana prevale ancora la tradizione. Poi allo stampatore tocca il compito di tradurre su carte La sobrietà di sempre più preziose il look Bastianich si traduce immaginato. Il dibattito sui in un’etichetta bianca trend coinvolge tutti, anche i e il suo nome da grandi nomi. “Mentre la ce- solo al centro, con lebre carta geografica delle un filo d’argento. etichette di Felluga è stata sottoposta a un restyling quasi invisibile, assistiamo alla rivoluzione di Bastianich, esempio di minimalismo con etichette bianche e il suo nome da solo al centro, con un filo d’argento”. Una sfida anche tecnica che impone agli stampatori di adottare macchinari, carte, inchiostri e fustellatrici di ultima generazione, a volte per raggiungere risultati che il cliente quasi non coglie, da tanto sono impercettibili. È il gusto a guidare le scelte dei pro-

53


ilPoliGrafico 178•17

speciale etichette analisi di settore

Il 2017 sta confermando che il vino italiano è in crescita sia per consumi che nell’export, e anche le prospettive future restano favorevoli. Produttori e indotto, quindi, si preparano mettendo in campo idee, creatività e iniziative nel design, nelle tecnologie di stampa e nella nobilitazione.

Etichetta Litos realizzata da Rotas per conto di Valentina Passalacqua: a tre strati, con tre fustelle e tre carte naturali con altrettanti toni di bianco naturale, come strati di pietra.

54

duttori, dei designer e anche dei clienti: esportare in Cina richiede etichette con colori molto saturi, secondo lo stile locale. Agli stampatori Manuela Fischetto riconosce dedizione e una qualità quasi artigianale, perché chiede loro, nel preparare le etichette, di poterle testare in condizioni standard sulle macchine di imbottigliamento, e poi le maltratta, le sottopone al sole e alla pioggia, al freddo, alla condensa, pur di controllare che restino attaccate e non si deteriorino anche quando la nobilitazione materica richiede spessori importanti. Dal Friuli all’Abruzzo la visione non cambia, si rafforza. Consapevole del ruolo del creativo nella filiera dell’etichetta è anche Mario Di Paolo, designer tra i più premiati in Italia e all’estero, che invoca la necessità “di rispettare la storia del produttore e di territori straordinari, ricchi di dettagli da mettere in risalto. Per anticipare i trend ci mettiamo l’esperienza tecnica e l’originalità, ma l’equilibrio è fondamentale. Spesso si usano etichette e nobilitazioni di forte impatto: andiamoci piano con i marchi troppo decisi e i colori forti”. “Con Litos, vino dell’azienda pugliese Valentina Passalacqua, il marketing ha valorizzato sia la viticoltura biodinamica che le competenze tecniche dello

Etichetta Nero di Sei realizzata da Rotas per conto di Palmento Costanzo con un inchiostro che include pigmenti materici estratti dalla lava dell’Etna.

stampatore. Litos è un vino dolce naturale generato da uve di Aleatico, con vigneti radicati sulla pietra tra le cave di marmo. L’ideale per sperimentare nuove tecnologie: un’etichetta a tre strati, con tre fustelle e tre carte naturali con altrettanti toni di bianco naturale, come strati di pietra”. Un progetto, ammette Di Paolo, che non sarebbe sbocciato senza il supporto di un partner curioso e sempre pronto a spingersi oltre: la trevigiana Rotas, che produce etichette autoadesive e che per Litos ha apportato modifiche strutturali alle macchine da stampa. Il risultato è un’etichetta originale a tre strati, fornita al cliente in una bobina unica, pronta per andare in produzione: il primo caso di automazione applicata a un’etichetta di tale complessità. E poi bisogna sperimentare e rischiare. Per la cantina Palmento Costanzo, alle pendici dell’Etna, il tentativo – riuscito – è stato racchiudere il territorio e il sapore del vino in un’etichetta il cui inchiostro ha incluso pigmenti materici estratti dalla lava del vulcano. Il brand così attiva la vista, il tatto e l’olfatto, il consumatore tocca l’etichetta ruvida e densa, vede le luminescenze minerali, quasi ‘respira’ il vulcano: un’esperienza sensoriale completa che rimanda ad antichi vigneti sotto il sole della Sicilia. Può esserci un’etichetta più naturale? In questo quadro, il 2017 sta confermando che il vino italiano è in crescita sia per consumi che nell’export, e anche le prospettive future restano favorevoli. Produttori e indotto, quindi, si preparano mettendo in campo idee, creatività e iniziative nel design, nelle tecnologie di stampa e nella nobilitazione. Target immediato i mercati tradizionali dell’Europa e degli Stati Uniti, ma si guarda a Oriente (soprattutto Cina) e Russia. ‘Bere italiano’ sarà quindi il nuovo trend.


L’EVOLUZIONE DELLA STAMPA. L’EVOLUZIONE DELLA TUA AZIENDA. Tutte le soluzioni innovative per il valore aggiunto dei prodotti grafici.

Tecnologie per la stampa, verniciatura, serigrafia, taglio e fustellatura digitale. Via Galvani, 25 - Settimo Milanese (MI) - Tel. 02 33576452 sales@mgraf.it - www.mgraf.it

rappresentante di

BN Technology


ilPoliGrafico 178•17

speciale etichette tecnologie

Panini e Coca-Cola, accostamento vincente Coca-Cola continua la partita della etichettatura promozionale su vasta scala e segna un altro goal. La history delle figurine di EURO2016, caso vincente per partnership, design e tecnologia. di Andy Thomas*

Un’inedita collaborazione fra la multinazionale dei soft drink e l’editore modenese di figurine di calciatori ha permesso ai tifosi di mezza Europa di staccare dall’etichetta della Coca-Cola le foto dei giocatori e delle squadre del cuore, per incollarle sull’album da collezione. Le facce dei protagonisti dei Campionati Europei 2016 sono apparse su 265 milioni di bottiglie di Coca: circa 172 milioni in Romania e Bulgaria, e altre 93 milioni in Belgio e Francia. A tempi record: l’intero progetto, dall’ideazione alla consegna, è stato sviluppato in soli 8 mesi, contro i 18 della campagna ‘Share a Coke’ e i quasi tre anni della super premiata etichetta-fiocco natalizia. Gregory Bentley, capo della R&D global packaging per le tecnologie decorative in Coca-Cola, racconta: “In questo progetto la sfida più grande è stata quella della precisione. In teoria, una figurina è cosa semplice, ma bisogna trovare il modo di inserirla nell’etichetta senza graffiare l’inchiostro o far uscire la colla dai bordi, e di risolvere altre sfide sul piano tecnico e della catena di fornitura. E questo diventa essenziale soprattutto se, come qui, si opera su una linea di produzione ad alta velocità, dove le etichette vengono stampate al ritmo di 200 al minuto e applicate alle bottiglie a più di 3 metri al secondo. Chiaramente, l’ultima cosa che l’imbottigliatore desidera è un problema che possa causare un fermo macchina”. Nel caso in esame, inoltre, le stesse etichette sono state complesse da realizzare. Si tratta di booklet a due pieghe con un adesivo sagomato, che sfruttano la stessa tecnologia easy open sviluppata per le etichette-fiocco della precedente campagna. Il release liner, che in questo caso rimane attaccato al retro dell’etichetta, riporta i termini della licenza Panini.

I tanti tasselli della supply chain

56

Per prevenire possibili intoppi sugli applicatori ad alta velocità, tutte le lavorazioni più delicate, riguardanti l’assemblaggio e la stampa delle etichette adesive, sono state esternalizzate. “In questo modo” spiega Bentley “abbiamo potuto consegnare all’imbottigliatore il rotolo completo delle etichette-figurine, in modo che potesse inserirle nella sua linea produttiva senza modificare la normale operatività”. Il primo passaggio della catena è stato gestito dal converter danese Limo Source, che ha realizzato le figurine pretagliate su due macchine Grafotronic modificate ad hoc.

Circa 265 milioni le bustine di figurine prodotte, da allegare ad altrettante bottiglie di Coca-Cola.


speciale etichette

“Da una semplice idea, investendo in ricerca e tecnologia siamo arrivati alla prima stampa e applicazione di etichetta in soli sei mesi” L’album dove si potevano attaccare le figurine trovate nell’etichetta della Coca-Cola.

Tra le varie sfide affrontate sul piano tecnico vi era l’inserire la figurina nell’etichetta senza graffiare l’inchiostro, su una linea di produzione ad alta velocità.

Il secondo step ha visto in campo Constantia che, ricevuti i rotoli di sticker, li ha applicati sulle etichette prima del taglio; per effettuare questa operazione, il converter tedesco ha retrofittato cinque applicatori Herma, posizionati sul telaio laterale di una taglierina ribobinatrice. Ma non tutto era risolto. Un possibile problema grave nasceva dal fatto che le figurine a due ante raddoppiano virtualmente lo spessore dell’etichetta wraparound, richiedendo pressione aggiuntiva sul punto d’applicazione e provocando, con ogni probabilità, la fuoriuscita dell’adesivo. Con conseguenze disastrose: “Anche solo una traccia di colla avrebbe fermato le linee di riempimento, come in effetti è accaduto nelle fasi iniziali di sviluppo del progetto. E vi assicuro che su una linea che corre a 150 m/min non è bello”, afferma Bentley. Questo e altri ostacoli sono stati superati grazie alla stretta collaborazione tra gli imbottigliatori e il team di Bentley. “In termini di scala e time to market si è trattato di una delle innovazioni di packaging più grandi e ambiziose che abbiamo mai intrapreso in Europa occidentale”, sottolinea Patrick Condon, responsabile commercializzazione e supply chain in Coca-Cola Western Europe. “Abbiamo preso quella che, nel giugno 2015, era una semplice idea sulla carta e abbiamo sviluppato, validato e investito in tecnologia, per uscire con la prima stampa e applicazione di etichette in soli sei mesi. Questa innovazione è stata portata sui prodotti a maggior volume durante uno dei periodi dell’anno più critici, superando molte sfide lungo il percorso. Il successo di un’iniziativa così gigantesca è stato possibile solo grazie a un imponente sforzo collaborativo fra i diversi dipartimenti di Coca-Cola e con gli imbottigliatori partner, il che ha chiaramente dimostrato la forza di un team di progetto che opera con mentalità imprenditoriale e di un sistema connesso con facoltà decisionali”. E conclude Bentley: “Con questo abbiamo dimostrato che fino a quando siamo in grado di fare correre un rotolo di materiale attraverso una macchina etichettatrice, possiamo sviluppare prodotti complessi ma tenere quella complessità lontano dagli imbottigliatori. Ad esempio, avremmo semplicemente potuto applicare la figurina promozionale direttamente sulla bottiglia, ma questo avrebbe aggiunto ulteriore complessità alla linea di imbottigliamento”.

In sintesi La campagna Panini è stata un successo di mercato, soprattutto in Romania e in Bulgaria, dove ha generato un aumento delle vendite a due cifre. Ma ha generato anche altri tipi di vantaggio, come testimonia il fatto che la stretta collaborazione tra il team di Bentley e Panini abbia portato alla nomina di Coca-Cola come ‘Miglior Partner Panini 2016’. *Courtesy Labels&Labeling 1/2017


A

B

B

O

N

A

T

I

S

U

B

I

T

O

Il Poligrafico + WIDE

Il Poligrafico

Il Poligrafico + Print

99 e

84 e

89 e

7 numeri all’anno de Il Poligrafico

7 numeri all’anno de Il Poligrafico incluso lo Speciale Print Connection con le classifiche delle industrie della stampa e il database dei fornitori

7 numeri all’anno de Il Poligrafico

5 numeri all’anno di WIDE

5 numeri all’anno di Print

Accesso a contenuti esclusivi online

A B B O N A T I

O N L I N E

www.strategogroup.net


speciale etichette

European Label Forum. Nuovi orizzonti per il settore delle etichette

L’associazione internazionale delle etichette FINAT, ha convocato il suo congresso, l’European Label Forum, a Berlino in giugno. Thomas Hagmaier, che ha rivestito la carica di presidente FINAT negli ultimi due anni, nel corso dell’evento ha ceduto la presidenza a Chris Ellison di OPM Labels. Alla sua terza edizione, l’evento vuole rispondere alle esigenze in evoluzione del settore di etichette e imballaggi. “Desideriamo incoraggiare aziende e opinion leader ad affrontare argomenti importanti per il futuro sul lungo termine della nostra attività”, ha detto il direttore generale di FINAT, Jules Lejeune. Il principale argomento generale affrontato durante il forum è stato il cambiamento la quarta rivoluzione industriale - e la sua importanza per il settore delle etichette. Il relatore di punta, Michael Jackson, esperto e consulente in cambiamento e noto relatore internazionale, ha sintetizzato le principali

Chris Ellison.

Thomas Hagmaier.

Jules Lejeune.

59


ilPoliGrafico 178•17

speciale etichette eventi

sfide quali informatica, comunicazione, connettività, collaborazione e convergenza. Ha proposto un nuovo punto centrale per la destinazione futura di un’attività, sostenuto dall’idea di “unione efficace” che comprenda obiettivi, informazioni, reti e team, perché “le persone unite da uno scopo comune reale, raggiungibile e gestibile, generano risultati più efficaci”. “Ciò che può essere digitale, sarà digitale”, è stata l’affermazione categorica di Stephan Lechel, partner di Porsche Consulting. Ha esortato così i delegati e il settore di stampa e imballaggi: “Cambiate la vostra attività prima che lo facciano

“Se non modificate il vostro settore, ben presto non rimarrete al passo”.

“L’era dei ‘prodotti intelligenti’ è adesso”.

Michael Jackson

Andy Hobsbawm

altri”, perché la tecnologia digitale deve diventare una funzionalità chiave delle proprie attività sotto diverse forme: nell’offerta di stampa e con le interfacce clienti, con l’efficienza di produzione e dei sistemi, con l’automazione di processi ripetitivi. Il dibattito del forum si è ulteriormente avvicinato alle esigenze dei marchi e dei settori di imballaggi ed etichette con l’intervento di analisi sull’Internet delle cose di Andy Hobsbawm, cofondatore e Chief Marketing Officer della piattaforma per prodotti smart EVRYTHNG. La sua nascita ha significato, ha affermato, che “l’era dei prodotti intelligenti è adesso”, e

ha generato importanti cambiamenti in termini di interazione con i clienti e della relativa raccolta dati, oltre a efficienze della supply chain, di monitoraggio degli stock e di contraffazione ridotta e perdite derivanti dal mercato grigio. “Se le aziende produttrici di etichette non riescono a comprendere come rispondere alla chiamata e a trasformare le loro etichette in risorse intelligenti e digitali, verranno battute e superate da chi riesce a farlo”. La stampa digitale direttamente sul contenitore è una tecnologia emergente nel segmento dell’identificazione dei prodotti; questo l’argomento presentato da Corey Reardon,

presidente e CEO della società di consulenza per ricerche di mercato AWA. Dopo aver analizzato i vantaggi e gli svantaggi per i proprietari dei marchi, come evidenziato da un recente sondaggio, ha esplorato l’impatto della stampa digitale diretta sulle tecnologie esistenti di etichette, indicando che i volumi di etichette autoadesive potrebbero essere quelli più interessati. Jules Lejeune ha presentato i risultati dell’analisi semestrale del settore Radar condotta da FINAT, assieme alle statistiche del consumo europeo di etichette dell’associazione. Si è registrata una crescita di quasi il 25% nella

richiesta di etichette tra il 2010 e il 2016, guidata da un aumento di beni al consumo imballati, in particolare alimenti, branding di alta qualità e stampa di informazioni variabili per acquisti online, automazione dei processi e protezione dei consumatori. Lo stato attuale e le prospettive della stampa digitale nel settore europeo della banda stretta sono stati analizzati da Jennifer Dochstader e David Walsh della società di ricerche di mercato LPC. Delle 2.000 macchine da stampa digitali già installate in Europa, il 76% è a base di toner e il 24% è di tipo inkjet/ibrido. >> segue a pag. 98

SOLUZIONI DI STAMPA PER IL TUO PROCESSO – 16 NOVEMBRE 2017 PRODUTTIVO 14 MESSE MÜNCHEN, MONACO, GERMANIA

L’ESPOSIZIONE DELLA TECNOLOGIA DI STAMPA INDUSTRIALE

ORGANIZZATORI:

Digitale / Inkjet / Serigrafia / Stampa speciale • Sistemi e macchine da stampa • Componentistica e parti speciali • Tecnologie delle teste di stampa • Sistemi e prodotti chimici per la prestampa • Sistemi di asciugatura e polimerizzazione / Tecnologia UV • Inchiostri per serigrafia, stampa digitale e stampa speciale • Primer e vernici liquide • Software

WWW.INPRINTSHOW.COM/GERMANY

60 inPrint_205x125_it.indd 1

21/08/2017 11:06


COLOURS HAVE ��� POWER Ricoh ha la combinazione giusta

VUOI DIFFERENZIARTI CON PRODOTTI UNICI E SERVIZI ESCLUSIVI? Puoi contare sulla tecnologia e la forza dei colori Ricoh! Partecipa a uno degli eventi in programma per intraprendere il viaggio nel mondo della stampa digitale.

RICOH ITALIA

Per maggiori informazioni production_printing@ricoh.it


ilPoliGrafico 178•17

cartaonline

Absolut Vodka crea un circolo continuo di feedback tra il consumatore e il brand.

Cosa significa l’Internet of Things per il marketing?

Etichette e packaging capiscono il consumatore e offrono servizi a valore aggiunto La banda internet sta diventando sempre più disponibile, il costo di connessione sta diminuendo, sempre più device sono fabbricati con capacità di connessione wifi e sensori integrati, il costo della tecnologia continua a scendere e la penetrazione degli smartphone aumenta vertiginosamente. Ecco il terreno fertile per l’Internet of Things, cioè un mondo in cui tutti i dispositivi possono essere connessi a internet e/o tra di loro. L’impatto di questo sulle nostre vite è potenzialmente travolgente e nella maggior parte dei casi questo impatto è misurato in termini di efficientamento di processi operativi che renderanno il business più intelligente e automatizzato. Poi c’è un altro aspetto dell’Internet of Things, che riguarda da vicino il consumatore e la capacità di creare per lui nuove connessioni, nuovi touchpoint e nuovo e più significativo valore. In sostanza, cosa può significare l’IoT per i brand? Che cosa significa per i suoi consumatori? Che vantaggi può avere un brand quando si muove in un ambiente connesso? L’IoT può essere una piattaforma che permette di avere conversazioni più informate con i propri clienti? A queste domande risponde Cameron Worth, fondatore dell’agenzia SharpEnd: la comunicazione 64

di Valentina Carnevali

evolve abbracciando tecnologie che creano dispositivi con schermi sempre più piccoli e sarà sempre più difficile la comunicazione di marca con il tradizionale display del logo. Sempre più la comunicazione efficace sarà quella che introduce servizi che migliorano la vita (e l’esperienza) del consumatore. I dati che un mondo connesso genera ci permettono di comprendere meglio quali siano le esigenze dei nostri clienti.

Il caso Absolut Vodka Si prenda ad esempio il caso dello smart packaging di Absolut Vodka. L’azienda produce oltre cento milioni di bottiglie l’anno e questa è una opportunità di creare cento milioni di nuove connessioni con chi le compra. Ciò significa pensare al prodotto non come a qualcosa che si vende una volta e con quella è tutto, bensì a un circolo continuo di feedback tra il consumatore e il brand. Significa pensare al prodotto come una risorsa di informazioni, perché la tecnologia inserita nel suo packaging o nella sua etichetta sarà in grado di offrire servizi diversi, come ad esempio comunicare al negozio di quartiere che la bottiglia è quasi finita e ordinare la consegna a domicilio di una nuova fornitura. Il packaging diventa un canale di comunicazione di proprietà del brand e le informazioni che la marca acquisisce possono essere usate sia per comprendere meglio il consumatore sia per offrire servizi utili.


ilPoliGrafico 178•17

cartaonline

Il caso Kahlùa Anche l’uso dello spazio in cui il prodotto è consumato può diventare smart. Oltre ad attivare i prodotti si può anche attivare lo spazio che li circonda e aprire la consumazione a nuovi tipi di esperienze interattive. Ecco allora che il liquore Kahlúa viene servito in bicchieri dotati di tag NFC per permettere al consumatore di godere della storia del cocktail che ha scelto mentre viene preparato, proiettata sulla superficie del bancone del bar.

Nike fornisce dispositivi e app per monitorare le proprie performance.

Le aziende devono creare valore per i propri clienti oltre al prodotto standard. Se usati bene e focalizzati all’engagement del consumatore, i servizi digitali e la connessione tra prodotti abilitata dall’Internet of Things potrebbe potenzialmente cambiare in modo molto profondo la relazione tra brand, consumatori e prodotto, sia singolarmente sia arrivando a costruire delle specifiche community aggregate intorno a un interesse condiviso proprio perché connesse da device differenti.

Il caso Nike+ È questo il caso di Nike+, forse il migliore (e precursore dei tempi) caso di un’azienda che ha saputo assicurarsi la lealtà dei propri clienti attraverso l’engagement di una community intera. Nike+ è una collezione (o ecosistema, come lo definisce la stessa Nike) di dispositivi e app dedicati al monitoraggio delle performance di un allenamento (distanza percorsa, calorie bruciate, tempo impiegato eccetera) che conta oggi una community di oltre 38 milioni di sportivi che interagiscono di continuo tra di loro. Gli utilizzatori sono felici di scambiarsi una moltitudine di dati, perché la relazione che vivono è a due vie: Nike offre un servizio utile e insieme ottiene la possibilità di promuovere i propri prodotti a una community della quale conosce già desideri, inclinazioni, propensione all’acquisto.

Bicchiere dotato di tag NFC per contenere il liquore Kahlùa.

65


ilPoliGrafico 178•17

eventi

Bobst irrompe nella stampa digitale: astucci, etichette, tessile, imballaggi…

66

Un nutrito numero di giornalisti da tutto il mondo per assistere a un annuncio che ha lasciato tutti a bocca aperta. È quello che è avvenuto in un caldo 6 luglio a Wetzikon, nei pressi di Zurigo e la protagonista è stata Bobst, uno dei principali fornitori mondiali di dispositivi e servizi per i produttori di imballaggi ed etichette, che ha deciso di entrare in grande stile nel mercato della stampa digitale. Nulla a che vedere con i primi passi mossi timidamente nel 2009, quando l’azienda svizzera selezionò una serie di partner, tra cui Kodak per le teste di stampa inkjet, per lanciare sul mercato una macchina da stampa digitale per il mercato del cartone ondulato. In questi otto anni Bobst ha osservato con grande attenzione il mercato e le abitudini dei brand owner, per capire a fondo le loro esigenze, individuare le applicazioni e proporre delle soluzioni adeguate. Da qui la decisione di creare una nuova società, Mouvent, nata lo scorso giugno da una joint venture tra Bobst e Radex, una start-up di proprietà di diversi azionisti con un significativo know-how nel settore

della stampa digitale Bobst annuncia a sorpresa inkjet DoD. Mouvent, la creazione della società che diventerà il centro competenze per Mouvent per entrare da la stampa digitale e protagonista nel mercato il fornitore di soluzio- della stampa digitale. ni di Bobst, conta 80 I primi modelli per stampa dipendenti, di cui 45 ingegneri, in cinque di etichette a Labelexpo. siti produttivi in Svizzera e si concentrerà sulla progettazione e sullo sviluppo di un’intera famiglia di soluzioni di stampa digitale. Azionista di maggioranza della nuova società con il 50,1% è il gruppo Bobst, mentre il 49,9% è detenuto dagli azionisti di Radex, che ora ha cessato di esistere come azienda. “Crediamo realmente che questa innovazione rappresenti un momento di svolta per il futuro della stampa digitale indipendentemente dal settore o mercato”, ha affermato Jean-Pascal Bobst, CEO di Bobst Group SA. “Gli attuali andamenti del settore, tra cui l’elevata do-


ilPoliGrafico 178•17 167•16

di Cristina Rossi

Mouvent TX801 per il textile è una macchina da 1,8 m a 8 colori a passaggio multiplo, in grado di raggiungere una velocità di 100 m/min su un’ampia varietà di tessuti, a risoluzione massima di 1.200 dpi.

manda di digitalizzazione, le basse tirature, la richiesta di rapida disponibilità, la promozione e la realizzazione di più versioni, i prodotti personalizzati e stagionali e una maggiore sensibilità verso costi e ambiente, stanno generando la richiesta di macchine per stampa digitale di alta qualità e accessibili. Con Mouvent vogliamo avviare un cambiamento radicale in questo ambito, fornendo in ultima analisi al mercato ciò di cui ha più bisogno: una stampa industriale altamente affidabile su diversi sup-

porti e a un costo competitivo”. Macchine digitali… ma non solo, per tutti i mercati Al centro dell’innovazione digitale di Mouvent una geniale tecnologia di stampa digitale sviluppata da Radex dal 2013 a oggi, che si basa su un cluster estremamente integrato che rappresenta un enorme passo avanti per il settore, sostengono i dirigenti del Gruppo svizzero. Grazie al suo design intelligente e compatto, sarà l’elemento centrale delle nuove

macchine rivoluzionarie sviluppate da Mouvent per molti mercati come quello tessile, delle etichette, del cartone ondulato, degli imballaggi flessibili, degli astucci pieghevoli e di altri ancora. Le teste inkjet Dod (drop on demand) questa volta saranno le Dimatix Samba di Fujifilm, già adottate da altri importanti player, come Heidelberg e Landa. Mouvent offre una soluzione integrata e completa: sviluppa, progetta, testa e industrializza soluzioni digitali sulla base del MouventTM Cluster, progetta il software per le macchine, sviluppa inchiostri e vernici per diversi supporti oltre a fornire una gamma di servizi completa. L’azienda promette di definire un nuovo standard per i costi e la qualità della produzione inkjet di etichette, relativamente ai prezzi dell’inchiostro, alla durata delle testine, alle prestazioni e alla qualità delle macchine. La prima a essere lanciata è una macchina da stampa digitale innovativa e ad alta produttività per tessuti, in grado di stampare con 8 colori. Ma sono previste altre soluzioni in futuro. L’innovativa progettazione a cluster è la base di tutti i sistemi, attuali e in via di sviluppo. “Il nostro nuovo approccio radicale consiste nello sfruttare un cluster di base con una matrice modulare e scalabile anziché utilizzare diverse barre di stampa per diverse applicazioni e larghezze di stampa”,

Jean-Pascal Bobst, CEO di Bobst Group (a destra) e Piero Pierantozzi, cofondatore di Mouvent AG.

67


ilPoliGrafico 178•17

eventi

Il debutto di Mouvent a Labelexpo 2017 Mouvent presenterà la sua prima gamma di soluzioni per la stampa di etichette in occasione di Labelexpo 2017. In particolare verranno proposte due macchine con inchiostro UV a 7 colori ad alta velocità (LB701UV e LB702-UV) e un’innovativa inkjet a banda stretta che rappresenta un elemento assolutamente rivoluzionario per il settore. Le macchine a bobina sono in grado di stampare su diversi supporti quali carta, materiale autoadesivo e flessibile, con una larghezza fino 340 mm. Le velocità di produzione possono raggiungere i 100 m/min con una risoluzione nativa di 1.200x1.200 dpi e una risoluzione ottica di 2.000 dpi. “Siamo entusiasti di poter presentare la nostra gamma di macchine da stampa per etichette al settore”, ha spiegato Martin van Waeyenberge, marketing & sales manager, Label Machines di Mouvent. “Abbiamo una tecnologia veramente pionieristica da presentare, che abbiamo motivo di ritenere offrirà importanti vantaggi alle aziende. La stampa digitale rivestirà un ruolo sempre più importante, in particolare per la stampa di etichette, mentre il settore è impegnato a soddisfare la domanda di consegne più veloci, tempi di commercializzazione più rapidi oltre a capacità di produrre più versioni e personalizzazione, e vogliamo posizionarci in prima linea per soddisfare queste esigenze”. L’innovativa progettazione a cluster è la base di tutti i sistemi, sia attuali sia in via di sviluppo. “La progettazione del MouventTM Cluster costituisce una strategia completamente nuova che sfrutta un cluster di base con una matrice modulare e scalabile anziché utilizzare diverse barre di stampa per diverse applicazioni e larghezze di stampa”, ha spiegato Martin van Waeyenberge. “Questa strategia semplice e tuttavia completamente innovativa differenzia le soluzioni di Mouvent”. Mouvent sarà presente in Labelexpo allo stand A60 del pad. 3, affiancata dalla Casa madre Bobst.

68

Le due macchine UV per etichette, LB701-UV e LB702-UV, entrambe a passaggio singolo, hanno una larghezza di banda rispettivamente di 1,7 e 3,4 m, stampano a 100 m/min a una risoluzione di 1.200 dpi su carta, materiale autoadesivo e flessibile.

spiega Piero Pierantozzi, co-fondatore di Mouvent. “Il Mouvent Cluster è la tecnologia chiave alla base di tutte le soluzioni Mouvent, che si traduce in un’elevata risoluzione ottica per ottenere una stampa nitida, vivace e ad altissima risoluzione, oltre a offrire flessibilità e possibilità mai viste in termini di sviluppo della macchina. La semplicità è la nostra filosofia di progettazione”. Le soluzioni Mouvent sono le più piccole macchine digitali della loro categoria, sostiene il management Bobst, più vicine a una stampante desktop che alle tradizionali macchine da stampa analogiche come quelle flessografiche, e questo le rende estremamente compatte, leggere e facilmente accessibili. Il sistema modulare e compatto consente una configurazione e un avvio rapidi senza bisogno di regolazioni di precisione, il che si traduce in un aumento della produttività. Il design compatto offre

numerosi vantaggi, tra cui un ingombro minore, cambi lavoro più rapidi, una semplice implementazione e costi contenuti. “Siamo entusiasti di poter iniziare a presentare i prossimi prodotti nei mesi a venire”, ha affermato Simon Rothen, CEO di Mouvent. “Oggi si annuncia l’inizio di un viaggio entusiasmante che porterà la stampa digitale su larga scala a diversi settori. Le soluzioni di stampa digitale offerte da Mouvent creeranno nuove opportunità per ogni tipo di azienda, generando maggiore flessibilità, una produttività senza precedenti, tempi di commercializzazione più brevi e variazioni infinite, il tutto accompagnato da una progettazione estremamente compatta ed efficiente dal punto di vista energetico. Tutto questo consentirà di rivoluzionare il mondo della stampa digitale”. Il lancio delle nuove macchine da stampa digitali per il settore etichette avverrà in settembre a Labelexpo (v. box a fianco).

“oggi si annuncia l’inizio di un viaggio entusiasmante che porterà la stampa digitale su larga scala a diversi settori”


Doing a great job.

Lascia che i grandi sogni siano la tua ispirazione di oggi. Le grandi cose nascono sempre da grandi idee. E con le giuste decisioni. Vai – Fai di Color Copy la tua carta da stampa digitale. Perchè I grandi sogni hanno bisogno di grandi partners. Fai un grande lavoro. Ora e domani. Color Copy – la tua carta da stampa digitale.

IN TOUCH EVERY DAY www.colorcopy.com www.mondigroup.com


ilPoliGrafico 178•17

interviste

Intervista a Günther Gerlach presidente del CdA di Epple Druckfarben Epple Druckfarben apre una filiale a Milano e si avvale della esperienza e del know how di Printgraph per promuovere e distribuire i propri inchiostri sul nostro territorio, eccezion fatta per gli inchiostri LED e UV.

Ci può tracciare un breve profilo storico di Epple Druckfarben?

Qual è l’attività principale di Epple Druckfarben?

L’azienda ha oltre 120 anni di storia alle spalle. Fu fondata nel 1889 a Radebeul, nei pressi di Dresda, da Otto Baer, la cui ricerca della perfezione nella produzione di inchiostri rappresenta ancor oggi la base della storia di successo di Epple Druckfarben. In seguito alla seconda Guerra Mondiale l’azienda viene espropriata e l’attività viene riavviata ad Augsburg nel 1949 da parte della generazione senior della famiglia Epple, in primis Carl Epple, che alla sua morte lascia il testimone ai figli che ne rilevano e rilanciano l’attività nel 1952. Le esportazioni in tutto il mercato europeo crescono a ritmo esponenziale nei successivi vent’anni e l’internazionalizzazione dei mercati negli anni ’90 ci catapulta nel mercato mondiale. Io sono entrato a far parte del CdA tre anni fa per portare idee innovative all’azienda. Nel 2007 abbiamo ampliato la produzione di prodotti sostenibili grazie alla realizzazione di una nuova area produttiva con macchinari all’avanguardia. Il rilancio del brand Epple è avvenuto in occasione di drupa 2016, con la creazione di un nuovo logo arancione e nero e con un rafforzamento del team di vendita. In particolare, abbiamo deciso di rinnovare l’approccio commerciale, individuando un partner in ogni mercato europeo. Per l’Italia abbiamo scelto Printgraph (vedi box).

L’azienda è da sempre specializzata nella produzione di inchiostri per stampa offset a foglio per applicazioni commerciali, ma nel tempo sviluppa competenze di rilievo anche nell’ambito degli inchiostri per packaging alimentare. In particolare inizia a formulare inchiostri privi di oli minerali e una ventina di anni fa immette sul mercato i primi inchiostri basati su oli vegetali. Qualche anno dopo crea il primo inchiostro per la stampa in bianca/volta e per un breve lasso di tempo può vantare l’esclusiva di mercato per questa tipologia di prodotti. La grande svolta arriva nel 2000, quando Epple presenta in anteprima la famiglia di inchiostri BoFood a bassa migrazione per packaging alimentare. Ciò che migra non è comunque dannoso per il consumatore perché composto da ingredienti naturali. A drupa 2010 abbiamo lanciato la serie BoFood Organic, che ha la peculiarità di utilizzare solo ingredienti che sono stati approvati per le applicazioni food. Il risultato è che tale linea di inchiostri può essere usata per stampare anche l’interno delle scatole che contengono alimenti, mentre per l’esterno si può utilizzare la classica gamma BoFood. Applicazioni possibili includono, ad esempio, messaggi promozionali all’interno di scatole per hamburger o involucri

di Cristina Rossi

70


Günther Gerlach (a sinistra) e Roberto Levi Acobas di Printgraph in un’amichevole stretta di mano alla vigilia della presentazione di Epple Druckfarben al team di vendita dell’azienda di Settimo Milanese (MI).

per cioccolata. Grazie a questa gamma di inchiostri i packaging possono avere due lati stampati aumentando la superficie a diposizione per veicolare messaggi e informazioni sul prodotto o sull’azienda. Tali inchiostri possono essere utilizzati come normali inchiostri offset per il food packaging. Quali sono i vostri punti di forza? La qualità dei nostri prodotti, il servizio di assistenza tecnica, l’innovazione, la sicurezza e la stabilità. Sottoponiamo gli inchiostri a un costante controllo della qualità. La fiducia dei clienti, prevalentemente nel mercato europeo ma anche oltreoceano, ci sta particolarmente a cuore, pertanto sottoponiamo inchiostri e vernici a controlli di qualità regolari da parte di istituti esterni, come Fraunhofer-Institut, Fresenius, SQTS. Inoltre offriamo ai brand owner e ai loro responsabili marketing ricette di inchiostri personalizzate. A quanto ammonta il fatturato annuo? Il fatturato del Gruppo è pari a circa 60 milioni di euro ed è generato al 70% dal mercato della stampa commerciale e al 30% dal mercato del packaging, non solo alimentare, ma anche farmaceutico, cosmetico e altro. Abbiamo 220 dipendenti e filiali in Svizzera, Austria e ora anche Italia (vedi box), mentre negli altri Paesi ci affidiamo ai rivenditori. Un commento sulla partnership con Printgraph? Il nostro obiettivo era avere una presenza diretta in Italia. Ho incontrato Roberto Levi Acobas, CEO di Printgraph, subito dopo drupa e abbiamo deciso di affidare alla sua azienda la distribuzione di tutti i nostri inchiostri, tranne quelli LED e UV, sul territorio italiano. Le due aziende hanno molte affinità: sono due aziende piccole ma che si confrontano in un panorama internazionale. Inoltre i nostri inchiostri possono essere proposti in tandem con alcune soluzioni, come ad esempio Finito No Stick per il mercato del packaging, una completa gamma di lastre e caucciù per la verniciatura.

ilPoliGrafico 178•17

interviste

Epple Druckfarben sceglie Printgraph come partner in Italia Epple Druckfarben apre la propria filiale a Milano per portare la qualità degli inchiostri offset tedeschi in Italia. “Siamo felici di poter servire questo mercato affiancandoci agli operatori locali come un partner esperto e profondamente orientato al servizio”, spiega Günther Gerlach presidente del consiglio di amministrazione di Epple. “Desideriamo dare una spinta alle nostre attività di esportazione con una presenza diretta nei principali mercati europei”, afferma Gerlach. “Contiamo inoltre su partner commerciali per rafforzare la nostra leadership di mercato. La qualità degli inchiostri Epple si unisce alla creatività italiana, così importante per esprimere al meglio la vasta gamma cromatica che contraddistingue i nostri prodotti”. La missione di Epple Druckfarben Italia è quella di essere un player fondamentale del mercato italiano, portando un’elevata qualità e competenza, completata da un eccellente servizio clienti. Con grande impegno, conoscenze tecniche e tempi di reazione brevi, Epple accompagnerà tutti i suoi clienti presenti sul territorio verso risultati di stampa ottimali grazie agli inchiostri, le vernici e i consumabili. Epple Italia lavorerà con il suo partner esclusivo Printgraph che distribuirà i prodotti Epple – tranne gli inchiostri LED e UV – in tutte le regioni d’Italia. Epple Italia ha istituito con Printgraph una rete di distribuzione capillare, per offrire la vasta gamma di inchiostri, vernici e consumabili. Epple vanta infatti una gamma completa, sicura e all’avanguardia di inchiostri e vernici per una stampa ecosostenibile degli imballaggi alimentari per garantire che non si trasferiscano dalla confezione al prodotto. “Uno dei nostri punti di forza è la consulenza”, commenta Günther Gerlach. “Tutti i nostri esperti ascoltano con attenzione i clienti per guidarli nella scelta dei materiali, fornendo supporto e indicazioni per un uso corretto ed efficiente di tutti i nostri prodotti”. Gli esperti di Epple Italia offriranno le proprie competenze e know-how a un mercato che necessita di un servizio clienti rapido e di consegne veloci grazie anche al sistema di miscelazione inchiostri disponibile nello stabilimento presente in Lombardia. I colori speciali di ogni tipo potranno così essere consegnati in tempi brevi e nelle tonalità precise. Conclude Günther Gerlach: “Vogliamo affiancare gli stampatori, i creativi, le agenzie e i brand owner italiani aiutandoli a creare prodotti preziosi, grazie agli inchiostri Epple capaci di fissare standard qualitativi e ambientali”.

La nuova immagine coordinata di Epple Druckmaschinen appare su una serie di strumenti promozionali.

71


ilPoliGrafico 178•17

interviste

Perché teniamo la divisione Prosper

Incontro con Randy Vandagriff, presidente di Enterprise Inkjet Systems Division, Kodak.

Lo scorso maggio Randy D. Vandagriff è stato nominato presidente della divisione EISD (Enterprise Inkjet Systems Division) di Kodak e vicepresidente di Eastman Kodak Company. Dopo un anno ricco di speculazioni in cui si sono succedute le più svariate ipotesi su quello che sarebbe stato il futuro della divisione Prosper, finalmente è stato possibile mettere un punto a questa travagliata vicenda. Quando sembrava ormai definitiva la decisione di cedere questa divisione, Kodak, con un annuncio a sorpresa in aprile affermò di non voler più procedere con la dismissione e di aver deciso di mantenere Prosper al suo interno. Ed è proprio alla luce di questa inversione di rotta che Vandagriff ha risposto ad alcune domande per chiarire la posizione della divisione EISD e fornire delle anticipazioni su quello che, secondo lui, sarà il futuro di questa unità operativa.

tale, Kodak ha tutte le carte in regola per dimostrarsi la migliore alleata dei clienti, in quanto li aiuta a cambiare le dinamiche del mercato, permettendo loro nel contempo di ampliare la loro quota di mercato e consolidare i volumi di stampa.

Cosa ne pensa della decisione di Kodak di mantenere la divisione Prosper?

A cosa si deve questo eccezionale aumento dei ricavi? Fondamentalmente sono tre i fattori alla base di questo risultato: 1) La crescita del nostro MIF, cioè delle macchine in campo, e l’incremento nel numero di installazioni delle Prosper nel 2015 e 2016. 2) L’aumento nella richiesta di modelli Prosper dai nostri clienti abituali che ne hanno bisogno per far fronte alla crescente domanda di stampe. 3) Un costo uni-

Kodak ha investito molto nello sviluppo della tecnologia di stampa a getto d’inchiostro e la sua decisione di mantenere questa divisione è un’ulteriore dimostrazione del suo impegno per il futuro del settore della stampa. Con un’offerta di tecnologie di stampa estremamente ricca che spazia dalla offset e flessografica tradizionale fino all’emergente stampa digi-

72

Come procede l’attività Prosper quest’anno e quali sono i risultati raggiunti? La divisione Enterprise Inkjet Systems Division, che include le attività Kodak Versamark e Kodak Prosper, ha fatturato 37 milioni di dollari nel primo trimestre di quest’anno, realizzando così un ottimo risultato. Erano 34 milioni nello stesso periodo del 2016, possiamo quindi rallegrarci davanti a un +9%. Per il primo trimestre del 2017, l’attività Prosper è andata in crescendo con prestazioni sempre migliori e ha prodotto un aumento dei ricavi pari al 26% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.


interviste

tario di produzione degli inchiostri sempre più conveniente per noi in quanto acquistiamo una quantità maggiore di ingredienti per soddisfare l’aumento nei volumi di vendita. Qual è la vostra strategia di gestione della divisione Prosper per il futuro? Proprio quest’anno festeggiamo 50 anni nel settore della stampa a getto d’inchiostro e i notevoli risultati fin qui ottenuti nascono proprio dalla pluriennale esperienza di Kodak nel mettere a punto e offrire una tecnologia che ormai è riconosciuta come leader del mercato. Ma nessuno di noi ha intenzione di ‘dormire sugli allori’, quindi è chiaro che continueremo a far leva sulle esclusive Value Proposition di Stream che da sempre differenziano la nostra tecnologia. La nostra strategia si basa su una presenza ininterrotta, sulle installazioni e sulle prestazioni della nostra linea Stream di cui fanno parte 64 macchine da stampa Prosper e 1.329 teste Prosper già installate nel mondo. Ma naturalmente questo non ci basta. Partendo dalla nostra innegabile esperienza, stiamo facendo un passo in più con la tecnologia Ultrastream. La divisione EISD punta a stringere una serie di accordi strategici con produttori di attrezzature originali (OEM) affinché possano creare nuove applicazioni in grado di guidare la domanda di mercato per questa tecnologia e velocizzare la portata e la crescita dell’attività Prosper. Abbiamo messo a punto un programma Pioneer per un coinvolgimento a 360° dei potenziali partner OEM fin dalle prime fasi del processo di sviluppo. Avere la possibilità di confrontarci con loro ci permetterà di comprendere appieno i loro requisiti, di indirizzare e definire il progetto in modo che possa rispondere al meglio alle loro esigenze e rendere più sicura la pipeline. E potremo fare tutto questo prima di mettere a punto la versione definitiva della piattaforma Ultrastream. Inoltre stiamo utilizzando la nostra linea corrente di tecnologia Stream per espandere la nostra presenza nelle nuove applicazioni, in particolare nel settore del

packaging e delle etichette. La macchina da stampa Sapphire EVO di Uteco che utilizza la tecnologia Stream Inkjet di Kodak ne è un perfetto esempio. Come procede lo sviluppo della tecnologia Ultrastream? Stiamo rispettando i tempi programmati sia per quanto riguarda lo sviluppo che la commercializzazione di Ultrastream, la rivoluzionaria tecnologia a getto d’inchiostro che si rivolge in primis agli operatori di settori quali editoria (riviste/cataloghi), packaging, etichettatura e décor. I kit di valutazione saranno disponibili in numero limitato nel quarto trimestre quest’anno e la commercializzazione della prima soluzione Ultrastream è prevista per il 2019. State continuando a vendere le Prosper? E prevedete di offrire ai clienti la possibilità di passare a Ultrastream? Assolutamente sì. Il servizio di vendita e assistenza dei sistemi Prosper continuerà a essere fornito da Kodak. Per quanto riguarda l’installazione delle macchine da stampa, la nostra attenzione sarà rivolta principalmente alle applicazioni in alte tirature. Ai clienti Prosper verrà offerta la possibilità di passare alla tecnologia Ultrastream, ma è bene ricordare che questo aggiornamento interesserà diverse applicazioni in cui i clienti hanno bisogno di una migliore qualità di stampa a fronte di una ridotta velocità. Può dirci qualcosa sugli OEM con cui avete in programma di collaborare? Magari qualche nome in anteprima... Al momento abbiamo 19 lettere di intenti, la maggior parte da OEM; qualcuna proviene da utenti finali strategici. Stiamo continuando a incontrare altri OEM interessati a testare la tecnologia non appena sarà disponibile il kit di valutazione. Questi OEM rappresentano un campione eterogeneo di produttori di tutte le applicazioni a cui puntiamo, incluse stampa commerciale, del packaging, delle etichette e del décor. >> segue a pag. 98

73


ilPoliGrafico 178•17

News

Tecnologie

Software

CtP

Offset

Stampadigitale

Cartotecnica

L’UVGel di Canon sbarca a Viscom con la Océ Colorado 1640 In occasione di Viscom Italia di ottobre Canon offrirà ai visitatori la possibilità di scoprire alcune fra le più recenti e innovative soluzioni e applicazioni nell’ambito della stampa di grande formato. Protagonista dell’evento sarà Océ Colorado 1640, la prima stampante rollto-roll da 64” per il settore del grande formato. Dopo un’anteprima mondiale a Venlo in Olanda e il successo ottenuto in occasione di Fespa lo scorso maggio, Canon si propone di replicare i risultati positivi proprio in occasione di Viscom.

74

Qualità, produttività, automazione, versatilità nelle applicazioni e costi operativi ridotti: queste le caratteristiche essenziali per rispondere alle esigenze di un mercato che guarda sempre più alla personalizzazione come suo elemento distintivo. Canon scenderà in campo con una gamma di soluzioni dedicate al mondo della stampa digitale, confermando la sua inclinazione per l’innovazione e la sperimentazione. Sarà infatti possibile vedere in azione anche Océ Arizona 1260 GT, Canon imagePress C850 a co-

lori e i nuovi plotter grafici water based imagePrograf Pro. Le applicazioni realizzate con le tecnologie in mostra daranno vita a una campagna di comunicazione integrata per un marchio di bellezza. I fornitori di servizi di stampa potranno scoprire come diverse tecnologie e workflow possano arricchire il loro portfolio produttivo per soddisfare le esigenze dei clienti, creando al tempo stesso nuove opportunità di guadagno. La campagna di lancio creata per un ipotetico marchio di bellezza utilizza

le immagini del fotografo e filmmaker Clive Booth per raffigurare i quattro elementi Terra, Aria, Fuoco e Acqua. Da questo progetto grafico nascono ben 19 applicazioni differenti: interior décor, imballaggi, stampe per interni ed esterni, materiale POS e poster, stampa industriale e funzionale, foto e fine art, comunicazione on-demand. www.canon.it

Océ Colorado 1640 è una soluzione basata sulla tecnologia UVGel che rivoluziona il mercato del grande formato.

Con Zünd Design Center 3.1 scatole e display in pochi clic

Stampa e taglio HP Latex nella Vip Lounge di MCA Digital

Con lo ZDC 3.1 Zünd offre una versione rielaborata del suo plug-in per Illustrator. Lo ZDC permette di creare display e scatole in pochi clic. Ciò si fonda su un ricca biblioteca che mette a disposizione un’ampia scelta di modelli di design, che sono parametrizzabili. In aggiunta ai materiali selezionabili, che finora comprendevano cartone piegato e ondulato, pannelli in PVC e PP, cartone ondulato e pannelli in schiuma morbida, con l’aggiornamento della versione è ora a disposizione anche l’MDF. Con l’update è ora possibile importare un numero qualsiasi di oggetti in formato .obj in una pagina, incollarli in un proprio design e considerarli in 3D. Zünd ha inoltre semplificato ulteriormente la funzione del riconoscimento automatico del lavoro. Per aumentare la semplicità di utilizzo, è possibile ricreare i codici QR a un livello di configurazione separato. L’operatore deve soltanto immettere il nome dell’ordine e la posizione desiderata e il ZDC genererà automaticamente il rispettivo codice QR. Un’altra novità è la possibilità di salvare i design come preferiti personalizzati. www.zund.com

Fervono le attività nella nuova Vip Lounge di MCA Digital dove, a poca distanza dall’inaugurazione, gli eventi si susseguono a ritmo incessante. Come l’esclusiva due giorni che si è tenuta prima della pausa estiva dedicata alla presentazione delle inedite soluzioni di stampa e taglio HP Latex. Un appuntamento che MCA ha voluto riservare agli stampatori medio/piccoli che approcciano per la prima volta questa tecnologia, di cui il dealer padovano si conferma specialista. “Il mercato sta dimostrando un crescente interesse per il Latex, che da sempre si contraddistingue per versatilità, prestazioni elevate e sostenibilità”, spiega Cristina Del Guasta, socio fondatore di MCA Digital. “Ora, l’introduzione dei nuovi sistemi print & cut amplia performance e applicazioni di questa tecnologia. Ad esempio è possibile stampare pellicole termosaldabili, indispensabili per la personalizzazione di tessuti per sportwear, pronto moda e home decor”. A guidare gli ospiti alla scoperta delle opportunità di business offerte dalle nuove soluzioni HP, l’esperienza e la competenza del team MCA e il valore aggiunto di tool evoluti come il Samples Book. www.mcadigital.it

Certifi


Flessografia

Consumabili

Legatoria

Nobilitazione

News

Tecnologie

L’accuratezza della misurazione dei colori negli smartphone e nello shopping online Progettata per applicazioni retail, la nuova soluzione Color-Eye messa a punto da X-Rite permette ai consumatori di misurare in modo semplice e accurato il colore di qualsiasi articolo al fine di individuare prodotti corrispondenti o abbinabili. Color-Eye utilizza uno smartphone e una scheda per la calibrazione dei colori per aiutare i consumatori ad acquistare nuovi articoli abbinabili al colore degli oggetti che possiedono in casa. La soluzione offre il massimo livello di uniformità dei colori disponibile in un’applicazione di shopping retail destinata alla fascia consumer. Aziende di cosmetici, articoli per

la casa, moda e vernici destinati alla vendita al dettaglio possono integrare Color-Eye nelle loro applicazioni di shopping mobile. I consumatori possono così cercare, abbinare e acquistare articoli con un alto grado di sicurezza per quanto riguarda i colori. Secondo le ricerche di X-Rite, i consumatori non si sentono sicuri quando acquistano online articoli in cui il colore riveste un’importanza fondamentale. Questa incertezza, in genere, è dovuta a esperienze precedenti in cui le aspettative sono state disattese, nonché alla difficoltà di comunicare il colore da casa al negozio. I consumatori si

scatole

aspettano di poter semplicemente scattare una foto del colore e di abbinarla a un articolo desiderato. Tuttavia, la tecnologia delle fotocamere digitali, da sola, non è in grado di stabilire in modo accurato il colore di un oggetto, che è influenzato da illuminazione, lucentezza, trama, angolo di visione e sensibilità della macchina fotografica. Gli strumenti di calibrazione cromatica e i programmi software relativi al colore sono necessari per superare tali ostacoli in modo da fornire un’immagine più accurata del colore. www.xrite.com

Color-Eye utilizza una scheda per la calibrazione dei colori per aiutare i consumatori ad acquistare articoli abbinabili a oggetti già in loro possesso.

packaging

nimax: la qualità vuole qualità Trojan3: la stampante professionale digitale in CMYK per imballi che espande il tuo business. Il sistema di stampa digitale a colori Trojan3 Overprinter è un sistema a getto d’inchiostro che può essere montato sopra qualsiasi piattaforma di trasporto che possa convogliare a 9 e 18 metri al minuto. La stampante lavora da sopra il prodotto in movimento. Realizza stampe di alta qualità su tutti i materiali con una superficie assorbente, come la maggior parte delle carte e cartoni non laminati, e su tutti i materiali dalla superficie pretrattata per accogliere inchiostri a base acqua. Finalmente potete stampare ad alta qualità su oggetti piani come scatole non formate o etichette, oggetti spessi come buste imbottite, su assi di legno o perfino scatole formate pronte per la spedizione, fino a 222,8 mm in larghezza e fino a 762 mm in lunghezza.

nimax s.p.a. - via dell’Arcoveggio, 59/2 40129 Bologna - Italy - T. +39 051 419 9133 trojan3@nimax.it - nimax.it DISTRIBUTORE ESCLUSIVO PER L’ITALIA

NMX-Tro3-Poligrafico-mag-205x120.indd 1

13/04/17 09:29

ilPoliGrafico 178•17

ficazioni


ilPoliGrafico 178•17

NUCERIA GROUP collaborazioni che fanno storia Un gruppo di packaging produttori di etichette, astucci e imballaggio flessibili esperto e proattivo – Nuceria Group – e due brand owner che guardano avanti,progettando un futuro dove il packaging è, a un tempo, sostenibile e “diverso”, proprio come chiede il consumatore. I racconti di Italsilva (detergenza per la casa e la persona) e Petti (conserve alimentari) narrano due belle storie di sostenibilità e di rilancio del brand tramite un’etichetta molto speciale. L’economia circolare, ovvero: la sostenibile leggerezza del successo

Consumi e popolazione mondiale in aumento richiedono nuove soluzioni e un approccio più creativo all’economia circolare. Come, ad esempio, il recupero degli scarti di produzione, in particolare dei supporti di carta siliconata che restano dopo l’applicazione delle etichette autoadesive sui flaconi. Generalmente trattati come rifiuti e inviati in discarica, i rotoli di carta siliconata vengono ora riciclati per diventare materia prima per la produzione di cartoncino. Una proposta così può arrivare solo da un’azienda creativa nel DNA, nella fattispecie una realtà che investe il 3% del fatturato in R&D ed è consapevole di quanto una visione più ampia possa portare a soluzioni alternative. In questo contesto Nuceria Group conferma la sua posizione di hub dello sviluppo sostenibile, puntando a minimizzare gli sprechi, abbattere i costi e, più di tutto, arrivare a una produzione col minor impatto possibile sull’ambiente. Obiettivo: azzerare i rifiuti grazie al riutilizzo delle risorse Nasce così il progetto portato avanti per/e con Italsilva (Gruppo DESA), conforme alle normative europee sull’economia circolare e ispirato a un modello di crescita sostenibile che mira ad azzerare i rifiuti grazie al riutilizzo delle risorse. Da scarto di lavorazione la carta siliconata si è così trasformata in risorsa, per Italsilva ma anche per altre aziende a cui cederla in quanto materia prima secondaria da immettere nel ciclo produttivo. Grazie all’intermediazione di Nuceria, il gruppo italiano del settore detergenza, fondato a

76

Seregno nel 1908 da Ambrogio Silva, è entrato in contatto con C4G (Cycle for Green) per il ritiro e il trattamento della glassine (lo scarto del processo di etichettatura - ndr). L’impresa finlandese, infatti, si è specializzata in riciclo e recupero dei rivestimenti di carta. La sua affidabilità e comprovata capacità hanno permesso a tante aziende manifatturiere di vari settori di trovare un’alternativa a discarica, incenerimento e down-cycling. Nel caso di cui parliamo i risultati sono di tutto rilievo perché il supporto siliconato rappresenta fino al 35% dei rifiuti prodotti dagli etichettifici. Grazie alla collaborazione con una cartiera austriaca e alla messa a punto di una tecnologia innovativa per rimuovere il silicone dalle fibre di carta, C4G crea un flusso di materiale completamente chiuso, che trasforma lo scarto in materiale riciclato a base cellulosica, da reimmettere nel ciclo produttivo. Con ingenti guadagni anche per l’ambiente: Italsilva genera ogni anno circa 180 tonnellate di liner e C4G ha calcolato che il suo riciclo determinerà un abbassamento dell’emissione di CO2 di quasi 360 t/anno. Un progetto per tutte le realtà Questo circolo virtuoso è stato innescato da Nuceria Group, ponte tra le due aziende e motore di un progetto che apre nuove opportunità, molto più sostenibili. E che può essere declinato su misura di tutte le imprese attente tanto ai vantaggi economici quanto a quelli ecologici dell’operare. Per il gruppo basato a Nocera (SA) e attivo su tutta la Penisola con sedi a Sud e a Nord, si tratta di un impegno costante alla ricerca delle soluzioni migliori, anche alternative, che portino a un sistema produttivo integrato e sostenibile, per un futuro a misura d’uomo.

www.nuceriagroup.com


ilPoliGrafico 178•17

Quando l’opportunità incontra la preparazione: un progetto in tre fasi

1. Petti sceglie “No label look” Qualità, made in Italy, orientamento green, ampia varietà di prodotti e cura del packaging. Con questi asset strategici Petti, storico produttore italiano di conserve alimentari, attivo dal 1925, ha fatto del pomodoro il protagonista indiscusso della tavola italiana. E continua a farlo grazie a un management lungimirante a capo di Pasquale Petti, che rappresenta la quarta generazione e guida il Gruppo sulla strada dei prodotti biologici, ingredienti sani, rispetto dell’ambiente e innovazione di packaging. Un packaging che, si sa, rappresenta una delle più potenti leve di marketing e, al di là della funzione di protezione del prodotto, deve comunicare i valori del brand. Da qui il coinvolgimento di Nuceria Group nel progetto di restyling della linea, con l’incarico di individuare il materiale più adatto a esaltare il pomodoro e a comunicare al consumatore finale l’eccellenza del prodotto e i suoi valori intrinsechi. Ti vedo, ti credo «Nel packaging Petti – raccontano in Nuceria – abbiamo reso visibile l’invisibile ovvero i valori del Gruppo Petti e lo abbiamo fatto con una bottiglia personalizzata e un’etichetta trasparente. “Il pomodoro è al centro” è il nome dei prodotti a marchio Petti, ma anche del principio per cui il pomodoro è al centro della confezione, così come della tradizione alimentare italiana e della dieta mediterranea. Trasmessi grazie alla trasparenza che permette di far vedere oltre la bottiglia, e di costruire un rapporto di fiducia con il destinatario grazie a una comunicazione efficace e diretta, senza trappole e senza equivoci». Nuceria Group lo ha fatto adottando il no label look di un’etichetta trasparente che permette di vedere il prodotto nella sua interezza e ottimizza il processo di confezionamento aumentando la velocità di applicazione, riducendo i fermi macchina e prevenendo la formazione di antiestetiche bolle d’aria. Con un risultato in più: l’applicazione di una lamina oro a freddo (Luxoro 220) rende il nuovo packaging del pomodoro Petti elegante e attraente, conferendo

No label look per i prodotti Petti, un’etichetta trasparente che permette di aumentare la velocità di applicazione.

al prodotto un posizionamento premium. L’esperienza del prodotto inizia dal packaging e sapere quali emozioni e sensazioni suscita nelle persone permette di ideare un’esperienza sempre più piacevole ed efficace. 2. Nuceria e il pack sostenibile, ovvero recuperare e trasformare per un successo di filiera Al di là della singola soluzione di packaging, Nuceria Group opera adottando strumenti e asset organizzativi/gestionali volti a migliorare la sostenibilità ambientale, economica e sociale dell’impresa. «Siamo convinti - dichiara infatti Guido Iannone, direttore generale di Nuceria Group - che solo lo sviluppo sostenibile permetta alle future generazioni di andare avanti preservando al tempo stesso la qualità e quantità di risorse naturali. Obiettivo di tutta l’azienda è, quindi, di rendere lo sviluppo economico compatibile con l’equità sociale e gli ecosistemi, in regime di equilibro ambientale». Una soluzione vantaggiosa: il liner di PET Pur essendo spesso sottovalutato dagli etichettifici, il liner di PET, comparato con il liner di carta siliconata che si smaltisce nei rifiuti misti, presenta molti vantaggi di riciclabilità ed efficienza produttiva. La prima importante differenza tra i due materiali riguarda lo spessore, notevolmente ridotto nel liner di PET, con diversi vantaggi: la quantità di liner scartato è inferiore e i cicli tra un cambio rotolo e l’altro sono più lunghi perché ogni bobina contiene almeno il 20% di etichette in più. Ridotti, di conseguenza, anche i costi di trasporto e lo spazio a magazzino delle bobine di etichette. Non solo. Il liner di PET è più resistente alle sollecitazioni, per cui garantisce meno rotture e maggiore velocità in fase di applicazione delle etichette. Inoltre, essendo un materiale

www.nuceriagroup.com

77


ilPoliGrafico 178•17

Dida del pet saving project

3. Quanto vale una consulenza a 360° Nuceria ha fornito al Gruppo Petti una consulenza a tutto tondo per la definizione della soluzione di packaging migliore in termini di sostenibilità e appeal. Mettendo in campo i vari gli strumenti e competenze necessari, ha analizzato i consumi potenziali del cliente ed elaborato un modello matematico in grado di evidenziare i vantaggi in termini di efficienza e costi. Nuceria ha potuto così supportare Petti tanto in pre-produzione quanto nella messa in linea del prodotto ottenendo, nel solo 2016 per una produzione di circa 18,2 milioni di pezzi, un risparmio totale (tra costi diretti e indiretti) di quasi 40 mila euro. Un simile risultato è stato possibile grazie alla partnership di filiera tessuta da Nuceria nel tempo, per costruire una rete operativa a livello nazionale e in grado di gestire il riciclo del liner in tutte le sue fasi. In questo caso, Nuceria ha messo in contatto il gruppo Petti con Romei Srl, specialista di lungo corso nel recupero di scarti industriali dei produttori e trasforma-

78

tori di polimeri, che ha permesso di avviare il liner Petti al riciclo e alla successiva collezione del materiale ricavato in appositi white bag. Il circolo virtuoso messo in campo per il tramite di Romei evita lo smaltimento in discarica o l’incenerimento, entrambi inquinanti, e riduce il consumo di combustibili fossili non rinnovabili; inoltre elimina ogni residuo poiché il materiale viene trattato a temperature molto elevate (>2000 °C) e le ceneri e i metalli pesanti vengono inglobati nel prodotto finale. Con un risvolto positivo anche in termini economici: per il ritiro viene corrisposto un contributo di circa 50 euro/t. Due storie con la morale

Queste due case histories qui insegnano molte cose. Che il successo è il derivato di un lavoro di gruppo, che la buona sostenibilità produce vantaggi ecologici e anche economici, che l’appeal è una cosa seria e anche molto tecnica, che innovare innesca un processo virtuoso e genera altra innovazione… e molto altro ancora. Soprattutto – si sottolinea con legittimo orgoglio in Nuceria – mostrano la centralità del converter a cui spetta di tirare le fila, coordinare, sintetizzare idee e processi, svolgendo il ruolo da mediatore che deriva dalla posizione mediana che occupa nella catena del valore.

www.nuceriagroup.com

Comunicazione d’impresa

plastico, assicura anche una maggiore pulizia sulle linee di confezionamento. Evidenti, tutto considerato, le ricadute in fatto di saving sui costi di produzione.


Sun Chemical presenta le guide alla risoluzione dei problemi in fase di stampa Sun Chemical ha messo a punto per la sua clientela, sotto forma di poster, un’efficace guida alla risoluzione dei problemi che possono emergere in fase di stampa. Lo studio presenta cause e soluzioni dei più comuni problemi che s’incontrano durante la stampa offset a foglio, e si basa sull’esperienza pratica e conoscenza di Sun Chemical unitamente alla collaborazione di esperti del mondo della stampa. Paolo Caiani e Maurizio Franzoso, rispettivamente Direttore Tecnico Sheetfed, UV & Screen e Responsabile R&D Sheetfed e UV di Sun Chemical, analizzano per Voi una delle problematiche più comuni. Con questo strumento estremamente utile, che non deve mancare in sala stampa, Sun Chemical è sempre più vicina ai suoi clienti sostenendoli nel loro lavoro e ponendo la massima attenzione al processo di stampa. Potete richiedere i poster al Vostro referente Sun Chemical.

Lenta asciugatura e lenta stabilizzazione

La stampa impiega un periodo superiore al normale per raggiungere la completa stabilizzazione. Questo implica tempi di stoccaggio più elevati presso lo stampatore, e quindi un rallentamento della catena produttiva con conseguente aumento del magazzino prodotti finiti. Carte con buona assorbenza ed un minimo rapporto acqua-inchiostro permettono di ottimizzare la velocità di essiccazione.

CAUSE

SOLUZIONI

1. pH della carta

1. Il pH della carta dovrebbe essere tra 6.0 e 8.0. Valori inferiori o superiori a questo range possono influenzare l’essiccazione dell’inchiostro

2. Assorbenza della carta

2. Una carta con scarsa assorbenza può ridurre la stabilizzazione dell’inchiostro, e rallentare l’essiccazione del film

3. Soluzione di bagnatura

3. Alti livelli d’acidità ritardano l’ossidazione così come alti livelli di sostituti dell’alcool

4. Assorbenza della carta

4. Più bassa è l’assorbenza, più lenta è la stabilizzazione

5. Pile troppo alte

5. Ridurre l’altezza delle pile su lavori ad elevata coprenza, assicurarsi che la polvere antiscartino sia distribuita correttamente e sia della giusta granulometria

6. Livello dell’acqua troppo alto e inchiostro emulsionato

6. Regolare il rapporto inchiostro/acqua a livelli inferiori

Sun Chemical Group S.p.A. Via Achille Grandi, 3 - 6 20090 Settala Fraz. Caleppio (MI) www.sunchemical.com


ilPoliGrafico 178•17

eventi

Consumare meglio per spendere meno Incontro tecnico organizzato da Officine Informatiche Riunite in collaborazione con l’Ordine degli Ingegneri, M2 Informatica e Didelme Sistemi che ha avuto come tema “Il monitoraggio della produzione nell’ottica dell’Industria 4.0: obblighi e opportunità”. Il controllo continuo dei consumi energetici permette di evidenziare alcuni malfunzionamenti delle macchine in attività produttiva.

82

In un mio articolo pubblicato sul numero di ottobre 2016 del Poligrafico (n. 172, pag. 10) dal titolo Alla ricerca del massimo risparmio energetico avevo evidenziato la necessità, elencando alcune modalità e consigli validi per tutte le aziende, di controllare e minimizzare l’importante voce di spesa legata ai consumi energetici. Avevo espresso alcuni suggerimenti per contenere i costi di gestione verificando i consumi energetici per aumentare il margine di profitto di un’azienda, piccola o grande che sia. Dal negozio o supermercato con i frigoriferi e le luci sempre accese alla PMI con macchine in produzione che richiedono spunti energetici notevoli fino alla Grande Industria con macchine e impianti di produzione in attività 24/24. Alla luce di queste informazioni l’Ordine nazionale degli ingegneri, con il supporto della OIERRE (Officine Informatiche Riunite), ha deciso una campagna di incontri tecnico-informativi da tenersi presso le sedi di diverse città italiane per dare risalto a Il monitoraggio della produzione nell’ottica dell’Industria 4.0:

obblighi e opportunità. Collegandosi agli argomenti trattati nei numerosi incontri e presentazioni che si sono tenuti e ancora si stanno tenendo in questi mesi in seguito alla presentazione (settembre 2016) della Legge di Stabilità e Bilancio 2017, dove venne lanciata l’idea del ‘Piano Nazionale Industria 4.0’ con tutte le opportunità per le imprese, si è sviluppato l’argomento del Controllo e Risparmio Energetico. Se consideriamo che le misure fiscali agevolative per le imprese previste dalla Legge rappresentano una leva formidabile per la modernizzazione e la trasformazione tecnologica, occorre anche considerare il controllo continuo dei consumi energetici che permette di evidenziare alcuni malfunzionamenti delle macchine in attività produttiva. Infatti, se si evidenzia che la macchina inizia a consumare di più, ovvero richiede maggiore energia a parità di funzionamento, ciò significa che occorre eseguire un ‘tagliando manutentivo’, esattamente come facciamo con la nostra automobile.


di Sergio Facchini

L’Ordine nazionale degli ingegneri ha già organizzato alcuni incontri presso le sedi regionali di Genova, Torino, L’Aquila e Trento. Poiché il risultato di tali incontri è stato di successo, per ora è stato messo in programma la ripetizione al più presto anche a Padova, Milano e Roma. Luca Guido Mongiovì, esperto di gestione energetica, ha aperto le presentazioni e spiegato l’efficienza energetica nel contesto normativo italiano ed europeo.

Efficienza energetica: opportunità e obblighi Fornendo tutte le informazioni e spiegazioni sulle vigenti normative, Mongiovì ha elencato e messo in risalto anche quelle che, seppure già esistenti, non sono ancora recepite e applicate in Italia. Nino di Franco, direttore di ricerca dell’Agenzia nazionale per l’efficienza energetica, ha spiegato invece le Linee Guida ENEA per il settore industriale che sono state solo recentemente pubblicate e descrivono il criterio che ogni industria entro il 2019 deve/dovrà adottare per misurare, dichiarare e certificare i consumi energetici eseguendo innanzitutto una “diagnosi energetica” espressa dalla vigente normativa D.Lgs. 102/2014. L’obiettivo è quello di programmare correttamente e pianificare gli interventi necessari nel

rispetto della Legge e arrivare preparati alla presentazione delle certificazioni nel 2019. Ma tutto questo, ragionando in euro e non solamente in kW di consumo, permette una reale miglioria economica di risparmio immediato poiché attualmente, oltre alle agevolazioni fiscali e regionali offerte dalla Legge di Stabilità 4.0, con l’applicazione di tali sistemi di rilevamento e controllo è possibile già nel primo anno il rientro dell’investimento necessario con la possibilità di risparmio ulteriore sulla bolletta energetica. Luigi Aurelio Borghi, amministratore della Didelme Sistemi, ha fornito le informazioni sulle finalità dell’inserimento nella realtà industriale di un sistema di monitoraggio in continuo non solo dei consumi delle fonti energetiche (elettricità, gas, acqua, vapore, aria compressa ecc.) ma anche dei parametri che ne contestualizzano l’utilizzo con la produzione. Daniela Greco, leader MES Solutions della Didelme Sistemi, ha poi attirato l’attenzione su una dimostrazione pratica: un esempio delle modalità di inserimento di un sistema integrato di monitoraggio dell’energia applicato su delle esistenti macchine di produzione collegate via Internet, in reale attività in un importante stabilimento in Italia.

ilPoliGrafico 178•17

eventi

Nuovo sistema, di apertura a strappo, una soluzione unica nella categoria delle carte per l’ufficio

SEMPLICE EFFICACE SICURO

New product of the year, EOPA 2016

Rey, semplicemente efficace

83


ilPoliGrafico 178•17

eventi

Professione finishing, esperti in qualità Questo il filo conduttore dell’open house organizzata da Multi Import lo scorso maggio nella propria sede. Un successo sancito dalla partecipazione di oltre 60 società.

84

Varcando la soglia del grande spazio che ospitava l’evento si aveva la percezione di essere nel cuore di un moderno processo di finishing dei documenti, con una serie di isole produttive collegate tra loro attraverso le applicazioni. In prima linea le soluzioni della CP Bourg: la brossuratrice completa dell’alimentatore Book Loader sfornava libri fresati in PUR e block notes in modalità padding. I libri sono stati stampati in 2 up a bobina e quindi tagliati e preparati dal sistema Muller 6500. Il taglio finale dei libri veniva effettuato sul trilaterale Challenge nella configurazione near-line con book pile feeder e stacker verticale. In antprima italiana è stata presentata la versione TC, touch screen intuitivo a icone, scanner 1d/2d per set up automatico delle misure e prestazioni incrementate. Il sistema bookletmaker BME completamente automatico nella versione full optional Dual Mode (soluzione combinata in line e off line) era integrato con la macchina da stampa digitale PRO C9100 della Ricoh, partner tecnologico della manifestazione. Estremo interesse ha suscitato nei clienti il sapere che tutte le soluzioni di brossura e punto metallico CP Bourg sono certificate dai principali fornitori di stampa digitale e che il flusso di lavoro viene gestito dal protocollo JDF. In bella mostra anche il cuci-piega-rifilo Powersquare 224 della Watkiss - disponibile in versioni off line, near line e in line - che produceva manuali a punto metallico con uno spessore sino a 224 pagine con un perfetto dorso quadro. Di grande effetto lo spazio de-

I rappresentanti di primarie aziende grafiche e di centri stampa digitale erano presenti all’open house Multi Import.

dicato ai tre sistemi Baciottini: cordonatura, perforazione e piega degli stampati a 3 e 4 ante sino a 400 e 600 grammi. I clienti hanno potuto toccare con mano tutte le attrezzature: la laminatrice Foliant modello Vega 530A, il sistema di piega con set up da pannello touchscreen MB Prestige 52/6/4 con un’applicazione farmaceutica e carta da 40 grammi, i due modelli multifunzione Uchida Prime e One con svariate applicazione quali coupon, bigliettini da visita, flyer e calendari. Non potevano mancare le altre attrezzature entry level: le brossuratrici semi-automatiche Micra e Adventure che offrono la possibilità di utilizzare colle PUR o hot melt (Eva) secondo le esigenze, il trapano mono testa manuale e a 2 teste elettrico per i fori archivio, arrotonda angoli, la cordonatrice manuale con programmazione digitale. Una parte dello showroom era dedicato alle soluzioni per il packaging di Multi Import: fascettatrici ATS, alimentatori Koera Packmat, confezionatrici Minipack, legatrici Agor, attrezzature che permettono all’azienda di Rozzano (MI) di inserirsi in mercati alternativi ma molto importanti come l’alimentare, il farmaceutico e quello dei grandi costruttori e integratori OEM.


Aspettando Print4All 2018...

Articolato lungo le tre verticali dedicate alla stampa commerciale-editoriale (Grafitalia), package printing (Converflex) e labelling/industrial printing (Inprinting), il grande evento si propone di diventare la rassegna di riferimento del Sud Europa e del bacino del Mediterraneo. Il format innovativo non si esaurisce nell’offerta fieristica, bensì prevede un’intensa attività per offrire contenuti, anche questi secondo un format nuovo e studiato per dare la possibilità al visitatore di ottimizzare la propria permanenza in fiera, alternando gli incontri sugli stand degli espositori con gli approfondimenti che saranno fruibili grazie a seminari e convegni a tema, della durata massima di 25 minuti, mirati a offrire spunti di riflessione sul futuro delle tecnologie per la comunicazione stampata. Ulteriore obiettivo di Print4All è quello di creare una serie di incontri conviviali con aperitivo a fine giornata sul futuro della comunicazione, presieduti da personaggi di spicco del settore conosciuti a livello internazionale, pensati per generare momenti di networking tra i partecipanti. Sono previsti anche progetti speciali a cura delle associazioni di categorie, come Acimga e Argi, indirizzati sia agli espositori sia ai visitatori. Tra questi Printmat, un’area situata in una posizione centrale di Print4All che ospiterà lavori in grado di dimostrare come – abbinando nuove tecnologie, supporti e consumabili tradizionali e non – si possano ottenere risultati

ilPoliGrafico 178•17

eventi

Print4All – che si terrà dal 29 maggio all’1 giugno 2018 presso Fiera Milano – rappresenta un’innovativa piattaforma di business indirizzata a una comunità allargata che comprende tutta la filiera della stampa.

del tutto inediti a “effetto wow”. Le applicazioni che verranno presentate in questa sezione della mostra, dunque, rappresentano esempi concreti di processi che permettono di ottenere tanto la nobilitazione e personalizzazione di supporti tradizionali come la carta quanto gli inimmaginabili risultati dell’ultima frontiera del “Print of Things”. In gioco, supporti e applicazioni di tutti i tipi e settori: elementi d’arredo, textile per capi di abbigliamento o accessori moda in pelle, prodotti che fino a poco fa non si poteva neppure immaginare di stampare, come i pannelli fotovoltaici… Qui il pubblico potrà, quindi, esplorare insolite soluzioni, proposte creative, abbinamenti inusuali, effetti particolari che permettono di distinguere la comunicazione visiva e l’immagine di prodotto senza dimenticare l’ambiente. Tra gli altri progetti speciali figura Print4All per le scuole, un progetto didattico-formativo che punta a fare da trait-d’union tra il mondo della formazione e quello professionale, anche in un’ottica di alternanza scuola-lavoro. Il progetto, dedicato agli studenti degli istituti di Grafica del 4° e 5° anno, sarà completato da percorsi di visita tematici guidati. Infine, un’attenzione particolare verrà data alla quarta rivoluzione industriale con il progetto Print4All Industry 4.0, finalizzato ad aiutare le aziende grafiche a “ragionare” in ottica 4.0 nell’ambito di processi aziendali già avviati e consolidati, oltre naturalmente a beneficiare dei vantaggi fiscali consentiti.

85


Se potessi migliorare la tua attività con tecnologie che nessun altro possiede, non lo faresti? A Labelexpo Europe 2017 scoprirai tecnologie di stampa di etichette e imballaggi mai viste prima. Osservale in azione. Migliora il tuo parco macchine, la tua efficienza e la tua velocità d'immissione sul mercato. Visita la fiera per eccedere di gran lunga le aspettative dei tuoi clienti, superando i concorrenti che incontrerai sulla strada. | 4 GIORNI | 9 PADIGLIONI | 600 ESPOSITORI | AUTOMATION ARENA | LINERLESS TRAIL | LABEL ACADEMY MASTER CLASSES | INKS, COATINGS & VARNISHES WORKSHOP

PARTI ALLA GRANDE, PRENOTA OGGI I TUOI BIGLIETTI A:

WWW.LABELEXPO-EUROPE.COM


ilPoliGrafico 178•17

stampa

Etichette stampate in Led Uv Grafica Artistica Meridionale, costituita nel 1977, celebra 40 anni di attività con una nuova KBA 106 a 8 colori In un moderno complesso industriale di 6.000 m2 coperti, ubicato in posizione strategica a Roccapiemonte, in provincia di Salerno, ha sede la Grafica Artistica Meridionale (GAM), azienda di stampa all’avanguardia, leader nel suo settore, specializzata nella produzione di etichette offset e flexo e packaging alimentare. Il presidente Giovanni Rainone, coadiuvato da Antonio D’Amico e Salvatore Lambiase – azionisti impegnati sia nella gestione finanziaria e amministrativa che nel controllo della produzione – coordina uno staff di 60 collaboratori, producendo un fatturato di 14.500.000 euro all’anno. La produzione di GAM, che si avvale di tecnologie innovative di alto livello qualitativo, si basa principalmente sulla stampa di etichette tradizionali e adesive e di packaging per il settore food e beverage, tipico dell’economia locale che vede una forte concentrazione di aziende conserviere, pastifici, oleifici, sorgenti di acque minerali e alimentari in genere. Tra i numerosi clienti, ubicati anche in altre aree del territorio nazionale, spiccano alcuni marchi di importanza come Coca Cola HBC Italia, Conserve Italia, Doria SpA, Feger SpA, Attianese SpA, Acqua Lete SpA. Una clientela esigente, cui GAM è orgogliosa di offrire un servizio di stampa a ciclo completo svolto internamente, dalla progettazione grafica al prodotto finito, passando per le fasi di prestampa, incisione

delle matrici di stampa, stampa, finiture speciali, fustellatura, taglio, allestimento e confezionamento. Le capacità tecnologiche di cui l’azienda dispone consentono di far fronte a volumi produttivi alti in tempi rapidi e di garantire la massima qualità attraverso un sistema di informazione gestionale che controlla l’intero processo in tutte le sue fasi, come attestano anche le certificazioni ISO 9001 sugli standard di processi e qualità e 14000 e 14001 sulla gestione ambientale. Fondata nel 1977, GAM celebra quest’anno 40 anni di attività di successo. Non c’era migliore occasione per intraprendere un nuovo progetto di sviluppo del potenziale produttivo che prevede, oltre all’introduzione di una nuova linea di fustellatura e incollaggio per il packaging, l’acquisto di una nuova macchina da stampa offset a foglio della KBA, azienda per cui GAM è da sempre un cliente di riferimento. La scelta si è orientata su una KBA Rapida 106 a 8 colori, con formato lastra 795x1.060 mm e produttività particolarmente alta, pari a 18.000 fogli/ora. La configurazione scelta da GAM comprende l’unità di ver-

La KBA Rapida 106 a 8 colori scelta da GAM include un’unità di verniciatura in linea.

niciatura in linea per vernici Uv, Led Uv e acrilica convenzionale, l’essiccazione sia Uv che Led Uv e il sistema di laminazione a freddo. Oltre a questo, la Rapida 106 della KBA è caratterizzata da sistemi automatici di alta qualità in termini spettrofotometrici, densitometrici e di controllo del registro. Prima installazione nell’ Italia meridionale con questo tipo di configurazione, ma anche una delle prime che applica un sistema a Led Uv alla produzione di etichette anche a tecnologia in-mould, la nuova macchina da stampa sarà installata nel prossimo mese di novembre, in sostituzione di una precedente KBA a 6 colori. Una scelta di continuità attraverso la quale GAM riconosce e premia il livello tecnologico e il supporto al cliente, garantiti da KBA in molti anni di rapporto commerciale.

87 87


ilPoliGrafico 178•17

Spazio ecologia Associazioni Prodotti Trend Mercati Imballaggi Ambiente Op

Il packaging di lusso e cosmesi? Deve saper cambiare forma. Fuori e dentro

Non è un comune prodotto per la pulizia della casa... ma un profumo di Moschino. Il sorprendente contenitore è però all’interno di un packaging dalla classica eleganza.

di Laura Barreiro Sustainability and Stakeholders Engagement Manager, Europe – Asia Pulp & Paper Group (APP)

Anche se può sembrare che il packaging non sia al primo posto tra i fattori maggiormente discussi in relazione al valore della marca, è dimostrato che cambiamenti anche minimi possono fare davvero la differenza quando si tratta di esperienza di utilizzo. Un assunto particolarmente vero quando si parla di imballaggi per il segmento del lusso. Quali sono le tendenze in atto nel settore? Ce lo possono dire solo i gusti dei consumatori, naturalmente, vera bussola per tutti gli operatori della filiera. Il prodotto è sempre più portatile, la confezione deve stare al passo. Secondo l’agenzia pubblicitaria globale J. Walter Thompson, che ha condotto un’attenta riflessione sul segmento all’indomani del Luxe Pack di New York, tre sono gli elementi chiave nel comparto: introduzione di elementi di innovazione nel settore lusso, globalizzazione del design dell’imballo del prodotto e attenzione ai formati adatti al viaggio e in generale al movimento. Lo stile di vita del consumatore medio è sempre più improntato alla praticità, e anche le confezioni sono chiamate a rispondere in maniera adeguata a questa nuova esigenza. Si assiste, quindi, alla necessità di un’apertura sempre più semplice di tutti i tipi di flaconi, con solo il gesto di una mano, e soprattutto a una riduzione drastica delle loro dimensioni. Si tratta di una tendenza nata inizialmente dall’esigenza di non rinunciare in viaggio ai prodotti per la cura della persona preferiti, nonostante le stringenti regole di controllo aeroportuale. La praticità di utilizzo è una diretta conseguenza di questa esigenza primaria. Se, quindi, pochi marchi hanno inizialmente intercettato questo bisogno di confezioni che si adattino alle dimensioni di un bagaglio a mano, adesso assistiamo all’offerta di questo


ilPoliGrafico 178•17

pinioni Aziende Studi Premi Trend Legislazioni Certificazioni Spazio Ecologia

tipo di prodotto da parte di tutti i brand del beauty e della cosmetica. Non solo dimensioni ridotte e praticità di utilizzo: i consumatori chiedono anche un’attenzione particolare, in generale, all’ergonomia del packaging. L’interazione tattile dell’utente con il prodotto, infatti, può alterare, in positivo o in negativo, l’impressione iniziale nel consumatore. Quando si tratta di prodotti cosmetici, per esempio, diventa strategico che il flacone sia facile da stringere con una sola mano, senza generare movimenti innaturali per l’applicazione.

Quando la forma può essere davvero tutto

“Ben il 90% della crescita del settore è a carico di tre tipologie comportamentali: gli Absolute Luxurer, i Megacitier e i Social Wearer”.

Un noto marchio di prodotti per la cura del corpo, tuttavia, ha recentemente mostrato che la forma della confezione ha un potere essenziale non solo nel trasmettere valori di praticità di utilizzo, ma anche nel suggerire un ordine superiore di qualità del prodotto stesso. Lo ha fatto con le “bottiglie della vera bellezza”, flaconi dei prodotti di ogni forma e dimensione, che ricordano le varie tipologie di forme corporee delle donne che le utilizzano. C’è, allora, la bottiglia alta e slanciata, quella a forma di clessidra, quella con i fianchi generosi. Una testimonianza in più dell’attenzione che tale marchio da sempre riserva alle peculiarità del corpo femminile e alla valorizzazione della vera bellezza, che non ha una sola forma, ma molteplici. In questo caso, quindi, la forma del contenitore con cui il prodotto si presenta riesce a condensare elementi fondanti della mission del brand, che regala ad ogni donna

la possibilità di sentirsi bella, talmente bella da poter utilizzare ogni giorno un flacone a propria immagine e somiglianza.

Una sfida per i produttori di imballi e materie prime Restare al passo con le necessità del consumatore, soprattutto in un settore esigente e attento come quello del beauty di lusso, non è di certo semplice per i produttori di materie prime e imballi. Quello che si richiede ai prodotti è, innanzitutto, un’estrema flessibilità di utilizzo, che si deve però coniugare con l’esigenza di bellezza estetica, nonché di praticità. Una sfida che, tuttavia, siamo e dobbiamo essere pronti ad accettare: secondo una ricerca da noi commissionata a Smithers Pira, il mercato globale per il packaging di beni di lusso è previsto in aumento del 19% entro il 2019, raggiungendo volumi pari a 17,6 miliardi di dollari. Le aspettative di crescita del settore sono stimate in media del 4,4% all’anno fino al 2019, con tassi di crescita di circa il 3% annuo in Europa occidentale e in Nord America, del 6% nell’area Asia-Pacifico, fino al 9% in America Latina. Sostenibilità: un valore imprescindibile Il recente studio di Altagamma in collaborazione con The Boston Consulting Group ‘True-Luxury Global Consumer Insight’ è molto utile per capire a chi ci rivolgiamo quando parliamo ai consumatori del segmento lusso. Secondo il rapporto, ben il 90% della crescita del settore è a carico di 3 tipologie comportamentali: gli Absolute Luxurer, i Megacitier e i Social Wearer. Se i primi sono coloro che spendono di più per tali prodotti, raffinati ed eleganti, che contano per il 27% dei consumi totali, e i secondi sono Millenials residenti nei grandi centri urbani, alla moda, con un peso pari al 17% dei consumi totali, i cosiddetti Social Wearer sono particolarmente interessanti perché caratterizzati dall’attenzione alla sostenibilità sociale e ambientale.

89


12/2015_n.46 12/2015_n.46

Sede e stabilimento: via Martiri di Boves 4 - 20871 Vimercate (MB) tel. 039 6856001 fax 039 2124916 e-mail info@pflitover.com sito web www.pflitover.com


ilPoliGrafico 167•16

“Dimensioni ridotte e praticità di utilizzo le principali richieste dei consumatori di oggi”

È proprio a questo segmento, al quale afferisce il 7% dei consumi totali nel lusso, che noi di APP pensiamo di riuscire a dare le risposte più adeguate. Aggiungiamo, allora, un altro aggettivo all’elenco delle caratteristiche che il packaging ideale per il segmento del lusso deve avere: deve essere versatile, bello, pratico e sostenibile. Un’altra caratteristica che non può che partire dalle materie prime utilizzate nel processo di ideazione e di realizzazione delle confezioni. Noi di Asia Pulp & Paper siamo convinti che tutti questi aggettivi possano convivere e tutte queste esigenze possano essere soddisfatte in un unico prodotto. Da sempre riserviamo un’attenzione particolare al segmento del lusso e della cosmetica, offrendo materie prime belle, versatili e pratiche. A questo comparto dedichiamo Sinarvanda, linea di imballo caratterizzata dalla resa di contrasto di colore e dalla vivacità delle cromature, oltre che dalla nitidezza delle immagini stampate. Ma anche Savvicoat, un prodotto SBS patinato su entrambe le superfici, progettato specificamente per la realizzazione di prodotti premium e di confezioni di altissima qualità. O ancora Ningbo Star, cartoncino prodotto da APP in Cina, che offre in entrambe le superfici un ottimo punto di bianco, oltre a un eccellente livello di lucido, elevato spessore e rigidità, con superficie vellutata su entrambi i lati; tutte caratteristiche che rendono il prodotto particolarmente apprezzato nell’alta moda. E poi Nevia Plus, che soddisfa il mercato di alta qualità della stampa off-print e nel contempo risponde alla domanda di carta prodotta con fibre riciclate – proprio dal riciclo deriva circa il 50% del contenuto dei prodotti di questa linea. Che il segmento del lusso sia finalmente sensibile alla sostenibilità del packaging è un grande traguardo. Notiamo che è proprio il segmento dell’alto di gamma a dettare tendenze generali che spesso vengono recepite e accolte anche al livello dei prodotti di massa in un secondo tempo. È proprio nel segmento del lusso, quindi, che secondo noi potranno essere sviluppate soluzioni innovative di imballo, che verranno messe inizialmente a disposizione dei consumatori con capacità di acquisto maggiore, per poi essere sdoganate e massificate. La sfida per noi produttori di materie prime sarà mettere a disposizione il meglio della nostra ricerca & sviluppo per fornire soluzioni all’avanguardia, che sappiano fornire risposte concrete agli esigenti utenti del segmento.

WE EMBODY PRINT La stampa è nel DNA di Agfa Graphics. La viviamo e la respiriamo. 150 anni con lei e ora, non solo sviluppiamo soluzioni sostenibili per la stampa offset e inkjet, ma anche prodotti per nuovi mercati e applicazioni, come lo smart packaging, l’anticontraffazione e la stampa industriale. Il nostro unico obiettivo? Creare valore per voi!

91

www.agfagraphics.com


ilPoliGrafico 178•17

materiali

Cento anni di Manifattura del Seveso Ha cambiato molte pelli dal 1917 a oggi. Da sempre attiva nel settore tessile, Manifattura del Seveso è stata protagonista di diverse trasformazioni, che l’hanno vista spaziare dal trattamento dei tessuti tecnici alla produzione di tele per legatoria. Fino a specializzarsi nella fornitura di tessuti di pregio per la comunicazione e il packaging nei settori dell’alto di gamma.

Cento anni di attività e non sentirli. Manifattura del Seveso si prepara a celebrare un secolo di storia nell’industria tessile, vissuto sull’onda di una continua evoluzione nel segno dell’innovazione tecnologica e della differenziazione del core business produttivo e dei mercati di riferimento. Dal trattamento di tessuti tecnici alla produzione di abrasivi flessibili fino alla realizzazione di tele per legatoria, la peculiare propensione a cambiare pelle seguendo la trasformazione del mercato e della domanda ha portato Manifattura del Seveso – oggi guidata dalla quarta generazione – ad affermarsi quale fornitore di primo piano nel mondo della comunicazione visiva e del packaging del lusso e della moda – Armani, Christian Dior, Cartier, Tiffany, Moleskine sono solo alcuni dei big brand clienti dell’azienda. E a conquistarsi una proiezione internazionale.

Cento e una pelle Fondata nel 1917 da Giuseppe Mosca come tintoria, Manifattura del Seveso fu la prima in Italia a trattare tessuti per usi tecnici. La produzione si concentrò in quei primi anni sui teloni per le coperture dei mezzi di trasporto – treni e camion. La spinta verso il rinnovamento si manifestò fin dall’inizio: nel 1922 gli impianti di produzione furono trasferiti in una

nuova sede operativa a Cusano Milanino, mentre al trattamento dei tessuti venne affiancata la produzione di abrasivi flessibili. Fu negli anni successivi alla seconda guerra mondiale che venne introdotta l’attività della legatoria, una scelta strategica sia dal punto di vista operativo, in quanto variazione del trattamento dei tessuti, sia dal punto di vista del mercato, laddove il riscontro positivo portò a una crescita progressiva del fatturato e del numero dei clienti. Negli anni Novanta – sotto la guida di Franco Bologna, attuale amministratore delegato – Manifattura del Seveso intraprese una ulteriore trasformazione. La decisione di dedicarsi completamente alla produzione di tele per legatoria fu accompagnata dal trasferimento nello stabilimento di Osio Sotto, in provincia di Bergamo, e dal totale rinnovamento degli impianti di produzione. E sempre in quegli anni iniziò l’espansione internazionale, che ha portato l’azienda a operare in 42 Paesi, tra Europa, Stati Uniti e Asia. Attualmente, la legatoria rappresenta il 95% dell’attività di Manifattura del Seveso, mentre il restante 5% afferisce alla produzione di materiali per isolamento nel settore edile, un mercato nuovo al quale l’azienda si è recentemente affacciata e l’ennesima sfida intrapresa.

di Paola Bonfanti

92


“la tela nasce come materiale pregiato e di nicchia, dal grande potenziale applicativo. e noi abbiamo saputo differenziarne la sfera di utilizzo”

N

Come si presenta Manifattura del Seveso all’appuntamento con il proprio centenario? Con 7 milioni di euro di fatturato e 25 dipendenti, l’export pari al 40% del giro di affari complessivo e un nuovo business in fase di partenza, l’azienda è un player internazionale di primo piano nel mondo del lusso. E proprio il focus sul lusso riflette l’ennesima trasformazione di Manifattura del Seveso, che da un ambito librario ed editoriale più classico – con volumi di pregio, enciclopedie, corporate book – ha ampliato il focus in direzione della comunicazione e del packaging per i mercati dell’alto di gamma. “La nostra capacità di cambiare rimane la stessa. Del resto, la tela nasce come materiale pregiato e di nicchia, ma dal grande potenziale applicativo. E noi abbiamo saputo differenziarne la sfera di utilizzo, spingendola verso mercati differenti, soprattutto nell’ambito della co-

municazione di alto livello”, spiega Francesco Vaia, consulente marketing e immagine dell’azienda. Dai cataloghi alle scatole, agli shopper per i brand della moda, passando per inviti, libri e agende – non da ultime quelle di Moleskine: è su queste applicazioni luxury che Manifattura del Seveso spinge l’utilizzo dei prodotti di punta, Cialux® e Setalux®, sviluppati per offrire la massima qualità nella realizzazione di effetti speciali. “Tutti i nostri prodotti garantiscono una resa ottimale della stampa offset a caldo e della serigrafia, un fattore che consente di esaltarne ulteriormente la peculiarità estetica”. E non manca nemmeno l’attenzione per la stampa digitale: “Mantenerci al passo con l’evoluzione tecnologica è una priorità. Per questo, stiamo sperimentando e testando materiali in grado di offrire la massima resa anche con il digital printing”, racconta Vaia. Tecnologia di ultima generazione al servizio di un’azienda dal know how centenario, questo il mix vincente alla base della storia di Manifattura del Seveso. “Per celebrare questo primo traguardo, abbiamo prodotto un volume raffinato – cartonato, con copertina e risguardi rivestiti in tela e inserti e quartini in tela: nelle 250 pagine raccontiamo – con testi, interviste e fotografie – i primi cento anni dell’azienda, mettendo in luce tutte quelle peculiarità che ci hanno consentito di costruire una realtà di successo”. I

Un 2017 di lusso

ilPoliGrafico 178•17

materiali

n apertura e qui sopra, immagini tratte dal raffinato volume che celebra i cento anni di storia di Manifattura del Seveso. In alto, il bel catalogo che presenta le tante tele preziose per avvolgere il sapere e vestire il lusso dell’azienda.

ello stabilimento di Osio Sotto, in provincia di Bergamo, Manifattura del Seveso ha concentrato la produzione delle preziose tele per la legatoria e il packaging.

93


Il mondo della stampa ha una nuova prospettiva. Da tutte le angolazioni.

More than the sum of the parts.

Fiera Milano, Rho 29 Maggio - 1 Giugno, 2018

w w w. p r i n t 4 a l l . i t

I tre mondi della stampa al servizio dell’industria hanno molto in comune. Da oggi, anche una grande esposizione. Print4All riunisce tre marchi prestigiosi di fiere del settore e offre alle aziende una vetrina ancora piÚ ampia per incrociare target trasversali e creare nuove sinergie. Un evento unico, che interpreta le sfide di un mercato in continua evoluzione e le trasforma in opportunità di business. Un progetto di

Print4All fa parte di


ilPoliGrafico 178•17

stampa offset

Il carattere della stampa Da carto-libreria a realtà industriale, passando per tre generazioni. Questa è Arti Grafiche Alpine, che ha recentemente investito in una Komori molto particolare, la prima in Italia con tecnologia trivalente. Arti Grafiche Alpine è un’azienda storica, nata più di 100 anni fa e, oggi, guidata dalla terza generazione della famiglia Tagliabue. Fondata all’inizio del ‘900 da Giuseppe Tagliabue, nasce come carto-libreria a Busto Arsizio, in provincia di Varese, e si distingue per la qualità eccellente della sua produzione, grazie al laboratorio di legatoria interno. Successivamente, con l’entrata della seconda generazione, la bottega-laboratorio si trasforma in tipografia e, nel ’68, diventa una realtà industriale a tutti gli effetti, con la denominazione di Arti Grafiche Alpine. “Da sempre”, ci spiega Italo Tagliabue, terza generazione e titolare della società, “abbiamo avuto come unico obiettivo quello di rispondere a ogni esigenza dei nostri clienti. Una missione alla quale, nel corso del tempo, abbiamo tenuto fede con la professionalità, la cura dei dettagli, l’operosità e le capacità creative di collaboratori e dipendenti che hanno contribuito con il loro impegno alla crescita dell’azienda. Il resto lo hanno fatto gli investimenti in tecnologie sempre più moderne alle quali ci siamo affidati”. La tipografia è dunque cresciuta e negli anni si è sviluppata e ampliata, grazie ad acquisizioni di immobili. Con 31 dipendenti e un’area industriale di oltre 2.000 metri di proprietà, Arti Grafiche Alpine opera su un ciclo produttivo completo, che le permette di fornire

lo stampato finito, dalla progettazione alla logistica. L’offerta prodotti va dalla stampa commerciale al packaging di lusso, e tocca la stampa su materiali plastici, il finishing e lavorazioni speciali a elevato valore aggiunto. Non manca naturalmente la possibilità di stampare in digitale, che consente la realizzazione di soluzioni esclusive e personalizzate. Ma non è tutto. L’azienda ha infatti una sister-company, Pentagraf, che realizza prodotti cartotecnici ed espositori destinati a grande distribuzione, farmaceutica e cosmesi, mercati a elevato valore aggiunto. Situata a Bernate Ticino, lavora sia su progettazione che stampa e realizzazione degli espositori, che restano ancora prodotti a elevato margine.

Komori, una scelta vincente Nel 1979 Arti Grafiche Alpine investe nella prima macchina da stampa offset, una monocolore, e

dal ’79 in poi, anno d’ingresso in azienda di Italo, gli investimenti si susseguono a ritmo incalzante. “La prima 5 colori, una 50x70, è arrivata nel 2000”, ricorda Tagliabue, “seguita nel 2003 dalla prima 5 colori 70x100. Nel 2008 abbiamo investito nella prima 5 colori più spalmatore e in questo excursus tecnologico arriviamo alla fine del 2013, quando portiamo a termine l’investimento in una Komori, successivamente upgradata con la tecnologia H-UV. Ci siamo resi conto che la macchina, pur senza spalmatore, era in grado di garantire lavori di elevata qualità senza necessità di verniciare”. La grande svolta arriva quest’anno, quando l’azienda decide di investire in una nuova Komori 6 colori più vernice, l’unica in Italia con tecnologia trivalente, dove H-UV, UV e vernici tradizionali convivono sulla medesima macchina.

Italo Tagliabue, titolare di Arti Grafiche Alpine, rappresenta la terza generazione dell’azienda, che ha da poco investito in una Komori Lithrone 6 colori più vernice, l’unica in Italia con tecnologia trivalente (H-UV, UV e vernici tradizionali).

95 95


ilPoliGrafico 178•17

viscom

La rivoluzione del punto vendita passa dalla stampa Il punto vendita in tutte le sue sfaccettature sarà uno dei temi centrali della prossima edizione di Viscom. Come tradizione si terrà anche quest’anno il DIVA Display Italia Viscom Award, ma l’evoluzione di questo mercato sarà anche al centro di due seminari dedicati.

96

I cambiamenti radicali che il punto vendita sta vivendo richiedono risposte adeguate che gli stampatori sono pienamente in grado di offrire. Il mondo del punto vendita sta vivendo negli ultimi anni cambiamenti che possono tranquillamente essere definiti epocali. Un tempo l’allestimento degli spazi espositivi veniva fatto a intervalli regolari e restava tale per mesi – se non addirittura per anni. I brand owner non concepivano ancora il packaging del prodotto come qualcosa di fondamentale per attirare il cliente e distinguersi dalla concorrenza. L’interattività col mondo digitale era praticamente non esistente. Più in generale, era l’idea stessa del punto vendita a essere differente. Oggi, per contro, la velocità con cui i punti vendita devono mutare è diventata frenetica, in alcuni casi a ritmo settimanale – basta pensare al cambio vetrine dei negozi di fast fashion per rendersene conto. La personalizzazione non è più un optional per occasioni speciali, è la regola per riuscire a mantenere un proprio share di mercato. Lo stesso ruolo ha il

packaging, un prodotto che non catturi immediatamente l’attenzione dell’utente è destinato a restare sullo scaffale per lungo tempo, forse per l’intero suo ciclo di vita. Ancor più rilevante, è cambiato il cliente. Oggi la gente è abituata a passare senza soluzione di continuità dal mondo fisico a quello digitale e viceversa. Guarda online e poi compra nei negozi, entra nei punti vendita per farsi un’idea e poi cerca alternative in rete, si aspetta che un poster o un’etichetta rappresentino una porta fra i due mondi e non siano solamente un pezzo di materiale. O forse non se lo aspetta, lo pretende perché ha visto che da qualche parte nel mondo qualcuno lo ha già fatto. Si tratta di una sfida continua, che coinvolge i brand owner, i gestori dei punti vendita, i designer, gli architetti, le agenzie di comunicazione. Tutti personaggi che, messe sul tavolo necessità e idee, hanno bisogno di qualcuno che sappia rispondere alle loro esigenze in maniera adeguata. Ovvero hanno bisogno degli stampatori. Versatilità, personalizzazione, qualità, resistenza

Lo spazio dedicato alle soluzioni che concorrono al DIVA Display Italia Viscom Award in una delle precedenti edizioni di Viscom.


ilPoliGrafico 178•17 167•16

di Federico Zecchini

possono, ad esempio, realizzare soluzioni espositive sia durevoli che non in tantissimi materiali diversi, implementare impianti di digital signage, fornire consulenza sul miglior modo per riadattare un ambiente destinato a negozio, creare

all’ambiente, rapidità, crossmedialità: c’è forse qualcosa di questo elenco a cui la stampa non sappia egregiamente rispondere? Ovviamente no e, anzi, non è affatto raro che stampatori e produttori di sistemi di stampa siano già un passo avanti al mercato e che dispongano di soluzioni per risolvere problemi che i loro interlocutori ritengono irrisolvibili. Ci sono stampatori che hanno diversificato a tal punto la propria offerta da essersi evoluti in fornitori di servizi a tutto tondo:

canali online i cui punti d’accesso sono situati in materiale stampato – e pensare al semplice QR Code è decisamente riduttivo. Al centro di tutto c’è, ovviamente, la stampa, declinata in tutte le sue tecnologie. Una stampa che è a sua volta in costante evoluzione, che amplia ogni giorno le proprie possibilità in termini di materiali, inchiostri, nobilitazione, velocità produttiva, automazione, qualità. Una stampa che guida i trend di settore e che intende fortemente continuare a stupire.

Gli appuntamenti Viscom per il P.O.P. Dal 12 al 14 ottobre torna l’appuntamento dedicato ai professionisti della comunicazione visiva: Viscom Italia. La fiera, oltre a presentare in anteprima le tecnologie e le applicazioni del settore, darà spazio alle soluzioni del punto vendita in tutte le sue sfaccettature: dai materiali innovativi ai display più creativi. Gli espositori per il punto vendita, i display promozionali e la duttilità dei materiali continuano a rappresentare un mezzo di comunicazione molto utilizzato ed efficace per tutte le aziende che vogliono promuovere nuovi prodotti, articoli, sconti speciali e diffondere un messaggio pubblicitario diretto e immediato. Questi supporti vengono progettati proprio per attirare l’attenzione dei singoli clienti e quindi il loro impatto visivo è determinante. Al settore del P.O.P. Viscom Italia dedica il concorso DIVA Display Italia Viscom Award, arrivato alla sua 7a edizione. L’obiettivo è quello di premiare le migliori soluzioni espositive nelle seguenti categorie in gara: soluzioni espositive durevoli, soluzioni espositive non durevoli, dispositivi di Digital Signage, Packaging, Vending, Shop Fitting. Il contest promuoverà creatività e tecnica, innovazione e design al pubblico di Viscom Italia: trade marketing manager, agenzie pubblicitarie e di comunicazione, studi grafici. Le opere saranno votate dai visitatori e da una giuria di esperti. La premiazione si terrà venerdì 14 ottobre alle ore 16.00. Viscom Italia propone anche due talk per rivelare le evoluzioni del punto vendita, favorire nuovi linguaggi di comunicazione e spunti di riflessione per rispondere ai bisogni del moderno consumatore. Giovedì 12 ottobre Marco Zanardi, Realta Group, parlerà di Retail 4.0. Design, Tecnologia, Cliente: come integrarli per una customer experience di successo. I mercati sono sempre più esigenti e i clienti finali sempre più attenti ma al contempo pigri e abitudinari. Nell’era della complessità Per ricevere servono approcci multidisciplinari, il biglietto contenuti rilevanti, semplicità per d’ingresso a attirare l’attenzione dei clienti e coViscom Italia 2017 struire con essi una connessione vai sul sito emotiva e interiore. Punto focale la www.viscomitalia.it customer experience che rappresenta la somma delle esperienze, utilizza emozioni e ricordi che un cliente il codice invito ha maturato nella sua interazione 6618519745 con il brand in tutte le fasi del suo ciclo di vita. Il cliente sviluppa consapevolezza, esprime un bisogno, scopre i prodotti e servizi che lo soddisfano, è attratto da questi ultimi, matura aspettative verso il brand, interagisce con esso attraverso svariati punti di contatto e molteplici canali. Venerdì 13 ottobre Fabrizio Valente (Kiki Lab) esplorerà le Innovazioni nel Retail al mondiale. Il Retail Observa® di Kiki Lab è un osservatorio che si arricchisce costantemente di informazioni e analisi mondiali, mettendo a punto le tendenze emergenti e i casi più interessanti. Quali sono le tendenze del 2017? Interactions, Smart Shopping, Responsibility, Brand Intensity.

97


>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

dalle pagine precedenti

L’opinione di... Facchini >>da pag. 12

98

Certamente da parte nostra occorre verificare e aggiornare costantemente la preparazione del nostro management aziendale. L’esempio viene dalla notizia, o meglio dall’inserzione, che qualche tempo fa apparve a Livorno sul quotidiano locale Il Tirreno creando polemiche, scalpore e scambio di insulti: “Cerchiamo dirigenti, purché buddisti”. Un’offerta di lavoro per ricoprire quattro posizioni di prestigio in una nota azienda della zona, ottimo livello retributivo. Necessari i requisiti di conoscenza delle lingue straniere, di età, non superiore ai 35 anni, e possibilmente di mentalità e/o di credo e filosofia buddista in quanto nei colloqui preliminari di selezione sarebbero state indagate le doti e le capacità che, statisticamente, un buddista possiede più degli altri. Quali? Resistenza alla fatica intellettuale, capacità di massima concentrazione, capacità di avere e intrattenere ottimi rapporti con gli altri, serenità interiore e ottime capacità di introspezione e autocritica. Naturalmente nulla contro chi si fosse presentato anche di credo diverso ma sinteticamente, per ricercare persone che potessero soddisfare i requisiti richiesti, si reputava che la definizione di “buddista” le potesse concentrare, ritenendo che i buddisti siano persone che, a livello psicologico, possono

offrire maggiori garanzie. Pertanto, in conclusione, impegniamoci a ricercare e migliorare in noi stessi quelle qualità che potranno farci riconoscere e considerare migliori degli altri. Il digitale a Labelexpo >>da pag. 38

Secondo indiscrezioni, il primo esemplare della Uteco Sapphire EVO, mostrata in anteprima a drupa 2016, verrà installato proprio in Italia entro la fine del 2017. I leader della tecnologia digitale Da una prospettiva oltreoceano appare evidente che l’Italia avrà un ruolo importante tra i leader del digitale. Omet vanta una lunga storia nella stampa ibrida: la prima XFlex ibrida fu presentata nel 2009 e la XFlex X6, vista a drupa 2016, è l’ultimo modello della famiglia XFlex di Omet. Anche il partner scelto da Omet per il digitale, ossia Durst, ha quasi dieci anni d’esperienza nel fornire soluzioni inkjet al mercato delle etichette. In questo lasso di tempo Durst è stata tra i pochi produttori di macchine inkjet a competere con successo con le macchine elettrofotografiche di HP Indigo e Xeikon. Al tempo stesso, anche la nuova macchina sviluppata da Uteco e i suoi due partner attirerà l’attenzione a Labelexpo per i suoi inchiostri e la tecnologia di essiccazione Ebeam che, pur richiedendo un’attrezzatura specifica, tra cui quella per pro-

teggere l’operatore dalle radiazioni, a differenza dei sistemi di essiccazione UV è in grado di ottenere l’asciugatura al 100% delle immagini stampate. Gli inchiostri EB vengono già ampiamente impiegati nell’industria alimentare per applicazioni a contatto indiretto, come nel caso di astucci pieghevoli, etichette termoretraibili e i lid dei vasetti di yogurt. Finat

>>da pag. 60

Ma la ricerca indica che le macchine da stampa inkjet registreranno un aumento del 14,5% all’anno fino al 2022. Da una visione interna del settore, l’agenda si è spostata verso una valutazione esterna di un contesto più ampio: il futuro dello scenario economico e politico europeo. Si è trattato del discorso conclusivo, presentato da Joschka Fischer, vicecancelliere e ministro per gli Affari esteri in Germania dal 1998 al 2005, attualmente co-presidente del comitato esecutivo del Consiglio europeo per le relazioni estere, che gestisce inoltre uno studio di consulenza commerciale a Berlino. Fischer ha messo in collegamento tra loro passato e presente per proporre una visione suggestiva del futuro incentrato sull’esigenza dell’Europa di riunire tutte le sue diverse culture nazionali: “Europa significa diversità”, ha sottolineato, “su un fronte comune, per proteggere pacificamente e promuovere il suo successo e felicità ininterrotti

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

ilPoliGrafico 178•17

>>segue

perché dopotutto vi sarà un passaggio di potere da ovest verso est, e allora chi si prenderà cura di noi?”. Kodak

>>da pag. 73

Tra le aziende che sappiamo già che riceveranno il kit di valutazione ci sono nomi di spicco quali Fuji Kikai, Goss China, Matti, Mitsubishi Heavy Industries Printing & Packaging Machinery (MHI-PPM), Uteco. Naturalmente questo è solo un elenco parziale in quanto il successo di questa iniziativa ha superato anche le nostre più rosee aspettative... Stiamo coinvolgendo anche quelli che per noi sono utenti finali strategici, per valutare se ci possono essere opportunità per nuove applicazioni. Recentemente abbiamo potuto notare un notevole interesse da parte degli utenti finali che operano nel settore del décor e che stanno cominciando a comprendere il valore della stampa digitale e i vantaggi che questa tecnologia può offrire loro in termini di riduzione degli sprechi e dei costi operativi rispetto alla stampa in acquaforte tradizionale. Quando possiamo aspettarci di vedere il primo prodotto Ultrastream sul mercato? Prevediamo che il primo prodotto sarà disponibile nel 2019. La data effettiva di lancio naturalmente dipenderà dai partner OEM e da quando saranno pronti per la commercializzazione.


RUBRICATURA

Più eleganti, più facili da consultare, più comodi La rubricatura è il sistema più antico e insieme più facile, intelligente, preciso e veloce per la ricerca di informazioni

Rubrichiamo volumi, cataloghi e ogni altro tipo di stampato piccole e grandi tirature

> PER INFORMAZIONI:

GPN usa e produce energia pulita

Telefono 039.2142492 GPN Rubricatura Srl - Via Garibaldi 64 - 20861 Brugherio (MB) Tel. 039.2142492 - Fax 039.883978 - E-mail: info@gpn-rubricatura.it - Sito: www.gpn-rubricatura.it


Pensare, per realizzare insieme. In Polyedra non abbiamo mai smesso di farlo, perché c’è sempre un’idea pronta a diventare realtà. Come o grazie a cosa? Possiamo inventarlo insieme: l’importante è non smettere d’immaginarsi il futuro. Polyedra è il partner poliedrico capace di ascoltare per tradurre in soluzioni le vostri visioni. Don’t stop imaging.

polyedra.com

Il Poligrafico, n. 178, Agosto - Settembre 2017  

Stampa e nuovi media nell'era digitale