Page 1

■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ilPoliGrafico 176t17 ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■

STAMPA E NUOVI MEDIA NELL’ERA DIGITALE

DATI DI SETTORE Dall’indagine Argi segni molto incoraggianti

SPECIALE PACKAGE PRINTING ONLINE PRINTING Un vero e proprio modello di business

N. 176 Aprile Maggio 2017 Stratego Group 20090 Segrate (MI) via Cassanese 224 Euro 9,90


demogallery

net new customer FIRST TIME

DIGITAL

impara, scegli

GREEN

ONLINE

casi di successo DECISION

OFFLINE

DOUBT

Il miglior momento per piantare un albero era 20 anni fa. Il secondo miglior momento è oggi.

Proverbio cinese

Sono quasi 25 anni che la stampa digitale ha fatto il suo ingresso nell’industria grafica. Le aziende che hanno abbracciato questa tecnologia fin da subito, oggi sono imprese importanti che hanno centrato le loro strategie intorno al print on demand, con successo. Ma c’è ancora molto spazio in questo mercato per nuove realtà. Scopri come completare la tua offerta con le soluzioni più innovative per il commercial printing, il publishing, la comunicazione transazionale e il direct mail, il packaging e labelling.

REGISTRATI www.digitalprintingforum.it

INFORMAZIONI Tel

+39 02 49 53 4500 – sales@strategogroup.net

a network company by


O S C A R D E L L A S TA M PA

DEFINING EXCELLENCE A N C H E Q U E S T ’ A N N O P O R T E R E M O A L L A R I B A LTA L’ E C C E L L E N Z A N E L L A S T A M P A COMMERCIAL PRINTER PACKAGING PRINTER CONVERTER O F F S E T – F L E X O – G R AV U R E – D I G I TA L

CON IL SUPPORTO DI BOBST – CORDENONS – GALLUS – HEIDELBERG – HP – KBA KOLOR + SERVICE – KOMORI – LUXORO – PRINTGRAPH

W W W. O S C A R D E L L A S TA M PA . I T


4

bcdefghijklmnopqrstuvwyxz

Persone e aziende citate nel numero con riferimento alla pagina. I numeri in neretto si riferiscono all’inserzione pubblicitaria 4IT Group 97 Acimga 20,97 Acne 49 Adobe 52 AGF 86 Agfa Graphics 19,52,82,97 Aguzzi Edoardo 19 Albertini Emilio 35 Allkotes 52 Amazon 70 Amodei Roberto 14 Antonini Mauro 40,44 Ardigò Adele 19 ARGI 24,46,97 Aro Etichette 54 Art Relation 19 Assocarta 97 Assografici 18,68,97 ATIF 97 Avanzi Marco 47 Avery 54 AWA 96 Barboglio Enrico 68 Bavuso Giorgio 24,46 Bazooband Alì 71 Beegraphic 56 Bianchi Mirko 19 Bianchi Silvano 43,98 Bobst 31,38 Bograma 65 Brambilla Elisabetta 16 Brand Revolution 54 Broggi Achille 20 Bruttel Martin 18 Burgo 15 Camporese gruppo 81,85 Camporese Bruno 81 Camporese Enrico 81 Camporese Roberto 81 Canon 18,97 Cantelli Rotoweb 14 Cartiere Paolo Pigna 15 Cartotecnica Moderna 35 Cascio Michele 14 Centro Salesiano Arese 20 Centro Stampa Altedo 14 Cerullo Giada 19 CEWE 70 Chatelard Benoit 18 Cimpress 65,70 Cirimele Vincenzo 71 Clarke Jeff 19 Clementi Vittorio 36,54 Colombo Mauro 20 Colordruck Baiersbronn 18 Conti Editore 14 Converflex 20,37 Converting 37 Cosmografica Albertini 35 Creos 55 Crosfield Electronics 20 Cunsolo Mario 71 Davis Garth 17 De Agostini 15 De Matthaeis Alberto 15 De Ruijter Paul 96

De Ruijter Strategy 96 Dei Rossi Davide 16 Di Marsico Domenico 20 Digital Printing Forum 2 Dmail 15 Dmedia Group 15 Domino Sistemi 20,83 Durst 53,84 Edigit 17 Ellison Chris 96 Eskils 84 Eurolabel 16,54,58 Farina 15 Farinati Lisa 80 Faservice 80 Fiera Milano 77,95,97 Finat 96 Fiorin Luca Maria 86 Fischer Joschka 96 Fischer Sasha 42 Flexostudio 16 Flint Group 18,33,76,79 Flyeralarm 70 Franco Aldo 16 Fuji Kiaki 19 Fujifilm 16,18,80 Gallus 16,40 Geslao Vincenzo 14 Ghelfi Ondulati 36,54,63,78 Gifasp 18,35 Goglio 54,58,63 Goitini Elena 15 Gornati Vincenzo 19 Goss China 19 GPN 91 Grafica Veneta 81 Grafiche Stella 92 Grafitalia 20 Grasso Giorgio 19 Gruppo Amodei 14 Gruppo Masserdotti 20 Gruppo Sada 14,75 GWG 82 Hagmaier Thomas 96 Harris & Bruno 65 Heidelberg 13,18,81,84,92 Heidelberg Italia 16,40,44 Holscher Robert 17 HP 16,17,18,24,36, 45,54,63,65,78,86,97 IBE 17,63 Idea Capital 15 In.De.Co. Serigrafia 97 InfoTrends 68,84 Inprinting 20 Ist. Italiano Imballaggio 97 Jackson Michael 96 Jannone Giorgio 15 Jannone gruppo 15 JK Group 15 Kama 65 KBA 14,16,18,23,42,63,90 KBA Italia 78 Knabe Sascha 18 Kodak 8,19,20,83 Kolor + Service 33

Komori 15,17,61 Komori Italia 43 Konica Minolta 17 Kyocera 76 La Fotocromo Emiliana 90 Landa 18,43 Laurenzano Alessio 15 Lesi Luca 78 Levi Roberto 24 Lexon 17 Lideo Marco 31 Lindstrom Martin 48 Lombardi Claudio 20 Lombardi Converting Mach. 20 Luini Mauro 18 Luxoro 97 Maer 55 Maiocchi Mario 19 Maiorano Antonio 17 Manganelli Vincenzo 15 Manroland Italia 41 Marinelli Franco 20 Marsanasco Joseph 20,97 Martinelli Dario 79 Masserdotti Alberto 20,97 Mattera Rinaldo 93 Matti 19 Mazzeri Giorgio 20 Mazzucchelli Carlo 9 Menozzi Enrica 20 Mida 54,59 Mion Graziano 79 Mitsubishi HI-PPM 19 Moffa Rino 19 Mondadori Printing 15 Mondadori retail 19 Monteverdi Enrico 24,45,63 Multi Packaging Solutions 18 Nava Press 20 NGraphics 55 Nicolini Massimo 93 Nimax 83 Notarianni 54 NTG 97 Nuceria Group 54 Onlineprinters 70 Oriani Davide 19 Oscar della Stampa 3,20 Paladini 90 Palaveri Alberto 20,97 Panciera Dario 20 Parietti Claudio 30,49 Peeters Erik 82 Peidro-Insa Montserrat 18 Pellitteri Giuseppe 20 Pfefferle Thomas 18 Piacentini Paolo 19 Piazzetta Alessio 65 Pixartprinting 15,16,21,64 Pogliani Emanuele 16,79 Poligrafici Il Borgo 14 PressUp 71,100 Print Finishing Li.To.Ver 30,49 Print4All 20,77,97 Printer Trento 78 PrintMat 77

PrintOrBuy 71 Prioriello Giuseppe 73 Progress Packaging 49 QuestFactory 73 Ravanelli Sabrina 19 Razumov Yevgeny 50 Remark Studio 49 Ricoh 18,19,97 Ricoh Italia 46 Rinaldi Paolo 86 Roatta Paolo 15,64 Roland 57 Romano Antonio 73 Rossi Roberto 35 Rotolito Emiliana 14 Rotolito Lombarda 16,20 Rotomail 16 RTS 62 Sacchital 20 Sacerdote Emanuele 92 Sada Antonio 14 Sada Packaging 14 Salvagno Roberto 33 SAXOPRINT 70 Schlozer Ralf 68 Scodix 18,49,51,65,97 Screen 17 Seghi Christian 71 Serenelli David 20 SGP 15 Shimosaka Hiroaki 81 Sironi Alberto 20 Skillpress 28 Smithers Pira 18 Solutioo Group 54 Spreafico Roberto 17 Stella Gildo 92 Stella Luca 92 Stella Mattia 92 Stella Riccardo 92 Sun Chemical 66,82 TAGA Italia 20 Tecnau 16 Terzoli Luigi 31 Testa Armando 20 Testa Fiorello 31 TheThinkTank 50 Tnv 19 Tracey Nigel 18,52 Travagliati Cartotecnica 14 Tsuyoshi Yoshioka 81 Turner Steve 17 Unicredit 14 Unitedprint 70 Uteco 19 Van Bauwel Jeroen 76 Veronesi Massimiliano 24,41 VG7 71 Viscom 74 X-Rite 82 Xeikon 18,47,76 Xerox 84 Yanagawa Takashi 81 Zerbi Paolo 81 Zipcon Consulting 70 Zipper Bernd 70

abcdefghijklmnopqrstuvwyx

ilPoliGrafico 176t17

indice dei nomi


O S C A R D E L L A S TA M PA

DEFINING EXCELLENCE A I U TA C I A D I D E N T I F I C A R E L E E C C E L L E N Z E N E L L A S TA M PA DAL 15 GIUGNO VAI SUL SITO E SEGNALA LE AZIENDE CHE RITIENI MERITEVOLI

CON IL SUPPORTO DI BOBST – CORDENONS – GALLUS – HEIDELBERG – HP – KBA KOLOR + SERVICE – KOMORI – LUXORO – PRINTGRAPH

W W W. O S C A R D E L L A S TA M PA . I T


PIOMBI Primo piano Amodei rileva Rotolito Emiliana .14 Sada mette un piede al Nord ..... 14 Pigna al fondo di De Agostini ... 15 Aziende grafiche italiane .......... 16 Fornitori ................................. 18 Eventi ..................................... 20 Cultura ................................... 22 ARGI: dati di settore ................ 24 SPECIALE PACKAGE PRINTING Incontro con Litover ................ 30 I trend del futuro ...................... 34 Il punto di vista dei fornitori ...... 39 Esperienze touch e anticontraffazione ................... 48 Brand Revolution al Pirellone .... 54 Packaging mai visto ................ 64

Sommario

176

SPECIALE PACKAGE PRINTING INCONTRO CON PRINT FINISHING LI.TO.VER PAG. 30

L’UNICO CONFINE È LA FANTASIA PAG. 34

QUANDO L’INVITO È: “TOCCARE” PAG. 48

EVENTI Online Printing Conference....... 68 PrintMAT, gli effetti speciali in stampa ............................... 77 Printer Trento partner di KBA ... 78 Metti una Jet Press 720S... .... 80 European Label Forum ............ 96 Print4All, aprirà nuove prospettive ............................. 97 UOMINI&AZIENDE AGF........................................ 86 La Fotocromo Emiliana ............ 90 Grafiche Stella ........................ 92

AL BRAND REVOLUTION ECCO “L’EFFETTO WOW” PAG. 54

TECNOLOGIE Xeikon debutta nell’inkjet ......... 76 Novità dalle aziende ................ 82 RUBRICHE I nomi di questo numero ............... 4 L’opinione di... E. Posenato e F. Ceolini Wearable Technologies ............. 9 L’opinione di... S. Tenedini Bisogna saper raccontarsi..........11 L’opinione di... S. Facchini Sui finanziamenti agevolati ..........12 Cartaonline Il packaging del futuro è “smart” .88

Colophon

Direttore responsabile RUGGERO ZULIANI ruggero.zuliani@strategogroup.net

Comitato di redazione CRISTINA ROSSI (coordinamento) tel. 02 7529101 cristina.rossi@strategogroup.net EMANUELE POSENATO emanuele.posenato@strategogroup.net Pubblicità MAURO TIRONI tel. 02 49534500 mauro.tironi@strategogroup.net DEBORAH FERRARI tel. 389 9004599 deborah.ferrari@strategogroup.net Rancati Advertising: CLAUDIO SANFILIPPO tel. 02 70300088 csanfilippo@rancatinet.it

6

Ufficio traffico BRANDO ZULIANI tel. 02 49534500 brando.zuliani@strategogroup.net

Hanno collaborato a questo numero: LORENZO CAPITANI, VALENTINA CARNEVALI, FAUSTO CEOLINI, SERGIO FACCHINI, ACHILLE PEREGO, STEFANO TENEDINI Progetto grafico e impaginazione CRISTINA MASCHERPA Redazione STRATEGO GROUP C.D. Milano Oltre, Segrate MI tel. 02 49534500 fax 02 26951006 Ufficio abbonamenti tel. 02 49534500 fax 02 26951006 abbonamenti@strategogroup.net Editore STRATEGO GROUP C.D. Milano Oltre, Segrate MI www.stampamedia.net Stampa GRAFICHE PAROLE NUOVE Brugherio (MB) Copertina Art direction: CRISTINA MASCHERPA Immagine WWW.DEPOSITPHOTOS.COM Nobilitazione: PRINT FINISHING LI.TO.VER

ABBONAMENTI

quota annua euro 84,00 per l’Italia, 144,00 per l’Europa, 159,00 extra-Europa. Numeri arretrati: 15 euro cad. copia. I versamenti possono essere effettuati con bonifico bancario a Stratego Group IBAN: IT91 B050 3420 6000 0000 0000 933

Associato a:


A PRINTMAT GLI EFFETTI SPECIALI DELLA STAMPA PAG. 77

DA ARGI TUTTI I NUMERI DI UN SUPER 2016 PAG. 24

R.E.A. Milano n. 1190227 Autorizz. Trib. Mi n. 512 del 26.10.85 Gli articoli firmati impegnano esclusivamente gli Autori. Dati e caratteristiche tecniche sono generalmente forniti dalle Case costruttrici, non sono comunque tassativi e possono essere soggetti a rettifiche in qualunque momento. Tutti i diritti sono riservati. Notizie e articoli possono essere riprodotti solo a seguito di autorizzazione dell’editore e comunque sempre citando la fonte. Testi e fotografie, qualora non espressamente richiesto all’atto dell’invio, non vengono restituiti. Desideriamo informarLa che il D.Lgs. 196/03 (Testo Unico Privacy) prevede la tutela di ogni dato personale e sensibile. Il trattamento dei Suoi dati sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e della Sua riservatezza. Ai sensi dell’art. 13 del Testo Unico, Le forniamo quindi le seguenti informazioni: il trattamento che intendiamo effettuare verrà svolto per fini contrattuali, gestionali, statistici, commerciali, di marketing; il trattamento, che comprende le operazioni di raccolta, consultazione, elaborazione, raffronto, interconnessione, comunicazione e/o diffusione si compirà nel modo seguente: archiviazione su supporto cartaceo e archiviazione informatizzata su personal computer. Il titolare dei dati è: Zeta’s srl nella persona del Rappresentante Legale. Il responsabile del trattamento dei dati raccolti in banche dati ad uso redazionale è Ruggero Zuliani (ruggero.zuliani@strategogroup.net - via Cassanese 224 - Segrate (Milano) - tel. 0249534500 - fax 0226951006). Al titolare del trattamento Lei potrà rivolgersi per far valere i Suoi diritti così come previsti dall’art. 7 del D.Lgs. 196/03.

Organo Ufficiale ITALIA

associazione tecnici arti grafiche italia

EURO GRAPHIC PRESS

IL POLIGRAFICO È LA RIVISTA ITALIANA DEL GRUPPO EUROGRAPHIC PRESS WWW.EUROGRAPHICPRESS.COM

In questo numero

DALL’ONLINE PRINTING CONFERENCE DI MILANO PAG. 68

Il packaging, più di un semplice contenitore… Mentre sto scrivendo queste righe d’introduzione al numero, il primo evento italiano dedicato al packaging di lusso – Packaging Première – è nel vivo della terza e ultima giornata nell’avveniristica struttura del The Mall di Milano. Un esperimento decisamente riuscito a giudicare dai corridoi affollati e dalla soddisfazione espressa a più voci dai visitatori e dagli espositori, tanto che si sta già pensando alla prossima edizione. Al centro dell’attenzione il packaging in tutte le sue varianti, dalle shopping bag multicolori e scintillanti agli eleganti astucci per prodotti cosmetici. Protagonisti assoluti la carta e tutti gli effetti di nobilitazione che contribuiscono a impreziosirla, dal gioco seducente di lamine lucide e opache agli ologrammi come elemento di decoro e di sicurezza, dalle verniciature speciali al floccaggio. Il tutto per dare vita a contenitori che, nel caso del lusso, valgono in qualche modo come il contenuto, tanto da essere spesso collezionati. Avrete forse capito, a questo punto, che lo speciale di questo numero è dedicato al packaging o, meglio, alla stampa su packaging, anche conosciuta come “package printing” e in questo percorso non ci siamo dedicati solo al lusso, bensì abbiamo esteso la nostra analisi a tutte le tipologie d’imballaggio, in particolare a quelle realizzate con cartoncino teso. Abbiamo condotto un’inchiesta tra i principali produttori di macchine da stampa offset e digitale (a pag, 39), per capire quali sono oggi le configurazioni più gettonate dagli stampatori di imballaggio e in che modo le richieste degli utenti finali influenzano le attività di R&S dei fornitori. Sempre sul fronte tecnologico abbiamo scandagliato le varie soluzioni utilizzate per la nobilitazione (a pag. 48): laminazione, plastificazioni satinate e soft touch, effetti lucido/opaco ottenuti con vernici offset e UV, effetti tattili realizzati in serigrafia ma anche con le moderne tecnologie digitali… insomma, quelle lavorazioni oggi disponibili per rendere il packaging più attraente alla vista e al tatto. Dedicata al tema degli “effetti speciali” anche l’intervista di copertina a Print Finishing Li.to.ver, uno dei più importanti nobilitatori del Nord Italia (a pag. 30). Infine, dati e tendenze di mercato in un articolo (a pag. 34), in cui si parla di smart packaging, ma anche di personalizzazione, un trend ormai adottato da brand importanti come Coca-Cola e Nutella e reso possibile dalla stampa digitale. Cristina Rossi

7


© Kodak, 2017. Kodak e NexPress sono marchi registrati di Kodak.

STAMPATORI, PREPARATEVI A STUPIRE.

NUOVO KIT DI ESPANSIONE PER L’UTILIZZO DI CARTA E SUPPORTI SINTETICI PIÙ SPESSI

L’avrete notato ... c’è stupore negli occhi dei clienti quando si

10 INCHIOSTRI SPECIALI A SINGOLA PASSATA, INCLUSO IL NUOVO INCHIOSTRO A SECCO BIANCO OPACO

rendono conto di cosa si può ottenere con il sistema digitale NEXPRESS anche per le tirature più basse. Un Front-End ad alte prestazioni assicura velocità alla stampa su richiesta dei dati variabili, garantendo al contempo immagini di qualità fotogra-

NUOVO SOFTWARE DI SISTEMA V16 PER MIGLIORARE QUALITÀ DELLE IMMAGINI E PRODUTTIVITÀ STAMPA A 6 E A 8 PAGINE SU FOGLI DA 1 METRO

fica. Inchiostri speciali e finiture sorprendenti per soluzioni di stampa in oro, bianco opaco, con effetto lucido, dimensionale ed opaco in grado di fare la differenza per voi ed i vostri clienti. KODAK.COM/GO/NEXPRESS

PRESS ON con

MACCHINA DA STAMPA DIGITALE A COLORI

KODAK NEXPRESS ZX


c ilPoliGrafico 175t17 ilPoliGrafico 167t16

austo CeoliniOpinioni Emanuele Posenato Opinioni Fausto Ceolini Opinioni Emanuele Posenato

Industry 4.0, parliamo di... Wearable Technologies Seconda tappa del percorso alla scoperta dei concetti chiave dell’Industria 4.0. Parliamo qui delle device tecnologiche che da dispositivi ludico/sportivi si stanno evolvendo sempre più, fino ad applicazioni industriali.

“Siamo all’inizio di una rivoluzione che porterà alla trasformazione dell’essere umano in cyborg. Un homo technologicus composto da carne e liquidi e da componenti tecnologici e digitali, oggi indossabili e trasportabili come protesi esterne nella forma di smartphone, braccialetti, orologi e occhiali intelligenti, domani integrati con il nostro corpo fino a renderlo esso stesso macchina tecnologica. Tecnologie dell’informazione, nanotecnologie, biotecnologie e nuove tecnologie dei materiali hanno già oggi il potere di produrre effetti globali capaci di cambiare il nostro modo di vivere, di comunicare e di interagire, di gestire il nostro tempo libero e di lavorare”. In questo breve passaggio tratto dal libro Il diavolo veste tecno, disponibile in edizione digitale, Carlo Mazzucchelli, filosofo, scrittore ed esperto di marketing, descrive in buona sintesi e con linguaggio estremamente semplice quelle che vengono definite le ‘wearable technologies’, le tecnologie abilitanti dell’Industry 4.0 che risultano essere maggiormente attraenti per chi è alla ricerca di un contributo extraordinario alla perfomance umana nei processi produttivi. Da qualche tempo questa categoria di device tecnologiche riscuote un interesse che si spinge ben al di là delle applicazioni ludico sportive ai più note, come gli smartwatch, le headmounted camera oppure le fitness band. Definite genericamente ‘gadget indossabili’, da persone o anche animali, queste device possono essere in grado di condividere e salvare informazioni sul web collegandosi, via bluetooth o wifi, ad altre periferiche. Secondo le recenti stime dei principali siti nel 2016 sono stati venduti nel mondo circa 270 milioni di dispositivi, in crescita del 18% rispetto all’anno precedente. È evidente che non possono più essere considerate un semplice dispositivo ludico, basti pensare che BP America ha drasticamente ridotto i costi di copertura assicurativa dei suoi 14.000 collaboratori e dei loro familiari regalando il dispositivo FitBit (l’activity tracker leader mondiale di vendite) grazie al quale è riuscita a definire un premio di assistenza sanitaria inferiore alla media degli anni precedenti, proprio grazie alla tracciatura individuale delle abitudini comportamentali dei destinatari delle polizze.

@eposenato

Ora, il quesito che ci anima è sempre lo stesso: vi sono già applicazioni concrete nel settore? Ancora una volta la risposta è un deciso no! Si intravvedono però abbastanza nitidamente le molte possibili applicazioni. Partendo come spesso accade dalla ricerca biomedicale, concretamente la più spinta ed evoluta, la sostituzione di arti umani con protesi meccaniche, in conseguenza di menomazioni incidentali o genetiche, realizzati con materiali e competenze di ultima generazione, stanno dando risultati a dir poco straordinari. emanuele.posenato@strategogroup.net

9


Fausto Ceolini Opinioni Emanuele Posenato Opinioni Fausto Ceolini Opinioni Emanuele Posenato

Ora, la possibilità di integrazione di dispositivi tecnologici in grado di espandere le potenzialità sensoriali, fisico-meccaniche e comunicative, in grado di eseguire comandi, da quelli banalmente vocali fino a quelli neurali, piuttosto che di generare feedback nell’interazione con l’ambiente, fornendo o registrando dati di ritorno, apre un quadro di speranza a quanti si stavano ormai rassegnando all’idea che sempre meno l’uomo potrà competere con la macchina. In impieghi industriali come le catene di montaggio o i processi di assemblaggio che caratterizzano molte aziende del manifatturiero in tanti comparti, compreso quello grafico cartotecnico, gli spazi per applicazioni cyborg sono numerosi. Siamo certi non tarderanno a comparire applicazioni di robotica e intelligenza artificiale nei nostri reparti produttivi, soprattutto laddove l’attività è fisicamente pesante e ripetitiva e quindi possibile fonte di problemi muscolo scheletrici o alienazione e quindi causa di errori o non conformità. La tecnologia per giungere a dispositivi per il potenziamento delle performance fisiche per attività di composizione, assemblaggio, applicazioni, carico e scarico delle linee di confezionamento sono ormai prossime ad essere alla portata delle imprese. A confermarcelo è Baxter, un robot umanoide fornito dalla Rethink Robotics a un gruppo di ricercatori del MIT (Massachusetts Institute of Technology), che lo hanno interfacciato a un essere umano mediante un casco collegato a un elettroencefalogramma che monitora l’attività celebrale dell’uomo che, rielaborata da un algoritmo, è in grado di pilotare robot. Per il momento a Baxter vengono impartiti solo comandi semplici ma i ricercatori sono fiduciosi di raggiungere risultati importanti abbastanza rapidamente. L’aspetto più interessante del progetto sta nella logica: l’intervento dell’essere umano non è di tipo direttivo quanto piuttosto di consenso o diniego rispetto all’operato del robot, e quindi di tipo valutativo, il che snellisce decisamente la relazione uomo macchina semplificandolo, attribuendo all’essere umano l’attività discriminante. Allo stesso modo ci aspettiamo applicazioni dalla ricerca intorno ai dispositivi visivi artificiali, dalla meteora Google Glass e successivi eredi agli avanzatissimi studi della ricerca di medicina oftalmologica, dalle retine artificiali agli impianti corticali, che perseguono la correzione dei disturbi della vista (a partire dall’acromatopsia o al più diffuso daltonismo per arrivare alla cecità totale). Anche in questo caso è plausibile e non così remota la possibilità di approdare rapidamente ad applicazioni industriali specifiche, decisamente meno nobili di quelle originarie, volte a uniformare la lettura cromatica secondo standard convenzionali, compensando problematiche di illuminante, di soggettività, registrando e comparando dati, fornendo indicazioni in realtà aumentata sullo scostamento dagli standard di riferimento e simulando risultati per anticipare le mosse di correzione. Certo siamo ancora molto lontani dalle allettanti visioni ‘proibite’ promesse utilizzando i fantastici occhialini in vendita nella quarta di copertina dell’Intrepido negli anni Settanta.

10


ilPoliGrafico 176t17

Opinioni Siamo tutti comunicatori Stefano Tenedini Opinioni Siamo tutti comunicatori Opinioni

Essere “solo” bravi non basta. Bisognerà saper raccontarsi Restare competitivi sul mercato è una guerra quotidiana e tutti – imprese e professionisti in testa – ne sono più che consapevoli. Idee, efficienza, qualità e servizio sono i quattro punti cardinali senza i quali si rischia di perdere la rotta. Ma abbiamo visto che a volte perfino questo non basta, se manca un componente essenziale: la comunicazione. Sì, perché a volte nelle aziende c’è qualcosa di peggio che realizzare prodotti senza qualità, ed è realizzarli magari perfetti ma sottovoce, sperando che il mercato se ne accorga da solo e ci premi perché siamo bravi. Le storie di No, non funziona.

successo suscitano emozioni, simpatia e ammirazione. Ci seducono e ci ispirano, perché senza qualità non si produce ma senza passione non si conquista, quindi non si vende. È il potere della narrazione.

Intendiamoci: che si debba tendere all’eccellenza e migliorare sempre di più è un dato di fatto e va dato per scontato, di default. Ma tra due prodotti di pari qualità a conquistare i clienti saranno solo due elementi: il prezzo o il suo valore intangibile. Il prezzo dipende da mille fattori, anche esterni e quindi incontrollabili; inoltre inseguire il ribasso porta a un’infinita guerra tra poveri che ha fatto più danni della peste nera. La creatività e la passione nel narrare un prodotto, qualsiasi prodotto, invece sono nelle nostre mani, lo trasformano in qualcosa di unico, lo rendono desiderabile, vincente.

Per riepilogare gli argomenti che abbiamo illustrato in queste rubriche, diciamo che l’unico segreto della comunicazione è che non ci sono segreti: occorre esserne convinti, dare continuità all’azione e renderla via via più professionale e fantasiosa. Abbiamo detto che il modo migliore per cominciare è... cominciare, che l’imprenditore dev’essere il primo a crederci ma deve trascinare tutta l’azienda, che all’inizio ogni sforzo sembra inutile e bisogna insistere per far scattare l’interruttore. Perché alla fine la luce si accende, come dimostrano le mille storie raccontate sui nostri giornali. E ancora: valorizzare l’esperienza dei collaboratori facendone gli ambasciatori dell’azienda, usare modelli e strumenti della comunicazione moderna, narrare in prima persona l’impresa e i suoi punti di forza, trasformare anche l’attività operativa in una promozione del brand, rendere le competenze e l’inventiva il motore di nuovi business. Già, perché attenzione a non perdere di vista l’obiettivo: che non è “farsi belli”, ma accrescere il fatturato e la redditività, che ne sarà la conseguenza naturale. Comportamenti virtuosi, insomma, che aiutano a dare una risposta innovativa ai clienti e al mercato. In altre parole, non basta fare, bisogna raccontare. Pescando idee in quel fiume instancabile che è il lavoro quotidiano dell’azienda, come cercatori col setaccio per le pepite d’oro. L’innovazione è nel pensiero tanto quanto nelle macchine. È solo questo che ci porterà di là dal guado.

stefano.tenedini@nordestmedia.it

11


ilPoliGrafico 176t17

Opinioni Nuovi equilibri Sergio Facchini Opinioni Sergio Facchini Opinioni Sergio Facchini Opin

Nuova Sabatini: continuano i finanziamenti agevolati È noto che in questi anni di crisi le banche e gli istituti finanziari in genere non sono stati di valido aiuto e supporto, come avrebbero dovuto, per favorire quegli imprenditori PMI desiderosi di ampliare l’azienda o la produzione per aprire strade verso nuovi prodotti che, sia il mercato nazionale che i mercati internazionali, potevano essere interessati e richiedere. Dall’emanazione della Legge sono passati circa tre mesi affinché venissero pubblicati il regolamento e le normative di applicazione: 25 gennaio 2017 – Decreto Interministeriale “Beni strumentaLo scorso li” definito anche “Nuova Sabatini”, emanato dalla settembre direzione generale per gli Incentivi alle Imprese del il Governo Ministero dello Sviluppo economico. Sebbene se ne ha sfornato parlasse già in termini generici, quindi, solo con la pubblicazione di tale documento è stata resa la Legge di possibile la comprensione delle reali agevolazioni Bilancio 2017 fruibili, ed esattamente quali e quante fossero le con inseriti agevolazioni per gli imprenditori e quali fossero i dal Ministero vincoli cui sottostare per accedere ai benefici.

dell’Economia alcuni punti agevolativi per la possibile ripresa dell’industria italiana.

Pertanto da gennaio è partito il reale recepimento da parte del mercato, ovvero dei fornitori e dei costruttori, fino a raggiungere i veri possibili fruitori che sono e saranno i clienti imprenditori. Incontri, meeting, scambio di informazioni su tutti i media ci hanno improvvisamente soverchiato di informazioni e tutto sembrava dover essere fatto in poche ore poiché la data prevista per approdare alle agevolazioni è il 31 dicembre 2017! Entro fine anno occorre aver acquistato la macchina, averla pagata, ricevuta e installata. No!! Basta dimostrare che è stata ordinata e pagato l’acconto!! Come sempre, una ridda di informazioni contrastanti... In realtà alla prima emanazione della Legge (Legge di Bilancio 2017) si prevedeva genericamente il termine entro l’anno ma, come sempre, fortunatamente e giustamente, questi termini vengono prolungati. Le macchine e gli impianti per il settore carta, cartone e trasformazione rientra pienamente nelle voci “Macchine utensili e impianti per la realizzazione di prodotti mediante la trasformazione dei materiali e delle materie prime” e “Macchine per il confezionamento e imballaggio”. Sull’importo di tali investimenti sarà applicato, ai fini del calcolo del contributo, un tasso d’interesse pari al 3,575%. Inoltre, macchine e impianti di nuova fornitura che soddisfano anche i parametri di Controllo tramite PLC, Semplice interfaccia operativa uomo – macchina, Rispondenza ai parametri di sicurezza, Salute e igiene del lavoro, Interconnessione ai sistemi logistici e informatici, hanno la possibilità di accedere al Piano Industria 4.0 che permette di avere ammortamento dei beni acquistati al 140% o al 250%. Industry 4.0 significa mettere in discussione tutte le nostre abitudini e conoscenze e reinventare il modo di agire e produrre in azienda. Per insegnare il “modus operandi” e la filosofia 4.0 ai giovani neodiplomati e neolaureati grandi industrie come Bosch e Comau hanno istituito Corsi di training e informazione estivi. Oggi, nelle regioni più industrializzate d’Italia, solamente il 55% delle PMI possiede un buon livello di informatizzazione aziendale e la spinta è verso un’evoluzione nel prossimo quinquennio. Concludo con la sollecitazione citata all’inizio, ovvero ricordiamoci che il progetto “Industry 4.0” è un’ottima possibilità per lo sviluppo delle PMI italiane!

12


Speedmaster

Campioni del Mondo in Produttività! Le macchine da stampa con il livello di efficienza più elevato del mercato. In un mondo sempre più competitivo, hai bisogno di attrezzature più performanti e altamente produttive per minimizzare i costi e incrementare le vendite. Tutte e tre le macchine da stampa Heidelberg formato 70x100 hanno dato i risultati migliori in termine di copie prodotte rispetto a quello che offre il mercato. Quando sono guidate dal flusso di lavoro Prinect, queste attrezzature sono semplicemente imbattibili.

Produttività Uguale a Redditività

Capacità produttiva su dati reali forniti dai clienti:

Speedmaster CD 102 Oltre 30 milioni di copie all’anno Speedmaster CX 102 Oltre 45 milioni di copie all’anno Speedmaster XL 106 Oltre 90 milioni di copie all’anno

Heidelberg Italia Srl Via Trento 61, 20021 Ospiate di Bollate (MI) Telefono 02 35003500, www.heidelberg.com


ilPoliGrafico 176t17

Primo piano Aziende grafiche Dati di settore Fornitori Istituzioni Associazioni Accor

Amodei in crescita, rilevata Rotolito Emiliana L’acquisizione segue quella di Cantelli Rotoweb e trasforma il Gruppo nella prima realtà di stampa emiliana. In un panorama di aziende grafiche sempre più sulla difensiva, complice la crisi congiunturale ma anche strutturale (leggi la concorrenza del web) del settore, ci sono invece gruppi che continuano a scommettere sulla carta. È il caso per esempio del gruppo Amodei che continua a espandersi nel mercato delle tipografie industriali. L’ultima mossa – in attesa di altre operazioni che sarebbero già allo studio e potrebbero presto essere annunciate – riguarda l’acquisizione

della Rotolito Emiliana, oggi diventata Centro Stampa Altedo dal nome del comune bolognese in cui ha sede. Alla fine del 2015, la Rotolito Emiliana, attiva dal 1991 e con buoni risultati sul mercato della stampa editoriale e commerciale fino ad avere circa 25 dipendenti e un fatturato di 15 milioni di euro, aveva alzato bandiera bianca. Il suo ex proprietario Michele Cascio, costretto a mettere in liquidazione la società con la conseguente cessazione dell’attività, si era comunque impegnato, in particolare verso i dipendenti, ad assicurare un futuro all’azienda. E il suo impegno era stato coronato dal successo. Il 1° settembre del 2016, infatti, il ramo d’azienda

della Rotolito Emiliana era stato rilevato, con la formula dell’affitto, dalla Poligrafici Il Borgo, l’azienda sempre bolognese che fa capo al gruppo Amodei ed è guidata dal direttore generale Vincenzo Geslao. L’attività così era ripartita con una quindicina di dipendenti ed era ripresa a girare a pieno ritmo anche la KBA Compacta 818 a 64 pagine, il vero cuore produttivo della Rotolito Emiliana. La gestione della rinata Rotolito Emiliana era passata sotto la completa gestione tecnico-commerciale della Poligrafici Il Borgo. E quindi di Geslao con anche il cambio del nome in Centro Stampa Altedo. E nelle settimane scorse, alla luce anche dei risultati ottenuti, il

Vincenzo Geslao è alla guida di Poligrafici Il Borgo, azienda bolognese che fa capo al gruppo Amodei.

gruppo Amodei, che edita tra gli altri Corriere dello Sport-Stadio e Tuttosport e al quale fa capo anche la casa editrice Conti, ha deciso di passare dall’affitto alla vera e propria acquisizione della ex Rotolito Emiliana. Questa acquisizione (dopo quella della Cantelli Rotoweb entrata nel gruppo guidato da Roberto Amodei sempre nel 2016)

permetterà alla divisione industriale di diventare la prima realtà di stampa dell’Emilia Romagna e tra le prime tre aziende nel panorama nazionale con 16 rotative di vari formati e 6 macchine a foglio che “girano” in sette stabilimenti di proprietà. Del resto Geslao continua a essere convinto della necessità di rafforzare e potenziare la propria offerta sul mercato per poter soddisfare le richieste dei suoi importanti clienti commerciali, editori e della Gdo. Tanto che a breve ci saranno altre importanti novità. Achille Perego

Gruppo Sada mette un piede al Nord Con l’acquisizione della veronese Travagliati, il gruppo campano supererà il traguardo dei 100 milioni di euro di fatturato e potrà servire le più importanti realtà produttive ubicate nel Nord-Est.

14

Innanzitutto per la famiglia Sada è stato un motivo d’orgoglio. Perché non succede spesso che sia un’azienda del Sud ad acquisirne una del Nord. Come è avvenuto con l’operazione che a fine marzo ha portato il gruppo di Pontecagnano, in provincia di Salerno, a concludere l’operazione d’acquisto del ramo d’azienda della cartotecnica Travagliati, appartenente all’omonima famiglia, specializzata nella produzione di astucci, in particolare per il food, con 38 dipendenti e un fatturato di circa 2,5 milioni di euro.

L’acquisizione è avvenuta tramite la costituzione di una Newco Sada Packaging Verona, di totale proprietà della Sada Packaging, controllata a sua volta al 100% dalla Holding Sada Partecipazioni. L’acquisizione della Travagliati permetterà a Sada di servire le più importanti realtà produttive ubicate nel Nord Est – ampliando anche il portafoglio clienti della ex Travagliati ed entrando in settori nuovi come per esempio la detergenza – e di favorire l’espansione estera. Nel 2016 il gruppo Sada ha realizzato un fattu-

rato di circa 98 milioni. Questa nuova acquisizione permetterà all’azienda campana di superare il traguardo dei 100 milioni già nel 2017, con 395 addetti distribuiti tra i quattro stabilimenti siti in Campania, uno a Catania e in Veneto (San Pietro in Cariano). L’operazione, come riporta affaritaliani.it, ha visto, sul fronte finanziario, l’intervento di Unicredit (con l’Area Corporate Campania Sud, Basilicata e Calabria con sede a Salerno) che ha strutturato una linea di credito da 2 milioni di euro, da rimborsare in 72 mesi,

Antonio Sada, presidente del gruppo Sada.


Il fondo di De Agostini compra Pigna

Il rilancio viene affidato ad Alberto De Matthaeis, manager molto conosciuto nel settore per le sue esperienze lavorative in Mondadori Printing, Burgo e JK Group.

di cui 18 di preammortamento e 54 di ammortamento. “UniCredit ha deciso di supportare le strategie di crescita del Gruppo campano, riconoscendone le solide basi finanziarie e i validi piani di sviluppo nazionale e internazionale”, ha spiegato sempre ad affaritaliani.it Elena Goitini, direttore regionale Sud di UniCredit. “La forma tecnica del finanziamento utilizzata permetterà all’azienda di avviare con tranquillità la messa a regime della Newco, grazie anche a un ‘grace period’ di 18 mesi. Questa operazione – ha aggiunto – è la dimostrazione concreta dell’interesse di UniCredit a sostenere piani di crescita

Una “nuova era” per la Pigna, la cartiera diventata famosa per i suoi quaderni. Dopo un periodo difficile che l’ha portata fino al concordato preventivo in continuità aziendale, finalmente la lunga e gloriosa storia (iniziata addirittura nel 1839) della cartiera di Alzano Lombardo potrà continuare. A salvarla con l’obiettivo di rilanciarla sarà Idea Corporate Credit Recovery 1 (Idea Ccr1), il fondo gestito da Idea Capital ambiziosi, strutturati e sostenibili. “Auspico che questo finanziamento, oltre ad accompagnare la crescita del gruppo Sada, possa costituire anche un esempio per altre aziende del territorio a perseguire la strada dello sviluppo del proprio business sui mercati nazionali e internazionali”. Per Antonio Sada, presidente del gruppo Sada, si tratta invece “di un ulteriore passo in avanti per aumentare le opportunità di business in Italia e all’estero ed essere più flessibili verso i clienti che richiedono sempre più un packaging innovativo. Soprattutto in uno scenario di mercato altamente concorrenziale come l’attuale”. A.P.

(controllata al 58,3% dalla De Agostini) che ha acquisito, attraverso la conversione di crediti in capitale, il 51% della Cartiere Paolo Pigna. Il restante 49% continuerà a fare capo al gruppo Jannone, che finora aveva la maggioranza. Da decenni punto di riferimento nazionale per i quaderni scolastici e per i blocchi, la Pigna è stata a lungo guidata direttamente da esponenti della famiglia Pesenti Pigna. A guidare, invece, la ‘nuova’ Pigna, dove nei mesi scorsi è stata aperta la mobilità per 60 dei 150 dipendenti, sarà un consiglio di amministrazione formato dal presidente e amministratore delegato Alberto De Matthaeis (manager di lungo corso nel settore con molte esperienze tra cui quelle in Mondadori Printing, in Burgo e ultimamente in JK Group) chiamato all’importante responsabilità di rilanciarla, da Vincenzo Manganelli (managing director di Idea Ccr1) e da Giorgio Jannone, in precedenza amministratore unico. “La consistenza finanziaria e l’ingresso di figure professionali di alto profilo, oltre alla consolidata esperienza nel settore, non potranno che rafforzare la nostra leadership di mercato, anche mediante l’ampliamento della gamma dei prodotti”, ha commentato, dopo la chiusura dell’operazione, Jannone. >> segue a pag. 98

ilPoliGrafico 176t17

rdi Eventi Cultura Formazione Aziende Poltrone Eventi Premi Imballaggio Primo piano

Dmail aumenta le testate e la stampa della Litosud L’accordo è stato siglato alla fine di aprile. E segna un altro passo avanti nel programma di espansione nell’informazione locale di Dmail, la società (quotata al mercato MTA di Borsa Italiana) che fa capo alla famiglia Farina. L’intesa, come spiega l’amministratore delegato di Dmail, Alessio Laurenzano, ha permesso l’acquisizione da parte della controllata Dmedia Group del 60% della SGP, società fino ad allora partecipata integralmente dalle Associazioni Industriali di Novara e dall’Unione Industriale Biellese (ai quali resta pariteticamente una quota del 40%) che edita due testate molto radicate nel territorio piemontese: Il Corriere di Novara e l’Eco di Biella. I due giornali entreranno a far parte del network (iNetweeK) che vanta il primato di essere il primo circuito di media locali in Italia con una sessantina di testate.

In Pixartprinting la maggiore installazione europea di Komori H-UV / LED H-UV Pixartprinting ha messo a segno la più importante installazione europea di sistemi a polimerizzazione H-UV firmati Komori. In funzione a Quarto d’Altino tre nuove GL840P LED H-UV e due dei modelli già implementati upgradati con il sistema H-UV. Il leader dell’Upload&Print conquista così il primato assoluto di reparto produttivo con il maggior numero di sistemi 8 colori 70x100 del produttore giapponese dotati di questa tecnologia di asciugatura. “L’ampliamento del catalogo prodotti è legato a doppio filo all’innovazione tecnologica che permea il nostro DNA e si declina in ogni reparto, rappresentando la caratteristica distintiva della nostra strategia di sviluppo”, spiega Paolo Roatta, amministratore delegato di Pixartprinting. “Mettere a punto processi sempre più automatizzati e standardizzati ci permette di ridurre i tempi di produzione elevando i livelli qualitativi. Prestazioni che assicurano una maggiore efficienza nell’evasione degli ordini a vantaggio della soddisfazione dei clienti”. La scelta di passare da una configurazione convenzionale alla polimerizzazione H-UV e LED H-UV è stata dettata da esigenze di ottimizzazione del ciclo produttivo. >> segue a pag. 98

15


ilPoliGrafico 176t17

Aziende grafiche Dati di settore Fornitori Istituzioni Associazioni Accordi Eventi Cultu

Davide Dei Rossi (a destra) con Emanuele Pogliani di KBA Italia.

Da Pixartprinting un nuovo progetto di content marketing Prosegue l’attività di content marketing targata Pixartprinting con Berlin Lines, che invita a scoprire gli spazi sotterranei della capitale tedesca, la cui rete metropolitana è diventata iconica a livello internazionale. Puntando l’obiettivo sui differenti stili, palette di colori e lettering che caratterizzano le stazioni della famosa U-Bahn, il nuovo progetto ideato dal reparto marketing dell’azienda e realizzato in collaborazione con contributor selezionati, offre ai professionisti della comunicazione e della stampa fonti di ispirazione per alimentare la loro creatività.

Rotomail raddoppia la produzione con una seconda Tecnau Libra 800 Rotomail ha investito in una seconda Libra 800 di Tecnau per produrre libri di formato variabile in totale automazione, espandendo quindi la capacità produttiva per le piccole tirature e il book on demand. Nello stabilimento di Milano le bobine vengono stampate sulle linee HP PageWide e HP Indigo e rifinite sulle due Libra 800 in un processo integrato che va dalla bobina di carta al libro finito. Il sistema altamente modulare è stato configurato da Rotomail con un canale di ingresso composto da uno svolgitore, slit-merge e taglierina a doppio canale per la produzione di blocchi libro a formato variabile in spessore, altezza dorso e larghezza. I blocchi libro vengono quindi trasferiti automaticamente alla brossura variabile (Libra VB) collegata in linea al modulo di taglio e finitura trilaterale variabile (Libra VT).

Flexostudio cambia il paradigma della flexo scegliendo Flenex di Fujifilm

16

Una scelta strategica che sta cambiando l’approccio al mercato della stampa flessografica industriale è quella di Flexostudio, realtà operante a Prato con una decennale esperienza nella produzione di impianti flessografici per imballaggio flessibile. L’innovazione introdotta da Flexostudio si chiama Flenex FW, un innovativo polimero flessografico con sviluppo ad acqua, destinato a riproduzioni di altissima qualità e compatibile con i principali inchiostri utilizzati nella stampa flessografica (UV, solvente e acqua). Flenex FW costituisce il nucleo di una soluzione completa per la stampa di imballaggi firmata Fujifilm.

In Rotolito una Rapida 145 dalla configurazione unica È in funzione presso Rotolito Lombarda una KBA dalla configurazione speciale. “Sono sempre stato convinto che la Rapida 145 fosse una gran macchina, ma sono rimasto colpito da una produttività così elevata, più del doppio rispetto ad altre macchine”. A dirlo è Davide Dei Rossi, responsabile del progetto presso Rotolito Lombarda, che ha seguito l’installazione e la messa in funzione della offset a foglio di grande formato. La nuova KBA RA 145-5+L SPC

ALV3 (5 colori più vernice e uscita tripla) è una delle macchine con la configurazione più completa al mondo e dispone di una serie di funzioni avanzate, quali immissione con squadra elettronica, cambio lastre simultaneo su tutti i gruppi stampa, contemporaneo ad altri processi di avviamento, paper strech, plate ident, tiraggio delle lastre, stiratura pneumatica delle lastre per compensare i fogli piegati, lavaggi sincroni e simultanei, Qualitronic Color Control

con rilevamento inline di ogni singolo foglio. “Avviamento in pochi minuti e velocità elevata sono veramente degni di nota”, chiude Dei Rossi. “Se non fosse stato per lo spazio avremmo installato anche la logistica visto che si parla di oltre 10.000 fogli vendibili all’ora inclusi gli avviamenti che, per lavori editoriali di qualità, è veramente impressionante”.

Configurazione personalizzata per la Gallus di Eurolabel Eurolabel ha installato una Gallus ECS 340 nella propria sede di Milano. Il sistema di stampa è unico in Italia, in quanto la configurazione è stata realizzata ad hoc per l’etichettificio lombardo. Nello specifico, si tratta di una macchina flexo combinata con 8 colori flexo e 3 unità rotative serigrafiche. La macchina ha anche la possibilità di laminare a freddo o di plastificare in linea, oltre a poter stampare sulla colla o sulla carta siliconata. Questa configurazione particolare nasce dall’esigenza di Eurolabel di espandersi in un nuovo mercato, quello del tubo laminato. Materiale molto difficile da trattare data la sua instabilità, il tubo

Elisabetta Brambilla, presidente di Eurolabel, e Aldo Franco, direttore commerciale.

laminato è utilizzato nei settori della cura personale e alimentare e sta vivendo un momento di forte crescita. Fondata a Milano nel 1964, Eurolabel ha saputo consolidare la propria posizione in un mercato in continua evoluzione, attestandosi oggi tra le più importanti aziende

produttrici di etichette autoadesive, sleeve e RFID. La macchina acquistata da Eurolabel rappresenta l’ottavo sistema di questo tipo venduto in Italia da Heidelberg nel corso del 2016, a riconferma della grande affidabilità e qualità di questa macchina.


ura Formazione Primo piano Aziende Poltrone Eventi Premi Imballaggio Carta Scuole

Da sinistra: Robert Holscher e Steve Turner di Komori, Garth Davis, direttore generale di Lexon.

Prima Komori Impremia IS29 in Gran Bretagna La prima Komori Impremia IS29 in Gran Bretagna è stata installata a maggio presso Lexon, un’azienda del Galles meridionale che offre soluzioni di stampa integrata, tra cui packaging creativi, espositori per fiere e punti vendita e stampa commerciale. L’azienda inglese, con un fatturato annuo di 6 milioni di euro, ha in sala stampa delle offset Komori Lithrone 50x70 e due stampanti di grande formato Screen Truepress Jet W3200 UVII. Presentata nella versio-

ne definitiva alla scorsa drupa, la Impremia IS29 è una macchina inkjet UV a foglio a 4 colori, di f.to 585x750 mm, sviluppata da Komori insieme a Konica Minolta. La velocità di stampa è di 3.000 fogli/ora in fronte o 1.500 in fronte/retro e lo spessore carta va da 0,06 mm a un massimo di 0,6 mm. Altre installazioni europee sono previste per la metà di quest’anno. “Siamo un’azienda grafica dinamica focalizzata sulla qualità”, afferma Garth Davis di Lexon. “Avevamo

bisogno di aggiungere al nostro parco macchine una soluzione inkjet in grado di offrire risultati di stampa sorprendenti utilizzando gli stessi supporti che stampiamo in offset. Siamo rimasti molto colpiti dalle prestazioni della IS29, in termini di qualità di stampa, di capacità di essiccazione UV istantanea su un’ampia gamma di supporti e, infine, il colour gamut è decisamente più ampio di quello della offset. Le applicazioni tipiche per noi sono il packaging di lusso e i pieghevoli”.

IBE nel packaging flessibile con HP Indigo 20000 IBE (Industry Business European) srl, un’azienda di produzione di etichette autoadesive, ha scelto di investire in una macchina da stampa digitale HP Indigo 20000 che è stata installata nello scorso mese di aprile. Con questo nuovo sistema l’azienda intende rispondere alle esigenze del packaging flessibile con tecnologie all’avanguardia. “Con questa nuova installazione puntiamo a soddisfare le richieste delle aziende in termini di imballaggio dei prodotti. Soprattutto, grazie alla capacità offerta dal sistema HP Indigo 20000, possiamo operare come provider di servizi per gli stampatori che non dispongono di funzionalità digitali per diverse applicazioni di

Roberto Spreafico (IBE), a destra, e Antonio Maiorano (HP).

stampa di imballaggi. IBE non rappresenta una minaccia per gli altri converter, perché le sue attività principali sono la produzione di etichette e sleeve”, ha dichiarato Roberto Spreafico, CEO e proprietario dell’azienda. “Vediamo una notevole area di miglioramento per il packaging flessibile: la nostra focalizzazione a breve termine è sulle private label nei segmenti

dei Mass Merchant”. Il mercato del packaging flessibile è in crescita. Di conseguenza, in aggiunta alle precedenti tecnologie HP acquistate dall’azienda, IBE ha installato una seconda macchina digitale HP per rispondere a una nuova tendenza: la crescente richiesta di soluzioni di stampa di dati variabili e in tempi brevi.

17


ilPoliGrafico 176t17

Aziende grafiche Dati di settore Fornitori Istituzioni Associazioni Accordi Eventi Cultu

Da sinistra: Montserrat Peidro-Insa, a capo della Digital business unit in Heidelberg, Thomas Pfefferle e Martin Bruttel, direttori generali di Colordruck Baiersbronn, Sascha Knabe di Heidelberg.

Benoit Chatelard lascia Ricoh e va in Flint Group Benoit Chatelard riveste il ruolo di presidente e CEO della divisione di soluzioni di stampa digitale del Flint Group a partire dallo scorso 8 maggio. Nell’ambito del suo mandato per un ulteriore sviluppo del portafoglio e della base clienti di Flint Group Digital Solutions in tale ambito, per il quale Xeikon rappresenta un elemento strategico, verrà proposto come CEO di Xeikon, nomina che dovrà essere confermata durante l’assemblea degli azionisti Xeikon. Chatelard vanta un percorso notevole nel settore della stampa di produzione digitale. Di recente è stato vicepresidente per il Production Printing Business Group di Ricoh Europe.

Scodix apre le porte ai delegati Gifasp Lo scorso 28 marzo la delegazione Gifasp – il Gruppo italiano fabbricanti astucci e scatole pieghevoli – ha visitato la sede israeliana di Scodix, grazie a un’iniziativa di Assografici. Nigel Tracey, VP Head of Packaging in Scodix, e Mauro Luini, sales manager South Europe, hanno offerto agli ospiti una panoramica sulle nove differenti applicazioni possibili, tutte realizzabili digitalmente, oltre a una simulazione dei vantaggi economici possibili con Scodix. Il gruppo ha poi avuto la possibilità di vedere le macchine in produzione, sia la Scodix Ultra Pro Foil in formato 50x70 cm sia la protagonista dell’evento, la Scodix E106 in formato 70x100 cm. Quest’ultima è stata da tutti considerata un vero game changer anche per le nobilitazioni più spinte. Scodix viene distribuita da Heidelberg in Italia, dove le installazioni ammontano a dieci.

Canon Digital Printing Journey: esplora il potere della stampa

18

In occasione del 10° anniversario dell’innovativa gamma imagePRESS, Canon è al fianco dei suoi Partner certificati Professional Print lungo tutta la penisola per un tour dedicato al mondo della comunicazione visiva nel mercato della stampa professionale. Si prevede che il mercato della stampa digitale crescerà nei prossimi due anni di una percentuale pari al 43% (Smithers Pira - The Future of Offset vs Digital Printing to 2018). Tappa dopo tappa, Canon porta in tour il portfolio prodotti e soluzioni per produrre numerose applicazioni. Protagonista di questo viaggio è la serie imagePRESS C850, la famiglia di macchine digitali di produzione che da dieci anni è sinonimo di qualità e velocità.

Heidelberg strappa un cliente a Landa Heidelberg ha venduto la Primefire 106 a un’azienda designata inizialmente da Landa come uno dei primi beta test per la S10. Stiamo parlando della tedesca Colordruck Baiersbronn, un’azienda da 38 milioni di euro e 200 dipendenti, che non appare più nella lista di clienti pilota recentemente diffusa dal produttore israeliano e che, infatti, ha scelto di accordare la propria fiducia ad Heidelberg. Lo stampatore tedesco aveva installato una HP

Indigo 30000 l’anno scorso e ora sarà tra i primi clienti a installare la Primefire 106, la macchina inkjet 70x100 presentata in anteprima alla scorsa drupa e frutto di uno sviluppo congiunto con Fujifilm. La trattativa è stata conclusa positivamente da Heidelberg dopo un periodo di “intensi test tecnici”. Tra i fattori che hanno spinto lo stampatore tedesco a scegliere il proprio connazionale anziché Landa “una notevole competenza nel mercato del packaging

e una qualità di stampa eccezionale”. Martin Bruttel, direttore generale di Colordruck Baiersbronn, ha spiegato che utilizzerà la Primefire per introdurre in azienda la “personalizzazione di massa del packaging”. La macchina verrà installata entro la fine di quest’anno. La prima Primefire 106 andrà sempre a uno stampatore di packaging tedesco – lo stabilimento di Obersulm del gruppo internazionale Multi Packaging Solutions – il prossimo mese.

Ottimo inizio d’anno per KBA, con il 21% di ordini in più Per il Gruppo Koenig & Bauer il 2017, l’anno del proprio duecentesimo anniversario, è iniziato bene, con un aumento degli ordini salito a 321,5 milioni di euro, il 20,7% in più rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Con un fatturato del Gruppo di 259,1 milioni di euro, attestatosi al livello dell’anno precedente, il pacchetto di ordini è aumentato del 6,4% portandosi a 619,9 milioni di euro. Il risultato del Gruppo è pari a 4,7 milioni di euro, contro l’1,6 del 2016. Un numero maggiore di contratti di assistenza e ordinativi superiori di macchine in formato medio hanno permesso un aumento del 12% nell’offset a foglio, salendo a

152 milioni di euro. Dall’inizio dell’anno, al segmento Digital & Web vengono attribuite anche le attività della stampa flessografica del packaging. Grazie a ordinativi per 57,7 milioni di euro, aumentati del 18,5%, e un fatturato lievemente inferiore, pari a 30,4 milioni di euro, il pacchetto di ordini è salito da 95,5 milioni di euro a 103,5 milioni. Le misure di ottimizzazione della KBAFlexotecnica (–1,8 milioni di euro), gli elevati costi di

R&S e l’arretramento del fatturato hanno gravato sul risultato del segmento con un –2,3 milioni di euro (2016: -2,6 milioni di euro). Il maggiore volume di ordini nel settore della stampa di banconote e carte valori e stampa diretta su vetro ha portato a un incremento degli ordinativi nel segmento Special del 25,3%, arrivando a 125,7 milioni di euro. Se le condizioni economiche e politiche per le attività internazionali non peggiorano pesantemente, per il 2017 il management auspica di raggiungere un aumento di fatturato organico nel gruppo fino a 1,25 miliardi di euro e una rendita EBIT di circa 6 punti.


ura Formazione Primo piano Aziende Poltrone Eventi Premi Imballaggio Carta Scuole

EXTREMELY VIVID PRINTING

Kodak: l’inkjet Prosper è strategico, non lo vendiamo Kodak ha annunciato che, contrariamente a quanto dichiarato un anno fa, non venderà la divisione inkjet della Prosper. La decisione è stata presa dopo un’analisi approfondita dei business delle varie divisioni e delle valutazioni con potenziali acquirenti. “È una decisione pragmatica maturata a seguito del miglioramento del business e delle offerte ricevute”, ha dichiarato Jeff Clarke, Chief Executive Officier di Kodak. “Prosper ha

portato ottimi risultati nel 2016 con un incremento del 40% su base annua delle vendite. Ci aspettiamo che la divisione Enterprise Inkjet Systems (EISD) sarà profittevole quest’anno anche tenendo conto degli investimenti per la next-generation di Ultrastream”. Kodak continuerà quindi a supportare il programma Ultrastream e ha siglato lettere di intenti con vari partner che creeranno

nuove applicazioni che guideranno le domande del mercato. Kodak è pronta a consegnare kit di sperimentazione a 17 società tra le quali Fuji Kikai, Goss China, Matti, Mitsubishi Heavy Industries Printing and Packaging Machinery (MHI-PPM) e Uteco, per dar loro modo di valutare l’integrazione di Ultrastream nelle loro future soluzioni di stampa. Kodak si aspetta che soluzioni costruite attorno alla tecnologia Ultrastream siano pronte per il mercato nel 2019.

AVINCI DX3200 SORPRENDENTE E UNICA!

Arte giovane: i vincitori del Premio Ricoh

Si è conclusa la settima edizione del Premio Ricoh per giovani artisti contemporanei con la premiazione dei vincitori che si è tenuta presso il Mondadori Megastore di Piazza Duomo a Milano. Come per le edizioni precedenti, il Premio è organizzato da Ricoh Italia in collaborazione con Art Relation e con il patrocinio della Città metropolitana di Milano e del Comune di Vimodrone (Milano).

La giuria – presieduta da Giorgio Grasso, critico d’arte e curatore del Padiglione Armenia alla Biennale di Venezia 2017 – era composta da Davide Oriani (CEO di Ricoh Italia), Mirko Bianchi (past president di Ricoh Italia), Mario Maiocchi (amministratore delegato Mondadori retail), Rino Moffa (editore e amministratore unico di Tnv), Sabrina Ravanelli (artista) e Vincenzo Gornati, consigliere comunale del Comune di Vimodrone. La giuria ha così decretato: • Vincitore assoluto: Paolo Piacentini con l’opera I Passanti. • Vincitore per la sezione pittura-disegno-grafica: Giada Cerullo con l’opera Zoe. • Vincitore per la sezione

scultura-installazione: Edoardo Aguzzi con l’opera Le virtù. • Vincitore per la sezione fotografia-video, digital art: Adele Ardigò con l’opera Onde Cosmiche. Agli artisti era stato chiesto di esprimere, attraverso le loro opere, i valori Ricoh così riassumibili: “Lo sforzo verso l’innovazione, che semplifica la vita e il lavoro, salvaguardando nel contempo l’ambiente e in generale i principi della responsabilità sociale d’impresa”. Le opere vincitrici si aggiungono alla collezione d’arte che Ricoh ha iniziato con le scorse edizioni e che è allestita presso la propria sede di Vimodrone.

Incontra Avinci DX3200 L’unità di stampa, a inchiostri sublimatici, che vi permette di ottenere prodotti d’altissima qualità con colori incredibili per il soft signage in e out door. er la stampa di bandiere, banners, gra ca, decorazioni per negozi e ere e molto altro ancora di più. Fino ad una larghezza massima di 3.2 m a 175 m²/ora.

19

www.agfagraphics.com www.facebook.com/agfagraphicsit/


ilPoliGrafico 176t17

Aziende grafiche Eventi Dati di settore Fornitori Istituzioni Associazioni Accordi Cultu

Da sinistra: Alberto Palaveri, Joseph Marsanasco, Alberto Masserdotti.

Il futuro della comunicazione grafica Lo scorso 5 maggio al Centro Salesiano di Arese si è svolto l’annuale “Pellitteri’s Day” giunto alla 25esima edizione. Un importante traguardo per un evento che premia le eccellenze degli allievi delle scuole grafiche e cross-mediali di tutta Italia. La manifestazione, nata nel lontano 1993 per iniziativa di Franco Marinelli, salesiano e maestro dell’arte grafica, costituisce un ideale omaggio a Giuseppe Pellitteri – tipologo, tecnologo, scrittore, ma soprattutto educatore – di cui Marinelli fu allievo. All’organizzazione dell’evento hanno contribuito l’associazione CNOSFAP Regione Lombardia e tutte le associazioni di categoria, tecniche e culturali del comparto grafico a livello nazionale e regionale con il supporto dei maggiori media del settore. “Diversamente dagli anni passati, abbiamo pensato che fosse giusto celebrare questa 25esima edizione proprio qui nel luogo dove l’idea è nata e si è concretizzata”, dichiara Mauro Colombo, direttore del Centro. Rispettando il programma tradizionale, la cerimonia di premiazione è stata preceduta dal momento formativo con un intervento dell’insegnante Dario Panciera sull’evoluzione della comunicazione grafica nel corso degli ultimi 25 anni e con uno sguardo sul futuro del settore ad opera di Enrica Menozzi, esperta di editoria digitale. Il “momento premiale”, con l’assegnazione dei Pollicioni d’Oro – immagine grafica creata dal designer Armando Testa, divenuta simbolo dell’evento – ha avuto una prima fase nella quale sono stati assegnati i premi al Merito come riconoscimento delle figure di eccellenza dell’industria e della cultura grafica italiana, così da presentarle ai giovani come persone di riferimento, veri esempi da imitare: s0OLLICIONED/ROALLA#ARRIERAA$OMENICO$I Marsico, imprenditore grafico di Bari; s0OLLICIONED/ROALLA0ROFESSIONALITÌA#LAUDIO Lombardi, presidente e fondatore della Lombardi Converting Machinery Srl di Fornaci (Brescia); s 0OLLICIONE D/RO  ALLA &ORMAZIONE AD !CHILLE Broggi, insegnante di tecnologia grafica alla scuola di Arese; s-ENZIONED/NOREALLA-EMORIADI'IORGIO-AZZERI dirigente di Kodak Italia e poi di Crosfield Electronics, cofondatore e vicepresidente di TAGA Italia.

20

Il vicepresidente di TAGA Italia David Serenelli ha illustrato l’iniziativa a favore degli studenti degli ultimi anni delle scuole grafiche, costituita da una Borsa di Studio, giunta alla terza edizione, intitolata ad Alberto Sironi, presidente TAGA per molti anni. Nella seconda fase sono stati consegnati i Pollicioni d’Oro per l’Eccellenza formativa a 45 studenti di Scuole grafiche, Scuole d’Arte applicata, Accademie di Belle arti e Istituti tecnici di Comunicazione grafica.

Tre Ambassador per Print4All Si dice che tre sia il numero perfetto e infatti tanti sono gli Ambassador di Print4All (Fiera Milano, 29 maggio-1 giugno 2018), manager e imprenditori provenienti da aziende rappresentative di ciascuna delle anime che compongono la manifestazione: Converflex, Grafitalia e Inprinting. Il loro compito sarà farsi portavoce dell’innovativo progetto fieristico che, sfruttando le sinergie tra le filiere e rispondendo a specifiche esigenze dei buyer, si propone di dare concreto impulso al mercato produttivo italiano. I tre Ambassador sono

stati selezionati tra aziende altamente innovative dei diversi settori del printing sulla base delle loro caratteristiche personali e professionali. Alberto Palaveri, R&D director e membro del Board Sacchital, è stato nominato Ambassador della verticale Converflex, perché proviene da una realtà internazionale che è fra le più importanti nel settore del flexible packaging e che da 70 anni è alla continua ricerca di innovazione. Joseph Marsanasco, direttore innovazione tecnologica di Rotolito

Lombarda e direttore generale di Nava Press, è invece l’Ambassador Grafitalia. Rappresenta due delle più storiche aziende grafiche italiane riconosciute a livello internazionale per i mercati nei quali operano: lusso, moda, design, editoria. Alberto Masserdotti è, infine, l’Ambassador del mondo Inprinting. È amministratore di Gruppo Masserdotti e Domino Sistemi, realtà che, tra le varie aree, si distinguono per le innovative soluzioni di Interior Decoration diversificate per ogni ambiente grazie all’utilizzo di materiali speciali.

Oscar della Stampa: premi a tutti i settori del Printing e Converting Un’edizione particolarmente significativa quella del 2017 per gli Oscar della Stampa. In un anno che vede consolidarsi in Europa la ripresa degli investimenti da parte delle aziende di stampa e converting, Stratego Group, organizzatore degli Oscar della Stampa, ha deciso di allargare la sfera di interesse dei premi a tutti i comparti del package printing. La scelta è dettata soprattutto dalle dinamiche del mercato che sul lato della domanda va sempre più previlegiando aziende in grado di soddisfare ad ampio spettro le richieste del cliente. Una trasversalità che si è rispecchiata anche nelle numerose operazioni di merge&acquisition delle

quali sono state protagoniste anche importanti realtà del nostro Paese. Almeno tre nuovi premi andranno ad aggiungersi alla rosa di quelli consolidati: - Flexo Printer of the Year, - Gravure Printer of the Year, - Flexo Pre-press of the Year. A novembre nella serata di consegna degli Oscar della Stampa saliranno sul palco imprenditori di aziende che rappre-

sentano l’eccellenza di un comparto di grande dinamicità e importanza per l’industria italiana che, in questo segmento, ha anche una grande vocazione all’export. Per promuovere questo ampliamento è stato siglato un accordo con Acimga che annovera tra i propri associati aziende fornitrici di tecnologie hardware e software all’avanguardia nel mondo.


29.426 recensioni clienti negli ultimi 24 mesi


ilPoliGrafico 176t17

Cultura

L’emozione dei colori nell’arte, dal ‘700 ai giorni nostri

Il blu di Yves Klein, le astrazioni di Kandinsky, i rossi di Fontana, le inquietudini cromatiche di Munch, le superfici monocrome di Castellani, ma anche Matisse, Giacomo Balla, Sonia Delaunay fino ai contemporanei Anish Kapoor, Tony Cragg e Damien Hirst… Sono solo alcune facce di un immenso caleidoscopio di sfumature che converge nella mostra L’emozione dei COLORI nell’arte, in programma fino al 23 luglio a Torino, nelle sedi del Castello di Rivoli, Museo d’Arte Contemporanea e della GAM, Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea. Tra pittura, ottica, neuroscienze e antropologia, il percorso si snoda attraverso 400 opere che indagano l’utilizzo del colore dal Settecento a oggi, dando conto di movimenti e ricerche artistiche lontane dalle storie canoniche del colore. Si comincia dalle opere dei seguaci Hindu Tantra (XVIII secolo) e dei Teosofisti (XIX secolo) che utilizzavano le forme-colore come fonti per la meditazione e la trasmissione immateriale del pensiero, si prosegue con le sperimentazioni dei colori sintetici, fino alla nascita dei codici RAL e delle standardizzazioni Pantone per finire agli ambienti digitali. Dal colore in pigmento fino al colore nelle sperimentazioni digitali, la mostra regala un’immersione ipnotica totale e totalizzante. Tra linee, griglie, spirali, dipinti e il meraviglioso pavimento Zobop di Lambie su cui si cammina si è catturati da un’involontaria sinestesia che fa riflettere, avvolge. E un po’ dolcemente sconvolge. Anna Aprea

Molte delle opere in mostra sono in Italia per la prima volta.

La Russia di Kandinsky al MUDEC fino al 9 luglio Vasily Kandinsky si ferma al MUDEC – Museo delle Culture di Milano – fino al 9 luglio con una mostra assolutamente inedita, ricca di 49 sue opere che raccontano il “periodo del genio” dell’artista russo che porta alla svolta completa verso l’astrazione, e di 85 tra icone, stampe popolari ed esempi di arte decorativa. Le opere, alcune delle quali mai viste prima in Italia, provengono dai più importanti musei

russi, come l’Ermitage di San Pietroburgo, la Galleria Tret’jakov, il Museo di Belle Arti A.S. Puškin e il Museo Panrusso delle Arti Decorative, delle Arti Applicate e dell’Arte Popolare di Mosca. L’esposizione, che cade nell’anno del centenario della Rivoluzione russa e a ridosso delle celebrazioni del centocinquantesimo anniversario della nascita dell’artista, è un progetto “site-specific”, legato alla vocazione del

MUDEC-Museo delle Culture: è, infatti, fondato sul rapporto tra arte e antropologia e sulla metafora del viaggio come avventura cognitiva. Tutti aspetti sperimentati dal fondatore dell’astrattismo, che rivoluzionò buona parte della successiva ricerca espressiva nel mondo, e che ha sempre mostrato interesse per un approccio scientifico alla realtà e per le esplorazioni.

Crossover/s di Miroslaw Balka

Installazioni suggestive per una sede suggestiva come l’HangarBicocca di Milano.

Pirelli HangarBicocca presenta “Crossover/s”, la prima retrospettiva italiana di Miroslaw Balka, artista tra i più rilevanti degli ultimi trent’anni che pone al centro del suo lavoro l’indagine sull’esistenza e la natura dell’uomo e sulla memoria individuale e collettiva. Attraverso una riflessione sulla storia dell’Europa e della Polonia, dove l’artista è nato, vive e lavora, Balka prende spunto da elementi ed eventi della propria biografia per realizzare opere che affrontano temi universali con grande potenza evocativa. La mostra, a cura di Vicente Todolí, raccoglie quindici lavori iconici, tra sculture, installazioni e video, realizzati da Balka (Varsavia, 1958) dagli anni Novanta a oggi, oltre a una nuova produzione, Holding the Horizon (2016), video concepito appositamente per il progetto espositivo di Pirelli HangarBicocca.


KBA-Sheetfed Solutions

Restare impressi: Fustellato, cordonato, goffrato.

KBA.R.646.it

La fustellatrice rotativa KBA Rapida RDC 106 conquista per la sua enorme versatilitĂ dando forma a packaging, etichette e stampati commerciali con grande efficienza, ovviamente con la consueta facilitĂ  di controllo, tempi di avviamento brevissimi e massima performance. Insomma, una vera Rapida.

KBA ITALIA S.R.L. Tel: (0039 02) 93 71 961, info@kbaitalia.it, www.kbaitalia.it, www.kba.com


ilPoliGrafico 176t17

Aziende grafiche Dati di settore Fornitori Istituzioni Associazioni Accordi Eventi Cultu

Macchine da stampa: tutti i numeri di un super 2016

Sono dati decisamente incoraggianti quelli emersi dall’indagine condotta annualmente da ARGI - Associazione Fornitori Industria Grafica - e presentati come di consueto alla stampa di settore. I dati dell’Osservatorio fotografano, infatti, i trend di un mercato in costante cambiamento, dove prevale il segno positivo in tutti i segmenti analizzati. A illustrare i dati relativi al mercato offset è stato Massimiliano Veronesi, direttore generale di manroland Italia e nuovo membro del direttivo ARGI.

24

“Il 2016 a livello di venduto è stato uno dei migliori degli ultimi cinque anni e ha registrato una crescita del 30% rispetto al 2015”, ha esordito Massimiliano Veronesi. Se si considera il fatturato del mercato Italia relativo a macchine e service offset e digitale si nota che i primi dati positivi sono attribuibili al secondo semestre del 2014, in cui si è consolidata una ripresa che è proseguita nel 2015 (+30%) e nel 2016 (altro +30%). Se consideriamo solo le macchine, la crescita è ancora più alta e si attesta intorno al 39% circa. Il post drupa non ha deluso le aspettative ed è stato un momento molto positivo per far crescere gli investimenti. Considerando l’area offset e, in particolare, le offset a foglio, il fatturato è passato dai 70.818.000 euro del 2015 a 93.090.000 euro del 2016. Il formato 70x100 continua a dominare con il 75% di macchine sull’installato totale. Il venduto delle lastre in mq resta costante dal 2013 al 2016, con la tecnologia termica che prevale nettamente sulle altre. Questo significa che la stampa offset rimane stabile. In ambito prestampa, il fatturato del service è in calo, mentre quello delle macchine è quasi raddoppiato

dal 2015 al 2016. Anche il fatturato delle macchine dopostampa e cartotecniche cresce passando da 48.180.000 euro a 81.163.000 euro. A commentare i dati dell’area digitale è intervenuto Enrico Monteverdi, market development manager in HP. Anche in questo ambito si conferma un trend positivo, con una crescita del fatturato del 15% circa nel 2016. Analizzando segmento per segmento, la crescita maggiore è rappresentata dalle macchine a bobina, sia inkjet che elettrofotografiche, grazie soprattutto alle applicazioni di packaging secondario. Anche le macchine destinate al mercato delle etichette

stanno registrando un trend di crescita rapida. L’andamento delle macchine a foglio è stabile; in particolare quelle a colori sono passate da un fatturato 2015 di 19.117.000 euro a 21.880.000 euro. Le macchine digitali a bobina detengono una quota del 29% sul totale installato, le macchine a colore a foglio hanno una quota del 50%. Per quanto riguarda le iniziative ARGI, lo scorso 31 marzo è stato rinnovato il direttivo con nuovi ingressi, mentre sono stati rieletti Roberto Levi e Giorgio Bavuso rispettivamente alla presidenza e alla vicepresidenza. Il numero dei soci è cresciuto dai 14 del 2011 ai 35 di oggi.

Fatturato mercato Italia

Sempre viva l’attenzione nei confronti delle scuole, che quest’anno si è concretizzata in un nuovo progetto, le “Olimpiadi della Stampa”, nato per valorizzare i giovani talenti delle scuole grafiche e dare supporto alla formazione. Attraverso varie gare tra i diversi team delle scuole, le Olimpiadi si sono tenute il 20 e 21 maggio presso l’hotel NH di Milano2; alle squadre finaliste sono andati buoni acquisto per dotazioni scolastiche. Comprende: fatturato stampa offset e digitale, prepress e dopostampa offset, service e ricambi per tutte le categorie. Service dopostampa offset dal 2011.


ilPoliGrafico 176t17

ura Formazione Primo piano Aziende Poltrone Eventi Premi Imballaggio Carta Scuole

Fatturato macchine offset a foglio

Share formati macchine offset a foglio

25


ilPoliGrafico 176t17

Aziende grafiche Dati di settore Fornitori Istituzioni Associazioni Accordi Eventi Cultu

Fatturato prestampa e service

Fatturato macchine dopostampa e cartotecnica

26


ilPoliGrafico 176t17

ura Formazione Primo piano Aziende Poltrone Eventi Premi Imballaggio Carta Scuole

Fatturato macchine digitali

Dettaglio fatturato macchine digitali

27


SPECIALE PACKAGE PRINTING

SPECIALE

PACKAGE PRINTING INDICE DEI CONTENUTI Intervista Print Finishing Li.To.Ver ...... pag 30 Trend di mercato .............................. pag 34 La voce dei fornitori (offset e digitale) . pag 39 Nobilitazione e anticontraffazione ....... pag 48 Brand Revolution 2 ........................... pag 54 Pixartprinting e packaging online ........ pag 64

IL PROSSIMO SPECIALE SARÀ DEDICATO AL WORKFLOW


ilPoliGrafico 176t17

SPECIALE PACKAGE PRINTING

Litover

Un “centro di bellezza” per gli stampati di Achille Perego

30

Una piccola azienda con una significativa specializzazione: la nobilitazione degli stampati. Un mestiere che nel variegato mondo dell’industria grafica non è così diffuso, ma copre una nicchia indispensabile del mercato. Perché anche i principali stampatori e le più grandi cartotecniche non sono in grado – per scelta e per il costo degli investimenti – di avere in casa tutte le linee produttive capaci di assicurare stampe a caldo, in particolare di grande formato, serigrafie, plastificazioni, olografie, metallizzazioni. Così la Litover di Vimercate, un’azienda con una trentina d’anni alle spalle, si era conquistata uno spazio di rilievo nel mercato della nobilitazione. In particolare per far diventare “più belli” libri, cataloghi, brochure. Ma quando si è piccoli succede di dover affrontare, sebbene le commesse e i clienti non manchino, un periodo finanziariamente difficile. E che i soci che controllano l’azienda, non vogliano o non possano più supportarne la crescita. È quel che è accaduto tre anni fa alla Litover, costretta a chiedere il concordato preventivo in continuità aziendale. La fortuna è stata di incrociare la sua strada con quella di una consolidata famiglia di imprenditori di Verbania, i Terzoli. Che, impegnati in altri settori, hanno capito la potenzialità della Litover. E non se la sono lasciata sfuggire rilevando il ramo d’azienda e cambiandole pelle con robusti investimenti, la salvaguardia di tutto il personale – addirittura incrementato con nuovi, giovani in-

L’azienda di Vimercate specializzata nella nobilitazione degli stampati tre anni fa ha cambiato pelle, grazie al supporto di una famiglia di imprenditori di Verbania, e dal settore editoriale si sta spostando sempre più verso un mercato molto promettente, quello del packaging, che oggi rappresenta il 40% del fatturato.

gressi anche grazie ai contratti di scuola-lavoro – e un nuovo approccio sul mercato che ha riequilibrato il mix dei ricavi spostandolo sempre più verso il packaging, che oggi rappresenta il 40% del fatturato (era il 10%) e in futuro è destinato a diventare prioritario per sopperire alla crisi del settore editoriale. Oggi la nuova Print Finishing Li.To.Ver è un’azienda in decisa crescita con oltre 8 milioni di euro di ricavi, 50 dipendenti e 24 linee produttive. “L’attuale proprietà”, spiega Claudio Parietti, direttore commerciale di Litover, in cui era entrato prima dell’acquisizione da parte della famiglia Terzoli, e uomo di fiducia dei nuovi azionisti, “in questi tre anni ha ribaltato la ‘vecchia’ azienda dal parco clienti alle risorse umane, dagli impianti al modo di lavorare. La mission è rimasta quella della nobilitazione ma inserita all’interno di un mercato che in questi anni è cambiato. E nel quale si è ridotta, per numero di commesse e per tirature, la componente editoriale. Per questo abbiamo puntato molto sul packaging che oggi rappresenta il 40% dei nostri ricavi e in futuro è destinato a crescere ancora. Del resto il mercato, sia per le scatole che troviamo sugli scaffali dei supermercati, sia i contenitori di oggetti di lusso richiedono una nobilitazione capace di attirare il consumatore. Pensi, per esempio, a quanto sia importante il packaging per la cosmetica e la profumeria. Ma anche alle lavorazioni speciali per i biglietti d’invito piuttosto che le figurine ‘profu-


SPECIALE PACKAGE PRINTING

La nuova macchina Marco Lideo, product sales director Business Unit Sheet-Fed Folding Carton di Bobst e, a destra, Claudio Parietti.

L’intervistato

mate’ o che cambiano colore al tatto (thermocolor). Non solo: il dépliant, anche molto bello e nobilitato, viene stampato una volta sola. La scatola del profumo sempre. Come la confezione che contiene per esempio una barretta di cioccolato dove sia la scatola sia la barretta non possono prescindere dalla stampa a caldo”. Ed è proprio nella stampa a caldo che avete investito molto?

Vero. Le cartotecniche, ma anche gli stampatori editoriali e commerciali, hanno investito molto nel grande formato con macchine in formato 100x140 cm e fino al 145 cm. Poi però avevano il problema di trovare un’azienda capace di assicurare la nobilitazione nello stesso formato. Qualche azienda dispone di macchine di questo tipo ma non performanti come la Bobst Expert Foil 142 che abbiamo installato, prima macchina di questo tipo in funzione in Italia, e la seconda in Europa dopo quella che sta girando in Germania. Una macchina che ci permette, e nessun’altra azienda di nobilitazione può farlo, di evadere, con 5 mila copie stampate all’ora e il doppio turno di lavoro, in tempi brevi un ordine di un milione di fogli. Non è un caso che dopo l’open house che abbiamo organizzato recentemente, ci stiano arrivando telefonate e richieste d’informazione da tutta Italia!”.

L’esperienza lavorativa di Claudio Parietti nasce da giovane in Barilla, ma viene presto inserito nel mercato delle arti grafiche da Fiorello Testa che lo vuole accanto in Sottrici Binda (siamo nel 1990) con l’obiettivo di portare la mentalità del prodotto di largo consumo nella vendita della carta. Dopo qualche anno lo segue in Basf Vernici e Inchiostri dove ricopre l’incarico di direttore vendite per i marchi Icificis e K+E. Per ultimo è avvenuto l’ingresso di Parietti nel mondo della nobilitazione dello stampato dove oggi mantiene la carica di direttore commerciale di Print Finishing Li.To.Ver e rappresenta la persona di fiducia dell’azionista, la famiglia Terzoli.

Quali sono i vostri clienti? Litover si propone come partner commerciale di chi stampa, consideriamo i nostri clienti come i nostri commerciali in quanto, essendo terzisti, è solo tramite loro che riusciamo ad arrivare al cliente finale. Così i nostri clienti, aziende di stampa leader nel mercato grafico editoriale o le più importanti cartotecniche si affidano a chi, come noi, è professionista nella nobilitazione.

Claudio Parietti con Luigi Terzoli. Sotto, la copertina del Poligrafico di marzo nobilitata durante un’open house in Litover con tecnologia Bobst.

Che cosa significa il “maquillage dello stampato”? “Il maquillage dello stampato” è il nostro motto e la frase che meglio racchiude il nostro pensiero, quello che vogliamo fare: come un donna si trucca per apparire più bella, noi facciamo lo stesso con lo stampato, tramite i nostri macchinari e le nostre lavorazioni rendiamo il foglio unico, diverso, più bello più accattivante. Ogni anno esce il nostro calendario (che si può richiedere al nostro Customer Service commerciale@pflitover.com) dove, partendo da foto normali dimostriamo come sia possibile renderle diverse mediante effetti particolari.

31


ilPoliGrafico 176t17

SPECIALE PACKAGE PRINTING

Litover

Come avviene la nobilitazione? Tramite diversi tipi di applicazioni: la plastificazione che oggi può essere lucida e opaca, soft touch, antigraffio, metallizzata, olografica. Produciamo con tutte le tecnologie per plastificare che siano solventless, dry o all’acqua, questo perché secondo noi non esiste la miglior tecnologia.Per esempio la solventless è quella che ha una miglior tenuta alla delaminazione, specialmente in casi molto difficili, ma soffre molto l’eccessiva presenza di polvere antiscartino, problema che non si riscontra con la dry che ha però una tenuta inferiore su fondi scuri o in caso di cordonature particolari. La plastificazione all’acqua è l’ideale invece se ci sono fondi metallizzati. Per quanto riguarda la serigrafia, abbiamo sei linee dal piccolo formato fino al 100x140 cm, con forno UV o ad aria calda. Così possiamo utilizzare inchiostri UV a solvente o all’acqua. Essendo una forma di stampa diretta ci consente di applicare quantità importanti di vernici e inchiostri che in offset non sono assolutamente possibili. Facciamo di tutto, dalle vernici lucide e opache a quelle spessorate, i glitter, i gratta e profuma, i thermocolor, i glow in the dark, le stampe colore, i ruvidi e tanto altro ancora. La stampa a caldo è la lavorazione dove abbiamo fatto gli investimenti più importanti. Due anni fa con una Bobst Vision Foil 70x100 super attrezzata con la quale possiamo stampare carta leggera, materiali plastici e anche ologrammi a registro fino a sei su un foglio 70x100 in posizioni diverse. Ma la regina del nostro stabilimento è oggi la nuova Bobst Expert Foil 100x140. Che tipo di lavorazioni fate per il packaging? Tutte le nostre lavorazioni vengono fatte per il packaging. La plastificazione con Pet argento stampabile viene utilizzata molto nel settore dei profumi e delle scatole di alto livello, la stampa a caldo è ancora in crescita nel packaging, sia nel settore della cosmesi e dei profumi sia in quello alimentare. È qui che si inserisce molto bene la nostra Bobst 100x140 cm in quanto fino a oggi il mercato del grande formato era fatto da macchinari che producevano al massimo

nel 92x126 cm e non esistevano macchine performanti come la nostra in formati superiori. Oggi è possibile stampare in 100x140 cm a caldo e fustellare sempre in 100x140 cm permettendo così una migliore resa e ottimizzazione delle scatole sul foglio con una migliore produttività e minori costi. Con la verniciatura UV poi nobilitiamo scatole di tutti i tipi e nei settori più disparati. Possiamo anche verniciare UV a bassa migrazione per il mercato alimentare, stesso discorso per la serigrafia.

Quanto incide l’aspetto ambientale, dai materiali alla produzione? Sempre di più. Nel settore della carta è d’obbligo ormai la certificazione FSC, ma è la stampa di scatole per alimenti che è quella oggi più attenta, stiamo infatti pensando di fare la certificazione alimentare. Quanto è importante anche l’aspetto anticontraffazione? Oggi il mercato offre diversi tipi di anticontraffazione, dai soliti inchiostri di wood, che facciamo in serigrafia, alle immagini criptate che però fa il nostro


SPECIALE PACKAGE PRINTING

Stampe a caldo, serigrafie, plastificazioni, olografie, metallizzazioni. Litover ha in casa le linee in grado di assicurare il meglio della nobilitazione.

cliente in offset, agli ologrammi di sicurezza. È qui che con la nostra Bobst Vision Foil puntiamo, in quanto pensiamo che il mercato nei prossimi anni crescerà molto.

Quali sono oggi i principali trend del mercato in cui operate? Il mercato in cui operiamo è sempre di più quello del lusso. Oggi non esiste più il buon prodotto medio, esiste solo quello a basso prezzo – e lì noi non possiamo fare niente – o quello di alto livello. Ed è in questo dove noi puntiamo.

Per noi è importante crescere e raggiungere delle dimensioni di fatturato importanti per poter essere nei prossimi anni degli attori sul mercato e per poter giustificare investimenti significativi. La diversificazione è per noi un must, tanto è vero che lo scorso anno la proprietà di P.F. Litover ha acquisito la Kolor + Service, primo distributore in Italia di inchiostri e prodotti per la sala stampa del gruppo Flint, con sedi in Lombardia, Emilia Romagna e Veneto e con un fatturato di oltre 6 milioni. Un’azienda in salute ma che si è trovata di fronte al classico passaggio generazionale dei soci, a cominciare da un protagonista del settore grafico come Roberto Salvagno, che ci ha però assicurato la sua preziosa collaborazione ancora per qualche anno. Un anno e mezzo fa invece abbiamo acquisito una piccola serigrafia della zona installando da noi le loro due macchine e assorbendo tutti i dipendenti. Questo perché pensiamo che si possano creare sinergie tra le varie aziende, i clienti sono sempre gli stessi, ma in questo modo possiamo offrire servizi e competenze migliori.

Come vede in generale il mercato: si sta riprendendo? Il mercato dopo la crisi degli ultimi anni si è stabilizzato, parlare di ripresa nel grafico editoriale è difficile; il packaging invece è un’altra cosa, esistono aziende italiane importanti nei vari settori che sempre di più stanno esportando prodotti all’estero e in questi casi si parla sempre di eccellenze dove la nobilitazione sulle loro scatole la fa da padrona. E noi stiamo investendo sempre di più per rispondere a questa domanda.

Quali sono le strategie di crescita in Italia ed eventualmente all’estero? Purtroppo i costi di trasporti e i tempi stretti non ci consentono di lavorare anche con l’estero se non tramite i nostri clienti che stampano e producono in Italia per poi esportare il prodotto finito. Quanto possono essere importanti per un’azienda come la vostra aggregazioni o acquisizioni?

33


ilPoliGrafico 176t17

SPECIALE PACKAGE PRINTING TREND DI SETTORE

Da tempo il packaging non è più un banale involucro, ma una parte integrante del marketing di prodotto. Tanto che, grazie alla tecnologia sempre più sofisticata, è in grado di interagire con il cliente. L’elevata qualità di stampa, abbinata alla cura per le finiture e i dettagli, è un must nel packaging di lusso, anche se i brand sono sempre più attenti ai costi. Di questa e altre tendenze abbiamo parlato con alcuni protagonisti del settore.

34

di Stefano Tenedini

Il futuro è già qui, l’unico confine è la fantasia La tecnologia (digitale, ma non solo) ha cambiato per sempre il packaging e lo ha trasformato in un passepartout per il cuore e il portafoglio dei clienti. Da tempo non è più un banale involucro, ma una parte integrante del marketing di prodotto, orientando le scelte e influenzando i fattori competitivi. Anzi: se una volta l’imballaggio al massimo contribuiva a promuovere il prodotto, oggi dialoga direttamente con il contesto e migliora l’interazione con il cliente. Applicazioni e QR per i cellulari e i social sulla confezione, recensioni, e-rating, messaggi tattili e olfattivi, contenuti grafici, personalizzazioni spinte, materiali eco-compatibili, tirature su misura che riducono le perdite dei resi, la stampa digitale che accorcia i tempi di lavorazione e snellisce i magazzini e il budget: sono solamente alcuni esempi di una tenden-


SPECIALE PACKAGE PRINTING

E. Albertini Packaging dal design accattivante realizzato da Cartotecnica Moderna per Brunello Cucinelli.

za allo smart packaging in rapido sviluppo, che ormai interessa ogni aspetto della filiera, soprattutto nel lusso. “Moda, cosmesi, gioielleria e food & beverage sono un settore di nicchia e con tirature limitate. E per questo il lusso è un mercato con specificità uniche: ad esempio, rispetto al packaging di massa, il prezzo non è il primo elemento di valutazione. Le aspettative dei clienti sono per lo sviluppo e la creazione di confezioni uniche e di qualità, che creino un legame anche affettivo tra brand e clienti”, conferma da Perugia Roberto Rossi di Cartotecnica Moderna. “Servono prodotti cartotecnici particolari, con un design di altissima qualità, studiati e realizzati su misura. Partiamo dal proR. Rossi dotto e dal contesto di utilizzo del packaging, proponiamo i materiali ideali per comunicare i valori del brand e presentare al meglio i prodotti. Ciò richiede attenzione ai trend, cura per le finiture, cura dei dettagli ed eleganza. Nella moda contano molto i tessuti e i colori”. Anche la tradizione e il territorio incidono. Cartotecnica Moderna sorge nello stesso borgo umbro di cui Brunello Cucinelli ha fatto una bandiera culturale ed etica, e la collaborazione ne è una conseguenza naturale. “E oltre al senso estetico condividiamo il modo di fare impresa, di produrre oggetti belli e di qualità avendo cura dell’ambiente lavorativo” spiega “Servono prodotti Rossi “con ampi spazi, luoghi luminosi, aree verdi e cartotecnici spazi aziendali dedicati alla socializzazione”. Ma l’estetica deve sempre essere accompagnata particolari, con un dall’innovazione. “Stiamo seguendo la start up di un design di altissima progetto nel campo dell’alta moda, per un brand che qualità, studiati vede in noi le caratteristiche ideali per lo sviluppo e la realizzazione di un prodotto particolare. Oltre al- e realizzati su la capacità progettuale e artigianale, che sono parte misura”. della nostra storia, non possiamo trascurare la tecnologia: siamo tra le poche aziende in Italia a offrire finiture di stampa con laminazione a freddo, una tecnica che ci permette di realizzare prodotti innovativi e di design”. E se la qualità non è in discussione, per i produttori è un’altra la tendenza che crea seri timori: la crescente richiesta dei clienti di contenere i costi, come

“I brand del lusso guardano sempre all’estetica e a un’immagine di alto livello, però risparmiando. Non ci sono più i margini, a parte il lusso estremo che non bada a spese”.

ci conferma Emilio Albertini, presidente del Gifasp, Gruppo italiano fabbricanti astucci e scatole pieghevoli. “I brand del lusso guardano sempre all’estetica e a un’immagine di alto livello, però risparmiando. Non ci sono più i margini, a parte il lusso estremo che non bada a spese, soprattutto tra i marchi francesi. Il taglio incide ovunque: chiedono di abbassare i prezzi anche nella scelta del cartoncino, scendendo dalla qualità elevata a una categoria media”. La soluzione ancora una volta sta nelle nuove tecnologie. “Oggi grazie alle macchine avanzate possiamo raggiungere con un solo passaggio il risultato che prima ne richiedeva tre. In Cosmografica Albertini ad esempio abbiamo un processo di stampa a otto colori con vernici che consentono un livello di finitura ottimale, però facendo spendere meno ai clienti. E le stagioni durano pochissimo, con tempi di consegna brevissimi e promozioni per le linee di prodotto che ormai restano sul mercato solo per un tempo brevissimo”. Anche i consumatori del lusso si sono fatti più attenti e questo ha messo in difficoltà i top brand e di conseguenza i produttori. “Oltre alla tecnologia si devono controllare acquisti e magazzino ed eseguire direttamente processi prima affidati ai subfornitori, mantenendo l’equilibrio costi-ricavi anche con lotti di produzione sempre più contenuti. L’importante” aggiunge “è che la concorrenza non inneschi una drammatica guerra dei prezzi: in Italia ci sono ancora troppe piccole aziende che sopravvivono perché riducono all’osso i costi di produzione. C’è una previsione catastrofica: entro il 2025 sparirà il 35-40% delle imprese attive oggi. La risposta è una maggiore concentrazione: piccolo non è più bello, e noi stessi in azienda ci stiamo muovendo così”. Ma è soprattutto la marcia inarrestabile della tec-

35


ilPoliGrafico 176t17

SPECIALE PACKAGE PRINTING TREND DI SETTORE

Biomotive triggers, la scatola che “parla” all’inconscio A me gli occhi. Ma anche il naso o le mani, e non potrai fare a meno di me... e mi comprerai. Perché i sensi saranno sempre più la porta degli acquisti. Li chiamano Biomotive triggers e sono come dei gesti, dei cenni di richiamo che il packaging invia direttamente al nostro subconscio per farci comprare il prodotto. Il neuromarketing non è magia, è scienza: incrocia psicologia e medicina per stimolare il cervello a preferire, tra mille, quella confezione. Rivolgersi ai sensi è più diretto e sicuro che inventare nuovi slogan. Scatole arrotondate trasmettono morbidezza, mentre altre, più spigolose, dicono “provami” al nostro lato più oscuro. Oppure cofanetti che lasciano traspirare aromi speziati, per suggerire il profumo che contengono. Sono solo alcuni degli esempi che innescano risposte sensoriali istintive. Come il colore, che va adattato al tipo di pubblico da conquistare: il nero è sinonimo di eleganza e classe, o per qualcuno è mesto e funebre? E il dorato indica lusso o è kitsch? V. Clementi

36

“Il nero è sinonimo di eleganza e classe, o per qualcuno è mesto e funebre? E il dorato indica lusso o è kitsch?”

nologia di stampa digitale ad avere rivoluzionato il packaging. Nel giro di un paio d’anni è cambiato tutto, e non solo dal punto di vista pratico ma per la pressione su una creatività che deve imparare a sfruttare innovazioni a getto continuo. “L’unico confine è la fantasia: la tecnica ce l’abbiamo e si “Bisogna ripensare la affina progressivamen- comunicazione sulle confezioni, te, con novità al ritmo degli aggiornamenti al affinché riceva la stessa intensità software nei computer. e inventiva finora riservata Tocca all’immaginazione ai prodotti”. e al design anticipare le tendenze e migliorare le esperienze dei consumatori per farli sentire al centro dell’attenzione. Bisogna ripensare la comunicazione sulle confezioni, perché riceva la stessa intensità e inventiva finora riservata ai prodotti”. Così ci spiega la sua visione il graphic designer Vittorio Clementi. Gli esempi di questo cambiamento sono innumerevoli: dalle lattine e bottiglie di Coca Cola personalizzate con i nomi ai portacravatte rivestiti con la stessa stoffa, fino agli 8 milioni di vasetti di Nutella ricoperti con pellicole decorate a disegni irripetibili, è una continua rincorsa all’effetto speciale. “Il punto non è più se si possa fare o no, perché con le macchine che stampano in digitale la resa è incredibile”

precisa: “l’importante è come attirare l’attenzione”. È il percorso intrapreso dalla valtellinese Ghelfi, che utilizza una HP PageWide Web Press T1100S e inchiostri ad acqua per stampare su bobine da 280 cm, accoppiando il cartoncino fino a 200 grammi e l’ondulato salvaguardando la resa del colore. “Il digitale è la risposta che i produttori cercavano: meno spese improduttive, non ci sono problemi di avviamento o di registro, numero di copie, stoccaggio o ristampa” chiarisce Clementi. “Il punto ora è far capire a clienti e creativi che devono cominciare a pensare in grande, a osare su più dimensioni”. E fa un esempio ironico ma molto chiaro: “Ho immaginato scatole di preservativi non solo con un’icona del Kamasutra a fare da sfondo, ma con immagini delle varie posizioni... L’uso del digitale ci impegna a fare comunicazione dinamica con il packaging, a sfruttare le potenzialità e le caratteristiche del prodotto”. Ora che anche il food si è aperto al digitale non ci sono davvero più limiti, ci ricorda Clementi: dal tonno che viene confezionato per la Gdo (con tanto di ricette e foto del piatto già preparato) al pet food che non solo riporta sulla scatola la razza dei cani cui è destinato, ma viene adattato ai quattro zampe


SPECIALE PACKAGE PRINTING

“Negli Stati Uniti le case farmaceutiche dovranno garantire la tracciabilità elettronica dei medicinali sia per tutelare la sicurezza del paziente che per combattere i falsi”

prevalenti in una certa zona (se è un quartiere da cocker, ci sarà la foto di un cocker...). Per arrivare all’iniziativa del Consorzio mele Melinda su due milioni di cassette dedicate ai terremotati dell’Abruzzo: realizzate da Ghelfi, ciascuna riporta un messaggio di solidarietà inviato da un consumatore. E all’affetto e alla creatività popolare si somma la beneficenza offerta dai produttori. Bello, funzionale e sociale: è veramente la quadratura del cerchio. Per concludere apriamo qualche finestra sul futuro, guardando in particolare agli aspetti di sostenibilità. Negli Stati Uniti le case farmaceutiche dovranno garantire la tracciabilità elettronica dei medicinali sia per tutelare la sicurezza del paziente che per combattere i falsi. E la stampa digitale può contribuire con un packaging personalizzato e interattivo, con informazioni sul dosaggio del medicinale paziente per paziente: una funzione vincente, dato che oggi i farmaci si ordinano online e sempre meno dal medico o in farmacia. Anche la demografia darà una spinta allo smart packaging: entro il 2050 due miliardi di persone avranno almeno 60 anni, e i nuclei familiari composti da una sola persona saranno il profilo più diffuso nel mondo sviluppato. Chiaro che questi cambiamenti faranno crescere la domanda di prodotti e servizi per i consumatori single, e sul piano dei costi la stampa digitale è più efficiente. E infine uno sguardo all’ambiente. In futuro potremmo sostituire il packaging dei cibi freschi con imballaggi biodegradabili e compostabili, con benefici per la riduzione dello spreco dei cibi, la conservabilità e la qualità del prodotto. Un obiettivo a portata di mano, visto che con un tasso di riciclo all’80% e di recupero all’88%, gli imballaggi in carta e cartone sono già tra i più sostenibili.


SENZA PARI MASTERFOLD 75 |110

NUOVA

Per raggiungere i più alti livelli di produttività, nulla è paragonabile alla nuova MASTERFOLD. Più automazione e soluzioni ergonomiche che semplificano il processo significano impostazioni più veloci, maggiore disponibilità macchina e molte più scatole prodotte ad ogni turno di lavoro. La produttività della macchina e la qualità delle scatole aumentano ancora di più se la piega-incollatrice è in linea con le nuove periferiche EASYFEEDER/BATCH INVERTER 4, CARTONPACK 4 e ACCUCHECK 2. Ecco come anche la macchina più performante può essere migliorata: - Tempi di regolazione ridotti del 15% - Produttività incrementata del 10% - Costi di esercizio ridotti - Produzione zero difetti Per chi vuole solo il meglio, la nuova MASTERFOLD coglie nel segno.

www.bobst.com


SPECIALE PACKAGE PRINTING

Offset e stampa digitale, il punto di vista dei fornitori Il package printing è considerato un mercato con interessanti prospettive di crescita e margini di guadagno da parte di tutti i fornitori dell’industria grafica. Da qui la decisione di intervistare i principali produttori di macchine da stampa offset e digitale per capire quali sono le strategie messe in atto per essere sempre più competitivi su questo mercato, quali sono i trend più rilevanti e, soprattutto, quanto sono importanti le esigenze dettate dal mercato ai fini delle attività di Ricerca&Sviluppo. Nell’ambito dell’offset la parola d’ordine è senza dubbio automazione e velocità d’esecuzione: si punta, infatti, a una riduzione dei tempi di avviamento e degli scarti su ogni formato e, soprattutto, a operazioni simultanee sulla macchina da stampa, come ad esempio il cambio lastre durante le fasi di lavaggio. La propensione degli stampatori è di investire in macchine di formato medio (70x100 cm) e grande (100x140 cm e 120x160 cm). In particolare, il formato 70x100 sembra essere molto richiesto per applicazioni nel settore farmaceutico e nel mercato del lusso, mentre il 100x140 risulta essere il più gettonato per la stampa di astucci e per il packaging alimentare. Vengono, inoltre, scelte configurazioni piuttosto complesse: si parte spesso da una macchina a 6 colori con modulo di verniciatura per arrivare a modelli molto “lunghi” per numero di unità di stampa e verniciatori. Non è raro imbattersi in doppie torri di verniciatura e nell’ambito del formato 70x100 le macchine che utilizzano tecnologie di stampa tradizionale e UV combinate rappresentano per molte aziende uno standard. di Cristina Rossi

Il processo di essiccazione rappresenta un altro anello importante della catena di produzione di un packaging in offset. Il mercato richiede un’essiccazione ad alta velocità e la creazione di effetti speciali che nobilitino lo stampato in un unico passaggio. Le tecnologie disponibili sono molteplici – tradizionale, UV, UV LE, HUV, LED HUV e UV LED – e molto spesso combinate fra loro. La nobilitazione viene generalmente ottenuta grazie all’impiego di inchiostri speciali, l’applicazione di una o più vernici e di lamine a freddo. Nell’ambito della stampa digitale i player intervistati concordano sul fatto che rispetto al mondo delle etichette, dove il processo digitale è già stato adottato con successo da molte aziende, nel packaging si è solo agli albori ma le potenzialità sono veramente notevoli, principalmente in tre aree: cartoncino teso, cartoncino ondulato e imballaggio flessibile. Basse tirature, mock-up, ma soprattutto la necessità sempre più frequente di riprodurre dati variabili (numerazioni progressive, lotti, codifiche, barcode, QRcode ecc.) rendono la stampa digitale indispensabile. Gli stampatori che decidono di investire in soluzioni di stampa digitale si trovano a operare una scelta tra soluzioni elettrofotografiche o inkjet e questa scelta è spesso legata al tipo di applicazione finale da realizzare. La prima è adatta al flexible packaging e al cartoncino teso, mentre la seconda si sposa molto bene con il cartone ondulato. Tutti i fornitori sono concordi nell’affermare che sia i brand owner sia gli stampatori influenzano e orientano, con le proprie esigenze, le attività di Ricerca&Sviluppo.

39


ilPoliGrafico 176t17

SPECIALE PACKAGE PRINTING INDAGINE/STAMPA OFFSET

HEIDELBERG MAURO ANTONINI Product Management Sheetfed, Postpress, Packaging Heidelberg Italia

1) Quanto è strategico il packaging nella vostra offerta prodotti e con quale quota percentuale contribuisce al vostro fatturato?

2) Che evoluzione prevedete per il futuro? Rispetto alla stampa commerciale ed editoriale che tipo di importanza rivestirà?

3) Qual è attualmente il formato macchina più richiesto dai vostri clienti?

1

Heidelberg ha sempre considerato il settore del packaging strategico e per questa ragione ne ha seguito l’evoluzione da vicino, presentando una nuova famiglia di macchine di grande formato a drupa 2008. Tali soluzioni ci hanno permesso di inserirci presso le aziende protagoniste nel mercato della cartotecnica e, grazie a innovazioni tecnologiche uniche, anche nel settore editoriale e del web2print. L’offerta di Heidelberg nel settore cartotecnico è ad ampio spettro e include la tecnologia Anicolor per i formati 35x50 e 50x70, le offset 70x100 fino al 122x162 con configurazioni sempre più complesse create su specifiche della clientela per arrivare alla macchina inkjet 70x100 Primefire 106 orientata fortemente al mercato del packaging. Tutte queste attrezzature generano un fatturato che supera in modo significativo il 50% del totale giro di affari.

2

Heidelberg è l’unica azienda presente in tutto il processo grafico, con soluzioni che spaziano dai software Prinect ai CtP Suprasetter, dalle macchine da stampa a foglio tradizionali o digitali alle rotative a banda stretta Gallus per il settore delle etichette, fino ad arrivare all’area postpress con attrezzature per il packaging e il settore commerciale. La cartotecnica si sta orientando verso la produzione in linea di nobilitazioni, in armonia con i tempi di produzione.

40

3

Nel settore del packaging notiamo una forte propensione verso il grande formato, 162 e 145, le macchine 70x100 con la tecnologia push to stop e le 35x50 e le 50x70 con tecnologia Anicolor. Prestampa e dopo stampa seguono naturalmente lo stesso trend dei formati. La parola d’ordine è automazione e velocità di esecuzione. Una differenza fondamen-

tale in casa Heidelberg la fà Prinect, il workflow di prestampa, con un’integrazione di alto livello, che fornisce tutte le informazioni alle macchine da stampa e al dopo stampa. L’ armonizzazione del processo produttivo e la conseguente riduzione dei tempi con una trasparenza nel gestire le informazioni permette di aumentare la redditività delle nostre aziende.

4

Come anticipato, le configurazioni sono varie ma tutte all’insegna della complessità. Nel settore del grande formato, Heidelberg gioca un ruolo da leader nelle applicazioni che utilizzano le doppie torri di verniciatura, specialmente per la produzione dei lavori in primer UV, ovvero la stampa del supporto con inchiostri generalmente vegetali, una protezione con

un primer ad acqua e infine la verniciatura UV applicata dall’ultima torre, il tutto alla massima velocità produttiva. Per quanto riguarda il 70x100, le macchine che utilizzano tecnologie di stampa tradizionale e UV combinate rappresentano per molte aziende uno standard.

5

Il processo di essiccazione è la chiave della produzione moderna. Quel-

lo che richiede il mercato è essiccare ad alta velocità e creare effetti che diano valore aggiunto allo stampato in un unico passaggio. Anche in questo settore Heidelberg è leader indiscussa, l’ingegnerizzazione del sistema di essiccazione delle sue macchine, con uno o più verniciatori è assolutamente imbattibile. Lo testimoniano le configurazioni installate in Italia nel 2016 nei vari formati di stampa. Nello show room di Heidelberg abbiamo richieste da parte dei nostri clienti di testare le produzioni utilizzando le diverse tecnologie disponibili sul mercato: tradizionale, UV, UV LE e UV LED, molto spesso combinate fra loro. L’obiettivo di tutti è trovare la tecnologia più adatta ad affrontare le esigenze del mercato.


SPECIALE PACKAGE PRINTING

MANROLAND MASSIMILIANO VERONESI Direttore generale di manroland Italia

1

La manroland Sheetfed storicamente ha sempre avuto un’importante presenza nel mercato del packaging e di conseguenza un alto numero di clienti in questo settore. Oggi il packaging, essendo un segmento molto attivo nel mercato dell’industria grafica, rappresenta una parte considerevole anche della nostra produzione e per noi è strategico fornire soluzioni mirate alla stampa del packaging.

4

La configurazione macchina più richiesta è sicuramente la 6 colori con modulo di verniciatura, questo per il notevole uso da parte degli stampatori di inchiostri e vernici particolari. Questo è il punto di partenza per raggiungere configurazioni sempre più complesse per numero di unità di stampa e verniciatori. Ogni necessità del cliente viene soddisfatta con le serie speciali Ultima,

in linea della lamina con il dispositivo InLineFoiler con la funzione Indexing che permette l’applicazione della lamina a freddo e successiva sovrastampa.

5

Oggi l’essiccazione è l’argomento di maggior interesse tra i nostri clienti. In particolare, gli stampatori di packaging utilizzano sempre più spesso inchiostri e vernici UV. La pro-

2

Sicuramente l’industria del packaging è più in crescita rispetto ad altri settori della stampa, ma non per questo ci focalizziamo unicamente su di un settore specifico. Il nostro “core business” è la macchina da stampa offset e i nostri sviluppi strategici puntano a soddisfare ogni cliente del nostro settore. Per il futuro mi auguro una maggiore stabilità nel nostro mercato, nella speranza di poter replicare i nostri successi degli anni scorsi abbracciando ogni settore della stampa offset.

3

Al momento il più richiesto è il formato medio 70x100 dove possiamo anche vantare la nostra ultima nata, la Roland R 700 Evolution, nella quale abbiamo concentrato tutte le ultimissime novità tecnologiche di manroland Sheetfed. Nel settore packaging anche le macchine di grande formato R 900 100x140 e 120x160 sono molto richieste in funzione della tipologia di stampa a cui il cliente si rivolge.

cioè configurazioni “customizzate”. Ovviamente le richieste dei clienti vertono anche verso gli automatismi per ridurre i tempi di avviamento e gli scarti su ogni formato, nello specifico, SPL per il cambio simultaneo delle lastre durante le fasi di lavaggio, InLineColor Pilot per il controllo del registro e del colore in macchina durante la produzione, Integration Pilot per automatizzare e integrare la macchina da stampa in un ambiente “Industria 4.0”, InLineInspector 2.0 per verificare e comparare l’intera tiratura con il PDF originario. Normalmente la nobilitazione avviene con l’uso di inchiostri speciali, l’applicazione di una o più vernici e con l’applicazione in linea di lamine a freddo. Una delle soluzioni più richieste è sicuramente l’applicazione

pensione è verso inchiostri e vernici ad alta reattività che permettono l’utilizzo di tecnologie UV per una più rapida essiccazione e un grande risparmio energetico. Le ultime macchine installate o aggiornate vantano la moderna tecnologia UV LED in vari campi di applicazione e con risultati eccellenti, ben oltre le aspettative. Sempre per seguire le necessità di ogni cliente, abbiamo realizzato anche configurazioni miste, macchine UV e anche UV LED per avere la massima versatilità in ogni ambito. Oggi creatività nella nobilitazione, produttività e bassi costi di gestione sono le condizioni essenziali per essere competitivi sul mercato. Manroland investe in tecnologia su tutti i propri formati e configurazioni per offrire ai clienti soluzioni di successo in ogni settore.

4) Dal punto di vista della configurazione macchina, quanti colori ha solitamente una macchina adibita alla stampa del packaging e quali nobilitazioni in linea vengono più frequentemente richieste?

5) Sul fronte essiccazione, quali sono le soluzioni generalmente abbinate alle offset destinate a stampatori di packaging?

41


ilPoliGrafico 176t17

SPECIALE PACKAGE PRINTING INDAGINE/STAMPA OFFSET

KBA SASHA FISCHER Head of product management sheetfed presses in KBA

1) Quanto è strategico il packaging nella vostra offerta prodotti e con quale quota percentuale contribuisce al vostro fatturato?

2) Che evoluzione prevedete per il futuro? Rispetto alla stampa commerciale ed editoriale che tipo di importanza rivestirà?

3) Qual è attualmente il formato macchina più richiesto dai vostri clienti?

1

Il mercato del packaging è un obiettivo aziendale strategico che KBA persegue. KBA ha riconosciuto da tempo l’importanza di questo settore e in anticipo ha attrezzato l’azienda adeguatamente, potenziando ricerca e sviluppo, testando le diverse tecnologie ed effettuando alcune acquisizioni recentemente. Attualmente siamo leader con il 60% di quota di mercato, cosa che si riflette nei numeri di gruppi stampa installati.

2

Il settore commerciale sta subendo una digitalizzazione sempre maggiore ed è sotto pressione per la crescente importanza di Internet e delle diverse app del mobile. Il packaging assume sempre più importanza grazie all’aumento della produzione e agli standard di vita in costante miglioramento. Il packaging viene sempre più spesso utilizzato anche come elemento di differenziazione dei prodotti, dal base fino al lusso.

3

Attualmente il formato più richiesto per la stampa di packaging è ancora il formato 70x100 per il settore farmaceutico e articoli di lusso, mentre il formato 100x145 è il più richiesto per la stampa di astucci e per il packaging alimentare.

4

42

La tipica configurazione è una macchina a 6 colori più torre di verniciatura. In base alle necessità di nobilitazione vengono richieste anche macchine con doppia torre di verniciatura. Al momento una

configurazione tipica è la 8 LTTL (8 colori, prima torre di verniciatura, doppia torre di essiccazione, seconda torre di verniciatura), soprattutto quando si tratta di macchine per nobilitazione.

5

Nel settore del packaging alimentare sicuramente molto richieste sono le configurazioni con forno IR-aria calda con inchiostri a bassa migrazione e vernici a dispersione. Per quanto riguarda il settore non food registriamo invece un aumento di forni UV sia per gli inchiostri che per le vernici. Tramite la tecnologia UV è possibile ottenere una maggiore gamma di possibilità di nobilitazione.


SPECIALE PACKAGE PRINTING

KOMORI SILVANO BIANCHI Amministratore delegato Komori Italia

1

Il segmento del packaging è oggi uno dei più “caldi” dell’industria grafica e per questo motivo sta diventando sempre più importante per Komori che ha sviluppato una serie di soluzioni rivolte a questa industria, tra cui la offset Lithrone G 40 e la macchina inkjet Impremia IS29, che è in grado di stampare su qualunque tipo di supporto anche ad alto spessore. Komori, inoltre, è coinvolta nello sviluppo della nanografia insieme a Landa e il risultato è la NS 40.

di mercato in cui Komori attualmente si propone, vale a dire produzione di un packaging di lusso e di elevata qualità, sicuramente il formato carta più richiesto è il 75x105, anche se dobbiamo prendere atto che esiste una serie di clienti che per tipo di produzione e tiratura vedono nel formato 52x72 la loro giusta collocazione.

La stampa esige il perfetto soddisfacimento di molti requisiti unici. Ad esempio quello del substrato che, tendendo oggi a essere realizzato con materiali di alta qualità, è sempre più “allergico” agli scarti in fase di produzione. Su questo fronte sicuramente Komori è stata pioniere ancora una volta nello sviluppo del sistema HUV o LED HUV che ha permesso di poli-

2

Il mondo del packaging è tra i più dinamici, essendo al passo con i ritmi di un mercato sempre più frenetico. Il richiamo visivo e l’abilità nell’uso del design multi-colore contribuiscono a una migliore percezione del marchio. A influenzare i requisiti di produzione delle confezioni oggi intervengono molto più che in passato le tendenze sociali. Ad esempio, la maggior compattezza della confezione dei prodotti monodose facilita i mutamenti di stile di vita e le tendenze demografiche. E sempre più le confezioni alimentari e farmaceutiche devono permettere la tracciabilità del prodotto. Proprio per questi motivi Komori ha cercato di sviluppare sistemi di certificazione totale della qualità di stampa per fornire all’industria grafica uno strumento di controllo che permetta l’apprezzamento dell’attività produttiva verso l’utilizzatore finale.

3

Dipende molto dal tipo di confezione di cui si sta parlando; per le fasce

4

La configurazione base è costituita da 6 gruppi stampa e da un elemento spalmatore finale. Ma l’evoluzione in questo settore ha spinto i nostri clienti a optare per configurazioni sempre più ricche e sofisticate. La richiesta di un doppio gruppo spalmatore finale abbinato ai relativi sistemi di asciugatura intermedi è ormai un dato di fatto. La possibilità di poter stampare anche all’interno della confezione un colore speciale o una serie di informazioni relative al prodotto riflette un’esigenza sempre più sentita.

5

Oggi il trend è verso una produzione più sostenibile e conforme ai nuovi regolamenti sulla gestione degli scarti e sul minor impatto energetico durante la fase di produzione.

merizzare qualunque tipo di supporto a elevata velocità di stampa con il minor impatto energetico rispetto ai sistemi convenzionali, vale a dire la vernice acrilica oppure i sistemi di polimerizzazione UV. L’utilizzo del sistema di polimerizzazione HUV o LED HUV ha risposto alla richiesta di una qualità di stampa più elevata rispetto al tradizionale UV. Inoltre, la possibilità di polimerizzare qualunque tipo di supporto ha ampliato la gamma di confezioni realizzabili. L’eliminazione dell’antiscartino, con l’utilizzazione del sistema HUV, è stato un ulteriore elemento vincente per la realizzazione di confezioni che richiedevano passaggi supplementari come la doratura, la plastificazione o l’applicazione di ologrammi.

4) Dal punto di vista della configurazione macchina, quanti colori ha solitamente una macchina adibita alla stampa del packaging e quali nobilitazioni in linea vengono più frequentemente richieste?

5) Sul fronte essiccazione, quali sono le soluzioni generalmente abbinate alle offset destinate a stampatori di packaging?

43


ilPoliGrafico 176t17

SPECIALE PACKAGE PRINTING INDAGINE/STAMPA DIGITALE

HEIDELBERG MAURO ANTONINI Product Management Sheetfed Postpress Packaging Heidelberg Italia

1) Se nella produzione delle etichette la stampa digitale è un processo già adottato da molte aziende, nell’ambito del packaging si è solo all’inizio, anche se il mercato ne ha già compreso le potenzialità. Siete d’accordo con questa analisi? Quanto è importante per voi il package printing?

2) Quali sono le tipiche applicazioni che rendono la stampa digitale assolutamente indispensabile? Quelle, cioè, non realizzabili in offset o con altre tecnologie di stampa tradizionale?

1

Heidelberg a drupa 2016 ha presentato in anteprima mondiale la Primefire 106, la prima macchina da stampa 70x100 a foglio con tecnologia inkjet. Questa macchina permette di stampare direttamente sul supporto, senza bisogno di ulteriori passaggi, siano essi caucciù oppure cinghie con inchiostri base acqua e quindi con la possibilità di stampare sul packaging primario.

In casa Heidelberg non ci sono dubbi, l’unico metodo per produrre prodotti di packaging con supporti di spessore importante e di qualità eccelsa è la tecnologia inkjet abbinata alla stampa diretta sul supporto, che evita un incredibile numero di problemi in stampa. Primefire 106 non accetta compromessi, i supporti comunemente utilizzati dai clienti packaging sono

Alla fine del processo produttivo la Primefire 106 è in grado di nobilitare lo stampato con una verniciatura ad acqua oppure UV.

trasportati e stampati con una facilità e una linearità sorprendenti, caratteristica che non si trova in nessuna macchina presente nel mercato. La ragione è molto semplice e la si può percepire appena ci si avvicina alla macchina: i sistemi utilizzati per il trasporto del foglio dal mettifoglio all’uscita sono esattamente quelli delle macchine tradizionali, possiamo dunque affermare senza dubbio che il trasporto del supporto nella Primefire 106 sia perfetto.

2

44

Nel settore della cartotecnica formato 70x100 la diminuzione delle tirature crea alcune difficoltà alle macchine tradizionali, ecco quindi che il digitale industriale, sottolineo industriale, permette di realizzare prodotti a bassissima tiratura armonizzando il processo con conseguente aumento della marginalità per commessa. Heidelberg ha costruito la Primefire 106 con questo obiettivo e naturalmente per gestire i dati variabili, peculiarità della tecnologia digitale.

3

4

Il mercato è importantissimo, la Primefire 106 è nata esattamente da queste ricerche, da un lavoro puntuale di analisi delle esigenze del mercato finale.

L’R&D è costantemente in contatto con il mercato per permettere alla Primefire 106 la crescita nella direzione corretta. I nostri clienti concept sono chiave in questo processo, perché traducono le esigenze del cliente finale in un processo per la realizzazione dei prodotti armonica e automatizzata.


SPECIALE PACKAGE PRINTING

HP ENRICO MONTEVERDI Market development manager in HP Italia

1

Nel mondo della produzione delle etichette la stampa digitale è oggi un vero e proprio caposaldo che si è sviluppato nel corso degli anni per svariate esigenze. Nell’ambito del packaging, invece, siamo solo all’inizio, ma cercando di fornire una panoramica delle possibili applicazioni all’interno di questo comparto possiamo individuare sicuramente tre aree principali: l’imballaggio flessibile, il cartoncino teso e il cartone ondulato. Il mercato ha compreso l’importanza della nostra offerta in ognuno di questi tre segmenti e abbiamo riscontri di grande interesse per l’evoluzione del digital printing in questo ramo del business tra i nostri clienti. Questo ci permette di confermare quanto il package printing sia altrettanto importante rispetto alla stampa di etichette e al general printing. A tal punto da affermare che ormai il packaging sia diventato uno dei pilastri della nostra strategia per essere leader nel campo del digital printing.

2

Le applicazioni sono molteplici e poliedriche, ma quelle più sfruttate al momento sono quelle della gestione del dato variabile (Variable Data Printing) che non è più solo relativo al nome o al numero progressivo dell’etichetta, ma diventa variabile anche nel dato grafico grazie all’utilizzo dell’applicazione Mosaic del software HP Smartstream Designer. Con questa soluzione, infatti, ogni singolo prodotto può avere un proprio packaging unico e dedi-

cato, con immagini diverse per ogni produzione. Oltre a questo, poi, la stampa digitale si adatta perfettamente alle tirature limitate: le tirature medie di un singolo prodotto, che negli anni si sono ridotte rispetto al passato e che oggi impongono agli stampatori di adottare la stampa digitale per rimanere competitivi rispetto al mercato. I brand, infatti, stanno utilizzando sempre più promozioni

con produzioni differenti durante l’anno e quando si diversificano i propri processi produttivi per ottenere volumi minimi di stampa è naturale sfruttare questo tipo di soluzione. Sotto il profilo della stampa offset, infine, possiamo dire che mentre il Variable Data Printing non può essere applicato, lo short run si può realizzare, anche se non risulta essere estremamente competitivo a livello di prezzi.

3

HP ha la possibilità di offrire soluzioni per entrambe le tecnologie, sia per quella elettrofotografica, sia per quella inkjet. La prima è adeguata per il flexible packaging e il cartoncino teso, mentre la seconda si sposa molto bene con il cartone ondulato. Abbiamo molti clienti che stanno avendo successo in ogni segmento e noi di HP riteniamo di essere molto

fortunati sotto questo profilo perché abbiamo l’opportunità di modificare la nostra offerta a seconda delle loro esigenze. Grazie alla nostra ampia gamma di soluzioni, infatti, possiamo impostare la strategia migliore rispetto alle singole necessità aziendali, permettendo così ai clienti di ottenere una crescita, una diversificazione e una costante evoluzione del loro business.

4

Le esigenze dei brand owner e del mercato sono fondamentali per la Ricerca&Sviluppo di HP. Perché tutte le nostre soluzioni tecnologiche non partono da un concetto astratto, ma vedono i brand owner, le agenzie e gli stampatori diventare protagonisti del processo di R&D dell’azienda. All’interno dei nostri laboratori gli esperti HP con i brand owner e gli stampatori organizzano workshop per capire i trend di mercato. Queste analisi vengono elaborate e utilizzate per incontrare le esigenze di settore. Ovviamente non è HP che ha inventato l’integrazione del digital printing con il packaging, ma è stato il mercato a insegnarci che la stampa digitale poteva essere utilizzata anche per questo segmento del business, permettendoci di reinventarne le logiche e le dinamiche.

3) Stampa elettrofotografica e stampa inkjet: per quali applicazioni suggerite ai vostri clienti di investire nella prima e quando occorre, invece, optare per la seconda?

4) Quanto sono importanti, ai fini della Ricerca&Sviluppo, le esigenze dettate dai brand owner e in che modo vi attivate per “catturarle”?

45


ilPoliGrafico 176t17

SPECIALE PACKAGE PRINTING INDAGINE/STAMPA DIGITALE

RICOH GIORGIO BAVUSO Direttore Production Printing di Ricoh Italia

1) Se nella produzione delle etichette la stampa digitale è un processo già adottato da molte aziende, nell’ambito del packaging si è solo all’inizio, anche se il mercato ne ha già compreso le potenzialità. Siete d’accordo con questa analisi? Quanto è importante per voi il package printing?

2) Quali sono le tipiche applicazioni che rendono la stampa digitale assolutamente indispensabile? Quelle, cioè, non realizzabili in offset o con altre tecnologie di stampa tradizionale?

1

Concordiamo sull’analisi. Alla luce di quanto emerso a drupa 2016 e dei dati di mercato pubblicati da Argi, il packaging è uno dei principali trend di mercato e la stampa digitale gioca un ruolo importante. Con le soluzioni Ricoh Pro C7100X, Pro C9100 e Pro L4100, Ricoh è entrata nel mercato del packaging focalizzandosi sulle microtirature personalizzate e sulla sostenibilità. Si tratta di un ambito applicativo che presenta ancora ampi margini di sviluppo e che interessa in modo trasversale diversi settori produttivi quali parafarmaceutico, cosmesi, luxury e food di secondo livello. Per raggiungere questi mercati, Ricoh sviluppa sinergie con fornitori di supporti e terze parti che garantiscono soluzioni complete e consulenza ai clienti finali. Gli showroom delle filiali Ricoh in Italia e il Customer Experience Center europeo danno la possibilità di effettuare test per sviluppare nuove applicazioni e testare materiali e processi produttivi.

2

Considerando la capacità intrinseca della stampa digitale di generare in produzione pezzi unici risulta chiaro come essa diventi indispensabile per rispondere a una tendenza di mercato che fa dell’unicità il proprio punto di forza. I progetti realizzati da importanti brand internazionali dimostrano come questa sia una tendenza sempre più sentita. La stampa digitale offre possibilità di personalizzazione e di riduzione del time-to-market. Secondo Ricoh queste due

46

opportunità devono essere gestite con soluzioni software in grado di gestire la coerenza dei messaggi, dei visual ideati e di monitorare la redemption. La stampa digitale assume quindi un ruolo indispensabile.

3

Si tratta di due tecnologie completamente differenti. Tutto dipende dal formato richiesto, dalla tipologia di materiale, dalle quantità e dalla qualità

necessaria. Ricoh ha fatto dell’utilizzo del bianco su ambedue le tecnologie il proprio punto di forza declinandolo poi in modo differente. Nell’elettrofotografico abbiamo dato un forte impulso all’utilizzo di supporti colorati di pregio anche inserendo il toner trasparente e neon per dare al packaging una forte connotazione glamour, senza trascurare l’aspetto della sicurezza (anticontraffazione). Questo ci ha consentito di diventare un brand di riferimento per i fornitori del settore moda. Ricoh ha seguito la stessa strada anche in ambito inkjet rendendo possibile la stampa su supporti speciali

colorati mediante il bianco e i colori speciali arancio e verde. Particolarmente apprezzata nel packaging è la possibilità di realizzare anche testi fino a corpo 2 perfettamente leggibili.

4

Ricoh mantiene un contatto diretto e costante con il mercato, anche conducendo ricerche e survey per comprenderne le esigenze e indirizzare in maniera corretta le atti-

vità di Ricerca&Sviluppo, in cui investe ogni anno oltre il 5,6% del fatturato globale. Particolarmente importante è il Ricoh Customer Experience Center di Telford (UK), un centro di eccellenza in cui i nostri clienti possono confrontarsi con i professionisti Ricoh su esigenze, trend e possibili soluzioni. Inoltre il team di lavoro degli specialisti e presale della Divisone production printing raccoglie costantemente le richieste di clienti e le indicazioni dei “brand owner” per sviluppare nuove tecnologie e possibilità applicative (si pensi ad esempio al bianco e ai colori neon) in grado di soddisfarle.


SPECIALE PACKAGE PRINTING

XEIKON MARCO AVANZI Sales Area Manager L&P Italy, Digital Printing Solutions

1

La stampa di packaging è presente nel portafoglio di offerta Xeikon già da diversi anni. In effetti, rispetto al mondo delle etichette le dinamiche hanno tardato a esprimersi appieno, ma il packaging rappresenta per noi un ambito applicativo di sicuro interesse che negli ultimi mesi sta mandando segnali di fortissima attenzione. In ambito astucci pieghevoli, ad esempio, gli ingenti investimenti in R&S di Xeikon hanno consentito di introdurre sul mercato una suite completa per la produzione di scatole e astucci. Dall’imposition grafica alla stampa, alla verniciatura in linea, alla cordonatura/ fustella/sfrido fino al confezionamento finale tutto è ottimizzato nella logica del digitale. La soluzione proposta si colloca nella fascia alta del mercato date le caratteristiche di stampa ad altissima risoluzione “offset-like”. Anche gli aspetti ambientali e l’impiego certificato in ambito alimentare sono indubbi punti di esclusività della proposta Xeikon (es. cioccolato, prodotti da forno, paper cups…).

2

La necessità sempre più frequente di riproduzione di dati variabili (numerazioni progressive, lotti, codifiche, barcode, QRcode ecc.) è presidio assoluto della stampa digitale anche in ottica di tracciabilità dei prodotti e anticontraffazione del ‘made in Italy’. Un altro ragionamento di natura monetaria risiede nell’assoluta antieconomicità della realizzazione di tutte quelle tirature che

da un punto di vista sia di stampa che di finitura non giustificano l’avviamento di macchine e fustelle tradizionali. Ciò detto, ritengo che il fenomeno sia ben più ampio e legato all’evoluzione delle necessità della filiera produttiva, di quella distributiva, nonché al profondo mutamento delle abitudini d’acquisto e dei modelli culturali.

convergono verso la piattaforma elettrofotografica Xeikon 3050/3500.

4

Le nostre migliori idee spesso arrivano dalle aziende con le quali collaboriamo, siano esse stampatori o brand owner. È per questo motivo che con regolarità organizziamo eventi per stimolare lo scambio di esperienze, il networking e per intercet-

3) Stampa elettrofotografica e stampa inkjet: per quali applicazioni suggerite ai vostri clienti di investire nella prima e quando occorre, invece, optare per la seconda?

4) Quanto sono importanti, ai fini della Ricerca&Sviluppo, le esigenze dettate dai brand owner e in che modo vi attivate per “catturarle”?

3

Xeikon dispone di entrambe le tecnologie: elettrofotografica e inkjet. Quest’ultima, presentata di recente in anteprima mondiale, sarà disponibile in ambito etichette a partire dal prossimo Labelexpo 2017 in settembre. Il nostro approccio è neutro rispetto al tipo di tecnologia da proporre. Il punto di partenza non è l’attrezzatura ma l’applicazione da realizzare. In questo momento, in ambito cartoncino teso e astucci pieghevoli Xeikon rileva un grande bisogno nelle seguenti aree: replica in digitale della qualità di stampa offset, sofisticato color management, certificazioni di colori e processo di stampa per l’utilizzo in campo alimentare, soluzioni tecniche industriali e scalabili. Questi elementi

tare i segnali deboli che determineranno le regole del mercato nel prossimo futuro. La partecipazione è costante da parte dei maggiori marchi a livello internazionale e naturalmente il confronto sui temi del packaging genera riflessioni interne che si traducono in decisioni strategiche su come orientare gli investimenti di Ricerca&Sviluppo. Una traduzione pratica di quanto affermato si avrà con l’introduzione a partire da Labelexpo dei primi moduli installabili, dopo un periodo di beta test, del sistema Fusion per l’arricchimento della stampa. Fusion consiste in un flusso di stampa + nobilitazione + finitura in linea governato da un’unica interfaccia software.

47


ilPoliGrafico 176t17

SPECIALE PACKAGE PRINTING TECNOLOGIE

Esperienze touch e anti contraffazione

di Lorenzo Capitani

48

Toccare è emozione. Via libera allora a vernici spessorate, sbalzi, rilievi che danno vita a imballaggi non solo da guardare: belli e sicuri, grazie alle tecnologie anticontraffazione. Per un packaging sempre più performante.

Con una geniale intuizione sintetizzata nell’espressione “le mani guardano”, l’artista Bruno Munari proponeva di far conoscere ai bambini, anche i più piccoli, l’arte non attraverso la spiegazione o la contemplazione, ma attraverso il tatto: mettere le mani fra i materiali, manipolarli, fare, schiacciare, arrotolare, rifare, appiccicare pezzi tra loro, staccare, distruggere… questa era la sua ricetta. Pensateci: “non toccare” è l’avvertimento che più rivolgiamo ai bambini. Proprio perché loro, avidi di conoscenza, toccando conoscono il mondo. Ma anche noi adulti ogni volta che vediamo qualcosa che non conosciamo abbiamo la tentazione di allungare la mano per toccarla. È un riflesso irrazionale che ci provoca emozioni. E accade sempre: che si avvicini la mano al petalo di una rosa, che si saggi un tessuto, che si sfiori una confezione prima di acquistarla. Sullo studio di questi meccanismi istintivi si basa la cosiddetta economia comportamentale: scrive Martin Lindstrom, guru di questa disciplina, che “a determinare le scelte d’acquisto non sono le nostre considerazioni razionali, bensì un potente insieme di desideri ed emozioni primarie, come l’empatia, che si colloca a livello inconscio”. In questo modo si possono anticipare le reazioni dei consumatori, individuare i principi base che possono guidare alla progettazione di un prodotto e di una campagna di successo, packaging compreso. La percezione di un prodotto, infatti, deriva dall’insieme di tutte le sue caratteristiche sensoriali come il colore, la forma, l’odore, la sensazione tattile, il suono. Questi aspetti non vengono elaborati singolarmente dal nostro sistema nervoso ma interagiscono tra loro, fornendo una percezione plurisensoriale. Un vino in una bottiglia di vetro con un’etichetta preziosa ha un appeal differente rispetto allo stesso vino nel brick.


Packaging tattile E così anche nel packaging il tatto ha un ruolo chiave. È scientificamente dimostrato che siamo dotati di un sistema ricettivo noto come fibre C-tattili dedicato a codificare il piacere derivato da questo senso: non è un caso che il velluto dia piacere sulla pelle. Non mancano studi che dimostrano che nella customer journey i consumatori sono più propensi all’acquisto se prima hanno avuto modo di toccare l’oggetto. L’e-commerce soffre proprio di questa mancanza e investe moltissimo sulla rappresentazione del prodotto. Oggi il packaging tattile è una delle strategie maggiormente utilizzate dalle aziende anche se in un modo non eccessivamente esplicito, quasi si volesse solleticare un sesto senso nascosto. I brand vogliono raccontare storie, riscoprendo i valori del passato. Le soluzioni tattili del packaging danno concretezza al prodotto, invitano a toccarlo, a sfiorarlo prima e a girarselo tra le mani poi, fino al farlo proprio acquistandolo. Per far ciò si scelgono lavorazioni o materiali inconsueti, non più usati, oppure al contrario decisamente nuovi, meglio se appaiono naturali e grezzi. Gli esempi più evidenti si hanno nell’industria del beverage, da sempre la più innovativa in fatto di marketing. Lavorando sui materiali, ad esempio, la birra Noam, in partnership con l’agenzia tedesca Acne, ha creato una bottiglia in cui la tattilità è protagonista grazie alle nervature del vetro che ricordano le gocce su una bottiglia gelata. O ancora la birra Volksbier con la sua lattina disegnata dalla Remark Studio che richiama nella forma e nella grafica il classico boccale. Un materiale nobile come il legno inciso a fuoco è stato scelto dalla distilleria Jameson per la cassa premium del suo whisky. Sono solo esempi del potere del tatto che travalica la

SPECIALE PACKAGIE PRINTING

Cassa in legno inciso a fuoco per la distilleria Jameson realizzata da Progress Packaging. Sotto, bottiglia in vetro rastremato e bugnato a simulare le gocce d’acqua di una birra fresca e lattine in alluminio stampato e sbalzato a imitare il classico boccale. Pagina a fronte, “Wine Pouch (R)evolution” per la cantina di Adriano Gigante: packaging flessibile avvolto in una manica in carta plastificata opaca con stampa a caldo e verniciatura UV a tracciare un motivo di tralci e foglie di vite.

razionalità del consumatore il quale, quando si sente coinvolto, quando prova piacere da un’esperienza (anche solo quella di un acquisto), è portato addirittura a spendere di più. A tal proposito, Scodix ha realizzato una ricerca intitolata Consumer Perception of Tactile Packaging (https://goo.gl/JPJbH9) che spiega il fenomeno della “premiumisation”, ovvero la propensione dei consumatori ad acquistare preferibilmente prodotti o marchi più costosi, e dimostra che nel mercato dei cosmetici l’81% degli intervistati prende in mano la confezione prima di acquistare, il 56% dichiara che un cosmetico di alta qualità deve avere un packaging alla moda e apparire costoso (!) e il 46% è disposta a pagare di più il prodotto se il suo packaging appare prezioso perché è sinonimo di qualità. Magie del packaging tattile che suscita emozioni, rende i brand riconoscibili e ricordabili e incrementa la conversion rate, spingendo all’acquisto, aumentando vendite e profittabilità. Ma come si ottiene un packaging tattile efficace? È una questione di equilibrio, di grafica e resa cromatica, certo, ma soprattutto di materiali e lavorazioni: in questo stampa e nobilitazioni hanno un ruolo cruciale perché danno valore aggiunto, ingaggiando il consumatore. È il mondo del coating e delle vernici a fare la parte del leone nel creare tattilità.

Laminazione Plastificazioni satinate e soft touch sono molto utilizzate da un lato perché creano una sensazione raffinata al tocco, dall’altro perché hanno una finitura opaca perfetta per esaltare eventuali dettagli lucidati. Ce lo conferma Claudio Parietti, direttore commerciale di Print Finishing Li.to.ver: “L’uso di effetti tattili è molto cresciuto in questi anni, perché sanno dare emozioni molto intense al cervello. In particolare la plastificazione soft touch ha dimostrato di saper attivare particolari neuroni che provocano piacere, facendo aumentare la propensione all’acquisto in seguito alla gratificazione tattile”. I dettagli lucidi possono essere dati verniciando UV o serigrafando. Ma ci sono anche altre plastiche, come le goffrate che, continua Parietti, “consentono di mimare, con una semplice plastificazione, le superfici di vari materiali come legno, tela, pelle ecc. In più, con una spesa ridotta di poche centinaia di euro, si può avere un cilindro flexo personalizzato con una propria texture (per esempio il marchio), con un risultato simile a quello della ben più costosa goffratura. Per di più queste lavorazioni, accoppiate poi alla scatola, permettono anche di avere un packaging più resistente”. La plastifica lucida, invece, è decisamente meno usata soprattutto tra i marchi del lusso, del design e della moda, ma non c’è una vera a propria ragione tecnica:

49


ilPoliGrafico 176t17

SPECIALE PACKAGE PRINTING TECNOLOGIE

Texture floreale ottenuta sfruttando vernice grassa. Non solo effetti lucido/ opaco, ma anche tattili: liscio il gloss, a buccia d’arancia il matte. Sotto, wrap up in pellicola di alluminio scratchable usato per le bottiglie Beck’s in edizione limitata da un’idea dell’agenzia TheThinkTank.

Ideata dal designer Yevgeny Razumov, la bottiglia di wodka White birch ha una finitura satinata, uno scalmo ovale con particolare lavorazione del vetro che lo rende una lente e profonde nervature tattili per le decorazioni floreali e il lettering.

50

Sopra a destra, packaging stampato a secco in embossing e debossing per la linea cosmetici Gucci. Lo sbalzo è impreziosito dal nastro a caldo oro.

tendenze, un po’ come la carta uso mano verso la patinata. Spingere a toccare una confezione porta con sé il rischio di rovinarla e vanificare in un attimo l’effetto esclusivo del packaging. Per questo si usano nuove pellicole no-scratch o antigraffio che proteggono senza far venir meno l’effetto tattile; anzi anche queste, nelle loro varianti matt o satin, creano ottimi effetti lucido/opaco che però non si limitano al campo visivo. Si tratta di lavorazioni semplici che prevedono il passaggio del foglio stampato con inchiostro ben asciutto in una macchina di plastifica prima di passare ad altre lavorazioni o alla fase di cartotecnica. Ma si può andare oltre e applicare una pellicola argentata scratch-off direttamente sulla bottiglia con una particolare lavorazione detta aluminum sleeve. Un’ap-

plicazione è la Scratchbottle Limited Edition di Beck’s sulla quale è possibile incidere le proprie “creazioni” semplicemente grattando via la pellicola argentata.

Vernici offset e UV Ma è con la verniciatura che oggi è possibile conferire al packaging vere esperienze tattili. In questo campo la ricerca ha fatto passi da gigante: con costi al passaggio anche molto contenuti si ottengono effetti davvero sorprendenti su tutti i tipi di stampato. In dettaglio occorre distinguere tra vernici offset o UV di macchina applicate in linea o fuori linea. Nel primo caso è la macchina da stampa tradizionale che consente la stesura della vernice a tavola piena con un gruppo spalmatore: usando un polimero opportunamente tagliato è possibile creare zone di riserva in cui non applicare la vernice oppure, se serve verniciare grafismi più complessi,


SPECIALE PACKAGIE PRINTING

Serigrafia digitale spessorata realizzata su macchine Scodix: con pigmento nero e, a destra, dorato.

si applica la vernice a registro con una lastra dedicata. Avendo un gruppo stampa disponibile questo si può fare anche in rotativa. Effetti lucido/opaco con risultati tattili è possibile ottenerli con la vernice grassa, o drip off. Sul foglio stampato vengono simultaneamente “spalmate” vernici trasparenti acriliche e all’acqua con densità e composizione chimica diverse che si respingono alternativamente: prima si applica l’opaca sulle zone che devono rimanere tali e poi si sovrastampa con la lucida a tavola piena che rifiuta nelle zone già verniciate. L’utilizzo di vernici a dispersione si riconosce facilmente perché le zone opache hanno una tipica finitura strutturata a buccia d’arancia, che si nota a vista, ma dona una sensazione tattile piacevole e insolita. La verniciatura offset tuttavia tende a essere assorbita dalla carta, soprattutto se non è patinata lucida; se occorrono risultati spessorati ed evidenti è necessario quindi ricorrere alla verniciatura UV. Di solito si abbina la vernice UV lucida con una verniciatura o una plastifica opaca che “abbassa” otticamente il fondo. Nel primo caso la verniciatura può essere fatta in linea con una macchina UV, mentre se occorre una plastificazione si deve per forza prevedere più passaggi di macchina. Molte offset sul mercato italiano sono UV e proprio grazie alle particolari lampade a emissione ultravioletta che asciugano inchiostro e vernici all’istante consentono lavorazioni particolari soprattutto su supporti non cartacei o a poca assorbenza come le carte già trattate con vernice offset di protezione. Inoltre, l’asciugatura rapida e la particolare formulazione delle vernici consente di contrastare l’assorbenza della carta. Attenzione però: lucido su opaco si può fare, mentre opaco su lucido può essere più complicato da ottenere. La vernice UV lucida, infatti, ha particolari doti di lucidità e

resistenza (è fatta per proteggere) e sovrastamparla è impossibile a meno di non usare opache particolari. In questo caso è sempre possibile lavorare in negativo o bucare la vernice lucida dove si vuole l’effetto opaco. Ma il risultato non è eccellente. Fuori linea, se si vernicia sulla plastica la vernice, l’UV può avere spessori al limite della serigrafia e consente anche ulteriori effetti tattili. Lavorando sul quantitativo di vernice, infatti, si hanno verniciature spessorate, mentre con speciali miscele si ottengono effetti velluto (soft touch). Per avere l’effetto ruvido o sabbia, invece, si aggiungono microgranuli alla vernice e con la stessa tecnica, ma usando particelle sferiche perlescenti o particolari glitter (con spessori fino ai 200 micron), si hanno verniciature cangianti. Un effetto molto interessante è il reticolato che si raggiunge sovrastampando una vernice spot con una vernice UV. La reazione chimica tra le due vernici, simile all’effetto dispersione del drip off, crea vere e proprie texture microsolcate. L’uso di matrici e la tecnica di verniciatura UV che polimerizza all’istante permette di raggiungere spessori assolutamente sensibili anche con grafismi estremamente fini.

Serigrafia, anche digitale In assoluto però gli effetti tattili più accentuati si hanno sfruttando la serigrafia che ha anche il vantaggio di consentire l’uso non solo di vernici, ma anche inchiostri pigmentati, quindi non solo finiture trasparenti, ma anche colorate. “La serigrafia la fa senza dubbio da padrona” sottolinea sempre Parietti “in quanto, essendo l’unica tra queste tecniche a stampa diretta, consente di depositare un quantitativo di prodotto maggiore; in Li.to.ver. abbiamo iniziato con le vernici lucide spessorate, ora si è passati al glitter e agli effetti ruvidi anche con effetti che imitano diverse superfici come la gomma, l’asfalto, il muri o la sabbia… che ultimamente vanno per la maggiore, sono molto di tendenza accanto, paradossalmente, al soft touch”.


ilPoliGrafico 176t17

SPECIALE PACKAGE PRINTING TECNOLOGIE

Verniciatura digitale realizzata con Scodix. La possibilità di ottenere lucidi estremamente cristallini e ad alto spessore consente di ottenere un effetto bagnato davvero realistico.

Sotto, verniciatura GlitterKote a spot effetto glitter realizzato con prodotti dell’australiana Allkotes.

La soluzione di Scodix Inkjet-Braille consente di stampare in digitale testi per ipovedenti con assoluta definizione, pulizia di stampa e possibilità di girare in volta immediatamente.

52

Trattandosi di serigrafie ovviamente occorrono telai e più passaggi, ma si possono raggiungere spessori importanti nell’ordine del millimetro. E ciò si ottiene combinando l’uso di un particolare telaio a basso numero di fili e di un inchiostro molto denso. La serigrafia spessorata, però, ha il limite tecnico di non consentire grafismi fini o caratteri molto piccoli. Questo perché la grande quantità di inchiostro in un telaio così largo tende a spandere. Per questo è stata sviluppata una nuova tecnologia, non serigrafica ma digitale, che permette il cosiddetto digital embossing. Una soluzione nuova, inkjet, che consente con una sola passata, senza telai, di realizzare rilievi veramente 3D lucidi e satinati su aree specifiche e con spessore fino a 700 micron su carte che vanno dai 135 ai 500 g, quindi perfette anche per il packaging. Non c’è un limite di superficie e il supporto può essere stampato in offset o in digitale indifferentemente. In più si usano polimeri ecologici adatti quindi anche all’uso alimentare. L’asciugatura UV, particolarmente rapida, impedisce che la vernice spanda a tutto vantaggio della precisione e della qualità del lavoro, in più l’assenza di telai e matrici offre la possibilità di tirature anche minime. In questo Scodix è sicuramente il punto di riferimento; come sostiene il direttore del settore Packaging della giovane industria israeliana, Nigel Tracey, “ora sono economicamente convenienti anche le basse e bassissime tirature, in linea con le tendenze del mercato. Che

si muove anche in altre due direzioni: localizzazione e rapidità nel cambio del packaging. Entrambi aspetti nei quali il vantaggio offerto dal digitale è evidente, con time-to-market rapidi e la possibilità di differenziare il packaging nei mercati locali”. Gli effetti sono tanti: dalla verniciatura spot ad alto lucido spessorata, anche a densità variabile (impossibile con la serigrafia), al 3D olografico, dall’effetto caldo più sbalzo al glitter, dal Braille alla creazione di vere e proprie gemme o gocce d’acqua finora ottenibili solo con l’applicazione manuale di resine adesive termo-rilevate. “La serigrafia digitale” conclude Tracey “rende possibile trasformare con semplicità un prodotto ordinario in uno straordinario, cosa che fino a poco tempo era riservata al settore del lusso, dando un notevole valore aggiunto al packaging soprattutto grazie alla grande varietà di finiture possibili”. C’è poi un modo furbo per coniugare gli effetti tattili per fini marketing all’esigenza sempre più stringente per alcuni brand di combattere la contraffazione. Federconsumatori stima che vi sia un valore di 60 miliardi di euro di imitazioni di prodotti made in Italy, di cui circa 6 miliardi di merce contraffatta e 54 miliardi di prodotti che simulano un’origine italiana (il cosiddetto “italian sounding”) solo nell’ambito alimentare! Esiste però la possibilità di stampare particolari trame, texture e ghiglioscé difficili da riprodurre senza possedere la tecnologia che le ha generate. Questi grafismi possono essere generati con software particolari come Arziro Design di Agfa che si installa come plugin in Adobe Illustrator. Ovviamente è possibile stamparli, con inchiostri speciali magari cangianti, ma anche applicarli come verniciature UV o serigrafiche.


ilPoliGrafico 176t17

SPECIALE PACKAGE PRINTING EVENTI

Packaging “effetto WOW”? Eccolo! Brand Revolution Two: etichette, astucci, scatole, lattine e bottiglie - sugli scaffali o non ancora svelano le dinamiche di un mercato in rapidissima evoluzione e i comportamenti di consumatori sempre più esigenti.

54

Quando tecnologia e fantasia si incontrano nasce il packaging disruptive, quello – per intenderci – capace di generare il tanto ricercato “effetto WOW” che conquista il consumatore. Ci hanno scommesso i protagonisti di Brand Revolution Two, messo in scena da Stratego Group il 23 marzo scorso all’ultimo piano del “Pirellone” per mostrare ai 300 ospiti VIP quant’è bella Milano dall’alto e, soprattutto, cosa “può” la stampa digitale. Non è un caso che il curatore della gallery sia stato Vittorio Clementi, creativo open minded a cui è scoccata la scintilla quando ha visto in azione per la prima volta una macchina da stampa digitale. E non è un

caso che alla regia dell’evento si sia proposta Stratego Group che ha coinvolto l’intera filiera della stampa, mettendo assieme sia fornitori di tecnologia, sia aziende di stampa e agenzie di comunicazione impegnati in un confronto fattivo con alcuni dei principali brand owner: per dimostrare che il packaging è lavoro di squadra. Per il tramite dell’imballaggo, a Brand Revolution hanno dunque “parlato” le macchine di ultima generazione, i software che consentono la gestione creativa ed estrema del dato variabile, i sistemi di nobilitazione per ottenere fantastici effetti metallizzati, olografici, di embossing e debossing, i sofistica-

ti sistemi di anticontraffazione e tracciabilità del prodotto. Hanno raccontato la confezione di yogurt “a forma di campo di calcio”, il codice invisibile capace di offrire al consumatore esperienze di viaggio virtuali, l’astuccio che si fa medium d’arte, scomponendo e ricomponendo le opere sulle molte facce, come in un puzzle… L’evento è stato possibile grazie all’impegno e al sostegno di: Aro, Avery, Eurolabel, Ghelfi, Goglio, HP, Mida, Notarianni, Nuceria Group, Solutioo Group.


SPECIALE PACKAGIE PRINTING

di Cristina Rossi

Coca-Cola Presente anche quest’anno Coca-Cola, con un’ampia selezione di packaging, che include etichette carta colla, fascette, astucci, sleeve e packaging secondario. Il tutto caratterizzato dalla presenza di dati variabili, consistenti in foto scattate da 15 fotografi in giro per il mondo, ingaggiati per un’importante campagna pubblicitaria di CocaCola. Il progetto ha previsto la realizzazione di 5.000 sleeve una diversa dall’altra. A realizzare l’intera linea di Coca-Cola – cluster, sleeve, etichette e fardello termoretraibile – è stato Nuceria Group, che si è avvalso dell’agenzia creativa NGraphics e ha utilizzato 10 immagini diverse applicate a tutti i materiali. Grazie all’utilizzo del software HP Smart Stream Designer, Nuceria Group è stato in grado di modificare il progetto grafico con una numerazione progressiva e una palette cromatica generata in base a sofisticati parametri di variantatura. La stampa è stata realizzata con tecnologia HP Indigo WS6800. A stampare il packaging secondario è stato, invece, Ghelfi Ondulati con una HP PageWide Web Press T1100 S.

Danone “Bevilo, vivilo, giocalo” è lo slogan utilizzato da Danone per la linea di prodotti Actimel all’interno di un progetto, realizzato dall’agenzia Creos, che ha tutte le carte in regola per trasformarsi in realtà. Ispirato alle figurine Panini, il progetto prevede un cluster in cartone teso contenente 6 bottigliette di PET con sleeve raffiguranti ognuna un calciatore diverso. Le immagini dei calciatori ricordano molto i manga. L’idea è quella di invogliare gli acquirenti a collezionare le varie confezioni, un po’ come si faceva con le figurine Panini, e naturalmente a procedere con altri acquisti. A stampare le sleeve è stata Maer con tecnologia HP Indigo WS6600.

55


ilPoliGrafico 176t17

SPECIALE PACKAGE PRINTING EVENTI

Skyline Marketing, tecnologia e sorprese nel progetto ideato da Aro Etichette per suggerire cosa può l’incontro fra stampa tradizionale e digitale. Alla suggestiva etichetta dorata che riproduce gli skyline di 3 città-simbolo del mondo, si associa qui un codice nascosto da leggere con l’apposita app sviluppata da Beegraphic e scaricabile gratuitamente su qualsiasi cellulare. Attiva il link al sito del brand owner, che offre al consumatore filmati, informazioni e suggerimenti utili a organizzare un viaggio “della vita”. Protagonisti: una HP Indigo WS 6600 e StealthCode, un codice

invisibile di sicurezza basato su tecnologia brevettata Digimarc® che permette di inserire in uno stampato un dato univoco e non replicabile, impercettibile all’occhio umano.

Packaging di lusso

56

Scintillanti e in due varianti cromatiche – blu e verde metallizzato –, gli astucci pieghevoli Goldenian, chiaramente creati per il mondo della cosmesi, a indicare che la stampa digitale oggi ha una qualità tale da poter far breccia anche nel mercato del lusso. In questo caso per la stampa è stata utilizzata una HP Indigo 20000.


SPECIALE PACKAGIE PRINTING

Nutella Un altro importante brand che ha già utilizzato la stampa digitale per personalizzare i propri prodotti è Ferrero. Tutti si ricorderanno i barattoli di Nutella con l’etichetta personalizzata con il nome, presenti sugli scaffali dei supermercati. Quest’anno Ferrero ha fatto un passo avanti proponendo una collezione con 7 milioni di vasetti unici, numerati e decorati con una grafica colorata realizzata sempre grazie al software Mosaic di HP che si basa su un set di 12 pattern grafici che vengono di volta in volta ruotati, zoommati, invertiti e combinati tra loro, dando origine a

milioni di risultati diversi. Un progetto dai confini quasi artistici, che ha portato sugli scaffali dei supermercati una vera e propria overdose di colori. Anche in questo caso, oltre alla personalizzazione spinta è presente un dato variabile, ossia un numero progressivo presente su ogni barattolo, trasformandolo in una vera e propria opera d’arte. Per realizzare sleeve e fascette in carta colla in formati diversi è stata utilizzata una soluzione di stampa digitale elettrofotografica.

Coca-Cola by Pinko Coca-Cola è protagonista con un’altra serie di eleganti bottiglie in vetro di vari formati “vestite” con sleeve decorate con 12 tipi di grafiche diverse e tutte firmate Pinko, noto brand italiano d’abbigliamento. Il gusto di Coca-Cola e l’eleganza di Pinko si sono incontrate per dar vita poco prima di Natale a una limited edition che esprime perfettamente lo stile unico e fresco dei brand. La collaborazione tra le due aziende si è sviluppata durante il 2016 con una serie di eventi congiunti, un concorso, una campagna social e la limited edition di Coca-Cola light. Il concorso “Vinci il mondo fashion” ha dato la possibilità di vestire online la propria Coca-Cola preferita con una delle grafiche ideate da Pinko. Per partecipare era sufficiente acquistare una delle bottiglie Coca-Cola light brandizzata con la grafica del concorso (tre i formati da 500 ml / 1,5 L / 1 L), connettersi al sito www.coca-colalight.it e accedere all’area dedicata al concorso inserendo il codice presente sotto al tappo. Tra tutti i partecipanti è stato estratto un vincitore che si è aggiudicato un pacchetto premio “Vip Day in Milan” che gli ha consentito di vivere, assieme a un accompagnatore a sua scelta, una giornata a Milano all’insegna della moda. Le sleeve sono state stampate con una stampante Roland modificata, utilizzando un materiale plastico speciale con un bianco opaco molto poroso.

57


ilPoliGrafico 176t17

SPECIALE PACKAGE PRINTING EVENTI

Patatine Tina Anche il packaging flessibile per le patatine Tina è un perfetto esempio di come si possa sfruttare il dato variabile in modo creativo: confezioni di tre dimensioni diverse formano una sorta di murale grazie alle diverse texture riprodotte come sfondo e rese possibili dal software Mosaic di HP. Tutti i prodotti in mostra sono stati realizzati su una HP Indigo 20000 da Goglio con stampa interposta oppure stampa esterna con laccatura su supporti in materiale triplice PET-ALU-PE, nessuna nobilitazione.

Eurolabel

58

Focus sulla stampa del dato variabile per Eurolabel, che ha colto l’occasione per presentare una nuova frontiera di questa applicazione. Le etichette autoadesive che avvolgono e decorano i tubetti laminati – a formare il brand Eurolabel – sono state realizzate con il software Mosaic di HP. L’approccio innovativo riguarda l’introduzione della variabilità infinita del soggetto all’interno di una variabilità finita – le lettere dell’alfabeto, nel caso in questione: con Mosaic, ogni singola lettera può essere differenziata con grafiche e combinazioni cromatiche diverse, senza limiti creativi. Questo nuovo livello di personalizzazione combina i vantaggi tradizionali dei tubetti con l’eleganza e l’unicità del software di HP.


SPECIALE PACKAGIE PRINTING

Kamasutra

Siete sicuri di conoscere tutte le posizioni del Kamasutra? Grazie all’impiego della stampa digitale è stato possibile realizzare una serie di astucci in cartoncino teso per preservativi con una serie di immagini riprese dal Khajuraho, un tempio dell’erotismo in India, patrimonio dell’Unesco. Ogni astuccio raffigura una porzione diversa del tempio e il dato variabile è legato alle diverse posizioni del Kamasutra. Per la stampa è stata utilizzata una stampante Roland modificata.

Yogurt per sportivi Obiettivi e strumenti di comunicazione B2C sono sempre più sofisticati e sfidanti e la stampa digitale trasforma lo sleeve in supporto ideale di stimoli e messaggi. Emblematica quella mostrata da Mida per vestire le linee di yogurt rivolte a un target ideale di sportivi. Stampate su HP Indigo WS 6600, rappresentano l’equilibrio ideale fra distintività del marchio, che campeggia ben riconoscibile sul fronte di ciascun barattolo, e opportunità prestate dal dato variabile: ciascuna linea di prodotto si distingue per il colore e il disegno dello sfondo, che lo associa allo sport a cui è dedicato, oltre che dal disegno del frutto dominante.

59


ilPoliGrafico 176t17

SPECIALE PACKAGE PRINTING EVENTI

My dog

Questo packaging flessibile è dedicato a tutti gli amanti o possessori di cani e gatti, che non dovranno più accontentarsi di anonime confezioni di pet food, tutte rigorosamente uguali. Se, infatti, fino a oggi le scatole per cani piccoli, medi e grandi venivano stampate in flexo o in rotocalco, oggi grazie alla stampa digitale è possibile realizzare la busta con la fotografia della specifica razza di cane. Anche in questo caso la stampa è stata realizzata da Goglio con una soluzione HP Indigo 20000.

Melinda Le mele Melinda sono le protagoniste del packaging secondario realizzato da Ghelfi Ondulati con tecnologia a getto d’inchiostro HP su carta kraft patinata accoppiata a cartone ondulato. Ogni scatola è caratterizzata da una frase diversa e questa applicazione fa parte dell’iniziativa #DedicaMela, il progetto di Melinda per dare un sostegno alle popolazioni del Centro Italia colpite dal terremoto nel 2016. Fino alla fine di aprile circa due milioni di cassette Melinda si sono trasformate in una “lavagna” che ha accolto i messaggi di sostegno e di vicinanza ai connazionali colpiti dal sisma. Ghelfi Ondulati, partner di Melinda per questa iniziativa, ha utilizzato inchiostri a base acqua conformi agli standard normativi del settore, che prevedono particolari restrizioni per gli imballaggi alimentari. Le cassette personalizzate hanno dato visibilità a un gesto di dolcezza nei confronti di chi ne ha più bisogno.

60


CORSI GRATUITI DI SICUREZZA Adegua gratuitamente il personale dipendente della tua azienda in riferimento a quanto previsto dal D.Lgs 81/08 in materia di Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro

Tramite l'Avviso 1/2016 di Fondo Formazienda è possibile organizzare gratuitamente la formazione del personale dipendente in modo rapido ed efficace: Come in,

PMI

WE’RE

OPEN Riservato alle Aziende Neo Aderenti a FORMAZIENDA. Massima rapidità nei tempi di attivazione (1 mese)

Ampia scelta di corsi con oltre 3.500 ore di formazione nelle più svariate tematiche

Rivolto prevalentemente alle Micro e Piccole-Medie Imprese aderenti a FORMAZIENDA

Fai crescere la tua Azienda RTS sviluppa e favorisce le competenze aziendali sostenendone la crescita tramite attività di FORMAZIONE & CONSULENZA FINANZIATE

Sede: P.zza M. Ruini 29/A 43126 Parma (PR) Filiali: Milano, Firenze e Vicenza

Sfoglia il catalogo corsi su www.rts-srl.it

L'Avviso 1/2016 è finanziato da:


SPECIALE PACKAGIE PRINTING

HP partner tecnologico di Brand Revolution Intervista a Enrico Monteverdi

“HP è sinonimo non solo di software ma anche di hardware, con una gamma completa di macchine da stampa digitale che copre le esigenze di tutti i segmenti del packaging”

Anche quest’anno HP ha partecipato all’evento in qualità di sponsor tecnologico, coinvolgendo alcuni tra i suoi più importanti clienti nell’ambito del packaging e proponendo una panoramica delle innovative opportunità per la promozione del brand offerte dalla tecnologia HP SmartStream Designer, con un focus particolare all’applicazione HP Mosaic. Premiata come “Migliore applicazione software speciale 2016” dalla European Digital Press Association, HP Mosaic, infatti, possiede eccellenti proprietà di personalizzazione ed è diventato in breve tempo uno degli strumenti più rivoluzionari nel mondo della stampa digitale. “HP SmartStream Designer è un pacchetto che permette di ottimizzare il lavoro delle macchine da stampa HP”, spiega Enrico Monteverdi di HP. “Si tratta di un software di semplice utilizzo, molto user friendly anche per i non addetti ai lavori. Mi piace definirlo anche un software ‘democratico’, nel senso che è adatto non solo ai grandi stampatori, bensì anche ai più piccoli visto l’investimento ragionevole che comporta. Quanto al modulo Mosaic consigliamo ai nostri clienti di utilizzarlo coinvolgendo

anche le agenzie creative, perché replicare in infinite varianti un pattern non azzeccato potrebbe rivelarsi un’arma a doppio taglio”. Passando dai segmenti produttivi di etichette e sleeve al flexible packaging e dal cartoncino teso al cartone ondulato, con le infinite opportunità nella creazione di sofisticati lavori di stampa, personalizzati attraverso una gestione dei dati variabili semplice e ottimizzata per la tecnologia di stampa digitale fornita da HP, è stato mostrato come sia possibile per un brand ottenere una comunicazione integrata di filiera, utilizzando il packaging digitale. Un’opportunità produttiva innovativa e in grado di mantenere, su differenti materiali, la massima efficienza nel-

la realizzazione di applicazioni ad alto valore in un mercato, come quello del packaging, nel quale la stampa digitale risulta essere a più rapido sviluppo, con una previsione del tasso di crescita su base annua pari al 17% in un mercato che prevede di raggiungere un valore di 19 miliardi di dollari entro il 2019. “HP è sinonimo non solo di software, ma anche di hardware”, conclude Monteverdi. “L’offerta include una gamma completa di macchine da stampa digitale basate su due tecnologie, che coprono le esigenze di tutti i segmenti del packaging. HP Indigo WS 4500, WS 6600 e WS 6800, basate su tecnologia elettrofotografica, sono macchine a bobina a banda stretta – adatte

alla realizzazione di etichette e sleeve – in grado di stampare fino a 7 colori, ossia quadricromia + arancione, verde e viola; stiamo inoltre spingendo molto il Premium White, un bianco dalla coprenza elevata. Una peculiarità delle nostre macchine è il cambio dei colori speciali on the fly, senza fermi macchina. Un modello ad hoc per l’imballaggio flessibile è HP Indigo 20000, in funzione presso Goglio e recentemente installata in I.B.E., specializzata nella stampa di etichette autoadesive. In più rispetto ai modelli sopra citati, HP Indigo 20000 è caratterizzata da una banda più larga e da una velocità superiore e lo stesso si può dire della HP Indigo 30000, dedicata al mercato del cartoncino teso. Discorso a sé merita l’HP PageWide Web Press T1100S, macchina inkjet frutto di una partnership tra HP e KBA, entrata in funzione a fine 2016 presso Ghelfi Ondulati”.

Dall’alto: HP Indigo WS 6800, HP Indigo 30000 e HP Indigo PageWide Web Press T1100S.

63


ilPoliGrafico 176t17

SPECIALE PACKAGE PRINTING WEB TO PRINT

Il packaging come non si era mai visto Pixartprinting inaugura Catalyst, la nuova linea di produzione che amplia gli orizzonti del packaging personalizzabile

Sempre in prima linea nell’individuare i settori con potenzialità di sviluppo, Pixartprinting ha deciso di effettuare un investimento multimilionario mirato al settore del packaging per offrire astucci in cartoncino con tirature che per alcuni modelli partono da un minimo di 25 pezzi. In totale a catalogo sono disponibili oltre 300 combinazioni di formato, dimensioni e personalizzazioni, il tutto con consegna anche in sole 48 ore. L’innovativa linea di produzione per il packaging si chiama Catalyst, è attiva presso lo stabilimento di Quarto d’Altino (VE) e la sua messa a punto, oltre a comportare un importante investimento, ha richiesto un notevole impiego di tempo e risorse: gli ingegneri di Pixartprinting hanno infatti letteralmente girato il mondo per visitare i siti produttivi dei diversi fornitori di tecnologia e selezionare i sistemi di ultima generazione più adatti a dare vita a una linea di produzione senza precedenti. Il W2P veneziano ha coinvolto nel progetto tutte le divisioni dell’azienda, dalla produzione al marketing, fino al customer care, dando vita a un modello di business inedito per il packaging online, presentando un importante ampliamento del catalogo. Oltre agli astucci in cartoncino di pura cellulosa da 360 g/m2 cordonati, fustellati e incollati, accrescono l’offerta anche cinque modelli di pack food contact tra cui vassoi, secchielli e bauletti,

PICCOLE TIRATURE

64

Le novità introdotte in gamma comprendono: astucci standard in vari formati con o senza finestra, cordonati, fustellati, consegnati stesi e facili da assemblare; astucci con fondo a scatto, con l’opzione della finestra e il fondo resistente al peso per offrire massima versatilità di utilizzo; astucci ovali originali nel design, cordonati, fustellati e incollati, si assemblano con facilità. Completano l’offerta cofanetti, bauletti, astucci guaina, astucci appendibili.

stampati con inchiostri alimentari e realizzati in cartoncino Delipac®. Inoltre, una delle principali novità introdotte grazie all’implementazione della nuova linea di produzione è la possibilità di offrire tre finiture speciali, grazie all’applicazione di lamine a freddo e di vernici 3D e selettiva. “Abbiamo letto i bisogni del mercato e compreso che quello del packaging è un segmento in grande crescita e con forte potenzialità di sviluppo”, spiega Paolo Roatta, amministratore delegato Pixartprinting. “Nel mettere a punto Catalyst ci siamo posti due obiettivi: da un lato offrire ai nostri clienti un nuovo strumento per far crescere il proprio business; dall’altro intercettare nuovi utenti che, per le modalità con cui il packaging è stato proposto fino a oggi, non avevano accesso a questo tipo di prodotto. La clientela a cui ci rivolgiamo, oltre a quella consolidata composta da operatori professionali, tra cui anche molti stampatori, comprende fotografi, agenzie di comunicazione, marketing e organizzazione di eventi. Abbiamo registrato un incremento di ordini da parte del segmento della regalistica. In generale, il nostro bacino d’utenza spazia dal comparto medico e salute alla richiesta di imballaggi per manufatti di diverso genere, tra cui oggetti insoliti che hanno stupito anche i nostri addetti alla produzione”.


ilPoliGrafico 176t17 SPECIALE PACKAGE PRINTING

“ABBIAMO LETTO I BISOGNI DEL MERCATO E COMPRESO CHE QUELLO DEL PACKAGING È UN SEGMENTO IN GRANDE CRESCITA E CON FORTI POTENZIALITÀ DI SVILUPPO”

Nuovi standard per la produzione di packaging on demand

“Le strategie di ampliamento di gamma passano necessariamente attraverso l’implementazione di nuovi sistemi di stampa e finishing, se non addirittura dall’ingegnerizzazione di intere linee di produzione progettate ad hoc, come è avvenuto per Catalyst”, spiega Alessio Piazzetta, plant manager Pixartprinting. “Per mettere a punto la linea dedicata al packaging, il nostro Research & Innovation ha lavorato in sinergia con il reparto Research & Development – che oggi conta 4 addetti ed è in costante crescita – e con la produzione per selezionare i macchinari che rispondessero a elevati standard di eccellenza tecnologica, in un’ottica di industrializzazione, automatizzazione dei processi e integrazione del flusso produttivo all’interno della piattaforma di gestione proprietaria. Il tutto accompagnati da Cimpress, global company di cui siamo parte e con cui condividiamo know how tecnico e strategico”. Un’architettura tecnologica senza precedenti

Progettata per ottimizzare la produzione, Catalyst consente di offrire tirature minime realizzabili con standard industriali. Cuore tecnologico dell’intera linea è il sistema digitale HP Indigo 30000, con

unità di priming integrata in grado di stampare in quadricromia cartoncini fino a 450 g/m2. La verniciatrice inline Harris & Bruno ExelCoat ZR30 rende efficiente la fase di applicazione di vernici UV, per soddisfare le diverse esigenze di finitura protettiva degli imballaggi. La nobilitazione digitale firmata Scodix, grazie a un workflow dedicato, permette di realizzare a costi competitivi e con il just-in-time con cui prima veniva prodotto un pack standard, astucci con effetti tattili e grafiche eye catching utilizzando vernici a rilievo e selettiva. Bograma BSR 550 Servo Rotary è la fustellatrice rotativa scelta per garantire alte velocità e mantenere la qualità del taglio e della cordonatura in piano. I packaging possono essere ulteriormente impreziositi dalle lamine oro e argento attraverso il modulo per il cold foiling integrato. Completa la linea, la piega incolla Kama Flexfold 52i selezionata per assicurare massima automatizzazione. Riducendo al minimo l’intervento dell’operatore, può essere settata in meno di 5 minuti per dare forma a qualsiasi esemplare del ricco catalogo di packaging by Pixartprinting. Per una maggiore protezione della stampa è possibile richiedere la plastificazione duratura e resistente.

Cuore tecnologico di Catalyst è la macchina da stampa digitale HP Indigo 30000, mentre la nobilitazione digitale è affidata a una soluzione dell’azienda israeliana Scodix.

FOOD CONTACT

NOBILITAZIONI

Confezioni realizzate in cartoncino Delipac®, hanno

Rendere appealing packaging in limited edition con consegne in tempi record (anche 48 h) oggi è realtà. È possibile nobilitare astucci standard, ovali e con fondo a scatto con varie lavorazioni. Vernice 3D: ad alto spessore, valorizza parti stampate conferendo un seducente effetto tattile; oro/argento: l’applicazione di lamine con cold foil impreziosisce i packaging con l’elegante effetto dei metalli nobili; vernice selettiva: esalta aree dello stampato applicando vernici lucide.

rivestimento interno resistente a olio e grasso, riciclabile, compostabile e biodegradabile. La gamma comprende: vassoi, pratici e facili da montare; secchielli originali nel design, in 4 formati; cofanetti alimentari personalizzabili, congelabili e riscaldabili a microonde; bauletti con chiusura a fiocco o maniglia; astucci per hot dog e sandwich, con la forma costruita intorno al prodotto. Completa l’offerta la carta per confezioni food contact.

65


Sun Chemical presenta le guide alla risoluzione dei problemi in fase di stampa Sun Chemical ha messo a punto per la sua clientela, sotto forma di poster, un’efficace guida alla risoluzione dei problemi che possono emergere in fase di stampa. Lo studio presenta cause e soluzioni dei più comuni problemi che s’incontrano durante la stampa offset a foglio, e si basa sull’esperienza pratica e conoscenza di Sun Chemical unitamente alla collaborazione di esperti del mondo della stampa. Paolo Caiani e Maurizio Franzoso, rispettivamente Direttore Tecnico Sheetfed, UV & Screen e Responsabile R&D Sheetfed e UV di Sun Chemical, analizzano per Voi una delle problematiche più comuni. Con questo strumento estremamente utile, che non deve mancare in sala stampa, Sun Chemical è sempre più vicina ai suoi clienti sostenendoli nel loro lavoro e ponendo la massima attenzione al processo di stampa. Potete richiedere i poster al Vostro referente Sun Chemical.

Scarsa resistenza all’abrasione

Per “resistenza all’abrasione” di uno stampato si intende la resistenza che un’area stampata oppone all’usura da contatto con un materiale simile o diverso. Per fare un esempio un’etichetta di una bottiglia potrà sfregare contro altre etichette, ovvero contro la superficie della scatola in cui è contenuta, quindi materiali con rugosità e scivolosità differenti. L’effetto dell’abrasione può comportare dalla lucidatura, al danneggiamento dello strato di inchiostro, fino all’asportazione della superficie del materiale. In laboratorio la resistenza all’abrasione di uno stampato può essere valutata mediante opportune apparecchiature: la stampa è sottoposta a sfregamento contro un testimone applicando una forza costante. Il testimone solitamente è il supporto non stampato la cui colorazione, insieme alla valutazione del danneggiamento della stampa stessa, indicherà la resistenza all’abrasione dello stampato.

CAUSE

SOLUZIONI

1. Lo strato d’inchiostro non è completamente asciutto

1. Assicurarsi che lo strato d’inchiostro sia completamente essiccato. Un inchiostro ossidativo necessita di 24-48 ore per asciugarsi completamente. Le variabili coinvolte sono molte: substrato, soluzione di bagnatura, coprenza dell’inchiostro, condizioni ambientali

2. L’inchiostro è emulsionato

2. Controllare il pH e la conducibilità della soluzione di bagnatura. Diminuire il livello di bagnatura per ottenere un appropriato equilibrio inchiostro/acqua

3. Sfarinatura - inchiostro non legato al supporto

3. Alcuni tipi di carta possono essere molto assorbenti nei confronti del veicolo dell’inchiostro lasciando il pigmento slegato sulla superficie

Sun Chemical Group S.p.A. Via Achille Grandi, 3 - 6 20090 Settala Fraz. Caleppio (MI) www.sunchemical.com


ilPoliGrafico 176t17

online printing

Un vero e proprio modello di business Esperti italiani e internazionali nel panel di relatori protagonisti alla seconda edizione dell’Online Printing Conference Ralf Schlozer

68

L’OPC, che si è tenuta lo scorso 27 aprile presso l’Hotel Melià di Milano, rappresenta ormai un appuntamento di fondamentale importanza per capire come si sta sviluppando questo nuovo modo di essere stampatori e aiutare chi deve ancora prendere decisioni in merito. A dare il benvenuto alla platea Enrico Barboglio, CEO di Stratego Group, che anche quest’anno ha organizzato l’evento in partnership con Assografici e Keypoint Intelligence/InfoTrends. “L’online printing ha fatto enormi passi avanti negli ultimi 10 anni”, ha ricordato Barboglio. “Oggi non viene più utilizzato per il semplice trasferimento di file, bensì rappresenta un vero e proprio modello di business”. Il primo relatore a salire sul palco è stato anche quest’anno Ralf Schlozer di Keypoint Intelligence/ InfoTrends che ha presentato lo scenario dell’online printing in Italia e in Europa, commentando i dati emersi dalla seconda ricerca di mercato realizzata in collaborazione con Stratego Group.

“Oggi quasi tutti in Italia navigano su Internet - per l’esattezza il 65,6% della popolazione corrispondente a circa 29 milioni di abitanti - mentre nel mondo il popolo connesso conta più di 3,4 miliardi di persone da computer e oltre 2,5 miliardi da tablet e cellulare”, ha esordito Schlozer. “Il numero di vendite su piattaforme e-commerce in Europa sta crescendo e di pari passo, anche se un po’ più lentamente, aumenta il fatturato correlato”. Anche l’Italia segue questo trend di crescita nell’ambito dell’e-commerce, pur rimanendo dietro alla maggior parte dei Paesi europei. Le persone che acquistano su Internet sono aumentate del 71% dal 2012 al 2016 e attualmente rappresentano il 29% di tutti gli italiani. Nell’utilizzo di telefoni cellulari l’Italia si trova al vertice della classifica europea, in compagnia dei 5 Paesi top, e il 30% degli ordini su Internet vengono realizzati da dispositivi mobile.


Web2print: tipologie e prodotti L’80% dei siti web2 print italiani si rivolgono al mercato businessto-business (B2B), e il rimanente 20% al business-to-consumer (B2C). Ma quali sono i prodotti stampati più ordinati attraverso le piattaforme web to print? Guidano la classifica le brochure con il 60%, seguite a pari merito dai biglietti da visita e dai libri con il 44%, dai cataloghi e dalle riviste (36%), direct mail (20%), poster, banner e insegne (16%), calendari e biglietti augurali alla pari con il 12% e, in coda alla classifica, i photo book con appena l’8%. Il 68% degli intervistati ha riportato di aver chiuso l’anno scorso con un fatturato più alto grazie anche alle attività legate all’attività web2print. Gli utenti che si collegano attraverso tablet o cellulare effettuano nel 76% dei casi ordini o riordini di stampati, nel 60% pagamenti, oppure controlli dello status della lavorazione e approvazione degli ordini (56%). Solo in pochi si cimentano con operazioni più complesse: design da template (16%) e immissione di dati variabili (8%).

Web2print, dolori di crescita Una promozione non sufficiente dei siti W2P, la difficoltà nell’educare i clienti all’utilizzo del W2P e, infine,

il fatto che si è ancora rimasti alle funzionalità del W2P 1.0 senza ampliarne le caratteristiche: questi sono i fattori che potremmo definire i “dolori da crescita” del web2print, le motivazioni che ne frenano l’esplosione e l’adozione.

affidati a specifici canali di comunicazione: l’83% ha utilizzato le e-mail, il 74% – quasi un terzo in più dell’anno scorso – si è affidato alla pubblicità a pagamento sui motori di ricerca, mentre il 67% ha investito in pubblicità sui social media.

Dalla ricerca emerge effettivamente che il budget che le aziende destinano alla promozione dei loro siti W2P è davvero irrisorio – pari a una media di circa 25.000 euro l’anno – ed è pure calato dal 2016 al 2017, quando in realtà la presenza di sempre più W2P sul mercato rende la competizione sempre più accesa e gli investimenti in promozione e marketing sarebbero quanto mai necessari per emergere dal gruppo. Peraltro la promozione si sta specializzando e gli intervistati si sono

Relativamente alle difficoltà principali incontrate da coloro che hanno implementato una piattaforma W2P, il 72% ha indicato la formazione dei clienti, ossia comunicare loro la propria esistenza sul web e fornire loro tutti gli strumenti necessari per l’utilizzo della piattaforma. Un’altra sfida, segnalata dal 56% degli intervistati, è rappresentata dal cambio di cultura e approccio alle vendite per promuovere al meglio il sito W2P. Medesima importanza (per il 56%) riveste la formazione del proprio

ilPoliGrafico 176t17 167t16

online printing

69


ilPoliGrafico 176t17

online printing

“Nei mercati di lingua tedesca si è registrata una crescita del 15,4% dal 2016 al 2017 e i tassi di crescita per il resto dell’anno

staff e seguono (per il 48%) la customizzazione dei negozi online in base alle esigenze dei clienti e l’integrazione con altri software (44%).

Funzionalità offerte Bernd Zipper

sono al di là delle più rosee aspettative. Le vendite generate dai 5 top online printer dal 2011 hanno un trend di crescita dei fatturati”.

70

Come ricorda Schlozer, un limite della maggior parte delle piattaforme W2P è quello di offrire servizi di base, come l’online job proofing e la possibilità di inserire dati variabili, ma mancano le funzioni più complesse e questo perché spesso si sottovalutano le abilità e le necessità dei clienti. Al di là di caricare sulle piattaforme file da stampare o ristampare, gli utenti negli ultimi 12 mesi hanno manifestato il desiderio di effettuare operazioni ben più complesse, come ad esempio ritoccare grafici, immagini e foto (37%), aggiungere elementi di nobilitazione allo stampato (31%), creare un progetto grafico da zero (28%) o da template preimpostate (28%). Per quanto riguarda l’ultimo aspetto della ricerca è emerso che solo il 22% degli intervistati offre sulla propria piattaforma software per l’online design e la motivazione fornita per non aver investito sino ad oggi in questi strumenti è per il 32% il fatto di non avere clienti con questo tipo di esigenze. Si deduce, pertanto, che non sempre l’offerta di mercato incontra la domanda e in futuro bisognerebbe osserva-

re le abitudini dei propri clienti con maggiore attenzione. Quali sono, dunque, le raccomandazioni per chi possiede già una piattaforma di ecommerce? Sviluppare nuove funzionalità anche per gli utenti che si collegano da device mobili, come tablet e cellulari, visto che questo è un mercato molto fiorente in Italia e che si arriverà a utilizzare questi device per ordinare prodotti non solo nell’ambito del B2C, ma anche del B2B. L’online printing, grazie a cui alcune aziende stanno già guadagnando, è una realtà non ancora conosciuta come dovrebbe ed è quindi necessario promuoverla maggiormente e offrire incentivi per invogliare gli utenti a utilizzare questi siti. Infine, i software per il W2P ogni anno diventano sempre più sofisticati. È importante conoscere e analizzare quali funzioni vengono utilizzate dai clienti dei siti per capire quali nuove funzionalità implementare. Non va sottovalutato il desiderio dell’utente finale di creare e personalizzare lo stampato online.

Online printing, modelli a confronto Bernd Zipper di Zipcon Consulting, guru internazionale dell’online printing, ha offerto una panoramica del mercato europeo, con un focus particolare sui mercati tedeschi (Germania, Austria e

Svizzera), nei quali si concentrano alcuni tra i più importanti player del mercato B2B. In questi mercati si è registrata una crescita del 15,4% dal 2016 al 2017 e i tassi di crescita per il resto dell’anno sono al di là delle più rosee aspettative. Si prevede di chiudere il 2017 con un fatturato totale di 7,5 miliardi di euro, di cui 3 generati dalle piattaforme B2C e 4,5 da quelle B2B. Se analizziamo le vendite generate dai 5 top online printer – Cewe/ Saxoprint, Flyeralarm, WmD/Cimpress, United Print, Onlineprinters – si nota un trend di crescita dei fatturati dal 2011 al 2016. Il tutto avviene in un mercato delle arti grafiche tedesco in cui il numero delle aziende di stampa sta calando di anno in anno e in cui solo i grandi player stanno crescendo, mentre i piccoli player non sono in grado di rimanere competitivi. Il mercato della stampa è destinato a contrarsi ulteriormente fino al 2025, anche se da questa analisi è escluso il segmento del packaging. Le sfide che l’industria dell’online printing tedesca si ritroverà ad affrontare nei prossimi mesi sono le seguenti: - Amazon: il colosso sta testando l’online print market da circa tre anni ed è probabile che decida di entrarvi attivamente, sconvolgendo gli equilibri generali; - il modello Multi-Play (online + negozio + mo-


ilPoliGrafico 176t17 167t16

online printing

Da sinistra: Christian Seghi, Mario Cunsolo, Alì Bazooband e Vincenzo Cirimele durante la prima tavola rotonda.

bile) sta diventando sempre più popolare; - Mass Customization: ci sono ancora pochi progetti di questo tipo nel mercato tedesco; - Emotional Commerce: le piattaforme online non devono essere noiose, devono coinvolgere emotivamente il cliente; - internazionalizzazione: è necessario esportare il proprio brand (“Print made in Germany” o, nel nostro caso, “Print made by Italy”) nei Paesi europei confinanti. Analizziamo l’AMS, Amazon Marketing Services e il modo in cui Amazon già domina il search entry point su Internet, andando in seria concorrenza con Google. AMS registra le abitudini d’acquisto, i nomi e gli indirizzi dei suoi clienti. Zipper spiega che gli online printer sottovalutano l’influenza dell’utilizzo dei dispositivi mobili per accedere e navigare sulle piattaforme W2P e pertanto sia i player tedeschi sia quelli italiani per aver ancora maggior successo in futuro dovrebbero creare nuove app per questo tipo di utenza.

Altra nota dolente: i W2P oggi assicurano una certa qualità, ma incorrono ancora in una serie di errori che consistono in difetti di stampa, ma anche in problemi con l’imballaggio che contiene il prodotto – a volte il prodotto arriva danneggiato a destinazione a causa di un imballaggio non adeguato – e problemi con la consegna: prodotto giusto consegnato all’indirizzo sbagliato o viceversa. Zipper consiglia, infine, di creare una serie di linee guida chiare per gestire le lamentele dei clienti, in modo da risolvere i problemi con maggior tempestività. È poi importante che la piattaforma online sia “responsive” al 100% e che la politica dei prezzi sia trasparente.

Presenza online, logistica, modelli innovativi La necessità di essere online, le difficoltà legate agli aspetti logistici del web2print e il bisogno di trovare dei modelli di engagement innovativi: sono i temi di cui si è discusso nel corso di una tavola rotonda con Vincenzo Cirimele (PressUp), Alì Bazooband (United-

print), Mario Cunsolo (VG7) e Christian Seghi (PrintOrBuy). Cunsolo, la cui azienda ha come mission quella di aiutare il cliente ad andare online, ha aperto il dibattito affermando che in molti casi la molla che spinge un’azienda a decidere per una presenza digitale è il fatto che i concorrenti hanno già imboccato una simile via.

Mario Cunsolo

Questa necessità indotta porta con sé della confusione, idee poco chiare su come andarci e sfruttare le opportunità correlate. Pertanto gli aspetti tecnici della creazione di una soluzione web2print pienamente funzionante rappresentano solo una parte del lavoro, tanto tempo va dedicato all’aspetto consulenziale, a comprendere cosa il cliente vuole – semplicità di utilizzo, flessibilità per adattarsi, rapidità di creazione

“... in molti casi la molla che spinge un’azienda a decidere per una presenza digitale è il fatto che i concorrenti hanno già imboccato una simile via”.

71


ilPoliGrafico 176t17

online printing

Alì Bazooband

della piattaforma, aggiornamenti personalizzati – e a soddisfare le esigenze dei singoli. Aspetti che, da un punto di vista differente, sono stati ripresi da Vincenzo Cirimele, che ha sottolineato come a volte si tenda a confondere web2print e stampa digitale quando invece sono cose decisamente differenti. Si può fare web2print anche utilizzando altre tecnologie di stampa, ma le macchine rappresentano solo un aspetto del W2P. Quest’ultimo contempla un’intera piattaforma da impostare e controllare in ogni suo aspetto in maniera costante. Non meno rilevante è poi l’aspetto di logistica e trasporto, un problema primario per qualsiasi stampatore online. Dalla ricezione dell’ordine alla consegna del prodotto finito non devono passare più di cinque giorni, in caso contrario è come essere fuori dal mercato. Questo pone la necessità di avere un sistema di trasporto efficiente e, nei limiti del possibile, di stampare localmente. Un problema su cui è intervenuto anche Alì Bazooband, che ha af-

fermato come la sfida più grande per un online printer di respiro internazionale come Unitedprint sia, per l’appunto, quella della spedizione, in particolare se all’estero. Se a livello teorico la risposta a questo problema sia stampare direttamente nel paese di consegna, all’atto pratico questo comporta un’evoluzione del modello di engage-

Christian Seghi

ment. Attraverso analisi interne, Unitedprint ha visto che la perdita di un cliente è spesso causata dalla concorrenza degli stampatori locali – piccole aziende che non hanno tutte le possibilità di un grande stampatore, ma che possono offrire un servizio più rapido e con un contatto diretto che spesso fa la differenza. Da qui la scelta di stringere una serie di accordi con questi stampatori locali al fine di creare una rete capillare sul territorio che permetta a Unitedprint di poter soddisfare efficacemente tutte le richieste, ai piccoli stampatori di difendere la propria clientela e di ottenere maggior visibilità, ai clienti di poter ordinare prodotti stampati con facilità e

con la consapevolezza di avere il loro fornitore di fiducia come interlocutore finale. Questa situazione porta alla nascita di società che si assumono il compito di fare da tramite tra i print buyer e gli stampatori locali. È il caso di PrintOrBuy, società nata con un modello di business che Christian Seghi ha illustrato nel corso della tavola rotonda. La mission è quella di permettere a tutti gli stampatori aderenti di esprimere la propria specializzazione attraverso un sistema competitivo e anonimo. Una volta caricata la richiesta sulla piattaforma, il print buyer riceve in massimo 24 ore un preventivo completo. Dall’altro lato, lo stampatore riceve unicamente le richieste che lo interessano, in modo tale per cui gli sia effettivamente possibile prendere in carico quello specifico lavoro. Si tratta di un sistema che, riprendendo il tema del bisogno di stampare localmente, ci aggiunge un aspetto di anonimità che serve a permettere allo stampatore di eseguire politiche di pricing ad hoc senza problemi.

Vincenzo Cirimele

La seconda tavola rotonda della giornata ha visto nuovamente protagonista Vincenzo Cirimele, questa volta con una focalizzazione sui prodotti. Cirimele ha posto l’accento sul fatto che uno stampatore online deve ragionare sui prodotti che offre in una doppia modalità: da un lato ciò che l’utente vedrà sull’e-commerce, dall’altro ciò che deve essere stampato. Il primo aspetto riguarda i prodotti da un punto di vista commerciale e pertanto può essere suddiviso in tante famiglie. Il secondo, per contro, è puramente tecnico e interessa solamente lo stampatore e, quindi, va mantenuto il più possibile in po-

Giuseppe Prioriello

che macrofamiglie (con fustella o senza fustella, ad esempio). Questo perché il cliente vuole un prodotto eccellente al giusto prezzo, non è interessato a conoscere i dettagli tecnici e tecnologici del processo che conduce dal suo ordine digitale all’avere in mano il prodotto finito. Ovviamente questa divisione in macrofamiglie tecniche può subire ampliamenti nel momento in cui il mercato richiede nuo-


ve tipologie di prodotti che sono “alieni” a ciò che lo stampatore online ha fatto fino ad allora. L’inserimento di queste novità richiede delle partnership con produttori specializzati e vengono inserite a catalogo unicamente quando l’intero flusso

“L’elemento ‘prezzo’ non è determinante: di rado vengono cercati prodotti in associazione a specifiche fasce di prezzo, con l’unica eccezione significativa dei biglietti d’invito/ partecipazioni”.

come uno degli obiettivi della sua azienda sia quello di colmare una lacuna. Grazie a un potente software online proprietario, diventa possibile creare in pochi click il proprio packaging e, contemporaneamente, calcolare i costi di produzione. Antonio Romano

di lavoro è sicuro e la qualità finale garantita. Come emerso dalla ricerca presentata da Schlozer, i prodotti più richiesti online sono brochure, biglietti da visita e libri. Più in generale, gli stampatori online non hanno ancora contemplato un ingresso nel mercato del packaging. Tuttavia questo non vuol dire che non vi siano offerte in tal senso. È il caso di Packly, raccontato dal suo ideatore Giuseppe Prioriello, che ha esordito sottolineando, per l’appunto,

Una volta soddisfatti, si può scegliere quale strada poter percorrere: scaricare il tracciato fustella in formato vettoriale e poi utilizzarlo come meglio si crede; procedere alla realizzazione di mockup; oppure avviare un flusso completo di produzione, che Packly gestisce con stampa in outsourcing grazie a diverse partnership. Un aspetto rilevante del sistema è che non esistono minimi produttivi, anche una richiesta da un singolo pezzo viene accettata.

Fare marketing utilizzando online e social, monitorando le proprie azioni A chiudere il convegno è stato l’intervento di Antonio Romano, CEO di QuestFactory, società che coniuga l’analisi dei big data con le discipline delle ricerche di mercato per restituire una fotografia online di un dato argomento. L’analisi che Romano ha presentato era ovviamente dedicata all’online printing e ha mostrato alcuni aspetti interessanti. • Esiste una chiara opportunità di mercato come testimoniato dal numero di ricerche effettuate (circa 5 miliardi/anno, 89% dell’attività online). • Tra oggetto della comunicazione aziendale e oggetto delle ricerche dei clienti l’allineamento non è ottimale – i prodotti più cercati dai clienti sono T-shirt, foto, targhe e calendari; quelli maggiormente promossi sono libri, volantini e opportunità di sconto. • L’elemento brand non risulta primario – anche se un utilizzo di brand “più semplici” potrebbe agevolare l’associazione con il prodotto/servizio offerto – in quanto la stragrande maggioranza delle ricerche avvengono per prodotto senza indicazione di uno specifico brand. • L’elemento “prezzo” a sua volta non è determinante: di rado vengono cercati prodotti in associazione a specifiche fasce di prezzo,

con l’unica eccezione significativa dei biglietti d’invito/partecipazioni. • Una comunicazione volta a fare del sito e/o delle pagine social dell’azienda un hub dove il cliente possa trovare la soluzione ai suoi problemi e domande/richieste di consiglio (che è possibile non solo conoscere ma tracciare continuativamente) è probabilmente una direttiva strategica rilevante. In conclusione, per aziende che operano nell’online printing il Web dovrebbe essere una leva di vantaggio competitivo: oggi sembra esserlo più a livello di settore che di singola azienda. Questo perché le aziende non hanno un’idea chiara né del proprio posizionamento online né di quello della concorrenza: in simili condizioni intraprendere iniziative equivale a un salto nel buio. Tuttavia, ottenere questa chiara visione del mercato e degli obiettivi che si vogliono raggiungere può trasformare il web (e il suo ascolto) in uno strumento tramite cui accrescere il numero di clienti che già oggi vengono guadagnati.

ilPoliGrafico 176t17

online printing


LA CITTÀ

VISIBILE

/ THE VISUAL CITY

12/14 OT TOBRE O C TO B E R

2017 PAD / H AL L

8/12

29a Mostra Convegno Internazionale di Comunicazione Visiva

29th International Trade Fair and Conference on Visual Communication

www.viscomitalia.it


ilPoliGrafico 176t17

GRUPPO SADA l’innovazione nel packaging

Comunicazione d’impresa

TECNOLOGIE VERSATILI, FLESSIBILITÀ, SERVIZI, APERTURA AI MERCATI Un’azienda con oltre cento anni di storia ed è un esempio di come, anche nel Mezzogiorno, possa sbocciare e crescere la cultura imprenditoriale. Dalle prime radici, messe nel 1870 realizzando arredamenti per ufficio, cassette di legno poi, fino a cambiare negli anni Sessanta il suo core business nel cartone ondulato, oggi il gruppo Sada di Pontecagnano, provincia di Salerno, è una delle più importanti realtà italiane nel settore del packaging. Un’azienda familiare, giunta alla quinta generazione che ha sempre saputo negli anni innovarsi e svilupparsi. Tanto che dopo il successo ottenuto nel mercato del cartone ondulato, con investimenti in macchine flexo fino a sette colori, nel 2006 ha avvertito l’esigenza, per crescere ancora di più, di diversificarsi entrando nel settore degli astucci con la creazione di Sada Packaging. Una realtà nata per ampliare l’attività e offrire ai clienti nazionali e internazionali che da anni si rivolgono alla Antonio Sada & Figli per il cartone ondulato anche l’imballaggio a diretto contatto con il prodotto, soprattutto nel settore food. Una scelta che si è rivelata subito vincente anche grazie alle nuove tecnologie introdotte nella stampa degli astucci. Una gamma di prodotti che vanno dal cartoncino teso alla microonda. In particolare, con l’innovativa tecnologia di produzione Quantum, Sada Packaging è in grado di realizzare onde da 1,2 – 0,75 – 0,50 millimetri. Così l’astuccio non solo contiene il prodotto ma lo protegge e conserva integro il suo contenuto grazie alla presenza dell’onda e alla struttura più robusta, garantendo massime performance in termini di stampabilità. Con tecnologie versatili come il Quantum e l’ultimo nato, il Flute Barrier® (una tecnologia che preserva gli astucci dall’acqua e dall’umidità grazie allo strato polimerico che conferisce rigidità e crea un effetto barriera) Sada Packaging è riuscita ad ampliare ancora di più la

Grazie alle tecnologie più moderne, Sada Packaging fornisce un imballaggio di sicura protezione e conservazione per il contenuto.

gamma di prodotti offrendo soluzioni alternative ad altri settori no food come la detergenza. Avere maggiore flessibilità e aprirsi a nuovi mercati, sono alcuni dei motivi su cui ha puntato il Gruppo per una nuova acquisizione: Sada Packaging Verona. Non manca una punta d’orgoglio, perché non succede spesso che un’azienda del Sud ne acquisisca una del Nord. A fine marzo il gruppo di Pontecagnano ha infatti concluso l’operazione d’acquisto del ramo d’azienda della cartotecnica Travagliati, appartenente all’omonima famiglia, specializzata nella produzione di astucci in particolare per il food. L’azienda ha 38 dipendenti ed un fatturato di circa 3 milioni di euro. L’acquisizione è avvenuta tramite la costituzione di una Newco Sada Packaging Verona, di totale proprietà della Sada Packaging, controllata a sua volta al 100% dalla Holding Sada Partecipazioni. L’acquisizione della Travagliati ha permesso a Sada di creare la Divisione Folding Carton del Gruppo: maggiore flessibilità, servizio ed offerta tecnologica per venire sempre più incontro alle esigenze dei clienti, servire le più importanti realtà produttive ubicate nel Nord Est e favorire l’espansione estera. Nel 2016 il Gruppo Sada – che si è aggiudicato un Oscar della Stampa quale Best Green Printer – ha realizzato un fatturato di circa 98 milioni. Questa nuova acquisizione permetterà all’azienda campana di superare il traguardo dei 100 milioni già nel 2017, con 395 addetti distribuiti tra i quattro stabilimenti siti in Campania (Pontecagnano e Nocera Superiore), uno a Catania e in Veneto (San Pietro in Cariano). Per Antonio Sada, presidente del Gruppo Sada, si tratta “di un ulteriore passo in avanti per aumentare le opportunità di business in Italia e all’estero ed essere più flessibili verso i clienti che richiedono sempre più un packaging innovativo. Soprattutto in uno scenario di mercato altamente concorrenziale come l’attuale”.

www.sadaspa.it

75


ilPoliGrafico 176t17

stampa digitale

Xeikon

Debutto nell’inkjet

PX3000 per etichette autoadesive

La Xeikon PX3000 inkjet UV sarà disponibile per la commercializzazione a partire da ottobre.

Da sempre legato alla tecnologia elettrofotografica, il produttore belga – che ora fa parte del Gruppo Flint – ha deciso di entrare nel mondo dell’inkjet con una nuova macchina, la PX3000, dedicata alla produzione di etichette autoadesive. I visitatori che a fine marzo hanno visitato lo Xeikon Café a Lier, in Belgio, hanno potuto assistere in anteprima alla presentazione della macchina, che poi verrà mostrata a settembre a Labelexpo. La nuova macchina roll-to-roll, basata sulla tecnologia inkjet UV drop on demand Panther di Xeikon, monta teste Kyocera, utilizza i nuovi inchiostri PantherCure di Xeikon e viaggia a una velocità di 50 m/min, a una risoluzione di 600 dpi. La banda ha una larghezza di 350 mm e l’area stampabile è pari a 330 mm. Si completa così il portfolio Xeikon di soluzioni di stampa digitale dedicate alle etichette, che comprendeva già la Xeikon 3000 e la Xeikon CX3, entrambe basate sulla tecnologia a toner secco. Inkjet o elettrofotografia? Dipende dalle applicazioni…

76

“Xeikon PX3000 è stata sviluppata tenendo in considerazione i requisiti del settore delle etichette e dei suoi utenti finali”, afferma Jeroen Van Bauwel, direttore del Product Management di Xeikon. “La macchina integra la serie delle nostre soluzioni elettrofotografiche e la scelta dei trasformatori di etichette sarà basata sui mercati di utilizzo finali, ad esempio nel settore alimentare, salute e bellezza, industriale, vino e alcolici, far-

maceutico e bevande. Ognuno di questi settori presenta proprie esigenze specifiche, non esiste una soluzione che vada bene per tutti. L’inkjet e l’elettrofotografia sono tecnologie diverse, ognuna con vantaggi e svantaggi, la scelta dipende dall’utente finale. La tecnologia inkjet UV risponde alle esigenze dei clienti che richiedono, ad esempio, durata superiore, effetto lucido e resistenza ai graffi, tenendo ben presenti i vantaggi del toner secco per altre applicazioni, in cui sono fondamentali la qualità di stampa, la sicurezza alimentare e la compatibilità con supporti difficili come la carta naturale”. Punti di forza della PX3000

Velocità, durata ed efficienza dei costi per le tirature digitali sono i principali punti di forza della Xeikon PX3000. La configurazione dei colori è CMYK con inchiostro bianco, con una qualità di stampa di 600x600 dpi. I supporti utilizzabili vanno da quelli autoadesivi a materiali quali carta, PVC, PP, PET e PE. Entrambe le macchine da stampa digitali a toner secco e inkjet UV sono gestite dal front-end digitale X-800 sviluppato da Xeikon che garantisce una qualità di stampa superiore e uniforme e una produttività leader del settore. “La stampa digitale è molto più che velocità e volumi di produzione. Riguarda la produzione di un elevato numero di lavori nel modo più efficiente ed efficace possibile, ed è per questo che il flusso di lavoro è così fondamentale. Il flusso di lavoro X-800 è perciò un elemento discriminante chiave della PX3000”, ha concluso Van Bauwel. “Sin dall’inizio abbiamo sviluppato la nostra tecnologia di flusso di lavoro specifica per la stampa digitale che consente ai clienti di ottenere il massimo valore dal toner secco di Xeikon e ora dalle macchine da stampa inkjet UV. I nostri clienti spesso ci dicono che utilizzando le funzionalità del sistema X-800, come la soluzione di ottimizzazione di lavori, possono diffeC.R. renziarsi dalla concorrenza”.


ilPoliGrafico 176t17

eventi

Gli effetti speciali della stampa PrintMat, una nuova iniziativa espositiva per raccontare le ultime frontiere della stampa.

Dal 29 maggio all’1 giugno 2018 a Fiera Milano, nell’ambito di Print4all, non poteva mancare un approfondimento sugli effetti speciali che la stampa, industriale e non, crea senza sosta per conquistare il pubblico. Print4All, fiera delle tecnologie per la stampa commerciale, editoriale e industriale, vi dedica un’area ad hoc, che porta il nome PrintMat. Ospiterà i lavori in grado di dimostrare come – abbinando nuove tecnologie, supporti e consumabili tradizionali e non – si possano ottenere risultati del tutto inediti a “effetto wow”. Le applicazioni che verranno presentate in questa sezione della mostra, dunque, rappresentano esempi concreti di processi che permettono di ottenere tanto la nobilitazione e personalizzazione di supporti tradizionali come la carta quanto gli inimmaginabili risultati dell’ultima frontiera del “Print of Things”. In gioco, supporti e applicazioni di tutti i tipi e settori: elementi d’arredo, textile per capi di abbigliamento o accessori moda in pelle, prodotti che fino a poco fa non si poteva neppure immaginare di stampare, come i pannelli fotovoltaici… Qui il pubblico potrà, quindi, esplorare insolite soluzioni, proposte creative, abbinamenti inusuali, effetti particolari che permettono di distinguere la comunicazione visiva e l’immagine di prodotto senza dimenticare l’ambiente. PrintMat si inserisce in un progetto più ampio, che idealmente collega le diverse mostre della The Innovation Alliance, tutte insieme in Fiera Milano: oltre a Print4all, anche Ipack-Ima, Meat-Tech, Plast e Intralogistica Italia, a comporre l’intera filiera produttiva del packaging. Così, aree dedicate alle materie prime saranno allestite anche nei padiglioni di Plast e Ipack-Ima, in collaborazione con Material ConneXion Italia, dove i visitatori potranno scoprire le ultime creazioni in fatto di materie prime, semilavorati e componenti per

In gioco a PrintMat

prodotti e imballaggi ad alto valore aggiunto, nonché contenitori finiti (e rifiniti). Avremo, dunque, Plast-Mat, dedicata all’innovazione nelle materie plastiche, con una forte specializzazione sulla sostenibilità ambientale e le performance avanzate, e Ipack-Mat sulle soluzioni avanzate per l’imballaggio, con focus specifici su anticontraffazione, smart packaging e packaging ad alto valore aggiunto e/o a basso impatto ambientale. Questi eventi trasversali si configurano, dunque, come prima espressione concreta del concetto di filiera alla base dell’Innovation Alliance, che sempre più si prospetta come evento dedicato all’innovazione industriale. E mentre prendono forma contenuti e iniziative espositive, continua la campagna vendite di Print4All 2018, che prende forma come l’evento del printing per l’Italia e il bacino del Mediterraneo, dove Milano rappresenta la location ideale per raggiungibilità e potenzialità di business. Raccogliendo l’eredità delle tre storiche fiere Grafitalia, Converflex e Inprinting, la nuova piattaforma della stampa si prospetta come momento di aggregazione, che apporta energia in un mercato dove si integrano visioni e ambiti tecnologici per rispondere alle richieste sempre più evolute del mercato, anzitutto in termini di personalizzazione, originalità e on demand.

supporti e applicazioni di tutti i tipi e settori: elementi d’arredo, textile per capi di abbigliamento o accessori moda in pelle e prodotti che fino a poco tempo fa non si poteva neppure immaginare di stampare, come i pannelli fotovoltaici.

77


ilPoliGrafico 176t17

stampa offset

Printer Trento e Kba, un’alleanza proficua Un accordo che permette all’azienda trentina di “affrontare con serenità le sfide che il mercato pone”. Il 24 marzo è stata una giornata importante per Printer Trento che ha sancito un’alleanza con KBA Italia, scelta come partner di punta per le tecnologie di stampa offset. Un’unione efficace in quanto ha migliorato differenti aspetti dell’intero flusso di lavoro.

Mattinata intensa e ricca di spunti per il numeroso gruppo di stampatori che gremiva la sala allestita per la presentazione dei due gioielli installati nei mesi scorsi all’interno di Printer Trento, andando ad arricchire ulteriormente il già nutrito parco macchine presente. Luca Lesi, amministratore delegato di KBA Italia, ha iniziato la sua presentazione mettendo l’accento sui notevoli sforzi fatti dall’azienda per poter rinforzare i tecnici presenti sul territorio, sforzo che ha portato a un raddoppio degli addetti per garantire una tempestività ancora maggiore negli interventi e offrire il massimo supporto ai clienti. Non solo in termini di assistenza, ma anche di ricerca e sviluppo, altro settore in cui KBA continua a investire, siglando nuove acquisizioni e partnership. Tra queste vi è la proficua collaborazione con HP nel mondo della stampa digitale da produzione, che ha portato al recente lancio sul mercato della HP PageWide T1100S, una macchina ad hoc per il cartone ondulato già in funzione presso Ghelfi Ondulati (v. Poligrafico n. 174, pag. 36). La ricerca portata avanti da KBA non è solo nel mondo delle macchine ma anche dei materiali e in questo campo il costruttore tedesco si sta impegnando sempre più nello sviluppo delle tecnologie LED, dove la ricerca ha dato ottimi frutti creando un prodotto affidabile e vincente, sia per i vantaggi di Luca Chiavegato

78

offerti in produzione, sia per il basso impatto ambientale. Ad oggi la strada da percorrere è ancora lunga e prevede l’adozione di questa tecnologia anche nel caso si utilizzino vernici, colori Pantone e inchiostri a bassa migrazione. Tale ricerca coinvolgerà sempre più anche il mercato della flexo. La stampa non è morta, anzi... Per volume e fatturato è un mercato superiore a quello dell’auto però è in continua evoluzione, con tirature medie sempre più basse, cambi di lavoro rapidi, consegne sempre più strette e una necessaria massimizzazione del costo. All’interno del mercato della stampa vi sono alcuni settori che sono ancora in forte espansione come quello del packaging, in particolare il farmaceutico e l’alimentare. Questo cambiamento ha reso necessario un cambio di marcia anche in KBA, che ha spinto l’acceleratore nel mondo dell’automazione, con cambi lastra simultanei o lavaggi del caucciù in combinazione con il cambio lastra. Automazioni non fine a se stesse ma che mirano a ridurre i tempi di cambio lavoro e a conseguire un reale risparmio, grazie a una riduzione degli sprechi e a un conseguente aumento dei guadagni. Il rinnovo tecnologico, abbinato a un maggior risparmio energetico, permette di avere vantaggi immediati in termini economici anche a breve termine.


ilPoliGrafico 176t17

stampa offset

Dario Martinelli e alcune immagini delle KBA in funzione presso Printer Trento.

Graziano Mion (a sin.), area manager Triveneto di KBA Italia, ed Emanuele Pogliani, account manager per rotative commerciali.

Automazione spinta per le due KBA scelte da Printer Trento Due sono le nuove installazioni realizzate da Printer Trento nell’arco del 2016: una KBA Rapida 164, con formato 120x160 cm a 5 colori da 15.000 fogli/ora, equipaggiata con il sistema di controllo Drivetronic, e una KBA Rapida 106 a 6 colori con torre di verniciatura da 18.000 fogli/ora dotata del sistema di controllo Drivetronic SPC. Molte le automazioni inserite nelle due macchine: si parte con il setup della macchina automatico effettuato completamente dal pulpito di comando con la possibilità di memorizzarlo, consentendo di ridurre notevolmente il tempo di avviamento nel caso di lavori ricorrenti. Altra innovazione interessante è la funzione non stop della pila: in questo caso la macchina consente un’attività produttiva continua e la pila in uscita viene gestita in automatico in modo tale che quando ha raggiunto l’altezza massima viene espulsa automaticamente e rimpiazzata da un nuovo bancale. Il successo delle macchine KBA è legato anche all’introduzione della squadra elettronica che permette di arrivare a 20.000 copie orarie. Anche a tirature così elevate è possibile ottenere alta precisione, controllo del doppio foglio e del corretto posizionamento dei fogli con autoallineamento della pila.

Il tempo di cambio lavoro si riduce ulteriormente grazie alle automazioni svolte in parallelo, come ad esempio il cambio lastre e lavaggio del caucciù in contemporanea, e alla presenza di telecamere che contribuisce a garantire il corretto registro di posizionamento già dalle prime copie. Durante la mattinata si è potuto approfondire anche l’accordo stipulato tra KBA e Flint Group. Flint ha attivato nel mondo una rete di coordinatori che supportano i clienti KBA nella fase di collaudo della macchina, oltre a fornire uno startup kit di inchiostri appositamente identificato per le fasi iniziali del collaudo. Oltre a queste due novità, in casa Flint sono state confezionate due nuove serie d’inchiostri con un veicolo di nuova generazione, Novarit F950 Plus Bio, basato su materiali rinnovabili e appositamente studiato per macchine da stampa offset in bianca e volta.

Il discorso di benvenuto da parte di Dario Martinelli ai numerosi addetti ai lavori che hanno partecipato all’open house.

79


ilPoliGrafico 176t17

stampa digitale

Metti una Fujifilm Jet Press 720S... Due aziende, un nobilitatore e un distributore di macchine offset usate, la voglia di innovare e diversificare. Ecco la loro testimonianza.

di Cristina Rossi

80

Negli ultimi dieci anni il settore delle arti grafiche ha attraversato un periodo di grande trasformazione innescato dalla crisi economica e oggi, nonostante siano evidenti i segnali di una ripresa, le aziende della filiera si stanno adoperando per adattarsi alle nuove condizioni di mercato. Un mercato caratterizzato da tirature sempre più basse, tempi di lavorazione più rapidi e la necessità di diversificare l’offerta di servizi per essere competitivi. Sì, perché l’alternativa posta dal darwinismo in atto nel nostro mercato è uscire di scena. Siamo testimoni di un cambiamento simile a quello avvenuto quando la stampa a caratteri mobili, attraverso varie fasi, cedette il passo alla stampa offset. Oggi, dopo oltre vent’anni di rodaggio della stampa digitale, si sta definendo un nuovo concetto di stampa digitale “industriale”, che fa rima con personalizzazione di massa, gestione dei dati variabili e flessibilità applicativa. Rispetto a quando, all’inizio degli anni 90, si affacciarono sul mercato le prime soluzioni di stampa digitale, la tecnologia ha fatto enormi passi avanti e, soprattutto, si è compreso che il digitale non è destinato a sostituire, bensì ad affiancare l’offset o altre tecnologie di stampa tradizionali. Inoltre, l’offerta è davvero variegata e chi deve investire oggi ha l’imbarazzo della scelta, il che è un bene ma può essere anche un male. È fondamentale valutare correttamente qual è la soluzione migliore per le proprie esigenze, in base alla tipologia dei clienti e ai mercati da servire.

Faservice raddoppia e si potenzia nel packaging Un esempio concreto di quanto dicevamo prima è rappresentato da Faservice, un’azienda con sede a San Martino Buonalbergo (VR), un fatturato di circa 3 milioni di euro e 26 dipendenti, che si differenzia dalla maggior parte degli utilizzatori di stampa digitale oggi presenti sul territorio italiano. L’azienda veneta è, infatti, specializzata nella nobilitazione di stampati offset e digitali e ora, a distanza di quattro anni dall’installazione della prima Fujifilm Jet Press 720 – convertita l’anno successivo in una Jet Press 720S, con tutte le migliorie del caso –, ha deciso di raddoppiare l’investimento, con una nuova Jet Press 720S che entrerà in funzione il prossimo giugno, con l’obiettivo di avviare un processo di trasformazione della propria identità e attività produttiva. “Quando abbiamo adottato la stampa digitale pensavamo inizialmente di offrire un service agli stampatori per le basse tirature”, spiega Lisa Farinati di Faservice. “Ma questa nostra proposta da molti non è stata capita. Alcuni ci hanno allontanato, altri hanno investito in prima persona nella stampa digitale. Oggi il nostro core business, oltre alle nobilitazioni a 360° gradi, sono le microtirature, i mock up e la personalizzazione. Ci definiamo gli ‘orafi artigiani’ e serviamo un tipo di clientela che ha bisogno di nobilitazioni nell’ambito della stampa commerciale, editoriale e, ultimamente, anche packaging. I nostri clienti principali non sono più gli stampatori, bensì i brand owner o i clienti finali, le agenzie pubblicitarie, i fotografi, le gallerie d’arte e i musei”. La mission di Faservice è puntare sull’alta qualità e la diversificazione del business e in quest’ottica la Jet Press 720S è più di una macchina da stampa digitale, è un vero e proprio generatore di valore. “La decisione di acquistare una seconda Jet Press 720S è nata dal desiderio di penetrare maggior-


ilPoliGrafico 176t17

stampa offset

La Fujifilm Jet Press 720S in funzione presso Faservice verrà presto affiancata da una seconda.

mente un mercato che in questo momento è in grande crescita, quello del packaging”, afferma Lisa. “La nuova macchina, grazie a una serie di accorgimenti tecnologici, è in grado di gestire supporti di stampa più spessi, fino a 600 gr, mentre la prima macchina, che utilizzeremo prevalentemente per il mercato editoriale, arriva fino ai 350 gr. La nostra priorità è quella di offrire un’alta qualità di stampa, con la possibilità di utilizzare supporti offset e procedere con la nobilitazione. Tra i progetti in cantiere anche quello di una piattaforma web-to-print di nicchia per proporre nobilitazioni, basse tirature e stampa di packaging. E, infine, offrire un servizio ai fotografi per la produzione di fotoalbum di alto livello”. Faservice, in base a un accordo con Fujifilm, farà anche da centro demo a tutti i potenziali clienti della Jet Press 720S.

Camporese affianca il digitale all’offset siglando un accordo con Fujifilm La seconda testimonianza arriva da un distributore che ha deciso di cambiare il proprio approccio al mercato integrando la Jet Press 720S nella propria offerta commerciale. Stiamo parlando del Gruppo Camporese, conosciuto fino ad oggi nel mercato offset per la sua specializzazione nella vendita, revisione e assistenza a macchine da stampa usate di marca Heidelberg. L’azienda con sede a Limena (PD) ha iniziato il 2017 entrando nel mondo della stampa digitale grazie alla sigla di un accordo di agenzia e di rivendita con Fujifilm per la distribuzione e l’assistenza tecnica della macchina da stampa digitale Jet Press 720S in tutto il territorio italiano. La diversificazione del business è stata favorita anche dall’ingresso in azienda delle nuove leve, in particolare di Enrico Camporese, figlio di Roberto che, insieme al fratello Bruno, è oggi alla guida

dell’azienda. “In principio ero scettico nei confronti della stampa digitale”, spiega Roberto, “perché fino a qualche anno fa la qualità lasciava un po’ a desiderare. Ma quando per la prima volta ho visto all’opera la Jet Press 720S l’anno scorso a drupa sono rimasto veramente colpito dall’altissima qualità di questa macchina inkjet, che non ha nulla da invidiare all’offset. Siamo rimasti impressionati dal mix di teste di scrittura e inchiostri, entrambi sviluppati dalla stessa azienda. I nostri obiettivi sono molto ambiziosi. Desideriamo che la Jet Press 720S diventi lo standard di mercato e per questo ci impegneremo nella promozione della vendita e nel garantire ai nostri futuri clienti un’assistenza efficace, come da tradizione assicuriamo ai nostri clienti nel mondo offset”. In realtà Camporese un ottimo risultato l’ha già portato a casa, avendo spianato la strada a un’importante installazione in Italia, quella presso Grafica Veneta. Paolo Zerbi, direttore generale di Fujifilm Graphic System Italia ha aggiunto: “L’accordo con Camporese è un onore per la nostra azienda. La partnership con lo storico leader del segmento offset, dalla lunga esperienza su tecnologie tradizionali, ci riempie di orgoglio e rafforza ulteriormente la nostra convinzione sul progetto Jet Press. La nostra è oggi la soluzione che risponde maggiormente alle esigenze degli stampatori che da un lato vedono drammaticamente ridursi i volumi di stampa, mentre dall’altro accarezzano l’opportunità di offrire altissima qualità, rapidità, personalizzazione, a costi decisamente competitivi”. Nel frattempo due nuove installazioni Jet Press 720S in Italia vanno ad aggiungersi alle oltre 100 in tutto il mondo. Si tratta di una seconda macchina che verrà installata verso giugno presso la Faservice di Verona e la macchina alla quale accennavamo prima, già in funzione presso la più importante azienda produttrice di libri in Italia e la prima d’Europa per redditività.

Accordo tra Fujifilm e Camporese. Da sinistra: Yoshioka Tsuyoshi, Enrico Camporese, Roberto Camporese, Takashi Yanagawa, Hiroaki Shimosaka, Paolo Zerbi e Bruno Camporese.

81


ilPoliGrafico 176t7

News

Tecnologie

Software

CtP

Offset

Stampadigitale

Cartotecnica

Apogee certificato dal GWG per il preflight dei PDF Il Ghent Workgroup (GWG) annuncia che il flusso di lavoro Apogee Prepress di Agfa ha ottenuto con successo l’ultima certificazione di preflight dei PDF del GWG, che attesta il più alto livello di capacità di preflight per un’elaborazione affidabile dei PDF. La certificazione ottenuta da Agfa include il già certificato software di preflight Enfocus PitStop integrato in Apogee, cui si aggiunge il motore di preflight proprietario di Agfa: a prescindere dall’opzione selezionata, da ora in poi gli utenti di Apogee potranno essere certi che il loro flusso di lavoro esaminerà i file PDF in entrata al livello

82

più rigoroso possibile. Identificare possibili problemi relativi all’output o errori di elaborazione dei file permette di risparmiare tempo e materiali, favorendo una maggiore produttività e l’individuazione di eventuali imperfezioni ricorrenti nei materiali grafici, in modo da potere migliorare i flussi di lavoro creativo e produttivo. Erik Peeters, marketing manager Workflow Solutions di Agfa Graphics, ha commentato così l’ottenimento della certificazione del GWG: “Ogni giorno i flussi di lavoro Apogee elaborano oltre un milione di pagine PDF in tutto il mondo. È fondamentale assicurare che potenziali

problemi siano rilevati nelle fasi iniziali del processo; è per questo motivo che il preflight è sempre stato un componente essenziale delle nostre soluzioni. Utilizzando i profili di preflight basati sulle specifiche GWG2015, i nostri utenti possono fare affidamento su una serie di controlli in grado di assicurare che l’output finale soddisfi i loro requisiti di qualità”. La certificazione di preflight GWG2015 è uno strumento di convalida delle specifiche per il controllo qualità in pre-

stampa sviluppate dal GWG. Contiene 14 diversi “profili” dedicati a vari segmenti del mercato della stampa e ai vari metodi di produzione, tutti basati sullo standard ISO PDF/X-4, ma contenenti condizioni e restrizioni aggiuntive specifiche per ogni segmento. I profili coprono la maggior parte delle comuni applicazioni di stampa web e a foglio, CMYK, tinte piatte, pubblicità su giornali e riviste. Dal momento che si basa sullo standard PDF/X-4, la certificazione prevede anche profili che includono l’uso dei colori RGB nei file grafici e le trasparenze ‘live’, in modo da supportare i flussi di lavoro grafici più sofisticati e

all’avanguardia. La serie di test impiegata nel processo di certificazione comprende 260 file di prova che coprono aspetti quali: la corretta rilevazione della risoluzione minima dell’immagine, l’uso degli spazi colore adeguati, le impostazioni per la sovrastampa di bianco e grigio, la copertura d’inchiostro, l’utilizzo e la denominazione delle tinte piatte. Il contenuto dei file che non soddisfa le condizioni necessarie viene contrassegnato con un messaggio di errore o con un avviso, a seconda dell’importanza del problema e del modo in cui potrebbe influenzare l’output. www.agfagraphics.com

SunColorBox per la gestione colore digitale

Il workflow del colore più completo

In occasione di Interpack, Sun Chemical ha lanciato l’ultima versione di SunColorBox, la soluzione end-toend per la gestione del colore digitale che garantisce una riproduzione uniforme ed efficiente dei colori del brand in qualsiasi luogo del mondo, indipendentemente dalla combinazione di tecnologia di stampa, substrati e inchiostri utilizzata. SunColorBox è un “toolkit” perfettamente ottimizzato di applicazioni e servizi digitali che assicurano colori accurati in ogni fase del ciclo di produzione di stampa. L’ultima versione incorpora quattro importanti nuove funzionalità — Private Cloud, SunConsulting in versione estesa e la stampa in quadricromia tramite SunCMYK e SunECG — che, spiega Patrice Aurenty, Business Leader, Color Management, di Sun Chemical, “fanno di SunColorBox la più completa soluzione per la gestione del colore digitale disponibile sul mercato”. www.sunchemical.com

X-Rite Incorporated, azienda leader a livello mondiale nella scienza e tecnologia del colore, e la sua filiale Pantone LLC, hanno presentato una gamma completa di soluzioni per la misurazione e la gestione del colore destinate al settore delle vernici e dei rivestimenti. Degno di nota Color-Eye®, una nuova soluzione che aiuta i consumatori ad acquistare prodotti dai colori perfettamente concordanti con quelli degli articoli nella loro casa. Per garantire che il colore di un articolo sia concordante con quello desiderato, gli acquirenti possono utilizzare il proprio smartphone con una scheda di calibrazione. Le letture del colore si sincronizzano con l’app del rivenditore, in modo da mostrare al consumatore una serie di prodotti coordinati o concordanti. Color-Eye offre ai rivenditori e produttori di vernici la possibilità di conquistare la fiducia dei consumatori perché permette loro di acquistare con tranquillità, sia online che nel punto vendita, gli articoli in cui il colore è fondamentale. In tal modo aumenta la fedeltà dei clienti, diminuiscono i resi e si incrementano gli acquisti. www.xrite.com

Certifi


Flessografia

Consumabili

Legatoria

Nobilitazione

News

Tecnologie

Lastra Sonora UV Process Free in tutto il mondo Kodak ha annunciato che la lastra Sonora UV Process Free, l’ultima nata nella numerosa famiglia delle lastre Process Free di Kodak, è ora disponibile in numerose regioni del mondo. Queste lastre danno il loro meglio nelle applicazioni di stampa UV dove, potendo garantire fino a 30.000 impressioni, sono in grado di realizzare tirature più alte di qualsiasi altra lastra process free. In questo modo gli stampatori possono sfruttare i vantaggi sia ambientali che economici offerti dalle lastre process free e le eccezionali caratteristiche della tecnologia UV, tra cui flessibilità, alta qualità di stampa e tempi di essiccazione più brevi. La lastra Sonora UV si basa sulla tecnologia già utilizzata nella lastra Sonora XJ Process Free, disponibile in Giappone dal 2016. Le lastre Sonora, come la versione di punta XP, sono compatibili con le macchine rotative a foglio, heatset e commerciali coldset. www.kodak.com

Restyling per l’e-shop DominoDisplay.com New look e funzionalità da esplorare per Domino Display.com. L’e-shop di soluzioni tecnologiche per la comunicazione visiva risponde con questo restyling alle esigenze di un’utenza sempre più attenta alle nuove frontiere della personalizzazione. Il primo step riguarda la semplificazione della navigazione: la gamma viene presentata con una suddivisione in macro famiglie – monitor, totem, videowall, lavagne LIM e software per il digital signage – mentre l’interfaccia, pensata per una consultazione in mobilità, aggiunge al menù a tendina una preview direttamente in homepage con i best seller, le ultime novità e le occasioni esclusive sulla base del rapporto qualità/prezzo. Tra i nuovi tool, ‘Soluzioni per la tua attività’, uno strumento che suggerisce le soluzioni più idonee per specifiche destinazioni d’uso e ambiti merceologici. È, inoltre, in arrivo un Configuratore che permetterà all’utente di andare a cercare la soluzione adatta alle sue specifiche esigenze. www.dominodisplay.com

scatole

packaging

nimax: la qualità vuole qualità Trojan3: la stampante professionale digitale in CMYK per imballi che espande il tuo business. Il sistema di stampa digitale a colori Trojan3 Overprinter è un sistema a getto d’inchiostro che può essere montato sopra qualsiasi piattaforma di trasporto che possa convogliare a 9 e 18 metri al minuto. La stampante lavora da sopra il prodotto in movimento. Realizza stampe di alta qualità su tutti i materiali con una superficie assorbente, come la maggior parte delle carte e cartoni non laminati, e su tutti i materiali dalla superficie pretrattata per accogliere inchiostri a base acqua. Finalmente potete stampare ad alta qualità su oggetti piani come scatole non formate o etichette, oggetti spessi come buste imbottite, su assi di legno o perfino scatole formate pronte per la spedizione, fino a 222,8 mm in larghezza e fino a 762 mm in lunghezza.

nimax s.p.a. - via dell’Arcoveggio, 59/2 40129 Bologna - Italy - T. +39 051 419 9133 trojan3@nimax.it - nimax.it DISTRIBUTORE ESCLUSIVO PER L’ITALIA

NMX-Tro3-Poligrafico-mag-205x120.indd 1

13/04/17 09:29

ilPoliGrafico 176t7

ficazioni


ilPoliGrafico 176t7

News

Tecnologie

Software

CtP

Offset

Stampadigitale

Cartotecnica

Nuovo sistema d’ispezione in linea da Heidelberg Elevata qualità unita a tempi di stampa sempre più brevi e a lavorazioni complesse. Sono queste le sfide che l’industria grafica si trova sempre più spesso ad affrontare. Le aziende che desiderano avere successo devono disporre di sistemi di controllo digitali e automatizzati, che vanno ben al di là dei risultati garantiti dai controlli manuali, visto che anche i più piccoli difetti di stampa possono danneggiare l’immagine di un’azienda e comportare quindi dei

84

costi aggiuntivi. Una produzione a errori zero e la rilevazione tempestiva dei difetti di stampa stanno diventando sempre più importanti per gli stampatori di packaging ed etichette e stampatori commerciali. La risposta a queste esigenze arriva dalla seconda generazione di sistemi d’ispezione in linea Prinect Inspection Control 2 di Heidelberger Druckmaschinen, presentato a Interpack di Düsseldorf e ai Packaging Days di Wiesloch-Walldorf e sarà

Ispezione in linea con Prinect Inspection Control 2.

disponibile per i modelli Speedmaster XL 75, CX 102, XL 106, XL 145 e XL 162 con unità di verniciatura. Per diversi requisiti di qualità lo stampatore può scegliere tra 5 valori di tolleranza che possono essere impostati automaticamente in fase di prestampa. I difetti di stampa rilevati appaiono sul pulpito Wallscreen XL e la loro posizione sul foglio risulta ben chiara, così che l’operatore può intervenire immediatamente. www.heidelberg.com

Fronte/retro roll-to-roll per Durst Rho

Xerox Versant, più automazione per crescere

Affidabilità dei sistemi e sicurezza dell’investimento è il doppio fil rouge che ha caratterizzato la presenza di Durst a Fespa 2017. L’importanza che i clienti attribuiscono a questi aspetti nella scelta di un partner tecnologico è confermata dal sondaggio intitolato Perspective 2020 condotto di recente dall’azienda altoatesina. Gli utenti dei sistemi di stampa Durst intervistati hanno dichiarato di considerare come asset strategici, oltre alle innovazioni tecnologiche, anche il livello di coinvolgimento dei clienti nell’implementazione di nuove funzionalità orientate ad aggiornare e perfezionare le prestazioni delle macchine. Un caso di successo che esprime il valore di questa collaborazione è lo sviluppo della funzione fronteretro roll-to-roll. Novità che è stata presentata in fiera applicata al modello Rho P10 250 HS Plus. Punto di partenza per la realizzazione di questo upgrade è stata l’azienda Eskils, un fornitore di servizi di stampa full service svedese. Nato dalla collaborazione tra i tecnici Durst e tale cliente, il fronte/retro ora è a disposizione di tutti gli utenti di Rho come upgrade opzionale, sia per il sistema Rho 1312 sia per Rho P10 250 HS. www.durst.it

In che modo le macchine da stampa digitali possono offrire nuovi livelli di automazione e contribuire alla crescita del business? Grazie a una qualità dell’immagine più alta, a una gamma di supporti più ampia e a funzionalità di finitura in linea avanzate, i fiori all’occhiello delle nuove Xerox Versant® 180, Versant 180 Performance Package e Versant 3100.

La linea Versant offre maggiore capacità, strumenti di automazione in output e in linea come spettrofotometro, finitura libretti al vivo, perforatrice, taglierina dorso quadro e altri strumenti di finitura avanzati per variegati campi applicativi. Le stampanti possono gestire tutto, dai materiali marketing tagliati e rifiniti al direct mailing, dalla segnaletica ai documenti da ufficio e alle riviste con margini al vivo su supporti di ogni genere e dimensione, dalle buste ai banner. Versant aiuta le aziende a espandere la propria offerta e a incrementare il fatturato. Tra i punti di forza la risoluzione e la possibilità di mantenere costante il livello del colore dall’inizio alla fine di ogni ciclo di stampa. Secondo InfoTrends, ridurre i costi di produzione e migliorare l’efficienza sono le priorità dell’84% dei centri interaziendali. A seguire, l’esigenza di espandere il business a nuovi servizi di stampa e di concentrarsi sulla crescita dell’offerta esistente. www.xerox.it

Certifi


Fujifilm Jet Press 720 S L’inizio di una nuova epoca... L’unica macchina digitale Inkjet B2 che supera in qualità le migliori offset

Solida come una macchina da stampa offset ma con un cuore digitale • • • • • • • • • •

Formato carta: 750 x 530 mm / Area di stampa: 700 x 500 mm Tecnologia dato variabile per la stampa in bianca & volta perfettamente a registro Tecnologia delle teste di scrittura Dimatrix proprietaria Fujifilm In-Line-Sensor - ILS Controllo automatico della qualità Finitura identica all’offset: Vernici, plastificazione e altre nobilitazioni Asciugatura istantanea Inchiostri a base acqua L’unica inkjet che stampa su tutte le carte offset fino a 600 gr. La migliore qualità esistente sul mercato con la massima costanza Più di 80 Fujifilm Jet Press nel mondo di cui 3 in Veneto

Prenota anche tu la visita presso i nostri show-room Camporese Macchine Grafiche Spa, distributore e assistenza tecnica per l’Italia… Via Del Santo, 243 - Limena (Pd) - Tel. 049 767166 - Email: info@camporese.it - Web: www.camporese.it


ilPoliGrafico 176t17

stampa

Luca Fiorin (a sinistra), Ceo di AGF, e Paolo Rinaldi, responsabile Digital Print.

HP Indigo 12000 generatore di valore aggiunto Al servizio di più mercati con una macchina di formato superiore AGF punta sull’HP Indigo 12000 per sviluppare il nuovo business di comunicazione cross canale. Contenuti personalizzati su tutti i mezzi.

Basta dare un’occhiata al sito www.agfsolutions.it per capire che AGF (ex Arti Grafiche Fiorin) è più di un semplice stampatore. Pur avendo alle spalle quasi cent’anni di esperienza nel mondo delle arti grafiche, l’azienda di S. Giuliano Milanese (MI) ha cambiato pelle già da tempo per rispondere alle esigenze di un consumatore costantemente connesso e pertanto sempre più esigente, informato e soprattutto dotato di una maggiore capacità e possibilità di scelta. “Partendo dal presupposto che il modo in cui le persone interagiscono con i brand è profondamente cambiato e che i clienti richiedono servizi sempre più personalizzati”, spiega Luca Maria Fiorin, CEO di AGF, “abbiamo cercato di trovare un punto d’incontro fra la tradizione, rappresentata dalla carta stampata, e le nuove tecnologie. Il risultato è sintetizzato in quello che è oggi il nostro core business, ossia il Cross Channel Management, che mettiamo a disposizione dei nostri mercati di riferimento, che includono le agenzie di comunicazione, gli stampatori e i brand. Diventare una web agency sarebbe stata la strada più semplice, ma noi abbiamo deciso di unire carta e digitale dando vita a tre soluzioni: Digital Publishing Experience (DPE), Augmented Content Experience (ACE) e Variable Data Marketing (VDM)”. Il Digital Publishing Experience prevede la creazione di un’ampia gamma di prodotti editoriali in

cui si passa in modo coerente e coinvolgente dalla carta al digitale. Brochure, magazine aziendali, riviste, libri per l’educazione e l’infanzia prendono vita generando un’esperienza di lettura interattiva e integrata su canali diversi. “Progettiamo e realizziamo esperienze in cui il consumatore diventa protagonista esplorando i contenuti pensati per lui: animazioni touch, suoni, musiche, giochi, quiz, video e molto altro”, spiega Fiorin. “Impaginiamo e finalizziamo nel formato più adatto le brochure, i magazine o semplicemente le schede prodotto dei nostri clienti, trasformandole in pubblicazioni digitali interattive e multicanale: e-pub3, iBook, app native iOS e Android, scaricabili dagli store o dal sito del cliente per raggiungere i suoi consumatori su nuovi canali”. L’Augmented Content Experience dà nuova vita ai contenuti, anche se offerti su carta, integrandoli con la realtà aumentata e il digitale, con un percorso che porta dalla carta al web e viceversa: da una piattaforma e-commerce per acquistare un prodotto al contatto con il brand attraverso un video. “Con la realtà aumentata è possibile mostrare i prodotti in 3D, ruotarli, aprirli e scomporli per farne scoprire tutti i dettagli, si può navigare in una mappa interattiva… insomma, l’unico limite è la fantasia”, dice Fiorin. “E poi c’è la realtà virtuale che, con l’ausilio di visori, come Samsung Gear

AGF può trasformare brochure o magazine in pubblicazioni digitali interattive e multicanale.

86


“ABBIAMO TROVATO UN PUNTO D’INCONTRO FRA LA TRADIZIONE, RAPPRESENTATA DALLA CARTA STAMPATA, E LE NUOVE TECNOLOGIE”

ilPoliGrafico 176t17

stampa

Il modello HP Indigo 12000 era una delle novità presentate alla drupa dello scorso anno.

L’investimento nel digitale La HP Indigo 12000, che in AGF è appena stata installata, è una delle novità presentate da HP alla scorsa drupa di Duesseldorf. Eredita dalla HP Indigo 10000 molte specifiche tecniche – tra cui il formato di 75x53 cm – ma è stata arricchita da nuove caratteristiche che ne migliorano la produttività e la qualità. Tra queste, l’esclusiva tecnologia One Shot che prevede il trasferimento dei 7 colori in un unico passaggio dal caucciù alla carta, rendendo possibile la stampa su una più ampia gamma di supporti, tra cui materiali sintetici, metallizzati e altri. AGF ha deciso di realizzare questo investimento insieme con un’altra azienda grafica.

VR o Google Cardboard, ci trasporta dal mondo reale a mondi che altrimenti non sarebbero visibili, per raccontare storie o esplorare luoghi senza spostarsi. In questo ambito abbiamo acquisito una commessa molto importante per un progetto decisamente ambizioso nel settore educational, ma per il momento è ancora top secret!”. Infine, il Variable Data Marketing consente di sfruttare al meglio le informazioni dei clienti attraverso campagne di marketing iperpersonalizzate. Si utilizzano sinergicamente carta, web, landing page ed email e associando a ciascun cliente i contenuti più pertinenti si può personalizzare ogni singolo messaggio, in ogni singolo mezzo. E qui entra in gioco la stampa digitale. “Avevamo già in casa alcune soluzioni di stampa digitale di formato 33x48 cm per le basse tirature che ci hanno consentito di esplorare il mercato”, racconta Fiorin, “ma negli ultimi tre anni abbiamo ragionato su possibili investimenti futuri, avendo superato gli anni difficili brillantemente, con un fatturato che è cresciuto costantemente e che ora si aggira attorno ai 6 milioni di euro con una trentina di dipendenti. Dopo aver valutato cosa offriva il mercato, abbiamo deciso di investire in una HP Indigo 12000, puntando su un formato superiore, un’elevata produttività e una cromia più completa”. Alta qualità anche nelle finiture delle produzioni AGF.

87


ilPoliGrafico 176t17

cartaonline

Il packaging del futuro è smart. Con le tecnologie più recenti diventa “attivo” e “intelligente”

Protezione, contenimento, comunicazione e convenienza: sono questi i quattro pilastri imprescindibili del packaging tradizionale, un mercato che, secondo un report di Ernst and Young, vale globalmente 400 miliardi di dollari americani. Ma cosa succede se a questo packaging convenzionale aggiungiamo della tecnologia? Si chiama “smart packaging” ed è uno dei trend più caldi degli ultimi anni. Qualsiasi imballaggio che incorpora tecnologie avanzate per aumentare le funzionalità già esistenti nel packaging tradizionale è definito smart e il mercato lo divide principalmente in due categorie: packaging attivo e packaging intelligente. Il packaging attivo amplifica le funzionalità, mentre quello intelligente comunica informazioni relative al contenuto e al suo stato. Più precisamente, l’active packaging è quello che si cura della protezione del contenuto e che, grazie al materiale che lo compone, può assorbire o rilasciare sostanze che migliorano la qualità, soprattutto microbiologica, del contenuto: “sente” l’ambiente all’interno dell’imballo, per esempio la sua temperatura o il suo stato di maturazione, e lo “manipola” per allungarne la vita sullo scaffale. L’intelligent packaging è invece in grado di comunicare cambiamenti avvenuti nell’ambiente all’interno dell’imballo e quindi dare informazioni su eventuali manipolazioni, concentrazioni di gas o di microrganismi oppure (e perfino) interloquire con il consumatore con messaggi di marketing o di branding. 88

Quanto vale il mercato dello smart packaging?

di Valentina Carnevali

Nell’ottobre 2016 Grand View Research ha pubblicato un’analisi del mercato globale (USA e Europa) dello smart packaging per tipo di prodotto (active o intelligent) e per settore di applicazione (food & beverage, healthcare, personal care, automotive), includendo una proiezione al 2024. La ricerca valuta che il mercato globale dello smart packaging valesse nel 2015 10,8 miliardi di dollari, con un’aspettativa di crescita fino a 26,7 miliardi nel 2024. A guidare questa crescita sarà soprattutto l’industria del food & beverage, del farmaceutico e della cura alla persona. Il packaging attivo la fa da padrone, contando per più del 70% del mercato grazie alle sue funzionalità e alla possibilità di allungare la vita dei prodotti sugli scaffali del supermercato. Il packaging intelligente, che nel 2015 contava per oltre il 25% del mercato, è il segmento con un’aspettativa di crescita più rapida, con un tasso annuale del 14% tra il 2016 e il 2024.

Perché non si può ignorare il fenomeno Le implicazioni dello smart packaging sono enormi, soprattutto in termini di risparmio per le aziende che lo adottano e per i consumatori. Prima di tutto, in termini di sicurezza. Sia per l’industria alimentare sia per quella farmaceutica la sicurezza dell’integrità del prodotto è cruciale e costosissima. Un passo falso può avere conseguenze gravi sui consumatori ma anche sulla reputazione del brand e lo


ilPoliGrafico 176t17

cartaonline

Alcuni esempi di applicazione dello smart packaging

smart packaging è una garanzia decisamente efficace. La protezione del brand poi è un altro aspetto che sta diventando sempre più importante: l’utilizzo di tecnologie capaci di combattere la contraffazione della marca è non solo una difesa della qualità del prodotto, ma anche un servizio all’acquirente. Infine, lo smart packaging influisce in modo rilevante sulla durata del prodotto sullo scaffale. Permette di eliminare il concetto di “consumare entro” e ciò porta a due conseguenze molto importanti: dilatando la durata del prodotto fino alla sua vera scadenza aumenta la possibilità che sia venduto e quindi aumenta il business di chi lo produce; dichiarando il vero stato di conservazione del prodotto, lo tiene a disposizione fino alla sua vera scadenza, rendendolo sostenibile e riducendo costosi sprechi.

Siamo solo agli inizi Ci sono ancora alcune barriere che inibiscono l’adozione dello smart packaging e tra queste la prima è sicuramente il costo. La tecnologia e la scienza sono lì, pronte, ma per alcuni prodotti la loro adozione e industrializzazione sono ancora troppo costose. Ciò non significa però che non ci si debba attrezzare, per essere pronti a soddisfare esigenze del mercato che sembrano suggerirci diventeranno commodities. Oggi, la sostenibilità è anche un’altra barriera all’adozione dello smart packaging. Alcune tecnologie coinvolte non sono ancora pronte a entrare nei processi di riciclo. E questo è certamente un problema, in un mondo che sta diventando sempre più attento alla sostenibilità ambientale.

Farmaceutica Molti farmaci necessitano di essere conservati all’interno della catena del freddo. Parecchi di essi svolgono funzioni molto importanti nelle fasi di cura del paziente, che viene prima di ogni cosa. L’efficacia di un farmaco dipende quindi molte volte dallo stato di conservazione: se stoccato nella maniera sbagliata non solo può essere inefficace, ma può anche sortire effetti nocivi sul paziente. Le etichette smart assicurano la sicurezza del farmaco. E di riflesso danno valore all’azienda, infondendo fiducia in chi lo assume. Alimentare Il rispetto della catena del freddo porta a un miglioramento generale del gusto, nonché della qualità del cibo preservando altresì l’integrità dei principi nutritivi. L’utilizzo di etichette che indicano fattori come tempo e temperatura offrono garanzia di sicurezza lungo tutta la catena logistica, dalla produzione in stabilimento fino alla tavola. Inchiostri sensibili alla temperatura stampano lo stato del prodotto quando viene imballato e cambiano colore dinamicamente, al passo con il cambio di temperatura e con il tempo trascorso. Marketing Non si devono dimenticare le potenzialità di connessione con il consumatore, per fini che vanno oltre la mera funzionalità. Lo smart packaging può attivare dialoghi con chi sceglie il nostro prodotto, attraverso codici che possono essere scannerizzati con uno smartphone. Interazioni che permettono di combattere la contraffazione, ingaggiare il consumatore e perfino creare interattività e ricevere feedback.

89


ilPoliGrafico 176t17

stampa offset

Dall’editoria al packaging sempre con KBA

90

La Fotocromo Emiliana di Castel San Pietro Terme, sita sulle colline bolognesi, ha acquistato la prima Rapida di grande formato di KBA nel 1999. Era una RA162a a 4 colori in linea. Da allora ha rinnovato più volte la fiducia nel fornitore di Radebeul acquistando altre tre macchine nel grande formato, l’ultima delle quali è la nuova RA164-6+L-FAPC ALV3, nel formato massimo 1205x1640 mm, con sei gruppi stampa e torre di verniciatura. La torre di verniciatura di nuova concezione Drivetronic SFC con sistema AniSleeve offre la possibilità di cambiare le lastre di verniciatura parallelamente al cambio delle lastre e al lavaggio dei gruppi stampa, il rullo retinato è in versione sleeve e può essere sostituito da un solo operatore anche contemporaneamente ad altri processi di avviamento. La Fotocromo Emiliana è un’azienda a conduzione familiare, fondata nel 1966, con forte vocazione imprenditoriale, come dimostrano gli ultimi importanti investimenti, in particolare le ultime due macchine offset di grande formato di KBA fornite in soli quattro anni. L’azienda, guidata dalla famiglia Paladini, da sempre concentra la sua produzione nel mercato editoriale, per l’ambito scolastico. Con la nuova Rapida rafforza l’interesse ad avviare una diversificazione della produzione verso il settore cartotecnico, confermando la tendenza che l’aveva orientata ad una RA162-5+L-FAPC ALV3 come

Già dotata di quattro macchine offset grande formato di KBA, l’azienda emiliana si è affidata allo stesso costruttore tedesco anche per entrare nel settore cartotecnico.

precedente scelta. Infatti, la 6 colori può stampare un’ampia gamma di supporti in quanto accessoriata per la stampa di carta sottile fino al materiale più pesante (cartone da 600 grammi): è inoltre la prima macchina installata presso La Fotocromo Emiliana che include la logistica pila in entrata e in uscita per l’utilizzo in cartotecnica. Nella produzione di scatole pieghevoli il risparmio di tempo è fondamentale per cui ogni processo di riduzione dei tempi di avviamento è di vitale importanza: il dispositivo di lavaggio CleanTronic Synchro può lavare contemporaneamente il caucciù e il cilindro di contropressione essendo dotato di due traverse di lavaggio. È inoltre incluso nella dotazione macchina il DriveTronic SRW per il lavaggio dei rulli parallelo al lavaggio dei cilindri portacaucciù e di contropressione e al cambio delle lastre di verniciatura durante la produzione. La nuova RA164-6+L-FAPC ALV3 installata presso La Fotocromo Emiliana è la prima macchina in Italia dotata della stiratura pneumatica delle lastre.

Scorcio della nuova Rapida KBA a 6 colori installata di recente presso La Fotocromo Emiliana.


RUBRICATURA

Più eleganti, più facili da consultare, più comodi La rubricatura è il sistema più antico e insieme più facile, intelligente, preciso e veloce per la ricerca di informazioni

RUBRICHIAMO VOLUMI, CATALOGHI E OGNI ALTRO TIPO DI STAMPATO PICCOLE E GRANDI TIRATURE

> PER INFORMAZIONI:

GPN usa e produce energia pulita

TELEFONO 039.2142492 GPN Rubricatura Srl - Via Garibaldi 64 - 20861 Brugherio (MB) Tel. 039.2142492 - Fax 039.883978 - E-mail: info@gpn-rubricatura.it - Sito: www.gpn-rubricatura.it


ilPoliGrafico 176t17

stampa offset

Continuità e cambiamento Grafiche Stella, un’azienda che concilia gli opposti Apparentemente inconciliabili, la continuità di un’azienda storica risiede proprio nella capacità di adattarsi a scenari mutevoli e a cambiare. E non è frutto del caso.

Qualche tempo fa, nella costante ricerca sul tema del cambiamento strategico, ci siamo imbattuti nell’interessante analisi delle aziende legacy driven di Emanuele Sacerdote, nel suo Aziende storiche, operative e silenti, pubblicato da Franco Angeli. Una lettura stimolante per chi intende capire come possono, le tante nostre realtà familiari, affrontare la delicatissima fase di rinnovamento che viene loro imposta dall’affermarsi degli scenari competitivi emergenti. Le parole chiave che meglio riassumono le tesi di Sacerdote sono: salienza, cambiamento, evoluzione. La visita in Grafiche Stella, a San Pietro di Legnago, nella bassa padana veronese, in occasione della recente istallazione di una nuova Heidelberg Speedmaster XL 106 8PL, è stata l’occasione per verificare sul campo le tesi dell’autore. Sul finire del primo decennio degli anni Duemila, infatti, Grafiche Stella è un esempio prototipico di impresa grafica artigiana generalista, alle prese con un drastico calo del fatturato e dei margini e la necessità di ripensare il proprio posizionamento per avviare quello che Sacerdote definisce nel suo testo un progetto di remodelling. Il percorso che l’ha portata in quella situazione potrebbe essere quello di tante altre aziende simili lungo la Penisola, ma anche oltre le Alpi.

di Emanuele Posenato

92

Una storia ultracentenaria Gildo, al secolo Ermenegildo Stella, rileva la storica tipografia locale nella quale lavorava nel 1972, quando l’azienda ha già 113 anni e lui un’esperienza ultraventennale nella stampa tipografica. La guiderà per tutta la vita, e continua a dare il suo contributo, visto che al nostro arrivo in azienda, a fine giornata, lo troviamo alla sua scrivania a controllare i consuntivi delle commesse. Dalla metà degli anni Ottanta è affiancato dal figlio Luca, che ne ha ereditato oneri ed onori, ma soprattutto lo stile di conduzione, mentre è già entrata la terza generazione, con Mattia, operativo ben prima di conseguire il diploma di perito industriale grafico, e Riccardo, che invece si sta ancora formando all’università, figli di Luca. Gildo ha vissuto gli anni del boom economico della zona ed è cresciuto con la stampa commerciale: “Tanta carta chimica, buste, cartellette, stampati per l’ufficio” racconta, “e poi, soprattutto, i cataloghi. Tanti cataloghi!”. Del resto la zona è quella del mobile in stile, uno dei distretti più attivi e propensi a stampare, che fra gli anni Settanta e i Novanta tante soddisfazioni ha dato al territorio e al Paese intero, creando occupazione, reddito e concorrendo alla costruzione di un pezzo importante del made in Italy che oggi vantiamo.


“NON CI SIAMO OPPOSTI AL CAMBIAMENTO, ANZI LO ABBIAMO CAVALCATO ASSUMENDOCI ANCHE QUALCHE RISCHIO”

ilPoliGrafico 176t17

stampa offset

Luca Stella (a sinistra), Gildo (a destra) e Mattia (al centro), con Massimo Nicolini e Rinaldo Mattera di Heidelberg Italia.

Ma in tipografia non giravano solo cataloghi di mobili. Grafiche Stella è al centro di un altro importante distretto in grado di fare la differenza, quello del caldo-freddo: caldaie, termoidraulica, condizionatori, che il boom demografico ed edilizio di quegli anni spingono a investire in comunicazione (e allora la comunicazione era quasi esclusivamente a mezzo stampa!). Una situazione favorevole, che fino ai primi anni del 2000 ha contribuito a far diventare la bottega artigiana una piccola industria a gestione familiare. Investimenti costanti, seppure oculati, e integrazione verticale del ciclo produttivo sono la strategia. Oggi il fatturato supera i cinque milioni di euro, di cui una quota significativa proveniente dall’estero; l’azienda è organizzata a ciclo completo, inclusi un reparto di progettazione grafica, uno di stampa digitale e un ampio reparto di confezionamento, ed è attrezzata con un vasto parco macchine che le consente di entrare di diritto nel panel delle prime 600 aziende del Paese.

“Cavalcare il cambiamento” Com’è stato possibile considerando che nell’ultimo decennio proprio i mercati dello stampato commerciale e del catalogo sono quelli ad aver accusato maggiormente la contrazione di volumi e marginalità?

“Non ci siamo opposti al cambiamento. Lo abbiamo cavalcato, assumendoci qualche rischio, passando qualche momento di difficoltà, ma in poco meno di sei anni abbiamo ridisegnato quasi completamente il nostro mix di produzioni. Lavorando sulle nostre competenze e sulle possibilità produttive costruite nel tempo abbiamo attivato nuove relazioni commerciali e nuove modalità di approccio alla produzione, stimolati da mercati che fino a dieci anni fa erano per noi marginali se non addirittura inesplorati”. Liquida rapidamente la questione, Luca Stella. Una metamorfosi che in meno di dieci anni ha condotto Grafiche Stella a cambiare oltre il settanta per cento del fatturato e dei clienti, sottraendosi all’asfissiante situazione di un mercato che stava implodendo per ritagliarsi un nuovo ruolo in uno scenario diverso. Rileviamo nel racconto grande coerenza con i principi affermati nel testo di Sacerdote citato in apertura, in particolare laddove lo studioso di organizzazione e strategia d’impresa definisce il concetto di remodelling come un percorso basato sulla consapevolezza di solidità delle

L’ultima macchina entrata in Grafiche Stella, una Heidelberg Speedmaster XL 106 8P-L.

93


ilPoliGrafico 176t17

stampa offset

“A DIFFERENZA DEGLI ONLINE PRINTER GARANTIAMO AL CLIENTE UN SUPPORTO PERSONALIZZATO, BASATO SULLA RELAZIONE UMANA E SU UNA PROFESSIONALITÀ CHE UN CALL CENTER NON PUÒ OFFRIRE”

proprie basi valoriali, tecniche ed esperienziali (le famose legacy), che si reputano sufficentemente strutturate e solide a sostenere il cambiamento, anche quando questo appare radicale. Oggi il fatturato di Grafiche Stella si compone di una quota residuale ma significativa di prodotto commerciale, che vale all’incirca un quinto del totale, altrettanto viene generato dal catalogo commerciale mentre il cinquanta percento arriva invece dall’editoria libraria a colori, sia fotografica che illustrata. Si è riusciti a mantenere anche una quota residuale di produzioni cartotecniche, qualche astuccio e qualche espositore, più per ragioni di servizio alla clientela che per volontà di diversificazione. “Non si può essere adeguatamente attrezzati per tutto, però siamo molto ben attrezzati”, considera Luca. In effetti siamo di fronte a un mix che richiede una gestione molto accorta. “Abbiamo costruito relazioni commerciali stabili con alcune società di print management e agenzie alle quali offriamo un servizio estremamente efficiente che, sfruttando la nostra capacità produttiva e la saturazione degli impianti, ci consente di garantire consegne adeguate alle aspettative e costi di produzione allineati con i principali online printer, con la differenza che con il nostro approccio continuiamo a garantire al cliente un’interfaccia professionale di supporto personalizzata, basata sulla relazione umana, con gestori di riferimento che hanno un nome e un cognome, ma soprattutto delle competenze adeguate alle specifiche esigenze del cliente”. Una formula che ci è già capitato di incontrare anche altrove e che si profila come un’efficace risposta competitiva al modello dell’online printer e che gli stessi online printer hanno iniziato ad adottare in qualche caso, rivalutando il valore della relazione consultiva e riconoscendo il fatto che, in ambito professional, e non consumer, la dialettica fra le parti è ancora fondamentale.

Produzione editoriale diversificata La disponibilità al confronto di Luca Stella ci stimola e non lesiniamo gli interrogativi anche più scomodi. Giustificata l’inaspettata quota residuale

94

di stampati commerciali, non possiamo nascondere la sorpresa di fronte alla capacità di una media impresa di produrre in modo remunerativo libri illustrati partendo dal formato B1, in un mercato apparentemente appannaggio del grande formato in casa dei grandi stampatori. “Proprio in questo trova giustificazione la scelta dell’investimento realizzato con Heidelberg”, afferma Luca. “La nostra produzione editoriale è molto diversificata: dalle duemila alle trentamila copie, dal formato pocket al grande formato da tavolo, dalla brossura fresata al cartonato cucito con sovraccoperta o copertina nobilitata con lamine e rilievi, gli editori per cui lavoriamo pretendono elevata qualità di stampa e colori brillanti, in particolare nel fumetto d’autore. Il formato B1 in voltura è per le nostre esigenze il formato più versatile e più conveniente. Le prestazioni fanno la differenza: sia a livello di avviamenti che di produttività. Dove sono i centesimi a fare la differenza, senza compromessi qualitativi, le automazioni della Speedmaster XL 106, adeguatamente equipaggiata, incluso il dispositivo di misurazione spettofotometrica in linea Heidelberg Inpress Control, ci stanno largamente ripagando”. Mentre parliamo, sul wallscreen della macchina si registrano le 15.000 copie orarie della segnatura in lavorazione. Gli oltre dieci milioni di copie tirate in poco più di cinque mesi dall’istallazione la dicono lunga in proposito. In sala stampa la Speedmaster XL 106 8P-L gira a fianco di una Heidelberg SM 102-10P, meno recente ma non meno efficace per la missione aziendale. Le due macchine lavorano costantemente a doppo turno, spesso anche con dei rientri o delle anticipazioni d’orario, quando le scadenze lo richiedono. In contemporanea girano anche una Speedmaster SM 74-5 e una 52-5P, dedicate quasi esclusivamente al commerciale, e un piccolo reparto di stampa digitale a completamento di gamma. Continuità nel segno della tradizione valoriale, struttura snella e massima attenzione ai costi, ma soprattutto nessun timore ad affrontare il cambiamento. Questa la ricetta degli Stella.


Il mondo della stampa ha una nuova prospettiva. Da tutte le angolazioni.

More than the sum of the parts.

Fiera Milano, Rho 29 Maggio - 1 Giugno, 2018

w w w. p r i n t 4 a l l . i t

I tre mondi della stampa al servizio dell’industria hanno molto in comune. Da oggi, anche una grande esposizione. Print4All riunisce tre marchi prestigiosi di fiere del settore e offre alle aziende una vetrina ancora piÚ ampia per incrociare target trasversali e creare nuove sinergie. Un evento unico, che interpreta le sfide di un mercato in continua evoluzione e le trasforma in opportunità di business. Un progetto di

Print4All fa parte di


ilPoliGrafico 176t17

Spazio etichette Associazioni Prodotti Trend Mercati Imballaggi Ambiente Op

Da sinistra: Michael Jackson, Paul de Ruijter, Thomas Hagmaier, Joschka Fischer.

European Label Forum

Il più importante evento annuale organizzato da FINAT si terrà quest’anno a Berlino dal 7 al 9 giugno. Il tema principale riguarderà gli etichettifici europei e le sfide poste dalla Inustria 4.0.

L’ELF, come è chiamato nel settore, richiama un ampio numero di leader della catena di valore del settore, dai fornitori di materie prime agli utenti finali, per discutere dei principali argomenti strategici del settore e acquisire conoscenze approfondite dai massimi relatori internazionali.

Il futuro del settore etichette La conferenza si aprirà con un discorso ricco di ispirazione dell’altro Michael Jackson, il guru del management proveniente dal Sudafrica, che risveglierà e ispirerà il suo pubblico per iniziare questo viaggio di due giorni volto ad affrontare e risolvere le sfide legate al cambiamento. Un elemento chiave del cambiamento nei prossimi anni è senza dubbio la Quarta rivoluzione industriale, o “Industry 4.0” come viene spesso chiamata, che comprenderà tutte le tecnologie che connettono, scambiano dati e collaborano tra loro, tramite l’Internet delle Cose, per automatizzare e ottimizzare la produzione e creare prodotti intelligenti che comunicano con il consumatore. Dopo la presentazione, il programma di ELF passerà a trattare gli aspetti di produzione, esperienza di prodotti e delle persone di questa incredibile evoluzione, portando sul palco esperti di Porsche Consulting (DE), Everthng (UK/ USA) e Randstad (NL), che avvieranno inoltre un dibattito interattivo con il pubblico nel corso di una sessione di chiusura. Questo programma porterà i partecipanti all’evento in un viaggio volto a esplorare il futuro del settore delle etichette, presentando possibili scenari per l’ambiente aziendale nel 2020-2025 e fornendo un contesto pratico come informazioni di background per un processo decisionale strategico. A tale scopo, FINAT ha incaricato l’esperto di pianificazione di scenari Paul de Ruijter, di De Ruijter Strategy (NL), affinché si occupi di un progetto nei prossimi mesi, che si concluderà con due workshop paralleli e interattivi durante ELF.

Direzioni digitali

96

Il presidente di FINAT, Thomas Hagmaier, aggiunge un’altra opinione evidenziata dall’ultima analisi FINAT Radar: “I significativi progressi nel campo della stampa digitale stanno ovviamente creando flessi-

bilità anche per il settore delle etichette, con stampa a basse tirature e di alta qualità e i proprietari dei marchi hanno affermato di prevedere di realizzare un 5% in più di ordini di stampa digitale nel prossimo anno. Questo è il riflesso di una tendenza che abbiamo già osservato: ridurre le dimensioni delle tirature di etichette per passare alla consegna just-in-time, a una stampa di più versioni e ovviamente alla tendenza così diffusa attualmente della personalizzazione”.

Tendenze e sviluppi di mercato Il secondo giorno della conferenza si aprirà con un aggiornamento sui più recenti andamenti e sviluppi di mercato. Un’analisi del mercato della stampa digitale diretta su contenitori condotta da AWA, Alexander Watson Associates (NL), verrà seguita dall’autorevole sintesi annuale sulle etichette di FINAT e dall’analisi di mercato di metà anno, FINAT Radar. I partecipanti a ELF potranno inoltre trarre vantaggio da una relazione speciale relativa a uno studio commissionato da FINAT riguardo al presente e al futuro della stampa di etichette digitali in Europa secondo i proprietari dei marchi, gli acquirenti di imballaggi e i trasformatori di etichette, preparata dalla società di ricerche di mercato con sede negli USA LPC, che ha condotto uno studio parallelo in America del Nord. Uno dei principali eventi della seconda giornata sarà il gruppo di discussione di alto livello in cui i leader di tre delle principali aziende di etichette globali parleranno del futuro del settore delle etichette. Il worskhop verrà condotto da Paul de Ruijter, che verrà coadiuvato dal presidente eletto di FINAT Chris Ellison, e che parlerà della probabile definizione del futuro ambiente del settore.

Joschka Fischer: il futuro dell’Europa in un mondo occidentale diviso La direzione dell’integrazione europea è enormemente cambiata negli ultimi anni ed è con grande orgoglio che FINAT darà il benvenuto a Joschka Fischer, ex-ministro degli Affari esteri tedesco e uno dei più stimati statisti del XX secolo, in qualità di relatore principale. Presenterà la sua opinione da insider sul presente e sul futuro delle società europee, collegando storia, presente e futuro.


ilPoliGrafico 176t17

eventi

Print4All aprirà nuove prospettive Un format innovativo, una nuova prospettiva per il mondo della stampa: è questa la promessa fatta da Print4All, la manifestazione dedicata al settore della stampa e a tutte le sue declinazioni che si terrà a Milano dal 29 maggio all’1 giugno 2018.

Per le aziende di questo settore gli investimenti in fiere sono impegnativi, perché spesso coinvolgono macchinari e implementazione di soluzioni in field, richiedendo ampi spazi espositivi e l’impegno di molte risorse umane. La partecipazione a una manifestazione deve quindi aprire prospettive molto articolate e avvincenti, deve incrociare target trasversali, creare sinergie, offrire informazione e generare occasioni di business e di collaborazioni a vari livelli. Lo sanno bene gli organizzatori (le associazioni Acimga, Argi, con 4IT Group e Fiera Milano) che, insieme alle altre associazioni di filiera (Assocarta, Assografici, Istituto Italiano dell’Imballaggio, Atif) e agli Ambassador della manifestazione (Alberto Palaveri – Sacchital, Joseph Marsanasco – Rotolito Lombarda e Nava Press, Alberto Masserdotti – Gruppo Masserdotti) stanno coordinando alcuni gruppi di lavoro, nati appositamente per aprire un confronto con i maggiori player del mercato sui temi più rilevanti del momento. I gruppi attivati ad oggi (e che prevedono un calendario di incontri che si terranno nei prossimi mesi) sono quelli che si confronteranno sui temi: “Printing e nobilitazione”, “Decorative Printing”, “Cross-media Communication”, “Digital Textile Printing”, “Smart Labelling”. Ecco quindi le prime voci delle aziende che producono tecnologia di stampa, con le quali gli organizzatori hanno già cominciato a lavorare, per comprendere aspettative, dinamiche e visioni sia degli espositori sia dei visitatori. Il gruppo sulla nobilitazione della stampa ha visto nel

primo incontro il coinvolgimento di Hp, Luxoro, Scodix e Agfa con i quali si sono messe in luce l’importanza di trasmettere il collegamento fra la nobilitazione e il concetto di valore, che poi si riverbera in ogni fase della filiera. Il valore va inteso sia come maggiore possibilità di profitto sia come leva aggiuntiva per il marketing. Le più ampie possibilità della nobilitazione saranno affrontate sia guardando alle tecnologie tradizionali analogiche (con specifica attenzione verso la serigrafia) sia parlando di digitale. I concetti di personalizzazione e nobilitazione a dato variabile si affiancheranno ai concetti di flessibilità nelle lavorazioni. Importanti considerazioni si sono sviluppate relativamente al target a cui è necessario far percepire il valore della nobilitazione, che è certamente quello degli stampatori (per i quali la nobilitazione vale anche come elemento di fidelizzazione del cliente), ma va educato anche chi progetta, perché per avere i migliori risultati anche la grafica va pensata ad hoc. E infine la spinta ad agire per coinvolgere anche gli influencer, cioè le agenzie di comunicazione e i creativi che lavorano fianco a fianco con i buyer di comunicazione stampata. Il secondo gruppo di lavoro dedicato al Decorative Printing vede la partecipazione di Agfa, Canon, NTG, Ricoh e In.De.Co. Serigrafia. Un gruppo composto sia da fornitori sia da chi produce stampati. Da entrambe le parti è emersa la proposta di lavorare con Print4All su due filoni principali: da una parte l’identificazione del target specifico di riferimento; dall’altra la valorizzazione dei trend in corso. La stampa decorativa è certamente un comparto vasto, che coinvolge la decorazione del prodotto fino alla decorazione degli interni attraverso una serie quasi infinita di materiali e supporti. La manifestazione si occuperà pertanto di chi crea l’esigenza e quindi i cosiddetti brand owner e di chi li influenza, cioè il settore della creatività, del design e delle agenzie di comunicazione. Per loro saranno organizzate iniziative che mettano in evidenza il particolare binomio fra materiale e stampa innovativa. E l’area PrintMat sarà proprio quella dove si svilupperanno gli esempi più significativi. Labelling, Interior Decoration sono le voci più nominate. Con un approfondimento speciale per la termoformatura e i vantaggi che la stampa industriale può avere anche per le basse tirature quando usata in connubio con le tecnologie 3D.

97


>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

dalle pagine precedenti

De Agostini / Pigna >>da pag. 15

Da parte sua, Manganelli ha sottolineato come l’acquisizione effettuata dal fondo Ccr1 abbia come obiettivo quello di “rilanciare un marchio storico del made in Italy che ha sempre puntato sull’eccellenza qualitativa, sull’utilizzo di nuove tecnologie e macchinari d’avanguardia, che hanno reso la società uno tra i leader mondiali nel settore cartotecnico. L’operazione condotta nel corso di questi mesi”, ha aggiunto “è stata realizzata in totale cooperazione con l’azionista di riferimento, che ha guidato la società fino a oggi e che rimane nell’azionariato per proseguire insieme nella crescita e nello sviluppo di Cartiere Pigna”. Infine, il nuovo presidente e ad De Matthaeis ha spiegato di avere “accettato con entusiasmo questa nuova sfida perché credo che sarà possibile costruire una storia di successo partendo da una solida base industriale presente ad Alzano e da un marchio ben conosciuto quale è Pigna. La priorità oggi è rispettare i vincoli del concordato omologato, attraverso il miglioramento della gestione ordinaria e lanciare nuove iniziative sul prodotto per sviluppare le potenzialità del marchio”. A.P.

98

Pixartprinting / Komori >>da pag. 15

Con asciugatura più rapida e tempi di avviamento ridotti, questa tecnologia consente di stampare con maggiore velocità su un’ampia gamma di supporti, incrementando la produttività complessiva e accelerando i tempi di consegna. Obiettivo ulteriormente rafforzato dall’eliminazione dell’antiscartino che, oltre a garantire un ambiente di lavoro più pulito, permette di eliminare un passaggio di finitura con conseguente evasione degli ordini più tempestiva. Anche la qualità di stampa ha rappresentato una leva importante per la migrazione di Pixartprinting all’H-UV in quanto offre eccellenza di output e maggiore versatilità nella realizzazione di prodotti anche di alta gamma. In linea con lo stile Pixartprinting, la configurazione delle macchine richiesta spinge al massimo le prestazioni in termini di automatizzazione dei processi includendo le funzioni di cambio lastre, messa a registro e gestione colore completamente automatici e un nuovo sistema di alimentazione aria tramite l’utilizzo di pompe e compressori a basso impatto energetico. Inoltre, la tecnologia LED H-UV e H-UV, riducendo la temperatura erogata per la polimerizzazione degli inchiostri rispetto ai forni tradizionali, contribuisce ad aumentare la

sicurezza dell’ambiente di lavoro. A questo si somma il fatto che le GL840P LED H-UV sono state attrezzate con sistema di incapsulamento dei gruppi stampa per eliminare la nebulizzazione dell’inchiostro durante la produzione a vantaggio della salute degli operatori. Iniziata nel 2009, la collaborazione tra Pixartprinting e Komori in più occasioni ha visto l’implementazione di soluzioni esclusive diventate punto di riferimento per il mercato della stampa a livello internazionale. Nel 2011 il web-to-print veneziano si è distinto per essere stato il primo cliente al di fuori del Giappone a installare macchine Komori totalmente robotizzate e ha fatto da apripista contribuendo ad affermare la cultura della tecnologia HUV e LED HUV in Europa. “È un privilegio lavorare con Pixartprinting, pioniere assoluto in grado di stimolarci a migliorare il livello di prestazioni in termini di produttività e ottimizzazione dei processi”, commenta Silvano Bianchi, amministratore delegato di Komori Italia. “La partnership tecnologica con questa realtà dinamica è un continuo work in progress. Posso già anticipare che sono in fase di studio nuove soluzioni che verranno implementate a breve e ancora una volta rappresenteranno un benchmark per il mondo del printing”.

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

ilPoliGrafico 176t17

>>segue


A

B

B

O

N

A

T

I

S

U

B

I

T

O

Il Poligrafico + WIDE

Il Poligrafico

Il Poligrafico + Print

99 €

84 €

89 €

7 numeri all’anno de Il Poligrafico

7 numeri all’anno de Il Poligrafico incluso lo Speciale Print Connection con le classifiche delle industrie della stampa e il database dei fornitori

7 numeri all’anno de Il Poligrafico

5 numeri all’anno di WIDE

5 numeri all’anno di Print

Accesso a contenuti esclusivi online

A B B O N A T I

O N L I N E

www.strategogroup.net


Il Poligrafico, n. 176, Aprile - Maggio 2017  

Stampa e nuovi media nell'era digitale

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you