Page 1

■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ilPoliGrafico 179•17 ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■ ■

Stampa e nuovi media nell’era digitale

TECNOLOGIE La nanografia di Landa entra in azione

speciale legatoria LABELEXPO Cresce il digitale anche nella nobilitazione

N. 179 Ottobre Novembre 2017 Stratego Group 20090 Segrate (MI) via Cassanese 224 Euro 9,90


© STRATEGO Group — Settembre 2017

A

B

B

O

N

A

T

I

S

U

B

I

T

O

Il Poligrafico

Il Poligrafico + WIDE

Il Poligrafico + Print

84 e

110 e

130 e

7 numeri all’anno de Il Poligrafico incluso lo Speciale Print Connection con le classifiche delle industrie della stampa e il database dei fornitori

7 numeri all’anno de Il Poligrafico

7 numeri all’anno de Il Poligrafico

7 numeri all’anno de Il Poligrafico

5 numeri all’anno di WIDE

5 numeri all’anno di Print

5 numeri all’anno di Print

Il Poligrafico + Print + WIDE

150 e

5 numeri all’anno di WIDE

Accesso a contenuti esclusivi online

A B B O N A T I

O N L I N E

www.strategogroup.net


Continuiamo ad evolvere l’industria della stampa con soluzioni innovative che offrono tutto quello che ci si aspetta dal leader tecnologico nella progettazione delle macchine da stampa a foglio.

L’Evoluzione della Stampa. manrolandsheetfed.com Manroland Italia srl – Tel. +39 02 21307 1. A Langley Holdings plc company.


4

bcdefghijklmnopqrstuvwyxz

Persone e aziende citate nel numero con riferimento alla pagina. I numeri in neretto si riferiscono a un’inserzione pubblicitaria 3M 21,86 4IT Group 22 Acimga 22,58 ACIS 68 Agfa Graphics 68 Albert-Frankenthal 62 Alcon Holding 15 Aliprandi Giorgia 37 Altavilla Antonella 60 Amir Yishai 57 Argi 22,58 Ariberti Lorenzo 33 Arjowiggins 89 Arneri Mauro 15 Artefice Group 60 Arti Grafiche Johnson 82 Arti Group 15,82 Assocarta 22,58 Assografici 58 Audipress 22 AWA 78 AWP 17 Baccolini Maurizio 16 Baglieri Enzo 59 Bandecchi Emanuele 17 Bandecchi Federico 15 Bandecchi Paolo 15,17,26 Bandecchi Simone 15 Barboglio Enrico 60 Barilla 59 Bartoli Arianna 59 Battiston Maurizio 42 Baumann Italia 32 Behr Jochen 20 Benzi Pier 60 Bergamin Alessandro 32 Bertoldo Cristina 85 Bertoldo Giovanni 85 Bertoldo Piero 85 Bobst 18,24,72,79,81 Bocconi università 59,82 Bologna Franco 21 Bologna Pierfrancesco 21 Bolza-Schünemann Claus 19,62 Bona Carlo Emanuele 40,60 Botti Roger 60 Bowe Systec Italia 52 Bricocenter 60 Briganti Andrea 60 Bussoni Andrea 76 Bussoni Elisa 76 Bussoni Valter 76 Buttiens Peter 59 bwebsystems 15 Calcagni Marco 60 Cameron 14 Canon 50,82 Capitalia 14 Carbonara Diego 41 Cardinotti Matteo 72 Carrara Marzio 14 Castelli Bolis Poligrafiche 14 Challenge 36 Cimpress 15 Colonna Gianpiero 41 Colordruck Baiersbronn 57 Condè Nast Italia 82 Coop 59,60 Cozza Federico 59 CP Bourg 36 CPA 59 CPZ 14 Dahn Mathias 63 De Grandis Paolo 80 De Marco Stefano 38,52 Defranco Laurette 59 Dei Rossi Davide 26

Di Agostino Gerardo 18 Di Virgilio Giovanni 42 Domino Sistemi 21 Dossena Federico 20 DS Smith 20 Duplo Italia 37 Durst 16,79 Easydot 70 EBA-IDEAL 39 Edelmann 57 Edigit 19 EFI 13,79 ePrint24 40 Epson 18 ESMA 59 Eurogravure 82 Euronics 59 Europrinting 15 Exaprint 15 Farbman Seth 65 Farinetti Oscar 59 Favillini Pharmac. Packaging 17 88 Favini Fedeli Valeria 21 Fedraz. Carta Grafica 58 Ferag 21 Fiera Milano 22,58,91 Finelli Franco 86 Finelli Giuseppe 86 Finelli Paola 86 Finelli Remo 86 Finelli Silvano 86 Flint gruppo 19 Flyeralarm 34 Fratelli Finelli 86 Fujifilm 5,20,72,79 Galetti Giorgio 16 Gallus 18,80 Garosci Armando 59 Ghelfi Giuseppe 60 Ghelfi Ondulati 60,63 GIFCO 68 Goy Anne 49 GPN 83 GPS Legatoria 46 Grafica Metelliana 18 Grafiche Johnson 14 Grafikontrol 80 Grafisk Maskinfabrik 72 Graphica Bezalel 56 Gruppo Cordenons 89 Gruppo Masserdotti 21 Gruppo Roncaglia 59 Harpak Eyal 57 Heidelberg 11,16,17,33,57,66,80 HP 17,20,28,62,80 Iabichino Paolo 59 Iberica 63 ICE 58 Icma 88 Ideal/Eba 51 Iggesund 88 Ilford 86 Imagine! Print Solutions 57 InfoTrends 40 Ingram Content Group 20 Ipagsa 8 Ist. It. Imballaggio 58 Jenkins Jayanta 64 KBA 62,85 Kodak 17,20,44,80,86 Koenig & Bauer 15,19,62,74 Koessler Florian 16 Kolbus 27,34 Komori 20,43,76 Konica Minolta 20,50,72 Labelexpo 78

Lamperti Marcello 21 Landa Benny 56 Landa Digital Printing 56 Largo Consumo 59 Leaderform 59 Lecta gruppo 20,89 Lediberg 14 Legatoria Ferrari 26 Lego 3000 15 Leveratto Carla 59 Levi Acobas Roberto 60 LIC Packaging 85 Lighting Source LLC 20 Lironi Pietro 60 Lombardi Conv. Machinery 80 Lores Enrique 20 Maccabelli Gianni 21 Maiorano Antonio 60 Malloggi Giovanni 20 MAMO 39 Manifattura del Seveso 21 Manroland 3 manroland web systems 14,15 Maping 51 Marsanasco Joseph 15,22,59 Masserdotti Alberto 21,22 Masserdotti Andrea 21 Mattera Rinaldo 66 MDV Group 81 Meccanotecnica 27 Mediagraf 41 Metti Marco 60 Mezzadra Cristina 60 MGI 72 Milano Stampa 15 Mitsubishi 15 Miyakoshi 19 Mondi Group 77 Morgana 39 Morin Shawn 20 Mouvent 81 Muller 36 Müller Martini 17,18,26,35,73 Multi Import 36 Multigraf 51 Nava Press 15,26 Neopost 37 Neri Eris 66 Nesi Luca 82 NIIAG 82 Nimax 73 Nu-Maber 17 Nuceria Group 60 Ogilvy&Mather Italy 59 OMET 60,79 Onlineprinters 17 Orbit 17 Pagani Attilio 66 Pagani Oscar 66 Palaveri Alberto 22,60 Paperskin 16 Pattaro Enzo 18 Pattaro Marina 18 Pattaro Mauro 18 Peretti Aldo 60 Petratto 41 PFS 86 Pilot Italia 80 Pixartprinting 15,17 Plockmatic-Morgana 39,51 Polar 33 Poligrafico Roggero & Tortia 18 Polledro Carlo 15 Polyedra 20 Pozzoni gruppo 14 Prati 81 Prenatal 60

abcdefghijklmnopqrstuvwyx

ilPoliGrafico 179•17

indice dei nomi

PressUp 54 Print Finishing Li.To.Ver 84 Print4All 12,22,58 Printbee.it 41 Printered 16,23,41 Printgraph 92 PRT Group 60 Pubbliservice 16 Radex 81 Ramazza Vittorio 59 REM 61 Ricoh 18,50,81 Roatta Paolo 90 RobilantAssociati 60 Ronzoni Maurizio 82 Rosati Massimo 60 Roto2000 15 Rotolito Lombarda 15,17,26,59 Sacchital 60 Sachet Marco 59 Saica Group 85 Salati Filippo 16 Salati Stefano 16 Salvemini Severino 82 Salvo Davide 15 Sanfaustino Label & Zardini 18 Satiz 15 Scatolificio VEC 68 SCEA 18 Schmidt Klaus 63 Scodix 16 Screen 81 Segraf 15 Shutterfly 20 Skilpress 42 Smag 17 Sofian Iulian 66 Solema 17 Spotify 65 Sprint24 42 Stahlfolder 33 tech:art 15 Tecnau 38,52 Tic Tac 18 Timson 14 Tipolitografia Pagani 66 Tipolitotecnica 76 Tornielli Federico 60 Toscani Oliviero 12,59 Tosin Giuseppe 39 Tosingraf 39,50 Trasatti Ivan 36 Twitter 64 Uchida 36,39,51 Unicredit 14 UPM 20 Usai Fedele 82 Vaia Francesco 21 Vavassori Marcello 34 Vecchione Pietro 68 Vecchione Salvatore 68 Vecchione Simone 68 Vianelli Alberto 15 Vincenzo Bona 40 Vistaprint 15 VITS International 70 Volken Bernd 35 Voltolini Andrea 16 Watkiss 36 Webprint 15 Wise Achim 20 Wohlenberg 32 Xeikon 19,81 Xerox 50 Ziveri Rita 76


La piattaforma di macchine da stampa digitali in grado di massimizzare qualità e produttività, in tutti gli ambienti operativi.

TECNOLOGIA PRODUTTIVITÀ QUALITÀ

Acuity Led 3200R: superwide format a basso costo. Manutenzione ridotta, bassi consumi, ampia gamma di applicazioni, stampa simultanea su doppia bobina.

Acuity 15: Flat-bed entry level, versatile, efficiente, ideale per applicazioni display e non display, ingombri ridotti e qualità superba.

Acuity Led 1600 II: stampa creativa ad elevato valore, qualità di stampa fotografica, stampa stratificata di colore, versatilità e manutenzione semplificata.

15

Per informazioni: roberto.gambarotta@fujifilm.com


Sommario

179

Speciale lEgatoria

piombi Primo piano Nuova rotativa per Pozzoni..........14 Polo bergamasco delle agende...14 tech:art acquisisce Exaprint.........15 Le strategie di Rotolito Lombarda.15 Aziende grafiche......................16 Fornitori....................................19 Eventi........................................21 Istituzioni...................................22 Speciale legatoria Incontro con Rotolito Lombarda...26 Indagine: il punto di vista dei fornitori..........31 Indagine: il punto di vista dei W2P.40 Tecnologia: quando legare vuol dire nobilitare.......................45 Incontro con Tosingraf................50 Intervista a... Stefano De Marco (Tecnau).........52

rotolito lombarda, la legatoria diventa 4.0 pag. 26

eventi La nanografia di Landa entra in azione............................56 Print4All Conference centra l’obiettivo..........................58 KBA compie 200 anni................ 62 A Labelexpo cresce il digitale anche nella nobilitazione..............78 Canon al Festival della Comunicazione di Camogli..........82 uomini&aziende Tipolitografia Pagani....................66 Scatolificio VEC...........................68 Tipolitotecnica.............................76 LIC Packaging.............................85 Fratelli Finelli................................86 tEcnologie News dai fornitori........................72 Rapida 105 PRO di Koenig & Bauer.......................74 News carte&Supporti..................88 RUBRICHE I nomi di questo numero................ 4 L’opinione di... E. Posenato e F. Ceolini Industry 4.0: Parliamo di... cloud... 9 L’opinione di... S. Facchini La beata illusione.........................12 Cartaonline Quando l’affissione umanizza la tecnologia................64

6

indagine tra i fornitori pag. 31

Quando legare vuol dire nobilitare pag. 45

Colophon

Direttore responsabile Ruggero Zuliani ruggero.zuliani@strategogroup.net

Comitato di redazione Cristina Rossi (coordinamento) tel. 02 7529101 cristina.rossi@strategogroup.net Emanuele Posenato emanuele.posenato@strategogroup.net

Hanno collaborato a questo numero: paola bonfanti, lorenzo capitani, valentina carnevali, fausto ceolini, Sergio Facchini, Achille Perego, Stefano tenedini, federico zecchini

Progetto grafico e impaginazione Cristina Mascherpa Redazione Stratego Group C.D. Milano Oltre, Segrate MI tel. 02 49534500 fax 02 26951006 Ufficio abbonamenti tel. 02 49534500 fax 02 26951006 abbonamenti@strategogroup.net Editore STRATEGO GROUP - Segrate MI

Pubblicità mauro tironi tel. 02 49534500 mauro.tironi@strategogroup.net deborah ferrari tel. 389 9004599 deborah.ferrari@strategogroup.net Rancati Advertising: Claudio Sanfilippo tel. 02 70300088 csanfilippo@rancatinet.it

www.stampamedia.net Stampa Grafiche Parole Nuove Brugherio MB

Ufficio traffico BRANDO ZULIANI tel. 02 49534500 brando.zuliani@strategogroup.net

Copertina Art direction: Cristina Mascherpa Foto: LEGATORIA PADOVANA Nobilitazione: PRINT FINISHING LI.TO.VER

ABBONAMENTI

quota annua euro 84,00 per l’Italia, 144,00 per l’Europa, 159,00 extra-Europa. Numeri arretrati: 15 euro cad. copia. I versamenti possono essere effettuati con bonifico bancario a Stratego Group IBAN: IT91 B050 3420 6000 0000 0000 933

Associato a:


In questo numero

la nanografia di landa in azione: visita al primo cliente pag. 56

resoconto dal labelexpo di bruxelles pag. 78

KBA compie 200 anni e torna ad essere koenig & bauer pag. 78

R.E.A. Milano n. 1190227 Autorizz. Trib. Mi n. 512 del 26.10.85 Gli articoli firmati impegnano esclusivamente gli Autori. Dati e caratteristiche tecniche sono generalmente forniti dalle Case costruttrici, non sono comunque tassativi e possono essere soggetti a rettifiche in qualunque momento. Tutti i diritti sono riservati. Notizie e articoli possono essere riprodotti solo a seguito di autorizzazione dell’editore e comunque sempre citando la fonte. Testi e fotografie, qualora non espressamente richiesto all’atto dell’invio, non vengono restituiti. Desideriamo informarLa che il D.Lgs. 196/03 (Testo Unico Privacy) prevede la tutela di ogni dato personale e sensibile. Il trattamento dei Suoi dati sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e della Sua riservatezza. Ai sensi dell’art. 13 del Testo Unico, Le forniamo quindi le seguenti informazioni: il trattamento che intendiamo effettuare verrà svolto per fini contrattuali, gestionali, statistici, commerciali, di marketing; il trattamento, che comprende le operazioni di raccolta, consultazione, elaborazione, raffronto, interconnessione, comunicazione e/o diffusione si compirà nel modo seguente: archiviazione su supporto cartaceo e archiviazione informatizzata su personal computer. Il titolare dei dati è: Zeta’s srl nella persona del Rappresentante Legale. Il responsabile del trattamento dei dati raccolti in banche dati ad uso redazionale è Ruggero Zuliani (ruggero.zuliani@strategogroup.net - via Cassanese 224 - Segrate (Milano) - tel. 0249534500 - fax 0226951006). Al titolare del trattamento Lei potrà rivolgersi per far valere i Suoi diritti così come previsti dall’art. 7 del D.Lgs. 196/03.

Organo Ufficiale ITALIA

associazione tecnici arti grafiche italia

EURO GRAPHIC PRESS

Il Poligrafico è la rivista italiana del Gruppo Eurographic Press www.eurographicpress.com

Legatoria “in house”, strategica… anzi indispensabile Qualcuno in passato l’aveva definita la Cenerentola del settore, un “orpello” oneroso e non gratificante. In realtà oggi la legatoria, pur essendo l’ultimo anello del processo produttivo nell’industria grafica, riveste un ruolo chiave e averla in casa è strategico, anzi indispensabile. Tra i primi a capirlo fra i grandi gruppi della stampa italiana è stata Rotolito Lombarda, che invece di esternalizzare questa lavorazione ha deciso di potenziarla (vedi pag. 26). Per rimanere competitive – siano esse legatorie “stand alone” o integrate in un’azienda grafica a ciclo completo – l’investimento in nuove tecnologie rimane un must. E se queste soluzioni sono state sviluppate in una logica di Industria 4.0 ancora meglio. L’offerta della maggior parte dei fornitori, d’altronde, è orientata proprio in questa direzione e ne abbiamo avuto conferma conducendo una breve indagine tra i principali brand specializzati in queste tecnologie (v. pag. 31). Oggi tutte le fasi di produzione sono integrate e collegate in rete e i clienti sono idealmente nella condizione di poter inviare un ordine dal proprio sistema gestionale alla macchina in pochi secondi. L’analisi intelligente dei dati, oltre a eliminare eventuali inefficienze ed errori, consente di migliorare tempistiche, organizzazione logistica ed efficienza lungo tutta la catena di produzione, razionalizzando e ottimizzando il flusso di lavoro. Tutto ciò in un contesto interattivo e interconnesso, dove in caso di necessità il check-up delle macchine, l’aggiornamento e l’assistenza dei sistemi possono essere effettuati in remoto. Ma quali sono le principali caratteristiche tecniche che le soluzioni di legatoria devono possedere per essere più appetibili agli occhi dei clienti? Produttività, affidabilità, ma soprattutto flessibilità, in modo da poter gestire in breve tempo un numero crescente di commesse, caratterizzate da tirature sempre più basse e spesso realizzate con soluzioni di stampa digitale. A ciò si deve aggiungere la semplicità di utilizzo delle macchine, la completa gestione di diversi formati, spessori, tipologie di carta e la possibilità di avere dati ed analisi delle performance produttive per il calcolo dei costi. Non meno importante, infine, la certezza che l’investimento abbia una continuità nel post-vendita con affidabilità nel tempo, assistenza e garanzie sulla ricambistica. Cristina Rossi 7


Soluzioni prestampa integrali

Sistemi CTP

Lastre offset

Prodotti chimici Sviluppatrici

www.ipagsa.com

Responsabile Commerciale Italia email: fpagliai@ipagsa.com

the offset plates


ilPoliGrafico 179•17 ilPoliGrafico 167•16

usto Ceolini Opinioni Emanuele Posenato Opinioni Fausto Ceolini Opinioni Emanuele Posenato

Industry 4.0, parliamo di... cloud Nell’utilizzo della “nuvola”, l’Italia è solo all’ottavo posto tra i Paesi a maggior livello di informatizzazione.

Sono passati 28 anni da quando Tim Berners-Lee presentò il World Wide Web, una piattaforma aperta che avrebbe permesso a tutti, in tutto il mondo, di condividere le informazioni. L’espressione cloud computing è di poco successiva. La si trova in un documento interno della società Compaq, redatto da George Favaloro nel 1996, per il business plan annuale della compagnia. Da allora il cloud (letteralmente “nuvola”) è un servizio che si è via via strutturato e diffuso permeando, in vari modi, l’intero ecosistema delle imprese, dalle multinazionali fino alle piccole aziende artigiane con una manciata di dipendenti. A che punto sono il nostro sistema Paese e le nostre aziende in proposito? Come recita uno dei tormentoni musicali estivi: “bene ma non benissimo”. Secondo il Bsa Global Cloud Computing Scorecard 2016, un report che descrive l’indice di maturità del settore del cloud computing comparando i 24 Paesi a maggior livello di informatizzazione, l’Italia è all’ottavo posto. Il primato spetta al Giappone seguito da USA, Germania, Canada, Francia. Il settore della comunicazione e dei servizi alla comunicazione, a cui appartiene la nostra filiera, ha affrontato fra i primi il tema ma ancora in modo marginale. L’approccio comune sono state le piattaforme di posta elettronica, quindi si è giunti ai software operativi, ad esempio con la Suite Adobe, per aprirsi timidamente a quello dei gestionali, anche per ritrosia dei fornitori stessi, ma il vero impulso è arrivato con la necessità di aprirsi al mercato della vendita online e con le piattaforme di e-procurement ed e-commerce (tutto il mondo web to print). Siamo evidentemente ancora molto in ritardo per quanto riguarda il data management e le analitycs. Ma facciamo un passo indietro. Il cloud computing è una modalità di fruizione (o erogazione) di servizi informatici che permette l’usufrutto di soluzioni informatiche senza necessariamente doverne acquistare l’infrastruttura (hardware e software) accollandosi le relative problematiche di manutenzione e aggiornamento. Un’importante possibilità soprattutto per le piccole e medie imprese, altrimenti limitate nell’accesso ai sistemi informatici necessari a rispondere ai livelli di domanda e alle sfide che il nuovo mercato profila e quindi handicappate nella competizione.

@eposenato

Le possibilità offerte dal cloud computing sono indubbiamente molteplici ma lo spazio a noi riservato ci emanuele.posenato@strategogroup.net

9


Fausto Ceolini Opinioni Emanuele Posenato Opinioni Fausto Ceolini Opinioni Emanuele Posenato

consente di citare le principali dal punto di vista strategico: la possibilità di operare su piattaforme software avanzate, che consentano all’impresa di fornire servizi di alto profilo e di competere ai massimi livelli della domanda; la possibilità di avvantaggiarsi di sistemi di business intelligence, assolutamente strategici in una fase estremamente liquida dei mercati; infine la possibilità di processare e proteggere tanti dati, di varia natura, sempre più articolati e sempre più preziosi. Attraverso le soluzioni e i servizi di cloud computing, già oggi in molte aziende vengono eseguiti, in modo occasionale piuttosto che continuativo, software costosi e pesanti da remoto, che garantiscono all’impresa la possibilità di offrire servizi alla supply chain del cliente. Grazie alle soluzioni di analytics, l’incrocio dei dati provenienti dalle diverse fonti aziendali e non, consentono elaborazioni e analisi nonché la visualizzazione in forme aggregate e semplificate estremamente utili e soprattutto immediate. Ai fini di una gestione maggiormente consapevole e strategica del proprio business, la possibilità di effettuare indagini oggettive e approfondite degli eventi costituisce indubbiamente un vantaggio in sede decisionale e di orientamento strategico. Infine i servizi di cloud storage consentono l’archiviazione e il backup di una grande quantità di dati in pochissimo tempo, con alti livelli di automazione e di protezione, altrimenti troppo onerosi per la piccola e media impresa, sia in termini di infrastruttura che di risorse umane qualificate, che costituiscono sempre più frequentemente una “condizio sine qua non” per poter operare al servizio di determinati clienti. Per una PMI a risorse limitate il contenimento dei costi è un altro driver di potenziale successo e l’utilizzo di soluzioni in cloud permette importanti economie. Navigando sui siti dei principali cloud provider - come AWS (Amazon Web Services), Microsoft Azure, Google Compute Engine, IBM Softlayer - risulta immediatamente evidente questa possibilità. Nell’ultimo decennio sono stati sviluppati innumerevoli modelli di erogazione e fruizione dei servizi. SaaS (Software as a Service), IaaS (Infrastructure as a Service), PaaS (Platform as a Service) sono ormai modalità consolidate, erogabili in “ambienti” anch’essi disegnati sulle esigenze del fruitore: in Cloud Privato, un sistema cloud costituito con server di proprietà esclusiva di chi utilizza il servizio, piuttosto che Cloud Pubblico, fornito da un provider che rende disponibili, attraverso la rete, risorse come macchine virtuali, storage e applicazioni e che provvede alla configurazione e alla gestione del sistema; o ancora Cloud Ibrido, una soluzione mista per chi preferisce un passaggio graduale al cloud.

10


Quello che non ti aspetti. Versafire. La digitale di Heidelberg non solo ti permette di stampare la più ampia gamma di supporti ma, grazie all’interfaccia Prinect DFE, assicura il 100% di integrazione digitale. ››heidelberg.com/Versafire

Richiedi i campioni di stampa gratuiti! heidelberg.com/vf-it

Heidelberg Italia Srl Via Trento 61, 20021 Ospiate di bollate (MI) Telefono 02 35003500, www.heidelberg.com


ilPoliGrafico 179•17

Opinioni Nuovi equilibri Sergio Facchini Opinioni Sergio Facchini Opinioni Sergio Facchini Opin

La beata illusione La “scossa” ricevuta dall’intervento di Oliviero Toscani, nel bene o nel male, apprezzato o criticato, ha certamente attirato l’attenzione di tutti i presenti in sala. Pertanto, permettetemi alcune considerazioni. Quando pensiamo alla nostra vita personale accettiamo l’idea che la “dea bendata della fortuna” abbia o debba avere un peso negli eventi e nello sviluppo della nostra vita. Che ci si creda o meno, tanti leggono quotidianamente l’oroscopo, c’è addirittura chi dilapida le sue fortune affidandosi a maghi e cialPer ‘l’opinione’ tronerie varie. È nella natura umana credere, spedi questo mese rare e cercare affermazioni anche dove non esistoQuando si parla di lavoro e di denaro siamo vorrei prendere no. sempre più legati alla “illusione di una certezza” spunto dagli per cui continuiamo a seguire e ad abbeverarci alle previsioni economiche che quotidianamente e interessanti insaziabilmente ci vengono propinate dai “soloni” argomenti della Finanza.

trattati al meeting di Milano-Rho per la Print4All Conference, uno degli eventi in preparazione della fiera del prossimo anno.

Il futuro non lo possiamo prevedere. Affrontare un’incertezza non quantificabile, sulla quale non abbiamo alcun controllo, mette in crisi il nostro ordine mentale ed è proprio per questo motivo che nasce in ciascuno di noi la tentazione di credere agli “esperti” che spacciano per certezze future solamente dei valori rilevati dalle statistiche ed estrapolazioni dei valori del passato. In realtà l’esperienza e l’analisi delle statistiche sono il mezzo per permettere, a ognuno di noi, di guardare sempre avanti e ragionare con la propria testa, dando spazio alle proprie idee, per affrontare la prossima curva nel modo esatto ma alla massima velocità, come fa un pilota in gara, ovvero raggiungere e superare l’ostacolo al massimo ma senza uscire di pista. Pertanto non dobbiamo lasciarci ingannare dai trucchi utilizzati per alimentare l’illusione, presentati con un “linguaggio abilmente generico e vago” oppure con le previsioni e le campagne “a setaccio” che certamente raggiungono qualcuno in modo positivo che poi, abilmente, viene preso dalla “pubblicità” per dimostrare che quanto era stato predetto o previsto si è realizzato. Peccato che nessuno ricordi o nomini tutti gli altri che, con una scusa più o meno plausibile, vengono dimenticati e messi da parte. Nella realtà, probabilmente ha ragione Gianni Morandi, quando canta e ricorda che solamente “uno su mille ce la fa”... Le conseguenze e la via della salvezza. Certamente, e quotidianamente tutti noi ce lo auguriamo, possiamo azzeccare un bel colpo, di tanto in tanto. Ma, più frequentemente, ci prendiamo una “scoppola” perché non abbiamo guardato con attenzione e preso le necessarie misure per ben affrontare la curva che stavamo affrontando. Pertanto occorre sostituire l’aleatorietà delle previsioni con la stabilità e la serenità della pianificazione che deve essere attuata con metodo e disciplina. Occorre limitare i cambi di corsia e andare diritti per la strada che porta ai “nostri obiettivi” voluti, desiderati, sognati e accarezzati. Le reazioni emotive devono essere controllate e frenate, sia che si tratti di facili entusiasmi come di timori eccessivi. La serenità e la sicurezza delle nostre convinzioni devono essere il motore per permetterci di andare “contro corrente” per avere nuovi risultati e creare nuove iniziative differenti o alternative a quanto già esistente. Nota bibliografica: Rif. a Mervyn King - La fine dell’alchimia - 2016

12


UNA SOLUZIONE IBRIDA PER MAGGIORI PROFITTI.

EFI™ VUTEk® LX3 Pro

Riduci i costi totali, acquisisci più lavori e commesse, incrementa i tuoi margini combinando la stampa ad alta velocità flatbed e roll-to-roll. Tutto ruota intorno alla stampante EFI VUTEk LX3 Pro che fa parte della più ampia linea industriale di stampanti ibride. Desideri prestazioni ancora maggiori? Affidati a un Fiery® proServer.

Puoi trovare ulteriori informazioni su efi.com

Oltre alle garanzie espresse fornite con i prodotti e i servizi EFI, nel presente documento nessun altro elemento deve essere interpretato come una garanzia. EFI, FabriVU, Fiery, il logo Fiery e VUTEk sono marchi registrati di Electronics For Imaging, Inc. e/o delle sue sussidiarie interamente controllate negli Stati Uniti e/o in alcuni altri paesi. ©2017 Electronics For Imaging, Inc. Tutti i diritti riservati.


ilPoliGrafico 179•17

Primo piano Aziende grafiche Dati di settore Fornitori Istituzioni Associazioni Accor

Gruppo Pozzoni investe: nuova manroland a 72 pagine La rotativa dovrebbe arrivare l’anno prossimo e sostituisce quella distrutta nell’incendio. La volontà era quella di sostituire la 64 pagine bruciata nell’incendio che a metà dicembre dello scorso anno era scoppiato nello stabilimento Elcograf di Pozzo d’Adda, rimesso comunque in attività con un intervento lampo durato pochi giorni. Rimaneva il problema di mettere in produzione una nuova rotativa da affiancare alle altre due 72 pagine e alla 48 Lithoman che non avevano subito alcun danno dall’incendio. E il problema, se così si può definire, è stato risolto – conclusa positivamente anche la procedura riguardante le garanzie assicurative – con l’ordine a man-

roland Web Systems di una nuova rotativa a 72 pagine, identica a quella distrutta nell’incendio, che dovrebbe arrivare l’anno prossimo e che rappresenta comunque il più importante investimento del 2017 sul fronte delle maxi rotative. Un investimento che si aggirerebbe attorno ai 10 milioni di euro. In questo modo Elcograf tornerà a disporre di 12 roto-offset in produzione. Attualmente infatti oltre alle tre macchine che ‘girano’ a Pozzo d’Adda ci sono i tre impianti della sede di Madone (due 80 pagine messe in produzione dopo il rilevamento di una parte della ex

È il più importante investimento nel 2017 sul fronte delle rotative.

Roto2000 e una rotativa di formato 24 pagine), le tre roto-offset (una 64, una 48 e una 16 pagine) in funzione a Verona (la ex Mondadori Printing) e le due 64 pagine che lavorano a Cinisello Balsamo dove Pozzoni aveva rilevato la ex Pizzi. Completano la capacità produttiva del gruppo di Cisano Bergamasco otto macchine piane installate a Verona, gli impianti per la stampa di libri dello stabilimento di Cles (tre

Cameron e due Timson) e le nove rotocalco: 5 sempre nella ex Mondadori Printing e 4 a Melzo. E proprio sul fronte delle macchine piane potrebbero in futuro arrivare altre novità. Il gruppo Pozzoni infatti, come del resto altri big della stampa italiani, sarebbe stato contattato da alcuni importanti produttori di macchine piane impegnati nella produzione di nuove macchine a foglio UV LED che rispetto alle

precedenti generazioni di UV garantirebbero una serie di vantaggi significativi. Per ora si tratta solo di un’ipotesi, senza alcun ordine che, se venisse confermato nei prossimi mesi (nell’ambito delle agevolazioni previste dal Piano Industria 4.0), porterebbe all’installazione delle nuove macchine piane alla Elcograf di Verona e/o nello stabilimento Pozzoni di Filago. L’interesse in generale del mercato a investire in queste nuove macchine piane, infatti, deriva anche dai vantaggi fiscali offerti, all’interno del piano Industria 4.0. Non solo, in un 2017 che ha visto un primo semestre in leggero calo sul 2016, il mercato delle macchine piane ha mostrato di tenere di più, anche in termini di redditività, rispetto a quello delle rotative. Achille Perego

Polo bergamasco delle agende, trattative ancora aperte Il progetto è quello di mettere insieme Lediberg e Grafiche Johnson, recentemente acquisita da CPZ.

14

Il closing era stato annunciato per fine luglio. Ma evidentemente la trattativa si è rivelata più complessa del previsto. Però il progetto di dar vita a un grande polo bergamasco delle agende non sarebbe, secondo fonti sindacali bene informate, ancora naufragato e la trattativa sarebbe ripresa. Un confronto al quale guardano con grande attenzione lavoratori e sindacati, preoccupati della salvaguardia dei livelli occupazionali. Il progetto è mettere insieme Lediberg, storica azienda bergamasca leader nel settore della stampa di

agende e taccuini, e Grafiche Johnson, acquisita nei mesi scorsi da CPZ di Costa di Mezzate guidata da Marzio Carrara. Nel 2013 Lediberg era stata rilevata, con la ristrutturazione del debito e all’interno della legge fallimentare, da un investitore libanese insieme con otto imprenditori bergamaschi, non solo del settore grafico. Le banche finanziatrici a medio e lungo termine del gruppo (che nel 2006 aveva ceduto una quota del 42% del capitale sociale al fondo Sofipa di Capitalia e quindi del gruppo Unicredit, fondo integrato nel 2012 in Synergo Sgr)

avevano accettato l’offerta presentata dai libanesi aggregati al veicolo Iris Fund e affiancati, come detto, da un pool di investitori privati bergamaschi. I nuovi soci avevano messo sul piatto 20 milioni di euro di nuovo equity, mentre le banche convertito in equity 40 milioni dei loro crediti, il tutto per una ricapitalizzazione complessiva di 60 milioni. Con la previsione anche di 5 milioni di investimenti, la nuova proprietà aveva presentato un ambizioso piano di rilancio dell’azienda che dà lavoro a oltre 1.500 persone,

ha stabilimenti e filiali in tutto il mondo e produce agende datate e non ma è anche attiva nella stampa commerciale e di pregio con la controllata Castelli Bolis Poligrafiche, e con il brand Nazareno Gabrielli produce accessori in pelle. Il piano prevedeva infatti di raggiungere nel 2018 un fatturato consolidato di 209 milioni con un Ebitda di 22,7 dai 167 milioni di ricavi e 12,6 di Ebitda del preconsuntivo 2013. Complice anche la situazione del mercato, il raggiungimento di questi obiettivi sarebbe stato più difficile del previsto e sarebbe maturata l’esigenza


Le nuove strategie di Rotolito Lombarda

tech:art acquisisce Exaprint L’azienda piemontese può così unire la stampa offline all’online.

Davide Salvo (a sinistra) con Alberto Vianelli.

di percorrere altre strade per assicurare un più forte sviluppo della Lediberg. E questa nuova strada, come prima dell’estate riportavano anche i periodici locali, potrebbe incrociare quella della CPZ che dopo aver siglato l’anno scorso con ArtiGroup un accordo di collaborazione per la distribuzione commerciale di agende, quaderni e calendari, con la nascita della joint-venture Johnson CPZ, nei mesi scorsi ha rilevato tutto il ramo d’azienda di Grafiche Johnson compresi i 297 dipendenti. A.P.

Lo aveva già anticipato prima dell’estate Davide Salvo – uno dei soci fondatori insieme con Alberto Vianelli e Carlo Polledro nel 2002 di tech:art – nell’intervista pubblicata sul Poligrafico. Ovvero la volontà di crescere nel mercato della stampa online con l’obiettivo di diventare, dopo la leadership conquistata in quella digitale, una delle principali realtà italiane del web2print e del web2pack. E proprio quest’estate, l’azienda che opera dal 2014 nella moderna sede di Trofarello (TO) con una struttura operativa composta da oltre 40 professionisti e il core business nel below the line e nel supporto marketing di grandi brand – in particolare nello sviluppo di packaging e materiale punto vendita – ha realizzato un importante passo avanti sul fronte della crescita nell’online. tech:art ha infatti acquistato dal colosso Cimpress – che controlla anche Vistaprint e Pixartprinting – la filiale italiana di Exaprint, uno dei principali player nel nostro Paese per quanto riguarda il canale di vendita online grazie al suo modello innovativo concepito per i professionisti delle arti grafiche. Un’unione che – spiega una nota di tech:art – punta a mixare diverse expertise per conquistare il mercato italiano nel settore di servizi e prodotti di supporto alla

ilPoliGrafico 179•17

rdi Eventi Cultura Formazione Aziende Poltrone Eventi Premi Imballaggio Primo piano

comunicazione. “Da sempre leader sul canale di vendita offline – prosegue il comunicato – grazie all’alta specializzazione delle risorse e all’impiego delle migliori tecnologie disponibili sul mercato, tech:art implementa nella sua già stratificata offerta di servizi anche quelli di Exaprint srl. L’unione di questi know-how plasma una nuova prospettiva: una realtà che sarà capace di servire i propri clienti attraverso leve commerciali adeguate sia online che offline, allargando il proprio portfolio con una nuova offerta che punta su eccellenza, valore della tradizione e tendenza all’innovazione”. Nei prossimi mesi, anticipa Davide Salvo, dal 2012 country manager di Exaprint Italia, saranno realizzati importanti cambiamenti sulla piattaforma di web2print, dal software al marketing, dall’offerta commerciale al business plan. E tech:art, che già prima dell’acquisizione era uno dei partner produttivi di Exaprint Italia (destinata a cambiare anche il nome), diventerà ancora di più un punto di riferimento ma non l’unico, perché i volumi e la diversificazione produttiva richiederà il coinvolgimento di altri stampatori. “Questa è una nuova sfida per tutto il team poiché l’intenzione è quella di portare sul web la filosofia dell’eccellenza”. A.P.

È già una delle principali aziende di stampa italiane ed europee ma Rotolito Lombarda non ha nessuna intenzione di vivere sugli allori. E per crescere e aumentare la sua competitività continua a investire e a diversificare il perimetro dell’attività. Rotolito ha deciso prima dell’estate di potenziare la sua capacità produttiva ordinando una rotativa a 48 pagine di manroland Web Systems, rappresentata in Italia da bwebsystems. Una macchina di ultima generazione che grazie alla sua flessibilità potrà essere utilizzata sia per la stampa di I vertici di Rotolito (Joseph cataloghi che rivi- Marsanasco, Paolo Bandecchi ste, libri o volantoni e i figli Simone e Federico) della Gdo. La nuova con, al centro, Trino Barnabò di bwebsystems. Lithoman IV è completa di tutti i sistemi di controllo integrati per garantire la massima qualità di stampa. Verrà messa in produzione a marzo 2018 nello stabilimento di Cernusco (uno dei 5 impianti del gruppo insieme con Segraf, Capriate, Pioltello e Nava Press) per un investimento complessivo superiore agli 8 milioni, e sostituirà una Mitsubishi, sempre dello stesso formato, completando un parco rotative che vede in produzione altri sei impianti di manroland e Koenig&Bauer: due 80 pagine e quattro 48. segue a pag. 90

Webprint tra concordato e nuovi soci Era nata sulle ceneri del gruppo di Mauro Arneri (Roto 2000, Europrinting e Lego 3000), quattro anni fa finito in crisi in seguito alle inchieste giudiziarie che avevano coinvolto il suo patron. Ma dopo tre anni circa d’attività la nuova Webprint, società che aveva rilevato l’attività della Lego 3000 e ampliato la produzione alla stampa di libri, piana e in rotativa, sembra stia vivendo un momento di crisi finanziaria. Tanto che, secondo fonti di mercato, avrebbe pensato di richiedere l’accesso alla procedura del concordato preventivo in continuità aziendale. L’attività era cominciata con la stampa di libri grazie all’installazione di una Timson che sarebbe stata acquistata dalla ex Milano Stampa. A questa si sarebbero aggiunte una KBA a foglio e due rotative 64 pag ex Satiz (in fase di liquidazione acquisite da Alcon Holding). Con queste macchine Webprint ha avuto riscontri dal mercato tanto da aumentare a una trentina i dipendenti e toccare un fatturato di circa 5 milioni. Il problema quindi non erano le commesse che continuano a essere stampate, ma la classica crisi finanziaria legata pare anche agli investimenti negli impianti. Da qui sarebbe nata l’esigenza di ricorrere al concordato preventivo anche per individuare eventualmente l’ingresso di un nuovo socio.

15


ilPoliGrafico 179•17

Aziende grafiche Dati di settore Fornitori Istituzioni Associazioni Accordi Eventi Cultu

Da sinistra: Andrea Voltolini (titolare Paperskin), Maurizio Baccolini (responsabile tecnico), Giorgio Galetti (venditore prodotti Scodix e Heidelberg).

Pubbliservice investe in una UV Durst Tau 330 E L’azienda con sede a Parma ha scelto una macchina inkjet UV Tau 330 E per ottimizzare la produzione di basse tirature di etichette per cosmetici, prodotti chimici, detergenti e alimenti. Stefano Salati, presidente di Pubbliservice, ha scoperto Durst dopo lunghe ricerche online: “La UV TAU 330 E ci è parsa la soluzione più adatta. Il rapporto qualità/ prezzo era ottimo considerando il fatto che la stampa a getto di inchiostro UV è diversa dalla stampa a getto di inchiostro, una tecnologia già impiegata in azienda. Una soluzione che offre velocità di stampa e costi dei materiali di consumo più ridotti”. Tau 330 E ha larghezza di stampa di 200 mm o 330 mm, 4 o 5 colori e una velocità di stampa massima di 48 metri lineari/min a una risoluzione massima di 1260 dpi.

Da sinistra: Florian Koessler (Durst), Filippo e Stefano Salati, l’operatore stampa di Pubbliservice.

Paperskin amplia la nobilitazione con Scodix Specializzata in servizi di nobilitazione conto terzi dal 1983, Paperskin ha da poco installato un sistema Scodix Ultra Pro Foil. Alla base dell’investimento la decisione del management di offrire alla propria clientela un servizio di nobilitazione anche su piccole tirature o lavorazioni con un timing particolarmente ristretto. Dopo aver vagliato le possibilità offerte dal mercato, Paperskin ha scelto Scodix Ultra Pro Foil, distribuita sul territorio nazionale da Heidelberg Italia. A far propendere l’azienda con sede a Moncalieri (TO), la combinazione di tecnologia digitale e robustezza strutturale, capace di reggere doppi o tripli turni.

Pensato a partire dalle esigenze di tipografie, print buyer e agenzie di comunicazione, Printered è un progetto nato da un’idea coraggiosa: mettere a disposizione del web un’esperienza trentennale nel settore della stampa offset e roto-offset, senza rinunciare alla qualità. L’approccio di Printered ricalca la visione degli artwork realizzati ad hoc dal grafico e calligrafo Luca Barcellona: unire tecniche e maestranze antiche con innovazione e rapidità. Molti i plus gratuiti che fanno di Printered il partner ideale per tutti i professionisti del settore: consegna veloce gratuita, verifica dei file di stampa da parte di un operatore esperto, spazio cloud dedicato per l’archiviazione dei file dei 16

clienti e servizio di spedizione 100% anonima su richiesta. È possibile inoltre richiedere il catalogo Printered e i campionari carte personalizzati con il logo della propria azienda. Il Servizio Clienti dedicato allo 02.947.509.39, il form online o la mail - info@printered.it sono a disposizione dei clienti per preventivi personalizzati o per ogni altra richiesta. “I risultati arrivano quasi sempre dopo l’ultimo giro, dopo l’ultimo chilometro, dopo l’ultima pagina. Quando vedi il traguardo, non puoi fare passi falsi. Qualunque sia il tuo progetto, portalo a termine con qualcuno di cui ti fidi”. Printered è un bel progetto italiano, un esempio di dinamismo nel mondo della stampa online che merita di essere subito messo alla prova.

comunicazione d’impresa

Nasce Printered: la stampa online per i professionisti del settore


Terza linea di brossura Corona C15 per Rotolito Un considerevole incremento dei volumi di stampa sono previsti per i prossimi tre anni da Rotolito Lombarda che ogni anno realizza, nei suoi cinque stabilimenti, milioni di prodotti editoriali e commerciali. Emanuele Bandecchi, sales & marketing director dell’azienda fondata nel 1976 dal padre Paolo, attribuisce questo risultato ad alcuni punti fondamentali: “Il recente potenziamento delle nostre capacità produttive per quanto riguarda gli impianti e l’organizzazione di tutto il flusso di lavoro ha rafforzato la nostra posizione

sul mercato europeo. La possibilità di utilizzare il sistema di stampa più adatto per ciascun prodotto ci permette di offrire ai nostri numerosi clienti distribuiti in tutta Europa e Nord Africa la soluzione migliore in termini di prezzo e qualità. Inoltre cresce la domanda di prodotti a maggior valore”. Special Editions, che Emanuele Bandecchi definisce “prodotti con effetto sensazionale”, includono cataloghi di lusso realizzati con carta e copertine accattivanti, fumetti da collezione contenuti in scatole in legno.

Dalla fine del 2016, per la produzione di testi brossurati Rotolito Lombarda ha messo in funzione nello stabilimento di Pioltello una terza brossuratrice Corona C15 Müller Martini, dotata di raccoglitrice a 12 stazioni, sega di separazione, due trilaterali Orbit, due impilatori contatori di libri CB 18 e pallettizzatore Pluton di Solema. L’impianto va ad aggiungersi a due linee di brossura dello stesso tipo in uso a Pioltello da molti anni e permette una doppia produzione con tirature comprese tra le 3.000 e i 2 milioni di copie per titolo.

Nuova Speedmaster per Favillini Da soli sei mesi la nuova offset a foglio Heidelberg Speedmaster XL 106 6LX2 lavora presso gli stabilimenti livornesi di Favillini Pharmaceutical Packaging, ma il management dell’azienda è già più che soddisfatto dell’investimento realizzato. Un bisogno di incrementare il proprio parco macchine che Favillini ha evidenziato in particolare per la gestione di micro e medi lotti di elevata qualità con l’aggravante dei continui lavaggi dei gruppi stampa, una necessità, visto che la gestione di lavori che richiedono la stampa di quattro, cinque o addirittura sei Pantoni contemporaneamente richiede un cambio colori costante. Il sistema installato pre-

senta svariate innovazioni. AutoPlate Pro sfrutta la diversa angolazione della ganascia del cilindro lastra per effettuare un cambio lastre completamente automatico in solo un minuto e 53”. Il sistema Hycolor Multidrive esegue per ogni gruppo stampa diverse operazioni mantenendo il treno degli ingranaggi della macchina sempre

inserito: assieme al cambio lastre si effettuano i lavaggi, comprimendo i tempi in maniera significativa. Il sistema di controllo Wallscreen XL 2 permette di lavorare in modalità autonomous printing, processando la coda di lavori in arrivo dalla prestampa, scegliendo il programma di lavoro più veloce e diretto.

Lo spirito innovativo di Nu-Maber ora anche online La rivoluzione digitale coinvolge innanzitutto le aziende e Nu-Maber, service di prestampa flexo, ha trasformato questa tendenza in vere opportunità per il cliente. Dalla scrivania come da ogni dispositivo mobile è possibile informarsi sulle ultime tendenze della flexo collegandosi al profilo LinkedIN aziendale, leggendo le ultime news dal blog oppure ricevendo la newsletter che fa recapitare tutte le novità sulla casella di posta. Oggi per il BtoB Nu-Maber offre gratuitamente ai propri clienti lo spazio FTP per condividere i file utili alla realizzazione dei fotopolimeri flexo digitali, delle lastre flexo AWP all’acqua, delle lastre flexo Kodak Flexcel NX oppure per realizzare le direct sleeve, le maniche in elastomero incise. Nu-Maber mette a disposizione online il preventivo per le direct sleeve e le maniche incise.

Onlineprinters investe Negli ultimi mesi Onlineprinters ha investito circa cinque milioni di euro nel settore produttivo della sede centrale di Neustadt an der Aisch e un’ingente somma è stata destinata all’acquisto di nuove macchine da stampa. Dopo l’acquisto di un’ulteriore macchina per la stampa digitale HP Indigo 12000 - con l’intento di aumentare il numero delle piccole tirature e la produzione espresso - e di vari macchinari utilizzati per la fase di post-stampa, anche il settore della stampa offset vanterà ora maggiori capacità produttive grazie all’arrivo di una Heidelberg Speedmaster XL 106-8-P 18K.

Anche etichette e sticker di qualità da Pixartprinting Tante le novità in casa Pixartprinting che arricchiscono le due linee di etichette e sticker dedicate al mondo del labelling: nuove possibilità di nobilitazione, scelta tra materiali inediti e carte speciali. Votato all’innovazione tecnologica, l’e-commerce veneziano prosegue nel potenziamento del parco macchine per rendere l’offerta sempre più ampia e competitiva. Da un lato, dunque, soluzioni di stampa e finitura di ultima generazione, come il sistema HP Indigo WS6800, che assicura colori fedeli e brillanti, e Smag Galaxie III, unità modulare di finitura digitale per verniciatura UV protettiva, fustellatura e divisione prodotto in bobine. segue a pag. 90

ilPoliGrafico 179•17

ormazione Fornitori Istituzioni Associazioni Accordi Eventi Cultura Aziende grafiche


ilPoliGrafico 179•17

Aziende grafiche Dati di settore Fornitori Istituzioni Associazioni Accordi Eventi Cultu

Enzo Pattaro, presidente di SCEA, con i figli Marina, responsabile qualità, e Mauro, direttore generale.

Sanfaustino Label & Zardini: una Gallus per crescere Alla Sanfaustino Label & Zardini continua l’attuazione del piano industriale che si declina su tre pilastri fondamentali: efficienza operativa, investimenti strutturali e rafforzamento commerciale. A confermarlo l’entrata in funzione della nuova Gallus RCS 430, rotativa dotata di 9 unità, di cui 6 offset, 2 flexo più lamina a caldo o a freddo. Una macchina con possibilità di configurazioni infinite che può inoltre stampare sulla colla dell’etichetta oppure sulla siliconata senza dover utilizzare una croce d’inversione, quindi mantenendo il registro stabile pur producendo ad alta velocità. Nello stabilimento di Marano di Valpolicella sono operative anche 7 semirotative combinate offset, seri, flexo, lamine, tutte Gallus TCS 250 ed ECS 340, macchine adatte per la produzione di etichette d’eccellenza.

PRT sceglie Ricoh Poligrafico Roggero & Tortia (PRT) ha scelto la soluzione inkjet modulo continuo a colori Ricoh VC60000 per andare oltre il business tradizionale e rafforzarsi ulteriormente nella proposta di servizi per il mondo transazionale e del direct mailing. Fondata nel 1921 come azienda di arti grafiche e stampa, PRT è oggi in grado di proporre un’offerta a 360° nell’ambito dell’output management, con servizi che vanno dal direct mailing al transpromo, al digital marketing. Pro VC60000, soluzione inkjet a modulo continuo a colori con inchiostro multi-drop, offre risoluzione di 1200x1200 dpi, con gocce di dimensione variabile a livello del singolo pixel. Il piano di investimenti del gruppo torinese sembra però non essere finito. L’industrializzazione e automatizzazione dei processi si dice che sarà presto ancor più rafforzata grazie a nuove installazioni sul fronte del finishing e delle linee di imbustamento.

Tic Tac: con Epson cresce il business delle etichette

18

1.600.000 etichette prodotte in sei mesi per oltre 600 clienti in vari settori: la Epson SurePress L-4033AW ha permesso a Tic Tac di ampliare l’offerta dei prodotti entrando in un nuovo mercato. Con risultati ottimi, soprattutto se si considera che l’azienda di Thiene (VI) che vende i propri stampati solo tramite il sito Internet ed è specializzata nel grande formato, ha deciso di entrare nel mondo delle etichette all’inizio di quest’anno. Un’altra motivazione che ha portato l’azienda a scegliere questa soluzione è la tecnologia a base acqua degli inchiostri, che permette di ridurre l’impatto ambientale ed elimina il bisogno di utilizzare prodotti chimici per trattamenti o rivestimenti.

SCEA investe nella tecnologia rotocalco Bobst SCEA è una realtà industriale di primo piano nel panorama italiano dei produttori di imballaggio flessibile. Fondata nel 1977 a Verona, dal 2008 opera da un nuovo stabilimento situato a Zevio, alle porte della città, in grado di ospitare un parco macchine più vasto volto a soddisfare l’esigenza di aumentare la capacità produttiva installata in stampa rotocalco e flessografica, accoppiamento, taglio-ribobinatura e termoformatura. La produzione annuale dell’azienda, attorno alle

3.000 tonnellate di merce all’anno, è rivolta a una vasta clientela nazionale e internazionale e comprende imballaggi flessibili principalmente per il settore alimentare, etichette, piatti e vassoi monouso. Per incrementare la capacità produttiva del reparto rotocalco e beneficiare dai vantaggi offerti dalla tecnologia di ultima generazione in materia di riduzione dei costi e prestazioni dell’impianto, SCEA ha scelto una rotativa rotocalco Bobst

RS 4003MP installata nel 2016. Configurata con cilindri shaftless, la macchina, con larghezza di stampa di 1350 mm, si contraddistingue per le caratteristiche di flessibilità, di rapidità del cambio lavoro e per la capacità di stampare ad alta velocità una tipologia molto ampia di film per imballaggio. A pochi mesi dall’avvio, la Bobst si è confermata la soluzione giusta per soddisfare i requisiti in materia di qualità di stampa, efficienza operativa e flessibilità.

Brossuratrice Müller Martini per Grafica Metelliana L’investimento in una brossuratrice Pantera ha permesso a Grafica Metelliana, con sede nei pressi di Salerno, di acquisire il controllo dell’intero processo per la produzione di libri brossurati. Impilare le segnature stampate e piegate, caricare i pallet su autocarro, effettuare il trasporto a una legatoria, discutere con l’azienda partner esterna in merito alle capacità disponibili delle macchine, scadenze e requisiti di qualità: finora il processo per la produzione di libri brossurati non poteva certo definirsi ideale. Ora le cose sono cambiate. La messa in funzione di una Pantera di Müller Martini, la prima brossuratrice in 26 anni di esistenza

dell’azienda, ha infatti ridotto il workflow della carta nel capannone di produzione a pochi metri e a un numero limitato di ore. Secondo il CEO e comproprietario Gerardo Di Agostino, il fatto che l’azienda grafica, che si occupa di stampa offset in piano (il 2% in digitale) e confezionamento, possa ora produrre internamente non solo stampati realizzati mediante

accavallatura-cucitura, ma anche brossurati e cuciti a filo refe, grazie al contestuale investimento in una Ventura MC 160, non assicura solo notevoli vantaggi logistici. «Passare alla brossura inhouse ci ha garantito la gestione dell’intera catena di creazione di valore aggiunto dei nostri libri e un miglioramento in termini di controllo delle scadenze e della qualità».


Poltrone Eventi Premi Imballaggio Carta Fornitori

Continua crescita per Koenig & Bauer Koenig & Bauer riporta un andamento positivo degli affari anche nel secondo trimestre 2017. “I successi ottenuti a Print China, a Interpack e a Metpack hanno consentito di ottenere un incremento degli ordinativi rispetto all’anno scorso sui mercati del packaging per la stampa di cartone, litolatta, codifica e vetro/ corpi cavi. Nonostante questo incremento e l’espansione del settore assistenza, gli ordini pari a 601,9 milioni di euro sono rimasti lievemente sotto al valore dell’anno precedente (618,8 milioni), influenzati da importanti commesse per carte valori”, ha spiegato il CEO Claus Bolza-Schünemann.

Con un fatturato del gruppo di 538,9 milioni, leggermente inferiore a quello dell’anno precedente causa consegne, il pacchetto di ordini di 620,5 milioni è rimasto elevato. “Oltre alla continua crescita del settore assistenza, dovrebbero contribuire a una crescita sostenibile e redditizia della nostra azienda soprattutto le nostre solu-

zioni di stampa, finitura e successiva elaborazione di packaging attuali e nuove nonché le nostre applicazioni industriali di stampa digitale”. Grazie a un maggior numero di interventi di assistenza e commesse per impianti in formato medio, nel segmento a foglio gli ordinativi sono cresciuti del 12,2% portandosi a 326,3 milioni.

Xeikon abbandona il progetto Trillium Il progetto Trillium è purtroppo giunto al capolinea. Lo ha annunciato Xeikon che, in collaborazione con Miyakoshi, aveva presentato in anteprima a drupa 2016 la Trillium One, il primo esemplare basato su tecnologia a toner liquido, con una velocità di 60 m/ min a 1.200 dpi e una larghezza di stampa di 500 mm, pensato per la realizzazione di materiali di direct marketing e di cataloghi ma potenzialmente adatto anche ad altri mercati. La decisione è stata presa in seguito alle moltepli-

ci difficoltà incontrate nell’introdurre tale soluzione sul mercato. I problemi non risolti – come ha dichiarato il management dell’azienda di proprietà del Gruppo Flint – non erano legati alla qualità di stampa, bensì alla produttività. Problemi di natura tecnologica probabilmente

risolvibili, ma a fronte di investimenti economici che si sarebbero ripercossi sul costo finale dell’attrezzatura. L’azienda belga ha pertanto optato di rifocalizzare risorse e impegno in altre aree, con l’obiettivo di fornire ai clienti sempre soluzioni di alta qualità.

19


ilPoliGrafico 179•17

Fornitori Dati di settore Istituzioni Associazioni Accordi Eventi Cultura Formazione

Nuovo managing director in DS Smith A partire dallo scorso 1° settembre Federico Dossena è il nuovo managing director di DS Smith Recycling per i mercati italiano, spagnolo e francese. Farà capo a Jochen Behr, head of Recycling. Forte di un’esperienza di lungo corso che lo ha visto, all’interno di UPM, arrivare a ricoprire il ruolo di head of Direct Sourcing RCP (Recycled Paper) Purchase Europe, Dossena vanta estese relazioni internazionali, soprattutto in Germania e Finlandia. Suo compito sarà far crescere ulteriormente DS Smith Recycling nei mercati a lui affidati, proseguendo il lavoro fatto dal suo predecessore per Spagna e Francia, Achim Wise, attuale managing director Germany & Benelux. Inoltre, a partire dal 1° novembre, Federico Dossena lavorerà a stretto contatto con Giovanni Malloggi, managing director Italy, con focus sul mercato del riciclo in Italia, per poi succedere in questo ruolo al collega, che l’anno prossimo andrà in pensione dopo 42 anni nel settore.

Aumenta il prezzo delle lastre Fujifilm e Kodak Nel corso degli ultimi 12 mesi il costo in euro dell’alluminio grezzo è aumentato di oltre il 20% e, al tempo stesso, sono rincarate altre materie prime utilizzate nella produzione delle lastre offset, come i prodotti chimici e i materiali di confezionamento. Questo trend ha costretto i principali produttori di lastre, tra cui Fujifilm e Kodak, ad aumentare i prezzi delle lastre. Il rialzo attuato da Fujifilm, già a partire dallo scorso 1° settembre, è pari al 10% massimo, mentre l’aumento annunciato da Kodak potrà arrivare sino al 9% a seconda dei prodotti e delle aree geografiche.

Polyedra nel digitale con HP

20

Polyedra e HP Italia hanno stipulato un accordo di collaborazione commerciale per la vendita dei sistemi di stampa HP Latex (serie 300, 500 e Print & Cut) e HP PageWide per il mercato grafico su tutto il territorio nazionale. Questa partnership consolida la direzione intrapresa da Polyedra – parte del gruppo Lecta – che vuole essere protagonista anche nel mercato della stampa digitale e delle sue tecnologie oltre che dei materiali di consumo. Polyedra si conferma partner commerciale di riferimento nel mondo della stampa grazie alla propria organizzazione di vendita e alla struttura commerciale e logistica altamente efficiente, che permetterà di rispondere con prontezza e competenza alle necessità dei clienti, offrendo soluzioni tecnologiche innovative e incentrate sulle specifiche esigenze di business.

Mega ordine ad HP per stampa di libri in digitale HP ha siglato un ordine ‘multi million dollar’ con Lighting Source LLC, società statunitense di print-on-demand, parte di Ingram Content Group. Il risultato – dichiarano – trasformerà i modelli di distribuzione e vendita dei libri in tutto il mondo. L’accordo è il più grande di sempre per la Graphic Business di HP che consegnerà 24 HP PageWide T240 HD a colori e b/n a cinque stabilimenti Lighting Source LLC in tre continenti. Il comunicato evidenzia che questo accordo va nella direzione della trasformazione delle tecnologie di stampa da analogiche a digitali e che sia HP che Ingram continueranno a fornire strumenti

agli editori per dar modo a loro di connettersi con i propri clienti con nuove e innovative modalità. “Questo accordo dimostra che la crescita della stampa digitale non solo continua ma accelera. Lo scorso mese abbiamo annunciato un accordo quinquennale con Shutterfly, produttore e distributore digitale di prodotti e servizi di alta qualità personalizzati e ora rendiamo pubblico questo contratto settennale con un leader della distribuzione di contenuti”, ha detto Enrique Lores, presidente di HP Imaging & Printing Business. “La nostra missione è di semplificare la distribuzione dei contenuti garantendo ai nostri

clienti la più alta qualità di stampa grazie a modelli di produzione ad alta velocità ed efficienza” ha affermato Shawn Morin, CEO e presidente di Ingram Content Group. “Inserendo le HP PageWide nei nostri stabilimenti saremo in grado di servire i nostri clienti dando loro molte più opzioni”. HP è leader nella rivoluzione digitale e oggi i clienti delle PageWide stampano complessivamente 5,5 miliardi di pagine al mese. La crescita di questo numero anno su anno è stata nel 2017 di oltre il 15%. I clienti di HP PageWide hanno stampato oltre 250 miliardi di pagine da quando questa tecnologia è stata introdotta.

Premiata la tecnologia della Komori Impremia IS29 UV Per la quarta volta nella storia Komori si è aggiudicata il prestigioso InterTech Technology Award, un premio americano creato nel 1978, il cui obiettivo è di individuare le tecnologie destinate ad avere un impatto nel mondo delle arti grafiche. Dopo averlo conseguito per il cambio lastre automatico (APC), per la offset Lithrone S40 e per l’innovativo sistema di essiccazione H-UV, questa volta il produttore nipponico è stato premiato per la macchina inkjet UV a foglio, f.to 585x750 mm, sviluppata insieme

La macchina di Komori era in mostra alla scorsa drupa 2016.

a Konica Minolta. La macchina stampa in quadricromia su un’ampia gamma di supporti, alla velocità di 3.000 fogli/ ora in bianca e 1.500 in b/v, a una risoluzione di 1.200 dpi. Tra le caratteristiche chiave, il fatto di poter stampare su carte offset standard senza richiedere

un primer e l’essiccazione rapida dell’inchiostro che permette di stampare in b/v senza effetti di controstampa e di procedere senza tempi morti con le lavorazioni di finishing. Impremia IS29 è adatta non solo alla stampa commerciale, ma anche alla stampa di packaging.


Formazione

Primo

piano

Aziende

Poltrone

Premi

Imballaggio

Carta

Eventi

Franco Bologna (a destra) premia Francesco Vaia, responsabile marketing dell’azienda.

Manifattura del Seveso festeggia 100 anni ... Nella splendida cornice di Villa Erba a Cernobbio, sul lago di Como, Manifattura del Seveso ha festeggiato i suoi primi cent’anni di vita alla presenza di oltre 300 invitati. L’evento si è svolto in due differenti location. All’interno del parco, dove sorge il centro internazionale esposizioni e congressi, ha avuto luogo la parte istituzionale dell’iniziativa. Il Ceo Franco Bologna è intervenuto subito dopo un video emozionale sulle vicende dell’azienda, tracciando la storia di quattro generazioni alla guida di questa realtà, leader nella produzione di tessuti

tecnici, fra cui quelli utilizzati in editoria per la comunicazione e per il packaging di lusso. Il lungo percorso di vita di questa azienda, simbolo dell’imprenditoria italiana, viene ricordato in uno splendido libro cartonato in formato 310x265, dal peso di 3,5 Kg, di 245 pagine in carta uso mano da 170 g, naturalmente con copertina in tela, risguardi pure in tela e 10 tavole accoppiate in tessuto Cialux, marchio MdS leader nel mercato dei rivestimenti per edizioni. Il libro, prodotto per l’occasione, è stato dona-

ilPoliGrafico 179•17

ura

... il Gruppo Masserdotti 50 to a tutti i partecipanti. Alla presenza del ministro dell’Istruzione Valeria Fedeli, Franco Bologna ha poi premiato tre importanti professionalità che hanno contribuito alla storia di questa impresa: il past president Pierfrancesco Bologna, Gianni Maccabelli e Francesco Vaia. Gli ospiti si sono poi trasferiti nelle splendide sale della villa, che fu di Luchino Visconti, dove hanno trascorso piacevoli momenti di intrattenimento, allietati da musica dal vivo e da un ricco menù concluso con la torta dei cent’anni.

Nel garage di casa, nel 1967 un giovane Andrea Masserdotti pone le fondamenta di quella che a 50 anni di distanza è una delle realtà più apprezzate nel panorama della visual communication. “Da allora non ci siamo mai fermati”, racconta il figlio Alberto, da alcuni anni alla guida in qualità di CEO. “Innovazione chiama innovazione e dopo essere stati pionieri della stampa digitale in Italia con la prima 3M Scotchprint, siamo ora tra i precursori del digital signage con una società e un e-shop dedicati”. Con oltre 40 dipendenti, Gruppo Masserdotti sta evolvendo da azienda padronale a holding con struttura manageriale in seguito alla nascita di Domino Sistemi Srl (2011), specializzata nello sviluppo di soluzioni tecnologiche per la comunicazione visiva. Oggi le due realtà convivono sinergicamente e Masserdotti festeggia i 50 anni con tre novità: il trasferimento in una sede più grande, l’ampliamento del parco macchine e l’ingresso nella compagine societaria di Marcello Lamperti, general manager del Gruppo (a sinistra nella foto con Alberto Masserdotti).

21


ilPoliGrafico 179•17

Istituzioni

Dati

di

settore

Fornitori

Print4All, il progetto prende sempre più forma Una proposta espositiva tutta nuova, pensata e costruita in stretta collaborazione con il mercato, per offrire interessanti occasioni di business e networking ai produttori, ma anche un’opportunità agli stampatori, ai brand owner e ai creativi, che in fiera troveranno spunti, idee, momenti di confronto per guardare con occhi diversi alle nuove proposte del printing. Print4All si svolgerà a Fiera Milano dal 29 maggio all’1 giugno 2018 e sarà l’occasione non solo per vedere riunite in un unico evento tutte le soluzioni di stampa e converting su ogni tipo di supporto e per qualunque esigenza commerciale, produttiva e di comunicazione, ma anche, attraverso un ricco programma di convegni, workshop e iniziative, per avere una visione completa del ruolo e delle potenzialità della stampa in ogni fase del customer. L’evento risponde all’esigenza di identificare un momento di aggregazione e confronto in un mercato che guarda sempre di più all’integrazione tra i diversi ambiti della stampa e che deve affrontare le richieste di una clientela sempre più esigente in termini di tempi, costi e originalità del lavoro, senza dimenticare la qualità. A garantire per primi il reale legame con il mercato, sono gli ideatori di Print4All: Acimga e Argi, le due associazioni che rappresentano, rispettivamente, i costruttori italiani ed esteri di macchine per la stampa e la trasformazione, e 4IT Group, azienda che da oltre 10 anni osserva i mercati dell’Industria Grafica e della Comunicazione. Organizzatore è Fiera Milano, leader in Italia nell’organizzazione di manifestazioni fieristiche. Ulteriore impulso arriva dagli Steering Commettee, gruppi di lavoro ideati con l’obiettivo di aprire un confronto con i maggiori player del mercato e rendere sempre più focalizzato il progetto Print4All, identificare i trend più innovativi e comprenderne le possibili applicazioni in ambito fieristico.

22

Sempre con lo scopo di rafforzare il legame della manifestazione con il settore sono stati nominati tre Ambassador (sopra, da sinistra, Alberto Palaveri, Joseph Marsanasco, Alberto Masserdotti), manager e imprenditori provenienti da aziende rappresentative di ciascuna delle anime che compongono la manifestazione, che rappresentano l’anello di congiunzione ideale con il settore e gli utilizzatori e avranno il compito di accreditare e veicolare i messaggi chiave della manifestazione e le opportunità che, attraverso il progetto Print4All, vengono messe a disposizione degli operatori del printing.

Associazioni

Accordi

Eventi

Cultura

Gli italiani e la lettura di quotidiani e periodici La ricerca Audipress, che dallo scorso gennaio rileva la lettura di quotidiani e periodici mediante un’indagine single source, conferma la capacità della stampa di conservare importanti volumi di contatto, in un mercato complesso per i contenuti certificati. Il bisogno di informazione di qualità coinvolge ogni mese quasi 43 milioni di italiani (+14 anni), che scelgono la fruizione dei titoli stampa su carta e/o in formato digitale. Nello scenario del consu-

mo dei prodotti editoriali, ogni giorno si raggiungono in media quasi 26 milioni di letture per i quotidiani (per 17.239.000 lettori), ogni settimana quasi 25 milioni di letture per le testate settimanali (per 14.764.000 lettori) e ogni mese quasi 23 milioni di letture per le testate mensili (per 13.087.000 lettori). Dai macro dati di scenario fino ai livelli di dettaglio, l’indagine offre dati analitici che consentono di analizzare le abitudini

di consumo dell’informazione attraverso la stampa e comprendere le caratteristiche dei lettori, permettendo di cogliere le caratteristiche proprie di ciascun segmento editoriale e dei vari target di popolazione. È stato avviato inoltre un percorso che prevede per l’indagine Audipress un nuovo appuntamento di approfondimento degli aspetti qualitativi della stampa, che affianca la rilevazione quantitativa dei dati di lettura.

L’industria cartaria pronta alla sfida dell’economia circolare In Italia presto si produrrà più carta per imballaggio (già ora il trend è in crescita) e si riciclerà di più, in linea con gli sviluppi dell’economia circolare. Ma la carta da riciclare, soprattutto quella legata alla raccolta urbana, non è una materia prima pura e il processo di riciclo comporta scarti di processo. Recuperarne il potenziale energetico significa competitività, incrementare il tasso di circolarità e benefici in termini di bolletta energetica. Magari con siti a piè di fabbrica come negli altri Stati europei e sempre in linea con le migliori tecnologie individuate dalle direttive UE. Assocarta chiede quindi con urgenza alle amministrazioni regionali impegni concreti per la gestione degli scarti del

processo di riciclo: essi non sono null’altro che rifiuti urbani che finiscono nella raccolta differenziata della carta anche per effetto delle politiche di differenziazione sempre più spinte. L’industria cartaria italiana ha investito sulla riconversione di impianti produttivi che produrranno, a partire dal 2018, non più carte per uso grafico ma carte per imballaggio (cartone ondulato) con un incremento di circa 900.000 tonnellate portando la produzione a oltre 3 mi-

lioni l’anno, soddisfacendo così la richiesta domestica. In questo modo si ridurrà l’import di bobine di carta e si ridurrà l’export di carta da riciclare. Ciò significherà portare l’utilizzo della carta da riciclare dalle attuali 4,9 milioni di tonnellate complessive annue alla soglia dei 6 milioni, riducendo drasticamente l’export verso i Paesi asiatici. Ogni anno, a fronte di 4,9 milioni di tonnellate di carte riciclate, l’industria cartaria produce scarti dal processo di riciclo pari a circa 300 mila tonnellate (rapporto 1:18) che derivano primariamente dalla componente urbana della raccolta (3 milioni di tonnellate/6,3 milioni di tonnellate di raccolta nel 2016) con più impurità rispetto alla raccolta da pre e post consumer.

Forma


PRINTERED.IT

Designed by Luca Barcellona Printered non è solo una tipografia online. È anche un partner che offre lo storage dei file di stampa per facilitare ristampe e archiviazione. Velocità e puntualità di consegna in tutta Italia con corriere espresso e un servizio di consegna unbranded per operazioni di intermediazione. Mettici alla prova e scoprirai che non siamo affidabili solo sulla carta. Contattaci subito su printered.it e seguici su facebook.


PRODUTTIVITÀ SENZA PARI

MASTERFOLD 75 I 110

NUOVA

Per raggiungere i più alti livelli di produttività, nulla è paragonabile alla nuova MASTERFOLD. Più automazione e soluzioni ergonomiche che semplificano il processo significano impostazioni più veloci, maggiore disponibilità macchina e molte più scatole prodotte ad ogni turno di lavoro. La produttività della macchina e la qualità delle scatole aumentano ancora di più se la piega-incollatrice è in linea con le nuove periferiche EASYFEEDER/BATCH INVERTER 4 e CARTONPACK 4. Ecco come anche la macchina più performante può essere migliorata: - Tempi di regolazione ridotti del 15% - Produttività incrementata del 10% - Costi di esercizio ridotti Per chi vuole solo il meglio, la nuova MASTERFOLD coglie nel segno.

www.bobst.com


speciale legatoria

speciale

legatoria INDICE DEI CONTENUTI Incontri: Legatoria Rotolito Lombarda... pag 26 Il punto di vista dei fornitori................ pag 31 Il punto di vista dei web to print.......... pag 40 Quando legare è anche nobilitare........ pag 45 Intervista a... Tosingraf....................... pag 50 Intervista a... Tecnau......................... pag 52

IL PROSSIMO SPECIALE SARÀ DEDICATO ALL’ESSICCAZIONE UV E UV LED


ilPoliGrafico 179•17

speciale

Legatoria Rotolito Lombarda

Quando la legatoria diventa 4.0 di Achille Perego

26

È stato uno dei primi fra i grandi gruppi della stampa italiana a capire l’importanza della legatoria. Ovvero, avere in casa quello che potremmo definire ‘l’ultimo processo’ della catena produttiva delle aziende grafiche. E così, quando molte altre aziende concorrenti – considerando il finishing un orpello oneroso e non gratificante – esternalizzavano questa lavorazione, avendo la possibilità di scegliere tra innumerevoli legatorie presenti allora sul mercato, Rotolito decise invece di potenziarla acquisendo a fine anni Novanta la Legatoria Ferrari di Capriate, e oggi, con l’altra legatoria operativa nella sede di Seggiano di Pioltello, il gruppo, che fa capo a Paolo Bandecchi, può vantare su questo fronte una delle più importanti capacità produttive non solo in Italia ma anche in Europa. Quello che Davide Dei Rossi, direttore generale e responsabile delle legatorie Rotolito, definisce “un valore aggiunto” per Rotolito (a cui fa capo anche Nava Press) specialmente nella nuova stagione dell’Industria 4.0, e quindi dei processi produttivi automatizzati e digitalizzati. Dobbiamo considerare e tener conto che negli ultimi 15 anni abbiamo assistito a una moria sempre più crescente di aziende di pura legatoria e anche miste: vedi Legatoria Vittoria, Lil, Legatoria Padana, Torriani, Garzanti, Stianti, Lonati, Legatoria del Verbano, Lem, Interlitho e tante altre realtà con dimensioni più o meno ridotte che sono state schiacciate da prezzi di

Oggi avere in casa la legatoria è strategico, anzi indispensabile. Lo ha capito da tempo il gruppo guidato da Paolo Bandecchi che, invece di esternalizzare l’ultimo processo della catena produttiva, ha deciso di investirvi, acquisendo un’azienda e vantando oggi una delle più importanti capacità produttive non solo in Italia ma anche in Europa.

mercato sempre più bassi con scarsa produttività e utilizzando macchinari obsoleti e con personale non formato. “In questo senso Rotolito è stata più lungimirante” e oggi ne ricava i benefici perché si può essere bravissimi nella fase di stampa ma, tenendo anche conto dell’evoluzione del mercato, della tempistica degli ordini, della flessibilità delle consegne, adesso “avere in casa la legatoria è oltre che strategico, oserei dire indispensabile, perché i clienti richiedono tempi di produzione sempre più stringenti, specialmente per aziende come la nostra che operano prevalentemente su mercati esteri”. Per questo negli anni Rotolito Lombarda ha investito sempre di più nel finishing integrandolo, anticipando proprio il concetto dell’Industria 4.0, nella fase produttiva tanto che tutti e cinque gli stabilimenti del gruppo (legatorie comprese) sono ormai collegati fra loro e ‘si parlano’.

Ma qual è oggi la realtà del finishing di Rotolito Lombarda? A Seggiano di Pioltello – spiega Dei Rossi – lavorano una cinquantina di persone che si aggiungono alle 120 di Capriate dove sono in funzione due linee di brossura, una Corona di Müller Martini con 12 stazioni per la brossura fresata con alimentatore per il blocco cucito, una linea automatica per confezionare


specialelegatoria

Pioltello, e che può richiedere, penso per esempio ai cataloghi delle griffe del lusso, anche la finitura in cartonato. Ci vengono richieste anche lavorazioni speciali e prodotti che abbiamo iniziato a realizzare da pochi mesi creando proprio nello stabilimento di Nava Press una divisione dedicata al packaging e alle lavorazioni di cartotecnica, sulla quale stiamo investendo molto sia in termini di risorse umane sia di macchinari dedicati.

In pratica, siete in grado di rispondere a qualsiasi esigenza.

volumi brossurati con alette a filo, pallettizzatore automatico e possibilità di lavorazione in doppio e una linea Bolero con la medesima configurazione. Sempre a Capriate abbiamo cinque linee di cucitura Meccanotecnica e due linee di incassatura, una Müller Martini Diamant e una Kolbus, alle quali si aggiungono due linee di punto metallico.

E a Seggiano di Pioltello? In questa sede disponiamo di tre linee Corona Müller Martini, due installate nel 2010 e la terza messa in produzione a febbraio di quest’anno con un investimento di 3,5 milioni di euro. Quest’ultima è una linea di ultimissima generazione per la brossura fresata impiegata per riviste, cataloghi, libri scolastici destinati soprattutto al mercato estero, mentre in Italia per i libri scolastici si preferisce la brossura cucita.

Come si integrano le legatorie con la stampa di Rotolito Lombarda? Lo stabilimento di Capriate serve anche le esigenze di Nava Press che, per il tipo di lavorazioni, destinate in gran parte al mercato del lusso e delle griffe, e quindi di altissima qualità, ha bisogno di un finishing quasi sempre difficoltoso e a volte anche complicato. Un bisogno che, di volta in volta, viene esaudito sia dalla legatoria di Capriate sia da quella di Seggiano di

Si è vero. A partire dalla brossura fresata che viene preferita dagli editori di magazine a larga diffusione alla brossura cucita con filo refe, più diffusa nell’editoria scolastica in quanto molto più resistente a una consultazione frequente in grado di garantire una migliore tenuta delle pagine, così come nella confezione di cataloghi perché anche in questo caso devono essere resistenti a un uso continuativo.

Come sta cambiando il processo della legatoria? Il trend è quello di avere meno costi e di ridurre sempre più le lavorazioni manuali grazie alla logistica e all’automazione. Del resto, se si stampano 50 mila copie di un libro cartonato di 800 pagine, il tempo dedicato alla stampa è sensibilmente inferiore a quello richiesto dalla legatoria. Ci sono commesse che, a livello di stampa, richiedono un paio di giorni ma quasi un mese per il loro processo di confezionamento.

Come si risponde a queste esigenze? Realizzando un processo produttivo che riduca i tempi di attraversamento tra una lavorazione e l’altra grazie alla programmazione e all’integrazione delle linee all’insegna proprio del concetto di Industria 4.0. Un percorso che incontra non poche difficoltà nel trovare personale adeguato a questi processi e a questi cambiamenti; inoltre, non esistendo scuole di legatoria, è necessario ricorrere, così come facciamo noi, a una doverosa formazione interna.

27


ilPoliGrafico 179•17

speciale etichette

Legatoria Rotolito Lombarda

Parco macchine • 3 taglierine lineari con carico e scarico automatico • 5 piegatrici Müller Martini e MBO • 1 linea di raccolta Kolbus a 24 stazioni • 5 impianti di raccolta e cucitura Multiplex Meccanotecnica • 1 linea di brossura Müller Martini Corona con 21 stazioni per brossura fresata più alimentatore per blocco cucito per brossura cucita e una linea automatica per confezionare volumi brossurati con alette a filo, pallettizzatore automatico • 1 linea di brossura Müller Martini Corona con 15 stazioni per brossura fresata e pallettizzatore automatico • 1 linea di brossura Müller Martini Bolero con 15 stazioni, copertine con alette, trimmer Frontero, blocco libro cucito • 1 linea di brossura Müller Martini Corona con 12 stazioni per brossura fresata più alimentatore per blocco cucito per brossura cucita e una linea automatica per confezionare volumi brossurati con alette a filo, pallettizzatore automatico • 1 linea di brossura Müller Martini Corona con 12 stazioni per brossura fresata più alimentatore per blocco cucito per brossura cucita e una linea automatica per confezionare volumi brossurati, pallettizzatore automatico • 1 linea di taglio e colla poliuretanica (PUR) • 1 linea Müller Martini Bolero più 1 Diamant VBF con linea di incassatura • 1 linea più linea di incassatura Kolbus • linea di brossura Müller Martini Pantera dedicata al confezionamento, in brossura cucita o fresata, di libri prodotti su macchine digitali • 1 macchina per la realizzazione di copertine flessibili • 2 linee di punto metallico da 4 a 8 stazioni • 2 linee per la cellofanatura a copia singola

Come sta evolvendo l’automazione nella legatoria? Diciamo subito che in questo settore non abbiamo assistito negli ultimi anni a grandissime innovazioni tecnologiche. Del resto non esiste un mercato così redditizio da consentire ai produttori forti investimenti in ricerca e sviluppo in questa direzione. Ovviamente è aumentata la velocità degli impianti e la riduzione dei tempi di avviamento. Del resto, se non mi sfugge qualcosa, si può fare lo stesso discorso per la stampa dove la più recente innovazione è stata l’introduzione della stampa digitale sulla quale Rotolito è stata la prima a investire già da diversi anni. Per rispondere alle necessità di confezionamento delle macchine da stampa digitali, nello stabilimento di Pioltello abbiamo installato due linee di piega e confezione del blocco libro, entrambe collegate online alle macchine da stampa digitali. Una linea manroland Foldine è collegata alla HP T480 HD e una Müller Martini Sigmaline è collegata alla HP T360. I blocchi libri prodotti su queste due macchine da stampa digitali a bobina, insieme alle copertine dei libri principalmente prodotte su HP Indigo 10000 e 12000, vengono assemblati, in brossura fresata, su una Müller Martini Pantera. Nella legatoria di Capriate vengono invece confezionati tutti gli stampati cuciti e cartonati.

Come si colloca la legatoria all’interno di un’industria 4.0 qual è e vuole essere anche Rotolito?

28


speciale legatoria

“Il trend è quello di avere meno costi e di ridurre sempre più le lavorazioni manuali grazie alla logistica e all’automazione”

La legatoria non vive di luce propria ma è strettamente collegata all’ultima fase di lavorazione della stampa di libri, riviste, cataloghi ecc. E in questo senso tutte le nuove installazioni, a partire dall’ultima linea di brossura Corona, dialogano tra loro e con il sistema informatico aziendale. In pratica è un sistema in rete che rileva e trasferisce i dati di processo tra tutti e cinque gli stabilimenti del gruppo e ogni giorno sappiamo a livello gestionale quali saranno le copie, le copertine, le segnature che arriveranno nelle due legatorie in uno scambio continuo di dati tra monte e valle con un’informazione automatica digitale che consente di ottenere il massimo in termini di velocità di esecuzione, di flessibilità e di efficienza sui costi.

Dopo l’ultima linea di brossura Corona, quali altri investimenti avete in programma?

Lo stabilimento di Capriate serve anche le esigenze di Nava Press che, per il tipo di lavorazioni, destinate in gran parte al mercato del lusso e delle griffe, e quindi di altissima qualità, ha bisogno di un finishing quasi sempre difficoltoso e a volte anche complicato.

Stiamo installando un magazzino completamente automatizzato a Capriate con capacità di 3.000 posti pallet che entrerà in funzione il prossimo anno. Rotolito già da dieci anni vanta magazzini carta automatizzati. Vogliamo ampliare questa automatizzazione per migliorare il processo anche alle legatorie, non ultimo perché i clienti chiedono anche di tenere il lavoro finito in magazzino facendo stampare più copie per un catalogo o un libro per poi farseli consegnare in tempi diversi, a seconda delle loro necessità.

29


O S C A R D E L L A S TA M PA

DEFINING EXCELLENCE A N C H E Q U E S T ’ A N N O P O R T E R E M O A L L A R I B A LTA L’ E C C E L L E N Z A N E L L A S T A M P A COMMERCIAL PRINTER PACKAGING PRINTER CONVERTER O F F S E T – F L E X O – G R AV U R E – D I G I TA L

CON IL SUPPORTO DI BOBST – CORDENONS – GALLUS – HEIDELBERG – HP – KBA KOLOR + SERVICE – KOMORI – LUXORO – PRINTGRAPH – UTECO

W W W. O S C A R D E L L A S TA M PA . I T


speciale legatoria

Legatoria, il punto di vista dei fornitori Le legatorie, ultimo anello del processo produttivo nell’industria grafica, non sono sicuramente uscite indenni dalla crisi che ha attraversato il settore negli ultimi dieci anni. Anzi, per rimanere competitive hanno dovuto cambiare modello di business, cercando di diversificare la produzione e offrire sempre di più lavorazioni alternative: alcune si sono specializzate nella nobilitazione degli stampati, altre stanno guardando con interesse al mondo del packaging, altre ancora si sono dedicate alla produzione di libri con formati fuori dagli standard e con lavorazioni particolari. E per rimanere competitive – siano esse legatorie “stand alone” o integrate in un’azienda grafica a ciclo completo – l’investimento in nuove tecnologie rimane un “must”. E se queste soluzioni sono state sviluppate in una logica di Industria 4.0 ancora meglio.

di Cristina Rossi

L’offerta della maggior parte dei fornitori, d’altronde, è orientata proprio in questa direzione e ne abbiamo avuto conferma conducendo una breve indagine tra i principali brand oggi specializzati in queste tecnologie. Oggi tutte le fasi di produzione, dalla prestampa al dopostampa, passando naturalmente per la stampa, sono integrate e collegate in rete all’insegna della massima automazione. I clienti sono idealmente nella condizione di poter inviare un ordine o una variazione d’ordine dal proprio sistema gestionale (Management Information System –

MIS) alla macchina in pochi secondi. L’analisi intelligente dei dati, oltre a eliminare eventuali inefficienze ed errori, consente di migliorare tempistiche, organizzazione logistica ed efficienza lungo tutta la catena di produzione, razionalizzando e ottimizzando il flusso di lavoro. Tutto ciò in un contesto interattivo e interconnesso, dove in caso di necessità il check-up delle macchine, l’ag-giornamento e l’assistenza dei sistemi possono essere effettuati in remoto. Queste evoluzioni tecnologiche risultano ancora più importanti se si considera che le tirature della maggior parte dei lavori sono in calo e, soprattutto nel caso della stampa digitale, ci si ritrova a dover gestire in breve tempo e con massima efficienza un maggior numero di commesse nell’arco di una giornata. E per questo alle attrezzature di legatoria è richiesta produttività, affidabilità, ma soprattutto massima flessibilità, in modo da poter gestire prodotti ondemand senza fermi macchina. A ciò si deve aggiungere la semplicità di utilizzo delle macchine, la completa gestione di diversi formati, spessori, tipologie di carta e la possibilità di avere dati e analisi delle performance produttive per il calcolo dei costi. Non meno importante, infine, la certezza che l’investimento abbia una continuità nel post-vendita con affidabilità nel tempo, assistenza e garanzie sulla ricambistica.

31


ilPoliGrafico 179•17

speciale legatoria indagine

1) Il mercato delle arti grafiche ha attraversato fasi di profondo cambiamento negli ultimi anni. Quali sono secondo Lei le tipologie di prodotti e applicazioni maggiormente richiesti?

2) Quali sono le principali caratteristiche tecniche che le soluzioni di legatoria devono possedere per essere più appetibili agli occhi del cliente?

3) Quali sono le vostre strategie legate all’Industria 4.0 e quali le soluzioni tecnologiche che ne rappresentano al meglio la filosofia?

32

baumann italia ALESSANDRO BERGAMIN Baumann Italia

1

Di sicuro il libro è e rimane il prodotto di punta e quello più richiesto. È un dato certo che il mercato editoriale dal 2016 è, seppur con piccoli incrementi, in crescita, dai romanzi gialli ai libri di cucina, ai dizionari. Quindi parliamo di lavorazioni con copertine flessibili e rigide, dove le lavorazioni di nobilitazione delle stesse rendono il prodotto più accattivante. Credo che l’offerta commerciale quali brochure, listini e cataloghi sia allineata alle richieste di aziende che maggiormente esportano il prodotto made in Italy e principalmente al lusso.

2

In questi anni di grande cambiamento del mercato i fornitori di attrezzature per la legatoria hanno cercato di trovare soluzioni sempre più flessibili per soddisfare le esigenze sempre più frequenti di piccole-medie tirature. Dunque macchine dotate di svariati dispositivi, semplici nell’avviamento e non necessariamente velocissime, ma al tempo stesso performanti per quanto riguarda la qualità del prodotto finito e ben accessoriate per poter realizzare lavorazioni diverse. Ad esempio, nell’ambito della produzione dei libri brossurati e cuciti con copertina flessibile le soluzioni tecniche più appetibili sono sicuramente la produzione di un libro con le alette in un unico passaggio, con la possibilità di intercambiare la colla del dorso da Hotmelt a PUR e viceversa senza stop produttivi e riducendo gli scarti. Oltre alla versatilità le attrezzature devono essere il più pos-

System Gamma 4.0

sibile “user friendly” per la massima intercambiabilità operativa. Un’altra caratteristica importante è la possibilità di interconnettere le soluzioni di finishing con il MIS (Management Information System) dell’azienda per poter scambiare dati produttivi, ad esempio attraverso il flusso di lavoro JDF. Wohlenberg sia nel taglio che nella legatura del libro offre svariate possibilità cercando di personalizzare il più possibile le soluzioni richieste dalla clientela.

3

Baumann e Wohlenberg come sempre investono molto nella ricerca e sviluppo di nuove e innovative soluzioni. In questo ambito dell’Industria 4.0 Baumann ha presentato alla scorsa drupa una nuova filosofia di taglio. Si chiama Cutting 4.0, non è un sistema ma un nuovo modo di concepire quanto è ancora possibile migliorare nell’ambito del taglio, unendo l’utilizzo delle ultime tecnologie alla grande esperienza che Baumann ha in questo settore. Performance, flessibilità, qualità e networking saranno le parole guida di questa nuova idea. Il System Gamma 4.0 è il

sistema che sposa in toto questa nuova filosofia. L’idea innovativa e unica di questo sistema di taglio è di poter utilizzare due o più tagliacarte in linea con un sistema di pareggiatura automatica Baumann BASA collegati tra loro grazie a un sistema polmone BMR che conta fino a 20 risme. Il BMR, oltre a regolare le tempistiche diverse tra pareggiatura e taglio, specialmente quando il tempo di taglio è più lungo di quello di pareggiatura, può distribuire i lavori ai vari tagliacarte secondo una logica prioritaria di urgenza, quantità, formati, grammatura ecc. Questo è possibile perché il sistema utilizza una logica di lavoro intelligente che gestisce i dati dei lavori acquisiti via “Datamatrix code”. È un sistema che si colloca benissimo dove ci sono alti volumi di taglio ma con lavori anche di basse tirature che possono stare anche su un solo bancale. La tipologia di clientela sono stampatori di etichette e web printer. Il sistema può essere integrato anche su tagliacarte esistenti di qualsiasi formato e marca.


speciale legatoria

heidelberg zo ariberti

loren

Heidelberg Italia

1

Negli ultimi anni il mercato grafico ha subìto e sta subendo dei cambiamenti radicali, questo ha fatto sì che i prodotti ne risentissero. In ambito commerciale le lavorazioni sono rimaste le stesse. Si continuano a produrre libri, brochure e dépliant, ma sono diminuite drasticamente le quantità, le tempistiche e ovviamente i margini. Le legatorie, che sono posizionate alla fine della filiera produttiva, hanno subìto maggiormente le conseguenze della crisi e la loro tipologia di lavorazione è cambiata. Per rimanere competitive hanno modificato la loro filosofia, sono sempre più alla ricerca di aziende grafiche importanti che permettano loro di avere produzioni continuative con numeri importanti. Infatti volantini e pieghevoli sono sempre più rari. Per rimanere sul mercato le legatorie stanno cercando di diversificare la produzione offrendo sempre di più lavorazioni alternative; alcune si stanno specializzando nella nobilitazione di prodotti, altre stanno guardando al mondo del packaging, altre ancora nel produrre libri con formati fuori dagli standard e con applicazioni particolari.

2

Le caratteristiche tecniche che rendono appetibili le soluzioni di legatoria sono quelle che permettono di avere delle particolarità uniche del prodotto. Ad esempio, il produrre libri con copertine di pelle oppure inserire all’interno pieghevoli particolari, il brossurare tipo-

logie di segnature diverse sia in grammatura che in materiale, senza ovviamente tralasciare la qualità nella produzione. Chiaramente il prodotto finito deve essere privo di malformazioni dovute alla lavorazione. I clienti sono sempre alla ricerca della massima qualità. A completamento non vanno tralasciate le tempistiche produttive, la puntualità nelle consegne.

3

L’Industria 4.0 sta permettendo di aiutare gli investimenti tecnologici nelle industrie grafiche. Heidelberg, grazie al fatto che possiede soluzioni per tutta la filiera produttiva nel mercato grafico, può integrare tutto quello che sono le varie fasi di lavorazione, dalla prestampa al dopostampa passando per la stampa. I clienti stanno reagendo in modo positivo a queste soluzioni, in quanto è assicurata l’integrazione di tutte le lavorazioni nella propria azienda. Nel mondo del dopostampa Heidelberg ha sviluppato dei software che sono in grado di far comunicare attrezzature con la prestampa. I file dei lavori generati vengono inviati a

Tagliacarte Polar (in alto) e piegatrice Stahlfolder.

tagliacarte e piegatrici creando una comunicazione diretta. Alcune legatorie hanno sfruttato l’occasione investendo in piegatrici Stahlfolder e tagliacarte Polar di ultimissima generazione integrandole con il Press room manager di Heidelberg e offrendo ai propri clienti la possibilità di ricevere in anticipo i file di lavorazione dagli stampatori. Il vantaggio è quello di ridurre le tempistiche produttive e avere sempre sotto controllo le varie fasi di lavorazione assicurando così una elevata qualità.

33


ilPoliGrafico 179•17

speciale legatoria indagine

kolbus Vavassori

marcello

Kolbus Italia

1) Il mercato delle arti grafiche ha attraversato fasi di profondo cambiamento negli ultimi anni. Quali sono secondo Lei le tipologie di prodotti e applicazioni maggiormente richiesti?

2) Quali sono le principali caratteristiche tecniche che le soluzioni di legatoria devono possedere per essere più appetibili agli occhi del cliente?

3) Quali sono le vostre strategie legate all’Industria 4.0 e quali le soluzioni tecnologiche che ne rappresentano al meglio la filosofia?

34

1

La diffusione di tecnologie di stampa digitali ha senza dubbio rivoluzionato il modo di pensare il processo produttivo che porta alla realizzazione del prodotto stampato, sia esso un libro cartonato o un catalogo brossurato. La possibilità di stampare dati variabili senza rallentamenti produttivi e indipendentemente dalle tirature ha ampliato enormemente l’offerta di prodotti e servizi che le aziende grafiche possono offrire al cliente finale. Un esempio emblematico è il photobook singolo, un prodotto produttivamente impensabile con tecnologie offset per l’ovvia alta incidenza dei costi fissi, ora accessibile a chiunque. Prodotto personalizzato stampato direttamente dalla rete: questo è il paradigma vincente che ha fatto il successo di aziende come Flyeralarm.

2

La possibilità di personalizzare qualsiasi prodotto indipendentemente dalla tiratura ha inciso drasticamente sulle modalità di finissaggio del prodotto stampato digitalmente. La riduzione delle tirature, fino ad arrivare alla copia singola, richiede un diverso approccio al ciclo produttivo. Automazione volta ad azzerare i tempi di avviamento unitamente al raggiungimento dello standard qualitativo sin dalla prima copia prodotta sono le direttrici entro cui proponiamo differenti soluzioni a seconda delle necessità del cliente. In Kolbus ci piace considerarci fornitori di soluzioni più che costruttori di

macchine. A seconda delle esigenze del cliente il nostro team di consulenti può proporre un pacchetto completo volto all’ottimizzazione dei processi produttivi attraverso la scelta della tecnologia adatta alle singole necessità, partendo dal motore di stampa, passando attraverso software di gestione dei dati per arrivare al finissaggio più consono.

Trilaterale HD-HD 143

Brossuratrice KM200

3

La caratteristica fondamentale dell’Industria 4.0 è l’interattività del sistema di produzione industriale con il sistema gestionale del cliente. Kolbus mette a disposizione una piattaforma modulare in grado di soddisfare qualsiasi flusso di dati sia esso dal MIS (Managment Information System) del cliente alla macchina o viceversa. In concreto: il cliente apre una commessa, diciamo una brossura, in automatico i dati rilevanti alla produzione industriale di questo particolare ordine vengono codificati in formato XML e trasmessi alla nostra piattaforma chiamata Kolbus Host 3.60 e immagazzinati negli hot folder a cui la nostra brossura KM200 accede per caricare automaticamente i parametri produttivi di questa particolare com-

messa. L’avviamento della macchina avviene in totale automazione. Terminata la commessa, la macchina può inviare i dati di produzione (copie prodotte, velocità media, downtime ecc.) al sistema gestionale e logistico del cliente per produzione di documenti di trasporto, fatturazione, consuntivazione. Un esempio per tutti: il nostro trilaterale a settaggio automatico HD-HD 143 è capace di settarsi e cambiare formato in maniera completamente automatica, in un paio di secondi, e tutto ciò attraverso la lettura del codice a barre del prodotto che, identificando un particolare job in un hot folder, permette alla nostra macchina di caricare le informazioni necessarie per la produzione (formato intonso, formato netto, tagli a 1 o 2…).


speciale legatoria

müller martini Volken

bernd

Managing director Southern Europe

1

L’intenso utilizzo di Internet ha fortemente intaccato l’importanza di fonti di informazione quali riviste, opuscoli e cataloghi. Tuttavia l’autenticità richiesta in ambito comunicativo rappresenta uno dei punti di forza assoluti dei mezzi di stampa. I prodotti oggi puntano così al mix tra comunicazione virtuale e comunicazione stampata e questa è la formula che sembra perdurare sul mercato. Le tipologie di prodotto maggiormente richieste sono i prodotti brossurati e cartonati, anche in copia singola (ad esempio i libri fotografici). Il mercato punta alla personalizzazione e sulla base di questa esigenza nel settore degli inserti di giornale, ad esempio, è oggi possibile produrre inserti personalizzati sulla base delle diverse esigenze dei clienti.

2

Il mercato del confezionamento sta attraversando grandi cambiamenti. Aumentano sempre più le piccole tirature, così come le nuove tecnologie, i tempi di produzione si riducono e i costi devono rimanere bassi. Le nostre macchine soddisfano le esigenze di mercato e gli standard di qualità, possono lavorare tutti i tipi di formato e di commesse a basse tirature, fino alla copia singola con sistemi ad alta automatizzazione. Grazie alla tecnologia Motion Control tutte le stazioni vengono impostate in modo rapido e preciso. Le regolazioni di precisione vengono eseguite mentre la macchina è in funzione, consentendo così di risparmiare tempo,

di ridurre i tempi di lavorazione delle commesse, di abbassare i costi e di generare capacità di produzione aggiuntiva. I requisiti degli impianti di brossura, nel settore delle medie prestazioni, ad esempio, sono molto diversificati. Impianto di cartonato Diamant MC

Brossuratrice Alegro Da una parte le commesse devono essere lavorate in modo efficiente ed economico, dall’altra è indispensabile avere un ampio ventaglio di possibilità di lavorazione e impianti come la brossuratrice Vareo, Pantera e Alegro e la linea di cartonato Diamant MC sono in grado di soddisfare queste esigenze in un mercato competitivo. Per le grandi tirature citiamo impianti come la Corona per rendimenti ad alti livelli. Ma accanto agli impianti di brossura, offriamo impianti di accavallatura-cucitura totalmente automatizzati (come Primera MC e Presto II) e un’ampia gamma di trilaterali (Granit, Solit, Frontero, InfiniTrim).

3

Dall’enorme importanza attribuita al fattore tempo nella gestione delle commesse consegue il ruolo sempre maggiore dell’automazione e del collegamento in rete. Oggi non si parla più

di integrazione “dalle operazioni preliminari alla stampa”, ma “dal Management Information System (MIS) alla spedizione”. Questo percorso include praticamente tutte le fasi di produzione: acquisizione dell’ordine, preparazione del lavoro, operazioni di prestampa, confezionamento e spedizione. Solo questo consente a un’azienda di sfruttare pienamente tutti i vantaggi di un collegamento in rete ed eseguire una commessa in modo più semplice, veloce e conveniente in termini di costi. A ciò contribuisce anche il sistema di gestione dei dati e dei processi Connex di Müller Martini: grazie all’automazione completa, i clienti sono idealmente in grado di inviare un ordine o una variazione d’ordine dal MIS o dalla pianificazione della produzione alla macchina in pochi secondi. Ciò rende la produzione non solo più veloce, ma anche più sicura.

35


ilPoliGrafico 179•17

speciale legatoria indagine

multi import trasatti

ivan

Product manager

1

A mio parere le richieste più frequenti che arrivano dal mercato delle arti grafiche sono per attrezzature per il finishing digitale. Anche per soluzioni più avanzate che permettono la finitura dei prodotti che arrivano sia dalla stampa tradizionale che digitale. Ritengo che ci sia una grande attenzione da parte della clientela nella selezione degli investimenti necessari e come poterli sfruttare al meglio.

CP Bourg brossura PUR/EVA

Watkiss punto metallico/ dorso quadro

2

L’affidabilità rimane imprescindibile, così come la robustezza e la flessibilità, i cambi formati super rapidi soprattutto alla luce delle sempre più frequenti richieste di micro-tirature, alte prestazioni, automatismi e formati di carta sfruttabili. Sotto questo punto di vista c’è una crescente richiesta e necessità di attrezzature che possono trattare il formato 50x70 e il classico 35x50 digitale.

3

Prima di tutto attraverso la comunicazione. Anche durante il nostro open house “Professione Finishing” a maggio abbiamo messo in evidenza tutte le soluzioni e tutti i brand da noi rappresentati che progettano e costruiscono attrezzature che rispondono ai requisiti “Industria 4.0”.

Per fare alcuni esempi, posso di sicuro citare CP BOURG, le cui soluzioni di brossura e punto metallico possono lavorare in JDF, sono certificate da tutti i più importanti fornitori di stampa digitale e sono integrabili con la quasi totalità delle stampanti toner ed inkjet. Ugualmente i sistemi di finitura WATKISS per punto metallico a dorso quadro e i book trimmer della CHALLENGE, tutte soluzioni che

possono comunicare con la rete del cliente e che possono avere assistenza in remoto. Anche le soluzioni MULLER rispondono pienamente ai requisiti Industria 4.0, di cui abbiamo installazioni “file base” dal 2013. Lo stesso dicasi per la multifunzione Areocut Prime prodotta da UCHIDA che è perfettamente conforme alle direttive Industria 4.0.

Soluzione di taglio e raccolta 1-4UP da bobina

36


speciale legatoria

neopost

1) Il mercato delle arti grafiche ha attraversato fasi di profondo cambiamento negli ultimi anni. Quali sono secondo Lei le tipologie di prodotti e applicazioni maggiormente richiesti?

aliprandi

giorgia

Product&Communication manager

1

La produzione di stampe è sempre più frammentata e diversificata, si stampa più che nel passato non in quantità ma per numero di commesse. Fermo restando la crescente domanda di applicazioni legate al mondo della cartotecnica e del labelling, che non toccano da vicino Neopost come fornitore, per quanto riguarda la stampa a foglio tra la nostra clientela non vi è un’applicazione più richiesta. Al contrario c’è interesse su tutte le soluzioni di finitura e questo è frutto della crescente domanda di applicazioni diversificate: supporti innovativi, stampe con effetti speciali, nobilitazione e cura della confezione sono i trend del momento, resi ovviamente possibili grazie alle tecnologie digitali.

2

Indubbiamente è l’automazione ad essere la caratteristica più apprezzata e trasversale in quanto ricercata in ogni tipologia di macchina. Tempi di avvio ridotti, assenza di scarti di produzione e tempi di consegna rapidi anche per le brevi tirature è quello che le aziende cercano. L’automazione delle macchine offre anche un aumento

Duplo DC 746

2) Quali sono le principali caratteristiche tecniche che le soluzioni di legatoria devono possedere per essere più appetibili agli occhi del cliente?

della competitività: il lavoro è semplificato quindi, a differenza di quanto richiesto in passato, l’operatore non deve necessariamente essere altamente specializzato e il prezzo del prodotto finito ne beneficia. Infine l’automazione è spesso sinonimo di precisione della lavorazione, e al giorno d’oggi c’è molta attenzione alla qualità del prodotto finito.

3

Sin dal 2012, anno di acquisizione di Duplo Italia e quindi della nascita della divisione Neopost Graphics, la nostra scelta è stata di ampliare la gamma con attrezzature che siano il più possibile automatizzate e interconnesse. Le soluzioni che meglio rappresentano la filosofia Industria 4.0 sono per noi

Duplo DC-646i Pro

3) Quali sono le vostre strategie legate all’Industria 4.0 e quali le soluzioni tecnologiche che ne rappresentano al meglio la filosofia?

anche le bestseller, ossia le famiglie dei multifunzione e dei cucipiega Duplo: interconnessi, dotati di collegamento TCP-IP e HTTP e identificati univocamente dall’indirizzo IP relativo al pc che li controlla. Duplo System 600i

37


ilPoliGrafico 179•17

speciale legatoria indagine

tecnau tefano de marco

s

Sales & Marketing director EMEA

1) Il mercato delle arti grafiche ha attraversato fasi di profondo cambiamento negli ultimi anni. Quali sono secondo Lei le tipologie di prodotti e applicazioni maggiormente richiesti?

1

Il mercato delle arti grafiche segue un trend comune ad altri settori. Si denota una progressiva diminuzione delle tirature a favore di una domanda sempre più parcellizzata che mira a brevi produzioni se non addirittura alla copia singola. Sia per l’editoria sia per la stampa commerciale la personalizzazione è un elemento sempre più trasversale nelle applicazioni, dai fotolibri ai cataloghi, dalle brochure ai volantini.

Libra 800 Book on Demand System

2) Quali sono le principali caratteristiche tecniche che le soluzioni di legatoria devono possedere per essere più appetibili agli occhi del cliente?

3) Quali sono le vostre strategie legate all’Industria 4.0 e quali le soluzioni tecnologiche che ne rappresentano al meglio la filosofia?

38

2

Due caratteristiche chiave sempre attuali sono produttività ed affidabilità dei sistemi. A queste se ne è aggiunta una terza, flessibilità, ovvero la possibilità di gestire prodotti on-demand senza fermi macchina. Una possibilità di questo tipo non risulta essere un valore aggiunto soltanto per il produttore, con gli ovvi vantaggi legati all’eliminazione del magazzino, ai problemi di stoccaggio e invenduto, ma è una svolta anche per il cliente finale, che si trova infatti nella situazione di poter avere un prodotto ordinabile a richiesta, nelle

quantità desiderate, con tempistiche di produzione estremamente ridotte e costi molto appetibili. Queste sono le caratteristiche che puntiamo ad offrire con le nostre soluzioni.

3

Tecnau realizza soluzioni che possono offrire e garantire un reale miglioramento della produzione grazie all’analisi dei dati e all’interazione tra sistemi. Dispositivi per il controllo del flusso di lavoro e della qualità di produzione, quali Tecnau Connect e WebVision, permettono di ottimiz-

zare i processi, eliminare inefficienze ed errori e ottenere il meglio da un punto di vista produttivo. Non solo, l’analisi intelligente dei dati permette di migliorare tempistiche, organizzazione logistica ed efficienza lungo tutta la catena di produzione razionalizzando ed ottimizzando il flusso di lavoro. Tutto questo in un contesto interattivo ed interconnesso dove in caso di necessità il check-up delle macchine, l’aggiornamento e l’assistenza dei sistemi possono essere effettuati tramite assistenza remota. Risulta chiaro che, in soluzioni molto complesse come Libra One e Libra 800 per la produzione di libri on-demand a formato variabile, un livello tecnologico come questo sia la chiave di volta per realizzare una produzione davvero intelligente e ottimizzata.


speciale legatoria

tosingraf GIUSEPPE TOSIN Tosingraf

1

Il prodotto oggi deve e s s e re s i c u r a m e n te “wow” per stupire con applicazioni innovative e versatili, oltre che facili da realizzare, sia per il terzista che per l’utilizzatore, con investimenti contenuti. Un biglietto che diventa un coupon, un packaging che diventa un prezioso cofanetto e che trasmetta il suo intrinseco messaggio di marketing, di preziosità e di ricercatezza, lavori unici e non più in serie, completamente customizzati. La carta gioca un ruolo importante e tende a essere sempre più pesante per dare corpo allo stampato, soprattutto nel digitale. Le lavorazioni seguenti riguardano la piegatura/cordonatura, la perforazione, la fustellatura, il taglio lineare o laser, oppure la nobilitazione tramite foil colorati o la verniciatura spot a rilievo. Offriamo diverse soluzioni modulari che supportano il cliente in una crescita sempre più automatizzata.

2

La gestione del dato variabile e la riduzione dei volumi richiesti obbligano a un approccio di servizio sempre più personalizzato. Le macchine devono essere semplici da utilizzare, il software di gestione deve garantire il miglior supporto e i migliori risultati anche con personale più o meno tecnico. A ciò si deve aggiungere la completa gestione di diversi formati, spessori, tipologie di carta e la possibilità di avere dati di analisi delle performance produttive per il calcolo dei costi. Non meno importante poi la certezza che l’investimento abbia una

continuità nel post-vendita con affidabilità nel tempo, assistenza e garanzie sulla ricambistica. Le attrezzature più richieste della nostra gamma prodotti sono: cordonatrici, piegatrici e perforatrici automatiche, soluzioni multifunzione per taglio-cordonatura-perforazione, plastificazione e nobilitazione, punto metallico ad alti spessori, bros-

suratrici Hot Melt e PUR e attrezzature di cartotecnica per la realizzazione di packaging personalizzato. Tutte soluzioni caratterizzate da alte prestazioni, elevata precisione e totalmente automatiche.

3

Le attrezzature che seguono maggiormente la filosofia di un’Industria 4.0 devono garantire alta produttività e possibilità di gestire diverse commesse ordine. Sono di fondamentale importanza, per una maggiore produttività, la capacità di carico del cassetto, la precisione presa carta del mettifoglio (senza interruzioni in presenza di doppi fogli), lo stacker in uscita, una maggiorazione dei volumi di raccolta scarti, gli intuitivi software di gestione. Le soluzioni più richieste del nostro

Multigraf Touch Line

portafoglio sono: cordonatrici, piegatrici e perforatrici in linea (v. modelli Touch Line, di produzione svizzera, top di gamma a livello mondiale per velocità elevate e standard qualitativi), multifunzioni per tagliocordonatura-perforazione (Uchida), plastificazione e nobilitazione con i modelli MAMO (marchio di nostra produzione), punto metallico ad alti spessori fino a 200 facciate (linee modulari Plockmatic-Morgana), brossuratrici Hot Melt e PUR (Morgana), attrezzature di cartotecnica per la realizzazione di packaging personalizzato, fustellatori e laser, tagliacarte lineari sia meccanici che idraulici EBA-IDEAL. Quasi tutte le tecnologie proposte hanno un’origine europea, con l’eccezione di alcune attrezzature giapponesi.

39


ilPoliGrafico 179•17

speciale legatoria indagine w2p

eprint24

Il punto di vista dei web to print Il “time to market” è una variabile sempre più importante in una società dove tutto scorre velocemente, ma non a discapito della qualità. Ecco perché anche per chi raccoglie gli ordini attraverso una piattaforma online è fondamentale gestire internamente l’ultimo step produttivo, la legatoria, sia essa in linea o fuori linea rispetto alle soluzioni di stampa. Queste le domande che abbiamo posto:

1) Per la qualità del servizio che deve dare un online printer, quanto ritieni sia importante (e perché) avere un servizio interno di legatoria? 2) Quali lavorazioni eseguite? (piega e taglio, punto metallico, cucitura filo refe, brossura ecc.)

CARLO EMANUELE BONA Vicepresidente Vincenzo Bona

1

È estremamente importante. Possederlo ti consente di rispondere in maniera tempestiva alle richieste dei clienti, evadendo gli ordini con risparmio di tempo e mantenimento di una produttività ottimale con, in più, il vantaggio di un totale controllo sulla gestione della commessa. Ovviamente, non è possibile essere in grado di eseguire qualsiasi tipologia di lavorazione, pertanto in ePrint24 – azienda web2print del gruppo Vincenzo Bona – ci siamo specializzati in quelle che meglio si adattano alla tipologia di lavori che svolgiamo.

che dobbiamo eseguire e, pertanto, abbiamo dotato il nostro reparto legatoria di tutto il necessario per poterle gestire internamente.

3

La scelta su come eseguire le lavorazioni di legatoria dipende dalla complessità delle stesse: ad esempio, un punto metallico viene eseguito in linea, mentre per una brossura scegliamo l’offline perché ci assicura maggior qualità nel risultato finale. www.eprint24.com

2

Brossura, piega e taglio, punto metallico, cucitura filo refe rappresentano le principali lavorazioni

3) In che modalità? (inline, nearline, offline)

È disponibile la 2a edizione della ricerca sull’online printing in Italia WEB TO PRINT IL MERCATO IN ITALIA L’indagine 2017 che descrive tendenze, mercati e nuove tecnologie dell’online printing

40

Stratego Group ha condotto un’interessante ricerca di mercato dedicata alla stampa online, disponibile sia in forma cartacea che in forma digitale. Il cuore del documento è costituito dai risultati emersi dalla seconda edizione dell’esclusiva ricerca di mercato sull’online printing in Italia, frutto della collaborazione con InfoTrends (Keypoint Intelligence). La ricerca, realizzata coinvolgendo 67 aziende

operative in diversi segmenti di mercato – già attive nel web2print, in procinto di esserlo o non intenzionate al momento a farlo – dimostra una netta crescita dell’interesse dei fornitori dei servizi di stampa verso il web2print che va di pari passo con l’incremento dell’e-commerce, dove si registra in tutto il mondo un impressionante aumento degli utilizzatori, dei mezzi usati per accedere alla rete (smartphone, tablet e computer) e dei fatturati.

Il costo della ricerca di mercato, dal titolo “Web to print. Il mercato in Italia”, è pari a 349 euro+IVA. A chi sta leggendo questo articolo è riservato un buono sconto del 25% per l’acquisto online sul sito www.strategogroup.net nel menù “acquista”, sezione “Contenuti e ricerche”. Per usufruire dello sconto il codice è vip_ilpoligrafico. Chi, invece, è abbonato al Poligrafico ha diritto a uno sconto del 50%, che potrà utilizzare chiamando Stratego Group al numero 02.49534500 e richiedendo il codice sconto.


printered

PDF74-B2

colonna Marketing e comunicazione

DIGITAL-OFFSET

gianpiero

2

Usiamo tutte le soluzioni nel finishing. I nostri sistemi sono in grado di soddisfare la domanda di flessibilità, tipica delle operazioni di stampa digitale, abbiamo impianti robotizzati per le attività di stampa offset in piano e in roto-offset. Inoltre, soluzioni dedicate all’area lavorazioni “su misura”.

PLATINA FUSTELLATRICE TOTALMENTE AUTOMATICA FULLY AUTOMATIC PLATEN DIE-CUTTER PER PICCOLE E MEDIE TIRATURE SHORT RUN SOLUTIONS

www.briefandmood.it

1

Un servizio interno di legatoria non solo è importante, ma fondamentale. Almeno così è per Printered. Pensiamo che nel mondo dell’online nessuno possa permettersi lavorazioni di finishing ricorrendo in outsourcing. In primo luogo perché la fase di allestimento è oggi quella più delicata di tutto il processo produttivo: sempre di più, la legatoria sarà la “cifra della qualità” del prodotto stampato. Chi sceglie una comunicazione stampata, anche di tipo massmediale, cerca sempre di rappresentarsi nel prodotto. È qui che la qualità,

e parlo per noi che abbiamo puntato tutto su questo, deve essere controllata in tutta la sua catena, senza interruzioni. Secondo punto fondamentale: chi garantisce qualità e tempi veloci di esecuzione non può permettersi soluzioni esterne. Soluzioni che avrebbero ricadute in termini di tempi e costi aggiuntivi sui clienti.

3

Le modalità sono diverse: ci sono, infatti, impianti inline che assicurano la produzione stampa e finishing. Inoltre, adoperiamo soluzioni automatizzate e anche quelle di tipo “artigianale” offline. www.printered.it

http://q-r.to/bamWZg

printbee.it Diego carbonara Responsabile commerciale

1

Ritengo sia fondamentale. In Mediagraf SpA, con la divisione di stampa digitale printbee.it, ci siamo specializzati nella stampa del libro, in bianco e nero o a colori, prodotto nel quale la legatoria è caratteristica essenziale per definirne la qualità. La nostra scelta, infatti, si è orientata verso tecnologie derivanti dalle tradizionali linee produttive.

2

In maniera retorica, tutte. In particolar modo la nostra attenzione è stata rivolta alla confezione o, più nello specifico, alla brossura. Ogni nostro libro può essere cucito, o fresato, con colla tradizionale o PUR, può avere le alette, essere plastificato o, nelle versioni più ricercate, cartonato.

3

Abbiamo due differenti linee di produzione, una dove le attività di piega e taglio vengono eseguite inline, l’altra dove vengono realizzate nearline. Il semilavorato uscente, poi, confluisce nelle stazioni di brossura cucita e/o fresata, che sono offline. Questo layout ci permette di valorizzare le differenti produttività delle tecnologie stesse. Per quanto riguarda il punto metallico, tutte le operazioni, dalla stampa alla confezione, vengono realizzate sia inline, che offline, a seconda dell’esigenza qualitativa del prodotto. www.printbee.it

CAMBIARE NON È MAI STATO COSÌ FACILE CHANGE HAS NEVER BEEN SO EASY CAMBIO RAPIDO AUTOMATICO di formato

AUTOREGISTRO

MULTIPOSA

lettura foglio/tacche stampa

una sola forma per più posizioni

AUTOREGISTER

MULTIPOSITION

15 FAST AUTOMATIC CHANGE of format

reading of sheet edge/print marks

a single shape for different positions

PETRATTO srl 10044 PIANEZZA (TO) - ITALY www.petratto.com - e-mail: petratto@petratto.com

41


ilPoliGrafico 179•17

speciale legatoria indagine w2p

skillpress zio battiston

mauri

CEO

1) Per la qualità del servizio che deve dare un online printer, quanto ritieni sia importante (e perché) avere un servizio interno di legatoria?

1

Avere la legatoria interna è fondamentale per soddisfare le tre principali caratteristiche su cui punta Skillpress.it: velocità di esecuzione, possibilità di poche copie e altissima qualità dei prodotti stampati. Le legatorie esterne non sono strutturate per gestire le poche copie in tempi brevi; inoltre le eventuali piccole problematiche che si possono verificare nel processo di rilegatura o nobilitazione possono essere risolte rapidamente solo se il reparto di stampa e legatoria coesistono nella stessa azienda. Questo ci permette, tra le

altre cose, di fornire uno dei nostri servizi più apprezzati: la “Copia Zero”, una prima copia finita del prodotto ordinato utile per controllare la qualità della stampa e dei materiali; sarebbe impensabile spedirla in 24 ore mandandola a confezionare esternamente.

2

Le lavorazioni che eseguiamo sono: taglio, piega, cordonatura, cordona-piega, rilegature a spirale, punto metallico e brossura fresata PUR, 5 tipi di plastificazione (lucida, opaca, opaca antigraffio, soft-touch e silk), lamina-

zione foil, verniciatura UV e verniciatura spessorata (3D). Oltre a queste, avendo appena installato la prima HP Indigo 12000 HD in Italia per avere la miglior qualità di stampa in circolazione, contiamo di integrare nel 2018 il filo refe per ampliare la gamma dei nostri prodotti di pregio.

3

La legatoria si sviluppa in modalità offline per darci la possibilità di gestire autonomamente prodotti e lavorazioni nella maniera più versatile possibile. www.skillpress.it

sprint24 DI VIRGILIO Direttore generale giovanni

2) Quali lavorazioni eseguite? (piega e taglio, punto metallico, cucitura filo refe, brossura ecc.)

1

È molto importante perché è un tassello della catena di produzione tipografica. Avere il controllo del flusso è un fattore chiave nei servizi di stampa online, dove la produzione è legata a tempistiche definite e già stabilite al momento dell’ordine web. Un servizio di legatoria interna permette al web to print di poter dialogare meglio con gli altri servizi di produzione e amministrazione senza perder tempo rispettando le scadenze degli ordini.

principali rilegature editoriali e commerciali: pieghe a più ante (mappe e opuscoli piegati), cordonature, tagli e fustellature, punto metallico, brossura. Per filo refe e cartonature ci affidiamo anche a ditte esterne, essendo lavorazioni con una certa specificità. La maggior parte delle richieste comunque coinvolge le rifiniture standard ma possiamo senza difficoltà far fronte anche a richieste particolari da parte dei nostri clienti più esigenti.

2

3

Il nostro reparto di legatoria lavora su tutte le

42

Le nostre macchine da stampa sono di dif-

ferente natura e questa scelta è stata imposta dalla volontà di essere duttili al cambiamento e al progresso. La stessa ampia offerta merceologica ci indirizza a utilizzare quindi una metodologia essenzialmente nearline. Questa scelta è anche dettata dalla volontà di poter offrire al cliente anche esigenze di produzione particolari, che escono dai binari della standardizzazione e che quindi ci porta ad alcuni stampati prodotti utilizzando l’offline. www.sprint24.com

3) In che modalità? (inline, nearline, offline)


KODAK SONORA LASTRE PROCESS FREE

Sviluppo addio. Benvenuta sostenibilità. Create impact. Welcome to the world of thicker substrates. With the new KODAK NEXPRESS Substrate Le lastre KODAK SONORA Process Free vi faranno cambiare idea sulle lastre. Expansion Kit, you’ll be able to print on paperboard substrates of up to 530 gsm and Sarete up felici dimil. risparmiare, i vostri saranno entusiasti semplicità to 14 synthetic media, withoperatori uncompromised quality. Open thedella door to high-impact collateral, direct mail, retail signage, and cost-effective short run packaging applications, e delle prestazioni e i vostri clienti si innamoreranno della qualità di stampa e including labels, tags and small folding cartons. della sostenibilità. E il pianeta vi ringrazierà. KODAK.COM/GO/NEXPRESS

KODAK.COM/GO/SONORA

© Kodak, 2017. Kodak, Sonora e il logo Kodak sono marchi registrati di Kodak.


speciale legatoria

Giapponese, bodoniana, singer, optabind, olandese, copta, dos-à-dos, crisscross... Una rassegna di tecniche per rivestire il libro. E farne un oggetto “molto speciale”

Quando legare vuol dire nobilitare lo stampato Legare è una pratica antica, che conserva la sua allure artigianale anche quando è fatta con linee industriali ad altissima automazione. Le tecniche di legatoria sono un aspetto fondamentale della progettazione di volumi e cataloghi, capaci di accettare la sfida di tecniche e materiali innovativi, creatività grafica e cartotecnica. Oggi la moderna legatoria industriale ha saputo andare oltre brossure e punti metallici ed è riuscita a fare sua quest’arte, al punto che il fine pratico di “tenere assieme le pagine” è quasi passato in second’ordine: sempre più legare vuol dire nobilitare lo stampato, renderlo prezioso al suo primo apparire, fecondare di bellezza quel contenitore che veicola il contenuto, e si fa mezzo e messaggio insieme. Vediamo allora a quali tecniche si può ricorrere per creare effetti nuovi, in un percorso che arriva a sfiorare la pura artigianalità. di Lorenzo Capitani

45


ilPoliGrafico 179•17

speciale legatoria tecnologie

Legature commerciali

Brossura svizzera

46

Sempre in tema di lay flat, ma con un sapore decisamente più raffinato, la brossura svizzera (così come il “cartonato svizzero”) è una legatura molto interessanti. Il blocco libro, con o senza unghia, è incollato sul dorso, rinforzato con garza e rifinito con una carta che può ricoprire il solo dorso o l’intero blocco, o tela. Il fissaggio alla copertina, a differenza della brossura e del cartonato classici, avviene soltanto sulla superficie inferiore del blocco libro, lasciando completamente libera la seconda di coperta e il dor-

Gloo © foto gruppo padovana

Tutto nasce dal marchio Gloo, brevettato dalla Legatoria GPS di Rovigo: una rilegatura di per sé semplice, ma che si presta ad essere estremamente creativa, che utilizza una colla particolare, molto flessibile e personalizzabile con colori, floccati, glitter, nastri con texture olografiche, velluti, sete, pizzi, tampografie. Il dorso diventa così un’altra dimensione grafica con effetti particolari adatti per brochure, monografie, look-book, planning, visual, carnet di cartoline, agende e guide. Per la sua elasticità e resistenza, alla bellezza estetica la Gloo aggiunge la possibilità di aperture a 180°. È quindi possibile vedere senza interruzioni foto, grafica o testi sino ad ora difficilmente leggibili in piega oppure, per il settore stationery, è facile scrivere su tutta l’ampiezza della pagina. Consente anche di staccare singole pagine senza compromettere la tenuta dell’insieme. Non è di per sé un uso nuovo, già visto nei prodotti da copisteria, ma è l’uso creativo unito all’industrializzazione che ne fa una soluzione interessante che ormai molte legatorie offrono. L’apertura completa dello stampato è possibile anche con un altro tipo di legatura detta appunto “180 gradi”, in cui il blocco libro non viene incollato sul dorso della copertina, ma è attaccato ai quadranti anteriore e posteriore della cover. Per far questo, viene applicata sul dorso una striscia di carta o tela di rinforzo allo scopo di tenere unite le pagine. Le possibilità creative anche in questo caso sono molte. Per prima cosa si può personalizzare la tela di rinforzo, oppure ‘giocare’ con i quadranti che possono essere di grammature importanti, anche cartoncini bianco-bianco di più millimetri, cui accoppiare della carta stampata e nobilitata. O ancora, usare larghezze diverse: in questo caso la tela di rinforzo passerà sotto i quadranti che, più corti, lasceranno scoperta parte del piatto di coperta verso il dorso, dando un altro spazio per la grafica. L’apertura ampia è particolarmente indicata anche per agende o calendari che possono essere sfogliati e compilati in ogni margine della pagina senza dover forzare l’attaccatura al dorso.

Brossura svizzera

© foto gruppo padovana

Gloo e 180 gradi

Brossura svizzera

sino, che possono così aprirsi completamente poggiando sul piano di appoggio del libro. Ciò consente anche alle pagine interne di aprirsi più agevolmente, quasi in piano. Ovviamente nel caso della legatura svizzera il blocco libro verrà incollato soltanto al risguardo posteriore, interamente o parzialmente nella parte più prossima al dorso, lasciando libero sia il primo quadrante che il dorsino, entrambi rivestiti all’interno per fini estetici, che anche in questo caso potranno aprirsi e disporsi orizzontalmente nella consultazione del volume.


© foto gruppo padovana

speciale legatoria

Quartini rovesciati

© foto gruppo padovana

Bodoniana

Legature di pregio Brossura con piega giapponese (quartini rovesciati) Una variante molto interessante della comune brossura fresata è la variante con piega “alla giapponese”, detta anche “a quartini rovesciati”. La realizzazione può avvenire per raccolta di quartini che verranno fresati e incollati, non come avviene di solito, lato dorso (sulla piega) ma in controdorso (lato aperto), oppure per raccolta di ottavi a finestra: dipende dal legatore. Il risultato è lo stesso: le pagine risulteranno chiuse in controdorso a due a due. Sembra un controsenso, ma le pagine chiuse possono essere comunque stampate e dare quindi effetti grafici particolari non scontati. E volendo, si può simulare l’effetto del vecchio libro di cui occorreva aprire le pagine. Da non confondere con il “brut de roto” in cui le segnature sono chiuse anche in testa. Attenzione solo a non eccedere con la grammatura della carta per evitare sgradevoli effetti ventaglio del volume che tenderà ad essere più alto sul lato aperto a causa della piega. I quartini rovesciati sono un’alternativa tutto sommato economica ma d’effetto. L’unico limite è il tipo di segnatura possibile.

volto alla facile e duratura consultazione del libro, che all’epoca veniva cucito e piegato a mano o raccolto ‘in folio’ e incollato a blocco con un tessuto a garza sul dorso e una coperta. Oggi è comunemente definita “bodoniana” una rilegatura che unisce copertina, dorso e retrocopertina tramite i risguardi nella parte interna e la garza sul dorso. In pratica coperta e retrocoperta sono composte da due piatti accoppiati, rimboccati o tagliati al vivo. Al blocco libro, confezionato in brossura, fresata o filo refe, vengono aggiunti i risguardi e incollata nel dorso la tela di tenuta, che può essere dei più svariati colori. I risguardi, spesso stampati, vengono poi incollati all’interno della copertina che in genere consiste in cartoni pressati da 1 a 3 mm, preventivamente accoppiati a carta stampata e nobilitata, come in un cartonato tradizionale. Questo tipo di confezione è spesso impiegato per la produzione di copertine pregiate rivestite in pelle, anche completamente a mano per la versione con più pregio, con nervature sul dorso e spesso nobilitate sui quadranti da intarsi, impressioni con stampa a caldo e a secco.

Singer e legatura sul piatto Il Singer è un’alternativa furba al punto metallico. Costa relativamente poco e regala effetti speciali. Si realizza con normali macchine da cucire per l’industria tessile e usa fili di cotone, sintetici o spaghi colorati. La cucitura può essere fatta sul dorso dopo aver raccolto e accavallato le segnature, oppure sul piatto di solito a 5, 10 mm dal dorso, ma è possibile la doppia cucitura parallela. In entrambi i casi è possibile applicare una copertina che, nel caso del piatto, sarà cordonata per agevolare l’apertura delle pagine senza sforzare la cucitura. Il limite del Singer è la grammatura della carta che non può essere troppo alta altrimenti l’ago si spezzerà durante

Singer

Bodoniana La copertina “alla bodoniana” prende il nome dal celebre tipografo settecentesco Gianbattista Bodoni, quello del font, che per primo utilizzò una copertina in cartone per proteggere i volumi che stampava. Probabilmente il suo scopo era esclusivamente

47


ilPoliGrafico 179•17

speciale legatoria tecnologie

la lavorazione; lo stesso accade se si eccede con le pagine. È un processo semi-artigianale e non troppo veloce: infatti, si lavora un pezzo alla volta e se si vuole la catenella del filo che sporge dallo stampato occorre che il legatore vada al trilaterale per il taglio prima di cucire. Questa variante è decisamente più artigianale perché implica maggior manualità.

Flexicover © foto gruppo padovana

Flexicover (o Optabind) La brossura “flexicover”, o “finlandese” brevetto Optabind, applicabile sia a blocchi libro fresati che cuciti, si ottiene unendo la copertina al blocco libro mediante incollatura laterale, mentre il dorso del blocco libro è rinforzato con una garza o una striscia di carta. In questo modo il dorso del blocco libro è staccato dal dorso della coperta così da non essere soggetto a tensioni e consentendo una buona apertura. Una variante è quella che prevede la copertina costituita dall’accoppiamento di due cartoncini, che possono arrivare anche a spessori abbastanza alti, sempre accoppiati per incollatura fino a qualche centimetro dal dorso e cordonati preventivamente. La brossura diventa così più robusta, ma sicuramente meno rigida della copertina cartonata. Adatta sia in ambito editoriale che commerciale, la flexicover è particolarmente elegante dal punto di vista estetico e non è eccessivamente costosa, anche perché le linee di incassatura modificate per questo tipo di legatura viaggiano a quasi ottomila copie orarie.

Olandese

48

La copertina “olandese” è per certi versi simile alla flexicover ma meno rigida: la differenza sta nel modo e nel materiale che si utilizza per realizzare e accoppiare la plancia. Solitamente si usa una carta da 250 a 400 g/m2 stampata e plastificata con i lembi esterni rimboccati, per aumentarne la resistenza e rifinire i bordi; volendo, si può realizzare la coperta anche in materiale plastico, un classico esempio sono le agende o i dizionari da viaggio, o si usa un materiale poroso tipo gomma di ricopertura per renderla ancora più morbida. La copertina viene applicata al blocco libro, cucito o fresato, incollandola sui risguardi, come per i volumi cartonati. È pertanto possibile realizzare volumi con le stesse rifiniture del cartonato: la plancia può essere composta da carta, stampata a più colori e con le varie finiture possibili, oppure in materiali diversi, quali stoffe, sete, pelle ecc. Inoltre il libro può essere dotato di segnalibro e rifinito con i capitelli, ma ha la leggerezza dei volumi in brossura. La consistenza è insomma inferiore a quella del cartonato, ma la veste è ugualmente importante e si adatta perfettamente alle pubblicazioni di carattere più commerciale. La flessibilità della copertina rende l’applicazione particolarmente adatta a manuali e guide turistiche.

Olandese

Legature artistiche Incollatura al vivo e dorso a vista Da qualche tempo si è diffusa la tendenza a destrutturare lo stampato e a metterne in evidenza parti che normalmente sono semilavorati o fasi della lavorazione. È il caso dell’incollatura a vista di solito accompagnata a una legatura filo refe. In pratica le segnature piegate e cucite vengono solo incollate e non incassate in nessuna copertina. L’idea è quella di entrare nel processo industriale con la colla e il filo a vista, enfatizzando anche l’aspetto tattile, ma anche di sfruttare l’effetto cromatico della carta o della stampa. Una sorta di how it’s made della legatoria che sicuramente attrae. Ancor più se, come nel dorso a vista, si sfrutta graficamente anche questo lato del blocco libro normalmente nascosto dalla copertina. Le possibilità sono tante. Dopo la piega le segnature non vengono fresate per sfibrare la carta e creare miglior appiglio per la colla ma, tagliate a schede, vengono accuratamente incollate in modo da formare una superficie piana sulla quale stampare, tampografare o serigrafare. Una sorta di taglio colore su tutti e quattro i lati del volume che estende le superfici per comunicare. Interessante il significato che questa legatura può avere: quando è intonso, la forma vince sul contenuto; quando è aperto, e si vede perché la superficie di stampa si “spacca”, a vincere è il contenuto.

Legatura copta e giapponese Agli inizi della lavorazione del libro, secoli prima dell’industrializzazione del processo, i fascicoli o


speciale legatoria

Legatura crisscross

Incollatura al vivo e dorso a vista

Dos-à-dos e tête-bêche

© foto gruppo padovana

Legatura copta e giapponese

Dos-à-dos e tête-bêche fogli di carta e la copertina erano tenuti uniti con diverse tecniche di legatura. Una tra le più antiche è quella usata per la prima volta dalla comunità cristiana d’Egitto, i copti: i quartini vengono raccolti in fascicoli e quindi cuciti con un punto a catenella attraverso la piega. Si ottiene così una rilegatura a vista semplice e di grande effetto estetico. La catenella è il tratto distintivo e non è fatta dalla sola gugliata di cucitura, ma questa viene per così dire rinforzata da una successione di nodi stretti come in un prezioso tappeto. Dall’altra parte del mondo nasceva invece la legatura “giapponese” (o più correttamente “tradizionale cinese”), nella quale sia la coperta che i fogli vengono forati e, con un sistema di spaghi, tenuti insieme. Nei secoli si è evoluta proponendo molte varianti di foratura, di passaggio dei cordini e di annodatura. Entrambe le tecniche sono tutt’oggi usate, a livello artigianale certo, come sistemi semplici ed eleganti per rilegare i volumi.

La tecnica “dos-à-dos” (dorso a dorso in francese) è usata per legare insieme due libri in modo che il dorso dell’uno corrisponda al dorso dell’altro, mantenendo in comune la controcopertina ed entrambi i libri sono orientati nello stesso senso. È un formato di legatura risalente al Rinascimento, usato soprattutto per i testi sacri e spesso impreziosito da ricami, incisioni, placche dorate. Oggi il termine dos-à-dos è erroneamente impiegato anche per indicare una tipologia di legatura certo più semplice, nella quale due testi sono accoppiati, ma uno rovesciato rispetto all’altro di 180° in modo che, dopo la fine del primo testo, ci si trova davanti l’ultima pagina del secondo rovesciata. I due volumi non hanno controcopertina ma due copertine e un solo dorso. In questo caso si dovrebbe parlare più correttamente di “tête-bêche” (testa-piedi in francese, riferito a una tipologia di modo di stare a letto: il nostro testa-piedi), un formato diventato celebre soprattutto negli anni Cinquanta grazie alla collana Ace Doubles. Oggi il tête-bêche è usato spesso nelle riviste per attirare l’attenzione del lettore su inserti pubblicitari. Diverso è il caso del dos-à-dos decisamente più complesso da realizzare in legatoria.

Legatura crisscross Anne Goy, una geniale rilegatrice belga, ha presentato il primo modello realizzato con questa tecnica nel 1986, ma per molti anni l’origine di questa legatura è rimasta avvolta nel mistero e il suo nome fu soltanto Secret Belgian Binding. In realtà recentemente ne è stata svelata la maternità ed è stata battezzata “legatura crisscross” dal tipo di movimento seguito dal filo durante la legatura. I fascicoli vengono prima cuciti a mano fra di loro, poi sono uniti alla copertina senza l’uso di collanti. Il risultato è elegante e funzionale: le pagine infatti possono essere completamente aperte e l’assenza di colla rende tutto molto artigianale. Molto bello. Ma sicuramente qui torniamo a quell’arte di cui parlavamo all’inizio...

49


ilPoliGrafico 179•17

speciale legatoria uomini&aziende

Tosingraf

Valori che si rinnovano da oltre quarant’anni Il connubio vincente fra tradizione e innovazione caratterizza l’azienda vicentina, oggi leader nelle soluzioni per il post stampa. Al centro di tutto c’è il cliente, assistito da un team tecnico durante la scelta del prodotto più adatto alle sue esigenze.

Quarant’anni di attività, tramandata da padre in figlio, stando sempre al passo nello sviluppo di nuove soluzioni per il post stampa, rappresentano le radici storiche di un’azienda leader nel mercato caratterizzata dal connubio vincente fra tradizione e innovazione. Tosingraf è tutto questo, profondo senso di appartenenza alle origini unito a uno sguardo sempre volto al futuro. Evoluzione che deve rispondere a requisiti di dinamicità, professionalità, competenza e valorizzazione dell’immagine senza mai perdere di vista la qualità. Avanguardia nella robotizzazione e nei processi produttivi senza mai dimenticare la dimensione umana che sta dietro a tutto questo. E per Tosingraf al centro di tutto c’è il cliente, inteso non come colui che è destinatario di un bene, bensì come colui che è sotto la sua cura, protezione e guida, soggetto attivo della consulenza, della soluzione e della dedizione. Un team tecnico è sempre in grado di assisterlo durante la scelta del prodotto più adatto alle sue esigenze e di essere di supporto nel post vendita. Il servizio di assistenza è il suo ‘fiore all’occhiello’, svolto in tutta Italia da professionisti Tosingraf e da tecnici specializzati: un riferimento che è alla base di ogni investimento sicuro. Le sue doti peculiari sono la preparazione, la rapidità Nei 1.500 mq dell’officina meccanica il personale altamente qualificato è in grado di provvedere alla riparazione, revisione e collaudo di ogni tipologia di attrezzatura.

50

d’intervento in tutto il territorio, isole comprese, atte a soddisfare richieste di personalizzazione su svariate tecnologie. Un’officina meccanica anch’essa dal trascorso storico nell’ambito della revisione di macchine per legatoria, cartotecnica industriale, arti grafiche, un’importante conoscenza che gli ha permesso di intraprendere la strada del digitale offrendo prodotti conformi alle esigenze moderne del suo Cliente. Nei 1.500 mq dell’officina tecnica, personale altamente qualificato è in grado di provvedere alla riparazione, revisione e collaudo di ogni tipologia di attrezzatura, assistenza ufficialmente riconosciuta per importanti brand del settore digitale quali Canon-Océ, Konica, Xerox e Ricoh. Il tema dell’assistenza post vendita è per Tosingraf un cardine della propria politica di vendita. Per Tosingraf essere leader di mercato significa aver conquistato la fiducia del cliente anche attraverso un ufficio di Ricerca e Sviluppo interno, in grado di essere sempre all’avanguardia in tutta la propria linea produttiva a marchio Mamo, creando nuovi prodotti e personalizzandoli con costanti update tecnologici. Il progetto industriale Mamo, in occasione della scorsa drupa, ha ricevuto con la sua linea di plastificazione in bobina con mettifogli ad aspirazione, la linea di brossure Hot Melt, piega e cuci con


speciale legatoria

La sede di Rosà, in provincia di Vicenza, caratterizzata dalla sua nuova, rinnovata facciata.

NEI DUE show room per un totale di 400 mq si tengono dimostrazioni e training su varie attrezzature: Dalla stampa grande formato alla personalizzazione, dalla plastificazione alla rilegatura, dal taglio di carta o pannelli alla piegatura grande e piccolo formato.

T

squadratore, rilegatrici wire, cordonatrici e piegatrici il plauso di tutta la comunità del settore. A disposizione del cliente anche uno show room per un totale di 400 mq dove, oltre a usufruire della competenza del personale di vendita, è possibile assistere a dimostrazioni e a sessioni di aggiornamento sull’utilizzo di tutte le attrezzature a catalogo, non solo a vantaggio dell’utilizzatore ma anche del partner rivenditore in qualità di formazione. Il programma commerciale Tosingraf si avvale, oltre al proprio marchio di produzione, anche della distribuzione di marchi internazionali leader di settore quali: Plockmatic/Morgana (Svezia-UK) per linee punto metallico alti spessori (cucitura, piega, taglio, squadratura) e brossure PUR; Uchida (Giappone) con macchine multifunzione di nuova generazione per gestire taglio, cordonature e perforazioni in automatico; Multigraf (Svizzera) soluzioni per produzioni massive nella cordonatura, piegatura, perforazione e taglio; Ideal/Eba (Germania) tagliacarte altamente sicuri e affidabili; Maping (Finlandia) ampia gamma di brossure Hot Melt e piani di lavoro per copertine in cartonato; a completare la gamma linee di confezionamento, rilegature automatiche, plotter grande formato, fustellatrici e molto altro ancora. Al pari della produzione e vendita di macchinari di alta gamma, la consulenza a tutto tondo diventa

altro fiore all’occhiello con un team di 25 qualificati esperti, in grado di suggerire le soluzioni migliori per ogni problematica, assicurandosi che la scelta del prodotto risponda alle necessità del cliente, customizzando l’acquisto nei minimi dettagli, compresa, oltre alla consulenza finanziaria, anche quella tecnica. 15 esperti agenti di supporto, di pluriennale esperienza col brand, sono presenti su tutto il territorio nazionale, Tosingraf rimane infatti vicino al cliente durante tutto il processo produttivo: dalla scelta delle attrezzature, all’analisi e risoluzione delle criticità, dallo studio dei costi di produzione fino alle migliori soluzioni di finanziamento di acquisto, con eventuale gestione degli usati in permuta. Il rispetto dell’investimento si basa in primis su un bene dal concetto durevole, riparabile, ammortizzabile in poco tempo col recupero dell’investimento stesso. Il servizio Tosingraf si fa forte dei 6.000 mq di magazzino con tutti gli articoli sempre in pronta consegna, con logistica informatizzata in tutti i suoi processi. Tosingraf è inoltre sensibile al rispetto per l’ambiente, l’evoluzione del pensiero green ha condotto all’installazione di un impianto fotovoltaico da 60 kW che permette l’abbattimento dei costi dei consumi energetici, all’utilizzo di materie prime certificate “REACH”, secondo una regolamentazione che vieta l’immissione sul mercato di prodotti contenenti anche solo uno delle 15 sostanze ritenute ad alto rischio biologico. L’intera filiera produttiva segue criteri di riduzione degli sprechi, sia in termini di scarti che in termini di consumi energetici, nell’ambito del progetto finanziato “FSE” e di riduzione dell’impatto ambientale attraverso l’indicatore “OSR” (Overall Sustainability Ratio), in grado di analizzare il rapporto tra risorse impiegate e risorse trasformate in prodotti vendibili. Il cliente non è mai solo ed ha accesso a una piattaforma informatica B2B in cui può accedere con le proprie credenziali e consultare trasparenti condizioni commerciali, storico acquisti, invio ordini, controllo dello stato di avanzamento degli stessi, disponibilità prodotti, situazione pagamenti, il tutto on-line 24 ore su 24.

ra i marchi di rappresentanza Multigraf, storica azienda svizzera leader mondiale nella produzione di soluzioni modulari automatiche per la piegatura, la cordonatura e la perforazione.

51


ilPoliGrafico 179•17

speciale legatoria uomini&aziende

Intervista a Stefano De Marco Tecnau Specializzata in tecnologie per l’automazione di processi industriali legati alla stampa digitale, l’azienda è una multinazionale che opera in tre siti in Italia, Stati Uniti e Svezia, con distributori e rivenditori in più di 50 Paesi in tutto il mondo.

52

Chi è Tecnau e da quanto tempo opera nel mercato delle arti grafiche? Tecnau nasce nel 1988 a Ivrea per sviluppare tecnologie per l’automazione di processi industriali e si specializza fin da subito nei processi legati alla stampa digitale con particolare attenzione verso il finishing on demand. Il suo punto di forza è la capacità di offrire un elevato grado di personalizzazione, adattando linee di prodotto standard, sino a realizzare soluzioni completamente nuove su specifiche concordate coi clienti. Il settore delle arti grafiche ha iniziato ad aprirsi alla stampa digitale negli ultimi anni e fin da subito abbiamo proposto soluzioni pensate alle esigenze di questo segmento, mentre nel settore editoriale è da oltre dieci anni che proponiamo linee di produzione pensate per la variabilità delle applicazioni, basse tirature e un elevato livello di automazione. Come è strutturata l’azienda in Italia? Tecnau è un’azienda multinazionale che opera in tre siti in Italia, Stati Uniti e Svezia, oltre a due sedi di formazione e assistenza tecnica in Belgio e Singapore e un centro vendita a Shanghai. L’azienda si affida, inoltre, a una rete professionale di distributori e rivenditori autorizzati in più di 50 Paesi nel mondo. In particolare in Italia collaboriamo da molti anni con Böwe Systec Italia, che garantisce una rete di assi-

stenza tecnica capillare su tutto il territorio con tempi di intervento rapidi h24. Alla base di questa struttura così diffusa c’è la ferma convinzione che restare vicini ai clienti sia un valore aggiunto vincente e caratterizzante la nostra proposta come partner tecnologico. Quali sono i principali settori in cui opera? Tecnau offre una gamma completa di prodotti dedicata alla finitura della carta per l’industria della stampa digitale, quali taglierine, impilatori, perforatori dinamici, brossura e trilaterali variabili. L’azienda fornisce soluzioni integrate per supportare una grande varietà di applicazioni per i segmenti di stampa transazionale, trans-promozionale, editoriale, stampa commerciale e book on demand. Negli ultimi anni su questi ultimi due settori si sono concentrati i nostri maggiori investimenti e sforzi tecnologici per soddisfare una richiesta di mercato in continua evoluzione che mira a favorire le lavorazioni a medie/basse tirature. Si tratta di riorganizzare completamente l’idea legata alle tecnologie di finitura ottimizzando al massimo le capacità della macchina dal punto di vista della variabilità tra una produzione e l’altra (spesso composta da un libro soltanto) senza rinunciare a velocità e qualità di produzione. Una sfida non da poco che Tecnau ha il vanto di portare avanti già da diversi anni con risultati ormai altamente comprovati.


speciale legatoria

Libra One Variable book-block Production.

In che modo l’azienda si è evoluta nell’ultimo decennio per rispondere al meglio alle sfide del mercato e rimanere competitiva, nonostante la crisi economica? Tecnau pone un’attenzione particolare sul fronte della ricerca e sviluppo, dedicando un numero elevato di risorse e investimenti al fine di poter continuamente innovare e realizzare soluzioni in grado di offrire valore aggiunto e nuove applicazioni. Si tratta di una scelta importante che negli anni ha permesso di aprire a nuovi segmenti di mercato ed essere all’avanguardia in quelli già esistenti. Un’altra strategia vincente è stata quella di supportare attivamente i clienti affiancando al portfolio di soluzioni standard anche prodotti espressamente ingegnerizzati su specifiche necessità. Una scelta di questo tipo ha ulteriormente innalzato il livello di know-how dell’intera catena produttiva e ha anche permesso di sviluppare nuove tecnologie grazie all’input offerto da parte dei clienti più innovativi. La collaborazione con il cliente si è dimostrata quindi una mossa vincente per spingere sempre più in avanti il livello di automazione delle nostre macchine. In Tecnau inoltre crediamo fermamente che ricerca non voglia dire soltanto sviluppo di linee di prodotto nuove, ma anche costante evoluzione e perfezionamento di quelle già esistenti per poter accompagnare il cliente in un percorso di crescita continuo. In ultimo, la forte presenza sui principali mercati esteri; in particolare negli Stati Uniti, dove la domanda si è ripresa velocemente, ha garantito buoni risultati di crescita in tutto il periodo. Nell’ambito dell’Industria 4.0 quali sono le vostre strategie? E quali le soluzioni tecnologiche che ne rappresentano al meglio la filosofia? Tecnau realizza soluzioni che possono offrire e garantire un reale miglioramento della produzione grazie all’analisi dei dati e all’interazione tra sistemi. Dispositivi per il controllo del flusso di lavoro e della qualità di produzione, quali Tecnau Connect e WebVision, permettono di ottimizzare i processi, eliminare inef-

ficienze ed errori e ottenere il meglio da un punto di vista produttivo. Non solo, l’analisi intelligente dei dati permette di migliorare tempistiche, organizzazione logistica ed efficienza lungo tutta la catena di produzione razionalizzando e ottimizzando il flusso di lavoro. Tutto questo in un contesto interattivo e interconnesso dove in caso di necessità il check-up delle macchine, l’aggiornamento e l’assistenza dei sistemi possono essere effettuati tramite assistenza remota. Risulta chiaro che, in soluzioni complesse come Libra One e Libra 800 per la produzione di libri on-demand a formato variabile, un livello tecnologico come questo sia la chiave di volta per realizzare una produzione davvero intelligente e ottimizzata, nel quadro di quella che viene definita Industria 4.0. Le vostre soluzioni sono concepite per lavorare in abbinamento solo a soluzioni di stampa digitale o anche stampa offset? La nostra tecnologia è pensata per stampa digitale, a foglio o a bobina, nelle varianti a toner e inkjet. Lavoriamo in contatto con tutte le principali case di stampa, sia con le filiali nazionali sia con i centri di ricerca internazionali al fine di garantire la compatibilità delle linee di produzione e indirizzare gli investimenti il più possibile nella stessa direzione: in conclusione è la soluzione completa, stampa e post-stampa, che deve garantire valore aggiunto per i nostri clienti. Quali le installazioni più significative che avete realizzato negli ultimi anni in Italia? In Italia Tecnau continua a lavorare con le principali realtà pubbliche e private. Tra le installazioni di maggior spicco figurano soluzioni di perforazione dinamica, taglio e raccolta di documenti sia per il settore transazionale e direct mail, ma soprattutto soluzioni legate al mondo del book-on-demand. Differenti sono state le installazioni di sistemi Libra 800 che, in base alle esigenze espresse dal cliente, sono state configurate con tipologie di input diverse, in alcuni casi da modulo continuo, in altri con alimentazione da foglio. >> segue a pag. 90 Tecnau offre una gamma completa di prodotti dedicata alla finitura della carta per l’industria della stampa digitale, quali taglierine, impilatori, perforatori dinamici, brossura e trilaterali variabili.

53


ilPoliGrafico 179•17

eventi

La nanografia di Landa entra in azione prima in Israele, poi in USA e Germania

Oltre 100 tra clienti e “potenziali”, accanto a una decina tra giornalisti e analisti, hanno visitato il primo cliente in Israele, toccando con mano i progressi compiuti dalla nanografia dall’ultima drupa.

56

Quando una tecnologia è così innovativa da rischiare di destabilizzare gli equilibri di un particolare settore è normale che susciti scalpore e spesso anche una buona dose di scetticismo, soprattutto se i tempi d’incubazione hanno una durata superiore al previsto. Questo è quel che è successo anche alla nanografia di Benny Landa, presentata al grande pubblico 5 anni fa in occasione di drupa 2012, forse un po’ in anticipo rispetto allo stato di maturità della tecnologia a quei tempi. Certo, il ritardo nella consegna delle prime macchine è stato decisamente elevato e questo ha generato delusione e preoccupazione soprattutto tra chi aveva versato anticipi. Ma ora finalmente sembra essere arrivato il momento della svolta o almeno questo è il clima che si è respirato durante il primo evento dedicato ai clienti VIP organizzato da Landa Digital Printing in Israele dall’11 al 14 settembre. Più di 100 tra clienti e ‘potenziali’ di tutto il mondo, oltre a una decina tra giornalisti e analisti, sono stati invitati all’open house presso gli stabilimenti di Rehovot per toccare con mano i progressi della nanografia, in

particolare della Landa S10, macchina digitale a foglio per stampa in bianca indirizzata al mercato degli astucci pieghevoli e del retail, la prima in ordine di tempo a essere disponibile per la commercializzazione verso metà 2018. Seguiranno la S10 P (=Perfecting, stampa bianca e volta) per stampa commerciale, che entrerà in beta test l’anno prossimo e inizierà a essere commercializzata a inizio 2019. Poi sarà la volta della W10, macchina a bobina per imballaggio flessibile, che verrà sottoposta a beta-test nel corso del 2019 e disponibile verso la metà dello stesso anno. Non sono stati al momento annunciati i tempi di beta-test e consegna dell’ultimo modello, W10 P, macchina a bobina per stampa in bianca e volta di lavori editoriali.

Installata la prima S10 in Israele Ma la vera notizia è che la prima Landa S10 è stata installata lo scorso agosto presso Graphica Bezalel, un converter israeliano specializzato nella stampa offset e finissaggio di packaging, cartoncino teso ed etichette per diversi settori di sbocco. In particola-

Clienti da tutto il mondo seguono una demo presso lo stabilimento di Landa Digital Printing.


di Cristina Rossi

cromia andranno ad aggiungersi l’arancione, il blu e il verde. “Siamo orgogliosi di essere la prima azienda al mondo a installare una macchina Landa e di poter offrire la nanografia al mercato”, ha dichiarato Eyal Harpak, direttore dell’azienda. “Siamo rimasti davvero colpiti dalla professionalità del team Landa dedicato all’installazione. Hanno fatto sì che la macchina fosse pienamente operativa in tempi molto più brevi di quelli previsti. La Landa S10 permetterà ai nostri clienti di realizzare progetti impensabili fino ad oggi. Dal nostro punto di vista si tratta di una tecnologia veramente rivoluzionaria che traghetterà il nostro business verso nuove aree di profitto”.

Benny Landa (in alto), presidente e fondatore di Landa Digital Printing, e, sotto, Yishai Amir, CEO. A destra, una cliente osserva esemplari di stampa che mettono a confronto la qualità di stampa offset con quella nanografica.

Entro l’anno altre due macchine installate

re, lavora cartone ondulato, packaging in PP e PET con spessori dal micron in su e vari tipi di etichette, anche metallizzate, IML comprese. L’aspetto interessante è che l’azienda, che annovera tra i clienti nomi di prestigio come Calvin Klein, Nestlé, Coca-Cola ecc., aveva avuto fino ad oggi solo esperienze indirette con la stampa digitale, appoggiandosi ad altri partner dotati di questa tecnologia per

poter soddisfare le richieste di alcuni clienti, soprattutto dal punto di vista delle basse tirature. Secondo quanto dichiara il management di Landa il punto di pareggio della nanografia con la stampa offset si aggira attorno alle 5.000 copie. La macchina installata da Bezalel è una 4 colori con verniciatore ibrido, che verrà successivamente upgradata a una configurazione a 7 colori, dove alla quadri-

Entro la fine di quest’anno il numero totale di aziende pilota ammonterà a tre: una S10 entrerà, infatti, in funzione il prossimo novembre presso l’americana Imagine! Print Solutions, con sede in Minnesota e specializzata in stampati per i punti vendita, e un’altra S10 arriverà a dicembre presso il primo cliente europeo, il gruppo tedesco Edelmann, specializzato nella stampa di astucci pieghevoli, con un fatturato di 300 milioni di euro e 16 stabilimenti nel mondo. La ‘triade’ dei clienti pilota è cambiata rispetto a quella annunciata a

drupa 2016: accanto a Imagine! ed Edelmann figurava inizialmente la tedesca Colordruck Baiersbronn, che però poi ha optato per una inkjet Primefire 106 di Heidelberg, di cui sarà uno dei primi clienti al mondo. “Abbiamo deciso che il primo cliente pilota dovesse essere vicino a noi”, ha spiegato il presidente e fondatore Benny Landa. “Conosciamo bene Graphica Bezalel, hanno contatti a livello internazionale con i principali brand nel mondo alimentare e consumer, e sono un’azienda di packaging di alto profilo, l’ideale come primo beta site”. Come dicevamo, le installazioni beta sono in ritardo di anni rispetto ai progetti iniziali, a causa del fatto che Landa dopo il lancio a drupa 2012 ha completamente modificato il design delle macchine. “La cosa incredibile è che i clienti non hanno perso la pazienza”, ha aggiunto Landa. “La nostra tecnologia non ha concorrenti, è assolutamente unica nel suo genere, e chi ne ha colto le potenzialità ha deciso di aspettarci”. Tutti i beta site di quest’anno entreranno in possesso di una S10, che – come gli altri tre modelli – ha un formato B1 (70x100), stampa in bianca e raggiunge una velocità massima di 6.500 fogli/h. La versione ad alta velocità, disponibile in futuro, stamperà a 13.000.

ilPoliGrafico 179•17 167•16

eventi

57


ilPoliGrafico 179•17

eventi

Pubblico e contenuti:

Print4All Conference centra l’obiettivo 400 partecipanti, la filiera allargata dei protagonisti della stampa, le “provocazioni” di Oliviero Toscani.

Print4All Conference ha centrato il proprio obiettivo: le due giornate di incontro del 12 e 13 settembre in Fiera Milano hanno riunito con straordinaria partecipazione di pubblico - oltre 600 i registrati nelle due sessioni - l’intera filiera della grafica, della stampa e della comunicazione, segnando un passo avanti determinante verso l’omonima fiera Print4All in programma a maggio 2018.

58

Ricchezza dei contenuti e qualità del confronto rappresentano i dati di maggior rilievo dell’appuntamento che, presentando le applicazioni di stampa nelle fasi della prevendita, del prodotto in-store e del post vendita, ha qualificato Print4All Conference come la piattaforma in grado di coinvolgere e appassionare l’intera community costituita dai brand owner, dalle agenzie di comunicazione, dagli opinion maker, accanto ai protagonisti della filiera della stampa, dalla sponda tecnologica e tecnica ai realizzatori delle soluzioni capaci di conquistare scaffale e mercato.

Il lavoro di team fra ACIMGA - attraverso il suo braccio operativo CPA -, ARGI, Assografici, Assocarta (insieme nella Federazione della Carta e della Grafica), Istituto Italiano Imballaggio, con il sostegno dell’ICE (che ha veicolato circa 40 giornalisti di testate internazionali) e di Fiera Milano, ha permesso di realizzare il miglior presupposto per la fiera Print4All, in cui l’effervescenza dei contenuti evidenziata nella duegiorni milanese andrà a incontrare l’eccellenza delle soluzioni tecnologiche. Ci si riferisce a un panorama di business che, nel passaggio dal B2B al B2C, raccoglie tutte le esigenze che derivano dal punto vendita, dallo scaffale, dalla grande distribuzione: queste si riflettono, risalendo la filiera, sulla creatività, e più a monte sui produttori di tecnologie e sui costruttori di macchine, che costituiscono oggi un’eccellenza italiana a livello mondiale. La quota di mercato della filiera allargata della grafica e della stampa, comprensiva del settore della stampa editoriale, è stimata in Italia all’incirca in 23 miliardi di fatturato annuo.


“L’innovazione è il frutto di quella realizzazione che nasce dal coraggio di affrontare le cose in modo nuovo”

ilPoliGrafico 179•17 167•16

eventi

Oliviero Toscani

Enzo Baglieri

Paolo Iabichino

Peter Buttiens

Il filo conduttore delle tavole rotonde è stato collegato al viaggio ideale del consumatore, con la regia della SDA Bocconi e del prof. Enzo Baglieri, abbinando momenti di focalizzazione e approfondimento con esperti del calibro di Paolo Iabichino (agenzia Ogilvy&Mather Italy) e Peter Buttiens (Ceo dell’Agenzia europea del printing ESMA). La visione e le provocazioni di Oliviero Toscani hanno caratterizzato il keynote della giornata inaugurale. “L’innovazione è il frutto di quella realizzazione che nasce dal coraggio di affrontare le cose in modo nuovo”, ha affermato Toscani, che ha tenuto un discorso provocatorio, di rottura, di stimolo: “Perché l’innovazione non dà sicurezze, comporta azzardo, si coniuga al rischio di portare sul mercato i propri valori e la propria visione come identità che si caratterizza per il suo essere unica e non omologata, traducendoli in proposta di prodotto”. L’intero percorso che ha condotto all’evento vede come protagonista CPA, la SpA che mette insieme tutte le attività promozionali e fieristiche nazionali e internazionali di ACIMGA, e comincia nel 2014 con un primo incontro di filiera in Assografici. Prosegue, sempre d’intesa con i partner di filiera, con una manifestazione

Stampa e comunicazione nel pre-vendita Tavola rotonda condotta e animata da Armando Garosci, Largo Consumo, con: dal forte effetto di trascinamento in EXPO 2015, quindi a Palermo lo scorso anno, con Oscar Farinetti come testimonial, raccogliendo partecipazione e consenso straordinari soprattutto considerando la logistica impegnativa della location, per approdare all’evento del 12 e 13 settembre in Fiera Milano, la Conference che richiama quella Print4All destinata a posizionarsi come l’evento fieristico di riferimento del prossimo anno a livello europeo per il mondo del printing e il converting.

Da sinistra: Arianna Bartoli, Federico Cozza, Carla Leveratto, Joseph Marsanasco.

• Arianna Bartoli, Euronics. «La carta funziona sempre, ma bisogna valorizzare i prodotti stampati rendendoli speciali e interattivi, puntando a un effetto wow. Un esempio? Per lanciare la nuova TV 3D abbiamo realizzato un volantino da leggere con gli occhialini 3D, che da semplice volantino è diventato occasione per un’esperienza unica». • Federico Cozza, Leaderform. «Bisogna pensare in un modo differente. Un uso intelligente e integrato delle nuove tecnologie ci permette di realizzare azioni di direct marketing più efficaci e sempre più personalizzate sui bisogni e le caratteristiche del singolo cliente». • Carla Leveratto, Gruppo Roncaglia. «Il segreto di una campagna efficace non è un grande budget, ma un cliente coraggioso e idee creative». • Joseph Marsanasco, Rotolito Lombarda. «Le tecnologie digitali ci permettono di ragionare in modo differente. Si supera il vincolo delle grandi tirature e si punta a prodotti a valore aggiunto, sempre più personalizzati».

Stampa e comunicazione in-store Tavola rotonda stimolata e coordinata da Marco Sachet, Istituto Italiano Imballaggio, con: • Laurette Defranco, Barilla. «Per la comunicazione in-store spesso è il packaging a fare la differenza. Per questo è importante studiare soluzioni differenti per prodotti differenti, dall’imballo green per pasta bio agli effetti tattili, sonori e visivi».

Marco Sachet

• Vittorio Ramazza, Coop. «L’imballo è parte integrante del prodotto, quindi è fondamentale che ci sia un dialogo continuo e aperto tra chi fornisce il packaging e chi produce il contenuto».

59


ilPoliGrafico 179•17

eventi

Da sinistra: Laurette Defranco, Alberto Palaveri, Vittorio Ramazza, Massimo Rosati, Pier Benzi.

Da sinistra: Antonella Altavilla, Marco Metti, Federico Tornielli, Cristina Mezzadra, Roger Botti, Giuseppe Ghelfi.

• Pier Benzi, Artefice Group. «Il packaging deve sedurre il cliente, generare una reazione imprevedibile. In una parola dev’essere smart». • Massimo Rosati, Nuceria Group. «C’è ancora molto da fare per puntare a una vera packaging experience. Bisogna rovesciare la prospettiva: il packaging non va più inteso come rifiuto o costo, va considerato un valore». • Alberto Palaveri, Sacchital. «Le nuove tecnologie offrono amplissime possibilità, per sfruttarle a pieno serve un dialogo aperto tra chi fa le macchine e chi fa i prodotti. Un esempio? Una carta grezza per la sfoglia grezza Rana: il packaging interpreta il prodotto».

Stampa e comunicazione post-vendita Tavola rotonda ancora condotta da Armando Garosci con la partecipazione di: • Cristina Mezzadra, Bricocenter. «Per creare fidelizzazione si può parlare alla testa o alla pancia del cliente. Il valore del marchio è quello che facciamo sentire nella pancia». • Antonella Altavilla, Coop Lombardia. «Per creare un legame con il cliente abbiamo deciso di fare una scelta differente: non ci promuoviamo, ma ci raccontiamo, esprimendo quello che facciamo e i nostri valori». • Roger Botti, RobilantAssociati. «È fondamentale seguire il cliente dopo l’acquisto, perché è in questa fase che lui davvero scopre il prodotto e se ne fa un’opinione». • Marco Metti, Prenatal. «Non c’è una bacchetta magica per fidelizzare, bisogna sperimentare e assumersi dei rischi». • Giuseppe Ghelfi, Ghelfi Ondulati. «Spesso sono le realtà più piccole a innovare. Perché sono spinte dalla necessità, “hanno fame”. Rischiano di più forse perché hanno meno da perdere».

60

• Federico Tornielli, PRT Group. «La carta torna alla ribalta, ma in una nuova veste. Diventa una sorta di touch screen interattivo personalizzabile, che crea un legame particolare col cliente».

Istituzioni e aziende a confronto E, infine, la tavola rotonda delle istituzioni e delle aziende che, con un impegno fuori dall’ordinario, concorrono a fare di Print4All 2018 la casa dei contenuti, ovvero il mercato dove ci si parla e si scoprono nuove cose e nuove idee. Intervistati e guidati da Enrico Barboglio (Argi) e Andrea Briganti (Acimga), hanno parlato: Carlo Emanuele Bona di Assografici, Marco Calcagni di Omet, Roberto Levi Acobas di Argi, Pietro Lironi in veste di presidente della Federazione Filiera Carta-Grafica e Aldo Peretti di Acimga. “In questi due giorni abbiamo ascoltato i componenti di tutta la filiera della stampa e della grafica: produttori di tecnologie, stampatori, utenti finali e agenzie di comunicazione”, ha dichiarato Levi Acobas. “Ognuno di loro ha espresso esigenze, visioni e strategie diverse, ma lo ha fatto

su uno stesso palcoscenico, mettendo la propria esperienza a fattor comune per la crescita del mercato. Così intendiamo andare avanti e guardare a Print4All, la manifestazione in cui crediamo moltissimo sia per i contenuti ai quali ci permetterà di accedere, sia per l’opportunità che ci darà di esprimere la nostra unicità e al contempo tenerci uniti”. Ha partecipato alla tavola rotonda anche Antonio Maiorano, direttore generale di HP Italia e portavoce di quel connubio fra stampa e digitale, che ha offerto gli esempi più disruptive di questa seconda Conference di avvicinamento a Print4All. Print4All Conference è stata anche l’occasione per anticipare alcune novità relative a iniziative speciali, convegni e contenuti di Print4All 2018.

Il packaging deve sedurre il cliente e generare una reazione imprevedibile. In una parola deve essere “smart”.

Carlo Emanuele Bona di Assografici.

Antonio Maiorano, direttore generale di HP.


(comunicazione d’impresa)

Impronta Digitale, terza al mondo a installare la nuova Screen Truepress Jet L350UV+ Ad appena tre mesi dall’annuncio da parte di Screen in merito al lancio di due nuove macchine da stampa inkjet per etichette, durante Labelexpo Europe Impronta Digitale, con sede a Castelfranco Veneto (TV), ha firmato un contratto per l’acquisto della sua prima Screen Truepress Jet L350UV+, seguendo l’esempio dell’irlandese James Hamilton Group e della spagnola Grupo Docuworld. L’azienda veneta, specializzata nella stampa di etichette in digitale per i settori del beverage, chemical e logistica, ha scelto la Screen Truepress Jet L350UV+ soprattutto per le sue caratteristiche di produttività. “Ad attirare la nostra attenzione è stata la capacità produttiva della Truepress Jet L350UV+ di Screen”, ha commentato Ludovico Picello, co-titolare di Impronta Digitale. “La velocità operativa di 60 metri al minuto è notevole e, se nella valutazione aggiungiamo l’affidabilità e la facilità di gestione delle macchine da stampa di Screen, potremo contare sulla garanzia

di tempi di fermo macchina ridotti, sulla stabilità e consistenza dei margini, nonché sulla soddisfazione dei nostri clienti. Per prodotti come il vino è importantissimo far risaltare la qualità del prodotto sullo scaffale; inoltre, dobbiamo lavorare con un’ampia gamma di supporti”, ha proseguito Picello. “Nel settore chimico, in particolare per i farmaci, è fondamentale l’accuratezza e la nitidezza dei dettagli, soprattutto nei testi con caratteri molto piccoli che devono essere assolutamente leggibili. Dopo aver visionato la tecnologia di Screen, siamo sicuri al 100% che la Truepress Jet L350 UV+ sarà in grado di garantire la qualità di stampa ottimale che i nostri clienti richiedono”. La combinazione di diverse caratteristiche presenti nella Truepress Jet L350UV+ di Screen sono in grado di garantire una qualità eccezionale. L’introduzione, su richiesta, del rullo raffreddato permette alla macchina di stampare su sup-

Da sinistra: Takanori Kakita (presidente Screen GP Europe B.V), Ludovico Picello (titolare Impronta Digitale), Giuseppe Picello (Impronta Digitale), Andrea Buttafava (sales manager REM). Sotto: Ettore Maretti, managing director di REM.

porti sottili e particolarmente sensibili al calore generato dalla lampada UV. Impronta Digitale ha acquistato la macchina da REM, partner di Screen dallo scorso maggio. “È una vendita importante poiché rafforza la posizione di Screen nel mercato delle etichette autoadesive in generale e in particolar modo in Italia”, ha commentato Andrea Buttafava, responsabile delle vendite in REM. “Si tratta del secondo ordine per REM, e possiamo affermare con certezza che il mercato della stampa digitale, e in particolare il segmento inkjet

UV, continuerà a crescere. Le soluzioni inkjet di Screen per il settore delle etichette sono tra le migliori in assoluto in termini di qualità, produttività e innovazione. Il mercato risponde bene alle soluzioni proposte da Screen e prevediamo, ben presto, di concludere altre trattative attualmente in corso”.

ilPoliGrafico 179•17

stampa digitale


ilPoliGrafico 179•17

eventi

KBA compie 200 anni e torna a essere Koenig & Bauer Per festeggiare la speciale ricorrenza, il secondo più importante produttore di macchine offset al mondo ha organizzato un evento presso il Vogel Convention Center (VCC) di Würzburg, in Germania, invitando circa 700 ospiti da tutto il mondo.

62

Molti dei partecipanti all’evento hanno colto l’occasione per visitare anche la sede centrale del Gruppo a Würzburg, dove, oltre ai moderni impianti di produzione e al nuovo centro demo per macchine da stampa digitale e flessografica, hanno potuto ammirare alcuni tra i primi modelli del produttore di macchine da stampa più ‘antico’ al mondo. Tra questi una macchina del 1868 che stampava un’incisione della sede originaria, il monastero Oberzell, e una macchina da stampa incavo-rilievografica Super Olof Intaglio III che stampava il facsimile di una banconota. Tra le macchine moderne, invece, la Genius 52UV di KBA-NotaSys che stampava un documento personale, la macchina da stampa digitale Rotajet L utilizzata per la realizzazione di un poster della star del basket Dirk Nowitzki di 2,20 m di lunghezza e l’impianto inkjet più grande al mondo HP TL1100S, prodotto da Koenig & Bauer a Würzburg per HP, che stampava un foglio di rivestimento di 2,8 m di larghezza per imballaggi in cartone ondulato. Lanciata a drupa 2012, la Rotajet vanta al momento 5 installazioni in tutto il mondo, soprattutto nel book on demand.

Con il nuovo logo si torna alle origini In apertura di una conferenza stampa internazionale il CEO Claus Bolza-Schünemann ha ripercorso le tappe più importanti dell’azienda, ponendo particolare enfasi sulle acquisizioni messe a segno negli ultimi 25 anni che hanno trasformato Kba - che da questo momento in poi si chiamerà Koenig & Bauer, con relativo cambio di logo (v. sopra) e restyling di tutte le macchine - in un importante player nel mondo del packaging. Un tempo il core business del produttore tedesco era rappresentato dalla stampa di quotidiani, libri, riviste e cataloghi. Come ha spiegato il presidente del CdA Bolza-Schünemann, il marchio KBA, introdotto nel 1990 dopo l’acquisizione della Albert-Frankenthal AG e che stava per Koenig & Bauer-Albert, tornerà a essere il marchio originale Koenig & Bauer, ma con un look completamente nuovo che implica un restyling del logo e del design di tutte le macchine. “Oggi Koenig & Bauer AG ha trentatré società affiliate, di cui 12 producono prodotti propri per clienti propri. Ritenia-

In uno show multimediale è stata presentata la storia dell’azienda, dal 1817 ad oggi. Una serata dedicata ai dipendenti nel grande tendone delle feste e una giornata a porte aperte per i cittadini, con oltre 13.000 visitatori, hanno completato il vario programma dell’anniversario.


ilPoliGrafico 179•17

di Cristina Rossi

Un cofanetto molto speciale Per il compleanno dell’azienda Koenig & Bauer ha presentato una spettacolare opera dal titolo Personaggi – Macchine − Idee che, come ha sottolineato il direttore marketing Klaus Schmidt, pesa quasi due chili ed è costituita da tre volumi diversi per contenuto e design, raccolti in una pregiata custodia. Il libro a formato piccolo con copertina rigida Persone è un libro di lettura di genere narrativo con illustrazioni disegnate a mano. In dodici divertenti capitoli il libro racconta la storia di personaggi straordinari di Koenig & Bauer, dai fondatori ai giorni nostri, inseriti negli eventi storici della rispettiva epoca. Macchine è una raccolta di tredici poster illustrati e stampati su entrambi i lati che raffigurano macchine da stampa Koenig & Bauer dal 1814 ad oggi. “Un vistoso ornamento per la parete per tutti coloro che apprezzano la tecnica di stampa o che vorrebbero capirla meglio”, ha commentato Schmidt.

Il CEO Claus Bolza-Schünemann (a sinistra) ha ripercorso le tappe più importanti nella storia dell’azienda, mentre il CFO Mathias Dähn (a destra) ha presentato gli obiettivi e le strategie aziendali del Gruppo.

mo che l’anniversario sia il momento ideale per riportare sotto lo stesso tetto tutte le attività del Gruppo, dalla stampa tradizionale a quella digitale”. Oggi Koenig & Bauer serve praticamente tutti i mercati legati ai prodotti stampati. “Dalla mattina alla sera ci imbattiamo in stampati realizzati con macchine Koenig & Bauer: dal flacone di profumo in bagno al quotidiano che leggiamo a colazione, fino alle banconote, alle carte di credito e alle confezioni più svariate che mettiamo nel carrello della spesa,

oltre ai libri e alle riviste che leggiamo prima di addormentarci la sera. Molti di questi stampati non possono essere sostituiti dai media online o dallo schermo di un computer e questo ci fa guardare al futuro con ottimismo”.

Crescita nella stampa del packaging Mathias Dähn, Chief Financial Officer, ha poi presentato gli obiettivi e le strategie aziendali del Gruppo per i prossimi anni: “Dopo un decennio di calo del fatturato, la crescita torna a es-

sere la colonna portante della nostra strategia aziendale”. In considerazione della crescita dell’economia e della popolazione mondiali, del commercio online e del numero di persone single, Dähn prevede ottime opportunità soprattutto nel settore degli imballaggi. Koenig & Bauer è già leader di mercato nella stampa del cartoncino, della latta e degli oggetti in vetro e punta a migliorare la propria quota di mercato in alcuni segmenti, tra cui la stampa di imballaggio flessibile, cartone ondulato e il settore della codificazione. A questo proposito ha messo a punto nuove soluzioni, come ad esempio la VariJet 106, una macchina digitale ibrida presentata a drupa 2016, come pure macchine digitali, flexo e offset per il cartone ondulato, i fogli di metallo e le lattine per le bevande. Durante la conferenza stampa, Bolza-Schüne-

mann ha reso noto l’ordine della prima macchina a foglio digitale CorruJET per cartone ondulato da parte di un’azienda tedesca. Un altro esempio della strategia espansionistica nel mercato del packaging è l’acquisizione del produttore spagnolo di fustellatrici Iberica nel luglio 2016. Dähn si è dichiarato, inoltre, molto soddisfatto della cooperazione con HP nel settore della stampa inkjet per cartone ondulato che ha portato al lancio della HP T1100S, di cui sono stati attualmente installati sei esemplari in tutto il mondo, tra cui uno in Italia alla Ghelfi Ondulati (v. Poligrafico n. 174/2017). Un settore in espansione è sicuramente quello delle applicazioni industriali come la stampa di decorazioni, cui Koenig & Bauer si rivolge con successo con la Rotajet VL ( fino a 2,25 metri di larghezza). >> segue a pag. 90

63


ilPoliGrafico 179•17

cartaonline

Quando l’affissione umanizza la tecnologia

La riscoperta del valore dell’affissione parte dalla dimensione digitale. Sono, infatti, le aziende più “tech” a fare ricorso al più tradizionale media dell’out of home per fare engagement tra i consumatori. Come? Combinando contenuti digital e big data alle piattaforme più classiche. E, stando ai due casi qui descritti, il risultato è garantito, coinvolgente e memorabile.

In uno scenario in cui i brand competono in modo sempre più agguerrito, l’out of home (OOH) si evolve e offre più opportunità che mai di toccare, interagire e ingaggiare i consumatori in modo creativo e dirompente. Se ne sono accorte anche aziende cosiddette tech, quelle il cui business primario è la vendita di servizi digitali. Oggi che il digital marketing la fa da padrone nel panorama della comunicazione, società come Twitter e Spotify sono diventate le nuove piattaforme di advertising, ma quando si tratta di pubblicizzare loro stesse si rivolgono al tradizionale media dell’affissione. Vediamo come.

L’affissione per i social Una settimana prima del giorno delle elezioni americane Twitter usa l’affissione tradizionale per posizionarsi come la piattaforma social dove succedono le conver64

di Valentina Carnevali

sazioni che contano, in tempo reale e con diverse prospettive. L’obiettivo di Twitter è di diventare il più importante servizio di informazione al mondo. È Twitter ad aggiudicarsi il Grand Prix per l’affissione tradizionale ai Cannes Lions di quest’anno. La campagna, creata in casa, include una serie di manifesti senza alcun copy: solo un hashtag vicino ad immagini di attualità e cultura. Quella del lancio mostra gli occhi di Hillary Clinton e Donald Trump che dall’alto fissano New York. Nelle settimane successive quasi due dozzine di altri manifesti sono apparsi nella Grande Mela, a Los Angeles e a San Francisco, con layout adattati al contesto: dai due candidati il focus è virato sui temi emersi durante la campagna elettorale, dal Black Lives Matter alla crisi in Siria, dai diritti dei gay all’ambiente e altro.

Colpisce il commento di Jayanta Jenkins, global group creative director di Twitter, convinto che l’OOH sia un media “veramente bello e potente per umanizzare i brand di tecnologia. Per noi è un modo incredibile per far guardare le persone in su, via dai loro device, e ricordare loro delle conversazioni che succedono su Twitter”.


ilPoliGrafico 179•17

cartaonline

Data-driven OOH Anche Spotify del resto ha dimostrato di amare il grande formato. Con Grazie, 2016. È stato strano, l’azienda che offre musica in formato digitale ha celebrato le stranezze dei propri clienti facendo leva sui dati raccolti sull’utilizzo della piattaforma. La campagna globale è stata distribuita in 14 paesi diversi con 164 messaggi personalizzati ed esposti esattamente nelle aree geografiche dove vivevano gli utenti dai cui account Spotify ha estratto i dati. I messaggi erano anche legati ad argomenti di discussione ed eventi significativi a seconda del paese in cui era pianificata. Ecco alcuni copy esilaranti: “Care 3.749 persone che avete ascoltato It’s the End of the World as We Know It il giorno del voto per la Brexit, tenete duro”; “A te che hai ascoltato Sorry ben 42 volte il giorno di San Valentino, che cosa hai fatto?”; “Alla persona di NoLIta (quartiere nel borough di Manhattan) che ha iniziato ad ascoltare canzoni di Natale a giugno, davvero canticchierai fino alla fine?”. Anche in questo caso la tecnologia si intreccia a un media tradizionale e, in un modo molto innovativo e coinvolgente, si umanizza. Per celebrare un anno di musica e la sua community l’azienda non racconta la propria storia, ma quella degli utenti. Ovvero utilizza i dati in modo creativo e coinvolgente, portando i singoli utenti, con il loro carico di esperienze ed emozioni, al centro della propria campagna di comunicazione. “Si discute spesso sul fatto che i big data possano soffocare la creatività, ma noi abbiamo fat-

to il contrario”, ha sottolineato Seth Farbman, CMO di Spotify. “Per noi i dati sono fonte di ispirazione e ci danno una chiave di lettura delle emozioni che le persone esprimono”.

65


ilPoliGrafico 179•17

stampa

Tipolitografia Pagani

Una Heidelberg Versafire CP per gli aumentati ritmi di lavoro In due mesi la nuova macchina da stampa digitale Heidelberg, che ha preso il posto di un modello meno produttivo, ha già superato le 200.000 copie.

“La migliore strategia commerciale per affrontare e superare la crisi è investire”. Oscar Pagani, titolare della Tipolitografia Pagani di Passirano (BS) non ha dubbi in proposito. “Il 2009, quando la crisi internazionale è iniziata, è stato l’unico anno in cui abbiamo registrato una flessione, fortunatamente limitata, del nostro fatturato. Dal 2010 a oggi, invece, siamo sempre in crescita, sia come volume d’affari che come numero di clienti. Con mio padre Attilio, che ha fondato l’azienda nel ‘69 e che ancora divide con me la gestione, mi sono sempre trovato d’accordo sulla necessità di migliorare costantemente l’azienda. E i risultati ci danno ragione: abbiamo chiuso il bilancio 2016 con un fatturato di 5,7 milioni, superiore di circa il 10% rispetto all’anno precedente, e prevediamo di chiudere l’anno con un’ulteriore crescita”. E non si tratta di investimenti di scarso rilievo. Dopo l’acquisto della Heidelberg Speedmaster XL 106-8P, soltanto un anno fa, è stato installato all’inizio di luglio un nuovo sistema di stampa digitale Heidelberg Versafire CP. “Avevamo già un sistema Versafire, ma di modello CV, con produttività inferiore, che pensavamo non avremmo cambiato per i successivi 5 anni. Dopo nemmeno un anno però, visti i ritmi di lavoro, abbiamo capito di aver bisogno subito di una soluzione più produttiva. Eravamo molto soddisfatti

della qualità del Versafire, quindi abbiamo scelto la versione CP dello stesso sistema, capace di stampare in modalità monofacciale 110 fogli A4 al minuto al posto degli 80 fogli della CV. E ci voleva proprio: in meno di due mesi la nuova macchina da stampa digitale ha già superato le 200.000 copie”.

I plus della Versafire CP Flessibile e scalabile, oltre che veloce, Versafire CP dispone di molte opzioni di finitura che ne fanno la soluzione ottimale per qualsiasi lunghezza di tiratura. Tempi di avviamento brevi e alta precisione nel registro e nella riproduzione del colore garantiscono sempre i migliori risultati. “La Versafire CP è perfetta per la nostra produzione, incentrata esclusivamente sulla stampa commerciale: cataloghi anche d’arte, libri fotografici, riviste, annuari. Il nostro sistema di gestione indirizza automaticamente, in base alla preventivazione, le lunghe tirature alla macchina offset e i lavori con volumi ridotti al sistema digitale”, continua Pagani. “Il risultato qualitativo della Versafire è ottimo, assolutamente comparabile a quello tradizionale. I nostri clienti ne sono soddisfatti”. Per ottenere sempre il prodotto migliore il reparto di prestampa di Pagani lavora con il sistema di gestione del workflow Heidelberg Prinect Prepress ManaIn alto, da sinistra: Eris Neri (Heidelberg), Oscar Pagani, Iulian Sofian e Rinaldo Mattera (Heidelberg).

66


ilPoliGrafico 179•17

stampa

L’ultimo investimento della Tipolitografia Pagani è una Heidelberg Versafire CP.

“Abbiamo introdotto la stampa digitale diversi anni fa. Inizialmente usavamo piccoli sistemi solo per produrre bozze, ma col passare del tempo ci siamo resi conto della possibilità di penetrare in una nicchia di mercato nuova e interessante, che richiede stampati di qualità in quantitativi limitati. Ecco perché siamo passati al sistema Versafire, che è adatto alla produzione di materiali pubblicitari e promozionali di alta gamma, di stampati personalizzati e di cataloghi, anche finiti e rilegati in modo professionale”. ger, che produce file di prestampa adatti sia alle due Speedmaster che alla Versafire CP. Quest’ultima è a sua volta dotata del Rip Prinect Digital Frontend che ottimizza automaticamente il file ricevuto per garantire sempre la massima costanza tra i risultati offset e digitali. “Anche se nella maggior parte dei casi i lavori che stampiamo in offset sono diversi per tipologia da quelli prodotti in digitale, ci sono situazioni in cui lo stesso lavoro esce su entrambi i sistemi”, spiega Pagani. “Alcuni clienti chiedono una prima breve tiratura di prova per poter controllare ed eventualmente modificare lo stampato prima della produzione in offset, oppure hanno bisogno di stampare in breve tempo poche copie di una brochure per presentare un nuovo prodotto a una fiera di settore”. Anche in questi casi la Versafire di Heidelberg, di cui si contano oltre cento installazioni in Italia e più di mille in Europa, dimostra tutti i vantaggi tecnologici di cui dispone, come la capacità di riproduzione dei dettagli a 1200x4400 dpi, l’ampia gamma di toni colore e la formulazione innovativa del toner che, grazie a un melting point basso, amplia la gamma di materiali utilizzabili come supporto di stampa che possono essere di molti tipi diversi, anche strutturati e quindi non facili da stampare e la cui grammatura può raggiungere i 400 g/m2.

Digitale e offset in sintonia “Così oggi nella nostra azienda la stampa digitale è in sinergia con la produzione offset che si avvale di una otto colori, la nuova Speedmaster XL 106-8P, e di una cinque colori, Speedmaster CD 102-5. Per noi però innovazione e miglioramento costanti sono parte integrante della filosofia aziendale; prevediamo quindi di investire nuovamente a breve per sostituire anche la cinque colori attuale con una versione più produttiva e avanzata, sempre Heidelberg. L’aggiornamento tecnologico è fondamentale per la nostra azienda perché, oltre ad aumentare qualità e produttività, ci permette di ottimizzare i costi, ridurre gli sprechi e aumentare la redditività, ma anche di offrire ai clienti un servizio migliore, più rapido e flessibile e una gamma di prodotti di stampa ampia e di alto livello, completi di finiture professionali”. La tecnologia è fondamentale per Pagani, ma non è tutto: “Abbiamo attuato da tempo diverse soluzioni tese a migliorare la riduzione dell’impatto ambientale, tra cui la possibilità per il cliente di scegliere articoli basati su materie prime riciclate o rispondenti alle norme FSC. Anche in questo modo, secondo noi, si offre un miglior servizio ai clienti, sempre più sensibili alle tematiche ecologiche e al rispetto dell’ambiente”.

“LA MIGLIORE STRATEGIA COMMERCIALE PER AFFRONTARE E SUPERARE Le CRISI è INVESTIRE”

67


ilPoliGrafico 179•17

materiali

VEC di Fossombrone

La Jeti Tauro di Agfa entra nel mondo degli scatolifici Grazie a questo investimento l’azienda è oggi in grado di produrre scatole e imballi di ogni tipo, anche i più complicati.

La prima installazione di un sistema ibrido di stampa a getto d’inchiostro UV Jeti Tauro è stata completata da Agfa Graphics nei primi mesi di quest’anno presso lo Scatolificio VEC, in provincia di Pesaro Urbino, azienda leader nel settore della progettazione e produzione di packaging in cartone. Un’applicazione innovativa, come innovativa è sempre stata l’azienda marchigiana. La storia del gruppo ‘Vecchione’ ha inizio nel 1928, con la nascita della ‘Fabbrica Imballaggi Fortuna’. Fondatore e promotore è Salvatore Vecchione, uomo dallo spirito infaticabile e dinamico che si dedica a tempo pieno allo sviluppo dell’attività produttiva, tanto da guadagnarsi l’appellativo di ‘Maestro’. L’attività iniziale è basata sulla produzione di imballaggi in legno per i prodotti ortofrutticoli, ma in breve tempo, grazie all’intraprendenza del ‘Maestro’, inizia ad espandersi. Nel 1955 viene fondata la società ‘VEC’, specializzata nella lavorazione di articoli in cartone ondulato e cartotecnici. Oggi la tradizione di famiglia continua con Simone, Salvatore e Pietro, entrato recentemente a far parte dello staff, a rappresentare la quarta generazione dei Vecchione.

La VEC opera in un moderno stabilimento industriale con tecnologie all’avanguardia e sistemi robotizzati di movimentazione. Grazie alla dinamicità della gestione produce un fatturato di 5 milioni di euro in costante crescita. Uno scatolificio? Non solo, perché VEC pensa ‘out of the box’: dagli espositori da terra e da banco agli astucci, alle scatole americane fino agli allestimenti e pannelli per mostre fiere e negozi, con possibilità di stampa offset, flexo e digitale. Il personale altamente qualificato e l’utilizzo di tecnologie avanzate rendono possibile la realizzazione di progetti innovativi in grado di soddisfare le esigenze di ciascun cliente. La VEC si propone come partner fidato ai piccoli e grandi utilizzatori di prodotti in accoppiato e cartone ondulato mettendo a loro disposizione il proprio know-how. “Non abbiamo mai voluto specializzarci in un settore merceologico specifico”, spiega Vecchione. “Abbiamo clienti che rappresentano ogni settore merceologico, dal farmaceutico al metalmeccanico e all’alimentare. A tutti offriamo un servizio completo e accurato. Il nostro staff commerciale, dinamico e professionale si avvale del supporto di un servizio clienti disponibile e preparato”. VEC oggi si avvale di uno staff di 25 persone, tra collaboratori e responsabili tecnici e commerciali, che seguono un portafoglio di circa 500 clienti in Italia e all’estero.

68


ilPoliGrafico 179•17

materiali

“con il nuovo sistema agfa non abbiamo più bisogno di terzisti”

I prodotti VEC sono contraddistinti dal marchio di garanzia GIFCO e ACIS. L’azienda quest’anno ha ottenuto la certificazione FSC, un importante sistema di certificazione internazionale che garantisce che la materia prima usata per realizzare un prodotto in cartone provenga da foreste dove sono rispettati rigorosi standard ambientali, sociali ed economici. Secondo Vecchione “il nuovo sistema di Agfa Jeti Tauro produce un’ottima qualità di stampa, sempre costante, a costi contenuti e assolutamente comparabile all’offset. È conveniente anche sulle piccole tirature - dai 5 ai 2.000 fogli - che sono sempre più richieste. È molto semplice da usare in quanto non necessita di un macchinista specializzato, come per le macchine offset”.

I punti di forza di Agfa Jeti Tauro UV La produttività è un punto di forza di Jeti Tauro. Il sistema di stampa UV a getto d’inchiostro Agfa Jeti Tauro H2500 6C W4P2, ibrido, è adatto a molteplici applicazioni, stampa su materiali rigidi o flessibili. Una pratica interfaccia utilizzatore permette di impostare il lavoro con facilità, mentre durante la fase produttiva non è necessario alcun intervento da

parte dell’operatore. Il sistema è ottimizzato per gli inchiostri Agfa UV ad alta pigmentazione, caratterizzati da un’ampia gamma di tonalità di colore ulteriormente accresciuta dalla possibilità di utilizzare le modalità di stampa gloss e satin. Il basso consumo per metri quadri consente il massimo contenimento dei costi. I risultati di stampa sono vividi e di lunga durata, anche nelle applicazioni per esterni. Jeti Tauro è pilotato dal software Asanti di Agfa Graphics dedicato specificamente alla gestione del flusso di lavoro per la stampa di grande formato. VEC lo ha scelto nella versione Production, alta di gamma, che integra tutti i processi, dalla prestampa al risultato finale, offre la massima automazione possibile in tutte le funzioni, anche nella scelta dei punzoni di registro e dispone di un sistema di colour management particolarmente avanzato ed efficace. “Oltre a essere più che soddisfatto della nuova macchina, apprezzo molto il servizio che Agfa Graphics offre agli utilizzatori. Prima, durante e dopo la trattativa si è creato con lo staff Agfa un rapporto di fiducia, confronto e collaborazione estremamente costruttivo e positivo. Da parte loro la disponibilità a trovare la giusta soluzione per ogni nostra necessità è stata totale”, conclude Vecchione.

Agfa Jeti Tauro H2500 dispone di 32 testine per 6 colori più il bianco o il prime. Stampa su materiali rigidi o flessibili in formato fino a 2,5 m con produttività massima di 275 m2/h.

69


ilPoliGrafico 179•17

Un anno di successi europei per VITS International Già riconosciuti come standard del settore nel resto del mondo, i sistemi vits si avviano oggi a diventare anche in europa il riferimento per il web finishing ad alta velocità grazie a easydot,società guidata da maurizio sanzone,cui è stata affidata la rappresentanza per italia,francia,germania,spagna,olanda,svezia e finlandia.

A poco più di un anno dalla prima presentazione sul mercato europeo, l’americana VITS International registra un bilancio decisamente positivo. Fondata a Blauvelt, nello stato di New York all’inizio degli anni ‘80, VITS inizia producendo esclusivamente sistemi di taglio a formato variabile per bobine prestampate, ma amplia ben presto la propria gamma fino a raggiungere l’attuale posizione leader nel mondo nella fornitura di una linea completa di sistemi, basati su tecnologie avanzate e innovative, di taglio e finitura a formato variabile per la stampa tradizionale e digitale, il packaging e il converting. Alle diverse versioni dei sistemi Multicut per uscita a foglio di bobine prestampate, con taglio variabile e ripetibile, in linea o fuori linea, anche con la possibilità di tagliare soltanto una porzione dello stampato, la linea VITS affianca molti altri sistemi: sbobinatori ad alta efficienza adatti a qualsiasi procedimento di stampa e sistemi automatici di cambio e giuntura della bobina che garantiscono la produzione a ciclo continuo grazie a una speciale funzione di riconoscimento dell’inizio della stampa; sistemi di pareggiatura e impilatura e sistemi per il taglio, il ribaltamento e la sovrapposizione delle bande che permettono di ampliare la gamma dei prodotti finiti riproducibili; piegatrici a cono o a barre diagonali che piegano la carta in linea per creare prodotti multi pagina e fustellatrici per forme uniche, finestre fustellate e “kiss” cutting per la produzione di etichette adesive. La gamma VITS comprende ancora sistemi di incollaggio programmabili per applicazioni speciali, colla a dispersione acquosa e colla per buste e linee complete per la produzione di direct mail, di blocchi libro da inviare direttamente a una brossura oppure da pallettizzare in attesa di legatura successiva e di

70

Maurizio Sanzone, alla guida di Easydot, partner di VITS International a livello europeo.

cucitura a punto metallico pretend, adatti a qualsiasi tipo di punto metallico esistente, che permettono di creare da bobine prestampate prodotti con numero di pagine variabile o fisso. Numerosi sono i campi di applicazione dei sistemi VITS, tra cui spiccano la produzione di imballaggi, direct mail, stampa commerciale, libri, riviste e packaging specifici per l’industria farmaceutica e sanitaria. Già riconosciuti come standard del settore nel resto del mondo, i sistemi VITS si avviano oggi a diventare anche in Europa il riferimento per il web finishing ad alta velocità grazie a Easydot, società guidata da Maurizio Sanzone, cui è stata affidata la rappresentanza per Italia, Francia, Germania, Spagna, Olanda, Svezia e Finlandia. VITS International infatti giudica il mercato europeo fondamentale per la propria espansione e ha riconosciuto in Easydot il partner ideale per il raggiungimento del successo. “Condividiamo con VITS la filosofia commerciale, che prevede un approccio personalizzato alla vendita, dal momento che le attrezzature di VITS possono essere combinate in modi diversi”, spiega Maurizio Sanzone. “Il primo passo consiste sempre nell’analisi delle reali necessità del cliente, cui segue poi una proposta elaborata a sua misura, che tiene conto sia delle esigenze immediate che delle possibilità di sviluppo produttivo futuro”. Easydot, attiva dal 2009 a Caresanablot, in provincia di Vercelli, si distingue per la capacità di offrire soluzioni efficaci per l’ottimizzazione dei sistemi di stampa e servizi di assistenza qualificati e di alto livello agli utilizzatori di tutta Europa. Oltre a VITS International, rappresenta altri due marchi di prestigio: Timsons Engineering e Print House Service. Per Timsons Engineering commercializza rotative usate per la stampa di libri e fornisce assisten-

www.easydotsrl.com


ilPoliGrafico 179•17

Express Cutter, multicut e Sprint Bookline: alcune delle soluzioni proposte da VITS International in tutto il mondo.

za post-vendita e ricambi a 160 installazioni in tutta Europa, di cui circa 40 in Italia. Come rappresentante italiano di Print House Service invece offre assistenza e ricambi sia agli utilizzatori di rotative manroland e dei relativi accessori che a quelli dei marchi Megtec, Contiweb, Baldwin, Planatol, Robatech, Technotrans, ABB, Baumüller, Bek, Cofely, CTI, Dustcontrol, EAE, Eberth, Eckelmann, Elettra, Eltosch, E+L, Ferag, Gämmerler, Geda, Grafikontrol, Graphometronik, Joloda, Krause, Kuka, Lincoln, M-Log, ManRoland Bogen, Nela, QuadTech, Tolerans, U-Veritas, Vits, Weko, Y88, PIV. “Ma non è ancora tutto”, continua Sanzone “siamo attivi anche nella riparazione di componenti elettroniche ed elettromeccaniche, inclusi monitor anche touch screen di qualsiasi produttore, per le quali offriamo la formula no cure, no pay, che non prevede spese per il cliente qualora il dispositivo non fosse riparabile. I nostri clienti possono inoltre richiedere uno speciale servizio espresso con riconsegna in 24-48 ore. Per tutte le riparazioni prevediamo la garanzia di 12 o 24 mesi”.

Austria: Multicut uscita a foglio con taglio variabile per packaging Francia: Multicut uscita a foglio con taglio variabile per farmaceutico Germania: Multicut uscita a foglio con taglio variabile per farmaceutico e packaging Inghilterra: Sistema completo di finitura installato in linea per direct mail e Multicut uscita a foglio con taglio variabile per stampa digitale Irlanda: Multicut uscita a foglio con taglio variabile per farmaceutico Spagna: Multicut uscita a foglio con taglio variabile per stampa commerciale Arabia Saudita: Piegatrice per la produzione di prodotti speciali con piega a delta in linea con rotativa da giornale Egitto: Multicut uscita a foglio con taglio variabile per packaging Turchia: 2 sistemi Multicut uscita a foglio con taglio variabile per packaging Russia: Multicut uscita a foglio con taglio variabile per packaging Ucraina: Multicut uscita a foglio con taglio variabile per packaging Cina: Oltre 40 sistemi di taglio variabile e ripetibile India: Multicut uscita a foglio con taglio variabile e sbobinatori per packaging e Multicut uscita a foglio con taglio variabile per la produzione di libri in coldset (installazione a gennaio 2018)

Comunicazione d’impresa

VITS International nel mondo. Una panoramica delle installazioni più recenti

71


ilPoliGrafico 179•17

News

Tecnologie

Software

Prepress

CtP

Offset

Stampa

digitale

Nuova linea per la produzione di imballaggio flessibile Bobst M8 Bobst M8 è una macchina multiprocesso e multibobina altamente automatizzata ad alta velocità per la stampa e la trasformazione di imballaggio flessibile. Per la prima volta i vantaggi della tecnologia esclusiva Bobst Digital Flexo sono proposti agli utilizzatori su una macchina con larghezza di stampa fino a 1070 mm e velocità fino a 400 m/min. Le caratteristiche della tecnologia Bobst Digital Flexo comprendono l’automazione digitale delle operazioni di funzionamento, con controllo in closed loop mediante telecamera che consentono di effettuare automaticamente il pre-

72

registro e la regolazione delle pressioni e del registro di stampa, con confronto qualità di stampa/ PDF a tutte le velocità. “Queste funzionalità avranno un impatto di grande portata sulle dinamiche di mercato odierne, basate sulla regola d’oro che occorre diversificare per avere successo”, dichiara Matteo Cardinotti, ad di Bobst Firenze e responsabile della linea di prodotto Narrow & mid-web multi-process. “La maggior parte delle aziende operanti nel settore della stampa sa che oggi occorre diversificare la produzione per aumentare o persino per mantenere stabile il fatturato, per cui numerosi eti-

chettifici hanno aggiunto macchine che producono brevi tirature di imballaggi personalizzati. Bobst M8 è particolarmente adatta alle aziende produttrici di etichette lungimiranti che desiderano entrare nel mercato dell’imballaggio flessibile non tanto per sopperire a una necessità ma per realizzare una crescita solida e sostenibile in questo settore”. Di grande importanza è la flessibilità totale che la macchina offre in termini di substrati, prodotti di consumo e applicazioni: è in grado di utilizzare inchiostri UV, a base acqua o solvente. Oltre al controllo digitale e alla totale uniformità del colore, l’M8

offre sequenze di cambio lavoro completamente automatiche. Caratteristiche che consentono alla macchina di operare in modo efficiente e redditizio a prescindere dalla lunghezza delle tirature, anche per gli ordini justin-time. www.bobst.com

La gamma dei materiali lavorati dalla macchina comprende tutti i supporti utilizzati per stampa di imballaggio da bobina a bobina: film, alluminio sottile, lamitube, carta.

AccurioLabel 190 per etichette

Anche un modello entrylevel nella gamma Acuity

A Labelexpo Konica Minolta ha presentato in anteprima AccurioLabel 190, una macchina da stampa digitale progettata e realizzata in collaborazione con l’azienda danese Grafisk Maskinfabrik (GM), che produce avvolgitori e altre soluzioni di finishing in grado di lavorare in linea con la macchina da stampa oppure in modo indipendente. La AccurioLabel 190 di Konica Minolta sostituirà il modello bizhub C71cf, già venduto a più di 100 aziende in tutto il mondo dal momento del lancio solo due anni fa. Garantisce una costante uniformità del colore e della qualità a una risoluzione di 1200x1200 dpi. Non è necessario il pre-trattamento dei materiali per la stampa. La nuova macchina è dotata di serie di sistema di guida della bobina. Un’altra novità assoluta presentata a Labelexpo è stato il sistema JETvarnish 3DWebColor+ di MGI per etichette e imballaggi flessibili, incluse le pellicole termoretraibili. Questa nuova macchina esegue rivestimenti UV spot 3D e piatti in linea, texture tridimensionali in vernice goffrata ed effetti attraverso l’applicazione di lamine a caldo. www.konicaminolta.it

Fujifilm ha annunciato il lancio di un nuovo prodotto della serie Acuity, la stampante flatbed Acuity 15, che va ad affiancarsi alle Acuity Select 20 e 30, garantendo immagini di qualità quasi fotografica e una velocità di stampa fino a 23 m2 all’ora. Alla pari dei due modelli di fascia più alta, la new entry è dotata di una robusta piattaforma in grado di stampare su supporti rigidi e flessibili di spessore fino a 50,8 mm. Il sistema di aspirazione riduce l’esigenza di mascherare il piano di stampa, agevolando il caricamento dei supporti. Lavori di stampa completi, prove di stampa e persino realizzazione di oggetti termoformati: questa stampante garantisce alle imprese di ogni dimensione la possibilità di fornire ai clienti stampe, rigide o flessibili, realizzate su quasi ogni tipo di superficie. Acuity 15 è ora disponibile nella regione EMEA con il sistema di inchiostri universale KN Uvijet o con il sistema di inchiostri termoformabili KV Uvijet; entrambe le linee di inchiostri Uvijet permettono la stampa in quadricromia, con l’eventuale aggiunta del bianco. www.fujifilm.it

Carto


Flessografia

Consumabili

Legatoria

Nobilitazione

News

Tecnologie

All’IFRA di Berlino, Müller Martini dimostra l’efficienza nella lavorazione degli inserti Gli inserti di giornale sono tra i prodotti di stampa più commercialmente riusciti. Per i produttori di giornali, però, questo comporta anche grandi sfide. Al fine di produrre in maniera efficiente e fornire con successo un gran numero di inserti a zone sempre più piccole, la connessione di singoli passaggi di lavoro, dalla raccolta della carta fino alla rampa di carico, sta diventando sempre più importante. Müller Martini non solo ha presentato per la prima volta a IFRA, con il motto Finishing 4.0 – Advanced Inserting, Logistics and Connectivity, il suo speciale modulo di monitoraggio e tracking

Connex.Info 4.0 per sala spedizione, ma ha offerto ai visitatori dello stand un tour virtuale della sala spedizione giornali più all’avanguardia d’Europa. Un esempio di best practice è stato utilizzato per dimostrare come più di un miliardo di inserti all’anno possono

scatole

essere prodotti in modo efficiente. Müller Martini ha spiegato quali sistemi d’inserimento ad alte prestazioni i produttori di giornali possono utilizzare per tenere traccia

della lavorazione degli inserti e quali soluzioni sofisticate possono aiutarli ad affrontare le principali sfide logistiche. Anche la gestione del ciclo di vita delle macchine, come garantito dai pacchetti manutentivi e di assistenza MMServices di Müller Martini, è stato tema di discussioni, in quanto sono in grado di garantire l’efficienza dei sistemi, ottimizzare i costi operativi e prolungare il tempo di vita degli impianti con investimenti gestibili. Inoltre, un efficiente servizio di assistenza garantisce qualità di prima classe e una redditività a lungo termine. www.mullermartini.it

packaging

nimax: la qualità vuole qualità Trojan3: la stampante professionale digitale in CMYK per imballi che espande il tuo business. Il sistema di stampa digitale a colori Trojan3 Overprinter è un sistema a getto d’inchiostro che può essere montato sopra qualsiasi piattaforma di trasporto che possa convogliare a 9 e 18 metri al minuto. La stampante lavora da sopra il prodotto in movimento. Realizza stampe di alta qualità su tutti i materiali con una superficie assorbente, come la maggior parte delle carte e cartoni non laminati, e su tutti i materiali dalla superficie pretrattata per accogliere inchiostri a base acqua. Finalmente potete stampare ad alta qualità su oggetti piani come scatole non formate o etichette, oggetti spessi come buste imbottite, su assi di legno o perfino scatole formate pronte per la spedizione, fino a 222,8 mm in larghezza e fino a 762 mm in lunghezza.

nimax s.p.a. - via dell’Arcoveggio, 59/2 40129 Bologna - Italy - T. +39 051 419 9133 trojan3@nimax.it - nimax.it DISTRIBUTORE ESCLUSIVO PER L’ITALIA

NMX-Tro3-Poligrafico-ott-205x120.indd 1

13/04/17 09:29

ilPoliGrafico 179•17

otecnica


ilPoliGrafico 179•17

tecnologie

Rapida 105 PRO

di Koenig & Bauer: dotazione più flessibile e più automatizzata

Il mettifoglio della Rapida 105 PRO è completamente preimpostabile e la testina di aspirazione è priva di comandi.

74

Sul mercato dal 2015, la Rapida 105 PRO si posiziona nella fascia di potenza superiore tra la collaudata Rapida 105 e la serie high end Rapida 106. La Rapida 105 presenta una velocità di produzione fino a 17.000 fogli/h, un formato del foglio standard di 740x1.050 mm, tempi di avviamento rapidi grazie a una maggiore automazione e un nuovo pulpito di comando intuitivo. Essendo sviluppata sulla piattaforma della Rapida 106, può essere configurata in modo flessibile e personalizzato. Koenig & Bauer definisce la Rapida 105 PRO la migliore della sua categoria anche in considerazione dell’accattivante rapporto qualità/prezzo. Una caratteristica distintiva della Rapida 105 PRO è quella di essere interamente preimpostabile, dal mettifoglio ai gruppi di stampa fino all’uscita; in questo modo, cambiare gli ordini diventa più facile e veloce. Tutti i parametri di impostazione sul mettifoglio e sull’uscita possono essere memorizzati in base all’ordine. Per gli ordini in serie o ordini con lo stesso substrato si possono utilizzare gli stessi parametri di impostazione, risparmiando tempo e quantità di scarti.

Per il cambio delle lastre sono installati solo sistemi automatici come SAPC (cambio di ciascun gruppo di stampa con un solo tasto) e FAPC (cambio completamente automatico in tutti i gruppi in soli 2,8 minuti). Per quanto riguarda gli impianti di lavaggio, la Rapida 105 PRO è dotata del sistema di lavaggio CleanTronic per caucciù, cilindri di contropressione e rulli. In alternativa sono disponibili anche i sistemi DriveTronic SRW (Simultaneous Roller Wash), CleanTronic Multi (per utilizzo alternato inchiostri) e CleanTronic UV. I calamai EasyClean con rivestimento antiaderente riducono immensamente i tempi di pulizia al cambio di inchiostro. Nei calamai, inoltre, non sono installate parti usurabili che necessitino di frequenti sostituzioni. Mancando il film del calamaio è possibile evitare scostamenti dalla posizione zero assicurando una riproducibilità esatta delle impostazioni delle zone di inchiostrazione. Anche nella nuova Rapida è possibile escludere i gruppi inchiostratori non utilizzati, permettendo di risparmiare energia, tempi di lavaggio e detergenti e aumentare la durata dei rulli inchiostratori. La Rapida 105 PRO è disponibile con un massimo di 10 gruppi di stampa, inversione del foglio e verniciatura semplice e multipla e può essere configurata esattamente secondo le esigenze di produzione. Oltre alla stampa commerciale, la macchina presenta numerose funzioni interessanti anche per la stampa di packaging, tra cui anche la straordinaria funzionalità dei gruppi di verniciatura in termini di cambio delle lastre di verniciatura, regolazione della messa a registro dal pulpito di comando anche nella torre di verniciatura, pulizia automatica del circuito di verniciatura o camere racla a regolazione idropneumatica. Nella Rapida 105 PRO, inoltre, è possibile installare sistemi in continuo nel mettifoglio e nell’uscita e integrare la macchina in una logistica di impilaggio completamente automatica. Per applicazioni specifiche sono disponibili pacchetti dedicati per cartone microonda, pellicole, carta velina oppure per pellicole In Mould. Con spessori che vanno da 0,04 a 1,6 mm, la Rapida 105 PRO copre l’intero spettro di supporti di stampa, senza necessità di regolare i sistemi di pinze neppure per substrati estre-


ilPoliGrafico 179•17

tecnologie

zione. Per la Rapida 105 PRO, inoltre, sono disponibili tutti i sistemi di misurazione e regolazione come, ad esempio, il QualiTronic ColorControl. Il sistema di regolazione più veloce del mercato misura tutti i fogli regolandone uno ogni dieci. Il sistema regola già quando altri, invece, stanno ancora misurando. La Rapida 105 PRO è un asso anche in termini di efficienza energetica grazie al sistema di essiccazione VariDryBlue. Riutilizzando l’aria di ricircolo si riduce fino al 50% il fabbisogno di energia e, di conseguenza, anche il volume di aria di scarico. L’energia viene sfruttata completamente, non soltanto reimmessa nell’ambiente: un contributo prezioso alla tutela ambientale. Come su tutte le Rapida, anche sulla Rapida 105 PRO è possibile applicare i metodi di essiccazione UV HR e UV LED a risparmio energetico concepiti da Koenig & Bauer per queste serie, vantaggiosi soprattutto per un rapido finissaggio nella stampa commerciale. L’essiccazione LED, inoltre, assicura una maggiore durata degli irradiatori, un minore apporto di calore nel substrato, vantaggi per il finissaggio e una qualità di stampa nettamente superiore sulle carte non patinate.

mamente diversi tra loro. Altri moduli speciali, come il tagliafogli da bobina, la torre di perforazione e numerazione, il dispositivo di stampa iridata o il Cold Foil, rendono la Rapida 105 PRO una macchina universale straordinariamente flessibile. Il formato massimo del foglio, ingrandito di 20 mm a 740x1.050 mm, è vantaggioso soprattutto per gli stampatori di packaging ed etichette. In molti casi, con i formati speciali 750x1.050 e 780x1.050 mm è possibile inserire sul foglio un’ulteriore fila di fustellati. Con l’opzione ‘Barre di controllo piccole’ si aumenta ulteriormente il formato utilizzabile. Tutte le funzioni della macchina vengono controllate tramite un touchscreen con un massimo di due operazioni. Il pulpito di comando centrale ErgoTronic della Rapida 105 PRO non è più dotato di tastiera. Icone di facile comprensione semplificano la regolazione e l’apprendimento dei nuovi comandi. Il programma JobAccess permette di dimezzare i tempi di allestimento. Grazie alle nuove funzioni di configurazione del profilo dell’inchiostrazione si riducono gli scarti di avviamento. Una lista degli ordini con immagini di anteprima e funzioni di ottimizzazione per la sequenza degli ordini velocizza ulteriormente il cambio di produ-

Il nuovo concetto di comando intuitivo tramite touchscreen del pulpito di comando ErgoTronic è perfettamente in linea con le tendenze attuali. Tastiera? Negativo!

Il rivestimento antiaderente del calamaio senza pellicole usurabili velocizza e semplifica il cambio d’inchiostro.

75


ilPoliGrafico 179•17

offset a foglio

Tipolitotecnica potenzia la produzione

con una Komori GL 540 C H-UV bivalente Al servizio delle principali industrie alimentari della zona, l’azienda parmense ha festeggiato in settembre l’ingresso di una nuova offset innovativa dal punto di vista tecnologico.

76

Nella provincia di Parma i prodotti alimentari di qualità sono una tradizione antica: tortelli, cappelletti, formaggi, vini, salumi sono apprezzati e venduti in tutto il mondo. Una produzione importante per l’economia della zona, che genera anche un notevole indotto. In questo segmento di mercato opera con successo la Tipolitotecnica di Sala Baganza, fornendo alle industrie alimentari locali un’ampia gamma di prodotti di stampa: etichette anche adesive, scatole, astucci, espositori, cataloghi, brochure, modulistica, in piccole o grandi quantità. Dall’iniziale attività di stampa litografica fondata nel 1976 da Valter Bussoni, Tipolitotecnica si è sviluppata ampliando la società, che oggi comprende i figli Andrea ed Elisa, la moglie Rita Ziveri e 15 addetti e produce un fatturato in costante crescita. Il servizio offerto ai clienti è a ciclo completo: progettazione grafica, campionatura, prestampa, stampa offset, serigrafica e digitale anche diretta su carta alimentare, con dati variabili e personalizzazione, a foglio e a bobina, fustellatura e confezione. Sempre attenti alle tecnologie, i Bussoni hanno recentemente deciso di potenziare l’azienda con una nuova macchina da stampa Komori Lithrone GL 540 H-UV bivalente a 5 colori con coater in formato 70x100, in produzione da aprile, che si aggiunge a un’altra offset a 4 colori in formato 35x50, due fustellatrici, una cucitrice a punto metallico e una piegatrice. “Abbiamo scelto Komori per il miglior rapporto tra costi e performance”, spiega Andrea Bussoni. “Volevamo una macchina innovativa dal punto di vista tecnologico e altamente produttiva. La GL 540 stampa 15.000 fogli all’ora con grande stabilità e qualità sia con inchiostri tradizionali che H-UV, è ottimizzata per il packaging e soprattutto riduce i tempi di lavorazione”. Bussoni si riferisce all’esclusivo sistema di essiccazione degli inchiostri H-UV brevettato da Komori di cui è dotata la GL 540. Per mezzo di una speciale lampada UV, infatti, l’essiccazione degli inchiostri H-UV avviene istantaneamente attraverso un

La nuova offset a foglio Lithrone GL 540 H-UV bivalente a 5 colori con coater in f.to 70x100, in produzione da aprile, è andata ad affiancarsi a un’altra offset a 4 colori in f.to 35x50.

processo online; la superficie dello stampato risulta perfettamente liscia e uniforme e le operazioni di finitura, come taglio, rifilatura e piegatura possono essere eseguite senza attesa. Di conseguenza può aumentare il numero di lavori di stampa anche a basse tirature e non è più necessario occupare spazio per lo stoccaggio del materiale in fase di essiccazione. Le speciali lampade Komori emettono quantità molto ridotte di CO2, emanano pochissimo calore evitando così la deformazione dei fogli e non producono ozono. Non richiedono quindi un sistema di condizionamento dedicato, con un notevole contenimento del costo di installazione e un alto livello di ecocompatibilità. “Siamo davvero soddisfatti della nuova Komori, tanto che prevediamo di aggiungere a breve un secondo turno di produzione” continua Bussoni. “Lo scorso 28 settembre l’abbiamo presentata a clienti e fornitori con un’open house di inaugurazione”.


ilPoliGrafico 179•17

MONDI lancia un nuovo campionario per la gamma BIO TOP 3® disponibile in Europa, il nuovo campionario, di un’originalità sorprendente, è concepito tenendo conto delle esigenze delle industrie creative

Comunicazione d’impresa

Presente sul mercato da ben 28 anni e ben noto al pubblico, il marchio BIO TOP 3® gode già di una vasta fama di carta premium non patinata di colore bianco naturale con eccellente profilo ambientale. Il nuovo campionario, dal leitmotiv “Naturalmente” (by Nature), mette in risalto la qualità e la versatilità della gamma BIO TOP 3® evidenziandone al tempo stesso il suo fascino puro e genuino. “Non è una tonalità, è un atteggiamento” recita il motto di BIO TOP 3® e c’è da dire che di atteggiamento il nuovo campionario ne ha da vendere! Il campionario stampato in offset offre splendidi esempi di stampe a colori e di rilievo a secco in una sezione intitolata “Naturalmente ispirato”. Un’altra sezione cucita alla copertina del campionario e denominata “Naturalmente versatile” spiega in modo chiaro la versatilità delle applicazioni e i vantaggi di BIO TOP 3® in ambiti quali comunicazione aziendale, stampa di libri, packaging e altri ancora. Jutta Wacht, Art Director dell’agenzia creativa austriaca Say Say Say, Inc. che ha progettato il campionario, ha così spiegato la dicotomia alla base dell’idea: “Ci siamo ispirati alla versatilità di BIO TOP 3® e alla sua tonalità naturale per dar vita a un campionario multidimensionale formato da una parte pratica, che mette in mostra la versatilità delle applicazioni in modo visivamente tangibile, e una parte emotiva, costituita da un volume illustrativo staccabile contenente i paesaggi più affascinanti della terra con le loro sublimi sfumature di colore che rendono omaggio alla tonalità naturale di BIO TOP 3®”. In sintonia con le esigenze di designer e stampatori eco-consapevoli I designer professionisti, gli stampatori e gli editori alla ricerca di un aspetto genuino, naturale e sostenibile per i propri progetti troveranno ciò di cui hanno bisogno nella gamma BIO TOP 3®.

BIO TOP 3® è una carta premium non patinata di colore bianco naturale, d’ispirazione naturale e che trasmette un atteggiamento naturale e sostenibile a tutto il materiale stampato per cui viene utilizzata.

Mondi propone: BIO TOP 3® next in formato folio e in bobine per stampa digitale, offset e preprint; BIO TOP 3® highspeed inkjet in bobine per applicazioni a getto d’inchiostro ad alta velocità; BIO TOP 3® extra per tutte le esigenze di stampa da ufficio; e le buste assortite BIO TOP 3®. Il campionario è stato stampato in Austria da Holzhausen Druck GmbH. Hannes Fauland Jr., del Servizio Clienti di Holzhausen, è rimasto colpito dalla stampabilità della carta e dai risultati: “Il campionario si è rivelato di una bellezza eccezionale. Abbiamo stampato in offset e devo dire che la carta è davvero straordinaria da stampare. Avevo lasciato una copia in una sala riunioni e un mio cliente abituale, dopo averlo sfogliato, ha deciso immediatamente di utilizzare BIO TOP 3® per il suo prossimo libro”. Anche Ludêk Lorenc, direttore tecnico della tipografia ceca PB tisk, è convinto dei benefici della carta: “Abbiamo utilizzato BIO TOP 3® next per stampare il libro Kmeny poiché soddisfaceva in pieno le esigenze dell’editore. BIO TOP 3® next rappresentava la scelta ideale per questo lavoro per via della sua tonalità naturale, dell’alto spessore e dell’alta scorrevolezza nella pressa. Quindi abbiamo deciso di inserire BIO TOP 3® next nel nostro campionario”. Sostenibile. Ogni giorno Oltre al suo peculiare colore bianco naturale e al suo alto spessore, BIO TOP 3® vanta un profilo ambientale ineccepibile. È sbiancata in totale assenza di cloro (TCF - Totally Chlorine Free) e realizzata senza sbiancanti ottici (OBA - Optical Brightening Agents). La carta è prodotta esclusivamente nella cartiera Neusiedler di Mondi in Austria, dotata di certificazione ISO 14001, con materie prime certificate FSC™. BIO TOP 3® fa parte della gamma Green Range di Mondi, è dotata dell’Ecolabel UE e di quello austriaco, ed è disponibile con un’opzione CO2 neutral.

www.mondigroup.com

77


ilPoliGrafico 179•17

eenti scrivi

Labelexpo,

cresce il digitale anche nella nobilitazione Clima di grande positività a Bruxelles, a conferma che il mercato delle etichette gode di ottima salute e presenta prospettive di crescita interessanti. Digitalizzazione, automazione, sostenibilità e innovazione le parole chiave di questa brillante edizione.

78

Un’edizione record quella che si è tenuta dal 25 al 28 settembre presso il quartiere fieristico di Bruxelles: 679 espositori, di cui 198 ‘new entries’, su una superficie di 38.500 metri quadri che occupava in totale nove padiglioni, il 12% in più rispetto al 2015. Dati in crescita anche sul fronte dei visitatori, provenienti da 139 Paesi: 37.724, il 5,6% in più se paragonati ai 35.739 del 2015, con nutrite delegazioni da Brasile, Cina, India e Giappone. Se le etichette continuano a rappresentare il cuore pulsante dell’evento, si sta assistendo negli anni a una diversificazione del tessuto espositivo, che abbraccia sempre più aziende attive nella stampa del packaging flessibile, con un appeal maggiore per i brand owner e gli stampatori a banda larga. Con il 25% in più di macchine funzionanti, Labelexpo 2017 è stato il trampolino di lancio per un gran numero di nuove soluzioni da parte di molti produttori di macchine leader nel settore delle etichette. Quest’anno l’inkjet è stata senza dubbio la tecnologia protagonista, non solo a livello di stampa, ma anche di nobilitazione. Il digitale, che è senza alcun

dubbio in crescita, gioca un ruolo importante anche nelle macchine ibride, in cui le unità inkjet si affiancano a gruppi flexo, offset o serigrafici, con l’obiettivo di creare etichette complesse e nobilitate in un singolo passaggio. Oggi la stampa digitale rappresenta il 9,7% del valore del mercato in Europa: il 76% è costituito da sistemi a base toner, mentre il 24% da soluzioni inkjet/ibride. Se si analizza, invece, la domanda di etichette a livello internazionale (fonte: AWA –Alexander Watson Associates – 2016), si ha la conferma che le etichette autoadesive fanno la parte del leone con un 40%, seguite dalle etichette acqua e colla (36%), quelle sleeve (18%), in-mold (2%) e altre (4%). Altro dato curioso: il continente che nel 2016 ha ‘consumato’ la maggior quantità di etichette è l’Asia con il 43% dei volumi. Con un discreto distacco seguono Europa (25%), Nord America (19%), Sud America (9%) e, infine, Africa e Medioriente (4%).


ilPoliGrafico 179•17

foto Studio Verkammen

b

obst

Il montacliché che ottimizza il processo flessografico

efi

Una Jetrion 4950lxe LED in versione potenziata

Bobst ha annunciato l’introduzione di una nuova versione del suo sistema di montaggio di cliché flessografici completamente automatico DigiMount. Il nuovo Smart DigiMount migliora ulteriormente l’efficienza delle macchine flexo in linea e delle linee multi-processo di stampa e trasformazione a banda stretta e media che utilizzano la tecnologia a maniche. L’elettronica avanzata che caratterizza Smart DigiMount gli conferisce una velocità e una precisione ancora maggiori nel montaggio dei cliché. La macchina è in grado di gestire maniche con sviluppi stampa da 254 a 812,8 mm e, in opzione, fino a 1066,8 mm, quindi larghezze e formati di stampa più grandi. Un’altra novità è l’alloggiamento che esclude la luce ambientale e permette al sistema di posizionamento di operare in maniera costante indipendentemente dai fattori ambientali esterni. La versione originale del DigiMount è sempre disponibile per i cilindri con sviluppo stampa da 139,7 a 609,6 mm.

Due le novità sullo stand di EFI: la versione 5 del software per flusso di lavoro Packaging Suite e la versione potenziata del sistema di stampa inkjet LED a banda stretta EFI™Jetrion 4950lxe con inchiostro bianco. La nuova versione 5 della Packaging Suite offre ai converter di etichette e packaging flussi di lavoro commerciali e di produzione completi che incrementano la redditività a livello aziendale. La Suite, che dispone di EFI Radius in qualità di software ERP principale, include potenziamenti del flusso di lavoro in termini di preventivazione, pianificazione dei lavori e raccolta dei dati in sala stampa, nonché nuovi flussi di lavoro di stampa digitale e strumenti aggiuntivi che potenziano la produttività e la collaborazione tra gli utenti. La Jetrion 4950lxe LED genera nuove opportunità grazie alle sue capacità potenziate, tra cui la possibilità di utilizzo del nuovo inchiostro a bassa migrazione per la produzione di superfici che non entrino a contatto con gli alimenti. Sono disponibili attrezzature di finitura in linea opzionali che permettono alla Jetrion di trasformare una bobina bianca in una bobina stampata, fustellata, tagliata e pretagliata sul retro.

durst

fujifilm

La novità di Durst si chiama Tau 330 RSC, una macchina inkjet UV per etichette e imballaggio flessibile a 8 colori, larghezza di stampa di 330 mm e una velocità fino a 78 metri/min a 1200x1200 dpi di risoluzione di stampa. Grazie agli otto gruppi stampa (CMYK + bianco + OVG) e ai nuovi inchiostri pigmentati, la resa qualitativa è elevata e la copertura della gamma di colori Pantone è prossima al 98%. La nuova macchina è disponibile come versione standalone oppure può essere configurata con il taglio a laser digitale in linea LFS 330. A Labelexpo veniva mostrata in variante ‘ibrida’ con una serie di opzioni di finitura convenzionali XFlex di OMET. Il design è simile a quello dei modelli precedenti e anche le parti meccaniche sono le stesse. Cambia la testina di stampa, che ora è una Fujifilm Dimatix Samba G3L, che ha una durata superiore rispetto alla precedente, oltre a garantire una migliore qualità. Sullo stand anche l’ammiraglia Tau 330, con inchiostro a bassa migrazione per imballaggi alimentari primari e farmaceutici, e il modello entry level Tau 330E con inchiostri UV pigmentati.

Fujifilm ha presentato Samba™ 42000 Inkjet Printbar, una nuova tecnologia inkjet LED UV che, abbinata agli inchiostri Uvijet, garantisce una stampa di etichette di alta qualità fino a 1200 dpi, aggiungendo funzionalità digitali alle attuali macchine flexo oppure offrendo la personalizzazione fuori linea delle etichette. La barra di stampa raggiunge una velocità fino a 90 metri al minuto, è facilmente installabile sui binari delle macchine flexo standard e dispone di un meccanismo di attivazione e di un codificatore per individuare l’area di stampa flexo. Una volta stampato il supporto viene quindi riportato in linea per la normale post-elaborazione. Ogni barra dispone di 8 o 10 testine di stampa – a seconda delle larghezze di stampa di 33 o 43 cm – allineate e bilanciate per garantire l’uniformità della stampa in tutte le migliaia di ugelli. Altra novità di Fujifilm è l’inchiostro Sericol Flexo JDR, progettato per offrire il miglior livello possibile di qualità agli stampatori flexo JDR e disponibile in CMYK e bianco.

Un nuovo modello arricchisce la famiglia Tau

Testa di stampa inkjet LED UV per macchine flexo

79


ilPoliGrafico 179•17

eenti scrivi

gallus (heidelberg)

Una Gallus Labelfire, dallo stand di Labelexpo direttamente a Pilot Italia La Gallus Labelfire che era in mostra a Bruxelles subito dopo la fiera è stata installata presso Pilot Italia, azienda con sede a Cornate d’Adda (MB) specializzata in etichette autoadesive. Si tratta di un sistema da stampa digitale roll-to-roll che può essere integrato con unità serigrafiche, flessografiche e di laminazione (pre e post stampa digitale), in grado di lavorare con qualità 1200x1200 dpi a 50 metri/minuto creando etichette complesse e nobilitate in un singolo passaggio. La configurazione è stata creata ad hoc per le necessità dell’azienda italiana: due unità flexo prima dell’unità digitale e tre dopo l’unità digitale, tutte intercambiabili con unità serigrafiche. Completano il quadro due unità di laminazione a freddo e/o plastificazione, una upstream e una downstream, e una fustella semirotativa nella posizione finale che permette di fustellare e sfridare a 50 metri/minuto qualsiasi tipo di materiale.

La nobilitazione diventa digitale con GEM Su uno stand di 2.400 mq, HP ha annunciato un nuovo portafoglio di soluzioni per la stampa digitale e la decorazione di etichette in qualsiasi quantità e per tutte le applicazioni. Occhi puntati su HP Indigo GEM, la rivoluzionaria soluzione per applicazioni decorative in un singolo passaggio completamente digitale, che poteva già essere preordinata durante Labelexpo. Integrata con il sistema HP Indigo WS6800 Digital Press, tale soluzione produce etichette con sofisticate nobilitazioni, come ad esempio lamine, retinatura, effetti tattili, laccatura e altri effetti speciali, il tutto con un solo flusso di lavoro, un solo operatore e un solo file di progettazione, senza richiedere ulteriori strumenti. HP Indigo GEM utilizza GEM Coat e GEM Clear, venduti da HP Indigo. Sviluppato tramite la tecnologia JetFX, GEM sarà in commercio a partire dalla primavera del 2018.

grafikontrol

kodak

Grafikontrol ha riscosso grande interesse per il sistema di controllo al 100% Lunex-S, specifico per etichette, presentato sul proprio stand e sugli stand di Lombardi Converting Machinery e di Omet. “A Labelexpo si sono affermate due tendenze che il mercato sta seguendo: la stampa digitale, sempre più presente anche nel settore delle etichette, e il controllo di stampa”, ha commentato Paolo De Grandis, direttore vendite e socio di Grafikontrol. “Il controllo al 100% è percepito sempre più come un asset irrinunciabile nella produzione di etichette”. Lynex-S offre la possibilità di comparare rapidamente il prodotto stampato con il PDF di riferimento per rilevare eventuali differenze. Il software consente di identificare il difetto sulla macchina da stampa e di memorizzarlo per poi consentirne la rimozione sulla ribobinatrice o altro sistema di finitura. Nel panorama articolato dei sistemi per ispezione al 100% presente sul mercato, Lynex-S si distingue per facilità d’uso, flessibilità e modularità. Può essere installato su macchine da stampa flexo, offset, rotocalco e digitali e anche su linee di converting e riavvolgimento etichette.

Kodak ha presentato tecnologie software, flessografiche e inkjet all’avanguardia, nonché soluzioni di punta per la stampa di etichette e imballaggi. In concomitanza con Labelexpo, la multinazionale ha aperto ufficialmente a Bruxelles il Kodak Flexo Hub, un nuovo centro di tecnologia flessografica per il settore degli imballaggi. Con questo centro si vuole dare risalto e sottolineare l’importanza delle collaborazioni con clienti, OEM, grandi marche e associazioni del settore. Presso l’Hub i clienti potranno anche assistere a demo del sistema Kodak Flexcel NX System, seguire corsi di formazione o avere a disposizione lastre Flexcel NX per delle prove di stampa. Anche sullo stand a Labelexpo grande enfasi è stata data al sistema Kodak Flexcel NX per la produzione di lastre flessografiche digitali ad alte prestazioni. Uno dei punti di forza è la tecnologia NX Advantage che migliora in modo significativo l’efficienza del trasferimento d’inchiostro nella vastissima gamma di applicazioni flessografiche.

Un sistema d’ispezione al 100% per vari processi di stampa

80

hp

Inaugurato il centro Flexo Hub in concomitanza con Labelexpo


ilPoliGrafico 179•17

foto Studio Verkammen

mouvent

screen

Mouvent, a Labelexpo per la sua prima volta, ha passato l’esame del mercato. Le macchine da stampa digitale della neonata joint venture Bobst-Radex hanno generato un grande interesse tra i visitatori. Le nuove soluzioni sono: • LB701-UV mini per etichette, la più piccola macchina per etichette ad alta produttività sul mercato; •LB702-UV, il modello più produttivo per etichette nel segmento delle macchine a banda stretta; • LB702-WB per etichette, che utilizza solo il 100% di inchiostri a base acqua Mouvent™, ideali per l’uso alimentare. Tutti i sistemi Mouvent si basano sulla tecnologia Mouvent™ Cluster e sono in grado di stampare fino a 7 colori su una grande varietà su substrati - carta autoadesiva e etichette a colla d’acqua e materiali flessibili - con velocità di produzione fino a 100 m/min con una risoluzione nativa di 1200x1200 e ottica di 2000 dpi.

Screen ha annunciato il lancio della Truepress Jet L350UV+ e della Truepress Jet L350UV+LM (Low Migration) con l’obiettivo di espandere la propria presenza nel settore del confezionamento per alimenti. Oltre all’introduzione di nuovi inchiostri appositamente studiati per la bassa migrazione (a basso grado di permeabilità) che consentono un incremento nella sicurezza, la Screen Truepress Jet L350UV+LM incorpora un’unità di gestione dell’azoto che permette di accelerare l’asciugatura degli inchiostri UV oltre a prevenire la migrazione dell’inchiostro e il tipico odore dell’UV. Il nuovo modello condivide con la Truepress L350UV+ (foto) la velocità fino a 60 m/min e la riproducibilità di un gamut colore ampliato grazie alla possibilità di supportare, come opzione, il colore arancione in aggiunta ai convenzionali C, M, Y, K e al bianco. Ultima novità la collaborazione tra Screen e Prati che porterà a sviluppare un’interfaccia tra le macchine da stampa digitali per etichette Screen Truepress Jet L350UV e la linea di finishing digitale modulare Digifast One.

ricoh

xeikon

In collaborazione con MDV Group, azienda specializzata in carta e in pellicole trasparenti, Ricoh ha mostato le potenzialità della quinta stazione colore di Ricoh Pro™ C7100X, soluzione digitale a foglio singolo. A disposizione dei visitatori etichette con effetti argentati e dorati, nonché applicazioni realizzate con il toner Pink Neon su un’ampia gamma di supporti di stampa inclusi quelli sintetici. Allo stand sono state presentate anche applicazioni per interni ed esterni, tra cui grafiche per tappeti ed asfalto, realizzate mediante la soluzione Ricoh Pro L4100 latex. Inoltre, Ricoh ha mostrato un’ampia gamma di carte termiche top-coated utili quando occorre aggiungere informazioni variabili. Questi supporti sono ideali per l’industria alimentare, così come per fatture, estratti conto bancari, cartellini e biglietti per parcheggi, per trasporti e per ingressi a luoghi di intrattenimento.

Xeikon ha annunciato l’introduzione di nuove macchine da stampa digitali, sia inkjet UV sia elettrofotografiche. Tra le novità la Xeikon CX500 della serie Cheetah, la prima soluzione basata su una piattaforma a toner secco di nuova generazione pronta per Industry 4.0. Sono state, inoltre, introdotte le inkjet UV della serie Panther, tra cui la Xeikon PX3000 (foto) e la Xeikon PX2000, opzione entry-level appena annunciata. Entrambe saranno disponibili in configurazione a 4 e 5 colori e utilizzano gli inchiostri UV brevettati PantherCure, che si avvalgono di una combinazione di lampade UV al mercurio o LED per la polimerizzazione. Questa è una peculiarità esclusiva delle macchine da stampa a getto d’inchiostro UV Xeikon, con diversi vantaggi, come: polimerizzazioni più uniformi nel tempo, minore consumo energetico, maggiore durata della fonte di polimerizzazione e inferiore esposizione al calore per il supporto, con la possibilità, quindi, di stampare anche su supporti termosensibili. Sullo stand anche la Xeikon CX3 in azione dal vivo, la cui configurazione includeva il primo modulo commerciale di Fusion, un’unità di serigrafia digitale con bianco opaco.

Il debutto della joint venture tra Bobst e Radex

Le potenzialità del 5° gruppo stampa della Ricoh Pro C7100X

Due nuovi modelli e una collaborazione con Prati

Quattro macchine da stampa digitali per etichette

81


ilPoliGrafico 179•17

eventi

Stampa digitale ed editoria, conversazioni con vista mare

82

Si è parlato di innovazione tecnologica e del suo impatto sull’editoria nel workshop organizzato da Canon lo scorso settembre, in occasione del Festival della Comunicazione di Camogli (Genova), la manifestazione annuale dedicata agli operatori della comunicazione di cui Canon è Digital Imaging Partner. Moderato da Severino Salvemini, professore ordinario presso l’Università Bocconi, presidente della SDA Bocconi ed editorialista del Corriere della Sera, l’incontro – intitolato «Libri, stampa digitale e nuovi media, l’innovazione al servizio dell’editoria e dei lettori» – ha visto la partecipazione di Fedele Usai, amministratore delegato di Condé Nast Italia, Luca Nesi, direttore industriale di Arti Group, e Maurizio Ronzoni, channel director della divisione Commercial Printing di Canon Italia. È toccato a Luca Ronzoni il compito di raccontare l’evoluzione della stampa digitale e di descriverne l’impatto sull’editoria, puntando l’attenzione sul fenomeno della graduale affermazione di nuovi modelli di business: “L’ingresso della stampa digitale ha operato una rivoluzione nel settore dell’editoria, assicurando efficienza, personalizzazione, rapidità e flessibilità: oggi i libri possono essere creati ad hoc – ad esempio ‘assemblando’ capitoli provenienti da diverse fonti – con costi di produzione minimi. Tutto ciò sta generando nuove opportunità di business per gli operatori del settore”. Un caso di successo in questo senso lo ha portato Luca Nesi, spiegando che – grazie all’installazione di una soluzione Canon Océ JetStream 5500 – Arti Group

(gruppo a cui fanno capo Nuovo Istituto Italiano di Arti Grafiche di Bergamo, Eurogravure di Treviglio e Arti Grafiche Johnson) è riuscito a recuperare il proprio posizionamento nel mercato dell’editoria di libri in bianco e nero. “In questo segmento, ci occupiamo oggi di stampa industriale in tirature minime. Grazie all’introduzione del sistema di Canon, siamo riusciti a ottimizzare la produzione di volumi in bianco e nero. E non solo, perché stiamo utilizzando la stampa digitale anche per implementare la nostra attività di ricerca e sviluppo in house su applicazioni particolari – ad esempio sperimentando nuovi materiali – a fronte dei costi ridotti”. Nesi ha poi aggiunto che “il vantaggio competitivo che ne deriva è fondamentale, a maggior ragione per un’azienda che – come la nostra – voglia vivere da protagonista il futuro della stampa, senza dimenticare la propria storia”. L’intervento di Federico Usai ha spostato il focus della conversazione sul mondo digital: “La scelta di affiancare alle riviste cartacee le edizioni online si è rivelata vincente per Condé Nast, che in Italia conta milioni di follower”. Tuttavia, Usai ha voluto porre l’accento sul ruolo di primo piano che la carta stampata continua a rivestire nell’era del web e dei social media: “L’aggancio alla reputazione fisica delle riviste è fondamentale per il consolidamento dell’online. Una sinergia che si trasforma nel valore aggiunto dell’offrire una fruizione libera dei contenuti”.

In occasione del Festival della Comunicazione di Camogli, Canon ha proposto un workshop dedicato all’innovazione nel settore dell’editoria. Al dibattito, moderato da Severino Salvemini, hanno partecipato, tra gli altri, Federico Usai di Condé Nast Italia e Luca Nesi di Arti Group.


RUBRICATURA

Più eleganti, più facili da consultare, più comodi La rubricatura è il sistema più antico e insieme più facile, intelligente, preciso e veloce per la ricerca di informazioni

Rubrichiamo volumi, cataloghi e ogni altro tipo di stampato piccole e grandi tirature

> PER INFORMAZIONI:

GPN usa e produce energia pulita

Telefono 039.2142492 GPN Rubricatura Srl - Via Garibaldi 64 - 20861 Brugherio (MB) Tel. 039.2142492 - Fax 039.883978 - E-mail: info@gpn-rubricatura.it - Sito: www.gpn-rubricatura.it


12/2015_n.46 12/2015_n.46

Sede e stabilimento: via Martiri di Boves 4 - 20871 Vimercate (MB) tel. 039 6856001 fax 039 2124916 e-mail info@pflitover.com sito web www.pflitover.com


ilPoliGrafico 179•17

Lic Packaging

Una storia di successo Guidata dai fratelli Piero e Cristina Bertoldo, oggi l’azienda ha un fatturato di 88 milioni. Oltre alle attività di stampa, ha una produzione interna di cartone ondulato.

Progettazione, industrializzazione e produzione di soluzioni di packaging per confezionamento diretto e trasporto e di display per vendita ed esposizione sono l’attività produttiva di LIC Packaging di Verolanuova, in provincia di Brescia, società per azioni che dal 2001 fa parte del gruppo internazionale Saica Group. La storia di LIC Packaging è esemplare: da un’iniziale attività di tipografia, fondata nel 1952 da Giovanni Bertoldo, l’azienda si è progressivamente sviluppata attraverso una costante strategia di investimenti e ampliamenti aggiungendo negli anni all’attività di stampa prima tipografica, poi offset e flexo, la produzione di scatole e successivamente introducendo la produzione interna del cartone ondulato. Ma non è ancora tutto: nel 1997 LIC progetta, brevetta e lancia sul mercato QET, il primo packaging da trasporto che si trasforma in espositore. Nel 2005 decide di creare la Divisione Display che oggi rappresenta circa il 30% del fatturato. Nel 2015 si aggiunge la linea Eco&You di componenti di arredo, accessori e giocattoli in cartone ondulato. Nel 2016 crea e brevetta un nuovo tipo di cartone ondulato per il contatto diretto con gli alimenti e la linea di prodotti Eco&Food specifici per il settore alimentare. Oggi LIC Packaging, guidata dai fratelli Piero e Cristina Bertoldo, sviluppa un volume di affari di 88 milioni di euro con 250 clienti fidelizzati di oltre 10 anni e comprende all’interno

un’agenzia creativa per grafica, progettazione e prototipazione, un ufficio tecnico per lo sviluppo prodotti, il controllo qualità e un efficace team commerciale supportato dal customer service. Produce e trasforma 128 milioni di mq di cartone nello stabilimento che occupa 80.000 mq, di cui 45.000 coperti, con un parco macchine che comprende, oltre alla prestampa, due sistemi di accoppiatura a foglio, una macchina per la stampa flexo, una macchina da stampa digitale a 6 colori, sei fustellatrici piane, un fustellatore rotativo a sei colori + vernice, sei piegaincolla e quattro casemaker. Per la stampa offset a foglio LIC si affida a due Rapida 162a di KBA in formato 162x122 a 6 colori, una con verniciatura sia ad acqua che UV, per la stampa sia su cartoncino teso che diretta su cartone ondulato. Installate entrambe nel 2012, a tre mesi di distanza l’una dall’altra, le due Rapida hanno sostituito una KBA precedente, un altro modello, e sono state scelte per l’alta produttività di 13.000 copie/ora e per l’elevato grado di automazione: alimentazione, inchiostrazione, registro, regolazione del colore inline, cambio lastra e formato, lavaggio e ogni altro parametro sono stabiliti nel preset di avviamento e non richiedono ulteriori interventi. La qualità dello stampato è alta e costante, in grado di soddisfare anche gli utilizzatori più esigenti, proprio come LIC Packaging.

Per la offset a foglio LIC Packaging si affida a due KBA Rapida 162a a 6 colori in formato 162x122 cm, una con verniciatura sia ad acqua che UV.

85 85


ilPoliGrafico 179•17

prodotti di consumo

I 50 anni della Fratelli Finelli. Un successo che viene da lontano Nata a Borgo Panigale come piccola azienda artigianale specializzata nella granitura delle lastre offset, oggi Fratelli Finelli è un distributore di marchi prestigiosi nel mercato dei prodotti di consumo e accessori per la sala stampa.

86

Proprio 50 anni fa, nel settembre del 1967, Franco e Remo Finelli, con la supervisione del padre Giuseppe, gettarono le basi di quella che oggi è la società Fratelli Finelli fondando a Borgo Panigale, vicino a Bologna, una piccola azienda artigianale specializzata nella granitura e rigranitura di lastre per la stampa offset, tecnologia nata da poco e ancora non molto diffusa. Un cinquantenario è una ricorrenza importante e significativa che i fratelli Finelli di oggi, Silvano e Paola, subentrati nei primi anni ‘80 al padre e allo zio nella guida della società di famiglia, hanno celebrato nel corso di una bella serata con cena e musica che ha riunito dipendenti e collaboratori insieme ai loro familiari, organizzata a Corte dell’Opera a San Giorgio Piano, nel Bolognese. “L’ingresso della nostra famiglia nel mondo della stampa cominciò quando mio zio Remo entrò a lavorare alla Fotometalgrafica di San Lazzaro di Savena, una delle litografie più conosciute della zona, come addetto alla trasformazione delle lastre metalliche in matrici offset, procedimento che a quei tempi veniva eseguito internamente e comprendeva la granitura”, racconta Silvano Finelli. “Si trattava di un’operazione lunga e laboriosa, che a un certo punto l’azienda scelse di affidare a terzi. Giuseppe, Franco e Remo colsero al volo l’opportunità e decisero di diventare

imprenditori. La Fratelli Finelli nacque così”. Da quel lontano 1967 l’azienda prospera e si ingrandisce. I Finelli acquisiscono come clienti la maggior parte delle fotolito e fotoincise di Bologna e dintorni, ma la svolta importante avviene quando stipulano con il quotidiano Il Resto del Carlino un accordo per l’intera gestione del processo di granitura. Un incarico di responsabilità che richiedeva precisione e puntualità, eseguito dai Finelli con professionalità e successo. A metà degli anni ‘80 l’attività si amplia ulteriormente con l’inizio della fabbricazione di lastre presensibilizzate ma non anodizzate e con la fondazione di una nuova società di produzione di chimici per la stampa offset e per la prestampa, la PFS, avvenuta nel 1986. Contemporaneamente ha inizio anche la commercializzazione di lastre presensibilizzate prodotte inizialmente da altre aziende italiane e successivamente da importanti multinazionali come Ilford, 3M, Kodak. I Finelli decidono a questo punto di chiudere la produzione locale di lastre, mantenendo attiva soltanto quella dei chimici e di riorganizzare la società assumendo definitivamente i connotati di azienda commerciale. “Abbiamo dovuto cambiare completamente il nostro approccio al mercato, accettando la sfida di adeguarci a dinamiche assai diverse, più complesse e competitive di prima. Non è stato facile, ma posso dire che ce l’abbiamo fatta”.


ilPoliGrafico 179•17

Paola Finelli sorregge la targa celebrativa insieme al fratello Silvano e ai genitori Franco e Guerrina. Dipendenti, agenti, collaboratori e familiari hanno preso parte ai festeggiamenti per il 50° anniversario della società.

Oggi infatti, riunite le due aziende, la Fratelli Finelli rappresenta e distribuisce marchi prestigiosi, di cui commercializza una gamma ampia e completa di attrezzature, sistemi, prodotti di consumo e accessori per la preparazione della stampa: lastre tradizionali e digitali a tecnologia termica, sistemi di incisione CtP e CtF, sviluppatrici, forni, convogliatori, stacker, linee automatiche, software per l’imposizione, sistemi di gestione del workflow, prove colore certificate tradizionali e software, densitometri, strumenti di controllo, accessori. Ma anche sistemi di stampa digitale a colori e in bianco e nero Develop di Konica Minolta, plotter per CAD, manifesti e proofing e soluzioni a eco-solvente per esterni. Completano l’offerta della Finelli numerosi prodotti per la sala stampa, come tessuti gommati e cartoncini calibrati, inchiostri e vernici sia tradizionali che UV, impianti di osmosi inversa e strumenti di controllo. Fratelli Finelli oggi ha sede legale e amministrativa a Calderara di Reno (BO) e la sede operativa, con sala dimostrazioni, magazzino prodotti e logistica a Crevalcore, mentre a Sesto Fiorentino, alle porte di Firenze, opera una filiale commerciale. L’azienda conta su uno staff affiatato e professionalmente valido che comprende 14 dipendenti e 10 tra agenti e tecnici, dislocati capillarmente in tutta Italia. “La nostra è una struttura agile ed efficiente, che segue con at-

tenzione e ottimi risultati la clientela su tutto il territorio nazionale e, per quanto riguarda i prodotti chimici, anche in alcuni Paesi esteri”, continua Finelli. “Mettiamo un grande impegno nel servizio pre e post vendita e cerchiamo di fornire ai clienti sempre le migliori soluzioni in rapporto alle loro reali necessità. Investiamo molto nel costante miglioramento tecnologico dei prodotti che offriamo e nella ricerca di soluzioni innovative e di nuove opportunità di mercato. In una situazione economica difficile come quella attuale, in cui i drastici cambiamenti nel mercato globale, i nuovi mezzi di comunicazione e l’avvento di Internet, oltre alla crisi generale, hanno causato una contrazione del mercato della stampa sia a livello locale che internazionale, siamo consapevoli di poter continuare a crescere soltanto privilegiando la costante evoluzione e consolidando e potenziando la nostra struttura e la collaborazione con i nostri clienti e i nostri fornitori. Credo fortemente che il lato umano sia fondamentale in ogni aspetto della vita e del lavoro per raggiungere il successo. La curiosità, la capacità di immaginare nuove situazioni e trovare soluzioni sempre innovative e forse talvolta rischiose a problemi complessi e il desiderio di conoscere ciò che è nuovo e diverso, sono le uniche basi certe per costruire il nostro futuro nel modo migliore”. “PER NOI LA VENDITA NON SI LIMITA ALLA FORNITURA DEL PRODOTTO, BENSÍ COMPRENDE SEMPRE UN SERVIZIO DI CONSULENZA E DI SUPPORTO TECNICO E COMMMERCIALE”

87


ilPoliGrafico 179•17

carte&supporti

La febbre dell’oro Da sempre attenta alle tendenze dei settori moda, design e lusso, Favini propone un nuovo materiale che completa la gamma di carte metallizzate Majestic: una carta che appare rivestita di oro puro, che invita designer e creativi ad andare alla ricerca dell’oro perfetto. I bagliori e i riflessi stanno facendo del 2017 l’anno dei colori metallici, in primis l’oro: dagli abiti agli accessori, passando per gli oggetti di interior design, le iridescenze del metallo faranno luce su tutta la prossima stagione arricchendola di sfumature eleganti e preziose. La varietà delle grammature in cui è disponibile Majestic Gold Fever – 120, 250, 290 – ne permette un’elevata versatilità di utilizzo. Ben 4 formati di buste completano la gamma. Infiniti gli utilizzi nel mondo del lusso, del fashion e della comunicazione: inviti per esclusivi eventi, packaging come veri scrigni, bag per non passare inosservati. www.favini.it

3 collezioni, 65 nuove carte Il catalogo Prêt-à-Porter di Icma si arricchisce di tre nuove collezioni, Opaques, Coppers, Woods (v. IPI 177) che vanno ad affiancare Animalier, Natural, Mineral, Color, Flock. Con la collezione Opaques – che si compone di 22 carte – l’azienda incrementa la categoria delle carte opache, capaci di assorbire la luce, di smorzarla, di coprire con un’ombra qualunque bagliore. In questa serie, dedicata ai toni caldi, le carte traggono ispirazione dal mondo dell’arredo. Per la collezione Coppers – che annovera 24 carte – il riferimento è al rame che svela la sua cangiante bellezza quando è trattato sulle carte di Icma in una varietà di nuance, texture e finiture pensate per il mondo del lusso. La serie è disponibile in 8 varianti di colore, con cui Icma ha voluto rappresentare le età del rame e il suo reagire agli agenti atmosferici. www.icma.it

Semplice e minimalista... ma di estrema complessità

88

A volte non è facile realizzare qualcosa dall’aspetto semplice, minimalista ed elegante. La confezione in cartoncino del profumo L’EAU di Jimmy Choo ne è un chiaro esempio. Il suo colore è rosa chiaro, fatta eccezione per il monogramma del marchio e i dettagli sul contenuto. Tuttavia sono state necessarie dodici fasi di finitura per raggiungere il risultato desiderato. La confezione è stata realizzata con il cartoncino Invercote di Iggesund Paperboard; si è ricorsi alla stampa offset sia per la parte interna che per quella esterna. Al suo interno la confezione presenta una tonalità rosa chiaro, mentre all’esterno riproduce l’effetto della pelle di serpente, realizzata con goffratura a rilievo. L’esterno è stato accoppiato con una pellicola soft touch, verniciatura opaca e stampa a caldo a rilievo con film argentato e olografico. www.iggesund.com


ilPoliGrafico 179•17

carte&supporti

Il metallizzato per bevande Metalvac è una carta metallizzata sotto vuoto 100% riciclabile, che a Labelexpo Europe è stata presentata con un nuovo catalogo. Il campionario è composto da tre cartelline che corrispondono ai tre segmenti di applicazione del marchio: etichette autoadesive, etichette acqua e colla e la gamma tobacco & packaging. Ogni cartellina contiene le specifiche tecniche e campioni dei prodotti in diversi colori e finiture; il tutto è in italiano, inglese, francese e spagnolo. Metalvac A HG è il prodotto più recente entrato a far parte della gamma di carte metallizzate Metalvac. Questo frontale, dalla finitura molto lucida, è ideale per la produzione di etichette autoadesive destinate alle bevande. È adatto alla stampa offset, offset UV, flexo (solvente, UV, acqua) e tipografia (solvente e UV). www.lecta.com

Migliaia di barchette di carta riciclata Sono tantissimi i piccoli volontari che si sono messi all’opera tra impegno e creatività partecipando a “Puliamo il MiniMondo”, la settima edizione dell’evento dedicato al riciclo e all’ecosostenibilità organizzato da Leolandia in collaborazione con Legambiente. La più grande simulazione della celebre iniziativa ambientale “Puliamo il Mondo” ha preso vita nel parco tematico e ha visto navigare migliaia di barchette realizzate durante il laboratorio creativo OrigAMI con la carta riciclata di Arjowiggins Graphic e i messaggi ecosostenibili scritti dai bambini. www.arjowiggins.com

La perlescente più luminosa è Stardream 2.0 Stardream 2.0, la nuova creative paper di Gruppo Cordenons della serie Pearl&Dream, è concepita per brillare di luce propria proiettandosi verso applicazioni come packaging scintillanti, shopper luminescenti, edizioni cangianti… realizzazioni che accendono fantasia e creatività. Evoluzione dell’affermato brand Stardream, la versione 2.0 ha proprio come caratteristica distintiva l’eccezionale lucentezza resa dinamica dagli effetti cangianti che animano il colore della carta in base all’esposizione alla luce. La nuova Stardream 2.0 non è soltanto più luminosa ma è anche più spessorata ed è ancora più amica dell’ambiente: è infatti prodotta con il 40% di fibre post consumer (PCW). Le nuove colorazioni vanno ad arricchire la già ampia palette di carte perlescenti firmate Gruppo Cordenons: oltre al bianco ipnotico dei ghiacci di Eris e ai delicati riflessi bianco/ azzurri di Pluto, Stardream 2.0 è disponibile nei colori più intensi come il misterioso nero/blu cangiante di Neptune, la seducente eleganza del bronzo di Saturn e il caldo e inebriante oro di Venus. Le grammature disponibili sono: 110 (monopatinata), 200 e 340 (entrambe bipatinate). www.gruppocordenons.com

89


Rotolito Lombarda >>da pag. 15

La strategia di crescita guarda poi anche ai mercati esteri, in particolare quelli del settore della moda e del lusso. Tanto che da un paio di mesi è stato aperto un nuovo ufficio a Shanghai – dopo New York e Parigi – attraverso il quale offrire alle griffe della moda e del lusso il “catalogo” dei prodotti stampati da Nava Press utilizzando però stampatori locali certificati e supervisionati dagli uomini della Rotolito per assicurare lo stesso livello qualitativo ma a un costo inferiore per il mercato asiatico. A. P.

Pixartprinting >>da pag. 17

90

Dall’altro, investimenti in tecnologie d’avanguardia che rendono il leader del web to print sempre più competitivo anche per le alte tirature. Inoltre, attualmente in fase di finalizzazione, la creazione di una nuova linea di alta qualità impreziosita da carte speciali e finiture pregiate pensata ad hoc per la wine industry. Tra i clienti del labelling firmato Pixartprinting, infatti, sono numerose le piccole/medie imprese dotate di un proprio reparto produttivo, che operano nel mondo del food&beverage. Fondamentale, dunque, la possibilità di ordinare etichette compatibili con le tecnologie che i clienti utilizzano, in modo da consentirne la lavorazione nella filiera produttiva.

Punto di forza dell’offerta di etichette by Pixartprinting, infatti, è il formato in bobina (da 33, 16,5, 11 e 5,5 cm). Le ultime novità Pixartprinting sono quindi state studiate per adattarsi alle esigenze di alta customizzazione di questa clientela, mantenendo inalterate le caratteristiche che hanno portato al successo dell’offerta labelling: qualità eccellente, stampa in esacromia (CMYK + orange e green), possibilità di scelta tra un vasto range di materiali, tempi di consegna certi. Tra le novità disponibili sull’e-shop gli sticker adesivi mille usi, realizzati con tecnologia HP Indigo 10000. Pratici e semplici da applicare, sono resistenti e garantiscono lunga durata. Completano l’offerta etichette resinate, realizzate con tecnologia digitale o in serigrafia, personalizzabili, e i nastri adesivi stampati su PVC bianco, avana e trasparente. “Nel 2012 abbiamo inaugurato un reparto ad hoc per la stampa di etichette e da allora abbiamo continuato a implementare la nostra capacità produttiva e parallelamente la nostra gamma”, afferma Paolo Roatta, amministratore delegato di Pixartprinting. “Ad oggi il mercato del labelling, insieme a quello del packaging, è per noi uno dei più importanti”.

Intervista a Stefano De Marco - Tecnau >>da pag. 53

Una delle ultime installazioni fatte, una delle soluzioni più tecnologicamente avanzate e performanti, dispone di input multipli sia in ingresso che in uscita, gestione di differenti canali di alimentazione per le copertine e un sistema di controllo e analisi in grado di monitorare la realizzazione del libro dall’inizio alla fine seguendo a uno a uno tutti gli step di produzione. Implementazioni di questo tipo concorrono a sviluppare soluzioni intelligenti che possono concretamente migliorare i processi aziendali e allargare lo spettro di applicazioni realizzabili. La vera prova che le nostre soluzioni offrono un valore aggiunto tangibile risiede nel fatto che numerosi nostri clienti, a una prima linea ne hanno affiancate altre nel tempo per sviluppare ulteriormente la produzione.

Koenig e Bauer >>da pag. 63

Visto il rapido calo della domanda di macchine nuove nel settore delle offset a bobina per la stampa di giornali e commerciale, l’azienda di Würzburg punta ad ampliare i servizi di assistenza. Il fatturato derivante da tali servizi è nettamente aumentato e dovrebbe raggiungere il 30% del fatturato del Gruppo. Per il 2017, l’anno dell’anniversario, il Gruppo Koenig & Bauer ha come obiettivo un fatturato del Gruppo di circa 1,25 miliardi di euro e un margine EBIT del 6% circa. La pianificazione fino al 2021 prevede una crescita

del fatturato di 4 punti percentuali l’anno e, indipendentemente dallo sviluppo dell’economia, un margine EBIT annuo tra il 4 e il 9%.

>>>>>>>

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

dalle pagine precedenti

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

ilPoliGrafico 179•17

>>segue


Il mondo della stampa ha una nuova prospettiva. Da tutte le angolazioni.

More than the sum of the parts.

Fiera Milano, Rho 29 Maggio - 1 Giugno, 2018

w w w. p r i n t 4 a l l . i t

I tre mondi della stampa al servizio dell’industria hanno molto in comune. Da oggi, anche una grande esposizione. Print4All riunisce tre marchi prestigiosi di fiere del settore e offre alle aziende una vetrina ancora piÚ ampia per incrociare target trasversali e creare nuove sinergie. Un evento unico, che interpreta le sfide di un mercato in continua evoluzione e le trasforma in opportunità di business. Un progetto di

Print4All fa parte di


Il Poligrafico, n. 179, Ottobre - Novembre 2017  

Stampa e nuovi media nell'era digitale