Page 1

1

bimestrale della chiesa di:

BIETIGHEIM-BISSINGEN

Culto: dom. ore 16.00 Studio biblico + Canto + Preghiera: giov. ore 19.30 Agape: ogni ultimo sabato del mese: ore 18.30

Gustav Mahler Str. 4, 74321

CONTENUTO: - Il 6° Comandamento: “Non uccidere” - L’Uomo - Mi ami? - Battezzati - e poi? - Il (Vero) Culto spirituale

QUANDO È VALIDA LA GRAZIA? Nel 1982 in America, nello stato della Louisiana, successe un fatto che scosse tutta la nazione. Un uomo fu condannato a morte per l'omicidio di un’ intera famiglia, i suoi avvocati cercarono, incessantemente, di ottenere la grazia dal Governatore ma senza ottenere alcun risultato. Infine, solo mezz’ ora prima dell'esecuzione prevista, il governatore inviò una lettera con la grazia concessa. Gli avvocati, pieni di gioia, si precipitarono nel carcere ma, stupefatti, dovettero assistere al rifiuto del loro mandante, 30 minuti dopo l’uomo era morto! Questo fatto accese ovunque un accanito dibattito facendo sorgere spontaneamente questa domanda: “ Era l'uomo già graziato quando il Governatore firmò la lettera o lo sarebbe stato solo se avesse accettato la grazia? Così la più alta corte dello Stato discusse l’argomento e alla fine tutti concordarono che: anche se la grazia era stata concessa sarebbe stata valida solo se il condannato l’avesse accettata! Non è per noi uomini la stessa cosa con la grazia che Dio tiene pronta per tutti? “Infatti non c’è distinzione: tutti hanno peccato e sono privi della gloria di Dio ma sono giustificati gratuitamente per la SUA GRAZIA mediante la redenzione che è in Cristo Gesù”. Romani 3:22-24 Purtroppo l’uomo non solo non vuole sapere niente di Dio ma davanti al sacrificio che Gesù ha compiuto per salvarlo dalla perdizione eterna risponde annoiato e, invece di prenderne coscienza, Lo rilega al mondo delle favole e in cambio segue la sua propria volontà andando appresso gli dèi che si è fatto: siano essi di legno, di pietra, d’oro, oppure: denaro, successo, potere ecc ... E nonostante ciò Dio concede ancora la Sua offerta di grazia - se solo l’uomo ammettesse di averla trascurata e riconosce di essere un peccatore perduto! Quanta pazienza ha l' Onnipotente con noi esseri umani! Ma quanto durerà ancora questa pazienza? - In quel giorno (Apocalisse 20:12) come vorrai giustificarti? (Matteo 7: 21-27) - Presso Dio c’è un solo avvocato: “GESÙ CRISTO” (1 Giovanni 2:1-2)


2

Il 6° Comandamento è:

“NON UCCIDERE”

Deuteronomio 5:17

SOLO DIO È SIGNORE SOPRA LA VITA E LA MORTE! La seconda tavola dei "dieci comandamenti" vieta cinque azioni che sono la causa fondamentale della sofferenza che la razza umana compie contro se stessa: omicidio - adulterio - furto - bugia - invidia e comincia, secondo il giudizio umano, con il peggiore di tutti i mali: “l’omicidio” cioè con la lama del coltello rivolto verso il suo prossimo. Anche se, oggi più che mai ( 2 Timoteo 3:1-5), il mondo ha messo Dio da parte facendo tutto quello che vuole, che lo si creda o no in definitiva: LA VITA PROVIENE DALLA MANO CREATRICE DI DIO e SOLO LUI HA IL DIRITTO DI DISPORRE SOPRA OGNI VITA UMANA perciò: Nessun uomo ha il diritto di anticipare Dio e togliere la vita al suo prossimo né tantomeno a se stesso! Purtroppo, millenni di storia mondiale ci mostrano quanto spietato e senza scrupoli è stato l’uomo nei confronti della vita e anche ai nosti giorni vediamo che non ha affatto migliorato: da despota (autorevole tiranno) è passato a terrorista fino a uccidere legalmente milioni di vite non ancora nate (aborto), non rispettando così la vita che appartiene solo a Dio. Anche l’eutanasia (aiutare a morire chi soffre) mostra come si cerca di prendere il controllo della vita dalla mano di Dio. E non è forse “ un omicidio” tutte le volte che nutriamo un odio spietato verso qualcuno? Si, anche se è “mentalmente”, davanti a Dio è sempre un omicidio, come Gesù Cristo dice nell’evangelo di Matteo 5:22. Ma Dio, che è ricco in misericordia non ci condanna né per la nostra empietà (per chi vive lontano da Lui) né per i nostri peccati, perché, la pena di morte che tutti noi meritavamo, l’ ha pagato Suo Figlio al nostro posto, affinché potessimo vivere in comunione con Lui, qui sulla terra e per l’ eternità! “DOVE IL PECCATO È ABBONDATO, LA GRAZIA È SOVRABBONDATA!” Romani 5:20 (per una maggiore comprensione leggere tutto il capitolo 5) Ora che sai che:SOLTANTO DIO È SIGNORE SOPRA LA VITA E LA MORTE! Come reagisci? Continuerai a essere indifferente alla Sua parola o accetterai la Sua offerta piena di grazia e d’ amore?!?!


3

“Voi ingannate voi stessi a rischio della vostra vita” Geremia 42:20 L’UOMO Un bambino della terza classe ricevette il compito di svolgere un tema col titolo:”Il corpo umano”. Quando lo finì consegnò al maestro un “vero capolavoro”: “La testa è come una palla tonda ed è abbastan-

za dura. Dentro c’è il cervello e all’esterno ci sono i capelli. Davanti c’è la faccia con la quale si mangia e si possono fare le smorfie. Lo stomaco è qualcosa che è proprio nel

mezzo e se non si mangia abbastanza fa male e allora non aiutano nemmeno gli spinaci. Le braccia sono lì per poter prendere una palla oppure per arrivare a prendere a tavola la nutella che sta più lontano. Le dita sono incollate alla mano e possono disegnare dei cerchi o picchiettare ritmicamente sul tavolo. I piedi sono qualcosa che se ne devono avere per forza due perché altrimenti non si può camminare. Non so per che cosa abbiamo le dita dei piedi, ma una cosa so che dentro le scarpe premono sempre. Questo è tutto. Cosa c’è di più all’interno non lo so. Non l’ ho mai visto. Divertente vero? Ma quanta gente, spiritualmente, la pensa come questo bambino. Nella loro vita si limitano a mangiare, bere e divertirsi. Se poi possiedono un’anima immortale non ne vogliono sapere per niente. Essi escludono deliberatamente Dio dalla loro vita. Ma se passeranno nell’altro mondo con questa posizione, dovranno scoprire terrorizzati che:”Si sono sbagliati!” Siccome durante la loro vita terrena non si sono curati né di Dio né della salvezza delle loro anime saranno perduti per sempre. (Romani 1:21)


4

MI AMI? Un giorno mi svegliai all’alba per osservare il sorgere del sole. La bellezza della creazione di Dio va oltre la descrizione. Mentre lo ringraziavo Dio mi domandò:” Mi ami?” Gli risposi:”Ovviamente! Tu sei il mio Signore e Salvatore!” Allora mi domandò:Se fossi cieco ameresti la mia creazione?” Gli risposi:“Come potrei ammirare qualcosa che non posso ve-

dere! È difficile pensarci ma continuerei ad amarti!” Allora il Signore mi domandò:”Se fossi sordo, ascolteresti la mia Parola?” “Come potrei ascoltare la tua Parola essendo sordo?” Allora capii: ascoltare la Parola di Dio non con le orecchie bensì col cuore e risposi:”È difficile ma continuerei ad ascoltare la tua

Parola”. Il Signore mi domandò un’altra volta:”Se fossi muto loderesti

il mio Nome?” Allora pensai:Dio vuole che io canti con il mio cuore e non con la mia voce allora risposi:”Se non potessi fare uscire parole

dalla mia bocca loderei comunque il tuo Nome!” Il Signore mi domandò di nuovo:”Mi ami?” Gli risposi:”Si, io Ti amo!” E il Signore disse:”Se mi ami allora perché continui a peccare? Perché mi cerchi nel dolore ma quando le cose vanno bene vieni meno? Perché hai vergogna e non parli agli altri di me? Io non ho vergogna del peccatore! Ti ho dato la vita eterna e dei talenti per potermi servire ma tu vai dietro ad altre cose che non ti fanno trovare tempo per parlare con me e leggere la mia Parola. E nonostante ciò ho ascoltato le tue preghiere


5

e le ho esaudite in realtà: mi ami?.” Cercai di rispondere ma non ce la feci, cosa potevo dire in mia difesa? Niente! Dissi solo:”Signore perdonami, non sono degno di essere un tuo figlio - il Signore m’interruppe e, dolcemente, disse:”In questo consiste la mia Grazia, nonostante

le tue mancanze tu sei mio Figlio! “ Questo non significa però che la grazia di Dio è una licenza a fare ciò che si vuole con la certezza che Dio perdoni qualunque peccato. È troppo comodo dire:”Facciamo quello che vogliamo tanto poi chiediamo perdono!” Purtroppo questa è una mentalità’ più diffusa di quanto si possa pensare. Io stesso, ricordo di aver conservato questa mentalità per un certo periodo della mia vita. Mi rendevo conto che continuavo a commettere sempre gli stessi peccati, senza cambiare mai. Mi sono reso conto che questo accadeva proprio perché avevo frainteso la dottrina della grazia e mi ero rassegnato a vivere una vita misera, fatta di sconfitte. Non cambiavo perché non mi interessava. Non cercavo il cambiamento perché mi faceva comodo “accontentarmi” del perdono.

La bibbia dice:„Che diremo dunque? Rimarremo forse nel peccato affinché la grazia abbondi? No di certo! Noi che siamo morti al peccato, come vivremmo ancora in esso? O ignorate forse che tutti noi, che siamo stati battezzati in Cristo Gesù, siamo stati battezzati nella sua morte? Siamo dunque stati sepolti con lui mediante il battesimo nella sua morte, affinché, come Cristo è stato risuscitato dai morti mediante la gloria del Padre, così anche noi camminassimo in novità di vita“. (Romani 6:1-4) Questi versi chiariscono che quando riponiamo la nostra fede in Dio e testimoniamo della nostra fede attraverso il battesimo (che letteralmente significa “immersione”), noi noi non stiamo semplicemente aderendo ad una religione, né stiamo facendo un semplice bagno nell’


6 acqua, stiamo piuttosto testimoniando di una realtà che ci coinvolge intimamente: l’immersione in acqua non è che rappresentazione di una immersione in Cristo, ovvero di una unione con Lui, nella sua morte e nella sua risurrezione. Ciò significa che la morte e la risurrezione di Cristo, vengono sperimentati dal credente il quale, quando ripone la sua fede in Gesù, realizza di essere morto con Cristo e di essere quindi risorto a nuova vita. Dire che Cristo è morto per me, significa proprio che egli è morto al mio posto, e quindi è come se io fossi morto! Inoltre, come Cristo è risorto, il credente vive una vita nuova dopo la sua conversione. Per questo motivo, non ha alcun senso che un credente si rassegni a vivere in balia dei propri peccati, confidando nel fatto che tanto Dio lo perdonera`, infatti Dio puo’ fare molto di più di questo proprio attraverso la sua grazia: “egli puo’ trasformarci!” Quando cominciai a capire questo principio, mi resi conto che, avendo ricevuto in me una nuova vita per mezzo dello Spirito Santo, non dovevo rassegnarmi a convivere con il mio peccato, chiedendo perdono a Dio, per poi continuare allo stesso modo. Potevo invece chiedere a Dio di “trasformarmi”, di operare in me affinché io cambiassi e fossi in grado di non comettere sempre gli stessi peccati. È bello vedere che Dio ha operato e continua a farlo. Non voglio che la grazia sia una scusa per continuare a vivere nel peccato, ma ringrazio il Signore perche’ posso sperimentare ogni giorno la sua guida. Come egli ha mostrato la sua potenza nella risurrezione di Gesu’, puo’ mostrare la sua potenza nel permettermi di condurre una nuova vita! Anche se continuerò a cadere, non ne faro’ una scusa per rimanere a terra. Chiederò a Dio di rialzarmi in modo che io possa fare ancora un po’ di strada e piantare la mia tenda ogni giorno piu’ vicino alla meta. di : Omar Stroppiana


7

BATTEZZATI — E POI? Il telefono squilla. Una donna cristiana prende il telefono. Io sto, per caso, a circa un metro di distanza da lei. All'altro capo del filo parla un uomo molto adirato, urla così forte che riesco a capire quasi ogni parola. Sono tutte menzogne, calunnie e minacce. Voglio intromettermi ma vedo che la donna sorride rilassata e non risponde una sola parola a tutti quegli insulti. Quindi aspetto fino a quando la telefonata finisce. Lei riattacca, sospira e dice: "Sono così felice che mi sono battezzata!" Per poter capire cosa vuole significare questa frase bisogna sapere che cos’ è il battesimo cristiano:„Siamo dunque stati sepolti

con Lui mediante il battesimo nella Sua morte“ Romani 6:4 Certo è che non si va in cielo attraverso il battesimo! In cielo si va solo se, per fede, si crede nel sacrificio espiatorio che Gesù ha fatto per noi; infatti, dopo aver creduto si dichiara col battesimo che si è consegnata l'intera vecchia vita a Cristo e che, appartenendo a Lui, adesso si vive una nuova vita. Ciò significa anche che, quando si è attaccati, non c'è più bisogno di difendere se stessi. Nemmeno quando si è insultati e offesi ingiustamente. Dio sa tutto di tutti e tiene tutto sotto ilsuo controllo! E proprio perché i cristiani sono veramente figli di Dio, possono lasciare tranquillamente tutto nelle mani del loro Padre che, eventualmente, ci penserà Lui a difenderli . Tuttavia questo non significa per noi cristiani che dobbiamo incrociare le mani. Al contrario, dobbiamo preoccuparci di lavorare diligentemente per la gloria di Dio e non per la nostra, per la nostra ci pensa Dio! Quanto sarebbe diverso il mondo se ci fosse questa fede! E tu, come avresti reagito a una telefonata del genere? Forse è venuto il momento di consegnarGli veramente tutta la tua vita!!!!!!!!!!


IL (VERO) CULTO SPIRITUALE Vi esorto dunque, fratelli, per la misericordia di Dio, a presentare i vostri corpi in sacrificio vivente, santo, gradito a Dio; questo è il vostro culto spirituale.” Romani 12:1 Tanti pensano che il culto spirituale sia soltanto la domenica ma si sbagliano! Il culto è la nostra vita di tutti i giorni di tutti i momenti per arrivare poi la domenica colmi di adorazione alla Sua presenza. QUESTO È IL CULTO SPIRITUALE: DARE A DIO: La prima parte di ogni giorno. Il primo giorno della settimana. La prima parte delle tue entrate. La prima considerazione delle tue decisioni e il primo posto di tutta la tua vita.

Fino a quando non prendiamo il nostro posto di servitori Lui non prenderà il Suo posto di Signore nella nostra vita, abbandoniamoci quindi senza condizioni alla Sua volontà! <<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<

Continuiamo a pregare gli uni per gli altri! I soggetti di preghiera vengono presentati, ogni giovedí, nella riunione di preghiera!

Sab. Giov. Giov. Sab.

20 25 25 27

Noah Spatola Stefania Campanella Daniele Pinnelli Eva Madaschi

Sab. 03 Angela Matrakovic Merc. 14 Antonio Pinnelli

info. :Nino e Rita Calì, Kernerstr. 10, 71686 Remseck tel. 07146 9392724 e-mail : ninoritacali@googlemail.com website :

www.vieni-con-noi.de


Luglio Agosto 2013  
Advertisement
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you