Issuu on Google+

1° Istituto Comprensivo Statale “Sacro Cuore” ROSOLINI Scuola dell’Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado

PATTO FORMATIVO PATTO FORMATIVO


L’obiettivo di questo documento è quello di favorire positivi rapporti tra famiglie e docenti, ben consapevoli che tanto più scuola e famiglia saranno alleate e rispetteranno gli impegni reciproci, tanto più il ragazzo imparerà a sviluppare comportamenti socialmente educati. PERTANTO letto il D. P. R. 24 giugno 1998, n. 249 (in GU 29 luglio 1998, n. 175) - Regolamento recante lo Statuto delle studentesse e degli studenti della scuola secondaria, ed in particolare l’ Art. 1 (Vita della comunità scolastica) 1.La scuola è luogo di formazione e di educazione mediante lo studio, l'acquisizione delle conoscenze e lo sviluppo della coscienza critica. 2.La scuola è una comunità di dialogo, di ricerca, di esperienza sociale, informata ai valori democratici e volta alla crescita della persona in tutte le sue dimensioni. In essa ognuno, con pari dignità e nella diversità dei ruoli, opera per garantire la formazione alla cittadinanza, la realizzazione del diritto allo studio, lo sviluppo delle potenzialità di ciascuno e il recupero delle situazioni di svantaggio, in armonia con i principi sanciti dalla Costituzione e dalla Convenzione internazionale sui diritti dell'infanzia fatta a New York il 20 novembre 1989 e con i principi generali dell'ordinamento italiano. 3.La comunità scolastica, interagendo con la più ampia comunità civile e sociale di cui è parte, fonda il suo progetto e la sua azione educativa sulla qualità delle relazioni insegnante-studente, contribuisce allo sviluppo della personalità dei giovani, anche attraverso l'educazione alla consapevolezza e alla valorizzazione dell'identità di genere, del loro senso di responsabilità e della loro autonomia individuale e persegue il raggiungimento di obiettivi culturali e professionali adeguati all'evoluzione delle conoscenze e all'inserimento nella vita attiva. 4.La vita della comunità scolastica si basa sulla libertà di espressione, di pensiero, di coscienza e di religione, sul rispetto reciproco di tutte le persone che la compongono, quale che sia la loro età e condizione, nel ripudio di ogni barriera ideologica, sociale e culturale. il nostro Istituto elabora il seguente PATTO FORMATIVO

Doveri

Alunni • Collaborare con compagni ed insegnanti. • Frequentare regolarmente le lezioni e impegnarsi nello studio. • Rispettare e valorizzare la

Famiglia • Partecipare ai momenti di incontro promossi dalla scuola. • Sostenere i figli nell’ assolvimento dei loro impegni scolastici. • Leggere attentamente e firmare le comunicazioni scuolafamiglia.

Docenti • Illustrare agli studenti e alle famiglie gli obiettivi didattici ed educativi dell’ Istituto e della propria disciplina, nonché le modalità di comportamento


Diritti

• • •

• •

personalità di tutti gli operatori della scuola e dei compagni. Condividere e rispettare il regolamento interno perché tutti possano "star bene a scuola". Riconoscere il ruolo dell'insegnante e la sua azione educativa. Utilizzare correttamente le strutture, i macchinari e i sussidi didattici e comportarsi nella vita scolastica in modo da non arrecare danni al patrimonio della scuola. Rendere accogliente l’ambiente scolastico ed averne cura come importante fattore di qualità della vita della scuola.

Essere al centro dell’ intervento educativo. Essere rispettato in quanto persona. Essere tutelato a livello personale, culturale, etico, religioso. Acquisire conoscenze e competenze per essere il “ Cittadino di domani”. Esprimere le proprie opinioni. Avere una scuola

Cooperare con la scuola nella gestione delle procedure sanzionatorie descritte nel Regolamento di Istituto. Svolgere un’ attenta azione di controllo sull’operato dei propri figli.

• •

• •

• •

Avere una scuola organizzata, efficiente ed efficace. Essere rispettata. Essere informata sulle fasi del processo di insegnamento e apprendimento dei propri figli.

richieste agli alunni. Attuare una valutazione formativa. Chiarire con l’ interessato e con la famiglia i motivi di eventuali provvedimenti disciplinari . Essere a disposizione delle famiglie, negli orari stabiliti e quando se ne presenti la necessità. Dare centralità all’alunno. Dare risposta ai bisogni formativi e educativi degli alunni.

Essere rispettato come docente e come persona da alunni e genitori. Avere libertà di insegnamento nel rispetto delle norme. Esprimere liberamente le proprie opinioni nel rispetto delle istituzioni, dei colleghi, degli altri operatori scolastici. Attuare strategie


GLI ALUNNI

organizzata ed efficiente che attui interventi efficaci. Essere informati sulle decisioni e sulle norme che regolano la vita della scuola. Partecipare attivamente e responsabilmente alla vita della scuola. Conoscere la programmazione e la definizione degli obiettivi didattici. Sapere qual è l’organizzazione della scuola, quali sono i criteri di valutazione e le modalità che portano alla scelta dei libri di testo e del materiale didattico. Avere diritto a una valutazione trasparente e tempestiva volta ad attivare un processo di autovalutazione che individui i punti di forza e di debolezza per migliorare il rendimento scolastico.

ed interventi educativi e didattici, al fine di migliorare la motivazione allo studio e il rendimento scolastico. Proporre ed organizzare le opportunità educative e didattiche.

I DOCENTI


il patto formativo