Page 1

MT RM_10 maggio 5_Layout 1 14/05/12 11.01 Pagina 1

FILM | CONCERTI | SPETTACOLI | MOSTRE | ENOGASTRONOMIA | FIERE | EVENTI SPORTIVI | CORSI | ITINERARI | FUORI PORTA

www.corrieredellosport.it/mt

PRIMO PIANO Dal 12 iniziano gli Internazionali Bnl d’Italia che entreranno dal vivo lunedì prossimo con i protagonisti del tabellone maschile e femminile

p.5 TEMPO LIBERO Lo stupore di incontrarsi una domenica mattina e scoprire il fascino di una strada romana: con Appiappiedi, la visita lungo la Regina Viarum

p.16

FLASH 03 u INCONTRO CON DANIELA VIRGILIO 08 u RITORNA BIAGIO ANTONACCI 15 u È SEMPRE TEMPO DI APERITIVO 19 u LE SFIDE DELLA STREET DANCE

DEPP vampiro per BURTON RITORNA LA MAGICA COPPIA IN DARK SHADOWS, UNA COMMEDIA DAI TONI HORROR ISPIRATA A UNA SERIE TV USA ampiri, streghe, sortilegi, morsi sul collo. Una famiglia che incarna il sogno americano che si tramuta in incubo a causa di una maledizione. Non è stato molto difficile per Johnny Depp pensare all’amico Tim Burton quando ha acquistato i diritti della serie americana Dark Shadows per realizzare una trasposizione cinematografica. Il gotico, il misterioso, l’eccesso, sono da sempre il pane quotidiano della loro collaborazione artistica, uno dei binomi più im-

V

portanti del nostro tempo. Depp sta a Burton come De Niro lo fu a Scorsese. Da quando si incontrarono per Edward mani di forbice, i due non si sono più fermati. Dark Shadows è l’ottava collaborazione. Prima, il successo planetario di Alice in wonderland, terzo incasso di sempre della storia del cinema americano ma c’erano stati gli orrori della bottega del barbiere Sweeney Todd o la dolcezza de La fabbrica di cioccolato. A pagina 6


MT RM_10 maggio 5_Layout 1 14/05/12 11.02 Pagina 2

2

PRIMO PIANO

Sir Carl Cox a FREGENE Janga Beach ospita domenica 13 il Mago dei tre piatti, celebre per le esibizioni estive allo Space di Ibiza È stato conosciuto come il Mago dei tre piatti perchè nel 1988 al Sunrise rave suonò, appunto, con tre piatti. Poi è diventato uno dei simboli della techno. Sarà alla consolle del Janga Beach di Fregene, domenica 13 maggio, per un travolgente djset dal tramonto fino a notte fonda. Da ascoltare con i suoi ultimi lavori ma anche perchè è uno dei re riconosciuti delle notti europee, soprattutto da quando è uno dei padroni di casa dello Space di Ibiza dove, da diversi anni, è il protagonista tutti i martedì della stagione estiva con la serata The revolution recruits. Cox è anche talent scout: il progetto Ultimate Music Management organizza serate nei club, un tour con cui cerca nuovi talenti da lanciare. Le sue ultime scoperte sono Josh Abraham, Earl Grey e Dj Dan. Con lui a Fregene ci saranno Cirillo e Dj Sossa che si alterneranno con lui. Cox ha iniziato la sua carriera musicale a metà degli anni Ottanta, a Brighton. Negli anni Novanta è passato alla acid ed era conosciuto come Three Deck Wizard, il Mago dei tre piatti per l’appunto. Ha suonato al The Eclipse, Edge, Shelly’s, Sterns Nightclub, Heaven, The Hacienda e Angels così come per i rave Fantazia, Dreamscape e Amnesia.. Possiede due etichette discografiche Intec Records e 23rd Century Records. INFO Janga Beach - Lungomare di Ponente, 11 - Fregene Tel 06 66560649

Festival delle LETTERATURE Dal 16 maggio al 21 giugno alla Basilica di Massenzio, dieci serate e diciannove autori per l’undicesima edizione della manifestazione

emplice/Complesso. È questo il tema scelto per l’edizione numero 11 del Festival delle Letterature. Forte degli oltre 340 mila visitatori del passato, torna anche quest’anno l’appuntamento, per tutti gli amanti della lettura con una delle manifestazioni ormai più che consolidata nel panorama culturale romano. Stessa formula - 19 autori chiamati invitati a coppia a leggere sul palco un loro testo inedito composto appositamente su un tema comune scelto per la rassegna – e stessa sug-

S

gestiva location, la Basilica di Massenzio, a fare da scenario alla kermesse. Un evento storico e di grande richiamo per il pubblico, realizzato dall’Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico di Roma Capitale, ideato e diretto da Maria Ida Gaeta, direttrice della Casa delle Letterature di Roma, con la regia di Fabrizio Arcuri e l’organizzazione e produzione a cura di Zètema Progetto Cultura. In programma dal 16 maggio al 21 giugno il Festival sarà strutturato riprendendo la linea di successo consolidata negli

scorsi anni e ospiterà autori di livello mondiale che leggeranno testi inediti elaborati scegliendo ognuno la propria cifra stilistica (fiction narrativa, poesia o saggio) e ispirati, tutti, al tema scelto per questa edizione: Semplice/Complesso. Dieci serate scandite da riflessioni sul rapporto e sull’intreccio tra la dimensione della complessità e quella della semplicità nel pensiero e nella scrittura. Dieci serate in cui i grandi scrittori saranno affiancati da musicisti e attori che leggeranno i brani in programma. La serata inau-


MT RM_10 maggio 5_Layout 1 14/05/12 11.02 Pagina 3

PROGRAMMA Mercoledì 16 Maggio Serata Inaugurale Alessandro Piperno Silvia Avallone

Karen Swan

Martedì 22 Maggio Massenzio Poesia: Letture di inediti di Robert Hass e di poeti italiani con un omaggio ai maestri della poesia italiana del secondo Novecento Giovedì 24 Maggio Karen Swan Franca Valeri

Tre episodi su altrettanti mestieri del nuovo millennio e in cui si ricompone la coppia di Boris Tiberi-Pannofino

>

3

PRIMO PIANO

«Torno all’UNIVERSITÀ» Incontro con Daniela Virgilio, tra i protagonisti della commedia sul mondo del lavoro Workers – Pronti a tutto

Martedì 29 Maggio David Nicholls Peter Cameron Martedì 5 Giugno Julie Otsuka Melania Mazzucco Giovedì 7 Giugno Erri De Luca Amos Oz Vanessa Diffenbaugh

Martedì 12 Giugno Sophie Kinsella Luisa Muraro Giovedì 14 Giugno Vanessa Diffenbaugh Jeanette Winterson Martedì 19 Giugno Michael Connelly Marco Malvaldi

Peter Cameron

Giovedì 21 Giugno Jeet Thayil Ascanio Celestini Daniela Virgilio in un momento di Workers - Pronti a tutto. L’attrice è diventata famosa con la serie tv Romanzo Criminale, in cui interpretava Patrizia

gurale, ad esempio, vedrà protagonisti due autori italiani, Alessandro Piperno e Silvia Avallone, accompagnati dalle esecuzioni musicali di Michael Nyman, compositore e maestro del minimalismo nonché autore di colonne sonore celebri per Peter Greenaway o per Lezioni di piano di Jane Campion. Serata a tre, invece, per la chiusura del 21 giugno con gli inediti di Ascanio Celestini, l’indiano Jeet Thayil e Massimo Gramellini. Tra le novità Io, Massenzio, concorso letterario abbinato al Festival in cui per la prima

volta il pubblico potrà partecipare attivamente alla rassegna inviando entro il 15 maggio il proprio testo inedito, massimo 1.800 battute, sul tema del festival, e Le Canzoni Invisibili. Omaggio a Italo Calvino, dieci canzoni i cui testi si ispirano ad altrettanti titoli di libri dello scrittore la cui interpretazione è affidata ad artisti – interpreti, musicisti, filmmaker e videoartist – chiamati a darne una lettura personale per conferire al progetto una dimensione tra la canzone tradizionale, il reading attoriale e il documento sonoro più sperimentale.

iao, facciamola adesso l’intervista perchè tra mezz’ora ho lezione. Ho ricominciato a studiare, quattro mattine a settimana sono all’università». Ateneo e facoltà li lasciamo avvolti nel mistero cosicché ciascuno possa immaginare che la compagna di banco del corso sia l’affascinante Patrizia, la maitresse della Banda della Magliana, nell’adattamento televisivo di Sky che tanto successo, ma anche tante polemiche ha scatenato. Neanche farlo apposta, il voler tenere la porta

«C

della preparazione accademica di alto livello sempre aperta, malgrado sia un’attrice, diciamolo, di successo, rende Daniela Virgilio perfetta per il film Workers – Pronti a tutto di Lorenzo Vignolo, tre storie, divertenti e divertite, sui giovani che si arrangiano per trovare lavoro e prendere parte al gran ballo della vita. Che poi, quello dell’attore, non è per definizione un mestiere precario? «È una condizione che accettiamo, il lavoro dell’attore non è mai sicuro, a meno che non sei Raul Bova. Noi attori ci conviviamo ma capisco che in

altri ambiti possa essere complicato e preoccupante». Workers – Pronti a tutto entra in questa realtà, la estremizza e ci vuole ridere un po’ su. Tre episodi su altrettanti mestieri strani in questa nostra epoca malata. In uno ritorna la coppia Tiberi - Pannofino vista nella serie tv Boris. «Io sono nel secondo capitolo e sono accanto a Dario Bandiera. È stato divertentissimo lavorare con lui, ogni scena era un’improvvisazione nuova. Il ritmo della commedia non è facile, io non l’avevo mai fatta

quindi è stata un’esperienza importante». Aldilà della quotidianità che leggiamo sui quotidiani, cosa avete imparato su questo mondo durante le riprese? «Non c’è qualcosa da imparare, tutti sanno come stanno le cose. Ho amici che hanno paura di perdere il lavoro, ormai anche il contratto a tempo indeterminato non si è più sicuri del futuro e si stanno preparando il piano B. Noi raccontiamo mestieri inusuali per strappare delle risate al pubblico ma non è un ragionamento sul precariato».


MT RM_10 maggio 5_Layout 1 14/05/12 11.02 Pagina 4


MT RM_10 maggio 5_Layout 1 14/05/12 11.02 Pagina 5

PER ASSISTERE ALLE GARE È possibile acquistare biglietti e abbonamenti presso la Biglietteria Centrale del Foro Italico e in tutta Italia nei punti autorizzati della Ticketone abilitati al servizio. Si può inoltre acquistare online su www.federtennis.it, www.internazionalibnlditalia.it e www.ticketone.it.

5

PRIMO PIANO

Ritorna il grande TENNIS Dal 12 al 20 maggio le stelle della racchetta mondiale si sfidano per gli Internazionali Bnl d’Italia: fari puntati su Djokovic e Nadal l Foro Italico è pronto a riabbracciare i big della racchetta mondiale. Sta per prendere il via quello che ormai gli addetti ai lavori definiscono il quinto Slam della stagione: gli Internazionali d’Italia di tennis, uno degli appuntamenti più prestigiosi del calendario mondiale. Garantita anche quest’anno la presenza dei migliori tennisti del circuito Atp e Wta con l’iscrizione dei primi cinquanta delle classifiche mondiali. Ma l’edizione numero 69 – che si svolgerà dal 12 al 20 maggio - riserva anche tante novità. A partire dalla SuperTennis Arena, uno show court da 4.000 posti realizzato anche con lo scopo di favorire la qualità delle riprese da parte di SuperTennis, il canale della Federazione Italiana Tennis, che trasmetterà in alta definizione tutto il torneo femminile. Quello maschile andrà in onda su Sky Sport. Semifinali e finali di entrambi i tabelloni saranno trasmessi in chiaro su Italia 1. Gli organizzatori hanno dato anche un tocco “social” alla manifestazione: gli spettatori che assisteranno agli incontri potranno interagire attraverso il profilo ufficiale Twitter @InteBNLdItalia e con l’hashtag #Superta: i commenti appariranno su un grande schermo posto all’interno della SuperTennis Arena. Un valore aggiunto alla manifestazione lo dà anche il completamento della valorizzazione del Parco del Foro Italico con 15 mila metri

I

quadrati in più di aree verdi a disposizione. Confermata, dopo l’introduzione nel 2011, la formula del “combined event” con uomini e donne insieme in campo nei nove giorni del torneo. Gli incontri saranno divisi in due sessioni: mattutina e serale. La prima inizierà alle ore 11 sulla SuperTennis Arena dove è prevista una long session quotidiana da lunedì a giovedì con ben cinque

match. Allo stesso orario partiranno gli incontri sul Nicola Pietrangeli (da quest’anno terzo campo principale) e sui campi secondari; dalle ore 12 si inizia sul Centrale che ospiterà anche la sessione serale delle 19.30 e tutti gli incontri di semifinale e finale. Il 12 maggio alle ore 12, a Piazza di Spagna si terranno i sorteggi per la compilazione dei due tabelloni di singolare.

IL VILLAGGIO OSPITALITÀ Inaugurato giovedì sera con la presenza di numerosi vip ma anche di una gloria del tennis come Nicola Pietrangeli, il Villaggio Ospitalità allieterà le serate mondane fino al 20 maggio con dj e artisti di livello internazionale. Il 12 maggio ecco Skin, la leader degli Skunk Anansie, il giorno seguente toccherà a David Guetta. Poi, a seguire ci saranno Jerry Calà, Gigi D’Agostino, Le Nervo, Catshow, Fluo Party, Guido Lembo e infine grande chiusura con Martin Solveig. All’interno del villaggio, troverete anche uno stand del Corriere dello Sport.


MT RM_10 maggio 5_Layout 1 14/05/12 11.02 Pagina 6

6

CINEMA

>Tratto da una serie tv, è già nelle sale Dark Shadows, storia di una strana famiglia degli anni Settanta

Depp, felice e VAMPIRO L’attore ritrova l’amico Tim Burton per un viaggio dentro un universo oscuro e misterioso dagli insoliti toni da commedia ampiri, streghe, sortilegi, morsi sul collo. Una famiglia che incarna il sogno americano che si tramuta in incubo a causa di una maledizione. Non è stato molto difficile per Johnny Depp pensare all’amico Tim Burton quando ha acquistato i diritti della serie americana Dark Shadows per realizzare una trasposizione cinematografica. Il gotico, il misterioso, l’eccesso, sono da sempre il pane quotidiano della loro collaborazione artistica, uno dei binomi più importanti del nostro tempo. Depp sta a Burton come De Niro lo fu a Scorsese. Da quando si incontrarono per Edward mani di forbice, i due non si sono più fermati. Dark Shadows è l’ottava collaborazione. Prima, il successo planetario di Alice in wonderland, terzo incasso di sempre della storia del cinema americano ma c’erano stati gli orrori della bottega del barbiere Sweeney Todd o la dolcezza de La fabbrica di cioccolato. Il progetto Dark Shadows è il non plus ultra del Burton pensiero: toni oscuri, misteriosi, una famiglia del XVIII secolo, i Collins, maledetta

V

CARTELLONE WEEKEND

LO SCENEGGIATORE

da una strega che, a causa di un amore non corrisposto, condanna il rampollo della casata a un’esistenza da vampiro, lo rinchiude in una bara, dove resterà per 200 anni. Quello che non ti aspetti è che, quando Barnabas Collins è liberato dalle sue catene, troverà ad attenderlo gli anni Settanta, quelli del cattivo gusto, i pantaloni a zampa di elefante e le lam-

pade di lava fatta di resina, e degli improbabili eredi. È proprio il tono della commedia a funzionare benissimo grazie al contrasto tra un gentiluomo dai modi aristocratici datati 1776 e il mondo rock ‘n’ roll trasgressivo figlio delle tensioni degli anni Sessanta; tutto diventa una giostra per un mondo burtoniano intriso di oscurità ma anche di speranza, con continui ri-

Dark Shadows di Tim Burton Con Johnny Depp, Michelle Pfeiffer

mandi cinematografici e soprattutto alla musica del tempo tra poster di Iggy Pop, concerti di Alice Cooper e citazioni di Hendrix e Elton John. Depp ovviamente non è lasciato solo. Al suo fianco la strega Eva Green che ha fatto pratica nei panni di Morgana nella serie tv, poi cancellata dopo la prima stagione, Camelot, e l’enfant

prodige Chloe Moretz (Kick Ass, Hugo). Soprattutto c’è il ritorno di Michelle Pfeiffer, fan della prima ora di Dark Shadows, talmente appassionata da confessare di aver telefonato a Burton per chiedere un ruolo, «Uno qualsiasi, pur di far parte di questo progetto». Se c’ha creduto lei, è il caso di crederci fin da questo weekend, quando il film arriva nelle sale italiane.

Il richiamo di Stefano Pasetto Con Sandra Ceccarelli, Francesca Inaudi

Per sceneggiare la storia sovrannaturale della famiglia Collins, Burton si è affidato a Seth GrahameSmith. Romanziere, autore televisivo e di fumetti, ha scritto storie curiose come Orgoglio e pregiudizio e zombie e Abraham Lincoln: Vampire Hunter. Ha adattato per il grande schermo proprio per quest’ultimo lavoro, con la produzione di Tim Burton, e recentemente ha pubblicato un altro libro basato sulla storia dei Re magi, Unholy story.

Special Forces di Stéphane Rybojad Con Diane Kruger, Djimon Hounsou


MT RM_10 maggio 5_Layout 1 14/05/12 11.02 Pagina 7

IL REGISTA

Stéphane Rybojad ha diretto e prodotto più di 100 documentari vincendo diversi premi. Il suo approccio originale, il suo modo inventivo di raccontare la storia mette al centro dell'azione le indagini giornalistiche apparse su National Geographic, BBC, ZDF e Discovery Channel.

7

CINEMA

Salvate DIANE La Kruger è una giornalista rapita dai talebani in Special Forces-Liberate l’ostaggio: dalla Francia una nuova storia sulla guerra al terrore

> 100 metri dal Paradiso

IN MISSIONE PER CONTO DI DIO Nell'anno delle Olimpiadi si incontrano in un film cinema e sport. 100 metri dal paradiso inizia con una lunga sequenza di titoli di testa in cui si alternano le immagini degli ultimi Papi insieme a quelle di alcune delle più belle medaglie conquistate da atleti azzurri ai Giochi Olimpici: Berruti, Mennea, Simeoni, Montano sono il sogno di una vittoria nell’evento sportivo che dal prossimo 27 luglio catalizzerà l’attenzione di tutte le nazioni del mondo. A questo sogno si richiama la pellicola di Raffaele Verzillo raccontando la storia di Tommaso, giovane promessa della velocità che decide di abbandonare il mondo dell’atletica leggera per entrare in seminario. Per tentare di portarlo a Londra, il padre, ex campione della velocità, insieme all’amico di infanzia, Monsignor Paolini mette in piedi una squadra composta da suore, preti e frati che difendano ai Giochi Olimpici i colori del Vaticano. Racconta il regista Raffaele Verzillo come ci sia qualche atleta vero tra quelli che appaiono sullo schermo: «Frate Thorvald è interpretato dal wrestler austriaco Christoph Raaber che, a dispetto del suo nome d’arte, ‘BambiKiller’, è un ragazzo di grande simpatia e disponibilità. Suor Adele è Chiara Rosa, primatista italiana di lancio del peso, tra le prime otto al mondo nella sua disciplina. Lucas Lanthaler, decatleta nel giro della nazionale, è la guardia svizzera che si cimenta nel salto in alto».

Workers - Pronti a tutto di Lorenzo Vignolo Con Dario Bandiera, Daniela Virgilio

a guerra al terrore torna al cinema con un film francese. Anche se è logico aspettarsi che da un momento all'altro intervengano i marines in Special ForcesLiberate l'ostaggio troveremo le forze speciali francesi impegnate in una missione di salvataggio di una giornalista rapita dai talebani. Entriamo nel giardiano di caccia – cinematografica, si intende – del cinema a stelle e strisce. È raro infatti trovare una pellicola di questo tipo nella produzione di una cinematografia europa. Ma i francesi si cimentano un po' in tutti i generi: noir, thriller, azione, fantascienza, guerra.

L

Tutti i nostri desideri di Philippe Lioret, Con Vincent Lindon

Ciò grazie a un regista che ha diretto un documentario dal titolo L'école des bérets verts. Stéphane Rybojad conosce le tecniche militari. La storia: in Afghanistan, la corrispondente di guerra Elsa Casanova viene presa in ostaggio dai talebani. Per evitare la sua imminente esecuzione, viene inviata un’unità delle forze speciali per liberarla. Rybojad porta il cast in alcuni dei paesaggi più mozzafiato del mondo ma ancora pieni di ostilità. Lui stesso racconta come «Tutto era possibile. I talebani potevano venire e rapire realmente Diane (Kruger, la protagonista, ndr). Avrebbero potuto esserci tentativi di

Isole di Stefano Chiantini Con Asia Argento

estorsione, da parte della mafia locale: ci trovavamo pur sempre sulla via dell'eroina. Detto questo, siamo rimasti molto ben protetti dagli stessi tagiki, che non avrebbero mai lasciato che nulla ci accadesse. Ma la situazione era tesa. Paradossalmente, la mia più grande paura non era questa, ma i piccoli incidenti che in un posto lontano avrebbero potuto mettere l’intera ripresa in pericolo». Dopo Troy, quando interpretò Elena di Troia che scatena il conflitto omerico, Diane Kruger si ritrova ancora in mezzo a una guerra. Ma cosa l'ha spinta ad abbracciare questo progetto? «Il soggetto del film, l'idea

della vera avventura che avrebbero richiesto le riprese; la dedizione di Stéphane (Rybojad, il regista, ndr) e la sua voglia di fare qualcosa di più di un semplice film d'azione. Sono stata anche attratta dal carattere di questa giornalista. Ho fatto molte ricerche e ho incontrato tante di queste donne eccezionali. Sono rimasta impressionata dal loro impegno, soprattutto in paesi come l'Afghanistan. Sono costantemente obbligate a negoziare. Sono temerarie e al tempo stesso vulnerabili. Può essere piuttosto difficile per loro, ma sono sempre pronte a tornare nella mischia».

100 metri dal Paradiso di Raffaele Verzillo Con Domenico Fortunato, Jordi Mollà


MT RM_10 maggio 5_Layout 1 14/05/12 11.02 Pagina 8

>Antonacci in concerto al

8

Palalottomatica il 12 maggio con una scenografia essenziale

MUSICA

BIAGIO si dedica tutto Il cantautore milanese presenta dal vivo il suo ultimo lavoro discografico Sapessi dire no n no come vero e proprio senso di responsabilità. «Perché un uomo che sa dire “no” è un uomo che non ha paura di dire “sì”». Presenta così, il suo nuovo album, Sapessi dire no, Biagio Antonacci che torna con 15 tracce inedite a due anni di distanza da Inaspettata e una cover che porta la prestigiosa firma del fumettista Milo Manara: «L’ho conosciuto grazie a Vincenzo Mollica» - ha dichiarato il cantante - «Poi ho scoperto che sua moglie è una mia fan, e questo può avere facilitato le cose. È venuto in stu-

U

dio, ha ascoltato le canzoni e mi ha detto: “Ti vedo come un angelo”. Che è una bella responsabilità. Poi, quindici giorni dopo, mi ha mandato un bozzetto di quello che poi è diventato il cover artwork». C’è di tutto dentro Sapessi dire no, un mix di suoni melodie ereditate dal mondo musicale ma con sapienza: un po’ di Coldplay in Insieme Finire, la ricchezza testuale di Ti dedico tutto, i suoni elettronici di Con infinito amore che hanno anche uno sfondo politico né banale né troppo ideologico. Il suo rock melodico è sexy, con tratti a volte pop-rock ameri-

cani, testi espliciti e ritmi positivi. La produzione artistica e gli arrangiamenti sono stati curati dallo stesso Antonacci con Michele Canova, a conferma della collaborazione già sperimentata con successo in passato: «Lui sta producendo i dischi di tutti i grandi. È inevitabile che lasci un marchio sui lavori che firma. Io non mi preoccupo di spersonalizzare le mie canzoni perché quando gli presento il materiale da lavorare gli presento canzoni già fatte e finite. Poi è lui, con il suo mestiere, ad assemblare il tutto e a renderlo perfetto». A maggio partirà il tour prima-

verile di Sapessi dire no che toccherà le principali città italiane e sbarcherà al Palalottomatica il prossimo 12 maggio. Un tour “spoglio” dal punto di vista scenografico ma essenziale su cui Biagio Antonacci sembra avere le idee ben chiare su cosa fare on the road durante le sue serate live: «In scena ci sarà musica, e basta. Niente fronzoli, megaschermi, effetti speciali o altro: solo le luci, io, e il gruppo che mi accompagnerà, su un palco largo 5 metri e lungo 25 che taglierà in due i parterre dei palazzetti che ospiteranno i mio show».

MARLENE KUNTZ live all’Orion il 12 maggio Dal palco dell’Ariston a quello dell’Orion. La cult band della scena musicale underground italiana, i Marlene Kuntz, tornano nella Capitale per presentare il nuovo album Canzoni per un figlio contenente due nuovi brani – tra cui l’omonino singolo presentato proprio a Sanremo – e altre canzoni del repertorio dei Marlene, reinterpretate e riproposte con una chiave di lettura differente, più melodica e vicina alle nuova creatività artistica di Godano&Co. Un lavoro studiato e pensato

CONCERTI 12-17 MAGGIO

sino all’ultima nota dai Marlene che per la registrazione dei brani di Canzoni per un figlio si sono fatti accompagnare da quattro musicisti la pianista Alessandra Celletti, l’amico Gianni Maroccolo, il trombettista Roy Paci, il violinista Davide Rossi - che come ricordano gli stessi Marlene Kuntz «hanno donato un po’ della loro splendida creatività, aggiungendo sapori nuovi alle nostre atmosfere. Ciascuna canzone contiene, a nostro sentire, valori o immagini trasmissibili a un figlio, immaginato intorno

12

21.00

alla sua fase di ingresso nell’adolescenza o poco dopo. È stato davvero interessante e stimolante rendersi conto che molte nostre canzoni del lontano passato “marlenico”, quelle che per i non addentro a certe sonorità erano percepite come “temibili”, “ostiche”, “ostili”, erano in realtà canzoni dense di contenuto tutt’altro che trasgressivo o incendiario». Sapori nuovi che si potranno riassaporare il 12 maggio all’Orion dove Cristiano Godano, Luca Bergia e Riccardo Tesio daranno vita ad un imperdibile live.

99 POSSE Rising Love

12

21.30

MARLENE KUNTZ Orion

12 21.00

ROBERTO VECCHIONI Teatro Il Sistina


MT RM_10 maggio 5_Layout 1 14/05/12 11.02 Pagina 9

9

MUSICA

ARBORE al Sistina Cinque imperdibili appuntamenti live per il re dello swing accompagnato dall’Orchestra Italiana I re dello swing e del jazz italiano, Renzo Arbore, torna a Il Sistina di Roma in compagnia dei musicisti dell’Orchestra italiana. Giramondo conosciuto in ogni

I

angolo del pianeta in oltre vent’anni di carriera e salito sui palchi di Stati Uniti, Cina, Messico, Canada e tante altre nazioni con innumerevoli concerti acclamatissimi ovunque in un

clima da record. Dal 16 al 20 maggio è ancora una volta nella città che lo ha adottato e in cui vive ormai da anni per regalare altre cinque imperdibili serate all’insegna della buona musica italiana. Partiamo dal tour. Ho letto che parte dei live sarà dedicata al Maestro Murolo. In realtà, canto da sempre le grandi melodie di Roberto Murolo nei miei concerti ma, in modo particolare, ho voluto rendere un omaggio al “Maestro” e infatti, la prima parte dello spettacolo sarà dedicata proprio a Murolo e ai suoi tanti successi stellari. A Roma sarà un intenso mix del mio repertorio. Oltre a questo omaggio. Come saranno strutturati i

concerti? Oltre alle canzoni napoletane e ai successi televisivi conosciuti e noti al grande pubblico ci saranno anche quelle che io chiamo le “canzoni della memoria”. Ci sarà un ricordo a Totò con l’immancabile Malafemmena, Renato Carosone con O’Sarracino accanto ad alcune “chicche” tratte dal repertorio di Gabriella Ferri e altri. Lei ha reinterpretato ed eseguito i brani dei più grandi autori della musica napoletana e italiana in generale. Ma c’è un autore e una canzone a cui è più legato? Per ragioni affettive, devo dire “Reginella”, perché averla cantata insieme al grande maestro Murolo rimane una delle esperienze più emozio-

nanti della mia vita. Sono anni che gira il mondo, dagli Stati Uniti alla Cina, passando per Messico, Canada e tanti altri Stati. Quali sono, secondo lei, le ragioni di un simile riscontro oltre i confini nazionali? La grande emozione che questo tipo di musica sa regalare, e il fatto che sia profondamente “etnica” per elezione. Soprattutto nel Centro America ho visto grande ammira-

zione per la musica italiana, perché abbiamo una cultura in comune: siamo latini e la nostra musica è molto simile. Hai mai pensato di fare quello che ha fatto per la musica napoletana, per quella romana? Nel repertorio dell'Orchestra italiana ci sono già vari omaggi alla canzone romana, a Gabriella Ferri e a Nino Manfredi: eseguiremo Dove sta zazà e Tanto pe’ cantà.

THE PLACE: eleganza e cura per il dettaglio Cura per il dettaglio, eleganza e ricerca raffinata sul palco come in cucina. Tutto questo è The Place, uno dei Club più prestigiosi ed esclusivi della Capitale situato nel cuore della città – in zona Prati tra la città del Vaticano e Piazza Cavour a pochi metri da Castel Sant’Angelo – e luogo ideale per chi fa della musica live un’esperienza di vita irrinunciabile. Un’esperienza che al The Place si fa totalizzante grazie all’atmosfera accogliente ed intima che garantisce allo spettatore di “gustare” in pieno le varie proposte – sia autori già affermati quanto artisti emergenti, selezionati dal direttore artistico Michele Bellucci - che di volta in volta salgono sul palco. L’anima del locale è la musica d’autore - che nei week-end lascia il posto ad un mix esplosivo di funky, soul e dance sempre rigorosamente

14

21.00

GIOVANNI GUIDI Auditorium Parco della Musica

live - scelta particolare quanto importante per un Club che mira a essere un punto di riferimento del genere nella Capitale ospitando artisti di fama internazionale del calibro di Michael Bublè, Pino Daniele, Tuck&Patti, Vinicio Capossela, Edoardo Bennato, Irene Grandi e ultimo in ordine di tempo Francesco De Gregori che ha addirittura scelto la serata del The Place per registrare il suo album dal vivo Pubs and Clubs Live @ The Place. La domanda è quasi scontata: come mai artisti di questo livello, abituati a location più grandi come i palazzetti dello sport o addirittura gli stadi, prediligono un luogo intimo e raccolto come il The Place? La risposta è tutta nell’atmosfera che si respira tra le mura del The Place, Club capace di venire incontro sia agli artisti che ai clienti, assicurando

15

21.00

un’acustica insuperabile a prezzi davvero accessibili. Una politica vincente che trasforma i live in veri e propri incontri musicali, momenti magici ed esperienze di condivisione tra artisti e spettatori. Il tutto condito da un servizio ristorazione di altissimo livello (aperto a pranzo e cena) ed una cucina che sposa dal punto di vista culinario la stessa cura per il dettaglio dell’architettura interna del locale così come per la selezione musicale. Stile, gusto e raffinatezza sono, infatti, gli ingredienti di una cucina che punta alla tradizione ma che non rinuncia alle sapienti rivisitazioni degli chef che regalano piatti ricchi di colore, profumi e sapori che catturano i palati dei clienti e li conducono nella maniera migliore verso il “menu” musicale che chiude le serate del The Place.

MICHELE ZARRILLO Teatro Tendastrisce

16

21.30

THE PLACE Via Alberico II, 27/29 Tel. 06 68307137 392 9594568 info@theplace.it

REZOPHONIC Stazione Birra

17 21.30

YOUNG MAGIC Circolo degli artisti


MT RM_10 maggio 5_Layout 1 14/05/12 11.02 Pagina 10

10

TEATRO

>Michelina, in scena al Teatro Vittoria

di Roma fino al 20 maggio: la commedia tra religione e spettacolo

IN PROGRAMMA

GIOVANI@ TEATRO Dal 15 maggio al 12 ottobre quattordici spettacoli in dieci teatri di periferia Giovani@teatro proporrà 14 spettacoli ad ingresso gratuito, messi in scena da giovani compagnie romane. Tra gli spazi coinvolti nel progetto la Centrale Montemartini, il Teatro di Tor Bella Monaca e il Centro Culturale Elsa Morante. Il primo appuntamento in programma è previsto il 15 e 16 maggio al Teatro Roma l’Associazione Teatrale Lo specchio rovescio in Un giorno lungo un anno, scritto e diretto da Claudio Morici.

Da mondina a SOUBRETTE Dal riso della Lomellina alle risate con Maria Amelia Monti, Giampiero Ingrassia e Amerigo Fontani iamo nel 1948 quando le storie di tre personaggi s’intrecciano in Michelina, commedia scritta da Edoardo Erba e diretta da Alessandro Benvenuti, in scena sul palco del Teatro Vittoria di Roma fino al 20 maggio. Maria Amelia Monti è una mondina della Lomellina, tutt’altro che aggraziata, decisamente goffa e

S

dal vocione grosso, tutte caratteristiche che normalmente non si adattano a una soubrette. Tuttavia è molto carina e riesce a catturare l’attenzione di Arturo Bonavia, interpretato da Giampiero Ingrassia, un cantante in cerca proprio di una soubrette da inserire nei suoi spettacoli. Parallelamente va in scena anche la storia del cardinale Dorigo, a dar-

gli volto e voce è Amerigo Fontani, impegnato nella santificazione di Suor Ercolina Corbella, che richiede la prova di tre miracoli compiuti dalla religiosa. Quando il cardinale Dorigo sente parlare di una mondina che ha invocato una suora per la guarigione del fratello, decide di incontrarla per convincerla a sostenere che fosse proprio Ercolina Cor-

bella e ottenere così il suo terzo miracolo. L’imprevisto è però dietro l’angolo: Michelina e il cardinale Dorigo finiscono per innamorarsi, osteggiati dal Vaticano e da Arturo a cui il Vaticano ha accordato di esibirsi sul palco dello Jovinelli di Roma. Alla fine, come nella più classica delle fiabe, l’amore trionfa: Michelina e Dorigo rinunciano ai loro

ruoli per stare insieme, appoggiati dalla ormai Santa Suor Ercolina.

INFO UTILI Teatro Vittoria Piazza Santa Maria Liberatrice, 10 Testaccio Tel. 06 5740170


MT RM_10 maggio 5_Layout 1 14/05/12 11.02 Pagina 11


MT RM_10 maggio 5_Layout 1 14/05/12 11.02 Pagina 12

12

GUSTO

>Controlli rigidissimi, frutta

sempre fresca, ingredienti di prima qualità sono la ricetta vincente

GELATO a regola d’ARTE Quattro passi nel quartiere San Giovanni tra alcune delle gelaterie più apprezzate an Giovanni non vuole inganni: è un motto fiorentino che si usa come rimbrotto a quanti cercano di fare i furbi, o almeno di non fare le cose correttamente. In questo caso, però, lo si può intendere con un pizzico di humour, visto che si parla di gelaterie. E il senso è molto semplice, a San Giovanni le gelaterie offrono un gelato a regola d’arte: RivaReno (Via Magna Grecia, 25 – Tel 06 77590302) ad esempio, contro il mass market propone un gelato di alta qualità, con controlli rigidissimi e soprattutto una pro-

S

duzione in loco e continua, senza l’uso dei semilavorati delle grandi industrie. Il latte viene dalle Alpi Cozie del cuneese, mentre gli ingredienti sono selezionati per la loro freschezza, purezza e per intensità dei sapori. I gusti sono classici, anche se con nomi intriganti, come Alice, ovvero mascarpone con crema e gianduia, o Contessa, crema di mandorla e nocciola con amaretti e mandorle caramellate, o Leonardo, con crema di pinoli tostati. Anche per i celiaci sono disponibili coppe a parte non contaminate, mentre i deliziosi sorbetti sono composti di acqua e frutta. Insomma, qui sanno come si fa il gelato! In zona non si può non citare Petrini (Piazza dell'Alberone, 16/A – Tel 06 786307), una delle gelaterie più famose di Roma. Dal 1950 la famiglia Petrini delizia i suoi clienti con prodotti naturali e sempre freschi, senza i semilavorati industriali. Qui si possono trovare davvero tantissimi gusti, ma le specialità della casa sono i semifreddi zabaione e croccante, e tra i gelati, il cioccolato fondente e il pistacchio. Inoltre, tutti i gelati sono senza glutine, con certificazione dell’Associazione Italiana Celiachìa, e contengono solo latte, panna, uova più il singolo ingrediente; quelli di frutta invece sono senza latte, solo con zucchero e acqua. La fila davanti al locale è indice di altissima qualità, ma se non bastasse, sapere che Mauro Petrini ha vinto con la “Nazionale” Italiana gelatieri la Coppa del mondo della Gelateria nel 2006 e nel 2008 potrebbe essere un buon incentivo.

Qualità fin dagli ingredienti per il gelato di RivaReno

FOTOLIA

CORSI di ENOGASTRONOMIA MILLE E UNA LASAGNA Focus su uno dei piatti più tradizionali della cucina italiana. 14 maggio –ore 19-22 – Città del Gusto Via Enrico Fermi 161 - Tel. 06 55112211 Per info: formazione@gamberorosso.it

LE CLASSICHE ROMANE Corso dedicato alle specialità culinarie capitoline come l’amatriciana, la carbonara e il cacio e pepe. 15 maggio - ore 19-22 - Tricolore Via Urbana, 26 Roma Tel. 06 88976898 Per info: info@tricoloremonti.it

COUS COUS Originario del Nord Africa, il cous cous è un piatto estremamente versatile, in quanto è appetitoso sia gustato caldo sia freddo. 16 maggio – ore 18.30-22 – Pepe Verde Via Santa Caterina da Siena, 46 Tel. 06 6790528 Cell. 342 0508012 Per info: info@pepeverde.it


MT RM_10 maggio 5_Layout 1 14/05/12 11.02 Pagina 13

IINCONTRI LOWEN HAUS

Il locale è stato premiato con il 2night Awards 2012 per la categoria Beer & Friends

>

Ampie sale arredate in stile bavarese a due passi da Piazza del Popolo. Il menu coniuga la gastronomia della Baviera al gusto italiano: ecco quindi gli Spatzle (gnocchetti di acqua, farina e uova), il Goulash e gli originali wurstel tedeschi. A tutte le pietanze è abbinata dell’ottima birra. Via della Fontanella, 16/b Tel. 06 3230410

BIRRERIA ALBRECHT Un pezzo di Mitteleuropa nel pieno centro della Capitale. Proposte specialità culinarie austriache e ungheresi come i canederli di speck, la polenta con capriolo, i Knödel in brodo, il gulasch, il maiale con crauti e tante altre prelibatezze. Tra i dolci spiccano lo strudel e la Sacher Torte. Via Rasella, 52 Tel. 06 4880457

Un pezzo di Baviera in PRATI Cucina e birra bavarese sono i protagonisti dello Sha Bar, a due passi da Piazza Mazzini

BIRRERIA MARTINI Una “keller” tipicamente arredata in stile bavarese a due passi dal Vaticano. Qui si possono degustare le famose birre crude della Baviera chiare, scure, rosse e weizen (di grano) rigorosamente alla spina, oltre a dei cocktail di birra esclusivi e preparati per accompagnare un menu originale. Via Tunisi, 12 Tel. 06 39739537

TAVERNA FRANZ Cucina tipica austriaca e alto-atesina in un ambiente accogliente a due passi da Castel Sant’Angelo. Tra le specialità della casa, spiccano i classici wurstel con patate, la fonduta e lo stinco di maiale, ma anche piatti della cucina romana. Vasto assortimento di birre chiare e scure, vini bianchi e rossi. Via di Porta Castello, 23/24 Tel. 06 6873921

ra i 19 locali della Capitale premiati dal sito 2night.it con il 2night Awards figura anche lo Sha Bar, un risto pub bavarese ispirato alla leggendaria Oktoberfest di Monaco di Baviera. Tra i punti di forza del locale – come ci conferma il proprietario – ci sono la birra Hofbrau (di Monaco appunto) e i piatti bavaresi: in particolare il brezel (fiocco di pane tedesco), lo stinco di maiale al forno cotto nella birra e i wurstel di tutti i tipi e dimensioni (fino al maxi da 43 centimetri) serviti con crauti e patate. Regina incontrastata è la birra, non a caso il premio ricevuto da 2night è arrivato all’interno della categoria “Beer & Friends”. Oltre alla bionda per eccellenza, sono proposti anche ottimi cocktail, vodka di importazione russa, polacca e ucraina, alcune etichette di vino selezionate e champagne di prestigio. Diversi gli appuntamenti offerti da Sha Bar: con i giovedì Ustrecha, due volte al mese è proposta un’interessante cena russa a prezzi abbordabili con un pubblico spesso composto da giovani russe che vengono a riscoprire i sapori della

T

madrepatria. Il mercoledì è la serata Woman 50% con le donne che pagano tutte le consumazioni a metà prezzo. La domenica sera e in concomitanza con le partite di campionato e Champions League, trasmesse su maxischermo, viene proposto un menu degustazione a prezzo fisso e un’imperdibile offerta “Open Beer”. Non mancano offerte di cucina italiana in un locale in cui tradizione e design moderno vanno a braccetto. Lo Sha Bar è nel cuore di Prati, in via Pietro Borsieri 7b (Tel. 06 37514981).

>GASTONE A MARE, UNA SCELTA “FORTUNATA” L’amore per la terra dà solo buoni frutti….di mare. Sì perché la terra, in senso più lato, può essere intesa anche come radice culturale, quindi tradizione: e Roma è tradizionalmente legata al mare e ai suoi frutti. Lo sa bene Stefano, che nel 2009 ha aperto e gestisce a Fiumicino il ristorante Gastone a mare (Lungomare Salute, 189 Fiumicino – Tel 06

6580072 – 348 2534601 – email: info@ristorantegastone.com): già la posizione, vicino al vecchio faro, proprio sulla spiaggia, è molto suggestiva ed evocatrice, ideale per una cenetta romantica, ma anche per pranzi o cene di lavoro, o familiari, o per eventi. Il locale è davvero accogliente, il personale altamente qualificato e la cucina è assoluta-

mente all’altezza: i piatti sono rigorosamente controllati e scelti con scrupolosità e presentati con la massima attenzione ai dettagli. Stefano e i suoi collaboratori sanno sposare sapori differenti secondo una creatività che non snatura la cucina italiana, ma la arricchisce: per dare un’idea, basta provare il filetto di tonno rosso panato con composta di mango, o l’insalata di carciofi con gamberetti rosa al vapore tra gli antipasti; i tagliolini al nero di seppia con gamberetti

rosa e vongole veraci e battuta di basilico con mandorle e pinoli, o i ravioli ricotta e mozzarella di bufala con ragù di spigola e limone tra i primi; come secondi una tagliata di tonno rosso con sesamo e papavero o la millefoglie di orata melanzana e pomodori rossi confit. Infine, una crème brûlée zenzero e vaniglia, o il tortino caldo di cioccolata fondente. Se vi è venuta l’acquolina in bocca, basta andare da Gastone a mare, una scelta “fortunata”!

13

GUSTO


MT RM_10 maggio 5_Layout 1 14/05/12 11.02 Pagina 14

14

GUSTO

Nel regno del BURLESQUE Come ogni sera il Micca Club propone un intrattenimento dal gusto retrò, con spettacoli e musica dal vivo in uno stile internazionale in linea con le grandi capitali europee

e due anni fa avete apprezzato il film Burlesque, interpretato dalle cantanti Cher e Christina Aguilera, quest’ultima al debutto sul grande schermo, e dall’attrice Kirsten Bell, il Micca Club potrebbe essere il luogo ideale per le vostre serate, in quanto spesso privilegia questo genere teatrale di cui negli anni si è fatto promotore. A esibirsi sul suo palcoscenico ogni settimana sono, infatti, le nuove artiste italiane diplomate all’Accademia dell’Arte Burlesque fondata proprio da Alessandro Casella, Direttore Artistico del club. Per fare un esempio di quan-

S

to l’ambiente offre, il 12 maggio sarà possibile assistere allo spettacolo dal titolo Marie Antoinette – Fragole e Champagne, uno degli show più richiesti del club che vede come interprete principale Sophie D’Ishtar. Fin dalla sua nascita nel 2006, questo locale dalle atmosfere retrò ha come obiettivo quello di far divertire i clienti proponendo una serie di contenuti culturali che non comprendono solamente il Burlesque, ma anche esibizioni di varietà, concerti jazz e djset in vinile. L’idea del Micca Club, che per alcuni aspetti ricorda i locali di New York, Londra e Parigi, è nata nelle menti del

suo direttore artistico Alessandro Casella e del suo proprietario Massimo Innocenti Jr con l’intento di realizzare un luogo d’intrattenimento che potesse riproporre i generi e gli stili tipici del periodo storico che va dagli anni Venti agli anni Sessanta. Il Micca Club punta a soddisfare i suoi clienti non soltanto dal punto di vista degli spettacoli, ma anche con le sue proposte culinarie. Molto ricchi sono, infatti, i suoi aperitivi, mentre i cocktail sono realizzati da un gruppo di bartender altamente qualificato. Proposte dal locale sono, inoltre, anche le degustazioni di vini, cocktail e champagne.

>Enogastronomia d’ECCELLENZA Anche questa settimana Roma offre agli amanti della buona tavola un’occasione per scoprire prodotti alimentari di alto livello. Organizzato dal sommelier AIS Marco Schito, con la collaborazione del Circolo dei Buongustai di Fabio Campoli, è “Percosi enogastronomici – alla ricerca dell’eccellenza”, evento di degustazione che avrà luogo il prossimo 14 maggio, a partire dalle ore 17, presso l’Auditorium del Centro Agoalimentare di Roma, a Guidonia Montecelio. L’iniziativa, volta a far conoscere alcuni prodotti alimentari e vinicoli d’alta qualità provenienti da tutta Italia, è rivolta a coloro che operano nel campo della ristorazione. Da provare non mancheranno la pasta di Gragnano, vini, distillati, caviale, prodotti del comparto agroalimentare, cioccolata modicana e formaggi, mentre ospite d’eccezione sarà lo Chef di Rai1 Fabio Campoli che abbinerà ai prestigiosi vini presenti alcune delle sue ricette. Info Utili Auditorium del Centro Alimentare di Roma Guidonia Montecelio (RM) Tel. 0774 920322 - Cell. 338 2917529 info@baldovino.net


MT RM_10 maggio 5_Layout 1 14/05/12 11.02 Pagina 15

L’happy hour romano si distingue per l’abbondanza e la bontà delle proposte di cocktail e buffet

L’aperitivo al “CENTRO” S Nel cuore della Capitale i locali più cool, sempre frequentatissimi da vip e da noantri

i sa, l’importante è esserci, “stare al centro”: non è certo un caso che proprio in centro si concentrino i locali più in, più cool, quelli dove proprio non si può mancare. Uno di questi è certamente Le Coppelle (Piazza delle Coppelle, 52 – Tel 3497404620), un cock-

tail e wine bar che in un ambiente lounge offre ai suoi clienti l’“aperitivo elegante”: state seduti in poltrona, vi verrà presentato un tagliere con deliziose bruschette, tramezzini, parmigiano, crostini e quant’altro. Ma la specialità della casa sono i mojitos, più di 30 tipi: cannella, caramello,

>

cocco, zenzero, liquirizia, champagne, senza contare gli altri aperitivi. Ideale per feste di laurea o aperitivi aziendali, non è raro incontrarvi qualche vip. Per restare al centro, davvero originale l’idea di trasformare una vecchia officina in un locale che ne richiamasse le origini: è quello che è successo a Freni e Frizioni (Via del Politeama 4/6 – Tel 0645497499), a due passi da Piazza Trilussa, a Trastevere: un mix ingegnoso quello tra materiali di recupero e opere d’arte contemporanea, che dà al locale un’aria vintage ma al tempo stesso originale. Anche i cocktail sono un richiamo all’inizio della storia

15

GUSTO della miscelazione: i servizi, le proposte degli aperitivi più classici, dal mojito ai frozen, gli invecchiati, e le decine di bottiglie dietro al bancone sono garanzia di ampia scelta. Il locale è l’ideale per un aperitivo in compagnia, alla piazzola o sul muretto antistanti. Il menu, per lo più vegetariano, propone verdure crude, insalate e paste fredde, ma la scelta è davvero difficile! Non poteva mancare un posto nella zona di San Lorenzo, altro quartiere al centro della movida romana. Proprio per questo allo ZeroZero100 (Via del Verano 27 - Via dei Piceni 56 - Tel 0644702346 3933352120) non si limitano al semplice aperitivo “alla milanese”, con qualche stuzzichino: qui ti preparano una vera e propria cena a buffet illimitato nella quantità, con pizze tonde a spicchi cotte nel forno a legna e di tutti i gusti, alle più svariate frittate, o anche il cous cous, fino alle polpette di manzo al sugo e alle paste nostrane, come carbonara, amatriciana, grigia; senza trascurare verdure di tutti i tipi, i fritti, i dolci. Tutto a 10 euro, in cui sono compresi drink a scelta tra i vari del cocktail bar, dallo champagne al bicchiere di vino e ai distillati di prima categoria e guarniti da frutta fresca.

>Ogni giovedì aperitivo live al ristorante Asinocotto nel cuore di Trastevere

Quando la buona cucina incontra la musica dal vivo Due chef con un’esperienza decennale e appuntamenti praticamente settimanali con la musica dal vivo: ecco gli ingredienti vincenti del ristorante Asinocotto, nel cuore di Trastevere (Via dei Vascellari, 48 - Tel. 06 5898985). Lo chef Antonio Acone, forte dei trascorsi tra America, Asia ed Europa, guida una proposta di cucina piacevolmente internazionale. Insieme a lui, un valido alleato: lo chef “fantasista” Giuliano Brenna: anche lui ha percorso e assaggiato i migliori ristoranti europei e di oltreoceano spingendosi fino al Vermont e alla campagna del New England. Oggi, insieme ad Antonio, propone piatti proveniente da ingredienti freschi della campagna romana con echi di luoghi lontani. La loro cucina si esprime in diversi momenti della giornata attraverso la carpacceria (in menu sono disponibili oltre 25 carpacci), il lunch, la cena e soprattutto l’aperitivo live del giovedì. Il 17 maggio, sarà il misto di blues e rock di The Mark Hanna Band - insieme a delle special guests - ad allietare gli avventori. Il 24, toccherà a The Magic Harp Band, che propone dei suoni blues acustic. Il menu dell’aperitivo live prevede carpacci, frittatine di tutti i tipi, focaccine, grissini alle spezie, verrine di zuppette fresche e un buon bicchiere di vino.

AMAPAOLA

Il venerdì dalle 19 in poi un aperitivo a base di champagne, ostriche e crostacei crudi. Gli appassionati dell'abbinamento più famoso non possono assolutamente perdere questo fantastico evento. Via Luigi Lilio, 37 Tel. 06 5193442 www.amapolawinebar.it

VECCHIO BORGO

Uno dei locali storici di Roma vi aspetta con il suo fantastico aperitivo ogni sabato sera per farvi divertire mangiando, bevendo e...cantando! Prima consumazione offerta! Borgo Angelico, 11 Cell. 331 6506308 www.vecchioborgo.net

QUEEN ENERGY

Un aperitivo a Via Veneto, un Health Food Cafè per mangiare e bere in modo diverso; un misto tra lounge bar e un luogo salutista, hitech ma confortevole. Aperitivi, brunch e appuntamenti notturni per eventi speciali. Via di San Basilio, 66 Tel. 06 45439517; 0645438339 www.queenenergy.biz


MT RM_10 maggio 5_Layout 1 14/05/12 11.02 Pagina 16

16

TEMPO LIBERO

>

Appiappiedi: domenica prossima la millenaria strada romana torna protagonista

Lungo la REGINA VIARUM Una passeggiata di due ore lungo quello che è considerato un monumento a cielo aperto di Roma omenica prossima, 13 maggio, è possibile scoprire segreti e fascino della Via Appia con “Appiappiedi”. La visita guidata parte dalla Villa dei Quintili, dove gli archeologi coinvolti nell’iniziativa ne faranno conoscere ai visitatori le nuove aree rinvenute durante gli ultimi scavi come, ad esempio, il teatro privato e i mosaici geometrici. Terminata la visita, inizia la passeggiata lungo la Regina Viarum in direzione del centro di Roma lungo il tratto monumentale,

D

dove sorgono gli edifici sepolcrali, tra cui le tombe collettive, i sepolcri individuali e di famiglia e i colombari, realizzati in un periodo che va dall’Età Romana alla tarda Età Imperiale, fino a giungere a quelli che sono noti come Tumuli degli Orazi e dei Curiazi, luogo dove, secondo la leggenda, avvenne la lotta tra i tre fratelli romani della famiglia Orazi e i tre Curiazi provenienti da Albalonga. La passeggiata prosegue poi per circa due miglia tra monumenti, statue acefale, edifici sepolcrali, epigrafi e la-

pidi del II secolo fino a giungere a Villa Capo di Bove, recentemente tornata bene archeologico dopo essere stata precedentemente adibita ad abitazione privata. Al suo interno sarà possibile visitare l’esposizione fotografica che mostra i cambiamenti subiti dalla via Appia Antica negli ultimi decenni e scoprire che aspetto aveva l’impianto termale di un’antica abitazione romana. All’interno del parco di Villa Capo di Bove ci sarà un brunch realizzato con ricette e prodotti tipici della zona. Realizzata nel 312 a. C. per volere del censore Appio Claudio allo scopo di connettere Roma alla Campania e poi a

Brindisi, porto da cui partivano le navi dirette in Grecia, la via Appia Antica può vantare una storia millenaria. Asse portante di tutte le comunicazioni durante il periodo romano, la strada fu inizialmente costruita in pietrisco e lastricata negli anni successivi fino a Capua con grandi basoli di pietra basaltica, in alcuni tratti capaci di resistere fino ai giorni nostri. Con la sua realizzazione, fu rivoluzionato il modo di costruire le strade: per la prima volta furono adottati lunghissimi rettilinei e si scelse di non passare all’interno delle città, ricorrendo ad ampie opere di bonifica per superare acquitrini e paludi.

> Aperto al pubblico sabato 12 e domenica 13

ALL’INTERNO DEL BUNKER SORATTE Un’occasione per fare un salto indietro nel tempo di quasi settant’anni e scoprire una struttura sotterranea risalente alla Seconda Guerra Mondiale è l’apertura, sabato 12 e domenica 13, del Bunker Soratte, situato nel piccolo comune di Sant’Oreste, in provincia di Roma. Gli oltre quattro chilometri e mezzo di gallerie rinforzate in cemento armato furono volute da Benito Mus-

solini per ospitare il governo nel caso in cui Roma fosse stata bombardata e realizzati tra il 1937 e il 1943. Dopo l’8 settembre 1943 ospitarono, per oltre un anno, le truppe tedesche del maresciallo Albert Kesselring. Il Bunker anti-atomico, posizionato oltre 300 metri sotto terra, venne, invece, realizzato dal Governo italiano durante la guerra fredda. In occasione del 68mo anniversario del bom-

bardamento alleato sul Soratte contro la presenza tedesca, accaduto il 12 maggio 1944, avviene l’unica apertura annuale delle gallerie e del bunker. Ad accompagnare l’evento sono chiamati numerosi veicoli dell’epoca e figuranti in uniforme provenienti da tutta Europa. Non mancherà, inoltre, uno spettacolo aereo realizzato con alcuni mezzi originali della Seconda Guerra Mondiale.


MT RM_10 maggio 5_Layout 1 14/05/12 11.02 Pagina 17


MT RM_10 maggio 5_Layout 1 14/05/12 11.02 Pagina 18

18

NEWS SALUTE

>Sana e Corretta Alimentazione e Sos Bimbo, due progetti per la salute dei più piccoli

“Mettiti in testa di MANGIARE BENE” È lo slogan della campagna di educazione alimentare itinerante per bambini e ragazzi, per i loro genitori e docenti

avola d’Oro e Tavola Nera. Da una parte pasta, formaggio, olio; dall’altra surgelati, merendine, bibite gassate e caramelle. È il concetto fondamentale espresso ai bambini e ragazzi delle scuole romane, e ai loro docenti, nell’ambito del progetto Sana e Corretta Alimentazione, promosso dall’assessorato capitolino alle Politiche sociali, con l’obiettivo di avvicinare i più piccoli alla conoscenza del ciclo che un prodotto alimentare compie prima di arrivare in tavola. Settanta le scuole romane coinvolte, da maggio a dicembre, con la partecipa-

T

zione di oltre seimila ragazzi. Del resto, è noto che l’obesità colpisce ormai molti bambini anche nel nostro Paese e negli ultimi anni ha raggiunto quote preoccupanti a livello mondiale: nel 2010, secondo l’Istat, circa 43 milioni di bambini sotto i 5 anni sono in sovrappeso. L’Italia è ai primi posti in Europa per il numero di giovanissimi con problemi di peso. Nel nostro Paese, secondo il rapporto elaborato dal Ministero della Salute sull’obesità infantile, più di un milione, tra i bambini da 6 agli 11 anni, è in sovrappeso, quasi 400mila sono affetti da obesità. Il fenomeno varia da regione a regione, con percentuali più basse al Nord e più alte al Sud. Nel Lazio, secondo i dati elaborati dalla Azienda Sanità Pubblica del Lazio si stima che il 24,6 per cento dei bambini è in sovrappeso e il 10,7 per cento è obeso. La percentuale nel caso dell’obesità sale per gli adolescenti al 22,8% a 11 anni, 17,6% a 13 anni, e 18,3% a 15 anni. Problemi di sovrappeso in età giovane spesso perdurano nell’età adulta e sono la causa di gravi conseguenze sulla salute. All’iniziativa “Sana e Corretta Alimentazione” si affianca il

© MATKA_WARIATKA - FOTOLIA.COM

>Con il 5x1000 contro la CECITÀ Per sostenere la ricerca sulle disfunzioni dell’apparato visivo e sconfiggere le malattie che portano alla cecità è possibile contribuire all’attività dell’IRCCS Fondazione G.B. Bietti Onlus che dal 1984 è il punto di riferimento nazionale ed internazionale per la ricerca e cura della patologie della retina, della cornea e del nervo ottico. La Fondazione è in Roma in via Livenza, 3 con la sede di ricerca clinica mentre, presso il Presidio Ospedaliero Britannico, è attiva la sede clinico assistenziale con il Centro di Ricerca e Cura per le Maculopatie. Il contributo aiuterà a promuovere ricerche su nuovi strumenti di diagnosi precoce e terapie innovative. Per farlo è sufficiente firmare il riquadro dedicato al Finanziamento della Ricerca Sanitaria nella Dichiarazione dei Redditi e riportare il codice fiscale 07864670588 dell’IRCCS Fondazione G.B. Bietti Onlus. Per informazioni:www.fondazionebietti.it email: info@fondazionebietti.it Tel.06/8552055.

Per la RICERCA Fondazione De Baumont Bonelli per le ricerche sul cancro ONLUS

progetto “SOS Bimbo”, che prevede corsi d’insegnamento primario nelle scuole dedicati a bimbi, mamme e insegnanti, tenuti dai medici della Società Italiana di Pediatria, per diffondere tecniche di pronto soccorso, come le manovre di disostruzione da usare in caso di soffocamento, o altre tecniche per casi di reazioni allergiche o shock anafilattico. Secondo l’Istat il 27% delle morti classificate come “accidentali”, sempre da 0 a 4 anni, avviene per soffocamento causato da inalazione di cibo o di corpi estranei (450 i casi ogni anno in Italia, nel 60% dei casi si tratta di bambini).

L’INIZIATIVA Domenica 13 maggio, il V appuntamento con “Il Tuo Quartiere non è una discarica”, la raccolta straordinaria di rifiuti ingombranti organizzata da Ama e Tgr Lazio: questa volta tocca ai 9 municipi pari della Capitale. Tutti i punti di raccolta fissi e mobili possono essere facilmente visualizzati sul sito www.amaroma.it.

ra gli enti no profit a cui è possibile donare il cinque per mille con la prossima dichiarazione dei redditi (nel riquadro finanziamento agli enti della ricerca scientifica e dell' università inserendo il C.F. 80065250633) compare anche la Fondazione Teresa & Luigi De Baumont Bonelli, da oltre quarant’anni impegnata nella ricerca contro il cancro e sempre pronta a sovvenzionare gli studi in materia come testimoniano le borse di studio erogate per le università di Siena e di Milano. Prima fondazione in Campania ad ottenere il cinque per mille, la De Baumont Bonelli ha come scopo quello di affiancare, nella lotta al tumore, agli stumenti tradizionali come la chemioterapia, la radioterapia e chirurgia, anche l’immunoterapia. A tal riguardo il professor Giulio Tarro, presidente della fondazione, e il suo gruppo di ricerca, con la collaborazione del centro del professor Pederzini di Mantova, hanno già raggiunto l’importante obiettivo di scoprire e brevettare la TLP, un proteina liberata dai tumori umani. Infine la Fondazione non conduce nè sponsorizza ricerche che vengono effettuate su animali, www.fondazionebonelli.it.

T


MT RM_10 maggio 5_Layout 1 14/05/12 11.02 Pagina 19

LE RACCHETTE HEAD

19

Tra i più prestigiosi produttori di racchette da tennis troviamo il marchio Head, punto di riferimento per alcuni tra i migliori atleti a livello mondiale. La sua Prestige Series è, infatti, stata scelta da Robin Soderling, mentre Andy Murray ha optato per la Radical Series. A prediligere la Instinct Series sono, infine, Tomas Berdych e Maria Sharapova.

SPORT

Gli stili del TENNIS Tra le proposte, anche le linee d’abbigliamento dedicate da Nike e Sergio Tacchini a Federer, Nadal e Djokovic -shirts, shorts, gonne, vestiti, ma anche scarpe, cappelli, calze, bandane e polsini. Molti sono i capi d’abbigliamento pensati per chi pratica il tennis e non vuole rinunciare ad avere un proprio stile originale anche sui campi da gioco. Ai protagonisti dell’indimentabile finale di Wimbledon 2008, Roger Federer e Rafael Nadal, grandi rivali uniti da una solida amicizia, Nike ha dedicato un’intera linea d’abbigliamento che sicuramente non mancherà di fare felici i loro sostenitori. I materiali utilizzati per realizzare i prodotti che ne fanno parte garantiscono la massima resistenza, ma anche la traspirabilità dei tessuti, mentre vasta è la scelta dei colori che va dai classici, come il bianco e il grigio, al blu, rosso e arancione. Per il pubblico femminile merita sicuramente un’occhiata la linea d’abbigliamento disegnata per adidas da Stella

T

McCartney, figlia dell’ex dei Beatles Paul e affermata stilista. Shorts, t-shirts, vestiti e felpe sono disponibili in diversi modelli, realizzati con le tecnologie Adiprene, Adituff e Climate che garantiscono comodità e freschezza durante tutto il corso dell’allenamento o della partita. Rappresentato da Novak Djokovic, numero uno al mondo del tennis nella classifica mondiale ATP, il marchio Sergio Tacchini propone, sia per gli uomini sia per le donne, una linea d’abbigliamento da tennis dai modelli e dai colori più classici rispetto a quelle di Nike e Adidas, ma altrettanto funzionali. Anche in questo caso non manca una linea completamente dedicata al campione Novak Djokovic.

WILSON PRO STAFF La racchetta Wilson Pro Staff è stata recentemente utilizzata da Roger Federer, vincitore di 16 Grand Slam, è ideata per tutti i giocatori che cercano feel, spin e controllo estremo e presenta una tecnologia Amplifeel che, grazie agli inserti in basalto, consente una maggiore sensibilità e comfort nell’impugnatura. È, inoltre, disponibile nelle versioni Pro Staff Six One 90, Pro Staff Six One 95 e Pro Staff 100.

Roma diventa STREET Al Teatro Italia si sfidano alcune delle migliori crew di hip hop del nostro Paese poche settimane dall’uscita del film Streetdance 2 che porta sul grande schermo la storia del ballerino Ash, impegnato a viaggiare attraverso l’Europa per mettere insieme una crew di street dancers in grado di battere gli Invincibles, dominatori incontrastati di ogni competizione, arriva in Roma, sul palcoscenico del Teatro Italia, la tappa italiana del World Hip Hop Dance Championship. Sabato 12 maggio, alcune delle migliori crew del nostro Paese si sfideranno nelle gare di qualificazione per guadagnarsi l’accesso alla finale mondiale, che si svolgerà alla Orleans Arena di Las Vegas i primi di agosto e che vedrà partecipi crew provenienti da oltre quaranta nazioni. Chiamata a valutare le abilità e la

A

passione di questi ballerini sarà una giuria composta da Betty Style, nel cast di Streetdance 2, Laccio, che con i suoi Modulo Project partecipa a The Show Must Go Off, gli insegnanti di Amici Kris e Sponly Love, Fritz, leader della scena underground italiana, e Meg, la prima giudice italiana internazionale del World Hip Hop Dance Championship. Il pomeriggio vedrà protagonisti i giovani ballerini di età compresa tra i 7 e il 12 anni e le Megacrew, gruppi esordienti senza limiti di età che contano tra i 12 e i 40 elementi, mentre in serata la competizione entrerà nel vivo con la categoria Varsity a cui partecipano gli street dancers tra i 13 e i 17 anni e con la categoria Adult, che vede coinvolti i ballerini con più di 18 anni.


MT RM_10 maggio 5_Layout 1 14/05/12 11.02 Pagina 20

20

IN REGIONE

AGENDA

RIETI - Canepina - 13-14 maggio Iniziano i festeggiamenti in onore di Santa Corona che proseguiranno fino al weekend successivo. Domenica 13, alle 15.30, è in programma la sfilata dei “Cavalieri di Canepina” per le vie del paese. Lunedì 14, dalle 21.00, l’attesa processione della Mini Macchina di Santa Corona con spettacoli pirotecnici durante il percorso.

FROSINONE - Anagni - 12 maggio La città dei papi è stata scelta per ospitare la Run4unity, una staffetta sportiva riservata a ragazzi e ragazze dai 9 ai 16 anni che si inserisce in una manifestazione di livello mondiale: nello stesso giorno, dalle 15 alle 16, migliaia di giovani correranno in tutto il mondo per un simbolico abbraccio di pace e unità fra i popoli.

LATINA - Fino al 13 maggio Presso l’area ex-Stella Maris a Latina si tiene la quarta edizione del Camelday, motoraduno nazionale del motoclub “I Tuareg”. Dopo l’inaugurazione di ieri, alla presenza delle autorità locali, sabato mattina è prevista una gita a Sermoneta, mentre domenica ci sarà la parata ufficiale per le vie del capoluogo pontino.

VITERBO - Marta - 14 maggio Nel piccolo centro del lago di Bolsena si festeggia la Madonna del Monte. L’evento più atteso è la Barabbata, un corteo con gli uomini, divisi in quattro categorie (Casenghi, Bifolchi, Villani e Pescatori), che si recano in processione al santuario fuori dal paese dove compiono le “Passate”, tre giri attorno alla chiesa.

Percorsi d’arte a TOFFIA Nell’antico borgo medievale, artigiani e artisti si mostreranno al lavoro per un’intera domenica

tudi d’arte, case d’artista e botteghe artigiane dell’incantevole borgo di Toffia – a mezz’ora di auto da Roma – saranno aperti al pubblico domenica 13 maggio in occasione della manifestazione Arte e Arti. Sarà creato un vero e proprio percorso per le vie del borgo medievale con artigiani e artisti che si mo-

S

streranno al lavoro. Alcuni di questi hanno scelto proprio Toffia per vivere e lavorare, come Livio Cristini (arte povera, arte concettuale), Ettore di Cristina (arte astratta), Christina Thwaites (arte figurativa e natura morta), Roberto Giacomello (sculture in ceramika Raku), Maria Petrucci (sculture in legno) con la sua interessante Casa-Museo Raniero.

Saranno presenti anche artisti in residenza temporanea, provenienti da Canada, Stati Uniti e Francia, che presenteranno per l'occasione le loro opere. Non mancheranno occasioni per degustazioni, spettacoli teatrali e visite guidate per il primo appuntamento di una manifestazione, che da giugno si ripeterà la seconda domenica di ogni mese.


MT RM_10 maggio 5_Layout 1 14/05/12 11.02 Pagina 21

21

IN REGIONE

Somme DEGUSTAZIONI In cima alla Torre Pontina appuntamento con Latina Sky Wine

La Festa della MERCA Gare, esibizioni a cavallo e degustazioni nel weekend di Tarquinia are equestri, prove di abilità a cavallo, ma anche degustazioni di prodotti e vini locali: è il ricco programma della Festa della Merca, che si tiene in località Roccaccia, a Tar-

G

quinia, sabato 12 e domenica 13 in occasione della tradizionale marcatura delle mandrie che vivono allo stato brado nelle tenute dell’Università Agraria. L’evento, giunto all’edizione numero 44, permette di

riscoprire usi e costumi dei butteri maremmani che, in passato, avevano il compito di catturare e domare il bestiame. I veri protagonisti saranno i cavalli con il campionato nazionale di monta tradizionale maremmana e di abilità cronometrata della Fietrec Ante, passando per le gare di cross country e cattura dei vitelli. Nella giornata di domenica, è in programma anche uno spettacolo equestre all’in-

segna della doma dolce e degli artisti di strada, un’esposizione canina e la dimostrazione soft (senza fuoco) della marchiatura del bestiame. Per le degustazioni, è previsto un menu a 10 euro per valorizzare la carne maremmana. Infine, per i più piccoli, saranno possibili delle escursioni nel bosco animato dove troveranno ad attenderli elfi, fate e uno spettacolo itinerante.

n uno dei cinque edifici più alti d’Italia, dal 12 al 14 maggio, si terrà Latina Sky Wine. Sarà dunque la Torre Pontina a ospitare un’elegante rassegna di vino, arte e cultura dedicata al territorio pontino. Tante le aziende espositrici con un percorso che si svilupperà al piano terra su una superficie di 500 metri quadrati. Ci penserà il servizio catering ad approvvigionare i banchi d’assaggio per le degustazioni e al pubblico saranno forniti tracolla e calice. Per i più curiosi, ci

I

saranno anche stand di approfondimento con i sommelier della Fisar Latina e lo stand dell’Onav Delegazione di Latina, che forniranno informazioni sulle loro attività associative e indicazioni su una degustazione di qualità accompagnata dallarte della mescita. È prevista inoltre una visita guidata in cima alla torre dove sarà allestito un banco per i distillati con cioccolateria, da gustare sulla terrazza più alta dell’Agro Pontino e in compagnia di una vista mozzafiato.


MT RM_10 maggio 5_Layout 1 14/05/12 11.02 Pagina 22

22

IN ITALIA

>Dal 16 al 20 maggio la sesta edizione della mostra-mercato di fragranze e complementi di Firenze

I PROFUMI del giardino Candele, saponi, estratti, spezie e fiori, ma anche corsi, performance e tanto altro ella splendida cornice del monumentale Giardino di Boboli, un’area verde che nel XVI secolo grazie ai Medici divenne un modello estetico per le corti europee, dal 16 al 20 maggio si terrà la sesta edizione di I Profumi di Boboli, percorso espositivo commerciale di documenti di prestigio della tradizione artistica e manufatturiera legata all’universo botanico. Una vetrina di profumi, fragranze, saponi, candele, profuma-ambienti, oli essenziali, cosmetici, estratti da erbe aromatiche, spezie, fiori e piante rare, tessuti e antiche stampe, accessori e complementi rigidamente

N

selezionati. Il programma si articola in tre giorni e mezzo, da giovedì 16 con l’inaugurazione alle 12, fino a domenica; il primo ingresso è alle 10, mentre l’ultimo alle 19. Patrocinato dalla Regione Toscana, dal Comune e dalla Provincia di Firenze, I Profumi per Boboli ospiterà anche una serie di eventi collaterali, tra cui performance, presentazioni di libri, corsi di formazione per fragrance designer, esposizioni di opere d’arte a tema e tanto altro, che introdurranno e accompagneranno il percorso; sarà presente anche l’Associazione per Boboli, tradizionale partner che su prenotazione organizzerà visite

guidate al patrimonio artistico e botanico del Giardino. Tra le novità assolute del 2012, la realizzazione di una sezione speciale “StileNaturale&fashion” destinata ad accogliere produttori nazionali, e non solo, di manufatti in fibre biologiche ed ecofriendly e come special guest la più antica e prestigiosa azienda italiana di outdoor design, nel ruolo di arredatrice del salotto di Boboli. Saranno presenti circa 25 espositori selezionati, nell’area che un tempo era la Spezieria per la distillazione di profumi e balsami medicamentosi, oggi adibita a limonaia. Per ulteriori informazioni, www.profumidiboboli.org.

Il Taste of Milano apre la stagione estiva del capoluogo

IL PARCO GIOCHI DEL GUSTO Buongustai di tutto il mondo unitevi! È finalmente giunto in Italia, a Milano, il tour mondiale Taste Festivals, la manifestazione enogastronomica più attesa della “bella stagione”, che si terrà all’Ippodromo del Galoppo di San Siro dal 17 al 20 maggio. Quest’anno Taste of Milano proporrà a tutti gli appassionati dell’alta cucina un’indimenticabile ed entusia-

smante esperienza, ricca di novità: direttamente da Myfair London, Atul Kochhar, due stelle Michelin, con il suo ristorante Benares, cucina indiana di altissimo livello. Insieme a lui, 11 importanti chef milanesi lavoreranno “gomito a gomito” divertendosi a cucinare all’aperto per deliziare i palati dei loro estimatori e mettendo a disposizione del pubblico la loro

maestria. Alta cucina e ampi spazi per i più piccoli: un mix vincente per un happening dedicato ai buongustai, ma anche ai bambini, agli aspiranti chef.

TASTE OF MILANO

Tel: 02 36539650 info@tasteofmilano.it info@brandeventsitaly.it

Anno 2012-STAMPA - Società Tipografico Editrice Capitolina S.p.A. Via Giacomo Peroni, 280 Roma SPORT NETWORK SRL Via Messina, 38 Milano - Tel. 02 349621


MT RM_10 maggio 5_Layout 1 14/05/12 11.02 Pagina 23


MT RM_10 maggio 5_Layout 1 14/05/12 11.02 Pagina 24


MT Roma cds - 10 maggio 2012  

settimanale di cultura, spettacolo, cinema, musica, teatro. Tutti gli appuntamenti culturali della capitale

Advertisement
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you