Issuu on Google+

Informazione pubblicitaria a cura della Sport Network - Allegato al

FILM | CONCERTI | SPETTACOLI | MOSTRE | ENOGASTRONOMIA | FIERE | EVENTI SPORTIVI | CORSI | ITINERARI | FUORI PORTA

LA NOTTE DEI MUSEI

I ROMANI SCOPRONO I TESORI DELLA CITTÀ > P.2-3

TORNA IL GRANDE MUSICAL W ZORRO AL SISTINA

> P.5

A MARINO LA SAGRA C’È DELL’UVA

> P.12

È L’ORA DEL PUMP

> P.19


COPERTINA

2

EVENTI DA NON PERDERE/1 MUSEO DELL’ARA PACIS MOSTRA Parco Nomade. Volume!Roberto Pietrosanti Dalle h. 20.00 Lights for new age – Proiezioni h. 21.30, 22.45 e 24.00 Daniele Bazzani CONCERTO Cinzia Tedesco in “Like a Bob Dylan” h. 21.00 e 24.00 MUSEO NAZIONALE ROMANO IN PALAZZO ALTEMPS Dalle h. 20.00 Teatr(A)ltemps! SPETTACOLO Carmina Noctis. Poesia, prosa e musica a Palazzo Altemps h. 21.00, ore 22.00 e ore 23.00 (Teatro di Palazzo Altemps) MUSEO NAZIONALE ROMANO ALLE TERME DI DIOCLEZIANO Dalle h. 20.00 L’arte è giovane! CONFERENZA - CONCERTO - SPETTACOLO Giordano Bruno e la Magia h. 21.00, 22.30 e 23.30

Il MACRO sarà uno dei centri nevralgici de La Notte dei Musei

ARTE SOTTO LE STELLE Dopo il rinvio dello scorso maggio, sabato 6 ottobre torna La Notte dei Musei per tenere sveglia la Capitale con una quarta edizione ricca di eventi e spettacoli

Concerti, proiezioni, reading e performance multimediali rigorosamente a costo zero per una no-stop di 6 ore con circa 150 eventi e iniziative da non perdere

B

uona la seconda. La prima avrebbe dovuto tenere accese le luci della cultura capitolina lo scorso 19 maggio in contemporanea con altri paesi europei, prima che l’orribile attentato avvenuto quella stessa mattina alla scuola Morvillo-Falcone di Brindisi imponesse l’annullamento in segno di lutto per la vita spezzata della quindicenne Melissa Bassi. E proprio al ricordo della giovane studentessa sarà intitolata sabato 6 ottobre la quarta edizione de La Notte

dei Musei, il grande veglione del divertimento intelligente che indice l’apertura straordinaria e completamente gratuita dalle 20 alle 2 di notte di oltre 60 tra le piazze culturali e gli spazi espositivi più importanti della città, dai musei civici alle biblioteche comunali, dai Musei Storici dell’Esercito Italiano alle accademie e alle istituzioni culturali straniere. E in più concerti, proiezioni, reading e performance multimediali rigorosamente a costo zero per una no-stop di 6 ore con circa 150 eventi e iniziative da non perdere. Tra le novità più significative, l’apertura per la prima volta dell’area dei Bastioni del Sangallo e del Centro Studi Cappella Orsini. Imperdibili l’insula romana sotto Palazzo Specchi e l’insula dell’Ara Coeli, l’ipogeo di via Livenza e le domus romane di Palazzo Valentini. Ma anche i Musei Capitolini, la

Galleria d’arte moderna, il MAXXI, il Complesso del Vittoriano, Palazzo Barberini, Palazzo delle Esposizioni, il Senato e la Camera dei Deputati, il Parco Museo Ferroviario dell’ATAC e il Museo storico della fanteria. Appuntamento in via Margutta per il mercato/evento Fuori porta, in via Margutta. La rappresentazione del cibo nell’arte con il meglio della produzione delle aziende locali scelte da Coldiretti. Tra gli spettacoli l’omaggio ad Alberto Sordi con la proiezione del film Amore mio aiutami a Piazza del Campidoglio, il concerto della star israeliana David Broza al Museo di Roma Palazzo Braschi e quello di Astor Piazzolla con i Cuartetango nella Sala della Protomoteca. Per consultare il programma completo e costruirsi la propria maratona personale cliccare su www.comune.roma.it o www.museiincomuneroma.it.

MUSEO DI ROMA - PALAZZO BRASCHI MOSTRA Ombre e luci. 1920-1960. Volti del cinema nei ritratti di Manlio Villoresi CONCERTO David Broza Live h. 23.00 MUSEO STORICO DELLA FANTERIA CONCERTO Concerto della Banda dell’Esercito Italiano h. 21.00 MUSEO CIVICO DI ZOOLOGIA Dalle h. 20.15 Notturno con la scienza PALAZZO DELLE ESPOSIZIONI MOSTRA Robert Doisneau. Paris en liberté PLANETARIO E MUSEO ASTRONOMICO Dalle h. 20.30 (ogni ora) SPETTACOLO C'è vita nel Museo ... 4 SALA DELLA PROTOMOTECA CONCERTO Cuartetango h. 20.30, 22.00 e 23.30 SCUDERIE DEL QUIRINALE MOSTRA Veermer. Il secolo d’oro dell’arte olandese TEMPIO DI ADRIANO h. 21.00 e 22.30 CONCERTO FARIAS PASSEGGIANDO CON LA STORIA tre itinerari serali nel cuore di Roma: h. 20.30 Pasquino/Palazzo Braschi h. 20.30 Tempio di Vesta h. 20.30 Ara Pacis


COPERTINA

3 STEFANO PEDRETTI

EVENTI DA NON PERDERE/2 CASA DEL CINEMA PROIEZIONE Napoleone torna alla Galleria Borghese (Sala Deluxe) h. 20.00 e 21.15 CASA DEL JAZZ CONCERTO/HAPPENING Roma racconta il Folkstudio dal 1961 al 1998 Dalle h. 20.00 CENTRALE MONTEMARTINI CONCERTO Il punto G h. 22.00, 23.00 e 24.00

Martux_M Crew, in concerto alle ore 22.30 presso il MACRO

CHIOSTRO DEL BRAMANTE MOSTRE Contemporary Tales. Elisabeth Strigini. Selected works 20042012 Ciccarini. Dalla veduta alla visione: il mito della città CONCERTO Solar Orchestra h. 21.00 e 22.00 GALLERIA D’ARTE MODERNA DI ROMA CAPITALE MOSTRA 100 sguardi su Roma dalla collezione d’arte BNL Gruppo BNP Paribas CONCERTO Duo Saria Convertino e Claudio Santangelo h. 21.00, 22.30 e 23.15 GALLERIA NAZIONALE D’ARTE ANTICA DI PALAZZO BARBERINI CONCERTO Ballando ballando... tra opera e cinema, concerto dell’Orchestra MuSa Classica h. 20.30 e 21.45 ISTITUTO CERVANTES ROMA MOSTRA Goya, cronista di tutte le guerre

LE BIBLIOTECHE DI ROMA CHE PARTECIPANO ALL’INIZIATIVA

MACRO MOSTRE NEON. La materia luminosa dell’arte Yto Barrada: RIFFS Giulio Turcato. STELLARE Anders Petersen. Rome, a diary 2012 Urban Arena: Bros, Sten e Lex, Ozmo, Marco Brambilla Pascale Marthine Tayou. Plastic Bags Artisti in residenza: STUDIO IN PROGRESS SPETTACOLI h. 21.30 Kocleo, dj set & Landvideosource h. 22.30 La MARTUX_M Crew “Metropolis”

BiblioCaffè letterario (Municipio Roma XI) - via Ostiense 95 h. 22 performance di musica leggera Casa della Memoria e della Storia (Municipio Roma I Trastevere) h. 20.30 performance di musica Sudoku Unplugged Enzo Tortora (Municipio Roma I - Rione Testaccio) h. 20.30 performance di musica Di Tommaso/MarinoDuo Flaminia (Municipio Roma II - Flaminio) h. 20.30 letture L'amore ai tempi della crisi

MERCATI DI TRAIANO - MUSEO DEI FORI IMPERIALI MOSTRA Mediterranee di Pedro Cano CONCERTO Concerto del gruppo Hexperos h. 21.30, 22.45 e 24.00

Goffredo Mameli (Municipio Roma VI - Prenestino / Labicano) h. 20.30 performance di musica Hill Street Blues Rispoli (Municipio Roma I - Rione Pigna) h. 20.30 concerto Stavrogin Ensamble Rugantino (Municipio Roma VIII - Torrespaccata) h. 20.30 Pe fa l’amore a Roma ar tempo de G.G. Belli Villa Leopardi (Municipio Roma II - Trieste) h. 20.30 performance di musica pop White Noise

Vanessa Gravina sarà impegnata nello spettacolo “Carmina Noctis” a Palazzo Altemps

MUSEI CAPITOLINI MOSTRA L’età dell’equilibrio CONCERTO Le Romane h. 21.15, 22.45 e 00.15


PRIMO PIANO

5

L’EROE MASCHERATO SBARCA AL SISTINA Dopo i sorprendenti Pinocchio e Aladin, Stefano D’Orazio torna a incantare grandi e piccini con il suo nuovo musical W Zorro

“Z

Alberta Izzo e Michel Altieri nei panni di Cecilia e Zorro

orro è solo una scintilla che può scatenare un fuoco. Zorro è il cuore e la speranza che dà forza a chi ci crede”. È con questa strofa tratta dal brano conclusivo di W Zorro che si può riassumere l’essenza di ciò che ha mosso Stefano D’Orazio nell’intraprendere la strada che ha condotto fino all’allestimento di questo suo nuovo spettacolo. Sì, perché dopo gli applauditissimi Pinocchio e Aladin, l’ex componente dei Pooh regala al pubblico un nuovo avvincente spettacolo firmando le liriche di W Zorro, con il prezioso contributo delle musiche targate Roby Facchinetti. Uno show avvincente

Le musiche che accompagnano lo spettacolo portano la firma di Roby Facchinetti arricchito dall’ironia e la creatività di scrittura tipica di D’Orazio e montato intorno a musiche e personaggi inediti che si intrecciano con i protagonisti del racconto originale con la promessa di coinvolgere, commuovere e divertire tutto il pubblico. Una storia che da sempre affascina grandi e piccoli, un modo per avvicinare il pubblico a una storia apparentemente lontana, ma che tanto ha in comune con il mondo di oggi. Un

musical sorprendente e spettacolare in tutto, nella storia come nelle coreografie, gli effetti speciali, i combattimenti al filo di spada e nel cast strabiliante guidato da Fabrizio Angelini che ne cura la regia e le coreografie in collaborazione con Gianfranco Vergoni, la direzione musicale di Giovanni Maria Lori (che cura anche gli arrangiamenti) e la direzione vocale affidata a Rossana Casale. L’eroe dal cuore grande e dalla spada veloce, interpretato da Micheli Altieri, è pronto a rapire chiunque si lascerà trasportare da questa meravigliosa avventura. Debutto il 9 ottobre al Sistina che lo ospiterà sino a domenica 21.

IL CAST ZORRO - Michel Altieri CECILIA - Alberta Izzo DON JUAN DE SALVATIERRA - Roberto Rossetti CONSUELO - Jacqueline Ferry HENRIQUEZ DIEGO PINTO GARCÌA - Maurizio Semeraro WILLIAM LAMPORT e FRA DIEGO DE LA CRUZ - Fabrizio Checcacci ENSEMBLE - 6 danzatrici e 6 danzatori-acrobati: Bianca Balido, Gianluca Bessi, Federica Capra, Filippo Grande, Danilo Grano, Sara Marinaccio, Emiliano Palmieri, Carlo Pucci, Federica Rosati, Daniele Sibilli, Sara Telch, Gioia Vicari.

INFO SPETTACOLO Stefano D’Orazio autore del musical W Zorro

9-14 e 16-21 ottobre - Feriali ore 21 - Sabato ore 17 e ore 21 - Festivi ore 17


CINEMA

6

UN AMICO COME TED? SOLO AL CINEMA I desideri di un bambino trasformano un dolce orsacchiotto in un pupazzo che dice parolacce e rimorchia le escort. Dal 4 ottobre nelle sale

Il regista Seth McFarlane è al primo film dopo i successi de I Griffin e American Dad

osa può fare una cura intensiva di televisione e cinema a un ragazzino e a un orsacchiotto che grazie a un desiderio natalizio prende vita, parola e pensiero? Lo racconta Ted, il primo film diretto

C

CARTELLONE

4 - 10 ottobre

da Seth McFarlane, dopo i successi televisivi de I Griffin e American Dad. McFarlane è il maestro del divertimento politicamente scorretto. Basti pensare che nell’ora e trequarti di durata di Ted, si susseguono le battute sugli ebrei, scene quasi hardcore con protagonista il Teddy Bear e addirittura viene picchiato un bambino. Ma la comicità di McFarlane ha dato i suoi frutti: 420 milioni di dollari di incassi in tutto il mondo e, soprattutto, l’invito a presentare la prossima Notte degli Oscar. Ted è una commedia sulla dif-

4

ALL'ULTIMA SPIAGGIA di Gianluca Ansanelli Con Dario Bandiera, Antonio Giuliani

ficoltà di crescere. A 8 anni, John Bennett esprime un desiderio: che il suo orsetto possa parlare per poter avere un unico grande amico. Tale è la forza del suo desiderio che si trasforma in realtà. I due sono grandi amici. Poi, ritroviamo John a 35 anni, interpretato dal bravo Mark Wahlberg: è innamorato di Lori (la bella Mila Kunis) e convive con lei insieme al suo orsetto Ted. Ted beve, si droga, dice un mucchio di parolacce, ce l’ha con le minoranze, gli piacciono le donne, soprattutto le escort. I due insieme vedono un mucchio

4

UN GIORNO SPECIALE di Francesca Comencini Con Giulia Valentini

di televisione e di film, sono dei fan di Guerre stellari. Lori è convinta che a causa della presenza di Ted, John non riesca a crescere e ad assumersi le responsabilità che la vita adulta richiede; John pensa solo a incontrare Sam Jones, il protagonista del suo filmmito: Flash Gordon. È inutile cercare di capire se John farà quei progressi necessari per coronare il suo sogno d’amore con Lori, o se Ted troverà un lavoro e una casa. Ciò che conta è che nel viaggio, il rischio è di morir dal ridere.

4

THE APPARITION di Todd Lincoln Con Ashley Greene, Sebastian Stan


CINEMA

7

FLASH MOB DA BALLO

© 2011 SUMMIT ENTERTAINMENT, LLC

Step Up 4 Revolution 3D: un’assolata Miami fa da cornice a incredibili coreografie © 2011 SUMMIT ENTERTAINMENT, LLC

milioni di dollari di box office complessivo per i tre film che compongono la trilogia di Step Up. Oggi, 4 ottobre, arriva nelle sale Step Up 4 Revolution 3D. Ambientato in una sensuale Miami, sono protagonisti un gruppo di giovani ballerini che invade le strade della città per fare quello che meglio sa fare: ballare! I protagonisti di Step Up 4 Revolution 3D sono Kathryn McCormick, finalista del seguitissimo talent show americano dedicato al ballo So You Think You Can Dance e il modello e ballerino Ryan Guzman, entrambi per la prima volta sul grande schermo. Il loro palcoscenico sono le strade di Miami e uniscono la danza alle arti visive e alle tecnologie più avanzate per i loro flash mob che compaiono e svaniscono nel giro di pochi attimi. «L’idea di flash mob ci affascinava» racconta il produttore esecutivo Matt Smith. «Si tratta di una forma di danza apparentemente spontanea, ma che è in realtà stata organizzata meticolosamente. È eseguita dal vivo e sul momento, quindi dà la sensazione che possa succedere di tutto, e volevamo puntare proprio su questo aspetto. Il flash mob è la tendenza del momento della cultura giovanile attuale. Tantissimi ragazzi li realizzano nelle strade di tutto il mondo, ma nessuno li ha mai messi in scena come noi, con i migliori ballerini, che sembrano volare, e coreografie spettacolari». Si tratta di flash inediti. «Non avete mai visto nulla di simile sul grande schermo, neanche negli altri film della serie Step Up» spiega la produttrice Jennifer Gibgot che insieme ad Adam Shankman ha ideato la serie: «Qui non ci troviamo di fronte alle solite due squadre che competono tra di loro. Abbiamo puntato su qualcosa di veramente emozionante e che rappresenta lo spirito dei tempi, l’abbiamo amplificato e gli abbiamo dato un taglio del tutto nuovo».

500

DALL’ORIENTE CON FURORE Tredicesima edizione per Asiatica FilmMediale da venerdì 5 ottobre a sabato 13 ottobre nel padiglione La Pelanda del MACRO, Museo d’Arte Contemporanea di Roma. Tra i film nella sezione competitiva sarà presentato Here,Then, scritto e diretto da Mao Mao, giovane cineasta di Pechino alla sua seconda opera a soggetto. Il film racconta la storia di alcuni ragazzi cinesi, sbandati e disillusi, le cui vite si incrociano per caso tra una piccola città rurale e la capitale, complice il ritrovamento di un cellulare e la rete dei loro desideri sessuali. Tra i documentari in concorso: Hometown Boy, per capire Taiwan, l’altra Cina, attraverso gli occhi e il pennello di uno dei più noti pittori del paese. Info www.asiaticafilmmediale.it info@asiaticafilmmediale.it

4

TED di Seth MacFarlane Con Mark Wahlberg, Mila Kunis

4

STEP UP 4 REVOLUTION 3D di Scott Speer Con Kathryn McCormick, Ryan Guzman

4

PADRONI DI CASA di Edoardo Gabbriellini Con Valerio Mastandrea, Elio Germano


MUSICA

8

LA MUSICA NON SI FERMA MAI Altra tappa per il Red Bull Tourbus. Il 5 ottobre alla città universitaria si balla al suono di Velvet e Boosta BARBARA OIZMUD

Boosta

T

ornare sui libri con una ventata di energia fatta di musica e divertimento. Per gli studenti alle prese con l’inaugurazione del nuovo anno accademico, infatti, la ripresa delle lezioni potrebbe riservare una inedita sorpresa grazie alla sosta, nel piazzale dell’Università Sapienza, del Red Bull Tourbus. E una Minerva vestita a festa è il luogo prescelto per la fermata del vintagebus fissata per le 22 del 5 ottobre. L’intramontabile FIAT 309, on the road da oltre due anni e dopo aver percorso migliaia di chilometri su e giù per l’Italia in compagnia delle più interessanti band della scena musicale italiana, sbarca nella città universitaria al ritmo del rock dei Velvet e le vibrazioni elettroniche di Boosta. Sul tetto del bus allestito a palco i Velvet, una delle band romane più apprezzate dal pubblico, per l’occasione ripercorreranno la loro carriera fotografando l’evoluzione artistica

CONCERTI

4-10 ottobre

Velvet che, dal brano di esordio Tokyo Eyes ai più recenti lavori come Dieci motivi e Velvet, li ha contraddistinti negli anni e nei concerti in giro per il Belpaese. Accantonate le sonorità rock di Pierluigi Ferrantini e compagni, saranno i remix di Boosta i protagonisti di una serata tutta all’insegna del divertimento. Il tastierista dei Subsonica farà saltare gli studenti al ritmo di tech-house, electro futuriste e breakbeat selezionati per far ballare sino a notte fonda. Tra le hit in scaletta, tutta la sua esperienza nei remix dei successi italo-glitter disco degli anni 80 di P.Lyon, Righeira, R.Paris e Gazebo ma anche alcune delle sue creazioni come Crash, The boss e Dance is dead, diventate vere e proprie hit dei dance floor di tutta Europa e remixate da grandi nomi del panorama internazionale come i Crookers e Tocadisco. Appuntamento, quindi, il 5 ottobre con il Red Bull Tourbus perché come dice il motto della manifestazione: La musica non si ferma mai!

05 21.00

HUGO CAPABLANCA Circolo degli Artisti

INFO Red Bull Tourbus 5 ottobre 2012 Città universitaria Sapienza Piazzale Aldo Moro - Roma inizio concerto ore 22.00

05 21.30

FLEURS DU MAL Init

06 22.00

RIDING SIXTIES Big Mama


MUSICA

9

FIORELLA MANNOIA CANTA IL SUD Dopo lo straordinario successo dello scorso luglio la cantante romana torna a incantare il pubblico della Capitale con la sua travolgente voce, l’8 ottobre al Gran Teatro

C

amaleontica e appassionata. Dopo aver fatto registrare il tutto esaurito nella sua ultima apparizione romana all’Auditorium Parco della Musica lo scorso luglio, Fiorella Mannoia torna a grande richiesta nella Capitale ma in una location differente: lunedì 8 ottobre al Gran Teatro. E la serata sarà un appuntamento davvero speciale per il pubblico che sarà ripagato con l’omaggio di un dvd che ripercorre per immagini il fortunatissimo tour Sud, lo spettacolo che ha visto Fiorella Mannoia protagonista assoluta di questa stagione live 2012, con entusiasmanti concerti nei palasport e nei più importanti e prestigiosi teatri italiani. Sud è l’ennesimo cambio di pelle nella carriera di una delle interpreti più coraggiose e policrome del panorama ca-

noro italiano che ha saputo costruirsi dalla metà degli anni Ottanta la necessaria credibilità per diventare la voce e il controcanto femminile di una canzone d’autore storicamente declinata al maschile. E la Mannoia riesce ancora una volta a restare attuale e sopra le righe cantando il Sud del mondo, tra storie di accoglienza e di tolleranza in un mondo sempre più multietnico: «Una volta superato lo choc della scoperta di un sud che non era quello che ci raccontavano, un sud che è stato ricco, lo choc di un’Italia rovesciata, ho trovato il tema che cercavo da un po’. La visione di un unico sud del mondo, depredato e volutamente tenuto lontano dal progresso. L’idea è partita dal nostro sud e dal libro di Pino Aprile “Terroni”. Ho superato lo shock di scoprire che la sto-

ria dell’Unità d’Italia non corrispondeva a quella raccontata dai libri di scuola. Il nostro, non era un sud povero e di straccioni, fatto da gente che non aspettava altro di essere liberata. Era invece un sud ricco, opulento, all’avanguardia addirittura rispetto all’Europa. L’idea mi è venuta pensando che il sud del mondo ha condiviso lo stesso destino: è stato sempre depredato, derubato e abbandonato a se stesso». E quello dell’8 ottobre sarà l’ennesimo tributo sentito al Sud che arriva attraverso la musica, e che cerca di rappresentarne l’allegria, la disperazione, la malinconia, la migrazione dei popoli con il solito fascino della discrezione e della misura accompagnato da un’intensità interpretativa che solo la Mannoia riesce a regalare.

©2012 ESTER SEGARRA. WWW.E-SEGARRA.COM

UNA SERATA DOOM METAL I Paradise Lost live all’Orion per presentare l’ultimo lavoro in studio, Tragic Idol Il doom metal protagonista all’Orion di Ciampino, il 9 ottobre. Per celebrare dal vivo il loro 13° album, Tragic Idol, i Paradise Lost tornano nella Capitale con una formazione di primo piano che vede Nick Holmes alla voce, Greg Mackintosh e Aaron Aedy alle chitarre, Steve Edmondson al basso e Adrian Erlandsson alla batteria. La band britannica − il cui nome deriva dal famoso poema di John Milton del 1667 dal titolo omonimo – consacrata al grande pubblico grazie allo straordinario Shades of God del 1991, a cui fa seguito Icon, il disco che li ha lanciati nel gotha del genere, si presentano al pubblico capitolino con un intenso e variegato curriculum musicale che testimonia in note tutte le sfaccettature della band. Ultima, in ordine di tempo, Tragic Idol, muraglia vertiginosa di impatto sonoro. Il lavoro più heavy dei Paradise Lost a partire dall’incipit desolante di Solitary One, ponte di collegamento ideale tra il passato recente più atmosferico della band e un presente di quelli sferzanti, dove a una certa asciuttezza del trash si accompagna il senso di tragedia del gothic con brani che sono delle vere e proprie gemme sanguinanti come solo i Paradise Lost sanno magistralmente raffinare, su tutte Crucify e In This We Dwell.

09 21.00

PINO DANIELE Auditorium Santa Cecilia

10 21.00

JO HAMILTON Auditorium Parco della Musica

10 21.00

BIG BAMBOO Muzak

10 21.30

INFO CONCERTO 9 ottobre Orion Posto unico intero: € 20 + d.p. Prezzo in cassa la sera dello show: € 25 Apertura porte: ore 20.30 Inizio concerto: ore 21.30

UNDERDOG Circolo degli Artisti


TEATRO

10

ASCANIO CELESTINI AL TEATRO VITTORIA Ottobre con l’artista romano che porta in scena ben tre spettacoli MAILA IACOVELLI - FABIO ZAYED/SPOT THE DIFFERENCE

Solo, come sempre, sul palco, Ascanio Celestini mantiene il pubblico sospeso in una scia di riflessioni sulla nostra storia e sul genere umano, dove in un intreccio tra passato e presente il teatro diventa il mezzo adatto per aprire le menti.

ISEIOTTAVI IN QUI…RINO Si alza il sipario del teatro romano per un tributo a Rino Gaetano

T

re spettacoli per l’attore, regista, scrittore e drammaturgo Ascanio Celestini. Dal 4 al 28 ottobre con, in ordine di apparizione, Propatria, Fabbrica e La fila indiana. Sarà lui a dare il via alla stagione 2012-2013 del Teatro Vittoria con questa mini-antologia che affronta tematiche dure e attuali: la vita in carcere, il lavoro in fabbrica, il razzismo. Si parte con Propatria (dal 9 al 14 ottobre), sulla scena un detenuto, Ascanio Celestini, che si interroga sui limiti della giustizia immaginando di avere come interlocutore un muto Giuseppe Mazzini; il tema risorgimentale è solo uno spunto per riflettere su problematiche attuali, come la realtà delle carceri e il loro ruolo di rieducazione dell’individuo, spesso fallimentare. Nel mezzo, La fila indiana (dal 16 al 21 ottobre), una raccolta di racconti scritti in fretta – come osserva l’attore – un collage di storie vecchie e nuove: l’incendio di un campo nomadi, il naufragio di una barca di emigranti in fuga, le dichiarazioni folli di un politico hanno offerto lo spunto per questo spettacolo. Ascanio Celestini chiuderà la sua mini-antologia con Fabbrica (dal 23 al 28 ottobre), il frutto di una lunga ricerca dell’at-

MAILA IACOVELLI - FABIO ZAYED/SPOT THE DIFFERENCE

tore, la raccolta di testimonianze di ex operai, ma anche minatori e contadini del Belpaese. Un racconto aperto, una lettera per narrare la storia di un capoforno della Seconda guerra mondiale. Solo, come sempre, sul palco, Ascanio Celestini mantiene il pubblico sospeso in una scia di riflessioni sulla nostra storia e sul genere umano, dove in un intreccio tra passato e presente il teatro diventa il mezzo adatto per aprire le menti.

«C’è qualcuno che vuole mettermi il bavaglio! Io non li temo! Non ci riusciranno! Sento che, in futuro, le mie canzoni saranno cantate dalle prossime generazioni!». Così parlava un dissacrante poeta, il giullare e cantautore Rino Gaetano. Detto, fatto. Così è stato e così è, Aida, Mio fratello è figlio unico, Nuntereggae più risuonano ancora oggi tra le generazioni degli ’80 e ’90, forse perché quell’affresco del Paese tracciato dalla sua pungente ironia ritorna, nelle sue parole, ancora troppo attuale. Rivive la voce di Rino, attraverso Antonio e Salvatore Capobianco, voci e chitarre acustiche della coverband Iseiottavi che si esibiranno il 5 ottobre al Teatro Quirino, in un tributo al cantautore di origine calabrese. L’intento è quello di festeggiare i dieci anni di attività della tribute band che dal 2002 solca i palcoscenici più disparati con l’intento di interpretare, non imitare Rino Gaetano per ricordarlo e per trasmetterne il messaggio storico culturale. È questa la filosofia della band irpino-romana che nei suoi spettacoli di sempre, nei locali, nelle piazze e manifestazioni si è dimostrata fedele e attento discepolo del cantautore portando avanti il suo impegno sociale. Così sarà anche in Qui… Rino. Uno spettacolo musicale, sì, ma anche culturale quello che andrà in scena il 5 ottobre al Teatro Quirino di Roma.


ARTE

11

CENTO ANNI DI GUTTUSO Al Vittoriano dal 12 ottobre al 10 febbraio le opere più belle del grande maestro siciliano Grazie al lungo lavoro di ricerca compiuto dagli Archivi Guttuso, le opere esposte sono state selezionate dai cataloghi dei più importanti musei italiani ed esteri

«S

e io potessi, per una attenzione del padreterno, scegliere un momento nella storia e un mestiere, sceglierei questo tempo e il mestiere di pittore». Con queste parole Renato Guttuso invitava gli artisti tutti a farsi interpreti del loro presente, a calare la loro arte nel tessuto della società e a investirla di una funzione al di fuori delle mura dello studio. Proprio come aveva fatto lui. Siciliano di Bagheria, Guttuso visse e operò tra Palermo, Milano e soprattutto

Roma, di cui raccontò e immortalò nei suoi lavori il volto più intenso e profondo, sociale, politico ma anche religioso, con la precisione di un fotografo su tela. È infatti la Capitale che più di ogni altra fu culla e incubatrice del suo talento – a partire dal 1931, quando appena diciannovenne fu invitato a esporre due quadri alla prima Quadriennale – e per la prima volta contraccambia quel grande amore con una imponente antologica che dal 12 ottobre al 10 febbraio sarà ospitata nella prestigiosa cornice del Complesso del Vittoriano. In occasione del centenario della nascita del maestro siciliano, Guttuso. 19122012 ripercorre con cento tra dipinti, disegni, bozzetti e figurini l’intero arco creativo della sua strabordante attività artistica. Grazie al lungo lavoro di ricerca compiuto dagli Archivi Guttuso, le opere espoMUSEI CAPITOLINI

ste sono state selezionate dai cataloghi dei più importanti musei italiani ed esteri, nonché dalle collezioni private più rappresentative. La mostra, a cura di Fabrizio Carapezza Guttuso ed Enrico Crispolti con la direzione e il coordinamento generale di Alessandro Nicosia, vanta infatti la collaborazione e il supporto di numerose gallerie di grande prestigio, tra cui il Centre national des arts plastiques di Parigi, la Tate Modern e l’Estorick Collection di Londra o il Museo Thyssen-Bornemisza di Madrid. Tra i capolavori anche alcuni tesori che l’artista aveva conservato per sé, dalle piccole tavolette con le quali aveva mosso i primi passi nel mondo della pittura ai grandi quadri come La fuga dall’Etna, La Crocifissione, I funerali di Togliatti, Il Caffè Greco e le splendide nature morte degli anni Quaranta.

Autoritratto - 1975

LA GLORIA DI ROMA IN MOSTRA Da oggi ai Musei Capitolini L’Età dell’Equilibrio, terzo appuntamento de I Giorni di Roma dedicato al periodo d’oro dell’impero romano Non è mai troppo tardi per approfondire la conoscenza del passato, specie se se ne può vantare uno glorioso e intramontabile come quello della Capitale. Per farlo c’è I Giorni di Roma, progetto quinquennale di mostre dedicate alla lunga storia dell’Urbe e ora giunto al suo terzo appuntamento in programma fino al 5 maggio 2013 ai Musei Capitolini: L’Età dell’Equilibrio. Traiano, Adriano, Antonino Pio, Marco Aurelio. Attraverso la visione di imponenti statue marmoree, raffinate opere in bronzo, interi cicli scultorei, fregi ed elementi di arredo domestico del più alto valore stilistico si potrà ripercorrere il periodo dell’apogeo dell’impero romano, un’epoca, quella che va dal 98 al 180 d.C., che vide riflettersi nella grandezza dell’arte il successo della condotta politica. Nella prima sezione riflettori puntati su I protagonisti, ovvero i quattro

“buoni imperatori” raffigurati in una ricca serie di busti, statue e ritratti che si accompagneranno anche a quelli delle loro spose e dei membri delle loro famiglie. Dalla seconda sezione, Il linguaggio artistico, focalizzata sul gusto filellenico dell’epoca ispirato all’esperienza ateniese del V secolo a.C., si passa poi alla terza e alle sue Ville e dimore, per lasciarsi stupire dalla sontuosità di arredi, pavimenti e suppellettili delle residenze private. Nella quarta spazio a I rilievi storici e a una disamina dei diversi aspetti della vita pubblica, dal mondo gimnasiale alle scene di processione trionfale e sacrifici di tori. Protagonisti della quinta e sesta sezione saranno infine rispettivamente la guerra di Vincitori e vinti e Le tombe: un viaggio alla scoperta dei costumi funerari dell’antichità tra urne, sarcofagi e corredi.


12

GUSTO

LA SAGRA DELL’UVA DI MARINO Torna uno degli appuntamenti più attesi dei Castelli Romani con il suo corteo storico, il vino che sgorga dalle fontane e due concerti imperdibili

Il principe Marcantonio Colonna sarà interpretato dal noto ballerino Raffaele Paganini, mentre Felice Orsini sarà l’attrice Martina Pinto

“L

o vedi, ecco Marino, la sagra c’è dell’uva, fontane che danno vino, quant’abbondanza c’è”: nulla può descrivere meglio di questi versi la Sagra dell’Uva di Marino e i quattro giorni di una delle feste più attese dei Castelli Romani, cui Franco Silvestri dedicò la canzone “Nannì” interpretata tra gli altri anche da Lando Fiorini e Claudio Villa. L’appuntamento è come sempre confermato nella prima settimana di ottobre (dal 5 all’8). La festa prende spunto dalla vittoria di Lepanto del 7 ottobre 1571 da parte della Lega Santa ai danni della flotta turca. Uno dei principali artefici di quel successo fu il principe Marcantonio Colonna, signore di Marino, che viene ricordato nel corteo storico del pomeriggio con oltre 500 figuranti. Ogni anno a interpretarlo è un personaggio famoso: per quest’edizione l’onore tocca al famoso ballerino Raffaele Paganini, mentre la consorte Felice Orsini sarà l’attrice Martina Pinto, protagonista della fiction “L’onore e il rispetto”. Al tramonto poi giunge l’ora del miracolo: dalla Fontana dei Mori e da altre fontane sparse per la città inizia a sgorgare vino anziché acqua. A quel punto, la festa si trasforma in una sorta di carnevale d’autunno con i carri agricoli e i carretti a vino che attraversano le vie principali della città, accompagnati da bande musicali e gruppi folcloristici. In programma anche due concerti in Piazza San Barnaba: sabato 6 tocca a Paolo Belli e la Big Band, mentre lunedì 8 chiudono la rassegna i Tiromancino.


GUSTO

13

RETROGUSTO D’AUTORE A pranzo e a cena da Regusto per un’esperienza unica di sapori e di design

L

a storia di Regusto (retrogusto in spagnolo) è quella di un appuntamento col destino. Perché quando un’attività vede la luce in viale dell’Arte angolo via della Musica, dev’essere scritto da qualche parte che avrà una marcia in più. E quella di questo locale inaugurato lo scorso giugno sta tutta nell’arte che scorre nelle vene dei due proprietari, i fratelli Massimiliano e Manuele, con l’hobby della musica e un passato nel mondo della ristorazione da far fruttare in uno spazio unico che fosse la fotografia di una passione. Ristorante,

pizzeria con forno a legna, wine bar con una nutrita carta dei vini impreziosito da una ricercata selezione musicale di sottofondo, Regusto incontra le esigenze più disparate: a pranzo porte aperte a buoni pasto e convenzioni con gli uffici per insaporire la pausa di metà giornata, e quando cala la sera tutto è pronto per una cena fuori dagli schemi a base di una cucina rivisitata nel segno di una costante ricerca della qualità e della genuinità di prodotti rigorosamente fatti in casa. Il menu ideale potrebbe cominciare con un flan per stuzzicare l’appetito in vista

di un primo piatto di chicche Regusto al gorgonzola o a una pizza Regusto dal medesimo, delizioso condimento. A seguire, tra i secondi, una tagliata di manzo argentino al cioccolato e per finire, dulcis in fundo, un muffin mele e cannella. Regusto è anche il teatro perfetto del dopo cena, per terminare la serata sulle note fresche di una macedonia o di un drink o su quelle più golose di un dolce, o perché no, con un calice di vino o un buon whisky. E se anche l’occhio vuole la sua parte, Max e Manu non hanno lasciato nulla al caso e hanno creato con le loro mani un

piccolo capolavoro di design frutto di un’ispirazione folgorante: dai quadri sulle pareti ai lampadari, dalla scelta dei toni caldi del porpora e del marrone a quella della carta da parati in decoro damascato, ogni centimetro porta la loro firma. A tutto questo si aggiungerà, entro la fine del mese, un suggestivo accompagnamento musicale live a orientamento jazz, blues, funky e fusion. L’atmosfera è assicurata. Regusto Viale dell’Arte, 5 Tel 06 88932294 www.regustoeur.com

> TENUTA LA TACITA Un luogo e una cucina completamente immersi nella natura Tenuta La Tacita si erge nell'area che fu la dimora della dea Vacuna, protettrice attenta della natura e propiziatrice della fertilità dei campi; tra boschi e culture biologiche, nei pressi dello splendido borgo di Roccantica. La Tenuta si presenta immersa nel verde e con ampi spazi: il ristorante Triskelis, la Sala Belvedere, la Sala delle Rose e altre deliziose Sale nell’edificio originario, La Tacita; e la Limonaia, disposta su due piani, con la Sala Imperiale e la Sala Dea Vacuna. Tutte preziose e perfette per l’organizzazione di ricevimenti e convegni. Due domeniche al mese, a pranzo, La Tacita propone degustazioni tematiche, eventi gastronomici con una tale portata di ricerca storica, da rappresentare un accrescimento culturale che conduce ad un vero e proprio viaggio della memoria e del gusto. Domenica 7 ottobre si parte con A tutto nero… il tartufo sabino, mentre il 21 sarà la volta di Funghi e castagne. Potrete scoprire i dettagli di queste e delle altre degustazioni in calendario sul sito www.latacita.it. Il direttore gastronomico, Antonio Sciullo, uno dei più noti chef italiani, si occupa da 5 anni de La Tacita, un progetto ambizioso e di slancio in un territorio dalle grandi potenzialità e tradizioni. Al Ristorante Triskelis la pasta è fatta a mano dalle sfogline del luogo e poi arricchita da farciture straordinarie, come i ravioli di parmigiana di melanzane e i tortelli di stracotto con tartufo e nocciole. All’interno dei 130 ettari della Tenuta, inoltre, l’Azienda Agricola Biologica, con l’uliveto, il vigneto, il frutteto, l’orto, la vaccheria e un fiore all’occhiello: la tartufaia, fonte di gran parte dei prodotti utilizzati al Triskelis. La Tacita, infine, è arricchita dal Roseto Vacunae Rosae, primo al mondo per “concetto” e secondo per varietà di rose (più di 5 mila), dove il visitatore s’immerge in un vero e proprio labirinto di profumi. La Tacita Country Club S.P. 48 Km 15,500 - Vocabolo Palombara - Località Miniera Roccantica (Rieti) Tel 0765 63626 – 0765 639031


GUSTO

14

SOLO IL MEGLIO NEL PIATTO

CHICCHE POCO CONOSCIUTE IN CITTÀ, LUOGHI DI INCONTRO E DI GUSTO SCELTI APPOSITAMENTE PER UNA SERATA PERFETTA

SUSHI

PANINI

FRULLATERIE

SUSHI TEI

LA SANDWICHERIA

BAR PASCUCCI

Una casa del sushi, ovvero Sushi Tei, in zona San Giovanni completamente immersa in un’atmosfera giapponese dall’arredamento, ai suoni, ai profumi e ovviamente al cibo, una cucina in perfetto japanese style, semplice, di qualità e dai sapori forti. www.ristorantesushitei.com Via Carlo Felice, 29 – Tel 06 7001821 Zona San Giovanni

L’idea di due ragazzi romani è nata nel quartiere di Soho a New York. Per chi cerca uno spuntino veloce da gustare nel centro di Roma, questo locale offre la soluzione. Tanti e diversi panini tra cui l’Alibert (stracchino, melanzane grigliate, prosciutto cotto, rucola). www.lasandwicheria.it Largo Nazareno, 16/17 – Tel 06 69797805 Zona Barberini

La specialità di questo bar sono i frullati, ananas, banana, pesca, albicocca. Un locale che ha alle spalle circa 70 anni di attività: è cominciato tutto con il Monterosa, un frappè fatto di latte e amarene. Oggi propone un centinaio di bibite tra frullati e centrifughe. www.pascuccifrullati.it Via di Torre Argentina, 20 – Tel 06 6864816 Zona Torre Argentina

ENSÒ

MAGNA MAGNA

NOIO JUICE

Il rispetto della vera tradizione giapponese, non solo nel menu, ma anche nel servizio, nell’ambiente e nell’atmosfera. Le specialità sono il sushi e il sashimi, ma anche l’insalata di alghe Goko e per chi non ama troppo il cibo crudo: il tè verde e tempura di gamberi e verdure. Piazza Ponte Milvio, 33 - Tel 06 33221175 Zona Ponte Milvio

Panini sempre caldi e farciti sul momento, in più anche tramezzini, insalate, frullati e un angolo dedicato ai vini, ma il cavallo di battaglia sono loro, i panini, ognuno porta il nome di un protagonista della vita politica italiana. www.paninoespresso.it Viale delle Milizie, 9/E-9F Zona Ottaviano

Un locale pieno di colori, si definisce un po’ il fast food della frutta. Offre benessere e gusto puro. Un juice bar only fruit in pieno centro. Nell’offerta oltre ai frullati, spremute, centrifughe e insalate rigorosamente a base di frutta. Corso Vittorio Emanuele II, 108 Tel 06 68 807956 Zona Torre Argentina

SAKURA RESTAURANT

DUECENTOGRADI

Un vero e proprio sushi bar della Capitale il cui segreto non è solo nella qualità e nella genuinità, ma anche nell’estetica e dunque nella bellezza dei piatti per dare a occhi e palato un’esperienza unica. www.sakura-sushi.it Piazza di Porta Pia, 122/123 – Tel 06 44254329 Zona Policlinico

Peculiarità del locale è il pane, prodotto appositamente da un forno che ne cura la lavorazione preliminare mentre la cottura a 200°, appunto, viene ultimata nel locale. Gli ingredienti con cui viene farcito il panino sono i più vari e di ottima qualità. www.duecentogradi.it Piazza Risorgimento, 3 – Tel 06 39754239 Zona San Pietro

BURRO & ALICI

URBAN JUICE

Panini, ma anche pizze farcite con salumi e formaggi rigorosamente italiani, insieme a conserve, sottoli, sottaceti, marmellate, miele e mostarde. Al contempo una piccola enoteca che propone vini, aceti, spumanti per accompagnare le specialità gustate. www.burroealici.com Via della Mercede, 34 – Tel 06 6990778 Zona Barberini

Per gustare “i piaceri della vita privi di grassi e sensi di colpa”, interamente dedicato a frullati, centrifughe, smoothies, tutto fresco e preparato sul momento. Ogni giorno, alla carta è offerto un diverso menu che va dai drink fino ai dolci. www.urbanjuice.it Via Boncompagni, 14 D – Tel 06 45449269 Zona Piazza Fiume


GUSTO

15

PASTICCERIE ZUCCHERO E BABÀ

LA MIMOSA

DOLCINERIA DEL SOLE

Mignon, finger food, cup cakes, bomboniere e segnaposti per cerimonie, ma anche servizio di wedding planner, uno staff di esperti che si mette a disposizione per aiutare i clienti nella realizzazione del matrimonio. www.zuccheroebaba.it Via Umberto Giordano 72b – Tel 06 50917137 Ciampino

Attiva da 28 anni ha al suo seguito pasticceri che producono dessert di qualità con prodotti freschi e naturali. Da non perdere i cornetti di varie grandezze e le torte, la mimosa e la saint-honoré. All’interno anche una tabaccheria. www.lamimosabarpasticceria.com Viale Marx, 32 – Tel 06 86891360 Zona Nomentana

Sono aperti 24 ore su 24, pasticceria fresca ogni giorno. Paste (grandi, giganti e mignon), biscotteria assortita, cornetti (semplici, farciti, ciambelle), crostate, tra cui quella ricotta e nutella e torte di ogni tipo personalizzabili. www.dolciariadelsole.it Via Pedica di Tor Angela, 24/26 – Tel 06 66621282 Zona Prenestina

POMPI

MIZZICA

Un vero e proprio regno del tiramisù prodotto nel loro laboratorio artigianale. Nuovo il banana e cioccolato fondente con eventuale aggiunta di Nutella. Attivi dal 1960 il bar pasticceria è anche gelateria e tavola calda per pasti veloci. www.barpompi.it Via Albalonga, 7b/9/11 – Tel 06 7000418 Zona Re di Roma

Cannoli siciliani, cassate, pasta di mandorle. Una pasticceria dai sapori siciliani, Mizzica è anche gelateria, bar e tavola calda con le migliori specialità salate: arancini, rustici di vari gusti, schiacciata siciliana e primi piatti siculi. www.mizzicaroma.com Via Catanzaro, 30/36 – Tel 06 44236024 Zona Piazza Bologna

MILLI

IL MONDO DI LAURA

CARMIGNANI

Un piacere per gli occhi e per il palato, una vasta gamma di pasticcini, torte e leccornie. Mignon, ma anche biscotti secchi, torte personalizzate per qualsiasi tipo di occasione e rinfreschi con rustici salati, pan brioche farciti, piccoli panini, tramezzini e mini cornetti salati. www.pasticceriamilli.com Via Valle Melaina, 109/111 – Tel 06 8171226 Zona Montesacro

Un mondo di biscotti, tutti privi di latte e di suoi derivati e certificati come Kasher, ovvero conformi alle regole alimentari ebraiche. Gli ingredienti provengono dall’Italia e dall’estero, come il sale rosa dell’Himalaya nel biscotto Pepita. www.mondodilaura.com Via Tiburtina, 263 – Tel 06 5880966 Zona Tiburtina

Pasticceria e confetteria produce ogni giorno nel suo laboratorio una vasta gamma di dolci: torte gelato, nuziali, uova di cioccolato, panettoni, semifreddi, torroni e torroncini, pasticceria fresca e secca. Tutti preparati con ingredienti freschi e genuini. www.pasticceriacarmignani.com Via Monte Cervialto, 45 – Tel 06 8172345 Zona Montesacro

GALLIGANI

VALZANI

Una pasticceria da Oscar, quello Europeo della pasticceria e il Mercurio d’Oro. Torte, paste e frolle, cura nel dettaglio con le decorazioni di cioccolata fondente fatte a mano. Per appagare ogni gusto, anche specialità salate con frolle e stuzzichini. www.galligani.it Via Nomentana, 935/b – Tel 06 823254 Zona Nomentana

Si definiscono una piccola azienda artigiana a conduzione familiare, attiva dal 1925 è molto apprezzata per il pangiallo e il panpepato romano, i diavoletti al peperoncino, il torrone e i mostaccioli romani e la sacher torte. www.valzani.com Via del Moro – Tel 06 5803792 Zona Trastevere


EVENTI

16

MATRIMONIO DA FIERA Da oggi e fino al 7 ottobre ForWedding alla Nuova Fiera di Roma con tutti i segreti per un sì in grande stile

Wedding planner e make-up artist, fotografi e hair stylist, i migliori operatori del settore sono pronti a mettere la loro expertise al servizio del fatidico sì ra tutto pronto. La data c’era. La chiesa pure. Sembrava fatta. E invece… Le decorazioni fanno a pugni col colore dei fiori, le partecipazioni giuste sono più introvabili del Santo Graal e il vestito che sul catalogo gridava alta sartoria si è rivelato un tendaggio di dubbio gusto mentre quello perfetto è ancora là fuori alla mercé di qualche arpia che non lo merita. Quando il medico diagnostica un grave caso di panico da matrimonio, sulla ricetta prescrive quattro giorni di ForWedding, la fiera dedicata all’organizzazione del giorno più bello della vita di coppia in programma alla Nuova Fiera di Roma fino al 7 ottobre. I promessi sposi tirino pure un sospiro di sollievo e affidino le nozze in progress nelle mani di chi le trasformerà in un evento unico e indimenticabile: wedding planner e

E

make-up artist, fotografi e hair stylist, i migliori operatori del settore sono pronti a mettere la loro expertise al servizio del fatidico sì. Tutto il nécessaire nel posto giusto al momento giusto: abiti da cerimonia per lui e per lei, accessori, gioielli, proposte d’arredo, bomboniere e confetti, ma anche liste nozze, servizi finanziari, noleggio autovetture per un arrivo in chiesa in pompa magna e un ventaglio di ville e ristoranti tra cui scegliere la location dei sogni. The Gold Experience è il concept high style che gli espositori potranno reinterpretare a proprio piacimento. Per l’occasione inoltre la White Room, lo spazio-evento curato dalla rivista White Sposa, avrà un cerimoniere d’eccezione, Enzo Miccio, event designer di fama mondiale e televolto chic di Real Time. Ed è ancora White Sposa a regalare Un giorno da modella alle future sposine, che avranno la possibilità di indossare i capi delle nuove collezioni e sfilare in passerella come delle vere top. Numerosissimi gli altri eventi speciali in cartellone: concorsi, degustazioni, aree interattive e molto altro ancora. Basta solo dire sì.

INFO UTILI Nuova Fiera di Roma Ingresso Est (Via Eiffel) Padiglioni 1 e 2           Orari: giovedì e venerdì dalle 15 alle 20 sabato e domenica dalle 10 alle 20 COME ARRIVARE In autobus: Da Roma: Linea Atac 808 per Fiera Roma Da Fiumicino: linea Cotral W0001 In auto: Dal GRA uscita 30 direzione Fiumicino In treno: FR1 direzione Fiumicino, fermata Fiera Roma (dalle Staz. Tuscolana, Tiburtina, Ostiense) In aereo: Dall'Aereoporto di Roma Fiumicino i collegamenti sono garantiti dal treno FR1, dai taxi e dai bus Cotral.

IL FASCINO D’EPOCA DELLA BIENNALE Opere d’eccezione a Palazzo Venezia per l’ottava edizione della Biennale Internazionale di Antiquariato dal 5 al 14 ottobre In questi tempi di sacrifici e privazioni si può e si deve rinunciare a molto ma non al piacere del bello e all’effetto gratificante che non cessa mai di esercitare al di là di ogni difficoltà. Ed è proprio questo lo spirito dell’ottava edizione della Biennale Internazionale di Antiquariato, che dopo lo straordinario successo del 2010 torna nelle storiche sale di Palazzo Venezia per confermare la Capitale tra i sei maggiori appuntamenti antiquari del mondo e consolidare l’attenzione sempre crescente dei nuovi mercati di Russia, Cina, India, Sud Est asiatico e Paesi Arabi. Dal 5 al 14 ottobre, i 70 antiquari invitati esporranno in questa prestigiosa vetrina pezzi di assoluta eccellenza, dall’alta e altissima epoca al secondo Novecento italiano e internazionale, dalle arti maggiori, pittura e scultura, ai mobili e all’oggettistica, dai preziosi ai tessili, come sempre nella piena garanzia di qualità e autenticità. Proposte trasversali che sapranno incontrare i diversi interessi di un pubblico vasto ed eterogeneo, composto da collezionisti e cultori come da curiosi e giovani estimatori dell’ultim’ora in cerca di un tocco di eleganza senza tempo per impreziosire l’arredo della propria casa o del proprio ufficio. Tra i capolavori spazio anche all’archeologia con, tra gli altri, il busto marmoreo di Herrinius datato III secolo e proposto dall’Antichità Valerio Turchi, al micro mosaico e a una ricca offerta di argenti come la Croce devozionale in cristallo di rocca e argento fuso commissionata da un grande dignitario spagnolo e proposta da Cesati.


18

NEWS

SANIMPRESA, DALLA PARTE DELLA SALUTE Il vicepresidente, Luigi Corazzesi, espone obiettivi raggiunti e prospettive future della cassa sanitaria

Luigi Corazzesi, vicepresidente di Sanimpresa

Q

ual è la mission di Sanimpresa? Garantiamo prestazioni sanitarie integrative al SSN, non sostitutive, ad oltre 75.000 associati delle categorie del commercio, del turismo e della vigilanza privata. Siamo convinti che il sistema sanitario italiano sia uno dei migliori al mondo ma crediamo che abbia bisogno di essere supportato. Il dipendente non ha alcun costo: solo l’eventuale estensione ai familiari comporta una spesa. La copertura è solo per i dipendenti? No. La cassa offre la possibilità di aprire ai familiari dei dipendenti ma anche ai titolari delle piccole e medie imprese del turismo e del commercio. Con la pensione, c’è l’opportunità di restare iscritto alla Casa fino a 80 anni compreso il nucleo familiare – anche per i dipendenti e per i titolari di impresa. Inoltre, Sanimpresa ha aperto a tutte le categorie del mondo del lavoro, l’unica condizione è che sia l’azienda a effettuare il versamento per tutti i dipendenti. Come funziona? Attraverso un numero verde, è possibile chiamare e fare la prenotazione: abbiamo oltre 250 strutture nel Lazio, 4.000 in Italia e anche nel

mondo. Sulle prestazioni noi partiamo dal semplice check-up fino alla non-autosufficienza. Ogni anno i nostri assistiti possono effettuare un check-up cardiovascolare e ogni biennio un controllo oncologico. Effettuiamo il rimborso completo di tutti i ticket che vengono emessi per gli accertamenti diagnostici ed ematochimici fino a 700 euro all’anno. Abbiamo cercato di creare un sistema solidaristico tra le generazioni sia per malattie che possono venire da giovani, sia per malattie della vecchiaia, o che possono intervenire durante il rapporto di lavoro. Avete anche firmato degli accordi nazionali. Ce ne può parlare? Abbiamo realizzato tra Sanimpresa e i fondi nazionali, Est e Fast, un accordo di armonizzazione per cui l’azienda paga una quota unica e l’iscritto prenota comodamente al numero verde, poi la ripartizione dei costi avviene tra i fondi e la compagnia di assicurazione che eroga le prestazioni. E il futuro? Nel prossimo futuro interverremo per ampliare le attuali prestazioni di odontoiatria compatibilmente con le risorse che ha la cassa.

LA FESTA È SERVITA Tra creatività e tecnologia, con i giochi e i servizi di PurAnimazione ogni party si trasforma in un mondo di divertimento per tutte le età Quante volte capita di riporre le migliori speranze in una festa per ritrovarsi con gli invitati divisi tra chi parlotta in un angolo e chi diventa un tutt’uno col divano? Quello che ci vuole è una sferzata di energia che accenda la miccia del divertimento. In una parola, PurAnimazione, l’azienda leader dell’intrattenimento che come nessun altro nella Capitale sa trasformare le feste private in eventi da scolpire nella memoria. Matrimoni, comunioni e anniversari: dove c’è una ricorrenza, PurAnimazione è pronta a intervenire con un team di esperienza decennale che si avvale della collaborazione di cabarettisti, fotografi e videooperatori. Ideale anche per locali e centri commerciali, il re di ogni party è il Cervellone, gioco a quiz multimediale in cui i partecipanti, pulsantiere wireless alla mano, potranno darsi battaglia a colpi di domande di cultura generale, mentre un sofisticato sistema di gestione dei punteggi monitorerà l’andamento della gara. Un prodotto innovativo che non conosce concorrenza e che sarà protagonista dal 15 ottobre del concorso nazionale Il Cervellone con ben quattro scooter in palio. I teledipendenti non possono lasciarsi sfuggire l’occasione di rivivere le emozioni di C’è posta per te: PurAnimazione ricreerà per loro l’intero scenario della trasmissione, busta e sigla iniziale comprese. Direttamente dal piccolo schermo arriva anche l’intervista doppia in stile Le Iene, perfetta per mettere a confronto due sposi nel giorno più bello della loro vita. Per i più piccoli infine c’è Fable, una grande fiaba interattiva che li immergerà in un percorso virtuale irto di ostacoli attraverso un paesaggio incantato. Riusciranno i mini eroi a salvare la principessa Alisia dalle grinfie della strega Perfidia? PurAnimazione - Tel 331 8345827 www.puranimazione.com


BENESSERE

19

FITNESS A RITMO DI PUMP

© FOTOLIA

A metà strada fra aerobica e body building, ecco la disciplina di gruppo che fa sollevare i bilancieri a tempo di musica Nata dalla fusione dell’aerobica con la pesistica più tradizionale, si basa sui due facili ma essenziali principi di equilibrio e progressività

C’

era una volta la sala pesi. C’erano una volta quelle lunghe e noiose sessioni di allenamento solitari spesi a gonfiarsi bicipiti e autostima a tu per tu con la propria immagine riflessa nello specchio. Non sarebbe meglio piuttosto condividere piegamenti e flessioni con qualche compagno di fatica, magari aggiungendoci anche un energico accompagnamento musicale che aiuti a trovare il ritmo giusto? Questo deve aver pensato il neozelandese Philip Mills quando negli anni Novanta ideò una versione riveduta e corretta del body building e la brevettò con il nome di Body Pump, intascando i ricavati del franchi-

sing e delle coreografie preconfezionate che cominciò da subito a vendere alla velocità della luce. Nata dalla fusione dell’aerobica con la pesistica più tradizionale, questa disciplina si basa sui due facili ma essenziali principi di equilibrio e progressività: una lezione dura in media 50 minuti e prevede l’uso di manubri e bilancieri a carico variabile con cui andare a sollecitare tutti i gruppi muscolari in modo globale ed equidistribuito, seguendo un andamento graduale che si conclude con la fase di defaticamento. Oltre all’assicurato effetto tonificante, il Pump contribuisce a migliorare il rapporto tra massa magra e massa grassa, rinforza ossa e articolazioni, stimola il metabolismo aerobico e anaerobico e permette di bruciare un consistente quantitativo di calorie. Le signore mettessero pure via quel piglio scettico, la loro femminilità non corre alcun rischio: la ricetta intensiva del pump non trasformerà le loro curve in un’accozzaglia dura e nodosa ma provvederà semmai a rassodarle e a modellarle in tutti i punti giusti. Del resto se questa tecnica fitness ha già

conquistato milioni di adepti in tutto il mondo è anche perché ha saputo reinventarsi e declinarsi in mille e una varianti: il Cardio Pump per potenziare il lavoro cardiocircolatorio, l’Acqua Pump in piscina come valida alternativa al più classico Acquagym o la versione Just Pump dalle insospettabili origini italiane. Provare per credere, e nella Capitale si può: tra la folta schiera di palestre e centri fitness in cui testare gli effetti miracolosi del Pump spiccano quelli che applicano il sistema originale targato LES MILLS BODYPUMP™, garanzia di controllo e qualità certificata di programmi e coreografie già acclamati su scala mondiale. Tutti ad allenarsi allora alla Wellness Town, la città dello sport e del benessere di via Francesco Giangiacomo, o all’Associazione Sportiva Dilettantistica Fitness 2000 in Viale delle Milizie nel quartiere Prati o ancora al Circolo Sportivo Imperi di via Marco Valerio Corvo e alla sua “sorella maggiore”, l’Augustea Sporting Club di via Armando Luciani. In alto i bilancieri, stanno suonando la canzone del Pump. LES MIUS INTERNATIONAL

ARRIVA NARNI SPORT NIGHT È la prima “Notte Bianca dello Sport”, è promossa dal Comune di Narni e dalla Provincia di Terni ed è in programma il 6 ottobre, a Narni Scalo. Dalle 20 in poi gli impianti del San Paolo faranno da palcoscenico ai tornei di calcio a 5 e calcio a 11 con partite tra ragazzi e bambini, al termine esibizione di football americano. Lungo via Tuderte saranno presenti corner dove verranno praticate le più svariate discipline sportive: scherma, tennis, bocce, basket e tennis-tavolo. Il palco centrale sarà allestito nell’ampio parcheggio posto al centro di via Tuderte e vivrà due momenti importanti: il primo con La Giornata dello Sport - Premio Atleta narnese dell’anno, evento giunto alla sua XIII edizione. Il premio andrà a Greta Vitelli, prima donna italiana campione del mondo nel karate, specialità Kumite. Graditi ospiti saranno i pugili Francesco Damiani e Gianfranco Rosi, allenatori il primo degli atleti olimpici e il secondo dei ragazzi del centro di Assisi, con il presidente federale Franco Falcinelli e il pugile Maria Moroni. Il secondo sarà quello che vedrà salire sul palco la Rino Gaetano Band, che farà risuonare le canzoni intramontabili e irriverenti del cantante calabrese, che a Narni visse per gli studi da adolescente. Ancora palchi e spazio per lo sport nel parcheggio della zona artigianale di via Tuderte, piazzale Petri, Piazza Pasolini, Piazza De Sica e via della Libertà.


20

AGENDA Dal 6 ottobre

VITERBO - Vallerano Scatta l’attesa Sagra della Castagna che andrà avanti fino al 1° novembre. Oltre alla distribuzione delle caldarroste, saranno organizzate visite guidate nel centro storico e nei castagneti che circondano la cittadina. All’interno delle cantine si potranno invece gustare i prodotti tipici locali.

REGIONE

A SORIANO NEL CIMINO È L’ORA DELLA SAGRA DELLE CASTAGNE Edizione numero 45 per una manifestazione molto attesa. In programma rievocazioni storiche, percorsi enogastronomici, Palio delle Contrade e Vojola d’oro

6-7 ottobre

VITERBO - Vasanello Settima edizione per “Le vie del gusto”, quarta edizione del tradizionale itinerario enogastronomico che si dipana nel centro storico del paese. Si potranno così scoprire i piatti tipici di Vasanello tra vie caratteristiche e scorci suggestivi. Nelle due serate, non mancheranno esibizioni live e karaoke.

6-7 ottobre

RIETI - Poggio Bustone Si rinnova l’appuntamento con la Sagra della Porchetta. Nel parco pubblico di questo piccolo centro medievale saranno allestiti stand e tavoli al coperto. Insieme alla porchetta, saranno serviti mezze maniche con sugo al pomodoro e pancetta, le patate di Leonessa e la pizzola di Morro Reatino.

7 ottobre

LATINA - Pantanello Riapre al pubblico il Parco Naturale Pantanello, nel Monumento Naturale “Giardino di Ninfa”, un’area verde di 100 ettari all’interno della quale la natura è tornata ad agire indisturbata. Il parco sarà aperto tutte le domeniche fino al 31 marzo 2013 con visite guidate a partire dalle ore 10. La prenotazione è obbligatoria.

ata nel 1968, la Sagra della Castagna punta a due obiettivi: rievocare gli eventi più significativi della storia di Soriano nel Cimino e valorizzare il frutto principe della zona, la castagna appunto. Per quasi due settimane (dal 4 al 14 ottobre), il piccolo centro della Tuscia viene addobbato a festa e le castagne diventano quasi un contorno rispetto ai tanti eventi che si sviluppano attorno all’intera manifestazione. Dal giovedì alla domenica, sono in programma una serie di rievocazioni storiche che coinvolgono le quattro contrade di Soriano (Papacqua, Rocca, San Giorgio, Tri-

N

nità) e con le taverne che restano aperte per un percorso enogastronomico in cui gustare i sapori dei tempi antichi, i prodotti tipici del territorio e – ovviamente – le castagne. Il 7 ottobre gran finale con il Palio delle Contrade, dove i rioni si sfidano nella giostra degli anelli e nel torneo degli arcieri. Ma non finisce qui, domenica 14 ottobre c’è un altro appuntamento: la consegna del Premio Nazionale Vojola d’Oro, nel chiostro di Sant’Agostino, quest’anno assegnato a Giulio Andreotti e alla Guida Monaci, storica banca dati delle imprese del sistema Italia


REGIONE

21

SULLE STRADE DEL VINO LAZIALE Alla scoperta dei territori dove viene prodotto l’oro rosso della regione seguendo interessanti percorsi turistici e gastronomici: le proposte non mancano affatto Tre gli itinerari da scoprire: la Strada del Vino dei Castelli Romani, la Strada dei Vini dell’Alta Tuscia e la Strada del Vino Cesanese

l Lazio è un territorio ricco di bellezze naturali, paesaggistiche, architettoniche ma è anche il regno del gusto, dei sapori unici di piatti tipici locali ed è soprattutto una regione dove non manca dell’ottimo vino. Per la bevanda del dio Bacco adesso si entra nel periodo migliore: la vendemmia sta per completarsi e nel frattempo si moltiplicano sagre, feste dedicate all’uva (vedi quella di Marino). Ed è questo il periodo migliore per gustarsi gli itinerari offerti dalle Strade del Vino laziale. Nella provincia di Roma spicca l’arcinoto vino dei Castelli con l’omonima strada, a Viterbo abbiamo la Strada dei Vini dell’Alta

I

Tuscia (l’Aleatico, l’Est! Est!! Est!!!, Orvieto e la Cannaiola di Marta) con la quale si vogliono valorizzare i percorsi turistici e gastronomici della zona: dalle botteghe del vino alle aziende produttrici passando per le trattorie con cucina caratteristica, le botteghe del pesce allevato nel Lago di Bolsena, agriturismi, laboratori artigianali e manifestazioni folcloristiche. Infine, nell’Alta Ciociaria c’è la Strada del Vino Cesanese che racchiude due aree di produzione dei vini dalla tradizione secolare: il Cesanese di Affile Doc e il Cesanese del Piglio DOCG. Grazie all’Associazione per la gestione della Strada del Vino Cesanese. Il turista può andare alla scoperta dei paesi di Anagni, Acuto, Piglio, Serrone, Paliano, fino ad Affile nella provincia di Roma. Con il Tram del Gusto, che parte da Anagni, si andrà alla scoperta del territorio e delle sue eccellenze gastronomiche con visite nelle cantine, nei frantoi, nelle botteghe del gusto, nelle osterie tipiche ma anche presso le cucine di maestri stellati Michelin. Gli itinerari del Tram del Gusto prevedono la parteci-

pazione di una comitiva di almeno dodici persone, con possibilità anche di pacchetti weekend da tre giorni e due notti. Non mancano iniziative per visitatori singoli e piccoli gruppi, come brevi corsi di degustazione, corsi di cucina rurale e brevi master con “cucinieri” rinomati. Inoltre, il Tram del Gusto interessa anche il territorio limitrofo arricchendo la sua offerta con visite ad altri importanti siti storico-artistici di una Ciociaria insolita con le Grotte di Collepardo e la Certosa di Trisulti, seguendo le tracce ancestrali delle mura ciclopiche di Alatri e Ferentino fino alla leggenda sul Castello di Fumone. Infine, questo weekend, per gli appassionati del vino, è da non perdere l’appuntamento con la Sagra dell’Uva Cesanese a Piglio, dal 5 al 7 ottobre, mentre per il 6 e il 7 l’azienda “Ape Operaia” propone l’iniziativa “Un salto in fattoria”. Tutte le attività sono prenotabili presso la sede operativa della Strada del Vino Cesanese. Per ulteriori informazioni: www.stradadelvinocesanese.it e www.tramdelgusto.it.


ITALIA

22

MOLLATE LE CIME IL SALONE NAUTICO DI GENOVA PRENDE IL VIA Issate le vele per la 52a edizione della fiera dedicata alla cultura del mare on una semplice esposizione, ma un’esperienza capace di coniugare business, passione, interattività ed eventi. Torna, puntuale come ogni anno la manife-

N

categoria dell’industria nautica italiana, si svolgerà dal 6 al 14 ottobre. Novecento gli espositori presenti nei 4 padiglioni e nelle due marine, per facilitare il percorso di visita le quattro zone saranno

Vera novità di quest’anno è un ritorno alle origini con la reintroduzione della subacquea stazione identitaria della nautica da diporto e della cultura del mare in Italia: Il Salone Nautico Internazionale, giunto alla sua 52a edizione organizzato da Fiera di Genova e UCINA, l’associazione di

colorate in maniera differente: grigio per gli accessori, rosso per le barche a vela, azzurro per quelle a motore, blu per i superyacht. Vera novità di quest’anno è un ritorno alle origini con la

reintroduzione della subacquea. Le aziende Confisub impegnate nella progettazione, produzione e distribuzione di attrezzature subacquee in tutto il territorio, ritornano al Salone Nautico. Issate le vele verso il villaggio olimpico e paraolimpico di Weymouth, allestito per l’occasione all’ingresso del salone con la collaborazione della Federazione Italiana Vela per ammirare le barche utilizzate durante i Giochi di Londra e conoscere in anteprima le classi olimpiche che parteciperanno a Rio 2016. Formazione e attività di prova allo Stadio della Vela in cui i più giovani potranno conoscere

il mare sotto tanti aspetti: oltre alla vela potranno provare il canottaggio e seguire lezioni di sicurezza in mare e biologia. Appuntamento con la tecnologia, torna anche quest’anno Start to Business con l’intento di far incontrare le imprese del settore nautico con quelle che operano nell’alta tecnologia con una prima fase di presentazione delle soluzioni innovative nel settore e incontri con i cantieri nautici. L’evento continua anche fuori il Salone con GenovaInBlu, mostre e manifestazioni culturali che coinvolgeranno le strade della città e i palazzi storici.

OTTOBRE ROSSO PER TENUTA I FAURI Non semplicemente un'azienda ma prima di tutto una famiglia con la passione di “fare il vino” Una realtà vitivinicola nel cuore della provincia di Chieti, non semplicemente un'azienda, ma una famiglia da anni dedita alla viticoltura. La Tenuta i Fauri nasce dalla passione dell'arte di "fare il vino" del vignaiolo Domenico Di Camillo, e raccolta dai figli, Luigi e Valentina; l'azienda si estende su trentacinque ettari di vigneti coltivati in una suggestiva cornice geografica (tra Chieti, Francavilla al mare, Miglianico, Ari, Bucchianico e Villamagna). Punto di forza per una produzione di altissima qualità è la dedizione quotidiana ai vigneti (la raccolta delle uve avviene rigorosamente a mano): Montepulciano d’Abruzzo, Cerasuolo d’Abruzzo, Trebbiano d’Abruzzo, ma anche Pecorino e Passerina, ultima scoperta in famiglia. Un vino che lascia decisamente il segno è l’Ottobre Rosso, un Montepulciano d’Abruzzo 100%, che nasce dall’esperienza di Domenico e dall’entusiasmo del figlio enologo Luigi. Prodotto solo in annate nelle quali le condizioni climatiche consentono di ottenere l'eccellenza, frutta rossa e amarena al naso, di colore rosso intenso, è un vino che difficilmente si dimentica.

TENUTA I FAURI Sede Strada Corta, 9 - Chieti           Punto Vendita: Via Masci, 151 - Chieti Tel. 0871 332627 info@tenutaifauri.it www.tenutaifauri.it

Anno 2012-STAMPA - Società Tipografico Editrice Capitolina S.p.A. Via Giacomo Peroni, 280 Roma SPORT NETWORK SRL Via Messina, 38 Milano - Tel. 02 349621



IN ROMA 4 ottobre