Sportivissimo febbraio 2015

Page 1

Tommaso Dal Santo Talento Tennis


GLI AMICI DI SPORTIVISSIMO VALDAGNO

SOLUZIONI PER VISTA E UDITO tel. 0445 402044 www.otticavisionvaldagno.it

Arzignano - Chiampo www.sicit2000.it

SEGUI LA PASSIONE

CORNEDO VICENTINO Via Monte Ortigara, 37 - tel. 0445 428428 www.crocco.com

ARZIGNANO - via Della Concia, 8 tel. 0444.672544 www.lineaflesh.com.vallisport.it

Schio - tel. 0445.517626 www.vallisport.it

APERTO TUTTI I GIORNI Valdagno - Piazza Dante, 17 tel. 0445 402837

CHIUPPANO VI - via Roma tel. 0445 891058

Valdagno www.fenice.it

Ringhiere in acciaio inox

BIKE

e vetro acidato antisfondamento

SERRAMENTI E BALCONI IN ALLUMINIO PORTONCINI D’INGRESSO RINGHIERE E CANCELLI IN FERRO E ACCIAIO

F.LLI URE CALZAT

Valdagno - via G.Marzotto, 5/a tel. 0445 413041

VALDAGNO - via Fermi RECOARO TERME - via Roma

www.soldaskiwax.com

RECOARO TERME tel. 0445.780795 / 0445 780290 www.myneox.it

Schio - tel. 0445.512821 www.carlasport.it

Logo Sportivissimo ESTETICA Valdagno - via IV Novembre, 23 tel. 0445 404517

S. QUIRICO DI VALDAGNO - VI Tel. 0445 473086 - Cell. 349 1346252

Chiampo - via dal Molin Padre Tommaso, 6 tel. 0444 623136

CORNEDO - Via Vittorio Alfieri 1, 36073 (VI) tel. 0445 430435 - www.barpizzeriametro.it

club

Scala e coperture in ferro zincato e alluminio, ringhiere con elementi in acciaio inox. (Kg. 15.200)

Rifugio Piccole Dolomiti

Alla Guardia m.1136 Strada per Campogrosso n° 3300, Recoaro Terme (VI), 36076 - tel. 0445 75257 cellulare 335 6901685 (aperto tutto l’anno)

foto di Stefano Scortegagna con la quale ha conquistato il 3° posto al 15° contest mondiale Scubashooters.net

PELLETTERIE CALZATURE

un servizio ecologico per un futuro pulito

bianco

tel. 0445 951307 www.lepoint.it

www.brpneumatici.net

www.euro-cart.biz

Poggioli bombati

CANCELLI di varie tipologie scorrevoli a 2 ante autocomandati

Finiture personalizzate

Elementi decorativi

AGENZIA GENERALE di Fontana Margherita, Povolo Andrea, Rossettini Guido. VALDAGNO - via Galvani, 61 - tel. 0445 402525

V Con brocche passanti

RINGHIERE di varia fattura con elementi classici o moderni, per ogni esigenza,

Stazione di servizio

zincate a caldo e verniciate

Borga Luigi sas VALDAGNO - Via 7 Martiri Tel. 0445 401840

CORNEDO VICENTINO www.fregiedistintivilariplast.it

ento Abbigliam via 7

7 Martiri - tel. 0445 401840 - Valdagno (VI) E D I Z I O N I M E D I A FA C T O RY tel. 0445 430985

caseari e salumi

Valdagno (VI) - via E.Fermi 53 - 36078 tel. 0445 40 17 55

RISTORANTE

Salvatore Luna

autofficina

PAOLO RENIERO gommista - elettrauto

salumi e formaggi

COLORI PER CARROZZERIA, INDUSTRIA EDILIZIA E LEGNO - CONSULENZA

VALDAGNO (VI) - Via Beccaria, 25 Tel. / Fax 0445 481221

Recoaro Terme tel. 0445.75008 via Bta Liguria

VALDAGNO - Via Don Bosco Tel. 0445 401289

Cornedo - tel. 0445 430270 www.belluzzosport.com

GLI AMICI DI SPORTIVISSIMO

sportivissimo

tel. 0445 430985 www.tipografiadanzo.com

PTA

AVVOLGIMENTI ELETTRICI VALDAGNO - Via Giovanni Keplero, 13 tel. 0445 408798

ristorantealbergoalpestre.it

PRODUZIONE SEDUTE E SISTEMI PER UFFICIO E COLLETTIVITÀ CORNEDO VICENTINO via monte ortigara, 2/4 - tel. 0445 430550 talin@talin.com www.talin.com

BAR - CAFFETTERIA VALDAGNO - viale Trento, 2 tel. 0445 403055

GLI AMICI DI SPORTIVISSIMO

Valdagno - Viale Trento, 94 Tel. 0445 403185

Farmacia Redentore

VALDAGNO - via dell’Artigianato Z.I. tel. 0445 406296

Brogliano (VI) - Tel. 0445 440650 info@sistemi-ufficio.it

MALO - via Porto al Proa, 15 tel. 0445 607702

RECOARO TERME - via Roma, 14 tel. 0445 75005 www.parcofortuna.it

Olmo di Creazzo - Vicenza - tel. 0445 951798 via F. Filzi, 71 - Tel. 0444 522097

Turismo Lavarone Spa - Fraz. Gionghi tel/fax 0464/783335 www.lavaroneski.it - info@lavaroneski.it

RAPPRESENTANZE TESSILI Valdagno - via Cornetto 29, tel. 0445 414263 www.studiocamponogara.com

GLI AMICI DI SPORTIVISSIMO

dr. Paola Borgo RECOARO TERME - via Roma, 1 tel. 0445 75057

carrozzeria - linea revisioni

via 7 Martiri - tel. 0445 40184 HARDWARE - SOFTWARE - GESTIONALI REGISTRATORI DI CASSA NOLEGGIO E VENDITA MACCHINE UFFICIO

CORNEDO VIC.NO - Via M. Verlaldo Tel. 0445 446095 info@ferramentaberti.com

RECOARO T. - strada gazza tel. 0445 75970

Cornedo Vicentino - Via Monte Ortigara 34/D tel. 0445 430433

CASTELVECCHIO DI VALDAGNO

GLI AMICI DI SPORTIVISSIMO

NEGOZIO ARTICOLI SPORTIVI, SCI E BIKE LAVARONE - frazione Bertoldi tel. 0464 780067 - testonesas@gmail.com

magazine

Cornedo - Via A. Fogazzaro 49 tel. 0445 430771 fax 0445 430411 info@tubiterm.it - www.tubiterm.it


GLI AMICI DI SPORTIVISSIMO VALDAGNO

SOLUZIONI PER VISTA E UDITO tel. 0445 402044 www.otticavisionvaldagno.it

Arzignano - Chiampo www.sicit2000.it

SEGUI LA PASSIONE

CORNEDO VICENTINO Via Monte Ortigara, 37 - tel. 0445 428428 www.crocco.com

ARZIGNANO - via Della Concia, 8 tel. 0444.672544 www.lineaflesh.com.vallisport.it

Schio - tel. 0445.517626 www.vallisport.it

APERTO TUTTI I GIORNI Valdagno - Piazza Dante, 17 tel. 0445 402837

CHIUPPANO VI - via Roma tel. 0445 891058

Valdagno www.fenice.it

Ringhiere in acciaio inox

BIKE

e vetro acidato antisfondamento

SERRAMENTI E BALCONI IN ALLUMINIO PORTONCINI D’INGRESSO RINGHIERE E CANCELLI IN FERRO E ACCIAIO

F.LLI URE CALZAT

Valdagno - via G.Marzotto, 5/a tel. 0445 413041

VALDAGNO - via Fermi RECOARO TERME - via Roma

www.soldaskiwax.com

RECOARO TERME tel. 0445.780795 / 0445 780290 www.myneox.it

Schio - tel. 0445.512821 www.carlasport.it

Logo Sportivissimo ESTETICA Valdagno - via IV Novembre, 23 tel. 0445 404517

S. QUIRICO DI VALDAGNO - VI Tel. 0445 473086 - Cell. 349 1346252

Chiampo - via dal Molin Padre Tommaso, 6 tel. 0444 623136

Scala e coperture in ferro zincato e alluminio, ringhiere con elementi in acciaio inox. (Kg. 15.200)

Rifugio Piccole Dolomiti Alla Guardia m.1136 Strada per Campogrosso n° 3300, Recoaro Terme (VI), 36076 - tel. 0445 75257 cellulare 335 6901685 (aperto tutto l’anno)

foto di Stefano Scortegagna con la quale ha conquistato il 3° posto al 15° contest mondiale Scubashooters.net

PELLETTERIE CALZATURE

un servizio ecologico per un futuro pulito

bianco

tel. 0445 951307 www.lepoint.it

www.brpneumatici.net

club

7

o

CORNEDO - Via Vittorio Alfieri 1, 36073 (VI) tel. 0445 430435 - www.barpizzeriametro.it

www.euro-cart.biz

Poggioli bombati

CANCELLI di varie tipologie scorrevoli a 2 ante autocomandati

Finiture personalizzate

Elementi decorativi

AGENZIA GENERALE di Fontana Margherita, Povolo Andrea, Rossettini Guido. VALDAGNO - via Galvani, 61 - tel. 0445 402525 Con brocche passanti

RINGHIERE di varia fattura con elementi classici o moderni, per ogni esigenza,

Stazione di servizio

zincate a caldo e verniciate

Borga Luigi sas VALDAGNO - Via 7 Martiri Tel. 0445 401840

CORNEDO VICENTINO www.fregiedistintivilariplast.it

o 7 Martiri - tel. 0445 401840 - Valdagno (VI)

ento

Abbigliam

E D I Z I O N I M E D I A FA C T O RY tel. 0445 430985

caseari e salumi

O

Valdagno (VI) - via E.Fermi 53 - 36078 tel. 0445 40 17 55

RISTORANTE

Salvatore Luna

a

autofficina

PAOLO RENIERO gommista - elettrauto

salumi e formaggi

COLORI PER CARROZZERIA, INDUSTRIA EDILIZIA E LEGNO - CONSULENZA

VALDAGNO (VI) - Via Beccaria, 25 Tel. / Fax 0445 481221

Recoaro Terme tel. 0445.75008 via Bta Liguria

40 - Valdagno (VI)

VALDAGNO - Via Don Bosco Tel. 0445 401289

GLI AMICI DI SPORTIVISSIMO

magazine

sportivissimo

PTA

AVVOLGIMENTI ELETTRICI VALDAGNO - Via Giovanni Keplero, 13 tel. 0445 408798

Cornedo - Via A. Fogazzaro 49 tel. 0445 430771 fax 0445 430411 info@tubiterm.it - www.tubiterm.it

ristorantealbergoalpestre.it

PRODUZIONE SEDUTE E SISTEMI PER UFFICIO E COLLETTIVITÀ CORNEDO VICENTINO via monte ortigara, 2/4 - tel. 0445 430550 talin@talin.com www.talin.com

BAR - CAFFETTERIA VALDAGNO - viale Trento, 2 tel. 0445 403055

GLI AMICI DI SPORTIVISSIMO

Valdagno - Viale Trento, 94 Tel. 0445 403185

Farmacia Redentore

VALDAGNO - via dell’Artigianato Z.I. tel. 0445 406296

Brogliano (VI) - Tel. 0445 440650 info@sistemi-ufficio.it

MALO - via Porto al Proa, 15 tel. 0445 607702

RECOARO TERME - via Roma, 14 tel. 0445 75005 www.parcofortuna.it

Olmo di Creazzo - Vicenza - tel. 0445 951798 via F. Filzi, 71 - Tel. 0444 522097

Turismo Lavarone Spa - Fraz. Gionghi tel/fax 0464/783335 www.lavaroneski.it - info@lavaroneski.it

RAPPRESENTANZE TESSILI Valdagno - via Cornetto 29, tel. 0445 414263 www.studiocamponogara.com

GLI AMICI DI SPORTIVISSIMO

dr. Paola Borgo RECOARO TERME - via Roma, 1 tel. 0445 75057

carrozzeria - linea revisioni

via 7 Martiri - tel. 0445 40184 HARDWARE - SOFTWARE - GESTIONALI REGISTRATORI DI CASSA NOLEGGIO E VENDITA MACCHINE UFFICIO

CORNEDO VIC.NO - Via M. Verlaldo Tel. 0445 446095 info@ferramentaberti.com

RECOARO T. - strada gazza tel. 0445 75970

Cornedo Vicentino - Via Monte Ortigara 34/D tel. 0445 430433

CASTELVECCHIO DI VALDAGNO

GLI AMICI DI SPORTIVISSIMO

NEGOZIO ARTICOLI SPORTIVI, SCI E BIKE LAVARONE - frazione Bertoldi tel. 0464 780067 - testonesas@gmail.com

tel. 0445 430985 www.tipografiadanzo.com

Cornedo - tel. 0445 430270 www.belluzzosport.com



issimo

Logo Sportiv

5

SPORTI magazine mensile di sport nco bia distribuito gratuitamente direttore responsabile

Luigi Borgo

luigiborgo@mediafactorynet.it

direzione commerciale

Laura Danzo

laura@tipografiadanzo.it

redazione e grafica

Paola Dal Bosco Elena Caneva

sportivissimo@sportivissimo.net

segreteria di redazione

Giuliana Lucato

giuliana@tipografiadanzo.it

casa editrice

Mediafactory srl

via Monte Ortigara, 83 36073 Cornedo Vicentino (VI) tel. 0445 430985 fax 0445 431177 my@mediafactorynet.it stampa

Tipografia Danzo srl

via Monte Ortigara, 83 36073 Cornedo Vicentino (VI) tel. 0445 430985 fax 0445 431177 info@tipografiadanzo.it

registrazione

Iscrizione al Tribunale di Vicenza il 21 dicembre 2005 n.1124

Per inserzioni pubblicitarie o per inviare notizie sportive scrivere a:

www.sportivissimo.net sportivissimo@sportivissimo.net oppure telefonare al numero

0445 430985

SSIMO

Se i politici fossero sportivi di Luigi Borgo

N

ella testa di uno sportivo il pensiero dominante è: voglio migliorami, come posso diventare più bravo? Questo pensiero, che è assolutamente morale, lo porta a osservare negli altri sportivi i movimenti positivi e vincenti per imitarli e farli propri. La storia dello sport è bella perché tutti i grandi campioni sono diventati tali studiando e migliorando le tecniche dei campioni che li hanno preceduti. Il divenire tecnico di qualsiasi sport è una catena evolutiva, dove ogni anello è congiunto con quello precedente. Per questo la tecnica di tutti gli sport è sempre migliorata e con essa anche lo sviluppo dell’attrezzatura al punto che oggi anche chi non è un campione fa meglio il proprio sport rispetto a chi in passato lo era. Oggi molti sciano meglio di come sciavano i campionissimi degli anni ’70; oggi sono molti i ciclisti amatoriali che pedalano con ritmi che un tempo erano solo dei professionisti; oggi si gioca a calcio in serie D come si giocava in Champions League 40 anni fa. Nella testa di un politico, invece, il pensiero dominante è: voglio il potere, come posso comandare io? Questo pensiero, che è assolutamente immorale, lo porta a osservare negli altri politici i lati negativi per criticarli, per metterli in cattiva luce nei confronti dell’elettorato e così farsi eleggere e prendere il loro posto di potere. La storia della politica è pessima perché, a furia di criticarsi l’un l’altro, si è sempre andati di male in peggio. Se nello sport il confronto tra rivali è positivo, in politica è negativo; se tra sportivi capire ciò che di buono fa il nostro avversario, porta a migliorarci, in politica cercare con accanimento gli errori dell’antagonista, porta all’abbruttimento e a cadere nei suoi stessi difetti; se lo sport in questo modo continua a crescere di livello e noi sciamo, pedaliamo, corriamo, giochiamo a calcio sempre meglio, la politica, per la ragione opposta, continua a peggiore la sua condotta e noi stiamo, lavoriamo, viviamo sempre peggio. Dal 2008 ci stanno dicendo che siamo nel mezzo di una crisi economica, nata negli Stati Uniti e propagatasi in tutta Europa; una crisi economica mondiale al cui centro da qualche anno e chissà per quanti ancora sta e si troverà l’Italia, i cui effetti gli italiani stanno pagando con la mancanza di lavoro, di soldi, di prospettive. È indubbio: la crisi economica c’è. Ma le crisi economiche non cadono dal cielo, né crescono sotto i meli. Non bisogna essere economisti, basta essere sportivi per capire che la crisi economica italiana dipende da decenni e decenni di profondissima crisi morale della politica italiana, dove la lotta per il potere finalizzato al tornaconto personale ci ha indebitati oltre ogni misura, ha azzerato la nostra crescita economica, ci ha portati a stare peggio di come stavano 30, 40 anni fa… L’esatto contrario di quanto è avvenuto nello sport.

Ritira l’annuario di Sportivissimo rilegato con copertina cartonata

ultime copie a disposizione!

15euro

prenotazioni: sportivissimo@sportivissimo.net

visita il sito: www.luigiborgo.com

editoriale

et

ivissimo.n

www.sport

un anno di sport da conservare per sempre


6

schio

s i n n e t o t n e l a t pin

iap testo e foto di Silvano Ch

asse 1996, figlio di Tommaso Dal Santo, cl rietari di uno dei più Giovanni e Laura, prop Schio, ”all’Antenna”, rinnomati ristoranti di del tennis azzurro. è una grande promessa o uno dei tennisti at Fin da giovanissimo è st ria a livello più forti della sua catego o dedica tutto as nazionale e oggi Tomm nandosi più se stesso al tennis, alle ando a tornei ore al giorno e partecip e la tenacia di importanti con la voglia pione. m diventare un grande ca


7 ta tecnica Raccontaci la tua cresci

nis?

Tommaso, perché il ten

Mio fratello e mio cugino giocavano a tennis al circolo di Santorso. Il maestro che li allenava vide che ero talmente stupito e preso emotivamente dal gioco che mi chiese di provare. Avevo solo 5 anni e da allora la mia passione ha continuato a crescere.

Fino ai 12 anni mi sono allenato con il mio storico maestro Florido Sottoriva, che mi ha insegnato molto sia dal punto di vista sportivo sia, soprattutto, umano. Ha sempre cercato di formare in me un carattere forte, determinato, vincente. Dopo i 12 anni il mio livello di gioco era cresciuto e Florido non era più in grado di reggere il mio ritmo. Così un suo ex allievo di seconda categoria, Zito Denis, mi fece da palleggiatore. In seguito Denis divenne il mio maestro, sempre però sotto la supervisione di Florido. Con lui ottenni molti risultati, vincendo i campionati regionali di terza categoria e alcuni prestigiosi tornei della Regione Veneto. Florido e Denis si appoggiavano e collaboravano spesso con Massimo Sartori, il coach di Andreas Seppi che attualmente occupa il numero 46 della classifica mondiale, per cui ho avuto la possibilità di andare a Caldogno dove insegnava, per far-

Quanto è importante la passione? È fondamentale. Quando si fa sport tutti i giorni per più ore al giorno, la passione per quello che si fa diventa importantissima, ti fa scendere in campo sempre con il sorriso sulle labbra, ti fa venire voglia di giocare anche quando sei stanco, ti sorregge nei momenti in cui non ti senti tanto in forma. Nessun può diventare uno sportivo di alto livello senza passione.

nis, Hai 19 anni, oltre al ten te? rna gio tue come sono le Nella mia vita ho trascorso più ore sul campo che in giro con gli amici o sui banchi di scuola. Frequento l’istituto per Geometri. Quest’anno avrò la maturità. Ma è il tennis la mia attività principale.

o Il tennis ti ha dato subit i? soddisfazion Fin da piccolo ho capito che ero portato per questo sport, per cui iniziai presto l’attività dei tornei. Di anno in anno incrementai gli allenamenti, ottenendo sempre più risultati nei tornei giovanili. Intorno ai 10/11 anni entrai nei primi dieci giocatori d’Italia, occupando il 6° posto della classifica.

mi dare qualche dritta e sbirciare un po’ gli allenamenti di Andreas. A 14/15 anni sentivo che per fare il salto di qualità, sarei dovuto uscire dal mio paesino e cominciare a guardarmi intorno in cerca di accademie o circoli che avessero ragazzi emergenti, che aspirassero, come me, alla carriera tennistica per confrontarmi ed allenarmi al meglio. Andai a Padova, al Centro Sportivo Plebiscito, sotto la guida del maestro Enrico Bettini. C’erano ragazzi di vari livelli: professionisti, semi-professionisti ed agonisti. Ero seguito molto bene sia a livello tecnico che atletico. È stato un periodo molto importante per la mia crescita.

Mi allenavo dal lunedì al sabato, circa tre ore al giorno. I risultati arrivarono e potei scalare varie posizioni in classifica. L’anno dopo per un disguido societario, ci spostammo a Vicenza. Arrivarono ragazzi nuovi, di classifica molto alta e questo per la mia crescita fu molto importante. A Vicenza viene spesso anche Andreas Seppi per allenarsi con noi ragazzi. Giocare con lui, pensando che qualche anno prima lo guardavo dai piedi di una montagna, è stato fenomenale e stimolante. Attualmente mi alleno al Tennis Palladio 98 con il maestro Enrico Bettini e con dei ragazzi professionisti a ridosso della 500sima posizione mondiale. Allenarsi con loro è molto motivante per la costanza e la passione che hanno e che ti trasmettono. Sono seguito molto bene anche atleticamente da un bravissimo preparatore che proviene dall’atletica leggera, il


8 quale, essendo stato uno dei migliori d’Italia nella sua specialità, potrà sicuramente svelarmi e insegnarmi qualche trucchetto per arrivare dove tutti vogliono…

i?

I tuoi prossimi obiettiv

Gli obiettivi di quest’anno sono: cercare di vincere un torneo open, ma soprattutto entrare nella classifica mondiale, cercando di prendere qualche punto ATP. L’obiettivo per il futuro è quello di arrivare tra i primi 100 giocatori al mondo.

Conosco Tommaso dalla nascita e ho avuto la fortuna di seguirlo nella sua crescita sui campi da tennis. È sempre stato un ragazzo educato, puntuale e determinato; gli auguro con tutto il cuore un futuro ricco di soddisfazioni professionali. In queste foto, un momento di gioco e di pausa durante una partita di allenamento tra Tommaso e Andreas Seppi, numero 46 della classifica mondiale ATP.



Città di Valdagno Assessorato allo Sport

Gran Galà dello sport 2015 Valdagno premia i suoi migliori atleti

V

aldagno ha steso il red carpet allo sport cittadino e al PalaLido lo scorso 22 febbraio ha presentato il Galà dello Sport 2015. L’appuntamento, promosso dal Comune di Valdagno in collaborazione con la Consulta dello Sport cittadina ha visto coinvolte nella manifestazione numerose società sportive, ben una trentina, che svolgono le proprie attività a Valdagno, in un caleidoscopio di proposte che fanno della città un piccolo cuore pulsante dello sport vicentino. Sul parquet della pista PalaLido sono poi stati premiati gli atleti che si sono distinti maggiormente nel corso del 2014. Accanto alle autorità presenti, con il Sindaco Giancarlo Acerbi a fare gli onori di casa, affiancato dal Consigliere Provinciale con delega allo sport, Cristina Franco non poteva mancare una madrina d’eccezione. Ecco allora arrivare la campionessa olimpica Sara Simeoni, accompagnata dal marito, ex allenatore nonché campione italiano di salto in alto, Erminio Azzaro.

Nata a Rivoli Veronese, la Simeoni rappresenta uno dei simboli dello sport azzurro. Nel 2014, in occasione dei 100 anni del CONI è stata insignita del titolo di “Atleta del Centenario”, accanto allo sciatore bolognese, Alberto Tomba. Fu primatista italiana del salto in alto quando ancora juniores, ma il suo palmares si è poi arricchito di titoli ancora più prestigiosi. Bronzo alle Universiadi di Mosca del 1973, bissò il risultato l’anno successivo agli Europei di Roma.

Nel 1975 infila al collo l’oro ai Giochi del Mediterraneo, disputatisi ad Algeri, e un argento alle Universiadi italiane di quello stesso anno. La sua crescita era a quel punto lanciata verso il gradino più alto del podio. Il ‘76 la vede arrivare seconda alle Olimpiadi canadesi di Montreal, preambolo di un’infilata di ori a partire da quello spagnolo di San Sebastian agli Europei Indoor (1977), seguito a ruota da quelli delle Universiadi di Sofia (BUL – 1977 e 1979), gli Europei di Praga (Rep. Ceca) e Milano (1978) e ancora i Giochi del Mediterraneo di Spalato (ExJugoslavia) nel 1979. L’oro degli Europei di Praga, in particolare, le vale anche il record nel mondo nel salto in alto con la misura di 2,01 m. Ma la sua consacrazione arriva nel 1980, quando alle Olimpiadi di Mosca il suo salto da 1,97 m le consegna la medaglia d’oro ed il record olimpico. Arriveranno poi altri due ori agli Europei Indoor di Sindelfingen (GER – 1980) e Grenoble (FRA – 1981), uno alle Universiadi di Bucarest (ROM – 1981). Nel 1984 con uno stacco di 2,00 m netti salta sul gradino d’argento delle Olimpiadi di Los Angeles (USA). All’attivo, infine, non si possono non citare i ben 24 titoli italiani conquistati e le 72 presenze con la maglia azzurra, che hanno fatto di lei la portabandiera dello sport tricolore nel mondo. «È stato un grande piacere ospitare una campionessa del suo calibro – è il commento del Sindaco di Valdagno, Giancarlo Acerbi, che tra le sue deleghe vede anche quella allo sport – e siamo lieti, dopo aver ospitato solo due anni fa Alberto Tomba, di poter annoverare il passaggio a Valdagno di entrambi gli “Atleti del Centenario”, nonché due emblemi dello sport azzurro. Il Galà rappresenta un’occasione per dare risalto alle nostre società, alle loro attività ed ai loro risultati, non solo agonistici, ma anche di carattere sociale e formativo. Siamo convinti dell’importante valore educativo

di Giulio Centomo che la pratica sportiva da sempre custodisce e che si traduce nell’operato quotidiano di tutte le nostre società. Queste svolgono da sempre un grande e prezioso lavoro di promozione dello sport, in particolar modo tra le fasce più giovani della popolazione.» Come confermato dallo stesso Sindaco Acerbi, poi, il Galà è stato solo un assaggio di un 2015 a tutto sport per il Comune di Valdagno. «In calendario ci sono già diversi appuntamenti con la “A” maiuscola – spiega - dalla Trans d’Havet del 25 luglio alla rinnovata Granfondo Città di Valdagno che si correrà il 6 settembre, solo per citarne alcuni. Il nostro sostegno allo sport si traduce anche in una serie di interventi volti all’adeguamento e al miglioramento delle nostre strutture d’eccellenza, nonché a sviluppare ulteriormente l’offerta valdagnese. Abbiamo infatti presentato domanda di contributi regionali sia per la sistemazione dello Stadio dei Fiori che del campo del PalaLido, oltre che per la prosecuzione a nord della pista ciclabile.» A ritirare gli attestati per le rispettive società sono stati chiamati alcuni atleti e dirigenti che si sono distinti non solo per meriti sportivi. Ecco allora che per lo Sci Club Marzotto c’era il Campione Italiano Master 2014 di SuperGigante, Paolo Lora. Per Valdagno Basket – Valdagno Ritmica c’erano Doriano Luna e Miro Zanatto, quindi Luigi Cazzola per l’A.C.D. Real Valdagno. Non sono mancate le menzioni per la longevità di alcune società laniere, tra tutte la 50enne U.S. Azzurra Agno ed il 30enne Ciclo Club Novale Valtermo Scapin. Per l’Hockey Valdagno 1938, invece, a meritarsi una menzione è stato l’intero settore giovanile. Questi invece gli atleti premiati: − Elisa Righi (Circolo Scherma Valdagno) per il suo 2° posto alla prova interregionale del Gran Premio Giovanissimi. Menzione poi alla società per l’assegnazio-

ne della stella d’argento CONI al merito sportivo. − Filippo Lora (ASD San Quirico) per la sua carriera calcistica tra le fila di importanti realtà italiane, non da ultimo il Milan, sta tenendo alto l’onore del calcio San Quirico e valdagnese. − Mirko Cocco (ASD Polisportiva Valdagno – Sez. Atletica) per la medaglia d’oro nei 2000 metri nella categoria Cadetti al Campionato Italiano C.S.I. su pista di Belluno e 4° classificato tra i Cadetti al Campionato Italiano FIDAL di corsa in montagna disputato a Roncone (TN). − Premio speciale a Martina Dogana (ASD Polisportiva Valdagno – Sez. Atletica) campionessa italiana di triathlon e campionessa regionale di categoria nella mezza maratona − Marco Civieri (ASD Polisportiva Valdagno – Sez. Judo) per la lunga carriera di successi, non da ultimo il primo posto all’Open d’Italia Master a Follonica nel 2014. − Giuseppe Scatassi (ASD Polisportiva Valdagno – Sez. Karate) per il suo 2° posto ai Campionati Europei 2014 disputati a Verona, nonché Campione Regionale 2013 e 3° classificato alla Coppa del Mondo per club Kata e Combattimento. − Isabella Soliman (ASD Polisportiva Valdagno – Sez. Pattinaggio Artistico) per il titolo di Campionessa Italiana di Combinata, conquistato nella stagione 2013-2014 a Roccaraso (AQ) nella categoria Divisione Nazionale A. − Mattia Cocco (Amatori Hockey Valdagno) ex giocatore tra le fila della formazione valdagnese e Campione Europeo di Hockey Pista 2014. − Matteo Mazzaretto (Tennis Club Valdagno) vincitore nel 2014 del circuito regionale “Young Boys” Under 12, finalista al Torneo Internazionale Under 12 di Merano, convocato nel Team Italia al Wahlstedt Junior Future Under 12 tenutosi in Germania. Ha poi parteciapto alla Coppa Belardinelli con la rappresentativa del Veneto.


Questione di centrimetri

di Eugenio Menato

L

a storia dello sport è piena di sfide. Tra queste, probabilmente non ricorderemmo la discesa libera di Kitzbuhel del 1975, se tra Franz Klammer e Gustavo Thoeni non si fossero frapposti ventotto centimetri (allora si parlò di tre millesimi di secondo...) ma trenta metri. Allo stesso modo, non ricorderemmo così volentieri la staffetta del fondo delle olimpiadi di Lillehammer, se Silvio Fauner non avesse messo solo mezzo sci davanti al norvegese Bjorn Daehlie ma avesse vinto per distacco. Oppure, ricorderemmo più volentieri i mondiali di calcio del 1994 se il rigore di Roberto Baggio anziché terminare sopra la traversa fosse finito un pochino più basso. Tanti, soprattutto scrittori, si sono divertiti a immaginare che cosa sarebbe successo se la storia, in certi momenti, fosse andata diversamente. Ebbene, sono proprio queste infinite frazioni decimali ad aver creato la leggenda. Senza il “filo di lana”, infatti, ogni competizione

sportiva si esaurirebbe in una celebrazione e nell’ inserimento di un nome al vertice di un albo d’ oro. Al Pacino, nel film “Ogni maledetta domenica”, dice che “la vita è una questione di centimetri”. Chiunque pratichi sport ha a che fare ogni giorno con i centimetri: chi per raggiungere la meta nel rugby, chi per fare canestro, chi per saltare più in alto. Anche Sara Simeoni nella sua carriera ha lottato con i centimetri. Ci ha messo 6 anni per aggiungerne 15 all’asticella, tanto quanto la spanna di una mano. Eppure, è proprio quella spanna che l’ha portata a saltare 2,01 mt, stabilendo il record del mondo e vicendo la medaglia d’oro dei giochi olimpici. Lei, nel partecipare a questa fantastica giornata di sport, ci ha portato con il suo sorriso timido e la sincerità che la contraddistinguono questo messaggio, ossia di lavorare, faticare e sacrificarsi ogni giorno sul “centimetro”. Sarà proprio quel centimetro che nel tempo ci insegnerà a non mollare mai, a curare i particolari, a stare attenti, e che, prima o dopo, potrà essere determinante per segnare la differenza tra una vittoria e una sconfitta.


12

viaggi

... Paesaggi stupendi, albe e tramonti favolosi, è il deserto del leggendario condottiero Lawrence d’Arabia ...

i misteri di Petra di Bepi Magrin Un viaggio nella Giordania odierna, nonostante la guerra che infuria sanguinosa a pochi chilometri nella vicina Siria , è tuttavia ancora consigliabile e sicuro. Un paese di molta storia e di luoghi incantati, con montagne e pareti stupende, ben note ai climber europei che frequentano intensamente specialmente d’inverno il Wadi Rum, noto per le grandi arrampicate su rocce di rossa arenaria, in pareti alte anche più di 500 metri, incredibilmente elaborate dai fattori

atmosferici e che presentano diedri, fessure, placche, arabeschi di roccia, tetti, becchi, colonne…insomma la più grande e fantasmagorica varietà di forme e di colori.


I

neludibile una visita ai luoghi della cristianità sulle rive del Giordano (a noi più che un fiume appare come un semplice fosso d’acqua gialla che scorre tra folti canneti e della larghezza sì e no, di una decina di metri). Le opposte rive sono presidiate da soldati armati di qua, giordani, di là israeliani e tra gli assurdi di-

vieti imposti al turista, c’è quello di non scambiar parola coi turisti che stanno a pochi metri dall’altro lato del fiume!!! Si sa difatti che l’area è “calda” e che non corre buon sangue tra questi e quelli. I gruppi sono sempre accompagnati da un poliziotto che raramente sa qualche parola di inglese e col quale nonostante la

simpatia è difficile comunicare. Un bel bagno nel Mar Morto dove anche “i sassi” galleggiano per la qualità dell’acqua: soluzione idrosalina satura, sarà un bello e piacevole ristoro, date le temperature sempre gradevoli che si riscontrano. Poi occorre muovere verso l’antica città di Petra, perché quella è meta ineludibile


di un viaggio da quelle parti. Il turista vi accede mediante una incredibile lunghissima fenditura (un canyon) di oltre mille metri di lunghezza stretto tra pareti

altissime ma percorso da cavalli, carrozze e‌turisti. Noi invece arriviamo a Petra scendendo dall’alto, dopo un trek di 3 giorni sui monti selvaggi che la circondano, passando per strette cenge tagliate sopra fondi precipizi, tra resti archeologici e paesaggi incantevoli se pur secchi e desertici. Saliremo al roccioso Monte

Aaron 1300 metri sulla cui vetta sorge un piccolo tempio che contiene la tomba di Aronne (fratello di Mosè) considerato profeta dagli islamici i quali annualmente salgono la vetta in un giorno dedicato a questo pellegrinaggio religioso. Poi la full immersion


15

nella antica Petra, tra innumerevoli tombe rupestri, templi ricavati dalla viva roccia dei monti, rovine del castello e resti romani a profusione. Si capisce come questa sia stata nei secoli una culla di civiltà scomparse (Impero Nabateo) che erano qui insediate fin da un secolo avanti Cristo. Qui passavano le vie del commercio dell’incenso, della mirra e delle spezie. La dominazione romana rese prospera la città, fino al gran terremoto del 350 a.C. che ne distrusse gran parte, determinando il cambio delle vie del commercio praticate dalle carovane. I beduini però continuarono a vivere tra queste montagne nei resti della città detta della “rosa rossa” e tra le rocce colorate dei suoi monti. 10mila anni di storia hanno lasciato resti e vestigia

che non finiscono di stupire il visitatore. Proseguiamo il nostro breve viaggio verso il Wadi Rum, tra le rocce altissime e le sabbie rossicce navighiamo a dorso di cammelli condotti con perizia da un cammelliere sudanese, sono le stesse vie percorse da secoli dai pellegrini diretti alla Mecca che da qui dista circa 2mila chilometri. A sera piantiamo le nostre tende e ceniamo attorno ad un fuoco al modo dei beduini. Paesaggi stupendi, albe e tramonti favolosi, è il deserto del leggendario condottiero Lawrence d’Arabia e passiamo accanto ai ruderi della sua casa-fortino, ammirati dalle pareti glabre a volte terribilmente lisce, che si alzano intorno a perdita d’occhio e con altezze impressionanti: vero regno sconfinato

per scoperte e delle esplorazioni alpinistiche inusuali. A volte ci immergiamo in esplorazioni improvvisate dentro i canyon profondi, altre volte sostiamo negli accampamenti beduini per condividere un the e qualche scambio di cortesie, prima di radunarci per la cena dentro il recinto dei teli accanto al fuoco e con la luce della luna piena che abbellisce il paesaggio. In ogni caso viviamo giorni indimenticabili tra gli alti silenzi della montagna e del deserto e le sensazioni emozionanti dei colori, dei profumi, dei cibi inusuali. Concluderemo la nostra esperienza con un tuffo nel Mar Rosso ad Aquaba ed una breve visita alla capitale Amman, ove si torna non senza nostalgie, ad immergersi nei ritmi caotici della vita moderna.


+ proteIne + mIneralI - carboIdratI Integratore alImentare dI proteIne del sIero del latte concentrate per la

crescita e mantenimento della muscolatura tel. 0445 500131 info@whysport.it www.whysport.it

sponsor uffIcIalI

Veloce club torrebelvicino - c.s.V. squadra Hockey Valdagno a1


17

valdagno

Una bella realtà A Valdagno resiste ormai da diciassette stagioni una solida realtà, intraprendente e duratura, l’F.C. Valdagno Calcio a 5 Sì, è proprio così l’F.C. Valdagno Calcio a 5, sodalizio costituito nell’ormai lontano 1998, partito inizialmente dalla serie D e poi subito protagonista per ben 4 stagioni in serie C1 tra la fine degli anni ‘90 e i primi 2000, ha davvero segnato anni straordinari. Il Valdagno vivrà poi larga parte della sua storia in serie C2 - ben 7 le stagioni consecutive su buoni livelli in questa categoria per i lanieri bianco-azzurri – con la C1 sfiorata numerose volte ma mai più raggiunta. Sarà la negativa stagione 2009-10, culminata con un’amara retrocessione, a spalancare al Valdagno C5 le porte del purgatorio della D, 11 anni dopo l’ultima lonta-

na partecipazione. La storia più recente racconta di quattro stagioni vissute col chiaro obiettivo di riconquistare la C2 perduta, partendo quasi sempre in estate coi favori del pronostico. Pronostico purtroppo mai rispettato fino in fondo: vuoi per stagioni completamente sbagliate e mal interpretate (2010-11), vuoi per sorte avversa nei momenti decisivi (2011-12 e 2013-14 in particolare), il Valdagno non è più riuscito a centrare l’obiettivo promozione. E’ proprio in seguito alla cocente eliminazione all’ultimo secondo in finale dei

Attualmente il Valdagno C5 partecipa al girone B del Campionato di Serie D 2014-15, e disputa le proprie partite casalinghe presso il Nuovo Palalido di Valdagno. play-off della stagione 2013-14, che nell’estate del 2014 la dirigenza del Valdagno, anch’essa rinnovatasi in larga parte nella struttura e negli interpreti, decide di virare rotta, attuando una nuova politica di rinnovamento orientata verso i giovani, senza però tralasciare le ambizioni sportive che hanno sempre contraddistinto la società laniera durante tutta la sua storia: ai

senatori di lungo corso rimasti vengono aggiunti giovani innesti di qualità. Alla guida della squadra arriva il giovane mister Michele Pretto, tecnico preparato e forgiato da precedenti esperienze in categorie superiori, con parecchia esperienza nel settore giovanile del Futsal Cornedo prima e come vice allenatore del Blue Team Trissino vincitore del campionato di C1 poi; al suo fianco Simone Concato, storica bandiera del Valdagno sul campo e ora guida per i giovani.

Caffè - Pasticceria

specialità mignon dolci e salate CHIUSO IL LUNEDÌ - Valdagno - Piazza Dante, 17 - tel. 0445 402837


18

snow board

Free-riders I from Canada di Chiara Guiotto foto di Mike Crane Photography

Una squadra sempre più unita e consapevole che la spedizione canadese è stata il punto di partenza, non d’arrivo

l loro sogno finalmente si è avverato! Gli 11 sciatori vicentini, ormai tutti li chiamano con il loro nome Mountain Elkx, sono tornati dalle avventurose montagne del Canada e ai microfoni di Sportivissimo hanno letteralmente messo a nudo le loro forti emozioni provate durante un viaggio importante che di sicuro ha segnato la vita sportiva di ciascuno di loro. La voglia di vivere la montagna a 360° ha aumentato la compattezza del gruppo che è

riuscito a raggiungere gli obiettivi prefissati. Accoglienza a dir poco pazzesca e al di sopra di ogni aspettativa da parte del popolo canadese che, incuriosito di fronte ai nostri sciatori free-riders italiani, vestiti tutti uguali, li fermava per sapere chi fossero. La reazione da parte dei cittadini nel sentire che il gruppo aveva deciso di trascorrere le vacanze a Whistler per praticare free-ride è stato di ammirazione e stupore al tempo stesso.

Qualche informazione sulle aree di Whistler Blackcomb • 1200 maestri di Sci (che si suddividono in Maestri come ci sono da noi e accompagnatori turistici) • 38 impianti di risalita usufruibili con un unico skipass • Temperatura di giorno: -2/+5 °C

• oltre 200 le piste che si snodano dai 676 m ai 2284 m • 1 impianto aveva almeno 5 opportunità di discesa diverse, soprattutto fuori pista • Limitazioni nella discesa: nessuna

• Catski: gatto delle nevi che ospita 12 persone più la guida e che ti permette di risalire pendii innevati ancora vergini • Le vette Whistler e Blackcomb dal 2008 sono collegate dalla telecabina trifune “Peak to Peak” sospesa sulla valle per 4,4 Km


19 Il Canada è un terra magnifica, da esplorare, e rappresenta perfettamente il concetto di natura incontaminata. Lo si può apprezzare d’estate quando con la propria auto si percorrono chilometri e chilometri di strada senza incontrare essere umano (è molto probabile imbattersi piuttosto in qualche orso bruno o addirittura grizzly!). Idem d’inverno quando metri di neve cadono non solo in alta quota ma anche in pianura: le vette del Canada si sa, d’inverno sono semplicemente incantevoli proprio perché di neve ne cade davvero tanta. E’ altrettanto vero però che da due anni la località di Whistler Blackcomb, il più importante comprensorio sciistico del Nord America, a 125 Km a Nord di Vancouver, ha risentito della mancanza di precipitazioni nevose intense e questo ha penalizzato alcune delle attività che il gruppo si era prefissato di intraprendere. Prima tra tutte l’uscita in Heliski, che purtroppo non si è potuta organizzare anche a causa del brutto tempo. L’alternativa che ha consolato i ragazzi prende il nome di Catski, un’attività molto sentita in British Columbia che prevede la risalita del pendio a bordo del gatto delle nevi. Grazie a questo divertente sistema il gruppo è riuscito a sperimentare e ad aprire letteralmente ben 11 “run” in una giornata, sopra ogni aspettativa: risalendo ogni volta vette diverse dell’area di Cypress, a 25 Km da Whistler, i ragazzi hanno avuto la possibilità di godersi linee di discesa

sempre nuove anche perché in quella zona gli impianti di risalita non esistono proprio. Quota raggiunta 2400 m, parola d’ordine “powder” allo stato puro, neve freschissima che li accarezzava la faccia e silenzio assoluto attorno: lungo i pendii e i boschi incontaminati si sentiva solo il loro respiro risuonare. La ricerca della neve fresca è una prerogativa degli sciatori canadesi, un sogno per noi italiani visto che non siamo abituati a sciare per una giornata intera lungo pendii vergini in cui abbiamo la piena libertà di seguire linee sconosciute. “La sensazione più bella è stata quella di galleggiare e farsi coccolare da questa neve unica, farinosa e soffice -ha commentato Massimo PellicheroUnica difficoltà, se così si può chiamare, è stata quella di sciare in mezzo al bosco”. A tal proposito va sottolineato che in determinate aree in cui la risalita poteva essere fatta solo tramite Heliski e Catski, l’attrezzatura per far fronte ad eventuali

valanghe era obbligatoria, quindi parliamo del localizzatore Arva, pala e sonda, come pure la formazione da parte delle guide alpine presso i campi base. Il free-ride che loro tanto cercavano l’hanno assaporato anche nei comprensori dotati di impianti di risalita che offrivano aree dedicate senza essere per nulla battute.

Per chi non lo sapesse la sciata in neve fresca è abbastanza diversa da quella su pista battuta: certo, lo sci di oggi per fare del fuoripista, più largo e con le doppie punte, agevola molto lo sciatore e il suo galleggiamento, però la posizione del baricentro deve essere comunque più arretrata. Unica nota meno positiva del viaggio, pur consapevoli che poteva succedere, è stato l’infortunio subìto dall’artefice della spedizione Marco Vitetta, che paradossalmente era la persona del gruppo più preparata fisicamente. Questo fatto ha certamente smorzato un pò i toni senza però perdere l’entusiasmo di vivere a pieno l’esperienza a stretto contatto con la montagna.


20

snow board

e, appassionato di snowboard. to un fotografo locale, Mike Cran A Whistler il gruppo ha conosciu lui ho pensato di intervistare. corso un’intera giornata e proprio Assieme a lui i ragazzi hanno tras tains. As friends grow older, life with an abundance of terrain for The Mountain Elkx guys told me can go in several directions but it all skill levels and interests. Each about your meeting in Whistler: is important to come together on day is unique and is always a in particular they spoke about adventures like this to be grate- great time in its own way. You as a very professional pho- ful for past times together and to Have you ever done any photo tographer and as a lover of make new memories. The team shoot to Italian teams before? mountains. Is is true? had a contagious passion and First time to shoot with an Italian The mountains offer a lifestyle of energy for skiing. team. adventure, perspective and endless opportunities that no man Did you have fun doing the photo Have you ever done any photo made place can. I have been shoot with them skiing on the shoot in Europe? I have photographed in Spain, fortunate enough to be a profes- powder snow? It was an awesome experience Greece, Denmark, Sweden and sional photographer in Whistler and lots of fun to capture part of Norway in Europe and always since 2006. their dream trip to Whistler and to love spending time there. What did you think when you met show them my home mountain. When are you going to come in these eleven Italian free-riders? You were also an excellent guide The Mountain Elkx team is the for them: you know every place Italy to photograph our Dolomiti perfect example of old friends around Whistler I think. How are mountains? Would be great to come one day! coming together and sharing a the slopes? common passion for the moun- Whistler is a very special place

cornedo vicentino

vesti da campione

Ravazzolo Abbigliamento Vicentino (VI) via Monte Pasubio 3, Cornedo oloabbigliamento.com Tel 0445.951299 - posta@ravazz

Free to be

ravazzoloabbigliamento .com



22

snow board

I Ricci di mare di Antonio Rosso foto di Antonio Rosso e Denis Zorzin

Leggendo su internet, sembra che si sia scoperto che i ricci di mare possono raggiungere l’età di 200 anni senza mostrare segni evidenti di invecchiamento e con capacità riproduttiva non inferiore a quella degli esemplari giovani. Davvero non male...

U

no degli abitanti marini, relativamente snobbato dai subacquei, é il riccio di mare. Eppure è uno dei più interessanti e dei più facili da fotografare. Appartiene al phylum degli echinodermi dal greco: “echinos - aculeo” e “dérma - pelle”, da cui il termine popolare di ricci di mare per i loro aculei. Sono animali che vivono esclusivamente a contatto con il fondo marino, diffusi in tutti gli habitat marini e che si spostano con estrema lentezza. Non hanno una testa differenzia-

ta, ma sono corpi tondeggianti rivestiti da piastrine calcaree da cui si dipartono gli aculei lunghi e sottili e dei pedicelli terminanti con delle ventose che permettono al riccio di muoversi. La respirazione è cutanea, ma sono presenti anche piccole branchie vicino alla bocca, chiamata “Lanterna di Aristotele” e costituita, da chi la possiede, da 5 denti. Sono sprovvisti di occhi ma capaci di recepire i segnali luminosi Quasi tutti si cibano di piccoli organismi presenti sul fondo del mare e/o di alghe e di posidonia. I sessi sono separati ma non presentano dimorfismo sessuale; la fecondazione avviene nell’acqua. Si dividono in ricci “regolari”, i più comuni, muniti di aculei e ricci “irregolari” che hanno il corpo ovale, vivono infossati nel detrito o nella melma, il loro scheletro mostra sulla parte superiore una figura a stella che rappresenta il sistema locomotorio trasformato. Hanno aculei molto corti e fragili che formano una sorta di manto peloso attorno all’animale. Tutte le appendici esterne del riccio di mare se perse si rige-


23 nerano rapidamente così come le ferite del guscio che vengono riparate con la riformazione dello scheletro calcareo. I ricci maggiormente conosciuti sono il “riccio nero” o “riccio maschio” e il “riccio viola” o “riccio femmina” In realtà è una convinzione errata che uno sia il maschio dell’altra. Si tratta di due specie ben distinte, rispettivamente Arbacia lixula, quella non commestibile e Paracentrotus lividus, quella di interesse gastronomico della quale la parte che consumiamo è costituita dalle gonadi (l’apparato riproduttore) di entrambi i sessi. Quando sono mature appaiono voluminose e di colore aranciato più o meno intenso. Altre specie molto belle del mar Mediterraneo sono: Cidaris cidaris, nome comune di “riccio matita”; Sphaerechinus con aculei di colore viola e punta bianca; Echinus, il “riccio melone” con una teca sferica e aculei di colore verde. Le spine possono pungere, provocando dolore e bruciore. Gli aculei sono fragili e molto spesso si spezzano all’interno della ferita; non iniettano veleno, ma la puntura è dolorosa e s’infetta facilmente. Bisogna procedere a un’accurata disinfezione della ferita e a una rimozione degli aculei con una pinzetta sterilizzata, assicurandosi che la spina o una sua parte sia completamente eliminata dalla pelle. Si possono applicare ripetuti impacchi di aceto, che sciolgono eventuali frammenti di spina. Alcune specie sono velenose soprattutto per le pedicellarie, le piccolo ventose che permettono loro di muoversi e che terminano con una spina cava che può iniettare veleno con sintomi come gonfiore, paralisi locale, in casi estremi anche morte.

e t a d i a F a n a L e Cotona-Perline i r e c r e M

I ricci di mare in cucina Sono una ricca fonte proteica, hanno un basso contenuto di grassi e forniscono fosforo e ferro. Il periodo migliore dell’anno per gustarli è l’inverno ed il modo migliore per apprezzarli è consumarli crudi, al massimo con un pò di limone o fare scarpetta nel guscio con un pezzo di pane. Attenzione al rischio di contrarre l’epatite A e la salmonella che è elevato soprattutto in acque non pulite. Hanno un sapore unico, più delicato di quello delle ostriche, tra il dolce e il salato. Si staccano con un coltello ed una volta raccolti, quando sono ancora vivi vanno conservati immersi in acqua di mare. Quando iniziano ad abbassare gli aculei significa che stanno morendo, bisogna allora aprirli tutti, pulirli e consumarli o mettere la polpa in un contenitore e congelare subito. Per aprirli è necessario tagliare la parte superiore (quella opposta a dove si trova la bocca) e svuotare il riccio della sua acqua per poi estrarre le gonadi di color arancione con un piccolo cucchiaio Una alternativa molto valida è usarli come condimento. Ne viene fuori un piatto gustoso e veloce aggiungendoli agli spaghetti o alle linguine. Nel soffritto di olio e aglio si getta la pasta appena scolata e si condisce con la polpa dei ricci.

Bevilacqua Lane

Bevilacqua Lane - Arzignano (VI) - tel 0444 671460 - www.fancyline.it


24

piccole dolomiti

I nostri animali di Dorino Stocchero

La catena alpina è popolata da ben 86 delle 118 specie di mammiferi censiti in Italia. È una percentuale straordinaria e molti di questi mammiferi si trovano anche sulle nostre montagne: incontrarli è sempre una grande emozione.

S

e ci chiedessero di elencare quali mammiferi vivono sulle nostre montagne, credo che la maggior parte di noi arriverebbe ad elencare non più di una ventina di specie: dalla donnola alla marmotta, all’ermellino; dallo stambecco al camoscio, al capriolo; dalla lepre, alla volpe, all’orso. Eppure le specie di mammiferi presenti sull’arco alpino sono più di ottanta.

Camoscio

Marmotta

Certo, a causa del loro comportamento molto elusivo e delle loro abitudini crepuscolari e notturne, molte specie non sono facilmente osservabili, tanto che il più delle volte ci si deve accontentare di notare nelle loro tracce i vari spostamenti. Le specie avvistabili con maggiore facilità sono quelle più diffuse, come la volpe e i ricci, quelle vivaci e curiose come gli scoiattoli, oppure animali di grande dimensioni che frequentano zone aperte come il camo-

scio e altri ungulati. Il contingente più nutrito è però rappresentato da quei mammiferi dei quali ci è ignota la varietà, come i Chirotteri (cioè i pipistrelli) con ben ventotto specie e i roditori con ventitré specie. Nessuno dei pipistrelli presenti sulle Alpi si nutre di sangue o di frutti: sono animali che catturano in volo prevalentemente insetti e li consumano grazie ai denti taglienti e robusti di cui sono dotati. Si calcola che individui che pesano poco più di 5 grammi giungano a predare in una sola notte più di cinquemila insetti (zanzare, coleotteri e farfalle). I roditori costituiscono un fondamentale anello nella rete alimentare anche nella catena alpina. Essi comprendono oltre ai topi e le arvicole, ma anche lo scoiattolo e le marmotte. Si tratta comunque sempre di una piccola percentuale delle

Capriolo

Cervo

oltre trentamila specie animali che costituiscono la straordinaria biodiversità delle Alpi e che possono rilevare caratteristiche, comportamenti e abitudini sorprendenti, oltre a curiosi adattamenti per sopportare il freddo e la carenza d’acqua tipici delle alte quote. Le particolari condizioni ambientali e i mutamenti climatici determinati dalle glaciazioni hanno portato all’affermazione sull’arco alpino di molti endemismi, organismi differenziatisi rispetto a quelli originali dopo essere rimasti confinati in aree ristrette, oppure sopravvissuti dopo essere scomparsi nel resto d’Europa.


25

Lince

Molte specie di mammiferi eurasiatici, infatti, presentano sulle Alpi sottospecie endemiche ben differenziate dalle razze settentrionali. Una di queste specie è la lepre bianca o variabile che appartiene all’ordine dei Lagomorfi, dotata di alcuni accorgimenti per superare la stagione fredda: il mantello si presenta non solo più folto, ma in inverno cambia colore diventando bianco, a parte la punta delle orecchie che resta nera con bordo grigio. Il cambiamento della livrea che è influenzato dalla durata delle ore di luce e della temperatura, può però rivelarsi uno svantaggio negli inverni poveri di precipitazione nevose, quando la pelliccia bianca spicca sul terreno rendendo la lepre maggiormente visibile è quindi più vulnerabile ai predatori. La corsa sulle superfici innevate è favorita dalle zampe posteriori fittamente pelose e dalle falangi ampiamente divaricabili che consentono di non affondare nella neve, mentre le unghie robuste e arcuate facilitano la tenuta sulle superfici ghiacciate. La lepre variabile è in grado di superare l’inverno alimentandosi esclusivamente di gemme e cortecce di latifoglie, ma possono nutrirsi delle loro stesse feci, riciclando in questo modo le fibre

vegetali ancora presenti. Tra i mammiferi minori ci sono i toporagni (appartenenti alla famiglia dei Soricidi), dotati di un muso lungo appuntito e mobile, simile a una proboscide. I soricidi presentano un tasso metabolico molto elevato, che impone a loro di nutrirsi frequentemente, ingerendo ogni giorno una quantità di prede che può arrivare a eguagliare il loro stesso peso corporeo. Sono utili in agricoltura, poiché consumano molti insetti dannosi.

Marmotte

Molto più conosciuto rispetto agli ordini precedentemente descritti sono i carnivori e gli ungulati. I primi comprendono i grandi predatori, anche se molti si sono estinti nel secolo scorso in diverse zone della catena alpina a causa della persecuzione diretta operata dall’uomo; si pensi per esempio al lupo, all’orso, alla lince e al gatto selvatico.

Camoscio


26

Lupo

Un discorso a parte merita il lupo che estintosi sulle Alpi all’inizio del XX secolo, sta ricolonizzando l’arco alpino a seguito di un naturale processo di dispersione di esemplari provenienti dalla Slovenia, dalle Alpi Marittime e dall’Appennino. Una nuova popolazione sta colonizzando il Veneto, precisamente a Boscochiesanuova (Verona), dove un lupo maschio radiocollarato proveniente dalla Slovenia e una femmina testata mediante DNA proveniente dal Piemonte hanno prolificato 2 cuccioli nell’anno 2013 e ben 7 cuccioli nell’anno 2014. L’evento straordinario, seguito con particolare interesse da ricercatori- studiosi Italiani ed Europei, ha dato origine al primo branco di lupi sulle nostre Prealpi. Gli ungulati sono infine tra i

mammiferi più facilmente osservabili sulle nostre montagne anche per le dimensioni, in particolare i bovidi: come lo stambecco e il camoscio. Nei cervidi il cervo è l’ungulato di maggiori dimensioni presente sulle Alpi, potendo superare anche i 200 chilogrammi di peso. Il capriolo è uno scattista molto veloce su breve distanze, ma estremamente poco resistente: questo lo rende vulnerabile alla predazione da parte del lupo e di cani vaganti. Tutti gli ungulati come altri mammiferi risultano sensibili a turbative di tipo turistico-sportivo come l’escursionismo nelle aree riproduttive, lo scialpinismo nelle aree di svernamento (gli animali se sorpresi ripetutamente possono arrivare a consumare nelle

VALTERMO

Cucciolo di Capriolo

fughe gran parte delle enerVale l’avvertimento gie accumulate nella buona che quando ci si stagione mettendo a rischio avvicina a ecosistemi la loro sopravvivenza invervulnerabili e delicati nale). Non è poi infrequente ducome quelli montani rante la tarda primavera che è indispensabile ignari escursionisti raccolgaadottare un no cuccioli di capriolo ritrocomportamento vati acquattati tra l’erba e nel rispettoso, cercando sottobosco, nella convinzione di non interagire con che questi siano stati abbandonati; questo è invece il tipila fauna selvatica co comportamento di difesa dei ma limitandosi a piccoli, che tentano di rimanere osservarla da una inosservati restando immobili e distanza adeguata, mimetizzandosi mentre la mache non pregiudichi dre è vigile nei dintorni. Poiché le la possibilità di fuga tracce odorose lasciate dall’uomo nel caso costui maneggiasse degli animali. il cucciolo possono indurre addirittura la madre ad abbandonare il cucciolo.

ltermo.com valtermo.191.it - www.va ti@ ian mp o.i rm lte va 0445 407155 I) - tel 0445 406333 - fax (V o gn lda Va 8 07 36 Via Enrico Fermi, 13

Progettazione, installazione e manutenzione impianti termoidraulici civili e industriali impianti solari, recupero energetico comfort ambientale e climatizzazione


27

Indovinate chi è?


28

la risposta è:

il mitico Gustav Thoeni, fotografato da Silvano Chiappin In questa pagina uno straordinario reportage “apres ski”: il campionissimo di trafoi, Gustav Thoeni, assieme al suo amico e fotografo Silvano Chiappin, in alcuni momenti di festa: mentre fuma il sigaro, mentre stappa champagne, mentre balla con Silvano coperto di neve e mentre spala la neve dal terrazzo dell’albergo. Gustav Thoeni vincitore di 4 Coppe del Mondo 1 oro 2 argenti Olimpici 4 ori Mondiali

FRATELLI CAMPOSILVAN SNC DISTRIBUZIONE BEVANDE

Vai sempre a tutta birra

VIA BELLA VENEZIA 52 36076 - RECOARO MILLE - VICENZA TEL 0445 75044 - FAX 0445 75438 E- MAIL: CAMPOSILVAN@TIN.IT


VICENZA TENDAGGI - PAVIMENTI - TENDE DA SOLE

ST R AO R D IN AR IO M ES E D EL TA PP ET

HABITAT A VICENZA

O

IA NI E M OD ER NI RS PE I ET PP TA A ID U Q LI E A EL IM IN

C O N S C O N T I F IN O A L TA

SOLO PER QUES

SETTIMANA

DAI PREZZI GIÀ

SCONTATI

ULTERIORE

SCONTO 10%

70%

Tapp eti vivi e vivi la tua casa con questa autentica Occasi one

A LC U N I E S E M P I !

TABRIZ E KASHAN PERSIANI DI VECCHIA MANIFATTURA

cm 150 x 100 € 1.060 scontato 70% € 318 cm 200 x 300 € 1.600 scontato 70% € 480 cm 350 x 250 € 1.380 scontato 70% € 595

TAPPETI MODERNI BELLISSIMI ! CAPRI cm 133 x 195 scontato € 150 CAPRI cm 160 x 230 scontato € 220 DECO cm 155 x 230 scontato € 310 DECO cm 200 x 290 scontato € 490

CORSIE KASAK

cm 190 x 60 € 280

seguici anche su

LAVAGGIO E RESTAURO

SETTIMANA

A

DAI PREZZI GIÀ SCONTATI

ULTERIORE

SCONTO

10%

DEI VOSTRI TAPPETI PROVE GRATUITE PAGAMENTI AGEVOLATI

Habitat Veste la tua casa VICENZA

SOLO PER QUEST

via dei frassini 1/15 - (Centro Ponte Alto) tel. 0444 340150 - fax 0444 275260

www.habitat-vi.it info@habitat-vi.it vicenza@habitat-vi.it

www.habitatcasaonline.com


Foto di Giampaolo -Trota- Calzà

VIENI A SCOPRIRE LA NUOVA LINEA MONTURA PRIMAVERA ESTATE 2015 ALPSTATION SCHIO

Via Lazio, 1 -36015- Schio (VI) Tel. +39 0445 030031 Fax +39 0445 030032 schio@alpstation.it www.alpstation.it www.montura.it

NUOVI ORARI: lunedì 15.30-19.30 martedì/venerdì 9.30-12.30 / 15.30-19.30 sabato 9.30-19.30 continuato


31

valdagno

C

ari cittadini e cari sportivi, questa mia lettera vuole essere un appello a tutti voi affinché, nella vostra pratica sportiva e grazie al passaparola, possiate sensibilizzare quante più persone possibili riguardo un rischio reale che frequentemente si presenta lungo le nostre strade. Sono state portate alla mia attenzione, da parte di nostri cittadini, alcune segnalazioni in merito alla poca visibilità che hanno numerosi corridori che ogni giorno si dedicano all’attività fisica lungo le strade del nostro territorio, in particolare quelli che scelgono gli orari del primo mattino o serali per fare un po’ di sano jogging. Da corridore amatoriale non posso che sentirmi coinvolto in merito a questo argomento che ogni anno vede il verificarsi di numerosi incidenti, molte volte anche di grave entità. Da tempo sul mercato sono disponibili diversi dispositivi che permettono di aumentare quella che viene chiamata “sicurezza passiva” e gli accorgimenti da adottare possono essere semplici ed efficaci. Con il vostro aiuto, pertanto, potremo informare atleti e appassionati per cercare di ridurre il più possibile il rischio per tutti, tanto chi si trova alla guida quanto chi corre. Qui di seguito riporto un breve vademecum che è stato pubblicato sul sito www.runnersworld.it proprio sul tema, chiedendovi di diffonderlo attraverso i canali che riterrete più idonei. Infine, colgo l’occasione per augurare a tutti voi un piacevole anno di sport e salute.

Night Running di Giancarlo Acerbi

Il sindaco di Valdagno, Giancarlo Acerbi, scrive agli sportivi

8 CONSIGLI INDISPENSABILI PER CHI CORRE AL BUIO 1. Usa fasce riflettenti e led luminosi sulle braccia o sulle caviglie piuttosto che in vita o sulla testa. Le luci in movimento attirano l’attenzione. 1. Procedi nella direzione opposta rispetto al traffico. È più facile evitare un veicolo se lo vedi sopraggiungere. 1. Non indossare abiti scuri. Bianco, giallo e arancione sono i colori più facili da vedere di notte. 1. Evita di allenarti con il lettore mp3. Con la vista limitata è preferibile mantenere gli altri sensi attivi al 100%. 1. Esci con uno o più compagni. In gruppo si è più visibili.

www.comune.valdagno.vi.it

1. Scegli un percorso che conosci bene, eviterai di imbatterti in ostacoli imprevisti. Un sopralluogo diurno può essere molto utile. 1. Lascia detto a qualcuno dove vai e a che ora intendi tornare. 1. Corri sull’asfalto o su terreno piatto, dove sei sicuro che non ci siano delle buche insidiose.

vivivaldagno.it


sportart

photo: Silvano Chiappin Capoverde, aprile 2013, ntico palestra all’aperto sull’oceano Atla

free exercise



34

valdagno

Volevo percorrere il mio Paese a piedi di Giorgo Albiero

Prima tappa dell’affascinate cammino attraverso l’Italia: da Valdagno a Sasso Marconi.

C

amminare fa pensare o comunque riesce a mettere in ordine le idee. Volevo percorrere il mio paese, L’Italia. Credo un paese particolare, dove le caratteristiche geografiche così diverse potrebbero unirci, mentre la politica tende a separarci con le solite chiacchiere inutili. Come tutto il pianeta, anche l’Italia non si usa e getta, non è un fast-food, per conoscerla bisogna sedersi a tavola, e allora appena stesa la tovaglia ho iniziato a camminare. Ero pronto a partir da solo, poi invece un altro ragazzo della Valle Agno si è aggregato. Ci siamo trovati un giorno all’uscita di Bocchetta Fondi e chiesi

semplicemente: vieni con me verso sud? La risposta è stata semplice e breve: Si! In realtà i primi trenta Km sono stati decisamente verso est. La partenza è contrada Venco, Castelvecchio provincia di Vicenza. Si scende a Valdagno e si passa la Rio e poi l’Agno che si attraversa sul ponte per me simbolo, il ponte delle Ciacole. Poi Sbroiaculo e Massignani, Feo, Priabona saliti sul sentiero delle creste fino a Montepulgo per scendere a Isola Vicentina, riposo. Nonostante la traiettoria verso est, alla partenza l’orizzonte è piatto, siamo già a percorrere la Pianura Padana passando attraverso le meravigliose o


35

magnifiche risorgive del Bacchiglione e puntiamo verso i colli Euganei. Ai familiari e amici che in quei giorni chiedono dove siamo è difficile rispondere: Padova! Ancora lì rispondono, non siete distanti! È vero, in un attimo possono venirci a trovare, ma noi abbiamo già varcato un ipotetico confine. Ci sentiamo già in terra straniera, fare le strade che mille volte abbiamo attraversato usando altri tipi di energia e poi, esserci in mezzo potendo fare al massimo 40 o poco più miseri Km al giorno non è solo un viaggio, è conoscenza della propria terra sconosciuta. Al mattino la nebbia misto sole fa apparire tutto più vivo, più vero. Sulla pista ciclabile si osserva l’intreccio di canali che rendono la pianura abitabile e coltivata. Si entra poi nella provincia di Rovigo e per la prima volta in vita mia, fresco quarantenne, scopro che anche noi abbiamo un pezzo di terra che finisce piana e a perdita d’occhio, emozionante. Qui per chilometri, più che paesi, si attraversano case isolate molto distanti fra loro. Un grande podere porta ancora la tabella della vecchia scuola. Qui si viveva di mezzadria e in tempi non molto lontani (60 anni fa) la vita che i nostri avi nelle contrade di montagna raccontano, seppur simile è molto diversa da quella che probabilmente raccontano qui.

I piedi, o meglio le suole, toccano quasi sempre un manto nero. Su queste antiche vie di comunicazione è stato fatto il lifting. I pedoni, l’essere umano è stato eliminato. Ora ci si muove solo con una corazza metallica a motore. Dove non ci sono fabbriche esistono ancora distese di campi, ma non sono rispettati. Non c’è Biodiversità e amore. I prati non hanno un nome, non son altro che prodotto interno lordo, un cm equivale a un denaro. Certo non si vive di poesia, ma la demenza ha prevaricato troppo. Non sono andato a vedere il bello dell’Italia, sono andato a veder l’Italia e la strada percorsa è stata descritta perché fa parte di un sogno tutto italiano, ammappalitalia.it di percorrerla un giorno senza dover schivare le macchine. (Made in Italy) Perché personalmente non ho mai capito le aree protette, dovremo cercare di proteggere un po’ tutto, a me fa piacere che tutti possano abitare in un bel luogo, poi se abito in montagna andrò a far le vacanze al mare e viceversa, ma entrambi devono essere trattati bene.me piace attraversare i fiumi. Finalmente ho conosciuto il Frassine che dicono porti acque

chiare ed il Fratta. Poi vengono i più importanti, per entrare in provincia di Rovigo si è superato il sempre impetuoso Adige e per lasciare il Veneto manca il Po. Siamo a Ficarolo, dal centro storico si nota sullo sfondo un muro verde, è l’argine più lungo d’Italia. Saliti, il fiume scorre ampio davanti a noi orgoglioso ma stanco, sembra un vecchio pieno di rughe che porta con sé i segni delle tante persone incontrate lungo il suo viaggio. Su uno stretto passaggio nel ponte si entra in Emilia a pochi Km anche dalla Lombardia e qui si trova la regia della grande bonifica di Burana, un’opera antica e moderna, sia per uso irriguo che per salvaguardia idraulica. Un maestoso complesso di canali, idrovore e tanto altro all’interno di un territorio enorme racchiuso dai fiumi Secchia a ovest, dal Panaro e Reno a sud e dal mare Adriatico ad est. Ancora pianura, coltivazioni. È passata la metà di ottobre e quindi oramai si è raccolto tutto, resta un po’ di soia, tutto il resto è in via di aratura. Si trovano sparse le piantagioni di mele, pere ma forse di più sono le piante di kiwi. Piano piano ci si avvicina alla provincia di Modena e aumenta-


36

no i segni lasciati dal terremoto di due anni fa. Passiamo il centro di Finale Emilia, città più colpita dove la torre dell’orologio rimasta in bilico alla prima è caduta poi alla seconda forte scossa. Appena fuori si sale per un tratto sul divertente argine del Panaro. Non è ancora asfalto, i lavori per la costruzione della pista ciclabile hanno riscoperto il terreno sabbioso. Ora bagnato dalle piogge è una saponetta ed è una sfida a non cadere che permette ai piedi e al corpo di muoversi in modo diverso. Lo stesso giorno siam passati all’interno dell’antico sistema delle Partecipanze Agrarie (vedi foto), ancora oggi in uso sottoforma di proprietà collettiva risalente al XII secolo: i terreni sono suddivisi in campi detti morelli con una casa rurale di proprietà del conduttore del fondo che gli è dato in concessione dalla Partecipanza, un ente di diritto pubblico.

Il giorno seguente invece si attraversa il centro della città di Cento e si risale su un altro argine di un fiume che porta direttamente alla città di Bologna, il Reno. Non è stato ancora deciso con che materiale sarà ricoperto, ora è tutto verde come gran parte del territorio circostante e qui, oltre al fisico si riattivano anche gli occhi. È sempre un piacere rivedere Bologna, città elegante che accoglie bene anche chi vuol camminare. Quando si esce si prende la direzione di Casalecchio dove si ritorna a fianco del Reno, ora però non si è sull’argine ma ci si cammina al fianco in un ambiente esagerando primordiale.

Alla prossima uscita… si proseguirà per l’Appennino fra Toscana, Umbria e poi Lazio incontrando sempre persone nuove e dialetti differenti ognuno con le proprie portate, L’Italia. Poi asfalto, si passa sotto all’autostrada e ferrovia per arrivare al paese di Sasso, culla delle radiocomunicazioni grazie a Guglielmo Marconi. Ora appunto Sasso Marconi. Da qui la prima salita dopo la lunga attraversata padana, la posizione di cammino cambia e sembra che lo zaino sulle spalle sia più leggero. In due settimane è stato servito l’antipasto e non si può certo dire che non fosse abbondante.


37

chiampo

Durona Trail di Marta Carradore

La trail run della Valle del Chiampo

L

a natura dell’uomo non predispone il passare le giornate seduti su una sedia accompagnati dal ticchettio dei tasti della tastiera e di fronte a uno schermo luminoso che, giorno dopo giorno, ci fa diventare sempre più pigri e cicciottelli…. La natura dell’uomo è il cammino, sia fisico che emotivo…il cammino fatto di cose concrete che l’uomo può osservare, toccare, ascoltare, lo stare all’aria aperta e sapersi meravigliare di fronte a tutto ciò che Madre natura ha creato. La crescita esponenziale che il mondo dell’outdoor sta vivendo in questi ultimi anni è dovuta dalla volontà dell’uomo di lasciare le quattro mura dove, spesso, è costretto a rimanere molte ore per il lavoro, e a ritagliare del tempo per se’ stesso vivendolo all’aria aperta, camminando, facendo nordic walking, correndo. Molti comuni, al giorno d’oggi, hanno un occhio di riguardo per queste attività che i propri abitanti hanno deciso di sposare per il proprio benessere psico-fisico e collaborano con le diverse associazioni e gruppi che le promuovono per dare la possibilità a sempre più persone di avvicinarsi ad esse. Proprio per questa volontà, il comune di Chiampo sempre attento e pronto ad investire per benessere dei propri cittadini, per il 2015 ha accettato la sfida della neonata società TreCrociTrailteam, un gruppo di 15 runners capitanati da Erico Galiani, di programmare e disputare una competizione inserita nel calendario G-prix dlla IUTA (associazione italiana ultra maratone e trail) di grande importanza: la DURONA TRAIL. Il trail running è una disciplina che prevede la corsa su terreni non asfaltati, sentieri e monta-

gne al massimo contatto con la natura. La Durona trail verrà disputata il 20 GIUGNO 2015, in occasione della festa della ciliegia Durona, prodotto De.Co del comune, tra gli affascinanti sentieri della valle del Chiampo; in un anello che percorrerà in prima parte la dorsale veronese nella parte occidentale della valle, attraversando i Comuni di Vestenanova, Bolca, San Bortolo delle Montagne, Durlo e Campodalbero, passerà poi, per lo storico rifugio Bertagnoli alla Piatta, in direzione Cima Marana da dove attraverso una discesa tecnica si passerà sulla dorsale orientale attraversando Castelvecchio e percorrendo i sentieri sui Faldi si passera per Nogarole per poi ridiscendere in piazza a Chiampo.

in modo da dare la possibilità a chi non corre di percorrere un tratto di questa fantastica corsa e di ammirare gli splendidi paesaggi della valle e ad assaporare le famose ciliegie. In preparazione a questo evento Zecchin Sport, con lo Sci club

60km e 3000m D+ …una prova da veri DURI! La gara è aperta a Singoli per il Trail Integrale, ma anche per le Coppie che si divideranno la lunghezza del percorso. Iscrizioni aperte dal 1 Febbraio 2015. La corsa sarà affiancata anche ad una marcia di nordic walking di 20km, organizzata dal gruppo nordic walking sci club Chiampo, Salieri Viaggi organizza:

Chiampo e il Comune di Chiampo, ha organizzato delle sedute settimanali, il mercoledì sera dalle 19,00 alle 20,00 presso la pista di atletica del comune, un Corso di corsa per imparare la corretta postura della corsa e renderla più redditizia limitando i traumi che possono emergere se non fatta correttamente.

Le iscrizioni sono aperte! Tutte le informazioni e il programma dell’evento sono disponibili sul sito www.duronatrail.it. Che dire….. PRONTI PARTENZA VIA!!!!!!


38

valdagno

Guan Dao L’arma spettacolare del Kung Fu di Massimo Neresini

L

’alabarda è una arma molto conosciuta anche nel mondo occidentale in quanto fin dal tardo medioevo essa veniva usata dalle fanterie nei diversi campi di battaglia europei. Anche oggi la possiamo vedere come oggetto decorativo di una guardia reale o papale quale simbolo di forza e potenza proprio per la quasi invincibilità che, ovviamente nel passato, aveva un uomo armato di alabarda. Anche in Cina, seppure in forma diversa, si sviluppa questa arma che prende il suo nome dal grande generale Guan Yu che la utilizzava sia come arma di fanteria che a cavallo. Questa arma era composta da una massiccia lama monofilo con il dorso frastagliato innestata su di una struttura lignea alta circa 1,5 metri che al fondo presentava un grosso puntone. L’altezza complessiva superava quindi i 2 metri ed era indubbiamente un’arma adatta a guerrieri molto potenti fisicamente in quanto il peso era veramente importante. Pensate che l’arma del Generale Guan pesava oltre i 40 Kg e nella mitologia cinese fu proprio lui il primo guerriero ad usarla in modo massiccio in battaglia legando così il suo nome all’arma stessa, mitizzata poi con il nome cinese di Qing Long Yan Yue Dao ossia “Lama crescente del Drago Verde”. L’arma, come spesso accadeva, era dotata di anelli, ciondoli e fiocchi che servivano a confondere l’avversario sia per i suoni emessi che per la vista di elementi colorati che distraevano così dall’attenzione al combattimento sfruttando appieno la

“paura” come arma supplementare nello scontro. Molto spesso questa arma segnava l’abilità dell’ufficiale di fanteria tanto che veniva usata per dimostrare la sua forza ed abilità nell’usarla. Così si conoscono, dai testi antichi, che queste armi “test” pesavano anche oltre gli 80 Kg e proprio servivano per determinare il grado dell’ufficiale che le testava. Una di queste armi è ancora presente nel museo di Shanhaiguan in Cina ed è del peso di 83 Kg. L’arma usata dal Generale Guan pesava circa 42 Kg e veniva utilizzata dallo stesso normalmente a cavallo anche per appoggio in quanto in una battaglia sarebbe stato impossibile usare per ore una arma di quel peso. Si racconta che il Generale Guan fosse capace di falciare anche 11 guerrieri di fanteria in un colpo solo. Attualmente questa arma è estremamente diffusa nell’Arte Marziale cinese sia nel Kung Fu che nel TaiJiQuan Stile Chen. Il suo peso varia oggi dai 2 ai 10 Kg ed è utilizzata in forme anche molto complesse. Richiede una grande abilità nell’utilizzo e tenacia di allenamento altrimenti, soprattutto con armi pesanti, si arriva difficilmente a concludere bene una forma complessa.


39

valdagno

Nella Scuola di Arti Marziale “ITALIA POON ZÈ TEAM” del Maestro Bon, nel corso di TaiJiQuan stile Chen viene insegnato anche l’utilizzo di questa antica ed affascinante arma che come detto serve esclusivamente a mantenere ed allargare la storia delle armi antiche cinesi utilizzate dai guerrieri e nello stesso tempo a rafforzare avambraccio, spalle ed abilità.

Meeting Club per la scuola e per lo sport

Scuola di Kung Fu e TaiJiQuan “ITALIA POON ZÈ TEAM” diretta dal Maestro Bon Giuseppe. Puoi trovare informazioni sul web: www.poon-ze.com Su Facebook giuseppe.bon

Cel. 328-7304862 Vi auguro uno splendido 2015, coniugando lettura, attività sportiva, grinta... ma non perdete mai di vista i vostri SOGNI!

ione Meeting Club di Il 13 dicembre 2014 presso l’Associaz eroso pubblico, si tenuto Valdagno, alla presenza di un num icato allo sport giovanile un importante appuntamento ded la sua esperienza, tesseva i fili “Meeting Club per la scuola e per dei vari interventi riportando silo sport” questo il titolo della mastematicamente l’attenzione dei nifestazione e questo il leitmotiv presenti allo scopo principale che durante la giornata è stato della giornata: più volte ripetuto. I ragazzi deli Giovani, lo sport, lo studio… Per la scuola tennis presenti hanno la prossima estate è previsto reso ancor più vivace la giornata anche l’affiancamento, durante con il loro entusiasmo seguiti ed i consueti stages sportivi, delaffiancati dai Maestri/Istruttori la lingua inglese per integrare e Demis Zito e Cristina Mascella completare ancor più il connubio che con professionalità e passioSport/Studio. ne, seguono da un anno circa la struttura sportiva. La giornata si concludeva con il Gli interventi delle autorità prereciproco scambio di auguri nasenti: Il Questore di Vicenza, Gatalizi e con il proposito di rinnoetano Giampietro, Il Sindaco di vare l’appuntamento per il prosValdagno, Enrico Acerbi, hanno simo anno. puntualizzato i valori dello sport e dello studio ribadendo la necessità che qualsiasi organismo sportivo debba valorizzare i giovani in questo senso. Il gruppo degli atleti presenti nella giornata ha condiviso in pieno quanto detto dagli illustri relatori. Motivo di orgoglio per i genitori ed il pubblico presente sono stati gli eccellenti risultati fin qui raggiunti dalla scuola di tennis. Il conduttore/presentatore della giornata Andrea Ederosi, con


40

vicenza

5 1 0 2 il a r T s u ic r e b a r lt U da tutto esaurito

di Giulio Centomo foto di Mauro Ferretto oniceno Circolo Fotografico Le

certezIn terra vicentina, la a sola: za di primavera è un Ultrabericus Trail

io si è tenuta anverno A inizio febbra l’in il tra ta ne pia ul ricognizione del ri- che la consueta ha ido rig rto ce n no quanti si sono voluti ttata tracciato con pe as ’in un to rva se go il percorso di guire testare già lun se pro r pe a on bu finestra e cosa li attenderà si al gara per capir rar pa pre e ti en am gli allen ognizione è stata gare a marzo. La ric di ro me nu ior gg ma sempre mpre nel rispetto di italia- preceduta, se rca ma di rio da len e made in che il ca una sorte di tradizion . no an po do no an ne na propo da alcuni weekend cer- Ultrabericus, la rò, pe a, tin en vic In terra sentieri per prepasola: di pulizia dei a un è a ver ma pri km con ben tezza di rare al meglio i 65 il. Tra us ric Ultrabe di dislivello positivo a del 2.500 metri ell qu rà sa 15 20 e L’edizion nno a raccolta runraberi- che chiamera Ult sa ca in e tro lus primo angolo d’Italia e non fervo- ners da ogni te en ilm ab vit ine am cus Te solo. no i preparativi. le ipo tic an Chiuse con un buon i tracciatori arrivano neces- Dallo staff de o res è si o bit su i, iscrizion rtanti indicazioni che una li- alcune impo e lar sti a re de vve sario pro i km da macinare. chi run- riguardano po n no i r pe sa tte sta d’a certosino sono state n sono Con lavoro no ffio so un r pe e ners ch ghezze riportando il petto- limate le lun un rsi ura sic as ad riusciti ggio a 65 km effettivi. zza dei chilometra Pia di rre rte pa il r predisporale pe Si confermerà il tratto za. en Vic a ri Signo anno nei pressi del pros- sto lo scorso il i ind qu nto me Appunta on per aggirare una lotto vi- Lago di Fim sa l ne rzo ma 14 simo aveva compromesso questa frana che a via il re da r pe l’originacentino neamente dizione è momenta tra da ai del orm e ch gara rso. La “deviazione” di appas- le perco ia na nti ce r nel i pe ett mo eff richia 2014 entrerà a tutti gli fedif la ti. so siona tracciato 2015, con la ce dis in rsa renza che sarà perco sa e non in salita.

S


41

i concedePer chi si volesse po all’insegna re un ulteriore sfogo ll’ambito di del trail, ad aprile, ne rtivo Lumidell’evento multispo tornerà il gnano Outdoor 360°, Sprint: 1.000 Lumignano Vertical e 200 m di metri di lunghezza cronoscaladislivello per una ripetersi in ta tutta d’un fiato da rsi nell’indue manches, imme delle falesie cantevole contesto nano. La manon ma di roccia di Lumign Alla gara maestra, la staffetta nifestazione, che vede in cabina cherà di affiancarsi io di testi- di regia gli uomini del Gruppo “El Lui&Lei con passagg nte teatro Sasso”, dell’A.S.R.D. Neve Roccia mone nell’affascina ltrabericus nato. di Arcugnano e dell’U dell’Eremo di San Do overe queTeam, intende promu e dei Colli Betterà all sto angolo di natura Il semaforo verde sca ri ndo dell’ardei Signo rici, noto in tutto il mo ore 10.00 in Piazza ivi e più volte primi arr rampicata sportiva, a Vicenza, mentre i , 30 iusura. o alle 15. dichiarata a rischio ch sono previsti attorn a o all’attes per proseguire poi fin ma, sembra le 23.00. tro en ers La primavera, insom dei last finish delle corse promettere il sapore aai prati ed rici firm a perdifiato in mezzo Il periplo dei Colli Be lo e avventu, dopo il gusto di una grand to Ultrabericus Team ffiabericus rà le tra ra nel segno dell’Ultr sparo d’inizio, lasce o tin o vicen Trail. cate strade del centr gle track, sin su i ars per addentr ce e transimulattiere e carrarec Arcugnano, tando in territorio di Gottardo e quindi Perarolo, San n le gambe Grancona. Da qui, co ndi si conben rodate dai salisce zzolo e Viltinuerà alla volta di Po chilometri laga. Quando il conta tro si sarà segnerà il 34° chilome iche. A San solo a metà delle fat si potranno Donato le staffetta di gettarsi dare il cambio prima ilometri, ma lungo i rimanenti ch aci la galopper i runners più ten Barbarano, pata procederà per Villabalzana, Mossano, Nanto, are le enerFimon per poi ingran a capofitto gie restanti e gettarsi Vicenza, non ancora una volta su pressi della senza passare nei Rotonda palladiana.

scatterà nei Il principale cambio Grancona, in pressi di Pederiva di i verrà spoQu e. qu località Le Ac o e check tor ris o stato il second ece posto point, che troverà inv aordinaria str a un all’interno di ializzata ec sp , ola azienda agric e officierb di e on nella coltivazi splendia un di sto nali, nel conte da villa.

a La primavera sembr re promettere il sapo o delle corse a perdifiat in mezzo ai prati ed il gusto di una grande avventura nel segno l. dell’Ultrabericus Trai

.it

us Info: www.ultraberic


42

lettere

Potete scrivere al Senatore Alberto Filippi inviando le vostre e-mail a: sportivissimo@mediafactorynet.it Le vostre lettere possono essere lette anche nel sito: albertofilippi.it

Che noia lo sci visto in tv Sono uno sciatore accanito, di quelli che, se potessero, vivrebbero con gli sci ai piedi 12 mesi all’anno. Dello sci mi piace tutto, proprio tutto e ho sempre vissuto le grandi competizioni internazionali come momenti di intenso piacere. Tuttavia, fresco di tante serate davanti alla tv a vedermi i Mondiali di Vail, questa volta, devo ammetterlo, mi sono annoiato. Sì, ci sono stati dei momenti indimenticabili come la seconda manche di super Ted Ligety, ma nel complesso lo spettacolo si è fatto alquanto desiderare e con esso il piacere di stare davanti alla tv. Chiedo, se mi sono annoiato io a guardare i Mondiali in tv, io che vivo per lo sci, chi è un semplice appassionato cosa può aver provato? Questa scarsa telegenia dello sci non può danneggiare l’intero movimento? Non sarebbe il caso di pensare a una nuova formula di gare per aumentare lo spettacolo e quindi lo share televisivo? Con simpatia, Piero.

Caro Piero, non sei il solo a dire che lo sci in tv non esprime nemmeno l’infinitesima briciola di piacere che lo sci in pista invece ci dà. Tra il vedere un campione sciare e sciare anche da principiante, la gioia è tutta, sfacciatamente, a vantaggio del secondo. Se poi sai sciare bene, come immagino sappia fare tu, allora il confronto è proprio improponibile. Non sei il solo ad esserti annoiato, perfino il gran capo della Fis, Waldner, la pensa come te, se è vero come è vero che sta cercando in tutti i modi la via giusta per dare una degna visibilità allo sci in tv. Nei Mondiali di Vail, che di per sé sono stati bellissimi (il podio del superg femminile con la Fenninger, la Maze e la Vonn è stato qualcosa di eccezionale con tre ragazze una più brava e più bella dell’altra; la seconda manche di Ligety, come fai notare tu, è stata un capolavoro, un’esibizione di tecnica pura) si è provato a dare spettacolo allo sci in tv: si sono fatte riprese con i droni che dall’alto facevano vedere le linee scelte dagli atleti, ci sono stati i rallenty, i fuori gara della partenza che ci hanno fatto vedere come gli atleti si riscaldano prima di scendere e poi i fuori gara dell’arrivo con i commenti a caldo… ma il risultato nel suo complesso è stato insoddisfacente. Waldner, il grande capo della Fis, ha capito che non è una semplice questione di riprese e sta pensando di rivoluzionare la formula delle gare. Ha proposto discese più corte, gli slalom a una sola manche (c’è troppo tempo tra una e l’altra e il pubblico si distrae). Tutto, dice, deve essere più veloce, più immediato, più spettacolare. Credo che abbia ragione, lo sci deve esserci in televisione ed esserci da protagonista. Non è un progetto impossibile, un paio di volte c’è riuscito: nel 1975 per il parallelo della Val Gardena, quando al cancelletto di partenza c’erano tre campionissimi come Thoeni, Stenmark e Klammer che si giocavano, in una sola gara, la Coppa del Mondo e poi alle Olimpiadi di Calgary del 1988, quando per vedere Tomba la Bomba, si è interrotto perfino il festival di Sanremo. Dobbiamo tornare a quello sci straricco di emozioni per vincere in tv. Buone sciate, Alberto


i r o t u b i r t s i Veneto D

tutta la vallata , za en ic V di a ci in ov Pr o in gran parte della am ri pe O . ni atici e logistici che ci an rm 20 fo e in i tr ol em st da si e di or tt ti dota Siamo nel se operazioni inle tebello,…… Siamo e on tt M tu , e po ch m ia an , Ch no , zi no agaz e dell’agno, Arzigna ributore e relativo m st di o ol ng si in base alle normativ al e, e in tr ch ol ac e m ir st lle ge de di e zion permettono eventiva e la sanifica pr e on zi en . ut an m la evoluti e diversificati no dispensabili per so i at zz ili ut i no gamento da HACCP. I sistemi di pa il distributore. Possibilità di provare

visitate il nostro sito:

www.venetodistributorisnc.com Veneto Distributori s.n.c - Via Riobonello, 13 - 36073 Cornedo Vicentino VI tel 0445-446250 fax 0445 446234- venetodistributori@tiscali.it


TEL. 0445 500131 info@whysport.it www.whysport.it

sponsor ufficiaLi

Veloce club Torrebelvicino - c.s.V. squadra Hockey Valdagno a1