Issuu on Google+

Il regno di shamballa

Alessio Girella


Il regno di shamballa

Alessio Girella


Heart shaped box l. 140 x h. 100 cm smalto su carta radiografica

Il grande gary l.100 cm x h. 100 cm smalto su tela


Ran l. 200 cm x h.100 cm tecnica mista / olio smalto e gessi su tela

Hunting l. 200 cm x h. 100 cm smalto su tela


Riding on a red carpet l. 200 cm x h. 100 cm smalto su tela

Wonderland l. 100 cm x h. 100 cm smalto su tela


Rituale azteco l. 30 cm x h. 25 cm acquaforte monotipo

Assenzio l. 100 cm x h. 100 cm tecnica mista / olio smalto e gessi su tela


Circus l. 100 cm x h. 100 cm smalto su tela

El Dorado l. 200 cm x h. 100 cm smalto su tela


Il signore delle mosche l. 100 cm x h. 100 cm tecnica mista / olio smalto e gessi su tela

Karamazov l. 100 cm x h. 200 cm tecnica mista / olio smalto e gessi su tela


Bordello l. 50 cm x h. 70 cm tecnica mista / olio smalto e gessi su tela


Il regno di Shamballa Alessio Girella

Biografia

L’arte è la sola strada attraverso la quale gli uomini fuggono dalla realtà concreta nel desiderio dell’estasi.

Artista puro, Alessio Girella, vive la propria esperienza creativa ricercando attorno alle sue più pressanti ossessioni.

La mia ricerca muove soprattutto da riflessioni sui materiali riciclati. Attraverso operazioni di assemblaggio costruisco forme che alludono ad una compiutezza formale, nonostante la loro condizione sia sempre precaria. Il mio modo di operare risponde ad un’esigenza di esprimere le tensioni intrinseche ad un processo creativo che scaturisce da un mio inquieto approccio nei confronti della casualità. Il mio gesto utopistico si propone di addomesticare il caso, ricorrendo a procedimenti di formalizzazione che negano palesemente qualunque compiacimento estetico, in virtù di una poetica fondata sull’immediatezza espressiva.

In questo senso, è perfettamente integrato nel proprio tempo: un periodo, questo, in cui l’unica vera certezza è la totale assenza di certezze, in cui, il passato, con le sue glorie, i suoi valori, i suoi sistemi, non fa che sopravvivere come sbiadito ricordo di ciò che non potrà più essere. E l’estetica del silenzio...fatta di accenni, rimandi, citazioni, misti ai vuoti incolmabili dell’essere contemporaneo. Ma il giovane artista non risponde alla drammaticità, alla crisi, con l’ennesima celebrazione crepuscolare, tutt’altro, la sua arma migliore è l’ironia, lo sberleffo, la messa in scena grottesca e dissacrante.

La cultura figurativa più pregnante, per Girella, nasce attraverso le opere di Ensor, Munch e de Kooning, artisti tragici, ma carichi di quella forza capace di sopravvivere oltre i segni tangibili del loro destino. Gli strumenti preferiti dell’artista bergamascosono dipinti, incisioni, ma, soprattutto, istallazioni e cortometraggi. Sovversivo ed umorista, Girella compie delle evoluzioni attorno al senso di vuoto e di malinconia del mondo moderno, prendendolo a calci e, soprattutto, stigmatizzando l’elemento, che più di ogni altro, angoscia sempre il genere umano: la Morte.

Se nel corso dei millenni l’uomo ha tentato, attraverso la sua arte, di eleggere l’immortalità come suo valore fondamentale, il novecento si è interrogato sul suo contrario, ponendo l’essere umano al centro della propria mortalità e finitezza, attraverso una visione esistenzialistica che mina i fondamenti stessi dell’arte. In questo orizzonte si inserisce a pieno l’arte sperimentale di Alessio Girella: il dualismo Morte-Ironia come reazione all’inevitabilità della prima, funge da motore per le sue esperienze creative. I suoi dipinti sono animati da scene primordiali, da tavoli anatomici, da personaggi solitari immersi nella contemporaneità o strane figure senza appartenenza. È potente in Girella il gusto del macabro: una realtà interstiziale dove egli sembra trovare il suo spirito fondante. Andrea Visentini

Alessio Girella

Nato a Bergamo (Italia) nel 1979 / born in Bergamo (Italy) in 1979

Formazione / Education 2005 “Accademia di Belle Arti G. Carrara”. Bergamo (Italia)

Premi e riconoscimenti / Awards

Mostre Personali / Personal exhibitions

Principali mostre collettive / Group exhibitions

2005 Cortopotere Film Festival 5. Primo premio come miglior cortometraggio nella sezione Spazio Bergamo. Bergamo (Italia)

2009 Artistic Distortions La Galleria Del Tasso Dal 28 Maggio al 28 luglio 2009 Catalogue. Bergamo (Italy)

2007 Inaugurazione Italian Design Museum. Triennale Design Museum; La Triennale di Milano. Video, commissionato da Kartell, sull’evoluzione del design dalla fondazione dell’azienda (a cura di / curated by Silvana Annicchiarico). Catalogue. Milano (Italy)

Movie&Co. Secondo premio come miglior spot nazionale per il video commissionato da Philips. Milano (Italia)

Workshop 2003 Here and Now. Workshop inserito nel contesto della Biennale di Tirana del 2003 (a cura di / curated by Salvatore Falci e Adrian Paci) Tirana (Albania)

2009 Il Teatro della Beffa Spazio Estro Dal 27 Giugno al 10 luglio 2009 Catalogue. Bergamo (Italy) 2006 Visioni per inciso non solo a smalto Caffè Letterario Da Sabato 24 Giugno fino al 8 luglio 2009 Bergamo (Italy)

2006 Mulhouse 006 - La création contemporaine issue des écoles d’art. Mulhouse (Francia) 2005 Corto Potere Film Festival 5. Bergamo (Italia) 2003 Festival dell’Arte di Clusone. Clusone (Italia) 2002 Cuore Animale. Le Bettole Varese (Italia) 2001 Il sonno della ragione...genera mostre. Spazio ex Ateneo Bergamo (Italia)


Alessio Girella alessiogirella@gmail.com Tel. +39 347 7872546


Mostra IL REGNO DI SHAMBALLA di Alessio Girella