Page 1


INTRODUZIONE

E l’uomo incontrò il libro

I

l libro così come lo conosciamo è nato intorno al 1450, e non è mai cambiato. Fatto di pagine stampate e rilegate, era un mezzo perfetto già dai primi esemplari. Qualche miglioria c’è stata. La stampa si è fatta più chiara e leggibile, i metodi di riproduzione più veloci, la correzione degli errori più accurata, il prezzo più accessibile. Ma la sostanza in quasi 600 anni non è cambiata. Compriamo e leggiamo un libro come i nostri antenati alle prese con la rivoluzione di Gutenberg, che improvvisamente rese accessibile e in serie uno strumento che fino ad allora era stato un prezioso pezzo unico d’artigianato. A intervalli regolari si predice la fine del libro. Perché soppiantato dalla televisione, perché si legge meno, perché si usa il computer, il tablet. Ma sono profezie che restano nell’aria. L’eBook, questo va detto, sta cambiando molto il nostro modo di rapportarci alla lettura. Soprattutto di testi specialistici: vedremo in questo numero come nelle scuole italiane sia in atto una vera rivoluzione. E magari anche in viaggio: i lettori compulsivi apprezzano la leggerezza del tablet caricato con 10, 100, 200 romanzi tra cui scegliere invece di dover caricare la valigia di testi cartacei. Ma il tablet se si bagna muore, un libro resiste agli schizzi e dopo un po’ si asciuga – chi di noi non ha una copia sopravvissuta a un tuffo nella vasca da bagno e ancora lì, magari un po’ arricciata, ma ancora perfettamente leggibile? Un libro può cadere nella sabbia e uscirne indenne, basta una scrollatina. Un libro profuma di libro, si può sottolineare e anche fargli le orecchie per tenere il segno. Se fa caldo, si può usare per sventolarsi (ci avete mai provato con un tablet?). I motivi per cui il libro così come lo conosciamo non è scomparso – e, siamo pronti a scommetterci, non scomparirà mai – sono questi e mille altri. Si evolverà, come si stanno evolvendo i modi di scriverlo, di comprarlo, i luoghi e i modi per l’acquisto. Forse si scopriranno nuovi materiali, nuovi usi della carta, per risparmiare qualche albero in più. Continueranno a cambiare le strategie commerciali, come stiamo vedendo in questi anni. Ma continueremo a tenerlo tra le mani e a sfogliarlo come 600 anni fa. Flaminia Festuccia TERZA PAGINA  dicembre 2012

3


IN QUESTO NUMERO

TERZA PAGINA Direttore Responsabile Rino Sciarretta Vicedirettore Flaminia Festuccia Redazione Patrizia Angelozzi Marianna Cozzi Paolo Cremisini Antonia Del Sambro Ester Di Segni Elsa Emmy Fabiola Giuliani Paola Meschini Daniela Molina Felicia Nascone Lucia Pasquini Silvia Pingitore Laura Russello Maria Antonietta Sinceri Angela Abagnale Vincenzo Paradiso Giorgia Biolghini Sergio Iacometti Sara Pessina Progetto grafico Matteo Bellisario Impaginazione studiografica@alice.it Comitato Scientifico Edmondo Coccia Costantino Forti Francesco Gigliotti Carlo Lazzari Salvatore Merra Carmen Molonia Francesca Falchieri Renzo Pavese Stefania Sacripanti Adriana Soldini Giancarlo Ottaviani

SOMMARIO INTRODUZONE  E l’uomo incontrò il libro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3 Più libri, più liberi, gli appuntamenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5 EDITORIALE  Il futuro del libro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7 EDITORIA  eBook, lo stato dell’arte . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11 ISTRUZIONE  Scuola digitale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14 EDITORIA  Librerie tradizionali o online. Quale futuro? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16 INTERVISTA  Il libro visto da dentro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19 EDITORIA  Strategie su misura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23 EDITORIA  Cinquanta sfumature di un fenomeno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27 EDITORIA  Il self publishing . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31 In questo numero . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35 LETTERATURA  Il non ritorno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36 INTERVISTA  La Gioconda di Silvano Vinceti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38 INTERVISTA  Il segreto di Emanuela Orlandi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42 INTERVISTA  Frammentare l’iceberg . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46 RECENSIONE  Gemelli, intrighi e mistero . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49 INTERVISTA  Emozioni di mamma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51 INTERVISTA  Due lune al profumo di rosa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 53 INTERVISTA  Misteri italiani . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55

Comitato d’onore Sergio Calligaris Aldo Di Lello Maria Ida Gaeta Pietro Innocenzi Fortunato Pasqualino Giuseppe Romaniello Giorgio Romano

INTERVISTA  Laboratorio di scrittura analitica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 64

Editore Sovera Multimedia s.r.l

INTERVISTA  Il carnevale delle lucciole . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 67

Amministratore Unico Claudia Iacometti Direttore Editoriale Salvatore Merra Autorizzazione Tribunale di Roma 153/2004 dell’8/04/2004 Amministrazione e redazione Sovera Multimedia Roma - Via Leon Pancaldo, 26 tel. 06/5562429 - Fax 06/5580723 Modalità di pagamento: • versamento su ccp n. 58596008 intestato a Sovera Multimedia srl Via Leon Pancaldo, 26 - 00147 Roma • assegno bancario o bonifico intestato Sovera Multimedia srl Monte dei Paschi di Siena, agenzia 11 - Roma, ABI 01030, CAB 03211 c/c 8554/46 Un numero e 6,00 Abbonamento annuale e 20,00 Numero arretrato e 8,00 e-mail: info@soveraedizioni.it Stampa: C.S.R. - Roma

4 TERZA PAGINA  dicembre 2012

INTERVISTA  Mikol Arienti, Lo pseudonimo del dannato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 58 PSICOTERAPIA  Una collana per conoscersi meglio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 60 RECENSIONE  Vent’anni di ricordi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 62

INTERVISTA  Cabala e sogni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 70 CINEMA  Bergman, ritratto di un maestro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 73 RECENSIONE  Rebus a Manhattan . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 75 MUSICA  Prendi e vai . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 76 RECENSIONE  Una storia epistolare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 78 INTERVISTA  Quella notte al Giglio, ricordando la Concordia . . . . . . . . . . . . . . . 80 PSICOLOGIA  Nella mente dei bambini . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 83 PSICOLOGIA  Orfani di Dio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 86 INTERVISTA  Messaggi di fede . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 88 INTERVISTA  Anche le rose hanno l’anima . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 89 POESIA  Volume azzurro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 91 NOVITÀ  L’angolo della poesia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 92 LEGGETE CON NOI  . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 97


Più LIBRI, Più LIBERI – GLI APPUNTAMENTI ARMANDO Venerdì 7 dicembre 2012, Sala Corallo, dalle 12.00 alle 13.00 Piero Attenasio con “Il paziente grave” Relatori: Piero Dorfles, Giornalista e Scrittore - Emilio Lupo, Segretario Nazionale di Psichiatria Democratica - Cesare Bondioli, Direttivo Psichiatria Democratica - Sandro Ricci, Docente Università di Verona Nei vari Servizi di un Dipartimento di Salute Mentale c’è sempre quello dedicato ai “pazienti gravi”. Sottrarsi allo “stress” di dover inventare ogni volta percorsi terapeutici nuovi permette di affrontare le situazioni problematiche sfruttando in maniera agevole e rapida l’esperienza precedente. Il lavoro di formazione raccontato nel libro mostra il tentativo di riflettere collettivamente su questo percorso lavorativo e ha per focus gli operatori stessi, il loro rapportarsi di fronte ad una persona problematica, la storia degli interventi fatti, di quelli mancati, nuove idee, altre soluzioni.

Venerdì 7 dicembre 2012, Sala Corallo, dalle 17.00 alle 18.00 Maurizio Gianotti con “La TV al tempo del web” Relatori: Prof. Gianpiero Gamaleri, Gabriele La Porta, Carlo Nardello Grazie alle nuove apparecchiature elettroniche (smartphone, palmari ecc.) che consentono la trasmissione in tempo reale di materiale audio/video, si sta andando incontro alla nascita di una vastissima comunità di cittadini-reporter. Questo cambia in maniera decisiva anche il modo di fare televisione. Questo saggio vuole dare forma a una nuova Tv in cui cittadini e professionisti della comunicazione e dell’informazione lavorino alla creazione di un nuovo villaggio globale, nel quale a nessuno sia negata la possibilità di partecipare a un prodotto che sia insieme collettivo e professionale.

Sabato 8 dicembre 2012, Sala Turchese, dalle 19.00 alle 20.00 Silvano Vinceti con “Francesco il rivoluzionario di Gesù” Relatori: Marco Berri, inviato delle Iene e conduttore della trasmissione tv - “Mistero” Mons. Josè Manuel Carrasco, sottosegretario della pontificia commissione dei Beni Culturali della Chiesa. Fra tutte le grandi personalità della tradizione cristiana, nessuno come Francesco d’Assisi ha saputo esaltare, ammaliare e sedurre credenti e non credenti. La tradizione cattolica ci ha tramandato un Francesco amoroso, obbediente alla Curia romana e alle gerarchie cattoliche. Ma era proprio così? In questo libro, grazie ad una diversa rilettura e interpretazione di alcune fonti storiche inerenti la sua vita e le sue opere, emerge un Francesco diverso, dalla personalità più rigorosa. Un mistico sensuale che nel silenzio della parola e delle azioni ripropone un integrale ritorno al Cristianesimo originario, ad una forma di religiosità che nei suoi tratti essenziali si presenta come una inappellabile, muta denuncia della diffusa eterodossia della Chiesa uffi ciale del suo tempo. Per saperne di più sull’autore, andate a pagina 38

TERZA PAGINA  dicembre 2012

5


Più LIBRI, Più LIBERI – GLI APPUNTAMENTI SOVERA Giovedì 6 dicembre 2012, Sala Rubino, dalle 17.00 alle 18.00 Fabio Sanvitale e Armando Palmegiani con “MORTE A VIA VENETO storie di assassini, tradimenti e Dolce Vita” Via Veneto, la Dolce Vita. E tutto il loro corredo di immaginario collettivo. Ma quel ruggente periodo è stato anche altro. È stato, ad esempio, anche cronaca nera. In quegli stessi anni in cui un Sogno Italiano prendeva forma e diventava leggenda, proprio in quella strada avvenivano due delitti destinati ad entrare nella Storia Nera del Novecento Italiano. Uno è il caso Bebawi, l’altro il caso Wanninger. Curioso, in entrambi, le vittime sono straniere: come a voler provare, dimostrare quasi lo spessore internazionale che via Veneto aveva assunto in quegli anni. Bebawi è un delitto che fa epoca. 1964. Un facoltoso industriale egiziano, giovane e bello, viene trovato assassinato e sfigurato nel suo ufficio di via Lazio. Wanninger è un delitto che sembra uscito dalla penna di uno scrittore. 1963. Un grido scuote un palazzo di via Emilia. La portinaia che sale a vedere incontra per le scale l’assassino che la saluta gentilmente. Sul pianerottolo c’è una giovane tedesca, Christa Wanninger, venuta a Roma a cercare una fortuna non ancora trovata e finita in un lago di sangue. Due delitti successi a trenta metri l’uno dall’altro, entrambi casi limite della Giustizia italiana: Wanninger risolto 25 anni dopo, Bebawi protagonista di una clamorosa assoluzione con annessa fuga degli imputati all’estero… Il tutto basato sull’esame dei fascicoli originali delle due inchieste e dei processi che ne seguirono, Per saperne di più andate a pagina 55

Giovedì 6 dicembre 2012, Sala Turchese, dalle 18.00 alle 19.00 Roberto Colombo con “SOGNARE E SAPERE L’interpretazione dei sogni secondo la mistica ebraica” Secondo l’antica tradizione ebraica il sonno è un sessantesimo della morte e, come dopo il trapasso, nell’inattività del torpore l’anima abbandona questo mondo e sale nell’aldilà per fermarsi al cospetto di Dio. È allora che allo spirito, privo finalmente di materia, sono trasmessi a volte i segreti della vita, il senso dell’esistenza e anche il futuro, che l’uomo può tuttavia modificare. Al momento del risveglio, però, non resta in noi altro che il ricordo di una visione spesso insignificante che lentamente dimentichiamo e cancelliamo dalla nostra mente. I segreti dei sogni sono celati nei grandi libri della mistica ebraica, scritti in lingua aramaica e destinati volutamente solo a pochi eletti. Cinquecento anni fa il grande rabbino cabalista di Costantinopoli, Salomone Almulì, dopo pressanti richieste, decise a malincuore di scrivere un libro in ebraico antico per rivelare il senso dei simboli scorti durante il sonno e il modo di cambiare l’eventuale cattiva sorte in essi nascosta. Questo testo in lingua italiana prende spunto proprio dall’opera originale di Salomone Almulì per analizzare e interpretare i sogni secondo il punto di vista dei Maestri del Taldmùd, del Midràsh e della mistica ebraica tradizionale. Per saperne di più andate a pagina 70

Domenica 9 dicembre 2012, Sala Smeraldo, dalle 12.30 alle 13.30 Pino Nazio con “IL SEGRETO DI EMANUELA ORLANDI Papa Wojtyla, la tomba del boss e la banda dellla Magliana” 14 maggio 2012, la lapide che copre il sarcofago di Enrico De Pedis viene alzata. I resti del capo della Banda della Magliana sono lì da 20 anni, in molti pensano che siano vicini a quelli di Emanuela Orlandi, scomparsa il 22 giugno del 1983. La ragazzina, figlia di un commesso del Papa e cittadina vaticana, sparì misteriosamente tra i vicoli del centro di Roma. Indagini, rivelazioni, depistaggi e decine di ipotesi: intrigo internazionale o ricatto interno, festini sessuali o maniaco isolato? Una vicenda ambigua, oscura ma che, se si mettono in relazione alcuni fatti salienti, rivela chiari scenari. L’analisi oggettiva di quanto è accaduto in questi 30 anni è servita all’autore - che ha incontrato decine dei protagonisti, visitato tutti i luoghi, raccolto testimonianze inedite - per proporre una ricostruzione che permette di leggere questo libro col fiato sospeso dalla prima all’ultima pagina. Per saperne di più andate a pagina 42

6 TERZA PAGINA  dicembre 2012


EDITORIALE

IL FUTURO DEL LIBRO

Cenni di storia del libro Il futuro ha le fondamenta nel passato attraverso il diaframma impalpabile del presente. Per parlare del futuro del libro è utile ripercorrerne la storia dall’inizio. La prima forma di scrittura fu di ideogrammi, vale a dire figure stilizzate che rappresentavano un concetto. Si utilizzavano fin dal III millennio a.C. tavolette di terracotta che venivano incise con uno stilo. Forse la più nota biblioteca dell’antichità, l’archivio reale, è stata scoperta a Ebla in Siria dall’archeologo italiano Paolo Matthiae, che vi ha lavorato quasi mezzo secolo. Altro materiale comunemente usato furono le cortecce di albero su cui si scrivevano i testi. Il più noto fu il papiro. Si ricavavano pagine incollando le sottili listelle del fusto di papiro che cresceva abbondante lungo il fiume Nilo. I più antichi papiri risalgono al III millennio a.C.. È soprattutto grazie ad essi che possiamo ricostruire la luminosa storia dell’Egitto e dei Faraoni che lo governarono. Una civiltà senza testi scritti, è una civiltà muta, che può esprimersi “gestualmente”, tramite i manufatti. I Fenici poco più di 3000 anni or sono inventarono l’alfabeto, un modo di comunicare legato ai fonemi più che all’immagine. Uno strumento di grande semplicità e flessibilità che è alla base dello sviluppo della cultura occidentale. Al papiro fece concorrenza dal II secolo a. C. la pergamena, ricavata da pelli di pecora, perciò definita anche cartapecora. Il nome pergamena è dovuto al fatto che venne escogitata nella città anatolica di Pergamo, sede di una delle più importanti biblioteche ellenistiche, in concorrenza con quella di Alessandria. Tappa rivoluzionaria, forse la scoperta più importante per l’uomo dopo il fuoco e la ruota, fu la stampa a caratteri mobili, ideata dal tipografo Gutenberg di Magonza, a metà del Quattrocento. Nel 1455 venne edita da lui la prima Bibbia stampata. Due monaci benedettini esportarono l’invenzione nel convento di Subiaco, divenuta perciò la prima stamperia italiana. Seguì Venezia, che alla fine del XV secolo aveva il maggior numero di stamperie d’Europa, che producevano edizioni rinomate grazie al tipografo Aldo Manuzio. A Fabriano c’era la più grande cartiera d’Europa. La diffusione della cultura umanistica dall’Italia all’intera Europa è legata all’invenzione della stampa, che rese accessibile il libro a una fascia di popolazione assai più larga. La traduzione della Bibbia da parte di

TERZA PAGINA  dicembre 2012

7


EDITORIALE Lutero in lingua sassone, divenuta per ciò lingua tedesca, e la diffusione a stampa permisero il successo della Riforma protestante. Tappa successiva è l’invenzione della stampa a rotativa che ha permesso il largo successo dei quotidiani nei paesi occidentali. Si giunge ai tempi attuali, in cui si va affermando l’eBook. Breve storia degli e-libri e dell’editoria digitale (attinto liberamente da Wikipedia) Il 1971 con la nascita del Progetto Gutenberg, lanciato da Michael S. Hart, viene considerato da molti l’anno di nascita dell’eBook. Nel 1987 viene pubblicato e distribuito su floppy dalla Eastgate Systems il primo romanzo ipertestuale dal titolo Afternoon, a story di Michael Joyce. Il romanzo era realizzato tramite l’uso di ipertesti, vale a dire con l’utilizzo di parole chiave. Nel 1993 la Digital Book offre 50 libri digitali su floppy disk in formato (DBF). Nel 1994 nasce il Progetto Manuzio, prima biblioteca digitale in lingua italiana. Nel 1995 Amazon.com inizia la vendita di libri fisici via Internet. Nel 1998 Kim Blagg ottiene il primo codice ISBN per un eBook ed inizia la vendita di libri multimediali via amazon.com, bn.com e borders.com. Nel 1998 vengono lanciati i primi eBook reader: “Rocket eBook” e “SoftBook”. Nel 2008 BooksOnBoard inizia la vendita di eBook per iPhone. Nel 2010 Apple lancia il tablet computer iPad, un dispositivo multifunzione utilizzabile anche come eReader. Contemporaneamente annuncia un accordo con i cinque maggiori editori in lingua inglese, che permette ad Apple di iniziare la vendita su larga scala di eBook mediante l’iBookstore, in aperta concorrenza con Amazon e Barnes & Noble. Nel 2011 L’Association of American Publishers rende noto che nel febbraio del 2011 per la prima volta il formato più venduto è stato quello basato su eBook. Quanti libri a stampa e quanti eBook in Italia Quanti eBook si sono venduti nel 2011? Sui 400 mila, per un fatturato di circa 3-4 milioni di euro. Ovvero lo 0,2-0,3% (che vuol dire cinque o sei volte il fatturato 2010). La sola Amazon, controlla quasi l’80% degli eBook venduti nel mondo, con un fatturato di 800 milioni di $ e con una crescita esponenziale. Si è tenuta dal 10 al 14 ottobre la 62-esima edizione della Fiera del libro di Francoforte, la più attesa e la più nota in Europa. Essa venne inaugurata nel 1949 dall’associazione dei librai tedeschi, sulle macerie della seconda guerra mondiale, in piena contrapposizione tra il blocco sovietico e quello occidentale. Ha avuto un crescendo di anno in anno e conta centinaia di migliaia di visitatori tra appassionati, addetti ai lavori e giornalisti. 324 editori italiani partecipano alla manifestazione, per un totale di oltre seimila stand. Uno degli argomenti più trattati in fiera è stato lo sviluppo degli strumenti legati alla letteratura digitale. Il lancio europeo di Amazon del Kindle Fire a ottobre 2012 dovrebbe stimolare la tendenza della diffusione del nuovo libro per tablet, reader e cellulare. Le vendite di eReader in Europa occidentale sono aumentate del 93 per cento nel 2012, mentre in Italia il settore non ha ancora trovato una adeguata diffusione commerciale. Il futuro del libro? “Con 723 mila lettori forti in meno nel 2011 e l’eBook all’orizzonte, gli editori ita-

8 TERZA PAGINA  dicembre 2012


EDITORIALE liani fanno il punto. E tra tascabili low cost, tablet e nuove forme di auto-pubblicazione, scommettono: “Inizia una nuova era geologica”. Su un punto, tuttavia, c’è accordo: la fruizione sta cambiando. “Quei lettori non sono persi: leggono in Rete, leggono altro – commenta Riccardo Cavallero di Mondadori – allora, sta a noi rinnovare il nostro modo di costruire l’offerta”. Ma siamo sicuri che la “colpa” della fuga dalle librerie sia da imputare all’eBook?” I libri continuano a vendere e le biblioteche continuano a essere frequentate nonostante le difficoltà economiche e i tagli. Sul mercato si affacciano gli eBook, che sembrerebbero essere un investimento per il futuro Allora, qual è lo stato di salute del mercato dei libri? Indubbiamente i libri continuano a vendere, o se non altro vendono più dei dischi: “I dischi in un anno non vendono quanto i libri in un giorno”. Una notizia che senz’altro fa onore all’Italia, e la pone all’avanguardia nel settore, è che il nostro Paese è al quinto posto nel mondo per eBook pubblicati: 1391, preceduta dall’Australia (1410), dal Canada (1494), dall’Inghilterra (4562) e, con grande distacco su tutti gli altri, dagli Stati Uniti (21.292). In tutto il mondo, attualmente, esistono 38.500 titoli. I generi che vanno per la maggiore, a livello mondiale, sono i manuali riguardanti Internet e il computer in generale, gli hobby, il fai da te, i corsi di lingue e i testi scolastici; in Italia prevalgono la narrativa (oltre 3000 eBook), la didattica e l’informatica. L’eBook rappresenta il futuro del libro? (Da un articolo di Andrea Torrente) “L’eBook è ancora un libro? L’espressione “libro digitale” ha un senso? Il libro tradizionale ha ancora un avvenire? La storia dei supporti della scrittura ci insegna che ogni nuovo supporto cerca in un primo tempo di riprodurre le caratteristiche del precedente… I due punti di forza che avvicinano il libro elettronico a quello di carta sono l’autonomia in rapporto al computer e la migliore leggibilità, ma non sono per nulla sufficienti a detronizzarlo. Occorrerebbero sicuramente dei vantaggi supplementari come quelli che offrivano i libri estesi. Ora, da questo punto di vista, se si giudicano Rocket eBook oppure Softbook, i soli disponibili per il momento sul mercato americano, le funzionalità sono piuttosto povere. Gli strumenti di lettura attiva (annotazioni, sottolineature, ecc.) sono meno elaborati e meno facili da utilizzare, gli strumenti di lettura passiva (ricerca di occorrenze e legami ipertestuali) non fanno meglio dei loro predecessori… Se l’eBook ha un futuro, esso lo avrà non per le sue innovazioni tecniche, ma piuttosto per le condizioni della sua diffusione e del suo utilizzo… I vincoli economici La fortuna dell’eBook, in rapporto ai suoi predecessori, sarà di arrivare in un contesto tecnico-economico radicalmente differente. Il rapido sviluppo di Internet ha creato un nuovo spazio di produzione, d’immagazzinamento e di diffusione per i testi elettronici, che si distingue dai supporti classici che sono i floppy-disk o i CD-Rom. … Per gli editori, il timore è di vedere gli autori superare la loro mediazione, poiché ormai ciascuno può auto pubblicarsi. Per gli autori, infine, la pirateria minaccia la nozione di proprietà intellettuale e i diritti d’autore. Di fronte a questa minaccia, il libro elettronico rappresenta una risposta che cerca di conciTERZA PAGINA  dicembre 2012

9


EDITORIALE liare i vantaggi di Internet e quelli del libro, poiché il libro elettronico è un libro ricaricabile attraverso un semplice collegamento con un computer collegato in Internet, ma è anche un libro prigioniero del suo supporto. Si può acquistare un libro da un catalogo e scaricarlo sul proprio dispositivo di lettura portatile, ma non si potrà in seguito leggerlo al di fuori di questo dispositivo, né riprodurlo, né prestarlo. Il testo, dopo essere stato separato dal suo supporto (il libro cartaceo), si trova nuovamente assoggettato a un dispositivo materiale. Esso è re-localizzato, identificato, incatenato; esso ritrova le proprietà di un oggetto del commercio classico. Le grandi manovre in corso nel campo dell’edizione elettronica hanno un semplice obiettivo: come continuare a fare profitti nella filiera del libro all’epoca dell’elettronica imperante? Esse sono una risposta alla minaccia dovuta alla disseminazione dei testi in Internet. Questa risposta non è tuttavia all’altezza delle sfide culturali e intellettuali poste dalla digitalizzazione delle opere dell’intelletto umano”. La maggiore diffusione della comunicazione è inversamente proporzionale alla sua durata. Le scritte sulle tombe egizie di quattro/cinquemila anni fa sono destinate a sopravvivere sino alla fine della civiltà umana. Mentre un sms può sopravvivere pochi secondi, il tempo di essere inviato, letto, cancellato. Dunque, oggi l’informazione è di portata universale. Si può comunicare in tempo reale da un capo all’altro del mondo, quasi alla velocità del pensiero. Nel contempo, il continuo sovrapporsi di messaggi ne determina l’avvicendamento. Di rado, si salva quello che si pensa possa ancora essere utile. Ciò sta comportando gradualmente la fine dei quotidiani cartacei, a favore dei mezzi di informazione online, che si rinnovano continuamente. Le riviste hanno maggiore sopravvivenza, poiché destinate spesso al tempo libero, alla ricerca o alla riflessione. Anche il libro è destinato ad una rivoluzione che è sotto gli occhi. La disponibilità di testi stampati sarà sempre più condizionata dal desiderio del lettore di tenere con sé un libro consultabile, che diviene un oggetto non effimero, dalla sopravvivenza legata alle vicissitudini del possessore. Costui può formare la biblioteca personale, dove saranno rarefatte le enciclopedie. Mentre rimarranno romanzi, poesie, saggi, manuali e atlanti. Tutto ciò che induce una traccia visiva ed emotiva nel lettore, oppure serve a una sua formazione specifica. Comunque, è chiaro che gli eBook non determineranno la fine della stampa. Semmai, porteranno a selezionare i testi che il lettore deciderà di acquisire in forma cartacea. Ciò avrà anche influenza su eventi come le fiere del libro, che sono la celebrazione dei testi stampati. Se è un parametro di riferimento valido, le due maggiori fiere italiane, quelle del Lingotto di Torino, a maggio, e quella di Roma – Eur, Più libri Più liberi, della piccola e media editoria, che si tiene nella prima decade di dicembre, sono di anno in anno prese d’assalto dai visitatori di ogni età. Alla X Fiera del Libro di Roma del 2011 erano presenti 430 editori con 60.000 titoli. Si sono avvicendati 55.000 visitatori, di cui 8.500 under 18. Nonostante crisi economiche e trasformazioni tecnologiche, almeno in Italia e in Europa, l’oggetto libro attrae e induce anche a piccole rinunce per l’acquisto. Quello che appare certo è che il destino di autori ed editori rimarrà a lungo condiviso. Dovranno proporre ai lettori un ventaglio di offerte del bene libro, fonte indispensabile e inesauribile di arricchimento culturale, oltre che compagno gratificante di avventure. La XI Fiera del Libro di Roma dirà quanto le nuove tecnologie abbiano facilitato l’accesso ai nuovi lettori, senza disincentivare i lettori tradizionali. Salvatore Merra

10 TERZA PAGINA  dicembre 2012


EDITORIA

E-BOOK, LO STATO DELL’ARTE

S

embrava il futuro, e invece ci siamo dentro. Ancora non al livello di altri Paesi, sicuramente. E molto probabilmente mai al punto di accantonare il libro di carta. Ma è certo che l’eBook sta prendendo piede, diventando parte della nostra realtà quotidiana. Una realtà che negli ultimi anni si sta facendo sempre più diffusa. Partiamo dai numeri, con le cifre dell’Ufficio Studi dell’Associazione Italiana Editori (Aie) a

giugno 2012. Da uno 0,2% di titoli in commercio in digitale nel 2009, si è passati quest’anno a un 4,4% del totale, con un aumento davvero esponenziale. Il mercato degli eBook, anche se piccolo, è cresciuto moltissimo in parallelo, tra dicembre 2010 e dicembre 2011 è praticamente decuplicato, passando dallo 0,1% del totale a quasi l’1%. In linea con il resto d’Europa (Germania, Francia, Spagna), ancora molto indietro rispet-

TERZA PAGINA  dicembre 2012

11


EDITORIA to agli Stati Uniti, dove i libri digitali hanno conquistato il 6,2% del totale, ma se si guarda la sola fiction ha superato il 13%. I numeri italiani, dicevamo, sembrano piccoli in termini percentuali, ma se vediamo quanto emerso dal Focus della Fiera del Libro di Francoforte, in termini assoluti sono sicuramente notevoli. Dai 19.884 titoli disponibili nello scorso dicembre, infatti si è arrivati ai 31.615 del giugno scorso con una crescita in sei mesi del 59%. Le vendite hanno fatto registrare un fatturato di 12,6 milioni di euro nel 2011 (più 740 per cento rispetto al 2010). E proprio da Francoforte sono arrivati progetti e proposte del sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri con delega all’Editoria, Paolo Peluffo, e del presidente dell’Aie, Marco Polillo: «Proporrò l’istituzione di una task force sul libro, un gruppo di lavoro interministeriale che adotti tutte le misure necessarie a promuovere la lettura» ha annunciato Peluffo riguardo ai dati del cartaceo in caduta libera, mentre Polillo, ha chiesto sostegno per «far abbassare l’Iva sugli eBook al 4% e un credito d’imposta sull’innovazione digitale». Ma ora veniamo ai lettori: dal 2010 sono passati dall’1,3% al 2,3%, e anche l’acquisto è quasi raddoppiato – non dimentichiamo infatti che su Internet si trovano delle vere e proprie biblioteche digitali che offrono gratuitamente titoli per i quali sono scaduti i diritti, come i classici della letteratura greca e latina. Per quanto riguarda i costi, anche quelli sono diminuiti. E sono concorrenziali rispetto al libro tradizionale (anche se c’è bisogno dell’investimento iniziale dell’eBook reader, che come fascia di prezzo va da 99 euro a parecchie centinaia). Vediamoli, quindi. Le cifre riportate dall’Aie riguardano il costo medio di libri ed eBook nell’arco di un anno, dal maggio 2011 al magio 2012. Per quanto riguarda il cartaceo, c’è stata una piccola diminuzione da 20,90 euro a volume a 20,20 (depurato dagli effetti dell’Iva salita al 21%, si registra un calo del 2,2% nei costi). L’eBook invece è passato da una media di 11,18 euro a 11,07, con il 10% in meno. Per riassumere, parliamo di un mercato in decisa espansione. L’offerta di titoli è passata da poco più di 1600 nel dicembre 2009 a oltre 18mila nel novembre 2011. Rispetto allo scorso anno la narrativa italiana ha fatto un balzo del 143% come presenza sul mercato, quella straniera del 111%, gialli, fantascienza e fantasy di oltre il 74%, per un mercato che è passato in un anno (dicembre 2010-dicembre 2011) da un milione e mezzo a 3 milioni di euro. E di fronte a questa richiesta, con il 3% dei lettori (un 1,3% sull’intera popola-

12 TERZA PAGINA  dicembre 2012

zione) che prediligono il digitale, anche gli editori si sono attrezzati: 342, di cui 58 grandi editori (e marchi collegati) e 284 piccoli editori si sono attrezzati per pubblicare in eBook i propri titoli. Dove si comprano gli eBook? Nelle librerie online, prima di tutto. I siti più famosi (Bol, Ibs, Amazon, ad esempio) hanno tutti una sezione dedicata. Si paga con carta di credito o paypal e appena effettuato il pagamento il libro è disponibile per il download, esattamente come avviene per la musica. Poi si può trasferire il contenuto sul proprio eReader. Alcuni tablet, muniti di connessione autonoma (wi-fi o tramite rete telefonica), consentono un accesso diretto allo store dedicato, rendendo ancora più intuitivo e rapido l’acquisto. I dispositivi Difficile orientarsi su un mercato sempre più ampio, vediamo in questa scheda riassuntiva quali sono gli eBook reader più comuni e le loro caratteristiche. La


EDITORIA prima grande distinzione è tra lettori a colori e in bianco e nero. I primi sono utili se avete intenzione di leggere anche riviste, fumetti, o se li useranno i bambini per sfogliare libri illustrati. Mentre se userete l’eBook reader semplicemente per romanzi o saggi, la versione in bianco e nero (dai 4 ai 16 livelli di grigio) sarà perfetta, anche perché affatica meno la vista grazie alla tecnologia e-ink. I reader e-ink sono dispositivi che non affaticano la vista, con un’autonomia di batterie anche di settimane e una leggibilità pari quasi a quella della carta stampata, con una risoluzione elevata e retroilluminazione inesistente. È possibile quindi leggere tranquillamente sotto la luce del sole, inoltre non si surriscaldano mai perché utilizzano poca energia. I display Lcd hanno invece il grande vantaggio degli schermi a colori, e la possibilità di riprodurre immagini multimediali e video. D’altro canto però la batteria si scarica dopo poche ore e, a causa del monitor riflettente, difficilmente possono essere utilizzati all’aperto. In fondo, però, sono veri

e propri mini-pc che consentono di fare molto altro oltre alla lettura (navigare in internet, scrivere, visualizzare video, ascoltare musica, usare programmi e applicazioni di ogni genere). A queste due categorie si sta aggiungendo proprio in queste ultime settimane un tipo di schermo a e-ink che però consente l’illuminazione in caso di condizioni di luce scarsa. In tutti i casi un comfort in più è offerto dal touchscreen, che permette di scorrere le pagine e attivare tutte le funzioni con il semplice tocco delle dita, senza ricorrere a una tastiera o a pulsanti. Ricapitolando: scegliete un tablet multimediale (tipo Apple iPad o Samsung Galaxy Tab, giusto per citare i due modelli più conosciuti) se volete la possibilità di leggere comodamente un eBook, ma non è questo il motivo principale dell’acquisto. Vi troverete infatti tra le mani un gioiellino costoso e multitasking, con cui navigare in Internet, lavorare, scrivere, usare i programmi e le applicazioni, vedere e modificare foto e video, e anche visualizzare riviste a colori in formato digitale. Il contro (a parte il prezzo) è che lo schermo lcd stanca gli occhi quanto quello di un computer. Perfetto se pensate di portarlo per lunghi viaggi in aereo, ad esempio, quando fa comodo la retroilluminazione per leggere quando si spengono le luci, e il display a colori e il processore potente per godersi un film o le puntate della propria serie tv preferita. Se invece il vostro scopo esclusivo è la lettura, scegliete un eBook reader con la tecnologia e-ink: più leggero e maneggevole (ad esempio per leggere a letto la sera), utile per portarsi dietro tutti i romanzi preferiti senza il peso della carta, adatto ad affondare in centinaia e centinaia di pagine senza affaticare la vista più di quanto farebbe il corrispettivo analogico. Il futuro Fin qui non abbiamo, per scelta, affrontato il nodo principale: gli eBook supereranno i libri cartacei? E forse non è neanche il tempo, o la sede, per affrontare un tale discorso. Da entrambi gli schieramenti si levano voci a favore dell’uno o dell’altro metodo. Chi ama la carta, chi preferisce l’esperienza tecnologica. Quello che a noi interessa davvero è che il libro, in qualsiasi formato, continui a vivere sempre. E, nei suoi molti secoli di storia, ha dato prova di essere dotato di un ottimo spirito di adattamento, pur rimanendo uguale a se stesso. Se poi passerà sugli schermi, rimarrà sempre lo stesso: uno strumento per sapere, sognare, imparare, viaggiare. F.F. TERZA PAGINA  dicembre 2012

13


Terza pagina 32-33  

Sovera edizioni terza pagina 32-33

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you