Issuu on Google+

PARTI LIBRO DA UN

DAL 5 ALL’8 DICEMBRE 2013 ROMA EUR PALAZZO DEI CONGRESSI

35-36

€ 6,00 - Autorizzazione Tribunale di Roma 153/2004 dell’8/04/2004

TERZA PAGINA TRIMESTRALE DI EDITORIA E CULTURA SETTEMBRE-DICEMBRE 2013 www.soveraedizioni.it

Dal libro all’indice al libro a margine  Leggere Anima mundi  Fantarcheologia: non confondiamo la fantascienza con la scienza   Cartoline di una Gorgone: una giovane rilegge la memoria


INTRODUZIONE

CI SALVERANNO LE AMAZZONI, OPPURE NO?

L

a dodicesima edizione di Più Lib(e)ri, che si svolge all’insegna della crisi, ha come slogan: “Parti da un libro”, un’affermazione piena di volontà ed ottimismo dei piccoli editori in uno dei momenti forse più bui per l’industria culturale più importante del nostro Paese.

In questi ultimi due anni hanno chiuso i battenti centinaia di librerie indipendenti, alcune di queste tra le più antiche e prestigiose. Altre centinaia di librerie sono in grave difficoltà ed è a rischio la loro sopravvivenza. Questo fenomeno, generato dalla crisi generale dei consumi, risulta in questo momento aggravato dalla comparsa sul mercato del libro di un nuovo e potentissimo giocatore: AMAZON. È di questi giorni la notizia che, attraverso l’uso di droni, AMAZON in pochi anni riuscirà a servire i clienti recapitando loro a casa la merce richiesta in poche ore e, come adesso, ad un prezzo conveniente per il consumatore. Questa concorrenza si sta rivelando insostenibile per le librerie e lo sarà ancora di più in un prossimo futuro. Gli editori, soprattutto i piccoli, hanno accolto con piacere l’ingresso di AMAZON perché contribuisce a rimpinguare i propri fatturati, salassati dalla crisi, ed offre la disponibilità totale del proprio prodotto, cosa questa ormai impossibile per le librerie che, per mancanza di liquidità, sono state costrette a ridurre i propri assortimenti. AMAZON quindi attualmente è apprezzata dal consumatore, alzi la mano chi non se ne è mai servito, ed anche dai produttori. Credo, però, che in un’ottica futura lo Stato debba sorvegliare che non diventi una sorta di monopolio. È necessario, come già si comincia a fare negli altri paesi, cominciare a porre alcune regole alla attività di AMAZON e, al tempo stesso, fornire ai suoi piccoli e piccolissimi concorrenti la possibilità di continuare a fargli la concorrenza. Concludo dicendo ben venga AMAZON ma continuino ad esistere le librerie. Sono certo che, con opportuni accordi ed iniziative, AMAZON potrebbe diventare un formidabile strumento non solo per i consumatori ed i produttori, ma anche per le librerie. Enrico Iacometti TERZA PAGINA  dicembre 2013

3


IN QUESTO NUMERO

TERZA PAGINA

SOMMARIO

Direttore Responsabile Rino Sciarretta Vicedirettore Flaminia Festuccia Redazione Patrizia Angelozzi Giulia Barbato Marianna Cozzi Paolo Cremisini Antonia Del Sambro Fausta Dumano Elsa Emmy Fabiola Giuliani Daniela Molina Felicia Nascone Lucia Pasquini Silvia Pingitore Laura Russello Maria Antonietta Sinceri Angela Abagnale Vincenzo Paradiso Giorgia Biolghini Sergio Iacometti Sara Pessina Progetto grafico Matteo Bellisario Impaginazione studiografica@alice.it Comitato Scientifico Edmondo Coccia Costantino Forti Francesco Gigliotti Carlo Lazzari Salvatore Merra Carmen Molonia Francesca Falchieri Renzo Pavese Stefania Sacripanti Adriana Soldini Giancarlo Ottaviani Comitato d’onore Sergio Calligaris Aldo Di Lello Maria Ida Gaeta Pietro Innocenzi Fortunato Pasqualino Giuseppe Romaniello Giorgio Romano Editore Sovera Multimedia s.r.l Amministratore Unico Claudia Iacometti Direttore Editoriale Salvatore Merra Autorizzazione Tribunale di Roma 153/2004 dell’8/04/2004 Amministrazione e redazione Sovera Multimedia 00147 Roma - Via Leon Pancaldo, 26 tel. 06/5562429 - Fax 06/5580723 Modalità di pagamento: • versamento su ccp n. 58596008 intestato a Sovera Multimedia srl Via Leon Pancaldo, 26 - 00147 Roma • assegno bancario o bonifico intestato Sovera Multimedia srl Monte dei Paschi di Siena, agenzia 11 - Roma, ABI 01030, CAB 03211 c/c 8554/46 Un numero e 6,00 Abbonamento annuale e 20,00 Numero arretrato e 8,00 e-mail: info@soveraedizioni.it Stampa: Tipolitospada, Ronciglione (VT)

4 TERZA PAGINA  dicembre 2013

INTRODUZIONE  Ci salveranno le amazzoni? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .3 Più LIBRI, Più LIBERI  Gli appuntamenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .5 EDITORIALE  Un evento diviene storia grazie a un libro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .7 RIFLESSIONI  L’importanza della lettura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .11 INTERVISTA  Lo tsunami digitale che rivoluziona le nostre vite . . . . . . . . . . . . . . . 13 RIFLESSIONI  Nell’adolescenza mi sono convertita ai libri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .15 RIFLESSIONI  I libri, semi di sentimenti migliori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .17 RIFLESSIONI  Crescere insieme a un libro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .19 RIFLESSIONI  Leggere, un utile strumento per sviluppare una nuova consapevolezza di sé . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .21 RIFLESSIONI  La Ricerca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .23 RIFLESSIONI  Leggere, Anima mundi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .25 CINEMA  Gli “Italiani Veri” . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .27 RIFLESSIONI  Dal libro all’indice, al libro a margine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .32 In questo numero . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .35 RECENSIONE  Omicidio a Piazza Bologna . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .36 RECENSIONE  Cartoline di una Gorgonie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .38 INTERVISTA  Il Mistero del bosco . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .40 POESIA  Cantar de mi amor . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .43 RECENSIONE  Fantarcheologia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .44 CINEMA  Wrong Turn . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .46 RECENSIONE  La Storia del Mossad. Servizi e Segreti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .48 RECENSIONE  Make-up. Tutti i trucchi del trucco . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .50 RECENSIONE  I Greco. Uomini e Maestri d’Armi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .52 RECENSIONE  Ancora François . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .54 RECENSIONE  Concorrenza o Convenienza? Libero Mercato, libero Stato . . . .55 INTERVISTA  Abel Ferrara . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .56 INTERVISTA  Il Buio negli occhi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .58 RECENSIONI  Lungo la via del sale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .61 POESIA  La vetrina dell’emigrante . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .63 RECENSIONI  Padre per sempre . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .65 POESIA  Fugge l’origine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .66 PSICOLOGIA  Un libro: il perché di un incontro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .69 RIFLESSIONI  Riscoprire il piacere della lettura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .71 RECENSIONI  Spiccando il volo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .73 INTERVISTA  Jambo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .74 CINEMA  Lo schermo e la vignetta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .76 L’ANGOLO DELLA POESIA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .78 RIFLESSIONI  Libro di carta stampata? Come uovo di cioccolata . . . . . . . . . . . . .81 RIFLESSIONI  Diletto ed utilità della lettura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .82 POESIA  Gocce di poesia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .85 CUCINA  Il dolce del Natale. Mery Christmas . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .88 POESIA  Il teatro di cristallo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .91 LEGGETE CON NOI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .94


PIÙ LIBRI

PRESENTAZIONI SOVERA GIOVEDÌ 5 SALA RUBINO ORE 19,00 BRYAN SINGER IL CACCIATORE DI SUCCESSI di Giada Fioravanti Relatori: Giovanni Ciofalo e Silvia Leonzi (entrambi docenti Università La Sapienza di Roma) Francesca Fasiolo (giornalista Repubblica)

VENERDÌ 6 SALA RUBINO ORE 19,00 OMICIDIO A PIAZZA BOLOGNA Una storia di sicari, mandanti e servizi segreti di Fabio Sanvitale e Armando Palmegiani Relatore: Igor Patruno (giornalista-scrittore)

SABATO 7 SALA SMERALDO ORE 20,00 IL MISTERO DEL BOSCO L’incredibile storia del delitto di Arce di Pino Nazio Relatori: Guglielmo Mollicone (padre di Serena Mollicone) e Giuseppe Pizzo (ex-sovrintendente della Polizia di Stato, si è occupato delle indagini)

TERZA PAGINA  dicembre 2013

5


PIÙ LIBRI

PRESENTAZIONI ARMANDO

GIOVEDÌ 5 SALA TURCHESE ORE 18,00 LA NUOVA GALASSIA McLUHAN a cura di Giampiero Gamaleri e LO STRANO CASO DEL DR. McLUHAN a cura di Nicola Pentecoste Con gli Autori interverranno Alberto Abruzzese e Giovanni Ciofalo Modera Bruno Luverà (Tg1Rai)

DOMENICA 8 SALA TURCHESE ORE 18,00 IL CIBO E IL SACRO a cura di Roberto Cipriani e Luigi M. Lombardi Satriani Con gli Autori interverrà Francesco Faeta Modera Laura De Luca (Radio Vaticana)

6 TERZA PAGINA  dicembre 2013


EDITORIALE

UN EVENTO DIVIENE STORIA GRAZIE A UN LIBRO

H

o voluto iniziare con un aforisma l’editoriale di questo numero doppio di Terza Pagina, dedicato alla XII Fiera del Libro Più libri più liberi del 2013. Chiaramente il ter-

mine libro assomma tutto ciò che l’uomo ha trasferito dalla comunicazione orale alla forma scritta. Siano le incisioni cuneiformi dei Sumeri, i papiri dell’Antico Egitto o le

epigrafi e le stele di cui è disseminato il mediterraneo greco-romano. Così iniziò la civiltà dell’uomo. Il libro cartaceo si sta trasformando in un mezzo elettronico chiamato e-book. Ma l’importanza e il godimento che genera rimangono immutati. A proposito di piaceri, quelli che apprezzo di più sono due: il primo è leggere e scrivere; l’altro, viaggiare nel mondo all’esplorazione di nuovi popoli e culture. Si potrebbe obiettare che vi sono anche il cibo e il sesso tra i piaceri. Questi non ci distinguono molto come uomini, visto che li condividiamo con le altre specie viventi. Limitando il discorso alla lettura, sappiamo quale influenza abbia avuto sulla civiltà e, in particolare, nella formazione dei grandi personaggi. Si dice di Alessandro che dormiva con l’Iliade sotto il guanciale. E che dire della consolazione che ha donato a filosofi come Cicerone nel rifugio di Tuscolo o a molti Santi nei loro ritiri? Nessuna impresa eccezionale, nessuna trasformazione o rivoluzione è stata possibile senza il supporto dei libri o di un testo sacro. Alessandro il Grande, già citato, fu educato alle buone letture da un maestro non minore, Aristotele. Cesare subì, a sua volta, il fascino di Alessandro e della cultura greca. Eternò le sue imprese con due capolavori insuperabili il De Bello Gallico e il De Bello Civili.

Per diffondere il Cristianesimo furono necessari i Vangeli e, forse, ancor più le Lettere di Paolo alle varie comunità nascenti. TERZA PAGINA  dicembre 2013

7


EDITORIALE La Riforma Protestante ebbe come pilastro la diffusione della Bibbia in tedesco, così da divenire patrimonio di molti, non più di pochi colti e religiosi. La Rivoluzione Francese fu preparata dai testi rivoluzionari degli Illuministi. Così, successivamente, fu Il Capitale di Marx la base del comunismo. Oggi più che mai necessitano scrittori che aiutino a leggere la realtà sempre più complessa, per trasformarla profondamente. Purtroppo, in questi ultimi decenni, la società italiana è entrata in una palude politica ed economica, spesso degenerata in pantano maleodorante, cui ha fatto da corrispettivo un certo letargo culturale. Per scuotere le coscienze non servono necessariamente saggi e proclami. La poesia e la narrativa hanno avuto un ruolo spesso più incisivo nello smuovere gli animi e spingere al cambiamento. Fu un romanzo, La capanna dello Zio Tom, il vangelo americano per l’abolizione della schiavitù. Furono i libri di narrativa di dissidenti, pubblicati clandestinamente, come il Dottor Zivago di Boris Pasternak o l’Arcipelago Gulag e Divisione Cancro di Aleksandr Solgenitsin ad aprire gli occhi di noi occidentali, all’oscuro delle aberrazioni del comunismo sovietico. Oggi, più che mai, i libri sono alla portata di tutti, grazie alle tecnologie, per cui si può dedicare una pausa quotidiana alla lettura, non solo al bombardamento dei media visivi. La radio consente ancora qualche riflessione. Il libro è il migliore compagno e l’ancora nei momenti disperati. Da adolescente, il miglior rifugio era per me la biblioteca del collegio. Il libro è il ponte che ci avvicina ai nostri simili e ci fa sentire parte di una comunità. Aiuta nelle scelte di vita consentendo processi di identificazione con i protagonisti o l’autore del libro e proponendo mete su cui proiettarsi. Soprattutto, offre una gratificazione che nessun mezzo può donare alla mente. Più duratura della musica, che senz’altro scuote nel profondo, ma non consente una elaborazione e una riflessione come la parola scritta. Gli editori rimangono intermediari essenziali per la diffusione della merce più preziosa: il libro. Un uomo di grande talento ed esperienza disse che fare l’editore è uno dei modi più sicuri per ridursi in povertà. Questo determina un’alleanza tra l’editore e l’autore, consociati nell’impresa di diffondere la cultura. La Fiera del Libro di Roma sarà per il dodicesimo anno il test di vitalità delle nostre imprese editoriali piccole e medie. Vetrina di indipendenza culturale ed economica, oltre che di intraprendenza e adattamento alle nuove trasformazioni tecnologiche. Poiché la grande editoria spesso è l’indice di dipendenza dal mercato straniero, soprattutto anglosassone, nonostante non manchino nostri autori originali, noti all’estero. Essa può accedere a forme di finanzia-

8 TERZA PAGINA  dicembre 2011


EDITORIALE mento fuori portata per un piccolo editore. È uno dei punti dolenti della situazione economica attuale italiana, che non si è alleggerita, semmai aggravata, per i piccoli editori e non solo. Nonostante le buone intenzioni dei governanti e amministratori, di cui è lastricata l’autostrada che conduce all’inferno del degrado e della miseria. Visto l’estinguersi di quasi tutte le forme di sponsorizzazione culturale e di promozione, che ormai poggiano quasi esclusivamente sugli editori. Ai visitatori della Fiera e ai nostri lettori diciamo: comprate almeno il libro che più vi piace. Regalatene uno alle persone che stimate e amate. Oltre al gradimento e al dono, limiterete il danno del peggior nemico: l’assenza di cultura. La quale non si basa sul bombardamento di messaggi, ma sulla capacità di selezionarli e di restituirne dei migliori.

Salvatore Merra

TERZA PAGINA  dicembre 2013

9


€ 14,00

10 TERZA PAGINA  dicembre 2013

Cod. 9788866773801


RIFLESSIONI

L’IMPORTANZA DELLA LETTURA

L

ettori si nasce, lettori si diventa. Credo di poter dire senza dubbio che entrambe le affermazioni corrispondono al vero, e anche se i primi superano di molto i secondi, chi meglio di questi ultimi può spiegarci oggi quanto sia effettivamente importante dedicare un po’ del proprio tempo a questa attività? Dico questo perché ho vissuto una bella fetta della mia esistenza considerando la lettura, se non proprio una perdita di tempo, un impegno che “rubava” il mio tempo prezioso, passato perlopiù all’aperto con gli amici a correre dietro al pallone. Attività che non rinnego, anzi. Ciò che pensavo della lettura era in realtà la conseguenza diretta di un fatto evidente nella sua disarmante semplicità: probabilmente non avevo la più pallida idea di cosa significasse leggere e quali e quante fossero le sensazioni e le esperienze che leggendo avrei fatto contribuendo ad arricchire la mia anima, il cuore e l’intelletto. Proprio per questo credo sia un bene che a parlare dell’argomento sia qualcuno che non ha vissuto una vita in mezzo ai libri, qualcuno che possa fare un paragone che altri non possono, che sia in grado per questo di descrivere meglio il cambiamento e le positività prodotte da questo nuovo e per certi versi inaspettato interesse. Come ho appena detto, mi sono avvicinato alla lettura abbastanza tardi ed anche un po’ casualmente, di certo posso dire che un piccolo aiuto me l’ha dato la mia curiosità. Coloro che nascono con questa “dote” o che sono stati educati alla lettura sin da piccoli non hanno di certo bisogno d’altro, ma chi come me non rientra in questa

categoria, per fare il “passo” e cambiare “rotta”, deve necessariamente avere un dubbio, mettere in discussione ogni inossidabile certezza. Spinti da quell’invisibile ma spesso utile forza che si chiama curiosità, si può entrare delicatamente, quasi in punta di piedi, in questo nuovo e fantastico mondo che solo la lettura di un buon libro potrà farci conoscere. Non c’è sogno, non c’è film che tenga, tutto troppo veloce, con un effetto benefico troppo breve. Il libro è un’altra cosa. La lettura ha la capacità di farci vedere le cose da nuove prospettive, vivere le esperienze degli altri e farle proprie, chiederci come ci saremmo comportati noi al posto dello scrittore o del protagonista della storia che stiamo leggendo. Leggere apre la mente e amplia gli orizzonti del proprio pensiero, intacca e in alcuni casi abbatte granitiche convinzioni, acuisce il senso critico sia verso chi scrive sia verso se stessi. Mi è capitato spesso, parlando con amici, di sentir dire che in fondo lo scrittore vuole convincerci di false verità, magari spinto da un secondario interesse tendente a favorire una persona, un’idea politica, una “lobby” o qualcos’altro. Probabilmente ciò può capitare, è successo e di sicuro accadrà di nuovo, ma è proprio leggendo spesso che il lettore “allena” quel senso critico che lo aiuterà, magari confrontando più testi di un medesimo argomento, a fare proprie solo le cose che questo “sesto senso” gli farà apparire come giuste o vere, per poi magari rimettere tutto in discussione con la lettura del libro successivo. Prima di immergermi in questo mio nuovo interesse TERZA PAGINA  dicembre 2013

11


RIFLESSIONI ero convinto di sapere molte cose, ma è stato proprio leggendo che ho scoperto quanto fosse profondo l’abisso della mia ignoranza e anche se so che leggendo non potrò mai colmare questo vuoto, trovo bellissima la sensazione trasmessami da ogni libro letto, sul “nuovo” sapere di cose una volta sconosciute. Proprio per questo sono convinto che la distanza da percorrere per chi, in età adulta, non si sia ancora avvicinato alla lettura è, non dico incolmabile, ma certamente buia e piena di difficoltà. Sembra quasi che per leggere, oltre che il tempo, ci voglia anche un pizzico di coraggio. Già, coraggio. Perché una volta creato il “muro” delle nostre convinzioni, per costruire il quale abbiamo impiegato tempo, per difendere le quali abbiamo magari anche lottato o fatto qualche stupidaggine, credo seccherebbe a molti scoprire che tutto questo possa essere messo in discussione o ancor peggio “demolito” da qualche libro. Meglio non indagare troppo, lasciare tutto come sta e pascersi nelle proprie “certezze”, per non rischiare poi di scoprire che sono molte di più le cose che si sono sbagliate che quelle ben fatte. Oltre questi aspetti sociologici, legati probabilmente alla “saggistica” sia essa storica che di attualità, c’è tutto un altro genere di lettura, come la “narrativa”, capace di portarci fuori dal mondo in cui viviamo e farci entrare in un altro del tutto sconosciuto, una lettura capace di rapirci e farci piacevolmente dimenticare il nostro quotidiano. Ci sono libri che ci liberano dallo stress quotidiano come nessuna lezione in palestra o seduta di Yoga saprebbe fare. Libri che sono un regalo che facciamo a noi stessi e al nostro benessere, libri che ci fanno capire quanto sia importante dedicarci un po’ del nostro tempo e perché no, che ci fanno staccare la “spina” da tutto e da tutti per vivere una piacevole esperienza dove non c’è squillo di cellulare, messaggio, e-mail o chissà quale altra diavoleria a farci tornare su questo “pianeta”. Mi è capitato di leggere libri che mi hanno “catturato” a MASSIMO LA VERDE Con la testa sotto la sabbia € 15,00

tal punto da farmi resistere all’impellente necessità di andare in bagno per un bisogno fisiologico e quando qualcuno mi chiede quali sono i libri più belli che io abbia letto, il mio pensiero va inevitabilmente a quei libri. Un libro è bello quando è capace di farti tardare a un appuntamento al quale tieni molto, quando ti fa freddare il piatto di pasta sul tavolo nonostante la fame, quando ti fa perdere il senso del tempo e dello spazio. Spesso i libri ci tramandano storie di generazioni passate, quel “vissuto” dei nostri padri che forse comprendiamo meglio in questo modo che ascoltando i diretti interessati, creando quel fondamentale filo unico che attraverso il passato ci aiuta a comprendere il presente e a prepararci al futuro. Per come l’ho spiegata, sembrerebbe che tutti quelli che non leggono sono dei pazzi che non sanno cosa si perdono, e forse è vero. Eppure le stime degli esperti ci dicono che sono sempre meno coloro che si avvicinano alla lettura; la “velocità” dell’attuale società non ci lascia il tempo di leggere un buon libro. Sembra quasi che i pochi lettori siano in fondo solo quelli che lavorano in luoghi molto distanti dalla propria abitazione e proprio per questo, approfittano del viaggio che molto spesso fanno in treno, per impegnare quel tempo nella lettura. Le giornate sembrano durare sempre meno, ventiquattro ore non ci bastano più, ci alziamo la mattina e iniziamo a “correre” innescando una gara contro l’orologio che sembra andare sempre più veloce di noi. È da questa consapevolezza che spesso mi ronza nella testa una domanda: “Non è forse il caso di tornare ad appropriarci del nostro tempo?” Io credo che una volta compreso l’errore sia possibile porvi rimedio e anche in questo caso la soluzione non può che essere la lettura di un buon libro. Non so se con queste poche e semplici righe riuscirò a convincere qualcuno a diventare un “nuovo” lettore; mi piace pensare che nel caso fosse così, questi ne sia felice. Massimo La Verde

Cod. 9788866520009

L’argomento trattato può apparire come un pugno nello stomaco che non tutti sono disposti ad ascoltare perché va a toccare certezze consolidate e inamovibili. La storia di un ragazzo che, diventato uomo, si rivede. Corregge mentalmente tanti eccessi giovanili, tante ‘forti’ esperienze alle quali è stato indotto da una irrazionale spinta che lo ha reso vittima di pregiudizi, e di se stesso. Fulcro, ed elemento portante del testo, è la fondamentale revisione critica di un cieco, irrazionale antisemitismo in una storia che potrà indurre, anche nel lettore, tanti giusti interrogativi.

12 TERZA PAGINA  dicembre 2013


INTERVISTA

LO TSUNAMI DIGITALE CHE RIVOLUZIONA LE NOSTRE VITE Intervista a Gianpiero Gamaleri sulla “profezia” di Marshall McLuhan

S

crivere oltre 15 libri per provare che la parola stampata è obsoleta: solo un eclettico ed esperto della comunicazione come Marshall McLuhan poteva osare tanto. Odiato, amato, discusso, conteso: il grande sociologo canadese, passato alla storia per il suo celeberrimo, e troppo spesso travisato, slogan “il medium è il messaggio”, è protagonista nella nuova edizione del libro di Gianpiero Gamaleri, “La nuova galassia McLuhan. Vivere l’implosione del pianeta” (Armando Editore, 2013). Un libro, che forse più di altri, si presta a chiarire il perché si è passati “Dal libro all’Indice, al libro al margine”, ossia com’è cambiato il ruolo della carta stampata e, più in generale, dei mezzi di comunicazione di massa. Fu proprio McLuhan, infatti, a prevedere ciò a cui stiamo assistendo: un mondo plasmato dai media. “Viviamo infatti ormai immersi in una galassia mediale – come si legge nel testo di Gamaleri – che penetra in ogni nostro atto e in ogni nostro pensiero”, investiti da quello che l’autore del volume definisce uno “tsunami digitale” in grado di rivoluzionare la vita di ognuno di

noi. Oggi ai media si riconosce, infatti, una effettiva capacità di incidere sulla nostra vita, di andare sino alla radice di ciò che pensiamo e facciamo. Da Eco a Gossage, da Prini a Popper e Rosenberg: in tanti, tantissimi hanno preso a pugni o accolto con entusiasmo le tesi e le provocazioni di McLuhan, e le loro posizioni sono tutte puntualmente raccolte nel volume di Gamaleri. Ma, d’accordo o meno, una nuova fase dell’avventura umana a quanto pare è cominciata e McLuhan lo aveva previsto oltre trent’anni fa. Professore Gamaleri, a quanto pare McLuhan aveva ragione: il mondo occidentale sta implodendo. Può spiegarci cosa succede e che ruolo hanno i media, vecchi e nuovi, in questo processo? La marcia dei media nel loro complesso continua: i vecchi resistono e i nuovi avanzano inesorabilmente. Ognuno di noi viene bersagliato in maniera continua da una massa informativa – tradizionale e nuova – che ci riversa addosso esperienze, vita e racconti di altri uomini. Tutto ciò va a incrementare il fenomeno imploTERZA PAGINA  dicembre 2013

13


INTERVISTA sivo di cui parlava il grande studioso canadese e che io ho scelto di riportare, non a caso, nel sottotitolo del mio libro. A mio avviso, la cittadinanza deve essere sempre più attiva nel tentare di ristabilire un equilibrio tra emittente e ricettore. In tal senso, è fondamentale il ruolo svolto dall’editoria e dalla formazione. A tal proposito, in una celebre frase del guru della pubblicità Howard Luck Gossage si legge “Marshall McLuhan dice che la parola stampata è obsoleta. Per provare tutto ciò ha scritto una quindicina di libri”. Lei crede ancora nella forza della “parola stampata”? Se è vero che la parola stampata, per così dire, regredisce, è anche vero che la parola scritta permane e si espande. Se guardiamo la percentuale di scrittura presente in internet, ci rendiamo conto che è sempre molto elevata. Non solo: il più delle volte, è proprio la parola scritta quella che ci interessa di più. Credo che l’editoria oggi sia chiamata ad affrontare una grande sfida: mantenere come archetipo la riga stampata ed evolversi verso la riga virtuale. La religione è uno dei capisaldi su cui Lei fonda la presentazione del suo ultimo libro, “La nuova galassia McLuhan”. In questo processo epocale di trasformazione sociale, che ruolo gli riconosce? In un recente discorso di Papa Francesco agli universitari di Cagliari, tenuto lo scorso settembre, egli affermava: “É un’epoca, quella che cambia. Non sono cambiamenti epocali superficiali”. Il mio testo rinforza il pensiero espresso dal Papa e, in tutto ciò, la componente religiosa è determinante. In McLuhan l’elemento religioso ha avuto, infatti, un ruolo importantissimo anche se non è

mai stato esibito e conclamato. La sua conversione al cattolicesimo, avvenuta a soli 25 anni, si è inevitabilmente intrecciata con la sua vita, la sua sensibilità, con i suoi studi e le sue ricerche. E nelle sue opere traspare in maniera palese. In una bellissima lettera alla madre, McLuhan scriveva: “La religione cattolica (…) è la sola a benedire e a impiegare tutte quelle facoltà meramente umane che producono il gioco e la filosofia, la poesia e la musica, l’allegria e l’amicizia con una base molto carnale”. Se esistono, può spiegarci i lati positivi della “profezia” di McLuhan? La “profezia” di cui si parla è datata 1964: è infatti nella sua celeberrima opera “Understanding Media” che McLuhan afferma che <dopo essere esploso per tremila anni con mezzi tecnologici frammentati e puramente meccanici, il mondo occidentale è ormai entrato in una fase di implosione>. Ciò non vuol dire che gli effetti di questo processo siano necessariamente negativi. L’Ulisse mcluhaniano, con un mondo totalmente esplorato e che non ammette più misteri fisici, deve forse soltanto invertire la rotta e cominciare un viaggio all’interno dell’uomo alla ricerca del mistero che è in noi stessi: nel momento in cui le tecnologie ci spalancano la finestra sul mondo in tutti i suoi dettagli, l’<altrove> lo possiamo trovare solo all’interno di noi e del nostro habitat. E quelle stesse tecnologie che avevano esaurito le nostre curiosità esterne, oggi possono offrirci percorsi nuovi per alimentare le nostre istanze interiori più profonde, con una ricchezza di informazioni e di stimoli prima inimmaginabili.

GIANPIERO GAMALERI La nuova galassia McLuhan Vivere l’implosione del pianeta € 18,00

Emilia Gridà Cucco Gangi

Cod. 9788866773153

In Italia l’interesse per il pensiero di Marshall McLuhan è venuto crescendo col tempo. Basti pensare alle numerose iniziative che si sono svolte nel 2011, anno centenario della sua nascita. Ma la prima occasione a conoscerne, approfondirne, discuterne le tesi era stata offerta dalla versione italiana di Understanding Media, impropriamente tradotto nel 1967 con il titolo Gli strumenti del comunicare. Quest’opera ha richiamato l’attenzione di ampie cerchie di operatori culturali alla ricerca di un’interpretazione interdisciplinare dei fenomeni del nostro tempo. Di McLuhan veniva raccolta soprattutto la proposizione-slogan “il medium è il messaggio”, ma anche i dissensi più espliciti ed i dibattiti più polemici su tale punto non potevano sottrarsi al carattere globale della provocazione, giungendo in ogni modo ad offrire interpretazioni estremamente stimolanti intorno alle dinamiche del nostro tempo. Pochi anni dopo, nel 1976, La galassia McLuhan ha consentito di fare il punto intorno a questo ampio lavoro di discussione, presentando ragionatamente tutte le posizioni emerse in Italia ed alcune principali di quelle maturate all’estero.

14 TERZA PAGINA  dicembre 2013


RIFLESSIONI

NELL’ADOLESCENZA MI SONO CONVERTITA AI LIBRI

L

eggere è necessario per orientarsi nella vita. Non solo in senso pratico, ma anche spirituale. Si è sempre avuta la necessità di raccontare delle storie, di esprimere le proprie emozioni,

riflessioni, dubbi e perplessità. La scrittura, la parola, ci danno questa possibilità: diventano nutrimento per gli altri, per chi ci legge, ma anche per chi le scrive, perché l’autore, scorrendo nuovamente con gli occhi quanto buttato giù su carta, trova la conferma della propria identità. Il mio incontro con la lettura è avvenuto a 13 anni, quando i miei fratelli, in occasione del mio compleanno, decisero di regalarmi dei libri. Ricordo la delusione; fino ad allora mi erano stati destinati solo balocchi, dolciumi e divertimenti. L’attività della lettura appariva ai miei occhi bambini come un castigo, una punizione: mi si costringeva a rimanere in silenzio davanti ad un libro, chiusa in una stanza. Che svago sarebbe mai potuto essere?! Ero una bambina allegra e dinamica e amavo follemente la televisione, conoscevo tutti i programmi, cantavo i gingle. I miei genitori non erano affatto d’accordo su quel passatempo, tant’era che dovevo vederla di nascosto la televisione, col cuore in gola. Quel tredicesimo compleanno, però, mi allontanò definitivamente da quello schermo. I libri ricevuti erano David Copperfield di Charles Dickens e Trilogia del ritorno di Fred Uhlman. Iniziai veramente di malavoglia ad aprire quei volumi, più per fare contenti i miei genitori e i fratelli, che per reale interesse. Beh, dopo un paio di settimane qualcosa cambiò: da che leggevo faticosamente una pagina e mezza al giorno, il mio ritmo di lettura incalzava, gli occhi si facevano più avidi e non vedevano l’ora di ritornare a leggere, a far parte di quel mondo. Grazie alla lettura mi sono innamorata. La prima volta è stata con Konradin, l’aristocratico amico tedesco dell’ebreo Hans de L’amico ritrovato. Quanto era bello il mio Konradin, biondo, etereo, puro! Per due mesi di TERZA PAGINA  dicembre 2013

15


RIFLESSIONI seguito leggevo e rileggevo Un’anima non vile, il sequel de L’amico ritrovato, dove Konradin scrive una lunga lettera al suo amico tradito Hans, ormai fuggito in America, chiedendogli scusa per avergli voltato le spalle e spezzato il suo cuore durante il Nazismo, per paura. Quella sarebbe stata la sua ultima lettera, che scriveva dal carcere. Il giorno dopo lo aspettava la fucilazione, per aver partecipato all’attentato fallito contro Hitler. Quanti pianti mi sono fatta, volevo che quella lettera potesse non finire mai! Capivo Konradin, la sua solitudine, il suo conflitto interiore, la paura di morire, ma sentivo anche la sua forte dignità cui non sarebbe mai venuto meno. La catarsi è stato il primo effetto del mio approccio alla lettura. Leggere ci permette di “sentire veramente e profondamente”, di ascoltare noi stessi. Poi c’è stato il greco Alekos Panagulis, il “sono io, sono me!”, compagno della Fallaci, mirabilmente descritto ne Un uomo.

Questo è fuor di dubbio il mio libro preferito di tutti i tempi. Sono laureata in letteratura, quindi dovrei dire Tolstoj, Dostoevskij, Maupassant… Eppure non è così. Questo romanzo è stato ed è tuttora un grande incoraggiamento. Viviamo tempi duri, aridi; siamo scoraggiati e crediamo che nulla possa cambiare. Anche se Alekos alla fine è stato ucciso, rappresenta un po’ quella figura di eroe imperfetto, folle, ma allo stesso tempo vivo e tenace, che proprio non ci sta a piegarsi e a farsi pecora. Soprattutto nelle situazioni più improbabili. Quando ho terminato la lettura sono stata proprio triste, perché mi mancava il suo coraggio, la sua caparbietà. Se entri in una storia totalmente, è assai difficile distaccarsene. La vita però è la nostra realtà e i libri ci aiutano ad affrontarla, ci stimolano continuamente ad adottare nuove strategie di azione e sopravvivenza. Non esistono libri buoni o libri cattivi, esistono i libri, specchio della nostra imperfetta ma anche divina umanità. Francesca Picozza

FRANCESCA PICOZZA Ingmar Bergman Il maestro raccontato € 15,00 Cod. 9788866520603 Il Maestro raccontato è una biografia che si caratterizza per l’approccio personale, emotivo e individuale che la anima. A rivelare gli aspetti intimi, familiari e artistici di I. Bergman, infatti, sono proprio i suoi attori e collaboratori più stretti che lui ha amato e riconosciuto sempre come la sua unica vera famiglia. Il libro ci permettere di accedere alla sfera più intima e personale del grande regista grazie alle testimonianze dei suoi attori, tramite un dialogo aperto “cuore a cuore” con ciascun lettore. La biografia si divide in due parti: nella prima parte viene presentata a grandi linee la figura del Maestro nelle sue varie sfaccettature, nella seconda sono presenti interviste, tutte inedite, che ci portano nell’atmosfera reale vissuta direttamente in modo molto personale da ogni singolo attore e che l’autrice del libro ha avuto il privilegio di incontrare. Dalle interviste emerge la rara capacità di coinvolgimento del regista nei confronti di tutti gli attori, da quelli più grandi a quelli più piccoli, all’interno della sua arte e della sua vita, dove la linea di confine non è mai stata mai così netta. Ogni incontro con ciascun attore rivela un mondo: quello intimo dell’uomo, dell’artista, del protagonista unico e indiscusso delle messinscene bergmaniane. Il teatro di Bergman, come avremo modo di scoprire, è stato un teatro, una vita di attori e con gli attori , quindi è proprio tramite le esperienze e il vissuto di questi ultimi che ci viene data la possibilità di addentrarci nella sua poetica teatrale e personale. Il testo è arricchito da un’ampia documentazione fotografica riguardante le prove e gli allestimenti di numerose messinscene bergmaniane, realizzate da grandi fotografi del teatro e cinema svedese come Beata Bergström e Bengt Wanselius.

16 TERZA PAGINA  dicembre 2013


RIFLESSIONI

I LIBRI, SEMI DI SENTIMENTI MIGLIORI

S

ono stati comunicati alcuni mesi fa i dati rilevati da una monumentale ricerca avviata dall’università americana del Massachusset, e pubblicati dalla rivista Plos One, dati che fanno molto pensare. I ricercatori hanno rilevato che per tutto il Ventesimo secolo, la letteratura ha trasmesso una mole impressionante di messaggi negativi. Tanto negativi che si è ve-

rificata una drastica e progressiva diminuzione delle parole legate ai sentimenti. Rilevano i ricercatori che l’unico stato d’animo che resiste e che domina nella letteratura è la paura e questo è un dato comune ai romanzi, ai racconti e ai film. È inquietante perché l’estremizzazione dei sentimenti comporta un affievolimento della sensibilità. Se dalla letteratura poi passiamo ai media che affollano

TERZA PAGINA  dicembre 2013

17


RIFLESSIONI le nostre giornate di notizie ripetute ossessivamente di quanto di peggio accade nel mondo e solo di quelle, ci rendiamo conto che l’immagine che le varie società offrono di sé, è decisamente avvilente. Questo è terribile per gli adulti, ma lo è molto di più per i ragazzi nel delicato momento in cui sono impegnati a costruire la propria vita. Se non immettiamo anche messaggi positivi, messaggi dove le classiche virtù morali possano guidare le loro scelte, cos’avremo fatto per loro? Chi si occupa di educazione sa bene che a volte il rinforzo positivo consente di conseguire risultati di molto superiori a quelli che si possono ottenere con i castighi o con le punizioni. Se pensiamo alle tragedie, l’ultima di Lampedusa non è stata la sola di quest’estate, quante volte l’atteggiamento immediato e solidale dei primi soccorritori “per caso” è passato nelle immagini che la televisione ha offerto? Non fa storia, si dice, non fa notizia, la “gente” vuole vedere altro e così i nostri notiziari sono diventati una sorta di bollettino di guerra. Questo non significa che vogliamo offrire ai giovani una immagine zuccherosa e irreale della società. Il crimine, il male esistono sempre, ma quello che le persone di buona volontà devono fare è cercare di coltivare in se stessi e negli altri i semi buoni che ciascuno ha dentro di sé. Diversamente dalle emozioni infatti, i sentimenti vanno coltivati e fatti crescere attraverso l’esemplificazione e la testimonianza. È vero, nella nostra società ci sono molte cose che non vanno, ci sono persone che trasgrediscono le regole e ogni codice morale, ma ci sono anche tantissime brave persone che vivono con onestà e rispetto per tutti, che attraverso l’esempio della loro vita, trasmettono ai figli un messaggio fondamentale: con la tenacia, la pazienza, la buona volontà, studiando e preparandosi con cu-

ra, possiamo affrontare al meglio le difficoltà che la vita ci pone dinanzi. Il problema è che tutti i media non rafforzano affatto il loro impegno. Noi riteniamo che solo attraverso un riequilibrio dei messaggi che si trasmettono, i giovani possano ritrovare la fiducia in se stessi e la speranza nel futuro senza le quali la vita diventa una condanna. Vorremmo trasmettere un sentimento positivo di questo tipo: la vita, la società si possono migliorare se si migliora l’uomo, lavorate con noi! Siamo perciò partiti da queste considerazioni e abbiamo coinvolto accanto alla casa editrice Armando, tradizionalmente impegnata in tematiche educative, l’Assessorato alla Cultura di Formello, un paese a nord di Roma, davvero molto particolare per l’attenzione che pone alle medesime tematiche. Nella presentazione che alla fine di agosto abbiamo fatto di questa avventura che ci auguriamo possa produrre una vera e propria contaminazione positiva, abbiamo spiegato come il lavoro debba essere fatto sui giovani partendo dalle realtà comunitarie nelle quali la maggiore prossimità consente di conseguire risultati tangibili. La collana “SEMI” che viene inaugurata con un racconto ambientato a Formello, non accoglie racconti di un genere particolare, ma storie che si dipanano dai primordi dell’umanità alle incongruenze dei giorni nostri, con sensibilità e ironia, offrendo qualche ora di svago e qualche spunto di riflessione. Ma soprattutto offre racconti nei quali i semi buoni, opportunamente coltivati, offrono la possibilità ai protagonisti di dimostrare che attraverso l’esercizio costante della lealtà, dell’onestà e del rispetto si riesca sempre ad instaurare una serie di relazioni e scambi di ottima qualità. Anna Lucchiari

ANNA LUCCHIARI Operazione cornacchia Come salvare l’Europa dall’autodistruzione. Forse Cod. 9788866774273 € 10,00 Formello, un paese molto speciale alle porte di Roma, una mattina viene svegliato bruscamente da un’invasione di cornacchie. Il paese si stringe attorno al suo sindaco, che sta organizzando la difesa del territorio. Nel frattempo, si sparge la notizia che tutta l’Europa ha il medesimo problema. Gli Stati si organizzano, la Comunità Europea prende dei provvedimenti e piano piano l’emergenza rientra. Nel frattempo, sul Mar dei Caraibi, le 12 Stelle, scienziati di prima grandezza, osservano, programmano e agiscono in nome di una “ecopolitica” che dovrebbe contenere l’ottusa aggressività dei popoli per consentire ai cittadini del mondo di ritrovare speranza e fiducia nel futuro. È mai possibile che il mondo aspetti di brillare di luce nuova solo grazie all’ecogovernance delle 12 Stelle? E che dopo la guerra della cornacchia ci si aspetti la guerra della medusa di Nomura? Una storia incalzante dove la realtà e la fantasia si combinano con un’ironia garbata che confonde le carte ma che fa anche emergere la legittima domanda: perché non dovremmo essere capaci di regolamentarci da soli?

18 TERZA PAGINA  dicembre 2013


RIFLESSIONI

CRESCERE INSIEME A UN LIBRO

C

he splendida compagnia i libri! Lo penso ogni volta che sfioro la copertina del libro che mi avvio a leggere. Una compagnia discreta, silenziosa, a tratti anche smaliziata. Immergersi nella lettura è come stare in apnea, per tutto il tempo si ha l’impressione che il mondo sia nascosto tra le pagine e spariscono i rumori, gli odori, perfino le persone della vita reale. Sparisce tutto quello che un attimo prima ci circondava e, senza che lo si voglia, ci si ritrova circondati dalla trama del libro.

Un battito di ciglia, il tempo di un sospiro che, dal nulla, compaiono personaggi, paesaggi, rumori, odori; il libro ha preso vita in noi senza chiederne il permesso, lo ha dato per scontato e ci ha accerchiati. E via! Una pagina tira l’altra, diventiamo ingordi, insaziabili come bambini su un albero di ciliegie che, mentre si affannano a raccogliere velocemente dai rami, non riescono a frenare la loro golosità e si riempiono la bocca del bottino. Un bel libro è proprio una splendida compagnia e, più è bello, più non si riesce a resistere al richiamo di finirTERZA PAGINA  dicembre 2013

19


RIFLESSIONI lo per ricominciarlo. Ci sono libri che ho letto e riletto decine di volte, perché sono amici di cui non riesco a privarmi, come il Piccolo Principe di Antoine Marie Roger de Saint Exupéry. Forse sono un caso patologico ma, ogni volta che lo riprendo ne scopro tratti nuovi ed ho certezza di averne persi di precedenti e mi chiedo il perché! Ha un odore sempre diverso, sarà la carta che invecchia ed io con lei, anche l’odore della rosa è cambiato, ora è una fragranza di passione, da piccolo aveva il sapore dell’amicizia, da adolescente era solo un bel libro. Con questo libro, da piccolo, imparai a disprezzare il “mondo dei grandi”, tutto quel grigiore che ora vivo (faccio parte di quel mondo adesso), quella assoluta mancanza di fantasia, quella monotonia che è la vita quotidiana. Sempre con questo libro, ora che sto nel mondo dei grandi, trovo un rifugio per la mia anima. Siamo cresciuti insieme! Crescere insieme ad un libro non è come crescere insieme ad una persona, non è da tutti e, soprattutto, non è per tutti, perché è indispensabile essere bravi ad infischiarsene dell’anagrafica, delle leggi della fisica, della matematica.

È una questione di follia, di fantasia, dove l’unica regola è “vietato avere regole!” altrimenti diventa solo un esercizio mnemonico, come leggere la ricetta del brodo di pollo, senza fantasia anche nei libri non c’è entusiasmo. Per poter dire “… ho letto un libro” bisogna essere certi di aver condiviso sensazioni con le pagine. Una lacrima, un sorriso, una risata, un sospiro, un po’ di malinconia, l’euforia della gioia, i brividi di un amore. Perché i libri non si leggono, si vivono tutti d’un fiato anzi, ci devono togliere anche il fiato, la pagine respireranno per noi. Qualche volta, soprattutto d’estate, mi ritrovo da solo a casa, per un attimo mi viene la tristezza della solitudine, poi butto gli occhi alla libreria e quella sensazione svanisce, perché so che mi basta allungare un braccio e pescare a caso per ritrovarmi un amico tra le mani, mi dà conforto saperli lì, sempre pronti ad accogliermi, sornioni e sorridenti, con le braccia aperte per stringermi e trattenermi in mille universi di fantastica follia. Sì… i libri sono proprio una bella compagnia! Vincenzo Calaminici

VINCENZO CALAMINICI Il diario delle due lune € 12,50

Cod. 9788866520528

Un intreccio di vite, tre generazioni, per ultimare ciò che la prima aveva iniziato. Un racconto che ci conduce attraverso un viaggio fatto di sentimenti profondi e completamente diversi fra loro, dall’amore per il proprio nonno e la propria famiglia, all’amore e al rispetto per la propria moglie, a una passione mai esplosa, ma rimasta intrappolata dentro fiumi di lettere e diari che nel corso degli anni daranno vita ad una trama di amori celati e sofferti. I sentimenti si respirano vivi dall’inizio alla fine, in una cornice di paesaggi incantevoli. La chiave del libro è l’amore, Gabriele, uno dei protagonisti, ne resterà sconvolto all’inizio e coinvolto in pieno alla fine e, nel viaggio che affronterà anche dentro di sé, il profumo delle rose gli terrà costantemente compagnia, un profumo che sa di passioni e che il lettore percepisce semplicemente sfogliando il libro.

20 TERZA PAGINA  dicembre 2013


RIFLESSIONI

LEGGERE UN UTILE STRUMENTO PER SVILUPPARE UNA NUOVA CONSAPEVOLEZZA DI SÉ

I

ritmi frenetici che teniamo per far fronte alle diverse esigenze della vita quotidiana spesso finiscono per ‘anestetizzarci’ rispetto alle emozioni che stiamo provando nel momento presente, poiché siamo continuamente proiettati verso un ‘dopo’ che così non riusciamo mai a raggiungere. Essere continuamente proiettati sul futuro ci impedisce di vivere a pieno il momento presente, metterci in contatto con noi stessi per capire cosa realmente proviamo, cosa realmente vogliamo. Fermarci nel tempo ci permette di annusare le nostre emozioni, viverle, amare quello che facciamo, ed essere consapevoli di quello che accade dentro e fuori di noi. Molte volte sappiamo quello che ci piace e ci fa sta-

re bene, ma poi non lo facciamo semplicemente perché siamo immersi nel vortice infinito del tempo che corre. Fermarci, prendere un respiro e sapere che ci sarà un momento da dedicare totalmente a noi stessi è già un’ottima decisione. Ritagliarci del tempo da dedicare alla lettura può essere un utile strumento per accrescere la consapevolezza di sé, di quello che si sta provando, oltre che un’ottima occasione per mettere in discussione i propri schemi di pensiero per avere nuove chiavi di lettura della realtà. Ogni libro che leggiamo ci permette di catturare qualcosa che resterà per sempre nella nostra mente, farà parte di noi. Secondo l’antropologa Michèle Petit la lettura può essere un rifugio ideale, TERZA PAGINA  dicembre 2013

21


RIFLESSIONI ELIANA LAMBERTI Amare è potere Come utilizzare la potente energia dell’amore per realizzare se stessi € 10,00 Cod. 9788866772477 Perché ci sono persone che sembrano ottenere dalla vita tutto ciò che vogliono, mentre altre non riescono a realizzare i propri desideri? La causa di ogni nostro successo o del suo mancato compimento è dentro di noi. Per arrivare alla realizzazione di ciò che vogliamo dobbiamo imparare ad usare le nostre facoltà. Tutti facciamo il possibile affi nché la nostra vita sia appagante e piena di signifi cato. Cerchiamo di approfondire le conoscenze, migliorare, ma quello di cui abbiamo più bisogno è amare ed essere amati. L’Autrice, dopo anni di studi e ricerche nel campo della Psicologia, Psicoterapia e PNL, ci spiega come utilizzare tecniche pratiche che ci aiutino a sviluppare una sana autoconsapevolezza che permetta di determinare ciò che avviene nella nostra vita.

uno spazio proprio dove preservare i propri interessi, dove proteggersi dal mondo esterno, un utile strumento per costruire la propria personalità. Infatti leggere un libro significa scoprirsi o meglio riscoprirsi in ogni parola che si incontra, significa cominciare a dare un nome alle proprie emozioni. Al giorno d’oggi per avere successo nella vita e nel lavoro non servono soltanto competenze tecniche, ma competenze legate anche alla sfera psicologica: autostima, empatia, motivazione, capacità di introspezione, capacità di trasmettere le proprie conoscenze e il proprio entusiasmo, capacità di relazionarsi agli altri. La lettura si configura come un utile supporto allo sviluppo di tali competenze. Leggere ci rende più coscienti e consapevoli, più creativi, meno soggetti a pregiudizi e condizionamenti; ci permette inoltre di stimolare i sensi, la memoria, il ricordo. La nostra natura di essere umani è tale da mettere a nostra disposizione l’intera gamma delle emozioni. Quando accogliamo tutto ciò che di umano c’è in noi, apriamo uno spazio all’interno del quale possiamo provare qualsiasi sentimento. Più permettiamo al flusso emotivo di fluire, più sviluppiamo in noi la capacità di provare qualsiasi sentimento. Sbarrando l’accesso alle emozioni dolorose, avremo anche la diminuzione del flusso delle emozioni positive. Se rifiutiamo la paura, soffochiamo il coraggio. Se non accettiamo il turbamento dopo un fallimento, evi-

22 TERZA PAGINA  dicembre 2013

tiamo di provare la gioia di una vittoria… Abraham Maslow, il padre della psicoterapia umanistica, sostiene: ‘Proteggendoci dall’inferno che è in noi, ci isoliamo anche dal paradiso che è in noi’. Carl Rogers, fondatore della scuola di Terapia Centrata sul Paziente, fa notare ‘il paradosso è che posso cambiare solo quando accetto me stesso per quello che sono’. Quando accetti te stesso, cioè quando accetti le tue emozioni, ti trovi nel migliore stato mentale per attuare il cambiamento. Nel mio libro ‘Amare è Potere’ (Armando Editore, 2013) ho cercato di sviluppare al meglio i concetti sopra indicati. L’obiettivo di questo libro è quello di migliorare la qualità della vita delle persone che lo leggeranno e fornire loro competenze e tecniche utili a ricreare il proprio equilibro emotivo e mantenerlo nel tempo. ‘Amare è Potere’ si configura come un percorso in cui il lettore viene aiutato ad approfondire la consapevolezza di sé e del proprio modo di rapportarsi alla realtà esterna. Credo sia molto importante riconoscere e riconnetterci con la più potente delle nostre emozioni, che è in grado di sprigionare forze che noi esseri umani non siamo neanche consapevoli di avere, il cui potere curativo è più forte di qualsiasi medicinale, di qualsiasi terapia: questa emozione è l’amore. Eliana Lamberti


RIFLESSIONI

LA RICERCA

I

l motore di ricerca più conosciuto che solo in piccola parte sfama i nostri bisogni culturali e che ci fa navigare anche tra notizie inconsistenti, come avrete capito è Google e a volte vuole giocare con

noi. Devo confessare che anche quando vado di fretta non resisto al richiamo dei disegni animati che Google talvolta sottopone agli utenti sulla pagina di apertura del motore. Lo spunto per tali giochini è l’anniversario di un personaggio storico o la ricorrenza di un’invenzione che ormai non ci sembra neanche più tale. Trascorro qualche minuto in una specie di infantile gioia per un po’ dimenticando il resto ed entrando in una dimensione di gioco puro o se vogliamo di sogno. I disegni animati in questione contengono il logo di Google e richiamano l’attenzione affinché con il puntatore si dia il via alla performance. Non si resiste a chi ci ammicca e lo fa con garbo! La nostra curiosità, il nostro spunto, l’interesse puro a conoscere sono innati negli esseri umani ma può succedere che vadano in letargo. Il giochino di Google di solito ci conduce all’enciclopedia della rete che ci informa sulla vita del personaggio proposto o sull’invenzione menzionata. Forse però tutto questo risulta essere un po’ riduttivo rispetto alle nostre infinite capacità di ritenere informazioni. La vita è più bella quando non si smette mai di imparare. Ciò può e deve continuare ad ammiccare stimolando la nostra fantasia e richiamando i nostri interessi creando un ciclo inesauribile di attenzione è il libro.

Ma come possono fare i libri a generare il bisogno di leggerli? È necessaria una pausa per riflettere su ciò che oggi viene offerto. L’infinita gamma di letteratura, nel senso numerico del termine, che si avvale della attualità più spicciola specialmente politica e sociale, confeziona tomi pieni perlopiù di considerazioni equiparabili alle notizie effimere della rete e quindi destinati al dimenticatoio. Sono libri pensati e redatti in qualche settimana che in realtà non possono soddisfare nessun bisogno vero del pubblico. Una sola cosa possono ottenere ed è quella di disamorare alla lettura. Anni di bassa o bassissima televisione hanno veicolato falsi valori e falsi miti quali l’apparire, l’effimero, l’importanza dello sfoggio di ricchezza. Negli anni passati sono stati di moda manuali perlopiù di traduzione americana ma poi ben presto sostituiti da altri del tutto nostrani che volevano insegnare come avere successo nella vita e fare soldi. Il possesso del denaro nella società contemporanea in troppi casi ha sostituito i valori cui aspiravano gli uomini dei secoli precedenti. Anche gli strati sociali che non vedono nel denaro l’unico valore comunque faticano ogni giorno nel ripetere a se stessi che è giusto non avere ambizioni impossibili specie se a scapito di altri, e non è necessario essere cristiani per pensare così. Sia gli uomini ricchi che quelli comuni o poveri fino a qualche tempo fa ambivano molto spesso anche a valori alti quali l’onore, la rispettabilità, la santità, la gloria, la carità, la fama per nobili imprese, le scoperte per TERZA PAGINA  dicembre 2013

23


RIFLESSIONI

il bene dell’umanità o altro e non solo alla ricchezza fine a se stessa. I libri hanno raccontato per secoli di uomini che hanno fatto imprese, che si sono coperti di gloria, che sono diventati santi. Si leggevano appunto le vite dei santi, i testi parlavano di eroi, i poemi erano cavallereschi, i ponderosi romanzi erano commedie umane e così via. Questi libri erano buoni per tutte le stagioni dell’uomo e potevano essere ripetutamente letti per tutta la vita. Oggi si assiste purtroppo al libro di consumo, frutto della fretta e dell’insensato desiderio a volte di dover a tutti i costi scrivere qualcosa e magari far soldi. I personaggi molto spesso vuoti di etica che in qualche modo hanno raggiunto un po’ di visibilità ecco che subito ne approfittano e si buttano a scrivere di tutto. I loro volti noti occhieggiano dalle copertine! Chi ha la disavventura di comprare questi libri si ritrova ad avere il vuoto fra le mani e se per la prima volta era stato portato a leggere penserà che in seguito non ne varrà più la pena. Raffaele La Capria, nella sua recente intervista ad un quotidiano, parla del “gusto della lettura” e dice che “il dono della lettura in sé è un dono e la letteratura è sì per pochi ma che in Italia i pochi sono troppo pochi e troppi quelli che beneficiano libri che non lo meritano, trascinati dallo spirito convenzionale del tempo”. Leggere un libro significa farlo vivere anche se solo nella nostra testa. Noi siamo in grado di rielaborare i concetti ed i pen-

24 TERZA PAGINA  dicembre 2013

sieri che vi sono esposti, rendere reali i suoi personaggi, disegnare i paesaggi descritti, rafforzare tutte le nostre capacità intellettive in quel tempo passato a tu per tu con la pagina scritta. Le biblioteche sono piene di pagine di musica ben scritta sul pentagramma ma se mai nessuno imbraccerà per esempio un violino per suonarla quel messaggio musicale rimarrà lettera morta. Leggere un libro è come suonar musica ma serve comunque uno strumento e questo strumento è la nostra intelligenza che abbiamo il dovere di nutrire adeguatamente scegliendo bene cosa leggere. Gli autori che nel passato hanno scritto libri che hanno attraversato i secoli e sono tuttora esempi importanti e supporti della nostra cultura, lo hanno fatto per trasmettere messaggi universali. Per fortuna anche molti scrittori contemporanei si spendono tutta la vita in una massacrante ricerca interiore per riuscire a comunicare al pubblico l’estratto migliore dell’immenso brodo vitale in cui siamo immersi. Certo può essere difficile tra le tante copertine che riflettono nelle vetrine delle librerie farsi guidare da istinti sani nelle nostre scelte ed evitare di far cadere in letargo la nostra mente scegliendo quello che appare più facile. Facciamoci sedurre dai buoni libri di chi nel silenzio lavora lontano dai riflettori della ribalta mediatica non resistiamo loro come quando Google ci invita a giocare. Paola Meschini


Estrattotpdic35 36