Page 1

Settimanale del Comitato Regionale Fipav Anno 5 numero 36 del 14 novembre 2013

Direttore Responsabile Roberto Esse Aut. Trib. Napoli n.29 del 30 marzo 2011

Vitulano e Saviano, due oasi di serenitĂ FIPAV CAMPANIA

Basta Terra dei Fuochi! I campioni della regione scendono in campo per fermare lo scempio a pagina 4


anno 5 Stop alla Terra dei Fuochi

4-5

La pallavolo scende in campo per denunciare gli sconci. 13 Dicembre manifestazione a Casoria

Vitulano studia da campione

8

La società del presidente Vetrone sogna di centrare con i giovani la promozione in C

Sidigas Hs Avellino in ansia La gara perfetta con Ortona non rilassa gli animi Sempre in bilico il futuro del club biancoverde

6

7

Coppa Italia serie A2/F Cadono Gricignano e Sala

10

Miracolo a Saviano, Una società in crescita

Brava Torre ambiziosa 11 Cava de’Tirreni si presenta

14 Dorothy Rinaldi si racconta: “In campo per divertirmi” Settimanale del Comitato Regionale Fipav Direttore responsabile Roberto Esse

Marianna De Martino, 14 La talent scout dei giovani Hanno collaborato a questo numero Nicola Alfano, Concetta Anacleria Sante Cossentino, Antonella Manfellotti Daniele Naddei, Stefano Telese progetto grafico

Aut. Trib Napoli numero 29 30 marzo 2011

About:Blank Graphic&Contents

n. 36


@FipavCampania

Fipav @Fipav Campania Settore Tecnico Regionale LUNEDI 18 NOVEMBRE - ORE 15.30 Palasport del Centro Federale Caravita - Via Matilde Serao, 17 - Cercola Allenamento Selezione Maschile I Selezionatori Regionali, prof. Luigi Russo e prof. Giampiero Panzini hanno convocato i seguenti atleti: Giordano Raimondo (Agca); Celozzi Luca e Montagna Antonio (Black Lions); Cefariello Marco (GSA Ariano); Famoso Marco e Marra Emanuele (Olimpica Avellino); Maiello Raffaele, Aquino Matteo, Minelli Giovanni e Losco Fabio (Pallavolo Atripalda); Di Rauso Michele (Red Maddaloni); Rucco Arturo Emanuele (Sparanise Volley); Botti Daniele (Volley World); Ammirati Piercarmine (GIS Ottaviano); Ruggiero Luca Paolo (Volley World); Faenza Nicola (Icarus Marcianise); D’avino Giuseppe (Volley Poggiomarino).

Fipav @Fipav Campania Campionato Master 2013-2014 Su www.fipavcampania.it sono stati pubblicati il regolamento e l’indizione del Campionato Master per la stagione sportiva 2013-2014. Una nuova sfida lanciata dal Comitato Regionale della FIPAV Campania che sicuramente riscuoterà un enorme successo.

Fipav @Fipav Roma Concorso: Kinder + Sport +1 Click 40000 Euro IN PALIO PER LE ASSOCIAZIONI SPORTIVE Nell’era dei social network, Kinder+Sport sostiene lo sport giovanile attraverso una grande iniziativa digitale, utilizzando 1ClickDonation: innovativa piattaforma online di clickraising. Il meccanismo è molto semplice: gli utenti donano un click alle Associazioni sportive iscritte. Le 5 Associazioni più cliccate ricevono da Kinder+Sport una donazione per un valore complessivo di 40.000 euro. Scopri come partecipare, consulta l’inziativa Kinder+Sport al fianco delle Federazioni Sportive Italiane; il termine del concorso è fissato al giorno 8 dicembre 2013.

Fipav @Fipav Napoli Comunicato Ufficiale n. 1 Sul sito www.fipavnapoli.it è stato pubblicato il primo Comunicato Ufficiale della stagione sportiva 2013/2014 a firma del Giudice Unico Provinciale, l’Avv. Filomena Mautone.

Martedì 21.30 Tv Luna 2 Martedì 22.30 Lunasport Mercoledì 20.30 Tv Luna Giovedì 11.30 Lunasport Venerdì 7.30 Lunasport Venerdì 22 Lunasport Venerdì 22.30 Luna2 12

Sottorete 3


Fipav Campania

Difendiamo la di Nicola Alfano (@Nicalf1985)

N

on si può far finta di nulla. Bisogna agire, sensibilizzare e provare a cambiare le cose. “La Campania non deve morire” è dunque il motto che anche la Fipav Campania ha deciso di far proprio a sostegno di quella che un tempo era considerata Campania Felix e che adesso, pentito dopo pentito, bonifica dopo bonifica, si sta scoprendo essere divenuta la discarica d’Europa. Tanti gli atleti campani che hanno deciso di aderire all’iniziativa promossa dal Comitato Regionale con la collaborazione di Massmedia Agency e di Andrea Vacchiano, e che il prossimo 13 dicembre a Casoria daranno vita ad un evento nel corso del quale la pallavolo sarà veicolo sociale prima ancora che sportivo.

4 Sottorete

Mente sana in corpo sano, ma anche società sana in un territorio sano. Un sogno per la Campania attuale che però i comitati per la “Terra dei Fuochi” intendono ancora perseguire, come sottolineato da Lucio Iavarone, esponente di spicco del mondo di protesta e proposta formatosi nel corso degli ultimi anni in seguito delle raccapriccianti scoperte che riguardono il sottosuolo campano: “Siamo molto felici di essere affiancati in questa lotta dal mondo dello sport in generale e dalla pallavolo campana in particolare - ha dichiarato Iavarone nel corso della trasmissione A Tutto Volley - questa tematica sta finalmente suscitando la giusta ondata di sdegno da parte di quella parte della popolazione che non era a conoscenza di quello che purtoppo


Fipav Campania

a nostra terra stava accandendo e accade nel nostro territorio. tione di spazio non abbiamo potuto mostrarveli Dobbiamo difendere la nostra terra, il nostro tutti) che hanno voluto metterci la faccia a testicibo e la nostra acqua dall’attacco criminamonianza della voglia di cambiamente che le di chi nel corso degli anni, insegfinalmente pare aver fatto breccia, in uendo il profitto ha massacrato e maniera trasversale, nella società Il deturpato la nostra splendida campana. Giovani, giovanis13 dicembre regione”. E allora tutti in simi, giocatori esperti (Scapl’evento a Casoria campo a difesa della nostra paticcio, Scialò e Enrico con attori di Made in Campania che, seppur graveLibraro) ed autentiche icone Sud e i campioni mente malata, deve ripartire del volley mondiale made in da chi non intende sottostare a Campania (Antonella Del del nostro volley suprisi e indifferenza. A colpire Core dalla Russia) hanno detto maggiormente, in positivo, gli orbasta agli sversamenti criminali in ganizzatori, promotori e realizzatori Campania. Tu cosa aspetti? Scendi in di questa iniziativa, è stata la partecipazione e campo con la Fipav Campania a difesa dellla tua l’entusiasmo mostrato dai tanti atleti (per ques- terra!

Sottorete 5


Serie A2

Sidigas Hs in ansia: “Ora fate presto” di Antonella Manfellotto

Q

uarta giornata di campionato, la gara perfetta. Se una partita di pallavolo potesse avere un titolo da film, l’ultimo match affrontato dalla Sidigas HS Avellino, contro la Sieco Service Ortona, domenica scorsa al PaladelMauro, non potrebbe che essere “La partita perfetta”. Senza se e senza ma i ragazzi in casacca biancoverde hanno giocato da grandi, pochi errori, tanti punti, e se è vero che i dati alla mano sono prove oggettive, la prestazione dei giocatori di Avellino è stata speciale sotto ogni punto di vista… Lo fa intendere a chiare lettere anche coach Michele Totire in conferenza stampa post partita: “Ci mancava dimostrare la nostra professionalità in casa durante una partita, oggi ci tenevamo a farlo. Abbiamo dimostrato quelli che siamo e quelli che possiamo essere, prestazioni del genere non ci saranno tutte le domeniche. Ci tenevamo tanto a fare questo tipo di prestazione anche perché, adesso, noi ci dobbiamo fare anche un po’ di pubblicità da soli, abbiamo dimostrato qual è il prodotto, magari qualcuno ci vedrà in Tv martedì o mercoledì, vede qualcosa e si appassiona. Questa prestazione è la dimostrazione del fatto che ciò che riusciamo a fare in palestra duran-

6 Sottorete

La squadra reagisce annientando Ortona nessuna schiarita sul futuro del club Gubitosa garantisce la trasferta a Milano te la settimana riusciamo a farlo anche la domenica in partita - continua - Abbiamo

fatto i primi 4 errori in attacco soltanto al terzo set, questo credo che nella pallavolo basti come dato per spiegare qualcosa… loro ci hanno messo in difficoltà al terzo set e noi abbiamo calato l’attenzione per un momento ma Ortona è una squadra che gioca, credo che abbiamo meritato questa vittoria, numeri alla mano”. Il pensiero espresso da Totire nel post gara ha fatto riferimento alle ultime vicende della società biancoverde in grave dissesto economico che, ad oggi, non hanno ancora alcuna risoluzione. La situazione resta alquanto difficile. All’indomani di una partita del genere viene, allora, da chiedersi come hanno fatto a scendere in campo questi giocatori sapendo che tutto ciò per cui stavano combattendo non esiste più? Professionismo puro professionismo che ora è in attesa di risposte concrete da Lega ed eventuali investitori, vecchi e nuovi. La società rende noto che lo sponsor HS che fa capo a Gubitosa garantisce la copertura della trasferta a Milano.


C.Italia A2/F

Coppa Italia amara Campane al tappeto Corpora Gricignano e Puntotel Sala Consilina sconfitte nella prima gara della competizione tricolore domenica il ritorno con Soverato e Bang Rovigo di Antonella Manfellotto

S

top al Campionato, al via il primo turno il primo turno di Coppa Italia per la serie A2 femminile. Debutto poco felice anche in Coppa per la Corpora Gricignano della presidentessa Tina Musto, che vince il primo set nella nuova categoria contro Soverato, 3-1 il risultato finale per le calabresi, mentre già si pensa alla fase di ritorno in scena il prossimo fine settimana in quel di Catanzaro. “A piccoli passi ci stiamo ambientando in un campionato importante, una realtà completamente diversa da quella di B1-continua - C’è bisogno di apprendimento della categoria, inoltre, la nostra è una squadra completamente nuova, abbiamo cambiato dieci giocatrici su undici rispetto all’anno scorso e, si sa, ci vuole tempo prima che determinati equilibri ed automatismi si stabilizzino”. Queste le parole del competente allenatore Luciano Della Volpe dopo l’ultima esperienza sul campo, si, perché, per la Corpora Gricignano l’avventura della serie A2 è solo all’inizio, così come ci conferma successivamente il tecnico: “Siamo sereni, sapevamo che non avremmo avuto un inizio facile, nemmeno il calendario è stato clemente con noi, abbiamo subito incontrato delle squadre molto forti, con un’esperienza in A2 diversa dalla nostra. Le mie ragazze sono molto giovani e, spesso, si sono trovate a competere con atlete straniere che giocano nel medesimo ruolo, dai compensi faraonici molto più abituate alla lotta di categoria. Nonostante ciò, abbiamo spesso sfiorato la vittoria dei parziali a testimonianza del fatto che siamo li e che abbiamo voglia di combattere, volta per volta”. Parole di chi ha investito molto in questa

Una fase di Gricignano-Soverato

serie A e che non ha intenzione di mollare, lo testimonia la volontà di non rimanere fermi: “Questa serie A2 comporta enormi sacrifici per noi, ci teniamo molto e, qualora fosse necessario, abbiamo intenzione di attingere anche dal mercato che si aprirà a dicembre”. Determinazione e voglia di lavorare per migliorarsi, che non tralascia nessun particolare: “stiamo migliorando molto anche dal punto di vista organizzativo, ogni partita mette in moto una macchina oleata che impegna molti collaboratori, ci farebbe piacere avere solo un po’ più di pubblicità”. Lavoro, passione e dedizione, un impegno da serie A. Brutte notizie anche dal Veneto. La Punto-

tel Sala Consilina perde per tre set a zero contro la Bang Rovigo di capitan Peluso. Nel primo set le ragazze di Guadalupi ci vanno vicino all’affermazione così come diomostrato dai parziali della frazione: 27 – 25 per le venete ed il match è sempre stato molto acceso. Le due squadre hanno messo in campo grinta da vendere, il ritmo della partita ha viaggiato su livelli molto alti, la Puntotel, nonostante la sconfitta, ha giocato la sua miglior gara dall’inizio della stagione. Sul risultato finale ha inciso il fattore campo, ma nella gara di ritorno, sicuramente, sarà un’altra partita. La gara due si giocherà, domenica, 17 novembre, alle ore 18 sul parquet del palazzetto dello sport di Sala Consilina.

Sottorete 172


Serie D

Il Vitulano studia da campione Il presidente dello Sportinsieme Vetrone euforico: “Il nostro obiettivo è la conquista della serie C, puntiamo a crescere valorizzando i giovani”

di Daniele Naddei

L

e piccole realtà della pallavolo vogliono emergere per recitare un ruolo sempre più importante nel panorama pallavolistico campano. E’ questo il caso dello Sportinsieme Vitulano, la società che attualmente milita in serie D maschile è una delle realtà più ambiziose della serie minore. “Abbiamo allestito una squadra molto forte – dice il presidente del Vitulano, Enrico Vetrone -. Gli sforzi di questa società, negli ultimi anni, sono stati veramente notevoli ed il giusto obiettivo per questa squadra è il raggiungimento dei play-off che ci consentirebbero di giocarci la promozione in serie C. Ci tengo a sottolineare quanto per noi siano importanti i giovani, l’anno scorso abbiamo vinto le categorie under 17 e under 19 ed in prima squadra abbiamo quattro ragazzi che sono cresciuti con noi. I giovani sono il futuro di questo sport e quindi noi li valorizziamo più possibile”. Il presidente ha poi illustrato le peculiarità della nuova squadra che affronta la nuova stagione: “Sono molto contento del lavoro che il nuovo tecnico, Angelo Cioffi, sta facendo – l’elogio del presidente Vetrone -. La squadra ha già un gruppo solido e compatto, ci siamo amalgamati bene e sicuramente possiamo puntare in alto. Mi sento di dire che possiamo regalare grandi soddisfazioni al nostro pubblico”. Un Enrico Vetrone molto carico e fiducioso che va a colpire nel segno parlando poi del palazzetto dello sport di Vitulano: “Il nostro palazzetto è stato costruito nemmeno una decina di anni fa. Non è un impianto polisportivo, difat-

8 Sottorete

ti possiamo giocare soltanto la pallavolo, ma è un’ottima struttura con quasi cinquecento posti a sedere. Il comune ci aiuta e ci supporta sempre sotto questo punto di vista e noi lo ricambiamo organizzando eventi per il paese”. La questione palazzetti, insomma, esiste soltanto parzialmente. Difatti mentre a Napoli tutti gli sport che non siano calcio muoiono inesorabilmente e tristemente, in provincia addirittura il volley ha un palazzetto esclusivo. Il presidente ha concluso parlando dei costi di gestione, sponsor e trasferte, il grande punto debole della pallavolo: “La nostra società ha casa in un paesino molto piccolo, di appena duemila persone- comincia a raccontare il presidente della Sportinsieme Enrico Vetrone -. Noi cerchiamo di aiutare il comune organizzando eventi come il beach volley che giustamente portano persone al paese in quel determinato periodo. Per quel che riguarda gli sponsor sono veramente poche le imprese locali che tentano di aiutarci, il più delle volte con cifre molto modeste, ma grazie a questi contributi siamo riusciti ad attrezzarci bene. Abbiamo comprato attrezzi, palloni ed altre tante cose necessarie per gli allenamenti. Per quel che riguarda le trasferte la società due anni fa aveva a disposizione un pulmino, grazie al quale avevamo ridotto al minimo i costi. Da quest’anno – conclude - non possiamo più disporne e quindi ci stiamo organizzando con le nostre macchine, mia e di qualche altro dirigente, per portare i ragazzi”. Grande organizzazione e grande spirito di sacrificio per questa società che punta subito al massimo.

In La scheda

NOME: Vitulano Volley PRESIDENTE: Enrico Vetrone VICE PRESIDENTE: Simone Pedicini ALLENATORE: Angelo Cioffi Vitulano Volley: Negli ultimi anni la piccola realtà di Vitulano ha ottenuto importanti successi nei vari campionati provinciali. Già la vittoria nello scorso anno dei campionati U19 e U17 ha dimostrato quanto questa società punti sul settore giovanile. Oltre al campionato di Serie D maschile la società può vantare partecipazioni a tanti altri campionati. Il Vitulano ha infatti iscritto cinque squadre maschili, inclusa la Serie D, tra cui partecipazioni agli under 19-17-14-15 ed altre due squadre femminili under 18-16.


Serie D

n panchina c’è Cioffi

Sottorete 9


Serie C/F

Miracolo a Saviano Un team dinamico La società del presidente Morelli cerca talenti in tutta la regione Palazzetto sempre pieno, pubblico appassionato, giovani in crescita di Mauro Romano

I

l Club volley Saviano si presenta alla sua seconda stagione agonistica nel campionato regionale di serie “C” Femminile. La società è nata dall’impegno di un gruppo di appassionati che, individualmente, avevano già vissuto esperienze in altri club. L’ambizione principale è quella di portare nell’accogliente struttura del proprio paese, uno sport fino ad allora inesistente. Quindi, con l’acquisizione del titolo sportivo, cominciava l’affascinante avventura, il cui primo risultato tangibile è andato oltre le più rosee previsioni: 5° posto in classifica nel campionato appena conclusasi. Artefice principale dell’ambizioso progetto, il presidente Gennaro Morelli, il quale, nella pianificazione dei programmi societari, si avvalse, come tutt’ora, della vice presidenza di Paolino Napolitano e di un buon numero di attivissimi dirigenti. Da allenatore della prima squadra, nonché responsabile dell’intera area tecnica, intraprese ad operare l’avvocato Lello Curcio, coach di indubbie qualità tecniche e morali, di comprovata esperienza per i tanti successi conseguiti in più di quindici anni di panchina. Il palazzetto dello sport di Saviano si riempì da subito di un tifo caloroso ed entusiasta. Venne accordato il ‘Patrocinio Morale’ dell’amministrazione comunale, interessante connubio per far si che sport e sociale interagissero nel nome di “Città del Carnevale”, dicitura impressa sulle maglie di gioco per operare in simbiosi e con orgoglio con la massima espressione identificativa della città: il Carnevale, appunto! Già dai primi passi il discorso non si limitò all’allestimento della sola “1a squadra”, ma anche alla volontà di investire con impegno e dedizione nel Settore Giovanile, per far si che le giovanissime di Saviano e dintorni non dovessero “emigrare”. E ci fu subito la partecipazione ai campionati “Under 18” e “Under 14” sotto la guida dei mister Gino Calabrese e Gabriele Panico. Con l’inizio del nuovo anno sportivo i programmi sono divenuti ancora più ambiziosi. La società si è arricchita degli innesti di Aniello franzese, Giovy Napolitano e Fulvio Aurioso. Ed anche lo staff tecnico è cresciuto di numero e di qualità con Elena Irollo, Anna Di Nardo, Umberto De Gennaro, Giuseppe Ruotolo, lo stesso Gino Calabrese e Claudio Tizzano, quest’ultimo anche col ruolo

1102 Sottorete

di fisioterapista e preparatore atletico. C’è, poi, la collaborazione part/time di Felice Sautariello. La squadra ha avuto un buon piano di potenziamento con l’arrivo di atlete di comprovata bravura ed esperienza quali Claudia Napolitano; Letizia Guadagnino; Antonietta Andreozzi; Giovanna Bernardi; Rosamaria Esposito; Anna Maria Rea. Giocatrici che hanno integrato il “roster” con le confermate Annalisa Angelino, capitano; Elena Irollo (attualmente infortunata); Teresa Petillo; Rossella Bocchino; Anna Di Nardo; Mara Napolitano (L), con l’aggregazione del 2° libero Arianna Aurioso, destinato alla compagine di II divisione. Alla guida di coach Lello Curcio, ‘vecchie’ e ‘nuove’ atlete stanno cercando la migliore condizione fisica e la migliore coesione possibile. Ragion per cui, in questo inizio di stagione l’andamento è altalenante. Le 4 gare sinora disputate hanno portato 7 punti in classifica in virtù di due vittorie piene – contro Avellino e Arzano - ed altrettante sconfitte – 2/3 con la Gimel Sant’Agata e 1/3 con la capolista Centro Ester. Ma ciò che conforta è la forza dello spogliatoio e la voglia delle atlete di migliorarsi di partita in partita in modo da poter riconfermare almeno il 5° posto della scorsa stagione, anche se il girone “B”, quest’anno è tosto per la presenza di autentiche corazzate che non nascondono sogni di promozione nel campionato nazionale di B2! Ma ci si crede e col lavoro in palestra si riuscirà sicuramente a dare il meglio di se. I campionati giovanili a cui si parteciperà, invece,

sono: Under 16, gruppo che disputerà anche il campionato di II divisione; Under 14; Under 13 e Under 12. Inoltre è aumentato in modo cospicuo il numero di iscritte ai Cas! E’ il premio per tutti coloro che con passione e sacrificio portano avanti un progetto che, ricordiamo, è nato poco più di un anno fa. Progetto in cui crede il presidente Gennaro Morelli, ideato quale momento non solo di sport, ma anche di aggregazione sociale, che il team intende impiantare nel presente, ma con l’intento di proiettarlo dignitosamente nel futuro.

Patron Gennaro Morelli


Fipav Campania

Brava Torre, che ambizioni Il team del presidente Balzano è impegnato con grande entusiasmo in numerosi tornei

Brava Torre in passerella

di Marcella Piantadosi

L

a Brava Torre si è presentata con rinnovato entusiasmo all’appuntamento con la stagione agonistica. Il presidente avvocato Gerardo Balzano ha illustrato assieme al team tecnico-dirigenziale dell’associazione, composto da Carmela Formicola, Salvatore Sannolo, Patrizia Pernice, Carlo Cuciniello ed il professor Marco Giglio, alla stampa ed agli associati gli obiettivi per la stagione agonistica 2013/14 e la programmazione annuale delle attività sportive. Il primo obiettivo per la Brava Torre resta quello di promulgare la pallavolo ed i valori dello Sport con la capacità di raggiungere anche importanti risultati sportivi, come è avvenuto lo scorso anno agonistico 2012/13 nel quale la Associazione torrese si è laureata campione provinciale Superminivolley. Quest’anno la Brava Torre terrà i seguenti corsi : presso la Scuola Elementare “Giampietro – Romano” sita in via Nazionale in Torre del Greco ● Corsi di Minivolley: per i nati dal 2004 al 2007 il lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore 17,00 alle ore 18,00; ● Under 12 e Under 13: per i nati dal 2001 al 2003 il lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore 18,00 alle ore 19,30; ● Under 16 Femminile: per i nati dal 1998 al 2000 il lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore 19,30 alle ore 20,45; Presso la Scuola Media Statale “G. Leopardi” sita in via De Nicola in Torre del Greco: ● Corsi di Minivolley ed Under 13 Femminile e Maschile: il martedì e giovedì dalle ore 16,30 alle ore 17,30; Presso la SMS “Beato Vincenzo Romano”sita al Viale Lombardia in Torre del Greco: ● Under 16 e Under 19 Maschile: per i nati dal 1996 al 2000 il martedì e il giovedì dalle ore 18,30 alle 20,30. La Brava Torre sarà impegnata in diverse competizioni Fipav tra cui il Campionato di Prima Divisione Femminile, il campionato Under 16 Femminile, i campionati under 12 e 13 femminili e maschili, nonchè parteciperà a diverse competizioni di minivolley.

Asd Cava de’Tirreni, sorrisi e campionesse

L’Asd Cava de’Tirreni sottorete di Ignazio Fideleff

L

’Associazione Asd Cava de’ Tirreni Volley è riconosciuta quale unica scuola di pallavolo federale cavese ed ha ottenuto la Certificazione Standard di Qualità Attività Giovanile 2014-2015. Nata nel 2005, è una realtà molto radicata nel territorio Cavese ed è espressione della fusione tra diverse società di pallavolo che esercitano il gioco della pallavolo da oltre 20 anni. L’obiettivo principale che si è posto è creare una organizzazione associativa molto forte e stabile improntata alla qualità totale con la visione di costruire una realtà che nell’arco di tre anni di progetto (2013-2016) possa passare da una visibilità regionale (con l’attuale Serie C) a quella nazionale.

Può contare su un bacino di utenza molto vasto basti pensare che, soltanto la stessa associazione, è formata da oltre 200 associati tra atleti, dirigenti e collaboratori vari. Essa, inoltre, esercita la pallavolo in una cittadina che conta un bacino di utenza di oltre 56.000 unità, senza considerare i tifosi, gli appassionati e i simpatizzanti delle cittadine limitrofe. Il programma tecnico, disegnato e seguito dal Direttore Federale Scuola di Pallavolo prof. Antonino Mirabile, allenatore di 3° grado, 3° livello giovanile e docente di Scienze Motorie e Sportive, prevede la partecipazione ai seguenti campionati regionali e provinciali: Serie C, prima divisione, seconda divisione, U. 12/13/14/16/18 e Cas.

Sottorete 11


Spettacolo

Marianna De Martino La “Talent S di Carlo Carnevale

M

Tra i talenti scoperti dalla De Martino c’è anche il figlio, Gennaro Mirto (foto in alto), attore di belle speranze

12 Sottorete

olto spesso, le discussioni che riguardano il volley, e più in generale lo sport tutto, si concentrano sull’argomento dello sviluppo giovanile. Anche nel panorama mediatico e dello spettacolo la situazione è simile, e Sottorete ha intervistato Marianna De Martino, tra i nomi più importanti in campo di scouting e insegnamento. “Ho iniziato dalla formazione teatrale. Mi sono occupata per anni di vere e proprie scuole e accademie, una sorta di vivaio, per dirla in termini sportivi. Il numero di iscritti è cresciuto costantemente, e c’è stato il forte bisogno di una agenzia che si occupasse degli interessi degli individui più adatti. Ho iniziato a diversificare, e oggi posso definirmi un’agente cinematografico”. Ad oggi, la De Martino dirige l’accademia “La Ribalta”, e ci ha raccontato le vicissitudini che l’hanno portata ad essere tra le migliori e più stimate manager italiane: “Iniziai con l’apertura della sede storica a Castellammare; il successo fu tale che i


Marianna De Martino

o Scout”

La ricetta dell’agente delle giovani star italiane che applica i principi dello sport al difficile mondo dello “show business”: “Nelle scuole teatrali ho scoperto i primi talenti che poi con costanza e lavoro ho portato al successo, dirigo anche una scuola di recitazione, “La Ribalta” fondata a Castellammare con grande successo. Ricordo che fummo, piacevolmente, costretti ad aprire una sede a Napoli”.

miei collaboratori ed io riuscimmo ad ot- che a mio avviso è fondamentale anche in tenere un’ ulteriore sede a Napoli, che sta vista di un eventuale sbocco in ambito lacontinuamente raccogliendo ampi consensi vorativo”. La Ribalta è comunque sinonimo ed iscrizioni. Proponiamo anche seminari di affidabilità e alto livello gestionale, e la e corsi a Milano. L’idea di base è quella di top manager non tarda a puntualizzarlo: offrire una formazione di qualità, ma ov- “Di certo, chi effettivamente si distingue per viamente è necessario che gli alunni attitudine e talento entra nel giro cinesiano talentuosi”. Il percorso di matografico-teatrale, l’accademia Il Marianna è dunque quanto è comunque una garanzia di mai chiaro, con il netto pasagganci e possibilità”. Inproposito saggio dall’insegnamento teressanti infine i progetti dell’Accademia: alla gestione manageriale della De Martino, che si “Offrire formazione dei suoi assistiti; quello che è pronunciata anche sulle di qualità a chi ha però colpisce è la decisione prospettive dell’attività talento” e la schiettezza con la quale partenopea: “Alla base di affronta il suo lavoro quotutto c’è comunque l’idea di tidiano: “Perseguo un rapporto rendere Napoli un centro immolto diretto con i giovani che si afportante ed un polo di attrazione per facciano alle porte della mia attività. E’ dif- i giovani artisti, come lo è Roma da ormai ficile avere un ruolo in pianta stabile, un fu- svariati anni. Vogliamo essere un punto di turo, e sarebbe inutile indorare la pillola solo arrivo e non una semplice piattaforma di per regalare false speranze. Chi è iscritto passaggio per coloro che decidono poi di all’accademia non diverrà necessariamente spostarsi presso altri istituti. Miriamo anzi attore solo in virtù della partecipazione. ad essere un trampolino di lancio, e i risultati Seguo una politica di assoluta meritocrazia, ci stanno dando ragione”.

Marianna De Martino in tutto il suo splendore

Sottorete 13


Il personaggio

Dorothy Rinaldi: “In campo per divertirmi” In palestra per dimenticare un lutto familiare la soddisfazione di arrivare in A2 con Gricignano la voglia di volare in alto anche con il Nola

di Concetta Anacleria

G

iovanissima, classe 92, Doroty ha già hai fatto un bel po’ di esperienze, quest’anno difende i colori del Nola Città dei Gigli impegnato nel campionato di B2, dopo varie esperienze di cui ultima la promozione in A2 con il Gricignano nella passata stagione, che così ci racconta: “Il campionato di B1, che mi ha portato in A2 l’ho vissuto con entusiasmo. Mi sono trovata a giocare con giocatrici grandi non solo di età, ma anche di esperienza, sono stata allenata da coach che credevano in me e mi hanno aiutato tante nella crescita tecnica, da questa esperienza ho ricavato non solo miglioramenti tecnici ma anche di vita sportiva, il rispetto per l’avversarie, rispetto per le compagne di squadra, la puntualità! Poi i play off, una magica realtà che è arrivata dopo tanti sacrifici, un anno bellissimo di cui non rinnego nulla. Anzi ringrazio la società che mi ha permesso questo e spero fortemente di vivere un altro anno così, ne sarei solo felice”. Dall’ultima entusiasmante esperienza a come ha iniziato, Doroty è una ragazza vivace e solare e racconta così il suo approccio alla pallavolo: “Io ero la classica bambina che perdeva ore ed ore vicino al muro di casa con mia madre a giocare a pallavolo, in tv guardavo la serie animata sulla pallavolo Mila e Shiro di continuo; la pallavolo è come se l’avessi nel sangue sin da piccola; ho iniziato a 5 anni dopo la morte di mia sorella, la pallavolo mi ha dato forza, mi ha aiutato, ero molto scioccata dall’accaduto e i miei hanno pensato bene di iscrivermi a pallavolo per aiutarmi, quindi è a loro che devo dire grazie”.

14 Sottorete

La famiglia è il suo fulcro vitale e nella vita privata oltre al volley c’è una concessionaria di auto, azienda familiare, infatti ci spiega in cosa consiste il suo lavoro e i suoi progetti: “Vendo auto con i miei genitori e da 2 anni sono nei vigili del fuoco come discontinua, aspettando che magari un giorno, posso diventare effettiva. Di pallavolo non si vive economicamente, ma si vive di vita, per me la pallavolo è tutto e qualsiasi progetto sposo, lo porto a termine con tutta me stessa dando il massimo”. “Quest’anno sono ritornata a Nola – continua dove comunque ho disputato diversi campionati di C, la squadra è stata ripescata in B e ho deciso di venire a dare una mano. Ovviamente c’è una mentalità diversa, rispetto all’anno scorso a Gricignano, lì c’era una mentalità vincente, qui c’è un gruppo giovane e la società mette al primo posto la crescita del settore giovanile, non è lo stesso, ma il Nola Città dei Gigli sono sicura farà strada, investe molto sulle giovani e cresceranno tanto”. L’ultimo sguardo è sul futuro: “Per quel che riguarda le mie ambizioni, io crisi o no, credo in questo sport, credo in me stessa e credo che arriverà il treno giusto anche per me. Spero in esperienze forti, competitive, dove posso dimostrare il mio valore. Resta che, qualsiasi scelte farò nel futuro, le affronterò sempre e comunque con la stessa grinta e lo stesso sorriso”. Doroty poi non ha dubbi, alla domanda cosa diresti ad un giovane per farlo appassionare al volley, risponde così: “Direi vieni a vedere una mia partita” congedandosi con un largo sorriso, che dispensa spesso, diffondendo allegria.

Futur La scheda

Doroty Rinaldi Data di nascita 08/12/1992 Nazionalità sportiva: italiana Ruolo: libero, martello ricettore Altezza 170cm Carriera: -Anno 2006 Esordio in serie C Arzano -Anno 2008-09 serie C Nola -Anno 2009-2010 serie C Gricignano playoff B2 -Anno 2010-11 serie C Nola -Anno 2011-12 serie C Nola (breve esperienza in B2 a Pescara, accordi non rispettati). -Anno 2012- 13 Serie B1 Gricignano Coppa Italia Final four Promozione A2 -Anno 2013-14 Promozione B2 (Foto uff.stampa Nola e Rinaldi)


Il personaggio

ro fra i vigili del fuoco

Sottorete 15


Album di famiglia

Saviano

Volla-Procida

Minervini

crcampaniainforma@federvolley.it

Campania Sottorete N. 36  
Advertisement