Page 1

Settimanale del Comitato Regionale Fipav Anno 6 numero 8 del 27 febbraio 2014

Direttore Responsabile Roberto Esse Aut. Trib. Napoli n.29 del 30 marzo 2011

Regional Day e giornata di premiazioni a Ponticelli Il presidente Boccia: Siamo in fase di trasformazione

Fipav Campania, QualitĂ in vetrina


anno 6 Eccellenze campane in passerella

4

Premiati i nastri d’argento e le scuole federali di pallavolo Giornata di riconosimenti e riflessione a Ponticelli

Trofeo delle Province in rampa di lancio

8

In primavera si comincia con gli incontri Comitati al lavoro per selezionare gli atleti

Marianna De Micheli La protagonista di Centrovetrine si racconta: Ho una vita divisa fra la Thaildandia e la tivvĂš

12

14 Vittorio Ruscello si racconta Una vita in Accademia Settimanale del Comitato Regionale Fipav Direttore responsabile Roberto Esse

Hanno collaborato a questo numero Nicola Alfano, Sante Cossentino, Antonella Manfellotto Daniele Naddei, Stefano Telese progetto grafico

Aut. Trib Napoli numero 29 30 marzo 2011

About:Blank Graphic&Contents

n. 8


@FipavCampania

Fipav @Fipav Campania Corso Allenatore di Secondo Grado Il giorno Lunedi 3 marzo 2014 alle ore 16.00 presso la Sala Conferenze della Palestra Ivan Meriggioli, in via Argine Nord, Ponticelli (NA), si terrà la nona lezione del Corso per allenatore di Secondo Grado. Relatore: Prof. Gaetano Vitale

Fipav @Fipav Campania Corso terzo livello giovanile Si indice il Corso di Terzo Livello Giovanile per la stagione 2013-2014. Tale corso rappresenta il completamento del nuovo percorso formativo in merito alla qualificazione e specializzazione dei tecnici dei settori giovanili. I programmi tengono conto dell’esigenza di approfondire le problematiche metodologiche e di preparazione fisica specifica in contesti di settori giovanili in contesti proiettati alla formazione per la pallavolo di vertice. Per poter partecipare bisogna essere in possesso della qualifica di Allenatore di Secondo Grado - Secondo Livello Giovanile. Tale corso è strutturato in 6 lezioni da 4 ore, più 2 ore di esame. L’organizzazione viene curata dal Comitato Regionale FIPAV Campania - Settore Tecnico. Il costo del corso è di euro 150,00 da versare su C/C intestato a FIPAV CR Campania n. 22625800. su www.fipavcampania.it il modulo e l’indizione del Corso.

Fipav @Fipav Campania Settore Tecnico Regionale Maschile e Femminile LUNEDI’ 3 marzo 2014 dalle ore 15.30 alle ore 17.30 si terrà un allen. della selez. mas. del STR Campania a CERCOLA c/o il Palasport del Centro Fed. CARAVITA di via M. Serao. Appuntamento per gli Atleti alle ore 15.15 presso l’impianto. In preparazione al prossimo TDR 2014, i Selezionatori Regionali, hanno convocato le atlete, per un allen. il giorno 10.3.2014 dalle 15.15 alle 17.30 c/o la Palestra I.Meriggioli di Ponticelli, in via Argine Nord (NA). I convocati su www.fipavcampania.it

Fipav @Fipav Napoli Festa di Minivolley di Carnevale TUTTE LE SOCIETA’ DI NAPOLI SONO INVITATE ALLA GRANDISSIMA MANIFESTAZIONE DI MINIVOLLEY ORGANIZZATA DALLA FIPAV NAPOLI!!! UNA MATTINATA DI SPORT TRA ANIMAZIONE E GADGET!!! DOMENICA 2 MARZO 2014 - ore 9.00 - CENTRO FEDERALE CARAVITA DI CERCOLA

12

Martedì 21.30 Tv Luna 2 Martedì 22.30 Lunasport Mercoledì 20.30 Tv Luna Giovedì 11.30 Lunasport Venerdì 7.30 Lunasport Venerdì 22 Lunasport Venerdì 22.30 Luna2

Sottorete 3


Fipav Campania

Eccellenze campane, in passerella Il presidente della Fipav Campania Ernesto Boccia ha consegnato i riconoscimenti alle società più meritevoli della regione

di Rino Dazzo

L

a Fipav Campania premia le sue eccellenze. Si fa fatica a trovar posto nella sala conferenze della Palestra Meriggioli di Ponticelli, teatro della cerimonia di consegna dei Marchi di Qualità color Argento e degli attestati di ‘Scuola di Pallavolo Federale’ alle società più virtuose della Campania. Riconoscimenti assegnati lo scorso mese di settembre e consegnati ufficialmente ai rappresentanti dei vari club dal presidente del Comitato Regionale Ernesto Boccia e dal responsabile dell’area tecnica della Fipav, Stefano Bellotti. Sei le società insignite del Marchio d’Argento, tutte espressioni di poli storici del volley campano: Guerriero Luvo Arzano, Gsa Ariano Irpino, Centro Ester Napoli, Centro Volley Orta di Atella, Elisa Volley Pomigliano e Nola Città dei Gigli. Lusinghieri, per ognuna, i risultati ottenuti nel proficuo lavoro di valorizzazione delle giovani promesse del territorio regionale, testimoniate dal numero di praticanti e dai successi conseguiti nei campionati di categoria. Diciotto, invece, le ‘Scuole di Pallavolo’ campane: Gsa Pallavolo Ariano Irpino, Guerriero Luvo Arzano, Gs Aversa, Alma Mater Casandrino, Accademia Benevento, Battipaglia, Caserta, Cava Dei Tirreni, Centro Ester Napoli, Elisa, Futura, Montella, Nola Città dei Gigli, Centro Orta, Ottavima, Polisportiva Partenope, Pomigliano, Pontecagnano e Libertas Sparanise. La consegna di premi, targhe e pergamene, con le immancabili foto ricordo e gli scambi di battutine – Giosuè Napolitano, vicepresidente del Centro Ester, si è simpaticamente ‘indignato’ con Bellotti per la scritta “Forza Roma” presen-

4 Sottorete

te in alcuni attestati – è l’occasione per fare il punto sul momento particolare della Federazione a livello locale e nazionale. “Viviamo una fase di trasformazione”, spiega il presidente Boccia. “La quasi certa soppressione delle province avrà delle ripercussioni anche sull’organizzazione dei comitati sul territorio. Stiamo studiando il riordino e la riformulazione delle nostre strutture federali, in ossequio alle direttive che ci arrivano dal vertice. Ogni comitato territoriale dovrà essere espressione di almeno 30 società, numeri che al momento in Campania hanno solo i comitati di Napoli, Salerno e Caserta”. Vivace anche la discussione sull’esigenza di innalzare il livello del volley giovanile campano: “Quest’anno alle finali nazionali parteciperanno tutte le squadre campioni regionali, 28 in tutto. Corriamo il rischio – sottolinea Boccia – di scontrarci con realtà più preparate e di andare incontro a piazzamenti poco esaltanti nella graduatoria finale. Ci vorrebbe maggiore collaborazione, più sinergia tra le società perché in questi appuntamenti vadano a gareggiare le atlete migliori di tutta la Campania”. Un’idea interessante in tal senso potrebbe essere la creazione, per ogni categoria, di un campionato d’eccellenza, in grado di ‘preparare’ a dovere in vista degli appuntamenti di spessore nazionale. Più difficile l’imposizione dello schierare under, giovani e giovanissimi, nei campionati di serie. “Mancano i numeri, soprattutto a livello maschile. In ogni caso – conclude Boccia – la riflessione proseguirà anche nelle prossime settimane ed è aperta a tutte quelle società, quei dirigenti che volessero formulare proposte e lanciare idee”.

“U


Fipav Campania

Una fase di trasformazione�

Sottorete 5


Regional Day

Barbiero euforico: Cerchiamo giovani che amano lo sport In Campania l’ottava tappa del progetto itinerante azzurro Lo staff della nazionale ha osservato i giovani della regione: “Un momento di confronto veramente importante”

di Antonella Manfellotto

C

ontinua il percorso del Regional Day 2014. Per l’ottava tappa dell’itinerante progetto nazionale i tecnici dello staff azzurro, Mario Barbiero e Gianluca Bastiani, hanno fatto tappa a Napoli. Lo scorso lunedì, nell’ormai classica cornice della Ivan Merigioli di Ponticelli, convocati dai due selezionatori regionali, Luigi Russo e Giampiero Panzini, si sono dati appuntamento quattordici talenti campani, classe 98’ e 99’ provenienti da tutta la regione per effettuare un allenamento tutto colorato d’azzurro. Un po’ d’emozione e tanta voglia di far bene è stata più che visibile sui volti dei ragazzi che hanno preso parte all’appuntamento. L’allenamento è iniziato con un contatto verbale del tecnico azzurro con i ragazzi selezionati e come da prassi è partito con le fasi di riscaldamento e di gioco. Salti, muri, bagher, chi ne ha e più ne metta e via alla sagra dei fondamentali di gioco che a quest’età si cerca sempre di migliorare. Ed allora, rimproveri, suggerimenti, provocazioni per un gruppo che lavora già da un po’ di tempo insieme: “E’ un allenamento come tanti che ne fanno nelle loro società, inoltre, questo è un gruppo che ha già cominciato ad allenarsi da tempo con la selezione - Continua Mario Barbiero - Oggi è un altro momento formativo e d’ informazione. Non sono venuto qua per capire se c’è un giocatore per le prossime olimpiadi, sono venuto qua per aiutare questi ragazzi a crescere e se tra questi ci sarà qualche giocatore importante saremo tutti contenti, altrimenti saranno tutti ottimi giocatori di pallavolo comunque”.

6 Sottorete

In queste parole, rilasciate poco prima dell’allenamento, l’essenza del progetto Regional Day che, come ogni anno, scruta in lungo e in largo la nazione, non solo, appunto, alla ricerca di nuovi talenti ma anche per la crescita delle giovani leve del panorama del volley regionale e non solo. Non tutti sanno che tra le eccellenze non valorizzate del nostro paese c’è anche l’attività pallavolistica nazionale, i cui standard, con il passar del tempo, diventano sempre più alti ed il Regional Day è proprio il simbolo della crescita giovanile in chiave qualità. Dopo otto tappe, coach Barbiero fa un bilancio a largo e breve raggio: “Il livello è buono. L’attività pallavolistica maschile che si fa in Italia è di buona qualità. Ci sono società che lavorano bene sul territorio ma è chiaro che l’Italia è diversificata, i territori son diversi l’uno dall’altro. Oggi, siamo in Campania, un posto dove notoriamente si gioca a pallavolo bene, dove la qualità tecnica è generalmente buona, dove si fa un lavoro sul territorio abbastanza approfondito”. Parole che stimolano il lavoro di tecnici, ai quali, anche in quest’occasione, è data la possibilità di crescita e confronto: “Le linee guida che stiamo dando ai selezionatori e agli allenatori di tutt’ Italia, oggi, sono quelle riguardanti il reclutamento e l’individuazione del talento e non parliamo solo di talenti che possono arrivare in serie A ma anche talenti che servono per sviluppare la pallavolo del territorio, per migliorare la qualità dei campionati di serie C e di serie B - prosegue Barbiero - Sono proposte di valutazione del talento, è un’analisi delle caratteristiche più impor-

tanti da osservare nello specifico di questa età. Quindi è un momento di confronto importante, è un momento in cui il vertice incontra la base e la base incontra il vertice”. L’analisi complessiva della giornata, quindi, non può che essere positiva, ma un pensiero, a questo punto ci rincorre: basta un solo giorno l’anno? Con l’auspicio che i Regional Day abbiano cadenze sempre più frequenti rimandiamo l’appuntamento al prossimo allenamento della Selezione Regionale, non mancate!


Regional Day

Russo e Panzini delusi: le società non ci aiutano Il Regional Day è stato spunto di dialogo e apertura di battito sulle selezioni maschili campane. All’interno del programma Tv, sponsorizzato dalla Fipav Campania, “A tutto volley” (in onda tutti i martedì alle h 21.30 sul canale 95 del DT, Tv Luna2 e alle h 22.30 sul canale 114 del DT, Lunasport) i selezionatori maschili, Luigi Russo e Giampiero Panzini, hanno messo a fuoco il momento difficile della Selezione Campana in previsione del prossimo Trofeo delle Regioni: “Sono un po’ deluso dal mondo che circonda la pallavolo campana, il Comitato Regionale da settembre si sta impegnando per tirare fuori il meglio da questi ragazzi - ha detto coach Russo - Il Raking del TDR quest’anno ci condanna ancora, verremo sorteggiati con due squadre forti, dovremmo arrivare all’evento con una piccola armata per superarle. Purtroppo, noto, con dispiacere che, allo stato attuale delle cose, parecchi atleti dotati campani snobbano tutto questo e i sacrifici che si fanno tutti i lunedì per fare allenamento”. Le parole dei due selezionatori campani più che come una tirata d’orecchio risultano come una vera a propria provocazione: “Io e Giampiero - continua coach Russo facendo riferimento al suo collega, Panzini - quest’estate ci siamo seduti a tavolino ed abbiamo buttato già un programma per risollevare le sorti della pallavolo maschile giovanile campana ma, purtroppo, senza sacrifici da parte di tutti, si sa, non si va da nessuna parte - ed ancora, in riferimento ai ragazzi selezionati - Il materiale umano c’è, nulla da dire, è dal punto di vista tecnico che avrei molto da dire, siamo molto indietro rispetto alle altre regioni…”. Velatamente coach Russo incita gli allenatori che hanno in consegna questi ragazzi a seguirli di più, mentre Panzini, dati alla mano, fa il punto, in concreto della situazione: “Le caratteristiche fisiche, e quest’aspetto ce lo ha confermato anche Barbiero nel post allenamento, sono perfettamente in linea con lo standard nazionale, quello che non è in linea, è il numero degli allenamenti che questi ragazzi svolgono sia in selezione che nelle società d’appartenenza, è per questo che abbiamo impostato gli allenamenti a cadenza settimanale. Ci rendiamo conto che raggiungere il ritrovo dell’allenamento per alcune province risulta un doppio sacrificio, ma, d’altra parte, se vogliamo creare un spirito di squadra è fondamentale. E’ il numero degli allenamenti che fa la differenza”. Senza se e senza ma i due selezionatori maschili campani fanno appello alla presenza costante dei giovani atleti chiamati a rispondere “presente” all’appuntamento con le selezioni. Funzionerà? Certo è che il lavoro programmato va avanti, non ci resta che aspettare il prossimo appuntamento la selezione per vedere cosa accadrà.

Sottorete 7


Fipav Campania

Trofeo delle Provinc

in ramp In tutte le zone della Campania è partita la preparazione al grande evento che coinvolge tutte le giovani leve di Antonella Manfellotto

I

n tutte le province è iniziata la preparazione all’evento. Dopo un’accurata selezione alla non sempre massiccia presenza delle società, i comitati provinciali si sono messi lentamente in moto. Gli appuntamenti con gli allenamenti della selezione provinciale sono di media a cadenza settimanale e si intensificano man man che ci si avvicina agli appuntamenti in questione. Difficile fare pronostici, ogni provincia in qualche modo rappresenta una scuola di pensiero e di crescita differente ed ogni anno dipende, ovviamente, dalla qualità media del gruppo che si viene a costituire, la pallavolo si sa è lo sport di squadra per eccellenza ed il TdR è una vera e

8 Sottorete


Fipav Campania

ce

A primavera si inizia a giocare

Giovani atleti pronti al debutto Profumo di Primavera, profumo di tornei giovanili. Manca meno di un mese al fischio d’inizio della manifestazione regionale alla quale parteciperanno le selezioni delle cinque province campane. Prima di approdare al Trofeo delle Regioni, infatti, il percorso sportivo delle giovani leve, campane e non, prevede un’altra tappa fondamentale: Il Trofeo delle Province. Se il TdR rappresenta la prima vetrina nazionale per i talentuosi ragazzi di ogni regione, il TdP non è altro che lo step precedente, durante il qua-

pa di lancio propria tappa di crescita in questo senso. I pros- lavorare al meglio ed ottenere buoni risultati”. simi appuntamenti per gli allenamenti delle rap- Nelle parole del Presidente casertano l’essenpresentative provinciali vedono in domenica 23 za della manifestazione che di in anno in anno Febbraio uno dei giorni più gettonati, così tra il può portare alla ribalta diversi protagonisti, lo Centro Federale di Caravita e quello di Ponticelli testimoniano anche le parole di Paolo Strigaro, selezionatore della Rappresentativa si terranno gli allenamenti della seleziofemminile napoletana, assieme ne provinciale napoletana, oppuGli a Sasà Albanese: “Lo scorso re come nella Palestra dello anno è stato molto proStadio Pastena di Battipaallenamenti ficuo per noi, il lavoro glia si terranno gli alledella rappresentativa fatto per il Trofeo delle namenti della selezione avvengono Province è sfociato poi provinciale maschile e con cadenza nella bellissima vittoria nella Palestra Comusettimanale del Trofeo dei tre Mari nale di Capaccio Scalo 2013 – continua riquelle della femminile. e appassionano guardo a quest’anno – Il Questo il commento quasi tutte le gruppo dell’ultima ediziodel Presidente del comisocietà ne presentava delle individuatato provinciale della Fipav lità importanti, quello che si sta di Caserta, Lino Toscano, all’ imformando è sicuramente più omogeneo, minente Trofeo delle Provincie: “E’ un evento che non ci permette di fare previsioni o per testarne al meglio il livello non possiamo pronostici. Ogni anno ha una storia a se, noi, che far altro che attendere la competizione, ogni nel frattempo, come sempre ci organizziamo per annata fa storia a se”.

le, i ragazzi che partecipano all’evento hanno la possibilità di mettersi in evidenza in ambito regionale e rapportarsi, probabilmente per la prima volta, con realtà diverse da quelle in cui hanno mosso i primi passi verso il volley. Al Trofeo delle Province, infatti, prendono parte i ragazzi classe 99’ e le ragazze classe 2000’ selezionate per l’occasione. Quattordicenni, insomma, che faranno la prima grande esperienza fuori “casa“ e che si troveranno di fronte al loro primo banco di prova. Il TdP non è altro che il primo passo verso il top del percorso formativo dei giovani talenti regionali, passo solido di un progetto della durata di almeno due anni, che se svolto al meglio è foriero di grandi risultati di crescita. Il primo concentramento del prossimo TdP avverrà il prossimo 17 Marzo 2014 a Salerno, prima di allora tutte le ragazze ed i ragazzi selezionati svolgeranno degli allenamenti di preparazione all’evento. In tutte le province s’è dato il via alla preparazione per l’appuntamento sportivo in questione, non tutte le selezioni, però, sono allo stesso punto di preparazione: in questo frangente sembrerebbe Napoli a fare da capofila, con le selezioni aperte già nel novembre scorso. L’eventuale festa finale della manifestazione si disputerà il 14 Aprile 2014 a Napoli su più campi e sarà un vero e proprio momento di aggregazione per ragazzi, genitori e società che indirettamente vi prenderanno parte.

Sottorete 9


Campionati

Caserta corsara La Gimam passa a Potenza in maniera perentoria e resta stabile al 3° posto, la Guerriero Luvo ko in Lazio contro la Omia è ora quarta a -3 dai playoff; l’Acca strappa 1 punto alla corazzata Betitaly Maglie, sorride la Alma Mater Napoli

Arzano, stop a Latina di Nicola Alfano (@Nicalf1985)

U

na Weekend di grandi emozioni quello appena concluso nei campionati di B1 femminile e maschile per i team campani. Spettacolo e risultati, a volte a sorpresa, sono fioccati sui quattro campi che hanno visto protagoniste le compagini nostrane che specie sul fronte femminile stanno recitando un ruolo da autentiche protagoniste in ottica promozione. B1 FEMMINILE. Sul fronte femminile è andato tutto secondo i piani alla Gimam Caserta. Le “volaltine” allenate da coach Massimo Monfreda hanno infatti violato il campo dell’Avis Potenza con un secco 0-3 dimostrando, dopo la netta vittoria con Marsala, di aver del tutto superato quelle difficoltà, a questo punto da ritenere solo ed esclusivamente mentali, contro le squadre di media-bassa classifica. Prima

10 Sottorete

della bella vittoria su Marsala le rosanero erano state infatti frenate 3-2 a San Vito dei Normanni contro una cedat che, classifica alla mano, niente o quasi avrebbe dovuto contro Kostadinova e compagne. Con il successo su Potenza, la Gimam resta stabile al terzo posto del Girone D in piena corsa per una delle tre piazze che garantiranno l’accesso agli spareggi promozione, a -3 dalla capolista Agrigento e a pari punti con la Marsala di cui sopra. Scivola invece a 3 lunghezze dal trio di testa la Guerriero Luvo Arzano, sconfitta invece con un secco 3-0 a Cisterna di Latina dalla Omia. Sconfitta pesante sotto tutti i punti di vista perché al di la della prestazione opaca a cui sicuramente le partenopee sapranno rispondere sin dal prossimo match, a pesare maggiormente sono proprio i punti lasciati alle laziali che adesso vedono il quarto posto dell’Arzano distante solo 2 punti. Un passo

falso quello di capitan Campolo e compagne che però non preclude assolutamente la corsa playoff della Guerriero Luvo che certamente saprà e vorrà giocarsi le sue chance sino alla fine della regular season. Ancora una sconfitta, infine, per l’Acca Montella di coach Matarazzo, battuta in casa al tiebreak dalla temibile Betitaly Maglie. Le irpine, folgoranti in avvio di stagione e poco continue in questa fase del campionato, hanno provato a vender cara la pelle di fronte ad una delle squadre più forti dell’intero girone D. Nonostante tutto, quindi, il punticino strappato, serve a ritemprare il morale di una squadra che però, nelle prossime uscite, sarà chiamata a rimpinguare una situazione di classifica che non può più ritenersi del tutto tranquilla. Nel prossimo turno inoltre, l’Acca Montella sarà impegnata ad Arzano nel derby tutto da vivere contro la Guerriero Luvo. Sfida quasi verità per le ir-


Campionati

B2 - L’Orakom Salerno non si ferma sul fronte femminile

Final Four di Coppa Italia

Exton inarrestabile: Lirsa battuta La Gimam scopre e avversarie I normanni sempre più vicini alla B1 date Campionato in pieno svolgimento,

La Exton Aversa è sempre più la squadra dominatrice del campionato di B2 maschile. Nella 16esima giornata della prima serie nazionale, i ragazzi di coach Nappa, ancora imbattuti in regular season (unica squadra di tutta la B2 italiana) hanno infatti regolato al termine di uno scoppiettante 3-1, la Lirsa Ottaviano di coach Luigi Russo al termine di un derby dall’alto contenuto spettacolare. Bene, anzi benissimo la Lirsa in avvio con Di Floris e Bonito (25-22), debordante poi Aversa nei seguenti 3 set con Rispoli, Scialò (poi uscito per infortunio nel finale del quarto set) e Montò, perfetti grazie soprattutto alla regia perfetta di uno strepitoso Di Giorgio. Con questo risultato la Exton resta al comando del Girone G conservando 8 lunghezze di gap sul Lagonegro e dunque accorciando di 1 match l’appuntamento con la promozione diretta in B1. Ottaviano invece, alla luce della bella prova, potrà giocarsi le proprie chance playoff nelle ultime giornate di campionato. B2 FEMMINILE. Vola sempre più in alto l’Orakom Salerno da poco affidata a coach Peppe Iannarella. Il team salernitano infatti è tornato da Turi con altri 3 punti ed ora guarda a -2 la vetta della classifica del Girone H occputa dal Cutrofiano. Bene anche Megaride Napoli (3-0 contro la Volare Onlus Benevento) e la Fiamma Torrese (ko al tiebreak a Montescaglioso), male invece Mercato San Severino e Primo Nola rispettivamente con Potenza e Isernia. I due giovanissime team campani restano infatti sul fondo della classifica concentrati più sullo sviluppo dei propri talenti che sui risvolti di classifica stagionali.

Exton Aversa (a sinistra), e Orakom Salerno vincono e convincono in B2: gli aversani ad un passo dalla B1

pine che si ritroveranno di fronte una squadra che nonostante le tante difficoltà attraversate alla ricerca dei punti persi con Latina. Infine, dalla società che nella passata stagione era ansempre in ottica prossimo turno, la Gimam data a pochi cm dalla A2, stanno provando Caserta, sempre più lanciata verso la a risalire la china di un campionato vetta del Girone D, attenderà la che li vede galleggiare a metà La vsita della Proger Roma. Partita classifica dopo che ad inizio Gimam vola: assolutamente da non fallire anno parevano poter recitare battuta Potenza, per le “volaltine” a caccia di un ruolo da protagonisti in Arzano cade a Latina, punti pensanti. ottica promozione. Al moAcca e Alma Mater B1 MASCHILE. Muove mento, forse, più che penla classifica invece, sul fronte sare al campo e alle eventuali al tiebreak maschile, l’Alma Mater Napoli ambizioni, l’Alma Mater dovrà di Mario Canzanella e Roberto provare a rimettere a posto conti D’Angelo. Il team allenato da coach e bilanci nonostante la mancanza di un Michele Romano, è infatti riuscito a battere al main sponsor capace di dare il giusto supporto tiebreak il Falchi Salento nella sfida valida per alla generosità di Giuseppe Morello, rimasto, in la 14esima gironata del Girone C della terza maniera impavida alla guida di una nave da cui, serie nazionale maschile. Buoni segnali quelli piano piano sono scesi tutti alla ricerca di lidi mostrati in campo dai ragazzi dell’Alma Mater migliori ed economicamente sicuri.

bagarre playoff sempre più nel vivo e un pensiero già rivolto alla Final Four di Coppa Italia conquistata circa un mese e mezzo fa. Per la Gimam Caserta è un periodo particolarmente fitto di impegni con tanto ancora da giocare e vedere. La Volalto intanto ha conosciuto i nomi delle altre 3 finaliste di Coppa: Trentino Roso Trento, Chieri, Padova. Ecco le fantastiche 3 che il 18 e 19 aprile si contenderanno la Coppa Italia di serie B1 femminile. Sede dell’evento proprio la splendida città veneta. Probabilmente a queste Final Four sono arrivate alcune delle migliori rappresentanti della intera cadetteria nazionale. Le due teste di serie Padova e Trento sono rispettivamente prima e seconda nel girone B; Chieri è terza nel girone A, seconda è, invece, la Gimam in quello D. I sorteggi per gli accoppiamenti saranno effettuati nei gironi immediatamente precedenti l’evento. “Sarà una manifestazione molto ricca da un punto di vista tecnico – afferma Federica Barone, libero della Gimam Caserta – il lotto delle partecipanti è veramente di rilievo. Si giocherà a ridosso di Pasqua, speriamo ch l’uovo ci riservi la Coppa come gradita sorpresa. Non sarà semplice – prosegue il forte libero rosanero – si tratta di formazioni veramente di valore, ma anche noi lo siamo. Per adesso ci diamo il 33% di possibilità di successo”.

Il libero della Gimam Caserta, Federica Barone

Sottorete 11


Vita da Vip

Marianna De Micheli, fra tivvù e Thaila di Sante Cossentino

Questa settimana abbiamo incontrato Marianna De Micheli, protagonista storica di Centovetrine ed appena rientrata dalla Thailandia. L’attrice ha appena compiuto 40 anni e ci svela molti particolari su questi mesi trascorsi fuori dall’Italia, sul ritorno sul set della soap in Piemonte e molto altro. “Sono stata a Bali e mi sono divertita molto. Ho conosciuto poi moltissimi italiani. Tanti connazionali abitano laggiù. Inoltre ho avuto modo di scoprire l’associazione “Dante Alighieri” e ho in mente un grande progetto. Ho voglia di insegnare recitazione laggiù, mettere in pratica quello che so fare per i tanti italiani che abitano lì. Spero di riuscirci, sarebbe molto bello”. Ritornando alla soap, Carol ne vivrà tante. “Ne accadranno di tutti i colori. Nella vita di Carol arriverà anche un affascinante medico. Avrò molte scene con Alex Belli. Si vede che Carol e Jacopo dovranno darsi da fare per le lotte di potere. Per il resto, non

13 Sottorete

so altro, lo scoprirò leggendo”. È tornato sul set un mostro sacro della televisione come Roberto Alpi. “Si. E’ mancato alcuni mesi e sono felicissima che sia dei nostri”. Ti mancava il set? “Sono contenta di aver ricominciato ma sarei rimasta all’estero giusto un altro po’”. Quindi nessuna nostalgia dell’Italia in questi mesi? “Sono sincera… davvero poca”. Tanti mesi all’estero, anche le feste natalizie hai festeggiato laggiù. Come? “Al mare, sono stata benissimo, sia a Natale che a Capodanno. In Thailandia mi sento davvero a casa e infatti mi devo creare vacanze anche lì perchè per me stare in Thailandia è come abitare a Milano. Prima o poi farò la pendolare”. Torniamo alla soap. A Carol è successo di tutto. Cosa potrebbero ancora inventare gli sceneggiatori per lei? “Vorrei che fosse cattiva più a lungo e sul serio. Le scrivono dei periodi in cui ne combina di tutti i colori ma la si vuole sempre giustificare. Sogno per Carol azioni


Vita da Vip

“Quando sono all’estero non sento la mancanze dell’Italia, adesso voglio insegnare recitazione dall’altra parte del mondo”

, andia bieche e spietate, da cattiva senza anima, per una volta. Come Glenn Close ne “Le relazioni pericolose”. Mi divertirebbe ancora di più e potrebbe essere una vera scossa per la storia”. Come il tuo rapporto con lo sport? “Ad essere sincero non sono una tipa molto sportiva, anzi… diciamo che amo tenermi in forma con il Tango. Ecco questo si lo prediligo”.

Sottorete 14


Il personaggio

Ruscello, una vita intera in Accademia di Daniele Naddei

D

eterminazione, passione ed ambizione. Ecco le principali qualità che dovrebbe avere ogni allenatore, indipendentemente dallo sport praticato. Vittorio Ruscello, allenatore dell’Accademia Benevento, le possiede senza ombra di dubbio. D’altronde lo chiarisce egli stesso parlando con grande entusiasmo della sua carriera, delle vittorie e delle soddisfazioni in ambito pallavolistico prima da giocatore e poi da allenatore. Una favola che ha cominciato nell’Accademia Benevento tra tante vicissitudini e prove da superare: “Ho cominciato da giocatore nel 1986 – comincia Vittorio Ruscello -. All’epoca disputavo la serie C2 con l’Accademia Benevento che è stata la mia unica squadra, finché poi non hanno soppresso il settore maschile a causa di mancanza di fondi ed altri problemi vari”. Dalla carriera di giocatore a quella di Allenatore inizialmente in 1^Divisione e poi in serie D, ed attualmente in serie C con la prima squadra. “La mia carriera di allenatore è cominciata già nel 1998 nella 1^ Divisione per poi in serie D con la squadra giovanile, sulla quale la società ha sempre lavorato molto. Ho passato praticamente tutta la mia vita pallavolistica a Benevento, anche nell’unica stagione, la 97-98, in cui ero ad allenare il S.Maria di Costantinopoli Bn, ero comunque rimasto appunto in questa città. Nel 2008-09 avevamo cominciato la serie C e proprio in quell’anno la prima squadra stava disputando la serie A2 conquistata l’anno prima. Nel 2009-10 divento allenatore della prima squadra retrocessa in B2 in cui ho ottenuto il quinto posto. La società fu costretta a cedere il titolo di B2 e questo ormai è il terzo anno che navighiamo stabilmente in serie C”. La storia della carriera di Vittorio Ruscello ed i suoi successi arricchiscono l’Accademia V. Benevento, un pezzo di storia che tutti gli appassionati di pallavolo non possono cancellare. “Per quanto riguarda le vittorie ho vinto un campionato di serie C, e due campionati di serie D e ben tre campionati di 1^Divisione. Eppure i miei più grandi successi li ho ottenuti in ambito giovanile

14 Sottorete

dove ho fatto scorta di tre titoli regionali e ben ventiquattro titoli provinciali. Tra l’altro proprio quest’anno siamo reduci da un secondo posto in coppa Campania, dove abbiamo perso la finale contro il Centro Ester. Insomma ho sempre creduto molto nei giovani, e la società ha sempre supportato scelte del genere tant’è che l’anno della A2 avevamo una squadra dall’età media molto bassa”: Tantissimi i successi di Vittorio Ruscello in ambito giovanile che gli ha consentito di ottenere una larga esperienza nell’ambito della pallavolo, tanto da permettergli di ricoprire il ruolo sia di istruttore che di allenatore. Tornando indietro nel tempo Coach Ruscello scannerizza i ricordi alla ricerca dei momenti più entusiasmanti ed emozionanti della sua carriera: “Sicuramente il momento più bello da allenatore- aggiunge – è stata la vittoria della b1 nel 2007-08. Mentre a livello giovanile il mio primo titolo regionale nel 2003-2004 con l’Under 17 mi ha fatto provare una soddisfazione immensa. In quello stesso anno tra l’altro conquistai anche il titolo regionale Under 14. Lavorare con i giovani regala sempre moltissime gioie. Da giocatore la partita che ricordo con maggiore intensità è quella di serie B1 contro il Palermo. In quell’occasione giocando da opposto siglai 20 punti”. Dalle soddisfazioni passate a quelle presenti perché proprio per il lavoro giovanile l’Accademia V. Benevento è stata premiata alla sala conferenze della Palestra Ivan Meriggioli, al PalaVesuvio, con il Marchio di Qualità per quanto riguarda la scuola d’istruzione e la medaglia di bronzo in ambito giovanile: “Sono sicuramente premi che ci fanno onore – dice coach Ruscello -, è importante il riconoscimento del nostro lavoro. L’Accademia Benevento, come dicevo poc’anzi, ha sempre lavorato con i giovani. Noi sentiamo assolutamente nostro questo marchio di qualità e lo riteniamo molto importante perché lavoriamo con i giovani, non è solo un distintivo. Campionati d’Eccellenza? Ci hanno già provato in passato ma sono stati un fallimento. Dovrebbero essere disputati nel week-end”.

27 La scheda VITTORIO RUSCELLO Ruolo: allenatore - 1986-97 Accademia Volley Benevento - 1997-98 S. Maria di Costantinopoli Bn - 1998- 2014 Accademia Volley Benevento Palmarès: -3 campionati di 1^Divisione - 2 serie D - 1 serie C - 24 titoli Provinciali - 3 titoli Regionali


Il personaggio

7 Trofei Giovanili

Sottorete 15


Premiazioni


Premiazioni


Regional Day

crcampaniainforma@federvolley.it

Campania Sottorete Anno 6 Numero 8