Page 1

PROGRAMMA ELETTORALE


INDICE INTRODUZIONE

C A

REINVENTARE L’AMMINISTRAZIONE

I PROGETTI

4 7 10

R

IL PROGRAMMA ELETTORALE

B

MACROAREA N.1

15

O

MACROAREA N.2

26

N

MACROAREA N.3

32

A

MACROAREA N.4

R

PROGETTO GLOBALE

A

CONCLUSIONI

13

36 39 42


"E ti diranno parole rosse come il sangue nere come la notte, ma non è vero ragazzo che la ragione sta sempre con il piÚ forte, io conosco poeti che spostano i fiori col pensiero e naviganti infiniti che sanno parlare con il cielo."

"Sogna ragazzo, sogna quando sale il vento nelle vie del cuore Quando l'uomo vive per le sue parole o non vive piĂš. Sogna ragazzo sogna, non lasciarlo solo contro questo mondo. Non lasciarlo andare sogna fino in fondo fallo pure tu." (R. Vecchioni)


INTRODUZIONE


GRANDI PROGETTI PER UNA NUOVA POLITICA Il programma elettorale-amministrativo della lista «SiAmoCarbonara» propone a voi, cittadini di Carbonara di Nola, gli indirizzi di governo, sostenuti da una nuova strategia di approccio e formulazione, indicandovi le politiche e i progetti che si intendono realizzare. ll problema che ci siamo posti prioritariamente e che intendiamo proporre, al dibattito generale del paese, anche attraverso questo documento programmatico, è incentrato su ciò che riteniamo una urgente necessità: realizzare il cambiamento creando una netta discontinuità con il passato. Tutto ciò dovrà avvenire introducendo elementi di innovazione e modernità nelle modalità di amministrazione che, meglio di altre, possano coniugare la progettualità al pragmatismo, l'idealismo alla concretezza, l'etica alla politica. Per questo scopo è nato lo sforzo di «mettere a fuoco» e proporvi il programma elettorale, non più come la semplice enunciazione di intenzionalità dichiarate, ma come un'organica proposta, vincolata a specifici progetti. I progetti esplicitano la valenza politica e le modalità di realizzazione, rendendo chiari, così, gli orientamenti, gli indirizzi, i percorsi politici che vogliamo intraprendere. Quindi, con la loro formulazione si attua la proposta di politiche integrate sulle grandi finalità dell'azione pubblica locale (i servizi alle persone, i servizi alla collettività, i servizi ai cittadini, la strategia di sviluppo organizzativo e delle risorse complessive, i grandi progetti sui temi della qualità, della vivibilità, della partecipazione, dell'innovazione e del futuro del nostro paese), che rappresentano quello che vorremmo realizzare a Carbonara di Nola. Un esempio per capire: il processo di definizione del PUC ( ex piano regolatore generale, ora piano urbano comunale) mancante da oltre trent’anni e ora a rischio commissariamento per i voluti ritardi, non può essere solo una scelta di urbanistica, ma è connesso con la politica delle opere pubbliche, dello sviluppo socio-economico, della partecipazione, del patrimonio, della cultura progettuale del paese ecc. ecc. L'applicazione e l'azione di questa scelta strategica di governo, ha delle implicazioni in termini di cambiamento e di innovazione facilmente intuibili, per ciò siamo profondamente convinti che serva inderogabilmente una «politica forte», che sia realmente indirizzo, elaborazione, cultura di governo, sintesi di integrazione, capacità di lettura e di interpretazione dei bisogni della collettività, responsabilità ed orientamento sui fenomeni e sulle prospettive. ll nostro obiettivo è la realizzazione di un cambiamento attraverso lo sviluppo di un'amministrazione tesa al miglioramento continuo, diretta con metodi manageriali, ottimizzando l'esistente, sviluppando una gestione legata ai progetti, agli obiettivi, ai risultati, il tutto realizzato attraverso una logica e una prassi politica sostenute dalla trasparenza e dalla partecipazione. 5


Questa è la strategia di governo per «grandi progetti per una nuova politica» che vi proponiamo. Siamo consapevoli che tutto ciò rende trasparente ma anche molto critico il rapporto tra l'enunciazione e la realizzazione degli indirizzi politici, ma che innegabilmente rappresenta, già di per sé, una straordinaria e feconda innovazione. Le nostre politiche quindi, sono chiare, definite e integrate e pongono al centro dell'iniziativa pubblica il bisogno di stare e vivere bene delle persone (nella famiglia, nel paese ecc.). La qualità della vita deve rappresentare non solo riferimento culturale, ma anche obiettivo delle politiche e delle azioni dell'ente. Il nostro progetto vuole essere un insieme organico e coerente di impegni e prospettive, di cui ogni cittadino può valutare la qualità, il rispetto e la realizzazione. Ogni cittadino lo potrà confrontare con le proposte politiche altrui e valutare l'eventuale tasso di innovazione che si vuole introdurre nella storia e nello sviluppo del paese. I segnali che abbiamo recepito da più parti, sono pregni di senso di rivolta ed insoddisfazione, che non possiamo, altro che leggerli, come la volontà, ancora repressa, di una Carbonara che tenta di cambiare e vuole continuare sulla strada del cambiamento. Le nuove politiche sono quindi obiettivamente urgenti e necessarie ma, trovano un forte ostacolo nella paura di coloro che gestiscono certezze e potere e nella difesa di posizioni e privilegi consolidati. Rompere gli elementi di questo deleterio storico condizionamento, gli intrecci di interessi legati soprattutto a specifici settori, sono il nostro impegno primario. Questo dovrà servire a riavvicinare i cittadini all'amministrazione, ad aiutarli a riappropriarsi dei loro diritti, rendendoli partecipi e protagonisti di una nuova «cittadinanza attiva», articolata anche fisicamente, intorno ai suoi valori di convivenza e di appartenenza, rispettando e valorizzando le differenze e le diversità, mantenendo salde e consapevoli le radici culturali di provenienza. Su questi punti e con questa impostazione si basa la nostra richiesta di consenso a voi cittadini di Carbonara di Nola. Questo è il patto di rappresentanza e di realizzazione che vogliamo sancire.

6


REINVENTARE L’AMMINISTRAZIONE


Di fronte alle difficoltà poste da una macchina amministrativa resa per lo più insoddisfacente e inadeguata, ci siamo dati un obiettivo molto ambizioso: «reinventare l’amministrazione». La definizione di precisi indirizzi di governo, formulati in questo programma elettorale, marcano un forte e chiaro indirizzo politico. Per ciò abbiamo elaborato e impostato la proposta di un modello politico organizzativo non più ripartito nei tradizionali settori, ma ci siamo imposti di definire un metodo e una pianificazione di lavoro, che privilegiasse la collegialità, capace di elaborare politiche su quattro filoni di intervengono macroaree: 1. Le politiche per la persona e la famiglia (nelle quali si integrano organica mente i tradizionali settori dei Servizi Sociali, della Pubblica Istruzione, dello Sport, della Salute, della Cultura e dello Spettacolo ecc.). 2. Le politiche per la collettività e il territorio (nelle quali si integrano organicamente i tradizionali settori dell’Urbanistica, dei Lavori Pubblici, del Verde, del Patrimonio, Investimenti Pubblici ecc.). 3. Le politiche dell'informazione e dei servizi per il cittadino (nelle quali si integrano organicamente i tradizionali settori del Personale, Vigilanza, Riscossione tasse e tariffe comunali, Anagrafe, Certificazione ecc.) 4. Le politiche occupazionali, economiche e produttive (nelle quali si integrano organicamente i tradizionali settori dell’Industria, Commercio, Agricoltura, Artigianato e la gestione dei Fondi UE, Fondi Regionali e Città Metropolitana, ecc.) Quindi è ovvio che, queste politiche di innovazione richiedono nuove logiche e strutture di governo, il ruolo del Sindaco, della Giunta Municipale e degli Assessori dovranno obbligatoriamente modificarsi rispetto al passato. Con questa nuova impostazione, secondo noi, in particolare si accentua e si definisce chiaramente il ruolo e la capacità politico-gestionale degli assessori che dovranno presidiare fortemente l'attuazione degli indirizzi pre-definiti. Questo in collaborazione e supporto con i consiglieri di maggioranza e minoranza motivati a lavorare. Per quanto attiene alla realizzazione concreta degli obiettivi programmatici è gioco forza valorizzare al massimo le professionalità del personale interno, incentivandone la produttività e l'impegno. Al fine di una ottimale ed efficace realizzazione dei progetti e raggiungimento degli obiettivi, ove necessario, si potrà fare ricorso, temporaneamente, a soggetti di elevata e riconosciuta competenza anche al di fuori dell'Ente. Crediamo che a nessuno sfugga la portata innovativa di questa impostazione, prima di tutto sotto il profilo politico e del lavoro della Giunta, del Sindaco e del Consiglio comunale per il quale, con questa articolazione dovrebbe essere relativamente più facile prodursi in azioni di indirizzo. 8


Tutto ciò significa anche far circolare idee, energie, in una logica di forte integrazione, significa superare il lavoro per funzioni, per cimentarsi con il lavoro per progetti. Significa, inoltre, la collocazione della politica in un ruolo centrale e strategico suo proprio, che proprio perché tale non può esimersi dalle elaborazioni coraggiose, sul terreno della responsabilità, dell'efficacia, dell'innovazione.

LE POLITICHE PER LA PERSONA E LA FAMIGLIA

LE POLITICHE PER LA COLLETTIVITA’ E IL TERRITORIO

LE POLITICHE DELL’INFORMAZIONE E DEI SERVIZI DEL CITTADINO

LE POLITICHE OCCUPAZIONALI, ECONOMICHE E PRODUTTIVEO

RESPONSABILITA’, EFFICACIA E INNOVAZIONE

9


I PROGETTI


Per ogni macroarea è stato elaborato un Progetto Generale che definisce e coordina gli interventi che vogliamo realizzare e gli obiettivi che ci siamo prefissati. Il progetto generale rappresenta la definizione e gli obiettivi concreti da raggiungere nell'area di appartenenza e, quindi, il preciso e vincolante indirizzo politico dell’area e la sua integrazione fra i diversi settori, esplicitandone le modalità di progettazione e realizzazione. All'interno di ogni progetto generale sono contenuti i progetti specifici di ogni settore, che rappresentano la prassi da seguire e la traduzione pratica per il raggiungimento degli obiettivi individuati. Quindi attraverso la realizzazione dei progetti e degli obiettivi specifici si realizza il progetto generale, che definisce, attua e concretizza le politiche di ogni area. Le politiche da realizzare in ogni area sono intersecate fra loro, creando un interscambio funzionale paragonabile ad un modello a rete, organicamente orientato alla realizzazione del progetto globale, che incornicia il tutto e che abbiamo definito qualità della vita a Carbonara. Integrato e complementare al progetto globale si è elaborato il progetto speciale che completa il disegno organizzativo del programma, essendo sviluppato su tematiche di base e ad andamento trasversale. Il progetto globale è un progetto per definizione aperto e mai realizzato e realizzabile una volta per sempre, e per questo motivo al progetto globale si rinnovano e ripropongono nuovi progetti specifici e generali per ogni area e tra le aree, attivando così quel processo di miglioramento continuo della «Qualità della Vita».

11


PROGETTO SPECIALE «CULTURA DELLO SVILUPPO» CARBONARA VIVIBILE Progetto:

Programma di ricerca-intervento che ha l'obiettivo di avviare una serie di attività per la promozione della crescita sociale ed economica. Ricerca, comunicazione, animazione, coinvolgimento di attori locali e anche di area vasta insieme agli organismi istituzionali sovra ordinari: sono questi gli strumenti con cui si prevede di promuovere iniziative per lo Sviluppo e la Vivibilità attraverso progetti specifici e meccanismi di concertazione destinati a proseguire anche oltre l'arco temporale del progetto, istituzionalizzandolo.

LE ATTIVITA’ ISTITUZIONALI, O PROGETTO SPECIFICO OSSERVATORIO SULLO SVILUPPO L'osservatorio sullo sviluppo gestisce e aggiorna: • la banca dati comunale contenente gli indicatori statistici disponibili in materia di sviluppo economico e sociale; • il repertorio delle associazioni che operano sul territorio • il materiale bibliografico e legislativo sulle tematiche d'indagine I PROGETTI PER LA SCUOLA La scuola rappresenta una risorsa fondamentale (in alcuni casi l'unica) per l'educazione alla cittadinanza attiva e consapevole. Per questo motivo nell'ambito del progetto viene data priorità a idee e iniziative rivolte agli alunni e agli insegnanti promuovendo un raccordo stabile con il territorio.

12


IL PROGRAMMA ELETTORALE


SCHEMA DEL PROGRAMMA AMMINISTRATIVO LISTA “SIAMOCARBONARA” PROGETTO GLOBALE

QUALITA’ DELLA VITA A CARBONARA DI NOLA

PROGETTO SPECIALE

CULTURA DELLO SVILUPPO SOCIO - ECONOMICO

I PROGETTI GENERALI QUALITA’ SOLIDARIETA’

CARBONARA VIVIBILE

QUALITA’ IN “COMUNE”

INNOVAZIONE CRESCITA

CULTURA

AMBIENTE

TERRITORIO

SVILUPPO

4

5

AREA3

AREA4

I PROGETTI SPECIFICI

21

7 LE POLITICHE

AREA1

AREA2

14


MACROAREA N.1


MACROAREA N° 1 LA POLITICA DEI SERVIZI PER LA PERSONA E LA FAMIGLIA In questa area si pone attenzione e rilevanza alle politiche avanzate e alle azioni efficaci in materia di servizi sociali e all’assistenza, ai servizi educativi, ai servizi per la persona e la famiglia, per lo sport, il tempo libero (con competenze di Interventi differenziati e mirati) e le varie altre attività rivolte alla soddisfazione di domande e bisogni dei cittadini.

PROGETTO GENERALE QUALITÀ E SOLIDARIETÀ. «IL PAESE EDUCATIVO» Il crescente degrado, che ha investito l'intera comunità e il territorio, producendo conseguenze preoccupanti, sul piano sociale culturale e formativo, ha imposto l'elaborazione di un progetto generale volto al recupero positivo della crescita sociale. Uno degli aspetti negativi più rilevanti è la mancata attenzione posta alla realizzazione di luoghi e momenti per il tempo libero, per la creazione di avvenimenti culturali, per il dibattito socio-politico, per la fruizione collettiva delle strutture sportive. Pertanto, purtroppo, da questa condizione di realtà, abbiamo ritenuto valido e opportuno per poter incidere efficacemente su tale situazione, di orientarci verso il modello proposto dalla «Carta internazionale delle città educative» che afferma la necessità della collaborazione tra Enti pubblici e componenti sociali per la realizzazione di un progetto di «Educazione permanente». Sulla base della piena condivisione degli scopi e delle finalità, perseguiti dalla citata carta, l’abbiamo ritenuta imprescindibile, per un efficace azione, tendente a modificare i modelli culturali imperanti. Solo in questo modo potremo mirare a un vero cambiamento, che conduca verso una visione della vita, che ridia centralità all’«Educazione». Un progetto educativo che impegni tutta la società di Carbonara, nelle sue diverse espressioni, a operare per lo sviluppo del paese (bene comune necessario), realizzando un sistema formativo integrato, dove trovano coordinamento e coesistenza: la famiglia, la scuola, le associazioni, la Chiesa, l'Ente locale. Sarà necessario ricreare una vera comunità, capace di avviare un reale processo di integrazione, per lo sviluppo armonioso del paese. Tale obiettivo sarà raggiungibile solo attraverso l'impegno e lo sforzo congiunto dei diversi soggetti del paese, che dovranno acquisire la piena consapevolezza dell'importanza che risiede nel progetto di «Carbonara paese educativo», cioè attento a promuovere la crescita sociale e civile dei suoi cittadini. Questo obiettivo dovrà favorire la partecipazione della gente a questo progetto comune, insieme alle istituzioni, alle forme di organizzazione della società civile e alla partecipazione spontanea. 16


In questo modo sarà possibile favorire il risveglio della vita politica, sociale e culturale di Carbonara, rompendo quel meccanismo perverso di scambio tra bisogno e consenso, che ha retto e alimentato il potere clientelare tutt'ora imperante. Per far sì che ciò possa realmente avvenire e per il raggiungimento degli obiettivi del progetto generale è necessario sviluppare e realizzare i maggiori punti di forza proposti dalla «Carta», che di seguito riportiamo: 1. Importanza fondamentale di una efficace educazione permanente. Si promuove la costituzione di una comunità educante nella quale l'educazione è intesa nella sua accezione più generale, 2. Lo stretto collegamento con le primarie agenzie educative, la famiglia, la scuola. Queste intatti, quando operano sulla base di validi percorsi educativi, formando bambini e giovani e contribuendo alla formazione dei cittadini, si rivelano di grande giovamento alla comunità. 3. La creazione di una rete di informazioni, che favorisca il raccordo operativo tra le varie realtà operanti sul territorio, in modo da realizzare scambi tra i cittadini e la messa a disposizione delle varie competenze 4. Vivere bene nella diversità. Si favorisce l'integrazione tra culture e realtà differenti 5. Una realtà a misura della persona umana. Ridisegno del paese a misura di bambino, anziano, disabile per conciliare gli spazi alle necessità di movimento, relazione e di sicurezza delle categorie più esposte 6. Incontro e comunicazione. Favorisce e predispone, tra i cittadini, scambi, relazioni ed occasioni di incontro, sia all'interno del territorio, sia all'esterno con altri paesi e altre realtà sociali. La realizzazione di questi principi fondamentali insiste sulla centralità dell'educazione intesa come priorità sociale, e noi riteniamo che non si possa vivere, in una realtà come l'attuale, non sufficientemente attrezzati dal punto di vista culturale senza un pieno recupero di questi fondamentali obiettivi, il raggiungimento dei quali, non poco, contribuirà alla crescita morale, culturale e sociale di tutti i cittadini.

17


I SETTORI SETTORE SERVIZI SOCIALI In materia di Servizi sociali, l'Ente comunale dovrà avere un ruolo di coordinamento e raccordo fra gli interventi a gestione pubblica e del privato sociale. Il comune dovrà definire le linee di intervento, orientare e mettere a disposizione risorse economiche e professionali definendo gli standard di qualità, controllo e solo in parte gestire direttamente. Quindi, le politiche sociali dovranno sempre di più acquisire una caratterizzazione legata ai bisogni e alle esigenze personali. Attraverso un riordino dinamico dei servizi sociali dovrà realizzarsi un impostazione di tipo programmatico, pianificatorio e progettuale che porti a un monitoraggio continuo , tenendo il passo con i cambiamenti dei fabbisogni sociali del paese. Gli interventi concreti che intendiamo attuare in questo come negli altri settori, vista la complessità della materia e al fine di una comprensione più agevole, sono riportati in parte nel capitolo dedicato ai progetti specifici, a cui si rimanda. Prevediamo attraverso il Servizio Sociale di base, che è lo strumento del quale si dovrà avvalere il Comune per il contatto diretto con la cittadinanza, per rivelarne i bisogni e realizzare gli interventi a favore di disabili, minori, giovani, anziani e tutti i cittadini che versano in una situazione di disagio e bisogno in pieno raccordo con l’ambito sociale.

ANZIANI «Molte storie di famiglie si leggono meglio sul volto e nei gesti dei nostri fratelli,delle nostre sorelle, nelle grinze delle zie, sul dorso delle mani dei nostri nonni» ( L. Sinisgalli). Abbiamo voluto fare un richiamo poetico in quanto, profondamente, riteniamo gli anziani, i loro valori, la loro cultura ed esperienza, una parte essenziale, viva ed attiva della popolazione di Carbonara. Memoria storica, identità e radici, patrimonio da tutelare, valorizzare e utilizzare. Per ciò riteniamo che la politica pubblica per gli anziani dovrà rendere possibile e facilitare la permanenza di ciascuno nel proprio nucleo familiare, il mantenimento della autonomia, gli spazi e le opportunità di vita sociale (possibilmente autogestiti), il sostegno al loro ruolo sociale e culturale, i servizi per il tempo libero, la tutela della salute, il divertimento, l'integrazione sociale, saranno le nostre politiche. Tutto ciò si tradurrà concretamente nella realizzazione di un centro polifunzionale per anziani autogestito, nel contributo che gli anziani potranno fornire nei compiti di supporto (vigilanza scolastica, nonni civici etc. etc.), nell'attivazione, di alcuni corsi con tematiche prevalentemente sanitarie, culturali, tradizionali e di storia locale.

18


Prevediamo inoltre la realizzazione di laboratori per la rivalutazione di arti e mestieri in via di estinzione, al fine di tramandare alle nuove generazioni usi e costumi di un tempo. Oltre ai già previsti soggiorni climatici terapeutici, abbiamo in mente di organizzare gite culturali ricreative, come d’altronde già abbiamo fatto, negli anni precedenti attraverso il movimento civico SiAmoCarbonara. Sarà elaborato un piano comunale di politiche per gli anziani, sulla base delle indicazioni fornite dalla «Consulta comunale per gli anziani» da istituire. Inoltre, sarà messo a disposizione gratuitamente, una volta al mese, un mezzo idoneo per tutte le necessità socio-sanitarie.

DISABILI L'inserimento e l'integrazione sociale delle persone disabili si realizzeranno mediante una serie di interventi che mirano a rendere normale e non differenziato l'inserimento. Abbiamo previsto interventi di carattere socio-psico-pedagogico, di aiuto personale, di accesso facilitato alle strutture, di adeguamento delle strutture sportive e di quello per il tempo libero, di inserimento sociale. A un intervento frammentario, quale è quello attuale a Carbonara, va sostituita una cultura vera del diritto, con responsabilità, compiti precisi e con una visione che, superando l'assistenzialismo e la medicalizzazione, sia precisamente individuata negli interventi pubblici di creazione dei servizi; la strada da percorrere per una piena integrazione sociale.

MINORI: INFANZIA E ADOLESCENZA

19

Riteniamo che gli interventi a favore dei minori siano una competenza primaria del Comune, che dovrebbe realizzare, attraverso interventi innovativi, le condizioni per promuovere positivamente i diritti dei minori, assicurandogli quelle opportunità indispensabili per un adeguato processo di sviluppo umano, che porti alla costruzione di personalità compiute. Si tratta di predisporre strumenti attraverso i quali i diritti possano essere goduti. I minori, non avendo la capacità di riconoscere ed esigere i propri diritti, necessitano della predisposizione di programmi concreti, che consentano di dare risposte realmente soddisfacenti, per il sostegno del difficile itinerario verso l'autonomia e la compiutezza umana. Riteniamo necessario che, attraverso l'applicazione dei previsti progetti, si avvii la rimozione delle molteplici situazioni negative, che incidono sullo sviluppo della personalità dei minori, ridisponendo gli ambienti, le strutture, le iniziative che consentono ai minori di confrontarsi, di incrementare le proprie potenzialità positive, le proprie inclinazioni per sviluppare la propria personalità e identità.


Ma solo ciò non basta. Da studi di natura sociologica è emerso che l'intervento fondamentale è quello legato alla modifica dei modelli e comportamenti sociali e culturali che il minore introietta specialmente dalle persone di riferimento per la sua crescita, e dall’ambiente sociale di appartenenza.

I GIOVANI Nel corso di questa campagna elettorale siamo venuti in contatto diretto con i giovani di questo paese e con le loro problematiche. Vivo e vitale è stato il confronto e da loro abbiamo recepito suggerimenti, indicazioni, ma anche un profondo stato di disagio e di insoddisfazione nei confronti della realtà esistente. Sebbene essi siano ancora animati da entusiasmi ed energie positive, forte è l'atteggiamento di distacco e di indifferenza maturato in loro dalla scarsa o inesistente attenzione posta alle proprie esigenze e problemi. Questo è stato un tratto comune, che abbiamo ritrovato costantemente, e che ha radicato ulteriormente in noi la necessità di proporci ed intervenire, soprattutto in collaborazione con loro, per realizzare quell'operazione di risveglio, rivolta a sconfiggere quel senso di torpore, che attanaglia l'intera comunità. La realtà giovanile di Carbonara, in questa fase, ci è apparsa, metaforicamente, come la brace sotto la cenere, o il seme sotto la neve. Le nostre politiche vorranno essere il mantice che spazza la cenere e alimenta la brace, e il sole che scioglie la neve e fa germogliare il seme. Il significato vero delle nostre politiche consiste nell’aiutare i giovani a diventare i soggetti determinati della propria e altrui esistenza, essendo coloro che più di altri sono chiamati a compiere una serie di scelte, che determineranno il loro futuro. Dotare il territorio di strutture, di servizi, opportunità sociali, culturali e ricreative, rappresenta una modalità essenziale per recuperarli da quello stato di apatia in cui, una politica, che ha prediletto l'esclusione all'inclusione, l'isolamento alla partecipazione, la separazione all'integrazione, li ha confinati, relegati, ghettizzati. Questa condizione di esclusione sociale, aggravata dalla carenza di spazi di socializzazione, sbocchi occupazionali, impone un intervento forte e determinato da parte dell'ente pubblico, ma anche una nuova predisposizione, sia come soggetti recettivi che propositivi, che essi dovranno necessariamente sviluppare. Per questo prevediamo che si debba stimolare e rivalutare la capacità dei giovani di essere protagonisti attivi del loro spazio sociale, e che quindi ad essi debbano essere forniti tutti gli strumenti e le opportunità atte a conoscere e a comprendere le realtà in cui vivono, favorendo il processo di integrazione e di proposizione che è già loro patrimonio potenziale e che potrà finalmente emergere nella realizzazione dei molteplici progetti a loro dedicati. 20


SETTORE SCUOLA Una concreta possibilità di miglioramento, è offerta, attraverso il ruolo attribuito all’Ente locale di programmazione, sviluppo e controllo, che quest’ultimo avrà a disposizione per ciò che concerne l’integrazione scuola-territorio. Infatti, il Comune dovrà contribuire all’offerta formativa e sul modo più opportuno affinché questa presti effettivamente una risorsa per la propria comunità. In considerazione di ciò, riteniamo opportuno, come aspetto prioritario, intervenire per rendere consapevoli i cittadini che i cambiamenti che si potranno realizzare nel mondo della scuola, investiranno direttamente il corpo sociale nella sua complessità. Ciò potrà significare la possibilità di avere una scuola collegata in modo attivo alla realtà che la circonda, e riempire di contenuti essenziali l'idea stessa di territorio, dotarla dei necessari strumenti di intervento, individuare cioè le prospettive del suo sviluppo. Concretamente tutto ciò dovrà tradursi in un sistema organizzativo evitale della nostra comunità, che interagisca con l'identità, la cultura, i bisogni e i progetti dell'intera comunità. Un'offerta formativa ampliata e qualificata, nei suoi aspetti didattici, sociali e culturali. Pensiamo cioè alla partecipazione e alla valutazione dell'offerta didattica da parte dei genitori e alla dotazione e potenziamento degli strumenti didattici e di formazione. Pensiamo a un'attività extrascolastica per realizzare quei percorsi anche di tipo socioassistenziale, in funzione di un apprendimento qualitativamente diverso, per dare più tempo-scuola a coloro che ne hanno bisogno, per compensare quelle situazioni di svantaggio e di difficoltà scolastica,anche con l’adesione al progetto Scuole Aperte. Le attività extrascolastiche, quindi, per noi rappresentano la possibilità di quel necessario processo di integrazione sociale e di crescita culturale omogenea, a cui tutti dovrebbero tendere per un paese che si fa comunità e si sviluppa collettivamente.

SETTORE SALUTE

21

Nella considerazione che l'amministrazione comunale è l'organo deputato istituzionalmente a tutelare il diritto alla salute dei cittadini, l'intervento che essa deve sviluppare si snoda su due modalità di carattere differenziato e allo stesso tempo integrato e che riguardano l'aspetto operativo di impatto con il territorio e quello educativo che va a rispettare le più generali linee guida del paese educativo. Per quanto attiene alla prima modalità, cioè quella operativa, abbiamo pensato di partire da una profonda analisi che ci possa condurre ad una visione cognitiva e valutativa di quello che è il reale bisogno sanitario della cittadinanza, per poi andare a rafforzare e meglio qualificare l'offerta dei servizi già esistenti sul territorio.


Il procedimento di analisi e valutazione riguarderà anche gli aspetti igenico-sanitari e ambientali, che allo stato attuale mostrano delle carenze, frutto della disattenzione dell'ente locale. Bisogna garantire gli standard minimi per la tutela della salute dei cittadini. Per questo ci doteremo di un «Rapporto sullo stato dell’Ambiente», al fine di ottenere la Certificazione ambientale. Il progetto educativo rivestirà un ruolo centrale nella questione salute, poiché esso ne comprende la totalità degli aspetti che vanno dalla divulgazione delle più svariate tematiche sanitarie, alla formazione di soccorritori volontari, all'informazione quanto più possibile completa, chiara e capillare circa le modalità di accesso ai diversi servizi dell'ASL (Diffusione della Carta dei Servizi e Guida ai Servizi Sanitari).

SETTORE SPORT Il ruolo vero che lo sport dovrebbe svolgere, dovrebbe essere inteso, in primis, come gioco, partecipazione, socializzazione e crescita per tutti. In quest'ottica andrebbe recuperato quello che una volta era denominato sport di massa, cioè la possibilità offerta a tutti di praticare forme di sport diverse, utilizzando forse il migliore degli strumenti, che la società mette a disposizione per la formazione e la socializzazione. Le politiche poste in essere, in particolare, nelle ultime amministrazioni hanno ribaltato questa impostazione generale rispetto allo sport, facendo sì che il Campo da calcio e il campetto della Villa non siano stati di agevole accesso per tutti e che, ormai, da tempo giacciono inutilizzati, preda del degrado e del disfacimento strutturale. Riteniamo proporre logiche di gestione miste, che utilizzano percorsi paralleli di fruibilità legati al semi-professionismo e alla scuola, da una parte e alla fruibilità e all'accessibilità per i cittadini. In sostanza promozionare sport oggi, per noi, significa anche lavorare per la creazione di un territorio attrezzato con strutture di tipo leggero e spazi liberi dedicati allo sport autonomo, adatti alla ricostruzione di un tessuto sociale, oggi disgregato e per la realizzazione di quel contesto sociale capace di ripristinare i rapporti di solidarietà tra i cittadini. E da queste considerazioni che dovrebbe nascere un confronto tra i soggetti del territorio, affinché sia possibile una programmazione di interventi per realizzare i progetti specifici volti alla realizzazione di eventi e pratiche sportive per tutti.

SETTORE CULTURA E SPETTACOLO Le politiche che ci prefiggiamo di realizzare, in questo settore, sono legate a due obiettivi, organicamente collegati al progetto generale del paese educativo e a quelle globali qualità della vita Da una parte, l'educazione continua, rivolta a tutti i cittadini, e destinata ad accompagnare l'individuo anche oltre il suo rapporto (diretto) con la scuola, dall'altra la promozione dell'evento culturale. 22


L’educazione culturale, o la cultura educativa, rivestono un ruolo centrale nella formazione umana, poiché solo chi, attraverso diverse modalità, riesce ad interagire con le diversificate espressioni culturali, si appropria del metodo per decodificare i messaggi della realtà che lo circonda e, quindi, a produrre gli strumenti adatti a cambiarla. Gli aspetti di interconnessione tra queste diverse forme della vita culturale, e quelli interattivi con l'individuo che li propone o ne fruisce rappresentano l'essenza del progetto di crescita culturale. Sarà, quindi, necessario dotare il territorio delle strutture e delle infrastrutture, per la realizzazione e la fruizione degli eventi culturali diversi. C'è l'urgente esigenza di intraprendere l'attivazione di percorsi culturali diversificati, per soddisfare i molteplici bisogni che vanno dalla riscoperta delle tradizioni popolari, alle mostre d'arte, a quelle cinematografiche, alle rassegne teatrali, alle manifestazioni culturali di piazza, ai convegni e alle assemblee, mal viste finora, sui più svariati temi di interesse culturale.

I PROGETTI SPECIFICI DELLA MACROAREA N 1 Per tutti i settori e i subsettori abbiamo elaborato una serie di progetti specifici, per la realizzazione e la concretizzazione delle politiche dei grandi progetti legati a quest’area, e che a puro titolo semplificativo ne riportiamo alcuni: 1. Gestione informatizzata dei servizi sociali: La necessità di possedere i dati, quali-quantitativi, dei bisogni della cittadinanza, impone la costituzione e il funzionamento moderno e tecnologicamente avanzato, per migliorare la valutazione e l'offerta. 2. Oltre la monetizzazione di un diritto-servizio: Riteniamo che la politica di sostituzione di un servizio previsto per legge, attraverso l'erogazione di un contributo mensile sostitutivo del diritto stesso, rappresenti la negazione dello stesso. Al fine di modificare tale logica il progetto si pone l’obiettivo di creare un servizio trasporto per disabili efficiente e soddisfacente. 3. Lavoriamoci su: Questo progetto intende identificare quelle opportunità che, per legge, possono essere sfruttate dai soggetti disabili per favorire il percorso dell'integrazione e dell'autonomia 4. Estate ragazzi: Saranno realizzate, al fine di vivacizzare e impegnare proficuamente il tempo estivo, numerose iniziative dedicate ai ragazzi. 5. I ragazzi fanno centro: Obiettivo di questo progetto è la realizzazione di un centro sociale per ragazzi, con l'attivazione di vari laboratori, una biblioteca dedicata ai minori, incontri vari, cineforum ecc. ecc. 6. Il consiglio dei ragazzi: Diverse amministrazioni hanno istituito questo organismo di consultazione e proposta, che anche noi riteniamo valido e utile e 23


pienamente in sintonia con tutta l'impostazione politico-programmatica sia generale che, in particolare per quello che riguarda il paese educativo per favorire nei vari modi possibili la partecipazione diretta dei bambini 7. Informagiovani: Strumento e funzioni essenziali per l'orientamento, le opportunità normative e occupazionali è lo scopo principale dello sportello dedicato alla informazione e consultazione da parte dei giovani. Molteplicità di funzioni assolverà questo servizio compresi quelli di osservatorio e documentazione sulla condizione giovanile a Carbonara. 8. Piazziamo il cinema: L'assenza di una sala cinematografica nel paese, rende ancor più necessario la possibilità, soprattutto nei mesi estivi di realizzare delle rassegne cinematografiche. 9. Sportiva-mente: In un determinato periodo dell'anno, coincidente con la stagione primavera-estate, verrà promossa l'iniziativa delle ECOLIMPIADI a Carbonara, organizzata con la pratica delle diverse discipline sportive senza alcun carattere agonistico, ma di festa-incontro per tutti, per esaltare lo sport, l'ambiente e la socializzazione. 10. Fuori dalla scuola: Questo progetto intende creare, nei periodi significativi dell'anno, la possibilità di iniziative svolte dai ragazzi nelle vie del paese, come ad esempio le sfilate carnevalesche, presepe vivente, visite organizzate per il paese. 11. Primi applausi: Promozione delle attività teatrali e canore etc. etc. interne ed esterne alla scuola, anche sugli aspetti folkloristici e dialettali propri della nostra cultura. 12. Oltre i programmi: In sintonia con la Dirigenza e il corpo docente si intende promuovere incontri monotematici sugli aspetti di interesse specifico, coinvolgendo personalità del mondo della cultura, dello spettacolo, dello sport, delle arti, dei mestieri e delle professioni. 13. A scuola sicuri: I bambini più grandicelli possono andare a scuola evitando il disagio ai genitori del loro accompagnamento, ciò in primis eviterebbe il traffico e il caos che si creano nei pressi dell’edificio scolastico Seguendo i percorsi individuati e resi sicuri dai nonni civici e dai commercianti e cittadini, che sensibilizzati potranno far fronte a qualsiasi necessità, i bambini adeguatamente informati dai programmi di educazione stradale e comportamentale, possono sviluppare precocemente la loro autonomia di spostamento. 14. Star bene: L'educazione sanitaria in generale è lo scopo di questo progetto, che si articolerà su sessioni tematiche di volta in volta individuate e scelte, fra quelle più sentite fra i cittadini. 24


15. Attiva consulte: Nell'ambito delle possibilità di decentramento delle attività del distretto sanitario, attraverso il necessario protocollo di intesa con l'ASL, dopo un'analisi del fabbisogno reale il progetto è mirato all'attivazione di consultori sul territorio di tipo psico-socio-sanitario. 16. Chiamata alle arti: Molti e per lo più sconosciuti sono i giovani e non che coltivano ed esprimono la loro personalità attraverso le più svariate forme artistiche. Al fine di valorizzare questi artisti locali il progetto prevede la realizzazione di iniziative ed eventi nel campo dell'arte. 17. Gli anziani: la nostra memoria storica e collettiva: si prevedono incontri di comunicazione tra le varie generazioni su tematiche specifiche, per recuperare e trasmettere le tradizioni e i costumi in disuso e dimenticati. 18. Nonni civici: Gli anziani che conservano uno stato psicofisico soddisfacente potrebbero essere impiegati in servizi di vigilanza scolastica e in difesa del patrimonio ambientale. 19. Progetto fuori le mura: Il tempo degli anziani, scandito, principalmente, fra la casa e il paese necessita delle possibilità di alternativa a questo tran tran quotidiano. Il progetto pertanto prevede l'attivazione di percorsi di tipo socioculturali per lo svago e la conoscenza di altre realtà territoriali. 20. Una giornata particolare... per la terza età: Il progetto intende realizzare e arricchire la giornata annuale dedicata all’anziano, quale momento di vero incontro discussione sulle sue problematiche, esigenze e possibilità di soluzione, attraverso un momento che sia anche festa. 21. Incontri ravvicinati per la terza età: centro sociale per gli anziani: Un punto di aggregazione e di incontro organizzato che soddisfi le molteplici esigenze degli anziani è l’obiettivo cardine di questo progetto.

25


MACROAREA N.2


LE POLITICHE PER LA COLLETTIVITÀ E IL TERRITORIO La politica urbanistica e della qualità urbana costituisce una delle più importanti novità della proposta programmatica, sia dal punto di vista dei contenuti, dei programmi e delle strategie, che dal punto di vista delle modalità concrete di realizzazione. Prima di evidenziare le caratteristiche di questa nuova politica è opportuno riprendere gli elementi di fondo che hanno caratterizzato le precedenti scelte urbanistiche allo scopo di evidenziarne gli aspetti di innovazione chiave e di discontinuità rispetto al passato che proponiamo È noto che lo sviluppo e la ristrutturazione del territorio non può prescindere da condizionamenti socio-economici locali in modo che lo strumento pianificatore sia foriero di crescita e sviluppo nel molteplici aspetti della vita sociale Ebbene le amministrazioni precedenti hanno frenato per oltre un trentennio tale crescita non riuscendo ad approvare in forma definitiva l’ex P. R.G. oggi PUC.

PROGETTO GENERALE CARBONARA VIVIBILE Il progetto generale ha come obiettivo di realizzare un processo partecipativo

27

che determini il coinvolgimento della comunità locale nella costruzione di una visione comune dello sviluppo di Carbonara; stimolando l'utilizzazione della conoscenza specifica del territorio da parte degli abitanti e degli attori zonali organizzati; promuovendo la valorizzazione e l'uso delle competenze progettuali presenti tra gli abitanti e gli attori locali. La logica che sta alla base di questo progetto è quella di fare attivare un percorso che veda la società carbonarese protagonista nella ideazione, elaborazione e definizione della propria idea di paese e del proprio futuro urbanistico. Valutare, quindi, i bisogni del paese a partire dal punto di vista dei cittadini. Quindi, attraverso la politica dei lavori e opere pubbliche il progetto mira a realizzare due grandi tematiche, quella della qualità e quella della partecipazione. In concreto, ciò che interessa ai cittadini di Carbonara è di vivere in paese dall’ambiente sano, con adeguate opportunità economiche e di lavoro in cui siano assicurati qualità dei servizi, trasporti e relazioni umane. Un paese in cui l'offerta dei servizi sia tesa a promuovere lo sviluppo economico e sociale della comunità, un paese in cui regole chiare e trasparenti siano a tutela del diritto di tutti, soprattutto dei più deboli, dove essere e sentirsi cittadini a pieno titolo. Il progetto generale prevede tutti questi obiettivi, non ultimo quello di erogare servizi alla collettività centrati sui bisogni della gente e non solo sulle competenze amministrative e di controllo che la legge assegna al Comune. Attuando quel cambiamento necessario nel modo di amministrare integrando e rendendo coerenti i diversi servizi e attività in una grande politica dei servizi per la


collettività e il territorio.

SETTORE PATRIMONIO E INVESTIMENTI PUBBLICI Questo settore ha un'importanza fondamentale e le politiche ad esso dedicate riguardano principalmente la valorizzazione del patrimonio degli immobili e delle infrastrutture comunali e la sua utilizzazione come risorsa strategica della collettività, sia in termini economici sia in termini di strumento di miglioramento della qualità della vita. La valorizzazione del patrimonio è cioè intesa come politica che persegue lo scopo unitario di dare vitalità alle risorse pubbliche, sia in termini economici che patrimoniali, usandolo come strumento di riqualificazione delle infrastrutture e dei servizi collettivi e di sostegno agli investimenti e allo sviluppo economico dell'intero paese. All'interno dell'unico grande disegno di valorizzazione delle risorse della collettività, la politica sul patrimonio pubblico si articolerà in 2 grandi filoni di attività: 1) la gestione economica del patrimonio comunale 2) il piano degli investimenti per la realizzazione di nuove opere pubbliche e per la manutenzione delle strutture e infrastrutture esistenti 1) Per la gestione economica e la valorizzazione del patrimonio, sarà necessario assumere una nuova visione e gestione, introducendo elementi di forte novità rispetto al passato attraverso la trasformazione del patrimonio da opportunità inutilizzata a risorsa economico-finanziaria dell'Ente Ciò potrà avvenire anche attraverso un apposita attività di adeguamento alle normative vigenti 2) La politica degli investimenti in opere pubbliche si articolerà intorno a 3 priorità: a) un programma di interventi integrati per il miglioramento della viabilità; b) un programma di interventi di realizzazione di nuove opere; c) un programma di ottimizzazione e miglioramento degli interventi di manutenzione delle strutture e infrastrutture pubbliche del paese. Tali priorità negli investimenti si collocano all'interno della più generale politica proposta di sostegno e sviluppo della qualità della vita e della vivibilità del paese. Si prevede, altresì, di progettare e realizzare la costruzione della nuova sede del Comune, attraverso le forme di finanziamento più convenienti. Questo ulteriore grande investimento risponde a finalità diverse. Da una parte una nuova sede comunale consentirà un miglior funzionamento degli uffici e dei servizi e soprattutto maggior facilità di accesso da parte dei cittadini: quindi

28


qualità dei servizi per il paese. Dall'altra consentirà di utilizzare risorse pubbliche (finanziamenti europei) per aumentare il benessere del paese, stimolare attività produttive, indotto economico, occupazione. Un'ulteriore e coerente linea di intervento sulle opere pubbliche riguarda il completamento (infrastrutture, fogne, accessi, sistemazioni ambiente verde e arredi, ecc.) e l'adeguamento di strutture polifunzionali (per l'accoglienza, lo spettacolo, la cultura e di incontro collettivo etc.). Anche in questo caso, si tratta per la lista SiAmoCarbonara di realizzare una politica che orienta l'uso delle risorse pubbliche al servizio, alla qualità, alla vita, allo sviluppo economico del territorio, alla integrazione fra cultura e benessere, fra pubblico e privato, fra capacità di intraprendere e funzione istituzionale

SETTORE AMBIENTE Da tanti anni ci troviamo di fronte sempre più ad un territorio le cui necessità sono la difesa del suolo e una corretta gestione delle risorse che risultano di fondamentale importanza per la realizzazione di un modello di sviluppo eco-compatibile. Perciò incidere e investire sulla riqualificazione ambientale significa anche agire sulle altre due variabili in quanto l'ambiente è oggi una delle principali occasioni di nuova occupazione In un territorio come quello di Carbonara il settore della riqualificazione ambientale e del territorio offre una concreta possibilità di crescita occupazionale essendo uno dei settori dove stanno emergendo nuove figure professionali. Poiché, oggi, la questione ambientale è la questione centrale dello sviluppo da cui partire per un nuovo modo di produrre e di gestire l'economia. Governare l’ambiente deve significare aver cura dell'interesse generale dei cittadini, della loro salute, e in questo vi è un ruolo fondamentale che l'Amministrazione deve avere di gestione complessiva della questione ambiente. Pertanto, anche a Carbonara, come già accade in molti comuni, occorre orientare l'economia sempre più verso un modello non più basato esclusivamente sulla produzione ma sulla gestione e manutenzione del territorio. In questo contesto, il verde pubblico e la montagna assume per noi non solo un ruolo di oggetto parametro ecologico ma anche di valida risorsa sociale e occupazionale. Immaginiamo aree verdi attrezzate, predisposte nelle diverse zone del territorio comunale, che fungano anche da centro di aggregazione e scambio e la Villa comunale nelle quali esistano strutture sociali e ricreative atte a soddisfare quel bisogno della gente di stare insieme e di vivere all'aperto. Priorità d'intervento riguarda ovviamente il recupero delle poche aree esistenti quali il degradato stato della c.d. villa comunale (panchine divelte, fontane asciutte, sporcizia ecc). 29

Centralità e priorità avrà il progetto «Strategia Rifiuti Zero» avviando una politi-


integrata sui rifiuti e sull’ambiente per l’aumento della raccolta differenziata. Una strategia integrata per la riduzione dei rifiuti ed il loro completo riutilizzo, una scelta per il FUTURO, con benefici per tutti: per i cittadini, per l’ambiente, per i lavoratori, e non ultima, la riduzione drastica della tassa sui rifiuti (TARI). Prepareremo il “Rapporto sullo stato dell’ambiente” sviluppando le seguenti direttrici prioritarie: Aria: monitoraggio delle emissioni in aria; Acqua: sensibilizzazione dei cittadini e delle attività produttive verso un uso consapevole e responsabile delle risorse idriche allo scopo di migliorane l’utilizzo e combatterne lo spreco; Rifiuti: efficientamento della raccolta differenziata attraverso percorsi di sensibilizzazione e coinvolgimento dei bambini/giovani in età scolare, in sinergia con le istituzioni scolastiche del territorio, ed organizzazione di itinerari di crescita della consapevolezza delle persone meno giovani, presenti in ogni famiglia della nostra città, vere custodi dell’attenzione e del rispetto delle regole. L’obiettivo è fare di Carbonara di Nola uno dei pochi Comuni virtuosi del territorio in possesso della Certificazione Ambientale e l’inserimento nell’albo ristretto dei «Comuni Ricicloni» di Legambiente.

PROGETTI SPECIFICI 1) Laboratorio di Urbanistica: Professionisti, esperti e cittadini si confrontano e sviluppano le idee e linee guida sui possibili scenari futuri del paese 2) PUC: questo progetto mira ad approvare nel più breve tempo possibile il PUC 3) Mobilità: Occorrono interventi organici per migliorare il sistema della mobilità. È necessario in primo luogo attuare una efficace rete di trasporto pubblico. Tale operazione va supportata da una attenta analisi delle caratteristiche e delle dimensioni della domanda per favorire risposte adeguate alle aspettative dell'utenza attraverso un servizio agile e snello. Vanno incoraggiate forme alternative di spostamenti mediante la realizzazione di percorsi pedonali e di marciapiedi (dove non esistono). 4) Raccolta e Smaltimento rifiuti: Il progetto prevede l'ammodernamento e l'adeguamento completo alle normative per la raccolta e smaltimento rifiuti. Al sistema finora adottato si deve sostituire, con gradualità, un sistema di smaltimento integrato, che partendo da una vera raccolta differenziata qualificata e capillare, punti al trattamento separato delle varie materie prodotte avviando contestualmente il modello previsto dalla strategia zero rifiuti 5) Qualità della struttura scolastica: Si assume come prioritario l'impegno a migliorare gli arredi delle scuole e le aree verdi circostanti mediante interventi di ordinaria e straordinaria manutenzione per creare ambienti piacevoli, per consentire ai bambini di star bene a scuola. 30


6) Attività commerciali: La razionalizzazione del servizio di distribuzione e il suo ammodernamento rappresentano gli obiettivi che vanno perseguiti attraverso il dialogo con gli operatori del settore valorizzando i piccoli esercizi esistenti nella nostra realtà. 7) Illuminazione pubblica: la Rete di illuminazione pubblica necessita di interventi di totale rifacimento ed efficientamento, in quanto la situazione attuale è fortemente deficitaria e non garantisce una adeguata illuminazione e sicurezza dei cittadini con aree del paese completamento al buio.

31


MACROAREA N.3


LA POLITICA DELL'INFORMAZIONE E DEI SERVIZI AL CITTADINO La politica dell'informazione e dei servizi al cittadino è una politica fondamentale nel nostro indirizzo di governo, da rendere concreta attraverso una prevista delega appositamente dedicata Ciò rappresenta una ulteriore manifesta volontà di introdurre radicali interventi di discontinuità con le precedenti amministrazioni dell'Ente Comunale e un'elevata centralità e interesse allo sviluppo e diffusione dei servizi per il cittadino e l'informazione. Tutto ciò al fine di giungere realmente a svolgere una funzione di servizio pubblico: quella di soddisfare il bisogno di informazione, trasparenza, di partecipazione, di facilità all’accesso del cittadino ai servizi e alla gestione della cosa pubblica, di efficacia ed efficienza. Quindi, una nuova concezione dei diritti dei cittadini: i diritti che riconoscono i cittadini come soggetto e non oggetto dell'attività di amministrazione, la cui erogazione, finora, non ha fatto parte delle modalità istituzionali del Comune. Questi diritti riguardano la tutela di interessi e bisogni legittimi e cruciali in una società moderna, dove l’informazione e la comunicazione sono il tessuto strategico dello sviluppo economico e sociale della democrazia e della libertà dell’individuo.

IL PROGETTO GENERALE QUALITÀ IN «COMUNE» Il progetto generale di questa macro-area ha come obiettivo principale quello di far svolgere all'Ente un ruolo centrale nell'informazione, nella trasparenza, nell'accesso ai servizi, nella partecipazione dei cittadini, nel coordinamento e sviluppo dei servizi. Sul tema dell'informazione il progetto generale intende agire su due fronti: Interno al Comune: vuole agire sull'organizzazione e sulle strutture usando la tecnologia per gestire i processi amministrativi e realizzare attività in modo più efficace e trasparente. (informatizzazione spinta con servizi cloud aderendo al piano triennale per l’informatica della PA) Esterno al Comune: vuole sviluppare nel cittadino la richiesta di trasparenza e di partecipazione, rendendolo consapevole dei vantaggi che ciò può comportare, anche sul piano della vita democratica Per realizzarle, veramente, occorre però ripensare in modo ampio all'intero funzionamento concreto dell’Ente: non si può comunicare-informare efficacemente con successo se non vi è una adeguata organizzazione preposta a farlo e, quindi, non vi può essere trasparenza esterna. È in questa chiave che, secondo noi, attraverso le nuove tecnologie informatiche si possono offrire nuovi e più efficaci servizi al cittadino. 33


SETTORE PERSONALE ENTE LOCALE Il programma di modernizzazione e cambiamento non si può attuare se non attraverso una politica di grande attenzione e valorizzazione del personale dipendente. Una vera e propria nuova politica del personale, che ponga la qualità e lo sviluppo professionale delle persone al centro dell'attenzione dell' Ente, e che si potrà realizzare in concreto attraverso alcuni obiettivi e programmi prioritari: • un programma di nuove assunzioni mirate e con profili professionali coerenti con gli obiettivi dell'amministrazione (delineati negli indirizzi e nelle strategie di governo un piano di sviluppo e carriera delle persone connesso ai piani di sviluppo dell’amministrazione: percorsi di crescita professionale connessi con lo sviluppo delle attività e dei progetti dell’Ente.

SETTORE DETERMINAZIONE E RISCOSSIONE TASSE E TARIFFE COMUNALI In questo settore il controllo sulla riscossione dei tributi locali dovrà essere esercitato con la massima cura, sia per recuperare la consistente evasione sia per garantire l'equità tributaria per tutti i cittadini. Dovrà essere garantita la certezza e l'equità nell'applicazione delle imposte, che con il recupero dell'evasione potranno essere sensibilmente ridotte. Per venire incontro ai disagi e agli oneri connessi al pagamento e determinazione delle tasse comunali, soprattutto per la compilazione dei modelli del calcolo delle somme dovute, al versamento, all'informazione, abbiamo elaborato il progetto specifico: «Consulenza fiscale per i tributi locali» che, in sintesi, più avanti è riportato

I PROGETTI SPECIFICI Il piano delle azioni previste contempla molti importanti progetti specifici, che sono fortemente innovativi sotto il profilo organizzativo, tecnologico e dei servizi. Alcuni di essi: 1. Sportello polifunzionale (URP): la realizzazione di uno sportello polifunzionale che vada oltre la prescrizione normativa rappresenta un passaggio obbligato nell'ottica dell'affermazione della semplificazione amministrativa e configura il Comune come soggetto integratore dei servizi e come luogo aperto all'integrazione con informazioni e servizi di altre istituzioni pubbliche e private. 2. Formazione, aggiornamento e valorizzazione del personale dell'Ente: accanto alla tecnologia, la risorsa critica per il successo della nuova politica dei servizi al cittadino e per l'informazione è rappresentata dalle risorse umane. Con questo progetto si prevede di aggiornarle, formarle, soprattutto stimolandole al salto culturale che serve per vivere e lavorare nella società della

34


informazione, nella quale come fornitori di servizi pubblici essi svolgono e svolgeranno un ruolo sempre più importante e critico. 3. Governare con i cittadini: gli obiettivi del progetto sono indirizzati alla costituzione di «tavoli» di confronto che raccolgono e selezionino proposte, soluzione, idee, progetti ed elaborazioni prodotte da associazioni, sindacati, imprese, singoli cittadini ecc. che intendono contribuire alla soluzione dei problemi del paese 4. Sportello di orientamento legale: l’obiettivo è di fornire a cittadini e imprese un servizio gratuito di primo orientamento legale per la soluzione dei problemi e per offrire approfondimenti sulle procedure da adottare. .

35


MACROAREA N.4


LE POLITICHE OCCUPAZIONALI, E PRODUTTIVE La politica dello sviluppo-economico produttivo che intendiamo porre in essere ha come obiettivo prioritario la definizione e l'avviamento di iniziative, interventi e strutture per lavorare e supportare lo sviluppo produttivo e dell'occupazione nel territorio di Carbonara La nostra idea di base è che il sistema e le politiche pubbliche ecc. dell'Ente locale possono e devono creare condizioni favorevoli per la nascita di nuove imprese e di nuova occupazione La novità di questa politica risiede non solo nella sua discontinuità rispetto al passato, ma, in particolar modo, nell'ampliamento del ruolo del Comune in materia di economia e di lavoro Il Comune infatti ha svolto finora un ruolo quasi di dissuasore o al più di certificazione di alcune attività economiche Invece, esso deve agire come facilitatore e garante di una rete di servizi e iniziative che creino un «ambiente» per attrarre le imprese e creare condizioni di migliore competitività e opportunità Quindi, per noi il Comune dovrebbe divenire attore-protagonista di una rete di organizzazioni e di iniziative pubbliche e private e dei fenomeni socio-economici che avvengono sul territorio comunale e della città metropolitana, con la funzione di coordinamento, ideazione e promozione di azioni volte allo sviluppo e consolidamento dell'economia carbonarese

IL PROGETTO GENERALE RICERCA LAVORO L’intenzionalità di questo progetto generale consiste nella realizzazione di un'assunzione progressiva da parte del Comune del ruolo di «agenzia strategica» che coordini e influenzi i fenomeni socio-economici sul territorio e governi le selezioni tra una serie di attori (Imprese, Sindacati ecc...) e di attività (formazione, servizi ecc.) con lo scopo di valorizzare la funzione centrale del Comune stesso verso politiche attive del lavoro e dello sviluppo economico. I principali programmi d'azione di questo progetto volti ad avviare e realizzare questa politica sono: 1. l'assistenza alla creazione di imprese 2. l'informazione per tutte le opportunità e agevolazioni; 3. lo sviluppo di servizi e del territorio avanzato Questi e gli altri programmi si articolano in una serie di progetti specifici che costituiscono il piano d'azione per queste macroaree

37


AGRICOLTURA A Carbonara l'agricoltura rappresenta una realtà economico-sociale e produttiva di tutto rilievo Infatti, il paese è circondato da fertili suoli coltivati, sopravvissuti all'espansione edilizia ingovernata del paese e che costituiscono una preziosa fonte economica. La produzione di nocciole, noci e uva ne sono tra le principali. Diventata essenziale, una vera politica agricola, deve mirare a un processo di sostanziale salvaguardia dei suoli agricoli anche per arrestare il flusso di abbandono degli addetti in agricoltura. Il Comune, per compiti e funzioni, dovrà diventare il motore e il coordinatore di tale processo tra agricoltura e sviluppo, tra agricoltura e industria Si tratta di aprire un confronto forte per affermare il ruolo dell'agricoltura come fattore di sviluppo economico ed occupazionale, fattore di salvaguardia della natura e dell'ambiente.

I PROGETTI SPECIFICI 1. Artigianalmente: questo progetto si prefigge prioritariamente di censire tutte le realtà artigianali operanti sul territorio per tentare di valorizzarle e supportarle creando le premesse affinché anche in questo settore si possano realizzare condizioni di occupazione attraverso le forme di apprendistato Questo progetto ha una forte valenza culturale e sociale 2. Lavoro-Ambiente: i recenti sviluppi in tema di ambiente impongono il cambio di mentalità che l'amministrazione comunale dovrà necessariamente praticare al fine di tutelare e valorizzare questa risorsa strategica rappresentata dall'ambiente ll binomio lavoro-ambiente dovrà essere sempre più stringente attraverso tutte quel le forme di cooperazione possibili. 3. Cooperazione sociale: il progetto intende favorire la creazione di cooperative a sfondo sociale che oltre ad attenuare la fame di lavoro svolgano un servizio di pubblica utilità nei più svariati settori 4. Bilancio in comune: E’ intenzione, tramite la realizzazione di questo progetto, formulare i Bilanci dell'Amministrazione attraverso anche il supporto dei cittadini e del le associazioni operanti sul territorio. (Bilancio Partecipato) 5. Carbonara per l’ambiente: l'evoluzione innovativa riguardante la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani deve portare a una modernizzazione e piena applicazione delle normative riguardanti la raccolta differenziata oltre ad attivare un trend di crescita della percentuale che si avvicini quanto più possi38


bile alla strategia rifiuti zero. Attraverso ciò sono previste opportunità occupazionali e di sviluppo ambientale del territorio.

AREE PERIFERICHE Riteniamo che una delle priorità d'intervento dell’amministrazione sia la cura di queste aree con un intervento urbanistico e di sviluppo dei servizi armonico e coordinato al fine di rendere tutto il paese, paese. Attraverso mirati e qualificati interventi

PROGETTO GLOBALE QUALITÀ DELLA VITA L'enfasi e l'attenzione che abbiamo posto nell'elaborazione dei progetti che potrebbero cambiare e migliorare Carbonara nei prossimi anni (invertendo una tendenza assai negativa) l’adozione del PUC , un funzionale URP, lo sportello informa giovani, le manifestazioni socio-culturali ecc, sono rivolte all'attivazione di quel processo-progetto da noi denominati Qualità della vita a Carbonara. Tutti i progetti specifici e generali di ogni macro-area, tanto ambiziosi quanto necessari potrebbero aiutare Carbonara ad uscire dalle sacche dell'arretratezza e dell'immobilismo, innestando un circuito virtuoso che sviluppi dei modelli positivi Deve essere, peraltro, chiaro che la qualità della vita oltre che un processo in divenire e continuo e mai compiuto una volta per sempre, certamente non dipende solo delle politiche pubbliche, né solo dall’Ente locale. E vero però che all'Ente locale, anche limitato negli strumenti spetta sempre avere una visione unitaria e globale dei problemi che definiscono la qualità della vita sul suo territorio. Come altrettanto vero è che spetta al Comune fare i piani e realizzare i progetti per promuovere lo sviluppo, con un ruolo di programmazione ed indirizzo politico, attivando meccanismi e strumenti metodologici, di controllo, verifica, analisi. Questo metodo è necessario e funzionale alla pianificazione degli interventi pubblici e alle conseguenti limitazioni delle disparità e degli sprechi attraverso un sempre più assiduo monitoraggio del territorio soprattutto per quanto concerne le condizioni di vita dei cittadini. Infatti, l'individuazione delle nicchie di degrado urbano, disagio, povertà, devono essere oggetto di studi continui e preventivi dei cittadini, devono fare da sfondo non solo ai processi di distribuzione equa delle risorse, ma anche alla costituzione di nuove reti di collaborazione, supporto e scambio con altre realtà locali. Analizzare la qualità della vita significa anche registrare come i valori, i bisogni e le aspettative sempre più articolate dei cittadini si coniugano con il sistema produttivo e dei servizi. 39


Qualità della vita significa per noi questo, un progetto, un metodo, uno strumento che ben applicato contribuisca concretamente allo sviluppo e al benessere del paese e di noi cittadini. Tutto ciò rappresenta per noi una delle pochissime ipotesi di sviluppo e cambiamento praticabili, confortati da questo modello tecnico teorico già applicato con risultati soddisfacenti in altre realtà Significa inoltre avere piena coscienza e conoscenza della realtà nella quale per ruolo o per funzioni si vuole o si deve intervenire, invertendo prassi e metodi sinora imperanti legati soprattutto alla voluta misconoscenza, all'approssimazione, al dilettantismo e quanto altro ancora che hanno ridotto il nostro paese ad una disomogenea involuzione Infatti, questo progetto dai contorni definiti e dai contenuti tutti da sviluppare, anche con il contributo di singoli cittadini e associazioni, rappresenta l'obiettivo di riferimento che sottende a tutto l'impianto programmatico quale vincolo politico sia tra i candidati che tra candidati e cittadini. Rappresenta esso stesso il collante che tiene insieme e definisce lo sviluppo le linee politiche da perseguire e da realizzare In conclusione se non si perseguono politiche e modelli applicativi moderni e innovativi rafforzati da esperienze, conoscenze e capacità, il nostro paese procederà ancor più speditamente in quel percorso a ritroso che già da tempo ha iniziato, e che pone Carbonara in una condizione permanente di mancato sviluppo.

LE RISORSE ECONOMICHE E FINANZIARIE PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA Tutte le progettualità, anche le più belle e ambiziose, rischiano di rimanere tali se le risorse complessive del Comune di Carbonara certo sono ridotte al lumicino. D'altra parte esistono situazioni ancora pendenti, che rappresentano un grosso fardello, dagli sviluppi incerti, che riguardano i contenziosi legali. L'esecuzione di interventi urbanistici o di acquisizione di beni e servizi sono un'altra nota dolente in quanto spesso non si è garantita la qualità e addirittura si sono ripetuti più volte gli stessi interventi. L'inadeguatezza nell’utilizzo delle risorse economico-finanziarie ha fatto sì che i cittadini sono costretti a versare una aliquota alta di TASI e IMU per sopperire alla gestione poco attenta delle risorse collettive. Viceversa, la garanzia di un'attenta e oculata gestione delle risorse rappresenta un vincolo insormontabile per addivenire all'imprescindibile buon andamento e trasparenza dell’azione amministrativa. Riteniamo che esista l'esigenza di un'espansione, sia della «spesa corrente» per migliorare la qualità di alcuni servizi prioritari (raccolta dei rifiuti, manutenzione o fogne, uffici) sia la spesa per la realizzazione di opere pubbliche ed interventi sociali. Il tutto, però, senza perdere di vista la fondamentale esigenza di mantenere 40


l'equilibrio sostanziale di bilancio, al fine di non gravare sui redditi dei cittadini. Sarà il «Rendiconto» a rappresentare uno dei momenti più importanti della vita amministrativa, poiché ci permetterà di misurare e analizzare in che modo, i piani e i programmi dell’Amministrazione, saranno realizzati. Il capitolo che riteniamo più importante di tutti è comunque rappresentato dalle opportunità di finanziamento offerte dai Fondi Europei, soprattutto alla luce della recente normativa che consente anche ai piccoli Comuni di accedervi in via diretta. Nei prossimi anni si gioca una rilevante scommessa, in quanto, se si perde quest'occasione di vero sviluppo, l'arretratezza rispetto ai Comuni e Regioni più efficienti, che avranno saputo cogliere quest’opportunità diventerà ancora più evidente ed incolmabile. In ragione di ciò, vorremmo specializzare e delegare un componente dell'amministrazione, che sia impegnato totalmente su questo specifico aspetto e ne padroneggi la fase progettuale e burocratica attraverso anche l’attivazione dello Sportello Europa. Infine, è d'obbligo citare ciò che riveste un carattere non secondario, riferito alle modalità di esplicazione e gestione degli appalti di beni e servizi e di lavori pubblici, che rappresenta una possibilità di risparmi di risorse se ben diretti e gestiti con trasparenza. Sono questi i filoni d'intervento portanti che vorremmo realizzare nel «delicato» campo economico e che influiranno in maniera determinante sulle modalità di sviluppo e benessere del paese.

41


CONCLUSIONI


La lista SiAmoCarbonara, candidata alle elezioni amministrative, con questo programma ha inteso far nascere un grande progetto politico, fondato su un’ampia convergenza programmatica e sul riconoscimento di valori e obiettivi. La nostra proposta di progetto amministrativo ha scelto, finalmente, la strada di un sostenibile cambiamento e di una identità vera, ed è protesa a dare una risposta articolata ai reali e legittimi bisogni della gente, dando alla politica il suo vero significato di impegno, costruzione del bene comune, evitando e contrastando con forza la mentalità di una generica assistenza che sfocia il più delle volte nel clientelismo e nell'arroganza. I valori di cui siamo portatori, la nostra cultura, le nostre esperienze e le condizioni in cui versa Carbonara, non potevano farci elaborare altro se non questo tipo di programma. Per questo le nostre riflessioni e i nostri progetti tendono a sviluppare con la gente un legame e una funzione di servizio sociale vero ed effettivo, che possa incidere sulle considerazioni negative che buona parte dei cittadini ha nei confronti della classe politica locale. Questo comporta un impegno e una direttrice di lavoro anche organizzativo molto preciso che, noi già nella fase di stesura del programma, abbiamo posto in campo. Sappiamo bene che il riscatto e la rinascita non stanno né nei proclami, nella buone intenzioni, né solo nel fiorire di mostre, rassegne teatrali, conferenze ecc. Come sappiamo bene che, purtroppo, i meccanismi del consenso sono ancora legati ad un sistema di carattere clientelare, completamente svincolato qualità-validità della proposta politica e dei candidati. Al fine di interrompere questa fallimentare prassi ci proponiamo con il nostro programma, frutto di un lavoro e di un impegno collegiale e di attento ascolto delle esigenze dei cittadini, di tentare di costruire insieme a loro la Carbonara che vogliamo.

43


44


SIAMOCARBONARA

SOCIAL QR CODE

45


ELEZIONI AMMINISTRATIVE 26 MAGGIO 2019 CARBONARA DI NOLA

SIAMO CARBONARA

Profile for Sony89

PROGRAMMA ELETTORALE - SIAMO CARBONARA  

PROGRAMMA ELETTORALE - SIAMO CARBONARA  

Profile for sony89
Advertisement