Issuu on Google+

PRIMAVERA-ESTATE AUTUNNO-INVERNO: Il mare e le spiagge, montagna in estate, montagna in inverno, la nostra cultura, enogastronomia, eventi, congressi, golf


FRIULI VENEZIA GIULIA INVESTI IL TUO TEMPO Mille motivazioni spingono un viaggiatore a scoprire una nuova terra. C’è chi desidera conoscere culture diverse e c’è chi vuole riposare la mente e il corpo. Tante esigenze che però conducono a una precisa richiesta. Il luogo visitato deve lasciare nella mente emozioni e nel corpo sensazioni. E il Friuli Venezia Giulia regala esperienze.

Il luogo visitato deve lasciare nella mente emozioni e nel corpo sensazioni


IL MARE E LE SPIAGGE: Le spiagge, il relax, il divertimento, le passeggiate, il buon pesce, i giochi da spiaggia, lo sport d’acqua, lo shopping, le barche


LE DUE FACCE DEL MARE

Baie incastonate nelle rocce. Oppure spiagge di sabbia dorata. Non sono due regioni differenti a offrire questi scenari. Sono il tratto di costa di Trieste, caratterizzato da scogliere, e i litorali di Grado e Lignano che invece offrono distese di sabbia finissima. Sdraiarsi sulla riva, praticare la vela e lasciare che i bambini giochino in sicurezza. Molte richieste da soddisfare. Il mare risponde e si presenta con vesti differenti.


TRA GIOCHI E SPORT

Correre sul bagnasciuga quando la spiaggia è deserta. Da soli. Ascoltando il proprio respiro e il rumore dei propri passi sulla sabbia. Poi, trascorrere il resto della giornata insieme alla famiglia, perché sui litorali di Lignano e Grado i bambini trovano la loro dimensione. C’è lo spazio per i giochi dei più piccoli e c’è lo spazio per i tuoi sport sull’acqua.


NAVIGARE A VISTA Dal mare si vede il faro acceso nella notte. Significa che la meta è vicina. I 130 chilometri di costa del Friuli Venezia Giulia offrono 23 marina e oltre 15mila posti barca. Cantieri specializzati, adatti ad accogliere barche di tutte le dimensioni. Il diportista troverà ogni genere di servizio, ogni giorno dell’anno. La luce del faro non smette di lampeggiare e illumina le vie del mare che portano alla terra ferma.


Si è fatta sera. Un puledro aspetta di essere cavalcato sulla spiaggia deserta

SPORT IN BLU

Un tuffo sotto l’acqua per esplorare un mondo senza rumore. Si risale e si lascia sul bagnasciuga la tuta da sub. Si alza un vento sostenuto. Ci si getta nel mare con il windsurf. E si fila spinti dal vento. Il mare torna improvvisamente a calmarsi. Si sale sulla canoa o sulla barca a vela e si solcano le acque sicure. Ma si è fatta sera. E un puledro aspetta di essere cavalcato sulla spiaggia deserta.


BENESSERE SENZA TEMPO L’ orologio non esiste più. L’inesorabile trascorrere delle ore s’inceppa. Il concetto di tempo assume un altro significato e non deve essere misurato. Nelle Terme di Grado si abbandonano completamente il corpo e la mente. Aree dedicate alla medicina estetica, alla talassoterapia e alla prevenzione dell’invecchiamento trasformeranno il vostro corpo. Dopo una visita alle Terme è netta la sensazione di essersi trovati fuori dal tempo. Ma di essere dentro un corpo nuovo.


SENTIERI D’ACQUA Sono l’habitat preferito da molti volatili, ma al tempo stesso l’uomo che le attraversa capisce di essere in un’altra dimensione. Canneti e sentieri d’acqua che collegano i tipici casoni, una volta rifugio dei pescatori, sono i loro tratti distintivi. Ecco le lagune di Grado e Marano, dove la natura è ancora priva di contaminazioni, dove l’uomo ha capito che sono proprio le maree a regolare i ritmi della vita. Dove l’esistenza è scandita dal vento.

Sono proprio le maree a regolare i ritmi della vita


PRIMI PASSI NELLA NATURA Uno zoo può far nascere in un bambino l’interesse per la natura. Vede animali esotici e allarga i propri orizzonti. Ma può anche scoprire l’ambiente che lo circonda, visitando le riserve. Valle Canal Novo, le foci dello Stella e dell’Isonzo svelano particolari che fanno porre domande ai più piccoli. I bambini chiedono. Ottengono risposte. Imparano e crescono. Continuano così a sviluppare i loro sensi. Sotto i nostri occhi.


MONTAGNA IN ESTATE: Le malghe, i boschi, le camminate, i rifugi, i funghi, la fauna, la flora, le terme, il trekking, la mountain-bike


LE PAROLE DELLA MONTAGNA

Le vette forano le nuvole. Si capisce così che ad alta quota c’è una natura da scoprire. Non è sotto gli occhi di tutti. Serve uno sforzo per avvicinare il corpo e la mente ad altre sensazioni. La montagna d’estate vive nel silenzio. Sussurra e suggerisce ai suoi visitatori una nuova concezione della vita. Gli alberi millenari e gli animali dei boschi sono le uniche presenze. Ma sono discrete e lasciano passare l’uomo.


...e lascia che gli uomini stabiliscano un dialogo con la natura

VETTE A DUE VELOCITÀ I lenti movimenti di un’arrampicata su una parete delle Alpi Giulie. La velocità di una mountain-bike che si getta lungo un sentiero. Il trekking senza fretta che svela ogni segreto del bosco. Il ritmo sostenuto di una cavalcata. C’è chi si mette alla prova e chi vuole che siano le vette a condurre il gioco. La montagna del Friuli Venezia Giulia osserva e lascia che gli uomini stabiliscano un dialogo con la natura.


DIALOGO CON LA NATURA

L’odore della montagna scuote i sensi

Il calore del sole riscalda la pelle. L’aria ha un profumo che l’olfatto stenta a riconoscere. È l’odore della montagna che scuote i sensi. In un rifugio ad alta quota si avverte questa sensazione. Per conoscere le tradizioni, si visita una malga gestita da allevatori da generazioni. I segreti della lavorazione dei prodotti tipici sono tramandati di padre in figlio. E i piaceri di questi sapori sono trasmessi a chi cerca nuove vie del gusto.

L’aria ha un profumo che l’olfatto stenta a riconoscere


IL POTERE DELL’ACQUA

Mente e corpo in equilibrio. Le terme di Arta conoscono da sempre gli effetti terapeutici dell’acqua sulfurea. Hanno curato gli uomini fin dall’antichità. Adesso offrono anche terapie moderne per raggiungere il benessere e ritrovare la forma perfetta. Il corpo ora desidera un trattamento completo, dove si fondono tecniche innovative e gli effetti terapeutici di un tempo. Si fonde anche il corpo con la mente, ristabilendo un nuovo equilibrio.

Il corpo si fonde con la mente, ristabilendo un nuovo equilibrio


Il passaggio dell’uomo resta temporaneo e i polmoni della terra riprendono fiato

IL RESPIRO DEGLI ALBERI Rapaci e animali selvatici. Sentieri da percorrere e pareti da scalare. Alberi secolari e fiori d’alta quota. La natura esplode nei parchi delle Dolomiti friulane, delle Alpi Giulie e delle colline carniche. Oltre 50 mila ettari di verde, dove l’ambiente non scende a compromessi, dove il passaggio dell’uomo resta temporaneo, dove i polmoni della terra riprendono fiato. Si possono ammirare facendo alpinismo, trekking o semplici escursioni. L’altra faccia della natura.


MONTAGNA IN INVERNO: La neve, le piste da sci e snowboard, le slitte, gli impianti moderni, il relax, il divertimento, l’aria pura, i boschi, i giochi


DISCESA LIBERA

Nessuna attesa snervante per raggiungere la vetta. Gli impianti di risalita corrono veloci. Non c’è una folla che soffoca la vacanza. A Piancavallo, Forni di Sopra, Tarvisio, Sella Nevea e sullo Zoncolan si respira veramente. In Friuli Venezia Giulia le località di montagna non si trasformano in caotiche succursali delle città. Tutto scorre. Il tempo sembra dilatarsi. Fondo, discesa, snowboard, slitte, pattinaggio sul ghiaccio. Le opportunità le offre la montagna. Devono soltanto essere colte. Sono a portata di mano.


I RITMI DELLA NEVE

Scelta una pista, si ascolta soltanto il proprio respiro

Scelta una pista di fondo, si ascolta soltanto il proprio respiro. Ci si concentra sulla natura che svela particolari inaspettati. Gli snowboarder possono decollare. Gli half-pipe li spediscono nel cielo. Questo cercano e questo trovano. Dalle vette piĂš estreme gli amanti dei fuori pista scendono accompagnati dalle guide alpine. Lo sport sulla neve riprende i propri spazi. E chi sceglie queste piste trova una realtĂ  che sperava esistesse ancora.


Tutto scorre. Il tempo sembra dilatarsi


PISTE DI GHIACCIO La neve è capace di divertire e sorprendere anche quando si trasforma in ghiaccio. C’è chi, dopo aver trascorso una giornata sulle piste innevate, vuole anche pattinare. A Piancavallo lo si può fare e anche a Pontebba, dove si può assistere a partite di hockey della squadra locale. A Claut, invece, la scena è occupata dal curling. Le lame conquistano. E il divertimento comincia.


AMICI DI SLITTA I cani non vedono l’ora di correre. Davanti agli occhi hanno le distese di neve. Trainano slitte per gioco, si rendono utili e offrono la montagna da un nuovo punto di vista. Preparati musher conducono le slitte che possono essere trainate anche da cavalli. Il loro habitat è il bosco. Un bosco che da verde, in inverno, si tinge di bianco. Ma c’è un’ altra possibilità per chi ha scelto di visitarlo: percorrerlo con le racchette da neve. Persi negli abbaglianti sentieri di luce.

Lo sport sulla neve riprende i propri spazi


GIOCHI DI NEVE

I bambini si divertono perché sanno che la neve è loro amica

La neve gioca con i bambini. Ci tiene a dimostrare di essere altrettanto divertente della sabbia sulle spiagge. Negli snowpark di Forni di Sopra, Ravascletto e Piancavallo i protagonisti sono i più piccoli. Si divertono perché sanno che la neve è loro amica, li sorprende con le infinite opportunità che offre e alla fine li conquista. I maestri delle scuole di sci vigilano attentamente, preparano programmi specifici dedicati al loro mondo. Un’esperienza che li segnerà positivamente per sempre.


LA NOSTRA CULTURA: La storia millenaria, le perle d’arte, i castelli, le testimonianze del passato, la terra di confine, le diverse atmosfere, l’ispirazione di scrittori e artisti


SULLE ORME DELLA STORIA

Ogni epoca ha lasciato una traccia. Ogni differente dominazione ha arricchito il territorio. Ogni città svela una differente cultura: l’Impero romano, i Longobardi, la Serenissima, l’Impero asburgico e le ferite dei conflitti mondiali. Il Friuli Venezia Giulia è stato una terra di confine, ponte verso l’ignoto di antichi imperi, accesso al mare delle culture mitteleuropee e ultimo avamposto del mondo occidentale. In una piccola regione si concentra la storia dell’uomo.


CUORE DEL FRIULI

Udine si svela lentamente, tra piazze veneziane e riti che non vengono cancellati dal tempo. Le meraviglie del Tiepolo, il grande artista settecentesco che raggiunse la sua maturità proprio qui, piazza Libertà e la Loggia del Lionello, insieme all’antico castello sono soltanto alcuni dei tanti tesori artistici che fanno del capoluogo del Friuli un luogo indimenticabile.

Differenti atmosfere che mostrano le facce di un territorio composto da differenti identità


TRADIZIONE E MODERNITÀ Palazzi cinquecenteschi si affacciano sulle vie di Pordenone, compressa tra storia e modernità, la cui arteria principale, corso Vittorio Emanuele, rappresenta il punto d’incontro della comunità. La vita a Gorizia, invece, si sviluppa lungo i suoi viali alberati e dentro i suoi giardini. Entrambe le città rappresentano le diverse atmosfere di un territorio composto da differenti identità.


STORIA E CULTURA

L’Ottocento sotto gli occhi. Gli antichi caffè e le vie della città hanno nutrito la mente di scrittori e artisti. Ecco Trieste che mantiene ancora intatta le sue peculiarità. È una città dove il mare ha giocato e gioca un ruolo fondamentale per la vita cittadina. E il castello di Miramare con il suo parco resta uno dei simboli del capoluogo del Friuli Venezia Giulia.


ECCELLENZE D’ARTE

Perle d'arte custodite nello stesso scrigno

L’esplosione dei colori degli affreschi. I misteri mai svelati di un tempio. Una città inespugnabile a forma di stella a nove punte. Una reggia di epoca veneziana. Si tratta dei dipinti del Tiepolo, dei segreti della Cividale Longobarda, della città fortezza Palmanova e di Villa Manin di Passariano. Perle d’arte custodite nello stesso scrigno. Uno scrigno aperto agli occhi di coloro che si pongono domande, perché cercano le risposte sul percorso dell’umanità.


DIFESA DEL PASSATO

Terra di passaggio, dove era necessario erigere mura per evitare di essere sopraffatti. In Friuli Venezia Giulia ci sono oltre duecento castelli, tra manieri, torri e palazzi fortificati. Sono diventati con il passare dei secoli residenze prestigiose. E sono concentrati soprattutto nelle zone collinari. Erano le vigili sentinelle a difesa di un intero territorio. Ma restano ancora la testimonianza fisica di cruente pagine di storia.

I castelli, vigili sentinelle a difesa di un intero territorio


TESTIMONIANZE DI UN IMPERO

D’altronde, Aquileia non era la periferia di un impero, ma l’estensione di Roma, capitale del mondo

Avamposto dell’Impero Romano e centro di smistamento delle merci dal Mediterraneo. È Aquileia, città dichiarata dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità. Perché resta ancora intatto il colonnato del foro. Perché sono ancora presenti i resti del porto fluviale. Perché uno dei più straordinari complessi pavimentali a mosaico esistenti fa capire che qui si è sviluppata anche l’arte dell’epoca al massimo livello. D’altronde, Aquileia non era la periferia di un impero, ma l’estensione di Roma, capitale del mondo.


RICORDI DI TRINCEA

La storia della Grande Guerra non si legge più sulle pagine di un libro. Si comprende attraversando i campi di battaglia

Si percorre un camminamento, si attraversa una trincea e si risale sulla torretta di un fortino. Sopra c’è lo spazio per i cannoni. Non si può ascoltare il loro rombo. Non c’è il sibilo delle pallottole. Ma i piedi calpestano il terreno dove i soldati italiani e austroungarici hanno versato il sangue: sulle Alpi Giulie, sulle Alpi Carniche, nel parco tematico di Monfalcone. La storia della Grande Guerra non si legge più sulle pagine di un libro. Si comprende attraversando i campi di battaglia, fotografando con la mente i segni che ha lasciato sul territorio.


ENOGASTRONOMIA: I sapori, i profumi, la passione, l’eccellenza dei prodotti, i vini, i formaggi, i salumi, le tradizioni, la vita rurale, le tavole imbandite


TAVOLOZZA DI SAPORI

Sapori che si mescolano, generando gusti nuovi. Le diverse identità del territorio sono state trasmesse anche sulla tavola. I piatti del Friuli Venezia Giulia esprimono la tradizione culinaria di culture distanti fra loro. Questo fa sì che la cucina abbia come caratteristica principale la varietà dell’offerta: salumi di fama mondiale, formaggi freschi e stagionati, primi piatti su cui si sperimentano nuove sensazioni e i frutti regalati dal mare.


PRODOTTI AUTENTICI Ogni prodotto tipico del territorio rappresenta il carattere dei suoi abitanti. E l’offerta è così variegata che fa ben comprendere quanto il Friuli Venezia Giulia rappresenti un mosaico composto da differenti identità. Attraverso l’enogastronomia si possono comprendere a fondo i mille volti della regione.


ETICHETTE DA PRIMATO

Non si può visitare soltanto una cantina per comprendere la ricchezza del territorio

Non si può degustare soltanto un vino. Non si può visitare soltanto una cantina per comprendere la ricchezza del territorio. In Friuli Venezia Giulia ci sono otto zone a denominazione d’origine controllata. Oltre 24 mila persone lavorano in 1.700 aziende che producono 100 milioni di bottiglie l’anno: bianchi di livello mondiale e rossi robusti, vini da dessert, come il Ramandolo e il Picolit, che sono le gemme più lucenti. L’enoturista rimarrà senza fiato.


IL RISVEGLIO DEI SENSI

E la vista si perde nel verde

La vista si perde nel verde. L’olfatto stenta a riconoscere il profumo. L’udito non resta ferito. Le dita toccano la terra feconda. Il gusto torna a vivere. La mente collega le nuove sensazioni e capisce che è arrivato il momento di svuotarsi. Si sta trascorrendo qualche giorno in una malga, costruzione rustica della tradizione alpina, dove si possono osservare le tecniche di lavorazione del latte e dei prodotti della montagna.


VITA NEI CAMPI

Allo stesso tempo sono punti di partenza e punti di arrivo. Allo stesso tempo sono porte che conducono a sentieri d’alta quota e rifugi a disposizione di coloro che vogliono riposare il corpo e la mente. Sono gli oltre 400 agriturismi del Friuli Venezia Giulia, tra casolari e antiche case rurali, che permettono di scoprire tradizioni che si tramandano nel tempo. La vita contadina esiste ancora e qui si trova la sua piÚ viva testimonianza.

Casolari e antiche case rurali permettono di scoprire tradizioni che si tramandano nel tempo


EVENTI, CONGRESSI E GOLF: Le emozioni indimenticabili, i concerti e gli spettacoli unici, i grandi artisti internazionali, i congressi, gli scenari, i comfort, i campi da golf, le buche


EVENTI, CONGRESSI E GOLF

Durante tutto l’anno concerti live di artisti di fama internazionale, perché in Friuli Venezia Giulia la grande musica vive. Congressi su misura, perché ogni possibile scenario è a disposizione. Partite a golf sempre diverse, perché differenti campi sono velocemente raggiungibili in auto. Così l’offerta è davvero completa.


Concerti dal vivo, perché le emozioni sono più autentiche senza filtri VIVI LA MUSICA I ricordi che restano nella mente sono quelli vissuti dal vivo. Perché assistere al concerto di artisti di fama mondiale riempie la vita. Una vita che diventa più ricca, se sostenuta da esperienze collettive che regalano emozioni indimenticabili, perché vissute in prima persona.


prosa, danza, concerti, opera

SPETTACOLI UNICI

Prosa, danza, concerti, opera: l’offerta di spettacoli nei vari teatri del territorio non conosce soste. D’altronde, la creatività non può fermarsi, perché non può essere imprigionata.


LAVORARE CON PIACERE

Professionalità, strutture innovative e comfort. Questo cerca chi desidera organizzare un meeting oppure un congresso. Questo offre il Friuli Venezia Giulia, dove l’evento può svolgersi in differenti scenari, adatti a ogni esigenza: castelli affacciati sul mare, hotel nei centri storici delle città, agriturismi in collina, residenze di prestigio. E prima e dopo il congresso non manca l’occasione per scoprire il territorio. E il ventaglio di proposte sorprende sempre.

Anche il lavoro diventa un piacere nei castelli affacciati sul mare, negli agriturismi in collina e nelle residenze di prestigio


Qui la partita non finisce al primo campo: allarga i suoi confini e moltiplica le buche PARTITE SENZA CONFINE

Ogni giorno un campo da golf diverso. Ogni giorno la sfida si rinnova. E ogni giorno si conosce una particolaritĂ  del territorio inaspettata. In Friuli Venezia Giulia ci sono sette campi da golf, situati dalle montagne al mare, dalla pianura alle colline. La distanza massima tra due green non supera le due ore di automobile. Qui la partita non finisce al primo campo: allarga i suoi confini e moltiplica le buche.


In automobile Autostrade A4 Torino - Trieste A23 Palmanova - Udine - Tarvisio A28 Portoguaro - Conegliano

Regione Friuli Venezia Giulia AUSTRIA AUSTRIA Arta Terme

Tarvisio A23

Tolmezzo

In aereo Aeroporto Regionale Trieste 40km da Trieste e Udine 15km da Gorizia 80km da Pordenone www.aeroporto.fvg.it

Gemona del Friuli

Piancavallo

Cividale del Friuli

San Daniele del Friuli

UDINE

Regione Friuli Venezia Giulia

SLOVENIA

PORDENONE

Italia

Palmanova GORIZIA A28

A4

TREVISO

In treno www.trenitalia.it Call Center 89.20.21

Europa

SLOVENIA

Aeroporto FVG Ronchi dei Legonari

A4

VENEZIA

Aquileia Lignano Sabbiadoro

Grado

TRIESTE

SLOVENIA

Foto: Accademia Alpina / Enzo Andrian - SocietĂ  per la conservazione della Basilica di Aquileia / Archivio Museo Diocesano e Gallerie del Tiepolo / Gabriele Bano, Paolo Da Pozzo, Luciano Gaudenzio - Tratte dal libro Carnia confine tra cielo e Terra Ed.Selekta 2010 / Carlo Borlenghi / Nicola Brollo - Five Zone / Alessandro Castiglioni / Civici Musei di Storia ed Arte di Trieste / Gabriele Crozzoli / Livia Comandini / Ulderica Da Pozzo / Ecoplane / Fantastificio / Matteo Lavazza Seranto / Marco Milani / Pentaphoto / Danilo Rommel / Alessandro Savella / Carlo Spaliviero / Laura Tessaro / Mario Verin / Glauco Vicario / Massimiliano Zambelli Testi: Renato Schinko Stampa: Grafiche Risma - Roveredo in Piano - PN - COD. 110149


Agenzia Regionale Turismo Friuli Venezia Giulia Sede operativa Piazza Manin, 10 – Loc. Passariano – 33033 Codroipo (UD) Tel. + 39 0432 815111 – Fax + 39 0432 815199 E-mail info@turismofvg.it – Numero Verde 800 016 044


Come Dove FVG