Page 1

Novembre 2013 A  cura  del  Movimento  Solidarietà  e  Partecipazione  di  Gioia  del  Colle  (Ba)  con  sede  in   via  Bernal,  3—Distribuzione  gratuita  Stampato  in  proprio

DECADENZA GIOIA

insomma, senza  fini  di  lucro  se  non  quelli  di  aumentare   la   vivibilità   ed   il   benessere   di   un   quar ere   in   forte   espansione   edilizia.   Le   stru ure   commerciali   come   la   Coop  o  il  Cinema,  invece,  sarebbero  comunque  sor  a   Siamo  una  ci à  in  declino!”.   Gioia,   ma   nelle   zone   Sono  le  consuete,  trite   preposte   e   previste   dalle   e   ritrite   affermazioni   del   norme   tecniche   di   Sindaco   Povia   con   le   quali   a uazione   del   Comune   di   condisce   ogni   discussione,   Gioia.   Oggi,   addiri ura,   a   deliberazione,   punto   causa   della   visione   all’ordine   del   giorno   dei   tan   futuris ca   del   sindaco   e   miseri   Consigli   Comunali   di   Povia,   i   gioiesi   rischiano   di   Gioia   del   Colle.   Per   il   primo   perdere   non   solo   la   Coop,   ci adino,   tu avia,   il   declino   ma   si   ritrovano   senza   gli   del   nostro   Paese   è   l’effe o   essenziali   servizi   di   dei   frustra   e   dei   pensiona   quar ere.   Ma   il   tempo   ci   queruli  che,  non  avendo  nulla   perme erà   di   dimostrare   da   fare,   colgono   ogni   perché   il   sistema   Povia   ha   occasione   per   ricordare   ai   perentoriamente   scelto   e   governan   che   bisogna   deciso   di   edificare   proprio   sempre   rispe are   le   leggi.   Leggi,   senza   le   quali   la   in   quelle   zone   della   Ci à   e   su   quei   suoli   specifici.   nostra  civiltà  non  sarebbe  e  governerebbe  non  la  legge   del  taglione  ma  la  più  an ca  “legge  di  Lamec”,  il  biblico   Davvero   l’interesse   era   l’economia,   il   lavoro   ed   il   vendicatore  che  fondava  la  gius zia  sulla  legge  del  più   benessere  dei  ci adini  gioiesi.  Su  tu o  questo,  ovvero   forte.  Una  giungla,  insomma.  Quella  che  piace  a  Sergio   sulla  difesa  di  ques  interven  edilizi  e  sull’opportunità   Povia   e   che   sola   porterebbe   sviluppo   ed   economia   in   di   perpetuare   (o   perseverare)   si   fonda   anche   l’a uale   questa   decadente   Ci à   (sic!).   Una   visione   miope   ed   maggioranza.  Anzi,  i  mo vi  della  candidatura  di  Povia  a   interessata.   Viziata   sicuramente   da   una   poli ca   sindaco   di   questa   Ci à   sono   riconducibili   a   queste   ventennale   che   ha   predile o   l’interesse   dei   pochi   vicende.   Il   collante   che   ene   unita   una   maggioranza   rispe o   a   quello   comune.   Un   esempio:   il   maniacale   senza   par   e   senza   ormai   più   consenso,   non   è   riferimento   del   primo   ci adino   alle   stru ure   l’interesse   pubblico,   ma   la   portata   a   termine   di   alcuni   commerciali   che   sono   fiorite   so o   il   suo   mandato   a   proge  che  hanno  nell’edilizia  il  loro  fulcro.  Per  queste   Gioia,   vedi   Coop,   Cinema   Seven   etc.,   costruite   sulle   ragioni   il   lavoro   dell’opposizione,   del   movimento   fa diche   zone   “F”.   Sono   il   cavallo   di   ba aglia   con   cui   Solidarietà   e   Partecipazione   e   dell’intera   coalizione   Povia  difende  le  sue  poli che  edilizie.  Queste  stru ure   “Per   il   Bene   Comune”   sarà   volto   a   comba ere   senza   non   hanno   forse   portato   lavoro   ed   economia   a   Gioia   sosta  questo  sistema,  al  fine  di  liberare  questa  Ci à  da   del   Colle?   Certo   che   sì.   Perché   allora   denunciare   in   un   metodo   pseudopoli co   e   da   una   classe   dirigente   tu e   le   sedi   la   loro   costruzione?   Per   il   semplice   fa o   fallimentare,   impegnata   al   solo   raggiungimento   di   che  il  primo  ci adino  dimen ca  di  dire  che  sulle  zone   interessi  di  parte  che  colle vi.  

“F” dove  il  Comune  ha  concesso  di  costruire,  per  legge   Consigliere  Comunale dovevano  nascere  servizi  pubblici  quali  parchi,  scuole,   sedi   distaccate   di   uffici   ed   en   pubblici.   Servizi,                                                                                                                                              Enzo  Cuscito


NOVEMBRE 2013

QUALE SARA’  IL  FUTURO  POLITICO  DI  GIOIA? nelle  situazioni  in  cui  si  trova  

confli o di   interessi   (lui,   Non   è   mio   costume   parlare   in   pubblico   delle   ques oni   interne   agli   in  come   alcuni   dei   suoi   colleghi  

altri par .   Rivolgere   però,   lo   sguardo   alle   ques oni   del   par to   Un   democra co,   sopra u o   nei   giorni   della   loro   a vità   congressuale,   dell’amministrazione).   appare  pra camente  inevitabile.  Inevitabile  perché,  che  lo  si  voglia  o  no,   secondario   interesse   a   le   richieste   è  indiscusso  il  fa o  che  oggi  il  ruolo  del  PD  è  ogge vamente  cruciale  per   soddisfare   l’esistenza  stessa  della  maggioranza  che  man ene  in  vita  la  giunta  Povia.   generali   di   risanamento   e   del   territorio   Per  questo,  sia  in  veste  di  militante  di  Solidarietà  e  Partecipazione,  che  di   sviluppo   ci adino   a ento   alle   sor   amministra ve   del   nostro   paese,   mi   reputo   espresse   dalla   ci adinanza.   spe atore   assolutamente   interessato   degli   asse   organizza vi   che   Secondario,   perché   vengono   sempre  dopo  il  soddisfacimento  delle  necessità  di  parte. usciranno  dalle  urne  del  congresso. Così  non  si  può  andare  avan .  Enzo  Cuscito,  un  giorno  sì  e  l’altro  pure,  si   Il  problema  fondamentale  sarà  capire,  quanto  concretamente  conterà   prodiga   a   denunciare   con   fa cosa   e   paziente   l’influenza  che  avrà  il  par to  nelle  scelte   dedizione  tu o  ciò  per  la  tutela  della  legalità  e   amministra ve  del  sindaco  e  nella  sua   la  tutela  del  buon  governo.  Il  clima  di  sfiducia  e   capacità  di  coordinare  e  controllare  i  propri   di  rigida  contrapposizione  che  sussiste  a orno   consiglieri  ed  assessori,  dopo  il  due   a  questa  amministrazione  è  così  forte  che,  per   novembre.  Fino  ad  oggi,  infa ,  le  pressan   chi   come   Enzo   lo a   tu   i   giorni   per   indicazioni  programma che  che  il  PD  ha   ripris nare  i  principi  cardine  del  buon  governo   fa o  presen  al  sindaco  sono  state   ci adino,   riesce   difficile   opporsi   e   completamente  ignorate;  nondimeno,  anche   contemporaneamente  costruire  una  efficace  e   gli  invi  che  il  par to  ha  fa o  alle  proprie   concreta   proposta   di   governo   alterna va   al   rappresentanze  consigliari  e  a  coloro  vi   povismo.   Difficile   da   farla   passare   in   consiglio   sedessero  in  giunta  per  creare  la  ne a   so o   forma   di   concre   provvedimen   discon nuità  nei  confron   amministra vi;   difficile   da   comunicarla   alla   dell’amministrazione,  sono  sta  accol   gente,   perché   la   polemica   e   la   denuncia   solamente  dalla  professoressa  Piera  De   poli ca   fanno   passare   in   secondo   piano,   Giorgi.  I  consiglieri  Vito  Ludovico  e  O avio   ahinoi,   quanto   di   buono   il   laboratorio   di   idee   Giannico  (il  terzo,  Giovanni  Vasco,  è  già  da   di   Sep   e   del   bene   comune   sta   formulando   in   ques   mesi   nell’interesse   tempo  passato  all’opposizione)  e  l’assessore  Giuseppe  Masi,  invece,  le   della  ci à. hanno  completamente  snobbate  disconoscendo,  di  fa o,  il  suo  ruolo   E  qui  ritorna  il  mo vo  della  mia  a enzione  alle  ques oni  congressuali  del   principe  alla  guida  delle  decisioni  poli che  e  programma che    dei   Pd.  In  questa  proposta  alterna va,  infa ,  caldeggiamo  vivamente  che  in   rappresentan  ele  nelle  proprie  fila. Nel   fra empo   Povia   con nua   a   ges re   il   potere,   come   sua   tradizione   un   futuro   prossimo   sia   integralmente   partecipe   anche   la   balena   bianca   storica   vuole,   in   maniera   assolutamente   autoritaria   e   poco   collegiale:     (rosso-verde)  che  oggi  (il  primo  novembre,  ndr)  si  riunisce  per  rinnovare  i   per   lui,   la   consultazione   costante   con   i   par   con nua   ad   essere   una   suoi  organismi  dire vi.  Non  dobbiamo  dimen care,  infa ,  che  mol  di   chimera.  Ha  trasformato  il  suo  modo  di  governare  in  un  luogo  di  costante   noi   si   ritengono   vicinissimi   ai   principi   culturali   ed   ideologici   dei   di   contra azione   poli ca   tra   lui   e   i   singoli   esponen   della   maggioranza.   democrats.     Da   quando   si   è   sganciato   ufficialmente   dai   vincoli   L’u lizzo  di  ques  metodi,  ed  è  questa  la  cosa  più  imbarazzante,  sempre   dell’alleanza  con  la  giunta  Povia,  il  par to  di  Piazza  Ba s  ha  dimostrato,   quantomeno  sulla  carta,  di  allinearsi  in  maniera  più  convinta  a  parecchie   più  alla  luce  del  sole. E’   indiscu bile   che   oggi,   la   mente   e   il   braccio   del   suo   agire   delle  nostre  posizioni  quali:  la  lo a  agli  sprechi  (su  di  tu ,  la  dispendiosa   ques one   sull’esternalizzazione   della   riscossione   dei   tribu );   il   rafforzamento   qualita vo   degli   uffici   comunali   per   o enere   da   ques ,   una   maggiore   trasparenza   e   pari   opportunità   nella   ges one   degli   affari   dei  ci adini;    le  scelte  condivise  in  materia  di  urbanis ca  verso  una  ci à   più   sostenibile,   presentabile   e   vivibile;     una   poli ca,   in   buona   sostanza   che   vada  nella  direzione   del   risanamento   e   non  in   quella  dello   sviluppo   basato   sul   “ma one”   a   tu   i   cos .   L’alleggerimento   della   pressione   fiscale  da  o enere  con  una  più  a enta  ed  efficiente  ges one  della  cosa   pubblica. Oggi   non   solo   io   ma   un   po’   tu ,   guardiamo     con   estremo   interesse   a   quello  che  succederà  nella  sala    De  Deo.  Nonostante  le  for  divergenze   che  si  sono  create  tra  il  par to  democra co  e  una  buona  parte  del  centro -sinistra   gioiese   che   hanno   portato   alla   conseguente   ed   inevitabile   spaccatura   della   gauche   gioiese   ed   il   clima   di   diffidenza   che   amministra vo,  ha  un’unica  regìa:  quella  dell’Udc.  Un  inquietante  feeling   successivamente   si   è   consolidato   tra   le   due   anime   in   ques   mesi,   noi   lo   lega   con  personaggi   dalle   sconosciute   qualità  poli che   ed  e che   (ma   resteremo   parte   interessata   comunque.   Se   da   quel   luogo   storico   di   non   solo…).   L’esuberanza   del   nuovo   assessore   Filippo   Colapinto,   la   accesissimi   confron   poli ci   effe vamente   uscirà   un   par to   credibile,   quo diana  e  naturale  convivenza  con  l’ex-vicesindaco  Franco  Ventaglini   autorevole,   coeso   e   con   reali   intenzioni   di   riscrivere   una   nuova   pagina   (tecnicamente   risulta   un   inquisito),   l’ufficio   poli co   del   par to   di   Casini   della  storia  poli ca  di  questa  ci à.  Ce  lo  aspe amo  non  solo  noi  di   SeP   fa o   le eralmente   trapiantare   nel   cuore   dell’ufficio   tecnico   comunale.   ma,  e  sopra u o,  i  ci adini  della  nostra  carissima  ci à!

                                                                                                                                                                     Mimmo  Covella Se  questo  non  è  feeling! Il   patròn   indiscusso   di   palazzo   San   Domenico,   è   ad   oggi   avvolto   da   un   Il  movimento  "SOLIDARIETÀ  e  PARTECIPAZIONE"  invita  a  partecipare  ad   una   serie   di   appuntamen   per   "PARLARE   DI   DIRITTO".   Ringraziamo   crescente   clima   di   sfiducia   sia   nei   metodi   con   cui   compone-disfal'associazione   poli co/culturale   "Libertà   e   gius zia"   nella   persona   del   ricompone   la   sua   compagine   amministra va,   che   nelle   vere   e   proprie   prof.   Vito   Vinci,     coordinatore   della   sudde a   associazione,   per   aver   scelte   programma che   che   porta   in   giunta   e   in   consiglio.   Tra   le   sue   acce ato   senza   alcuna   esitazione   il   nostro   invito   a   parlarci   di   Diri o   il   26   Novembre   prossimo   Gli   appuntamen   sono   aper   a   TUTTI   Vi   mancanze   “vanta”   una   interpretazione   del   tu o   personale   dei   principi   aspe amo  in  via  Bernal,3. della   trasparenza   e   delle   pari   opportunità;   una   dire a   partecipazione  


NOVEMBRE 2013

“Longa manus”    sulle  zone  F alle   a vità   colle ve,   al   verde   pubblico   e   via   elencando.  Oltre  tali  importan ssime  norme  non   bisogna   dimen care   la   n.   847   del   29   se embre   1964   che   definì   spazi   pubblici   o   riserva   alle   a vità   colle ve,   che   in   pra ca   si   individuano   con  le  urbanizzazioni  secondarie.  Queste  qua ro   norme   furono   inserite   poi   nel   1974   nelle   Norme   Tecniche   di   A uazione   del   PRG   del   Comune   di   Gioia   del   Colle,   “a   tali   norme,   tu avia,   -   come   con nua   il   prof.   Vito   Vinci   -   le   varie   Gioia   del   Colle.   Ques   interven ,   inoltre,   non   amministrazioni   comunali   che   si   sono   susseguite   devono   essere   delega   alla   volontà   del   privato,   nei   decenni,   hanno   conferito   un’interpretazione   ma  necessariamente  devono  essere  indica  nelle   tu a   loro     e   molto   arbitraria   al   conce o   di   “previsioni   edificatorie”,   inserite   nel   piano   “servizi”,   iden ficandoli   con   le   a vità   triennale   delle   opere   pubbliche   approvato   nel   ramai   da   mesi   si   parla   da   mesi   degli   “produ ve”.   Questo   po   di   definizione,   ciò   bilancio   di   previsione   del   Comune.   Oltretu o   annullamen  da  parte  del  Consiglio  di  Stato  della   nondimeno,   fu   “censurata”   dapprima   nel   1994   l’approvazione  del  proge o  per  la  messa  in  opera   messa   in   opera   di   alcuni   immobili   della   zona   F1,   dall’Assessorato   Regionale   all’Urbanis ca,   in   di   “a rezzature   e   servizi”   deve   essere   vedi  ad  esempio  la  stru ura  di  via  Fellini  accanto   seguito  anni  dopo  dalla  IV  Sezione  del  Consiglio  di   preceduta  dalla  an cipata  approvazione  della   al   bowling   e   la   no ssima,   ai   più,   sentenza   Coop.   Stato  con  la  sentenza  rela va  alla  messa  in  opera   convenzione,  cautelando  il  pubblico  interesse.     L’ul ma    revoca  da  parte  del  Servizio  Urbanis ca   della   COOP,   di   conseguenza   il   primo   luglio   2011   (prosegue  in  quarta  pagina) della   Provincia   di   Bari   del   PdC   n.   35/2011,   dal   parere   del   Dirigente   del   Servizio   prosciolto  alla  società  IM.CA  s.r.l.  in  via  Fellini,  in   all’Urbanis ca   della   Regione   Puglia,   peraltro   zona  F1  di  PRG,  congiuntamente  al  PdC  rilasciato   iden co   a   quello   reda o   nel   1994.   Ma   la   alla   COOP   e   annullato   dal   Consiglio   di   Stato,   ques one   non   si   ferma   qui:   poiché   nonostante   i   stringe  il  cerchio   aperto   oramai   da  molto  tempo   riba   e   i   rimandi     a   queste   norme   e   sentenze   a   sulla   vicenda,   oramai   nota,   della   zona   .   Non   far  riferimento  all’annullamento  del  PdC  n.35  del   bisogna   dimen care   che   questa   triste   pagina   2011     esiste   oltretu o   quello   del   12   giugno   di   della  storia  della  ges one  urbanis ca  di  Gioia  del   quest’anno.   Per   completezza,   inoltre,   è   stata   Colle    è  iniziata  il  1991,  “durante  il  quale  il  potere   depositata   un'altra   sentenza   della   Corte   poli co  –  come  afferma  il  prof.  Vito  Vinci  –  era  l’   Cos tuzionale   ossia   la   179   del   1999,   la   quale   esclusivo   des natario   dell’autorità   di   afferma  che  gli  interven  edilizi  sul  territorio  per   E’  iniziata  la  campagna     adesioni  2014! pianificazione,  organizzazione  e  programmazione   raggiungere   gli   obie vi   di   interesse   generale,   di   della   crescita   del   territorio,   “priva zzando”,   in   dotare   il   territorio   di   a rezzature   e   servizi,   sono   pra ca,   la   ges one,   con   gli   effe   che   stanno   ritenute  realizzabili  (  e  come  tali  specificatamente   Ringraziamo   coloro   che   ci   hanno   sensibilizzando   la   ci à   negli   ul mi   tempi”.   Per   compresi   nelle   previsioni   edificatorie   )   anche   sostenuto   nella   passata   tornata   comprendere   bene   comunque   la   ques one   è   a raverso   l’inizia va   economica   privata,   se   ele orale… necessario   dire   che   la   spar zione   in   “zone”   del   accompagna   da   strumen   di   A  coloro  che  si  riconoscono  nell’azione   territorio,  fu  is tuita  con  la  legge   n.  1150   del  17   convenzionamento.  Tu o  questo  fu  fa o  proprio   poli ca  amministra va  del  Consigliere   agosto   del   ’42.   La   legge   n.765   del   7   agosto   del   dalla  Regione  Puglia  vedi  il  comma  5  dell’ART.15   Enzo   Cuscito,   di   Solidarietà   e   1965,   in   seguito   introdusse   le   “zone   territoriali   della   L.R.   n.20   del   2001.   Che   scrive   che   fino   alla   Partecipazione,   chiediamo   di   omogenee”,  ed  infine,  il  DM  1444  del  1968  stabilì   formazione   del   DRAG   (   documento   regionale   riconfermare   la   propria   fiducia   ai   i   limi   perentori   di   densità   edilizia,   di   altezza,   di   asse o   generale   )   la   realizzazione   di   interven   valori  ed  ai  principi  del  Movimento.   distanza   tra   spazi   des na   agli   insediamen   riserva   dalla   pianificazione   comunale   residenziali  e  produ vi  e  spazi  pubblici  o  riserva   all’inizia va   pubblica   può   essere   affidata   ai   Chi   si   riconoscesse   in   SeP   può   proprietari     legi ma   previo   convenzionamento   con nuare   il   processo   di   iden tà   e   di   finalizzato   a   disciplinare   e   garan re   il   pieno   riconoscimento   ai   suoi   valori,   perseguimento   del   pubblico   interesse.   “Tirando   intensificandone   l’azione   della   lo a   le  somme  in  merito  a  queste  norme  –  con nua  il   poli ca   che   il   nostro   Movimento   da   prof.  Vito  Vinci  –  innanzitu o  il  Comune  di  norma     tempo  conduce!!! può  accordare  al  privato  di  realizzare  a rezzature   e   servizi.   Poi   questa   possibilità,   ove   decisa   dal   Per   chi   volesse   aderire   al   Movimento   potrà   farlo   tu   i   giorni   dal   lunedì   al   Consiglio   Comunale,   deve   trovare   nelle   NTA   del   sabato   dalle   18,30   fino   alle   20,30   in   PRG   le   cosidde e   modalità   di   esercizio,   stando   via  Bernal  3.   però   che   la   potestà   programmatoria   sia   competenza  esclusiva  del  Comune  ,  ma  in  questo   caso,   ciò   non   è   nelle   possibilità   del   Comune   di  

O


NOVEMBRE 2013

LAMA O  NON  LAMA?

O

ramai da   qualche   mese   è   di   dominio   pubblico   la   vicenda,   che   definire  singolare  è  poco,  inerente  la  “perimetrazione  dell’area  Lama  San   Giorgio”.  Per  coloro  i  quali  si  fossero  persi  qualche  passaggio  proviamo  di   seguito  e  riassumere  i  momen  più  salien :  il  25  Giugno  2013,il  Consiglio   Comunale   viene   chiamato   ad   esprimersi,   sull’   eventuale   rideterminazione  dell’area  da  des narsi  a  Parco;  la  commissione  delibera   una  diversa  suddivisione  della  zona    interessata,  escludendo  alcune  aree,   casualmente  tra  i  proprietari  di  terreni  interessa  dalla  esclusione  risulta   esserci   anche   il   primo   ci adino,   primo   ci adino   che   ha   partecipato   alla   votazione.   Cosa   c'è   di   strano?   La   norma va   (comma   2   art   78   Tuel)   prevede   che,   nel   caso   di   correlazione,   l'amministratore   debba   astenersi   dalla   votazione!   Tale   irregolarità   viene   segnalata   dagli   assessori   Cuscito   (SeP)   Lucilla   (Pro.di.Gio)   e   Vasco   (PD),l’Amministrazione   comunale   nelle   veci  del  Segretario  Generale  invia  un  quesito  all’ANCI,  quesito  a  dir  poco   lacunoso  nei  contenu  e  l’ANCI  sulla  scorta  di  tale  quesito,  posto  ad  arte,   risponde   che   non   sussistono   irregolarità.   Abbastanza   celermente,   l’adde o   alla   propaganda,   pardon,   alla   comunicazione   di   palazzo   S.   Domenico,  riferisce  in  un  comunicato  quanto  risposto  dall’Anci:  “nessun   confli o   d’interessi   da   parte   del   Sindaco”.   Cuscito   e   Lucilla,   non   si   arrendono,ripongono,questa   volta   con   la   giusta   documentazione   a   corredo,   lo   stesso   quesito   all’ANCI   e,   stupite,   questa   volta   la   risposta   è   che   sarebbe   stato   opportuno   per   il   Sindaco   astenersi   dalla   votazione.  

Così replica  l’assessore  alla  comunicazione  par giana  :  “Non  è  superfluo   peraltro   ricordare   che   un   a o   è   illegi mo   quando   viene   definito   come   tale  dall’autorità  competente  ed  allo  stato  a uale  non  si  è  a  conoscenza   dell’a vazione   di   percorsi   giurisdizionali”   che   trado o   vuol   dire   “sarà   pure   vero   che   il   Sindaco   non   doveva   prendere   parte   alla   votazione,   ma   poiché’  al  momento  non  ci  sono  denunce,  AMEN!   Intelligen  pauca...                                                                                                                                Pasquale  Redavid

DOPO ‘LA  SENTENZA  COOP’  UN  ALTRO    DURO  COLPO  PER  L’AMMINISTRAZIONE

C

dubbi sulla  legi mità.  Il  che  non  è  poco.  Naturalmente  l'Anci   apisco   che   deve   essere   stato   un   colpo,   per   l'autore   del   non  ha  potuto  smen re  un  parere  precedente,  ma  è  chiaro  che   primo  quesito  e  per  l'Amministrazione,  questo  secondo  parere   la   presenza   del   Sindaco   durante   la   votazione   della   Delibera   appare   illegi mo.   "Lama   San   Giorgio,   per   l'Anci   nessun   confli o   di   interesse   per   il   Sindaco   Povia".   Così   tolava   il   comunicato   dell'Assessore   Donvito   quando   venne   fuori   il   primo   parere.   Se   vi   fosse   stata   completa   corre ezza   is tuzionale,   l'a uale   Comunicato,   che   ha   come   tolo   un   generico   "Perimetrazione   Parco   Lama   San   Giorgio",   avrebbe   dovuto,   invece,   tolare   "Lama   San   Giorgio,   dubbi   dell'Anci   sulla   legi mità   della   presenza   del   Sindaco   alla   Delibera".   Ma   va   bene   così.   Certo   che   l'Anci   non   esprime   pareri   vincolan .   Ma   allora,   ci   si   chiede,   perché   a   ques   fu   posto   il   primo   (carente)   quesito.   Tu avia,   cer   che   la   Regione   saprà   dare   le   dovute   risposte   e   soluzioni   alla   sconclusionata   e   approssima va   delibera   del   Comune   di   Gioia,   il   nuovo   parere   dell'Anci   di   certo   sconfessa   le   certezze   di   legi mità   Anci.   La   quale,   come   già   fa o   notare   dai   so oscri ,   rimarca   dell'Amministrazione.                                                                                                  Enzo  Cuscito che  le  informazioni  originarie  ricevute  dal  primo  quesito  erano   caren .   Questa   volta,   con   maggiori   informazioni,   esprime   Con nua  dalla  terza  pagina

Q

uesto accordo   deve   fissare   i   requisi   che   devono   disciplinare   e   normalizzare   la   ges one  dell’opera  pubblica  da  parte  del  privato,  specificando  durata  ed  obblighi.  Deve,   altresì,   prevedere   un   ipo zzabile   rinnovo   della   concessione   o   il   trasferimento   della   proprietà   dell’opera   al   Comune   a   termine   del   periodo   di   ges one   fissato   nella   convenzione”.   Il   prof.   Vito   Vinci,   con   la   sua   ba aglia   a   sostegno   del   recupero   e   della   tutela   della   zona   F1,   ha   o enuto   per   la   Ci à   di   GIOIA   DEL   COLLE,   con   le   sentenze   del   Consiglio  di  Stato,  che  il  sipario  si  chiudesse  su  di  un  modo  di  agire  al  quanto  discu bile  e   apre,  tu avia,  lo  scenario  ad  un'altra  sequenza  di  questo  film,  per  scriverne  nei  migliori   dei   modi   la   parola   fine:   “   bisogna   ora   affrontare   in   modo   legi mo   –   con nua   –   le   problema che  che  hanno  prodo o  gli  effe  degli  interven  perpetua  in  questa  zona   del   Comune   des nate,   come   scrivono   le   norme,   ad   ‘a rezzature   e   servizi’”.   Ora   cosa   bisognerebbe   aspe arsi?   Innanzitu o   l’Amministrazione   poli ca   del   Nostro   Comune   necessariamente   deve   impegnarsi   alla   stesura   del   nuovo   PUG,   sulla   forma   dell’approvazione   del   DRAG.   Cosa   ne   sarà   degli   immobili,   come   quello   che   ospita   la   Coop,   o   quello   in   via   Fellini,   accanto   alla   zona   del   Cinema   Seven   e   del   Bowling?   “   Il   des no   di   quegli   immobili   –   conclude   il   professore   Vito   Vinci   –   è   sicuramente   quello   previste  dalle  sentenze  del  Consiglio  di  Stato  e  del  T.A.R..  In  realtà  è  più  su  chi  dovrebbe  

avere risarcimen ,   che   vorrei   puntare   l’a enzione.   Avrebbero   tolo   ad   avere   risarcimen   tu   i   residen ,   che   hanno  acquistato  fino   a   10   anni   fa,   un  appartamento,   poiché   nel   prezzo   di   acquisto,   è   stato   annoverato   una   cifra   per   le   ‘urbanizzazioni   secondarie’,  e  queste  non  sono  mai  state  di  fa o  realizzate,  so raendo  i  loro  suoli  alla   loro  des nazione  naturale.  Infine  come  mia  opinione  il  proprietario  di  un  suolo  in  zona   F1,  chiede  il  PdC,  il  tecnico,  da  lui  ingaggiato,  presenta  il  proge o  accompagnato  da  una   dichiarazione   di   conformità   in   base   allo   strumento   urbanis co   vigente,   il   dirigente   del   Ufficio  Tecnico  Comunale  rilascia  il  permesso  se  la  dichiarazione  è  reale.  Il  PdC,  come  in   questo   caso,   viene   annullato   perché   ritenuto   illegi mo   o   perché   il   proge sta   ha   dichiarato   ‘in   buona   fede   'o   meno     il   falso,   o   perché   il   dirigente   in     altre anto   ‘buona   fede’   o   meno   ha   rilasciato   il   permesso.   Di   conseguenza   sarebbe   da   accertare   se   il   proge sta,   il   proprietario   e   il   dirigente   non   erano   d’accordo   o   che   il   dirigente   in   quel   momento   non   fosse   così   sprovveduto   da   non   conoscere   le   strumento   del   Comune   di   Gioia  del  Colle.  Quell’impresa  che  ha  comprato  il  suolo  dal  privato  potrebbe  rivalersi  sul   proprietario  dal  quale  ha  acquistato  il  suolo:  tu o  questo  in  base  al  DPR  n  380  del  2001”.

                                                                                                                                                                                                                                      La  Redazione

La fionda 17 11 2013  

La Fionda, foglio informativo del movimento Solidarietà e Partecipazione.

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you