Page 1

10Anc2011_Layout 1 14/10/11 11.37 Pagina 6

a

L’

odici mesi in compagnia di monsignor Luigi Novarese. Per fare dell’Anno apostolico 2012, un Anno novaresiano. Di che cosa si tratta? Di portare la riflessione, nell’Anno pastorale 2012, su un tema forte, la “Passione gratuita per il Regno” (per riflettere sul nesso fra educazione ed evangelizzazione secondo le indicazioni dei vescovi) ma, nello stesso tempo, di affiancare a questa iniziativa un impegno altrettanto importante: quello di comprendere sempre meglio e tradurre nella realtà il carisma e l’insegnamento del fondatore del CVS. I preparativi sono in atto e la macchina si è messa in moto. Il 2012 sarà l’anno della beatificazione di monsignor Novarese e proprio di questi temi si è parlato, nello scorso mese di settembre, in alcuni importanti appuntamenti: i convegni diocesani di Re e Valleluogo – dove è stata presentata la nuova biografia, Luigi Novarese. Lo spirito che cura il corpo, Edizioni CVS, del giornalista Mauro Anselmo – ai quali sono seguiti gli incontri che si sono svolti a Valledacqua (Ascoli Piceno), Madignano (Cremona) e Lumezzane (Brescia). Appuntamenti vivaci, ricchi di spunti e caratterizzati da un acceso dibattito. Che si sono affiancati a un altro evento significativo: l’incontro caloroso con un pastore della Chiesa che è anche uno studioso di raffinata eleganza intellettuale e un biblista di fama internazionale, il cardinale Gianfranco Ravasi, Presidente del Pontificio Consiglio della Cultura.

D

Primo incontro il

Cardinale Ravasi

Il 2012 sarà l’anno della beatificazione di monsignor Luigi Novarese. I preparativi sono in atto. Ecco la cronaca degli avvenimenti di settembre. Primo fra tutti la consegna della nuova biografia al Presidente del Pontificio Consiglio della Cultura. Alessandro Anselmo

6

OTTOBRE 2011


10Anc2011_Layout 1 14/10/11 11.37 Pagina 7

’ancora

L

Il cardinale Gianfranco Ravasi (a destra) e Mauro Anselmo

L’interprete di Giobbe

L’appuntamento era stato fissato per giovedì 15 settembre, in via della Conciliazione, a due passi da piazza San Pietro. Un salotto elegante, quadri d’autore alle pareti, su un tavolino le copie degli ultimi numeri di Culture e fedi, il trimestrale del Pontificio Consiglio della Cultura. Il Cardinale era stato informato da don Aufiero dell’uscita della nuova biografia di monsignor Novarese. Ne conosceva l’autore – al quale aveva rilasciato, durante gli anni trascorsi a Milano come Prefetto della Biblioteca-Pinacoteca Ambrosiana, alcune interviste per il settimanale Panorama – ed è stato lieto di ricevere da don Aufiero e da Anselmo una delle prime copie del volume. Don Armando Aufiero ha ricordato il saggio di sua Eminenza (Soffio dello spirito: parola dell’amore) pubblicato nel 2007 dalle Edizioni CVS, sottolineando le sue acute osservazioni sulla figu-

ra biblica di Giobbe. Nei suoi scritti, infatti, Ravasi ha indagato spesso il mistero del dolore alla luce della sapienza biblica. Basti ricordare opere celebri come il Giobbe pubblicato da Borla, il saggio Fino a quando o Signore? (San Paolo) o l’apprezzato volume sul Qoelet (San Paolo), ormai diventato un classico fra gli studi sul libro più “scandaloso” della Bibbia. Si tratta di scritti capaci di sondare gli abissi del dolore e di illuminare le vette della fede, grazie a una scrittura limpida e all’abilità dell’autore di

intrecciare la cultura biblica con riferimenti alla letteratura, l’arte, la filosofia e perfino la musica. Nel colloquio con gli ospiti, Ravasi ha dimostrato la propria ammirazione per la figura di Novarese. Ha sottolineato l’importanza degli aspetti del pensiero di Monsignore che riguardano la sfera spirituale dell’ammalato, aggiungendo di essere lieto di approfondire gli episodi meno noti della sua biografia.

Due santuari e una Valledacqua

È dunque con i convegni diocesani svoltisi a settembre a Re e Valleluogo che è iniziato l’Anno Novaresiano. Un periodo nel quale, ha detto don Aufiero, “la Chiesa eleverà agli onori degli altari il nostro Padre Fondatore invitandoci a vivere con grande intensità la nostra appartenenza all’Associazione. L’Anno Novaresiano ci esorterà in più modi a lasciarci guidare da Monsignore, nell’esprimere con la nostra azioIl convegno diocesano di Valleluogo

OTTOBRE 2011

7


10Anc2011_Layout 1 14/10/11 11.37 Pagina 8

a

L’

Il convegno diocesano di Re

ne apostolica la ricchezza del Vangelo”. I lavori si sono aperti con il saluto di Resy Rizzini, delegato nazionale del CVS e il saluto di Anna Maria Cipriano, presidente della Confederazione Internazionale. Fin da ora, ha sottolineato Aufiero, gli iscritti sono invitati a riscoprire il carisma di Novarese e ad approfondire la scelta della Chiesa di consacrarlo beato. Aspetti che sono stati messi in luce anche nella presentazione della nuova biografia. “Novarese”, ha detto l’autore, “è stato

I partecipanti all’incontro di Lumezzane

8

OTTOBRE 2011

maestro di vita interiore e imprenditore della carità. Così profondo è il solco che ha tracciato nel guidare gli ammalati in un percorso spirituale che li aiutasse non solo a vivere, ma anche ad affrontare meglio la malattia, che il suo insegnamento si pone come punto di confronto con la medicina e la cultura contemporanea”. Parole che, qualche giorno dopo, sono risuonate anche nell’incontro con il CVS di Ascoli Piceno, nella cornice di Valledacqua, fra il verde che circonda l’antico monastero.

Due processioni e il ricordo di Cecilia

Nel muovere i primi passi, l’Anno Novaresiano ha comunque riservato qualche sorpresa. La prima si chiama Cecilia, un’ammalata nata a Madignano (Cremona) nel 1921 e morta all’età di 43 anni. A lei è stato intitolato il piccolo libro Cecilia Maria Cremonesi, la Sapienza della Croce (Edizioni CVS), che ne racconta la storia. Cecilia ha vissuto in modo eroico l’infermità e l’ha offerta al Signore lasciandosi guidare dall’insegnamento di Novarese. Lo aveva “scoperto” ascoltando il Quarto


10Anc2011_Layout 1 14/10/11 11.37 Pagina 9

’ancora

L

I partecipanti all’incontro di Valledacqua

d’ora della serenità, il programma tenuto dal sacerdote alla Radio Vaticana a partire dal 1949. Venerdì 23 settembre, a Madignano, i fedeli, insieme al “Comitato per la beatificazione e canonizzazione di Cecilia”, Volontaria della Sofferenza, hanno ricordato il novantesimo

anniversario della nascita con una messa celebrata da don Aufiero e la processione al cimitero. Una cerimonia commossa e molto sentita, che è stata il preludio di un’altra giornata, altrettanto intensa, che ha avuto come protagonista, domenica 25 settembre, il CVS di Lumezzane (Brescia). A conclusione della Settimana del Volontariato è stato preparato un bel programma: processione, messa, ristoro e la presentazione della biografia di Novarese. Una domenica di

preghiera e allegria, la cui vera sorpresa è venuta da un filmato: il dvd su Monsignor Novarese realizzato da Letizia Ferraris del CVS di Vercelli, dove ha raccolto le testimonianze di tre Pontefici. n Per ricevere a casa la nuova biografia

“Luigi Novarese. Lo spirito che cura il corpo” Edizioni Centro Volontari della Sofferenza Silenziosi Operai della Croce Ufficio Commerciale, Felice Di Giandomenico Via di Monte del Gallo, 105 - 00165 Roma Tel. 06.39.67.42.43 - Fax. 06.39.63.78.28 commerciale@sodcvs.org

Don Armando Aufiero (a sinistra) e Mauro Anselmo a Madignano (Cremona). Accanto, la copertina del libro dedicato a Cecilia Maria Cremonesi

OTTOBRE 2011

9

/ancora_2011_ottobre  

http://www.luiginovarese.it/sito2/images/lancora/ancora_2011_ottobre.pdf

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you