__MAIN_TEXT__
feature-image

Page 1

ANNUARIO GODIŠNJAK DELLA SCUOLA MEDIA SUPERIORE ITALIANA ROVIGNO TALIJANSKE SREDNJE ŠKOLE ROVINJ ANNO SCOLASTICO - ŠKOLSKE GODINE: 2019/2020

NON SCHOL AE SED VITAE DISCIMUS Via Giosuè Carducci 20, Rovinj - Rovigno tel. 052/813-277, fax: 052/840-985

e-mail: smsir@pu.t-com.hr

www.smsir.hr


SMSI

Cari maturandi, si sta avvicinando la conclusione del vostro percorso scolastico che anche quest'anno viene coronato dalla pubblicazione dell'annuario. Nonostante la forma un po' ridotta, per motivi legati alla situazione di emergenza che stiamo vivendo, anche questa edizione, la ventitreesima, si presenta ricca di notizie e di commenti, grazie all'entusiasmo e all'impegno di molte persone alle quali va il mio più sentito ringraziamento. Non potevano mancare i contenuti e le testimonianze legati alle lezioni a distanza che hanno contraddistinto gli ultimi mesi di lezione di quest'anno. Con grande piacere vi invito a leggere queste pagine dove troverete bellissimi lavori prodotti dagli alunni assieme ai vostri docenti, ed in particolare da voi maturandi. Spero che un giorno, sfogliando queste pagine, riaffiori in voi il ricordo degli insegnamenti che vi abbiamo trasmesso durante i quattro anni trascorsi a scuola seguendo il motto „ Non scholae sed vitae discimus“, impresso sulla facciata del nostro edificio, che ha accompagnato tante generazioni. Fate tesoro di tutte le esperienze vissute, che hanno contribuito alla vostra formazione personale e professionale. Sono certa che le mie parole, in questo momento particolare in cui stiamo affrontando grandi sfide della vita, assumeranno un significato ancora più profondo che spero saprete cogliere. Davanti a voi ci sono tanti obiettivi e sfide che vi auguro di affrontare con tenacia e coerenza. A nome mio personale ed a nome di tutto il collettivo della nostra Scuola, rivolgo a voi le più sincere congratulazioni per aver raggiunto questo importante traguardo della vostra vita. La Preside Prof.ssa Ines Venier 80


Questa lettera è per voi che con la vostra forza e dedizione siete arrivati fino a qua. Sono passati ormai quattro anni da quando vi siete seduti per la prima volta sui banchi della nostra scuola. In quattro anni avete condiviso sorrisi di gioia, lacrime, sconforto dopo un’interrogazione andata male, l'ansia prima di un compito, ma anche tanta spensieratezza. Avete stretto amicizie importanti che sicuramente continueranno nel tempo, avete appreso lezioni di vita che purtroppo non possono venir insegnate in classe. Forse è giusto così. Siamo sicuri che ripensando a questi quattro anni tutti voi potrete dire con soddisfazione di avercela fatta. Avete affrontato assieme la frenesia della scuola superiore e vi siete fatti forza. Durante questo percorso siete cresciuti molto, quando avete varcato per la prima volta le porte di questa scuola eravate solo dei ragazzini spauriti…e guardatevi adesso: siete giovani ragazzi e ragazze pronti ad affrontare l’avvenire con perseveranza. Quest'anno scolastico ha messo alla prova tutti, docenti e alunni, ma soprattutto voi maturandi. In queste situazioni avete dimostrato che con tenacia e motivazione si riescono a scalare anche le vette più alte. Sicuramente in questo periodo vi siete scontrati con qualcosa di molto più grande di voi, vi siete sentiti impotenti e sconcertati, provando una grande paura di non farcela e anche una grande frustrazione per esser stati la prima generazione a non aver potuto organizzare il ballo di maturità, la festa che ognuno aspetta. Adesso vi attende lo sprint finale, le ultime pagine di questo capitolo della vostra vita. Si sa che dopo ogni fine c’è un nuovo inizio, pagine bianche da riempire con mille sfumature di colori. Fatelo nel miglior modo. A prima vista, il futuro può sembrarvi incerto e lontano, ma ciò non vi deve scoraggiare dall’inseguire i vostri sogni. Per alcuni questo segna l’inizio di una carriera lavorativa, per altri il proseguimento del percorso scolastico: in ogni caso una nuova avventura, una nuova prova. Senza di voi la scuola sarà più vuota, nei corridoi non risuoneranno più le vostre risate, non si sentirà più l’eco dei vostri passi pesanti intenti a salire e scendere le scale, qualcun altro prenderà il vostro posto. È così che funziona la vita: nessuna esperienza è per sempre. Questo percorso vi ha fatti cambiare, vi ha fatti ridere a momenti e piangere in altri. Davanti agli ostacoli della vita, per quanto insuperabili possano apparire, ricordate sempre di essere sinceri verso voi stessi e di continuare ad andare avanti. Non abbiate paura di sbagliare, spesso succede che dagli sbagli nasca qualcosa di speciale. Non ostentate a cambiare, il cambiamento è necessario e ci plasma, ma non dimenticate mai le vostre radici, le vostre origini. Non dimenticate mai l’importanza di un sorriso nei momenti pesanti, o di una parola gentile verso un amico o un compagno. Ricordate la complicità che si è venuta a formare nella classe, il “tutti contro il prof.”, i compiti copiati e i diari scarabocchiati colmi di date di consegna, test e interrogazioni. Ricordate le gite e quanto era difficile svegliarsi alle più improbabili ore del mattino per scendere alla fermata dell’autobus, e partire. Prendete tutto quello che vi succede come un viaggio: a volte sbagliamo fermata, a volte sbagliamo autobus, ma questo non significa che alla fine non arriveremo dove siamo destinati ad arrivare. E intanto godetevi il viaggio, guardate fuori dal finestrino e meravigliatevi della bellezza della vita, siate riconoscenti delle persone che vi siedono vicino, e fate tesoro di ogni esperienza vissuta. Siate fiduciosi e non perdete mai la speranza. E intanto, provate. Sbagliate. Spiegate le ali e volate, senza la paura di cadere o di non essere abbastanza. Volate lontano. Le classi terze

81

SMSI

Cari maturandi,


CENNI STORICI

SMSI

A cura della prof.ssa Maria Sciolis dalle pagine del prof. dr. sc Antonio Miculian I primi cenni riguardanti l’istruzione media superiore in lingua italiana a Rovigno risalgono alla dominazione francese, e precisamente al 18 agosto 1810, quando fu fondato un ginnasio, soppresso per volontà del governo austriaco nel 1811. In quel periodo di transizione vi era stata una certa titubanza nella conduzione della politica scolastica, sta di fatto che per sopperire alla mancanza della scuola pubblica, il Municipio si premurò di dare vita, tra l’altro, ad una Scuola di nautica. Però, quello che a Rovigno si voleva era un Ginnasio. Tra il 1854 e il 1870, furono abbozzati vari progetti: una scuola agraria e un Regio Istituto magistrale, che dopo due anni venne trasferito a Capodistria. Fu allora che la città promise il tanto agoniato Ginnasio reale. La richiesta avanzata alla Dieta istriana nel 1872 venne respinta a favore di un Istituto professionale di carattere industriale e commerciale. Tali tentativi dimostrano due cose, a prescindere dal risultato finale: la grande vivacità culturale dei rovignesi e, soprattutto, la lungimiranza delle loro richieste che si sposa perfettamente con quelle di questi giorni. Per la storia scolastica rovignese fu di particolare rilevanza l’anno 1913, non solo per il fatto che dalla riorganizzazione della scuola popolare nacquero due nuove istituzioni, la “G. Carducci” e la “E. De Amicis”, ma soprattutto per la costruzione del nuovo imponente e bellissimo edificio scolastico, nella zona tra la chiesetta della Madonna delle Grazie e la Casa di ricovero, e per l’istituzione della tanto desiderata scuola media, il Ginnasio reale inferiore, voluto dal Comune per adempiere agli obblighi derivanti dalla fondazione testamentaria del dott. Matteo Campitelli. L’edificio è stato costruito su progetto dell’architetto triestino Ludovico Braidotti. Il Ginnasio, purtroppo, ebbe solamente la prima e la seconda classe in quanto venne chiuso il 24 maggio 1915 in seguito allo sfollamento coatto all’interno dell’impero austro-ungarico della popolazione rovignese. Alla fine della Grande guerra nell’ala sinistra operò una delle due scuole elementari rovignesi e in quella destra fondarono la “Scuola tecnica commerciale” che nel 1923 divenne Istituto tecnico commerciale, denominata “Armando Diaz” nel 1928 per diventare nel 1933 Regio Istituto Tecnico Commerciale e come tale operò fino al 1945. Nel settembre del 1945 nasceva il Liceo - Ginnasio “Antonio Gramsci”, l’insegnamento si svolgeva unicamente in lingua italiana. Al neo-costituito Istituto affluirono gli alunni dell’ex Liceo italiano di Pisino, che aveva cessato la sua attività. Tale trasferimento impose la costituzione a Rovigno della prima Casa dello Studente. Nel 1953, in seguito alla riorganizzazione della rete scolastica e dell’ex distretto di Pola, il Liceo - Ginnasio assorbiva le classi superiori della scuola ottennale croata, trasformandosi in un Istituto misto con classi italiane e croate. Il Liceo - Ginnasio operò all’interno delle due componenti etniche del nostro Comune, cercando sempre di creare “i giusti rapporti negli alunni provenienti dalle due componenti etniche autoctone del nostro Comune, nel rispetto reciproco, nella valorizzazione delle rispettive culture e lingue, negli ideali inalienabili della fratellanza”. A distanza di più di sessant’anni possiamo affermare con orgoglio che i ragazzi italiani e croati, usciti dalle file del Liceo

82


SMSI

- Ginnasio hanno contribuito in misura notevolissima alla crescita culturale della nostra Città. Dalle sue file sono usciti numerosi lavoratori sociali, culturali, attivisti e dirigenti che hanno dato lustro all’Istria intera. Il Liceo - Ginnasio di Rovigno ha vissuto tutti gli sconvolgimenti che hanno contrassegnato il sistema scolastico jugoslavo: dall’istruzione di primo e secondo grado, agli orientamenti didattici differenziati negli indirizzi linguistico, sociologico, scientifico, liceo generale, corrispondenti, economico e la Scuola Alberghiera in ambedue le lingue dovuta alla necessità del nuovo ramo economico che stava prendendo piede e che si veniva delineando come il fondamento economico del futuro rovignese. Si trattava allora di creare una scuola attiva, di ammodernare l’insegnamento, di assegnare all’alunno una collocazione più responsabile, più qualitativa, di fondare rapporti più diretti e umani tra discenti e docenti, di stabilire un ponte di collaborazione tra il mondo del lavoro e quello dell’istruzione. Nel 1978 con l’unione del Ginnasio, nel cui interno operavano sezioni in lingua italiana e croata, e del Centro elettro-metallurgico entro il quale operavano anche sezioni di lingua italiana, venne istituito il Centro Scolastico dell’Istruzione Indirizzata. L’istituzione era formata da due organizzazioni del lavoro associato (OBLA con lingua d’insegnamento italiana e OBLA con lingua d’insegnamento croata) che ebbero vita fino al 1992, quando si divisero in tre scuole autonome. Una di esse è l’attuale Scuola Media Superiore Italiana Rovigno (SMSI). L’edificio della SMSI e della “Zvane Črnja”, non sarebbe quel gioiello che è oggi se non ci fossero stati negli anni una serie di lavori di ristrutturazione. Ne elenchiamo alcuni: la pavimentazione del parco (davanti) parte con il mosaico in pietra e parte in laterizio nel 1980, il passaggio al riscaldamento centrale nel 1981, il risanamento dei muri esterni e lavori di muratura e intonacatura nel 1988, la sostituzione di tutte le finestre di legno e quattro porte esterne con infissi in alluminio durante la fine dell’anno scolastico 1991/1992, i sotterranei (inizialmente adibiti per il deposito della legna e del carbone) sono stati scavati ottenendo così un atrio, due aule e due ambienti più piccoli adibiti alla fotocopiatrice e allo spogliatoio per il personale tecnico. Nel 2006 è stato inaugurato il nuovo laboratorio di chimica e biologia, ponendo fine a tale fase dei lavori. L’alunna Lara Popović, la più giovane della scuola, ha tagliato simbolicamente il nastro in occasione dell’apertura dei laboratori. I grandi lavori di ristrutturazione interna, iniziati nel giugno del 2009 e conclusi nel 2011, hanno dato all’edificio un nuovo aspetto, smantellando il parco posteriore di pini ed ippocastani per lasciare spazio a due ale (una per la SMSI e una per la Zvane Črnja), ad un campetto, alla palestra e ad un parcheggio. Il 6 maggio del 2013 sono state inaugurate ufficialmente le nuove aule per l’indirizzio dei tecnici fisioterapisti e la palestra Gimnasium. Era presente anche il Ministro per l’istruzione allora in carica, il prof. Željko Jovanović. Un’altra volta, l’alunna più giovane della scuola, questa volta, Alessia Petrović ha tagliato il nastro. Il contributo della Scuola Media Superiore Italiana a Rovigno si traduce in centinaia di laureati in vari profili: insegnanti, medici, avvocati, economisti, biologi, chimici, ingegneri, agronomi, architetti e via dicendo. Molti di essi prestano e prestarono la loro opera in tutto il mondo, ricoprendo posti di grande responsabilità nelle massime istituzioni della Comunità Nazionale Italiana e non solo.

L’immagine raffigura il mosaico in piastrelle di ceramica, sotto il cornicione dell’edificio scolastico, costruito nel 1913 su progetto dell’architetto triestino Ludovico Braidotti. Al centro della scena è dipinta Pallade Atena, dea della saggezza. I festoni intorno alla figura hanno il significato simbolico di fertilità e abbondanza. Le due figure sedute ai lati rappresentano il contadino e il lavoratore nell’industria-minatore. Quello di destra si ispira all’antica raffigurazione iconografica di Efesto o Vulcano, dio del fuoco e protettore dei fabbri. A sinistra il personaggio femminile iconograficamente può essere collegato con gli antichi dei della terra che nella mitologia classica vengono regolarmente rappresentati come femminili. (tratto da: Gajba i tić : Pokriveno i raskrito u seksualnosti Istre = La gheba e l’usel : coperto e svelato nella sessualità in Istria = The bird in the bush : the covered and the exposed in Istria’s sexuality, Pula : Arheološki muzej Istre, 2017.)

83


CORPO DOCENTE E PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO Preside

Personale tecnico-amministrativo

Ines Venier

Elisabetta Budicin Evelina Damuggia Annemarie Ignjatov Antonietta Juričić Mirjana Perković Stojanovski Predrag Stojanovski

Attivo delle materie umanistiche Tomislav Bišić-Pauletić Daniela Bišić Martinčić Maria Bujovac Željan Soldatić Marko Kalčić Merilin Modrušan Gianni Ottochian Antonella Sošić Damir Štifanić

SMSI

Attivo delle materie professionali tecnico fisioterapista ed estetista medico Sandro Apollonio Monika Buršić Gracijela Benčić Barbara Kercan Sandra Soffici Mladen Jašić

Attivo delle materie scientifiche Virna Dalino Polo Nina Milokanović Lorena Pogliani Daniele Suman Luka Nreka Roberta Venier

Attivo delle materie economiche Irina Basara Maria-Lucia Sciolis Jasmina Sošić Gorana Višković Orbanić

Collaboratori esterni Attivo di lingue straniere Helena Benčić Tumpić/sostit. Margherita Bodi Gordana Ivanišević Ninčević/sost. Roberto Rauch Silvana Turcinovich Petercol Doris Ritossa/sostit. Danijela Mihić Maria Sciolis Antonella Puh

Attivo di lingua italiana Maria Bujovac Larisa Degobbis Patrizia Malusà Maria Sciolis

Attivo di lingua croata Tina Cetina Nataša Paćelat

84

Maurizio Matić Alenka Rovis Kristina Mamontov Ornela Šuvak Sabrina Mališa

Collaboratori professionali Adriana Ive Martina Matijašec/sost. Marina Ružić

Collaboratori scolastico

professionali

Anelia Pulin Ambretta Medelin Paolo Paliaga Silvio Budicin Anka Vrdoljak Silvia Petković Gomez

nel

corso

dell'anno


ORGANI CONSULTIVI E COMITATO SCOLASTICO Membri del vigente Comitato scolastico (anno scolastico 2019/2020) prof.ssa Jasmina Sošić (presidente)

(rappresentante dei lavoratori della scuola eletto dal Comizio dei lavoratori della SMSI di Rovigno)

prof. Tomislav Bišić-Pauletić

(scelto dalle file dei docenti e dei collaboratori professionali, nominata dal Consiglio didattico)

prof.ssa Patrizia Malusà (vicepresidente)

(scelta dalle file dei docenti e dei collaboratori professionali, nominata dal Consiglio didattico)

sig.ra Vanja Jeremić

(rappresentante dei genitori, nominata dal Consiglio dei genitori)

dott.ssa di ric. Orietta Moscarda

(nominata dal Fondatore – Regione Istriana)

prof.ssa Ambretta Medelin

(nominata dal Fondatore – Regione Istriana)

prof. David Modrušan

(nominato dal Fondatore – Regione Istriana) Consiglio dei genitori

Consiglio degli alunni

I liceo generale

Vanja Jeremić (presidente)

Lana Jeremić (presidente)

I tecnico fisioterapista I estetista medico

Patricija Sponza Roberto Ostoni (vicepresidente)

Elian Djerdj Ostoni Erica

I perito alberghiero-turistico

Tanja Mitton Zonta

Emi Čikada

I perito economico

Kristina Tiani

Filip Tiani

II liceo generale

Denis Bolšec

Iris Bolšec (vicepresidente)

II tecnico fisioterapista II estetista medico

Luciana Ferrara Kostić Ester Grubica

Leonhard Tanković Doris Grubica

II commessi

Irene Popović

Simone Žufić

II perito alberghiero-turistico

Cristina Benussi

Max Marić

III liceo generale

Cinzia Banko

Chiara Rocco

III tecnico fisioterapista III estetista medico

Martinis Marinko Sunčica Činić

Nicole Adilardi Laura Popović

III perito economico

Tiziana Perhat

Leon Puglisi

IV liceo generale

Natalia Cafolla

Nicole Oblak

IV tecnico fisioterapista

Simonetta Venier Kercan

Gaia Paljuh

IV perito alberghiero - turistico

Miranda Benussi Malusà

Michele Mottica

SMSI

Classi

RINGRAZIAMENTO SPECIALE ALLA NOSTRA ANTONIETTA Nel mese di marzo è arrivato il momento del meritato pensionamento per la signora Antonietta, addetta alle pulizie. Dopo più di trent'anni di servizio prestati presso la nostra scuola fin dai tempi del Centro medio per l'istruzione indirizzata degli anni '80 e dopo aver accompagnato molte generazioni di allievi, di cui tuttora, si ricorda molti nomi, ci ha colti di sorpresa la notizia del suo pensionamento. A lei va il nostro più sentito ringraziamento per aver prestato servizio presso la nostra scuola in tutti questi anni e le porgiamo sinceri auguri di buona salute e di tanta serenità. 85


AVVENIMENTI ED INCONTRI PRIMO GIORNO DI SCUOLA Lunedì 9 settembre è ufficialmente iniziato l'anno scolastico per gli alunni della SMSI. A salutarli è stata la Preside, prof.ssa Ines Venier, che ha accolto i 29 neoalunni delle prime classi, divisi in ben quattro sezioni. Tra le novità di quest'anno, gli alunni e i docenti hanno affrontato la Riforma curricolare, i nuovi curricoli e metodi d'insegnamento.

SMSI

SERATA DEDICATA AL MAESTRO VLADO BENUSSI Il 20 settembre presso il Centro multimediale si è tenuta la serata commemorativa in onore del nostro caro maestro Valdo. In quasi due ore di programma si sono esibiti gli alunni della SEI "Bernardo Benussi" e i nostri allievi, come pure tutti gli attivisti della Comunità degli italiani „Pino Budicin” di Rovigno. A rappresentare la nostra scuola sono state le alunne della III liceo, Chiara Rocco, Valentina Morožin e Gaia Banko, preparate dalla prof.ssa mentore, Maria Sciolis, che hanno interpretato uno dei fumetti tratti dalla raccolta „Stuorie” del maestro Vlado. Le alunne della I liceo, Lana Jeremić e Aurora Mofardin, soliste della CI, hanno intonato alcune canzoni del maestro. Una serata trascorsa assieme per ricordare e ringrazare il nostro maestro Vlado.

86


SETTIMANA DI SCAMBIO CON IL "J. KEPLER" DI LEONBERG Dal 26 al 29 settembre, nell’ambito dell’ormai tradizionale scambio con la scuola tedesca „Johannes Kepler Gymansium“ di Leonberg, abbiamo avuto il piacere di ospitare alcuni alunni e professori della scuola tedesca. Per rendere più vive e reali le lezioni di lingua straniera, la prof.ssa di tedesco, Danijela Mihić, ha organizzato un laboratorio di comunicazione in lingua straniera. Le lingue del laboratorio erano l’italiano e il tedesco, essendo infatti per gli alunni tedeschi l’italiano la lingua straniera e per gli alunni rovignesi quella tedesca. In questo modo entrambi i gruppi erano nella stessa situazione: dovevano chiedere informazioni e conversare sulla propria quotidianità utilizzando la lingua straniera. Gli alunni erano suddivisi in gruppi misti ed avevano l’incarico di conversare su temi attuali legati alla vita dei giovani: scuola, musica, tempo libero e geografia. Era interessante vedere le soluzioni escogitate dagli alunni per spiegare le varie cose, per esempio su chi fosse la santa che sta in cima alla chiesa di Rovigno e come lo fosse diventata. Le alunne

SMSI

della II e III liceo hanno preparato una relazione alla tavola rotonda sul cambiamento climatico alla quale erano presenti 16 alunni del Liceo "Johannes Kepler" di Leonberg, il sindaco di Leonberg Martin Georg Cohn con alcuni rappresentanti del consiglio municipale, i due vicepresidenti del Consiglio municipale della nostra Città, gli alunni della Scuola media “Zvane Črnja” coordinati dal prof. David Modrušan, le nostre alunne coordinate dalla prof.ssa Gordana Ivanišević Ninčević e le due presidi, Ines Venier e Ingrid Sau. Inoltre, gli alunni tedeschi hanno visitato la cittadina di Sanvicenti, accompagnati e guidati dai nostri alunni.

PARTECIPAZIONE AI LABORATORI DEL TEOREMA MUSICALE Mercoledì 2 ottobre, presso il Centro multimediale, è iniziato un nuovo ciclo del Teorema musicale. A esibirsi sono stati i fratelli Diego e Denis Goldin, presentando al numeroso pubblico presente il corno francese, con le sue caratteristiche e peculiarità. I musicisti hanno aperto la serata con un’introduzione del suono prodotto da questo strumento. Hanno quindi eseguito diverse composizioni di Mozart, seguite da celebri melodie della musica classica, come pure brani scritti apposta per questo strumento. Nelle pause tra un’esecuzione e l’altra, i musicisti hanno raccontato e illustrato dati, informazioni e curiosità riguardo al corno francese. Infine, il pubblico ha potuto partecipare a un breve e divertente quiz che consisteva nel riconoscere melodie tratte da colonne sonore famose. Il „Teorema musicale“ è continuato il 23 ottobre, con il concerto “50 sfumature della fisarmonica” ed ha ospitato la docente del Dipartimento di musica della Scuola elementare “Vladimir Nazor”, Ivana Volf, assieme al collega della sezione periferica di Gimino, Neven Tenčić. Questo è stata una bellissima occasione per i nostri ragazzi che hanno avuto modo di avvicinarsi al mondo della musica provando a suonare gli strumenti musicali presentati durante l'incontro. 87


PRESENTAZIONE DELLA TECNICA BOWEN

SMSI

Il 4 ottobre la nostra scuola ha ospitato la fisioterapista Ozana Pope Gajić, titolare dello studio “Ergovita” a Osijek e autrice del libro “Liječenje pokretom” che ha tenuto un’interessante presentazione sulla tecnica Bowen. Vi hanno preso parte gli alunni dell’indirizzo tecnico fisioterapista e alcuni esperti nel settore della riabilitazione. La Bowen è una tecnica che consiste in una serie di movimenti delicati eseguiti con il pollice e le dita su muscoli, tendini e sul tessuto connettivo in specifiche aree lungo tutto il corpo, intervallati da pause minime di due minuti. Questo tipo di terapia, oltre ad essere molto rilassante, stimola il flusso dell’energia spingendo le risorse di auto-guarigione del corpo a riorganizzarsi, rigenerarsi e a ritrovare l’equilibrio ottimale, trasmettendo al corpo una vibrazione che lo aiuta a ritrovare l’armonia mediante movimenti particolari. Inoltre, questa tecnica di massaggio porta diversi benefici anche nella gestione di stati d’ansia o altri disturbi legati al sistema nervoso. Un’occasione preziosa, dunque, per gli alunni dell’indirizzo tecnico fisioterapista di conoscere più a fondo una delle numerose tecniche del mestiere, che andrà così a impreziosire le loro conoscenze e le abilità sviluppate in materia.

PRESENTAZIONE DEGLI INDIRIZZI PROFESSIONALI DELLA SMSIR ALLA CAMERA DELL'ARTIGIANATO La nostra Scuola ha aderito all'iniziativa promossa dalla Camera dell'artigianato dell'Istria in collaborazione con le Associazioni degli artigiani delle varie località, rivolta agli alunni delle settime ed ottave classi delle scuole elementari ed ai loro genitori con lo scopo di promuovere gli indirizzi professionali. Alle presentazioni tenutesi a Rovigno, Parenzo e Pola, hanno partecipato: la preside, le prof.sse Barbara Kercan, Jasmina Sošić, le alunne Lea Činić, Doris Grubica, l'alunno Carlo Žužić e l'estetista Ornela Šuvak. Durante le presentazioni sono state rilevate le particolarità degli indirizzi offerti dalla nostra scuola, in particolare del Perito alberghiero-turistico, dei Commessi, del Tecnico fisioterapista e dell'Estetista medico. Ricordiamo, per quanto riguarda quest'ultimo, che siamo l'unica scuola in Istria ad offrirlo, mentre a livello di tutta la Croazia c'è solo ancora una scuola media di Zagabria ad attuarlo. Questa è stata un'occasione molto valida per far conoscere la nostra Scuola agli alunni delle scuole elementari e a tutto il pubblico. Siamo soddisfatti dell'interesse dimostrato nei nostri confronti. 88


Il 17 ottobre, gli alunni della I, II e III liceo sono stati invitati alla Comunità degli Italiani. Ad accoglierli il professor David Modrušan, presidente del Comitato esecutivo della CI, il quale ha spiegato il motivo dell'invito degli alunni della SMSI, della "Zvane Črnja" e della "Eugen Kumičić". Gli alunni delle tre scuole medie, nel corso dello scorso anno scolastico avevano elaborato dei progetti riguardanti la storia e le tradizioni della nostra città, i lavori erano stati documentati da altrettanti filmati. Il primo filmato ad essere presentato è stato quello della nostra scuola, riguardante la ferrovia Rovigno-Canfanaro, dove si narravano tutte le tappe e i musei visitati dai nostri liceali per informarsi di più sulla ferrovia che ormai non esiste da anni. Il filmato era bilingue, ovvero la narrazione era in italiano mentre i sottotitoli erano in lingua croata. Poi è stata la volta della scuola professionale, il loro filmato riguardava il lavoro delle tabacchine e delle sardelline. I dialoghi erano in italiano e in sottofondo una canzone rovignese. Gli alunni avevano lavorato anche su un ricettario. Infine, il filmato della SM "Zvane Črnja". In modo scherzoso gli alunni avevano presentato alcuni dei piatti del territorio: la minestra istriana, gli „žličari”e i „cukerančići”. Nel filmato una nonna e i suoi nipoti ai quali faceva da mangiare. Parlavano in čakavo. Il signor Modrušan ha sottolineato l'importanza di conoscere e di ricordare le tradizioni del nostro luogo natio, poiché saranno proprio i giovani a tramandare la nostra cultura e le nostre tradizioni in questo mondo globale. Ogni scuola ha ricevuto in omaggio un tablet. Dopo le foto di rito, un momento conviviale. Aurora Mofardin, I liceo

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO „LUNGO LA FERROVIA ROVIGNO-CANFANARO” A TRIESTE Il 10 ottobre gli alunni della II e III liceo ed alcuni della IV liceo hanno presentato il progetto „Lungo la ferrovia RovignoCanfanaro” al Circolo della Stampa di Trieste. Il pubblico era entusiasta, sia dal modo in cui ci eravamo preparati ma anche dalla qualità di informazioni interessanti riguardanti la ferrovia. Alla fine della presentazione ci sono state parecchie domande, nonché numerosi complimenti. Alcuni ospiti ci hanno sorpreso poiché ci hanno dato delle notizie ulteriori riguardanti la nostra ferrovia ma anche perché ci hanno chiesto i nostri contatti per eventuali collaborazioni future. Ad invitarci a Trieste è stato il giornalista Massimo Gobessi della trasmissione Radio „Sconfinamenti”, ben conosciuto ai presidi e agli alunni delle scuole della CNI; grazie a lui abbiamo fatto una breve visita guidata agli studi della RAI. Gaia Banko, III liceo

89

SMSI

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO „LUNGO LA FERROVIA ROVIGNOCANFANARO” PRESSO LA CI DI ROVIGNO


VISITA ALLA FIERA DELL'ARREDAMENTO „DESIGN DESTRICT”

SMSI

Gli alunni della II e III perito economico e II commessi, accompagnati dalle prof.sse Gorana Višković Orbanić, Jasmina Sošić, Maria-Lucia Sciolis e Irina Basara hanno visitato la Fiera internazionale dell'arredamento Design District tenutasi a Rovigno, venerdì 18 ottobre. La Fiera Internazionale ha ospitato alcuni degli architetti più famosi e ricercati che hanno mostrato ai partecipanti alcuni dei loro lavori e hanno quindi confermato che la decorazione di interni ed esterni può essere considerata come un tipo di arte che si fonde perfettamente con le ultime tendenze tecnologiche. La Fiera ha riunito alcuni dei più importanti esperti del settore e solo due destinazioni croate, Dubrovnik e Rovigno, sono state selezionate per le loro presentazioni.

GIORNATA MONDIALE DELLA LETTURA AD ALTA VOCE In occasione della Giornata mondiale della lettura ad alta voce alcuni alunni della I liceo (Noa, Lana, Dorotea, Emma) ed Emi della I perito alberghiero-turistico hanno fatto visita alla Scuola elementare italiana „Bernardo Benussi” di Rovigno. L’evento fa parte del progetto „Čitaj mi” (Leggimi) promosso dall’Associazione croata delle biblioteche-Commissione per i servizi bibliotecari per l’infanzia e la gioventù, dall’UNICEF, dalla Società pediatrica croata, dalla Società croata di lettura, dall’Associazione croata di ricercatori di letteratura per bambini e dalla Società croata per lo studio della lingua. La Giornata mondiale 90


della lettura ad alta voce viene celebrata da undici anni per sensibilizzare a livello globale il diritto all’alfabetizzazione per tutte le persone come diritto umano fondamentale. Ogni anno questo evento avverte il mondo dell’importanza di leggere ad alta voce e condividere storie. I liceali hanno letto una fiaba „incasinata” agli alunni della classe IV che si sono divertiti a metterla a posto. Gli alunni della IV si sono sbizzarriti a creare una fiaba tutta loro. Al termine dell’incontro hanno disegnato la copertina della fiaba e hanno esibito dei disegni favolosi. L’obiettivo dell’incontro era di incentivare i giovani e i più piccoli alla lettura e di sviluppare la fantasia. La collaborazione tra le due scuole italiane è proseguita anche il 7 febbraio con protagonisti gli alunni della classe III. A leggere le fiabe sono stati gli alunni Tomislav, Mia, Elian della I tecnico fisioterapista, Dorotea e Lana della I liceo. Ringraziamo l'insegnante Sabina Omerčić Tiani, la prof.ssa mentore Nataša Paćelat e la bibliotecaria delle due scuole, la prof.ssa Adriana Ive che hanno organizzato l'incontro. Evviva la lettura!

LABORATORIO DI SCRITTURA CREATIVA

SMSI

Ogni venerdì dal 7 febbraio al 6 marzo presso la biblioteca scolastica della SMS „Zvane Črnja“ si è tenuto un laboratorio di scrittura creativa di racconti brevi. L'attività era rivolta agli alunni che desideravano arricchire le proprie conoscenze e sviluppare nuove compenze nella stesura di un testo in prosa. Il portatore del laboratorio, Neven Ušumović, direttore della biblioteca cittadina di Umago, nonché autore di numerose raccolte di racconti, ha condiviso con gli alunni la sua esperienza trentennale nella scrittura in prosa. Nel corso dell'attività gli alunni hanno appreso le basi della scrittura creativa, dall'ideazione all'articolazione della voce narrante, alla caratterizzazione dei personaggi fino all'articolazione dell'intreccio e all'individuazione dell'importanza dei dettagli e delle espressioni figurate. Gli alunni che hanno terminato il corso sono stati premiati.

LABORATORIO DEL FUMETTO Dal 4 all'8 novembre presso la biblioteca della Scuola media superiore „Zvane Črnja” si è tenuto il laboratorio del fumetto al quale hanno partecipato tutti gli alunni delle scuole medie di Rovigno. L’evento è iniziato con una lezione introduttiva tenuta dall’autore Tihomir Tikulin sul fumetto contemporaneo e sulla sua popolarità. Partendo da soggetti e spunti dati dall’autore, gli alunni hanno dato sfoggio alla propria fantasia e bravura creando delle bellissime narrazioni per immagini che sono state esposte in biblioteca. Durante la creazione delle vignette gli alunni hanno avuto la possibilità di apprendere e sperimentare nuove tecniche del disegno, nuovi sfondi, colori e angoli visuali delle scene con il fine di ottenere la dinamica del fumetto. 91


SMSI

IN TRE METRI DI PROFONDITÀ In una sala gremita di alunni, professori, amici e concittadini appassionati del mare rovignese, l’11 dicembre 2019 è stato presentato, nella Comunità degli Italiani “Pino Budicin” il volume “In tre metri di profondità”, del prof. Daniele Suman, pubblicato dall’Unione Italiana di Fiume. Tra i numerosi ospiti intervenuti alla serata, in prima fila il presidente dell’Unione Italiana, Maurizio Tremul e il presidente della Giunta esecutiva dell’UI, Marin Corva. “In tre metri di profondità” è una guida al riconoscimento degli organismi marini del litorale rovignese fino a una profondità di tre metri, un vero e proprio atlante con schede descrittive degli organismi marini e del loro habitat naturale, classificati attentamente per specie, partendo dal loro nome scientifico in latino a quello in dialetto rovignese. Suman ha rivelato al numeroso pubblico che ci sono voluti circa otto anni per fotografare e catalogare le numerose specie marine, animali e vegetali, presenti nello specchio di mare rovignese e che senza l’aiuto e il supporto di cari amici e colleghi, concludere il lavoro sarebbe stata una missione impossibile. A moderare la serata sono stati il collega del prof. Suman, il ricercatore dr.sc. Paolo Paliaga, il quale si è soffermato a parlare delle dinamiche non solo del Mare Adriatico, ma anche di tutto il Mediterraneo, ricordando ai presenti quali sono i pericoli derivanti dall’inquinamento per la fauna e la flora marina, nonché lo scrittore rovignese, Elio Velan, che ha letto alcuni passi di testi dedicati al nostro mare. Come ha sottolineato l’autore, la stesura e la pubblicazione del manuale rappresenta per lui un traguardo personale, dal quale traspare la sua passione, la curiosità e il rispetto nei confronti dell’ambiente marino, ma anche il desiderio di far conoscere e sensibilizzare un vasto pubblico sull’enorme biodiversità presente a soli tre metri di profondità del nostro bel mare.

VISITA DEGLI ALUNNI DELLA SCUOLA DI MEDICINA DI FIUME Giovedì 12 dicembre gli alunni della IV tecnico fisioterapista hanno accolto gli alunni dell'indirizzo tecnico fisioterapista della Scuola di medicina di Fiume. Gli alunni fiumani hanno visitato l'Ospedale di ortopedia e riabilitazione „Martin Horvat“ e in seguito hanno assistito alla presentazione tenuta dai nostri maturandi sul tema “La ginnastica per i pazienti con problemi neuromuscolari“. Alla presentazione a Scuola hanno partecipato anche i membri dell'Associazione dei distrofici dell'Istria. Ci complimentiamo con i nostri alunni e con la prof.ssa Barbara Kercan che ha organizzato l'incontro.

92


PRESENTAZIONE DEL LAVORO DELL'AMMINISTRAZIONE CITTADINA AI MATURANDI

SMSI

Nell’ambito del progetto di avvicinamento dell’amministrazione cittadina che la Città di Rovigno porta avanti per il secondo anno consecutivo, assieme al Consiglio dei giovani, i nostri maturandi hanno partecipato alla conferenza che ha come obiettivo quello di far conoscere alle nuove generazioni il sistema di funzionamento della Città e degli uffici del Municipio. A tenere la presentazione sono state la capoufficio del sindaco e del Consiglio municipale, Maria Črnac Rocco e la presidente del Consiglio dei giovani della Città di RovinjRovigno, Maura Čabran. L’obiettivo principale del progetto è quello di incitare i giovani ad essere cittadini attivi e a dare il proprio contributo al benessere comune. Agli alunni sono stati presentati, tramite esempi concreti, vari modi per includersi nella vita pubblica e cittadina, ed esprimere le proprie idee per il benessere comune. Le rappresentanti della Città e del Consiglio dei giovani hanno presentato anche alcune questioni d’attualità.

„RUVEIGNO” IN SICILIA Quest'anno un gruppo di ragazzi formato da alunni della SMSI di Rovigno, della SEI "Bernardo Benussi" e della Scuola media superiore croata "Zvane Črnja", coordinati dalla signora Nives Giuricin, ha presentato, con grande successo, il bozzetto folcloristico „Ruveigno”, ideato da Alessio Giuricin a Cerda, in Sicilia. In occasione di questo importante scambio culturale, i ragazzi hanno riscosso grande successo presentando le tradizioni culturali della nostra Rovigno. 93


PROGETTI E ATTIVITÀ LABORATORIO DI ARTI VISIVE Il laboratorio di arti visive è stato creato su richiesta degli alunni che hanno collaborato alla realizzazione del video di presentazione della scuola nell’anno scolastico 2018/2019. L'anno di esordio è stato particolarmente difficile a causa dell’interruzione delle lezioni in classe. Nonostante ciò quasi tutti i progetti sono stati portati a termine grazie all’impegno degli alunni della II e III liceo, dell’alunno Vanart Garbin della classe III tecnico fisioterapista, Leonhard Tanković della II tecnico fisioterapista, Noemi Matošević della I tecnico fisioterapista e del loro mentore, Luka Nreka. I progetti sfornati dal laboratorio sono i seguenti: Video della canzone “Can't be happy again”: progetto in collaborazione con il laboratorio musicale (attualmente alle preselezioni dell’ “All American High School Film Festival - USA” sia nella categoria video musicale che nella categoria canzone originale scritta da alunni delle scuole superiori). Video sperimentale “Enough” (attualmente in concorso alla rassegna “Bježi-Via” riguardante le dipendenze e alle preselezioni dell’ “All American High School Film Festival - USA” nelle categorie PSA e sperimentale). Video sui trigliceridi e sulla saponificazione, in collaborazione con il laboratorio di chimica e il laboratorio creativo (pubblicato sul canale Youtube della scuola).

SMSI

Partecipazione al concorso “Bježi-Via” riguardante le dipendenze, nella categoria arte figurativa dei nostri alunni (risultati non pubblicati causa quarantena). Partecipazione alla rassegna “LIK 2020” livello regionale nella categoria arte figurativa (risultati non pubblicati causa quarantena). Video “Dopo gli esami di maturità” scritto dalla prof.ssa mentore Maria Sciolis (primo premio nella sezione teatro al concorso dell’ UNPLI Veneto) Donazione di un computer per video editing da parte dell’Eurotrade di Rovigno al laboratorio.

94


95 SMSI


SMSI

LABORATORIO DI SAPONIFICAZIONE E PRODUZIONE DI SAPONI ALLA LAVANDA, ALLORO E ROSMARINO Martedì 29 ottobre è stata svolta una lezione congiunta di chimica, biologia, cosmetologia e farmacologia con lo scopo di presentare agli alunni l’importanza dei trigliceridi negli organismi viventi e le loro molteplici funzioni, nonché il loro utilizzo nella produzione di saponi e di prodotti per la cosmesi. Il sapone è un prodotto antichissimo e alcuni reperti indicanti il suo utilizzo, trovati in Iraq, risalgono al periodo preistorico di circa 5000 anni fa. In seguito, la produzione e lo sviluppo del sapone continuò in Siria, dove ancor oggi si produce il rinomato sapone di Aleppo prodotto con l’olio di oliva e l’alloro. Appena nel XII sec. appaiono in Europa i primi saponifici industriali: Savona, Venezia, Marsiglia (http://saponescientifico.altervista.org/). Durante il laboratorio gli alunni hanno appreso la tecnica della saponificazione a freddo, prima teorica e poi applicata, seguendo le varie fasi della preparazione dei saponi; il calcolo della quantità di idrossido di sodio necessaria alla saponificazione di oli vari, di oliva, di cocco e di mandorle dolci, e della quantità di acqua per sciogliere l’idrossido, sulla base della massa degli oli usati. Per donare al sapone un profumo più intenso, al posto dell’acqua, si sono utilizzati gli idrolati e gli oleoliti di lavanda, rosmarino, alloro ed eucalipto, preparati rispettivamente mediante la tecnica della distillazione in corrente di vapore e la macerazione delle foglie delle quattro piante precedenti in olio d’oliva. Entrambi i prodotti sono stati preparati una settimana prima della saponificazione dalle ragazze della classe III dell’indirizzo estetista medico. Mescolati gli oli con la soluzione acquosa di soda caustica e dopo aver frullato la miscela per circa cinque minuti, si è ottenuto il cosiddetto “nastro”, un miscuglio cremoso tendente al solido, pronto per esser versato negli appositi stampi. Dopo due giorni i saponi sono stati sformati e lasciati stagionare dalle quattro alle sei settimane. Al laboratorio hanno partecipato le classi III e IV liceo generale, II e III estetista medico.

96


"RISVEGLIA LA BONTÀ NEL MONDO” Anche quest’anno la nostra scuola ha partecipato all’azione umanitaria della Caritas “Za 1000 radosti-Probudi dobro u svijetu”. L’azione si è svolta dall’8 novembre all’11 dicembre e vi hanno aderito gli alunni e il collettivo. Lo scopo dell’azione era quello di raccogliere i fondi per le famiglie bisognose dalla vendita di 100 braccialetti con la scritta “Risveglia la bontà nel mondo” inviati dalla Caritas alla nostra scuola. I nostri alunni hanno dimostrato molto interesse per l’azione impegnandosi nella vendita.

“L’UNO PER L’ALTRO”

SMSI

Durante tutto il mese di dicembre la nostra scuola ha aderito alla tradizionale raccolta dei prodotti igienico-sanitari ed alimentari nell'ambito dell'azione „L'uno per l'altro“ organizzata dall'Associazione „Naš san njihov osmijeh- il nostro sogno è il loro sorriso“. L'obiettivo dell'azione umanitaria era quello di raccogliere generi alimentari e prodotti per l'igiene e la cura del corpo, seguendo il principio UN ALUNNO–UN PRODOTTO, per donarli alle famiglie bisognose. La nostra Scuola collabora attivamente con la suddetta associazione aderendo a questo tipo di azioni umanitarie. Inoltre, anche quest’anno, come ormai da tradizione, abbiamo donato un ingente quantità di carta da riciclare (400 kg) il cui ricavato della vendita verrà altrettanto devoluto.

AZIONE UMANITARIA DELLA CROCE ROSSA Il 16 ottobre, e successivamente in altre date, è stata realizzata l’azione di solidarietà organizzata dalla Croce rossa di Rovigno per la raccolta fondi destinati agli alunni di famiglie meno abbienti. Un sentito grazie a tutti coloro che vi hanno aderito ed in modo particolare agli alunni delle prime, seconde e terze ed ai loro capiclasse che hanno venduto i buoni predisposti dalla Croce rossa. L’importo raccolto ammonta a 2.000,00 kn che anche quest'anno rimarrà a disposizione della scolaresca e verrà utilizzato per i bisogni particolari degli alunni, come abbiamo fatto negli anni scorsi. Un sentito ringraziamento va alla prof.ssa Tina Cetina per il lavoro di coordinamento dell’azione, che nella foto consegna il ricavato alla direttrice della Croce rossa di Rovigno, la signora Dajana Medić. 97


SMSI

LE SCIENZE DELLA VELA PROGETTO SMSIR+UNIUD L'Università di Udine ha organizzato presso la Scuola media superiore italiana di Rovigno un’attività interdisciplinare assai innovativa intitolata “Le Scienze della vela”. Essa consiste in un ciclo di quattro lezioni e un'uscita in barca a vela. Per ogni lezione viene individuato un problema attorno al quale si sviluppa la lezione con il coinvolgimento attivo degli studenti. Nei giorni di lunedì 25 e martedì 26 novembre i ragazzi delle classi III e IV liceo generale hanno partecipato attivamente a lezioni interattive concernenti sia i problemi matematici relativi alla teoria della navigazione che a quelli posti dall’acquisizione di dati cinematici e della loro implementazione hardware e software. Una lezione è stata interamente dedicata all’ecosistema marino e alle possibilità che la scienza e gli strumenti da essa forgiati ci mettono a disposizione per guadagnare quella citizen science necessaria per una nuova e più attiva responsabilità ambientale. I professori dell’Università di Udine Lorenzo Freddi, Francesco Trevisan e Massimo Vischi, ideatori, insieme ai professori Giorgio Brajnik e Ivan Scagnetto, del progetto, e coordinati dal prof. Francesco Zucconi, responsabile del PLS-Matematica dell’Università di Udine, hanno condotto i ragazzi attraverso le molteplici interazioni tra biologia, informatica, scienza della navigazione, fisica e matematica. L’attività si concluderà nel prossimo anno scolastico quando le questioni teoriche e le procedure per l’acquisizione dei dati, il loro scaricamento e la loro conversione in formati opportuni potranno esser vissute dai ragazzi direttamente in navigazione, sulla barca laboratorio del progetto Uniud sailing lab. Tale attività è stata resa possibile grazie al Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca MIUR italiano e alla collaborazione dell’Università degli Studi di Udine con la professoressa Virna Dalino Polo, ex-studentessa, oggi Dottore magistrale in Matematica, nonché insegnante presso la Scuola Media Superiore Italiana si Rovigno. Il progetto vuole estendere, in modo complementare a quanto fatto a scuola, la conoscenza della matematica e non solo, è un'attività di orientamento verso le discipline scientifiche e di divulgazione della cultura scientifica. Alla domanda “Perché fare matematica (e le scienze in generale) in questo modo?” L’insegnate Dalino Polo risponde: “La matematica rappresenta un linguaggio astratto, il che rende difficile, tanto il suo insegnamento quanto il suo apprendimento. Affinché l’apprendimento dell’alunno sia ottimo, si deve utilizzare una metodologia, che permetta di avvicinare il linguaggio astratto della matematica alla vita concreta e quotidiana dell’alunno. Reputo che si dovrebbe far scoprire ai ragazzi “il divertimento” della matematica, incoraggiarli a fare domande, ad impostare i problemi e a capire le connessioni; si dovrebbe spiegare che questa materia serve a “vedere” e “capire”, non solo a “calcolare”. Volevo far vedere ai ragazzi una matematica meno formale e più sostanziale.” citt.: ’’I numeri possono tutto, scolpiscono la nostra vita quotidiana, si nascondono spesso dietro ogni nostro gesto personale, dietro ogni progresso collettivo. Ci aiutano a superare le incertezze e a scegliere cosa è meglio per noi. Così, se imparassimo davvero a leggerli e a capirli, molte cosiddette "casualità" sarebbero spiegate e potremmo comprendere meglio i fatti, grandi e piccoli, di ogni giorno. ‘’Andrea Mignone, La vita è matematica (Sperling&Kupfer). 98


99 SMSI


SMSI

NON SCHOLAE SED VITAE DISCIMUS Lo sciopero è finito. Siamo ritornati in classe. Tutti se lo aspettavano. Anche noi. I Sindacati si sono pronunciati di essere riusciti nell'intento. Oggi alcuni di noi si sentono appagati altri soggiogati, eppure ce l'abbiamo messa tutta, tutti assieme. Abbiamo trascorso assieme tantissime giornate parlando di noi e questo ci ha reso forti. Per tutti noi che ci siamo sentiti parte attiva delle attività sindacali, questo sciopero ci rimarrà impresso come un evento memorabile. Mai visto prima uno sciopero di tale portata nel nostro giovane Stato indipendente. Per decenni abbiamo lottato per i nostri diritti quasi in silenzio senza farci sentire ma stavolta qualcosa è cambiato. Grazie al Sindacato abbiamo creato il Contratto Collettivo per il nostro settore e per le specificità delle nostre mansioni grazie al quale siamo riusciti di anno in anno a garantire delle aggiunte che ci rimpolpano almeno per poco lo scheletro misero del nostro reddito. Il prezzo del nostro lavoro non è stato quantificato in proporzione alla mole di lavoro che è aumentata soprattutto da quest'anno con l'avvio della Riforma e della Piattaforma del Loomen. Nei giorni scorsi siamo scesi nelle strade, abbiamo suonato il clacson, eravamo in 40.000 nella Piazza del bano Jelačić, abbiamo urlato "Basta"! Basta alle bricciole, alle ingiustizie, alle promesse, basta a tanta sfacciataggine nei nostri confronti. Eravamo un vulcano in eruzione, abbiamo eruttato tanto materiale, ci hanno sentiti. Tutti! Grazie al Sindacato siamo riusciti ad ottenere dei benefici ma non sempre è stato facile. Spesso in questi giorni si è parlato che ogni scuola ha i suoi problemi specifici così mi sento di dire che grazie al continuo impegno delle dirigenze scolastiche in passato come pure quella attuale, la nostra scuola è molto attrezzata e curata in tutti gli aspetti. Quest'anno però abbiamo iniziato la Riforma senza i manuali scolastici tradotti e senza i tablet per i nostri alunni. Ogni docente che opera all' interno delle scuole della minoranza è un traduttore dilettante che si impegna giornalmente e faticosamente per garantire ai ragazzi un servizio ottimale. È per questo che verso il datore di lavoro abbiamo lanciato anche questa volta una richiesta chiara, ovvero quella di investire nelle persone, quella di valorizzare la specificità del nostro lavoro complesso. È per questo che abbiamo lanciato un grido affinché si comprenda che non riguarda solo la parte materiale ma altro, i nostri docenti anche durante le giornate dello sciopero hanno accompagnato i ragazzi nei vari progetti ed impegni che sono stati presi in precedenza proprio per non privarli di ciò a cui hanno diritto e per non sottrarre nulla alla loro formazione. Passiamo tante ore tra i banchi di scuola ma anche sul territorio e costantemente sproniamo i ragazzi a studiare, a impegnarsi, forse questo aspetto del nostro lavoro non si nota spesso ma è così. Un grande grazie va a tutti i ragazzi e i genitori per il sotegno dimostrato nei nostri confronti. I tempi cambiano, però siamo „l'intellighenzia” di questo Paese e dobbiamo farci sentire nei modi ripettosi e civili come abbiamo dimostrato di poter fare. La nostra richiesta dall' inizio non era grande eppure è stata accolta con fatica, e anche dilazionata nel tempo. I compromessi non soddisfano mai pienamente le due parti ma siamo arrivati ad un accordo. Lo sciopero si è protratto a lungo, dal 10 ottobre al 19 novembre, in tre cicli, e poi è iniziato lo sciopero frontale che si è protratto fino al 2 dicembre. La strategia scelta dai Sindacati nel corso delle ultime trattative sicuramente ha avuto la sua motivazione. Ognuno è libero di pensare, di scegliere e di avere la propria opinione ma nel rispetto degli altri. Eravamo in tanti e abbiamo lanciato un messasggio importante rimanendo coesi, forti e uniti. È stata una vera e propria lezione di educazione civica. I nostri ragazzi sono preparati, sensibili e riconoscono i valori, ma noi abbiamo dato a loro un esempio dicendo: „la scuola prima di tutto!”. Solamente dopo averla terminata potranno spiccare il volo e realizzare in futuro i loro sogni. Antonella Sošić, prof.ssa di geografia e fiduciaria sindacale presso la SMSI di Rovigno 100


PARTECIPAZIONE AL MERCATINO DI NATALE Come da tradizione, anche quest'anno la Comunità degli italiani “Pino Budicin” di Rovigno ha organizzato il Mercatino di Natale che ha aperto le sue porte dal 13 al 21 dicembre. I nostri alunni vi hanno partecipato offrendo gli splendidi manufatti decorativi che sono stati creati nell’ambito del laboratorio creativo in collaborazione con quello artistico della nostra scuola coordinati dai docenti Virna Dalino Polo e Luka Nreka. A rendere magico lo spettacolino di chiusura sono state pure le canzoni presentate dagli alunni del laboratorio musicale, preparati dal professor Tomislav Bišić-Pauletić: Aurora Mofardin, Lana Jeremić, Iris Bolšec, Kiara Maurović, Leonardo Piccinelli e Giovanni Battista Uggeri Michelini.

Nell’anno scolastico 2019/2020, l’attività del gruppo musicale del facoltativo di arte musicale è stata focalizzata sulla creatività musicale degli alunni e sulle loro abilità interpretative. Sono stati prodotti due brani d’autore, uno dal titolo “Can’t be happy again” di Leonardo Piccinelli, autore del testo e della musica, arrangiato per due chitarre, pianoforte e quintetto di voci femminili dal prof. Tomislav Bišić-Pauletić e l’altro di Kiara Maurović, autrice del testo e della musica, dal titolo “Sogni senza mostri” per chitarra, pianoforte, percussioni, back vocals femminili e voce solista femminile arrangiato da Giovanni Uggeri Michelini. Per le canzoni sono stati previsti due videoclip, creati e registrati in collaborazione con il gruppo di arti visive della scuola sotto la direzione di Luka Nreka. È stata pianificata anche l’incisione dei brani grazie all’aiuto del professor Marko Kalčić, presso gli studi del Laboratorio musicale di Rovigno. A febbraio è stata incisa la canzone di Leonardo Piccinelli, mentre la canzone di Kiara è stata interrotta a causa della situazione legata alla pandemia e verrà registrata quando le condizioni saranno favorevoli. Oltre al lavoro creativo dei membri del gruppo musicale, non abbiamo dimenticato anche la parte concertistica con due uscite, quella del Mercatino di Natale presso la sede della CI di Rovigno, in collaborazione con il laboratorio creativo della prof.ssa Dalino Polo, e lo spettacolo tradizionale di fine anno tenutosi l’ultimo giorno di lezione del primo semestre a scuola.

101

SMSI

LABORATORIO MUSICALE


COMPETIZIONI E CONCORSI PARTECIPAZIONE AL FESTIVAL DELL'ISTRIOTO

SMSI

Il 4 ottobre nell'ambito della VII edizione del Festival dell'Istrioto si è tenuta la premiazione del Concorso letterario a Sissano. L'alunna Lara Kercan (IV tecnico fisioterapista) è stata premiata nella categoria giovani (14-18 anni), sezione poesia, per la poesia "Acquarilo ruvigni∫" con la seguente motivazione: "La poesia si distingue per un eccellente uso del dialetto istrioto di Rovigno. L'autrice diventa un pittore che dipinge con le parole la propria città, e come il pittore stende colori sulla tela, così lui/lei fissa sulla carta un intrecciarsi di esperienze sensoriali. La poesia si conclude con un nostalgico sguardo al passato che sembre rafforzare l'amore per il proprio luogo natio". Il giorno seguente gli alunni della III liceo preparati dalla prof.ssa mentore Maria Sciolis, hanno presentato una scenetta in dialetto alla serata dedicata alle filodrammatiche delle Comunità degli Italiani di Rovigno, Valle, Dignano, Gallesano, Fasana e Sissano. Il 5 ottobre noi alunni della III liceo abbiamo presentato un mini bozzetto scritto dalla professoressa mentore Maria Sciolis sulle differenze del mondo di una volta e quello di oggi, con tutte le sue nuove tecnologie (registro elettronico, computer, telefonini, ecc.). Ci siamo divertiti molto, anche perché era la prima volta che portavamo questo lavoro di fronte ad un pubblico tanto numeroso che ha apprezzato in pieno le nostre battute, applaudendo numerose volte nel corso della recita. Al termine molte persone si sono congratulate con noi e ci hanno fatto numerosi complimenti. Gaia Banko, III liceo

IX QUIZ REGIONALE ISTRIANO - „KRASNA ZEMLJO-MERAVIGLIOSO PAESE“ Venerdì 11 ottobre, Dignano ha ospitato la IX edizione del quiz, che quest’anno ha avuto un numero record di partecipanti: un centinaio di allievi delle scuole elementari e medie superiori della Regione Istriana. Si tratta di una manifestazione che ha innanzitutto lo scopo di far conoscere meglio la storia, la cultura e l’etnografia del proprio territorio e poi quello di stimolare incontri e scambi di esperienze tra scuole, di sviluppare anche una sana competitività. Il quiz si è svolto in due fasi: una prima parte del test è stata risolta dai ragazzi attraverso un’applicazione digitale; la seconda, passeggiando tra palazzi e vie di una Dignano assolata e accogliente alla ricerca della risposta giusta. Alla manifestazione hanno partecipato le alunne della classe IV liceo, Nicole Oblak e Karla Šverko, accompagnate dal prof. Marko Kalčić. 102


MAT LIGA La giornata dell'11 dicembre è stata ricca di attività. In mattinata si è tenuta infatti la competizione di matematica “Mat liga”, promossa a livello nazionale con l’intento di popolarizzare la matematica tra i giovani, come pure di avvicinarli al team work. La competizione, iniziata il 9 ottobre, si svolge in quattro gironi, nel corso dei quali è necessario accumulare il maggior numero di punti possibile. I risultati dei singoli gironi verranno infatti sommati alla fine della competizione, quando verranno premiati i migliori giovani matematici. Per la SMSI si tratta del secondo anno di adesione alla competizione e a rendere particolarmente entusiasta la prof.ssa di matematica, Virna Dalino Polo, è il fatto che la SMSI, con i suoi alunni, è l’unica Scuola media superiore della Comunità Nazionale Italiana che ha aderito alla “Mat liga” in quest’anno scolastico. Il team matematico della SMSI è composto da quattro squadre del liceo generale. Per la I classe sono scese in gara due squadre, la prima formata da Lana Jeremić e Noa Ettinger, la seconda da Dorotea Gorski ed Emily Poropat. La III classe ha mandato avanti la squadra con Chiara Rocco e Gaia Banko, mentre per la quarta classe a rendere onore alla scuola sono stati Alessandro Cafolla e Nicole Oblak.

Gli alunni della I liceo generale, preparati dalla professoressa Virna Dalina Polo, hanno partecipato alla X edizione dei Giochi Matematici del Mediterraneo, organizzati dall’.I.P.M. «Alfredo Guido» (Accademia Italiana per la Promozione della Matematica). I giochi si prefiggono lo scopo di mettere a confronto fra loro allievi di diverse scuole che, gareggiando con lealtà nello spirito della sana competizione sportiva, sviluppano atteggiamenti positivi verso lo studio della matematica. Essi offrono, inoltre, opportunità di partecipazione, integrazione e valorizzazione delle eccellenze. La struttura dei giochi è suddivisa in quattro tappe: le qualificazioni, le finali d’Istituto, la finale provinciale o di area e la finale nazionale. Quest’anno i nostri alunni hanno partecipato alle qualificazioni, alle finali d’Istituto e alla finale nazionale che si è tenuta il 5 giugno.

103

SMSI

GIOCHI MATEMATICI DEL MEDITERRANEO


PATENTINO ECCL E COMPETIZIONE REGIONALE DI LINGUA LATINA

SMSI

Mercoledì 11 dicembre si è svolta contemporaneamente in 25 paesi europei la prova scritta di lingua latina per l’ottenimento del patentino europeo Euroclassica ECCL. L’esame consiste nel leggere e comprendere un testo latino (senza l’uso del dizionario) e nel rispondere a 40 domande onde dimostrare la comprensione del testo e ulteriori domande di grammatica e cultura generale. I ragazzi sono stati preparati brillantemente dalla nostra prof.ssa mentore Maria Sciolis che ogni anno consegue con i nostri alunni risultati eccezionali. Quest'anno a cimentarsi nella conoscenza della lingua latina sono stati gli alunni Iris Bolšec, Lavinia Jelena Terzić, Korana Hamer, Kiara Maurović, Doris Grubica, Anika Nefat, Abel Peteh, Leonhard Tanković e Matteo Knapić. Le alunne Lavinia Jelena Terzić (argento) e Anika Nefat (bronzo) hanno conseguito un ottimo risultato. Il 7 marzo gli alunni Korana Hamer, Anika Nefat, Doris Grubica e Leonhard Tanković hanno partecipato alla competizione regionale di lingua latina tenutasi presso la Scuola media di Pinguente. Doris, Leonhard e Anika hanno partecipato nella categoria per le scuole di medicina, aggiudicandosi il primo posto e due secondi posti a pari merito.

LIVELLO REGIONALE DEL QUIZ LETTERARIO „LEGGENDO FINO ALLE STELLE”... SI VA AL LIVELLO STATALE! Dopo aver superato brillantemente il livello scolastico, venerdì 6 marzo alle ore 12.00 si è tenuto presso la nostra scuola il livello regionale del quiz letterario „Leggendo fino alle stelle” (Čitanjem do zvijezda) al quale hanno partecipato 311 alunni di tutta la Croazia. A rappresentare la nostra scuola sono state le alunne Zea Aleksić, Doris Grubica, Korana Hamer, Gaia Banko, Chiara Rocco, Valentina Morožin e Karla Šverko. che hanno risposto a 60 domande tratte da due libri: 1. D. Adams, Vodič kroz galaksiju za autostopere 2. R. Bradburry, Fahrenheit 451 Sei alunne hanno risposto correttamente al 70% delle domande e accedono al livello statale della competizione. Finalmente, dopo due anni ad un passo dal livello regionale (l'alunna Lara Kercan l'anno scorso per un punto non è riuscita ad accedere al livello statale), ce l'abbiamo fatta. Il 5 giugno si è tenuta la competizione statale a scuola, con tutte le misure epidemiologiche del caso. Per saperne di più cliccate sul nostro sito web (www.smsir.hr) Le alunne sono state preparate dalle prof.sse Tina Cetina, Nataša Paćelat e dalla bibliotecaria Adriana Ive, mentre ha fatto parte della Commissione professionale l'insegnante della SEI Bernardo Benussi, Žana Ujčić Černac. 104


LIDRANO

SMSI

Quest'anno gli alunni Dorotea Cerin, Korana Hamer, Leonel Batel e Zea Aleksić hanno partecipato al concorso letterario Lidrano a livello cittadino. I nostri alunni, preparati dalla prof.ssa mentore Nataša Paćelat hanno conseguito risultati molto importanti. Zea, Leonel e Korana hanno partecipato al concorso regionale. Leonel si è cimentato nella categoria della recitazione, Zea e Korana hanno partecipato con dei racconti letterari. Zea è stata invitata al concorso STATALE che purtroppo è stato rimandato a data da destinarsi. Zea, alunna della I liceo generale ci ha scritto: "È da sempre che adoro scrivere. L'idea per il testo che ho scritto mi è venuto da una poesia (Balada iz Predgrađa) del poeta croato Dobriša Cesarić. Mi sono chiesta che fine avesse fatto la lampada a petrolio, ormai non la usiamo nella vita moderna, come personaggio di questa poesia. Ho deciso così di crearle un nuovo futuro, raccontando la vita di ogni giorno dal suo punto di vista".

GARE DI CHINESIOLOGIA A ZAGABRIA Il 6 marzo 2020 ho partecipato alle gare intra regionali di chinesiologia a Zagabria. Le gare consistevano in una simulazione di una prima terapia con un paziente. Per prima cosa dovevamo fare un’anamnesi al paziente, cioè porgli delle domande per farci un’idea di chi avevamo di fronte e cosa avremmo potuto fare dopo. Trovato il problema dovevamo fare dei test motorici e muscolari e segnare i risultati in un’apposita tabella. I giudici davano attenzione non solo all’esattezza di quello che facevamo, ma anche a come lo facevamo. Veniva giudicato il nostro modo di parlare al paziente, la nostra manualità e anche dettagli minori come la nostra postura. Da noi si aspettavano un approccio professionale. Anche se il mio risultato non è stato dei migliori sono molto felice di aver potuto partecipare a queste competizioni. Mi hanno dato modo di prepararmi meglio a quello che mi aspetta in questo campo. Ringrazio le mie mentori, le prof.sse Barbara Kercan e Gracijela Benčić che mi hanno preparato e seguito in questo evento importante. Carlo Žužić, IV tecnico fisioterapista 105


NICOLE OBLAK TERZA ALLE GARE DI LINGUA ITALIANA PER LE SCUOLE DELLE CNI

SMSI

Giovedì 13 febbraio, presso la Scuola elementare italiana di Cittanova, si è svolta la XIX edizione delle Gare di lingua italiana, alla quale abbiamo partecipato, come di consueto, anche noi alunni della SMSIR, più precisamente: Lara Kercan, Gaia Paljuh, Matteo Sergio Pozzi e Carlo Žužić della IV tecnicofisioterapista ed io, Nicole Oblak, della IV liceo generale. Siamo stati accompagnati dalla nostra professoressa d’italiano Patrizia Malusà. Quest’anno, le tracce proposte trattavano temi letterari e d’attualità, lasciando piena libertà, ad ogni partecipante, di spaziare fra diversi argomenti, fondendoli con le proprie conoscenze. Le Gare di lingua italiana, oltre ad essere una manifestazione storica destinata ai ragazzi della CNI in Croazia e Slovenia, sono un momento di scambio di pensieri, idee, un momento nel quale si ha la possibilità di fare nuove amicizie, con il fine ultimo di allargare i propri orizzonti e innamorarsi ancor di più della ricchezza della lingua italiana e dell’arte della scrittura. La lingua, la ricchezza lessicale, la letteratura sono elementi e valori fondamentali per la nostra crescita personale, sono strumenti che abbiamo a disposizione e che ci valorizzano, nel momento in cui li sappiamo apprezzare e ne facciamo buon uso. Costituiscono il nostro essere e la nostra anima, raccontano di noi e del nostro vissuto, proprio come disse Gianfranco Iovino: "L'uomo ha due grandi doti: la “parola” per dare suono ai pensieri, e la “scrittura” per darne loro un senso nel tempo". Nicole Oblak, IV liceo generale

UN BEL LAVORO DI "TEAM" L'Unione Italiana si congratula vivamente con sei scuole della CNI (SMSI di Rovigno, SMSI Dante Alighieri di Pola, SEI Giuseppina Martinuzzi di Pola, SEI Vincenzo e Diego De Castro di Pirano, sezione di Sicciole, SEI di Cittanova e SEI Dante Alighieri di Isola). Quest'anno scolastico, su insistenza di Luka Nreka, abbiamo partecipato alla IX edizione del concorso Regionale del Veneto „Tutela, valorizzazione e promozione del patrimonio linguistico e culturale Veneto”, sezione teatro. La nostra scuola al concorso ha ottenuto il primo premio. Di ciò sono particolarmente onorata in quanto gli alunni della III liceo: Gaia Banko, Nathan Berto, Ian Čikada, Valentina Morožin, Leonardo Piccinelli, Chiara Rocco, Giovanni Battista Uggeri Michelini e Giulio Benedetto Uggeri Michelini (della I liceo), in qualità di attori ed Iris Bolšec (della II liceo) in qualità di operatore tecnico, hanno recitato un bozzetto scritto da me, intitolato „Dopo gli esami di maturità”. È una rappresentazione satirica sul nuovo modello di esami di maturità. Ho voluto giocare con l'uso della lingua, così i nostri alunni dialogassero tra loro con il vecchio dialetto rovignese (il nonno, incredulo e sconcertato), il dialetto veneto, l'italiano e delle espressioni croate. A Venezia abbiamo inviato una registrazione della rappresentazione fatta a scuola nella nostra aula 13, trasformata per la circostanza in palco teatrale. Prof.ssa mentore Maria Sciolis 106


PAGINE SPORTIVE PARTECIPAZIONE AL XIX MEMORIALE INTERNAZIONALE DI CROSS „PROF. GUERINO SOŠIĆ”

Squadra femminile

Risultati individuali

Jeremić Lana, Gagić Samilla, Maurović Kiara, Hamer Korana, Ferrara Chiara, Ana Marić.

Chiara Ferrara – III posto

SMSI

Giovedì 24 ottobre si è tenuto presso il parco boschivo di Punta corrente, il XIX Memoriale Internazionale di cross „Prof. Guerino Sošić“. Il Memoriale viene organizzato dal club sportivo scolastico „Eugen“ della Scuola di formazione professionale Eugen Kumičić di Rovigno in collaborazione con l’Unione sportiva della Città di Rovinj-Rovigno e con l’Associazione dei cinesiologi rovignesi. Quest’anno alla manifestazione hanno partecipato gli alunni della Scuola di formazione professionale Eugen Kumičić di Rovigno, quelli della Scuola media "Zvane Črnja" di Rovigno, gli alunni del Liceo e Scuola di formazione "Juraj Dobrila" di Pisino, gli alunni dell’I.S.I.S. "Arturo Malignani" di Udine ed i nostri alunni. A rappresentare la nostra scuola in due squadre sono stati i seguenti alunni e alunne:

Filip Tiani – II posto Squadra maschile

Tomislav Šimac – I posto

Šimac Tomislav, Tiani Filip, Knapić Matteo, Mišković Thomas, Uggeri Michelini Giovanni Battista, Lajić Marco, Fatorić Aleksandar e Žužić Carlo.

Samilla Gagić – III posto Posto complessivo in classifica tra le scuole – IV posto

GARE CITTADINE DI PALLAVOLO Lunedì 9 dicembre presso la palestra Gymnasium si sono svolte le gare cittadine di pallavolo. Le nostre squadre (maschile e femminile) si sono classificate entrambe al secondo posto.

107


VINCITORI ASSOLUTI AL TORNEO DI TENNISTAVOLO PER LE SCUOLE DELLA CNI Martedì 17 dicembre, presso la Scuola elementare di Dignano si è tenuto il tradizionale Torneo di tennis tavolo, riservato agli alunni delle scuole elementari e medie superiori della Comunità Nazionale Italiana. Quest’anno all’appuntamento organizzato e sostenuto dal Settore sportivo dell’Unione Italiana hanno partecipato le tre scuole elementari di Fiume (Belvedere, Gelsi e San Nicolò), la SEI “Dante Alighieri” di Isola, la SEI “Bernardo Parentin” di Parenzo, la SEI “Giuseppina Martinuzzi” e la Scuola elementare di Dignano. Per quanto riguarda le scuole medie superiori in lingua italiana soltanto la nostra scuola ha risposto all’invito degli organizzatori. L’alunna Chiara Ferrara si è classificata al primo posto, l’alunna Karla Šverko al secondo e l’alunno Petar Brkić al terzo posto.

GARE REGINALI DI TENNISTAVOLO

SMSI

Giovedì 23 gennaio si sono svolte le gare regionali di tennistavolo. A rappresentare la nostra scuola sono state le alunne Zea Aleksić, Chiara Ferrara e Karla Šverko. La nostra squadra si è classificata al terzo posto. Ci complimentiamo con le nostre alunne e con il prof. Gianni Ottochian.

108


PIAZZA PULITA AL TORNEO DI PALLAVOLO PER LE SCUOLE DELLA CNI Il 22 febbraio a Rovigno si sono tenute le Gare di pallavolo riservate agli istituti scolastici della Comunità Nazionale Italiana in Croazia e Slovenia. Vi hanno partecipato circa 160 ragazze e ragazzi, divisi in 12 squadre. La nostra squadra maschile si è classificata al I posto battendo per 2:0 le squadre di Pola e Buie. La squadra femminile si è classificata al I posto battendo le squadre di Buie e Fiume.

RICONOSCIMENTI ALLA SOCIETÀ SPORTIVA “AD ASTRA” E AL PROF. GIANNI OTTOCHIAN PREMIAZIONE DEI MIGLIORI SPORTIVI DELLA CITTÀ DI ROVINJ-ROVIGNO Di fronte a un folto pubblico che ha riempito la sala del Centro multimediale, il 25 febbraio si è tenuta la cerimonia di premiazione dei migliori sportivi dell’anno 2019, organizzata dall’Unione sportiva della Città di RovinjRovigno. La selezione è stata operata complessivamente in 11 categorie ed è stato assegnato anche un riconoscimento particolare. Alla premiazione di quest’anno erano in lizza 15 associazioni sportive con i propri candidati. Tra gli sportivi più promettenti di quest’anno sono stati elogiati Maxim Perhat (alunno della III perito economico) del Club di arrampicata libera “Muntravo“ e Aleksandar Fatorić (della IV liceo generale) del Club di pallavolo „Rovigno, del quale fa parte anche l’alunno Leandro Malusà della IV perito alberghiero-turistico. Riconoscimenti speciali sono andati a Lara Kercan e Chiara Rocco che si sono distinte nel campo del volontariato aiutando i bambini con difficoltà che fanno parte del club di nuoto “Delfin”. "Nel mio percorso di scuola media, ho fatto volontariato tre anni su quattro. Questa esperienza mi ha aiutato a migliorare la mia persona, sono più paziente, comunico e ascolto molto meglio. Non solo mi fa sentire bene, ma è diventata ormai una magnifica abitudine che migliora il mio umore che di sicuro continuerò anche all’università". Lara Kercan, IV tecnico fisioterapista

109

SMSI

La società sportiva della nostra scuola “Ad astra” è stata premiata con una targhetta per la partecipazione alle finali nazionali di tennistavolo femminile. La squadra era composta dalle alunne Chiara Ferrara, Karla Šverko, Alysia Maria Walker Gudelj e dall’ex alunna Gloria Gudelj. Un ricoscimento è andato anche al professor Gianni Ottochian per il lavoro svolto e i risultati conseguiti nell’ambito dello sport scolastico.


SMSI

VIAGGI D’ISTRUZIONE A inizio settembre, con una voglia matta di libertà, con la gioia negli occhi, la leggerezza e l’euforia che solo questi anni sono in grado di offrire, siamo partiti alla volta di Praga e Budapest: due città così diverse ma al tempo stesso così simili. Due città ricche di storia, di cultura, di luoghi tipici e magici: due città che meritano di esser visitate, anche più volte nell’arco della vita. Abbiamo visitato il sontuoso castello di Praga, oggi residenza ufficiale del Presidente della Repubblica Ceca; attraversato il ponte Carlo, costruito interamente in pietra, con le sue celebri statue e gruppi scultorei. Abbiamo camminato lungo le vie antiche del quartiere della Città Vecchia, voltando continuamente lo sguardo verso l’alto per ammirare gli innumerevoli stili architettonici degli edifici nella piazza centrale. Ci siamo immersi nel romantico e famosissimo quartiere Malá Strana, con i suoi palazzi barocchi, nel quale si ha la strana - ma stupenda - sensazione che il tempo si sia fermato a diversi secoli fa. Alquanto bizzarra e stravagante, a primo impatto, la Casa Danzante, un edificio realizzato negli anni novanta del secolo scorso, con l’intento di farne risaltare la stranezza, ma al tempo stesso integrarla con gli edifici antichi circostanti. Nella capitale ungherese abbiamo invece avuto la possibilità di goderci una gita serale lungo il ‘bel Danubio blu’, vivendo attimi indimenticabili grazie alla magica atmosfera notturna che offre la città stessa. Abbiamo visitato il quartiere di Buda, ovvero il primo nucleo della città, oggi sede del Palazzo Reale, con i suoi scorci e una vista mozzafiato, degna delle miriadi di foto panoramiche scattate da tutti noi. Dopodiché il vero e proprio cuore della città, moderno e irrequieto, con il suo via vai di comitive di turisti e gente del luogo. Degno di nota è l’imponente Palazzo del Parlamento in stile gotico - ispirato al Parlamento di Londra e al Duomo di Colonia - il quale viene considerato il vero simbolo di Budapest. Ultimo, ma non per importanza, il Ponte delle Catene, con i suoi 202 metri e i suoi sontuosi leoni in pietra, legati ad antiche e curiose leggende, ancora oggi narrate dagli abitanti della città. Praga e Budapest ci hanno regalato momenti felici, spensierati ed unici, forse irripetibili. Ci hanno stupiti, lasciandoci a bocca aperta per il loro fasto e la loro ricchezza culturale, insiti in ambedue le capitali europee. Nicole Oblak, IV liceo generale

110


VIAGGIO DI MATURITÀ A ROMA

SMSI

Anche quest’anno i nostri maturandi hanno avuto l’occasione di visitare la capitale italiana, grazie all’organizzazione dell’Università Popolare di Trieste e dell’Unione Italiana. Il viaggio si è svolto dall’11 al 15 novembre ed a partecipare alla gita sono stati anche i maturandi di Pola e di Buie. Durante il soggiorno i nostri alunni hanno avuto l’opportunità di visitare i Musei Vaticani, la Cappella Sistina, il Colosseo, attraversare la scalinata di Piazza di Spagna e gettare la famosa monetina nella Fontana di Trevi. Gli alunni sono stati accompagnati dalle prof.sse Gorana Višković Orbanić e Antonella Sošić.

111


ALLA SCOPERTA DEL GORSKI KOTAR E DEL RISNJAK

SMSI

Dall'8 al 9 febbraio trentanove alunni della nostra scuola, accompagnati dalle prof.sse Antonella Sošić, Gorana Višković Orbanić e dal prof. Gianni Ottochian, hanno partecipato al viaggio d'istruzione nel territorio del Parco nazionale del Risnjak, Gorski Kotar, ed hanno visitato il parco di Leska e il lago artificiale Bajer. Passeggiando per i boschi del parco gli alunni sono stati intrattenuti dal dibattito organizzato dalle alunne della II liceo (Korana, Kiara e Iris) e Chiara della III liceo sul tema „Brexit e Megxit“. L'ultimo giorno hanno visitato, tra le altre località, la Grotta di Vrelo e il passaggio del Vrajži Prolaz.

112


USCITE DIDATTICHE PARTECIPAZIONE AL WEEKEND MEDIA FESTIVAL Per il XII anno consecutivo a Rovigno, a fine settembre, è stata organizzata la manifestazione „Weekend Media Festival” che ha riunito i più grandi esperti del mondo dei media, della pubblicità, del marketing e dei mezzi di comunicazione in generale. I nostri alunni hanno avuto la possibilità di parteciparvi anche quest'anno, insieme a cinquemila altri partecipanti provenienti da tutta Europa e non solo. Quaranta alunni degli indirizzi liceo, perito economico e perito alberghiero-turistico, divisi in diversi gruppi, hanno assistito ad alcune discussioni e presentazioni in lingua croata e inglese, hanno avuto l'opportunità di immergersi nel mondo dei media ed ascoltare le conferenze degli esperti nel settore.

VISITA ALL’ALBERGO “GRAND PARK” E ALL’ACI MARINA DI ROVIGNO

SMSI

Gli alunni delle classi I, II, IV perito alberghiero-turistico, I e III perito economico e II commessi, hanno visitato l'albergo Grand Park e la nuova Aci Marina a 5 ancore. All'albergo Grand Park gli alunni hanno assistito alla presentazione del gruppo Adris e hanno visitato tutto il complesso alberghiero. Le uscite didattiche sono mirate a far conoscere i vari settori lavorativi che vengono svolti durante le materie di studio. Gli alunni sono stati accompagnati dalle prof.sse Jasmina Sošić, Irina Basara, Maria-Lucia Sciolis e Gorana Višković Orbanić.

113


USCITA DIDATTICA A FIUME CENTRO “CARLO COMBI“ DI CAPODISTRIA Il 6 novembre gli alunni delle classi II liceo, IV liceo, II tecnico fisioterapista ed estetista medico, accompagnati dal prof. Marko Kalčić, si sono recati a Fiume nell'ambito dell'uscita didattica organizzata e promossa dal Centro Italiano di Promozione, Cultura, Formazione e Sviluppo „Carlo Combi“ di Capodistria, organizzato per le SMSI della CNI di Croazia e Slovenia. Gli alunni hanno avuto l'occasione di visitare il Museo marittimo e storico del Litorale croato, il centro storico di Fiume e il cimitero di Cosala.

PARTECIPAZIONE ALLA CONFERENZA SUL TEATRO DI GIUSEPPE O. LONGO

SMSI

In occasione della settimana della cultura italiana, il 25 ottobre, le classi IV liceo, IV tecnico fisioterapista e III liceo, accompagnati dalle professoresse di lingua italiana e da Željan Soldatić si sono recate a Pola, presso l'Università „Juraj Dobrila“, dove hanno partecipato alla conferenza del prof. Giuseppe O. Longo dal titolo „Tra ragione ed emozione. Il teatro di Giuseppe O. Longo“. Alla conferenza ha partecipato anche Rosanna Bubola, direttrice dell'Università Popolare Aperta di Buie e del Dramma Italiano di Fiume, con un intervento dal titolo „L'arte della menzogna-millennium bug“. L'evento è stato organizzato dal Consolato generale d'Italia a Fiume, dalla Società “Dante Alighieri” di Gorizia, dalla Facoltà di Studi Interdisciplinari, Italiani e Culturali di Pola, e dall’Unione italiana.

PARTECIPAZIONE AL CONVEGNO DEI DISTROFICI Il 20 novembre la nostra scuola ha partecipato al XV Convegno della Società distrofici della Regione Istriana tenutosi a Pola. Vi hanno partecipato gli alunni della IV tecnico fisioterapista, accompagnati dalle prof.sse Barbara Kercan e Sandra Soffici. Gli alunni hanno esposto una presentazione dal titolo: „Analisi del modo di camminare delle persone affette da malattie neuromuscolari“ nell'ambito del tema del convegno: „La riabilitazione delle persone affette da malattie neuromuscolari”. Il lavoro dei nostri alunni è stato molto apprezzato dal pubblico presente in sala. I nostri allievi sono stati preparati dalla prof. ssa Barbara Kercan. 114


USCITA DIDATTICA A POLA Giovedì 12 dicembre si è svolta l'uscita didattica a Pola che ha previsto come tappe il Memo museo, La Fiera del libro, gli uffici della Fina e la visita all'Associazione sclerosi multipla. Gli alunni hanno visitato il museo che racconta la vita polesana dagli anni '70 fino agli anni '90. Gli alunni dell'indirizzo perito economico hanno visitato gli uffici

SMSI

della Fina, quelli dell'indirizzo tecnico fisioterapista si sono recati alla sede dell'Associazione sclerosi multipla e poi tutti assieme hanno visitato la Fiera del libro di Pola, partecipando all'incontro con l'autrice. Gli alunni sono stati accompagnati dalle prof.sse Tina Cetina, Nataša Paćelat, Irina Basara, Sandra Soffici e Adriana Ive.

USCITA DIDATTICA A UMAGO, PARENZO E CITTANOVA Sabato 8 febbraio, la nostra scuola ha organizzato la gita didattica con lo scopo di far conoscere ai nostri alunni alcuni luoghi molto noti nel settore dell'estetica e della fisioterapia. Le classi dell'indirizzo tecnico fisioterapista hanno avuto il piacere di visitare la casa di riposo „Atilio Gamboc“ di Umago dove sono attualmente residenti 98 ospiti seguiti da più di 30 infermieri, tre fisioterapisti e altro personale. I fisioterapisti della struttura hanno guidato i nostri alunni in visita alla palestra, alle stanze dei pazienti e alla parte dove si esegue la terapia occupazionale. È stata un'esperienza utile e interessante per i nostri alunni. Nel frattempo tutte e tre le classi dell'estetista medico, accompagnate dalle professoresse Ornela Šuvak ed Alenka Rovis, sono andate in visita alla ditta „Dermoestetik„ situata a Cittanova, per conoscere la linea di prodotti „Esensa Mediterana“. Si tratta di una ditta cosmetica che unisce tre mondi, l'aromaterapia, la fitoterapia e l'impiego di alghe curative. Al suo interno, oltre ad uno spazio adibito come showroom, si può accedere al laboratorio dedicato alla delicata fase di ricerca e sviluppo, dal quale si prosegue al laboratorio di produzione che comprende vari macchinari per la miscelazione delle preparazioni cosmetiche su larga scala. In futuro contiamo di espandere una collaborazione di questo tipo, con l'aggiunta di esercitazioni fatte in loco. Successivamente tutti gli alunni hanno visitato il centro „Fizio Centar Deković” dove li ha accolti il fisioterapista Damir Deković, il quale ha saputo coinvolgere i nostri ragazzi con tanto interesse spiegando agli alunni come funziona la tecar terapia e come si usa l'apparecchiatura per il linfodrenaggio. 115


PROGRAMMA DIDATTICO IN LINGUA ITALIANA SU TVNOVA

SMSI

Dal 17 marzo 2020 su TVNova è andata in onda la trasmissione in lingua italiana al fine di soddisfare le esigenze formative degli alunni delle prime quattro classi delle scuole elementari italiane operanti in Istria e Fiume. Il programma è andato in onda dal lunedì al venerdì dalle 10:00 alle 12:00 e i suoi contenuti sono stati caricati pure sul profilo Facebook e sul canale Youtube di TVNova. I contenuti didattici del programma sono stati coordinati dall'Assessorato amministrativo alla Comunità Nazionale Italiana e gli altri gruppi etnici della Regione istriana con le scuole dell’obbligo in lingua italiana e con l’Agenzia per l’educazione e l’istruzione della Repubblica di Croazia, in particolare le nostre consulenti. In seguito il programma si è esteso anche alle esigenze degli alunni delle classi superiori e medie superiori. La nostra scuola ha contribuito al programma inviando i lavori degli alunni e dei docenti. È possibile visualizzare i lavori e le trasmissioni scannerizzando il codice QR.

116


DIDATTICA A DISTANZA: UNA SFIDA SUPERATA BRILLANTEMENTE Se c’è un esempio di resilienza e di capacità di reazione, se c’è un esempio di riconversione avviata in tempi record e con indubbia efficacia, questo arriva dal mondo dell'istruzione. L’emergenza Coronavirus ha costretto anche la nostra scuola ad affrontare una sfida importante e impegnativa, quella della didattica a distanza. Una sfida che il 16 marzo 2020 ha colto di sorpresa docenti e allievi, tuttavia con tanta voglia di rimboccarsi le maniche per portare a termine al meglio quest’anno scolastico. Tutte le scuole, tutti gli insegnanti e tutte le famiglie sono riusciti a organizzarsi al meglio per imparare velocemente a utilizzare le piattaforme e a sfruttarle per veicolare l’offerta formativa e mantenere unite le classi. Con compostezza, rispetto reciproco, senso di responsabilità, abbiamo iniziato a percorrere insieme la nuova strada della didattica a distanza imparando velocemente ad utilizzare la piattaforma Google Teams e cercando di trasformare questo momento di criticità in un’opportunità di crescita, educativo-didattica per i ragazzi e professionale per i docenti, creando un barlume di normalità all’interno della straordinarietà di questo momento storico.

SMSI

Lezioni a distanza? Nessun problema, ci siamo adeguati e ci stiamo divertendo. Per la materia Impresa formativa simulata fare le lezioni a distanza significa fare smart working, cioè lavorare da casa. Non era possibile lavorare con le nostre aziende, la “Ma je teplo d.o.o” e la “Divans d.o.o.” perciò abbiamo ideato nuove aziende nel campo tecnologico dei droni. Ciascuno di noi ha ideato il logo, lo slogan, ha aperto una pagina Padlet dove settimanalmente carichiamo i materiali inerenti alle nostre aziende come le offerte speciali, il catalogo dei prodotti, l’organigramma dirigenziale. Inoltre, carichiamo anche materiali promozionali per la materia Marketing, abbiamo dei testimonial d’eccezione e delle guerilla pubblicità d’impatto. III ec. e la prof.ssa Jasmina Sošić All'inizio è stato un po' difficile abituarsi alla situazione. Ciononostante, grazie a varie attività (svolte su diverse piattaforme interattive come Word art e Prezi che la prof. di lingua croata ci ha preparato, e alla sua costante disponibilità, è stato più semplice adattarsi a un brusco cambiamento come questo. Ana Marić, IV tecnico fisioterapista Durante le lezioni online ho usato perlopiù programmi online come Coggle e Prezi per creare mappe mentali, presentazioni e lavori di ricerca. Anche se sembra che noi giovani siamo abituati ad utilizzare la tecnologia, questo metodo di insegnamento era complicato anche per noi. Stare tantissime ore davanti allo schermo non ha facilitato le cose. Il lato stressante era quello di dover fare i compiti e consegnarli in tempo, soprattutto perché ci venivano assegnate molte più attività del solito. Questa è sicuramente stata un'esperienza diversa che ci ha dimostrato che c’è sempre una via d'uscita nelle situazioni non favorevoli. Karla Šverko, IV liceo generale 117


Le lezioni di croato concernenti la didattica a distanza hanno di gran lunga superato le mie aspettative: con un metodo di lavoro nuovo, volto all’interessamento di noi alunni agli argomenti specifici di letteratura e grammatica, la nostra professoressa è riuscita nell’intento di farci interessare a tali argomenti. Ciò è stato possibile grazie all’utilizzo di diversi programmi e piattaforme per la didattica on-line, presentazioni, video, quiz ed esercizi specifici. Ci siamo cimentati nell’interpretazione di testi letterari, li abbiamo analizzati insieme, in modo da aiutarci e stimolarci a vicenda, trasformando l’insegnamento in un qualcosa di molto più vicino a noi, e per alcuni versi, più semplice. Nicole Oblak, IV liceo generale Mi sono divertita molto a fare la videolezione di erbe medicinali su "Salvia officinalis - decotto di savlia", perché facendo ricerche su vari siti web oppure nei libri di erbe curative si apprendono molte cose che prima non si conoscevano. È stato divertente e creativo fare un video simile di italiano per ripetere le lezioni su Ugo Foscolo. I programmi che ho utilizzato per realizzare i video sono: Powerpoint - per creare la presentazione e filmare il parlato, Wondershare filmora - per editare tutto il video con la musica, Youtube - per cercare la musica di erbe medicinali oppure il video per italiano del sonetto "A Zacinto" di Ugo Foscolo.

SMSI

Laura Popović, III estetista medico Durante le lezioni online di croato ho imparato e capito molto, senza difficolta o ostacoli. L'insegnante spiega in modo preciso e sintetico, senza doversi spiegare più volte. Sono molto contenta dei miei risultati grazie alle lezioni e alle varie videoconferenza che facciamo con l'insegnante, perché mi ispirano ad andare avanti e a fare del mio meglio fino alla fine. Iris Bolšec, II liceo generale La libertà che la professoressa di croato ci ha dato nella scelta delle poesie di Nazor è stata rivelatrice perché ho potuto scegliere quelle che sentivo rivolgersi a me. Era pure piacevole e divertente esprimere il sapere acquisito tramite diversi programmi interattivi che hanno reso lo studio molto dinamico. Il nesso connettivo che la professoressa ha creato tra un'epoca lontana e i nostri giorni è stato geniale nella poesia " Jur nijedna na svit vila" - qualcosa di estraneo e lontano come la donna descritta da Lucić mi è diventata comprensibile dopo che ho letto i versi esilaranti di Paljetak. La prof.ssa ci ha avvicinato e reso apprezzabile in questo modo qualcosa che altrimenti ci sarebbe rimasto remoto e vago. Noa Ettinger, I liceo generale Ľapplicazione è interessante perché ci sono molte funzioni che sviluppano la creatività di chiunque voglia usarla. È facile da usare e scrive (nelle indicazioni quando tieni sulľicona il cursore del mouse) più o meno tutto. Ľunica cosa che mi è voluta un po' è il salvataggio. È molto semplice caricare ed esportare foto (cosa fantastica). Giulio Battista Uggeri Michelini, I liceo generale 118


Il lavoro a distanza all'inizio era del tutto nuovo ma anche divertente. Mi è servito del tempo per capire come funziona e come risolvere i problemi con l’Internet. Con il passare del tempo mi sono organizzato. All’inizio risolvevo subito i compiti, a volte sbagliando, perché avevo paura di non riuscire a fare tutto in tempo. Poi ho iniziato a risolvere tutto con calma perché così mi concentro di più e faccio tutto meglio. I miei insegnanti sono molto bravi e disponibili, ci sono sempre, non mi mettono fretta e per questo li ringrazio. Non cambierei niente delle lezioni a distanza, l’unica cosa che mi manca è la normalità.

Quest’anno scolastico è stato molto particolare. Abbiamo iniziato il nostro percorso tra i banchi di scuola e adesso lo stiamo concludendo online. Per noi alunni, come per gli insegnanti, è stato un grande shock. Trovarsi d’un tratto davanti ad un computer a fare lezione non è stato per niente facile. Ci siamo dovuti tutti quanti adattare un po’. E se per alcune materie è stato abbastanza semplice procedere con l’insegnamento e la valutazione, per una materia come matematica è stato abbastanza complicato. Capire gli esercizi e le spiegazioni in questo modo ‘virtuale’ ha rappresentato per molti una grande sfida, anche se non sono mancate quelle lezioni applicative e creative che ci devono essere per far capire agli alunni che la matematica è un qualcosa di concreto e che possiamo dimostrare. Quest’anno abbiamo trattato la geometria analitica e tra le numerose figure che abbiamo visto, ne abbiamo conosciuta una in particolare: l’ellisse. La professoressa, dopo averci fatto un’introduzione, ci ha chiesto di fare un breve video nel quale eravamo chiamati a disegnare la figura dando noi stessi le spiegazioni su come procedere. Per me è stato un compito molto stimolante e diverso, in quanto ho potuto immergermi in un qualcosa di nuovo lasciando spazio anche alla mia creatività. Sono stata molto soddisfatta del risultato. Tutto sommato, abbiamo avuto una dimostrazione pratica che ci ha aiutati a capire meglio ciò che stavamo trattando. Gaia Banko, III liceo generale Le ore di lingua croata durante questi due mesi di lezioni online erano interessanti e inovative. Ogni ora potevamo aspettarci qualcosa di nuovo e diverso. Con le indicazioni della professoressa, sempre presente e pronta ad aiutarci avevamo la possibilità di usare dei programmi per lo studio online. Alcuni dei programmi che abbiamo utilizzato sono Prezi, PowerPoint, WordArt, Padlet e altri ancora. Inoltre, abbiamo ripetuto e ripassato i contenuti acquisiti con vari quiz in Google Forms e Quizizz. Le lezioni online sono state utili per vedere che si può studiare e imparare in modo diverso da quello che siamo tutti abituati. Chiara Ferrara, IV liceo generale Le lezioni di matematica online sono state sempre chiare, interessanti e non troppo impegnative. È stato anche molto interessante imparare ad usare un nuovo strumento digitale, GeoGebra, un programma di geometria dinamica, grazie al quale siamo riusciti a svolgere anche le lezioni di geometria senza nessun problema e soprattutto in un modo molto divertente. Nonostante le difficoltà di questo momento, l'insegnante è riuscita in questo modo a insegnarci della cose a noi completamente nuove quasi giocando. Lana Jeremić, I liceo generale 119

SMSI

Simone Žufić, II commessi


IV LICEO GENERALE Cari Maturandi, il concetto di maturità nell’accezione comune è inteso come l’età intermedia tra l’adolescenza e la vecchiaia, un arco temporale esteso e non ben definito durante il quale l’individuo sviluppa intellettualmente e moralmente una visione alquanto completa della vita e del sapere in tutti i loro aspetti e sfaccettature. Per definire l’inizio della maturità, è stato creato uno strumento oggettivo che si esprime attraverso il percorso scolastico, in grado di valutare l’educazione, le competenze, le abilità, il relazionarsi con gli altri e il mondo, la preparazione e la prontezza di una persona a travalicare, appunto, un confine “imposto”, non sempre condiviso e accettato dalla indiscutibile peculiarità che caratterizza ognuno di noi.

SMSI

Tuttavia, anche Voi, siete passati attraverso tale Sistema, lo avete attraversato con serietà e responsabilità, talvolta con impazienza e insofferenza, a momenti con leggerezza, oppure con intolleranza, qualche volta avete semplicemente permesso, malvolentieri, che qualcuno o qualcosa vi guidasse al posto vostro, sul Vostro sentiero della Vita. In questo cammino vi abbiamo accompagnato noi docenti, ognuno con la propria coscienza e con il proprio retaggio derivanti da percorsi simili al vostro, ma non uguali, di altri tempi, quando nemmeno si poteva immaginare una società umana interconnessa da una “rete” in cui l’ambiente fisico sarebbe stato soppiantato da quello virtuale. La Nostra sfida maggiore è stata, e lo sarà sempre, trasmettervi in modo adeguato e incondizionato il bene immateriale più prezioso; il sapere e la conoscenza. Nell’intento, siamo stati aiutati dai vostri genitori che hanno dimostrato un elevato grado di considerazione e attenzione nei confronti della nostra professione; la loro vicinanza è stata fondamentale soprattutto nel diffondere tra l’opinione pubblica quanto sia importante e imprescindibile il ruolo dell’educazione e dell’insegnamento nella società. L’augurio più sincero che mi sento di esprimervi per l’avvenire è di perseverare su quanto vi distingue dagli altri, di non uniformarvi intellettualmente, bensì di offrire ai vostri famigliari, amici, e ai vostri futuri colleghi di lavoro l’insita soggettività che vi rende unici. BUON FUTURO!

120

Il Vostro Capoclasse Daniele Suman

Daniele Suman prof. mentore capoclasse


Nikea Cafolla

Aleksandar Fatorić

Chiara Ferrara

I may be the one walking away but you're the one who's leaving.

Work hard, play hard.

Il dovere di provarci, l'onore di riuscirci.

SMSI

Alessandro Cafolla

Nicole Oblak

Karla Šverko

Alysia Maria Walker-Gudelj

“Prendete la vita con leggerezza, che leggerezza non è superficialità, ma planare sulle cose dall’alto, non avere macigni sul cuore.” (Italo Calvino)

Fai della tua vita un'opera d'arte.

Take care of all your memories. For you cannot relive them.

121


IV PERITO ALBERGHIERO - TURISTICO Cari ragazzi! Sono già trascorsi quattro anni da quando vi abbiamo incontrato e abbiamo iniziato ad accompagnarvi nell’avventura della scuola. Vorrei salutarvi uno ad uno, per la vostra simpatia, per la vostra carica, per le vostre personalità così come sono - uniche. Vorrei ricordare anche tutti coloro che hanno iniziato l’avventura insieme a noi e che, in un modo o nell’altro, non hanno proseguito la strada fino in fondo. Gioie e tristezze, soddisfazioni e fatiche, momenti di crescita e cadute, speranze e timori, non sono mai mancati, ancor più quando si avvicinano alcune prove come l’esame di Stato o la scelta dell’università.

Gorana Višković Orbanić prof.ssa capoclasse

SMSI

Qualcuno sarà soddisfatto, qualcun altro deluso. Purtroppo questo accade nelle prove della vita. Ma non sentitevi delusi perché la vostra personalità ed il mistero del vostro essere non sono racchiudibili in un voto. In ogni momento c’è una scelta e vi auguro di essere i protagonisti delle vostre, sia che si tratti di università, sia che si tratti del mondo del lavoro. Buona fortuna!

122

La vostra capoclasse

Manuel Bilajac

Noel Kopitar

Chiara Lukež

Antonio Macan

Mai aperto libro.

Thank you Bob Khan!

La corona mi ha fregato.

La vita è come una commedia: non importa quanto è lunga, ma come è recitata.


Michele Mottica

Alberto Pokrajac

Jon Tanushi

La vita cambia continuamente e sta a noi abituarci.

Da domani smettero di rimandare le cose a domani.

Siamo liberi.

Non sapevo che durasse 5 anni.

SMSI

Leandro MalusĂ

Matteo Venier

Alex Zaharija

Il minimo indispensabile.

Cheaters never win, but I just graduated.

123


IV TECNICO FISIOTERAPISTA Lara, Ana, Gaia, Matteo, Jan e Carlo, ricordo come fosse ieri il vostro primo giorno nella nostra scuola. Quei ragazzi determinati a realizzare i loro obiettivi e consapevoli delle difficoltà che li aspettavano. Durante questi anni avete dimostrato pienamente di non temere le sfide della vita e di essere pronti a fronteggiare qualsiasi ostacolo sulla vostra strada. Avete fatto pienamente brillare le vostre doti, e al tempo stesso, non vi siente mai tirati indietro nel momento di affrontare e superare i vostri limiti. In moltissime occasioni avete reso orgogliosi me e tutti i vostri professori, la Preside e certamente i vostri genitori.

SMSI

Anche negli ultimi mesi, in questo periodo storico significiativo per tutto il mondo, avete dimostrato di possedere qualità indispensabili per fronteggiare la vita nel modo giusto: resilienza, disciplina, consapevolezza, flessibilità ma anche ottimismo e uno spiccato senso dell’umorismo (che non guasta nemmeno nei periodi più difficili). Vi prego, continuate sempre a forgiare il vostro carattere, utilizzando sia le vostre virtù che i vostri limiti come accessori indispensabili per crescere e realizzarvi, implementando gli uni, e superando gli altri. Cari miei ragazzi della quarta fisio, siete e sarete per me come le rose di Atacama che fioriscono nel deserto salato al confine tra Cile e Perù che fioriscono una volta all’anno, e per una sola notte. Vedere questi fiori talmente rari è un priviliegio, e così è stato per me accompagnarvi in questi quattro anni. Vi auguro una buona vita!

124

Gordana Ivanišević Ninčević prof.ssa capoclasse


Ana Marić

Gaia Paljuh

Matteo Sergio Pozzi

Never spent so long on a losing battle

Time you enjoy wasting, was not wasted.

I started high school with straight A's, now I'm not even straight.

Mutato nomine de te fabula narratur.

SMSI

Lara Kercan

Jan Škaberna

Carlo Žužić

"I would rather be stricken blind, than to live without expression of mind." (Tupac Amaru Shakur)

"It is a shame for a man to grow old without seeing the beauty and strength of which his body is capable." (Socrates)

125


Profile for SMSI Rovigno

ANNUARIO DELLE SCUOLE MEDIE DELLA CITTA' DI ROVINJ-ROVIGNO/GODIŠNJAK SREDNJIH ŠKOLA GRADA ROVINJ-ROV  

ANNUARIO DELLA TALIJANSKA SREDNJA ŠKOLA-SCUOLA MEDIA SUPERIORE ITALIANA ROVINJ-ROVIGNO

ANNUARIO DELLE SCUOLE MEDIE DELLA CITTA' DI ROVINJ-ROVIGNO/GODIŠNJAK SREDNJIH ŠKOLA GRADA ROVINJ-ROV  

ANNUARIO DELLA TALIJANSKA SREDNJA ŠKOLA-SCUOLA MEDIA SUPERIORE ITALIANA ROVINJ-ROVIGNO

Advertisement