Issuu on Google+

UPER SETTE

1 Lunedì 18 Febbraio 2013 n. 18

Settimanale di informazione a cura della cl. III E - Scuola Media Statale di Crosara

CYBER BULLI, TERRORE DEI RAGAZZINI di Crestani Filippo, Lunardi Gianluca, Morello Gioele, Luiselli Gloria

Arrivano i “cattivi” di nuova generazione: dimenticate i tipacci che rubano la merenda e tormentano con scherzi crudeli i più deboli della classe. Oggi i prepotenti fanno gruppo sui Social Network, si nascondono dietro l'anonimato dei nickname, aggrediscono la vittima via sms, chat e forum Li chiamano cyber bulli, sono loro il pericolo numero uno. Stando ad un'indagine, il bullismo è avvertito dai giovani come il maggior pericolo del loro tempo, più della droga, delle molestie da parte di adulti e delle malattie sessualmente trasmissibili. I motivi per i quali si è presi di mira? Le caratteristiche fisiche, la timidezza, l'essere considerati brutti, per le ragazze, l'orientamento sessuale, l'essere straniero e persino la disabilità. Meno importante è l'orientamento politico o religioso. Il bullismo ha radici nelle relazioni reali e rinforzo in quelle virtuali. La maggior parte dei ragazzi afferma che quando una persona viene presa di mira lo è ovunque nel mondo reale e virtuale.

A TREDICI ANNI LUCE DALLA TERRA… di Pivotto Valentina, Viero Federica, Lunardi Ilias, Sciessere Joshua

L’astronoma Coutney Dressing ha spiegato che il “pianeta Gemello” potrebbe trovarsi a 13 anni luce da noi. Abbastanza vicino da sognare una missione per raggiungerlo, anche se i 120 mila miliardi di chilometri da superare sono al momento un passo troppo lungo per le nostre gambe. La Nasa ha stimato che i corpi celesti potenzialmente abitabili da forme di vita intelligenti o meno potrebbero essere decine di miliardi. I dati inviati dalla sonda Keplero ci fanno sapere che una nana rossa su sei è accompagnata da un “cugino della Terra”. Una delle sonde spaziali in progettazione James Webb potrebbe darci informazioni sull’atmosfera, la temperatura e la composizione chimica di questi mondi potenzialmente

MINUTE MAID: UN MARCHIO DI PUNTA di Parise Leonardo, Demirovski Rejhan, Soardi Alberto

Il marchio “minute maid” è il perno di tutta la strategia della Coca-Cola per sfondare nel difficile mercato dei succhi di frutta. Il marchio è stato fondato a Sugarland nel Texas nel 1945, ma la casa di Atlanta lo acquistò nel lontano 1960 e lo ha portato progressivamente ad essere un colosso nel suo settore, con 2 miliardi di dollari di fatturato. In tutti questi anni la Coca-Cola ne ha ampliato l’attività, passando attraverso un’infinità di succhi. Ma solo negli ultimi anni, grazie alla creazione della sotto marca Simply Orange nel 2001, l’azienda ha spinto particolarmente sul succo di arancia pura. Il prodotto di punta si chiama appunto “pure squeezed” ed è ricavato da arance per il 30% provenienti dalla Florida e le altre per lo più dall’America Meridionale. Il prodotto di punta da noi è dal 2001 un succo vitaminico al gusto limonelime, un mix dissetante in bottigliette da mezzo litro. abitabili. E’ necessario che il pianeta sia schermato da un qualche tipo di atmosfera, perché le nane rosse hanno un carattere particolarmente irascibile e periodicamente lanciano nello spazio getti di luce ultravioletta in grado di distruggere ogni forma di vita. Le nane rosse sono infatti stelle più piccole, ma più longeve rispetto al nostro Sole (che è una nana gialla). Il lavoro di Keplero d’altronde richiede una pazienza da amanuense, nonostante il livello di tecnologia presente a bordo. Il telescopio sceglie un gruppo di stelle in una sezione della galassia e le esamina per un certo periodo di tempo. Dagli studi di Keplero e dei suoi processori sono infatti spuntati pianeti con due Soli. O atmosfere talmente torride e pesanti da far piovere rubini e zaffiri. Ci sono pianeti con un cuore di carbonio a pressione tanto alta da trasformarsi in diamante. Altri al contrario sono così leggeri da essere composti solo da vapore. In sedici mesi, Keplero ha trovato circa 2400 pianeti gemelli della Terra, di diverse dimensioni.


2

SUPERMERCATI A ROMA di Parise Leonardo, Soardi Alberto, Demirovski Rejhan

Più di 3000 volontari domani sabato 02 marzo 2013 accoglieranno i clienti di 300 supermercati di Roma e Lazio invitandoli ad acquistare prodotti alimentari da donare ai più bisognosi. Si tratta della raccolta di “alimentare di solidarietà”, organizzato dal Banco Alimentari di Solidarietà finalizzato a raccogliere generi alimentari e prodotti per l’igiene personale da devolvere a 450 enti cui si rivolgono 150 mila persone in difficoltà economica.

LA LOTTA PER SALVARE IL MAIS di Busa Consuelo, Faccio Leonardo, Chilla James

I contenitori di cereali che si innalzano come cattedrali tra il Veneto, l’ Emilia e la bassa Lombardia nascondono un dramma : più di 20 milioni di quintali di mais, almeno un terzo della produzione dell’anno scorso, sono stati inquinati da un fungo, l’Aspergillus flavus . E’ un fungo che provoca danni in grado di indurre fenomeni che causano la morte delle cellule e provocano il cancro . Una massa enorme di mais malato e pericoloso rischia dunque di mettere al tappeto i coltivatori che non riescono a farsi pagare il prodotto e rischiano di non avere i soldi per le prossime semine. Nell’ultimo anno secondo un’analisi, la produzione di mais è passata da 97,5 milioni a 78,9 milioni . La presenza dell’Aspergillus è stata provocata dalla sic-

La riscossa della tisana elisir di lunga vita di Parise Leonardo, Soardi Alberto, Demirovski Rejhan

In Italia le bevono 9.5 milioni di persone.Come si prepara una tisana?1) bollire l’acqua in una teiera. 2) aggiungere un cucchiaio di composto di foglie d’erba per ogni persona. 3) lasciare in infusione per 3-5 minuti. 4) dolcificare, preferibilmente con il miele. Quando berla? Per godere gli effetti positivi di un composto di erbe, bisogna assumere una tazza di tisana 3 volte al giorno, almeno per 3 settimane. Ecco tutti gli effetti benefici: l’ABC delle erbe. Bardana:

cità, che nel 2012 per 80-90 giorni ha colpito le piante di mais, che crescono e maturano in 140 giorni . Tutti i cibi a base di mais: come polenta , olio, corn flakes , ma anche il latte e le carni degli animali nutriti con i cereali tossici sono pericolosi .

purifica la pelle; Betulla: riattiva il drenaggio linfatico; Biancospino: toccasana conto lo stress, rilassa i nervi; Cardo mariano: contrasta i disturbi di origine epatica e pulisce il fegato; Centella Tarassaco: serve per agevolare la diuresi e l’eliminazione dei liquidi; Carciofo: abbassa il colesterolo, favorisce la diuresi e la secrezione biliare; Equiseto Gramina e Ortica: purificano le vie renali, urinarie e depurano l’organismo; Fucus: sveglia il metabolismo e riduce gli accumuli di adipe; Gambo di Ananas: antiinfiammatorio, stimola l’eliminazione dei liquidi in eccesso; Ginko Ippocastano tonificano i capillari rendendoli meno fragili; Lavanda Melissa: hanno proprietà riequilibranti sull’umore e sul sistema nervoso; Ortica: depura il fegato, le vie biliari, i reni. Contiene oligoelementi e vitamina C; Pungitopo: stimola la diuresi, elimina tossine. La novità del momento: la tisana al radicchio travisano!


3

CINGHIALI, LUPI E CERVI COSÌ GLI ANIMALI SELVATICI INVADONO LE NOSTRE CITTÀ di Busa Consuelo, Faccio Leonardo, Chilla James

I lupi erano cento agli inizi degli anni Sessanta adesso sono più di mille. Buone notizie per la tutela della biodiversità, che però si accompagnano a quelle pessime di attacchi all’uomo, vigne e coltivazioni distrutte (50 milioni di euro di danni solo nel 2012), pecore sbranate, incidenti stradali. Perché quando l’animale selvatico si avvicina alla città non finisce sempre bene. In Toscana, regione con la maggiore presenza di ungulati in Europa, i 150 mila cinghiali e i 140 mila caprioli hanno causato 20 milioni di euro di danni a colture e allevamenti dal 2005 al 2010, e ben 3290 incidenti stradali. A Camporgiano in Garfagnana il 21 gennaio un pastore ha dovuto assistere imponente alla carneficina del suo gregge di pecore, attaccato da quattro lupi. Sui colli bolognesi è notizia di pochi giorni fa, un uomo di 62 anni è stato azzannato da un cinghiale. A Berlino il 30 ottobre 2012 un cinghiale attacca e ferisce due persone nel quartiere di Charlottemburg. A Londra il 5 febbraio2013 un cinghiale arrivato in città attacca e ferisce in modo non grave un cacciatore che stava tentando di catturarlo. A Londra il 10 febbraio una volpe entra in casa e trascina un neonato di 4 mesi fuori dalla culla, ferendolo gravemente alla mano.

META’ DEI LAUREATI CAMBIANO CITTA’ di Pivotto Valentina, Lunardi Ilias, Viero Federica, Sciessere Joshua

I laureati italiani non sono schizzinosi né indolenti. Chiedendo a 5.730 neolaureati se sono stati disponibili a trasferire la propria residenza in un’altra città o accettare lunghi trasferimenti casa-lavoro, il 53 % ha mostrato un’adattabilità elevata con picchi superiori alla media tra gli uomini (63%), gli ingegneri (60%), i residenti al Centro Sud (60%, dieci punti in più rispetto al nord), gli autonomi (60%) e i lavoratori precari (60%). Il 54% degli alunni ha svolto uno stage in Italia, il 9 per cento all’estero. Nei programmi di studio fuori confine primeggiano, ovviamente, i laureati in lingue: uno su cinque. Più diffusi gli stage in patria, frequentati da psicologi, gli architetti e gli autori di studi politici e sociali. L’attivismo universitario consente un guadagno netto superiore; 1.381 euro contro 1.263.

Lingue di Fuoco

IL TEMA

GLI OCCHI di Sciessee Jshua

di Sciessere Joshua Oggi in classe abbiamo svolto un tema. Anche se la prof ci aveva avvisati che l’argomento era la vita e le opinioni di Leopardi, comunque non è stato molto semplice formulare sia la brutta copia che i punti principali con cui si doveva mettere a confronto le mie idee con quelle pessimiste di Leopardi. Ma il vero problema non era questo, ma mettere dentro le emozioni che provoca la felicità. Io non sono abituato a scrivere delle mie emozioni, e così è stato un po’ difficile descriverle.

Se ci si ferma e si guardano gli occhi delle persone, si può capire cosa stanno provando in quel momento: gioia, tristezza, amore, passione, paura, indifferenza... Normalmente i bambini sono più gioiosi, rispetto agli adulti, che a loro volta sono più indifferenti dei ragazzi. Le persone si sbagliano quando dicono che le emozioni si “sviluppano” in base agli avvenimenti. A mio parere si è tristi o spensierati in base alla felicità che uno dona agli altri. Una specie di reazione a catena, la felicità si trasmette da persona a persona, da uomo a donna.


4

IL LAVORO

L’ACR

di Parise Leonardo Di lavoro in Italia non ce ne soprattutto per i giovani, ma cosa fare? Io manderei in pensione le persone che hanno 55 anni lasciando posto ai giovani che devono costruirsi un futuro, e che hanno bisogno di soldi per mantenere la famiglia, mentre quelli più anziani che si sono già costruiti un futuro bisognerebbe lasciarli a casa per far posto ai giovani. Ma dipende anche se ci sono soldi … staremo a vedere!

LA FELICITÀ di Rejhan Demirovski Là felicità, non è lei che verrà a cercarti. Anche se trovi la felicità in qualche persona, prima o poi finisce che se ne andrà. E quello che se ne va, non torna più, di solito. E allora io mi chiedo: dove potrei cercare la felicità se negli oggetti e nelle persone non c’è? Nelle cose che succedono quotidianamente? Sì ma quando una giornata comincia ad andare storta, mi sembra che niente la possa aggiustare. Ma dopo il brutto tempo viene anche il sereno. La felicità si può trovare in tutto, ma la devi cercare. Essa è condizionata anche dalle persone che ti stanno attorno, da come ti trattano. Puoi esprimere i tuoi sentimenti anche con la musica. A volte mi viene voglia di tornare indietro per cancellare lo sbaglio che ho fatto. Ma purtroppo non si può e perciò bisogna rimediare agli errori compiuti in altri modi. A volte non si può rimediare, bisogna tirare avanti come si può.

di Crestani Filippo Il gruppo Acr è chiamato anche “Gruppo Aurora”; è nato circa 20 anni fa. Il gruppo Aurora è formato da un uomo di nome Mirco, che ci fa da maestro con il sacerdote di San Luca e Crosara. Lo scopo di questo gruppo è di creare un ritrovo per i giovani, per restare insieme e riflettere sulle cose veramente più importanti per una amicizia o per la vita.

LA RIFLESSIONE di Sciessere Joshua La riflessione è una cosa molto utile. Anche se da subito sembra una rottura, dopo un po’ di tempo, ti accorgi che non è così. È un pensiero dove bisogna tirar fuori emozioni e sentimenti. Bisogna aprire il cuore al mondo. Al mondo perché, per comunicare con tutti, bisogna esprimersi in modo che la gente colga le tue emozioni. Chi legge deve quasi sentirsi al posto di chi scrive.

COSA VOGLIONO DA ME? di Rejhan Demirowsky

LA NEVE

di Morello Gioele La neve= tranquillità. È una parola che porta allegria, tranquillità, spensieratezza, senso di pulito, candore e gioia… insomma porta sentimenti positivi! Con la neve viene cancellata la vita frenetica: correre, guardare sempre l’orologio, essere agitati perché non si è puntuali. La neve ci porta anche alle abitudini della vita passata, perché si va a prendere il pane a piedi, si fa una passeggiata. La neve sembra che scacci via anche i pensieri più brutti della vita: la crisi! Perchè vedere la neve è una cosa rara, allora per un momento si può sognare e fantasticare. Camminando su questo soffice manto, mi sembra di passare su un letto di piume. Quando guardo dietro di me, vedo le grandi impronte che lascia il mio enorme piede e poi vedo le impronte del mio coniglio e mi fanno ridere perché sembro un orso affamato che voglio mangiare un tenero coniglio!

LA NEVE

di Sciessere Joshua La neve è segno di tranquillità, di dolcezza, di amore e di... ripetizioni. È già nevicato 4 volte, e non accenna a smettere. La neve cade e cade, e continua a cadere. E come i corvi, più cerchi di mandarla via e lei più insistente ritorna. Hanno previsto neve anche per sabato sera, ma speriamo che nevichi poco. Crea solo disagi, rallentamenti e impossibilità di muoversi. Un lato positivo delle impossibilità di muoverci c'è: il pulmino non arriva, o, arriva con un ritardo terribile.

Tutti voglio qualcosa da me, ma io vorrei da loro solo che si facessero gli affari loro. C’è sempre qualcuno che dice “ non hai il coraggio di fare quello e questo”, come se lui ce l’avesse il coraggio di farlo. Io vorrei rispondergli “ma fatti una vita, e non rompere l’anima alla gente”. Per ogni cosa che faccio tutti mi criticano, come se loro facessero sempre la cosa giusta. E allora se tutti si fanno gli affari miei, io mi farò gli affari loro, e ogni loro sbaglio sarà una buona scusa per criticarli. Ci sono giorni in cui rido alle critiche che mi fanno e altri in cui mi arrabbio. Ma la rabbia passa con ore ad ascoltare musica. La musica fa calmare e tranquillizza. Pensando ai bei tempi trascorsi torna il buon umore, e tutta quella rabbia svanisce come se non fosse successo niente.


supersette