Issuu on Google+

La pesca a mosca in Slovenia




I miei fiumi, i miei sogni Vacanze con gli amici

Entrate nei sogni. Entrate nella limpida figlia della montagna. Abbandonatevi, permettetele di svelarvi uno dei suoi più bei segreti. Lei, così vergine e giocosa, così affascinante: la trota marmorata.

Sapori del mare

Valle della So~a (Isonzo) 

Nell’abbraccio delle Alpi Giulie e delle loro pareti a precipizio, delle profonde valli e delle località dimenticate, troverete la bellezza, il vostro angolo di pace e tutto quello che vi aspettavate.

Ristorante Topli val

Piatti naturali, salubri e saporiti sono la nostra passione ormai dal 1976. Ristorante con cucina di tipo mediterraneo, nel quale il gusto del mare viene aggiunto alla cucina tipica locale.

Hotel Hvala****

È un albergo a conduzione familiare, insieme al famoso ristorante Topli val. L’albergo dispone di 31 camere con 61 posti letto, stanza per custodire l’attrezzatura per la pesca, posto per asciugatura, vendita di mosce per la pesca e permessi di pesca, sauna, ripostiglio per biciclette, noleggio biciclette, autonoleggio e punto informativo.

Hotel Hvala, Trg Svobode 1, 5222 Kobarid, Slovenia,Tel: 00386 5 38 99 300, Fax: 00386 5 38 85 322, e-mail: info@hotelhvala.si, www.hotelhvala.si


1

Slovenia

2

3 Baetis Fuscatus, foto: N. Stančeva 1 Sava Bohinjka, foto: J. Borišek 2 Tricottero sloveno; legatura di D. Štih, foto: I. Holy 3

1

La vostra destinazione per la pesca a mosca In una zona relativamente piccola, la natura ha benedetto la Slovenia con numerose curiosità e bellezze naturali. Alcune sono di fama mondiale. Lo stesso vale per le acque e per gli animali acquatici. Ormai il colore dei fiumi e dei torrenti, dalle varie sfumature del verde, caratterizzano l’aspetto delle valli, circondate dalle bianche cime delle montagne. Tra le rocce prevale il calcare che dona un aspetto particolare al paesaggio, la limpidezza nonché il bellissimo color verde alle acque. Grazie alla sua capacità di rigetto neutralizza gli effetti della pioggia acida e il pH dell’acqua è ideale, tra 7 e 8. La pesca è vecchia quanto l’umanità. La pesca sportiva organizzata in Slovenia vanta una tradizione secolare. È interessante che in Slovenia esistano fonti scritte sulla pesca a mosca praticata da queste parti, datate oltre cent’anni fa. Tra le prime mosche artificiali del mondo ce ne sono alcune che hanno origini nel nostro territorio. Molti pescatori a mosca conoscono la mosca artificiale di Behm che ha origine nella valle dell’Isonzo (Posočje). La pesca a mosca nella nostra zona geografica, all’origine era destinata alle varietà di trote e al temolo. Oltre a questi pesci ogni tanto veniva pescato con la mosca un cavedano o un piccolo salmone. Negli ultimi decenni la pesca a mosca si è adattata alla gran parte dei pesci che vivono nelle acque slovene. Ormai nel 1980, gli autori del primo libro sloveno sulla pesca a mosca, intitolato “Tutti i pesci si possono pescare con la mosca“ hanno descritto alcune specie, finora non trattate come adatte alla pesca a mosca. Allora si dubitava della possibilità di pescare con la mosca artificiale il barbo, la carpa, l’amur e qualche altra varietà simile: oggi questo è un fatto assodato. Vari articoli descrivono una serie di pesci, fino a poco fa considerati non adatti alla pesca a mosca. Lo sviluppo inaspettato della pesca a mosca, soprattutto nella “terza dimensione“, quindi con la ninfa, la gamma dei pesci adatti si è allargata eccezionalmente. Oggi così posiamo praticare la pesca a mosca e pescare in questo modo pesci in tutte le acque slovene: torrenti, fiumi, stagni o laghi. La pesca a mosca e le varietà ittiche legate a questa tecnica di pesca nelle acque limpide e in ambienti puliti, sono una grande attrazione per gli ospiti pescatori. Nell’Europa centrale, l’accento viene dato sulla pesca alla trota e al temolo nei fiumi. Causa interventi nell’ambiente, in Europa sono sempre meno le acque che vantano flussi naturali. L’equilibrio naturale nella gran parte dei corpi acquatici è stato distrutto. Tante popolazioni ittiche, soprattutto quelle più richieste tra i pescatori, sono in diminuzione. In molti ambienti urbanizzati avviene solo la pesca alle varietà ittiche introdotte. Sono perciò più stimate le acque dove gli interventi umani sono relativamente scarsi. Questo vale anche per il pesce, soprattutto per le varietà autoctone. Per fortuna, la Slovenia vanta un paesaggio relativamente ben conservato, con acque pulite, popolate dalle varietà selvatiche di pesci. E pesci non solo popolano le acque, ma grazie all’economia adeguata si riproducono, senza il ripopolamento. Questo vale anche per le varietà che richiamano i pescatori a mosca.




I fiumi e i laghi sloveni Le acque correnti della Slovenia appartengono a due bacini fluviali: dell’Adriatico e del Danubio (Mar Nero). Nell’ittiofauna dei due bacini troviamo tante varietà comuni, alcune però sono caratteristiche per un solo bacino. Il fiume principale del bacino dell’Adriatico è il fiume Soča (Isonzo) con i suoi tributari, nel bacino del Danubio invece lo è Sava con i tributari. La specialità più famosa del bacino fluviale dell’Adriatico è la trota marmorata (Salmo marmoratus) e negli ultimi tempi il temolo adriatico (Thymalus thymalus). Tra i rappresentanti più caratteristici del bacino fluviale del Danubio ci sono il salmone del Danubio (Hucho hucho), la trota fario (Salmo trutta fario) e il temolo (Thymalus thymalus).

I fiumi del bacino fluviale dell’Adriatico:

� � � �

������������

Pag. 6, 7 : Soča (Isonzo) Pag. 8 : Lepena, Koritnica, Nadiža (Natisone), Tolminka

AUSTRIA ������� � ������

�������� � ����� ��� � ��� � �

���������� � ������� ��

�� �

��

������ ��

��

��

��������� ������

�����

����������

� � ��

��������

����

��

�� �

������������

��

������� ������

�� ��

�����

����� � �����

��

��������

���� ��� �����

�������������

�������� � �����

���

Pag. 9 : Idrijca Pag. 10 : Bača, Trebuščica Pag. 12 : Reka (Timavo), Rižana (Risano)

I fiumi del bacino fluviale del Danubio:

��

���� � � �

� ���

��������� ��������

�������

���������

�����

���� ��

� ��

� �� � � ���



�� �

������

����� � ����� ������������

������� I T�������� ALIA

� ��

���

�����������

� �

� ��

��

������� �������

��

�����

�� ��

� ���� � ��

��

����

��

�������

������� ��� ����

�� � � �

Pag. 13 : Sava Dolinka Pag. 14, 15 : Sava Bohinjka Pag. 18 : Radovna Pag. 19 : Sava Superiore Pag. 20 : Tržiška Bistrica, Kokra Pag. 21 : Poljanska Sora e Selška Sora Pag. 22, 23 : Unica Pag. 24, 25 : Savinja e Dreta Pag. 26 : Meža Pag. 28, 29 : Krka, Radeščica Pag. 30 : Kolpa

��

������ �������

�����������

�� �

���

����

���

��� �

� ��

������� ���������� � �����

���������� ���

I laghi sloveni:

������

��

������

�������

�������

��������

��������

Pag. 35 : Lago di Cerknica (Cerkniško jezero)

������� �� ���

��������� ������

������

������

MARE ADRIATICO /

��������� ����� ����� � ������

������

����� � ����������� ���� ��

�������� � ���������

����������������

�������

����

����

������� �����

����

�����

������� � ����

���

������

��


U�N G�H�E� R A �� � �I � �������������� �������������� � �������

� �

�������� � �����

� ���� �� � � �� �

���������� ������

��������� �������

��

��

� ��

�����

�������

��������

�����

�������

�������

������

��������

� �

��

�� �

� �

�����



������� �������

�������

�������

��������� ������

������� �������

�������

� � � ��

������

���������

�������

����

����

���������

��������������

� ���

�����

�������

�������

��

���������

����

��

������

����������

� � ��� �� � �

�������

��������� �������

�������

�������

�� �� �

�������

��������

��� �� �

������

�� �

��������

������

� �� ��

�������

�� ��

�������

�����

������

����

��

���

��

��������� ��������

��

��

�������� �������

��

�����

��������� ������

����

������� ��

���� ��

�������

�����������

�����������

��

���

�����������

����

��

��

���������� � ���������

�������� ������

����

����

������ � �����

�������

� ����

����

������� ������

��

������ ����� ������� ���������

���������� ������

������

��

������ ������

��������������

�������

���������� ���������� � �������

�C R�O A � Z I�A � ����������


Popolazione ittica in Slovenia Nelle acque dolci slovene vivono 93 specie ittiche, di cui 33 protette. Sono interessanti per la pesca sportiva 25 specie che in gran parte si possono pescare anche con la mosca artificiale. La superficie delle acque slovene è di 12 mila ettari, di cui circa 4 mila sono acque a salmonidi, il resto sono acque miste o a ciprinidi. La gran parte appartiene al bacino fluviale del Danubio, un quarto sono le acque del bacino dell’Adriatico. Nell’ultimo si registrano alcune varietà autoctone che arricchiscono la diversità della popolazione ittica. Vediamo dapprima queste varietà di pesce, di solito ignote o meno note al pescatore a mosca.



Tra le varietà ittiche autoctone del bacino dell’Adriatico ha un ruolo particolare la trota marmorata, chiamata anche adriatica (latino Salmo marmoratus), la più grande rappresentante dei salmonidi. Le acque del fiume Isonzo (Soča) sono tra le rare acque, dove la sua popolazione negli ultimi tempi sia aumentata notevolmente. Settant’anni fa questo pesce era molto diffuso negli affluenti del Mar Adriatico: dal Po ai fiumi veneti e friulani, nell’Isonzo e nei suoi tributari, nel Risano, Timavo, nei fiumi dalmati, nei fiumi Neretva, Morača, Zeta, Bojana. Popolava persino il lago di Scutari e diverse acque albanesi. A causa delle attività antropiche si estinse quasi dappertutto. Era vicina all’estinzione anche nell’Isonzo. Nel 1982 fu iniziata l’attività di tutti i pescatori sloveni per la sua salvezza. Il risultato: nel flusso alto del fiume è stata ripristinata la popolazione della trota marmorata. Un processo simile è in corso nel flusso medio del fiume, dove la popolazione è prevalente e aumenta di anno in anno. Così la lunghezza media di una trota marmorata è di ca. 35 cm nel corso superiore e di 40 centimetri nel flusso medio del fiume. Ogni anno vengono pescate alcune trote che pesano da cinque a quindici chilogrammi. L’esemplare più grande è stato registrato nel 1997. La trota misurava 121 cm in lunghezza e pesava 25 kg. Oggi si può vedere impagliata nella hall dell’albergo Hvala a Kobarid (Caporetto). La trota marmorata popola anche altri fiumi del bacino fluviale dell’Adriatico: Idrijca, Bača, Vipava, Reka (Timavo) e Rižana (Risano), nei quali la sua popolazione è decisamente più piccola. Il procedimento di ripopolamento è in corso anche in queste acque, il numero al momento è sotto la soglia di autoconservazione. L’ibrido (trota marmorata incrociata con la trota fario) è frequente nei fiumi Idrijca, Bača, Vipava, Reka (Timavo) e Rižana (Risano). È presente dappertutto dove vivono le due varietà e dove ha luogo l’incrocio naturale. Nell’Isonzo gli ibridi, a causa di anni di intenso ripopolamento della trota marmorata e di eliminazione della trota fario, negli ultimi vent’anni sono diventati assai rari. I pesci hanno caratteristiche delle due varietà e si distinguono per un disegno marmorizzato più o meno intenso sul dorso e sulla testa nonché puntini rossi sui fianchi. Quest’ultimi hanno i bordi bianchi, come la trota fario. Possono raggiungere grandezze da trofeo, con peso di oltre dieci chilogrammi.

1

2


3

Il temolo isontino o adriatico è un pesce che non è (ancora) considerato come varietà, ma sembra che questa sia solo una questione di dibattito scientifico. Quarant’anni fa la sua popolazione nei fiumi Isonzo, Idrijca e Vipava era relativamente forte e si riproduceva da solo. Similarmente alla trota marmorata, la popolazione del temolo, a causa degli interventi e dei cambiamenti nell’ambiente calò o persino sparì (Vipava). Dal temolo “della Sava“, che vive nel bacino fluviale del Danubio e fu introdotto anche nel bacino fluviale dell’Adriatico, il temolo isontino si distingue per il colore e per il comportamento. Sono caratteristici di questo pesce il color il blu grigio del dorso e lo stomaco, giallo o bianco. Gli pterigi sono gialli, la pinna caudale grigia con una sfumatura giallastra nella parte inferiore. A differenza del temolo della Sava, il temolo isontino non è un forte combattente. Quando viene catturato di solito tira nella corrente del fiume e traballa con la testa verso il fondo. Solo eccezionalmente salta nell’aria; il salto è la caratteristica più apprezzata del temolo. Deposita le uova da fine marzo fino alla fine di aprile. Nei luoghi di deposizione delle uova si presenta simultaneamente al temolo della Sava. I suoi discendenti sono fecondi. Di solito è lungo tra 30 e 45 cm, ma può superare anche i 50 cm.

4 Temolo adriatico, foto: T. Šalej - Faletič Temolo, foto: B. Konc Trota marmorata, foto: L. Rejec Trota fario, foto: K. Istinič

1 2 3 4

Tra i salmonidi del bacino fluviale del Danubio, i pesci più interessanti per la pesca a mosca sono la trota fario e il temolo. I pescatori a mosca non hanno bisogno di presentazioni speciali per questi due pesci. La trota fario è molto colorata con numerosi puntini rossi, di solito con bordo bianco. Per quanto riguarda il temolo bisogna sottolineare la pinna caudale rossa o arancione, la striscia di color rosso scuro ai fianchi nonché la grande pinna dorsale a ventaglio, caratterizzata da una scacchiera di color rosso purpureo e blu. Bisogna inoltre rilevare che il temolo si distingue per una combattività straordinaria. Le sue fughe, e soprattutto i salti nell’aria, entusiasmano gli amanti della pesca a mosca artificiale. Oltre ai due pesci descritti, bisogna menzionare anche la trota iridea, che in Europa ha già il diritto di cittadinanza. Questo pesce sempre attivo spesso salva i pescatori nei giorni quando gli altri salmonidi non abboccano alle imitazioni di mosche offerte. La trota iridea, che ama saltare sulla mosca artificiale, è allo stesso tempo anche molto combattiva. E non ultimo, può raggiungere gli invidiabili 80 centimetri e più di lunghezza con un peso di sei, sette o persino più chilogrammi. In un numero più ristretto di acque incontriamo ogni tanto anche il salmerino di fonte. Questa trota canadese fu importata in Europa nello stesso periodo della trota iridea. Ingiustificatamente, rimane alla sua ombra, ma è attiva come trota iridea e anche quando è ferrata si difende bene. È vero però che non raggiunge le dimensioni della sua parente meridionale.




Soča (Isonzo)

2

1



Anche se la concorrenza tra le zone di pesca più belle e più ricche in Slovenia sia molto forte, il fiume Soča (Isonzo) senza alcun dubbio si piazza al primo posto in assoluto. Grazie al suo impareggiabile color smeraldo, la ghiaia bianca e il movimento serpeggiante lungo la valle, circondata dalle vette innevate delle montagne, con la sua bellezza stupisce tutti, non solo il turista che visita la valle dell’Isonzo per la prima volta. Pescare nelle sue belle acque color verde blu è un gran privilegio. E allo stesso tempo è una calamita che attrae tutti coloro che una volta hanno sguazzato per i bianchi greti della figlia della montagna, e indescrivibilmente li attira ai tonfani limpidi dell’indomito fiume. Dal villaggio di Soča nella Val Trenta a Tolmin si snodano 50 chilometri di fiume, più attraenti per la pesca a mosca. L’Isonzo quasi dappertutto è facilmente accessibile dalla strada che gli scorre accanto. Nel suo corso superiore, il fiume è veloce, impetuoso, con numerose rapide, canaletti e tonfani. In alcuni posti il fiume si fa strada attraverso brevi canyon o forre. Sotto il ponte di Napoleone a Kobarid, l’Isonzo si libera dal canyon lungo diversi chilometri, come fatto apposta per gli amanti della pesca nella natura indomita e nella solitudine. Da lì a Tolmin, le sue acque e i suoi versanti sono di nuovo accessibili ai pescatori a mosca. La stagione di pesca dura da aprile alla fine di ottobre. L’unica tecnica permessa è la pesca a mosca. I primi giorni di pesca nella valle, quando l’inverno non ha ancora dato l’addio, richiedono al pescatore molta pazienza. Ma poi viene riccamente appagato con numerose abboccate, quando il sole per un’ora o due illumina la valle e con ciò rivive il ricco mondo degli insetti ripari. Per chi è abile nella pesca a ninfa o con lo streamer, il successo nella pesca è possibile tutto il giorno. L’acqua con neve sciolta nei mesi di maggio e nei primi di giugno diminuisce un po’ l’attività dei pesci. È molto buona in questo periodo la pesca

3

4 1 Isonzo, foto: M. Ivanc 2 Isonzo, foto: I. Modic 3 Trota marmorata, foto: D. Jesenšek 4 Mosche; legatura di B. Gašparin, foto: I. Holy 5 Most na Soči, foto: I. Holy 6 Isonzo, foto: I. Modic


6

5

nei tributari: la Lepenjica, la Koritnica, la Tolminka e l’Idrijca con la Bača vantano un adeguato livello dell’acqua e le loro acque con neve sciolta si sono già spostate di molto. Il coup de soir con la mosca secca è lungo, di successo, e può protrarsi nella notte. Fine di giugno e tutto luglio di solito sono i periodi migliori per la pesca sull’Isonzo. Le trote si innalzano verso la superficie soprattutto dopo il tramonto del sole. Il temolo, però, è attivo tutto il giorno. Nell’Isonzo vive il temolo adriatico che non solo geneticamente, ma anche nel suo fenotipo, si distingue molto dai temoli che popolano le altre acque slovene. In media è lungo circa 40 cm, sebbene durante la stagione i pescatori registrano pescate di temoli lunghi anche 50 o più centimetri.

Il lago di Most na Soči Il fiume Soča (Isonzo) viene gestito da tre gestori: • dalla sorgente al ponte di Čezsoča: Zavod za ribištvo Slovenije (ZZRS) • t +386 (0)1 244 34 00, • e info@zzrs.si, • w www.zzrs.si; • dal ponte a Čezsoča alla confluenza con il torrente Vogršček: Ribiška družina (RD) Tolmin • t +386 (0)5 381 17 10, • e info@ribiska-druzina-tolmin.si, • w www.ribiska-druzina-tolmin.si; • dalla confluenza con il torrente Vogršček al Confine di Stato: RD Soča • t +386 (0)5 300 58 01, • e rdsoca@siol.net, • w www.ribiska-zveza.si.

La confluenza con il fiume Tolminka è l’ultima rapida nel corso medio dell’Isonzo. Giunge fino a qui, quando l’acqua è alta, la superficie del lago artificiale, lungo sette chilometri, di Most na Soči. Fino alla diga di Podselo, l’Isonzo è chiuso nello stretto alveo del bacino di accumulazione. Qui la pesca è possibile anche dalla riva, però il vero fascino e successo sono garantiti con la pesca dalla barca. La tecnica più comune è con la larva sulla lenza piombata. Per la pesca con lo streamer le ore migliori sono la mattina presto e la sera tardi. I giorni, o meglio, i minuti, quando è possibile anche la pesca con la mosca secca, sono rari. Il lago nella sua parte alta sopra Most na Soči è meno profondo e con la ninfa si possono raggiungere molti angoli nascosti. Qui i pesci più spesso raggiungono la superficie per cacciare gli insetti emergenti, compresi il cibo nell’aria, la mosca di maggio, la cavalletta e la formica ... Il lago è l’habitat di tutti i pesci isontini, compreso il temolo, che nel lago spesso raggiunge dimensioni record. Lo stesso vale per la trota marmorata. Le profondità verdi probabilmente nascondono altri pesci da trofeo, come ad esempio quello pescato nel 1995 che pesava 25 kg o quello di 22 kg del lontano 1938.




I fiumi Lepenjica, Koritnica, Nadiža e Tolminka La Lepenjica è il tributario sinistro dell’Isonzo nella Val Trenta. Anche se si tratta di un fiume per lo più poco profondo, esso vanta alcuni grandi tonfani, nei quali le trote si nascondono sotto le conche a precipizio. La pesca però è di successo anche durante la giornata. Pure con la mosca secca, controcorrente, dove nei piccoli tonfani le trote marmorate stanno in agguato per il cibo nell’aria. La Lepenjica è un corso d’acqua dove in qualsiasi tempo si può pescare la trota marmorata. Non da trofeo, ma abbastanza grande da appagare il desiderio dell’ospite pescatore di sedurre il bel pesce isontino con la mosca artificiale. Alcuni chilometri più in basso, da destra, l’Isonzo viene raggiunto dal fiume Koritnica. La sua parte inferiore è adatta alla pesca, dove però l’accesso è un po’ difficile, se paragonato con la Lepenjica. Nei tonfani, oltre alla trota marmorata, cacciano le ninfe e il cibo nell’aria anche i temoli adriatici. Molti sono i pescatori a mosca che proprio qui hanno pescato il temolo più grande della loro vita.

1

Per pescare nel Nadiža (Natisone), a Kobarid bisogna girare verso ovest, in direzione dell’Italia. D’estate il fiume è piccolo e caldo, ma nelle altre stagioni assume solide dimensioni. Il fiume è popolato da tutti gli importanti rappresentanti ittici dei fiumi isontini. Oltre alla trota anche il temolo.



Le forre di Tolmin (Tolminska korita) sono la curiosità naturale principale del fiume Tolminka che a Tolmin si unisce all’Isonzo. I tonfani, di un verde trasparente, sono l’habitat della trota marmorata e nella parte inferiore anche del temolo isontino. Il pescatore, per pescare nella parte superiore della Tolminka, deve sapere anche arrampicarsi, mentre nella parte inferiore, il fiume è facilmente accessibile.

2

I fiumi Lepenjica e Koritnica, in tutta la loro lunghezza, sono gestiti dall’Istituto della pesca della Slovenia (Zavod za ribištvo Slovenije – ZZRS) • t +386 (0)1 244 34 00, • e info@zzrs.si, • w www.zzrs.si. Il fiume Nadiža (Natisone), in tutta la sua lunghezza sul territorio sloveno, viene gestito dalla RD Tolmin • t +386 (0)5 381 17 10, • f +386 (0)5 381 17 11, • e info@ribiska-druzina-tolmin.si, • w www.ribiska-druzina-tolmin.si. Il fiume Tolminka viene gestito interamente dalla RD Tolmin • t +386 (0)5 381 17 10, • e info@ribiska-druzina-tolmin.si, • w www.ribiska-druzina-tolmin.si.

3

4


Idrijca

5

6

Il fiume Idrijca viene gestito da due gestori: • dalla sorgente al ponte di cemento di Stopnik: RD Idrija • t +386 (0)5 374 23 76, • e info@rd-idrija.si, • w www.ribiska-druzina-idrija.s5.net, • dal ponte di cemento di Stopnik fino alla confluenza con l’Isonzo: RD Tolmin • t +386 (0)5 381 17 10, • e info@ribiska-druzina-tolmin.si, • w www.ribiska-druzina-tolmin.si.

1 Tolminka, foto: I. Holy 2 Lepenjica, foto: M. Ivanc 3 Lepenjica, foto: I. Modic 4 Mosche; legatura di B. Gašparin, foto: I. Holy 5 Idrijca, foto: I. Holy 6 Trota marmorata, foto: M. Roggo 7 Mosche; legatura di S. Urbas, foto: I. Holy

Nei Monti di Idrija (Idrijsko hribovje) sorge il fiume Idrijca. Ben presto viene raggiunto dalla Belca e così il fiume diventa interessante per i pescatori a mosca. I tonfani di color verde chiaro nella sua parte inferiore offrono riparo a numerose trote fario e alle selvagge trote iridee. Negli ultimi tempi sono sempre più presenti le trote marmorate. Lungo il corso dell’Idrijca, fino alla città di Idrija, troviamo ben due importanti attrattive. Le chiuse di Idrija sono un monumento tecnico sloveno originale, di fama mondiale. Si tratta di uno sbarramento che nel passato serviva per il trasporto di grandi quantità di legno fino a Idrija. Il Divje jezero, sulla riva destra dell’Idrijca, è un lago carsico a sifone che viene alimentato attraverso una galleria profonda, non ancora interamente esplorata. Lasciando il laghetto, l’acqua scorre per la Jezernica fino all’Idrijca. La Jezernica, con il suo corso di 55 metri, è il fiume più corto della Slovenia. L’intero corso dell’Idrijca è costeggiato dalla strada, dalla quale i pescatori lo possono raggiungere ovunque. Si tratta di un’acqua ricca di pesce e la pesca è redditizia tutta la stagione. D’estate l’acqua si riscalda, soprattutto nel suo corso inferiore, e ospita molti bagnanti. Il pesce più numeroso è la trota. Prevale la trota fario, ma è assai presente anche la trota iridea. Da Idrija in giù, fino al lago dell’Isonzo presso Most na Soči, il fiume è popolato anche da temoli adriatici che in diverse aree sono persino in prevalenza. La vera trota marmorata è rara, di solito si tratta di esemplari da trofeo. La presenza dell’ibrido di trota marmorata con trota iridea è considerevole e anche in questo caso gli esemplari raggiungono dimensioni da trofeo. Ogni anno vengono pescati almeno una decina di trote marmorate o ibridi che pesano fino ai dieci chilogrammi, ogni tanto anche qualche gigante più grande. Gli amanti della pesca a mosca nei tonfani di color verde chiaro sono numerosi. In generale, il fiume Idrijca è amico dei pescatori che solo raramente restano con la bocca asciutta. L’acqua con neve sciolta in primavera presto defluisce e quando l’Isonzo serpeggia ancora bianco e freddo, l’Idrijca è già in pieno fiore. Con acque basse, soprattutto d’estate, i pesci sono capricciosi e selettivi, ma meno che nella gran parte delle acque. Il salto notturno è forte e frequente anche nelle calde giornate di luglio ed agosto. Ancora in autunno, quando il sole sonnacchioso non raggiunge più tutte le parti del fiume, il fiume regala ai pescatori a mosca tenaci abboccate per accontentare la loro passione per la pesca. L’Idrijca, con il suo flusso di 60 chilometri, offre il godimento della pesca a mosca sia ai pescatori a mosca secca che a quelli a ninfa o ai pescatori che con lo streamer cercano pesci da trofeo. Si tratta di un’acqua che renderà felice un principiante che fa i primi passi nella pesca, e il pescatore mondano che ha fatto l’esperienza di tutte le importanti zone di pesca a mosca del mondo.

7




Bača, Trebuščica Il fiume Bača, nel suo corso fino all’Idrijca, con 20 chilometri di lunghezza, deve confrontarsi con le strette della Baška grapa. Il suo caratteristico colore verdeblu in primavera, per un breve periodo, ha una sfumatura di azzurro latteo, causato dalla neve che si scioglie. Le acque con neve sciolta passano presto. I tonfani di questo fiume nascondono tutte le varietà di trota del bacino fluviale dell’Adriatico. Dalla trota fario alla trota marmorata e i loro ibridi in tutte le combinazioni: questi ultimi sono anche i più numerosi. Arriva relativamente in alto anche il temolo, la cui presenza aumenta con il corso del fiume. Non bisogna tralasciare la trota iridea che completa l’offerta di pesca della Baška grapa. La Bača è un piccolo fiume bello, facilmente accessibile, amico del pescatore. Anche il lanciatore meno esperto può con successo esaminare tutti gli angoli promettenti di questo amabile fiumiciattolo. Soprattutto in primavera, quando le acque dell’Isonzo sono di un blu latteo per la neve sciolta, la Bača è la destinazione giusta per gli amanti della buona pesca.

1

La Trebuščica è il tributario sinistro dell’Idrijca nel corso superiore della sua valle. Questo attraente fiumiciattolo con numerosi tonfani, è adatto soprattutto per i pescatori che amano la solitudine. Prevale la trota marmorata e sono presenti anche gli ibridi.

2

10

I fiumi Bača e Trebuščica sono interamente gestiti dalla RD Tolmin • t +386 (0)5 381 17 10, • e info@ribiska-druzina-tolmin.si, • w www.ribiska-druzina-tolmin.si.

3 1 Bača, foto: L. Hojnik 2 Trebuščica, foto: S. Radej 3 Bača, foto: L. Hojnik 4 Mosche; legatura di B. Gašparin, foto: I. Holy

4


Vila Noblesa

Vila Noblesa Branko Gašparin, s.p. Drobočnik 2, SI-5216 Most na Soči t +386 (0)5 381 31 16 f +386 (0)5 381 31 17 e vila-noblesa@siol.net

11 La Vila Noblesa sorge tra i prati e boschi, con meravigliosa vista sulla confluenza dei fiumi Idrijca e Isonzo. Dista da Most na Soči solo cinque minuti. Sono a disposizione degli ospiti quattro casette con 80 metri quadrati di superficie, con quattro o cinque posti letto, tre bagni, piccola cucina, TV satellitare. Nell’edificio centrale si trovano la reception, due sale da pranzo, cucina all’aperto e cantina vinicola. La Vila Noblesa vende anche permessi di pesca per le acque gestite dalla Ribiška družina Tolmin e per le altre acque a salmonidi della Slovenia. Sono reperibili anche le guide di pesca. Un locale specifico dispone dell’attrezzatura e materiale per legare le mosce e di una vasta scelta di mosche speciali e testate per la pesca nelle acque slovene.


Reka (Timavo), Rižana (Risano) Sulla strada dalla sorgente nel Gorski Kotar fino alle Grotte di San Canziano (Škocjanske jame, curiosità su scala mondiale), attraverso le quali il fiume Reka sparisce nelle profondità del Carso, il fiume è l’habitat dell’autoctona trota marmorata, degli ibridi e della prevalente trota fario. Fino a Ilirska Bistrica, il fiume è relativamente insignificante, però nella pianura, rafforzato con i tributari, diventa un’acqua di grande rispetto, che nel passato faceva funzionare le segherie e i mulini. La popolazione di trote è stabile ed offre tanti piaceri ai pescatori a mosca, sia in primavera, quando il fiume rumoreggiante e forte saltella le dighe, sia in estate, quando nel buio della sera lungo il suo corso ballano gli innumerevoli insetti acquatici. I buoni terreni per la pesca a mosca si estendono da Ilirska Bistrica, Ribnica fino alle Grotte di San Canziano.

12

A metà estate, quando per il breve letto del fiume Rižana sussurra un piccolo ruscello, è difficile immaginare la pesca a mosca. O persino di catturare i pesci, tra cui anche la trota marmorata! Ma tutto ciò è possibile un mese o due prima che altrove, perché la primavera in Slovenia per prima inizia proprio qui. Già in marzo la valle del Risano è verde, grazie proprio alla molta acqua che sgorga dalla sorgente carsica sotto Hrastovlje. Il suo corso, lungo soli 14 km, fino alla foce, una volta spingeva numerosi mulini e segherie. Alcune dighe sono ancora vive. Il Risano primaverile dona un’impressione maestosa, quando il flusso forte dell’acqua, passando l’intera larghezza della diga con gran rumore si riversa nelle profondità verdeblu. Grazie al mite clima mediterraneo, le trote sono in buona forma già all’inizio della stagione. Fino a giugno, quando grazie alle scorte nell’ipogeo l’alveo del Risano è pieno, è il tempo giusto per la pesca. Si tratta di un fiume carsico e le trote fario, qui in prevalenza, possono essere selettive. Però durante il coup de soir si sdebitano molto per i loro capricci e aggressivamente colgono il tricottero tirato oppure la minuta imitazione di una mosca di maggio. Oltre alla trota fario e la trota iridea, il Risano ogni tanto regala ai suoi amanti gli ibridi di trota marmorata e trota fario, ed è sempre più presente anche la trota marmorata. I terreni più adatti sono nei corsi superiore e medio del fiume. Anche se la folta vegetazione riparia mediterranea in molti posti rende difficile l’accesso, il pescatore a mosca, con acqua media, vanta un raggio di movimento abbastanza largo nel letto stesso del fiume. Le numerose rapide nel corso superiore offrono riparo ai pesci, e suscitano interesse dei pescatori che le esaminano fino in fondo. La pesca nelle tratte calme sopra le dighe promette di più il pomeriggio e la sera, quando l’acqua rivive. La sciamatura delle varie specie di insetti nei caldi mesi primaverili invita i pesci alla follia sfrenata, e il pescatore a mosca all’estasi!

3

4

1

2

Il fiume Reka (Timavo) viene interamente gestito dalla RD Bistrica di Ilirska Bistrica: • t +386 (0)40 471 712, • e ribiskadruzina.bistrica@siol.net, • w www.rd-bistrica.si. Il fiume Rižana (Risano) viene interamente gestito dalla RD Koper di Capodistria: • t +386 (0)5 653 07 40 oppure +386 (0)31 780 308, • e rd.koper@siol.net, • w www.ribiska-zveza.si.


Sava Dolinka

5

Nell’estremo angolo nordovest del territorio sloveno, sul confine con l’Italia, dalla meravigliosa sorgente Zelenci scaturiscono le acque della Sava particolarmente trasparenti e verdi. Il colore dell’acqua, anche se meno intenso, accompagna il fiume nel suo intero corso. La pesca nella parte sorgiva, riserva naturale, non è permessa, però vi si trovano già le trote. Il giovane fiume scorre per la valle piana fino a Jesenice, dove viene rallentato dalla diga del lago di accumulazione Moste. Dal lago in poi, il fiume scorre per la valle chiamata Brje: anche questa monumento naturale. Tra le località di Vrba e Bled, lungo la Sava si trovano numerose sorgenti presso le quali viene depositato il travertino e dove l’acqua in cascate da dieci o più metri cade nella Sava. Un po’ più in basso, vicino a Lancovo, incontra le acque della Sava Bohinjka e così nasce la Sava. La Sava Dolinka è un fiume amico delle trote, popolato di trota fario e trota iridea. Come tutti i laghi, anche quello di Moste nelle sue profondità nasconde trote da trofeo. Le trote iridee selvatiche sono famose per il loro spirito combattivo. All’inizio scappano, però i pescatori a mosca ogni anno si vantano di aver pescato trote americane da quattro, cinque chilogrammi. Dalla diga in giù, fino alla confluenza con la Sava Bohinjka, continua la fascia dei salmonidi con trote come varietà principali. È presente anche il temolo.

6

13

La Sava Dolinka viene interamente gestita dalla RD Jesenice • t +386 (0)41 272 079, • e info@htem.si, • w www.ribiska-zveza.si.

7

1 Reka (Timavo), foto: I. Holy 2 Trota marmorata, foto: I. Holy 3 Rižana (Risano), foto: L. Hojnik 4 Mosche; legatura di K. Furlan, foto: I. Holy 5 Sava, foto: D. Babič 6 Sava, foto: J. Borišek 7 Trota fario, foto: K. Istinič 8 Mosche; legatura di D. Dolinar, foto: I. Holy

8


Sava Bohinjka

14

Dal ponte presso la chiesa di sv. Janez (San Giovanni) a Ribčev Laz si presenta la Sava appena nata. Si tratta delle bianche acque che derivano da sotto la Komna che poi cadono nel verde bacino sotto la cascata della Savica, suo luogo natio. Dopo un breve corso, le acque della Savica si perdono nel blu del lago di Bohinj, per versarsi dall’altra parte del lago, alla soglia di una morena glaciale, come Jezernica, nel letto della Sava. Dopo pochi metri si aggiungono le acque della Mostnica e così nasce la Sava Bohinjka. Già dal ponte presso la chiesa di S. Giovanni si possono ammirare tutti i pesci della Sava. Nella corrente si può notare la perfida pinna caudale del temolo che nella Sava non è di color rosso, ma arancione. Presso il cespuglio direttamente sotto la superficie “pende“ la trota fario. Nel tonfano un po’ più in giù ogni tanto si fa notare il salmone del Danubio che fa la ronda e a cui la sempre attiva trota iridea con rispetto cerca di stare alla larga. Poi c’è qualche cavedano girovagante, venuto con il corso dell’acqua dal lago. Dal lago fino alla confluenza con la sorella Sava Dolinka, la Sava Bohinjka diverse volte avanza con difficoltà attraverso le strette, dove mostra il suo potere. La gran parte del suo corso, è facilmente accessibile dal pescatore dalla strada che si snoda parallela. I tonfani, i salti d’acqua, i banchi di sabbia si susseguono uno dopo l’altro. Sopra le varie dighe si sono creati passaggi più lunghi di acqua profonda che nasconde pesci da trofeo. Esistono alcuni tratti dove i pesci sono più numerosi, e un pescatore a mosca, durante una giornata di pesca, in tutte le stagioni, troverà abboccate a sufficienza per appagare la sua passione. In ogni caso in tutto il corso del fiume, la Sava Bohinjka è un fiume ricco di pesci. Bisogna mettere in evidenza, nella parte superiore, le zone di Kamnje e Brod, e poi Log e Soteska, soprattutto sopra e sotto la diga. Andando con la corrente, i posti più facilmente raggiungibili per i pescatori sono presso i ponti, dove sotto i rami della vegetazione riparia si nascondono le trote, nella corrente i temoli, mentre nel tonfano regna il sempre più presente salmone del Danubio. La buona pesca è uno standard tutta la stagione che inizia in marzo, di solito nella Settimana Santa. Le condizioni in quel periodo sono quasi invernali. Ma i pescatori, come i pesci, intorno a mezzogiorno, quando il sole di marzo ogni giorno di più risveglia la primavera, vengono appagati. Le trote e i temoli non perdono i primi sciami di moscerini primaverili, e i pescatori a mosca con piacere offrono le relative imitazioni. I mesi di aprile e maggio sono mesi di acque con neve sciolta che è meglio tralasciare. Alla fine di maggio, le condizioni di tempo sono assai stabili e i pesci sono in piena attività. È il periodo del coup de soir con tutte le sue caratteristiche. Di solito inizia prima del tramonto del sole e si protrae nella notte inoltrata e i migliori risultati di solito vengono dal tricottero sloveno di vari colori e grandezze. Il temolo schizzinoso viene sedotto solo da un’imitazione sul n. 18, la trota da un tricottero grande sui 10 o 12, con il quale davanti al pesce facciamo un breve solco nella superficie acquatica. Il periodo estivo sulla Sava Bohinjka è caldo, ma porta relativamente più successo se comparato con altre acque. Anche se i livelli d’acqua sono bassi, al mattino la pesca è assai buona. Secondo le nostre esperienze, si ha più successo con imitazioni piccole di color nero. La formica nera e il tricottero sloveno nero sui numeri 16 e 18 sono una grande sfida per i pesci. Anche nel caldo di mezzogiorno si può pescare con successo. Allora i temoli si spostano nelle correnti veloci e versamenti che sul fiume Sava Bohinjka non mancano.

1

2

3


1 Sava Bohinjka, foto: I. Holy 2 Sava Bohinjka, foto: M. Ivanc 3 Hydropsyche, foto: N. Stančeva 4 Sava Bohinjka, foto: J. Borišek 5 Due temoli, foto: I. Holy 6 Mosche; legatura di I. Kajžnik, foto: I. Holy

4

Nel versamento alto solo un palmo si trovano, uno dopo l’altro, pesci da trofeo. Un minuto coachman, una formica o un tricottero, servito sul posto giusto, può portarvi il pesce dei vostri sogni. È vero anche che l’abboccata nelle piccole onde luccicanti è veloce e quasi impercettibile alla gran parte dei pescatori. Il coup de soir d’estate diventa sempre più corto e qualche volta non avviene affatto. Soprattutto dopo i temporali pomeridiani che nella zona di Bohinj non sono una rarità. Allora il successo viene con la pesca a ninfa, mentre dopo il tramonto del sole può essere di successo anche la pesca a streamer. Oltre alla trota, nel buio può sbattere contro lo streamer anche il salmone del Danubio, la cui popolazione nella Sava Bohinjka è molto numerosa. L’autunno sulla Sava Bohinjka è il periodo dei colori magici della valle, abbracciata dalle alte montagne, coperte dalla prima neve. Il livello basso delle acque di solito rende possibile ai pescatori l’accesso a quasi tutte le posizioni di pesca. L’ottobre, con giornate calde e soleggiate, qualche volta è un proseguimento dell’estate. Il temolo e la trota iridea sono i pesci principali da pescare. Per la trota fario, nella zona è in vigore il periodo di chiusura della pesca e proprio adesso la sua attività in superficie è la più grande. Abboccano la mosca secca le trote fario di dimensioni da invidiare, che per tutta la stagione si nascondevano chissà dove. Il temolo è un capitolo a parte, ma la pesca di mezzogiorno nei colori oro d’autunno può essere meravigliosa. L’autunno è il periodo di imitazioni minute e della pesca di mezzogiorno, ancora di successo in novembre, è breve solo il tempo di produzione. L’inizio dell’inverno è alle porte e con ciò anche la pesca al salmone del Danubio è incantevole, grazie all’acqua limpida, nella quale si rispecchiano le vette delle montagne coperte di neve. E naturalmente cresce la speranza di abbocco del salmone del Danubio, estremamente ben rappresentato nella Sava Bohinjka. E non solo questo, abboccano anche esemplari da trofeo, da un certo peso. Quello più pesante registrato finora pesava 16 kg.

5

Il fiume Sava Bohinjka viene gestito da quattro società: • dal lago di Bohinj fino al ponte stradale sotto Bohinjska Bistrica: RD Bohinj • t +386 (0)31 605 038, • e rd.bohinj@cc-line.si, • w www.bohinj.si/rd; • dal ponte stradale sotto Bohinjska Bistrica fino alla diga di Soteska: Zavod za ribištvo Slovenije (ZZRS) • t +386 (0)1 244 34 00, • e info@zzrs.si, • w www.zzrs.si;

• dalla diga di Soteska fino alla diga Cajhen presso Lancovo: RD Bled • t +386 (0)4 576 63 40, • e info@ribiska-druzina-bled.si, • w www.ribiska-druzina-bled.si; • dalla diga Cajhen fino alla confluenza con il fiume Sava Dolinka: RD Radovljica • t +386 (0)4 531 21 68, • e radovljica.rd@gmail.com, • w www.ribiskadruzinaradovljica.si.

6

15


Hotel Jezero****

Hotel Kristal****

Alpinum hoteli, d.o.o. Ribčev Laz 51, SI-4265 Bohinjsko jezero t +386 (0)4 572 91 00, f +386 (0)4 572 90 39 e hotel.jezero@cc-line.si, w www.bohinj.si/alpinum/jezero

Kristal Bohinj, d.o.o. Ribčev Laz 4a, SI-4265 Bohinjsko jezero t +386 (0)4 577 82 00, f +386 (0)4 577 82 50 e kristal@cc-line.si, w www.hotel-kristal-slovenia.com

L’Hotel Jezero sorge in una posizione centrale direttamente in riva al lago. L’albergo vanta 76 camere con linea telefonica diretta, TV satellitare, internet, mini bar, cassaforte, asciugacapelli e balcone. Sono a disposizione degli ospiti il ristorante dell’albergo Vrtovin con terrazze estiva e coperta, il ristorante à la carte Zlatovčica con terrazza coperta, caffé, angolo internet, piscina coperta con giardino, fitness, saune, solarium, massaggi, mini golf e parcheggio.

L’albergo a conduzione familiare Kristal sorge in un ambiente tranquillo al margine di una foresta, a soli 400 m dal lago di Bohinj. L’albergo dispone di 30 camere comode e due ristoranti, dove, oltre al trattamento di pensione, offrono ottimi piatti su richiesta nonché una vasta selezione di vini di qualità. Sono a disposizione degli ospiti: aperitiv bar con camino, terrazza estiva, mini wellness (sauna, massaggi).

Hotel/Penzion Stare** sul Lago di Bohinj

Hotel Ribno****

16

Hotel/Penzion Stare ob Bohinjskem jezeru Ukanc 128, SI – 4265 Bohinjsko jezero t + 386 (0)4 574 64 00, t/f + 386 (0)4 574 64 01 e info@impel-bohinj.si, w www.impel-bohinj.si L’Hotel/Penzion Stare sorge nella parte centrale del Parco nazionale del Triglav, nella bella e tranquilla Ukanc, a soli 200 metri dal lago di Bohinj e a 4 chilometri dalla famosa Sava Bohinjka. Accanto alla struttura passano i sentieri per le zone più belle del parco. La pensione vanta 10 camere, tutte con bagno, dai balconi si aprono viste sul lago. La prima colazione è a buffet, i pasti di specialità locali però si possono gustare sulla terrazza, ammirando il lago. Accanto alla pensione si estende un giardino di 3500 m2, dove vi è sistemato anche il parcheggio.

Hotel Ribno Bled, Turizem d.d. Izletniška 44, SI-4260 Bled t +386 (0)4 578 31 00, f +386 (0)4 578 32 00 e info@hotel-ribno.si, w www.hotel-ribno.si L’Hotel Ribno dispone di 61 camere con vista panoramica sul fiume Sava e le montagne circostanti. Le camere sono dotate di TV satellitare, mini bar, telefono e wireless internet. Al ristorante à la carte si aggiungono la terrazza soleggiata dell’albergo, l’area picnic e il ristrutturato caffé con un ricco negozio di vino. Le attività di relax e sportive, come tennis, beach volley, pallacanestro, tennis da tavolo, noleggio bici, sauna, Jacuzzi, salone di cosmesi e la possibilità della pesca nei fiumi Sava Bohinjka e Radovna sono garanzia che tra gli abeti, nell’ambiente tranquillo, dimenticherete il tempo e vi rilasserete totalmente.


Hotel familiare – Pensione Tripič DRUŽINSKI PENZION

Družinski hotel - Penzion Tripič Triglavska cesta 13, SI-4264 Bohinjska Bistrica t/f +386 (0)4 572 12 82 e pension.tripic@bohinj.si, w www.bohinj.si/tripic L’offerta dell’Hotel familiare – Pensione Tripič:

• camere doppie • camere familiari interconnesse • tutte le camere sono dotate di balcone, bagno con doccia o vasca, cassaforte, telefono e TV satellitare • l’hotel offre pernottamento con prima colazione (ricca prima colazione a buffet), trattamento di mezza pensione o pensione completa • possibilità di prima colazione molto presto • possibilità della cena a tarda ora nell’ambito del trattamento di pensione • si preparano pranzi al sacco • possibilità di prima colazione anche per i non ospiti dell’albergo • ristorante à la carte, aperto tutti i giorni: cucina tipica di Bohinj, specialità della casa, trota alla Bohinj, piatti vegetariani, piatti alla griglia, pizze ... • deposito per attrezzatura da pesca e bici gratis • noleggio biciclette • vendita di permessi di pesca per la Sava Bohinjka e per il lago di Bohinj • informazioni aggiornate sul tempo e sul livello delle acque • possibilità di prenotazione di guide per la pesca sulla Sava e sul lago • possibilità di noleggio di attrezzatura da pesca • possibilità di asciugamento e deposito di attrezzatura da pesca • sconto del 10% sull’entrata alle piscine del Vodni park Bohinj (parco acquatico distante 50 m): piscine con acqua riscaldata, centro di benessere con saune e centro massaggi • WiFi gratuito in tutte le camere d’albergo • uso gratuito del computer con accesso all’Internet

17


Radovna

18

Le acque limpide e di disgelo, provenienti proprio dalle viscere del monte Triglav sgorgano in superficie dalla sabbia bianca dell’alta valle. Il fiume freddo, verde, ma meraviglioso, nel primo chilometro del suo corso è così inospitale che i pesci qui non ci sono. Solo dalla prima diga in giù si fanno vedere le colorite trote fario dai puntini rossi, che popolano l’intero corso del fiume. La valle della Radovna e lo stesso fiume, fanno parte del Parco nazionale del Triglav (Triglavski narodni park). Nella parte media e superiore della valle ci sono solo alcune fattorie, e l’ambiente qui è quasi intatto. Come se madre Natura volesse metterlo in rilievo, alla fine della valle sorse uno sbarramento di pietra. Le acque della Radovna, provenienti dal Triglav, hanno qui scolpito la famosa gola di Vintgar, per poi, alla fine del suo corso di 17 km, unirsi alla Sava Dolinka. La Radovna è un fiume molto attraente per i pescatori a mosca. Nel suo alto corso vive solo la trota fario. Anche se il cibo qui non manca, nell’acqua fredda i pesci crescono molto lentamente. La loro taglia media è piccola, la gran parte dei pesci non raggiunge il minimo permesso. Ma questo viene compensato dalla pesca in un ambiente straordinario. Soprattutto d’estate, quando tutto il Paese subisce l’ondata di caldo, la valle della Radovna è solo piacevolmente calda. Oltre alla trota fario, la Radovna è l’habitat della trota iridea e del salmerino di fonte. È interessante che la trota iridea sia rimasta nel corso medio della Radovna, con zone di sorgenti di acqua freatica. Queste presentano i luoghi dove i pesci depositano le uova e fanno da riparo per la covata e per gli avannotti. La pesca primaverile di solito inizia in condizioni completamente invernali. Il sole di marzo non ha la forza necessaria per sciogliere il manto nevoso in questa bacia valle alpina. L’inizio della stagione di pesca ricorda più la pesca al salmone del Danubio che la pesca a mosca. Senza il ripopolamento con le trote, l’inizio della stagione sarebbe assai misero. Con le giornate più calde, l’attività delle trote aumenta e sempre più sovente si innalzano per raggiungere il cibo nell’aria. Il manto nevoso rallenta un po’ questo processo, ma il pescatore assiduo, durante una giornata di pesca, resta appagato anche in condizioni meno favorevoli. La pesca nella Radovna è più abbondante in piena estate. Quando dappertutto regna il caldo tropicale, il fresco delle acque del Triglav nella Radovna è benefico. I pesci si alimentano intensivamente, il coup de soir serale è forte e intenso. Spesso si protrae fino a notte inoltrata. Ancora prima che la valle si vesta dei colori autunnali, inizia la chiusura della pesca alla trota fario. Nelle belle e calde giornate di sole, le trote fario si presentano sulla superficie dei tonfani, dove per tutta la stagione si sono nascoste con successo agli sguardi dei pescatori. Spesso vengono ingannate dalle minute imitazioni degli insetti effimeri. Lo stesso vale anche per la trota iridea e il salmerino di fonte, preda legale dei pescatori in questa stagione.

1

2

Il fiume Radovna, dalla sorgente alla centrale idroelettrica Radovna, viene gestito dallo Zavod za ribištvo Slovenije (ZZRS) • t +386 (0)1 244 34 00, • e info@zzrs.si, • w www.zzrs.si.

3 1 Radovna, foto: J. Ocvirk 2 Radovna, foto: l. Hojnik 3 Mosche; legatura di D. Bižal, dr. B. Voljč, I. Holy, foto: I. Holy 4 Sava, foto: L. Dakskobler 5 Temolo, foto: B. Konc 6 Mosche; legatura di D. Štih, I. Holy


Sava Superiore

4

La Sava Superiore viene gestita: • dalla confluenza della Sava Bohinjka con la Sava Dolinka fino allo sbocco del torrente sulla riva sinistra sopra lo sbocco della Tržiška Bistrica: RD Radovljica • t +386 (0)4 531 21 68, • e radovljica.rd@gmail.com, • w www.ribiskadruzinaradovljica.si; • dallo sbocco del torrente sulla riva sinistra sopra lo sbocco della Tržiška Bistrica fino alla diga di Majdič a Kranj: RD Tržič • t +386 (0)41 636 646, • e cadez.janez@gmail.com, • w www.rdtrzic.si; • dalla diga di Majdič a Kranj fino alla diga della centrale idroelettrica Medvode: RD Kranj • t +386 (0)41 653 172 oppure +386 (0)41 653 171, • e info@ribiskadruzinakranj.si, • w www.ribiskadruzinakranj.si. • dalla diga della centrale idroelettrica Medvode fino al ponte tra Brod e Tacen: RD Medvode • t +386 (0)51 306 216, • e rdm@siol.net, • w www.rdmedvode.si;

Dalla confluenza dei due fiumi Sava fino a Kranj o meglio fino alla confluenza con il fiume Kokra, il fiume Sava è una grande e promettente acqua a salmonidi. In questa zona è un po’ lontana dalle strade principali, e così i pescatori possono sempre trovare un angoletto tranquillo, dove non sentiranno altro che il mormorio dell’acqua. Qui i tonfani sono profondi, i salti d’acqua larghi e le rapide lunghe. L’accesso è possibile in numerosi posti. La pesca è buona dappertutto, anche se i pesci qualche volta già all’inizio della stagione sono selettivi per l’abbondanza di cibo. Quando passano le acque di disgelo, il coup de soir è ottimo e lungo. In una sera di agosto, però, dopo l’inizio promettente, qualche volta silenziosamente si estingue. Oltre alla trota fario e alla trota iridea, sono ben presenti il temolo e il salmone del Danubio. Il temolo, diventato assai raro a causa dei cormorani, qui raggiunge dimensioni straordinarie. Un bel numero di pescatori a mosca ha pescato qui il temolo più grande, iscrivendosi così al club 50 +. È simile la situazione con il salmone del Danubio (o hucho). Le profondità e le rapide della Sava superiore hanno reso felici tanti pescatori al salmone del Danubio che hanno pescato i re delle acque di dieci o più chilogrammi. Ogni tanto succede che un appassionato della pesca con la canna da lancio peschi un pesce di circa venti chilogrammi. Il più grande salmone del Danubio pescato in questa parte della Sava è stato pescato nel centro di Kranj, in un tonfano sotto il ponte sulla strada principale. Probabilmente l’hucho, pescato il 25 gennaio 2008, lungo 127 cm e con 24,80 kg di peso, è uno dei più pesanti, se non il più grande mai pescato in acque slovene. Le onde del lago di Trboje che ha coperto una parte della meravigliosa gola di Zarice, raggiungono la confluenza con la Kokra. La Sava, nel conglomerato di depositi di ghiaia sotto Kranj ha scolpito un canyon ripido nel quale il fiume si fa strada attraverso rapide, tonfani e salti, per raggiungere il Sorško polje (piana della Sora). Oggi vi è un lago con una ittiofauna decisamente cambiata. Sono ancora presenti le trote. Non nello stesso numero di prima dell’inondazione del 1986, ma sempre in dimensioni da trofeo. Sono numerosi i nasi che dal lago, in gran numero si alimentano nel corso della Sava a Kranj, tra la diga del Tekstilindus e il lago di Trboje. Si è riprodotto l’onnipresente vagabondo cavedano, è altrettanto presente il barbo. Appaiono persino la carpa, il persico reale, il luccio perca e il siluro.

5

6

19


Tržiška Bistrica, Kokra Le acque che arrivano dai ripidi pendii delle Caravanche confluiscono nella Tržiška Bistrica, tributario sinistro della Sava. Il fiume ha una grande caduta a carattere torrentizio. L’acqua è fredda, ma estremamente trasparente e dallo specifico colore verdazzurro. L’acqua da buona produttività ed è popolata dalla trota fario e dalla trota iridea che raggiungono grandi dimensioni. Un po’ più a est il fiume Kokra ha intagliato una valle tra le Alpi di Kamnik. Il fiume è abbastanza ben raggiungibile, la pesca è possibile nell’intero corso. Solo a Kranj, prima della confluenza con la Sava, scende in un canyon con accesso un po’ difficoltoso. I tonfani, le rapide e i salti del corso superiore nascondono trote fario e trote iridee che da Preddvor in giù vengono raggiunte dai temoli, che qui vivono in buon numero e di cui sporadicamente si possono pescare anche esemplari da trofeo. 1

2

20

Il fiume Tržiška Bistrica viene interamente gestito dalla RD Tržič • t +386 (0)41 636 646, • e cadez.janez@gmail.com, • w www.rdtrzic.si.

3 Kokra, foto: M. Škafar Mosche; legatura di D. Bižal, foto: I. Holy Kokra, foto: J. Borišek Sora, foto: B. Konc Sora, foto: L. Hojnik Mosche; legatura di I. Kajžnik, foto: I. Holy

1 2 3 4 5 6

Il fiume Kokra viene interamente gestito dalla RD Kranj • t +386 (0)41 653 172, • e info@ribiskadruzinakranj.si, bostjan.l@gmail.com, • w www.ribiskadruzinakranj.si.


Poljanska Sora e Selška Sora

4

Il fiume Poljanska Sora viene gestito da tre società: • dalla sorgente alla segheria Barbna žaga a Hotavlje: RD Žiri • t +386 (0)4 519 22 09 oppure +386 (0)41 407 520, • e zirird@gmail.com, • w www.rd-ziri.com; • dalla segheria Barbna žaga a Hotavlje fino al ponte tra le dighe di Log pod Volbenkom: RD Visoko • t +386 (0)4 518 14 10 oppure +386 (0)41 398 999, • e rdvisoko@rd-visoko.si, • w www.rd-visoko.si; • dal ponte tra le dighe di Log pod Volbenkom fino alla confluenza con la Selška Sora: RD Sora • t +386 (0)4 512 75 20 oppure +386 (0)31 761 020, • e rd-sora@siol.net, • w www.rd-sora.com. Il fiume Selška Sora viene gestito da due società: • dalla sorgente fino all’ex guado dei cavalli: RD Železniki • w www.ribiska-zveza.si; • dall’ex guado dei cavalli fino alla confluenza con la Poljanska Sora: RD Sora • t +386 (0)4 512 75 20 oppure +386 (0)31 761 020, • e rd-sora@siol.net, • w www.rd-sora.com.

In una delle tante strette delle Rovte, nasce un piccolo ruscello, chiamato Poljanska Sora. Nel suo breve corso serpeggiante fino alla città di Žiri, il suo alveo viene riempito dalle acque affluenti dalle numerose gole e si presenta come una bella zona da pesca a mosca. Il suo flusso impetuoso di 43 chilometri viene calmato diverse volte da dighe alcune delle quali, soprattutto nel corso superiore; sono come in passato fatte di legno. Il flusso della Poljanska Sora forma vari meandri con profondi tonfani che da una parte si protraggono in una forte corrente da una riva, e una fascia di ghiaia dall’altra. L’intero corso della Poljanska Sora è bello, buono e quasi sempre facilmente accessibile. Si tratta di un’acqua classica per il temolo. Il temolo appare già prima di Žiri. La trota fario popola i primi tonfani già dopo la sorgente. Il salmone del Danubio non registra taglie da record, la sua popolazione però è relativamente stabile. Per i pescatori a mosca sono importanti ancora la trota iridea e il salmerino di fonte. Il pesce principale per la pesca a mosca è stato per lungo tempo il temolo. Per varie ragioni, tra le principali è l’attività predatoria dei cormorani, la popolazione dei temoli nel corso medio e inferiore del fiume Sora è soggetto a grandi oscillazioni. Dal punto di vista della pesca, il fiume Sora non è molto difficile. Si tratta dell’habitat classico del temolo, dove la pesca a mosca secca è possibile in tutta la stagione. Le trote sono più capricciose, soprattutto la trota fario. Ma la trota iridea (e occasionalmente anche il salmerino di fonte) può salvare una giornata di pesca. È interessante notare come negli ultimi tempi la popolazione del temolo nel corso superiore sia aumentata notevolmente, anche se questo pesce vent’anni fa in questa parte della Sora era assai raro. Oggi la zona di pesca con la popolazione di temolo più stabile è nel corso superiore della Sora, oggi noto anche per trote fario da trofeo: ogni tanto nel corso degli anni viene pescato un esemplare tra i cinque e i dieci chilogrammi. Presso Zali Log la Selška Sora è un fiumiciattolo abbastanza grande da essere interessante anche per i pescatori a mosca. Il suo flusso di trenta chilometri, vanta numerose briglie e dighe. Si tratta di un caratteristico habitat per le trote, la trota fario e la trota iridea si trovano lungo tutto il suo corso. Il corso inferiore è popolato anche dal temolo, al quale quest’acqua non piace molto. La sua presenza è minore e si è conservata solo in zone limitate. La Selška Sora è dappertutto facilmente accessibile – la strada accompagna l’intero suo corso. Le trote sono ben rappresentate, prevale la trota iridea. Ogni tanto viene riportata la pesca di trote fario da trofeo, simili a quelle della Poljanska Sora.

5

6

21


Unica

2

1

22

Al margine meridionale di uno dei più belli e nello stesso tempo anche meglio conservati polje carsici, nasce il fiume Unica. Per essere più precisi, nasce dalla confluenza di due fiumi, la Pivka che attraverso labirinti sotterranei del Carso, in una cascata breve, ma forte, fuoriesce dal Cavernone di Planina (Planinska jama) e dopo due chilometri di corso sussurrante si unisce alla profonda e calma Malenščica, circondata da ricca vegetazione riparia. Da lì, l’Unica serpeggia per tutta la valle, il Planinsko polje, lungo sei chilometri. Anche se il perforato mondo carsico già a metà del suo flusso assorbe le sue acque nelle profondità ignote, il fiume è capace di scorrere in meandri da un margine all’altro del polje carsico. Fino agli inghiottitoi sotto Grčarevec, che assorbe l’acqua restante dell’Unica, il suo corso è tre volte più lungo dell’intero Polje di Planina. Nella gran parte delle acque del Carso, le condizioni per la vita dei pesci sono molto buone. Il fenomeno carsico, l’intermittenza, favorisce molto la popolazione ittica nell’Unica. Da autunno a tarda primavera sporadicamente sgorgano enormi quantità di acqua, tali che gli inghiottitoi non sono in grado di assorbirla in tempo. Allora la gran parte del Polje di Planina è sott’acqua per una, due o più settimane ed il pesce ha a disposizione una ancora più golosa selezione di cibi. L’Unica è famosa come uno dei fiumi migliori per la pesca al temolo in Europa. Nel periodo della mosca in maggio e in giugno, in occasione degli sciami di yellow sally e di tricotteri, Planina è il luogo dove si ritrovano i pescatori a mosca di tutto il mondo. È il periodo nel quale, al risveglio del giorno, ai primi raggi del sole, si può ingannare un temolo da trofeo. Oppure la sera, al crepuscolo, una grossa trota fario dai vivaci colori, usando l’imitazione di una mosca di maggio. Il risultato spesso dipende dai nervi tesi – spesso lo sfortunato pescatore, troppo appassionato, fa un gesto sbagliato e il pesce se ne approfitta.

3

4 1 Unica, foto: B. Konc 2 Trota fario, foto: B. Konc 3 Ephemera danica, foto: N. Stančeva 4 Temolo, foto: J. Ocvirk 5 Unica, foto: I. Holy 6 Mosche; legatura di dr. B. Voljč, I. Holy, foto: I. Holy 7 Unica, foto: L. Hojnik


5

Il caldo estivo e la presenza di vari insetti ripari, a disposizione dei pesci, allontana i pescatori nelle zone dove la pesca è più facile. Il pescatore a mosca che in questo periodo pesca nell’Unica, ha per se, per così dire, la zona di pesca lunga quanto vuole. Questo è il periodo dei test delle abilità del pescatore e di nuove esperienze. E comunque i pesci hanno la precedenza. Con il sole autunnale, la pesca si concentra nelle ore intorno a mezzogiorno. Anche l’autunno, soprattutto se caldo e soleggiato, rende possibile ai pescatori a mosca pescare, usando imitazioni di olive, e possono godersi le abboccate di trote (è il periodo di divieto di pesca) sia di temoli. Anche le giornate di novembre, di solito grigie, possono sorprendere se c’è sole e non c’è vento. Nell’Unica non c’è la trota iridea che, in numerose acque in tutto il mondo, salva l’onore di molti pescatori. Perciò anche i migliori pescatori a mosca e i conoscitori del fiume ogni tanto devono ammettere la loro impotenza e la supremazia della natura. Che in un’altra occasione appaga i più appassionati per la loro fedeltà. È il cerchio dell’anno si chiude.

23

Per la pesca al temolo e alla trota, nell’Unica sono adatte le parti superiore e media del suo corso. Il fiume Unica viene interamente gestito dallo Zavod za ribištvo Slovenije (ZZRS) • t +386 (0)1 244 34 00, • e info@zzrs.si, • w www.zzrs.si.

6

7


Savinja e Dreta Nell’elegante salto di 90 metri che scende tra le rocce sotto il monte Okrešelj, nella cascata della Rinka, nasce la Savinja. Lungo la sua strada, lunga 95 chilometri, fino alla Sava, oltre la metà del corso è popolato dalle varietà ittiche più popolari tra i pescatori a mosca: la trota fario dalla valle Logarska dolina in poi, il temolo dall’Igla sotto Solčava in poi. A Ljubno vengono raggiunti dal salmone del Danubio. La trota iridea è un abitante delle rapide e dei tonfani della Savinja che spesso salvano la giornata, quando la capricciosa trota fario non lascia il suo nascondiglio, e il temolo, pedantesco, cerca le piccole mosche. Per il pescatore a mosca, la Savinja è più bella nella valle superiore (Zgornja Savinjska dolina) che si estende fino a Soteska sotto Mozirje. La primavera porta via le acque con neve sciolta, e la seconda metà di maggio è un paradiso per la pesca a mosca secca. I pesci non sono schizzinosi e la pesca si protrae in giugno con successo. Con il caldo, il livello dell’acqua diminuisce, i pesci sono sempre più selettivi, il cibo nel fiume è sempre più abbondante. A metà estate, l’acqua si riscalda anche nel suo corso superiore. Il successo della pesca a mosca secca si limita così solo alle ore mattutine e serali. Il salto serale è molto intenso e si protrae fino a notte inoltrata. Con la ninfa, anche a mezzogiorno si può ingannare un grande temolo che abbocca la fatale imitazione. In autunno, la pesca si concentra nelle ore pomeridiane che possono essere molto piacevoli. Il pescatore spesso si chiede, da dove sono venute le numerose trote fario che non si sono fatte vedere per tutta la stagione. Nella Savinja, da Nazarje in giù, è sempre più presente anche il salmone del Danubio; arriva fino a qui l’habitat dei ciprinidi da branco, tra i quali prevale il barbo. Oltre al barbo c’è l’onnipresente cavedano. Le due varietà rappresentano una sfida per il pescatore, soprattutto il barbo che qui raggiunge dimensioni riguardevoli. 24

Merita di essere menzionato anche il fiume Dreta che scorre nella valle Zadrečka dolina e si unisce alla Savinja presso Nazarje. Il suo carattere è molto più tranquillo, avendo alcune dighe vive. La trota fario e il temolo, oltre alla trota iridea, sono varietà molto interessanti per i pescatori a mosca. La presenza di temolo è buona, molti sono veramente da trofeo. E non sono molto selettivi, non essendoci moltissimi pescatori.

1

2

Il fiume Savinja, nel suo corso superiore, adatto alla pesca a mosca ai salmonidi, viene gestito da due società: • dalla sorgente alla diga di Kolenc a Grušovlje: RD Ljubno • t +386 (0)3 584 13 58 oppure +386 (0)41 793 592, • e rd.ljubno@siol.net, • w www.rd-ljubno.si; • dalla diga di Kolenc a Grušovlje fino al ponte di Letuš: RD Mozirje • t +386 (0)3 839 04 15, • e info@rd-mozirje.si, • w www.rd-mozirje.si; Il fiume Dreta viene interamente gestito dalla RD Mozirje.


3

4

5

25

6 1 Savinja, foto: G. Kri탑nik 2 Mosche; legatura di G. Kri탑nik, foto: I. Holy 3 Temolo, foto: B. Konc 4 Savinja, foto: B. Konc 5 Savinja, foto: B. Konc 6 Dreta, foto: I. Holy


La casa ha aperto le sue porte nel lontano 1875. Il suo nome, Penzion Raduha, viene della montagna altra 2.062 metri, la Raduha, che custodisce il meraviglioso accesso alpino all’affascinante Logarska dolina (Valle dei Logar). La pensione Raduha è il luogo dove ormai la quarta generazione si occupa della ricca offerta gastronomica. La locanda vanta esperienza centenaria nella preparazione di cibi genuini, indimenticabili. 26

Questa casa ospitale eccelle per una combinazione di abilità nella cucina, della originalità e della tradizione, ma anche per una costante ricerca di nuove idee e sapori che piacciono soprattutto al viandante moderno. Alla pensione Raduha siete i benvenuti in una delle sue dieci camere doppie.


Meža Dal cuore delle Alpi di Kamnik, dalla parte della Koroška (Carinzia slovena) nasce il fiume Meža. Il suo corso, lungo circa sessanta chilometri, viene popolato per tutta la sua lunghezza, dalla trota fario. Ogni anno vengono pescati alcuni esemplari da trofeo, da diversi chilogrammi di peso. Da Mežica in poi, il fiume è casa anche del temolo, che però è assai raro. Nella parte inferiore, alcuni chilometri sopra la confluenza con la Drava, si possono pescare anche numerosi cavedani, barbi e nasi. La loro taglia è ben sopra alla media. In questa zona sbocca anche il fiume Mislinja, creando una buona acqua per trote nell’intero corso. Da Slovenj Gradec in poi, con la corrente, è presente anche il temolo.

1 1 Trota fario, foto: B. Konc 2 Trota fario, foto: B. Konc 3 Meža, foto: B. Konc

2

Il fiume Meža viene interamente gestito dalla Koroška ribiška družina • t +386 (0)2 878 00 93 oppure +386 (0)41 676 215, • e koroska.ribiska.druzina@amis.net, • w www.ribiska-zveza.si.

3

27


I fiumi Krka e Radeščica

28

Come la maggior parte delle sorgenti dei fiumi carsici anche la sorgente del fiume Krka è ricca d’acqua e fa sì che il fiume rumoreggi a tutta potenza immediatamente sotto la sorgente. Per appena tre chilometri in tutto, finché non arriva all’omonimo villaggio, il letto del fiume Krka rimane a livello della valle. Da qui in poi il fiume ha scavato il suo letto nelle profondità del tenero calcare delle colline della Dolenjska. L’acqua ricca di calcare ha coperto innumerevoli briglie naturali del suo alveo con il fragile travertino. Le acque della Krka passano da pozza in pozza, attraverso cascatelle coperte di muschio verde, che offrono ai pesci innumerevoli nascondigli. Nel corso della Krka, lungo solo 93 chilometri, sono rappresentate tutte le varietà ittiche del bacino fluviale del Danubio che popolano le nostre acque. Un terzo sono acque a salmonidi con trota fario e iridea come varietà prevalenti. Dalla diga nel villaggio di Krka in giù, si aggrega il temolo, la cui popolazione è relativamente bassa e si limita alle zone fino alla confluenza con la Radeščica. L’habitat del salmone del Danubio (hucho) è tra Zagradec e Novo mesto, anche se singoli esemplari oltrepassano questo confine. La popolazione è stabile ormai da diversi anni. Ogni anno vengono pescati un bel numero di salmoni del Danubio da circa dieci chilogrammi di peso. Sporadicamente vediamo notizie e immagini di felici pescatori con esemplari da trofeo dal peso di circa venti chilogrammi. L’ambiente del fiume Krka è ricco sotto ogni punto di vista. Il cibo abbonda tutto l’anno. La temperatura dell’acqua è relativamente stabile rendendo le condizioni di vita dei pesci costantemente ottimali. I pescatori a mosca, specialmente quelli con la mosca secca, conoscono bene queste condizioni. In primavera e all’inizio dell’estate la pesca a mosca secca è molto fruttuosa, grazie allo sciamare delle effimere, delle mosche di maggio e dei plecotteri. Non solo la trota iridea, ma anche le trote fario si sollevano frequentemente per raggiungere il cibo. Nel periodo quando non c’è lo sciamare delle mosche, sembra che nel fiume Krka viva solo una specie di trota – la trota iridea. Comunque, il numero di trote fario è molto più alto di quello che dimostrano le catture. Il miglior periodo per pescare è da metà marzo fino alla fine di giugno. A marzo, verso mezzogiorno, quando il sole, che è di giorno in giorno più forte, incoraggia lo sciamare, è il momento giusto per la pesca a mosca secca. Già ad aprile, nelle serate calde, comincia anche il cosiddetto coup de soir (quando tutti i pesci si avvicinano alla superficie). Raggiunge il culmine a maggio e all’inizio di giugno. Nelle serate calde il salto dura fino a notte inoltrata. Innumerevoli cerchi si formano sullo specchio d’acqua nelle ore serali. Nei tonfani e nei corsi veloci invece, le trote con il loro mangiare rumoroso confermano la loro partecipazione al banchetto. Dal tramonto del sole fino al crepuscolo, sulla superficie dell’acqua i primi ad essere attivi sono i pesci piccoli e medi, e poco prima che faccia buio, diventano attivi anche quelli più grandi. Tra questi anche quelli più desiderati – le trote fario da trofeo. L’estate e il basso livello dell’acqua sono fattori che non giovano alla pesca. La maggioranza delle briglie è secca e l’acqua scorre in strisce strette. Oppure, esce attraverso il travertino bucherellato sotto la superficie. Comincia ad apparire in quantità abbondanti l’alga verde che disturba la pesca sia con la ninfa sia con la mosca secca. I pesci sono sempre più selettivi, il coup de soir è sempre più breve oppure sparisce.

1

2

Il corso superiore della Krka, adatto alla pesca a mosca dei salmonidi, è gestito da due società: • dalla sorgente alla diga della centrale idroelettrica di Zagradec: Zavod za ribištvo Slovenije (ZZRS) • t +386 (0)1 244 34 00, • e info@zzrs.si, • w www.zzrs.si; • della centrale idroelettrica di Zagradec al ponte di Soteska: RD Novo mesto • t +386 (0)7 337 38 88 oppure +386 (0)40 196 040, • e ribiskanm@volja.net, • w www.rdnovomesto.si; Il fiume Radeščica è interamente gestito dalla RD Novo mesto • t +386 (0)7 337 38 88 oppure +386 (0)40 196 040, • e ribiskanm@volja.net, • w www.rdnovomesto.si;


3

Krka, foto: I. Holy Ephemera danica, foto: N. Stančeva Mosca artificiale; legatura I. Holy, foto: S. M. Lešnik Trota fario, foto: L. Hojnik Radeščica, foto: M. Luštek Krka, foto: D. Hojnik

1 2 3 4 5 6

Quando la prima abbondante pioggia rinfresca il letto del fiume alla fine dell’estate e restituisce al fiume Krka il suo color verde, è il periodo più favorevole alla pesca a mosca. Come dappertutto, con la luce del giorno diminuisce anche il tempo di pesca attiva. È in vigore il divieto di pesca alla trota, i temoli non sono numerosi e per la gran parte dei pescatori la stagione della pesca è finita. Sulla Krka non è importante dove si pesca. I pesci si trovano ovunque. Certamente, nell’area dove l’acqua è più calma, è più difficile ingannare una trota che in una rapida. E con la pesca con la ninfa durante il giorno, la probabilità di una cattura abbondante è ancora maggiore che con la mosca secca. Il contrario succede durante il coup de soir. In ogni modo, sulla Krka sono sempre possibili diverse sorprese; qualche volta a favore del pescatore, ma molto più spesso a favore del pesce. Il fiume Radeščica è il confluente destro della Krka sotto Soteska. La sua sorgente è un laghetto carsico ai piedi del Kočevski rog, dove le acque della Suha krajina sgorgano in una forte sorgente. Il suo corso, lungo solo pochi chilometri, serpeggia tra i prati e i campi lungo la verde valle, passando Dolenjske Toplice. Si tratta di un fiume che per tutto il suo corso è ben popolato di trota fario e trota iridea, con presenza di temolo nella parte inferiore. Ogni tanto viene visitato anche dal salmone del Danubio, di casa nella Krka. Come nella maggior parte delle acque carsiche, anche nella Radeščica la pesca più fruttuosa ha luogo in primavera e in prima estate. Quasi tutto quello che è stato detto per la Krka vale anche per la Radeščica.

4

29

5

6


Kolpa

30

Il fiume Kolpa (Kupa in croato), nel suo corso superiore e medio, è il fiume confinario tra Slovenia e Croazia. Un po’ appartati, il fiume e la sua valle non hanno subito il destino della gran parte dei fiumi europei. La valle vive una vita tranquilla, e il fiume Kolpa ancora oggi scorre indisturbato, come nei tempi ormai remoti. Il suo flusso viene interrotto solo dalle dighe di pietra, una volta erette da mugnai e oggi ristrutturate dai gestori delle acque. Nella tranquilla valle della Kolpa, le trote fario dai puntini rossi, come secoli fa, cacciano le mosche acquatiche. E la rossa pinna caudale, dietro una pietra in mezzo al sussurrante corso, ci svela il temolo che sta riposando. Le due varietà, insieme al salmone del Danubio, popolano il corso superiore del fiume. Anche il temolo è presente nel fiume sin dalla sorgente, e la sua presenza si protrae fino a Dol. L’intero corso del fiume Kolpa è facilmente accessibile dalla strada che si snoda da Osilnica, scendendo per Gruntovec, Fara fino a Dol. Sotto Slavski Laz, la valle si restringe e il fiume si fa strada passando Bilpa, dove, in occasione di acquazzoni, sgorgano le acque del fiume Rinža che si è perso sotto Kočevje, verso il canyon lungo diversi chilometri. Presso il villaggio di Vrt, il fiume si apre maggiormente, perché i ripidi pendii si scostano dal corso del fiume. Qui si trovano degli ottimi posti per la pesca a mosca in mezzo alle folte foreste della zona di Kočevje. Oltre al paesaggio straordinario, c’è anche una ricca selvaggina. Il pescatore spesso viene disturbato dal cervo che attraversa il fiume dove l’acqua è bassa, oppure da un gregge di cinghiali che si sposta da una riva all’altra. Nella sabbia si possono notare tracce di zampe di orsi – le loro tane si trovano nelle zone impervie sopra il fiume Kolpa. Lì sono nati e lì passano l’inverno. Ogni tanto l’orso mansueto, che razzola tra le pietre sulla riva, caccia via qualche pescatore impaurito. Il periodo migliore per la pesca va dalla seconda metà di primavera ai primi di giugno. È il periodo precedente le basse e calde acque estive, quando i pesci diventano più pigri. L’attività dei pesci all’inizio è alta ed è ottimo anche il coup de soir. L’estate è il periodo quando la maggior parte dei pesci si sposta nei getti e tonfani sopra le dighe. Il fiume rivive dopo le prime acque alte alla fine di agosto. In settembre può essere fruttuosa la pesca al temolo, quando il pescatore si serve di piccole imitazioni di mosche secche. I terreni buoni per la pesca si susseguono uno dopo l’altro, partendo da Osilnica. I terreni non adatti alla pesca in realtà non ci sono. Il pesce principale per il pescatore a mosca è il temolo. All’inizio della stagione i temoli sono presenti dappertutto e la loro attività dura tutto il giorno. In estate, la buona pesca è legata alle ore mattutine e serali, in autunno si può di nuovo pescare durante la giornata. Le trote fario sono più numerose nel corso superiore del fiume, fino a Fara. Sono presenti anche dopo Fara, ma in numeri minori e di taglia maggiore.

1

2

Il fiume Kolpa, sulla sponda sinistra (la sponda destra è in Croazia), adatta alla pesca a mosca ai salmonidi, viene gestito da due società: • dalla confluenza con la Čabranka alla diga di Slavski Laz: RD Kočevje • t +386 (0)41 921 440, • e tomaz.arko@nlb.si, • w www.rd-kocevje.si; • dalla diga di Slavski Laz fino alla diga di Dol presso Stari trg: Zavod za ribištvo Slovenije (ZZRS) • t +386 (0)1 244 34 00, • e info@zzrs.si, • w www.zzrs.si;

1 Kolpa, foto: D. Babič 2 Perla marginata, foto: N. Stančeva


Pesca a mosca ai ciprinidi Tutte le varietà ittiche delle acque slovene regolarmente o almeno sporadicamente si alimentano di insetti acquatici o ripari. Con ciò sono potenzialmente accessibili ai pescatori a mosca. E non solo questo. Anche le varietà espressamente erbivore di pesce possono abboccare un’esca artificiale che non imita il loro pasto più frequente, ma che è ugualmente un boccone benaccetto (uova di pesce, cavalletta, grillo, gambero, topo e roditori simili, etc.). I ciprinidi sono il gruppo più grande di pesci nelle acque slovene. Alcune varietà sono molto popolari tra i pescatori a mosca. Segnaliamo solo le più frequenti.

1

2

3 Lago di Cerknica, foto: V. Stopar 1 Due cavedani, foto: K. Istinič 2 Barbo, foto: B. Konc 3

Il cavedano senza dubbio è la varietà di pesce nota ad ogni pescatore a mosca. Il pesce è presente in tutte le acque, sia in quelle da trota che espressamente da alborelle. Naturalmente popola anche i laghi. Ed è un onnivoro. Perciò è facile cacciarlo a mosca secca, ninfa o streamer. In tutte le stagioni. La gamma di mosche artificiali per lui non finisce mai. D’estate sono da considerare piuttosto le grandi bushy fly sugli ami 6 – 12. D’inverno, in una giornata di sole, senza alcuna prudenza acchiappa la piccola oliva sul 16. Tra le ninfe praticamente non esiste un’imitazione rifiutata dal cavedano. Ma come vale per tutte le cose: tutto al momento giusto e sul posto giusto. Nel caso di streamer preferiamo quelli più piccoli. Quasi tutte le acque slovene sono ben popolate di cavedano. Tra i fiumi sono da mettere in rilievo la Sava con i tributari, nel suo corso medio e inferiore, la Drava e la Mura. Sono particolarmente importanti i laghi, sia naturali che artificiali, di Bohinj e Bled, i bacini di accumulazione sui fiumi Sava e Drava, e soprattutto la curiosità carsica, il lago di Cerknica, dove i cavedani superano i 60 cm! Le abboccate di cavedani tra i 40 e i 50 centimetri non sono una rarità. Il cavedano di regola è un pesce molto prudente. Soprattutto quando è solo. In branchi, per invidia, abbocca la mosca velocemente ed energicamente. Subito dopo la ferratura si batte fortemente. Di solito la prima fuga lo porta a dieci o quindici metri. Ci riprova altre volte, ma fugge sempre meno lontano. Si arrende relativamente presto e posto sul fianco si ferma a portata di mano. Il barbo è il rappresentante tipico dei pesci dei fiumi e con il peso di fino a 6 chilogrammi è anche uno dei più grandi. Il pesce è presente in tutta la Slovenia. Nelle acque del bacino fluviale dell’Adriatico vive un suo parente, il barbo comune che per dimensioni non è da meno. Il barbo è un pesce che vive in branchi sul fondo e viene cacciato più spesso con l’uso delle imitazioni piombate di ninfe. Sono molto efficaci le imitazioni da testa d’oro. Sono una rarità le abboccate del barbo allo streamer. Le acque più adatte alla pesca sono il corso medio della Sava, la Sora, la Savinja, la Krka, la Kolpa, la Mura, la Drava e i loro tributari. Il pesce preso all’amo è un forte combattente. Siccome si tratta di un pesce delle acque veloci, spesso si “scontra“ con il fondo nel getto, battendo con la coda sul finale. Per affaticare un barbo di taglia grande, soprattutto su un finale di uno spessore minore ci vogliono alcune decine di minuti.

31


Pesca a mosca ai ciprinidi

La popolazione di vaironi è più numerosa nelle acque carsiche: Krka, Ljubljanica, Kolpa. È presente anche nei fiumi Sava, Savinja, Mirna e Drava. All’inizio dell’estate, verso sera, i vaironi amano salire verso la superficie per acchiappare gli insetti emergenti, i dun ed anche gli insetti galleggianti. Il tricottero sloveno in questi casi si è rivelato un’imitazione adatta. Il vairone preso all’amo si difende ottimamente e a lungo. Siccome si tratta di esemplari da un chilogrammo o persino due, per affaticarlo ci vogliono alcuni minuti e può essere molto vivace. La carpa per principio è un pesce di acque stagnanti. Negli ultimi vent’anni, però, si è diffuso anche in tutti gli altri fiumi, nella fascia del barbo. La pesca alla carpa ha più successo nei laghi, stagni e bacini di accumulazione, soprattutto d’estate. Allora nelle giornate soleggiate i singoli esemplari o interi branchi salgono direttamente in superficie. Come esca più adeguata in questa situazione si è mostrato il glo bug bianco, arancione o giallo. La carpa abbocca fortemente il glo bug nelle sue vicinanze, da una distanza di 20 a 30 cm. E poi energeticamente la sputa se il pescatore non è abbastanza veloce. Per fortuna qualche volta si ferra da solo. Segue uno strattone come un fulmine, lungo alcune decine di metri. Questa è anche la parte più pericolosa della pesca. Se il pescatore non è pronto, il pesce di alcuni chilogrammi strappa la sottile parte finale di una lenza. Anche l’affaticamento del pesce, che dipende dalla taglia, può essere relativamente lungo. Similarmente alla carpa, con il glo bug verde, nello stesso ambiente, viene pescato anche l’amur. Siccome di solito si tratta di pesci grandi e forti, che dopo la ferratura reagiscono fortemente, con lunghe fuggite o persino con salti nell’aria, la pesca più spesso termina con la vittoria del pesce. 32

La scardola è un pesce molto presente soprattutto nelle acque stagnanti. Non sono molti i pescatori che sanno che si tratta di un pesce straordinario per la pesca a mosca. Di solito è di taglia piccola, ma in alcune acque raggiunge dimensioni da invidiare. Nel lago di Cerknica regolarmente viene pescato a ninfa, meno spesso a mosca secca, e gli esemplari raggiungono da 30 a 40 cm. La scardola non è un pesce selettivo. Di solito sono presenti dei branchi, e un’imitazione lanciata vicino al branco, viene attaccata da diversi pesci. Segue una grande fuga. Questa è anche l’unica parte pericolosa della pesca. La scardola si stanca relativamente presto. Ha grande voglia di abboccare ed è perciò un ottimo pesce per imparare la pesca a mosca.

1

2

3


L’alborella vive in branchi, direttamente sotto la superficie acquatica. Ama abboccare tutto quello che cade sulla superficie. Siccome si tratta di un pesce di piccola taglia, anche le imitazioni di mosche secche o ninfe devono essere relativamente piccole. La pesca all’alborella è di successo e divertente soprattutto nei mesi estivi.

4

Con lo streamer vengono pescate alcune specie ittiche, tra le quali il luccio senza dubbio si piazza per primo. Il pesce relativamente spesso popola i laghi e le parti medie e inferiori dei fiumi, grazie ai numerosi bacini di accumulazione la sua presenza è aumentata. La pesca al luccio è di successo se si usano gli streamer di colori vivaci, che “respirano“. I risultati ottenuti con lo jig qualche volta sono sorprendenti. Sono da raccomandare il giallo e il rosso, ma si ha successo anche con l’argento e con il bianco. La taglia degli streamer deve essere di almeno dieci centimetri. La pesca con canna per la pesca a mosca al luccio, dà ottimi risultati sulle dighe sul fiume Drava, sulla Sava media e inferiore nonché su alcuni laghi, soprattutto meno profondi, ad esempio su quello di Cerknica. L’aspio è un pesce assai raro in Slovenia. Nei corsi inferiori dei fiumi Krka, Drava e Mura, la sua popolazione è discreta e lo si può cacciare con successo. Per la pesca all’aspio sono più adatti gli streamer più piccoli di color argento o bianco.

5

Il persico reale, soprattutto nei laghi, ma anche in alcuni fiumi, dove si è adattato, si pesca con successo con piccoli streamer e jig. 33

6 Streamer; legatura di I. Holy, foto: S. M. Lešnik Mosche; legatura di B. Rožej, foto: I. Holy Carpa, foto: C. Mlinar Scardola, foto: V. Klarič Streamer; legatura di I. I. Holy, foto: I. Holy Persici reali, foto: J. Ocvirk Luccio, foto: K. Istinič

1 2 3 4 5 6 7

7


Pesca a mosca ai ciprinidi

1

2

Krka

3

Kolpa Il fiume Kolpa, sulla sponda sinistra (la sponda destra è in Croazia), adatto alla pesca a mosca al luccio e ai ciprinidi, è gestito da due società: • dalla diga a Dol presso Stari trg fino alla diga di Krasinec: RD Črnomelj • t +386 (0)7 305 10 22 oppure +386 (0)51 614 636, • e ribiska.druzina.crnomelj@amis.net, • w www.rdcrnomelj.si; • dalla diga di Krasinec al confine di stato: RD Metlika • t +386 (0)41 396 671, • e info@rdmetlika.si, • w www.rdmetlika.si.

34

4

Il fiume Krka, nella zona adatta alla pesca a mosca al luccio e ai ciprinidi, è gestito da tre società: • dal ponte di Soteska al ponte di Mršeča vas: RD Novo mesto • t +386 (0)7 337 38 88 oppure +386 (0)40 196 040, • e ribiskanm@volja.net, • w www.rdnovomesto.si; • dal ponte di Mršeča vas alla confluenza con il ruscello Sušica: RD Kostanjevica • t +386 (0)7 498 62 60 oppure +386 (0)31 656 167, • e rdkostanjevicanakrki@siol.net, • w www.ribiska-zveza.si; • dalla confluenza con il ruscello Sušica fino alla confluenza con la Sava: RD Brežice • t +386 (0)7 496 56 65 oppure +386 (0)41 671 365, • e ribiska.druzina@siol.net, • w www.ribiska-druzina-brezice.si.

Savinja Il fiume Savinja, nella zona adatta alla pesca a mosca al luccio e ai ciprinidi, è gestito da tre società: • dal ponte di Letuš al ponte di Petrovče: RD Šempeter • t +386 (0)3 705 90 86 oppure +386 (0)41 402 453, • e ribiska.druzina.sempeter@t-2.net, • w www.rd-sempeter.si;


• dal ponte di Petrovče al viadotto di Tremerje: RD Celje • t +386 (0)3 492 76 40 oppure +386 (0)31 311 709 • e ribiska.druzina.celje@t-1.si, • w www.ribiskadruzina-celje.si; • dal viadotto di Tremerje al ponte stradale di Zidani most: RD Laško • t +386 (0)3 620 55 19, • e druzina.lasko@amis.net, • w www. rdlasko.si.

Meža Il fiume Meža, nella zona adatta alla pesca a mosca al luccio e ai ciprinidi (da Slovenj Gradec alla confluenza con la Drava), è gestito da: Koroška ribiška družina • t +386 (0)2 878 00 93 oppure +386 (0)41 676 215, • e koroska.ribiska.druzina@amis.net, • w www.ribiska-zveza.si.

Drava Il fiume Drava, nella zona adatta alla pesca a mosca al luccio e ai ciprinidi (dal confine di Stato con l’Austria al confine di Stato con la Croazia), viene gestito da cinque società: • dal confine con l’Austria alla diga della centrale idroelettrica Vuzenica: Koroška ribiška družina • t +386 (0)2 878 00 93 oppure +386 (0)41 676 215, • e koroska.ribiska.druzina@amis.net, • w www.ribiska-zveza.si. • dalla diga della centrale idroelettrica Vuzenica alla diga della centrale idroelettrica Ožbalt: RD Radlje • t +386 (0)2 888 06 06, • e hep.revizor@siol.net oppure radlje@radlje.com, • w www.radlje.com.

• dalla diga della centrale idroelettrica Ožbalt fino alla diga della centrale idroelettrica Mariborski otok: RD Ruše • t +386 (0)2 661 91 81, • e info@rd-ruse.si, • w www.rd-ruse.si. • dalla diga della centrale idroelettrica Mariborski otok fino all’ex chiatta di Šmartno tra Dvorjane e Starše: RD Maribor • t +386 (0)51 387 433 oppure +386 (0)51 611 919, • e rd.maribor@siol.net, • w www.ribiska-zveza.si; • dall’ex chiatta di Šmartno tra Dvorjane e Starše fino al confine di Stato a Zavrč: RD Ptuj • t +386 (0)2 746 22 81, • e rdptuj@siol.net, • w www.ribiska-zveza.si.

5

Unica Per la pesca a mosca al luccio e ai ciprinidi è adatta la parte inferiore del corso fluviale. Il fiume Unica viene interamente gestito dallo Zavod za ribištvo Slovenije (ZZRS) • t +386 (0)1 244 34 00, • e info@zzrs.si, • w www.zzrs.si;

6

35

Lago di Cerknica Il Lago di Cerknica (Cerkniško jezero) viene gestito da due società: • parte superiore: Zavod za ribištvo Slovenije (ZZRS) • t +386 (0)1 244 34 00, • e info@zzrs.si, • w www.zzrs.si; • parte inferiore: RD Cerknica • t +386 (0)41 345 168, • e info@rdcerknica.si oppure mihaurh@volja.net • w www.rdcerknica.si.

7 1 Lago di Cerknica, foto: V. Stopar 2 Drava, foto: D. Babič 3 Krka, foto: J. Ocvirk 4 Barbo, Meža, foto: B. Konc 5 Savinja, foto: I. Holy 6 Unica, foto: B. Konc 7 Kolpa, foto: G. Štefančič


Pesca a mosca al salmone del Danubio La pesca al salmone del Danubio (o hucho) senza alcun dubbio rappresenta il meglio della pesca nelle acque slovene. Questo vale soprattutto per la pesca a mosca. Per lungo tempo prevaleva il pensiero che con la mosca artificiale non si potesse cacciare. I casi contrari erano considerati puro caso, si usava lo streamer, gli esemplari non erano adulti. Ampliando la gamma dei modi di pescare a mosca, i pescatori presto hanno constatato che il salmone del Danubio ama abboccare lo streamer. Il tempo migliore è subito dopo la deposizione delle uova, alla fine di aprile e in maggio, quando da noi è in vigore la chiusura della pesca a questo pesce. Anche durante la stagione, con la tenacia e il cambiamento degli streamer lo si può preparare ad abbocco. Sempre più spesso si incontrano pescatori al salmone del Danubio, a metà inverno, con la canna da pesca a mosca in mano. L’abboccata porta grande soddisfazione già usando i metodi classici, ed è un regalo straordinario nella pesca a mosca. I fiumi sloveni di medie dimensione sono i più adatti alla pesca a mosca al salmone del Danubio. Lo si può pescare sui fiumi Sora, Savinja e Kolpa. È più promettente la pesca sulla Sava Bohinjka, dove la popolazione del salmone del Danubio è più che ottima. Si raccomanda perciò a tutti gli amanti di pesca al salmone del Danubio, di provare la Sava Bohinjka con la canna da pesca a mosca.

Sava Bohinjka Il fiume Sava Bohinjka, nella zona adatta alla pesca a mosca al salmone del Danubio, viene gestito da tre società: • dal ponte stradale sotto Bohinjska Bistrica fino alla diga di Soteska: Zavod za ribištvo Slovenije (ZZRS) • t +386 (0)1 244 34 00, • e info@zzrs.si, • w www.zzrs.si; • dalla diga di Soteska fino alla diga di Cajhen: RD Bled • t +386 (0)4 576 63 40, • e info@ribiska-druzina-bled.si, • w www.ribiska-druzina-bled.si; • dalla diga di Cajhen alla confluenza con la Sava Dolinka: RD Radovljica • t +386 (0)4 531 21 68, • e radovljica.rd@gmail.com, • w www.ribiskadruzinaradovljica.si.

Sava

36

1

2

Il fiume Sava, nella zona adatta alla pesca a mosca al salmone del Danubio, viene gestito da cinque società: • dalla confluenza dei fiumi Sava Bohinjka e Sava Dolinka allo sbocco del ruscello sulla sponda sinistra, sopra la confluenza con la Tržiška Bistrica: RD Radovljica • t +386 (0)4 531 21 68, • e radovljica.rd@gmail.com, • w www.ribiskadruzinaradovljica.si; • dallo sbocco del ruscello sulla sponda sinistra, sopra la confluenza con la Tržiška Bistrica, alla diga di Majdič a Kranj: RD Tržič • t +386 (0)41 636 646, • e cadez.janez@gmail.com, • w www.rdtrzic.si;


Kolpa

• dalla diga di Majdič a Kranj fino alla diga della centrale idroelettrica Medvode: RD Kranj • t +386 (0)41 653 172, • e info@ribiskadruzinakranj.si, • w www.ribiskadruzinakranj.si. • dalla diga della centrale idroelettrica Medvode fino al ponte tra Brod e Tacen: RD Medvode • t +386 (0)51 306 216, • e rdm@siol.net, • w www.rdmedvode.si; • dal ponte tra Brod e Tacen fino allo sbocco della Ljubljanica: RD Straža – Sava • t +386 (0)1 537 58 06, • e ribiska.druzina.straza.sava@siol.net, • w www.rdstrazasava.si.

Il fiume Kolpa, nella zona adatta alla pesca a mosca al salmone del Danubio, viene gestito da due società: • dal ponte di Petrina (valico di frontiera SI – HR) fino alla diga di Slavski Laz: RD Kočevje • t +386 (0)41 921 440, • e tomaz.arko@nlb.si, • w www.rd-kocevje.si; • dalla diga di Slavski Laz fino alla diga di Dol presso Stari trg: Zavod za ribištvo Slovenije (ZZRS) • t +386 (0)1 244 34 00, • e info@zzrs.si, • w www.zzrs.si;

Sora

Savinja

Il fiume Sora, nella zona adatta alla pesca a mosca al salmone del Danubio, viene gestito da due società: • dalla confluenza dei fiumi Poljanska Sora e Selška Sora fino alla diga di Goričane: RD Sora • t +386 (0)4 512 75 20 oppure +386 (0)31 761 020, • e rd-sora@siol.net, • w www.rd-sora.com; • dalla diga di Goričane prima della confluenza con la Sava: RD Medvode • t +386 (0)51 306 216, • e rdm@siol.net, • w www.rdmedvode.si;

Il fiume Savinja, nella zona adatta alla pesca a mosca al salmone del Danubio, viene gestito da due società: • dalla diga di Kolenc a Grušovlje fino al ponte di Letuš: RD Mozirje • t +386 (0)3 839 04 15, • e info@rd-mozirje.si, • w www.rd-mozirje.si; • dal ponte di Letuš al ponte di Petrovče: RD Šempeter • t +386 (0)3 705 90 86 oppure +386 (0)41 402 453, • e ribiska.druzina.sempeter@t-2.net, • w www.rd-sempeter.si;

Krka Il fiume Krka, nella zona adatta alla pesca a mosca al salmone del Danubio, viene gestito dalla RD Novo mesto • t +386 (0)7 337 38 88 oppure +386 (0)40 960 040, • e ribiskanm@volja.net, • w www.rdnovomesto.si;

3

4

37

5 1 Salmone del Danubio, Savinja, foto: D. Babič 2 Sava Bohinjka, foto: J. Borišek 3 Krka, foto: B. Eltrin 4 Sora, foto: I. Holy 5 Savinja, foto: B. Konc


La scuola slovena della pesca a mosca

1

38

Gli inizi documentati della pesca a mosca nel territorio sloveno risalgono ai primi anni del secolo scorso. Sul fiume Tolminka, nel 1910 venne a pescare a mosca uno dei più importanti pescatori a mosca del tempo, il tedesco Alexander Behm. Lì conobbe il pescatore a mosca locale, Josip Bravničar che con successo catturava con una grande, ma semplice e molto robusta mosca secca, legata in maniera particolare. La mosca fu adattata da Behm su modello di Bravničar e presentata nel 1928 nella rivista tedesca “Die Angelsport”. Anche se Behm rispettava Bravničar, era da solo a mietere gloria, forse dovuta al pescatore a mosca sloveno. Nei primi anni della pubblicazione del “Ribiško lovski vestnik” (Notiziario di pesca e di caccia) che iniziò a uscire nel 1943, Alojzij Šulgaj pubblicò gli articoli “Pesca a mosca artificiale o a piuma” e “Descrizione di piume”. Questo autore è importante sopratutto per i suoi pensieri sull’etica della pesca e sul comportamento del pescatore sportivo, espressi negli articoli “Parte sentimentale della pesca” e “Alcune parole sull’educazione”. Gli articoli si possono considerare la base della tradizione della mosca slovena, nella quale è tessuta l’idea che la pesca a mosca non è una tecnica privilegiata, ma è più difficile e più nobile della pesca con l’amo. Negli anni Settanta, su modello degli specimen groups inglesi, anche da noi venne formato un gruppo di appassionati di pesca – coetanei. Fecero parte del gruppo Tomo Korošec, Jože Ocvirk, Lucijan Urbančič e Božidar Voljč che con le loro conoscenze e esperienze nella pesca a mosca crearono la scuola di pesca a mosca slovena e pubblicarono il libro “Muharjenje” (Pesca a mosca). Il libro fu l’inizio della fioritura della pesca a mosca e nel 2000 uscì la seconda edizione integrata e aggiornata. Il libro descrive la tipologia e la terminologia degli ami, tratta i principi di legatura e la loro terminologia, descrive varie tecniche della pesca a mosca. Tra i capitoli più importanti c’è il capitolo sull’etica della pesca sportiva. Vi sono presentati 75 esemplari di mosche, dai classici ai prodotti dei legatori sloveni ed esteri contemporanei. È il tempo della nascita della genuina canna da pesca a mosca Soča 180, parzialmente basata sullo stile austriaco di Gebetsroither di pesca a mosca con polso fisso, quando la canna rappresenta la mano prolungata del pescatore. La canna rendeva possibile anche lanci lunghi. Nel libro sono descritte anche legature genuine slovene dell’imitazione del tricottero, opera di Božidar Voljč, chiamato slovenski šaš (tricottero sloveno). Grazie al successo, la mosca presto divenne popolare in tutt’Europa e fu presentata in varie pubblicazioni all’estero. Questa è stata anche la base della serie Slovenica, che comprende tutti i tricotteri, importanti per la pesca a mosca, insieme ai loro nomi originali sloveni.

2

3

4 1 F-Fly e pipistrello; legatura di M. Fratnik, foto: I. Holy 2 Marjan Fratnik, foto: I. Holy 3 Ivo Kajžnik, foto: I. Holy 4 Anfipodo; legatura di I. Kajžnik, foto: I. Holy 5 dr. Božidar Voljč, foto: I. Holy 6 Simon Urbas, foto: I. Holy 7 Tricottero sloveno dalla serie Slovenica; legatura di dr. B. Voljč, foto: I. Holy


5

7

Fa parte della selezione classica di mosche artificiali anche la F-Fly di Marjan Fratnik. Le F-Fly da tempo sono note tra i pescatori a mosca, ma proprio Marjan Fratnik, usando una tecnica di montaggio molto semplice di questa mosca molto popolare, l’ha avvicinata a una grande cerchia di legatori. Tanti sono i pescatori a mosca che considerano la piuma d’anatra (CDC) il materiale più utilizzabile e più popolare per la legatura di mosche, proprio per merito di Marjan Fratnik. L’opposto del pragmatico Fratnik era il purtroppo già defunto Ivo Kajžnik, fondatore di imitazioni realistiche per la pesca nel territorio sloveno, autore della famosa imitazione dell’anfipodo Gammarus pulex, noto come gammy. Anche se oggi alcuni legatori producono imitazioni fedeli di questa mosca, la legatura originale è rimasta segreto. Ivo Kajžnik apparteneva all’apice dei costruttori sloveni e fu premiato per il suo lavoro in Slovenia e all’estero. Per oltre vent’anni la Ribiška zveza Slovenije (Federazione Slovena della Pesca), ogni anno organizza il campionato open per la migliore mosca artificiale. Il campionato ha una buona reputazione tra i legatori sloveni e stranieri, che partecipano regolarmente nelle categorie mosche secche, ninfe e mosche bagnate, streamer e campioni realistici. La carriera di molti costruttori è iniziata proprio al campionato sloveno (ad esempio Nadica e Igor Stančev, Macedonia). Nella forte concorrenza, tra i migliori figuravano sempre anche legatori sloveni: †Ivo Kajžnik, Danilo Bižal, Radivoj Šavli, Dušan Štih, Igor Holy, Vladimir Mikec, Simon Urbas ed altri. Tutti sono anche ottimi conoscitori delle acque slovene, adatte alla pesca a mosca e della pesca a mosca. Le tre mosche migliori di ogni categoria sono esposte nelle vetrine speciali e si possono visitare in varie ricorrenze, legate a questo tipo di pesca.

6 6

39


Postojnska jama (Grotte di Postumia) Le Grotte di Postumia (Postojnska jama), un intreccio di gallerie e sale, dove la goccia crea le pietre e non le scava solamente. Nel corso dei millenni, il fiume Pivka, fiume dai sette nomi, ha plasmato meravigliose strutture calcaree che oggi attirano visitatori provenienti da tutto il mondo che vengono qui a godere il suo patrimonio naturale. Non lontano si estende il polje di Planina, una particolarità del bacino fluviale carsico, dove affiora alla superficie lo stesso fiume Pivka, qui chiamato Unica, considerato, dagli amanti della pesca sportiva, uno dei più bei fiumi sloveni, e che grazie alla sua pescosità richiama molti pescatori. Nei dintorni sorgono numerose curiosità naturali e culturali, molte sono le possibilità per le visite, le esperienze, i piaceri. Visitateci e scegliete l’Hotel Jama come punto di partenza esclusivo per le scoperte della destinazione CARSO!

Benvenuti!

40

Informazioni:

t +386 (0)5 700 01 00 f +386 (0)5 700 01 30 e info@turizem-kras.si w www.turizem-kras.si


.$%,1(7

THERMANA LAŠKO 6LHWHLEHQYHQXWLQHOODYDOOHGHO¿XPH6DYLQMDFKHFRQLOVXRDPELHQWHSXOLWRYHUGHH PRYLPHQWDWRWXWWRO·DQQRYLSURSRQHXQDYDVWDJDPPDGLSURJUDPPLVSRUWLYLHGLWHPSR OLEHURFLFOLVPRHVFXUVLRQLVPRFDPPLQDWDQRUGLFDWHQQLVHTXLWD]LRQHDUUDPSLFDWDVSRUWLYD QRQFKpSHVFDVXO¿XPH6DYLQMDQHOUXVFHOOR*UDÁQLFDHQHOORVWDJQR0DURI 41

,OFRPSOHVVRDOEHUJKLHURVRUJHLQPH]]RDOSDUFRVXO¿XPH6DYLQMDULFFRGLYDULHWjLWWLFKHFRPHQDVRYDLURQHFDYHGDQREDUERDEUDPLGH VFDUGRODDUERUHOODOXFFLRHOXFLRSHUFD6XOODVSRQGDqVLVWHPDWDXQ·DUHDSHUJDUHFRQSRVWLDFFHVVLELOLDQFKHDJOLKDQGLFDSSDWL ,OFORXSHUODSHVFDDPRVFDqLOUXVFHOORFKHQHOVXRJUHPERQDVFRQGHWURWHDPHULFDQHHWURWHIDULR

dopo una giornata attiva, vi rilasseranno i massaggi, la sauna oppure il nuoto nei nostri centri termali. 6LVWHPD]LRQH WELLNEss PARK LAŠKO:

‡+RWHO**** ‡&HQWURWHUPDOHVRWWRODFXSRODGLYHWUR‡&HQWURVDXQD‡$WWUDWWLYR:HOOQHVV6SD&HQWHU ‡1XRYRFHQWURFRQJUHVVXDOH

ZdRAviLi ¬E LAŠKO: HOTEL HuM:

‡$OEHUJRFLWWDGLQRO ‡5LVWRUDQWH‡%LUUHULD

7KHUPDQD/DãNR²+RWHOV 5HVRUWV=GUDYLOLãNDFHVWD6,²/DãNRW  LQIR#WKHUPDQDVLZZZWKHUPDQDVL

7KHUPDQDGG=GUDYLOLãNDFHVWD/DãNR

‡+RWHO**** ‡&HQWURVDQLWDULR‡&HQWURGHOODVDOXWHHGHOODEHOOH]]D‡$XOHFRQIHUHQ]H


42

Ribiška zveza Slovenije (Federazione Slovena della Pesca) Tržaška cesta 134, SI-1000 Ljubljana, Slovenia t +386 (0)1 256 12 94 f +386 (0)1 256 12 95 e info.rzs@ribiska-zveza.si

www.ribiska-zveza.si Slovenska turistična organizacija (Ente Sloveno per il Turismo) Dunajska cesta 156, SI-1000 Ljubljana, Slovenia t +386 (0)1 589 18 40 f +386 (0)1 589 18 41 e info@slovenia.info

www.slovenia.info Edito da: Ente sloveno per il turismo in collaborazione con la Federazione Slovena della Pesca · Redattore: Borut Jerše · Design e impaginazione: Snežana Madić Lešnik · Testi: Jože Ocvirk, Igor Holy · Fotografia sulla copertina: Igor Modic · Traduzione: Katarina Bajželj Žvokelj · Stampato da: Schwarz d.o.o. · Tiratura: 11000 copie


La pesca a mosca in Slovenia