Issuu on Google+

Siulp collegamento flash -SiracusaNotiziario di informazione interna della segreteria di Siracusa Siracusa18 Aprile 2013

Partecipare al cambiamento Sommario: Mai come oggi sentiamo come uomini, cittadini e lavoratori l’esigenza di partecipare al cambiamento. Mai come oggi senti per le strade, tra la gente, giovani e vecchi, che si interrogano sul futuro, con molta paura, ma anche con la speranza di chi crede che il vento stia realmente cambiando; che dal male di una profonda crisi possa emergere con forza uno spirito riformatore verso una società più equa e giusta. Per far ciò, occorre che tutti partecipino fattivamente. Non è tempo di stare a guardare; la storia ci insegna che le crisi alimentano le forze antidemocratiche. Il SIULP, Il più rappre-

sentativo sindacato di polizia, che fonda la propria missione sulla fedeltà alla libertà ed alla democrazia, ha il dovere di contribuire al cambiamento trasmettendo nella società i propri valori. La legalità, la giustizia sociale, sono i valori che danno senso al nostro operare, la linfa che alimenta le nostre azioni quotidiane. Oggi il sindacato di polizia è chiamato a partecipare alla moralizzazione della società. Dobbiamo assicuraci che la nostra voce sia ascoltata. Ad ogni livello deve arrivare l’etica del nostro Sindacato. Ed è proprio il nostro statuto che indica, tra le proprie finalità la

sensibilizzazione dell’ opinione pubblica sulle azioni condotte dal sindacato a tutela del sistema sicurezza civile del Paese. E prevede, altresì, la promozione e valorizzazione di un dibattito con istituzioni, enti, mondo dell’ associazionismo e società civile. Un dibattito che sostenga adeguatamente le politiche finalizzate alla salvaguardia della legalità e dei diritti dei poliziotti.

Obiettivi Il Siulp -Siracusa- si appresta ad intraprendere un nuovo percorso incentrato sulla “partecipazione” internamente ed esternamente intesa. Difatti, dal lato interno, si cercherà con il contributo di tutti gli iscritti di dare un volto più aperto e funzionale al sindacato. Il pluralismo ottimamente

veicolato sarà fonte di crescita e darà nuova forza. Dal lato esterno ci sarà un maggiore confronto con la società. Una partecipazione attiva alla vita della città che veda Il SIULP -Siracusa- promotore di incontri finalizzati al sociale ed alla legalità.

Il sindacato concentrerà la sua attività non solo, come sempre fatto, sulla difesa dei diritti dei lavoratori, ma, curerà con ancor maggior forza, la promozione degli interessi dei poliziotti a 360 gradi. Tutti uniti verso il futuro.

Il segretario generale

2

Le ultime

3

Dalla segreteria nazionale

4

notizie

5

Faq, convenzioni

6

Il siulp nel sociale

7


Siulp Siracusa flash

Pagina 2

Il Segretario Generale

Cari amici e colleghi.. Cari amici e colleghi, non nascondo una certa emozione nello stendere questo mio primo editoriale del nuovo Collegamento Flash SIULP di Siracusa. Un bollettino di informazione che la segreteria utilizzerà per rendere tutti i colleghi, iscritti e non, participi dell’attività di questa struttura. Stiamo vivendo un delicato momento storico, le ultime elezioni hanno di fatto disegnato uno scenario di grande instabilità politica. Non è ancora possibile sapere, se e quando potrà na s cer e u n nu ovo go v er no. Nell’attesa di avere un interlocutore a cui presentare le nostre istanze, la nostra categoria, nonostante gli sforzi del sindacato, patisce ancora la scure dei tagli messi in atto dai precedenti esecutivi: aumenti salariali bloccati per un triennio, riduzione drastica del lavoro straordinario, missioni liquidate dopo un anno. Ma rispetto a queste tematiche importanti cosa può fare un segretario provinciale? Io penso ben

poco, tranne che essere da stimolo alla propria Segreteria Nazionale e fornire agli iscritti un’informazione puntuale e corretta. Questa non è una diminutio, anzi è esattamente il contrario. Il segretario provinciale ha una missione ben più importante: quella di provare a risolvere i piccoli e grandi problemi quotidiani che affliggono il collega sul posto di lavoro. Nessuna formula magica, nessuna alchimia, ma solo recuperare il contatto diretto con gli iscritti, intercettare le loro problematiche e cercare di risolverle ove sia possibile, senza mai lanciarsi in promesse irrealizzabili. Io sono pronto, mettendoci come sempre, passione, impegno, onestà e soprattutto la mia faccia. Chi ha lavorato al mio fianco, nel lavoro e nel sindacato, sa bene che non ho ambizioni di carriera, che sono stato sempre in prima linea, che non mi sono mai nascosto die-

tro una scrivania, che ho sempre lottato per ideali di giustizia ed equità. Per questo, anche se in prestito al sindacato, vorrei che mi consideraste sempre e comunque uno di voi. Infine, permettetemi di dare il benvenuto a tutti coloro che dopo un lungo percorso di militanza in altra sigla sindacale, hanno scelto di ritornare nel SIULP . Questo nuovo e prezioso contributo, di uomini ed idee, unitamente a tutti i colleghi che hanno rinnovato la loro fiducia in questo sindacato hanno fatto si che il SIULP Siracusano diventasse la maggiore e più rappresentativa organizzazione sindacale della provincia. A tutti loro va il mio ringraziamento.

Mario Ferrini

A buon intenditore poche parole.. Il complesso sistema delle relazioni sindacali codificate costituisce un mezzo importante per migliorare le condizioni di lavoro degli operatori di Polizia, senza mai trascurare l’efficienza e l’operatività della Polizia di Stato. Nel corso di recenti incontri di verifica di contrattazione decentrata e di esame congiunto delle materie oggetto di informazione preventiva, abbiamo riscontrato interventi di altre Organizzazioni Sindacali che confliggono palesemente con le regole vigenti. Tali interventi, infatti, mirano a peggiorare le condizioni di lavoro del poliziotto e non contribuiscono, in nessun modo, a migliorare l’efficienza del servizio all’utenza. È compito dell’Amministrazione far

rispettare le regole con atteggiamenti e decisioni improntate all’ imparzialità e all’efficienza. Com’è’ possibile che altre Organizzazioni Sindacali muovano puerili rilievi all’amministrazione, che risultano, sostanzialmente, pretestuosi e contrari ai principi stessi dell’azione sindacale? Dobbiamo forse pensare a personalistiche convenienze dettate dalle circostanze? O forse dobbiamo pensare ad un palese analfabetismo di ritorno? Noi ci siamo fatti un’idea ben precisa sulla tempistica degli interventi, alcuni dei quali tardivi non di giorni ma addirittura di anni. Pertanto, o siamo di fronte ad un bradipo (ma lo escludiamo), o tali

intempestive ed anacronistiche esternazioni sono frutto di mutati equilibri che hanno di colpo ribaltato le precedenti valutazioni facendo si che ciò che fino a qualche mese fa era conveniente oggi non lo sia più, con buona pace della coerenza. A fronte di atteggiamenti che censuriamo con tempestiva fermezza, la circostanza ci offre l’opportunità di ribadire che l’azione del SIULP è improntata, come consuetudine, alla coerenza ed alla trasparenza nella certezza di dare un contributo a favore di tutti i Poliziotti.


Pagina 3

Le ultime

Mega Concorso Sovrintendenti Cari colleghi, in questi giorni è in discussione la bozza di regolamento sulle nuove modalità di accesso al ruolo dei Sovrintendenti. Il Dipartimento della P.S. ha consegnato la bozza alle organizzazioni sindacali che hanno alcuni giorni di tempo per porre delle osservazioni in merito. Le novità più importanti riguardano la possibilità di bandire un maxi concorso per Sovrintendenti (per soli titoli di servizio) per azzerare l’arretrato causato con colpevole negligenza dal Dipartimento stesso. La Segreteria Provinciale di Siracusa ha inviato alla Segreteria Nazionale del SIULP una nota con la quale si illustra una chiara e preci-

sa presa di posizione della struttura aretusea. A nostro parere non vi può essere nessuna riforma delle procedure concorsuali che non contemperi equamente gli interessi dei colleghi più anziani che, dopo anni di onorato servizio, aspirano ad una meritata promozione, e gli interessi dei colleghi più giovani che temono una mortificazione della meritocrazia che ponga tutti sullo stesso piano, non premiando, come invece avviene in tutte le altre Amministrazioni Pubbliche, coloro che già hanno conquistato l’idoneità ai precedenti concorsi e coloro i quali desiderano mettersi in gioco avendo la possibilità di partecipare ad un concorso per esami.

Il Siulp Siracusa su Facebook Uno degli obiettivi del sindacato si incentra nella ricerca di misure dirette a favorire l’innovazione, nonché metodi pratici per dialogare costantemente con i poliziotti ed incentivare la “partecipazione”, vero elemento essenziale per capire le nuove esigenze dei colleghi. Chi deve fare che cosa e come! Chi interpreta un ruolo nel sindacato non si alza la mattina ed inventa una r ivendicazione. Quest’ultima è frutto di un serio dibattito e confronto con gli organismi statutari, è frutto di confronto con i colleghi attraverso le assemblee, ma questo metodo, seppur necessario, non è più rispondente alle esigenze attuali. Le attuali temperie ci suggeriscono che l’azione del sindacato deve essere dinamica, condivisa ed efficiente, e sono proprio queste brevi consi-

derazioni che ci hanno suggerito una vera trasformazione, peraltro già in atto. La Segreteria Provinciale SIULP è già su facebook e questo prezioso strumento non serve per apparire o per mostrare quello che è stato già fatto, serve per acquisire e dibattere velocemente nuove problematiche, incentivare tutti alla partecipazione e per il sindacato essere più presente e rispondente alle vere esigenze di tutti.

(MI PIACE)


Siulp Siracusa flash

Pagina 4

Dalla Segreteria Nazionale

La mobilità interna del personale P.S. Di seguito la definizione dei criteri riguardanti la mobilità interna del personale della Polizia di Stato: Il Dipartimento ha dato riscontro alla nota inviata in data 23 gennaio 2013 al Vice Capo della Polizia Pref. Matteo Piantedosi, pubblicata sul Flash del 4 Febbraio 2013 n.04_2013, avente per oggetto la richiesta, avanzata dal SIULP, di definizione dei criteri riguardanti la mobilità interna del personale. In particolare, ci è stato comunicato che l’Ufficio Relazioni Sindacali ha provveduto a trasmettere alle OO.SS., in virtù dell’articolo 25 del DPR 164/2002, una bozza di circolare che dovrebbe definire la disciplina dei movimenti a domanda del personale dei ruoli Sovrintendenti, Assi-

stenti ed Agenti che aspiri a cambiare ufficio o reparto nell’ambito della stessa sede ove presta servizio. Su detta materia sarà attivato un confronto in analogia con quando avvenuto a proposito della determinazione dei criteri riguardanti la mobilità esterna del personale. Si tratta di un primo, significativo passo per la regolamentazione di una delle materie sulle quali finora non si registrano criteri definiti e condivisi. Non può tuttavia sfuggire il fatto che la richiesta avanzata dal SIULP riguardava non solo la mobilità tra uffici e reparti nell’ambito di uno stesso comune, ma anche e soprattutto la mobilità in senso proprio all’interno degli stessi Uffici e reparti della Polizia di Stato.

L’impegno del SIULP su questo fronte sarà, pertanto, quello di giungere alla definizione di criteri e percorsi che garantiscano tutele e certezza, in un quadro di regole chiare e condivise, anche in relazione a tutti i meccanismi di mobilità, tra sedi e Uffici ubicati nello stesso comune così come tra le articolazioni interne di uno stesso ufficio, allo scopo di eliminare una situazione estremamente problematica che impone il ripristino di una accettabile situazione di trasparenza amministrativa e la restituzione di condizioni di fiducia al personale.

POLIZIA: sindacati pronti a scendere in piazza per operatività bloccata. SIULP, SAP, UGL Polizia di Stato e CONSAP rappresentativi di circa il 70% dei poliziotti, dopo l’appello al Presidente Monti senza alcun riscontro positivo, preannunciano una manifestazione pubblica davanti Palazzo Chigi per denunciare l’atteggiamento di totale disinteresse del Ministero dell’ Economia rispetto ad un adempimento formale, quale la sottoscrizione del Decreto Interministeriale che libera le risorse finanziarie già stanziate per il pagamento delle prestazioni di lavoro straordinario dei poliziotti che negli scorsi mesi sono stati impegnati a garantire l’operatività della funzione di sicurezza a garanzia dell’ordine pubblico nei servizi connessi all’Emergenza Nord Africa e alla Tav. Donne e uomini della Polizia di Stato che nell’anno 2012 sono stati im-

pegnati nelle zone di frontiera del nostr o Paese per garantir e l’operatività e affrontare l’ emergenza immigrazione o nella Val di Susa, facendosi carico di turni di servizio massacranti, fino a 18 ore di lavoro giornaliere al caldo o al freddo – affermano i Segretari Generali dei sindacati di polizia – non possono essere maltrattati e mortificati dagli atteggiamenti di una burocrazia ministeriale che non ha alcun rispetto della dignità, del sacrificio e del lavoro svolto da migliaia di poliziotti e, soprattutto della sicurezza dei cittadini e del Paese. Queste risorse, continuano i sindacalisti, servono per garantire l’operatività della Polizia e la sicurezza; per questo, considerato l’inspiegabile ritardo di circa un anno del MEF, pur con il massimo

senso di responsabilità verso il delicato momento che il Paese attraversa, non ci resta che manifestare pubblicamente contro il totale disinteresse della compagine governativa verso la sicurezza del Paese e dei suoi cittadini e nei confronti della dignità delle donne e degli uomini in uniforme. Roma 28 marzo 2013


Siulp Siracusa flash

Pagina 5

Notizie

Dichiarazione dei redditi ANNO 2012 Questa O.S. ricorda a tutti gli iscritti che anche quest’anno è possibile effettuare gratuitamente la dichiarazione dei redditi 730 per l’anno 2012 presso il CAF –CISL di Siracusa , sito in via Arsenale , 40 (tel. 0931/462645 cell. 3284768800 ). La segreteria provinciale del Siulp ha già provveduto a comunicare al suindicato CAF

l’elenco degli iscritti. Si ricorda di portare al seguito la tessera Siulp. Per maggiori informazioni rivolgersi alla segreteria Siulp.

La parola ai colleghi

Concorso o riordino E con quale decorrenza economica e teggio da attribuire ai titoli. Se ciò non di merito vada fatta in relazione alla avvenisse otterremmo il risultato di decorrenza giuridica ed economica. La giuridica? Le modalità di accesso al ruolo iniziale dei Sovrintendenti della Polizia di Stato, attraverso la modifica legislativa introdotta con il decreto legge n. 227 del 28.12.2012, hanno subito, per l’anno 2013, consistenti modifiche con procedure concorsuali semplificate. Ciò al fine di dare esito ai concorsi non espletati negli ultimi nove anni, nel corso dei quali si è determinata una vacanza in ruolo di 7597 unità. Organizzare un concorso unico, per soli titoli, per la copertura di 7597 posti nel ruolo Sovrintendenti è una questione molto complessa e comporta il serio rischio di mortificare la meritocrazia che è il primo presupposto per andare avanti nella progressione di carriera. In buona sostanza, in fase transitoria, è necessario che la parte pubblica, attraverso un confronto con le Organizzazioni Sindacali della Polizia di Stato, stabilisca a priori il punteggio da attribuire ai titoli con particolare riferimento alle valutazioni attinenti al merito. Se un Agente è bravo, merita, si impegna, studia o comunque dimostra di avere i requisiti per ottenere il passaggio di qualifica deve essere valorizzato. E’ proprio questo risultato che si può e si deve ottenere anche attraverso il pun-

realizzare un mini riordino delle carriere limitatamente al ruolo Agenti – Assistenti, a maggior ragione se l’anzianità “tout cort” prevalesse su tutti gli altri titoli. Certamente anche attraverso l’anzianità si matura esperienza e deve essere valorizzata, ma è necessario garantire, soprattutto ai giovani, la possibilità di progredire in carriera attraverso il merito o in alternativa attraverso una seria valutazione dei titoli di merito. Questa deve essere la garanzia necessaria, soprattutto dopo la fase transitoria e nei concorsi successivi. Pertanto al di la dell’ampiezza del concorso è necessario garantire le stesse regole nei concorsi successivi. Il concorso ordinario deve differire dal concorso straordinario solo per il numero di posti messi a concorso e per l’avvenire, non solo si devono rispettare i tempi dei concorsi annuali secondo il numero dei posti vacanti al 31 dicembre dell’anno precedente, ma si devono attuare gli stessi criteri della fase transitoria. In caso contrario si verificherebbero fastidiose disparità di trattamento tra personale della stessa qualifica come è avvenuto nel recente passato. Penso che un’altra attenta valutazione

decorrenza giuridica farà riferimento al momento in cui si è verificata la vacanza organica in ruolo cioè al 31.12 di ogni anno, mentre per la decorrenza economica è necessaria una modifica alla normativa vigente che, anche se applicata ai concorsi precedenti, è prevista alla fine del corso. Insomma non è giusto che i quasi 8000 vincitori abbiano la medesima decorrenza economica ed una decorrenza giuridica diversa. Questa è anche una evidente sperequazione con tutti gli altri ruoli della Polizia di Stato. Sperequazioni, decorrenze, meritocrazia ed altro penso che solo il SIULP anche attraverso un proficuo contributo sulla redazione della nuova bozza di regolamento può dare concretezza alle aspettative del Personale della Polizia di Stato.

Sebastiano Di Luciano


Pagina 6

Faq

(rispondiamo ai colleghi)

Qual è la disciplina che regola in concomitanza con la scadenza l’esenzione dai servizi serali e trimestrale. notturni dei poliziotti ultra cin- Come funziona l’istituto del perquantenni? messo breve? L’accordo nazionale quadro all’art. 12 stabilisce: Il personale con almeno 50 anni di età o con un’anzianità di servizio di 30 anni può chiedere di essere esonerato dai turni previsti nelle fasce serali e notturne. Le istanze saranno esaminate con cadenza trimestrale secondo criteri di priorità che dovranno essere concordati preliminarmente con le Segreterie Provinciali in sede di accordo decentrato. Per l’individuazione dei criteri si dovrà tener conto: • dell’età anagrafica; • dell’anzianità di servizio; • delle infermità derivanti da causa di servizio; • del percorso professionale. L’Amministrazione, nel caso in cui la dotazione organica o la tipologia di servizio non consentano di accogliere la richiesta, dovrà informare l’interessato delle eventuali possibili soluzioni alternative.

L’istituto del permesso breve è stato introdotto, per la Polizia di Stato, dall’art. 17, d.P.R. 395/1995, ove si prevede che il capo dell’ufficio può concedere al dipendente che ne faccia richiesta il permesso di assentarsi per brevi periodi durante l’orario di lavoro; i permessi brevi non possono essere in nessun caso di durata superiore alla metà dell’orario di lavoro giornaliero e non possono comunque superare le 36 ore nel corso dell’anno. La richiesta del permesso deve essere formulata in tempo utile per consentire al capo dell’ufficio di adottare le misure organizzative necessarie, mentre il dipendente è tenuto a recuperare le ore non lavorate entro il mese successivo, secondo le disposizioni del capo dell’ufficio; nel caso in cui il recupero non venga effettuato, la retribuzione viene proporzionalmente decurtata.

L’istanza di revoca presentata dall’interessato produce i suoi effetti A

norma

dell’art.

10,

A.N.Q.

Convenzioni associato Rodante, pareri giuridici gratuiti e onorari agevolati per gli iscritti, in ambito penale, civile e amministrativo. -Studio

-Revolution Bar, sito nel viale Teracati 31b, accetta i ticket restaurant, e pratica prezzi scontati per gli iscritti.

Si comunica che è stata costituita apposita area convenzioni. Pertanto, a breve, avreste notizie dettagliate in merito.

31.7.2009 l’orario flessibile è consentito unicamente per il personale impiegato nei servizi non continuativi con esclusione di quello addetto ai servizi esterni di controllo del territorio. I dirigenti responsabili degli uffici possono disporre, su richiesta del dipendente, l’applicazione dell’orario flessibile in relazione alle esigenze di servizio, tenendo presente le eventuali situazioni personali e familiari del dipendente. La flessibilità deve essere programmata settimanalmente e può essere prevista: a) differendo l’orario di entrata di 30 o 60 minuti per ciascun turno; b) anticipando l’orario di uscita di 30 o 60 minuti per ciascun turno. Il recupero del lavoro giornaliero non prestato deve avvenire: - nella medesima giornata anticipando o proluncando l' orario d' obbligo; - ovvero in un turno unico settimanale di 3 ore nella prima ipotesi (30 minuti); in due turni settimanali di 3 ore nella seconda ipotesi (60 minuti).


ESTRATTI DALLO STATUTO DEL SIULP:

Segreteria Siulp di Siracusa Mario Ferrini ( segretario generale) Tommaso Bellavia Antonello Coledi Giovanni Alì Angelo Susino Antonio Lentinello Agnese Zuccaro

Articolo 6 Democrazia e unità sindacale Gli iscritti al SIULP, senza distinzione di sesso, razza, religione, opinioni politiche qualifica e ruolo, hanno pari dignità e diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero.

Tel.: 0931 495191 Email siracusasiulp@gmail.com

Gli iscritti concorrono alla formazione dei gruppi dirigenti valorizzando non le appartenenze ma l’impegno e

Il presente notiziario è stampato in proprio dalla segreteria del Siulp Siracusa con sede a Siracusa viale Scala Greca 248/250.

Cresciamo dalla base uniti verso il fututo..

la capacità individuale. Partecipano altresì alla determinazione delle decisioni politiche e hanno diritto all’informazione su ogni attività del SIULP. Le

iscritte

e

gli

iscritti

partecipano

all’attività

dell’Organizzazione, rendendone feconda la vita demo-

Www.siulp.it

cratica…….

Il Siulp nel sociale Come già ampiamente anticipato nei precedenti articoli, il Siulp Siracusa curerà, con grande passione ed impegno, tematiche di interesse sociale. Ovviamente, in ossequio ai principi e valori del sindacato, si tenderà a sviluppare un connubio con la società civile, improntato a promuovere tematiche, individuare soluzioni e obiettivi condivisi o condivisibili, che siano strumento per una crescita comune del poliziotto e dell’ interlocutore. Per comprendere meglio e in concreto ciò che ci prefiggiamo possiamo in estrema sintesi anticipare le attività che ci accingiamo ad intraprendere.

Ci occuperemo di sviluppare incontri con Istituzioni, Associazioni, Fondazioni ecc.. Acquisiremo le informazioni necessarie a rendere gli iscritti consapevoli di quelle attività locali che possano essere di interesse comune. Svilupperemo una rete di relazioni tale da consentire al singolo appartenente di poter essere al meglio consigliato sulle piccole problematiche che la vita quotidiana ci riserva, potendo servirsi di una struttura che, in continuo confronto con la società, abbia le informazioni necessarie per meglio orientare le scelte dell’iscritto. Pertanto amici, a breve sarete

i n f or ma t i di tutte le novità. Siamo convinti che questa rubrica sarà utilissima per ognuno di noi e darà lustro all’attività di un sindacato che, fondato sui principi di democrazia e legalità, potrà al meglio rappresentare tutti i nostri valori.


siulp