Issuu on Google+

IUAV / UDP. Workshop “Energy Venice”. Venezia, Italia. Julio 2012

SISTEMI DELLA ENERGIA - VENEZIA


2

WORKSHOP ENERGY VENICE Docenti: Enrico Fontanari Mathias Klotz Claudio Magrini Editori Generali: Matías Honour Augusto Velasco Supervisione editoriale: Claudio Magrini Pedro Pedraza Omologazione della informazione: Matías Honour Augusto Velasco Realizzato: Workshop Energy Venice IUAV, Venezia Luglio 2012 Editato: Universidad Diego Portales, FAAD Magister Territorio y Paisaje Agosto - Ottobre 2012

Tipografie Utilizzate: Helvetica LT Std Black, Black Condensed, Black Condensed Oblique, Roman, Light, Light Condensed. Softwares Utilizzati: Adobe InDesign CS5, Adobe Illustrator CS5, Adobe Photoshop CS5, AutoCad, ArchiCad, Sktetchup. Sistema de impresión: Interior: Tiro y retiro en impresora Portada y portadillas: Plotter Papel interiores: Couché opaco 90 grs, Papel Vegetal 90 grs, Papel portada: Couché opaco 120 grs. Fotografia copertina: Matías Honour Version web: sistemasdelaenergiavenecia.wordpress.com


Indice

3

Indice Introduzione -Introduzione -Dati generali territoriali -Fabbisogno energetico -Produzione energetica

4-7 4 5 6 7

Urbano - Centro Storico 1.MOVE -Concept -Dati -Imbarcadero energetico -Ponte energetico -Annesso

8 - 29 10 - 11 12- 13 14 - 21 22- 28 29

2.Energy Towers -Concept -Modello energetico -Dati -Vere da pozzo -Cogeneratori alimentati a biogas -Sezioni territoriali -Energy Towers Park

30 - 51 32 32 33 34 - 36 37 38 - 39 40 - 51

3.Turista Energetico -Concept -Dati -Modello energetico -Stazione Santa Lucia -Ponte Calatrava -Piazzale Roma -Paesaggio energetico

52 - 69 54 55 56 - 59 60 - 63 64 - 65 66 - 67 68 - 69

Territorio - Laguna 4.WE WORK THE LINE -Dati -Modello energetico -Proposta territoriale -Piazza -Percorso -Cavane -Moduli di servizio -Sintesi

70 - 83 72 73 74 - 75 76 - 77 78 - 79 80 - 81 82 83

5.Border Energy -Concept -Modello energetico + Dati -Margine urbano -Margine balneare -Margine agricolo

84 - 101 86 - 87 88 - 89 90 - 93 94 - 97 98 - 101

6.Floating Frames -Concept -Dati -Modello energetico -Sistema territoriale -Floating Frames

102-115 104 105 106 107 108-115


4

Introduzione

Energy Venice Introduzione

Docenti: -Enrico Fontanari (IUAV) -Mathias Klotz (UDP) -Claudio Magrini (UDP) Studenti: 1.MOVE - Matias Honour. (UDP) - Matteo Modenese. - Sebastiano Passaler. - Alessia Tiozzo. - Margherita Zanet. 2.Enery Tower Park -Jacopo Benatta -Alvise Frasson -Filippo Galli -Andrea Marchesini -Chiara Zonta 3.Turista energetico -Francesca Ferrari -Anna Manea -Piergiovanni Scardellato -Giulia Sinigaglia -Matilde Tessari -Irene Zancanaro 4.Border Energy -Michaela Benedetti -Andrea Cattarino -Daniele Crovato -Valentina D´Alberto -Jacopo Tijo 5.Floating Frames -Luca Brusegan -Giulia Nicoli -Lucia Perissinotto -Augusto Velasco (UDP) -Raffaele Villano 6.We work the Line -Martina Basso -Marta Fabris -Alberto Favero -Riccardo Rinaldi -Paolo Toldo

Il presente lavoro è frutto di un workshop congiunto tra la Universidad Diego Portales del Chile e lo IUAV (Istituto Universitario di Venezia), una attività accademica e di ricerca che si realiza ogni anno grazie a un accordo tra le due istituzioni. Questa volta le inquietudini del contesto cileno sono stati trasladati direttamente a Venezia, che è stata presa come una scusa e un banco di prova previa per una ipotesi originata in Cile e che presto sarà sviluppata nel diplomato “Paesaggi produttivi” del Programma di Master “Territorio e Paesaggio”. L’ipotesi di base del workshop “Energy Venice” si fondamenta in due premesse. La prima nella constatazione che, a parte poche eccezioni, le regioni capitali di ogni paese non sono energeticamente autonome e dipendono dall’apporto energetico da parte delle regioni che le sono subordinate. É un dato che dovrebbe essere considerato nella pianificazione territoriale, specialmente dei paesi molto centralizzati come per esempio quelli del continente sudamericano ed in particolare il Cile con la sua regione metropolitana. La seconda premessa è il potenziale implicito nella nuova legge Net Metering, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale del Cile il 20 di marzo 2012 con il numero 20.571. Anche conosciuta coma la “legga della reversibilità energetica”, permette ai piccoli imprenditori e alla cittadinanza di produrre la propria energia (rinnovabile) ed inniettare gli eccedenti nella rete pubblica. L’assunto interesante di questa legge è che permette risolvere il grande problema delle energie rinnovabili non convenzionali (ERNC), che consiste nella discontinuità della produzione energetica. Così, per esempio, una unità abitazionale potrebbe accumulare l’energia mediante pannelli fotovoltaici durante il giorno quando è disoccupata, per poi utilizzarla quando il

nucleo famigliare ritorna a casa di sera. La prima premessa, al riconoscere l’insufficienza delle risorse territoriali, sposta l’asse della equazione energetica dall’ambito territoriale all’ambito urbano. Ponendo la domanda di come migliorare la produzione energetica approfittando delle proprie risorse. Mentre che la seconda premessa apre la ricerca verso nuovi scenari e paesaggi urbani che la suddetta legge può promuovere. I progetti qui esposti hanno dovuto compiere con i seguenti punti: 1. Proporre un dispositivo o una costruzione architettonica che non si limitasse al risparmio energetico, bensì che proponesse soluzioni capaci di generare un surplus energetico. Detto in un altro modo, che eccedesse la autosostenibilità per costituirsi in un attore energetico attivo per il consumo urbano. 2. Esplicitare il modello energetico utilizzato per raggiungere l’obiettivo dichiarato. 3. Esplicitare i calcoli della produzione energetica. 4. Creare un nuovo paesaggio urbano che riflette la sua origine energetica. Di tutti i punti, l’ultimo ci pare il più importante, perchè esplora le qualità spaziali e l’impatto che i nuovi paesaggi potrebbero avere nell’ambito pubblico-urbano. Anche se non si possono garantire al 100% i dati energetici elaborati (molti dispositivi e i loro dati di riferimento si trovano ancora in fase di sprimentazione), sorprende il risultato, al rendersi conto che alcuni di questi interventi non solo permettono l’autonomia energetica completa del centro storico di Venezia, ma che inoltre coprono una parte importante del fabbisogno energetico del comune della gran Venezia.


Introduzione

Energy Venice

ITALIA Paese

Dati generali territoriale

Clima

Mediterraneo

La laguna non è solo terra né acqua, ma un sistema complesso composto da vari componenti.

Centro storico

Densità

341,7 (hab/km2)

ENERGY VENICE Venezia è una laguna costiera, con una superficie di circa 550km2

Popolazione

VENEZIA

A nord confina con il Sile Riuo, a sud verso il fiume Brenta, ad ovest da una serie di canali che la separano dalla terraferma e ad est dalle isole barriera di Sottomarina, Pallestrina, Lido, Cavallino e di Jesolo

Laguna

841.609 hab.

N

5

Nel corso di questi itsmos, 50 km di spiagge sabbiose e terreni aperti in soli tre punti: le bocche dei porti Lido, Malamocco e Chioggia, immettendo acqua di mare e acqua salmastra fuori.


6

Introduzione

Energy Venice Fabbisogno energetico Regione Veneto (Piano energetico comunale 2007, Agenzia per l´energia de Venezia) Regione Veneto Consumo

(Piano energetico comunale 2007)

31.000 Gwh/anno

Commerico

Consumo

31000 GWh/ anno

16.000 Gwh/anno Produzione

16000 GWh/ anno

REGIONE VENETO Regione

Totale -15000 GWh/anno Totale: -15.000 Gwh/anno Deficit 48,4%

Deficit: 48,4%

Comune di Venezia (Piano energetico comunale 2007, Agenzia per l´energia de Venezia)

Comune di Venezia

(Piano energetico comunale 2007, Agenzia per l’Energia di Venezia) Settore Residenziale 300 Gwh/anno

Settore Terziario

Settore Residenziale

300 GWh/ anno

Settore Terziario

700 GWh/ anno

700 Gwh/anno

Settore Industruale Settore Industriale 1.900 Gwh/anno

COMUNE DI VENEZIA Comune

1900 GWh/ anno

Totale 2900 GWh/anno

Totale: 1.900 Gwh/anno

Centro Storico (Piano energetico comunale 2007, Agenzia per l´energia de Venezia)

Centro Storico

(Vedere annesso:69,6 Agenzia per l’Energia di Venezia) Settore Residenziale Gwh/anno

Commerico Settore Terziario

Settore Residenziale Commercio Servizi

67,51 Gwh/anno

Illuminazione Pubblica Illuminazione Pubblica Alberghi

69,60 GWh/ anno

67,51 GWh/ anno

Alberghi Totale 137,11 GWh/anno

Totale: 137,11 Gwh/anno

CITTA’DI VENEZIA Centro storico


Introduzione

7

Energy Venice Produzione energetica CENTRO STORICO

LAGUNA

MOVE

WE WORK THE LINE

1. PONTE DELLA LIBERTÁ

1. FUSINA

12 GWh/anno 21 GWh/anno

IMPIANTO FOTOVOLTAICO:

24.80 GWh/anno

2. PARCO SAN GIULIANO

SISTEMA PIEZOELETTRICO:

575.88 GWh/anno

3. VALLI DA PESCA (NORD)

2. IMBARCADERO

AUTOSUFFICIENTE + 35.2 GWh/anno

7.45 GWh/anno TOTALE: 68.2 GWh/anno TOTALE: 608.13 GWh/anno

ENERGY TOWER PARK 1. TORRI

26.5 GWh/anno

BORDER ENERGY 1.CENTRO STORICO

1.8 GWh/anno

2.SANT´ERASMO

AUTOSUFFICIENTE + 2.4 GWh/anno

3.LIDO

AUTOSUFFICIENTE + 1.2 GWh/anno

TOTALE: 26.5 GWh/anno

TOTALE: 5.4 GWh/anno 1. TORRI

TURISTA ENERGETICO

FLOATING FRAMES

1.STAZIONE FS

29.64 GWh/anno

1.FERMATE TERMINALI

2.AEROPORTO

24.1 GWh/anno

2.FERMATE LAGUNARI

AUTOSUFFICIENTE ED APPOGGIATE DALLE FERMATE TERMINALI

60 GWh/anno

3.TRONCHETTO

4.4 GWh/anno

3.BRICOLE (TRASPORTO PRIVATO)

AUTOSUFFICIENTE + 1.2 GWh/anno

4.TERMINAL LAGUNARI

6.1 GWh/anno

5.PIAZZALE ROMA + CALATRAVA

8.9 GWh/anno

TOTALE: 61.2 GWh/anno

TOTALE: 76.14 GWh/anno

TOTALE 6 PROGETTI

845.57 GWh/anno


8

MOVE

Fotografia: MatĂ­as Honour


MOVE

MOVE Studenti - Matias Honour. (UDP - Chile) - Matteo Modenese. (IUAV - Italia) - Sebastiano Passaler. (IUAV - Italia) - Alessia Tiozzo. (IUAV - Italia) - Margherita Zanet. (IUAV - Italia)

9


10

MOVE

MobilityVeniceEnergy

MOVE

Venezia è una città nella quale transitano ogni anno circa 40 milioni di turisti e questo la rende una delle capitali a livello mondiale del turismo. Il movimento degli abitanti e del numero di persone che visitano Venezia è stato lo spunto di partenza del concept di progetto. Un transito di questa portata di individui pone sotto continuo stress il sistema infrastrutturale e dei trasporti che di conseguenza consuma un consistente quantitativo di energia nell’ambito della gestione

delle risorse del territorio. Il nostro obiettivo è produrre il maggior numero di energia elettrica dal sistema delle infrastrutture utilizzate in laguna, consentendo ai turisti e agli abitanti di contribuire a rendere Venezia una città più sostenibile, riducendo le emissioni di CO2, verso la conservazione di una delle più belle città del mondo.


MOVE

MOVE Concept

ENERGIA DEI TRASPORTI

TRASPORTI A VENEZIA

IMBARCADERO PONTE ENERGETICO

Concetto e strategia proposti per la generazione di energia

11


12

MOVE

Imbarcadero Energetico Dati PAVIMENTO ENERGETICO Fonte: 1 Pavegen (40 x 40 cm) produce 2,1 Wh Superficie utilizzata: Energia prodotta in un’ora: Energia prodotta in un giorno (12 ore): Energia prodotta in un anno: Energia prodotta da tutti gli imbarcaderi:

48,25 m2 633 Wh 7.596 Wh 2.772.540 Wh 160.807.320 Wh

0,16 GWh anno (160.807 kWh)

MARGINE ENERGETICO Fonte: 1 Pavegen (40 x 40 cm) produce 2,1 Wh Lunghezza utilizzata: 11,20 m (28 placas) massa x decelerazione traghetto x movimento della placca m x g x h = 25.000 kg x 1,5 m/s2 x 0,10 m = 3800 J = 1,05 Wh Energia prodotta in un’ora: 29,4 Wh Energia prodotta in un giorno (12 ore): 352,8 Wh Energia prodotta in un anno: 128.772 Wh Energia prodotta da tutti gli imbarcaderi: 7.468.776 Wh Energia prodotta x traghetto in transito: 7,468 x 576 = 4.302,014 MWh

4,3 GWh anno (4.302 kWh)

BOE ENERGETICA Ogni imbarcadero consta con 4 boe tipo. Le boe hanno una potenza di picco pari a 1.5 kWp. Produzione totale annuale: 12.000 kWh anno Totale E prodotta = 12.000 x 4 = 48.000 kWh/año = 0,048 GWh anno E prodotta dal totale delle installazioni = 48.000 x 58 = 2,784 GWh anno

2,784 GWh anno (2.784.000 kWh)

PANNELLO FOTOVOLTAICO Superficie fotovoltaica: 11,2m x 4,6m = Energia prodotta in un imbarcadero: Energia prodotta totale:

51,5 m2 3648 kWh anno 211.584 KWh anno

0,21 GWh anno (211.584 kWh)


MOVE

Ponte Energetico

13

Dati

VENEZIA CENTRO STORICO Consumi Energetici

PANNELLO FOTOVOLTAICO

Consumo pro capite per residente: Contando ogni residenza (escluse le attività alberghiere, l’illuminazione pubblica, il commercio e i servizi) la somma del consume del centro storico di Venezia, abitato da circa 60.000 abitanti (e considerando una media di consumo di 1.160 KWh/anno per persona, secondo i dati ISTAT 2005), è di 69.600.000 KWh/anno:

Radiazione solare annua inclinazione 20° (Venezia) Superficie fotovoltaica: 3800m x 40m = 152.000 m2

24,80 GWh anno (24.800.000 kWh)

Energia prodotta: 24,80 GWh annui:

60.000 x 1.160 = 69.600.000 kwh / anno = 69,6 Gwh anno

SISTEMA PIEZOELETTRICO *Dati sperimentali Fonte: Innowattech, con la Technion University e l’Israel Railway Company Lunghezza rotaie: 10 m Numero treni: 15 treni/ora Energia prodotta in un’ora: 120 kWh Dati calcolati Lunghezza rotaie: 3800 m Numero treni: 520 treni/h Energia prodotta in un’ora: 65.740 kWh Energia prodotta in un anno: 575 GWh

575,88 GWh anno (575.882.400 kWh)

CONSUMO TOTALE CENTRO STORICO = 137, 11 GWh anno TOTALE ENERGIA ELETTRICA PRODOTTA = 608,134 GWh anno = 441% del TOTALE DEL CENTRO STORICO

Complementando i dati ottenuti mediante la triangolazione dei riferimenti con quelli forniti dall’Agenzia della Energia di Venezia, è possibile incontrare una costante di proporzionalità per ottenere il consumo totale dell’elettricità del centro storico di Venezia (includendo le attività alberghiere, l’illuminazione pubblica, il commercio e i servizi): 69.600.000 x 1.97 = 137.112.000 kwh/ ano = 137,112 Gwh anno * si fa riferimento alla documentazione allegata alla fine


14

MOVE

Imbarcadero Energetico Modello energetico

Guadagno energetico: 1_ PAVIMENTO ENERGETICO 2_ BORDO ENERGETICO 3_ BOE ENERGETICA 4_ PANNELLO FOTOVOLTAICO

0,16 GWh annui 4,3 GWh annui 2,784 GWh annui 0,21 GWh annui


MOVE

15

Imbarcadero Energetico Progetto

Piano d´ubicazione degli attuali imbarcaderi attuali

Sezione trasversale del prototipo dell imbarcadero energetico Il progetto prevede la sostituzione dei 58 imbarcaderos in servicio nel centro storico di Venezia con i nuovi imbarcaderi energetici. Il prototipo dell’imbarcadero è capace di produrre una quantità di energia utile per l’illuminazione dello spazio pubblico; e inoltre offre la possibilità di ricarica dei dispositivi elettronici. L’energia è prodotta grazie alla incorporazione di quattro

0

1

2

5

6mts.

sistemi di produzione energetica: il pannello fotovoltaico che processa l’energia solare, la boa energética che trasforma il movimiento delle onde, il pavimento energético che recupera l’energia cinetica del calpestio ed infine l’energia prodotta dall’urto del vaporetto quando si ferma al imbarcadero.


16

MOVE

Imbarcadero Energetico Planimetria 1. Prototipo di pavimento energetico utilizzato nel suolo e nel bordo frontale dell’imbarcadero (dove sbatte il vaporetto).

Pianta livello 1

0

1

1

2

5

6mts.


MOVE

Imbarcadero Energetico Planimetria 1. Prototipo di pannello fotovoltaico trasparente utilizzato in copertura e nella facciata nord. 2. Esempio di struttura metallica di supporto per il pannello fotovoltaico 1

Pianta tetto

2

0

1

2

5

6mts.

17


18

MOVE

Imbarcadero Energetico Logica costruttiva

4

1_ PAVIMENTO ENERGETICO 2_ BORDO ENERGETICO 3_ BOE ENERGETICA 4_ IMPIANTO FOTOVOLTAICO

1

2 3 Assonometria esplosa


MOVE

Imbarcadero Energetico Immagini

Inserimento nel contesto veneziano

19


20

MOVE

Imbarcadero Energetico Immagini

Vista dal Canal Grande

Viste del prototipo di imbarcadero energetico

Relazione con il paesaggio notturno di Venezia


MOVE

21


22

MOVE

Ponte Energetico Paesaggio urbano Il ponte della Libertà è il ponte stradale di circa quattro chilometri (3,850 m circa) che attraversa la laguna veneta e costituisce l’unica via d’accesso per il traffico veicolare alla città di Venezia. Già dal 1846, quando Venezia era inclusa nel Regno Lombardo-Veneto, allora appartenente all’Impero Asburgico, esisteva una linea ferroviaria che collegava la città anfibia all’entroterra veneto. Il grandioso ponte sulla laguna veneta venne inaugurato il giorno 11 gennaio 1846 e aperto al pubblico il giorno 14 successivo. L’ingegnere Noale ha diretto i lavori del ponte. L’ingegnere Bermani quelli dell’armamento. Per l’esecuzione dei lavori il Petich fu assistito dall’amicizia dell’ingegnere Pietro Modulo, parente del celebre giurista di Padova, Antonio Modulo, autore, assieme a Gio. Batta Cavalini, del famoso Notarelon, primo inventario alfabetico analitico degli atti civili esistenti in città. Il progetto del 1931 dell’ingegnere Eugenio Miozzi riprese ed affiancò al tratto ferroviario quello stradale, con ovvie ed opportune modifiche e rimaneggiamenti. Inaugurato da Benito Mussolini il 25 aprile 1933 con il nome di ponte Littorio, al termine della seconda guerra mondiale fu ribattezzato con l’odierno nome in ricordo della liberazione dal nazi-fascismo. *Fonte: Wikipedia

PORTO MARGHERA

RETI DA PESCA


MOVE

PROFILO DI VENEZIA

23


24

MOVE

Ponte Energetico Modello Energetico

1. Concetto idea di tensostruttura

1 Recupero energetico:

1_ PANNELLO FOTOVOLTAICO 2_ IMPIANTO PIEZOELETTRICO

1

2

24,80 GWh annui 575,88 GWh annui


MOVE

Ponte Energetico Progetto

1. Prototipo di lamina fotovoltaica applicata alla tensostruttura 2. Esempio di tensostruttura proposta per la copertura 3. Prototipo di sistema Piezoelettrico proposto como sostituzione 1 delle attuali traverse dei treno

Sezione trasversale del ponte energetico

Porzione di pianta della copertura

2

3

25


26

MOVE

Ponte Energetico Logica construttiva

1 1_ PANNELLO FOTOVOLTAICO 2_ IMPIANTO PIEZOELETTRICO

2

Assonometria esplosa


MOVE

Ponte Energetico Immagini

27


28

MOVE

Ponte Energetico Immagini

Inserimento nel contesto veneziano


MOVE

29

MOVE Annesso

DOCUMENTAZIONE FORNITA DALL’AGENZIA DELL’ENERGIA DI VENEZIA - Quanti KWh producono le boe installate presso la stazione di san Basilio? La boa piccola (2m di diametro) ha una potenza di 1.5kWp nominali e una produzione prevista di circa 12.000kWh all’anno. - Quanta energia elettrica consuma il centro storico di Venezia ( sfortunatamente sono tre giorni che cerchiamo ma sono riuscita a rilevare solo un bilancio a livello comunale, ed essendo il comune di venezia piuttosto esteso mi risulta molto difficile ricondurre una percentuale al centro storico) In effetti questo dato non è disponibile. È possibile fare una stima considerando i consumi pro capite per la residenza. Per esempio, per la sola residenza (esclusi alberghi, illuminazione pubblica, commercio e terziario) i consumi in centro storico possono ammontare a circa 60.000 abitanti per circa 1.160kWh/anno (dato ISTAT per il 2005) quindi per la sola residenza si tratta di 69.600.000 kWh/anno. Si può fare anche un’ulteriore considerazione (ma entriamo nel campo delle stime acrobatiche) utilizzando i dati del nostro inventario delle emissioni per il Patto dei Sindaci. Quei dati ci

dicono che i consumi totali nel Comune per i settori residenza, commercio, illuminazione pubblica e terziario valgono nel 2005 617.077MWh mentre la sola residenza pesa per 279.112MWh. Facendo quindi un’opportuna proporzione (il rapporto e di 1:1,97) si può supporre che i consumi complessivi di elettricità nel centro storico valgano per l’anno 2005 69.600x1.97= 137.112.000kWh oppure 137.112MWh. Tenendo ben presenti le premesse. - Quanta energia elettrica da fonti rinnovabili viene attualmente prodotta a Venezia? Ci sono alcuni dati ISTAT a disposizione però sono poco aggiornati (risalgono al 2009, secoli fa in termini di rinnovabili). Il dato più interessante e costantemente aggiornato si trova su http://atlasole.gse.it/atlasole/e ci dice che al giorno 16/07 sono allacciati in Comune di Venezia 768 impianti fotovoltaici per una potenza installata pari a 12.364kWp e quindi una produzione stimabile in circa 13.600MWh annui (giusto per curiosità, circa un 10% dei consumi elettrici della città storica stimati sopra).


30

Energy Towers

Fotografia: MatĂ­as Honour


Energy Towers

ENERGY TOWERS Studenti -Jacopo Benatta (IUAV - Italia) -Alvise Frasson (IUAV - Italia) -Filippo Galli (IUAV - Italia) -Andrea Marchesini (IUAV - Italia) -Chiara Zonta (IUAV - Italia)

31


32

Energy Towers

Energy Towers Park Concept Venezia e’ morta. Il nostro pensiero progettuale si vuole confrontare con una città cristallizzata in manufatti che sono oramai solo il ricordo delle loro antiche funzioni, sfruttando l’immaginario dato da visioni utopiche del futuro di Venezia. Abbiamo quindi calato una rete di raccolta pneumatica dei rifiuti nel sottosuolo della città che ci permette di risolvere il problema dell’immondizia e di produrre energia attraverso il biogas dato dal rifiuto organico. Sfruttando la diffusione dei pozzi veneziani li abbiamo ripensati come punti di raccolta del sistema e come nuovi elementi per la collettivita’, sorta di alberi artificiali dove potersi ritrovare.

Modello energetico

Lo sfogo del sistema e’ stato individuato in tre aree exindustriali che, come le vere da pozzo, possono essere riqualificate attraverso la costruzione di tre torri verdi che sono state pensate come nuovo spazio pubblico veneziano che comprende giardini, piazze e zone private di produzione. La verticalita’ delle nuove strutture ci permette di sfruttare spazi inesistenti nel tessuto veneziano e di porre un nuovo limite alla verticalita’ della citta’, facendo diventare le torri dei nuovi punti di riferimento fisici e paesaggistici di Venezia. Venezia e’ morta, lunga vita a Venezia!


Energy Towers

Energy Towers Park Dati

2011: 56.015,88 tonnellate di rifiuti a Venezia 24,97% rifiuti differenziati 75,03% rifiuti non-differenziati, di cui cioè 18.484 tonnellate rifiuti organici annui a Venezia

42% secco 33% organico

1 kg organico = 1,5 kWh 18.484.950 kg x 1,5 kWh

27.727.425 kWh energia da biomassa

torre quadrata = 19 piani x 400 = 7.600 metri quadri torre circolare = 23+27 = 50 x 125 = 6.280 metri quadri

13.880 mq

se una lampada da 200 mm a led consuma 87,6 kWh/annui se contiamo 1 lampada per ogni metro quadrato: 13.880 x 87,6

1.215.888 kWh/annui

se un ascensore che serve 4 piani consuma 2,5 kWh/giorno 4 piani x 6 = 24 piani 24 piani x 365 giorni x 3 torri 2,5 x 6 x 365 x 3

16.425 kWh/annui

luce + ascensore = 1.232.305 kWh/annui per le 3 torri 27.727.425 - 1.232.305

26.495.120 kWh/annui in esubero

26.495.120 / 1.160*

22.840 utenti l’anno

* (consumo procapite italiano energia elettrica domestica)

33


34

Energy Towers

Vere da Pozzo Catasto urbano

Mappa delle vere da pozzo nella isola grande di Venezia


Energy Towers

Vere da Pozzo Schema di uso e funzionamento

modulo esistente

Raccolta Pneumatica

Copertura vegetale

Variabile 2

Variabile 3

Acqua nebulizzata

Iluminazione

Luogo di reposo

35


36

Energy Towers

Vere da Pozzo Immagini

Nuovo spazio pubblico proposto

Vere da Pozzo per Sistema Pneumatica di raccolta dei rifiuti

Consolidazione di un nuovo paesaggio notturno


Energy Towers

37

Cogeneratori alimentati a Biogas Punti di produzione di energia

1. Gasometro di Santa Marta

2. Sacca San Biagio

3. Gasometro di San Francesco

3

1

2


38

Energy Towers

Sezioni territoriali Studio della verticalitĂ  di Venezia Giudecca

San Francesco

Santa Marte


Energy Towers 39


40

Energy Towers

Energy Towers Park Sezioni Concettuali

Torre di San Biagio Schemi di disposizione e utilizzazione

Torre di Santa Marta

Torre di San Francesco


Energy Towers

Energy Towers Park Sezioni costruttive

Torre di San Biagio Sezioni strutturali delle tre torri

Torre di Santa Marta

Torre di San Francesco

41


42

Energy Towers

Torre di San Biagio Progetto

Sezione generale della torre

Sezione della circolazione


Energy Towers

43

Torri di San Biagio Composizione della torre

Struttura

Circolazione

Isometriche della torre separate per funzioni

Piattaforme e Vegetazione

Torre di San Biagio


44

Energy Towers

Torre di Santa Marta Progetto

Sezione generale della torre

Sezione della circolazione


Energy Towers

45

Torre di Santa Marta Composizione della torre

Struttura

Circolazione

Isometriche della torre separate per funzione

Piattaforma e Vegetazione

Torre di Santa Marta


46

Energy Towers

Torre di San Francesco Progetto

Sezione generale della torre

Sezione della circolazione


Energy Towers

Torre de San Francesco Composizione della torre

Struttura

Circolazione

Isometriche della torre separate per funzione

Piattaforma e Vegetazione

Torre di San Francesco

47


48

Energy Towers

Energy Towers Park Immagini

Vista verso La Giudecca. Torre di San Biagio


Energy Towers

Energy Towers Park Immagini

Torre di San Francesco

49


50

Energy Towers

Energy Towers Park Immagini

Spazio pubblico relazionato con la torre di San Francesco


Energy Towers

Energy Towers Park Immagini

AttivitĂ  agricola proposta. Torre di Santa Marta

51


52

Turista Energetico

Fotografia: MatĂ­as Honour


Turista Energetico

TURISTA ENERGETICO Studenti - Francesca Ferrari (IUAV - Italia) - Anna Manea (IUAV - Italia) - Piergiovanni Scardellato (IUAV - Italia) - Giulia Sinigaglia (IUAV - Italia) - Matilde Tessari (IUAV - Italia) - Irene Zacanaro (IUAV - Italia)

53


54

Turista Energetico

Turista Energetico Concept Il turista energetico I principali soggetti che occupano lo scenario lagunare sono i pedoni, i turisti che si identificano nella più grande risorsa economica della città di Venezia che vive di turismo, ma costituiscono anche un problema per il grande numero che raggiungono annualmente. Dall’analisi di sperimentazioni e tecnologie per la produzione di energia pulita e reversibile, abbiamo individuato la possibilità di sfruttare pannelli piezoelettrici per la pavimentazione che, grazie alla pressione prodotta dal calpestio, sono in grado di produrre energia. Questa è la principale fonte energetica per il progetto che abbiamo sviluppato. Le aree di progetto coincidono con le aree di maggior flusso di persone che portano alla città: l’aeroporto Marco Polo, Stazione S. Lucia, Piazzale Roma e il ponte di Calatrava, Tronchetto e il terminal lagunare di Punta Sabbioni. Ricoprendo aree strategiche con questo tipo di rivestimento, si riesce a soddisfare sia il fabbisogno energetico delle singole entità, sia ricavare dell’energia utilizzabile dal resto della città. Considerando inoltre la grande quantità di inquinamento sonoro prodotto per esempio dalla zona Marco Polo e della stazione centrale, grazie all’inserimento di dispositivi phonoassorbenti che captano le onde sonore, e le convertono in energia. L’ultimo aspetto dell’intervento effettuato è stata la collocazione di panchine, porte, tornelli, sempre nel contesto delle aree prescelte, che grazie al calore e all’energia cinetica trasforma diverse quantità di energia. Il progetto si propone di implementare l’energia che l’uomo disperde, creando con semplici oggetti e piccoli interventi, nuovi scenari e suggestioni per Venezia.

Dati

STAZIONE AEROPORTO PUNTA SABBIONI TRONCHETTO PIAZZALE ROMA/CALATRAVA

29,64 GW/anno 24,1 GW/anno 6,4 GW/anno 6,1 GW/anno 8,9 GW/anno

TOTALE ENERGIA PRODOTTA 75,14 GW/año


Turista Energetico

Turista Energetico

55

VISITATORI

Dati

Aereoporto

8.602.652

Piaz.le Roma

2.077.626

Stazione Ve S.Lucia

39.252.028 dati riferiti all’anno 2008 pernottamenti = 27 mila presenze giornaliere) escursionisti = tra le 28 e le 29 mila unità giornaliere. lavoratori pendolari = 50 mila unità giornaliere. TOTALE 107 mila UTENTI GIORNALIERI

Terminal lagunari

(P.ta Sabbioni, Lido, Fusina e Chioggia)

3.241.577

22.182.182

PON TE

DELL A

LIBE

RTA'

> 20.000.000

P. Tronchetto

1.418.662

Porto

1.729.328

5.000.000 >

> 10.000.000 > 5.000.000


56

Turista Energetico

Turista Energetico Modello energetico PAVIMENTAZIONE pannelli piezoelettrici

AMBIENTI AFFOLLATI pannelli phonoelettrici

BLA BLA BLA

PALESTRA energIa cinetica

BLA BLA BLA

BLA BLA BLA

- 1 piastrella produce 4,1 W/h* * stimando un passo ogni 2 -5 secondi - 5 ore di passi in una strada affollata illuminano una fermata dell’autobus per più di 12 ore

AREE GIOCO energia cinetica

- Un bambino che gioca per un’ora in un parco giochi produce un`energia pari a 31,5/W che equivalgono a 20 lampadine accese per un’ora

- Una nanoparticella phonoelettrica ad uo stimolo di 100 dB produce 50mV* *una ambiente affollato arriva a 90 dB

ACCESSO energia cinetica

- L’energia trasformata riesce ad integrare il 30% dei consumi elettrici della palestra presa come esempio

AREE SOSTA scambio termico


Turista Energetico

Turista Energetico Potenziale energetico Stazione

Aeroporto

1900 mq pannelli piezoelettrici = 1900 kWh 2,23 kWh x 800 mq phono energia = 1784 kWh 100 sedute x 0,15 kWh = 15 kWh 20 porte x 0,3 kWh = 6 kWh TOT = 3705 kWh

2000 mq pannelli piezoelettrici = 1000 kWh 1000 mq phono energia = 2230 kWh 800 sedute x 0,15 kWh = 120 kWh 1000 porte x 0,3 kWh = 300 kWh TOT = 3650 kWh

Terminal Lagunari 1500 mq pannelli piezoelettrici = 750 kWh 10 porte x 0,3 kWh = 3 kWh 50 sedute x 0,15 kWh = 7,5 kWh TOT = 760,5 kWh

Tronchetto

1400 mq pannelli piezoelettrici = 700 kWh 20 porte x 0,3 kWh = 6 kWh 100 sedute x 0,15 kWh = 15 kWh TOT = 721 kWh

P.le Roma + Calatrava

2100 mq pannelli piezoelettrici = 1050 kWh 200 sedute x 0,15 kWh = 30 kWh TOT = 1080 kWh

pavimentazione aree sosta phonoenergia soglie palestra aree gioco

57


58

Turista Energetico

Turista Energético Energia prodotta

Aereoporto

energia prodotta 3650 kWh

Stazione Ve S.Lucia energia prodotta 3705 kWh 20 schermi x 0,09 kWh = 1,8 kWh WI FI 0,2 kWh riscaldamento 20 kWh 10000 lampadine x 0,03 kWh = 300 kWh

riscaldamento 300 kWh 40 schermi x 0,09 kWh = 3,6 kWh 2 WI FI = 0,2 x 2 = 0,4 kWh 20,000 lampadine x 0,03 kWh = 600 kWh TOT usati 904 kWh TOT utilizzabile per la città 2746 kWh

TOT usati 322 kWh TOT utilizzabili per la città 3383 kWh

P. Tronchetto

energia prodotta 721 kWh

Piaz.le Roma +Ponte Calatrava energia prodotta 1080 kWh

3 schermi x 0,09 kWh = 0,27 kWh WI FI = 0,2 kWh 1000 lampadine x 0,03 kWh = 30 kWh

2000 lampadine x 0,03 kWh = 60 kWh WI FI = 0,2 kWh

TOT usati 30,47 kWh TOT utilizzabile per la città 690,5 kWh

TOT usati 60,2 kWh TOT utilizzabile per la città 1019,8 kWh

Terminal lagunari

(P.ta Sabbioni, Lido, Fusina e Chioggia) energia prodotta 760,5 kWh 4 schermi x 0,09 kWh = 0,36 kWh WI FI = 0,2 kWh 1000 lampadine x 0,03 kWh = 30 kWh TOT usati 30,56 kWh TOT utilizzabile per la città 730 kWh


Turista Energetico

Turista Energetico Progetto applicato

59


60

Turista Energetico

Stazione Santa LucĂ­a Immagini

3800 pannelli piezoelettrici = 1900 KW/h


Turista Energetico

Stazione Santa LucĂ­a Immagini

= energia per accendere 63.000 lampadine per un´ora

61


62

Turista Energetico

Stazione Santa Lucía Immagini

PIU´ GIRI...

... PIU´ ENERGIA


Turista Energetico

Stazione Santa Lucía Immagini

FAI LA FILA IN BIGLIETTERIA...

... PRODUCI ENERGIA!!!

63


64

Turista Energetico

Ponte Calatrava Immagini

1200 pannelli piezoelettrici = 300 KW/h


Turista Energetico

Ponte Calatrava Immagini

= energia per accendere 10.000 lampadine per un´ora

65


66

Turista Energetico

Piazzale Roma Immagini

3000 pannelli piezoelettrici = 750 KW/h


Turista Energetico

Piazzale Roma Immagini

= energia per accendere 25.000 lampadine per un´ora

67


68

Turista Energetico

Paesaggio Energetico Immagini


Turista Energetico

Paesaggio Energetico Immagini

69


70

WeWorkTheLine

Fotografia: MatĂ­as Honour


WeWorkTheLine

WE WORK THE LINE Studenti -Martina Basso (IUAV - Italia) -Marta Fabris (IUAV - Italia) -Alberto Favero (IUAV - Italia) -Riccardo Rinaldi (IUAV - Italia) -Paolo Toldo (IUAV - Italia)

71


72

WeWorkTheLine

We Work The Line

Produzione di energia pannello fotovoltaico: 205 Kwh/año/m2

Dati REGIONE VENETO CONSUMO: 31000 GWh/anno PRODUZIONE: 16000 GWh/anno COMUNE DE VENEZIA CONSUMO DI ENERGIA ELETTRICA Suddivisione in settori - settore residenziale 300 GWh/anno - settore servizi 700 GWh/año - settore industrial 1900 GWh/año

Superficie del centro di Venezia: 5,2 km2 DEFICIT 48,4%

ENERGIA TOTALE CONSUMATA: 2900 GWh/anno

Superficie di pannelli fotovoltaici necessari: 14 km2

TOTAL ENERGIA PRODOTTA: 72,1 GWh/anno TOTAL ENERGIA CONSUMATA: 1,61 GWh/anno

CAVANE

TOTAL ENERGIA DISPONIBILE: 70,49 GWh/anno PIAZZA COPERTA Tetto Fotovoltaico -Pannello solare: 0,8mx3m -Supercie tot. pannelli solari : 4800mq -Energia accumulabile: 12,1 GWh/anno

-Piastrella energetica 50x50cm -Supercie tot. piastrelle: 2000 mq -Energia accumulabile: 98,4 kWh/anno-

PERCORSO CICLO-PEATONALE

-Cavane: 25 mq -Energia consumata da una cavana: 40 kWh/mq/anno -Tot. energia consumata per cavana:1MWh/anno

-Pannello solare: 0,8mx3m -Supercie tot. pannelli solari: 33000mq -Energia accumulabile: 23 GWh/anno

-Piastrella energetica 50x50cm -Supercie tot. piastrelle: 16500 mq -Energia accumulabile: 135,3 kWh/anno

1 unità

- 1 unità consuma:8 MWh/anno - piattaforma fotovoltaica (16mx16m) produce:184 MWh/anno - in 10 km possiamo disporre circa 200 unità, per un totale di : energia prodotta: 36,8 GWh/anno energia consumata: 1,6 GWh/anno


WeWorkTheLine

We Work The Line Modello energetico PANNELLO FOTOVOLTAICO FLESSIBILE I pannelli fotovoltaici flessibili sono pannelli innovativi, possono essere totalmente integrati nell’edicio non risultando antiestetici. Attualmente sono stati realizzati sia in silicio amorfo che in silicio cristallino.Quelli in silicio cristallino hanno un rendimento quasi doppio rispetto al pannello in silicio amorfo. Il 16 % dell’energia solare viene trasformata in energia elettrica e la restante parte in calore. In questo modo il costo dell’energia prodotta con il fotovoltaico è competitivo e l’impatto ambientale è bassissimo.

720 KW/anno 720 kWh/anno

PIASTRELLA ENERGETICA È possibile accumulare energia dal calpestio. Questa tecnologia converte l’energia cinetica in elettrica che può essere riutilizzata in diverse applicazioni. Le piastrelle contengono un dispositivo centrale che si illumina quando vi si cammina sopra, coinvolgendo l’utente con il processo di energia rinnovabile.

2,1 W/h

73


74

WeWorkTheLine

WeWorkTheLine Proposta territoriale CAVANE (HOUSE BOAT)

PERCORSO

PIAZZA

WE WORK THE LINE è un progetto che si inserisce nel contesto lagunare veneziano con lo scopo di apportare un contributo energetico sostenibile per la laguna e nel contempo creare un attività di eco turismo grazie alla collocazione strategica di questo intervento. Gli obbiettivi di progetto posti in partenza dal punto di vista del fabbisogno energetico prevedevano che il progetto risultasse autosufficiente in ogni singolo modulo di cui è composto ed inoltre ottenesse un eccesso di produzione di energia in modo di contribuire al fabbisogno della città di Venezia. Per lo sviluppo progettuale grazie alla varietà di ambientazione si è deciso di intervenire in tre diverse aree all’interno della laguna veneta, le quali sono: la Laguna Nord, il margine lagunare compreso tra Mestre e Aereoporto, e terminal di Fusina. Nella Laguna Nord, si è deciso di riutilizzare le storiche valli da pesca, è stato ipotizzato un sistema di percorsi ciclo pedonali con annesso un sistema di piattaforme galleggianti le quali presentano un modulo di produzione di energia attraverso dei pannelli fotovoltaici i quali rendono autosufficienti le cavane, usufruibili sia da pescatori o da turisti che affluiscono nell’area.

Nella parte centrale si è introdotto un percorso ciclo pedonale che si snoda tra acqua e barene collegando la zona di Tessera – aeroporto – con Parco S. Giuliano. Questo collegamento è stato realizzato utilizzando come supporti elementi con forma a C, in legno lamellare, integrati sulla copertura da pannelli fotovoltaici e nel calpestio da piastrelle energetiche. A questo sistema si possono aggregare dei moduli che prevedono funzioni ricreative divenendo cosi un area di interesse sia per il cittadino che per il turista. Nella costa di Fusina, è stata progettata una piazza che presenta una copertura con pannelli fotovoltaici sostenuti tramite una grande struttura in legno lamellare, sul modello a C del percorso, che consente di avere una vivibilità ideale. La piazza fornisce quelle funzioni di servizio e svago che mancano nell’area ed è l’inizio di un percorso ciclabile che si estende nella zona lagunare fino all’estremo limite meridionale della laguna, offrendo possibili collegamenti alla città portuale di Chioggia e al percorso ciclabile disposto lungo il letto del fiume Brenta.


WeWorkTheLine

75

WeWorkTheLine Studio di flora e fauna

Parietaria judaica

Anas crecca

Poa annua

Cynius olor

Poa compressa

Tringa tottanus

Algae

Prodiceps nigrocollis

Butomus umbellatus

Erinaceus europeaus

Thlaspi caerulescens

Sorex arunchi

Helianthus annuus

Natrix

Apocynum cannabinum

Dicentrarxhus labrax

Urtica dioica

Spaus aurata

Ophrys apifera

Aterina boyeri

Epipactus palustris

Zosterisessor ophiocepalus

Lactuta virosa

Exos lucius

Banchi di sabbia a debole copertura permanente di acqua marina Questo habitat si riferisce a fanghi costiere e lagunari che in condizioni di bassa marea emergono. Data la sua morfologia, è privo di vegeazione con piante vascolari ma spesso coperto da alghe azzurre. Sono attraversatre da un intralciato sistema di canali che confluiscono in un collettore principale Vegetazione annua delle linee di deposito marineIn Questo habitat distribuito lingo le coste sedimentarie mediterranee. Si trova in ambiente lagunare dove conolizza i bordi piu alti delle barene ma anche lungo la prima fascia delle spiagge. Caraterizzato dalla presenza di molti nutrienti permettono lo sviluppo di poche specie annuali alo-nitrofile. Vegetazione pioniera a salicornia erbeHabitat formato da alofile annuali che si insidiano in questo ambiente difficile di acuqa salmastra con alta salinità

Prati di Spartina In ambiente lagunare, la specie Spartina colonizza suoli limosi-argillosi con elevato contenuto salino. Specie a distribuzione specialmente atlantica, presente nel Mediterraneo solo nelle lagune.

Steppe salate Mediterranee L’habitat presente lungo i litorali mediterranei e lungo i bordi dei bacini iberici. Occupano terreni temporaneamente saturati dall’acqua salina, mai inondati e sottiposti ad essiccamento estivo con formaizoni di efflorescenze saline.

Praterie umide mediterranee ad alte erbe L’habitat presente lungo i litorali mediterranei e lungo i bordi dei bacini iberici. Occupano terreni temporaneamente saturati dall’acqua salina, mai inondati e sottiposti ad essiccamento estivo con formaizoni di efflorescenze saline.


76

WeWorkTheLine

Piazza coperta Progetto

Assonometrica della piazza

PIAZZA COPERTA Tetto Fotovoltaico

Pianta generale

Sezione A-A

-Pannello solare: 0,8mx3m -Supercie tot. pannelli solari : 4800mq -Energia accumulabile: 12,1 GWh/anno

-Piastrella energetica 50x50cm -Supercie tot. piastrelle: 2000 mq -Energia accumulabile: 98,4 kWh/anno


WeWorkTheLine

Piazza coperta Immagini

Vista dalla laguna

77


78

WeWorkTheLine

Percorso Naturalistico Progetto

PERCORSO CICLO-PEATONALE

Assonometria del percorso

-Pannello solare: 0,8mx3m -Supercie tot. pannelli solari: 33000mq -Energia accumulabile: 23 GWh/anno -Piastrella energetica 50x50cm -Supercie tot. piastrelle: 16500 mq -Energia accumulabile: 135,3 kWh/anno

Prospetto del percorso


WeWorkTheLine

Percorso Naturalistico Immagini

Percorso dalla laguna

79


80

WeWorkTheLine

Cavane Progetto

Fotovoltaico

Giardini

Aiuole

Vasche d´acqua

Campeggio

Orto


WeWorkTheLine

Cavane Immagini

Vista cavane

81


82

WeWorkTheLine

Moduli di Servizio

Attivita´ sportive

Bar

Sedute

Focolare

Vegetazione

0,3

0,4

0,26

Spruzzi d´acqua

0,07 0,05

Progetto

Birdwatching Attività proposte

Panche Sezione costruttiva


WeWorkTheLine

83

Border Energy Sintesi

CAVANE

PERCORSO

PIAZZA

BORDER ENERGY 1_ Piazza Fusina 2_ Percorso parco S. Giuliano

12,00 GWh/anno 21,00 GWh/anno 35,20 GWh/anno ----------------------tot. 68,20 GWh/anno


84

BORDER ENERGY

Fotografia: MatĂ­as Honour


BORDER ENERGY

BORDER ENERGY Studenti -Michaela Benedetti (IUAV - Italia) -Andrea Cattarino (IUAV - Italia) -Daniele Crovato (IUAV - Italia) -Valentina D´Alberto (IUAV - Italia) -Jacopo Tijo (IUAV - Italia)

85


Concept

In una città come Venezia, l’idea del margine rappresenta al tempo stesso una peculiarità e una criticità. Esso è, infatti, parte fondamentale di un ecosistema complicato composto da diverse configurazioni e scenari che si compongono a formare paesaggi differenti. Border energy nasce dalla volontà di sfruttare, ricavare e creare energia dal moto ondoso, uno dei più rilevanti punti critici della città. Si è deciso di operare su tre margini-tipo individuati all’interno del sistema lagunare, rappresentativi dei contesti urbano, balneare ed agricolo. Gli spazi pubblici delineati, differenti l’uno dall’altro come i contesti in cui si inseriscono, rappresentano il connubio tra architettura e tecnologia, concretizzandosi in elementi modulari che tengano assieme la produzione di energia e la definizione di paesaggi e ambienti architettonici.

Sant’Erasmo 4,9 Km di margine

Border Energy

Lido_murazzi 12 Km di margine

BORDER ENERGY

Venezia_canale della Giudecca 4,3 Km di margine

86

margine urbano

margine agricolo

margine balneare


BORDER ENERGY

acqua

barena

scogli

campagna cemento

campo

acqua

pietra d’Istria

trachite

cittĂ 

estensione marina

percorso lagunare

piattaforma urbana

litorale

87


88

BORDER ENERGY

Border Energy Modello energetico + Dati

5X

6.745 KWh/anno

surplus 43.800 KWh/anno

aria

35 Wh

80 Wh 50 Wh

50 Wh 800 Wh

diametro 2 m

80 Wh

boa galleggiante

8.585 KWh/anno

consumo

15 Wh

15 Wh

400 Wh 35 Wh

produzione ciascuna boa

con altezza onda media 30 cm

illuminazione pubblica per lampione 1.314 KWh/anno

11.826 KWh/anno

surplus 35.215 KWh/anno

X 26

8.585 KWh/anno

produzione

consumo

altezza onda media 30 cm

illuminazione pubblica per lampione 1.314 KWh/anno

colonna d’acqua oscillante

ciascuna turbina


BORDER ENERGY

89

Border Energy Modello energetico + Dati

MODULO

ENERGIA

ARCHITETTURA

p r o d u z i o ne 23.650 KWh/anno X 130 moduli = 3.075 MWh/anno 5.080 KWh/anno X 130 moduli = 661 MWh/anno

2,42 GWh/anno

surplus

consumo

1.842 lampioni

p r o d u z i o ne 35.478 KWh/anno X 60 moduli = 2.129 MWh/anno 5.080 KWh/anno X 60 moduli = 305 MWh/anno

1,82 GWh/anno

surplus

consumo

1.385 lampioni

p r o d u z i o ne 43.800 KWh/anno X 36 moduli = 1.577 MWh/anno 8.585 KWh/anno X 36 moduli = 309 MWh/anno

consumo

1.27 GWh/anno

surplus 967 lampioni


90

BORDER ENERGY

Margine urbano UnitĂ  territoriale margine urbano

Canale della Giudecca/bacino di San Marco

60 moduli 180 boe 1 modulo 3 boe

piattaforma urbana il surplus energetico alimenta 601385 modulilampioni 180 boe


BORDER ENERGY

Margine urbano

apparechi elettrici

Punti corrente

illuminazione

wi-fi

Progetto

Assonometrica piattaforma

Pianta piattaforma

Sezione piattaforma

91


92

BORDER ENERGY

Margine urbano Immagini

Inserimento nel contesto urbano veneziano


BORDER ENERGY

Margine urbano Immagini

Inserimento nel contesto urbano veneziano notturno

93


94

BORDER ENERGY

Margine balneare UnitĂ  territoriale margine balneare

Litorale del Lido

36 moduli 36 turbine 1 modulo 1 turbina

estensione marina il surplus energetico alimenta 967 lampioni


BORDER ENERGY

Margine balneare

piastra elettrica

apparechi elettrici

Punti corrente

illuminazione

wi-fi

Progetto

Assonometrica piattaforma Pianta piattaforma

Sezione piattaforma

95


96

BORDER ENERGY

Margine balneare Immagini

Inserimento nel contesto balneare veneziano


BORDER ENERGY

Margine balneare Immagini

Inserimento nel contesto balneare veneziano

97


98

BORDER ENERGY

Margine agricolo UnitĂ  territoriale

margine agricolo

Sant’Erasmo

1 modulo 2 boe

130 moduli 260 boe turbine

percorso lagunare il surplus energetico alimenta 1.842 lampioni


BORDER ENERGY

Margine agricolo

bike sharing

apparechi elettrici

Punti corrente

illuminazione

wi-fi

Progetto

Assonometrica piattaforma Pianta piattaforma

Sezione piattaforma

99


100

BORDER ENERGY

Margine agricolo Immagini

Inserimento nel contesto agricolo veneziano


BORDER ENERGY

Margine agricolo Immagini

Inserimento nel contesto agricolo veneziano

101


102

Floating Frames

Fotografia: Pizeta76 Flickr


Floating Frames

FLOATING FRAMES Studenti - Luca Brusegan (IUAV - Italia) - Giulia Nicoli (IUAV - Italia) - Lucia Perissinotto (IUAV - Italia) - Augusto Velasco (UDP - Chile) - Raffaele Villano (IUAV - Italia)

103


104

Floating Frames

Floating Frames Concept

ENERGIA MECCANICA

FLOATING FRAMES

ACCUMULO ENERGETICO

BRICOLE ENERGETICHE

FERMATA VAPORETTO

ALIMENTAZIONE TRASPORTO PUBBLICO

STAZIONE ENERGETICA URBANA STAZIONE ENERGETICA LAGUNARE

ILLUMINAZIONE

CLIMATIZZAZIONE

ALIMENTAZIONE TRASPORTO PRIVATO

APPROVVIGIONAMENTO PUBBLICO

ENERGIA SOLARE

RILEVAMENTO LAGUNARE WIFI ENERGIA SOLARE ILLUMINAZIONE LAGUNARE

BRICOLE ENERGETICHE

ILLUMINAZIONE


Floating Frames

Floating Frames Dati TRASPORTO PUBBLICO -VAPORETTO ENERGETICO (flotta ACTV: 145 mezzi potenza: 140 kWh energia necessaria: 7,5 GWh/anno -SISTEMA MOTO ONDOSO BOE GIANT potenza: 3 kWh produzione per 16 ore: 0.02 GWh produzione annuale di ogni boa: 6.4 GWh -FERMATE VAPORETTO n° boe per ogni fermata vaporetto: 2 produzione annuale energia per ogni stazione (funzionando 16 ore): 12.8 GWh n° fermate energetiche: 10 TOTALE ENERGIA PRODOTTA: 127.9 GWh/anno TOTALE ENERGIA IN ESUBERO: 120.5 GWh/anno TRASPORTO PRIVATO media traffico lagunare annuale: 380 000 energia necessaria annualmente per barca (barca per 4 persone): 912,5 TOTALE energia necessaria ogni anno: 346.8 GWh FERMATE LAGUNARI n° boe per fermata lagunare: 4 / n° fermate lagunari: 15 produzione annuale energia per ogni fermata lagunare (funzionando 16 ore): 19184,4 MWh TOTALE ENERGIA PRODOTTA OGNI ANNO: 287.7 GWh/anno TOTALE ENERGIA da recuperare dal trasporto pubblico: 58 GWh/anno BRICOLA SISTEMA WEM ogni bricola produce annualmente: 35 MWh TOT ENERGIA PRODOTTA OGNI ANNO: 3500 MWh (ipotizzando l’uso di n° bricole: 100) SISTEMA PANNELLI FOTOVOLTAICI su FRAME dimensione pannelli stazione vaporetto: 0,30 m x 6,50 m dimensione pannelli stazione lagunare: 0,30 m x 3,50 m TOTALE ENERGIA PRODOTTA : 52.090 MWh DATI FERMATA

105


106

Floating Frames

Floating Frames Modello energetico GIANT: Generatore Integrato Autonomo Non Tradizionale Trasforma direttamente l’energia potenziale delle onde in elettricità usando un sistema elettronico e un generatore. Il nostro intento è quello di integrare il sistema del galleggiante nell’elemento architettonico di rivestimento delle stazioni del vaporetto e delle stazioni di sosta lagunare, ossia le cornici. Sistema di funzionamento della boa

Lamina fotovoltaica

Marco

Pistoni

Boe

Fondamenta Logica costruttiva proposta dal embarcadero


Floating Frames

107

Floating Frames Sistema territoriale Scala cromatica

PARCO LAGUNA NORD

Aree di interesse Aree di interesse

AEROPORTO

Aree di interesse

FUSINA VENEZIA

PARCO LAGUNA SUD

CHIOGGIA

Il tema sviluppato si inserisce in uno scenario futuro in cui i mezzi pubblici e privati sono alimentati elettricamente. Il progetto si propone di pensare ad alcuni punti energetici che si distribuiscano nell’intera laguna per servire le necessità di ricarica dei mezzi elettrici. Il modello energetico scelto si basa su progetti esistenti gIà collaudati: si tratta di boe che producono energia sfruttando il moto ondoso. Per soddisfare le necessità energetiche dei mezzi pubblici si è pensato di integrare gli elementi galleggianti alla forma architettonica delle stazioni terminali del vaporetto. Il volume del vaporetto è composto da frames: si tratta

Aree di interesse

Aree di interesse

Aree di interesse

di cornici che rivestono il volume e appoggiando su boe producono l’energia necessaria per ricaricare i vaporetti in sosta. L’illuminazione è garantita da lamine fotovoltaiche poste su esse. Nei percorsi navigabili della laguna sono posizionate altre stazioni che servono le necessità delle barche private. Il sistema inoltre è formato da una serie di elementi puntuali che si distribuiscono nella laguna: si tratta di bricole che producono energia o tramite moto ondoso e bricole che si autoilluminano grazie a lamine fotovoltaiche.


108

Floating Frames

Floating Frames Sistema territoriale

SIMBOLOGIA fermata energetica vaporetto stazione di sosta energetica

Mappa della proposta di embarcaderi e percorsi


Floating Frames

Floating Frames stazione energetica terminale sistema energia meccanica e solare

bricola energetica

Sezioni generali

bricola autonoma

sistema wi-fi

bricola autonoma

fermata energetica lagunare

109


110

Floating Frames

Floating Frames Planimetria imbarcadero

LAMINA FOTOVOLTAICA

FRAMES

COPERTURA

Pianta SOLAIO

GALLEGGIANTE 1m

Sezione trasversale

10m

Esploso assonometrico


Floating Frames

111

Floating Frames Planimetria imbarcadero

Sezioni longitudinali

1m

10m

1m

10m

1m

10m


112

Floating Frames

Floating Frames Immagini

Nuovo paesaggio notturno


Floating Frames

Floating Frames Immagini

Imbarcadero nel Canale Grande

113


114

Floating Frames

Floating Frames Immagini

Assonometrica delle stazioni energetiche lagunari


Floating Frames

Floating Frames Immagini

Stazione energetica lagunare

115



Sistemi della energia - Venezia