Issuu on Google+

www.studiolce.it

La scelta ambientale del packaging: LCA & EPD

LA SCELTA AMBIENTALE DEL PACKAGING: LCA&EPD

Gian Luca Baldo Life Cycle Engineering info@studiolce.it


La scelta ambientale del packaging: LCA & EPD

1. COS’E’ L’ ANALISI DEL CICLO DI VITA

www.studiolce.it

L’analisi del ciclo di vita (LCA) è una metodologia di valutazione dei carichi energetici e ambientali associati ad un prodotto o ad un processo, lungo l’intero ciclo di vita (produzione delle materie prime, produzione dell’imballaggio, trasporto, uso e fine vita). La metodologia è regolamentata, a livello internazionale, dalle seguenti norme ISO che ne definiscono la struttura e guidano alla corretta applicazione: ISO 14040:2006 ISO 14044:2006


1. COS’E’ L’ ANALISI DEL CICLO DI VITA

La scelta ambientale del packaging: LCA & EPD

COME UTILIZZARE I RISULTATI DI UN’ANALISI LCA 

Comunicazione ambientale e green marketing



Miglioramento delle prestazioni ambientali del prodotto

www.studiolce.it


2. COMUNICAZIONE AMBIENTALE E GREEN MARKETING

www.studiolce.it

La scelta ambientale del packaging: LCA & EPD

Funzione comunicativa ed educativa In base alle caratteristiche del prodotto e ai risultati di uno studio LCA effettuato su quel prodotto, la comunicazione può orientarsi a:  fornire informazioni ambientali sul prodotto e sul suo smaltimento  suggerire comportamenti virtuosi per il consumatore, responsabilizzandolo sulla riduzione degli impatti generati.


2. COMUNICAZIONE AMBIENTALE E GREEN MARKETING

www.studiolce.it

I SISTEMI DI ETICHETTATURA ECOLOGICA

La scelta ambientale del packaging: LCA & EPD

ISO 14024

ISO Type I Environmental labelling: Voluntary, multiple-criteria-based, third party verified labels indicating overall environmental preferability of a product (selective)

Carbon footprint

ISO 14021 ISO Type II Environmental labelling : Self-declared environmental claims

ISO 14025 ISO Type III Environmental labelling: Quantified environmental life cycle product information (not selective)

Climate Declaration


2. I SISTEMI DI ETICHETTATURA ECOLOGICA: EPD

www.studiolce.it

La scelta ambientale del packaging: LCA & EPD

Dichiarazione Ambientale di Prodotto (EPD)  Contiene i dati relativi ai potenziali impatti ambientali nell’arco dell’intero ciclo di vita del prodotto.  Può essere sviluppata per tutti i prodotti indipendentemente dal loro uso e posizionamento nella catena produttiva  I prodotti devono essere classificati in gruppi bene definiti al fine di consentire il confronto tra dichiarazioni ambientali di prodotti funzionalmente equivalenti.


2. I SISTEMI DI ETICHETTATURA ECOLOGICA: EPD

www.studiolce.it

La scelta ambientale del packaging: LCA & EPD

CLIMATE DECLARATION E’ una specifica dichiarazione, legata al contributo di un prodotto o di un’attività al cambiamento climatico. Descrive le emissioni di gas serra per ciascuna fase del ciclo di vita, espressi in massa di CO2 equivalente.


2. CARBON FOOTPRINT

www.studiolce.it www.studiolce.it

CARBON FOOTPRINT

La scelta ambientale del packaging: LCA & EPD

E’ un indicatore di impatto ambientale che esprime, in termini di CO2 equivalente, le emissioni di gas serra (GHG) associati ad un prodotto o ad un processo. Carbon Trust è promotore del progetto Carbon Reduction Label, il cui obiettivo è: - misurare - certificare - ridurre - comunicare le emissioni di gas serra (GHG) derivanti dal ciclo di vita di un prodotto. La comunicazione è veicolata dall’etichetta del prodotto stesso. www.carbon-label.com


2. COMUNICARE L’ECOEFFICIENZA SUL PACK

www.studiolce.it

La scelta ambientale del packaging: LCA & EPD

SMALTIMENTO IMBALLI: strategie di comunicazione

COOP ITALIA è una delle catene di distribuzione in Italia che segnala sulla confezione dei propri prodotti a marchio la tipologia di materiali utilizzati negli imballi insieme all’indicazione sul loro corretto smaltimento.

DETERSIVI SELF SERVICE Sistema per la ricaricaflaconi del detersivo, presso alcune catene di distribuzione nella realtà del nord Italia . RECLYCLING CENTRE di TESCO per il recupero e riciclo di alcuni materiali di imballaggio


3- MIGLIORAMENTO DELLE PRESTAZIONI AMBIENTALI

www.studiolce.it

ECODESIGN

La scelta ambientale del packaging: LCA & EPD

integrazione degli aspetti ambientali alle variabili comunemente considerate in fase di progetto

ASPETTO AMBIENTALE ASPETTO FUNZIONALE ASPETTO TECNICO

MARKETING

FUNZIONE COMUNICATIVA

DESIGN LOGISTICA

ASPETTO ECONOMICO

SCELTA DEI MATERIALI


3- OBIETTIVO

La scelta ambientale del packaging: LCA & EPD

Analisi di confronto sulle tipologie di packaging

esistenti •

Analisi delle criticità del sistema attuale

Ipotesi di progetto

CASO STUDIO pack di un prodotto

www.studiolce.it www.studiolce.it


3 – ANALISI DI CONFRONTO imballaggio primario e secondario

La scelta ambientale del packaging: LCA & EPD



www.studiolce.it www.studiolce.it

Fotografia dello stato attuale del prodotto

GER MJ

GWP g

X% X1%

W% Y%

tubetto tappo basetta cartone

W1 %

Y1% C%

C1%


3 – IPOTESI DI PROGETTO

Ricerca di soluzioni in grado di ridurre l’impatto ambientale dell’attuale imballaggio IPOTESI DI MIGLIORAMENTO

A

B

C

Ottimizzare la situazione attuale

RISCHIO

La scelta ambientale del packaging: LCA & EPD



www.studiolce.it www.studiolce.it

Avvicinarsi ad un’altra soluzione già presente sul mercato più efficiente

New Concept

New Concept

A

B

C

Ottimizzare la situazione attuale

Avvicinarsi ad un’altra soluzione già presente sul mercato più efficiente SOSTENIBILITA’


3 – IPOTESI DI PROGETTO_A

La scelta ambientale del packaging: LCA & EPD

A

www.studiolce.it www.studiolce.it

Ottimizzare la situazione attuale

INTERVENTO SUI MATERIALI e GEOMETRIE

Ipotizzo altri materiali:

GER MJ

GWP g

DELTA

DELTA

A1t_TUBETTO

A1tp_TAPPO

-Ipotizzo diverso mix di poliaccoppiati a minore impatto ambientale

- Pensare ad un tappo facilmente asportabile a fine vita (es. a vite) per facilitare il recupero del materiale

-Poliaccoppiato omogeneo per favorire il recupero del materiale


La scelta ambientale del packaging: LCA & EPD

www.studiolce.it

NON DIVULGABILE


4 – REALTA’ AIPE

www.studiolce.it

REALTA’ AIPE Sensibilità alle tematiche ambientali

La scelta ambientale del packaging: LCA & EPD

Ricerca e approfondimenti in tale ambito a partire dal 2004 ad oggi.   

Eco-profilo di un generico manufatto in EPS; EPD di settore Dichiarazione Ambientale di Prodotto (EPD) e Climated Declaration di alcuni associati Studi specifici sul fine vita dell’EPS e sulla fattibilità di riciclo del materiale


4 – REALTA’ AIPE

www.studiolce.it

Valutazione di mercato e potenziale di sviluppo del fine vita dell’EPS Struttura del mercato italiano e fine vita dei prodotti in EPS

Possibili riutilizzi degli imballi in EPS post consumo

La scelta ambientale del packaging: LCA & EPD

EDILIZIA 55%

Fine vita lungo e riciclo con riserva (contaminazione massima 3-5%).

Imballaggio primario

IMBALLAGGIO 41%

Imballaggio secondario Imballaggio terziario

ALTRI SETTORI 4%

Raccolta domesticatipo A

Mix/ET destinato al recupero energetico

Rifiuti speciali e raccolta non domestica- tipo B

Piattaforme di raccolta imballaggi in plastica/PEPS

NORD: 55 % delle vendite di elettrodomestic i e dove risiede il 40 per cento della popolazio ne nazionale

Quantitativo trascurabile e fine vita come rifiuto indifferenziato

CENTRO-SUD: grande produzione agricola e elevati quantitativi di

Principali impieghi degli imballaggi in EPS

seminere

utilizzate ogni anno.

Elettrodomestici 24% Altro 19%

Cassettame 29%

DESTINAZIONE TIPOLOGIA

Mobili 9%

Cassettame Alimenti 5%

Seminiere 14%

Imballaggio beni (mobili, elettrodomestici, vetro,...)

DOMESTICA







 

Seminiere Alimentari

NON DOMESTICA RACCOLTA PEPS



Accordo Quadro AIPE-COREPLA per riciclaggio imballi in EPS post- consumo: piattaforme PEPS


4 – PROGETTO AIPE FINE VITA IMBALLI

www.studiolce.it www.studiolce.it

La scelta ambientale del packaging: LCA & EPD

Gli utilizzi più importanti dell’EPS dopo il recupero sono 1. frantumazione degli imballi post uso puliti e utilizzo diretto in produzione di nuovi prodotti (macinato e poi mescolato a polistirene espanso vergine per produrre imballi- solitamente in miscele con 70% materiale vergine e 30% EPS rigenerato- elementi cassero ed isolanti per edilizia- fino al 100% di rigenerato); 2. frantumazione di imballi in EPS leggermente contaminati ed utilizzo quali inerti per la produzione di malte cementizie alleggerite, alleggerimenti terreni,.. 3. rigranulazione dell’EPS ed utilizzo per stampare oggetti quali cassette video , appendiabiti grucce per abiti(vengono realizzate utilizzando compound a base di PS e HIPS riciclati), od elementi a profili come sostituto del legno (recinzioni – panchine) 4. utilizzo come combustibile per il recupero energetico.


4 – REALTA’ AIPE

www.studiolce.it

La scelta ambientale del packaging: LCA & EPD

Riciclaggio e recupero degli imballi in EPS: ipotesi di intervento sulla raccolta dell’EPS post consumo presso le piattaforme di selezione CO.RE.PLA. (attualmente destinato l’EPS al MIT-ET destinato ad incenerimento) Calcolo Break-even: • quantitativo di EPS post consumo raccolto da selezione dedicata 10.000 t/anno; • valore di mercato dell’EPS post consumo macinato PRIC= 600€/t; • grafico per il calcolo del tempo di ritorno : tre curve dei ricavi dalla vendita di quantitativi di EPS macinato  curva “MEDIO” con un valore di 600€/t;  curva “BEST” ipotizzando un valore di mercato maggiorato del 25% rispetto al valore medio ipotizzato;  curva “WORSTE” ipotizzando un valore di mercato inferiore del 25% rispetto al valore medio ipotizzato.

Emissioni di CO2 evitate ipotizzando un trend di consumi in crescita del 6% annuo e che l’utilizzo di EPS rigenerato permetta annualmente il risparmio del 1% di materia prima vergine


GRAZIE PER L’ATTENZIONE

www.studiolce.it

La scelta ambientale del packaging: LCA & EPD

Life Cycle Engineering is working on LCA and sustainability tools since the early ’90

1998

TODAY

2000

2005


/05_Scelta_ambientale