Issuu on Google+

Compieta la scacchiera rovesciata Una partita con un pezzo solo non A caso i dadi aboliti perciò cosi' belli e cosi' rotondi Carte ritornano a linee invisibili Figure coperte da pochi teli un libro volatile Ora posato sul leggio le palpebre socchiuse le reni Che si inarcano appare imprevedutamente Perdutamente a seguito di inenarrabili e pur Narrate tristezze che vi dileguano

1


Questa bimba a chi la do Ma ai grifoni di dante alle chimere a un che la salvi dalla vita adulta a un fascicolo di opere esplose a queste mani,cit. in:dertritte grimm lehrjahre natividades demoiselles d’honneur plateau sans fin alla rossa finzione di un rettifilo perché no al sadomaso a quest’ apocalissi senza riguardi e senza ritegni il che è l’unico galateo praticabile a floreali sonagliere che la stringano fino a estinguersi in un soffio che sia una nota di violoncello senza riciclaggi del minimale in franchigia da letali illusioni di possesso,seguita

2


Il vuoto. Tutto quanto giĂ  scritto A lume spento: in stringhe, in lacci In trecce in algoritmi nello sciogliersi di una chioma In un ricadere di vesti, in un rapimento definitivo.

3


L'anima che legge si legge in luoghi Lontani intimi prossimi adiacenti figure Sono pellegrine dell'etĂ  di mezzo a volte Silenziarie dentro grezze sottili tonache Pochissimo altro trascorrono in passi Vale a dire lascivie fuoritempo fuoriterra oltremodo Che sono categorie immutabili dello spirito Procedono per sentieri incantati dentro giardini segreti E fioriture d'inverno da miriadi una sola da una Miriadi i cui passi un labirinto un succedersi di Volute una ininterrotta linea di luce fin qui dentro

4


Natividades- strofa terza di due- questa bimba A chi la do- tornano crude metafore- reading preliminare dell' undici e del tredici dicembre

Le lacrime un carezza di gioia dentro gli occhi A scintillare come gemme Una luce che non si spegne nĂŠ tramonta Qui la si legge dunque nell'irrealtĂ  ultima Delle ore e dei giorni.

5


-natividad-plateau-almanacco- intervento primo Questa bimba a chi la do. Magari al boia. A nessuno a questa voce che la culli per sempre A un carezza che la estingua e persista eterna nella sua Anima altrettanto sottraendola agli spropositi della fatalitĂ  piĂš cieca Prendendola infatti cosi' e come con tali mani Scintilla al fondo di una costellazione moltiplicato per Fantastiliardi lo splendore in questa primavera in questo autunno In questa stagione senza tempo e senza senso

6


Sirventese del’orca e della troia,un poema erotico il fondoschiena istoriato,una versione dello scudo di Achille dove tutto è raccontato,soglia d’altrimondi e oltre mondi,che cosa aggettasse da invisibili ovali.parole dietro orizzonti davanti,zone erogene a schizzare in cielo.

7


La donna di Tracia a correre strapparsi le vesti e Denudarsi il seno lungo fiumi non identificati Rimanendo avvolta nel pi첫 nudo mistero Per l'altrove dentro la menade stelle scivolano nell' oceano Squilla la quarta tromba la luce stia arrivando Appresso alla notte frazionata in veglie pi첫 che tante.

8


Proemio Questo è un luogo di pace. . .(eidullion: e quali Idillii- e quali idoli Deesse/ nixes) Sono le quattro. Questo è un luogo di pace.

Con ali di leone la gonna di luce solare Che oscilla nel vento la tenda un'ala una gonna Una donna un paravento il fluttuare di un'anima Un ventaglio piĂš sottile dell'aria Inoltrepassabile- il manto dalla spalla ne discende A denudare un seno una coppa senza fondo Un luminoso miraggio La sua bellezza in me

9


GIORNALINO DI POESIA ASSOLUTA

Dg- demoiselles d' honneur- hommage à w s burroughs- di' a laura che l'amo- il biglietto che è esploso p.49-succhiata attraverso i genitali perlacei donna su dalla sua grande doccia di sperma- anelli di diamanti spruzzano fuori da te- dovrebbe essere tenuto a mente- corpi eiaculati senza una copertinaquesto va tenuto a memoria nel volo di questa voce nel fiotto stellato che solo il buio può svelare celandosi esso nella luce che lo nasconde flessuosissimamente amplessandosi movimenti innumeri di steli senza numero ondeggianti fruscio di frasche e fogliame serpi come collari di cigno e urobori dentro all’esistenza che è tutto uno spruzzare di schizzi e zampilli rifluire di lettere segni e suoni in sé stessi pseudonimi di vuoto e silenzio segue allegato

10


Ăˆ vita qui il gioco degli archi il risuonare Delle corde l'addentrarsi delle voci dentro L'anima per cui si intenda il reciproco accarezzarsi interminabile di psiche e di eros ripete che non c'è luogo in cui non possa fare le sue passeggiate sparendo e riapparendo dentro una linea aderente a chi che cosa senza staccare

11


Ăˆ vita qui il gioco degli archi il risuonare Delle corde l'addentrarsi delle voci dentro L'anima per cui si intenda il reciproco accarezzarsi interminabile di psiche e di eros ripete che non c'è luogo in cui non possa fare le sue passeggiate sparendo e riapparendo dentro una linea aderente a chi che cosa senza staccare

12


Le beatitudini nello sgranarsi di una figura Nel giro di una ruota questa e nient'altro Che questa- che seme ne schizzi in gola e Precipiti inondando i condotti pi첫 o

13


Dandosi e ridandosi e ridendoci danzandoci e ridanzandoci a clonazioni di sirventesi a nude susanne bagnate in brevi favole cortesi e gemiti svaniti di damigelle possedute,euclide perplesso in un affare di sesso,il differente non lo stesso,appunto non dello stesso ma del differente al divampare di venture nel vuoto della mente ed una proposta oscena:vivere senza pena

14


(-continua)

15


A quale duende quale alcesti quale baubò quale nauhatl di donasse la figura nuda e bagnata quali andromede se ne sprigionassero e da che draghi nel ritorno sullo zero della scrittura una nube di sesso blu senza darsi del lei o del tu-chi compie viaggi esteriori cerca la completezza nelle cose,chi si dà alla contemplazione ineriore trova ciò che gli basta in sé stesso,trovare ciò che basta in sé stessi è il modo sommo di viaggiare,cercare la completezza nelle cose non è il modo sommo di viaggiare,chi viaggia in modo sommo non sa dove va,chi contempla in modo sommo non sa cosa guarda euclide sempre più perplesso in una questione di sesso,del differente e non dello stesso dell’anteretro backdoor entrata posteriore il portale dell’amore niente più dolore

16


Disnasce si decreta decresce,s’apparta e s’appartiene sacrifica all’anadiomene Vive nell’autoreperirsi di strutture denarrative in che priapesche baubò e in quali codici neuronali riscritti nella preregistrazione del perdersi di quegli sguardi dentro quella donna nuda e bagnata

17


Almanacco-plateau-cadeau- hommage à Dante-natividad-nemesi uno dei nomi-Ate Oppure ananke-questa bimba a chi la do- la Figlia diletta in cui compiacersimirate almen come io son bella -Aletto colei che non ha fine,la terza o la prima di tre quando taccia Tisifone voce della vendetta e i dispetti di Megera divengano scherzi innocui. Si fa leggero il corpo e si fa leggere è una Veste di seta sottile fino alla trasparenza Istoriata da caratteri di scrittura e figure Appena visibili, bastin le parti nude, quali e Cotali.

18


prime tracce di sirventesi