Fuga in punta di piedi - Anteprima

Page 1


Alfio e Adele devono partire. Sono pronti. La loro Casa Stretta li aspetta. È in montagna. Loro vanno sempre lì. Il giorno è sempre lo stesso, da dieci anni. Il 30 luglio si parte e si torna il 30 agosto. Un treno e un mese. Agosto in montagna.

Adele hai preso telo, cannocchiale, occhiale, crema, sale, uova, pianta, taccuino, altalena, radio, libro, lampada, fiori, vaso, penna, carta igienica, lievito?

2


Sì. E tu che hai preso?

Io ho preso la valigia.

Ah, ok.

Allora andiamo!

3


E la scarpa? Ohibò, dove sta la mia scarpa?

Devo trovare la mia scarpa preferita. io Non mi muovo senza di lei!

Scarpa dimenticata, scarpa fortunata. Su, muoviti Adele, mettiti la scarpa! il treno non aspetta!

4


Dove sei? Ucci ucci, scarpa del mio cuore-e-e-e! Ucci ucci, scarpa puzzona! Ucci ucci, scarpaccia malefica! dove sei scarpa disgraziata?

Adele guarda che lo perdiamo.

Cosa perdiamo?

Il treno.

5


Adele è disperata. È convinta che la sua scarpa sia fuggita.

Che idea strampalata! Perché dovrebbe fuggire una scarpa? non si è mai sentito!


Ah, senti, Alfio. Il treno è perso.

Lo ritroveranno.

No, Alfio, noi lo abbiamo perso! Gli altri lo hanno trovato e sono partiti!

7


Per colpa di una scarpa, per la prima volta in vita loro, Adele e Alfio devono cambiare programma. Si mettono a cercare la scarpa scappata da casa. Ma dove? Sui tetti no, perché Alfio soffre di vertigini.

8


Vanno a cercarla in chiesa. Perché? Perché nessuno andrebbe a cercare una scarpa in chiesa. E poi c’è silenzio. “È bello il silenzio”, pensa Adele. Se lei dovesse fuggire penserebbe a un luogo dove si possa stare in pace. Anzi, in santa pace.


Millions discover their favorite reads on issuu every month.

Give your content the digital home it deserves. Get it to any device in seconds.