Issuu on Google+

PROGRAMMA ELETTORALE Infrarosso presenta

a

Per... S c

ka

!

e

Sin i

nz

s

r

ie

t

LIBERiamo LA CONOSCENZA

e Eur

8-9-10 maggio 2012  

Sinistra Per… Scienze


Cosa è Sinistra Per… Scienze Sinistra Per… Scienze è un collettivo studentesco che si pone l’obiettivo quello di dare voce agli studenti, garantendone i diritti e impegnandosi ad allargare la partecipazione studentesca alla politica universitaria. La forza di Sinistra Per… nasce infatti dall'unione della militanza nel movimento universitario con il lavoro di rappresentanza negli organi accademici. Crediamo fortemente nel metodo assembleare: l'assemblea è il momento in cui si discutono tutte le problematicità e si esplorano democraticamente le soluzioni migliori.

Sinistra Per… gli spazi Gli spazi della nostra quasi ex-Facoltà sono sempre stati un punto centrale nella nostra programmazione politica. Con l'entrata in vigore del nuovo Statuto e il passaggio di competenze ai nuovi dipartimenti, la gestione delle strutture sarà riorganizzata e posta direttamente sotto il controllo dell'Amministrazione Centrale. La didattica sarà dislocata diversamente e verranno messe a disposizione nuove strutture, come il polo di Chimica e quello di Agraria. Punto nodale della questione spazi è l'utilizzo degli stessi da parte della generalità degli studenti per attività culturali. Fino ad ora abbiamo riscontrato problemi soprattutto al polo Fibonacci, per attività quali feste e spettacoli pubblici: per via di un regolamento molto stringente, voluto e scritto dal Comitato di Gestione del Polo che da quest'anno non esisterà più. Come Sinistra Per… lavoriamo per la redazione di un regolamento unico d'Ateneo, che renda tutti gli spazi accessibili in egual misura. Infatti, proprio per l'eterogeneità dei regolamenti, anche solo all'interno della Facoltà di Scienze ci siamo trovati a dover fronteggiare i casi più disparati: dalle feste, ai cineforum, passando per le autorizzazioni per i banchetti informativi… Non mancheremo inoltre di occuparci della dislocazione materiale delle lezioni, in modo da renderle il più possibile accentrate per evitare continui spostamenti da una parte all'altra della città!

Sinistra Per… i numeri aperti Sinistra Per… è contraria a numeri chiusi, numeri programmati ed ogni altra forma di limitazione dell'accesso ai corsi di studi, generalmente sdoganate con logiche di falsa meritocrazia. La selezione meritocratica, piuttosto che seguire l'aberrante principio di insegnare a chi più già sa, deve infatti avvenire "naturalmente" in itinere, attraverso il confronto con le materie di studio e gli esami. Nel contesto di tagli, ristrettezze, difficoltà derivanti dalle ultime riforme dell'università, tuttavia, troppo spesso si tende ad imboccare la facile strada di difendere come privilegio per pochi quello che dovrebbe essere garantito a tutti: il diritto allo studio, il diritto all'accesso ai saperi. Sinistra Per… Scienze, ponendosi criticamente rispetto alla complessa situazione dei corsi, continua a studiare e proporre soluzioni alternative e del tutto praticabili alle limitazioni dell'accesso, a partire da un'assennata razionalizzazione dell'offerta formativa e della gestione dell'offerta didattica e degli spazi. In quest'ottica, siamo impegnati nell'impedire la riduzione del numero programmato a Scienze Biologiche, per potere in futuro eliminarlo del tutto; il nostro lavoro è inoltre volto ad evitare che altri corsi considerati "a rischio", quali ad esempio Scienze Naturali e Ambientali e Chimica, adottino il numero programmato.


Sinistra Per… il wi-fi Intendiamo far estendere alle aule D del polo Fibonacci la copertura della rete wi-fi Serra, potenziando e razionalizzando la gestione dei ripetitori di segnale. Questo significa superare l'impostazione arcaica che vuole una distinzione tra gli spazi ufficialmente destinati ad aula studio, per i quali l'amministrazione considera automaticamente legittima la copertura internet, e gli spazi destinati alla didattica come aule, per i quali non è previsto un uso fuori dall'orario di lezione: noi siamo invece convinti che ogni aula, quando non c'è lezione, sia una potenziale aula studio e in generale uno spazio che deve essere a disposizione degli studenti. Ci impegneremo perciò per far considerare le aule D completamente a disposizione degli studenti, dalla didattica allo studio autonomo, e farle di conseguenza raggiungere dalla rete Serra.

Sinistra Per… il libero percorso di studi Sinistra Per… è contraria alle propedeuticità, ovvero ad ogni limitazione della libertà per lo studente di costruirsi autonomamente il proprio percorso di studi: dall'imposizione del superamento dell'esame di matematica per primo come condizione necessaria per poterne sostenere qualunque altro, all'obbligo del superamento di un dato numero di esami del primo anno per poter dare quelli del successivo, al blocco di singoli esami gli uni rispetto agli altri, si tratta sempre di situazioni che vincolano in percorsi obbligati lo studio e la carriera accademica – tra l'altro senza alcuna reale prospettiva di presa di coscienza della propria capacità di seguire un insegnamento, né di maturazione e programmazione autonoma, da parte dello studente. Riteniamo del resto che la verifica delle conoscenze considerate "propedeutiche" ad un dato argomento non possa che avvenire nella stessa sede d'esame: solo qualora veramente in possesso delle basi, infatti, lo studente dimostrerà piena comprensione della materia d'esame – la cui verifica, responsabilità del docente, non può essere demandata ad una certificazione di dati "di libretto" aviti. Ci impegneremo quindi per limitare, tendendo ad eliminarle, le propedeuticità esistenti nei corsi, combattendo altresì contro l'introduzione di nuove.

Sinistra Per… l’autovalutazione Individuiamo un potenziale ruolo positivo nei test d'ingresso: la funzione di autovalutazione dello studente che, in base alle carenze riscontrate, sarà indirizzato ad avvalersi di precorsi, tutorato e altri supporti alla didattica – che devono essere messi a disposizione per colmare le lacune nelle conoscenze di base, garantendo così un reale diritto allo studio e all'accesso ai saperi per l'universalità degli studenti (altrimenti inevitabilmente discriminati, ad esempio, in base all'indirizzo di studi delle scuole superiori, o a quei tanti altri fattori che influenzano la preparazione personale). Inoltre, ci spenderemo per assicurare l'attivazione e la fruibilità di supporti alla didattica funzionali all'integrazione di eventuali carenze formative, lavorando affinché i test d'ingresso abbiano solo valore autovalutativo e non implichino alcun vincolo sul percorso di studi.

Sinistra Per… la cultura «Con la cultura non si mangia,» amava ripetere il ministro Tremonti, interpretando perfettamente una certa filosofia destrorsa tutta tesa a monetizzare il monetizzabile. Come Sinistra Per... pensiamo però l'esatto contrario: il nostro impegno di universitari in movimento contro l'università-impresa e per un altro modello di istruzione si esplica perciò in una gran varietà di proposte di (auto)formazione e confronto “extracurriculare”. Crediamo infatti che formazione universitaria non significhi solo collezionare passivamente CFU o ore di tirocinio, bensì anche vivere attivamente gli spazi e la ricchezza culturale dell'Ateneo,costruendo momenti di


partecipazione e confronto democratici ed autogestiti. Così, ogni anno proponiamo cineforum, proiezioni, dibattiti, seminari, conferenze, concerti e spettacoli teatrali affrontando le tematiche più variegate ed attuali: dalle connessioni mafia-lavoro nero alla riscoperta del repertorio musicale popolare, dalla legislazione intorno alle droghe leggere alle esperienze di gestione democratica della rete internet. Oltre a questo, Sinistra Per… organizza momenti più ludici e ricreativi come feste, aperitivi musicali e colazioni equo-solidali. Il calendario delle attività culturali di Sinistra Per... è sempre fitto e diversificato: aiutateci a mantenerlo tale partecipando con le vostre proposte!

La Facoltà di Scienze post riforma Gelmini

L'entrata in vigore del nuovo Statuto sancisce definitivamente la fine della facoltà di Scienze così come la conosciamo e la relativa riorganizzazione in sei dipartimenti autonomi tra loro, che non si occuperanno esclusivamente di ricerca come è stato fino ad ora, ma accentreranno su di loro anche tutte le competenze sulle questioni di didattica dei corsi di studio che vi saranno incardinati. Quest'anno, per la prima volta, ci troviamo a dover scegliere i rappresentanti degli studenti nei consigli di dipartimento, oltre che nei consigli di corso di laurea e negli organi centrali: tutti avranno durata biennale (luglio/settembre 2012 – luglio/settembre 2014). Con l’avvento dei dipartimenti la rappresentanza diventerà ancora più importante, in quanto non ci sarà più l’eventuale Consiglio di Facoltà (con tutte le sue commissioni) a “sindacare” sulle decisioni prese dai consigli nei vari dipartimenti. Ecco i sei nuovi dipartimenti dell'ex-facoltà di Scienze con i relativi corsi di laurea:

Dipartimento di Biologia Lauree triennali in: -Scienze Biologiche, -Biotecnologie, -Scienze Naturali e Ambientali; Lauree magistrali in: -Biologia Marina, Biologia applicata alla Biomedicina, -Biologia Molecolare Cellulare, -Conservazione e Evoluzione, -Biotecnologie Molecolari e Industriali. Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale Lauree triennali in: -Chimica, Chimica per l'Industria e l'Ambiente; Lauree magistrali in: -Chimica, Chimica Industriale. Dipartimento di Fisica Laurea triennale in -Fisica; Laurea magistrale -Fisica.

Dipartimento di Informatica Laurea triennale in: -Informatica; Lauree magistrali in: -Informatica, -Informatica e Networking, -Informatica per l'Economia e per l'Azienda. Dipartimento di Matematica Laurea triennale in -Matematica; Laurea magistrale in -Matematica. Dipartimento di Scienze della Terra Laurea triennale in: -Scienze Geologiche; Lauree magistrali in: -Scienze e Tecnologie Geologiche, -Geofisica di Esplorazione e Applicata, -Scienze Ambientali.


Dipartimento di Informatica #Pirati – Sinistra Per… "C'è veramente molto su cui lavorare ad Informatica. Tuttavia, ultimamente la rappresentanza ha subito un drastico calo a livello di quantità; infatti gli informatici disposti ad interessarsi istituzionalmente delle sorti del nostro corso diminuiscono purtroppo di anno in anno. Tale tendenza è massimamente da contrastare quest'anno, con l'introduzione del nuovo assetto dipartimentale e le nuove competenze delegate al nostro Dipartimento: come Sinistra Per… riteniamo infatti fondamentale la presenza di una rappresentanza studentesca forte e preparata, che vigili in questa critica fase di passaggio, garantendo il rispetto dei diritti degli studenti e portando la voce di questi negli organi. La nostra ambizione è pertanto di essere per voi quella rappresentanza, lavorando per assicurare il corretto funzionamento dei corsi di Informatica e riavvicinando la politica universitaria agli studenti. Ci proponiamo dunque di garantire per ogni esame il numero minimo di appelli (sei) previsto dal Regolamento Didattico d'Ateneo; di controllare la gestione dei calendari didattici, in particolare per quanto riguarda i corsi mutuati dall'esterno come ad esempio quelli di Economia; di istituire una piattaforma e-learning che permetta a tutti di accedere al materiale didattico, come già avviene per tantissimi altri corsi. Questa piattaforma potrebbe inoltre essere utilizzata per diffondere videoregistrazioni delle lezioni, ovviando ulteriormente alla sovrapposizione dei corsi. Inoltre, per quanto riguarda il corso di laurea magistrale in Informatica per l'Economia e l'Azienda, considerata la mancanza delle nozioni di Economia Aziendale 2 per seguire in maniera proficua PCG, intendiamo spostare questo insegnamento al secondo anno; al momento della modifica del regolamento didattico ci impegniamo a convocare un'assemblea per discutere delle possibili soluzioni a questo problema in termini di nuova disposizione dei piani di studio. Come rappresentanti, inoltre, saremo per voi un punto di riferimento per qualsiasi problema, minimizzando la distanza tra gli studenti e gli organi accademici. Vi invitiamo in particolare a segnalarci le problematiche dei corsi nei quali non siamo materialmente presenti! I candidati nel Consiglio di Corso di Informatica per l'Economia e l'Azienda:

Antonio Ercole De Luca Alfredo Coppola Giancarlo Dore Michele Amico Mario Catalano Giacomo Minichiello

Sinistra Per... Chimica e Chimica Industriale Dato che i corsi di studio in Chimica e Chimica per l’Industria e l’Ambiente hanno il Consiglio di Corso aggregato, anche quest’anno il programma sarà unificato. Ciò significa che tratteremo questioni riguardanti entrambi i corsi di laurea. Nel periodo iniziale di questo anno accademico 2011/2012, abbiamo sostenuto con forza i diritti delle matricole per la questione del laboratorio di Chimica Generale, ottenendo il suo regolare svolgimento e il chiarimento del Consiglio riguardo la sua posizione sul problema; forti di questo risultato, intendiamo continuare su questa linea ed opporci a tutte le manovre che mirano a delegittimare gli studenti nei loro diritti. Non a caso, un tema che “vola” nell’aria è il numero programmato, al quale ci opporremo con forza qualora venisse portato come mozione in Consiglio di Corso Aggregato e successivamente in Consiglio di Dipartimento.


Ci impegneremo anche nel cercare di fare installare un sistema wi-fi dipartimentale, strumento di modernità utile a tutti e per tutti gli usi, da quello didattico a quello di interesse personale, in maniera tale da non costringere tutti ad andare in biblioteca per connettersi ad internet. Sosteniamo inoltre il rispetto per i regolamenti didattici, che sono importanti linee guida sia per gli insegnanti che per gli studenti, che devono far valere con forza i propri diritti per non divenire “succubi” di atteggiamenti poco regolari da parte dei docenti. Ad esempio, come risulta da un verbale dello scorso anno, abbiamo ottenuto che gli studenti del primo anno che hanno contratto il debito non avendo superato il test di ingresso possano accedere agli esami del primo anno superando il primo compitino di Analisi 1 o quello di Chimica Generale; ci assicureremo che questa norma sia riportata nel regolamento didattico e rispettata, nell’ottica di limitare e alleggerire quanto più possibile le propedeuticità fino ad eliminarle. I nostri candidati:

Alessio Ricciardi Giancarlo Padula Roberto Russo

Sinistra Per… Fisica Di anno in anno il nostro corso di studi ha visto un innalzamento del numero di iscritti conforme al resto dei corsi di indirizzo scientifico. Ci occuperemo di garantire il normale svolgimento dei laboratori, che potrebbe subire delle variazioni non consone ad un proficuo percorso didattico e culturale degli studenti. Riteniamo inoltre opportuno rinnovare il sito del corso di studi, per informatizzare i supporti alla didattica dei vari insegnamenti ed ottenere un aggiornamento costante del registro delle lezioni. Crediamo anche nell’importanza di garantire sette appelli nell'anno accademico, per cui con un continuo lavoro negli organi poniamo questo tema come centrale e dirimente per un reale avanzamento del nostro corso di laurea. Il nostro candidato:

Domenico Zaffarano

Sinistra Per… Sassi Programmazione didattica granitica A partire dall'A. A. 2012/2013, gli ordinamenti della laurea triennale e, soprattutto, della laurea magistrale in geologia risultano rinnovati. In questo periodo di tagli alla didattica, siamo riusciti a salvaguardare le attività di campo, mantenendo l'impianto metodologico della laurea di primo livello e rafforzando la connotazione multidisciplinare e sperimentale del biennio di specializzazione. È nostra intenzione vigilare sull'applicazione dei nuovi prospetti didattici al fine di evitare continue "aggiustatine" ordinamentali (compiute rimescolando sempre le solite carte…) e scongiurare così inaccettabili situazioni di disorganizzazione e accorpamento…


Esami cristallini Continueremo a impegnarci perché le date di esame vengano concordate con almeno tre mesi di anticipo (come da regolamento didattico d’Ateneo), senza sovrapposizioni fra esami dello stesso anno, e perché le prove si svolgano davanti a regolare commissione. Lo svolgimento di esami legali è un nostro diritto e un dovere dell'Università!

Dallo Stromboli al Serra: wi-fi al DST Il nostro Dipartimento, benché situato a dieci metri in linea d'aria dalla sede centrale di Serra (la rete wireless che copre l'intero Ateneo) vive ancora di una connessione wi-fi preistorica e totalmente inaffidabile. Come Sinistra Per… abbiamo esposto il problema in Consiglio d’Amministrazione di Ateneo e intendiamo far compiere al DST un piccolo passo in direzione della modernità, allacciandolo stabilmente alla rete Serra.

Un dipartimento ecosostenibile Studiare le Scienze della Terra significa acquisire una certa sensibilità verso il nostro Pianeta. Qualche volta è imbarazzante entrare in aule bollenti con finestre aperte e termosifoni “a palla” in una splendida giornata di primavera, oppure constatare che la raccolta differenziata è tale solo per la carta… Doppi vetri, differenziazione efficiente dei rifiuti, raccolta di materiali di scarto tanto comuni quanto “preziosi” (tappi di plastica: nella nostra provincia vengono raccolti e rivenduti ad industrie – il ricavato va a sostenere progetti di approvvigionamento idrico nel Sud del mondo): queste pratiche dovrebbero essere la norma e sono già presenti in molti spazi universitari. Intendiamo portarle e radicarle anche nel Dipartimento di Scienze della Terra.

Mente et malleo – con il martello ma anche con la mente Con l'entrata in vigore del "nuovo" Dipartimento di Scienze della Terra, sarà possibile ridiscutere alcuni punti riguardanti l'utilizzo degli spazi della nostra struttura. Spingeremo pertanto per permettere una maggiore accessibilità alle collezioni e ai laboratori (per esempio, aula microscopi…) anche oltre gli orari della didattica e per incentivare la fruizione della struttura dipartimentale per attività culturali autogestite quali cineforum, conferenze, seminari – ovviamente garantendo una gestione responsabile degli spazi – come avviene di norma nella maggior parte dei poli dell'Ateneo! I nostri candidati:

Alberto Collareta Giorgio Mannella Raffaele Bonadio

Sinistra Per… Biologia Da circa due anni a questa parte il nostro corso ha iniziato ad avere molti più problemi del consueto; come Sinistra Per... Scienze ci siamo impegnati per ridurli al minimo. Con la "ristrutturazione" generale dell'Università pubblica, inoltre, numerose sono le criticità che si


riverseranno su questo corso di studi: un corso che aveva già visto l'introduzione del numero programmato e che già aveva iniziato a fare i conti con un percorso formativo molto "stringente". A tutti, o quasi, sarà noto il caso delle propedeuticità a blocco, del primo anno!

L’accesso limitato non è nei nostri geni! La tanto decantata sostenibilità dei corsi, misurata su quegli stringenti requisiti quantitativi e qualitativi definiti nella riforma Gelmini, è lo scenario che apre la strada all'introduzione sempre più certa e inevitabile (a detta dei dirigenti) della limitazione dell’accesso ai corsi, dell'accesso ai saperi: a cominciare dall’introduzione di numeri programmati. Biologia possiede già il suo numero programmato; Sinistra Per… Scienze, come già ottenuto una volta grazie ad un costante lavoro negli organi e alla campagna sugli accessi che stiamo portando avanti in tutto l'Ateneo, continuerà ad opporsi all’abbassamento di tale numero e lottare perché esso sia abrogato del tutto.

Biodiversità di percorsi Altra campagna "scottante" è quella sulle propedeuticità. Un macigno pesante da digerire, sia per i docenti che soprattutto per gli studenti; i quali, però, una volta passato il primo anno – diciamolo chiaramente – non hanno quasi più a cuore le sorti di coloro che si troveranno a combattere con questo ostacolo. Abbiamo sempre creduto che ogni singolo studente debba poter liberamente organizzare e scegliere il proprio percorso formativo; cercheremo comunque di elaborare, anche i base alle statistiche, un piano di studi meno stringente possibile, che lasci ad ogni individuo un sufficiente margine di libertà di organizzazione, per poter sviluppare certi tipi di interessi culturali piuttosto che altri. Ad ogni modo, ribadiremo a gran forza in ogni sede la nostra contrarietà ad ogni tipo di limitazione culturale e individuale di percorso.

Polimerasi della didattica Sinistra Per… si impegnerà inoltre affinché i consigli di corso di studio, attraverso l'intervento attivo dei rappresentanti degli studenti, dedichino molta più attenzione all'organizzazione e al coordinamento dell'attività didattica da parte dei docenti, assumendo decisioni concrete ed efficaci. Questo vale in particolare nei corsi di laurea e di laurea magistrale articolati su più percorsi paralleli nei quali, gli studenti, molto spesso, a seconda dell'iniziale del loro cognome, si trovano a studiare in situazioni molto diverse che possono differenziare molto la loro carriera e la loro preparazione finale: basta pensare ai programmi dei medesimi insegnamenti o alle regole degli esami, differenti a seconda del corso (A o B) in cui ci si trova.

Espandere il proprio areale Il progetto Erasmus è da sempre un tallone d'Achille del nostro corso di studi, come ben sa chi, tra noi biologi, ha avuto la volontà di affrontare tutta la trafila per parteciparvi. Questi avvilenti problemi derivano quasi sempre dalla responsabile Erasmus, che purtroppo è personalmente


convinta di gestire bene la situazione, ritenendo addirittura di fare a tutti un favore "svolgendo il suo ruolo". In realtà, non è insolito che gli studenti si ritrovino "non iscritti" nelle liste delle università ospitanti o che si verifichino incidenti simili; dall’altro lato, gli studenti ospitati si ritrovano il più delle volte dispersi e senza molte informazioni. Inoltre, i criteri di riconoscimento dei CFU e dell'eligibilità degli studenti per la partecipazione sono a tutti noi sconosciuti: sottoposti all’arbitrarietà della responsabile. Per arginare questa grossa problematica, che per altro rovina anche il buon nome del nostro corso all'estero, noi di Sinistra Per…, dopo lunga insistenza, abbiamo ottenuto l’istituzione di un’apposita commissione collegiale Erasmus, con una componente studentesca, che selezioni gli studenti ammessi a progetto e gestisca tutte le fasi di questo. Inoltre ci proponiamo di stilare e pubblicare delle liste di materie convalidabili e dei criteri di eligibilità degli studenti, al fine di rendere più chiare la procedure. Una volta ingranati i lavori della commissione, riusciremo a rendere il nostro programma Erasmus, se non ottimale, quantomeno funzionale ed equo!

Biologi davvero Come Sinistra Per... Scienze ci impegneremo a proporre al Consiglio di Corso di pubblicare e aggiornare periodicamente le richieste degli studenti per i tirocini, evitando sovrapposizione di richieste a pochi professori che per regolamento devono accettare almeno due studenti a semestre contemporaneamente. Riteniamo importante una condivisione pubblica, rapida e informatizzata, delle liste di richiesta: anche per evitare rifiuti da parte dei professori che devono garantire la disponibilità di percorsi di tirocini.

News for Bio Molte comunicazioni importanti vengono oggi pubblicate su bio-news, pensiamo che questo non sia abbastanza. Esiste un indirizzario email di tutti i biologi; ci occuperemo di valorizzare questo strumento per comunicazioni urgenti, come spostamento di date di esame, sospensioni della didattica, conferenze e seminari, così da avere un'informazione più fruibile per tutti.

Microesami Siamo riusciti ad ottenere l'attivazione di seminari e corsi da 3 CFU per poter raggiungere i 15 CFU necessari per gli esami a scelta. I corsi da 3 CFU non erano previsti a causa del riadattamento del DM 17, per cui non era possibile per gli studenti raggiungere 15 crediti – avrebbero dovuto conseguirne 18 o più. I nostri candidati:

Chiara Barbieri Rosa Loguercio Pietro Bruno Elena Modica Minh Nhat Nguyen Silvia Cesario

Sinistra Per… Scienze Naturali e Ambientali Il corso di Scienze Naturali e Ambientali, sia a causa della recentissima costituzione sia per il suo carattere interdipartimentale, subisce da sempre gravi carenze nell'organizzazione e,


conseguentemente, nel rispetto dei diritti degli studenti e finanche nella democraticità degli organi. L’ambizione di Sinistra Per… è da sempre quella di dare voce agli studenti: con la forza della visione d'insieme e della possibilità di incidere data dalla presenza in tutti gli organi accademici, lavoriamo per minimizzare la distanza tra questi e gli studenti, tra rappresentanti e rappresentati. Con l’entrata in vigore del nuovo Statuto, il nostro corso sarà incardinato nel Dipartimento di Biologia: un cambiamento delicato che ci vedrà vigili su ogni passaggio, in particolare per assicurare una giusta distribuzione della didattica tra le diverse aree – biologica, ecologica, geologica.

Accesso libero Convinta che la meritocrazia reale sia una selezione in itinere a livello di esami e che il diritto all'accesso ai saperi debba essere universale, Sinistra Per… si è battuta e continuerà a battersi contro il numero programmato a SNA; a maggior ragione dopo aver dimostrato, leggi dati e soluzioni alternative alla mano, l'assoluta non necessità di questa misura e, conseguentemente, la sua natura di scelta politica contro il diritto allo studio.

Verso la matematica e oltre Dal prossimo anno l’insegnamento di Matematica diventerà annuale; seguiremo con attenzione questo passaggio, in particolare per quando riguarda il recupero del debito. Infatti nel nostro corso l’esame di Matematica è propedeutico agli altri: chi non ha totalizzato un risultato sufficiente al test d’ingresso deve saldare il debito superando quello di Matematica come primo esame prima di darne qualunque altro. Lavorando per alleggerire questa propedeuticità fino ad eliminarla, ci assicureremo che il saldo del debito corrisponda ad un compitino in itinere (in modo da non bloccare gli esami per l’intero anno) e che la difficoltà di tale prova sia commisurata alla matematica di base argomento del test.

SNA 2.0 Tasti dolenti nel nostro corso sono il sito, povero e costantemente non aggiornato, e la confusione per iscriversi agli esami data dalla dispersione in una varietà di piattaforme diverse. Intendiamo vigilare e premere affinché si trovi un accordo per cui il nuovo sito, o la nuova gestione dell'attuale, contempli un continuo aggiornamento e finalmente la reperibilità di tutte le informazioni necessarie allo studente – orari, programmi, indicazioni per la tesi, etc. Inoltre, lavoreremo per un decisivo accentramento delle iscrizioni agli esami su Biomiscrivo, assicurandoci che gli appelli siano elencati nell'indice del nostro corso ed indicati con regolare puntualità. Il polo Nobili attualmente è totalmente scoperto dalla rete wi-fi, nonostante sia molto vicino alla biblioteca di Scienze Naturali, al Dipartimento di Scienze della Terra e al Centro Serra stesso.


Nel nostro impegno per garantire una copertura wi-fi adeguata anche a quei poli prevalentemente didattici ma che, finite le lezioni, vengono utilizzati come aule studio, intendiamo spenderci anche per portare la rete Serra al polo Nobili. Vogliamo inoltre rendere effettivamente fruibile l'aula computer al primo piano del polo Nobili, rinnovando le macchine più vecchie in modo da assicurarne almeno due funzionanti e assicurando almeno due prese per la connessione LAN.

Naturambientalisti raminghi per il mondo Ci impegneremo a garantire aule adeguate al numero di studenti di ogni corso, per evitare sovraffollamenti che non assicurano un adeguato svolgimento delle lezioni, e a far sì che queste siano accentrate in un'unica sede – per quanto possibile, dato che non abbiamo un vero e proprio polo di scienze naturali e ambientali:una questione molto importante per chi si ritrova a spostarsi anche tre volte al giorno per seguire le lezioni in poli diversi.

Una distribuzione non gaussiana degli orari Poiché il nostro corso ha, come già detto, carattere interdipartimentale e molti insegnamenti sono mutuati sui corsi di Biologia, piuttosto che sul Dipartimento di Scienze della Terra, molto spesso la distribuzione del carico didattico nei due semestri risulta disomogenea. Proponiamo di istituire una commissione orario che annoveri anche un rappresentante degli studenti, come già avviene in molti corsi di laurea, in modo tale da ottenere il miglior risultato possibile nel mettere insieme le esigenze dei dipartimenti che erogano la didattica al nostro corso e il carico didattico dei nostri semestri, rispettando comunque la soglia dei 57/60 CFU annui.

Do you speak SNA? Sinistra Per… si batte da tempo perché sia garantita agli studenti dell'ateneo pisano la migliore formazione possibile; in quest’impostazione si inserisce la nostra convinzione che la conoscenza della lingua inglese – seppure a livello di base – debba essere una caratteristica fondamentale degli studenti, di scienze in particolare, per i quali è essenziale la capacità di comunicazione e scambio internazionale. Di conseguenza, ci impegneremo affinché nei prossimi regolamenti didattici sia introdotto, come idoneità, un esame di lingua inglese anche a Scienze Naturali ed Ambientali. I nostri candidati:

Letizia Andreini Sara Giustini Silvia D’Amato Avanzi Marco Conti Lorenzo Gozzini


I nostri candidati sono : Dipartimento di Biologia Dipartimento di Fisica Barbieri Chiara Zaffarano Domenico D'Amato Avanzi Silvia Loguercio Rosa Dipartimento di Sc. Della Terra Conti Marco Collareta Alberto Gozzini Lorenzo Mannella Giorgio Modica Elena Bonadio Raffaele Giustini Sara Bruno Pietro Dipartimento di Informatica Nguyen Nhat Minh De Luca Ercole Antonio Andreini Letizia Amico Michele "Bose" Cesario Silvia Dipartimento di Chimica e Chimica industriale Padula Giancarlo Russo Roberto Ricciardi Alessio "Volterra" Consiglio degli Studenti Settore1:SinistraPer...Scienze Collareta Alberto Zaffarano Domenico Tonielli Federico De Luca Ercole Antonio

Settore 2: Sinistra Per...Scienze Loguercio Rosa Padula Giancarlo Conti Marco Russo Roberto Giustini Sara Ricciardi Alessio

Per gli organi centrali Senato Accademico Chiara Barbieri CTS (Consiglio Territoriale degli Studenti) Silvia D'Amato Avanzi Giancarlo Padula Domenico Zaffarano

www.sinistraper.org/scienze

scienze.sinistraper@gmail.com

tel. 320 2154565


Programma Elettorale Sinistra per... Scienze