Page 288

Schede

Cappella Di Giorgi Cimitero di Santa Maria di Gesù, Palermo, 1912 Ernesto Basile Pianta, prospetto principale, sezione longitudinale, 1/50, matita e china su carta da lucido, 415x395 mm, (1912), firmato E. Basile; denominazione del progetto e intitolazione dei disegni a china (X.49.4). Incollato su controfondo di cartoncino, 1092x708 mm (con i numeri X.49.1., X.49.2., X.49.3., X.49.5.). Bollo tondo a inchiostro blu, n. inv. 3373. L’unità archivistica comprende n 3 unità documentarie con: n. 2 piante, n. 1 pianta parziale, n. 3 prospetti, n. 2 sezioni. La cappella gentilizia Di Giorgi fu progettata da Ernesto Basile per la famiglia del generale Di Giorgi (1867-1932), politico italiano e ministro della guerra che sposa a Palermo nel 1922 Norina Whitaker (nata nel 1884). È proprio la parentela con l’illuminata famiglia Whitaker (imprenditori del vino Marsala) che porta il generale Di Giorgi a rivolgersi ad Ernesto Basile per la progettazione dell’ultima dimora della sua famiglia. Il progetto delle cappella Di Giorgi è del 1912; essa rientra in quel periodo della tarda Belle Époque durante il quale Basile matura definitivamente quel processo di revisione critica del modernismo che lo porta a declinarne i formulari in chiave classicista. È in questa logica che, relativamente all’architettura funeraria, Basile aveva operato anche nella fase di transizione che

precede la sua prima stagione modernista. Diverse sono le cappelle gentilizie che Basile progetta prima della cappella Di Giorgi; fra queste la cappella Nicosia del 1898 presenta un assetto convenzionale con tre fronti uguali e anche richiami all’architettura romanica con alquanti accenni a motivi rinascimentali. Si la cappella Nicosia che quella, successiva e più aulica, della famiglia Lanza di Scalea presentano un impianto planimetrico risultante dalla sovrapposizione della croce al quadrato: modello, questo , ampiamente consolidato a Palermo e in Sicilia, reinterpretato in chiave “moderna” da Ernesto Basile e presente nel progetto della Cappella Di Giorgi. In alzato la cappella Di Giorgi si presenta del tipo a capanna, come anche la facciata della cappella Guarnaschelli, con pseudoprotiro rialzato su crepidoma a tre gradini. Lateralmente al portale fino all’imposta dell’arco a tutto sesto presenta due semicolonne addossate a pilastri d’anta. Il trattamento a bugnato della fascia basamentale si alleggerisce verso l’alto, dove poi il bugnato lascia il posto ad un trattamento a conci rasi. L’intero fronte della cappella presenta cornici che corrono lungo le falde per poi scendere in basso lungo parte dei fianchi del prospetto. Il 1912 è l’anno in cui Basile progetta anche il Palazzo delle Assicurazioni Generali di Venezia in via Roma, l’Eden Teatro Biondo in piazza Verdi ( non realizzato), l’ampliamento sul fronte di via Villafranca della casa Basile in via Siracusa, tutti a Palermo, e il teatro di prosa per i fratelli Biondo a Messina (mai

277

Profile for simua

Collezioni Basile e Ducrot  

Mostra documentaria degli archivi a cura Eliana Mauro e Ettore Sessa

Collezioni Basile e Ducrot  

Mostra documentaria degli archivi a cura Eliana Mauro e Ettore Sessa

Profile for simua
Advertisement

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded