Issuu on Google+

L’ARTE DEL PANE

n°4 - Primavera 2014

“Primavera: bentornato gusto”

P

rendete una giornata di sole, la famiglia, qualche

imbottigliati nel traffico, non demordete, anche il parco più vicino

amico e un cane, aggiungete un cesto di vimini

può fare al caso vostro (e per fortuna in questo la Capitale offre

pieno di pietanze e, perché no, un po’ di musica e

svariate possibilità). Ciò che conta è lasciare che la pelle, per

avrete il mix perfetto per assaporare i primi odori e

troppo tempo coperta da sciarpe e cappotti, riprenda a respirare

colori della primavera.

al tiepido calore del sole.

E se la scampagnata fuori porta è un’usanza ormai profonda-

E per rendere il tutto ancor più salutare, oltre alle classiche torte

mente radicata nella cultura nostrana nel giorno di Pasquetta,

rustiche o all’insalata di riso, disponete nel vostro cestino anche

niente ci vieta di approfittare di un qualsivoglia week end di bel

frutta e verdura di stagione: un melone succulento (da accom-

tempo per ritagliarci un momento di relax e dare il benvenuto alla

pagnare con qualche fetta di prosciutto), pomodori guarniti da

tanto attesa calda stagione.

profumate foglie di basilico e una ricca macedonia di frutta, ma-

Le mete possono essere le più disparate: la spiaggia o la mon-

gari servita a mo’ di spiedino… e per finire (e non solo il 1° mag-

tagna sono l’ideale ma se non volete correre il rischio di restare

gio) le immancabili fave fresche accompagnate dal pecorino.

Torta rustica alla vignarola La Vignarola è un piatto tipico della

unico arricchito da pancetta o

tradizione romana che deve il suo

guanciale, gli abili cuochi di Panel-

nome al fatto di essere preparata

la ne propongono una variante

con ortaggi di stagione quali fave,

ancor più appetitosa utilizzandola

piselli, cicoria e carciofi romane-

come ricca farcia per una torta

schi, che un tempo venivano colti-

rustica.

vati vicino ai filari delle vigne (e non

Ideale per una scampagnata dome-

a caso i contadini delle campagne

nicale fuori porta – magari accom-

laziali vengono ancora oggi chia-

pagnato da un buon vino bianco dei

mati in gergo “vignaroli”).

Castelli – questo rustico ripropone i

E se la Vignarola è già appetitosa

colori della terra che gli diede i natali

così, come classico contorno di

e racchiude in sé il sapore inconfon-

verdure stufate o come piatto

dibile della bella stagione.

-1-


L’ARTE DEL PANE

Curiosità

Aprile,

è davvero “dolce dormire”? Il letargo è una “attività” tipicamente invernale per flora e fauna, e allora perché è così comune il detto “Aprile,

“Spadellata di fragole”

dolce dormire”? Effettivamente è normale sentirsi più stanchi in questo mese: la causa è da ricercare nell’aumento delle ore di luce solare che porta il nostro organismo ad essere attivo per più tempo nel giorno. Ne consegue una mancanza di forze per chi ha ancora è regolato dai ritmi invernali. Come combattere questo inconveniente, chiamato astonìa? Aiutiamoci con una dieta ricca di verdure e fibre e lasciamo dolci e carboidrati alle occasioni speciali. In conclusione “Aprile, (troppo) dolce fa dormire”.

L

a primavera è la stagione delle fragole,

vole aroma dolce-amaro. L’amalgama così

rosse,

ma

ottenuto viene utilizzato per armonizzare le diffe-

soprattutto ideali per appetitosi des-

renti consistenze della torta: la soffice morbi-

sert. Ne sanno qualcosa i pasticceri di

dezza del pan di spagna e la friabilità di una

Panella, che ne hanno fatto uno degli elementi

croccante base di pasta frolla. E, a completare il

base per un dolce dal sapore davvero avvolgente.

tutto, una copiosa guarnizione di fragole e frutti

La spadellata di fragole e frutti di bosco è una

di bosco freschi aggiunti a cottura ultimata.

ricetta golosa che esalta il sapore dei frutti

Il risultato è un mix di sapori sapientemente

appena colti, saltati in padella con lo zucchero e

calibrati tra loro che solleticano il palato ad

sfumati con abbondante liquore così da creare

ogni morso, regalando freschezza e dolcezza

un composto cremoso che sprigiona un grade-

senza paragoni.

succulenti,

L’orto in casa Per tutti coloro che sono dotati del

riciclano anche bottiglie e barattoli da

pollice verde ma vivono in città e non

cucina – o utilizzando degli appositi

possiedono un appezzamento di terra

supporti verticali.

coltivabile, ecco arrivare una nuova

Se siete alle prime armi nella coltivazio-

moda estremamente green: l’orto in

ne fai-da-te, prediligete colture che non

casa. È facile ed economico, ma

richiedono un particolare impegno,

soprattutto è l’ideale per chi vuole

come

consumare ogni giorno verdura fresca

zucchine oltre a basilico, salvia, prezze-

e aromi biologici a chilometro (anzi,

molo ed erba cipollina. Viceversa, se

metro) zero. Il requisito necessario è

volete cimentarvi più seriamente in

solo uno: avere un terrazzo, un balcone

questo nuovo hobby potete azzardare

o il davanzale di qualche finestra con

la semina di piselli, fagioli, fagiolini,

una buona esposizione al sole (meglio

spinaci, peperoni e zucche. E per la

se a est o a ovest). Quindi basta procu-

frutta? Optate per piccoli alberi di

rarsi un po’ di terriccio, delle piantine o

agrumi, per meloni e fragole.

dei semi, e il gioco è fatto!

E se “l’erba del vicino è sempre la più

L’idea è quella di sfruttare la superficie

verde” ora non è più così: create un

disponibile in tutta la sua estensione,

angolo di paradiso in cui coltivare la

applicando al muro qualche mensola

vostra passione… e – si spera – non

su cui disporre i vasi – i più stravaganti

solo quella!

-2-

pomodori,

lattuga,

carote,

dolcissime


L’ARTE DEL PANE Il lato dolce di Panella, per una volta, non è solo un fatto di zucchero, crema e cioccolato: è partita, infatti, una nuova iniziativa di beneficenza che vedrà personaggi famosi cimentarsi davanti alle telecamere nella preparazione del loro piatto forte sotto la supervisione di cuochi e pasticceri di Panella. Il piatto (o dolce), preparato secondo la ricetta “segreta” del Vip, verrà proposto per un determinato periodo nel menù di Panella: parte del ricavato della vendita sarà devoluto a progetti a sostegno di varie onlus.

Ricette col cuore

Pastiera di Roy De Vita

• 600 gr di ricotta

Istruzioni - 1 - Preparare il grano (se quello in barattolo) facendo sciogliere il burro

Roy De Vita

con il grano, aggiungendo il latte e la buccia grattugiata di un limone. Primo Vip a destreggiarsi tra i fornelli

Ingredienti

di via Merulana è Roy De Vita, tra i

- 2 - In una terrina impastare la ricotta con lo zucchero, le uova, la

più famosi chirurghi plastici italiani.

vaniglia, 1 cucchiaio di acqua di fiori d'arancio e la buccia grattugiata di

Roy è alle prese con uno dei dolci

un limone. Amalgamare il tutto con il grano.

per eccellenza della Pasqua, la

• 400 gr di zucchero bianco • 4 uova • 30 gr di burro • 100 ml di latte • 400 gr di grano (se non si trova il grano saraceno, si può utilizzare la confezione già parzialmente preparata in barattolo acquistabile al supermercato)

pastiera napoletana, di cui di seguito vi sveliamo ricetta e segreti. Accedete al nostro canale YouTube e diteci come se l’è cavata!

- 3 - Preparare a parte la pasta frolla e rivestirne una teglia. Versare

• 2 limoni

l'impasto e ricoprirlo con delle strisce di pasta frolla (a formare una

• 1 bustina di vaniglia

griglia). Infornare a 180° per un’ora e mezza.

• acqua di fiori di arancio (1 cucchiaio)

Arte Le Repas (Les Bananes) Diverse interpretazioni sono state date a questo dipinto di Gauguin del 1891: in molti si sono chiesti se non raffigurasse semplicemente un tipico pasto tahitiano, ma a Tahiti non ci si siede a tavola per mangiare... Noi ci siamo divertiti a pensare che l'artista abbia voluto rappresentare un “Masterchef Junior” ante litteram, dando ai bambini i fei (tipiche banane rosse tahitiane da mangiare cotte), alcuni frutti variopinti, ciotole e utensili per poter scatenare la loro creatività. Interpretazione ardita, la nostra, ma che trova singolare conferma nell'espressione interrogativa e

“Tornare in forma: la natura consiglia”

A

preoccupata dei bambini.

appena

pelle luminosa che non guasta mai. Ulteriori

trascorso non verrà ricordato tra

accorgimenti sono quelli di una cottura

i più freddi di sicuro negli ultimi

leggera (a vapore l’ideale) e di diminuire la

mesi

sfuggita

quantità di sale utilizzato per insaporire i cibi.

l’occasione di assaporare cibi dal tasso calo-

Compiti finiti? Solo a metà! Mettete pentole e

rico capace di riscaldarci anche in una notte

piatti nella lavastoviglie, un paio di scarpe

siberiana. Ma ormai le rondini sono tornate:

comode e scendete nel parco sotto casa.

non piangiamo sul latte versato e riprendia-

Fior di studiosi hanno sentenziato che una

mo in mano la situazione.

camminata a passo veloce per mezzora al

Partiamo dalla tavola: riempendo il carrello

giorno dà i giusti input al nostro metabolismo

Mi adagio nel mattino

della spesa di vegetali e cereali è difficile sba-

per bruciare grassi e regolare il nostro appeti-

di primavera. Sento

gliare; orzo e farro possono sostituire pasta e

to, evitando pericolosi picchi lontano dai

riso per un primo piatto; poi abbondiamo

pasti principali.

senza paura con verdure rigorosamente di

Avete già provato e non avete visto grandi

stagione. Asparagi, carciofi, broccoli e carote

risultati? Lo so, frequentare troppo spesso

sono utili alleati di un fisico snello e di una

Panella ha delle controindicazioni...

nche

se

non

l’inverno

ci

sarà

Questo dipinto è in mostra fino all’8 giugno al Complesso del Vittoriano

Mi adagio nel mattino

nascere in me scomposte aurore. Io non so più se muoio oppure nasco.

(Sandro Penna)

-3-


L’ARTE DEL PANE

Oroscopane Ariete (nati tra il 21 marzo e il 20 aprile)

Un’icona moderna da associare al segno

dell’ariete?

Un

piccolo

panzer, senza dubbio, anche se la vostra testardaggine non si limita alla seconda guerra mondiale ma risale alla notte dei tempi. La primavera non vi addolcirà e affronterete tutto con un ottimismo d’acciaio, rintracciando soluzioni anche nelle situazioni più estreme: il consiglio è di far affiorare la sensibilità, spesso messa da parte, e dedicarvi a un pit stop di relax, magari con un frullato (senza pepe).

Toro (nati tra il 21 aprile e il 20 maggio)

Siete amanti della vita comoda, del bello in ogni sua forma, di cibi e vini raffinati, cari taurini... E come darvi torto?

Spesso,

però,

diventate

l’esigenza fatta persona. Un esercizio per il vostro

“Cromoterapia in cucina”

spirito di adattamento è una gita in campagna con un cestino da picnic, nessuna tovaglia di fiandra o nouvelle cuisine ma solo sapori rustici come quello della pancetta nel casatiello. Scommettiamo che stupirete il vostro io? Il colore verde vi si addice più di

E’

così istintivo soffermarci ad

detevi se la scelta di un piatto al ristorante

ammirare i colori di qualsiasi

non dipenda anche dal suo colore: il nostro

cosa, dai fiori ai vestiti, che

inconscio associa al colore dei cibi sensazio-

quasi non badiamo più al loro

ni diverse (se un cibo è verde, per esempio,

significato. Lungi dall’accusare di distrazione

saremo portati a credere che il suo sapore

l’essere umano, vi proponiamo un viaggio

sia acidulo). D’altronde, sembra che il nostro

Gambardella capace di farle fallire. Il capriccio scorre

alla scoperta dei benefici che la cromotera-

organismo sia in grado di farci scegliere i

nelle vostre vene, ma è fortunatamente mitigato da

pia può regalare.

vegetali ricchi delle sostanze di cui necessi-

è sempre lì con voi, ma a volte ciò che davvero

Già presso gli antichi Egizi si utilizzavano pig-

ta. Gli anglosassoni hanno addirittura conia-

bramate è semplice come una famiglia che si

menti colorati per i medicamenti, ma ancora

to il motto Five a Day per il quale, consuman-

oggi in India e Tibet questa terapia naturale è

do cinque porzioni di frutta e verdura di

praticata per raggiungere l'armonia emotiva

colore diverso, assicureremmo al nostro

che influisce sulle malattie. Utilizzata per

corpo i nutrienti essenziali.

combattere lo stress e l'ansia, produce

Qualche spunto? Il rosso stimola l’appetito, il

innanzitutto effetti positivi sulla sfera psichica

verde è consigliato a chi mangia con voraci-

dell'individuo, contribuendo a migliorarne

tà, l’arancione e il giallo sono per chi ha pro-

l’umore. Meno conosciuto è invece il nesso

blemi di digestione, il bianco è considerato

tra colori e cibo. Mettetevi alla prova e chie-

depurativo e il nero... accresce l’erotismo!

quanto immaginiate.

Gemelli (nati tra il 21 maggio e il 21 giugno)

L’aria è il vostro elemento, così come le feste: attenzione perché la vostra innata leadership potrebbe anche

trasformarvi

in

un

Jep

un cuore puro e generoso. Volete tutto e l’ambizione

accapiglia scherzosamente per la coratella. Puntate sulla leggerezza: non ve ne pentirete.

Centrifuga melone, ananas, fragole

-4-

Se proprio non sapete a quale colore votarvi, la proposta di

Le fragole sono il tocco d’artista che dà carattere alla centrifuga,

Panella metterà d’accordo occhi e papille gustative con la

tutelando il nostro corpo in modo tutt’altro che secondario: rallen-

centrifuga di melone, fragola e ananas: un connubio di sapori

tano il processo d’invecchiamento delle cellule grazie alle loro

che trae spunto dalle virtù naturali di questi frutti.

proprietà antiossidanti, l’acido folico in esse contenuto apporta

Il melone addolcirà la nota asprigna tipica dell’ananas e insieme

benefici alla memoria e, non da ultimo, aiutano a risollevare

vi doneranno il ferro di cui l’organismo necessita contribuendo a

l’umore stimolando la produzione di serotonina e melatonina.

dissetarvi e relegando, grazie alla vitamina B, la fame nervosa e

Proviamo a seguire il proverbio “frutta e verdura a cena, notta-

la ritenzione idrica a due brutti ricordi.

ta più serena”.

Free press stampato su carta ecologica certificata realizzata con sottoprodotti di lavorazione agro-industriale (mais)


Free press Primavera 2014