Issuu on Google+

Discussioni su Facebook

Anno IV nr.

I geroglifici di Abydos

17

In un libro “scomparso” la controinchiesta voluta dalla famiglia Kennedy sul delitto di Jfk

Tracce La rivista elettronica del mistero

d’eternità

Questa rivista telematica, in formato pdf, non è una testata giornalistica, infatti non ha alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale, ai sensi della legge n. 62/2001. Viene fornita in download gratuito solamente agli utenti registrati del portale e una copia è inviata agli autori e ai collaboratori. Per l’eventuale utilizzo di testi e immagini è necessario contattare i rispettivi autori.

Deborah Goldstern intervista Cesar Reyes Roa

Antichi astronauti

Le inquietanti tele del Rosso Fiorentino

di Antonella Beccaria

Gianluca Rampini intervista Mauro Biglino

Gli Elohim della Bibbia La medicina dimensionale di Michele Proclamato

Haselhoff e le sfere di luce un'analisi critica di Stefano Panizza

di Maria Benedetta Errigo LE FIRME DI QUESTO NUMERO Aezio (Il Fatto Storico) Daniele Bagnoli (Dita di Fulmine) Antonello Vozza (C.U.T.) Roberto La Paglia (Signs) Simone Lega (Edizioni XII) Mauro Longo Deborah Goldstern Antonella Beccaria

Maria Benedetta Errigo

Stefano Panizza Cristoforo Barbato Michele Proclamato Nicoletta Travaglini Yuri Leveratto Noemi Stefani Fabio Marino

IL CULTO DEL NOMMO

Simonetta Santandrea

Simone Barcelli

di Roberto La Paglia

La Terra Dei Due Mondi di Antonello Vozza


CONTENUTI ARTICOLI Pag.39 Nicoletta Travaglini - Un fiume di sangue e un alchimista Pag.42 Maria Benedetta Errigo - Le inquietanti tele del Rosso Fiorentino Pag.45 Stefano Panizza - Haselhoff e le sfere di luce, un'analisi critica Pag.53 Roberto La Paglia – Il culto del Nommo Pag.57 Antonello Vozza - La Terra dei Due Mondi Pag.72 Cristoforo Barbato - Quando Eisenhower incontrò gli Alieni (seconda parte) Pag.88 Carlo Barbera - Il Sole Nero Pag.96 Simone Barcelli - La piramide che non c’è

RECENSIONI Pag.11 Zucchero Fornaciari, “Il suono della domenica” (Mondadori, 2011) Pag.38 Ian Delacroix, “Il Grande Notturno” (Edizioni XII, 2011) Pag.71 Simone Barcelli, “L’enigma delle origini della razza umana” (Edizioni Cerchio della Luna, 2011)

NAVIGA TRA LE PAGINE CON IL SIMBOLO

INTERVISTE Pag.12 Deborah Goldstern intervista Cesar Reyes Roa (Antichi astronauti) Pag.25 Gianluca Rampini intervista Mauro Biglino (Gli Elohim della Bibbia) RUBRICHE Pag. 3 NOTE A MARGINE della redazione Pag. 5 LIBRARSI di Simonetta Santandrea Pag. 6 IL FATTO STORICO di Aezio (Scoperto il tesoro vichingo di Silverdale) Pag. 7 DITA DI FULMINE di Daniele Bagnoli (Misteriosa sostanza bianca cresce sui fusti di scorie nucleari) Pag. 8 LUCI DALL’OLTREVERSO di Fabio Marino (Gli Egizi e la cerimonia dell’"apertura della bocca": rito o reminiscenza?) Pag.18 XAARAN di Antonella Beccaria (In un libro “scomparso” la controinchiesta sul delitto di Jfk) Pag.20 L’OTTUPLICE SAPERE ORIENTALE di Michele Proclamato (La medicina dimensionale) Pag.32 INTORNO XII di Simone Lega (L'Albero del Drago nel mito e nella tradizione di Mauro Longo) Pag.63 DISCUSSIONI SU FACEBOOK di AA.VV. (I geroglifici di Abydos) Pag.83 CONFESSO, HO VIAGGIATO di Noemi Stefani (Dubrovnik) Pag.94 LIFE AFTER LIFE di Noemi Stefani (La vita oltre la vita)

REDAZIONE

Progetto grafico e impaginazione a cura di Simone Barcelli. Revisione testi a cura di Simonetta Santandrea.

Simonetta Santandrea simonettasantandrea@libero.it Gianluca Rampini gianluca.rampini@fastwebnet.it Andrea della Ventura born1987@hotmail.it

Questa rivista telematica, in formato pdf, non è una testata giornalistica, infatti non ha alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale, ai sensi della legge n. 62/2001. Viene fornita in download gratuito solamente agli utenti registrati del portale e una copia è inviata agli autori e ai collaboratori. Per l’eventuale utilizzo di testi e immagini è necessario contattare i rispettivi autori.

Simone Barcelli simonebarcelli@libero.it Fabio Marino fabio.marino64@email.it Traduzioni Sabrina Pasqualetto sabryj72@hotmail.it Anna Florio anna_florio@yahoo.co.uk Antonio Nicolosi antonio.nicolosi@yahoo.it Germana Maciocci g.maciocci@tiscali.it Carla Masolo carlamasolo@hotmail.com

2


NOTE A MARGINE di Simonetta Santandrea

Μορφή (morphè), σχήµα (skhēma), είδος (èidos) I concetti filosofici di forma, materia e sostanza si perdono nella storia dei pensatori pitagorici e eleati, sono stati ripresi ed elaborati da Platone (Timeo) e fissati da Aristotele nel concetto della ousia della sostanza, concepita come sinolo, unione indissolubile di forma e materia. Aristotele dissente dai platonici che intendono la sfera delle idee separata da quella delle cose: l’individuo reale non può sussistere se non fossero indissolubilmente connesse in lui la forma ideale e la materia; ove c’è una presenza materiale lì, necessariamente, dev’esserci una forma. Di più: la forma è ontologicamente e cronologicamente prioritaria sulla materia, è causa efficiente e causa finale poiché rende possibile l’esistenza della sostanza e dà il senso dell’esistenza della cosa materiale. Altresì, la priorità della forma è

anche logica, visto che «di ogni cosa si può parlare in quanto ha una forma e non per il suo aspetto materiale in quanto tale». (Metafisica VII, 1035a). Zzzzzzzz…..zzzzzzzzzzzz….. alcuni fra voi si sono appisolati di brutto… Aristotele e Platone son roba pesa…. Altri si staranno chiedendo se ‘sta dissertazione deve andare avanti ancora un pezzo…. No, non molto! Volevo solamente porre l’accento sulla rinnovata veste grafica che di numero in numero va arricchendosi sempre più. I contenuti sono sempre quelli, e per “quelli” intendo che sono sempre articoli, studi e riflessioni serie, articolate, comprovate e comprovabili. Siamo abituati bene e anche voi, che ci leggete, lo siete. Ma siccome una buona sostanza, lo abbiamo appena sentito dal buon vecchio Ari (stotele), non può da sé sussistere senza la forma, allora

ben venga una nuova forma d’impaginazione, di grafica e di collegamenti che rendono migliore, se si può, l’ ὑποκείμενον (hypokeimenon), letteralmente traducibile con "ciò che sta sotto", la substantia, inteso qui come sinonimo di ousia (ciò che realmente è). Oddio…ricomincia…… Tana! Ho sentito!! La smetto, la smetto…. Godetevi questo numero 17 di Tracce d’eternità, riflettete sul fatto, però, che esiste per fortuna un tipo d’informazione che è “bella fuori” e “bella dentro”, non perfetta perchè creata da uomini e donne fallibili e pertanto perdonabili, ma in costante miglioramento,e per questo, adorabili. Citando l’assessore alle varie ed eventuali, Palmiro Cangini: “cosa volevo dire…. Non lo so! Però…. C’ho ragione, e i fatti… mi cosano!!!!” Buona lettura, Simonetta Santandrea

3


NOTE A MARGINE di Gianluca Rampini

Punti fermi, caos e disinformazione Sono le nove del mattino di domenica mattina. Mi trovo a Fiumicino. Non in aeroporto, proprio nella città di Fiumicino. Il che non sarebbe particolarmente strano se non fosse che vivo a Trieste. Fiumicino in questo caso, in questa grigia mattina d'inverno, ma potrebbe essere Milano, Firenze, San Marino, Pescara, Roma, Bologna, eccetera. Aspetto che inizi il secondo giorno di lavori della conferenza. Non voglio specificare quale conferenza, a Tracce abbiamo scelto di rimanere fuori dalle rivalità tra riviste/gruppi e il solo pubblicizzare un evento, se pur già passato, significherebbe sbilanciarsi a favore di uno o dell'altro. Io vado dappertutto. Dovunque abbia la speranza di imparare qualcosa o di conoscere persone spinte dallo stesso impulso. Sentire dalla voce dei ricercatori, senza preconcetti il racconto della loro ricerca, del loro pensiero, delle loro esperienze. Ma di cosa vado realmente in cerca? A questa domanda rispondo,od ho risposto, in maniera variabile a seconda dei vari periodi della mia vita, della mia ricerca, della mia evoluzione. Adesso? Ora ho bisogno di punti fermi. Si potrebbe pensare che a quasi quarant'anni suonati qualche certezza me la sarei già dovuta costruire. In effetti alcuni pezzi del puzzle credo di averli messi nei punti giusti, il che non mi concede nemmeno lontanamente di afferrare l'immagine che uscirebbe se la composizione fosse completa. Posso intuire qualcosa, qualche figura, qualche concetto. Faccio alcuni esempi, riguardo ai punti fermi, non che per altro ce ne siano molti di più. Il primo è stato ulteriormente confermato qui, ieri per l'esattezza. La notizia non è recente, anzi risale a diversi anni fa, ma nel caos dell'informazione che turbina in rete o mi è sfuggita o me ne sono dimenticato. Il governo cubano aveva avviato un programma di ricerca di galeoni sommersi nei mari antistanti l'isola. Il lavoro venne affidato alla dott.ssa Zelinsky, oceanografa di origini russe, e realizzato tramite una nave oceanografica dotata di sonar specifici. L'importanza di ciò che hanno rilevato è

andato ben al di là di un tesoro pirata. Gli strumenti, di notevole sensibilità, hanno rilevato sul fondale, a circa ottocento metri di profondità, una serie di strutture indubbiamente artificiali, di cui alcune presentano una forma spiccatamente piramidale. Tale scoperta strumentale è stata confermata dalle riprese di ROV (quei piccoli sommergibili teleguidati dotati di videocamera) in cui si distinguono profili dall'aspetto decisamente innaturale. Oltre a questo nel filmato si vede un pezzo di metallo, lucente e non deteriorato come dovrebbe essere trovandosi in fondo al mare, incastonato nella roccia. Un pezzo di metallo inequivocabilmente caratterizzato da un angolo perfetto a novanta gradi. Quanto tempo fa il mare ero così tanto più basso? Perchè di questo stiamo parlando. Di un tempo in cui la costa emersa di quella zona era ottocento metri più in basso. L'ipotesi dell'inabissamento non regge perché un evento così catastrofico non avrebbe lasciato tutte quelle strutture così intatte e in ogni caso non sembra essere una zona soggetta a quel tipo di movimento geologico. Quindi chi c'era, così tanto tempo fa, capace di realizzare strutture architettoniche tanto complesse? Va sottolineato che il livello dei mari è uno dei pochi strumenti affidabili per datare strutture in pietra, nel caso siano appunto sommerse. In generale non si può datare le pietra, come si può fare ad esempio con una mummia, un osso o un telo. Come è finita la storia? La Zelinsky è stata licenziata e il progetto chiuso. Secondo esempio. Roswell. A Roswell è successo qualcosa di enorme importanza. Qualcosa comunemente ritenuto di matrice extraterrestre. Che lo fosse veramente non ne sono certo anche se propendo per il sì. Certo che se non era extraterrestre doveva necessariamente appartenere a un ambito industriale/militare talmente avanzato da sfuggire alle competenze pur specializzate dei militari che hanno preso in carico l'evento. Così anomalo da apparire alieno. Sia quello che sia, quell'evento ha prodotto tutta una serie di conseguenze che hanno innegabilmente segnato la storia 4

dell'ufologia e non solo. Ancora oggi, i pochi testimoni diretti e i molti testimoni indiretti, vengono minacciati di non rivelare quello che sanno. Forse troppo persino per un evento ufologico di tale portata. Terzo esempio: la Bibbia. Più precisamente l'Antico Testamento. Io sono convinto che la storia che racconta sia vera, non un'allegoria, non un'insieme di simboli e di codici con chissà quale significato nascosto. In quest'ottica il dio di cui si narrano le gesta non era affatto il Dio che noi consideriamo l'essere trascendente. Yaweh non era altro che uno degli Elohim. Da qui in poi si può speculare, sugli Anunnaki, su chi fossero gli Elohim, terrestri o meno. Punti fermi. Questi che ho citato sono “abbastanza fermi”. Come dicevo ce ne sarebbero altri ma non molti. A questi mi dedicherò, sperando nel frattempo diventino sempre di più, tali da rendere l'immagine del suddetto puzzle sempre più comprensibile, da rendere il quadro generale della nostra storia antica più completo e ricco di dettagli e che ci permetta di capire come questo si rifletta sul nostro tempo. Bisogna però fare attenzione. La ricerca di punti fermi rischia di irrigidire il pensiero. Confidare troppo in queste pietre angolari può limitare la nostra capacità di indagare e di comprendere. Anche perché non possiamo mai dimenticare che tutto il nostro campo di ricerca è inquinato da vari livelli di disinformazione, casuale e preordinata. Non si può correre il rischio di fondare un’intera teoria su qualcosa di falso. Saremmo poi in grado di buttare via tutto e ricominciare da capo? Quindi, temendo questa sclerotizzazione come un veleno, andrebbe assunto un antidoto o, meglio ancora, un vaccino preventivo, che ne neutralizzi gli effetti ancor prima che insorgano. Nel mio caso questo vaccino è un cocktail di concetti: la condivisione delle idee, il rispetto di quelle altrui e la convinzione che nulla vada scartato a priori solo perché potrebbe cozzare con la nostra visione delle cose. ORDO AB CHAO.


LIBRARSI di Simonetta Santandrea

Roma, 1481. Il cancelliere presso la corte spagnola di Ferdinando e Isabella, Luis de Santàngel, si sta recando presso Sua Santità il Papa, accompagnato da un giovane amico italiano,Cristoforo, coraggioso uomo di mare, perché gli faccia da interprete. L’intento è ardito: cercare di convincere la massima autorità della Chiesa a intervenire per arginare la situazione sempre più grave che dalla Castiglia sta dilagando in tutta la Spagna. Si tratta dello spettro della Nuova Inquisizione di padre Tomás de Torquemada (in verità non troppo gradita alla Santa Sede perché, a differenza della precedente, non è disposta a dividere i suoi “bottini” con Roma) che, promettendo ai delatori laute ricompense, istiga alla falsa testimonianza e alla denuncia persino di amici, di vicini di casa, di figli contro padri. La missione non ottiene i risultati sperati. Tornato a Saragozza, Santángel ha tutti i motivi per sentirsi minacciato in prima persona: particolarmente presi di mira da Torquemada sono i conversos, gli ebrei convertiti, e il cancelliere è cristiano solo da tre generazioni. Ci mancava pure quel misterioso manoscritto in ebraico, capitatogli per caso tra le mani, quasi contro la sua volontà, proprio nel momento in cui angosciosi dubbi agitano le sue notti insonni… All’improvviso, dopo la morte violenta dell’inquisitore di Saragozza Pedro de Arbués, la situazione precipita: il fratello del cancelliere, Estefan, viene imprigionato, Gabriel,

il figlio dodicenne rapito, la bella e audace ebrea Judith, l’unica donna che gli abbia fatto battere il cuore dalla morte di parto di sua moglie, lo crede un traditore. Nella Spagna straziata dalle lotte tra le diverse realtà politiche, religiose ed etniche che vi convivono e che la rendono bellissima e pericolosa, ci sarà di nuovo pace per Louis de Santángel? O non avrà altra scelta che cercarla in quelle terre lontane e sconosciute insieme a quel giovane amico italiano innamorato del mare? D’altra parte non è così difficile farsi rapire dai sogni di libertà e di infinito di Cristoforo Colombo… Opera prima di Mitchell Kaplan, addetto ai lavori in altri campi dell’editoria, “Per mare e per terra” è un bel romanzo storico che gli amanti del genere non dovrebbero perdersi. Gli ingredienti di un bel libro ci sono tutti: amore, storia, passione, lotte, fascino esotico, fatalità, intrighi. La ricostruzione storica di un’epoca di tumulti e di violento odio religioso appare assai curata ed attenta. Particolarmente apprezzabile l’attenzione nel racconto, fluido e mai noioso, della complessa tradizione ebraica che occupa un certo spazio nella vicenda. In questo quadro si incastona una bella storia d’amore intrecciata ai dissidi interiori di uno spirito libero in cerca di risposte nella fede dei suoi padri, tra gli orrori insensati dell’Inquisizione. Koplan dimostra una grande capacità di indagare l’anima dei suoi bei personaggi, delineati tutti con dovizia e accuratezza psicologica. La lettura 5

di questo raffinato romanzo è assai avvincente e capace, come capita solo con i bei libri, di far perdere al lettore un’intera notte di sonno, poiché ad ogni pagina cresce il desiderio di scoprire come evolve la vicenda. Potrebbe essere certo questa l’avvertenza all’inizio del libro, accanto alla bella citazione di Nathaniel Hawthorne: “Sono gli uomini inquieti che spingono il mondo ad andare avanti”. Mitchell Kaplan Per mare e per terra ISBN 978-88-545-0466-0 Pagine 320 Euro 17,00


IL FATTO STORICO di Aezio

Quotidiano di Storia e Archeologia

Scoperto il tesoro vichingo di Silverdale L’esistenza di un re vichingo finora sconosciuto è stata scoperta grazie a un eccezionale tesoro d’argento trovato con un metal detector, nascosto in un contenitore di piombo in un campo nei pressi del villaggio di Silverdale, in Inghilterra. I 201 pezzi d’argento – tra cui degli stupendi bracciali – sono stati trovati da Darren Webster usando il metal detector che la moglie gli aveva dato come regalo di Natale. Si tratta di più di 1 kg di argento datato intorno al 900-910 d.C. – un periodo di guerre e lotte per il potere nel nord dell’Inghilterra. Su una delle monete è stato trovato inciso il nome AIRDECONUT, che sembra il tentativo di scrivere il nome scandinavo di un re finora sconosciuto: Harthacnut – da non confondersi con l’Harthacnut (Canuto III) re di Danimarca, di un secolo successivo. La moneta di Airdeconut rivela anche che i Vichinghi si erano convertiti al cristianesimo già una generazione dopo aver cominciato a colonizzare - invece di razziare ad ogni estate – l’entroterra britannico verso l’870. Sul rovescio della moneta si legge infatti DNS (Dominus) REX, con le lettere disposte a forma di croce (riti pagani vichinghi continuarono comunque a persistere). Il cercatore amatoriale di tesori Webster era andato a prendere il figlio a scuola e stava tornando al lavoro. Prima però aveva deciso di concedersi qualche ora in un campo dove era stato diverse volte prima, senza aver però mai trovato niente di più eccitante che un mezzo groat (una moneta inglese) di epoca Tudor. Webster racconta di aver captato quasi subito un forte segnale, scoprendo una lamina di piombo 40 centimetri sottoterra. Alla vista del piombo era rimasto un po’ deluso della sua scoperta, ma cercando di tirarlo fuori si è accorto che il piombo faceva solo da contenitore a tutti i pezzi d’argento che nel frattempo cadevano a terra. “Quando ho visto i braccialetti ho capito che

erano vichinghi”, ha detto. “Quando poi ho sentito che c’era una moneta che nessuno aveva mai visto prima, è stata una sensazione strana”. Quel tesoro “era una considerevole somma di denaro, il prezzo di una mandria di bestiame, o di un buon gregge di pecore”, ha detto Gareth Williams, esperto di monete presso il British Museum, dove il tesoro viene studiato. “Basterebbe un solo bracciale per acquistare un bue”. Il tesoro conteneva anche monete (900-902) col nome di Alwaldus (868 -902), identificato con l’Alwaldus nipote di Alfredo il Grande (re degli Anglosassoni noto per la guerra vinta contro i Danesi). Alwaldus passò però coi Vichinghi in Northumbria dopo un infruttuoso tentativo di rivendicare la corona inglese. I Vichinghi gli concessero di farsi chiamare re, ma Alwaldus sopravvisse solo pochi anni prima di morire in battaglia. Tra i vari oggetti, vi sono inoltre lingotti d’argento, spille, monete franche e islamiche. Vi era infine un bracciale – di solito dati dai capi ai loro guerrieri in cambio dei servizi resi – particolarmente insolito poiché combina elementi irlandesi, anglosassoni e carolingi. Il valore del tesoro sarà condiviso tra Webster e il proprietario del terreno. Il Museo di Lancaster spera di raccogliere i fondi necessari all’acquisto. Due altri tesori vichinghi erano già stati scoperti nelle vicinanze: uno era stato rinvenuto in un comune accanto negli anni ’90; l’altro, il famoso tesoro di Cuerdale (oltre 8600 oggetti), era stato sotterrato a soli 97 km. Fonti The Guardian Portable Antiquities Scheme (foto) British Museum

LEGGI GLI ALTRI ARTICOLI DE “IL FATTO STORICO” 6


DITA DI FULMINE di Daniele Bagnoli

Misteriosa sostanza bianca cresce sui fusti di scorie nucleari

Giustamente preoccupati per la sorte di Fukushima e del Giappone intero, è naturale trascurare alcune notizie come quella che sto per riportarvi. Gli scienziati del Dipartimento dell'Energia americano hanno scoperto una strana sostanza biancastra che sta crescendo sull'imballaggio dell'uranio custodito nel Savannah River Site, in un deposito di materiale nucleare esausto. "Questa escrescenza, simile alla struttura di una ragnatela, deve ancora essere identificata, ma potrebbe essere di natura biologica" spiega un rapporto stilato dal Defense Nuclear Facilities Safety Board americano. Questa crescita anomala di materiale sconosciuto è stata scoperta all'interno dei fusti di materiale radioattivo custoditi nel Savannah River Site, una riserva atomica americana che si trova in South Carolina. Questo sito nucleare racchiude quella che viene definita "Area L", una zona dotata di bacini d'acqua in grado di isolare e mantenere a temperatura costante le scorie prodotte dalle centrali nucleari nazionali. Il bacino principale, chiamato Bacino L, è una struttura dotata di pareti di

cemento spesse un metro, ed è in grado di contenere 3,5 milioni di galloni d'acqua per una profondità totale di 510 metri. È proprio all'interno di questa cisterna che i ricercatori del Dipartimento dell'Energia hanno scoperto questa strana "cosa", inizialmente troppo piccola per essere vista, ma che col tempo è cresciuta facendosi notare dallo staff dell'installazione. Questa misteriosa "creatura" (non è ancora chiaro se sia di origine biologica o meno) sembra poter proliferare dove molti altri organismi viventi troverebbero la morte. Anche se il materiale nucleare del Bacino L è efficacemente isolato dai dipendenti del sito, in prossimità dei fusti permane una lenta ma costante emissione di radiazioni potenzialmente nocive. Il The Augusta Chronicle, il giornale che ha reso pubblica la notizia lo scorso 16 dicembre, riporta che un campione di materiale biancastro e filamentoso è stato portato al Savannah River National Laboratory per tentare di dare un'identità a questa strana sostanza.

PROSEGUI LA LETTURA DELL’ARTICOLO SUL SITO DITA DI FULMINE 7


LUCI DALL’OLTREVERSO di Fabio Marino

Gli Egizi e la cerimonia dell’ "apertura della bocca": rito o reminiscenza?

Tutti sanno che il popolo egizio elaborò un sistema cultuale e mitologico fondato sulla credenza della sopravvivenza dell'anima alla morte del corpo fisico; anima e corpo, comunque, erano strettamente legate, al punto che l'una non sarebbe sopravvissuta al disfacimento dell’altro. La religione e la cultura egizie in tal senso possono essere riguardate come letteralmente ossessionate dalla necessità di assicurare la conservazione del corpo, specialmente di quello dei faraoni e degli alti dignitari, per consentirne la sopravvivenza e la ascensione al cielo. Nei cosiddetti "Testi delle piramidi”, risalenti nella loro redazione definitiva al 2200 a.C. circa, ma sicuramente molto più antichi per quanto riguarda la redazione originaria, probabilmente trasmessa fino ad allora per via orale, e nel cosiddetto "Libro dei morti", la cui redazione più completa si ritrova verosimilmente all'interno della tomba

di Seti I, ci viene presentato l'intero percorso del defunto dal momento della morte al passaggio nell'aldilà. Fra le tante cerimonie, rituali e prove a cui viene sottoposto il defunto, ce ne sono alcuni molto conosciuti: si pensi, ad esempio, alla cosiddetta "pesatura del cuore", durante la quale il cuore del defunto veniva messa a confronto come peso con una piuma. Se esso risultava più leggero della piuma, il morto veniva accolto nell'aldilà; in caso contrario, veniva divorato da una delle tante divinità " negative " presenti nel Pantheon egizio. Una di queste cerimonie è quella rimasta finora piuttosto misteriosa e poco conosciuta, per quanto riguarda il significato ultimo e la stessa esecuzione. Mi riferisco, per l’appunto, alla “apertura della bocca”, un rito di origine estremamente remota, sicuramente predinastico, che veniva effettuato anche sui simulacri e sulle statue di maggiore importanza teologica. 8

La spiegazione classica della nascita di questa cerimonia è quella secondo cui era necessario infondere alle statue degli dei oppure dei defunti i cinque sensi, in maniera tale che le immagini (per quanto riguarda i simulacri) e i cadaveri (per quanto riguarda i defunti) potessero effettivamente animarsi e poter fruire fisicamente delle offerte donate. Secondo questa corrente di pensiero, la nascita del rito sarebbe da scriversi all'ambito dei templi e dei culti prima ancora che a quello funerario. Si sa che la cerimonia avveniva in una "casa dell'oro": consisteva nell'aprire ritualmente la bocca a una statua o alla mummia stessa del defunto, seguendo una serie ben precisa e accuratamente trasmessa di gesti e preghiere. La mummia, dopo essere stata purificata, veniva posta su una piccola collina di sabbia (che voleva simboleggiare l'isola primordiale da cui ebbe origine l’intera creazione, a partire dal dio primigenio Atum);


successivamente, e solo dopo la purificazione del cadavere, il sacerdote, vestito con la pelle di un leopardo, procedeva all'apertura della bocca vera e propria con le dita e altri strumenti appositi: in sostanza, l'officiante toccava gentilmente, secondo le interpretazioni ortodosse, con una specie di ascia da falegnami in miniatura i punti corrispondenti ai cinque sensi (occhi, naso, labbra, orecchie), nonché mani e piedi. La frase rituale decisiva era: "La mia bocca è aperta! La mia bocca è spaccata da Shu (il dio dell'aria) con quella lancia di metallo che usava per aprire la bocca degli dei. Io sono il Potente. Siederò accanto a colei che sta nel grande respiro del cielo" (Libro dei morti, formula 23). Accompagnata dunque dalle formule pronunciate dal sacerdote lettore, venivano riportati in vita anche tutti gli altri organi della sfera sensoriale della persona. Quella che probabilmente è la descrizione più completa del rituale ci giunge dalle decorazioni, come detto, della tomba di Seti I (KV17 nella Valle dei Re). Nei suoi corridoi, infatti, sono presenti ben 75 riquadri che illustrano la cerimonia. Un'altra descrizione giunge dalla famosa tomba di Tutankhamen (figura sotto))alorque. .

ritualmente adoperati nel corso della cerimonia era il cosiddetto

difficile, come si vede, trovare numerose analogie nella forma con lo strumento utilizzato dagli Egizi, che possiamo vedere in dettaglio in questa figura

ḏh’ n ndw ovvero dito d'oro, un oggetto in oro che raffigurava due dita affiancate mentre l'altro era, come già riferito, una sorta di piccola ascia simile a quella che compare nel glifo sottostante:

Come se non bastasse, e ricordando che la cerimonia veniva eseguita, secondo l’egittologia ortodossa, con una "specie di ascia in miniatura per falegnami", balza subito all'occhio quanto è possibile vedere nella figura e che si può vedere con chiarezza sia sul banchetto che in mano al sacerdote seguente: nella figura precedente. In fin dei conti, in che cosa consisteva, o meglio, che cosa rappresentava la cerimonia dell'apertura della bocca? Rappresentava la " rianimazione”, nel caso di un cadavere, oppure la "animazione" di una statua; in entrambi i casi, dunque, si trattava di riportare in vita qualcosa che era morto, per sua stessa natura (una statua) o per cause più o meno naturali (un defunto). Per quale motivo, allora, si può parlare si tratta del "tiralingua Laborde”, uno strumento indispensabile per evitare la o ipotizzare di reminiscenza? Per un motivo molto semplice: esistono delle caduta della lingua in fase rianimatoria apparentemente fondate analogie fra posteriormente nel cavo orale, che la strumentazione utilizzata dagli Egizi sembra quasi riecheggiare in questo dipinto egizio e quella rianimatoria usata in epoca moderna. Per convincersene, basta dare un'occhiata a qualcuno degli "attrezzi" utilizzati da anestesisti e rianimatori negli ultimi 100-150 anni. Per esempio, si osservi la figura seguente:

Al riguardo, vi prego di notare con attenzione lo strumento nero tenuto in mano dal sacerdote: risulterà utile in un paragone successivo. È anche da si tratta del cosiddetto accessorio per notare che uno degli oggetti intubazione “Mona Roberts”: non è 9

in cui si notano impressionanti analogie anche con quest'altro reperto di epoca certamente più moderna: è l’"apribocca


Heister", la cui funzione era, ovviamente, quella di aprire e mantenere aperta la bocca dell'assistito, per consentire una adeguata ventilazione polmonare. Il lettore ricorderà certamente il “ḏh’ n ndw”, il dito d'oro necessario all'esecuzione del rituale. Ebbene, a questo punto, sono certo che nessuno si stupirà di sapere che, nel corso del 1800, era in auge questo strumento particolare:

Si tratta, proprio ed effettivamente, di un vero e proprio salvadito utilizzato dal medico per impedire di essere morso dal paziente durante le pratiche di intubazione. Qual è dunque il significato ultimo di questa pur breve trattazione? Molto semplicemente, voglio porre l'accento su una possibilità fin qui abbondantemente trascurata, anche dai "ricercatori indipendenti": la

sbalorditiva possibilità che gli Egizi (sicuramente in possesso di avanzate tecniche mediche e chirurgiche, checché se ne dica: basti pensare ai numerosi esempi di trapanazione cranica effettuata con successo e con la sopravvivenza del paziente, come dimostrato dalla ricalcificazione osservata intorno ai fori praticati; oppure pensare al feto di cinque mesi, figlio di Tutankhamen, esposto al museo del Cairo) abbiano mutuato in qualche maniera ancora del tutto sconosciuta, fin dai tempi predinastici, delle tecniche rianimatorie avanzate, il cui significato reale è andato perduto nel tempo, ma si è conservato pressoché intatto nella simbologia della cerimonia dell'apertura della bocca. Guardando i dipinti delle tombe egizie che la raffigurano ed osservando gli strumenti pressoché attuali qui presentati, appare evidente una analogia fin qui sottaciuta, e di cui ci sfugge l'origine: hanno gli Egizi preso in prestito da culture "extra" i tentativi di rianimazione e, senza comprenderli tecnicamente, li hanno utilizzati simbolicamente, avendone di converso compreso il significato di "restituire la vita" a chi di fatto era già morto? Oppure questa pratica rappresenta il pallido ricordo di un tempo remoto in

10

cui era prassi comune utilizzare tecniche mediche assai vicine a quelle attuali, tecniche successivamente perdute, ma perpetuate in chiave simbolica nel corso del tempo? Probabilmente, non conosceremo mai la risposta, per lo meno non in tempi brevi. Quella che comunque resta estremamente suggestiva è la possibilità, a mio avviso concreta e reale, che per gli Egizi la cerimonia dell'apertura della bocca non fosse soltanto un rito, ma un’autentica reminiscenza, fondata su una scienza perduta nel tempo e nelle sabbie del deserto libico, oppure su una scienza proveniente da un “altrove” che forse mai riusciremo ad identificare. È certo, in ogni caso, che l’attribuzione esclusivamente a fattori teologici e di culto di rituali come quello qui trattato - e l'ostinazione a non voler prendere in considerazione possibilità "altre" in merito alle capacità esibite da molti dei popoli antichi, Egizi in testa, e quindi che questi popoli non possano avere in qualche misura goduto di conoscenze preesistenti e oggi non più identificabili, oppure non possano aver usufruito di insegnamenti da parte di un “Osiride celeste” nel senso letterale del termine -, rappresenta un atto di colossale superbia che si concilia davvero molto male con le finalità ultime di una scienza che dovrebbe essere aperta, per sua stessa natura, a possibilità sorprendenti, anche quando non siano conformi al paradigma scientifico imperante. Come, d’altra parte, insegna invece Kuhn, da cinquant’anni a questa parte.


Il ciocabèc perduto “Il suono della domenica” (Mondadori, 2011) dovrebbe essere la biografia di Zucchero Fornaciari, nulla di più, nulla di meno. E invece, fin dall’inizio, ci si accorge che il cantante, quasi componesse un’altra canzone del suo vasto repertorio, ci regala di getto trecento pagine di poesia, tante sono le emozioni che si possono respirare sfogliando questo libro. A parte il racconto della sua vita, che davvero pare essere un contorno al resto, quasi un diversivo, il lettore si ritrova catapultato in un’altra dimensione, indietro di quasi cent’anni, in atmosfere perdute, quelle di un mondo contadino che ormai fatica a sopravvivere e le cui gesta si ridestano solo per le parole che qualche anziano dispensa al tepore di un focolare domestico. Il racconto di Zucchero è un tuffo nel passato, dalla povertà della difficile infanzia al raggiunto benessere della rockstar c’è tutta una vita da ricordare. E Adelmo trova il coraggio di mostrarsi, più di quel che ti aspetti. Senza compromessi, arriva a rivelare anche quel che ognuno di noi terrebbe per se. Scrive per scacciare mali oscuri, come fosse a una seduta (pubblica) per psicoanalizzare il disagio che attraversa la sua anima. Scrive anche e soprattutto per lasciare traccia di quel mondo rurale che si sente cucito addosso (e che emerge prepotente nei testi di tante canzoni), senza nessuna vergogna, anzi, con la consapevolezza che non potrà mai rinunciare a quelle radici. Come sostiene l’autore, quel che prova non è nostalgia, bensì memoria, un bel libro dei ricordi che conserva con cura. Il suono della domenica è ormai perso: i rumori, i profumi, le emozioni e le sensazioni provate in quell’infanzia così vicina nella mente, ma così lontana nel tempo, non ci sono più. “…quando si fermava tutto, in un tempo sospeso e rarefatto, e il suono era quello delle voci squillanti dei bambini che correvano e giocavano, era quello delle campane, il rumore dei piatti a tavola, delle stoviglie, del mestolo che versa il brodo, del cucchiaio che ciocca nel piatto…”. E il ciocabèc paterno, che Zucchero riversa con infinita dolcezza anche tra i solchi delle canzoni dell’ultimo album, diventa il chiavistello che apre le porte al bambino che ancora vive in lui, l’unico in grado di sentire il perduto suono della domenica. Simone Barcelli

11


Intervista a Cesar Reyes Roa

Antichi astronauti di Deborah Goldstern (Traduzione e adattamento dallo spagnolo a cura di Simone Barcelli)

IN ESCLUSIVA PER L’ITALIA L'ipotesi della Antichi Astronauti, un intervento extraterrestre nel passato della terra, ha avuto la sua fioritura alla fine degli anni '60 del secolo scorso, raggiungendo il suo apice durante i due decenni successivi, in parte anche per il successo ottenuto da uno dei maggiori esponenti al mondo, lo scrittore e ricercatore di origine svizzera Erich von Däniken. Attualmente, questa corrente sta vivendo una rinascita, in particolare grazie all’interesse dimostrato dalle nuove generazioni e l’attenzione dedicata all’argomento dal canale televisivo americano History Channel, che negli ultimi anni è tornato ad occuparsi della tematica, anche attraverso una serie di brevi

documentari di successo, Ancient Alien. Ecco perché abbiamo deciso di intervistare il ricercatore e scrittore argentino César Reyes Roa, uno dei rappresentanti più prestigiosi dell’ipotesi extraterrestre nell’antichità, non solo in Sudamerica ma in tutto il mondo, fondatore del sito Antiguos Astronautas. Cosa spinge un giovane studente di legge a interessarsi alle ipotesi di visite extraterrestri nell’antichità? La curiosità è la parola che riassume meglio il mio interesse: da bambino ero curioso e passavo tutto il tempo a chiedere il perché delle cose. E sicuramente la lettura ha influito notevolmente. Mi è sempre piaciuto leggere, fumetti e storie di avventura 12

da giovanissimo e, più tardi, in adolescenza, libri di ogni genere dalla biblioteca in casa mia. Ma l'origine del mio interesse per gli enigmi del passato è arrivato soprattutto con la lettura de "Il ritorno dei Maghi" di Pauwels e Bergier, quando avevo all’incirca 14 o 15 anni. Allora ebbi l'impressione, che ho tuttora, che la mia curiosità trovava una fonte inesauribile di domande che non si concludeva con una semplice spiegazione. Poi, durante i miei anni all’università, ho alternato la lettura dei testi di legge con quella dei pionieri dell’ipotesi paleoastronautica, von Däniken, Charroux, Kolosimo, eccetera. Ma ho indagato l’argomento anche leggendo quel che


si diceva dall'altra parte, con autori come Séjourné, Prescott, o LeroiGourham Waisbard. Molto più tardi, quando finalmente ho acquisito una mia visione, ho deciso di scrivere, e dai primi anni ‘80 del secolo scorso ho iniziato a inviare il mio lavoro come scrittore freelance alla redazione della defunta rivista "Flash", all’epoca diretta da Roberto "Tito" Jacobson, che generosamente mi ha aperto le porte. Così è cominciato il mio lavoro e questa gratificante esperienza di contatto con i lettori, che continua fortunatamente anche oggi. Hai collaborato anche con “Cuarta Dimensión”, rivista argentina d'avanguardia per ciò che concerne Ufo e altre tematiche misteriose, guidata dallo studioso rioplatense Fabio Zerpa, pubblicazione in cui hai coordinato la sezione documentari. Quali sono i tuoi ricordi di quel tempo? Senza dubbio i migliori ricordi che io possa avere. “Cuarta Dimension” è stata una pubblicazione che rimane una pietra miliare. Non posso non sentirmi un privilegiato per aver fatto parte di quella squadra. Nel 1984, Fabio Zerpa mi invitò a collaborare alla alla rivista come coordinatore di quella sezione. Ho avuto il grande piacere di lavorare con Juan Carlos Spadafora e Hector Picco ; ancor oggi sono legato a loro e a Fabio da una stretta amicizia, perché lì ho imparato

i segreti della "cucina", una scuola dove ho avuto il miglior insegnamento possibile. Ho lavorato poi in altre riviste, ma nessuna di queste aveva quell’aria magica che si respirava a “Cuarta Dimension”. È stato un

13

momento indimenticabile della mia vita professionale e personale. Nel 1984 sei stato responsabile e hai presieduto il Primer Congreso Argentino de Astroarqueología, un evento che è stato sponsorizzato


dalla prestigiosa The Ancient Astronaut Society, una delle maggiori istituzioni al mondo, cofondata dal ricercatore e scrittore di origine svizzera, il leggendario Erich von Däniken. Suppongo sia stato un momento irripetibile. Sì, è stato davvero un passo molto importante. Soprattutto se consideri che l’Argentina era il primo paese dell'America Latina a diffondere l'ipotesi degli antichi astronauti, nel contesto di un evento dalle caratteristiche di congresso. A quel tempo il mondo senza Internet era molto grande, enorme. In Sudamerica i libri in lingua spagnola sono arrivati con anni di ritardo rispetto all’edizione originale in inglese o in tedesco; i membri di The Ancient Astronaut Society che in Argentina avevavno accesso alla gazzetta ufficiale "Ancient Skies” non superavano le dita di una mano. A pensarci ora, in prospettiva, l'idea della manifestazione era di per sé una grande scommessa con poche probabilità di successo. Gli ufologi, infatti, concentravano tutto il loro interesse nei casi più recenti, con incontri di successo organizzati da istituzioni di fama mondiale, come la FAECA. Quindi distorgliere la loro attenzione per occuparsi del passato sembrava piuttosto complicato. Come

complicato è stato convincere i conferenzieri a parlare esclusivamente di possibili visitatori extraterrestri nel passato. Non è stato facile raccogliere i ricercatori più rinomati del paese, ma posso dire che il risultato si deve interamente al pieno supporto fornitomi principalmente da Fabio Zerpa, Pedro Romaniuk, Roberto Banchs, l’ingegnere Emilio Álvarez Ojea e il dottor Cándido Del Prado, oltre ad altri relatori. E così dissi al pubblico che riempiva la sala, alimentando le nostre domande con altre domande. L'impatto che la manifestazione ebbe superò le mie migliori aspettative. Il convegno fu citato in vari media, e sia il dottor Gene Phillips, fondatore e presidente de The Ancient Astronaut Society, sia Erich von Däniken mi esternarono la loro soddisfazione per il risultato ottenuto. Infatti, da lì considerammo la possibilità di svolgere in Argentina una conferenza mondiale di AAS, ma purtroppo l’inflazione che scosse all’epoca la nostra economia rese impossibile impostare vantaggiosamente le tariffe degli hotel. Dovemmo rinunciare all'idea. A differenza di altri ricercatori, tu hai una formazione più scientifica, che permette di sviluppare il tema delle visite aliene nell'antichità in maniera 14

plausibile e oggettiva, certamente distante dalle interpretazioni pseudo -mistiche che spesso inficiano la teoria e attirano critiche. Pensi che si possibile impostare la discussione all'interno della comunità accademica senza morire nel tentativo? In realtà, ci sono molti membri della comunità scientifica interessati a questa discussione. Josep Blumrich, per esempio, l'autore della famosa opera sul profeta Ezechiele, era un ingegnere aeronautico premiato dalla NASA per i servizi resi. Lo stesso si potrebbe dire di molti buoni amici come Stuart W. Greenwood, che ha conseguito un dottorato in Ingegneria Spaziale presso l'Università del Maryland, il Ph.D Vladimir Rubtsov, come pure Pasqual Schievella, recentemente scomparso , fondatore e presidente de The National Council for Critical Analysis de EUA; tutti difensori dell’ipotesi di un contatto ET nell’antichità. Un altro caro amico, morto quest'anno, era il prestigioso indigenista brasiliano Joao Americo Peret, che ha fatto conoscere al mondo la tribù dei Kayapo e la loro leggenda del mitico eroe BepKororoti. L’elenco potrebbe continuare, è davvero molto vasto. Ciò significa che la possibilità di un’analisi seria del problema non è al


di fuori del mondo accademico, se si comprendono i limiti precisi che può avere un’ipotesi di lavoro o perlomeno un preliminare. Descrivere un possibile scenario non è lo stesso che vomitare allegramente affermazioni senza senso, come siamo purtroppo abituati a vedere sui vari siti internet. Dobbiamo capire la differenza. D'altra parte, la critica inizialmente negativa che interessa una nuova idea non è estranea al mondo scientifico, ed è sempre stata oggetto di accesi dibattiti che spesso hanno più a che fare con lo status quo e l'istituzione che l'idea stessa . L’attuale fenomeno UFO è considerato da alcuni come la conferma all’ipotesi di un paleocontatto. Tuttavia, all’interno della Ancient Astronauts si rifiuta questa possibilità, considerando solamente le testimonianze riferite al passato della Terra. Qual è la tua posizione al riguardo? È chiaro che al di là delle varie teorie che cercano di spiegare il fenomeno UFO, quella sorta di "conferma" di quanto accaduto in passato dai casi attualmente registrati corrisponde esclusivamente all'ipotesi extraterrestre, che è più o meno la

stessa sostenuta per gli antichi astronauti. A questo proposito, si potrebbe pensare che stabilire un simile nesso potrebbe avere qualche valore probatorio, come ad esempio che gli esseri extraterrestri in visita sulla Terra oggi siano gli stessi che hanno visitato il nostro pianeta un tempo. Ma la questione non è semplice come fare la somma due più due. In linea di principio, dobbiamo riconoscere che molti casi UFO odierni riguardano oggetti di specie diverse che appaiono in cielo: gli aerei, i prototipi militari, i satelliti, i palloni meteorologici, eccetera, che certamente non solcavano i cieli antichi. Né si può trascurare l'ovvia "contaminazione" di cui soffre la società moderna a causa dell’abbondante letteratura, degli spettacoli televisivi e dei film di Hollywood che hanno messo in agenda il fenomeno alieno. Con questo ho necessariamente un atteggiamento antagonista nei confronti del fenomeno UFO in connessione con l'ipotesi extraterrestre. Se questi oggetti non identificati sono presidiati dagli esploratori di un altro mondo in cerca di un contatto, a mio avviso sarebbe 15

davvero un’esperienza trascendentale per il nostro sviluppo come specie, per il futuro del genere umano. Ma, per ora, sostenere che la casistica UFO in qualche modo possa servire per avvalorare l'ipotesi degli antichi astronauti, mi sembra fantasioso e senza alcun fondamento. È assurdo e scientificamente non valido supportare un'ipotesi con un'altra. Durante gli anni '70 e '80 del secolo scorso, l'ipotesi del paleocontatto ha vissuto un’esplosione con diffusione globale. Nei decenni successivi è iniziato un intenso dibattito, con i critici della teoria che hanno messo in discussione la stessa corrente perché dominata da interpretazioni non convenzionali, con affermazioni arrischiate in materia storica. Tuttavia stiamo assistendo a una rinascita di questa tendenza, guidata soprattutto da uno dei canali più prestigiosi in materia, History Channel, che ha proposto la serie Ancient Alien. Come vivi questa rinascita? In termini generali, la serie Ancient Alien mi sembra molto interessante in quanto fa rivivere la curiosità nel pubblico per l'ipotesi di un paleocontatto. È innegabile che ha


attirato notevole attenzione nelle persone, l’ho notato personalmente attraverso l'enorme aumento delle visite al mio sito antiguosastronautas.com dopo la messa in onda di questo programma. Ora, se questo servirà alle nuove generazioni per guardare al passato con un'altra prospettiva, al di là del successo momentaneo della serie, è qualcosa che solo il tempo potrà confermare o meno. La serie Ancient Alien presenta la tesi extraterrestre come dominante quando si tratta di svelare vecchi misteri archeologici, in particolare quelli relativi alla storia passata delle Americhe. Personalmente trovo eccessiva questa visione oltre che dannosa. Che ne pensi della serie? Come ho appena detto, la serie sembra interessante in termini di rinascita delle ipotesi dell’antico astronauta a livello popolare. Il trattamento visivo e, naturalmente, le immagini di alta qualità superano ampliamente gli indimenticabili documentari degli anni ‘70 del secolo scorso, "Memorie del Futuro" e "Ritorno alle stelle", basati sui libri di von Däniken. Ma sarebbe come giudicare i meriti di un libro dalla copertina o dalle sue illustrazioni colorate, a prescindere dai contenuti del testo. A mio avviso, interi capitoli dedicati agli UFO, al Triangolo delle Bermuda o altri, sono sostanzialmente funzionali alle esigenze della produzione televisiva, deviando l’attenzione dalle tematiche principali della paleoastronautica; considero pregiudiziali e dannose le informazioni esternate, che possono infine ingenerare confusione. E c'è anche, come hai giustamente sottolineato,una visione che a volte è eccessiva in alcuni capitoli, con errori madornali e omissioni, per esempio in relazione alla Cueva de los Tayos dove, tanto per cominciare, non è nemmeno menzionato il nome di Juan Moricz, che è come parlare dello scavo archeologico di Troia senza dire una parola su Heinrich Schliemann. Alla fine non dobbiamo dimenticare

che la serie Ancient Aliens è un prodotto il cui obiettivo primario è quello di intrattenere il pubblico. Come ricercatore hai pubblicato centinaia di studi relativi al tema. Una delle tue opere più celebri è “Ezequiel Revistado: Rueda Multidireccional” (Ezechiele rivisitato: ruota multidirezionale), dove sostieni la tesi che il profeta biblico vide la discesa di un oggetto sconosciuto, un oggetto che, per inciso, superava la tecnologia del tempo. Esegeti biblici, tuttavia, mettono in dubbio questa interpretazione rifacendosi alla poca conoscenza in materia (dei relativi dati astronomici, degli studi cosmologici, della numerologia, della cabala), necessaria per approfondire i misteri che rappresentano ancora 16

alcuni passaggi della Bibbia. Dai credito a queste voci o pensi che questo è un misticismo esagerato che, invece di aiutare, ostacola la ricerca su questi enigmi? Il materiale portato alla luce nel corso degli anni dall'archeologia biblica ha dimostrato che è ragionevole prendere in considerazione le storie dell'Antico e del Nuovo Testamento. E quindi, la vera storia raccontata nella Bibbia può essere interpretata in modo diverso, dal punto di vista dell'ipotesi di antichi astronauti, fatte salve le altre considerazioni teologiche, religiose, spirituali che si vogliono fare. È vero che l'argomento è intriso di misticismo, che si capisce e si accetta rispettosamente. Ma teniamo a mente che sul versante del pensiero scientifico, la critica non si


rivolge a negare definitivamente il fatto stesso che Ezechiele descrive nel suo libro, ma spiega quello che ha visto il profeta come un fenomeno meteorologico a lui sconosciuto. Quando un astronomo conosciuto come Donald Menzel sostiene che Ezechiele ha visto un elicottero, è implicito ammettere la realtà della manifestazione, che consente da lì una discussione sui fatti, che è molto diverso da quello negativo e chiuso di uno studente di sacre scritture. In ogni caso, un ingegnere aeronautico, Blumrich, che brevetta nel 1974 una ruota omnidirezionale basata sulla visione di un profeta vissuto 2.600 anni fa, e che la ruota è una versione migliorata ora immessa sul monociclo U3-X della società Honda, è qualcosa che ritengo sia degno di essere considerato come una forte evidenza a sostegno dell'ipotesi degli antichi astronauti. Il sito Antiguos Astronautas, che tu dirigi, è oggi uno dei migliori al mondo nel suo genere e si citano i più prestigiosi studiosi del settore.

Considerando anche la pletora di scrittori che sul web si interessano della questione, possiamo affermare che l’argomento è vivo e in costante espansione. Mi viene allora da chiederti: come si fa a immaginare l'evoluzione degli antichi astronauti in futuro? Il mio sito è su internet da più di sei anni e questo grazie al prezioso supporto di autori prestigiosi che lavorano disinteressatamente con noi, molti dei quali sono veri pionieri che hanno costruito la strada nel campo delle ipotesi paleoastronautiche; e naturalmente grazie ai numerosi lettori che ci seguono. Il nostro motto è “Investiga con noi!”. Continueremo a promuovere il nostro lavoro in futuro come abbiamo fatto finora. Cosa consiglia Cesar Reyes Roa alle nuove generazioni che si avvicinano allo studio del paleo-contatto? Cominciare dal dubbio, mettendo un punto interrogativo sulle cose che sono apparentemente sicure. Non credere a coloro che continuano a scrivere in stampatello la parola

17

“verità” sulla loro provenienza e sulle origini. Sappiate che ogni medaglia ha due facce ed è sempre importante conoscere prima di esprimere qualsiasi giudizio perentorio. Capire che il paleo-contatto non è una certezza, ma solo un’ipotesi di lavoro, con una base di ricerca in grado di confermare o negare la sua validità. E tener sempre conto di quel che disse Confucio: "Lo studio senza pensare è vano, pensare senza studiare è pericoloso.”

César Reyes de Roa è l’editore di antiguosastronautas.com, la prima pubblicazione internet in spagnolo dedicata esclusivamente all’ipotesi di visite extraterrestri nell’antichità. I suoi lavori sono pubblicati in numerosi siti web, tra cui Andalucía Misteriosa, Archivos Forteanos Latinoamericanos, Enigmas Perú, Mystery Planet, Paleoastronáutica.com , El Quinto Hombre y Revista Digital Ávalon.


XAARAAN di Antonella Beccaria

In un libro “scomparso” la controinchiesta voluta dalla famiglia Kennedy sul delitto di Jfk Con la prefazione di Stefania Limiti e la postfazione di Paolo Cucchiarelli, uscirà a gennaio per i tipi di Nutrimenti il libro Il complotto – La controinchiesta segreta dei Kennedy sull’omicidio di JFK, scritto da James Hepburn. Pubblicato la prima volta in lingua originale nel 1968, rientra nella categoria dei testi che con il tempo sono scomparsi. Infatti: [Si tratta di] una storia

eclatante e avvincente anche in virtù della travagliata vicenda di questo libro, ampiamente ricostruita nell’introduzione e confermata da un’intervista a William Turner, ex agente dell’Fbi tra i collaboratori del giudice Jim Garrison, che ha combattuto per portare alla sbarra alcuni tra i responsabili della cospirazione (come ha narrato il regista Oliver Stone). Il libro, pubblicato [...] con il 18

titolo “Farewell America” e firmato da uno sconosciuto James Hepburn, [è] la sintesi della controinchiesta voluta dalla famiglia Kennedy sull’assassinio di JFK e finita sulla scrivania del giudice Garrison, come contributo alle sue indagini. Se Bob Kennedy non fosse stato ammazzato il 5 giugno del 1968, sarebbe diventato di lì a pochi mesi presidente e avrebbe varcato la


capirne di più, arrivando a ipotizzare che la pubblicazione fosse avvenuta su impulso diretto di Gianni Agnelli, molto legato ai Kennedy. Oggi è possibile finalmente ricostruire questa incredibile vicenda.

soglia della Casa Bianca portando nella sua valigia il dossier con la verità sulla morte del fratello. Il complotto ripropone il libro ma soprattutto ricostruisce un’incredibile vicenda: all’ombra delle autorità ufficiali, la famiglia Kennedy chiese aiuto a servizi segreti di altri paesi per cercare la verità. L’inchiesta che ne è nata porta

la firma del generale De Gaulle e dei servizi sovietici, due mondi interessati a far emergere la verità sul 23 novembre 1963. Nel 1968 una sconosciuta casa editrice torinese su richiesta di un misterioso committente pubblicò poche copie del libro con il titolo “L’America brucia”: il giornalista dell’Unità Saverio Tutino lo notò e cercò di

Anno 2010. È trascorso ferragosto da un paio di giorni quando Francesco Cossiga muore in un ospedale romano. Con lui, si è detto nei giorni successivi, se n'è andato un pezzo di storia d'Italia che si sarebbe guardato bene dal raccontare, un armadio da aprire alla ricerca di quelli che lui stesso chiama gli “arcana della Repubblica”. Ma a rileggere ciò che il grande vecchio della politica tricolore scrisse e dichiarò, è possibile aggiungere qualche tassello a un mosaico fatto di servizi segreti e carabinieri, terroristi perdonati e magistrati invisi, stragi e Gladio. Dal rapimento Moro all'infiltrazione nelle organizzazioni estremistiche, dalla passione per l'intrigo alle guerre intestine nella Democrazia Cristiana, da Ustica all'amore per gli ex comunisti, dall'amicizia con i palestinesi ai conflitti silenziosi sullo scacchiere del Mediterraneo. Questi sono alcuni degli argomenti di cui Francesco Cossiga parlò a più riprese. Per ribadire, come gli insegnò il suo mentore, Aldo Moro, “sacrificato sull'altare della Ragione di Stato”, che “noi non ci faremo processare”.

19


L’OTTUPLICE SAPERE ORIENTALE di Michele Proclamato

La medicina dimensionale Parte Prima

che, credo, rimarrà aperta per Quella che segue è la prima parte di sempre, ho voluto, quasi dovuto, avvicinarmi all’Ayurveda. Ho letto e un articolo che vedrà come tema il appreso i suoi fondamentali e da motivo - e l’ipotesi del suo questo primo approccio ho capito di superamento - per cui l’Ayurveda, essere al cospetto di un paradigma come la maggior parte dei sistemi conoscitivo che, pur mantenendo al medici e conoscitivi orientali, non centro delle sue priorità un sistema gode della giusta ufficialità a livello medico curativo millenario, ecoclinico. Viste le dimensioni, seguirà compatibile e perfettamente una seconda parte, nel prossimo integrato nella fisiologia umana, numero di Tracce d’eternità. terrestre e universale, è in grado di L’ho fatto per lo Yoga, ho continuato trasformarsi in una vera filosofia di con l’Agopuntura e l’IChing e adesso, vita, capace di spiegare non solo la come per completare una parentesi nascita del corpo umano ed il suo 20

funzionamento, ma persino la nascita dell’Universo e del suo divenire. Un cosmo nel quale l’uomo è visto come l’inevitabile figlio frattale di una fisiologia chiaramente speculare. È quindi, questo aspetto “cosmico”, la vera matrice sulla quale verterà il mio scrivere, poiché, esattamente come per i sopra citati sistemi conoscitivi orientali, anche in questo caso io sostengo che ci sono gli estremi per poter dichiarare quel che segue: “L’Ayurveda è uno dei tanti figli millenari sparsi ovunque nel tempo e nelle civiltà


dell’etimologia della parola Ayurveda. Essa può essere suddivisa in: Ayus = vita Veda = conoscenza. In tale contesto, secondo il Charaka Samhita, (il primo testo, millenario che si occupa dell’Ayurveda), Ayus è una combinazione di Panchamahabhuta e Jiva. Credo sia stupefacente constatare che serve?, secondo il testo suddetto, l’Ayurveda è sostanzialmente una filosofia omnicomprensiva in grado di trattare non solo la nascita del corpo e dell’”anima umana”, ma la tecnologia attraverso la quale, come accennavo, l’Universo ha avuto modo di concretizzarsi. Ci troviamo di fronte ad una scienza dalle caratteristiche spirituali e la cosa sostanzialmente innovativa, è rappresentata dal fatto che, per la prima volta, la “scienza” in questione si occupa - attraverso il Karma ed il relativo Samskara - dell’uomo, non dalla sua nascita fisica, ma dal primo momento in cui il suo “soffio vitale” appare in questa realtà terrestre. Senza dilungarmi sulle conseguenze karmiche di alcune malattie umane e del modo con cui esse vengono trattate in tale contesto, si accetterà il fatto secondo il quale, alla morte, i Prana rientrano nei Panchamahabutha. Successivamente, il Jiva entrerà in un nuovo corpo, generando una nuova esistenza, che sarà la somma di Panchamahabutha, Atman e dei Samskara delle vite precedenti. Ho appreso inoltre che per Jiva, si intende l’Essere Vivente Individuale (qualsiasi esso sia) e contestualmente la sua Essenza Immortale, che contiene: l’Atman (o Struttura Creante Soffio Vitale) presente in ogni essere; Non credo di sbagliare se dico che la il Samskara, inteso come somma di terminologia AYURVEDA possa tutti i karma o azioni delle passate essere suddivisa in: ”AYUS = vite ed infine; il VITA e VEDA = CONOSCENZA”. Panchamahabutha dalla quintuplice Per prima cosa, ritengo utile fare un composizione rappresentata da: breve riassunto dei punti essenziali Akasha (etere) che costituiscono la base della Vayu ( aria) disciplina (?) partendo dall’esame Teya ( fuoco)

appartenenti a un'unica matrice conoscitiva omnicomprensiva, che da alcuni anni ho definito OTTAVA”. Infatti, da tempo io scrivo dico e affermo che ogni forma di antico sapere, presente sul nostro pianeta, è solo formalmente differente, ma sostanzialmente si tratta di un’interpretazione della stessa matrice. Per quanto riguarda il sistema curante dell’Ayurveda, infatti, come negli altri casi che ho affrontato, la mancata accettazione da parte della medicina ufficiale, è dovuta principalmente alla presunta mancata corrispondenza psico-fisica fra anatomia vedica ed anatomia occidentale. Quindi, la domanda che mi pongo e alla quale voglio dare risposta è: “Perché esistono sulla Terra più anatomie umane e conseguenti interpretazioni?“ La risposta che fin da ora propongo, impegnandomi ad argomentarla, è la seguente: ”esiste un’anatomia dimensionalmente “altra”, dotata di una conseguente fisiologia emozionale, in grado di presiedere, allo stesso modo, sia i processi universali che quelli umani“. Inoltre, la matrice sistemica alla quale mi riferisco, in occidente lo stesso occidente che accetta con diffidenza le innumerevoli applicazioni Ayurvediche, pur utilizzandole sempre più - per millenni, è stata l’ispiratrice nascosta di un’enorme mole di capolavori pittorici, matematici, musicali, tecnici e costruttivi, nonché base simbolicaspirituale e matrice filosofica, dalle caratteristiche immanentiste e panpsichiche. Ciò premesso, credo sia il caso di iniziare.

21

Jala o Apas (acqua) Prithivi (terra). Sempre secondo l’antica conoscenza Vedica, tutto l’Universo è creato e costituito dai summenzionati 5 elementi, e ogni attività della creazione dipende completamente da essi e dalle loro permutazioni. Permutazioni responsabili del conseguente Karma e Samskara galattico. Uomo e Cosmo verteranno, quindi, la loro esistenza e creazione sugli stessi principi plasmanti. A questo punto, vorrei proporre un parallelismo vedico-mesopotamico mai tentato, ma sicuramente necessario alla luce dei miei studi. La Lista Vedica Poche parole per descrivere un ritrovamento archeologico del secolo scorso a opera di una missione inglese presso l’attuale zona di Bassora in Iraq. Missione durante la quale venne ritrovato un prisma in pietra che oggi porta il nome del suo scopritore, Weld Blundell, che è passato alla storia per gli eccezionali ed inspiegati periodi regnanti di re mesopotamici, raccolti in una lista. Lista sumera dei re Dopo la discesa della regalità dai cieli, La regalità fu a Eridu, In Eridu Alulim divenne re, Egli regnò per 28800 anni. Alalgar regnò per 36000 anni. "Due" re; Essi regnarono per 64800 anni. Poi Eridu cadde E la regalità fu spostata a Bad-Tibira Divenne re a Bad-Tibira Enmenluanna; Egli regnò per 43200 anni. Enmengalanna regnò per 28800 anni. Dumuzi il pastore regnò per 36000 anni. "Tre" re essi regnarono 108000 anni. Bad-ti-bira cadde E la regalità fu spostata a Larak. A Larak, Ensipadzidanna regnò 28800 anni.


potrebbero apparire piuttosto arbitrarie, vorrei fossero esaminate e giudicate alla luce dei prossimi capitoli. Il primo di essi tratta il sistema dei Panchamahabutha attraverso una luce piuttosto… platonica. Cinque e Basta

"Un" re ……. Egli regnò per 28800 anni. Larak cadde E la regalità fu spostata a Sippar. A Sippar Enmeduranna divenne re E governò per 21000 anni Poi Sippar cadde E la regalità fu spostata a Shuruppak. Ubaratutu divenne re, egli governò per 18600 anni "Un" re … … egli governò per 18600 anni.In "Cinque" città “Otto”re, essi regnarono per” 241200” anni, Poi il Diluvio “travolse tutto”. Ora, seguendo il filo analogico che da sempre accompagna i miei studi, vorrei sostituire alcuni termini presenti nella lista, con altri, utilizzati dal sapere vedico. Quindi: la regalità diviene l’Ayus; le 5 Città la quintuplice composizione del Panchamahabutha; gli Otto Re il soffio vitale o Atman; la somma dei periodi regnanti il Samskara; l’insieme dei Tre aspetti mesopotamici (città, re e regni) il Jiva. Le sostituzioni, che a questo punto

Spero vi chiederete perché, due testimonianze millenarie come i Veda e la Lista, condividono un riferimento numerico ben preciso come il 5 e, soprattutto, spero vi chiediate perché lo stesso riferimento sia allo stesso tempo costituito da “Elementi”, nei Veda e da “Città”, nella Lista. Per rispondere a questa domanda devo fare riferimento ad un insieme di solidi, in occidente definiti Platonici (figura in pagina), i quali erano sostanzialmente conosciuti da ogni tipo di antica civiltà, compresa quella Vedica. Per motivare il mio riferimento devo ricorrere ad una scienza semiufficiale chiamata Cimatica, la quale si è avvalsa, nel tempo, delle capacità di valentissimi studiosi - a partire da Leonardo da Vinci, per arrivare al famoso Hans Jenny - per poter stabilire quale sia il rapporto esistente fra Suono e Forma. Ebbene, oggi sappiamo che, in qualche modo, il Suono è in grado di interagire sulla materia coinvolgendola modificandola spesso attraverso in forme geometriche ben precise. All’uopo vorrei citare un esperimento molto semplice eseguito dal benemerito professore universitario, nonché architetto, filososfo e scopritore, Richard Buckminster Fuller. (Le cupole geodetiche composte da tanti triangoli rettangoli sono una sua scoperta ed a lui è stata intitolata la composita molecola di carbonio: il Fullerene). Ebbene, Mr. Fuller, per spiegare alle sue “matricole” il potere del Suono sulla materia, faceva una piccola dimostrazione. Prendeva un semplicissimo palloncino bianco (figura in pagina) lo gonfiava e lo intingeva in una vernice piuttosto densa, quindi lo poneva all’interno di 22

uno spazio dove delle “casse” musicali emanavano una frequenza sonora ben precisa. Faceva quindi notare che sulla superficie del piccolo oggetto sferico, prima apparivano dei puntini e, nel giro di pochi secondi, delle linee in grado di unirli (figura in basso). La summa di tale composizione spesso era costituita da un insieme di forme geometriche che potremmo definire: platoniche. Ebbene i 5 elementi vedici secondo me, non solo altro che un’emanazione ultima dei 5 solidi platonici. A questo punto avremmo che togliere nella Lista Sumera dei Re i periodi regnanti potrebbero rappresentare, passatemi il termine, delle frequenze ben precise, destinate a diventare le 5 città o i solidi platonici dove governarono i re. Di conseguenza, il Prisma di Blundell contiene, sostanzialmente, la descrizione di un evento Cimatico, direi che definirei dimensionale, le cui “conseguenze”, vedremo più avanti, serve? vanno a ripercuotersi sulla nascita della materia, attraverso le sue forme. La triplice sostituzione rappresentata da: Panchamahabutha, Atman e Samskara, permette di apprezzare le “conseguenze” di cui sopra, anche sotto il punto di vista Vedico, ma nel caso specifico, la vera differenza è costituita dal fatto che ai numeri della Lista, gli OTTO re, le loro frequenze ed i 241200 anni della somma regnante, vengono contrapposti concetti filosofici come: Atman, Karma ed il conseguente Samskara ed aggiungerei… a ragione! Le vite degli OTTO Re, infatti, non


potrebbero intendersi come la presenza di un Karma, inizialmente numerico, che si consuma sommandosi in Città, Solidi o Panchamahabutha ben precisi? Allora in tal caso l’evento Cimatico da me ipotizzato nella Lista, trova, nella descrizione Vedica, un ulteriore spiegazione, poiché viene arricchita da un aspetto psico-emozionale. Pertanto, avremo che il tipo di creazione di cui stiamo parlando è un connubio karmico di emozioni– eventi, in grado di diventare materia attraverso le forme dell’Universo. Ciò vorrebbe dire che, non solo la materia ha un’anima o Atman, ma addirittura una storia emozionale e di conseguenza, l’Universo deve essere considerato come un insieme di Forma, Materia, Emozioni ed Eventi, esattamente come un essere umano. E non dicono forse questo i Veda? Nel frattempo a conferma di ciò vorrei spiegare perché, secondo me, nulla nell’Universo come nell’uomo, può muoversi o avvenire, se non attraverso le permutazioni dei Panchamahabutha e vorrei farlo sfruttando un altro particolare sempre appartenente alla Lista. Essa, infatti, somma le varie frequenze ed un processo simile riguarda chiaramente anche i corrispettivi Panchamahabutha platonici, i quali devono essere immaginati fusi, o uniti, in un unico apparato geometrico tenuto insieme da quei 241200 anni, che, chiaramente, nulla hanno a che fare con il tempo. Ora, penso sia il caso di immaginare un evento dimensionale molto simile al nostro Big Bang, in grado di polverizzare tale momento geometrico e trasformarlo in miliardi di galassie, relative stelle e pianeti. In tal caso, considerando l’iniziale matrice mesopotamico-vedica, a quale legge, schema o sistema, obbedirebbe dovrebbe obbedire il Creato? Per rispondere a questa domanda è necessario uno zodiaco famoso in tutto il mondo con il nome di: Zodiaco di Dendera (figura in

pagina). La Precessione Karmica Quella che osservate è una visione cosmologica egizia di 2000 anni fa. Tralasciando la storia piuttosto affascinante del reperto, custodito oggi al Louvre, vorrei sottolineare come, in questa immagine, la somma della Lista… prende vita. Osserviamo gli Esseri posti all’esterno della sfera

23


celeste che contiene un numero ben preciso di corpi stellari e non: sono 12 ed attraverso le loro 24 braccia - 1 \3 e 2\3 di 36 - come enormi atlanti, sostengono, o sarebbe meglio dire, propizieranno,danno vita? il contenuto. Un contenuto numericamente costituito da 72 corpi celesti piuttosto animici. Ora, se facciamo la somma mesopotamica, (2412)? otteniamo 36 unità che, moltiplicate per le 72 presenze stellari ci permettono di intuire il motivo per cui nulla, nell’universo, accade se non grazie alle permutazioni geometriche dei 5 Panchamahabutha. Il risultato di tale moltiplicazione è infatti: 2592 (Fig.5) e, come molti sapranno, si tratta di un chiaro riferimento ad un fenomeno assiale che la scienza ritiene essere… solo terrestre. Continua nel prossimo numero

Michele Proclamato ha scritto di Giordano Bruno. E lo ha fatto come solo lui ci ha abituato a fare, fondendo cuore e intuito. Il risultato? Per la prima volta, dopo secoli, i SIGILLI ERMETICI del Nolano hanno trovato una spiegazione, valida, potente, unica. L’Autore attraverso un percorso conoscitivo originalissimo, carico di emozione , è riuscito a regalare a noi tutti un Bruno finalmente capace di rivelare cosa veramente nascondesse dietro la sua Ars Memorandi. Ecco, di conseguenza, apparire un Universo animicamente vivo in tutte le sue parti, capace di dialogare, attraverso il simbolismo dei Sigilli, con un uomo finalmente conscio dei suoi poteri, per ospitare un percorso conoscitivo rivolto verso la LUCE DIVINA. Percorso nel quale verranno coinvolti Platone, Leucippo, Alessandro Magno, Leonardo da Vinci, Galileo, Newton, Lissajous, Nativi Americani, Cerchi nel Grano, Renato Palmieri. Sicuramente il libro più bello scritto da Proclamato, sicuramente un modo unico per intuire il come e il perché della Creazione. Assolutamente da leggere. Prima però preparatevi alla commozione del sapere, dove l’uomo è degnamente un figlio divino.

24


Intervista a Mauro Biglino

Gli Elohim della Bibbia di Gianluca Rampini Innanzitutto ti ringraziamo di dedicarci un po’ del tuo tempo. Per iniziare credo sia interessante spiegare chi sia Mauro Biglino e come si è accostato a questi temi.

Grazie a voi per l’interesse. In sintesi dico che per molti anni ho lavorato nel mondo dell’editoria e da trent’anni mi interesso di storia delle religioni; ho studiato l’ebraico per avvicinarmi al testo originale della più 25

importante religione dell’occidente e poi ho iniziato a tradurre per le Edizioni San Paolo che hanno pubblicato diciassette libri dell’Antico Testamento da me tradotti letteralmente per la collana della


Bibbia Ebraica Interlineare. Il rapporto si è interrotto quando ho iniziato a pubblicare i saggi in cui analizzavo le traduzioni letterali. Sembra di capire che il Vaticano non abbia preso bene questa tua “svolta”. Oltre ad aver interrotto i rapporti professionali con te ha mostrato altri segni di insofferenza? In concreto sono state le Edizioni San Paolo che non mi hanno più affidato incarichi, interrompendo il rapporto di collaborazione, perché ovviamente loro non possono concordare o avallare anche indirettamente ciò che io scrivo. Se avessero proseguito con gli incarichi qualcuno avrebbe potuto pensare che in un qualche modo supportassero ciò che dico. In genere chi si è più fortemente opposto alle tue ricerche e con quali rivendicazioni?

che neppure l’accordo di tutti gli studiosi del mondo sul significato di un termina antico è garanzia di certezza, quindi ciò che si comprende Dopo aver assistito a una tua conferenza un amico ha espresso un è che da quei libri non si può ricavare alcuna verità assoluta; ci si può solo dubbio: “Ma come facciamo a applicare conducendo uno studio sapere che la sua interpretazione dei testi sia quella giusta?”. Questo paziente per cercare di capire che cosa gli autori abbiano voluto è un problema che ritorna sempre raccontare. con le interpretazioni di testi antichi, sia in un senso che Entriamo ora più nel merito degli nell’altro. È la credibilità personale e argomenti che emergono dal tuo lavoro sull’Antico Testamento. professionale a far da garante? Permettimi di non seguire un ordine Non si può mai sapere se una interpretazione è “quella giusta”, per preciso. D’altronde anche tu conduci le presentazioni a “braccio” e gli questo bisogna tenere conto delle argomenti sono talmente tanti che molteplici possibilità, metterle a confronto e poi scegliere quella che saltare qui e là è inevitabile. Un punto che penso vada affrontato è risulta essere più credibile e soprattutto coerente con i testi da cui come il testo che ci è infine si parte. Il Prof. Garbini (ordinario di pervenuto dipenda dall’affermarsi di una teologia sulle altre. Puoi filologia semitica della Sapienza di Roma) scrive in uno dei tanti suoi libri spiegare meglio questo punto? Di Indubbiamente l’integralismo cattolico che rivendica la custodia indiscutibile della verità rivelata.

26


origine della creazione ma di ben Stiamo parlando dei secoli VI-IX dopo altro. Di questo parlerò compiutamente l’anno prossimo. Cristo, il periodo in cui i masoreti (custodi della tradizione) della scuola Per rendere più fruibile a chi non abbia mai approfondito questi temi di Tiberiade hanno “fissato” in via definitiva il testo biblico identificando puoi darci un background generale le parole, inserendo in suoni vocalici delle lingue del periodo in e trasferendovi così un significato che questione? non veniva definito su basi Posso fare qui, per ovvi motivi, solo linguistiche ma ideologiche e un sintetico elenco: egizio, sumeroteologiche. Voglio dire che altre accadico, assiro, babilonese, amorreo scuole ebraiche (palestinese, (lingua “internazionale” del periodo samaritana, babilonese, egizia…) che inizia con le vicende di Abramo), avrebbero potuto inserirvi valenze aramaico lingua “internazionale” che diverse. Ad esempio i greci che hanno ha sostituito l’assiro-babilonese dal fatto la famosa versione dei 70 VI-V sec. a.C., ebraico (un dialetto avevano a disposizione testi che i appartenente al ceppo semitico masoreti di Tiberiade (e rabbini cananaico, parlato da pochissimi e attuali) non accettavano perché non derivante da un dialetto sud fenicio). rispondenti al loro pensiero. La parola Yaweh, che ritorna sempre Come si può, alterando le in queste discussioni, in che lingua è interpretazioni letterali, trasmettere stata scritta? Se è stata male un concetto teologico piuttosto che interpretata quali possono essere le un altro? alternative? È sufficiente ad esempio vocalizzare e Il nome Yhawèh così come l’abbiamo considerare il termine BARA come noi è stata scritta in ebraico ma è parola unica e tradurlo con “creò” stata pronunciata e comunicata la invece di leggerlo BE-RA e tradurlo prima volta quando l’ebraico non come “con soddisfazione vide”: esisteva ancora per cui non abbiamo cambia TOTALMENTE e alcuna certezza sulla sua pronuncia definitivamente tutto il significato del originaria e sul suo significato, se mai primo capitolo della Genesi che con ne ha uno oltre a quello di essere il ogni probabilità non parlava in nome proprio di uno degli Elohim. che periodo stiamo parlando?

Il tetragramma biblico

Sempre rimanendo nella Genesi bisogna passare per Adamo ed Eva. Rispetto al ruolo di progenitori dell’umanità cacciati dal paradiso terrestre, dai tuoi studi ne emerge una visione decisamente diversa. Corretto?

Esatto, come spiego nel libro Adamo ed Eva non sono, neppure per la Bibbia, i progenitori dell’umanità ma i capostipiti di una progenie che gli Elohìm hanno prodotto con lo scopo di utilizzarla nel territorio in cui loro avevano posto la loro sede principale su questo pianeta: quello che noi conosciamo come il Paradiso terrestre ma che la Bibbia dice essere Un altro termine cardine per questo un “luogo recintato e protetto”. discorso, soprattutto relativo alla Ne consegue che anche il concetto Genesi, è Elohim. Se è vero che il di peccato originale va rivisto. Come termine è plurale e le divinità si può relazionare questo alla fossero più d’una emerge dal testo il religione cattolica? rapporto che c’era fra di loro? L’analisi testuale che faccio nel libro Tutti i racconti biblici fanno capire documenta che nella Bibbia non chiaramente che con quel termine si esiste il concetto di peccato originale indicava il gruppo dei governanti che con conseguente condanna ma solo poi la teologia ha ridotto a uno una scelta fatta da Adamo ed Eva cui trasformandolo nel dio unico, sono seguite solo le necessarie trascendente, spirituale… in realtà conseguenze, che non sono però erano coloro che si sono spartiti il frutto di una condanna. D’altra dominio sulla terra e che, come tutti i parte, non essendo loro i progenitori potenti di ogni epoca, combattevano dell’umanità, non c’è nessuna colpa per mantenere o incrementare le loro ascrivibile a tutti gli uomini. sfere di influenza.. Ne IL DIO ALIENO In generale, il racconto della Genesi, DELLA BIBBIA spiego e documento rivisto secondo un’interpretazione tutto questo su base testuale. 27


più letterale, cosa ci racconta di diverso rispetto a quella che abbiamo in casa? Di questo parlerò compiutamente l’anno prossimo, posso solo anticipare che forse non ci racconta la creazione ma il momento in cui “loro” (gli Elohìm) sono arrivati. Se non ricordo male anche due concetti teologici molto complessi da spiegare con il testo così com’è sono lo Spirito Santo e la Gloria del Signore. Come li spieghi secondo la tua traduzione? Nei libri dedico interi capitoli che non è facile riassumere in un’intervista. Dico solo che ciò che viene reso nelle traduzioni normali con “spirito” e “gloria di dio” è definito in ebraico con i seguenti termini: “ruach” per vento, vento di tempesta; “kevòd” per ciò che è pesante”; “merkavà” il mezzo per trasportare uomini e merci. In sostanza la descrizione che ne abbiamo e le conseguenze materiali, anche mortali, che quella “cosa” produceva su chi vi si trovava vicino, fanno capire che era l’oggetto volante usato dagli Elohìm per i loro spostamenti. Yaveh sembra avere in qualche modo il ruolo di protagonista nei libri successivi. Ma per affermarsi sul “suo popolo” deve, tramite Mosè, dar prova delle propria capacità. Come lo fa? Lo fa mostrando a Mosè il suo “oggetto volante”; per non essere ucciso Mosè si deve nascondere dietro le rocce ma quella “cosa” - che lì viene chiamata kevòd - gli brucia la pelle. Era pericolosamente potente (spesso mortale) in ogni sua manifestazione.

oggetti volanti monoposto con dei propulsori posteriori.

Non c’è necessità di dedurlo, lo dicono i testi stessi. La potevano manovrare solo gli addetti e chi la toccava moriva A parte pochi casi Yaveh non si all’istante, fulminato, come successe faceva vedere dagli uomini. Come al povero Uzzià che cercò di comunicava con loro? sorreggerla mentre stava per cadere Ovviamente lui comunicava dal carro su cui veniva trasportata. attraverso i suoi portavoce (Mosè, Quando veniva portata in battaglia il Aronne, i profeti..) e dice lui stesso Un altro argomento che ha afflitto popolo doveva camminare ad almeno che comunicava faccia a faccia, come generazioni di studiosi è cosa siano i un chilometro di distanza (2000 cubiti, un vicino parla al suo vicino, e non per cherubini, angioletti paffuti o che? dice il testo) perché evidentemente enigmi. era particolarmente “carica” di Il tema è talmente sensibile che gli ho energia. dovuto dedicare ben due capitoli nel Dell’Arca dell’Alleanza si dice che fosse mortale toccarla senza le IL DIO ALIENO DELLA BIBBIA. In Emerge anche una differenza che sostanza tutti i passi che ne parlano ci dovute precauzioni. Si può dedurre spesso non viene sottolineata tra consentono di capire che si trattava di dai testi perché? questi dei, diciamo per intenderci gli 28


Annunak e i Nephilim. Puoi spiegarci quanto si potrae nei testi? Tutto l’antico testamento va rivisto? questo punto? Direi che è inevitabile e sono certo che nei prossimi decenni verrà fatto. Presso la Hebrew University di Gerusalemme è attivo da 53 anni il Bible Project che sta cercando di ricostruire un testo biblico che sia il più vicino possibile a quello scritto in origine, un lavoro titanico ma affascinate e soprattutto direi liberatorio nei confronti del dogmatismo imperante. Non mi riferisco solo alla Chiesa ma anche alle varie correnti esotericoiniziatiche o cabbalistiche Questi “giganti”, si può ipotizzare (soprattutto di stampo newage) che cosa fossero? Umani di una specie si pongono come detentrici di verità estinta? Ibridi? alternative, sempre però basate su Dalla Bibbia non lo si può capire, nel un testo che va interamente rivisto. libro ipotizzo su base testuale Insomma, direi che non bisogna aramaica una loro possibile origine compiere l’errore di abbandonare extraterrestre che sarebbe contenuta delle possibili illusioni per cadere in nel significato del nome. altre. Questa distonia tra le traduzioni È solo frutto di errori o vi è sempre ufficiali e quelle corrette fino a stata una strategia volta a La Bibbia dice che quando i figli maschi degli Elohim cominciarono ad unirsi sessualmente con le figlie degli Adàm (cioè i terrestri) sulla Terra c’erano i Nefilim, che il testo descrive sempre come “giganti” e in due passi che nel libro analizzo nei particolari dice anche che avevano sei dita per ogni arto. I prodotti degli incroci vennero definiti “ghibborìm” e cioè “uomini forti, di potere”. Per la Bibbia siamo quindi di fronte ad almeno tre tipologie razziali.

nascondere il vero significato dei testi? Ti sei mai confrontato con qualche studioso genuinamente convinto della correttezza delle traduzioni ufficiali? Direi che sono presenti tutte le possibilità; dall’errore alla mistificazione deliberata. Anche qui non dobbiamo pensare solo alla Chiesa perché il Bible Project di cui dicevo prima sta dimostrando che le mistificazioni sono iniziate in ambito ebraico, ad opera di quei teologi (masoreti) che hanno fatto in modo di introdurre la loro visione nei testi rendendoli da quel momento intoccabili. Hanno tagliato, modificato, aggiunto, nascosto… Ho confronti continui via mail e so bene che la fede segue vie sue che non devono essere messe in discussione. La fede supera ogni contraddizione e chi la possiede la deve vivere con determinazione e coerenza: io seguo lo studio. Prima di concludere puoi farci

Forse l’Eden poteva assomigliare a questo, un luogo protetto e recintato. 29


ancora qualche esempio di vocaboli o concetti che cambiano completamente il loro significato traducendoli nel modo corretto? Mi viene in mente la questione della benedizione. Ho già detto di ruach e kevòd che non stanno a indicare concetti spirituali di spirito e gloria, ma un oggetto materiale; la “benedizione” cui ho dedicato un capitolo ne IL LIBRO CHE CAMBIERA’ PER SEMPRE.. indica la trasmissione di beni materiali e non spirituali o magici; il termine tzelèm che non indica il concetto astratto di “immagine” degli Elohìm ma quel quid di materiale che contiene l’immagine degli Elohìm e cioè il DNA con cui hanno fatto l’uomo a loro somiglianza.

che toccherà anche altri argomenti, Diciamo che tutto ciò che leggo nella diciamo collaterali a questi finora Bibbia me lo fa pensare. Se poi metto descritti. Puoi accennarci qualcosa? Si tratta di un libro a quattro mani in la Bibbia in parallelo con i testi dei cui si darà evidenza alla tecnologia. popoli di ogni continente la convinzione aumenta notevolmente: Ringraziandoti ancora, chiudiamo tutti ci hanno raccontato (e spesso con una domanda sul futuro. Cosa ti disegnato) questi esseri “venuti dalle aspetti da tutto questo? Credi che il stelle”. tuo lavoro riuscirà a superare i esseri non terrestri.

È una prosecuzione del primo? Cosa troviamo in questo secondo testo?

confini della ricerca alternativa?

Mi aspetto che finalmente ci si accosti a quel testo liberi da ogni Questo libro è la prosecuzione del primo, per cui ci troviamo molti temi condizionamento teologico e dogmatico, in quel senso ampio del nuovi: dall’analisi parallela dei due termine che ho descritto sopra. Mi racconti della creazione dell’uomo aspetto che finalmente si cessi di dire alle descrizione dei due tipi di che quando la Bibbia “dice una cosa cherubini, il mistero sull’origine del nome di Yahwèh, il miracolo chimico in realtà ne voglia sempre dire un’altra”. Sono 2000 anni che fanno di Elia, i sistemi di comunicazione Ho in mano il tuo secondo libro, “Il radio che usavano, ci si chiede perché così teologi, simbolisti, esoteristi, agli Elohìm piaceva così tanto l’odore eccetera, tutti detentori di verità che Dio alieno della Bibbia”. La prima vogliono assolutamente trovare domanda che questo titolo implica è della carne bruciata, eccetera. che tu ritieni che questi dei fossero So che sei già al lavoro sul prossimo scritte in quel libro e quando non le 30


trovano fanno in modo di inserirle. So bene che così dicendo mi farò molti altri nemici, perché tutti sono pronti ad attaccare la chiesa ma nessuno vuole che sia messa in discussione la sua verità, ma ormai nemico più nemico meno... Preferisco per una volta seguire le indicazioni del più importante esegeta degli ebrei, il quale diceva che le parole della

Toràh hanno innanzitutto un significato che non possono non avere: quello letterale! Lui stesso diceva che la spiegazione della vera natura del carro di Yahwèh doveva essere riservata ai pochissimi che erano in grado di comprenderla e di accettarla, gli altri potevano credere ciò che volevano. Uno studioso ebreo mi ha scritto su Facebook che devo

31

andare avanti perché è arrivato il momento in cui tutti devono sapere. In effetti, per una volta nella storia dell’esegesi, io seguo quella via e ciò che ne ricavo è davvero molto affascinante. Un carissimo saluto e un sincero ringraziamento ai lettori di “Tracce d’eternità”, che hanno avuto la pazienza di resistere fino a qui.


L'Albero del Drago nel mito e nella tradizione

Simone Lega simonelega@alice.it nasce il 13 novembre 1978 a Siracusa. Ha pubblicato racconti in alcune raccolte e su varie riviste e si è beccato pure qualche premio. Collabora con la casa editrice Edizioni XII (caporedattore del blog) e per “Il Teatro Instabile Siracusa” svolge di volta in volta il ruolo di autore, lettore impacciato in spettacoli-reading, maldestro tecnico luci… Nel 2012, per Edizioni XII è in uscita il suo primo romanzo.

di Mauro Longo

La Dracaena draco è una pianta conosciuta in passato con un nome straordinario, che allude subito a magie e portenti antichi. Essa era l’Albero del Drago, un essere vivente ritenuto misterioso e prodigioso, che poteva essere inciso e liberare una delle sostanze più preziose dell’antichità: il “sangue del drago”. I sapienti romani e greci conoscevano infatti un reagente

chimico che utilizzavano in medicina e tintura, il cui colore e la cui densità, unite alle portentose caratteristiche, faceva loro pensare a qualcosa di preternaturale e magico, come appunto il sangue di un drago. In realtà, quello che mercanti, carovanieri e speziali vendevano nelle grandi città del bacino mediterraneo come sangue del drago erano sostanze di diversa

Periplus maris erythraei

origine e natura. C’era sicuramente il cinabro, minerale da cui si estraeva il mercurio, attraverso la forma cristallina del solfuro di mercurio. Una mistura contraffatta che vendeva smerciata poi ai clienti meno accorti o a quelli che volevano risparmiare era composta da sangue di bue, sorbo secco e polvere di terracotta. La maggior parte dei carichi di sangue di drago “originale” (in questi casi chiamati anche “vero sangue di drago” o “cinabro vegetale”) erano invece composti dalle resine essiccate o semiliquide estratte dalle differenti specie di quattro distinti generi botanici: Pterocarpus, Croton, Daemonorops e, appunto la

Dracaena draco 32


farmacista e botanico Dioscoride Pedanio e la Naturalis Historia di Plinio il Vecchio. Proprio quest’ultimo ne racconta anche l’origine, narrando lo scontro letale tra un elefante e un drago e la nascita della pianta dal mescolarsi del sangue dei due animali. Al di là delle leggende più pittoresche, la resina della Dracena era certamente utilizzata come colorante e sostanza medicamentosa dai misteriosi Guanches, la popolazione indigena (in età storica) delle Isole Canarie. Ad Orotava, nell’isola di Tenerife, Dracaena. Tra tutte queste modalità, l’incisione del tronco della Dracaena draco delle isole Canarie e della Dracaena cinnabari di Socotra (isola a sud dello Yemen) era senz’altro la più celebrata e diffusa fonte di sangue del drago dell’antichità. Il sangue del drago viene nominato da alcuni testi naturalistici, come il Periplus maris erythraei, scritto probabilmente in greco da un mercante egiziano del I sec. d.C., il De Materia Medica del medico,

33


cresceva nel ’700 un esemplare di Dracaena draco, che il botanico tedesco Von Humboldt descrive nei suoi “Quadri della Natura”. Studiando le dinamiche di accrescimento di queste piante e misurando in quell’esemplare delle dimensioni ragguardevolissime, Humboldt stimò che esso doveva avere approssimativamente 6000 anni di vita, qualificandolo come l’essere più antico in quel momento sul pianeta. Seppure questa ipotesi non sia stata mai confermata, i draghi delle Canarie, anche se vegetali concreti e non animali fantastici, sono tra gli esseri più interessanti e misteriosi dell’occidente europeo. Essi sarebbero stati tenuti in grande rispetto e considerazione dai Guanches, che amministravano alcune cerimonie pubbliche e religiose intorno alla base di questi giganti grigi. Anche gli abitanti di Socotra avevano una predilezione per le dracene, che dicevano essere

Von Humboldt

alberi benefici, in grado di scacciare i Djinn (geni, spiriti) malefici e che connettevano alle molte leggende sui draghi riportate su quell’esotica isola sperduta. Il nome stesso dell’isola, Suqatrah, pare sia una traslitterazione del toponimo arabo che sta per “mercato (suq) delle dracene (qatir)” ovvero l’isola era conosciuta come un grande portomercato frequentato principalmente per le dracene e la loro resina. Leggiamo da resoconti di leggende locali, che esso veniva chiamato anche l’“albero dei due fratelli”, perché si diceva nato sulla tomba di Abele, ucciso da Caino. Il sangue che ne trasuda ricorderebbe proprio quel mitico episodio biblico. La sua linfa avrebbe per questo il potere di 34


togliere la vita oppure di ridarla. In maniera più concreta, gli indigeni delle Canarie e di Socotra usavano la resina dell’Albero del Drago come un rimedio per ogni problema della pelle e del sangue, per ferite che tardavano a coagulare, piaghe e febbri, diarrea

e dissenteria, ulcere a bocca, stomaco, gola e intestino, perfino per irregolarità mestruali e traumi interni ed esso veniva raccomandato per abortire ma anche per ricostituente dopo una gravidanza. Per gli stessi usi e per gli innumerevoli esperimenti di fisici classici, scienziati arabi, maghi bizantini e alchimisti rinascimentali, questa pianta fu importata dall’estremo occidente europeo o dall’isola yemenita spersa nell’Oceano Indiano. Il primo e più comune impiego del sangue di drago era comunque molto prosastico. Esso serviva come colorante negli opifici che producevano stoffe, tessuti e abiti. Il sangue di drago forniva un rosso più forte di quello prodotto dalle radici della robbia (Rubia tinctorum: la più antica fonte conosciuta per il rosso) ma meno brillante del vermiglio estratto dagli insetti della famiglia Kermesidae e 35

meno cupo e vivido della porpora estratta dai murici. Con questi ultimi due coloranti il sangue di drago riusciva a competere anche per preziosità, prestigio e difficoltà di reperimento. La resina della


Il Giardino delle Delizie di Hyeronimus Bosch

Dracaena aveva una tonalità forte e stabile, resistente al lavaggio e all’esposizione della luce. La tintura avveniva in grossi recipienti di argilla o in vasche di conglomerato, nei quali il tessuto veniva immerso in una soluzione di acqua e colorante e agitato diverse volte, mentre il liquido veniva riscaldato fino a un potenziale punto di ebollizione. Il sangue del drago era una delle cosiddette

“grandi tinte”, ovvero dei reagenti più preziosi e difficili da reperire, trattati dai mercanti e dai tintori più importanti. Veniva dapprima macerato nelle vasche e cotto fino a rilasciare una densa colorazione uniforme e poi attendeva i tessuti o le matasse di filato. La sua natura “mordente” non necessitava nemmeno di utilizzare altre sostanze fissanti durante la “mordenzatura” e ne faceva un

prodotto a tutto tondo. La resina veniva utilizzata anche per lacche, tinture per legno, pigmenti per cosmetici, tinte, ombretti e rossetti, coloranti per il vetro, il marmo e le pietre dure e tutti gli altri usi analoghi che l’ingegno degli artigiani antichi riusciva a ideare. L’erboristeria e la medicina erano la seconda applicazione. Abbiamo già detto i mille usi e applicazioni che ne riportava la tradizione dei guaritori, degli speziali e dei medici antichi e medievali. Nei banchi e nei ricettari del passato il sangue di drago era sempre presente accanto a tutti gli altri rimedi conosciuti: estratti vegetali, polveri minerali,

S. Giovanni a Patmos di Hans Burgkmair 36


parti innominabili di animali e altri componenti più o meno magici: olio di mummia, bezoar e veleno di scorpioni. La tradizione di queste portentose funzioni rimane ancora

oggi, nelle ricette wicca, nelle candele e negli incensi proprie della sensibilità new age e perfino nel vudu haitiano e americano. L’alchimia utilizzava il sangue del

Roma, la celebre Porta Alchemica di Piazza Vittorio.

37

drago come uno dei tanti simboli esoterici che si incontrano nel percorso iniziatico che conduce alla realizzazione della Grande Opera. Il rosso della resina di Dracaena alludeva alla Rubedo dei filosofi e degli occultisti, quell’itinerario chimico e spirituale che doveva portare l’uomo a superare i conflitti in una sintesi superiore ascendendo a nuovi fasti. Nel tipico linguaggio ermetico che è proprio dell’alchimia occidentale, il francese Nicolas Flamel così descrive questi passaggi, nella sua Explication des figures hiéroglyphiques: Il rosso lacca del leone volante, simile al puro e chiaro scarlatto che ha il seme della rossa melagrana, dimostra che in tutto la Pietra si è


realizzata, rettamente e genuinamente. Perché essa è quel leone che divora ogni pura natura metallica, e la trasforma in vera sostanza, in vero e puro oro, più fine di quello delle migliori miniere. Così trascina l'uomo fuori da questa valle di lacrime. La Grande Opera si conclude proprio con il rosso acceso della Pietra Filosofale, lo stesso rosso acceso dei fuochi viventi che ardono nell’Atanor, il crogiolo degli alchimisti, e dell’oro rosso a cui spesso gli occultisti alludono come sostanza simbolica dei processi alchemici. Grazie a tutta questa sovrabbondanza di simboli implicati, gli Alberi del Drago vennero perfino ritratti in celebri e importanti opere d’arte del passato. Ne Il Giardino delle Delizie di Hyeronimus Bosch, e in particolare nell’immagine visionaria del paradiso, si distingue probabilmente una Dracaena,

pianta che trova posto, per il geniale pittore, perfino nel giardino dell’Eden. Anche nel S. Giovanni a Patmos di Hans Burgkmair, il santo è ritratto tra due palme e, probabilmente, il fusto di una Dracaena. Ultima nota di colore (rosso) è quella che pone una misteriosa e inquietante correlazione tra i draghi delle Canarie e i miti più antichi del mondo greco. Nel Giardino delle Esperidi, luogo immaginario, ma identificato proprio con le Isole Canarie, era un misterioso Drago a custodire il giardino dei meravigliosi pomi dorati di Atlante, una sorta di paradiso mediterraneo posto ai confini occidentali del mondo. Se questi indizi alludano proprio alla nostra Dracaena draco non è in questa sede dato saperlo, ma segnaliamo infine un ultimo accenno a questo mitologema situato a Roma, nella celebre Porta Alchemica di Piazza Vittorio. Su

questo incredibile concentrato di simboli e geroglifici alchemici e filosofali, spicca ai nostri occhi una parte dell’epigrafe dell’architrave: HORTI MAGICI INGRESSUM HESPERIUS CUSTODIT DRACO “Il Drago delle Esperidi custodisce l’ingresso del giardino magico”. L’AUTORE Mauro Longo, 33 anni, è laureato in Archeologia e ha lavorato per dieci anni nel settore culturale e archeologico. Giornalista pubblicista, è in organico nelle redazioni di alcune testate cartacee e online, nonché collaboratore esterno de Il Fatto Quotidiano. Per lavoro e passione, si è occupato soprattutto di archeologia e tradizioni locali, antropologia culturale, mitologia comparata, simbolismo, folklore, letteratura di genere, narrativa interattiva e giochi di ruolo. Da quasi un anno vive in Irlanda.

SOSPESO TRA DUE MONDI Un personaggio fascinoso e oscuro emerge dalla mitologia nordica per attraversare i secoli e rincorrere un ideale di bellezza. Quasi fosse un pittore rinascimentale, che in un insulto di lucida follia rievoca nelle tavole il male deformante la materia, il Grande Notturno semina morte per inseguire una degna rappresentazione di se stesso. Trasformare la propria vita, che somigli a un’opera d’arte per farsi ricordare oltre la morte, è il desiderio che ognuno serba nel più profondo. Questa lapidaria verità vi farà amare “Il Grande Notturno” di Ian Delacroix (Edizioni XII, 2011), un romanzo che oltre (giustamente) a inquietare, si apprezza per l’attenzione e la cura riposta nella scrittura, in un percorso di perfezione stilistica che l’autore non riesce a nascondere. Dagli anfratti più oscuri di Milano vedremo uscire una miriade di sorci che semineranno il panico tra la gente. L’arrivo del Grande Notturno, che potrebbe essere una soluzione, coincide invece con la messa in scena del più sconvolgente spettacolo che si possa immaginare. Un’orda di morti viventi costringerà una mezza dozzina di persone ad affrontare quelle paure ataviche che da sempre accompagnano il cammino del genere umano. Fino al drammatico finale. Ogni capitolo richiama, nel titolo, opere letterarie e cinematografiche entrare ormai nell’immaginario horror fantastico. Perché mai Delacroix avrà voluto rendere un omaggio così inusuale a scrittori del calibro di Emil Cioran, Yukio Mishima, Thomas Stearns Eliot e Thomas Ligotti, a poeti come Jean Nicolas Arthur Rimbaud e Cesare Pavese, a sceneggiatori quali George Andrew Romero e Wesley Earl Craven? Qual è il filo conduttore che lega questi tormentati personaggi, o le loro opere, al Grande Notturno? Sarà il lettore, giunto all’ultima pagina del romanzo, a raccogliere questi frammenti per svelare l’enigma: scrutando nei meandri più oscuri della mente dell’autore, potreste scoprire un dominatore di Simone Barcelli Ombre, sospeso tra due mondi. 38


Un fiume di sangue e un alchimista di Nicoletta Camilla Travaglini

Un fiume di sangue Il fiume Sangro, il secondo in Abruzzo, è lungo 117 chilometri, il suo bacino è largo 1.380 chilometri quadrati. Nasce dai monti della Marsica a sud-est della conca del Fucino. Attraversa il Parco Nazionale d’Abruzzo, forma il lago artificiale di Barrea e quello del Sangro nei pressi di Villa Santa Maria, la patria dei

cuochi. Esso sfocia nell’Adriatico tra fiume tra cui Roccascalegna. Durante Fossacesia Marina e Torino di Sangro. la seconda guerra mondiale, il fiume, è stato teatro di cruenti scontri, La storia specialmente nel novembre 1944 Intorno ai secoli VII e IX dopo Cristo i quando, alla vigilia della fine di Turchi e Saraceni, risalendo il corso questa guerra, vi furono aspri e del fiume, distrussero la leggendaria sanguinosi scontri tra le forze inglesi città di Amniternum. Le genti che e quelle tedesche; poiché le alture sfuggirono alla conquista fondarono i della riva sinistra facevano parte della paesi che si affacciano sul corso del linea Gustav. 39


L’origine del nome Il fiume Sangro deve il suo nome, probabilmente, a un’alga rossa presente su tratti di roccia su cui essa scorre: di qui l’associazione con la parola “sangue”, “Sangros”, “sanguineo”, “sacro”. Il Sangro, infatti, è considerato quasi un fiume soprannaturale ed è venerato come tale. Intorno ad esso sono nate molte leggende e la più famosa è quella secondo cui le sue acque diventano rosse e ribollono come se fossero sangue. Questo fenomeno impressionante, documentato da molti testimoni oculari, è visibile tre volte l’anno. Per acquietare la sua ira, il dio del fiume pretende un tributo di tre vittime per ogni volta che si verifica questo strano evento. Negli anni Venti del secolo scorso due donne si apprestavano ad attraversare il fiume, quando videro che le sue acque erano diventate minacciose e si erano tinte di rosso. Allora spaventate tornarono a riva sperando che il fiume si placasse di lì a poco. Non fu così. Dopo alcune ore, infatti, esse furono costrette a rinunciare al guado del fiume.

secondo leggende popolari, ad una delle tante maledizioni che aleggiano sul fiume. Al tempo dei tempi un uomo, forse un mago, cadde nelle acque gelide del fiume e prima di annegare lo maledisse. Appena pronunziata la maledizione, le acque diventarono rosso sangue ed iniziarono a ribollire come se scaturissero da una ferita aperta. Si dice che molti incidenti, successi sulla strada a scorrimento veloce Fondo La maledizione Questo macabro fenomeno è dovuto, Valle Sangro, siano dovuti proprio a

questa strana maledizione, perché alcuni di questi accadono proprio sul fiume o nelle sue vicinanze. Il mostro del lago Come abbiamo detto, dallo sbarramento del fiume Sangro nasce il lago del Sangro che, bagnando anche il territorio di Bomba da vita al bacino artificiale omonimo. Si sussurra che questo lago sia infestato da uno strano mostro marino. Esso è un enorme rettile che spaventa chi attraversa il lago. Questo mostro marino potrebbe essere il guardiano che veglia il sonno eterno di quelle case sommerse dal lago artificiale intorno agli anni Cinquanta del secolo scorso, i cui tetti sono visibili solo quando il livello del lago è basso. Non è raro, infatti, vedere anche i filari di alcune vigne, di alberi o campi sommersi, ove pare che si possa scorgere, oltretutto, anche la nera sagoma dell’enorme serpente, che si aggira silenzioso per questi luoghi spettrali. Un alchimista Don Raimondo di Sangro, duca di Torremaggiore, principe di Sansevero nacque a Foggia nel 1710. Egli fu uno dei maggiori scienziati che il mondo invidiò al Regno di Napoli, poiché con le sue scoperte scientifiche, che si

40


impero in maniera tirannica, dispotica e violenta. Nel loro albero genealogico, vi sono presenti anche figure di spicco come Oderisio, San Bernardo di Chiaravalle fondatore dei Templari, Santa Rosalia, Innocenzo III, Gregorio III, ideatore e iniziatore della Santa Inquisizione, Paolo IV Carafa, che contrastò in tutte le maniere l’Ufficio della Santa Inquisizione, Benedetto XIII e naturalmente Raimondo. Don Raimondo De Sangro fu anche massone che, denunciato come stregone e cospiratore, fu costretto a fornire al Papa un elenco di nobili e non appartenenti alla società segreta. La famiglia dei De Sangro fu costretta a bruciare tutto e nascondere il “lavoro” di Don Raimondo, che in collocano a cavallo di alchimia, quel periodo stava sperimentando stregoneria ed esperimenti tecnologici, fece importanti scoperte con lo scultore Sammartino la tecnica divenuta famosa con “Il Cristo e sperimentazione che a tutt’oggi risultano oscuri. Don Raimondo fu un Velato” della Cappella di San Severo. Questa chiesa, costruita su un tempio nobile rampollo della antica e dedicato alla dea Iside è fortemente prestigiosa famiglia dei di Sangro simbolica. In questo luogo, edificato discendenti di Carlo Magno, che annoverano nella loro albero genealogico anche Papi e Santi. Questa potente ed antichissima casata, come abbiamo detto, discende dai duchi di Borgogna che a loro volta erano di stirpe carolingia, longobarda e, naturalmente, normanna. Questi nobili, ovviamente, furono legati da vincoli strettissi alla Chiesa e in special modo al potente, ricco e stimato ordine Benedettino. Nel IX secolo essi, vennero in Italia e si stabilirono maggiormente negli Abruzzi, ove riuscirono a conquistare e, quindi, a governare diversi feudi e contee, prendendo il titolo di “Conti dei Marsi”. All’inizio del 1500 essi ottennero il titolo di marchesi, alla fine dello stesso secolo divennero Duchi e pochi anni dopo anche Principi, governando il loro vastissimo

nel cuore di Napoli, vi sono tre sculture “velate”: “La Pudicizia”, il “Cristo Morto” e il “Disinganno”. La più famosa è la statua del “Cristo Morto”, scolpita dal Sammartino su bozza del Corradini: è molto inquietante, poiché pare che la tecnica usata dal principe e dai suoi artisti sia basata su un velo di stoffa “trasformato”, attraverso procedimenti chimici, in marmo. Sembra che le statue siano, in realtà, cadaveri che sottoposti a particolari esperimenti, oggi ancora sconosciuti, abbiano dato questo risultato; in altre parole il nobile trasformò la materia organica in inorganica. Don Raimondo morì nel 1771 e fu considerato più uno stregone ed alchimista che un serio studioso. Per questo motivo molti esperimenti condotti con grande rigore scientifico sono stati eliminati dai suoi stessi famigliari, che hanno occultato quel poco materiale che si è salvato dalla distruzione che ne seguì, al suo presunto sospetto di pratica magica.

UNA NUOVA RIVISTA DIGITALE IN DOWNLOAD GRATUITO DAL PORTALE

CHIMERAMAGAZINE.ORG 41


Le inquietanti tele del

Rosso Fiorentino di Maria Benedetta Errigo La Madonna e Gesù bambino raffigurati all'inferno. Sembra impossibile solo a pensarci, eppure c'è stato un artista che si è spinto fino a questo punto. Rosso Fiorentino ha dipinto infatti un quadro non molto conosciuto che ritrae la Madonna con il suo bambino appena nato all'Inferno, mentre la cugina Elisabetta (o la madre Anna, i critici sono discordanti) le sta raccontando il terribile destino che attende il piccolo Gesù. Il viso di Maria è

trasfigurato dal terrore e tutta la scena è plumbea e dipinta a tinte piuttosto fosche. Prima di analizzare l'opera, però, bisogna parlare un po' dell'autore. Giovan Battista di Jacopo, detto Rosso Fiorentino, nacque nel 1495 a Firenze. Fu uno dei primi manieristi nell'arte italiana, allievo di Andrea del Sarto, assieme al Pontormo, e fu anche un artista tormentato, inquieto per tutta la vita. Il 1517 fu il suo anno di debutto come pittore, quando dipinse una 42

Madonna nel chiostro della Basilica della Santissima Annunziata a Firenze. In questi anni Rosso Fiorentino inizia a studiare alcune opere di Michelangelo, che sarà il suo ispiratore nei lavori successivi. Nel 1518 si recò a Piombino dove dipinse opere ora perdute e poi a Volterra. E proprio qui che nel 1521 realizzò l'opera che stiamo per analizzare, La Madonna col Bambino, e il suo capolavoro, La Deposizione, di cui parleremo poco più avanti, quasi


un'alfa e un'omega della vita del Cristo: una nascita e una morte entrambe annunciate. Dal 1523 al 1527 fu a Roma che lasciò con l'avvento del Sacco di Roma. In questo periodo affrescò la Creazione di Eva e il Peccato Originale (1524) nella cappella Cesi in Santa Maria della Pace. In seguito scappò verso nord, prima a Perugia, poi a Sansepolcro dove tra il 1527 ed il 1528 realizzò il Compianto sul Cristo deposto ora nella chiesa di San Lorenzo a Sansepolcro. Accolto nel 1531 da Francesco I di Francia, decorò con altri pittori italiani nella reggia di Fontainebleau il Padiglione di Pomona, tra il 1532 e il 1535, e la Galleria di Francesco I, tra il 1534 e il 1537, con stucchi, pitture e un complesso sistema di simboli e allusioni trionfalistiche, la prima opera del genere in Francia. Il re gli diede lo status di canonico della Sainte Chapelle e lo creò pittore di corte per il resto della sua vita. Il Vasari riporta che morì suicida, ma si tratta probabilmente di una leggenda. Veniamo allora ai dipinti che vogliamo analizzare. Il primo è appunto questa Madonna con Bambino, così angosciosa nel suo insieme che da alcuni è stata ribattezzata “La Sacra Famiglia all'Inferno”. Oggi nel County Museum of Art di Los Angeles, ha turbato più di uno sguardo all'epoca della sua realizzazione. Quel che più risalta da una prima occhiata, infatti, è la mano della donna che sta parlando con la Madonna. È adunca,scheletrica, ricorda i rami spogli di un albero durante l'inverno, anche questo un presagio di morte. Il braccio di questa mano poggia su un libro nero, un altro presagio di un annuncio di morte. Questa donna sta parlando con la Madonna che la sta ascoltando con attenzione, quasi inorridita, ecco perché questa espressione ha spinto i critici a supporre che Maria stia ascoltando il futuro supplizio del figlio da poco nato. Sarebbe anche importante sapere chi Rosso Fiorentino aveva voluto rappresentare con questa

donna. Se fosse Sant'Anna allora questo starebbe a significare che è la madre stessa della Madonna che le sta anticipando il brutto futuro che le spetterà. Se invece fosse Elisabetta rimarremmo comunque nell'ambito familiare di Maria, visto che le donne erano cugine, ma ci sarebbe un particolare in più da considerare. Elisabetta era infatti la madre di san Giovanni Battista, quindi cugino di Gesù,fatto uccidere da Erode Antipa. E qui non si può non notare il 43

bambino in basso a sinistra, normalmente considerato san Giovanni da bambino. In questo dipinto san Giovannino è steso a terra, quasi etereo, non si capisce bene se sta dormendo o se giace senza vita. Vista l'atmosfera del dipinto si potrebbe pensare che sia anche questo un presagio di morte che viene preannunciato in questo modo. Anche la figura della Madonna è trattata in modo particolare. Infatti Maria è vestita con un mantello nero:


colore insolito, che richiama quindi un'atmosfera di lutto. Solitamente Maria è rappresentata con mantelli rossi, blu o marroni, ma quelli neri sono senza dubbio un'anticipazione della morte, che permea tutto il dipinto. I colori comunque sono opachi in tutto il quadro e mettono così in risalto i colori scuri di Maria e della donna, facendo capire la cupezza del momento. E anche lo sfondo del dipinto non è molto rassicurante: ci sono due angioletti, ma non sono figure celestiali come potrebbero sembrare. La prima cosa che salta all'occhio, infatti, è che ci sono solo due ali invece che quattro. Questo proprio a causa della posizione delle due figure che qui sembrano diventare un'unica identità, un po' inquietante. Non solo: l'angelo di sinistra allunga una mano a mò di artiglio che ricorda vagamente la mano artigliata della Vergine delle rocce di Leonardo. E

neppure le facce di questi due angeli sono molto rassicuranti, sembra quasi che da un lato annuncino la morte anche loro e da un lato la vogliano pure accelerare. Come abbiamo visto, nello stesso anno Rosso Fiorentino dipinse anche la Deposizione, un quadro di forte impatto, oggi conservato nella Pinacoteca di Volterra. Quel che si nota subito è la posizione asimmetrica di tutta la composizione, a partire dalle scale, che sembrano quasi storte, alla collocazione dei personaggi che sembrano scendere dall'alto verso il basso come una cascata umana. E anche qui la Madonna ha un manto nero, che richiama subito alla mente la stessa figura presente nella Madonna all'inferno. Qui inoltre le deformazioni dei corpi e dei volti giungono all'estrema esasperazione: il vecchio affacciato dall'alto sulla croce ha il viso contratto come una 44

maschera e rende la scena ancora più drammatica, come anche coloro che stanno deponendo il Cristo dalla croce, che sono squilibrati, fanno quasi fatica a non far cadere il corpo di Cristo morto. Una nota particolare la dà la figura della Maddalena, vestita di rosso ai piedi della Madonna, una nota di colore, colpita dalla luce che viene da destra e che fa spostare l'occhio proprio in quella direzione. E tutto questo considerando che, probabilmente, questo quadro è incompleto, infatti presenta ancora l'indicazione delle tinte su alcune parti. Quadri complessi, che ci fanno capire come complessa fosse anche la personalità di questo artista, che voleva senza dubbio rompere gli schemi del passato per realizzare un'arte che colpisse al primo sguardo.


Haselhoff e le sfere di luce: un'analisi critica di Stefano Panizza

La maggioranza degli studiosi dei cerchi nel grano ritiene che le cosiddette sfere di luce producano su di essi diversi effetti fisici, se non addirittura siano le responsabili della loro formazione. E questo per due motivi: - molti testimoni hanno raccontato di apparenze luminose al di sopra dei pittogrammi; - Eltjo Haselhoff, il noto scienziato olandese, avrebbe dimostrato, calcoli

alla mano, come una sfera di energia, posta a una determinata altezza, possa, in particolare, provocare l’allungamento dei nodi delle piantine sottostanti. Scienza e testimonianza vanno, allora, a “braccetto” confermandosi a vicenda? Tutto è, dunque, così semplice? Direi di no, e per due motivi: - le sfere luminose sono state segnalate anche in formazioni sicuramente artefatte; - la teoria di Haselhoff sembra non reggere a un’analisi approfondita. Se il primo si commenta da se, il secondo, al contrario, merita un esame particolareggiato perché bisogna dimostrarlo con fatti circostanziati. Cosa dice, in pratica, la teoria di Haselhoff? Essa è, in buona sostanza, un commento ai lavori di Levengood del 1994, pubblicati sulla rivista 45

Eltjo Haselhoff


Devizes 1993

scientifica Physiologia Plantarum Journal, nei quali si fa riferimento a diverse presunte anomalie rilevate nei cerchi nel grano, come, ad esempio, quella dell’allungamento dei nodi. Ma Haselhoff fa, soprattutto, riferimento a quanto scritto da Levengood e Talbott nel 1999, sempre pubblicato da Physiologia Plantarum Journal, e riguardante il fenomeno sopra citato nelle formazioni circolari apparse nel 1993 a Devizes (Inghilterra), nel 1994 a Chehalis nello Stato di Washington (Stati Uniti) e sempre nel 1994 a Sussex (Inghilterra). Chehalis 1994

Sussex 1994

46


Non considera, invece, la formazione a spirale del 1995 di Beckhampton (Inghilterra) pur sempre studiata dal BLT (acronimo di Burke, Levengood e Talbott). Dalle prime tre formazioni sopra citate sembrava che l’allungamento dei nodi fosse correlato alla distanza dal centro del cerchio: nodo più lungo vicino ad esso, nodo più corto lontano da esso. Questa decrescita progressiva verso l’esterno si accordava con l’idea di un vortice di plasma sospeso sopra il campo, in grado, con il suo spostamento d’aria, di piegare le spighe, mentre, con il suo calore, di allungare i nodi per dilatazione termica dei fluidi cellulari, seguendo la cosiddetta legge di Beer-Lambert. Questa dice, in pratica, che quando un fascio di luce monocromatica, e con una energia prestabilita, attraversa uno strato di materia con uno spessore ugualmente fissato, si possa conoscere quanta energia residua ne esca dall’altra parte (e di rimando quanto ne venga assorbita dalla materia).

Beckhampton 1995

Il primo, che la lunghezza dei nodi degli steli non interessati al fenomeno (i campioni di controllo) non poteva essere considerata uguale a zero. Il secondo, che non si era tenuto conto del fatto che l’energia del plasma, nel propagarsi nello spazio, avrebbe perso progressivamente e inevitabilmente potenza. Poi, pensa di utilizzare i dati pubblicati per proporre una sua personale teoria. Per far questo integra gli studi di Levengood e Talbott analizzando il cerchio falso di Nieuwerkerk, citato nel suo libro La natura complessa dei cerchi nel grano del 2001 (stesso anno dell’edizione originale) con il nome di Dreischer. Le sue conclusioni sono rintracciabili La cosa strana è che il duo Levengood in Physiologia Plantarum Journal del gennaio 2001. Successivamente – Talbott non ha mai fatto alcun pubblica altri articoli, ma non più su esperimento per verificare questa riviste scientifiche, a seguito degli teoria, se non quello relativo alla studi sui tre cerchi apparsi a Hoeven dilatazione dei pori delle pareti (a volte citato con il nome di Noordcellulari (che non ha, però, un Badant). riferimento con il discorso Si può, allora, dire questo: mentre “allungamento nodi”). l’allungamento progressivo dei nodi Si diceva, poc’anzi, che Haselhoff ha partendo dal centro è dovuto, per il commentato gli scritti della coppia. Ebbene, mette subito in evidenzia un gruppo BLT ad una sorta di vortice di plasma, per Haselhoff, che ha ripreso, paio di errori. 47


nodi, secondo una ben precisa rispondenza matematica.

that to "continue this discussion", when clearly from the citation record

there is not a scientfic discussion in progress, only gives gives it substance and credibility it does not merit. I can therefore not accept your manuscript for publication in our journal.” Che tradotto recita: “Dopo un serio esame credo che a Questa suggerisce che l’intensità delle continuare questa discussione, puntualizzato e dato una vernice radiazioni diminuisca quando è evidente che non vi è matematica al concetto, è causato, invece, da una sorgente puntiforme o proporzionalmente al quadrato della nessuna discussione scientifica in distanza. Come lui scrive “In altre corso, si da solo sostanza e credibilità sferica di energia. parole: allontanandosi di una distanza ad una cosa che non merita. Non doppia, l’intensità delle radiazioni posso quindi accettare il manoscritto diminuisce di quattro volte, mentre per la pubblicazione sulla nostra allontanandosi di una distanza tripla, rivista.” essa diminuisce di nove volte, e così Ma il Cicap non si da per vinto e via.” spedisce l’articolo al Journal of Scientific Exploration, che lo pubblica nel 2005.

Egli sostiene in parole semplici, e al di la di formule matematiche che si rifanno comunque al famoso teorema di Pitagora “l’area del quadrato costruito sull’ipotenusa è uguale alla somma delle aree dei quadrati costruiti sui cateti”, che la sfera, posta ad una determinata altezza su un campo di cereali, sia la responsabile dell’allungamento dei nodi delle spighe sottostanti. Tanto più esse sono lontane dalla verticale della sfera, tanto minore sarà l’effetto dei

Tra parentesi, sullo stesso giornale e nel 1995, Levengood e Burke hanno pubblicato i loro studi sul ritrovamento di ferro meteorico in un Essendo gli articoli di Levengood e Talbott, e poi di Haselhoff, pubblicati cerchio inglese del 1993. Bene, in Physiologia Plantarum Journal, nel leggendo con pazienza le quattro pubblicazioni scientifiche, il libro di 2004 il Cicap pensa, per Haselhoff e consultando altre fonti, la controbattere, di inviare la sua teoria dello scienziato olandese mi ha “risposta” alla medesima rivista. Riceve, però, e a sorpresa, una mail di lasciato piuttosto perplesso. Vediamo il perché. diniego: “After serious consideration I believe 48


1) Il modello fisico presentato è incompleto perché non prende in considerazioni alcune importanti variabili. Ad esempio non si fa cenno al fatto che l’aria assorba inevitabilmente l’energia che viene diretta verso il suolo (lui sostiene, in realtà, che il particolare è trascurabile), non si valuta l’angolo di incidenza della radiazione rispetto ai nodi e si considera che le varie spighe siano fra di loro come “trasparenti” , senza cioè che ostacolino o riflettano la radiazione. Non si parla poi di durata, frequenza ed intensità della presunta radiazione. In poche parole il modello prende in considerazione una situazione non realistica. 2) L’espansione termica dei liquidi cellulari non è giustificata in un modo fisicamente accettabile. Il problema è, infatti, questo: se il riscaldamento prodotto dalla sorgente energetica non è sufficiente a trasformare i liquidi in vapore allora non ha neppure abbastanza “forza” per giustificare gli allungamenti misurati nei nodi. Qualora invece lo fosse, le piantine morirebbero bruciacchiate. Di questo se ne deve essere accorto anche Levengood che, in un suo esperimento, mise le spighe in un forno a microonde, ma non disse mai né che le piante erano sopravvissute né che i nodi si erano allungati. 3) Haselhoff non ha mai testato il modello termico ipotizzato. A questo punto, però, vorrei fare una precisazione. Si legge spesso che la scienza non accetti di investigare i fenomeni che non siano riproducibili in laboratorio. In realtà non è così. Mi viene in mente la teoria del Big Bang, mica si può riprodurre dentro un ufficio, eppure essa ha la sua patente di scientificità. Questo perché nei suoi contenuti prevede che si debbano manifestare ed osservare determinati effetti. Ad esempio se le galassie si stanno davvero allontanando da un’esplosione

iniziale (cioè il Big Bang), allora l’analisi del loro spettro luminoso deve mostrare quello che tecnicamente si chiama uno “spostamento verso il rosso”. Così come deve trovarsi una qualche traccia residua dell'immane botto primordiale. Entrambe le cose sono stato poi effettivamente rilevate. Ritornando alla teoria di Haselhoff, la parte sperimentale manca e quella previsionale, come visto e come vedremo, è lacunosa e non trova riscontri. 4) I campioni analizzati non sono statisticamente significativi. I cerchi analizzati direttamente sono solo due, oltre ai tre ripresi dagli studi del BLT. 5) A un esame dei dati ci si rende conto di alcune cose perlomeno curiose. Campionature che sfortunati incidenti hanno mescolato ma ugualmente rese note. Deprecabili disguidi hanno, poi, fatto pubblicare per il medesimo cerchio due grafici diversi, uno nell’articolo, l’altro nel libro. E appare singolare che questi 49

“incidenti” siano usciti solo a seguito di indagini di alcuni ricercatori. Prendiamo, per spiegare meglio, il cerchio falso di Nieuwerkek del 1997 (con questo nome è citato nell’articolo, con quello di Dreischor nel libro).

Si scopre che i grafici pubblicati sono diversi perché mentre per l’articolo ha usato il set denominato A


per il libro il set denominato B.

Sfido chiunque a non aver pensato, di fronte a nomi diversi e grafici diversi, che si trattasse di due cerchi differenti con ovvie campionature differenti. In realtà, e la cosa a mio avviso ha dell’incredibile, il cerchio era il medesimo, ma le campionature diverse perché, nonostante un incidente avesse rovinato i dati del set B, questi erano stati ugualmente pubblicati al posto del set A (visibili nell’articolo). Insomma, Haselhoff voleva pubblicare il set A, ma ha pubblicato per sbaglio il set B e per giunta rovinato. Trovo strano che la storia non sia uscita per spontanea ammissione di Haselhoff ma solo a seguito di una precisa domanda nel forum it.discussione.misteri dove si può leggere testualmente: “e sai cosa ti dico: hai ragione! :-) Il grafico nel libro sembra quello sbagliato. Dimostra la striscia "b", non quella "a". Grazie per averlo notato. Se facciamo una ristampa del libro, lo farò sostituire”.

Tutto nasce dalla testimonianza di un tale Robbert vd Broeke (presunto medium e famoso per le sue foto taroccate di alieni ) che nella notte del 7 giugno del 1999 vede una luce sopra un campo di grano e poco dopo il formarsi di un cerchio. Nei giorni successivi i cerchi diventano ben tre, due più grandi rispetto ad un terzo.

Il diagramma di campionamento (in pratica dove sono stati prelevati i campioni), mostrato nel libro, riguarda solo i due cerchi maggiori e le tracce A-.B-C-D-E-F, e non il cerchio piccolo (traccia G) ne i campioni di controllo al di fuori dei cerchi. Per quanto riguarda la lunghezza dei nodi, mostra i dati relativi solo per le tracce A-B-C. Perché mancano quelli

Haselhoff preleva sul posto 25 campioni di piante (ciascuno di circa 25 spighe) da ognuno dei 2 cerchi maggiori (“tracce” A-B-C e D-E-F), due dal cerchio piccolo (“traccia” G) e nove lontani dai tre cerchi come campioni di controllo.

delle altre tracce? Propone poi un’indagine statistica per giustificare il modello della sfera di luce dei dati della sola traccia B. Come Mai?

6) Haselhoff sembra fare una selezione ingiustificata delle campionature. Un esempio ne è il cerchio di Hoeven (o Noord-Badant).

50

7) La scelta dei campioni di


“controllo” e di “non controllo” non segue sempre la stessa regola. In generale considera che piante erette molto lontane dalle formazioni siano valutate come non toccate dal fenomeno e quindi prese come campione di controllo. Al contrario le piante schiacciate dentro i cerchi considerate “affette”.

In realtà a volte anche piante erette raccolte al di fuori dei cerchi sono considerate “affette” e cioè non dei campioni di controllo. Ne sono un esempio i casi delle formazioni del Sussex, dove sono state raccolte spighe a 6 e 14 metri dal bordo del cerchio, e del Devizes, prelevate a 30 centimetri. Come mai queste regole diverse? Detto in altre parole, non si capisce quando un campione possa essere di “controllo” o “non controllo”. Con pochi campioni e ambigue regole credo che diventi difficile tirare conclusioni attendibili.

giustificata. Infatti l’allungamento dei nodi non sembra correlato alla distanza dal punto centrale del cerchio.

A dire il vero, in campo scientifico, ciò significa, però, che non vi sono risultati. Comunque, nonostante questo approccio prudenziale,

http://www.bltresearch.com/

10) Non spiega come una sfera di luce possa piegare le spighe. A dire il vero non scrive che sia essa a farlo, ma nonostante questo, è convinzione di molti del contrario. 11) Non fa ipotesi sulla natura dell’energia della sorgente puntiforme, limitandosi ad una non ben definita miscela di infrarossi e radiazioni ionizzanti.

8) Haselhoff non spiega come mai siano stati esclusi nel calcolo statistico le spighe centrali nelle formazioni del Sussex e Chehalis, proprio quelle più vicine alla fonte di radiazione e che quindi dovevano risentirne gli effetti maggiori.

12) La sua teoria si interessa solo dei semplici cerchi e non dei pittogrammi, cioè delle figure più complesse, perché in questi casi la sfera, che non può rimanere fissa in un unico punto ma si deve muovere, fa cadere la regola dell’allungamento 9) I dati “scomodi” ai fini della teoria decrescente dei nodi. sembra non siano considerati. È il caso della sopra citata formazione di 13) Haselhoff considera inizialmente i suoi studi come un semplice punto di Beckhampton, pur studiata e partenza, affatto conclusivo. Questo, dettagliatamente descritta da almeno, è quanto scrive nella Levengood e Talbott, e ai cui lavori pubblicazione scientifica Physiologia Haselhoff si rifà esplicitamente. Probabilmente perché la sua forma a Plantarum Journal del 2001. Credo perché, in pratica, non avesse trovato spirale, e cioè diversa dal semplice nulla di sostanzialmente significativo. cerchio, non ha modo di essere 51

successivamente, e nella sostanza, valuta la sua teoria ben più di una annacquata ipotesi iniziale. Basta leggere quanto scrive nel suo libro La natura complessa dei cerchi nel grano, dove si può trovare: “Ciò non è più soltanto un’ipotesi (n.d.a. cioè quella del coinvolgimento delle sfere di luce), ma un fatto riconosciuto e scientificamente provato e rimarrà tale finché qualcun altro non presenterà una spiegazione alternativa che giustifichi la simmetria circolare dell’allungamento dei nodi, o dimostri come l’analisi fosse sbagliata.” A far cambiar idea è stata l’analisi del solo cerchio di Hoeven (non citata nel suo articolo) cioè quello della selezione ingiustificata dei dati …? A questo punto che conclusioni si possono trarre? La teoria di Haselhoff non sembra reggere ad un’analisi critica e puntuale. E quando si parla di scienza l’approccio non può che essere di questa fattura. Innanzitutto, il modello prodotto, mai testato, non tiene conto di troppe variabili ambientali, non spiega l’espansione


termica, non mostra come si piegano le spighe, non chiarisce di che tipo è l’energia coinvolta e non può essere applicato a formazioni complesse. E poi non si comprende con quali regole vengano scelte le campionature, come mai vengano esclusi dati ed altri compresi e c’è confusione nei dati pubblicati. Haselhoff cerca un riconoscimento in casa della scienza ma senza attenersi alle regole del “padrone di casa”. Egli ha scelto una strada, mi sento di dire una delle strade, per poter comprendere il fenomeno. Ma i mezzi cognitivi possono essere diversi, non può sicuramente la “fredda” scienza dare ragione a 360° del mondo che ci circonda. Se però decidi di usare questo strumento devi anche adeguarti ai suoi meccanismi. Tutto da buttare, allora? Forse no, perché, comunque, sembra esserci una irregolare, incerta tendenza di fondo all’allungamento dei nodi verso l’interno del cerchio. Essa da l’idea di non seguire regole precise, di sfuggire a qualunque inquadramento, pare farsi beffe di numeri e regole. Ma sembra esserci. Ora si tratta di dare un senso a tutto questo. Sposando la teoria che i cerchi siano dei semplici artefatti, mi viene in mente che, girare attorno ad un cerchio a distanze sempre maggiori dal suo centro, implica una velocità diversa di camminamento, questo perché chi è all’esterno deve compiere un tragitto più lungo rispetto a chi è nel mezzo. Velocità maggiore significa anche meno tempo di “sosta” sulla piantina. E

meno sosta significa meno schiacciamento e meno schiacciamento vuol dire che essa deve fare meno fatica per “allungarsi” verso la luce. Quindi la lunghezza dei suoi nodi potrebbe essere minore. E rimanendo sempre in un ambito razionale val la pena di sottolineare come quest’ultima sia influenzata da una serie quasi infinita di fattori (vento, umidità, terreno, tipo di pianta, irraggiamento solare, entità dello schiacciamento della pianta etc) e che, di conseguenza, diventa difficile capire quando un allungamento sia “normale” o “non normale”. Andando invece alla ricerca di un’interpretazione eretica, si può ipotizzare che le sfere di luce possano si essere coinvolte in tutta la faccenda ma in un modo, al momento, totalmente incomprensibile. Questo sia per la loro natura completamente sconosciuta, sia per i conseguenti effetti biologici anticonvenzionali. In pratica, al momento, la scienza non sarebbe in grado di inquadrare la vicenda con le sue regole tradizionali (e la storia di Haselhoff potrebbe esserne un esempio). Al momento non credo, comunque, che il fenomeno dell’allungamento progressivo dei nodi, se davvero esiste, sia di facile soluzione. Rimangono, però, aperti altri due interrogativi ai quali il presente articolo non da una risposta: - se i lavori di Levengood, Talbott e Haselhoff non sono scientificamente consistenti, come mai sono stati pubblicati in riviste scientifiche? - se

SCARICA GRATUITAMENTE L’EBOOK DI STEFANO PANIZZA 52

le sfere di luce non sono responsabili né della creazione né degli effetti sulle formazioni (come credo), cosa ci fanno sui campi di grano? Naturalmente la presenza di sfere sopra un cerchio artefatto, di per se, non prova nulla. Si tratta, però, di percorrere strade alternative che diano giustificazione del loro manifestarsi, esentandole, al contempo, da un coinvolgimento di causa – effetto come oggi comunemente si crede. Seguiranno articoli esplicativi. Bibliografia e sitografia: http://www.ecn.org/cunfi/ Levengood1994.pdf http://www.ecn.org/cunfi/LevengoodandTal bott1999.pdf http://www.ecn.org/cunfi/Haselhoff.pdf http://www.cicap.org/crops/en/jse_19_2_15 9-170_2005.pdf http://www.cicap.org/crops/008.htm http://www.bltresearch.com/ http://tinyurl.com/lesod http://www.luogocomune.net/site/modules/ news/article.php?storyid=2466&com_mode= thread&com_order=1&com_id=104967&co m_rootid=104908 http://www.cicap.org/crops/en/013.htm www.wikipedia.org La natura complessa dei cerchi nel grano – Eltjo H.Haselhoff – Natrix


IL CULTO DEL

NOMMO Un antico mistero africano di Roberto La Paglia Francia, 1920: Marcel Griaule è un giovane molto ben avviato negli studi, soprattutto in matematica, ha da poco prestato servizio come volontario nell’aeronautica francese e aspira al prestigioso Lycée Louis le Grande. Anche se il suo futuro sembra già segnato, il destino ha ben altri progetti per lui, una nuova strada che inizia a delinearsi quando, nello stesso anno, decide di partecipare a una conferenza. I relatori sono Marcel Mauss, antropologo, sociologo e storico delle religioni, e Marcel Cohen, linguista. Griaule rimane letteralmente folgorato e decide seduta stante di dedicarsi interamente allo studio dell’antropologia; tra il 1928 e il 1933 partecipa a due spedizioni etnografiche, e proprio in questo periodo (1930), entra in contatto con una misteriosa tribù africana: i Dogon. L’occasione gli viene fornita durante un soggiorno di studio nel Mali insieme alla sua allieva Germaine Dieterlen, a sua volta allieva di Mauss e profondamente

interessata allo studio dei miti antichi. Da quel momento nasce il mistero del Nommo, un antico retaggio del quale non possiamo approfondire le caratteristiche senza aver prima parlato del popolo Dogon. Un popolo, molti misteri I Dogon sono una tribù che vive in una landa desertica del Mali, in prossimità del confine con il Burkina Faso, luogo che li accolse dopo la loro fuga per sottrarsi alle pressioni espansionistiche dei grandi imperi medievali; ci troviamo quindi intorno all’anno 1000, durante le feroci battaglie sulle sponde del fiume Niger. Dei tanti misteri che circondano questo popolo si è già ampiamente discusso, quello che però ci interessa particolarmente ai fini dello sviluppo delle ipotesi contenute in questo libro, è la loro complessa cosmogonia, basata sulla fede in un dio creatore, Amma, e in una creazione prodotta dai movimenti dell’Uovo del Mondo. In base a queste credenze, i “Nommo”, gli otto progenitori dei Dogon, 53

portarono sulla terra una cesta con dentro l'argilla necessaria per costruire i depositi di grano dei loro villaggi. Questa immagine, che a prima vista appare abbastanza semplice e priva di particolare significato, nasconde in realtà una


conoscenza assai profonda dell’universo e dei corpi celesti. Il granaio rappresenta l’universo, le sue scale simboleggiano sia le coppie di maschi e femmine che generarono i Dogon, sia le varie stelle e costellazioni: in tal senso troveremo le Pleiadi a nord, Orione a sud, la stella cometa a ovest. Tutto ebbe quindi inizio da una “cesta”, ovvero un contenitore che trasportava la vita. Ma la cosa che colpì maggiormente i due studiosi fu la constatazione che, nonostante i Dogon fossero entrati in contatto con la nostra civiltà in tempi abbastanza recenti (circa all’inizio del secolo), possedevano delle incredibili conoscenze di carattere scientifico ed astronomico. Alcune di queste

conoscenze erano sicuramente frutto di un retaggio culturale vecchio di millenni, ma una, in particolare, presenta caratteristiche decisamente attuali, la dettagliata conoscenza riguardante la stella Sirio. I Dogon erano infatti al corrente del fatto che Sirio è un sistema binario (cioè un sistema composto da due stelle, Sirio A e Sirio B); erano a conoscenza del fatto che Sirio B ruota intorno a Sirio A con un’orbita ellittica e in un periodo di tempo corrispondente a 50 anni; ma la scoperta sconcertante fu che i Dogon conoscevano l’esatta posizione di Sirio A all’interno dell’ellisse. Molti potrebbero chiedersi, cosa c’è di così sconcertante in tutto questo? Lo stupore nasce dal fatto che soltanto

nel 1862 l’astronomo americano Alvan Clark dedusse l’esistenza di Sirio B utilizzando un telescopio, tra i più evoluti per quell’epoca, e non prima del 1970 si ebbe la conferma dell’esistenza di questa stella e si riuscì anche a fotografarla. Eppure i Dogon, già centinaia d’anni prima, ne erano a conoscenza, e non solo questo, chiamavano Sirio B con il nome di “Po Tolo”; questo nome è sicuramente il modo più azzeccato e sconvolgente per descrivere questo sistema, il termine Tolo, infatti, significa stella, mentre Po è riferito ad un cereale tipico del luogo che presenta la caratteristica di essere estremamente pesante nonostante le piccole dimensioni; espressione, quindi, quanto mai vicina alla realtà

SIGNS LA NUOVA RIVISTA DIGITALE DI ROBERTO LA PAGLIA ON LINE A SOLO 3 EURO

Roberto La Paglia

FORBIDDEN HISTORIES Quello che non devi sapere quello che nessuno racconta

Le ricerche contenute in questo libro, non vogliono presentarsi come le classiche teorie di complotto; si tratta in realtà di un lavoro svolto dietro le righe, con l’intenzione di osservare meglio quali siano stati i retroscena di un dato avvenimento storico, e quali siano le verità nascoste dietro gli accomodanti titoli in prima pagina. In tal modo scopriremo che, ad esempio, alcuni avvenimenti della Seconda Guerra Mondiale non si sono svolti esattamente come siamo soliti leggere sui libri di storia, che la triste realtà del Nazismo non era poi così sconosciuta e generava forti interessi economici anche in coloro che poi si proclamarono liberatori. Scopriremo che ben poco si è realmente inventato, poiché gran parte delle scoperte effettuate in epoca moderna erano già note nell’antichità, sia pure sotto forme e sperimentazioni diverse; scopriremo le inquietanti simbologie che si nascondono dietro gli avvenimenti dell’11 Settembre, per finire con l’interessarci alle misteriose morti che caratterizzano l’inquietante Sindrome di Quirra. Sono tutte storie proibite, negate alla grande massa dei cittadini, raccontate quasi con timore e con il rischio di essere tacciati per visionari; eppure i dubbi ci sono, e sono talmente forti che difficilmente si può negare l’esistenza di una volontà operativa tesa a insabbiare in tutti i modi ciò che veramente ci accade intorno. La verità, pur difficile da raggiungere, spesso fa male, ferisce e fa crollare molte delle certezze che ci aiutano a sopravvivere in questo difficile quotidiano; nonostante ciò la verità rende tutti liberi, e senza libertà non esiste speranza che si possa finalmente avviare il cantiere per un nuovo e più sereno futuro. 54


visto che Sirio B è una nana bianca e, in quanto tale, possiede una densità molta elevata. Tutte queste informazioni sono praticamente inaccessibili senza una adeguata strumentazione astronomica, ed è inutile specificare che i Dogon non sono mai venuti in possesso di alcuno strumento del genere, ne ignorano addirittura l’esistenza. Ma il mistero non si esaurisce qui, i Dogon, infatti, sono soliti rappresentare il pianeta Saturno come circondato da una sorta di alone, dimostrando in tal modo che ne conoscevano gli anelli; in più erano a conoscenza che il pianeta Giove aveva intorno a se “quattro compagne”, che corrispondono esattamente alle sue quattro principali lune. Come se ciò non bastasse, raffiguravano la Terra come una sfera e dimostravano di sapere

uno per la Luna, uno per Sirio e uno che questa sfera gira intorno al per Venere. Inutile dire che i Dogon proprio asse ed allo stesso tempo, ritengono una verità attestata da insieme ad altre sfere (i pianeti), intorno al sole; ultimo particolare a dir poco sorprendente è che i Dogon, o comunque gli anziani del villaggio, descrivevano la nostra galassia come una immensa forma a spirale, sappiamo benissimo che questo concetto iniziò ad essere divulgato dagli astronomi occidentali solo all’inizio di questo secolo. Per i Dogon Sirio B fu la prima stella creata da Dio e rappresenta il fulcro dell’Universo. Da essa si sviluppò tutta la materia, comprese le anime, in seguito a un complesso moto a spirale, lo stesso che viene simboleggiato nei canestri intrecciati. Saturno è circondato da anelli, Giove ha quattro lune principali, così come quattro sono i calendari utilizzati: uno per il Sole, 55


tempi remoti il fatto che i pianeti orbitano attorno al Sole. I Dogon, quindi, sanno ciò che, a rigor di logica, non dovrebbero sapere; le loro conoscenze non sono il frutto di antichi retaggi acquisiti osservando ad occhio nudo il cielo e le stelle come avveniva in altre civiltà, essi semplicemente “sanno”; questa è la parte più inquietante del mistero dei Dogon. Il culto del Nommo Una vecchia leggenda Dogon narra di quando il Dio dell’universo, Amma, inviò sulla terra il Nommo. Si trattava di una creatura metà uomo e metà anfibio, che atterrò nella terra della Volpe, un territorio a nord-est di Bandiagara, nella regione di Mopti; il Nommo era di colore rosso ma quando toccò terra divenne bianco. Il nome Nommo deriva da una parola Dogon che tradotta letteralmente significa “far bene”; molto più spesso però questo essere viene ricordato come “Il Maestro dell’Acqua”, l’Ammonitore o il Distruttore. Questo forse in ricordo del fatto che il Nommo non poteva sopravvivere fuori dall’acqua. Non sappiamo esattamente come possa essere collocata questa figura nelle varie vicende che caratterizzarono la crescita di questo popolo, non è però altrettanto difficile identificare altre creature molto simili in diverse culture lontane non soltanto geograficamente ma anche rispetto ai vari momenti storici. Lo stesso tipo

di creatura è infatti presente in una Storia della Mesopotamia scritta durante il III Secolo A.C. dal sacerdote Beroso; il suo nome era Oannes, il suo corpo era simile a quello di un pesce, viveva soltanto nell’acqua e aveva piedi simili a quelli dell’uomo. Si tratta forse di immagini riferite allo stesso evento? Comunque sia, questa antica, quasi primordiale figura, occupa un posto di rilievo in tutta la cultura africana; non di rado, ad esempio, nelle zone più interne dell’Africa, persone appartenenti alle grandi religioni monoteiste si rivolgono ai sacerdoti dei vari villaggi

56

perché, in situazioni di estrema difficoltà, invochino l’assistenza del Nommo. Non dimentichiamo infine il Dio pesce Dagon dei Filistei, e lo stesso simbolo del pesce con il quale i primi cristiani erano soliti rappresentare la divinità. Chiunque o qualunque cosa fosse, il Nommo continua ancora oggi ad allungare la sua ombra sul territorio africano, forse messaggero in attesa di poter svelare antiche verità a chi avrà il coraggio e la predisposizione d’animo per ascoltarle.


La Terra Dei Due Mondi di Antonello Vozza (Centro Ufologico Taranto) “Eccoci. È casa. Siamo noi. Su di essa, ogni persona che ami, tutti quelli che conosci, tutte le persone di cui hai sentito parlare, ogni essere umano che è stato, che ha vissuto la sua vita. L’aggregato delle nostre gioie e delle nostre sofferenze, migliaia di confessioni religiose, ideologie e dottrine economiche, ogni cacciatore e preda, ogni eroe e codardo, ogni creatore e distruttore di civiltà, ogni re e suddito, ogni giovane coppia innamorata, ogni madre e padre, figlio speranzoso, inventore ed esploratore, ogni moralista, ogni politico corrotto, ogni “superstar”, ogni “leader supremo”, ogni santo e peccatore nella storia della specie è vissuta qui – su un granello di polvere sospeso in un raggio di sole.” Carl Sagal

Ho voluto aprire con queste parole fantastiche di Carl Sagan, famoso astronomo, divulgatore scientifico e scrittore di fantascienza (o narrativa di anticipazione, come amano definirla i nostri Franco Pavone ed Eugenio Palese), perchè niente potrebbe introdurre meglio la Terra, un pianeta relativamente giovane, che ha visto svilupparsi la vita immediatament - in termini cosmici subito dopo la sua formazione. L’età stimata del nostro corpo celeste è di circa quattro miliardi e mezzo di anni, e la vita, in un modo che gli scenziati non comprendono, ha iniziato a svilupparsi intorno ai quattro miliardi di anni, un tempo nonostante tutto molto breve, considerando la relazione nascita della terra/nascita della vita: l’evoluzione ci insegna che 57

un essere monocellulare per passare a pluricellulare impiega circa un miliardo di anni, e sulla Terra è successo in metà del tempo, oltre a trovarsi tra condizioni davvero poco da “fascia abitabile”. Senza sindacare su come sia comparsa la vita, non avendone le competenze e le capacità, elencherò i due modi in cui si pensa possa essersi venuto a creare questo incredibile ciclo che tutt’oggi continua, ma come vedremo c’è qualcosa di strano in tutto questo, e come al solito, nella storia dell’ uomo (ma anche dell’intera Terra), troviamo dei buchi incolmabili se non, purtroppo solo attraverso teorie, con l’immissione di interventi esterni che dell’intelletto dell’uomo ne fanno un baffo. Primo di questi metodi è la normale evoluzione: se si


riesce a immaginare secondo una legge ancora non compresa e scoperta, che una proteina fine a se stessa possa riprodursi in maniera autonoma fino a generare un essere senziente, allora avete compreso l’evoluzione. Ma secondo chi, come me, questo metodo è ancora buio e impensabile, allora possiamo provare a immaginare l’evento secondo altri criteri: ultimo sostenitore di una lunga lista, che pone le sue origini nel lontano 450 a.C. con Anassagora, filosofo greco, è l’astronomo Fred Hoyle: egli sostiene come i suoi predecessori che la vita sulla Terra sia stata inseminata. E qui la teoria della Panspermia Cosmica: una meteora, con a bordo vita organica pluricellulare già avviata, ha impattato sulla Terra, dando così origine all’evoluzione ma da un livello già più avanzato. Dunque saremmo esogeni al nostro pianeta. Siamo quindi noi gli Alieni? Se poi si pensa che Leslie Orgel, che assieme a Francis Crick lavorarono allo studio e alla scoperta dei segreti del DNA, per cui valse a Crick e a James Watson il premio Nobel per la medicina, sono stati sostenitori della teoria della Panspermia Guidata secondo la quale la vita è stata inseminata sulla Terra da civiltà superiori in grado di viaggiare nello spazio, allora è possibile affermare che sì, siamo noi gli Alieni. Ma torniamo sul sentiero principale, e quindi affermiamo che in una maniera o in un altra la vita si è sviluppata sulla Terra - senza nemmeno considerare l’interpretazione biblico/religiosa, dato che in una contraddizione continua di eventi questa perde tutto il proprio valore, rendendo così forzato un paragone ufologico tanto da poter apparire anche scontato - e bypassiamo alcuni eventi, come l’apparizione quasi mariana dei microorganismi, e la trasformazione di essi in esseri più evoluti in periodi durante il quale l’ossigeno sulla terra era assente, e dove parecchi di essi morirono alla comparsa del nostro

“alimento” principale in quanto non abituati a questa nuova sostanza circolante nell’aria: questi primi esseri, ancora senza una ragione e una spiegazione apparente, monocellulari, invasero il pianeta, diventando presto pluricellulari; e così, ci dice l’evoluzione, inizieranno a legarsi tra loro varie cellule che lentamente inizieranno a formare i primi tessuti. Presto, le linee dell’evoluzione si separeranno, andando a formare gli antenati di quelli che diventeranno i vertebrati da una parte e gli invertebrati dall’altra. Nel Cambriano, 542 milioni di anni fa circa, iniziano a formarsi le varie famiglie derivate dai precursori dei vertebrati, parliamo quindi di trilobiti et similia, che andranno a comporre gli artropodi. Spostandoci a 400 milioni di anni fa invece, nel periodo Devoniano, riusciamo a intravedere le prime classi di “sottoanimali” che andranno a formare poi tutta la componente vertebrata terrestre; qui invece parliamo di sottoclassi di pesci ossei. Intanto sulla terraferma iniziano a dominare le prime specie di antropodi e la vegetazione prende il sopravvento. Naturalmente, prima di completare il loro percorso terrestre, questi pesci ossei devono affrontare un percorso evolutivo che li vedrà prima anfibi, quindi rettili. Questo escursus storico vuole arrivare proprio qui, ai rettili che in larga parte hanno dominato il pianeta per tutta la preistoria conosciuta (termine improprio, forse), per circa 160 milioni di anni. Stiamo parlando di uno sviluppo impressionante. La comparsa di questi esseri possiamo notarla già 150 milioni di anni dopo il Devoniano - nel Triassico -, dove prime forme abbozzate di rettiloidi iniziano a farsi strada nell’enorme processo evolutivo che gli ha visti crescere e prendere forma. Nonostante le gravi estinzioni di massa che hanno visto protagonisti flora e fauna della Terra, colpevole lo spostamento delle grandi zolle tettoniche, ovvero della 58

progressiva frammentazione della Pangea, questi esseri continuarono il loro processo evolutivo sino a quando, dopo -come abbiamo detto 160 milioni di anni fa, un’estinzione di massa li distrusse completamente, e dopo un periodo di “vuoto” si svilupparono i mammiferi, di cui i primi miracolosamente scampati all’estinzione che a quanto pare dei dinosauri si è fatta beffe. Così, da 10 milioni di anni a questa parte, prima le scimmie con pollice opponibile, poi abbastanza velocemente scimmie sempre più antropomorfe, sino ad arrivare all’homo sapiens come lo conosciamo oggi, con tutti i “sapiens” che volete. Probabilmente noterete come me qualcosa di strano nei grandi numeri che ho sopra elencato. Centosessanta milioni di anni contro i dieci che ha visto sorgere l’uomo? Suona un po’ strano, soprattutto per quanto riguarda, oltre al periodo di dominazione delle specie, il loro numero, in netta maggioranza i dinosauri. Facciamo un piccolo salto indietro nel tempo e torniamo ai dinosauri. In questo periodo si sono sviluppati dinosauri di varia statura. Qual è il motivo di questa differenza? Stiamo parlando di differenze abissali, come ad esempio quelle tra il Compsognathus (grande quanto uno dei nostri polli) e il Brachiosauro (lungo in media 24 metri e pesante tra le 35 e le 45 tollennate). Verrebbe da pensare che questi esseri si siano sviluppati in posizioni geografiche differenti. Le teorie del professor Coon e relativo team (dal libro “UFO ed ExtraTerrestri” di Yves Naud) riferiscono di un astro di massa maggiore della Luna in tempi immemori attorno alla Terra, che avrebbe aiutato questi esseri a svilupparsi in altezza e grandezza, visto che queste condizioni avrebbero semplificato la circolazione sanguignia, la longevità e alleviato la stanchezza, senza considerare che in quest’epoca la Luna era molto più vicina alla Terra di quanto non lo sia oggi, dato che si


allontana di mezzo centimetro ogni anno... un rapido calcolo e capiremo come il satellite fosse molto più romantico all’epoca di quanto non lo sia oggi. Se prendiamo quindi dieci a caso dei milioni di anni nei 160 che hanno visto il dominio dei dinosauri, nulla vieta di poter pensare che proprio in questa era si siano sviluppate le prime civiltà. Del resto, a volte i nostri cari ma bisfrattati oopart ci raccontano di impronte di esseri che, camminando in posizione eretta, hanno lasciato tracce sul terreno risalenti a parecchi, parecchi milioni di anni prima della datazione dell’uomo. Potrebbe essere questo il periodo dei giganti? Questi esseri dovrebbero essersi sviluppati dunque, stando a un ragionamento molto teorico, nel periodo che ha visto dominare i dinosauri. Potrebbero questi giganti essere quasi dei dinosauri? Potrebbero, eccome! Persino nella Bibbia (il verso seguente è preso dal Deuteronomio) vengono citati esseri simili agli uomini ma con peculiarità non indifferenti: “Il paese che abbiamo attraversato per esplorarlo è un paese che divora i suoi abitanti; tutta la gente che vi abbiamo vista, è gente di alta statura; e vi abbiamo visto i giganti, figli di Anac, della razza dei giganti. Di fronte a loro ci pareva di essere cavallette; e tali sembravamo a loro”. Di conseguenza possiamo dedurre che questi esseri tanto umani non erano (o sono?). Ma chi vive nei deserti, anche al giorno d’oggi? Vivono per la maggior parte rettili, adattatisi perfettamente a quel clima. Ecco perchè in questa sede voglio ipotizzare una razza, siano essi giganti o meno, della stessa “composizione” morfologica dei dinosauri, e perchè no, probabilmente anfibi. Questo ragionamento ai limiti del possibile ma non dell’improbabile ci porta inevitabilmente a parlare del Troodon: un dinosauro che, con tre artigli per mano con uno opponibile rispetto agli altri due, due occhi

molto grandi e una scatola cranica superiore alla media, si inserì di prepotenza in cima alla classifica degli animali più intelligenti della preistoria. Ma, per la legge dei grandi numeri e stabilendo le giuste proporzioni, possiamo stabilire che in dieci milioni di anni questo essere si sia potuto evolvere esattamente come le nostre (o le loro?) scimmie hanno fatto per poi portarci a noi: sebbene lo Stenonychosaurus sia solo una mera teorizzazione, negli anni ottanta del secolo scorso fece scalpore il paleontologo canadese Dale Russell, che ipotizzò proprio la stessa cosa, un’evoluzione di questi dinosauri pre-intelligenti tanto da formare una razza simil umana ma con la pelle rettiloide, che si sarebbe estesa per tutta la Terra, come 59

l’odierna razza umana. Ovviamente, da bravo appassionato di mitologia, questo mi riconduce dritto dritto al mito di Atlantide e degli Oannes. Questi esseri possono essersi rifugiati, come abbiamo detto, in un punto impervio per i normali esseri viventi? È questa la teoria che vuole terre passate alla storia come miti e speculazioni, esistenti e abitate: continenti sepolti e sommersi come appunto Atlantide, Lemuria o Mu, perfettamente funzionanti e pullulanti di questi esseri, leggermente diversi da noi, seppur così simili, ma con una tecnologia molto più avanzata della nostra, che quei 160 milioni di anni hanno permesso di sviluppare. Eppure i Genovesi del 1608 non sarebbero d’accordo con i negazionisti: si


racconta negli annali che alcuni esseri, nell’agosto di quell’anno, vennero visti uscire dal mare del porto di Genova e “gli uni erano con figura umana, ma con le braccia che sembravano coperte di squame e che tenevano in ciascuna mano degli orribili serpenti volanti che si attorcigliavano attorno alle braccia; apparivano solo dall’ombelico in su fuori dal mare, lanciando dei gridi orribili che era cosa del tutto spaventevole; certe volte si tuffavano e ne riuscivano poi in altri punti, sempre gettando dei gridi così spaventevoli che molta gente ne rimase ammalata di paura. Certi sembravano avere figura di donna, altri con forma umana ma con il corpo tutto coperto di squame e con la testa che sembrava quella di un drago.” Sembrerà anche a voi la descrizione di un... uomo evolutosi in altra maniera, un uomo anfibio insomma, adattatosi alla vita sottomarina ma capace di respirare anche fuori dal suo habitat naturale... eppure i Genovesi non credevano di poversi trovare di fronte a uno dei sette saggi della mitologia babilonese: Oannes. Costui era il Dio che portò la scienza, le arti e la civiltà prima del diluvio universale. È sicuramente il più famoso del gruppo degli Apkallus, che la mitologia accadica ci tramanda come un gruppo di esseri simili al primo, che istruirono gli uomini visitandoli spesso e rincasando al tramonto. Ci troviamo quindi di fronte a esseri ancestrali, sviluppatisi ben prima del mondo all’epoca conosciuto, che avevano mani e piedi palmati, il cui habitat era l’acqua ma che potevano vivere anche sulla terraferma. I Maya a loro volta credevano nel Dio Creatore Itzamna, che era un Dio che risiedeva in cielo, ma aveva sembianze rettiloidi. Gli Aztechi, nel corrispondente Dio creatore dalla pelle di serpente Tonacatecuhtli. Per non parlare ovviamente di Quetzalcoatl, Serpente Piumato della Mesoamerica, conosciuto nelle diverse civiltà con nomi differenti. Gli

Egizi invece credevano nel Dio Serpente Aphopis, il demiurgo che cercava di impedire a Ra di giungere a destinazione, e nell’ancestrale Mehen, che aiutava il Sole a sconfiggere la controparte oscura. Nella mitologia scandinava il serpente è raffigurato nel Miðgarðsormr, il serpente che cingendo il mondo arriva a mordersi la coda, e che tornerà a galla dalle acque alla fine del mondo, durante il Ragnarock. Per gli indiani d’America il Serpente è il creatore della vita. E per finire, ovviamente, la mitologia cristiana, dove il serpente è nientemeno che il portatore della saggezza, rappresentata dalla famosissima mela dell’Eden, che dona la conoscenza ad Adamo ed Eva, contro un Dio con uno smisurato senso d’onnipotenza, che egoisticamente vuole tenere la conoscenza per se. Con questo, ho semplicemente voluto farvi notare 60

come in ogni cultura troviamo un riferimento al serpente (che è anche rappresentato nel simbolo della medicina, il caduceo (immagine nella pagina precedente) come portatore di sapienza e conoscenza, e come avete visto, sperando d’averlo descritto in maniera chiara e coincisa, molte volte non ci viene spiegato tutto come dovrebbe esser fatto. Da sempre la storia e l’uomo non si basano che su teorie e statistiche, che ci hanno propinato per dictat, dicendoci sempre ciò che è successo senza un condizionale, cercando di farci sapere ciò che vogliono farci sapere. E chissà, queste alternative, teorie miste a fatti, non sono solo mere speculazioni, e disegnano un’altra Terra, un nuovo Mondo… D’altronde ogni leggenda ha un fondo di verità, vero?


DISCUSSIONI SU FACEBOOK di AA.VV.

I geroglifici di Abydos una foto più grande, si può trovare l'originale in internet? Claudio Pintus accanto all'elicottero io ci vedo una mano chiusa... Grazietta Caredda Forse il pezzo di un bassorilievo... Sardegna Olbialive in internet ho trovato l'immagine più grande ed è un bassorilievo in una trave. L'immagine è autentica, quindi che dire... cavolo forme di vita aliene? o noi stessi che tra poco facciamo un viaggio nel passato? :) Leonardo Melis si, il BASSORILIEVO sta nell'architrave di una porta… Aba Losi in pratica qui si rovescia il 01/12/2011 concetto: OGGETTI definiti SCRITTURA... Leonardo Melis In Egitto... nel tempio di mentre in Sardinia i colleghi degli ABYDOS... dove "altro" abbiamo ARCHEOBUONI egiziani definiscono trovato... OGGETTI quanto è invece SCRITTURA!.. Mariano Uccheddu "ufficialmente" lo Così va il mondo! spiegano come il "casuale" risultato di Giulio Concu Io non credo si tratti di sovrapposizione e sgretolamento di immagini di oggetti provenienti da altri strati di intonaci che hanno dato luogo a pianeti, ma piuttosto immagini della quelle "curiose" forme... Se non ricordo conoscenza tramandata da popolazioni male... molto più antiche degli Egizi, ma Claudio Pintus io intravedo solo terrestri, eccome... Andrea Zep Planu Pazzesco questo "l'elicottero"... Sardegna Olbialive l'elicottero si vede geroglifico.. anche credendo per certi chiaramente e non sembra una forma versi, alla teoria degli antichi visitatori da creata casualmente... questa foto da altri mondi.. dove proviene? e sembra un ritaglio di Tata D'asc l'elicottero, il sommergibile e 61

il carro armato li vedo anch'io... Leonardo Melis Giulio Concu scusatemi, ma è anche il MIO parare... rispettando anche gli ALTRI pareri... NON ESCLUDENDO civiltà ET, ma per logica supponendo CIVILTA TERRESTRI Scomparse... :-) Michele Serra un elicottero, un carro armato, ma se guardato al contrario, una grossa imbarcazione con la cabina… In mezzo a destra invece, con la stessa estremita ritrovata per l'elicottero, un oggetto che ricorda un aereo dalle forme un po' arrotondate... Pierluigi Montalbano Ci sono (oggi come il secolo scorso) anche i buontemponi che si divertono a grattare i geroglifici. Tenete conto che i geroglifici antichi erano in rilievo, mentre in questo caso si tratta di materiale asportato, ossia post Ramesse II. Dubito fortemente che conoscessero queste armi visto che combattevano con frecce scagliate dai carri. Inoltre, come fa notare Leonardo, sono 4 veicoli tutti vicini, come se il buontempone avesse avuto la possibilità di "scrivere" solo in quel bassorilievo. Se trovassimo altri "graffiti" simili potremmo ipotizzare che non si tratta di "falsi d'autore". Ma se fossero autentici… dovremmo riscrivere la storia.


Raimondo Piga come mai, allora, gli Usa stanno sviluppando, mezzi con quelle fattezze?! Giovanni Nonne da profano mi chiedo se non siano opera di qualcuno che vedeva il futuro Marco Serra Forme, immagini, occhio che cerca e trova quello che si sogna, tutto questo è umano. La fantasia più estrema (mi ci metto anche io, onestamente) vorrebbe un passato fatto di contatti con popoli guida, terrestri o no, idea affascinante molto più che non quella proposta dalla archeologia classica alla quale siamo abituati. Ma al momento chi detta legge sono le prove studiate con metodo scientifico e, fino a prova contraria, elicottero e carro armato del passato rimarranno solo segni senza reale spiegazione. Quando si studiano i testi antichi, vedi quelli sacri indù, la stessa Bibbia, i ritrovamenti archeologici di Palenque e Cuzco, ma anche tantissimi altri sparsi per il mondo e ampiamente conosciuti soprattutto dagli amanti del settore, ci viene da pensare ad un mondo passato molto più affascinante di quello che ora conosciamo; tanto per stare in Sardegna l'annosa diatriba tra chi propone una storia antica che porta Atlantide a collimare con la nostra isola e chi invece guarda con terrora a tale idea, è di per se affascinante e ricca di spunti, ma rimane pur sempre solo una idea, un sogno, con nessuna prova realmente riconosciuta (pur se qualcuno dissentirà). Tutto ciò che però parrebbe diaspora è a mio parere solo sana discussione, e rende viva l'attenzione su tutto ciò che può a tutto diritto essere definito CULTURA, a prescindere dai risultati e dalla parte in cui ci si riconosce. Pietro Pintore se non sono diventato scemo vedo anche io ciò che dici Stefano Orrù la fantasia dell'uomo non ha confini ;) figurati che nel museo dell'oro di Bogotà, ho visto dei bellissimi monili in oro massiccio che rappresentavano aeri… ma ops… nella didascalia c'era scritto "rappresentazione di papagalli!" Andrea Zep Planu Questa potrebbe anche essere una opera di un bontempone, certo, ma cosa che a noi mortali non è permessa, perchè non viene fatto un rilievo delle polveri incrostate sui rilievi per capire quando sono stati fatti?? Se fossero opera di un simpatico umorista, esse sarebbero

opere recentissime.. oppure,come in alcuni programmi ho sentito, visto che in questo si notano geroglifici sovrapposti, una serie di lavori di stratificazione dei glifi.. ed il loro significato ultimo quale sarebbe? boh... Andrea Zep Planu per logica, o calcolo delle probabilità, data l'immensità dell'universo dove viviamo, è anche possibile un intervento sulla terra di altre civiltà. Quasi tutti gli antichi popoli parlano di "guardiani" venuti dal cielo... tutta mitologia oppure messaggi inconsci della nostra psiche? mah, qualche dubbio mi viene. Stefano Orrù oppure opera di uomini "terrestri" la cui civiltà è andata persa... distrutta e dimenticata! Andrea Zep Planu La storia credo sia difficile da riscrivere. Ancora oggi, per esempio, nei nostri libri di storia, viene citata la scoperta dell'america al 1492 da parte di Colombo, però vi sono opere dei vichinghi in America del nord antecedenti a tale data. Giusto per mettere la pulce nell'orecchio... che cos'è questo manufatto d'oro? Un uccello? http://www.ufo-contact.com/wpcontent/uploads/2011/05/b5640829338 2-1.jpeg Giancarlo Giamma Longhi Io l'unica forte obiezione che riesco ad avanzare circa le numerose ed incredibili testimonianze come questa è la mancanza cronica di reperti metallici… anche in luoghi ove la corrosione è poco contemplabile… ovvio che l'unico materiale quasi eterno sia la pietra e per tale motivo,proprio per dare testimonianze di eternità,gli antichi lo usavano come materiale primario… ma è impossibile credere a tutta la presunta tecnologia perduta senza la presenza di metallo! Ginevra Antonietta Napoli Buongiorno a tutti, rispondo da egittologa e vorrei specificare che non sono gli archeobuoni coloro che pensano che questa iscrizione sia soltanto uno dei tanti casi di usurpazione, ma sono persone come me, che hanno dedicato decenni di studio agli egizi, detto questo, condivido con voi un immagine e poi dopo do la mia spiegazione.. http://img207.imageshack.us/img207/29 14/dendera.jpg Bisogna prima di tutto spiegare una cosa, questi geroglifici fanno parte della titolatura di un re, chi usurpava tale monumento doveva in qualche modo 62

anche cambiare il nome del suo predecessore e la sua titolatura con la propria, questo effetto è dovuto proprio a ciò che diceva Pierluigi, Ramses II ideò questo stratagemma per evitare proprio delle usurpazioni, di cui lui si era tanto servito. Quindi scopriamo che cosa? che si tratta una sovrapposizione voluta da Ramesse per tramandare che la sala ipostila edificata da Sethi I è stata completata da lui. Ecco qui un altro esempio di geroglifici sovrapposti: http://img812.imageshack.us/img812/96 53/54926029.jpg Infine è tipico del cervello umano cercare riferimenti al proprio mondo, se questi geroglifici non venissero visti con l'occhio moderno ma da chi ha una visione diversa, cioè colui che non è cresciuto in questa epoca, sembrerebbero solo ciò che sono, iscrizioni sovrapposte. Diciamo che è una sorta di criterio di Shepard sul riconoscimento di oggetti familiari indotti da oggetti non familiari. Andrea Zep Planu Ecco il parere di una esperta. Quindi niente opera di buontemponi, ma solo glifi sovrapposti. Milko Tranchese C'è netta differenza fra ciò che è sovrapposto e ciò che invece è chiaro, il problema fondamentale che evidenzia l'egittologia per quanto ha sempre sostenuto ad oggi è completamente out! Ginevra Antonietta Napoli cosa sarebbe chiaro? Tenores De Orgosolo Leonardo poi,intedo il Da Vinci,non è stato questo grande genio,poichè aveva materiale da studiare consegnatoli dal fraticello... Milko Tranchese Sarebbe chiara la sovrapposizione di questo link http://img812.imageshack.us/img812/96 53/54926029.jpg. Mentre la raffigurazione di Leonardo Melis è coincisa! Milko Tranchese Quindi non giustifica assolutamente nulla! Marco Massa Anche io vedo le stesse cose. Milko Tranchese Per essere competenti bisogna abbracciare tutta la scienza non solo l'archeologia, altrimenti sfugge il concetto. Hai notato Ginevra Antonietta le tre piramidi a sinistra? Milko Tranchese E le linee che dividono queste? Massimo Marchetti anche sulle sculture precolombiane io vedo aerei o navicelle spaziali… non certo animali


http://www.2atoms.com/weird/ancient/ plane.htm Milko Tranchese Lasciamo stare gli aerei.. Le vedete le tre piramidi sì o no? Matteo Memoli O si tratta di antiche civiltà terrestri o sono oggetti che provengono da un altro pianeta. Tutte queste armi ce le abbiamo al giorno d'oggi,sono d'accordo con Leonardo, io vedo le stesse cose! Milko Tranchese A me interessa di più (analizzare il concetto) le tre piramidi sono divise, e solo la piramide centrale è intera, le vede l'egittologia? Milko Tranchese Allora se le vede, deve anche notare che la piramide più a sinistra è più piccola! Quindi stiamo parlando di Giza!! Milko Tranchese Di un contesto su Giza. Milko Tranchese Quello che sfugge da sempre all'egittologia. Antonio Vincenzo Orrù pare Sabina Serra io ci vedo anche un'antenna (tipo radioscopio)... Gruppo Archeologico Fiorentino Cddt hai ragione, caro amico..ma lì qualcuno fà il furbo... Morena Madre Terra Fuligni Io non vedo nessun carro armato...vedo invece insieme all' elicottero e al sottomarino una navicella spaziale alla Goldrake... Claudio Mistrali concordo con Ginevra. Da profano dico che quei geroglifici sono molto più probabilmente e logicamente una sovrapposizione di piu strati. se fossero davvero ciò che rappresentano e non fossero oggetti "extraterresti"visti da umani dell’epoca significa che in un passato molto remoto c’è stata una civiltà umana che è arrivata a costruire elicotteri sommergibili e carri armati? Ma per piacere! E i resti di tutto ciò dove sono? Una civiltà che raggiunge un simile livello tecnologico significa che ha raggiunto conoscenze dalla lavorazione dei metalli all’elettronica, matematica, fisica, che non può non aver lasciato alcuna traccia fisica e materiale. Troviamo reperti di dinosauri di milioni di anni fa e manco un elica, una ruota, un pezzo di metallo, vetro o qualsiasi materiale che doveva essere sicuramente conosciuto per costruire cose simili. Torniamo coi piedi per terra… Milko Tranchese Questa purtroppo è l'egittologia, quindi queste tre piramidi sono la rappresentazione di Giza, dove viene messa in forte rilievo la piramide centrale di Chefren simboleggiata

"intera" fre le tre piramidi rappresentative della piana di giza! Francesca Mura Salve Leonardo, premetto che sono un profano, che dopo averla conosciuta tramite un amico appassionato alla sue letture, vorrei approffondire l'argomento dedicandomi alle letture dei suoi libri. Vorrebbe per favore chiarirmi in breve cosa lei pensa di queste immagini in basso rilievo. Anche io vedo ciò di cui lei parla ma… per favore mi dica la sua idea. Grazie Jordy Jay E' solo una parte della faccia della trave. Sarebbe utile capire se gli altri geroglifici che l'accompagnano introducono quei simboli in un contesto o sono "buttati lì". In ogni caso ci sono in giro molti ooparts veramente eclatanti (sempre che sia accertata la loro autenticità). Per quanto riguarda l'Egitto penso sia molto curiosa la "Lampada di Dendera" . Francis Milia la storia, lo sapete benissimo, è tutta da riscrivere… ma guai che si sappiano certe cose… le statue di Monti Prama ne sono un grande esempio... Milko Tranchese Stiamo parlando della rappresentazione di Melis, non di altre tematiche, altrimenti si rischia lo sconfinamento che non porta a nulla come sempre Gabriella Fabiani Leonardo da Vinci disegnava elicotteri aerei ecc... non credo fossero visioni... Milko Tranchese noi sosteniamo "scientificamente" che le piramidi hanno 158'250 anni! Cecilia Marchese Beh... a meno che non si sia dislessici o falsi, quelli sono :) :) :) Anche accettando l'idea che siano semplici sovrapposizioni di geroglifici, pare davvero strano che abbiano dato un risultato così eclatante: avrebbero potuto ottenere l'effetto di un dirigibile soltanto, o di un carrarmato - ma tutti insieme? E' davvero strano. Se si tratta solo di una sovrapposizione, essa resta comunque un fatto misterioso. Andando all'altra ipotesi: scrittura volontaria. Potrebbero realmente essere memorie (non più ben comprese) di un passato arcaico: anche secondo alcuni illustri genetisti (Sermonti), pare che la specie umana sia molto, ma molto più antica di quanto non sia stato sostenuto da gran parte degli archeobuoni. E a quanto pare, nel corso di questi 63

milioni di anni, i nostri antenati (o parenti stretti), gira e rigira hanno tirato fuori le stesse cose. Preferisco vedervi l'opera dli esseri umani piuttosto che il solito, ballosissimo, intervento "alieno" (anche se nulla è da escludere). Purtroppo questa constatazione non mi rende ottimista sulla nostra specie: ad un certo punto del nostro ciclo "evolutivo", ci si fissa con roba bellica. Siamo malati? È questa la specificità umana? Tuttavia, un'altra spiegazione potrebbe consistere nella divinazione. Non dimentichiamo che la magia egizia era rinomata ovunque come la più potente. Dunque: la visione di un futuro (non proprio roseo)? Leonardo Melis HO aspettato i vostri commenti per capire... ho letto gli interventi SICURI di chi accetta queste cose ALIENE o TERRESTRI che siano... Ho letto gli interventi della "Scienza Ufficiale" che parla di SCRITTURA... (In Sardinia abbiamo il problema contrario.. SCRITTURA definita semplici raffigurazioni)… un’altra sovrapposizione? http://cultofamonra.files.wordpress.com /2011/09/4thqrzn_1.jpg ) Milko Tranchese Questa era Atlantide Giza! Leonardo Melis Ho usato anche il termine ARCHEOBUONI per DISTINGUERE gli amici ARCHEOLOGI da COLORO che hanno il POTERE DELLA CATTEDRA e la verità in tasca... Un NEOLOGISMO creato dallo stesso Leonardo (Melis) nei suoi libri, proprio per DIFFERENZIARE.. pur se a qualcuno non piace... ma termini ben peggiori usano LORO nei miei confronti (Loro sono sempre i cattedratici e i Barones dell'archeologia che ha il POTERE).. Roberto Sirigu Stupefacente! Ma come si fa a negare tutto ciò? L'archeologia accademica si dovrebbe vergognare! Totalmente ciechi, prigionieri dei loro dogmi, e della loro ignoranza. Ginevra Antonietta Napoli Allora ti consiglio di guardare meglio, a chi è un profano dell'egittologia questi segni possono essere meno evidenti degli altri come sovrapposizione, io penso che nella vita bisogna parlare con cognizione di causa e chi poi ha avuto la fortuna come me di lavorare ad Abydos, certe considerazioni creano solo ilarità, per il resto credo che basti una semplice


spiegazione... http://img823.imageshack.us/img823/51 08/spiegazioneu.jpg Inoltre invito alla non disinformazione, poichè ognuno di noi è responsabile dell'ignoranza del prossimo. Sul mio sito internet ho appena inserito un articolo al tal proposito ( www.egittoantico.net ) Leonardo Melis Qualcuno mi ha scritto in privato proponendomi ALTRI OGGETTI misteriosi... alieni e non... Ho anche precisato che per me NON VI è NECESSARIAMENTE la mano di ALIENI o ET di sorta... NON escludo altre soluzioni... ma UN CASO lo accetto.. ma addirittura UN ELICOTTERO, UN CARROARMATO e UN SOTTOMARINO INSIEME... lasciano da pensare... sulla CASUALITA'.. Leonardo Melis IL FATTO è che, contrariamente a quanto sosteneva uno dei "forumisti" più su, esistono altri REPERTI e anche METALLICI... non esclusi gli AEREI di Bogotà e lì la scrittura sovrapposta non c'entra... Del resto Leonardo (Melis) stesso ha scoperto un piccolo tempio in Egitto ove ci sono rappresentati MACCHINARI che non dovrebbero essere là da migliaia di anni (Shardana i Custodi del Tempo)... Leonardo Melis http://www.facebook.com/media/set/?s et=a.1829267414423.2105788.13224666 68&type=3 Roberto Sirigu Mi dissocio totalmente dalle affermazioni della signora Ginevra! E sono felice di poter pensare e giudicare con la mia testa! E di poter considerare le tesi non vincolate dai dogmi accademici. con rispetto. Milko Tranchese Ginevra attendo ancora una tua risposta critica alle tre piramidi di sinistra. Grazie! Ginevra Antonietta Napoli ognuno è libero di pensare e dire ciò che vuole, io parlo per me stessa e non dico a nessuno che il proprio pensiero è errato, questa si chiama libertà di opinione, ecco perchè Roberto rispetto chi come te dice la propria opinione dissociandosi o meno da un concetto, e no chi la vuole imporre con arroganza ;) Ginevra Antonietta Napoli quali piramidi? Milko Tranchese Si ma vorre sentire la giustificazione all'evidenza rappresentativa di queste tre piramidi rappresentate, senza troppo evadere. Ginevra Antonietta Napoli Se mi spieghi

dove vedi queste piramidi magari, senza perdere tempo Roberto Meleddu il nostro cervello si è evoluto per trovare significati… vede ciò che vogliamo vedere! Milko Tranchese Quelle tre. I I. I. Portano tre piramidi! Se non vedi questo è solo perchè l'archeologia non è considerata una scienza Ginevra Antonietta Napoli ahahah si è un culto iniziatico, magari rileggi bene quello che ho scritto prima, ho già risposto a questo, guarda per non farti fare lo sforzo di ricercare il punto, ti riposto l'immagine in questione... http://2.bp.blogspot.com/2FvfBaqhnV8/Ttdon8O5lsI/AAAAAAAAB e8/6i8nHiT0A1s/s1600/spiegazione.jpg in alto a destra ;) Claudio Mistrali credo che i fatti parlino da soli. la fantasia può essere bella e affascinante ma con la fantasia non si costruiscono gli aerei! Milko Tranchese Ci sono tre piramidi! Le due laterali sono dimezzate di proposito, mentre la centrale è intera e rappresenta il soggetto sotto inteso! Questa è archeologia scientifica!. Quando l'osservazione è parte determinante per l'investigazione, e non evasiva. Leonardo Melis "con la fantasia non si costruiscono gli aerei..." Vero! ma si POSSONO DISEGNARE.. come fece Leonardo (da Vinci) 500 anni or sono... :). Del resto in EGITTO... non è forse stato trovato un modellino di ALIANTE?... AH! Scusate... per gli archeobuoni è un... colombo! Con al coda a forma di... TIMONE! Milko Tranchese Ho l'impressione che lo sforzo dovresti farlo con più convincimento, nel tuo link NON si parla delle tre piramidi sotto inchiesta! Quindi penso come sempre che l'egittologia è OUT! Claudio Mistrali Scusami Mirko. Archeologia scientifica? Tu sei un archeologo? Uno scienziato? Io qui vedo una egittologa che ha studiato e ha toccato con mano cio di cui si sta parlando, tu che hai studiato, egittologia? Hai visto con i tuoi occhi cio di cui si parla? Hai perso anni della tua vita a studiare quel tipo di lingua? Chiunque potrebbe vedere qualsiasi cosa in quei segni... allora largo all’invenitiva... Milko Tranchese ma completamente OUT, così come la datazione di Giza così come la datazione storica del genere 64

umano. OVER! Andrea Zep Planu A me non sembrano piramidi... sembrano triangoli... Da oggi archeologia non è più scienza... ma fantasia! Mirko Tranchese stai diventando offensivo nei confronti di Ginevra. Claudio Mistrali attenderemo il tuo libro sulla storia del genere umano allora! Illuminaci! Milko Tranchese Incompetenza. Ginevra Antonietta Napoli si certo... oook! Vaaaa beeene! Se è OUT e OVER… ah ah, sinceramente con chi non vede oltre il proprio naso non so bene come approcciarmi, guarda facciamo così, questo è il mio contatto skype kemetblog, questa è la mia email kemet@live.it, in privato posso darti anche il cellulare e l'indirizzo, possiamo discutere come e quando vuoi di qualsiasi cosa tu ti senti di osservare e investigare… sono a completa disposizione! Per il momento mi vorrei avvalere di una citazione di Arthur Bloch, ma sono una signora… Caro Leonardo, come ti ho detto sulla mia bacheca ogni caso è a se, se parliamo di geroglifici di Abydos restiamo su tale argomento, se non parliamo dei geroglifici di Abydos allora ci sposteremo su quel argomento, ma la storia non è la matematica e non sempre 2+2 fa quattro... Ginevra Antonietta Napoli Andrea le offese si pesano sulla bilancia dell'importanza. Ginevra Antonietta Napoli ah Mirko voglio darti un consiglio, quando si espone una tesi bisogna avvalorarla con un argomentazione, dire Out o Over non sono punti di spiegazione, ma solo un monito costante di inconsistenza tematica… giusto un consiglio! Milko Tranchese Ma scusami tanto, non sai rispondere, cosa altro dovrei intendere? Parli di tutto ma distogli l'attenzione su tre piramidi che sono riportate TRE VOLTE SOTTO il segno della (I) che significa DIVISIONE! O linea della neutralità, o meglio ancora zero galattico! Sei o non sei egittologa? Milko Tranchese Non ho nulla contro Ginevra che sia chiaro, ma vorrei spronare per capire il concetto perchè sfugge. Ginevra Antonietta Napoli Ti ho già risposto, quello che tu intendi come segno I in realtà è il numero 1 in geroglifico, sovrapposto al segno che


indica TERRA, ti ho già detto e ridetto che l'avevo spiegato, se poi tu non accetti la mia spiegazione il problema è tuo... Io sinceramente non so che farmene… Anche qui puoi notare la stessa numerazione... http://www.egittoantico.net/2010/10/c ome-misuravano-il-tempo-gli-egizi.html Milko Tranchese Prenderò contatto volentieri via mail con te Ginevra. Il segno I è diverso dal segmento che rappresenta il tuo link, e può essere usato in due modi di eccezionalità, in verticale e in orizzontale, ma rimane sempre una divisione. Lo trovi nell'espressione massima nell'ANKH! Milko Tranchese In orizzontale. Claudio Mistrali la cosa più importante qui e che a qualcuno probabilmente sfugge... il vero punto focale... è che l'atteggiamento di rigidità e conservatorismo che viene contestato agli "archeobuoni" è esattamente lo stesso degli "archeoalternativi" che prendono ogni "pseudoprova" come dogma per avvalorare le proprie tesi, spesso tesi affascinanti e interessanti ma prive di qualsiasi realtà oggettiva. Svilendo così e esponendo al ridicolo chi invece non essendo completamente e supinamente d'accordo con la scienza moderna propone teorie alternative suffragate da prove consistenti e logiche. E non sconfinando in teorie aliene o di civiltà tecnologicamente avanzate (cosa IMPROPONIBILE E ILLOGICA per me) giustificando poi il tutto con prove come questa. Che non stanno né in cielo né in terra. Mirko, con tutto il rispetto, tu hai lo stesso modus operandi della scienza OUT che contesti. Né più né meno. Lucyan Loki Lookinit Leonardo, chiediamoci perchè la chiesa ha oscurato il il bro di Enoch... e molti, troppi documenti importanti. Enoch descrive lo Zodiaco di Dendera e, accompagnato da una persona che lui chiama angelo Uriel, gli viene mostrata la storia dell'umanità fino ai nostri tempi. Dove può avere letto quelle storie se non, scritte nella pietra, in Egitto? Gratzia Pinna e pensare che io credevo questa fosse una normale dscussione, ben venga… Andrea Zep Planu Bellissimo il velivolo di Saqqara. Avevo visto dei video in camera del vento. Pare proprio che i modelli ricreati fossero aerodinamici. Ginevra Antonietta Napoli Milko lo vedi

diverso perchè uno è un segno inciso sulla pietra, mentre l'altro è un disegno, ecco un'altra immagine dove puoi vedere questi simboli: http://www.planetware.com/i/photo/ko m-ombo-temple-of-suchos-and-haroeriswadi-kom-ombo-egy240.jpg Ginevra Antonietta Napoli La chiesa cercò in ogni modo di fermare Champollion, infatti il diluvio universale nel 1800 era stato datato intorno al 2400 a.C., Champollion in Egitto trovò iscrizioni precedenti a questo periodo e fu costretto a tacere. Milko Tranchese Claudio, ci interessa il tema non la filosofia evasiva che non porta a nulla Concentrati sul tema, perchè a me non piace presentarmi extra anticipando il peso di scienziato per questo evito presentandomi come Milko. Milko Tranchese Non sono daccordo Ginevra! Sono due cose distinte e separate. Lo trovi nell'Ankh in orizzontale. Ed è definito nel tempo che rappresenta. Ginevra Antonietta Napoli no Milko stai confondendo, fidati che non è assolutamente così, l'Ankh è un segno a parte, che non c’entra nulla con il sistema di numerazione geroglifico. Giovanna Manca Grazie per il tag, sono bellissimi e sconcertanti sicuramente si riferiscono a una civiltà evoluta e scomparsa, non trovo altra spiegazione perchè anch'io vedo elicotteri sommergibili, oppure siamo tutti visionari? Giovanna Manca Oppure siamo passati dalla palafitte alle piramidi mmh mi sembra strano… in milioni di anni chissà cosa ci siamo persi. Giovanna Manca è interessante anche questo...https://fbcdn-sphotosa.akamaihd.net/hphotos-aksnc6/221756_218032338213218_10000 0193595567_1002198_2440585_n.jpg Giovanna Manca Un oggetto è venuto alla luce con altri di uso comune, dalle rovine di un villaggio presso Nazca, appartenuto a una civiltà, o tribù, nota come il popolo di Vicus, popolo semplice dedicato alla tessitura e al vasellame. Questo oggetto che rappresenta un rullo compressore del XX secolo, completo di tubo di scappamento, di cabina con tanto di guidatore seduto ai comandi, è sconcertante, visto che questa civiltà non conosceva nemmeno la ruota. Il reperto ha più di 3000 anni, ed è stato datato ed 65

autenticato dal museo d'Arte Precolombiana negli Stati Uniti Claudio Mistrali ho la pelle d'oca francamente. Francesco Dazzo Archeologia scienza? Archeologia=conoscenza dei reperti reperiti, loro collocazione nel quadro delineato dalla "patristica" e soppressione o presentazione alterata, quando non addirittura insabbiamento totale, di tutti gli altri che non s'adeguano al quadro canonico; tentativo sistematico di inibizione dei colleghi , giovani o non, che si discostino dall'ortodossia fino alla loro ESCLUSIONE, sinonimo di soppressione professionale. Difesa ad oltranza delle "verità" dei padri della disciplina… Che però, dal canto loro, avrebbero avuto le P... morali di mandare a far...si benedire altrove TUTTO e TUTTI. Nino Seky anche io vedo le tre figure come dice Leo Ginevra Antonietta Napoli http://dizionari.hoepli.it/Dizionario_Itali ano/parola/archeologia.aspx?idD=1&Qu ery=archeologia per il resto ognuno è libero di vagare nell'illusione ottica… Roberto Sirigu Ragazzi tranquilli! La fisica dei quanti sta facendo passi da gigante, tra poco viaggeremo indietro nel tempo e chiariremo tutto : ) pertanto, momentaneamente, impariamo a essere più umili e rispettosi nei confronti del prossimo, le teorie scientifiche, come ci insegna la storia, possono essere effimere. Roberto Sirigu oxford? Ginevra Antonietta Napoli no Cambridge per quanto mi riguarda. Pika E Tinky Salve a tutti. premetto di non essere un archeologo, né esperto di alcunchè se non della mia esperienza. Mi chiamo Claudio. In primis ringrazio Leo per avermi taggato in questa interessantissima discussione. La mia è, si può dire, una passione che curo da circa 30 anni, ne ho ora 43 e non metto nel conto le letture di quando ero bambino, ma posso assicurarvi che ho letto e visto di tutto e di più riguardo a ooparts, misteri irrisolti, fenomeni paranormali e non, insomma per non dilungarmi troppo, posso assicurarvi che ho una vasta esperienza (indiretta) nel campo. Sono propenso a credere all’esistenza di civiltà terrestri tecnologicamente evolute o di alieni


(sarebbe tutto spazio sprecato disse qualcuno). MA SONO ANCHE IL PRIMO E PIU’ ACCANITO SCETTICO RIGUARDO QUESTE COSE. Ho dovuto ricredermi spesso sulle mie convinzioni alla luce di nuovi eventi o fatti prima ignorati e ho sempre lasciato la porta aperta a qualunque ipotesi fantasiosa o meno sulle questioni sopracitate. Per restare sul topic conosco i glifi di Abydos da tempo e sinceramente non avevo mai letto prima di una spiegazione convincente sia da parte dell'archeologia ufficiale sia dall'altra parte, entrambe troppo spesso prese a difendere ognuna i propri interessi e poco propensa a cambiare la propria versione. Io credo che la spiegazione di Ginevra Antonietta sia molto incoraggiante a far luce sulla questione. Essendo scettico ho anche provato a sovrapporre con un software di grafica i glifi da lei riportati nel link e devo dire che la sovrapposizione combacia in maniera alquanto precisa. Posso affermare con una percentuale del 90% che i famosi aereo, sommergibile e tank siano il risultato di una sovrapposizione, mi rimane solo un dubbio, e me ne perdonerà Ginevra, ma non sapendo nulla di scrittura egizia, chi mi garantisce che quelle frasi da lei riportate siano effettivamente scritte così e che invece non siano state 'costruite ad arte' per farle combaciare con quei disegni? Bisognerebbe sentire anche la campana di qualcuno super partes in grado di dire che effettivamente quelle scritte e i disegni siano proprio così. Purtroppo non credo ci sia una persona tale da poter dare questa valutazione e fidandomi della buona fede di Ginevra credo, anzi ne sono convinto, che questa sia la soluzione del mistero "tecnologico" di Abydos. Invidio tantissimo Ginevra che col suo lavoro ha la possibilità di studiare in loco e toccare tutte queste fantastiche cose del nostro passato. Infine una piccola parentesi fuori tema, per chi sopra ha scritto che non esistono prove scientifiche sulle ipotesi 'profane' ma vorrei precisare che spesso le scoperte più grandi sono state fatte grazie all'intuizione o a una teoria nuova. Inoltre, per riallacciarmi a Lucyan, direi che per avere queste prove certe bisognerebbe annullare circa 2000 anni di oscurantismo da parte della chiesa e dei suoi accoliti. I quali purtroppo hanno

cancellato per sempre molte delle prove che la scienza 'ufficiale' tanto anela. Stefano Orrù questo sarebbe un papagallo? http://www.facebook.com/photo.php?fb id=2449543171246&set=a.24495427712 36.123081.1631994406&type=1&theater Ginevra Antonietta Napoli Salve Claudio, la invito a chiedere a chiunque lei voglia, anzi posso farle anche dei nomi di persone che può trovare su Facebook Antonio Crasto Alessandro Biagini , miei stimati colleghi… che hanno teorie alquanto alternative e non dell'egittologia classica come me. Francesco Dazzo Ginevra Antonietta Napoli :...Ah, ma quella è la versione ufficiale... Come DOVREBBE ESSERE, insomma... Ginevra Antonietta Napoli sicuramente è come io e i miei colleghi la viviamo. Pika E Tinky @ginevra Grazie per i nomi, indubbiamente andrò a vedere anche le loro teorie, purtroppo nella giungla di internet non è facile trovare scritti 'attendibili' di qualunque parte siano. E si perde tanto tempo magari a seguire qualcosa che poi non porta a nulla. @claudio mistrali io credo che invece di offendere sia più costruttivo se le parti collaborassero, sia archeobuoni che fantarcheologi (bel termine eh?) :-) per il bene della Verità. Francesco Dazzo Stefano Orrù: Visto! Si tratta di uno dei gioielli della cultura Tolima. Questi si dividono in tre branche: a) l'artista l'ha visto e fabbrica il modellino (sono deglijet veri e propri); b) l'artista NON lo ha visto e riporta le descrizioni (sono quelli che SOMIGLIANO molto ad un aereo); c) l'artista non dispone nemmeno di una descrizione, ma sa che i colleghi ne vendono tanti e li fabbrica anche lui (sono quelli che più si discostano da un aereo). La base comune è che volessero proporre un aereo. Quello da te postato appartiene alla terza branca ma sempre notevole è! Stefano Orrù ti assicuro che vederli dal vivo e in fomazione (chi ha fatto la bacheca nel museo doveva essere un burlone) faceva un certo effetto! Claudio Mistrali pika… con tutto il rispetto e la buona volontà di questo mondo, ma secondo te come si fa a costruire un dialogo (sul nulla) costruttivo con personaggi che affermano di vedere elicotteri dove non ci sono (senza peraltro nemmeno leggere 66

la reale spiegazione di tali disegni) che ti parlano di zero galattico e piramidi/radiofari che pilotavano navicelle… civilta' tecnologicamente evolute che a parte qualche "giocattolo", che PARE sembrare un aeroplano, non hanno Lasciato alcun reperto TANGIBILE di tale tecnologia? Come se non bastasse chi gli dimostra il contrario o semplicemente ritiene tali affermazioni oggettivamente irrealistiche o QUANTOMENO VISIONI PERSONALI e non suffragate da alcuna prova viene bollato come incompetente o CENSURATO sul proprio gruppo semplicemente perche il mio pensiero non condivide queste sciocchezze (per non ripetere il termine che qualcuno ha cosi traumaticamente offeso). Ti pare si possa avere un qualche tipo di dialogo costruttivo con chi vaneggia teorie senza alcun riscontro reale e te le vuol passare come verità negate alle masse? Ma perfavore… lo ripeto e ribadisco: questi personaggi esilaranti sono la ROVINA dell’archeologia alternativa e fautori dell IGNORANZA delle masse. Altro che dialogo costruttivo. Io dialogo con chi argomenta le proprie tesi con un minimo di BUON SENSO… Se parliamo di favole questa non è archeologia ma FANTASIA. Il resto sono solo, appunto, favole! Leonardo Melis Conosciamo gli AEREI di Bogotà, le LAMPADE di DEN.DERA, IL MECCANISMO DI ANTIKITERA, LA LAMPADA DI BAGDAD, LE LAMPADE DI DEIR EL MEDINET, L'ALIANTE DI SAKKARA... IL VOLANTE (SCOMPARSO) DEL MUSEO del CAIRO (visto con i miei occhi)… la BUSSOLA SHARDANA… LA NAVICELLA DEGLI URALI… Son tutti… GEROGLIFICI? Leonardo Melis RIMANE lo sgomento che GEROGLIFICI SOVVRAPOSTI diano… non UNO, ma ben TRE MEZZI MECCANICI perfettamente noti all'UMANITA'… perchè non dovremo dubitare? Un elicottero poteva anche starci… Ma anche il CARRO ARMATO E il SOTTOMARINO mi pare un poco esagerato… Paola Lai Non sarebbe male però se anche tu Claudio Mistrali, potessi dimostrare non solo che queste sono "visioni personali", ma che anche tu non vaneggi teorie senza riscontro e che non sia - anche tu - fautore di ignoranza delle masse, come di fatto è dimostrato dai testi scolastici che tutti abbiamo avuto la


disavventura di leggere e persino studiare. Fortunatamente è dimostrato che non viviamo più nelle caverne e che la civiltà ha fatto grandi passi e c'è stato chi ha dimostrato una preveggenza inimmagginabile. Forse è meglio cominciare a pensare che l'uomo moderno, il genio, lo scopritore non ha scoperto proprio niente di nuovo ma sta solo ripetendo ciò a cui "altre" culture addirittura forse più evolute di noi erano già arrivate. Non si spiegherebbe altrimenti come nell'arco degli ultimi cento anni, si sia arrivati così facilmente a ciò che pareva impossibile (la Luna?, le cominucazioni? Ecc.). Perciò, limitati eventualmente ad esporre con chiarezza le tue teorie e non a parlare di personaggi non meglio identificati fautori dell'ignoranza delle masse. Abbiamo molti esempi di personaggi esilaranti che veramente sono la rovina dell'archeologia, e li vediamo e li sentiamo quotidianamente. Non siamo più una massa di ignoranti come molti vorrebbero, abbiamo la capacità di pensare e di ragionare con le nostre teste e di discernere quando qualcuno tenta di pigliarci per i cosidetti "fondelli". Fortunatamente c'è qualcuno in grado di aprirci gli occhi che per troppo tempo ci hanno violentemente chiuso facendoci credere che non avessimo le capacità intellettuali per arrivare a capire. La massa NON E' STUDIATA, non sa, non capisce e si lascia imbrogliare dunque da un qualunque Leonardo Melis che ci racconta una montagna di favole. Grazie LEONARDO, continua così ti prego, rovinaci con la tua meravigliosa ARCHEOLOGIA ALTERNATIVA! E con tante, tantissime FAVOLE! Franco Vacca Premetto che non ho letto i commenti precedenti. Ho letto su Fenix, più di un anno fa, che questi geroglifici, erano le sovrapposizioni dei sigilli di due Faraoni, Seti I e quello, di cui non ricordo il nome, che venne sepolto nella stessa tomba tempo dopo. In pratica, spero di ricordare bene, il sigillo di Seti I venne in parte cancellato, con scalpelli… e v’incisero sopra l’altro stemma, con il tempo parte del secondo sigillo è andato perso e questo sarebbe il risultato che vediamo oggi. Franco Vacca Certo, sono d'accordo con Leo, troppe casualità fanno pensare, non una ma tre mezzi moderni… Leonardo Melis Infatti si dice "UN CASO

Paolo Bondielli Riguardo gli ufoglifici è casuale, DUE CASI sono una TEORIA… TRE CASI sono… SCIENZA!" propongo una riflessione a questo link: Francesco Dazzo Guardate, mi sembrò https://www.facebook.com/photo.php?f strano, la prima volta che vidi l'immagine su "Focus" (che di solito NON leggo. In quel numero pubblicava una smentita e riconosceva che l'immagine fosse reale) che le immagini fossero tali e quali a quelle che disegnavamo quand'eravamo ragazzi, ma quando mi capitò l'immagine del sottomarino… Se permettete, cercherò di pubblicare l'insieme scomposto… Osvaldo Carigi I presunti mezzi meccanici in argomenti fanno il paio con l'altrettanto presunto alieno immaginato in una tomba egizia: http://www.facebook.com/photo.php?fb id=2781833833141&set=a.27818335531 34.149990.1477055163&type=3&theater Bisogna andarci cauti, molto cauti con certe interpretazioni… Si rischia lo sberleffo da parte dell'ortodossia accademica e quindi a scapito di una seria ricerca alternativa. Francesco Dazzo http://i43.tinypic.com/2vv6iz8.jpg[/IMG] Leonardo Melis OSVALDO… qui non c'è nessun pericolo di sberleffo. Da parte della cosidetta ORTODOSSIA. CHE ha i suoi passati guai da… SBERLEFFARE… e le sue ridicole interpretazioni di oggetti come il CALCOLATORE DI ANTIKITERA… e la LAMPADA di BAGDAD… Non parlando delle interpretazioni di alcuni bronzetti shardana… Come le NAVICELLE di BRONZO che sarebbero state LAMPADE A OLIO con tanto di APPICCAGNOLO (anello) finchè non arrivò Leonardo (Melis) a fargli notare che appendendole L'OLIO SI ROVESCIAVA… e che quell'appiccagnolo altro non era che un supporto per un MAGNETE ricostruito da un INGEGNERE ARCHEOLOGO come PINKERLE e un altro INGEGNERE del CNR. Leonardo Melis QUESTO: http://www.facebook.com/photo.php?fb id=1955009757903&set=a.10582222987 77.2009848.1322466668&type=3&theat er La BUSSOLA sulle navi SHARDANA. La scoperta della bussola nelle navicelle… Tutto quanto gira intorno al'epopea di questi antichi popoli e ai libri di leona… Leonardo Melis Questa… http://www.shardana.org/magnete.JPG La vela triangolare o VELA LATINA MODERNA non fu inventata, come si crede, da...Visualizza altro 67

bid=2717096497454&set=a.2717095777 436.143221.1558250926&type=1 Pika E Tinky @mistrali posso capire lo scetticismo, come ho detto io sono il primo degli scettici, ma non per questo cerco di denigrare le altrui posizioni, anzi mi avvalgo delle loro teorie per arricchire le mie e magari arrivare ad una soluzione credibile. purtroppo ciò che sostiene la scienza ufficiale riguardo a certi argomenti è a dir poco risibile perchè chiusa nell'ostinazione di avere essa stessa la Verità. molto, troppo spesso si dimentica che siamo esseri pensanti e che l'ignoranza del popolo è cosa d'altri tempi. Ormai le fonti sono tali e tante che chiunque può arrivare ad una conclusione coi propri mezzi. Purtroppo gli archeobuoni tengono ben stretti a loro i dati e tutto ciò che potrebbe dare risposte impedendo a chiunque non sia un "eletto" di poter analizzare e\o dare il proprio apporto. Francesco Dazzo Osvaldo Carigi: Lo sberleffo dell'ortodossia accademica è sempre SCONTATO e non desta alcuna preoccupazione in chi si è messo su questa via… A mia volta ho avuto modo di fare i miei sberleffi a un certo numero di accademici per argomenti che non abbiamo ancora toccato. Tu stesso hai appena postato un depistaggio: "L'alieno" di cui si parla NON È il presente, ma è un'immagine scolorita nella scala della tomba di Sethy, se non ricordo male… La mostrò Hawass, aggiungendo: «Quì non si vede bene, guardate ora questo» e mostrò un bassorilievo simile a quello da te postato. Spiegò che si trattava di un vaso di fiori e frutta, o qualcosa del genere. Come vedi, però, io ho colpo d'occhio e buona memoria visiva, cosicchè sono in grado di dirti che, sia pure scolorita, l'immagine SOMIGLIAVA al vaso e basta. Vincenzo Di Mauro Assolutamente d'accordo con l'egittologa. La propaganda filo-aliena ci bombarda dagli anni 50. E noi vediamo quello che vogliamo vedere. Per precisare la Chiesa non ha occultato un bel niente. Enoch è un apocrifo sia per i cristiani che per gli ebrei. Tutto qua. E il diluvio accadde, secondo la tramandazione orale, 1668 anni dopo la Creazione, ossia nel 2400 a.C. o giù di lì. Ci si può credere o no, ma


le cose stanno così. Leonardo Melis Vincenzo .. sei in vena di CELIE? Leonardo Melis 1668 a.C. secondo il calendario shardana? Leonardo Melis OPPSSS! Volevo dire calendario di NIPPUR. Vincenzo Di Mauro Dovremmo rivedere anche la tomba di Palenque, dove tutti vedono un astronauta (vestito col costume tipico dei Maya, come vedere mio nonno in costume sardo che guida un jet, stessa cosa) Marcello Scorpioni Anche io li vedo ma mi assicuri che la pietra è originale e antica? Perché se è così avvalora oltre ogni mia immaginazione quanto da me asserito nell'articolo Vincenzo Di Mauro Hai ragione Leo, mi correggo. Il Diluvio secondo il calendario ebraico, avvenne 1656 anni dopo la Creazione. Osvaldo Carigi Leo, io ho parlato infatti di "certe" interpretazioni intendendo quella in argomento e il grigio (sic!). Quelle citate da te sono scoperte che hanno fatto vacillare l'ortodossia, specialmente Antikitera. Lo sberleffo subentra quando si accampano fantasiose interpretazioni che non hanno nulla di concreto e danno vigore a coloro che considerano bislacchi tanti seri ricercatori alternativi. Eppure basterebbe leggere un libro come 'La scienza misteriosa dei Faraoni' di Moreux per porci seri interrogativi sulle conoscenze degli antichi egizi (e non solo). Vincenzo Di Mauro L'Esodo 2448 anni dopo… Osvaldo Carigi Francesco, la seria ricerca alternativa dà molto fastidio all'ortodossia… quella seria però… e non i missili, l'ET o i carri armati nell'antico Egitto. Osvaldo Carigi Ho parlato di missili non a caso: http://www.facebook.com/photo.php?fb id=1946930921090&set=t.1554574839&t ype=3&theater E' seria ricerca alternativa questa? Leonardo Melis Siamo qui… Ognuno può dire la sua e la verità assoluta, almeno in questo caso, non ce l’avedo manco io, né dall'una né dall'altra parte. Anche la faccenda dei geroglifici sovraposti fa acqua… Osvaldo Carigi http://www.gianobifronte.it/2_ARGOME NTI/2q_radici_dell_uomo/2q1_archeo/b

1_05_la_scienza_misteriosa_dei_faraoni. htm Francesco Dazzo Osvaldo, quel missile lì è un fake e su queste "pagine" se n'è già parlato, invece se tu vedessi la collezione di ooparts che ho resteresti di stucco. È chiaro che se illustri archeologi hanno fatto dichiarazioni false in merito, o geologi professionisti hanno detto di aver trovato quella certa cosa lì dov'è dichiarato, allora sono tutte falsità. Ma si da il caso che moti di questi HANNO PAGATO UN FORTISSIMO PEGNO per le loro affermazioni, e questo rende la cosa più credibile. Dunque, se un paleontologo intravede in strati intatti, SOTTO le ossa di un mastodonte, un mosaico e lo fa ripulire, dobbiamo chiederci da quanto tempo stia lì e, naturalmente, CHI LO ABBIA FATTO. Se viene trovato un "piede" meccanico di alluminio puro al 98 % sotto i resti di un altro mastodonte in strati intatti, dato che l'alluminio è stato sintetizzato nei primi dell'800, e non con tale purezza, tu non vuoi arrivare a ipotizzare che: - o fu fabbricato sulla terra da una civiltà ipertecnologica di cui non sappiamo niente; - oppure arrivò sulla Terra (allora) portato a un "qualcuno" a bordo di "qualcosa"? E queste non sono che due gocce d'acqua nel mare, eh… Francesco Dazzo Vincenzo Di Mauro: Abramo è nato ad Ur dei Caldei, e quand'era piccolo gli raccontarono del diluvio e di Utnapistin (il Noè originale) ecc. Da adulto, trasferitosi nei pressi di Sodoma, quindi del Mar Morto, si trovò a raccontare ai bambini lo stesso racconto che aveva sentito fare da piccolino… Ma non s'aspettava proprio che tale racconto venisse inserito in un libro di "verità", come se lui ne fosse stato in qualche modo un testimone o come se avesse riportato una vera tradizione ebraica... Il racconto è stato scritto in cuneiforme qualche millennio prima di lui, e ciò SCOMBINA la datazione ebraica (E non è la sola cosa, che la scombina). Francesco Dazzo Vincenzo Di Mauro: dimenticavo: L'astronave di Palenque, SENZA l'astronauta, la ritrovi sempre nella stessa area, con degli energumeni che la stanno… osservando? Caricando di qualcosa? Non saprei. Ma, e questa è una cosa che mi ha infastidito non poco quando me la son sentita portare da 68

gente che CREDEVA di potermi smontare con così poco, NOI, DEL 2011 d.C. non conviviamo forse con gli aborigeni? Non conviviamo con leoni e rinoceronti e lupi e tutti gli animali? E dunque cosa impediva che una società civilizzata, terestre o no, convivesse con mastodonti o anche con dinosauri? Altra cosa: quando tutti ancora usavano giacca e cravatta, io andavo in jeans e chiodo e maglione alla dolce vita. Ora tutti vestono più o meno come me allora. Io me ne andavo a cavallo in pantaloncini e calzettoni quando tutti vestivano, in modo elegante o in abiti da lavoro, alla cavallerizza. Ho letto di 'nu pezz_e _fetiente di comandante di lager che al mattino s'affacciava con pigiama, a torso nudo e con un cappello da cowboy e carabina e sparava a casaccio sugl'internati. Io stesso, se potessi fare un viaggio in un razzo, possibilmente mi vestirei con pantaloni e giubbotto jeans e casco spaziale (possibilmente jeans anche quello). Perchè mai Pacal non deve aver ragionato come me? Carla Pinna Leonardo, se sono geroglifici che gli esperti traducono e dimostrino non credi!? Personalmente a occhio vedo ciò che vedi tu ma a tradurre non mi azzardo per onestà ciao. Claudio Mistrali Signori cercherò di farmi capire bene perdonatemi per la lunghezza: un conto è affermare che ci sono "indizi" interessanti che andrebbero presi più in considerazione dalla scienza ufficiale nell’ottica dell'esistenza di una probabile civiltà (o più civiltà) esistita prima del diluvio o chissà quando. Una civiltà che aveva gia nozioni avanzate come l'astronomia, un qualche livello di conoscenza della matematica, dell’ingegneria navale, della navigazione etc… che abbia magari colonizzato le coste di vari continenti e che sia stata spazzata via dopo le varie fasi di deglaciazione. Fin qua si può e si dovrebbe discuterne ed è grave che la scienza moderna ancora ignori tale possibilità nonostante più ritrovamenti possano far pensare il contrario. Un conto è prendere un’immagine , vederci quel che si vuole vedere (la mente fa scherzi curiosi) e asserire che sono esistite civiltà avanzate come la nostra, scomparse guarda caso senza lasciare la minima traccia inconfutabile, e poi giustificare tale affermazione con qualsiasi cosa capiti sotto mano che


possa in un qualche modo riprovare tale tesi. Mi viene da ridere onestamente a sentir dire che è la sola spiegazione per cui abbiamo vissuto un balzo tecnologico nell’ultimo secolo è che ci devono esser state civiltà prima di noi evolute quanto e piu della nostra e noi stiamo solamente ripetendo quel che avevan gia raggiunto loro. Ma che diavolo di tesi è? Signori, la realtà dei fatti è che se fossero esistite civiltà tecnologicamente avanzate in passato, sulla terra ne avremmo trovato traccia e non parlo di presunti disegni di aeroplanini, di qualche bussola o lampada primitiva che può essere anche esistita ma NON è PROVA di una civiltà tecnologicamente avanzata come la nostra! Semmai indizio di una civiltà che aveva nozioni di navigazione, di matematica, di fisica ma ben lontane dai livelli dei nostri giorni. Una civiltà per raggiungere un livello di conoscenze tali da poter lavorare i metalli, conoscere e mettere in pratica la chimica, la fisica moderna, l'ingegneria su vari settori, la matematica… avrebbe lasciato tracce evidenti e materiali di tutti quegli oggetti costruiti artificialmente che ti permettono di arrivare a simili conoscenze tecnologiche. E di metterle in pratica! Attualmente non mi risulta siano stati ritrovati aerei, sommergibili, carri armati, QUALSIASI DI TIPO DI LEGA LAVORATA in modo avanzato, né un qualsiasi manufatto che confermi l'esistenza di mezzi MECCANICI nel passato del pianeta. E andiamo indietro di centinaia di milioni d’anni. Abbiamo trovato resti di dinosauri, costruzioni megalitiche vecchie di svariati millenni (proprio come tanti fantarcheologi affermano), resti di uomini e dei loro piccoli strumenti primitivi MA non UN SINGOLO BULLONE! Voi credete che se l'umanità scomparisse da qui a 10 milioni di anni un altra civiltà avanzata come la nostra non ritroverebbe uno straccio di reperto quando noi troviamo scheletri di centinaia di milioni di anni fa? Ma me la volete almeno mostrare una cintura, un orologio, un qualsiasi manufatto MECCANICO con congegni e magari un qualche tipo di motore o alimentazione? Per favore, non parlo di lampade che per quanto tecnologicamente avanzate, per il tempo potevano al massimo illuminare un lumino da cimitero. Questo si chiama RAZIOCINIO, quello che usano i veri studiosi di queste tematiche che

affrontano teorie o ipotesi con spirito scientifico e mente aperta. E fino a prove certe e inconfutabili penso sia controproducente andar a scomodare gli alieni, i carri armati né civiltà che nemmeno lontanamente possedavano conoscenze tecnologiche pari a quelle acquisite negli ultimi secoli. Gramhan Hachock e le sue ricerche possono essere una buona lettura secondo me . Per il resto c’è troppa fantasia e troppi individui che scrivono teorie basate sul niente del niente solo per alimentare un mercato che li arricchisce monetariamente ma non arricchisce alcun essere umano ne tantomeno la scienza perché son tutte balle e la scienza lo dimostra come lo ha dimostrato Ginevra, un’egittologa che ha studiato a Cambridge e mi pare sia ben più credibile di tanti qui dentro. Se permettete, altrimenti io da domani mi posso inventare la mia personale (e lo ribadisco) stronzata, e solo perché gli altri non mi devono denigrare ma devono rispettare la mia opinione PERSONALE posso andarla a raccontar per vera a chi mi pare. Non è cosi che si scrivono i libri di storia per fortuna. Finisco, perdonatemi, con lo specificare che ogni riferimento qui è casuale. Ho letto il libro del signor Melis acquistato due anni fa presso le rovine di NORA e l'ho trovato estremamente interessante. Giudico parte della sua teoria sui Shardana una più che reale possibilità, sono d'accordo che la scienza e storia ufficiale nega un’importanza del popolo sardo dell’epoca che andrebbe rivista, ci metto dentro anche la lampada egizia, le bussole etc.. MA rimango onestamente oggi basito dalle sue affermazioni in merito a questi geroglifici e in merito al fatto che cose simili siano riprova di civiltà tecnologicamente avanzate come e magari piu della nostra, evidentemente ho sopravvalutato parte del suo pensiero. Senza offesa ma io lì non ci vedo alcun carro armato, alcun sommergibile, alcun elicottero e non ho bisogno di fare lo zoom col pc come qualche fantasioso individuo mi consiglia. Scientificamente è stato dimostrato che in ogni caso non è cosi ma anche se fosse ne avremmo dovuto trovar la minima traccia materiale. Quando troveremo una brugola, un martello, un trapano, una fresa, o un qualsasi oggetto simile che confermi e assicuri l'esistenza di mezzi 69

meccanici di qualsiasi tipo verrò qui personalmente a farvi le mie più umili scuse. Temo che in questa vita non accadrà. Osvaldo Carigi Quando parlo di ricerca alternativa mi riferisco soprattutto a interpretazioni su vicende del nostro passato che non sono accettate dalla storiografia ufficiale. Molti studi di ricercatori 'eretici' hanno effettivamente inoculato sorprendenti scomodi dubbi sulla storia dell'umanità veicolata dai cosiddetti canali ufficiali. Il dramma si consuma quando si vuole ad ogni costo 'vedere', in buona o cattiva fede, realtà clamorose anche su situazioni che appaiono inconfutabilmente tranquillamente spiegabili. Rimanendo nell'ambito dell'antico Egitto nessuno mette in dubbio il fatto che quel popolo, o meglio coloro che detenevano un antico sapere, ci ha lasciato testimonianze che ancora oggi sfidano la nostra logica e la nostra tecnologia, ma attenzione a non vedere ovunque omini verdi… Francesco Dazzo Ma in effetti c'è un perno, qualche vite, tre bitte di ferro (per ancorare le navi al porto), un piede meccanico d'alluminio (l'attributo della funzione di "piede" è arbitraria, lo convengo, ma l'articolazione e la lega NO), una navicella spaziale con tanto di pilota in terracotta, un po' di MICROMECCANICA, tubi e sfere, frutto di TECNOLOGIA e tanta, ma PROPRIO TANTA, altra roba interessante. Se avete presenti gli schemi delle tombe della Valle Dei Re, avrete allora anche presenti il dedalo di gallerie ISTORIATE che sprofondano nella terra. E come sono state istoriate? al buio? con un gioco di specchi? e la luce non si affievoliva facendo curve e giravolte, fino a ridursi a nulla? Con le torce NO, SICURO, perchè avrebbero lasciato la fuliggine nel tetto.... E dunque c'è ancora da scoprire COME furono fatti disegni, geroglifici e abbellimenti vari, là sotto! Che tutto ciò NON venga riconosciuto dalla scienza non importa più a nessuno, perchè di fatto la ROBA è lì, e anche il più sempliciotto dei contadini se ne scopre l'esistenza non potrà che consigliare agli accademici di cambiare ottica o di cambiare lavoro. Che poi si vedano foto deformate, o oggetti consimili moderni arrangiati, o si facciano sparire reperti, ecco, questa è


proprio una cosa che non va assolutamente bene. Per il resto, invece, se uno vuol vedere in aerei e sottomarini i cartigli di questo o quel re, si accomodi pure. È solo un problema suo. Giovanna Manca La verità in tasca non ce l'ha nessuno, c'è ancora tanto da scoprire, da fare ricerche sotto il mare, sotto la sabbia e sotto i ghiacciai e da scovare antiche scritture nascoste chissà dove, chi ha passione e buona volontà cerchi cerchi cerchi… Vincenzo Di Mauro Francesco, concordo, però Abramo studiava in casa di Noè prima di uscire da Ur, e conobbe Sem (Melkisedek). È appunto un problema di cronologia se è vero che Abramo visse non so quanti secoli. Anch'io rimango spiazzato, eppure i Testi dicono questo. Ad esempio lo Jasher data più o meno allo stesso periodo l'Esodo degli ebrei dall'Egitto e le guerre puniche! Sergio Gabriele Cossu C'e un "piccolo" particolare. Quante sono le probabilità esistenti che in una lapide di 3500 anni fa, ci siano riprodotti contemporaneamente un oggetto che somigli ad un elicottero ed un altro che somigli ad un carro armato? Non oso neanche pensare di calcolarlo. Se poi a fianco a i due ne esiste un terzo che assomiglia ad un sommergibile, allora signori è molto più semplice accettare che gli egizi sapessero della loro esistenza piuttosto che solo tentare un improbabile arrampicata negli specchi. Paolo Bondielli Un contributo alla discussione (in inglese): http://fragileearth.tripod.com/egyaircraft.htm Paolo Bondielli Riguardo invece la "lapide" vorrei ricordare che si tratta di una trave all'interno del tempio di Abido. Ripropongo qua il link dove è possibile guardare la trave per intero e non solo nel dettaglio dei celebri geroglifici: https://www.facebook.com/photo.php?f bid=2717096497454&set=a.2717095777 436.143221.1558250926&type=1 Paolo Bondielli @Carla Pinna: Carissima Carla, i geroglifici sono stati tradotti e il loro significato è il seguente: parte che dovrebbe essere stata scritta da Ramesse II: "Protettore d'Egitto, conquistatori dei Paesi Stranieri"; parte che dovrebbe essere stata scritta da Seti I: "Conquistatore dei Nove Archi". In effetti se sovrapponiamo i geroglifici che compongono queste due frasi, otteniamo

qualcosa di molto simile a quanto appare sulla trave nel tempio di Abido. Oltre tutto tali iscrizioni sono perfettamente coerenti con quanto scritto nel resto della trave e persino il cartiglio che le segue presenta lo stesso tipo di sovrascrittura. Dal punto di vista filologico quindi sembrerebbe esserci una chiara indicazione sul fatto che non si è di fronte ad aerei, elicotteri e carri armati. Questo ovviamente non significa che è stata definitivamente smentita l'esistenza nell'Antico Egitto di tecnologie diverse da quelle che conosciamo, ma che forse non siamo di fronte alla prova che ne possa dimostrare l'esistenza. Sergio Gabriele Cossu Naturalmente la mia considerazione sul calcolo delle probabilità è valida solo nel caso siano stati gli antichi egizi a scolpire gli starni oggetti. La cosa strana è che il tempio è stato scoperto prima che quei tipi di veivoli fossero inventati (tra l'altro un elicottero con quella forma è recentissimo), e possibile che nel frattempo nessuno si sia accorto dell'aggiunta? Molto, molto, molto strano. Leonardo Melis LA VITE, quella di metallo, non il frutto, si ritene sia stata inventata dai Greci (Architta), perchè allora in Sardinia esiste questo manufatto in bronzo del II millennio a.C.? Leonardo Melis QUESTO, rintracciato da Leonardo Melis http://www.facebook.com/photo.php?fb id=2468073184168&set=a.11269652973 09.2020847.1322466668&type=3&theat er LA VITE invenzione SHARDANA? "L'invenzione della vite è comunemente attribuita a… Leonardo Melis Questo è un REPERTO TECNO IN METALLO di 4000 anni fa per rispondere a qualcuno che sosteneva la NON ESISTENZA di reperti simili, non ricordo chi. Leonardo Melis E per sdrammatizzare… http://www.facebook.com/photo.php?fb id=2588883284345&set=a.11269652973 09.2020847.1322466668&type=3&theat er Claudio Mistrali me ne esco da tale discussione con la pelle d'oca. Buona caccia a gli omini verdi e ai carri armati prediluviani! Stefano Giuseppe Sogari IL fatto che un rilievo in Sardegna mostri questo tipo di immagini vuol dire semplicemente che 70

all'epoca erano visibili tali cose, non solo in Sardegna ma altrove. Comunque io non sono uno scienziato ma dire che queste immagini siano non un carro armato, un sommergibile ed un elicottero (l'altro coso mi sembra un radar o una rampa lanciamissili) ma un vaso di fiori, un cesto di frutta e un pesce vuol dire che ci stanno prendendo per il… e che pensano che la popolazione sia fatta di imbecilli per il 90%. Claudio Mistrali http://www.egittologia.net/portals/0/art icoli/UfoGeroglifici.PDF Milko Tranchese con molta probalità se non certezza, il pianeta Marte orbitante nella quarta orbita, rispetto alla terra posizionata nella terza, ha sviluppato prima la vita, molto prima che sulla terra, dovuto grazie al processo di raffreddamento avvenuto in tempi più rapidi per la posizione orbitale più distante dal sole. Quindi c'è una forte supposizione in corso che l'anello mancante umano non possa escludere un' origine marziana di colonizzare del pianeta delle scimmie neanderthal per questioni di sopravvivenza potrebbero essere fuggiti ad una eventuale rarefazione in corso della propria atmosfera dovuto al raffreddamento del nucleo ferroso di Marte. La sfinge del complesso di Giza secondo la giusta datazione di 160'000 anni fà "secondo attente analisi di studio che presto pubblicheremo per la felicità dell'egittologia" rappresenterebbe il passaggio da animale al sapiens sapiens. Da qui riteniamo essere avvenuta la conoscenza primaria degli dei adorati dagli uomini. Oggi la Nasa è interessata fortemente all'esplorazione di Marte, proprio perchè questa conoscenza porta le spiegazioni sulle probabilità a discapito delle incongruenze dei reperti archeologici ad oggi "inspiegabili per le cronologie storiche di datazione" di contro, c'è da sottolineare che il pianeta venere nella seconda orbita dal sole, ha tutte le caratteristiche fisiche per lo studio dell'evoluzione geologica che sono indiscutibilmente molto più interessanti rispetto allo studio geologico del pianeta marte, e potrebbero rivelandoci molte incognite legate alle prime origini della vita, non solo, Venere è anche posizionato più vicino come distanza per una logistica di studio e la sua forza di gravità è simile a quella terrestre. Perchè


andiamo su marte!! Mentre El cairo in arabo significava marte, la sfinge in passato era colorata di rosso! Carla Pinna ora focalizzo meglio Paolo Bonelli grazie per la precisazione. Di fatto se hai notato il mio intervento era sia un invito ad approfondire che una riserva di commento da parte mia. La verifica nel tuo mi ha riportato a un'altro intervento sull'argomento fatto altrove (ora non ricordo dove) ma era relativo alla questione delle sovvraposizioni su testi antecedenti da parte degli egizi. A prescindere dallo specifico e dalle correnti di pensiero sulli stesso , la domanda che mi pongo è la seguente. Se la traduzione del precedente sia o no una

continuità di pensiero che in sucessione ci illustra il proseguo di un concetto costante che si tramanda o piuttosto che non sia un tentativo evoluzionista del secondo.In altre parole le due opzioni sono due correnti di pensiero differenti ? Andrea Mereu Leo, a proposito dell'immagine, tempo fa parlammo di "alieni" e tu mi dicesti di non credere all'eventualità ma di volerti occupare unicamente della storia documentata. Giovanna Masi E' una gioia infinita vedere questi disegni , ciò dimostra che gli egizi erano una colonia atlantidea e avevano già compreso come si faceva a costruire mezzi e strumenti per volare… che già gli atlantidei, con i loro calzari ai

piedi si spostavano e volavano da un posto all'altro. Milko Tranchese questa immagine postata da cui nasce la discussione, (è un rilivo) di eccessiva consistenza, quindi dubito fortemente ad una sovrapposizione, ma come un popolo che ha costruito le piramidi di questa maestosità ingegneristica pensiamo che si disturba di riscavare un'altra incisione? È follemente incredibile quanto ridicolo solo a pensarci!

L’ENIGMA DELLE ORIGINI DELLA RAZZA UMANA Poche volte mi è successo di finire un libro e di aver voglia di leggerne subito un altro sullo stesso argomento. Solitamente chi scrive ha l’ambizione di voler essere esaustivo nel tema trattato e devo dire che, spesso, l’obbiettivo è raggiunto in modo convincente. D’altra parte di autori bravi in giro ve ne sono parecchi, così come non mancano i cosiddetti“pataccari”. Difficile, invece, è saper discutere di un argomento in modo semplice ma rigoroso, sintetico ma non superficiale ed informare compiutamente il lettore senza saziarne la voglia di conoscenza. Penso, però, che Simone possa esserci riuscito (ed in fondo non avevo dubbi, avendo già apprezzato il suo precedente Tracce d’Eternità), non cadendo nel difetto che hanno i saggisti meno esperti di inondare il lettore con una cascata di particolari che finiscono solamente per appesantire il discorso. Ogni singolo argomento viene progressivamente sviluppato, ampliandosi e ramificandosi nelle sue molteplici sfaccettature, quasi a somiglianza di un complesso di reti neuronali. L’autore ha, poi, la bravura di saper cogliere, dal mare magnum che già è stato scritto, le giuste informazioni, dosandole in modo sapiente e filtrandole, a volte, con personali interpretazioni. Succede, allora, che ogni pagina del libro faccia sorgere nuove curiosità e crei il desiderio di leggerne altre cento, o mille, di approfondimenti. Ma, allora, di cosa parla di tanto coinvolgente il nostro autore? “Solamente” delle nostre origini, alla luce dei miti e delle leggende che l’Umanità si tramanda da tempo immemore. Perché il punto fondamentale è questo: che peso dare ad esse, possono essere rivelatrici di fatti realmente accaduti, che si tratti di eventi naturali, comparsa di divinità o di esseri extraterrestri? Il taglio prudente che usa Barcelli, quanto mai opportuno vista la presenza fra i moderni divulgatori di troppi “profeti di sventura” o “martiri della Verità”, accompagna il lettore, con anche qualche gustosa sfumatura ironica, lungo una concatenazione di valutazioni che, seppur non portino a risultati conclusivi, sono difficilmente contestabili. Se i miti e le religioni sono identiche in tutto il mondo, se non nella forma, almeno nella sostanza, non è eretico ipotizzarne un’origine comune in una antichissima civiltà – madre, oppure ricondurli a fatti realmente accaduti a livello planetario (un’ipotesi, naturalmente, non esclude l’altra). Ne esce allora un quadro sconvolgente seppur realistico e logico nella sua formulazione: la nostra civiltà potrebbe non essere la prima, immani catastrofi si sarebbero scatenate periodicamente sul nostro pianeta ed entità troppo “umane” per essere realmente “dei” avrebbero a volte accompagnato, a volte ostacolato, il cammino dell’Uomo. Il condizionale è d’obbligo, perché, i pur numerosi indizi, non possono certamente reggere il peso di teorie che stravolgerebbero le nostre attuali conoscenze. Ma sono li, in attesa di essere correttamente classificati, a ricordarci che le cose, in qualunque modo siano andate, non lo sono sicuramente, o per lo meno non completamente, come noi pensiamo. Per chiudere, credo che il libro possa essere utile anche a chi ha una credenza religiosa consolidata, qualunque essa sia, perché Stefano Panizza la vera Fede non può avere paura della Verità. 71


Dossier MUROC (seconda parte)

Quando

Eisenhower incontrò gli Alieni di Cristoforo Barbato La prima parte è stata pubblicata su “Tracce d’eternità” nr.16.

Le conferme di Philip Schneider e Don Phillips

delle informazioni date da Cooper soprattutto in merito al presunto trattato con gli alieni e le basi Quanto appena esposto delineerebbe sotterranee è stato confermato da uno scenario che risulta decisamente rivelazioni rilasciate da altri ex insider difficile da credere eppure alcune 72


tra cui l’americano Philip Schneider. Schneider era un ex ingegnere del governo, Geologo ed esperto di esplosivi, che fu coinvolto nella costruzione di installazioni sotterranee, ebbe modo di lavorare in strutture quali l’Area 51, S-4 e Los Alamos. Schneider avrebbe contribuito alla costruzione di due principali basi sotterranee negli Stati Uniti che hanno a che fare con ciò che è noto come il Nuovo Ordine Mondiale. Nel maggio 1995, Schneider iniziò a tenere delle conferenze su quello che lui aveva scoperto durante la sua carriera, della sua familiarità con una serie di progetti ombra compartimentalizzati e dell’interazione avuta con personale che lavorava con gli alieni. Sette mesi dopo il 17 gennaio 1996 (non prima di aver subito diversi tentativi di attentato alla sua vita), fu giustiziato in circostanze misteriose e secondo alcuni amici, nonché la ex -moglie, sarebbe stato torturato ripetutamente prima della sua morte. Del resto in più di una circostanza disse pubblicamente che era segnato e sapeva che non sarebbe vissuto a lungo. Nel corso di una conferenza nel maggio del ’95 sulla basi sotterranee dichiarò che: “Nel 1954, sotto l’amministrazione

Eisenhower il governo federale decise di raggirare la Costituzione degli Stati Uniti e stipulare un trattato con entità aliene. Tale accordo fu chiamato Trattato Greada del 1954, il quale fondamentalmente originò l'accordo secondo cui gli alieni avrebbero potuto prelevare alcuni capi di bestiame e esaminare le loro tecniche di impianto su alcuni esseri umani, ma avrebbero dovuto fornire i dettagli completi delle persone coinvolte. Lentamente però gli alieni vennero meno agli accordi cosa che venne scoperta però solo a distanza di tempo”. Un’altra autorevole testimonianza che conferma anch’essa l’incontro di Eisenhower del ’54 ed il presunto trattato con alieni fornita dall’ex aviere dell’USAF Don Phillips nell’ambito del The Disclosure Project di Steven Greer nel 2001. Don Phillips è stato nell’USAF presso la base aerea di Las Vegas ed ha lavorato insieme a Kelly Johnson alla Lockheed Skunkworks, alla progettazione e costruzione dei velivoli U-2 ed SR-71 Blackbirded è stato anche un appaltatore della CIA (ovvero un contractor). Phillips ha rivelato che noi non solo abbiamo questi velivoli extraterrestri, dal loro studio abbiamo realizzato anche tecnologie avanzate e che, negli 73

anni cinquanta, la Nato indagò sull’origine delle razze aliene e disseminò rapporti ai leader di vari paesi. Phillips ha inoltre dichiarato che ci sono testimonianze ed una documentazione filmata degli incontri in California avvenuti nel 1954 tra gli alieni e leader degli Stati Uniti e la preparazione per un successivo accordo. “Abbiamo testimonianze dal 1954 - dichiara Phillips - di quegli incontri tra i leader di questo paese e gli Alieni qui in California. E, da quanto ho capito dalla documentazione scritta, ci fu chiesto se noi avremmo permesso a loro di stare qui e di fare ricerche. Lessi che la nostra replica fu bene, come possiamo fermarvi? Siete così avanzati. E vorrei dire attraverso questa telecamera, che fu il Presidente Eisenhower che ebbe questo incontro”. Tuttavia, in merito sempre al trattato con gli alieni, in base alle rivelazioni fatte da Bill Cooper in realtà sembra che dietro questo accordo si celasse ben altro e presto emerse un’inquietante verità: “Dal 1955 - dichiarò Cooper divenne ovvio che gli alieni avevano ingannato Eisenhower ed avevano infranto il trattato. Esseri umani mutilati furono trovati insieme ad animali mutilati per tutti gli Stati Uniti. Si sospettò che gli alieni non stavano fornendo al Majesty Twelve un elenco completo di umani contattati e addotti e si sospettò che non tutti i rapiti erano ritornati. L’Unione Sovietica fu sospettata di interagire con loro, e ciò risultò essere vero. Gli alieni affermarono che loro stavano, ed era così, manipolando masse di persone attraverso società segrete, la stregoneria, la magia, l’occulto, e la religione. Dovete capire che questa affermazione potrebbe essere anch’essa una manipolazione. Dopo diversi duelli aerei dell’Aeronautica Militare con i velivoli alieni divenne chiaro che le nostre armi non avrebbero potuto nulla contro di


loro”. La Jason Society e le rivelazioni sulla presenza aliena “Nel Novembre 1955 - continua Cooper - fu promulgato l’NSC5412/2 istituendo un comitato di studio per esplorare ‘tutti gli elementi implicati nella creazione e perfezionamento della politica estera nell’era nucleare’. Questa fu solo una copertura che celava il vero argomento di studio, il problema alieno. In base al segreto Memorandum Esecutivo NSC 5511 del 1954, il Presidente Eisenhower aveva commissionato il gruppo di studio per ‘esaminare tutti i fatti, le prove, le menzogne, gli inganni e scoprire la verità sulla questione aliena’. L’NSC 5412/2 era solamente una copertura che era divenuta necessaria quando la stampa cominciò a chiedere quale era lo scopo delle regolari riunioni di uomini così importanti. Le prime riunioni cominciarono nel 1954 e furono chiamate gli Incontri di Quantico perché loro si incontrarono alla Base dei Marine di Quantico, in Virginia. Il gruppo di

studio fu costituito solamente da 35 membri del gruppo segreto di studio del Consiglio delle Relazioni Estere. Il Dott. Edward Teller fu invitato a parteciparvi. Il Dott. Zbigniew Brzezinski fu il direttore del gruppo per i primi 18 mesi. Henry Kissinger fu scelto come direttore di studio del gruppo per i secondi 18 mesi a partire dal Novembre 1955. Nelson Rockefeller era un frequente visitatore del gruppo di studio. Anche la seconda fase delle riunioni si svolsero alla Base dei Marine a Quantico ed il gruppo divenne noto come Quantico II (ndr. In realtà il gruppo venne denominato “Jason Society”). Nelson Rockefeller costruì un ritrovo appartato in qualche luogo nel Maryland per il Majesty Twelve ed il comitato di studio. Esso poteva essere raggiunto solamente per via aerea. In questa modo si sarebbero incontrati lontano dall’indiscrezione pubblica. Questo luogo d’incontro segreto è conosciuto col nome in codice di Country Club”. Una conferma ulteriore a tali informazioni sarebbero state fornite dalle rivelazioni dell’ex Colonnello dell’Aeronautica Militare

74

Statunitense Steve Wilson (deceduto alcuni anni fa) che è stato a capo del classificato Project Pounce (3). Proprio in merito alla “Jason Society” l’ex militare rivelò che: “L’ex Presidente Eisenhower commissionò una società segreta nota come “Jason Society” o Jason Scholars sotto il comando delle seguenti personalità: il direttore della Central Intelligence, Allen Welsh Dulles, il dott. Zbigniew Brzezinski, Presidente della Commissione Trilaterale dal 1973 al 1976 e il dott. Henry Kissinger, Capo delle strutture scientifiche interessate a tutti i fatti, le prove, la tecnologia, le menzogne e le coperture, finalizzate alla scoperta della verità sulla questione Aliena. La società era formata da 32 tra le personalità più autorevoli negli USA. MJ-12 è il nome del gruppo di controllo segreto all’interno della “Jason Society”. I migliori 12 dei 32 membri della “Jason Society” erano designati MJ-12. Nel Maryland fu costruita una base segreta di incontro per il Gruppo MJ-12, accessibile solo dall’alto, costituita da strutture operative, ricreative e di vario genere per il gruppo MJ-12


e la “Jason Society”. La base è denominata in codice “The Country Club”, il terreno su cui è edificata è stato donato dalla famiglia Rockefeller. Si tratta di un’installazione riservata alle sole persone con nullaosta Ultra Top Secret-MAJI”. Stando a quanto rivelato da Cooper il gruppo di studio terminò pubblicamente la sua attività verso la fine del 1958 ma in realtà continuò in sordina coperto dal velo della segretezza. Tra l’altro le rivelazioni sulla presenza aliena e sui loro interventi emerse durante lo Studio sarebbero state shoccanti tant’è che Kissinger in quel periodo non era decisamente in sé. In diverse occasioni avrebbe lavorato fino a tarda notte dopo aver passato un’intera giornata, e probabilmente fu tale comportamento che lo portò a divorziare dalla moglie. Un principale verdetto dello studio alieno fu che il pubblico non doveva essere informato. Si credeva che parlarne avrebbe certamente portato al collasso economico, al collasso delle credenze religiose, al panico di massa, che avrebbe condotto all'anarchia.“Comunque, afferma Cooper - basandosi su quanto già avevamo classificato in questi files, fu evidente come tale attività aliena era in realtà conforme alla teologia Cristiana e in effetti era stata profetizzata nelle sacre scritture Giudaico-Cristiane migliaia di anni fa. L'ignoranza sarebbe stata soltanto nell'incapacità d’interpretare correttamente queste antiche profezie a causa della mancanza di una fondamentale conoscenza necessaria per fare le giuste interpretazioni”. Inoltre Cooper rivela che in seguito le autorità decisero di esaminare a fondo gli eventi legati alle apparizioni di Fatima avvenuti nella prima parte del secolo in base al sospetto che potesse trattarsi in realtà di

manipolazione aliena. In base a tale sospetto un’operazione dell’intelligence venne messa in atto al fine di penetrare il velo di segretezza che circondava l’evento occorso nel 1917. A tal fine gli Stati Uniti utilizzarono le loro talpe nel Vaticano che erano state arruolate ed allevate durante la Seconda Guerra mondiale e ben presto ottennero l’intero studio del Vaticano che includeva la profezia (ndr. Cooper fa riferimento al famoso Terzo Segreto). Questa profezia affermava che se gli uomini non avessero abbandonato il male e posto ai piedi di Cristo il pianeta si sarebbe autodistrutto e gli eventi descritti nel libro dell’Apocalisse si sarebbero avverati. Per cui come si evince dalle rivelazioni di Cooper la segretezza continuò ad essere mantenuta, non solo, ma quale conseguenza di tali scoperte fu stabilito che se al pubblico non poteva essere detto alcunché, anche il Congresso non poteva essere informato. A questo punto i finanziamenti per i progetti e la ricerca sarebbero dovuti provenire dal di fuori del Governo. Nel frattempo i soldi sarebbero stati prelevati dal bilancio militare e dai fondi riservati non ufficiali della CIA. 75

“Un’altra importante scoperta asserisce Cooper - fu che gli alieni stavano usando esseri umani ed animali quale fonte per secrezioni ghiandolari, enzimi, secrezioni ormonali, plasma sanguigno e possibilmente in esperimenti genetici. Gli alieni giustificarono tali azioni come necessarie alla loro sopravvivenza. Affermarono che la loro struttura genetica si era deteriorata e che non erano più capaci di riprodursi. Dichiararono che se non sarebbero stati capaci di migliorare la loro struttura genetica, la loro razza presto avrebbe cessato d’esistere. Noi guardammo con sospetto le loro spiegazioni. Dal momento che le nostre armi erano letteralmente inutili contro gli alieni, il Majesty Twelve decise di continuare a mantenere relazioni diplomatiche ed amichevoli fino quando saremmo stati capaci di sviluppare una tecnologia che c’avrebbe consentito di sfidarli militarmente. Vennero fatte proposte all’Unione Sovietica e ad altre nazioni di unire le forze per la sopravvivenza dell’umanità” (ndr. secondo alcuni studiosi tale eventualità sarebbe all’origine del famoso programma per lo Scudo Spaziale promosso da Reagan


nonché del suo famoso discorso alle Nazioni Unite nel settembre 1987). I Jason e il programma Alternativa 3 Tra l’altro, tra le numerose e sensazionali rivelazioni fatte nel corso degli anni, Cooper a dichiarato che: “Nel 1957 si tenne un simposio nel quale erano riunite alcune delle grandi menti scientifiche del tempo (4). Questi giunsero alla conclusione che a partire dall’anno 2000, o subito dopo, il pianeta a causa della crescita demografica e dello sfruttamento ambientale da parte dell’uomo si sarebbe potuto autodistruggere senza un intervento divino o degli alieni. In base ad un Ordine Esecutive segreto del Presidente Eisenhower, fu ordinato al Jason Scholars di esaminare tale scenario e in base alle loro scoperte proporre dei suggerimenti. La Jason Society confermò le scoperte degli scienziati ed elaborò tre proposte chiamate Alternativa 1, 2, e 3. Alternativa 1 consisteva nell’impiegare dispositivi nucleari la cui esplosione avrebbe creato buche nella stratosfera dalle quali il calore e l’inquinamento sarebbe fuoriuscito nello spazio. Essi però avrebbero dovuto modificare la politica di sfruttamento dell’ambiente con una che lo salvaguardasse. Delle tre fu deciso che questa fosse la meno realizzabile vista l’indole dell’uomo ed il danno supplementare che le stesse esplosioni nucleari avrebbero provocato. L’esistenza di un buco nello strato di ozono potrebbe indicare che probabilmente un tentativo sia stato tentato, ma questa, comunque, è solo una congettura. Alternativa 2 consisteva nella costruzione di una rete enorme di città e gallerie sotterranee nella quali una selezionata rappresentanza di tutte

le culture ed occupazioni dovrebbe sopravvivere e garantire la sopravvivenza della razza umana, il resto dell’umanità sarebbe lasciato al proprio destino sulla superficie del pianeta. Noi sappiamo che queste installazioni sono state costruite e sono operative e stanno aspettando quei pochi prescelti che saranno informati. Alternativa 3 consiste nello sfruttare la tecnologia aliena e convenzionale affinché un piccolo gruppo selezionato possa lasciare la Terra e stabilire colonie nello spazio esterno. Quale ulteriore azione, tutte e tre le alternative includevano il controllo delle nascite, sterilizzazione, e l'introduzione di microbi mortali per 76

controllare o rallentare la crescita della popolazione della Terra. L’AIDS è il risultato di uno di questi piani. Fu deciso dall’elìte da quando si stabilì che la popolazione doveva essere ridotta e controllata, sarebbe stato nel miglior interesse della razza umana sbarazzarsi di elementi indesiderabili della nostra società”. In merito alle dichiarazioni di Cooper sul Alternativa 3 va precisato che aldilà di sporadiche informazioni fatte da altri insider nel corso degli anni tale argomento è stato in realtà oggetto di studi e inchieste anche giornalistiche soprattutto in Inghilterra verso la fine degli anni ’70. Il controverso caso di Alternativa 3 ufficialmente


venne alla ribalta nel 1977 quando la rete televisiva privata britannica ITV, all’interno del serie “Science Report”, trasmise un documentario intitolato “Alternative 3” dedicato a rivelazioni su di un mostruoso piano architettato dalle superpotenze USA ed URSS. Il programma, che fu trasmesso in diversi paesi in Europa in Australia e Nuova Zelanda ma non negli USA, era imperniato su di una video-inchiesta che indagava su una presunta “fuga di cervelli” avvenuta in Gran Bretagna (persone d’ingegno inizialmente emigrate in altri paesi) e la successiva scoperta in realtà di una vera è propria totale sparizione. Ulteriori ricerche in effetti avrebbero evidenziato la possibilità che fossero stati portati via per lavorare in luoghi segreti. Inoltre dall’inchiesta emerse una storia secondo cui nel 1957 in occasione di un presunto meeting

segreto svoltosi a Huntsville, nel Texas, sarebbe stato previsto in futuro un periodo di catastrofici mutamenti climatici dovuti all’effetto serra ed al conseguente innalzamento della temperatura atmosferica. Pertanto, con l’unione delle forze di USA e URSS e di altri paesi tra cui Germania e Regno Unito, sarebbero state intraprese segretamente iniziative atte a fronteggiare tale minaccia. Tali iniziative si sarebbero poi concretizzate in tre proposte denominate “alternative” che avrebbero segnato la nascita del cosiddetto programma “Alternativa 3”. Tuttavia esisterebbero, in base a quanto ipotizzato dal alcuni studiosi, anche altre possibili ragioni celate in realtà dietro il discorso di Alternativa 3 o di alcuni dei suoi aspetti. Per esempio c’è chi ritiene che un altro dei possibili motivi

77

sarebbe da ricercare in alcune rivelazioni ottenute dagli alieni in seguito ad incontri segreti come quello avvenuto a Muroc nel 1954. Si ipotizza che gli alieni avrebbero messo in guardia le autorità dell’epoca dal futuro pericolo per la Terra costituito dalla traiettoria di riavvicinamento di un enorme pianeta chiamato che avrebbe provocato terremoti, eruzioni vulcaniche, ondate di marea e movimenti della Terra di proporzioni catastrofiche. I resoconti dei Remote Viewers Un’ipotesi decisamente forte ma che alla luce di informazioni raccolte da alcune testimonianze di ex militari e civili coinvolti in programmi occulti governativi di Remote Viewing (Visione a distanza) potrebbero avere forse una certa


Esempio di costruzione sotterranea ideata per preservare i semi di migliaia di specie vegetali, a Svalbard in Norvegia

base di veridicità così come per l’incontro alieno di Eisenhower nel ’54. L’argomento Remote Viewing, poco noto ai più, è stato oggetto di ampi studi e pubblicazioni negli USA ed in altri paesi che hanno affrontato l’argomento pubblicamente già da diversi anni, per cui è possibile approfondire il fenomeno e consultare anche documenti ufficiali declassificati. In passato l’amico ed ex collega Pablo Ayo ha scritto in un paio di articoli pubblicati sulle riviste “Ufo Network” e “Dossier Alieni” in cui affrontava proprio il tema della Remote Viewing e del cosiddetto spionaggio Esp collegato al fenomeno UFO. “Nei primi anni ‘70 scrive Ayo - lo scienziato ed artista Ingo Swann divenne piuttosto noto come “Esper” (cioè persona dotata di ESP, “Extra-Sensorial Perceptions”, percezioni extra sensoriali). Aveva compiuto alcune prove sperimentali sui propri poteri di visione a distanza con l’ASPR (“American Society for Psychical Research”) di New York, in collaborazione con il dr. Karlis Osis e

la sua assistente Janet Mitchell. I risultati, più che soddisfacenti, convinsero poco più tardi Hal Puthoff, fisico dello “Stanford Research Institute” che in passato aveva lavorato prima per l’Intelligence della Marina e poi per la National Security Agency, a sottoporre personalmente Swann ad alcuni test. Puthoff non credeva granché ai poteri psichici, ma desiderava verificare alcune sue teorie sulla fisica quantistica, che si basa sulla probabilistica. Durante i test, nel 1972, Swann lavorò unicamente sulla scorta di alcune coordinate: Puthoff, cifrando un immenso atlante, gli forniva longitudine e latitudine del pianeta e solo concentrandosi su questi dati l’Esper riusciva a fornire una descrizione dettagliata del luogo che vedeva. Swann definì questo tipo di operazione “Remote Viewing”, ossia visione a distanza. Ebbene, Swann percepiva e descriveva correttamente le località una dopo l’altra, includendo particolari che solo l’acquisto di un atlante più dettagliato avrebbe rivelato esatti al 78

100%. Poco tempo dopo Puthoff venne avvicinato da due agenti della CIA che conoscevano i suoi trascorsi di Intelligence e lo consideravano elemento fidato. Gli confidarono che i Russi erano molto più avanti di loro in questo campo e gli chiesero di organizzare qualche test da sottoporre a Swann a porte chiuse. L’esperimento andò bene e venne dato il via al progetto pilota governativo “SCANATE” (“SCANning by coordinATE”, rilevamenti tramite coordinate) che continuò fino al 1976, quando il programma “psichico” venne rilevato dall’Intelligence dell’US Army e dal Security Command (INSCOM). Oltre una dozzina di ufficiali dell’Intelligence militare vennero addestrati a sfruttare i protocolli di Remote Viewing sviluppati a Stanford e nel 1976 andarono a formare il distaccamento “G”, conosciuto anche come progetto “Grillflame”, situato a Fort Meade, nel Maryland. Negli anni il “progetto” ricevette anche altri nomi, come “Center Lane”, “Sun Streak” e “Stargate”. Una conferma


dell’interesse delle autorità governative e militari USA viene fornita dal ricercatore Jim Marrs nel suo libro pubblicato nel ’97 “Alien Agenda” (inedito in Italia). “L’autore - scrive Ayo - se fornisce un quadro molto esauriente sulle attività di un gruppo di spie psichiche del Governo USA, i Remote Viewers, a cui dedica un intero capitolo. Tali personaggi, sorta di “007 ESP”, riuscivano, tramite un duro addestramento, a vedere scene che si svolgevano a grande distanza, o anche in altri tempi. La tecnica da loro usata non era troppo dissimile dalla “Proiezione Astrale” o Bilocazione, termini familiari per chiunque si interessi di parapsicologia ed esoterismo. Grazie alla loro vista psichica, i Remote Viewers - incaricati dal Governo di spiare le attività sovietiche - osservarono invece sovente UFO ed ET”. In uno di questi casi uno dei Remote Viewers sembra che sia riuscito ad effettuare una sorta di “ricognizione” dell’attività UFO nel passato, divenendo testimone involontario dell’incontro avvenuto a Muroc (Edwards) tra Eisenhower e a gli alieni nel 1954. Quanto segue è il resoconto del racconto estratto dal testo di Marrs e riportato nell’articolo da Ayo: “Sembrano i primi anni ‘50... Posso sentire una banda musicale intonare l’inno ‘Hail to the Chief’ (saluto al capo, n.d.a.), come nei convegni politici, quando il Presidente entra nella Hall. Ma è diverso... Vedo la striscia di un’autostrada su una strada a due corsie, ma il luogo ricorda una zona desertica. È giorno, sento il calore del sole. C’è una specie di pista di atterraggio, come un aeroporto, è qui vicino, da quello che posso intuire. Sento il suono di aerei, come quelli a reazione. Penso sia una zona interdetta al pubblico. Vedo delle guardie e delle torrette di osservazione...C’è un convoglio di

macchine, automobili nere, che provengono da quella autostrada dove mi trovavo prima. No, aspetta un minuto! È una base, una base militare! Precisamente, una base dell’Air Force. Diversa gente esce dalle macchine e si dirige dentro un edificio. Sono tutti vestiti di scuro, in giacca e cravatta... è davvero interessante! Ci sono due, no, tre velivoli a forma di disco in avvicinamento. Uno di questi atterra, mentre gli altri due rimangono sospesi per aria. Adesso atterra anche il secondo, ed il terzo. Il primo disco volante atterrato si apre. Una delle macchine nere e un paio di jeep militari gli si avvicinano. Due, no, tre esseri escono fuori dal disco. Non scendono camminando, ma sembrano piuttosto fluttuare verso il suolo. Le porte delle macchine si aprono, e da quella nera esce un tipo alto e un po’ anziano, seguito a breve distanza da una coppia di militari e un civile. È un posto caldo, la temperatura è da deserto...Due di questi ET Grigi sono piccoli, mentre il terzo è più alto, ma non tanto alto quanto il vecchio umano... Aspetta un attimo! M..., è un nostro ex Presidente!” (Più tardi l’uomo lo riconoscerà in alcune foto di Eisenhower) “Vengono scortati dentro da alcuni tipi grandi e grossi, con elmetti blu e bianchi. Il Presidente e l’intero gruppo di persone con i Grigi entrano in una stanza, sembra una sala per conferenze. Ho la sensazione che tutto sia stato pre-pianificato. Un evento previsto. Entrambe le delegazioni è come se abbiano delle aspettative, ma la sensazione che avverto è di relativa tranquillità, di emozioni contenute. I Grigi sono interessati ad instaurare e mantenere dei canali di comunicazione col Governo. Quello in borghese chiede come. Il Grigio più alto risponde che provvederanno loro a fornirgli i mezzi per poter entrare in contatto, 79

sia per le brevi che per le lunghe distanze. Il Grigio alto dice inoltre che gli umani non devono temerli. Il Presidente gli chiede perché sono qui, e l’essere più alto replica che la loro presenza è dovuta alla necessità di anticipare avvenimenti futuri, dei cambiamenti, e che loro contribuiranno ad accelerare il processo di sviluppo. Non per scopi bellici, chiarisce un Grigio piccolo. Gli ET vogliono un rapporto chiaro col Governo, dice il Grigio alto, ma non una alleanza. Il Presidente vuole sapere da quanto tempo sono attorno a noi. Da molto tempo, risponde uno dei Grigi più piccoli. Più a lungo della vostra storia ufficiale. Ed aggiunge che noi fummo abbandonati dai nostri antenati, i nostri creatori... Il personaggio in abiti civili è visibilmente scosso, quasi stia per avere un collasso. I tre Grigi si voltano a fissarlo. Wow! Il civile si è calmato immediatamente. Sembrano soddisfatti del comportamento del Presidente, lo percepiscono molto stabile e calmo, mentre non lo sono del civile, si sentono dispiaciuti per lui. Il Presidente dice che vuole solo amicizia e collaborazione con gli alieni, e il Grigio alto gli risponde che anche loro vogliono lo stesso. Aggiunge che essi continueranno a osservare e ad aspettare per vedere cosa facciamo, come ci comporteremo nei loro riguardi, e che la loro attività qui andrà avanti. Il civile vuole sapere che genere di cambiamenti sono in arrivo. Uno dei piccoli Grigi gli risponde che ci verrà detto di più al momento opportuno”. Quest’altro resoconto sarebbe stato fornito sempre da un remote governativo che avrebbe addirittura assistito ad un incontro tra leader terrestri ed alcuni alieni, in cui sarebbero stati discussi cambiamenti geofisici previsti attorno al 2000: “I cambiamenti, dice l’alieno alto con la pelle grigia,


andranno a influenzare il Pianeta. Ogni 25.000 rivoluzioni attorno al Sole (anni), la Terra viene bersagliata da grandi rocce provenienti dal cielo. Credo parli di meteore o asteroidi. C’è anche un pianeta che incrocerà le orbite di alcuni pianeti del nostro sistema solare, e questo causerà parecchi problemi alla Terra. Adesso il Grigio mostra a tutti un ologramma dell’orbita di questo pianeta che taglia di netto le orbite di diversi pianeti del sistema solare. È incredibile! Il Grigio mostra ai tipi in borghese che il pianeta passerà vicino alla Terra quando sarà sul punto di uscire dal sistema solare. Il suo passaggio risucchierà molte meteoriti dalla fascia degli asteroidi, che finiranno nella sua scia e quindi, passando accanto alla Terra, verranno attratti dalla nostra gravità. Cadranno sulla Terra. L’alieno cerca di spiegare che gli umani responsabili dovranno tirare su una specie di... di scudo. Gli ET non possono fare molto, almeno per adesso. Non sono in grado di calcolare con troppo anticipo la traiettoria esatta del pianeta. Un individuo in borghese chiede quante saranno le vittime e che cosa possono fare per evitarlo. Il Grigio alto gli risponde che dovranno costruire enormi rifugi sotterranei per se stessi e la loro gente, dentro le montagne. L’uomo gli chiede cosa ne sarà degli altri, e il Grigio risponde che alcuni umani moriranno, perché non sono preparati. Aggiunge che il compito dei responsabili non militari è di preparare la gente all’evenienza. Il panico sarà inevitabile, ma ci forniranno i mezzi per ridurre i problemi al minimo”. Le rivelazioni di Richard Sauder Ora quanto appena riportato potrebbe essere considerato non del tutto attendibile essendo la

remote viewing agli occhi della scienza ufficiale un fenomeno relegato esclusivamente al mondo del paranormale che di scientifico avrebbe ben poco. Ma in realtà non è così basta documentarsi.

Hide?”, “Kundalini Tales” e l’ultimo “Underwater and Underground Bases”). Da alcuni anni Riachard Sauder si è impegnato nella divulgazione delle sue ricerche e delle documentazione raccolta in merito all’effettiva presenza di Comunque sia, pur non volendo considerare quanto emerso sopra, installazioni sotterrane il cui scopo è ignoto. Sauder nel 2003 ha scritto una conferma alle considerazioni emerse precedentemente in merito un articolo, pubblicato poi nel 2005 dalla rivista Nexus ( n°57 Ago-Sett), ad Alternativa 3 verrebbe fornita dalle rivelazioni fatte dal professor intitolato “Lettere dal sottosuolo” in cui riporta testimonianze, da lui americano Richard Sauder (Ricercatore indipendente, ha una raccolte nel corso delle sue ricerche, di appaltatori ed insider laurea in Scienze Forestali, un dell’entourage militare che gli Dottorato in Scienze Politiche ed avrebbero svelato le finalità per cui una specializzazione in Sociologia, Stati Uniti ed altri paesi avrebbero inoltre ha scritto tre libri: “Underground Bases and Tunnels": segretamente costruito basi What is the Government Trying to sotterrane. Nella parte finale 80


dell’articolo Sauder proprio in merito alla possibile natura di queste installazioni dichiara che: “Allora qual è il motivo alla base della segretezza che circonda le attività sotterranee e sottomarine? L’apocalisse è dietro l’angolo? Gli agitatori e mestatori clandestini all’interno del complesso spionistico -militare-industriale sanno qualcosa che noi non sappiamo? Siamo come lemming, cha sciamano inconsapevoli verso un baratro della cui esistenza non sospettano nemmeno alla lontana? A volte me lo chiedo. Forse questa è una delle ragioni delle imponenti basi sotterranee e gallerie segrete. Forse sta arrivando rapidamente qualcosa di GROSSO? Ho posto tale quesito ad una delle mie fonti e ho ricevuto una replica incredibilmente evasiva ed enigmatica che, più che darmi risposte, francamente ha suscitato in me ulteriori domande. In base alla mia migliore analisi letterale della risposta sembra che almeno alcune, e forse molte, delle basi e gallerie sotterranee/sottomarine siano state allestite in preparazione sei seguenti possibili a termine relativamente breve (diciamo nell’arco dei prossimi anni o decenni): - una potenziale guerra nucleare; - un rovesciamento della Terra sul proprio asse (cambio della fisica di rotazione); - un’inversione del campo magnetico terrestre; - impatti di comete e/o asteroidi; - un improvviso cambiamento climatico di ampia portata; - caos sociale, politico ed economico derivante da uno degli eventi appena citati; - una combinazione di due o più degli eventi appena citati. In altri termini, è possibile che eventi assai drammatici siano proprio dietro l’angolo. O forse no. Non dico di saperlo. Tuttavia

sembra come se coloro che ne sono a conoscenza stiano allestendo preparativi imponenti ed estremamente dispendiosi in vista di qualcosa”. Tra l’altro Sauder fa alcune considerazioni che si allineerebbero con alcuni dei dati forniti da Cooper e non solo. “O ancora, - afferma Sauder – se l’infrastruttura sotterranea o sottomarina di basi e gallerie segrete si è potenzialmente estesa a tal punto, così raffinata, così fuori dalla supervisione degli enti politici costituzionalmente delegati da un governo civile pubblico ai controlli e ai bilanci, allora può darsi che l’integrità del popolo statunitense, e forse quella di molti altri, sia gravemente minacciata – minacciata da una potenza sotterranea e/o sottomarina furtiva, massicciamente finanziata e ad alta tecnologia, della cui presenza i suddetti popoli restano beatamente ignari e i cui piani e intenti nefasti contrastano direttamente con gli interessi dei popoli stessi”. Ora in merito a quanto fino ad ora esposto nulla può essere dato per certo ma su di una cosa invece esiste una incontrovertibile verità paventata da Sauder, e non solo, ossia la minaccia costituita dal cosiddetto complesso spionistico-militareindustriale. Lo stesso Cooper, così altri come lui, lascia chiaramente capire che ad un certo momento una sorta di èlite occulta iniziò ad operare all’insaputa del Governo e del Presidente stesso degli Stati Uniti. Una regia oscura che addirittura avrebbe iniziato ad ordire segretamente con gli alieni già negli anni ’50. Una minaccia che lo stesso Eisenhower scoprì ben presto e che denunciò pubblicamente al popolo americano pur non facendo nomi e cognomi ma limitandosi ad indicarne la provenienza. Ovviamente il Presidente americano non fece menzione a complotti alieni ecc ma 81

si limitò esclusivamente ad additare la potenziale minaccia alle istituzioni rappresentata da un occulto gruppo di potere emergente negli Stati Uniti. Il discorso a cui mi riferisco, e con cui chiudo questo testo, venne pronunciato solennemente in diretta televisiva dinanzi a tutto il popolo americano dal Presidente Dwight Eisenhower nel suo celebre discorso di fine mandato il 17 gennaio 1961(5): “Nel consiglio del Governo noi dobbiamo guardarci dall’acquisizione di un’influenza illegittima, sia che sia ricercata sia che non lo sia, del complesso militare industriale. Il rischio di un potenziale sviluppo disastroso di un potere illegittimo esiste ed esisterà. Non dobbiamo mai permettere che il peso di questa combinazione minacci le nostre libertà e i nostri processi democratici. Non dobbiamo dare nulla per scontato. Solo una vigilanza e una coscienza civile possono esigere che l’ingranaggio della gigantesca macchina industriale e militare di difesa sia conforme ai nostri metodi e fini pacifici, così che la sicurezza e la libertà possano prosperare insieme”. Articolo pubblicato la prima volta su usac.it

Note: (3) Stando alle informazioni fornite dal Col. Wilson il Project Pounce, sviluppato alla fine del 1980, sarebbe un gruppo d’élite composto da Berretti Neri dell’Air Force e da scienziati militari che accorrono sulla scena di ogni UFO precipitato o abbattuto, sigillano la zona, recuperano il velivolo e i suoi occupanti. In seguito "bonificano" il luogo dell’incidente e/o costringono al silenzio eventuali testimoni esterni. In effetti il Progetto fornirebbe una copertura operativa per occultare ciò in cui si è realmente impegnati mascherando tali operazioni sottoforma di eventuali incidenti di velivoli sperimentali, progetti edili o di altra natura, estrazioni minerarie o quant’altro. (4) In merito al simposio scientifico menzionato vagamente da Cooper (non


fornendo date e informazioni circostanziate ma solo l’anno) è difficile circostanziare in qualche modo tale evento tanto più se fosse avvenuto in ambienti ristretti e riservati. Però è storicamente noto che nel 1957 ci fu un’importante evento scientifico mondiale che alla luce degli argomenti dibattuti e soprattutto dei successivi risvolti e sviluppi potrebbe corrispondere in qualche modo a quello menzionato da Bill Coooper. In effetti, dal 1° luglio 1957 al 31 dicembre 1958 fu avviato un programma di cooperazione scientifica internazionale dedicato allo studio della Terra, della sua atmosfera e del Sole che fu chiamato Anno Geofisico Internazionale. Quest’ultimo si proponeva di favorire un’ampia collaborazione della comunità internazionale su temi scientifici e tecnologici con una serie di ricerche specializzate condotte con i mezzi più moderni per acquisire il massimo di dati fisici sulla Terra. Tale iniziativa riunì circa 60.000 scienziati provenienti da 67 Paesi di tutto il mondo, Italia compresa. Il programma portò alla scoperta della fascia di radiazioni di Van Allen attorno ai pianeti, la teoria delle placche tettoniche, l'esplorazione spaziale, la costruzione di satelliti terrestri e l’incremento delle ricerca nelle regioni polari dell’Artico e dell’Antartide. L'Anno Geofisico Internazionale venne proposto dall’International Council of Scientific Unions (Consiglio Internazionale delle Unioni Scientifiche) nel 1952 in seguito a

un suggerimento del fisico Lloyd Berkner che ne fu poi Presidente dal ’57 al ’59 (Noto membro del Majestic 12, Berkner che in passato era stato meteorologo nella prima spedizione Antartica dell’Ammiraglio Byrd, partecipò alle riunioni nel gennaio del 1953 del Robertson Panel, Commissione scientifica governativa sugli UFO. Nel 1958 mentre era presidente dell’Associated Universities Inc diviene membro dello Comitato Scientifico Consultivo del Presidente. Nel 1960 divenne Direttore Generale dell’Osservatorio Nazionale di Radio Astronomia di Green Bank e presidente del Consiglio per le Scienze Spaziali dell’Accademia Nazionale delle Scienze. Inoltre, fu Berkner che diede l’approvazione a Frank Drake di usare le installazioni di Green Bank per condurre il Progetto Ozma, un programma di ricerca di trasmissioni extraterrestri). Nel marzo 1953, l’Accademia Nazionale delle Scienze nominò un Comitato Nazionale degli Stati Uniti al fine di soprintendere la partecipazione americana nell’Anno Geofisico Internazionale. Il programma americano includeva investigazioni sulle aurore, i raggi cosmici, il geomagnetismo, il fenomeno delle glaciazioni, la gravità, la ionosfera, le determinazioni di longitudine e latitudine, la meteorologia, l’oceanografia, la sismologia, l’attività solare e l’alta atmosfera. Connesso con la ricerca sull’alta atmosfera, gli Stati Uniti iniziarono a sviluppare un programma per la messa in orbita di satelliti artificiali.

82

Infatti il programma spaziale USA venne sviluppato dalle ricerche in campo missilistico e sui satelliti elaborate in seno al programma dell’Anno Geofisico Internazionale. Il 20 luglio 1955 il Presidente Eisenhower annunciò che nel corso dell’Anno Geofisico Internazionale del 1957 gli Stati Uniti avrebbero messo in orbita un satellite nell’ambito del il Progetto Vanguard. In realtà, dopo alcuni fallimenti del Vanguard e il passaggio ad un nuovo programma diretto da Von Braun, fu solo nell’ottobre del 1958 che gli americani ebbero successo quando fu messo in orbita l’Explorer 1. Quello stesso anno la NASA venne fondata. Infine occorre sottolineare come sempre nel 1957 in occasione dell’Anno Geofisico Internazionale venne lanciato il primo segnale d’allarme sulle condizioni dell’atmosfera ed al riscaldamento della Terra. Infatti quell’anno due scienziati Roger Revelle (geochimico e oceanografo pioniere della teoria del riscaldamento globale) e Hans Suess (chimico), parlano per la prima volta di effetto serra e riscaldamento globale. (5) Il discorso di addio di Eisenhower è mostrato nel film “Why We Fight” (che esamina la moderna macchina militare americana e la moderna ideologia militare USA). Il video può essere visto al seguente link: www.informationclearinghouse.info/ article8494.htm


CONFESSO, HO VIAGGIATO di Noemi Stefani

Dubrovnik E questa è l'ultima tappa del mio viaggio per mare prima di rientrare a Venezia e terminare la vacanza estiva. La nave viaggia di notte e al risveglio è sempre una sorpresa ciò che si presenta davanti agli occhi. Una bellissima sorpresa. È il mese di luglio, e considero quanto sono fortunata a essere qui appoggiata a un parapetto di una nave mentre guardo l'orizzonte e respiro questa brezza gentile. A Milano si soffre il caldo già da un po’ e le zanzare sono diventate talmente micidiali

che non temono più nessun repellente. Mi tormentano di notte e di giorno... Ho ancora i bozzi. Ma per ora non voglio nemmeno pensarci. Ammiro il susseguirsi di baie e di scorci molto pittoreschi della costa Dalmata. Quanto verde c'è… Alberi e cespugli, un mare integro e trasparente dai fondali ancora puliti. Vedo gente che si tuffa dagli scogli... Qualcuno si ferma a guardare la grande nave e saluta con la mano. Faccio un ciao anch'io di risposta, con un 83

sorriso un po’ ebete per l'occasione... Una barchetta bianca si accosta alla riva. Di sicuro c'è qualcuno che pesca sgombri. Colori freschi e scintillanti di un dipinto a olio, sotto un sole che al mattino presto promette bene. Si potranno cuocere due uova al tegamino sui sassi tra poche ore. Ecco, ho di fronte il porto di Dubrovnik. Hanno già chiamato tutti sul ponte per il check out prima dello sbarco. Siamo in fila, bravi e allineati


come soldatini, ad aspettare pazientemente il nostro turno come spesso accade nella vita di tutti i giorni. Ci sono rigidi controlli per chi scende che chiaramente deve corrispondere a chi poi risalirà sulla nave. La prima cosa che salta all'occhio sono le mura di una fortezza tutt’intorno alla città. Poi basta addentrarsi in Dubrovnik per accorgersi dell'impronta che hanno lasciato le invasioni nei secoli. Assomiglia a un borgo veneziano, e qui Venezia ha fatto da padrona lasciando tracce ben evidenti. Le fortificazioni risalgono al XVII secolo, quando la città fu

ricorstruita dopo un devastante terremoto. Tanto che la strada principale che attraversa Dubrovnik si chiama

84

tuttora "Stradun", in veneto. Le altre strade sono predisposte tutte in fila, le case tutte allineate con gradinate


che salgono a dismisura in modo vertiginoso. Nelle viuzze, caratteristici ristoranti dal sapore tipico della riviera veneta, pesce in tutte le salse, profumi di fritto misto che inebriano. Ci sono tendoni bianchi e rossi che sporgono quasi da un muro all'altro, tanto queste vie sono strette. Io mi lascio guidare dai profumi di pesce e spezie che aleggiano nell'aria senza perdere d'occhio il gruppo perchè altrimenti, poi, non saprei come ritrovarli e l'idea non mi piace. A proposito di invasioni, ma anche i genovesi sono passati

di qui ed è facile sentire chiamare cognomi dei residenti che abbiano assonanza con le nostre radici italiane.

85

Venezia fece sentire pesantemente la sua influenza anche nelle vicende storiche. Ad ogni successo della serenissima sull'Adriatico,


collaborava anche questa parte della costa dalmata che con la crisi della repubblica marinara subĂŹ in modo pesante l'avvento del dominio turco. Per fortuna i turchi rispettarono le strutture di palazzi e costruzioni che ancora oggi risentono del dominio della Serenissima. Ci sono chiese che assomigliano in modo strutturale e identico alle nostre chiese italiane e quando le guardi ti chiedi se davvero sei all'estero. Per quanto riguarda il patrimonio culturale e artistico, restano le tracce religiose dei francescani e dei domenicani che hanno lasciato nei loro insediamenti.

I conventi e le chiese, che i dalmati hanno preservato nei secoli con molta attenzione. Nei conventi sono rimasti gli affreschi con le immagini della storia di S. Francesco, colonnate dalle bifore scolpite magistralmente, chiostri con giardini alberati carichi di frutti. E anche qui gli Angeli. Anche qui la presenza delle creature alate si sente forte. La credenza religiosa della gente ne preserva la memoria ovunque. Ci sono statue, teste di angioletti che si affacciano da sopra i portoni, la stessa cultura religiosa che ha influenzato Rodi, Santorini e 86

tutta la Grecia si fa viva anche in questo luogo. Ăˆ stupefacente come questa vacanza si stia concludendo lasciandomi intendere che tutto è collegato. Tutto come la ciliegina sulla torta. Ma quale torta? Del pane degli Angeli naturalmente.


87


Il Sole Nero di Carlo Barbera

Sono emerse di recente dichiarazioni fornite da ex ricercatori del dipartimento segreto di Psicotronica del KGB o GRU che, nel dopoguerra, ebbero accesso agli archivi segreti della Ahnenerbe di Himmler. In essi furono trovati anche dati mai pubblicati riguardanti la spedizione Tedesca in Anartide nel 1938-1939. Tali dichiarazioni indicano una possibile minaccia d’offensiva da parte di forze esterne al pianeta, civiltà extraterrestri fortemente interessate a impedire indagini e sperimentazioni degli scienziati terrestri nel campo delle energie del vuoto che, evidentemente, rappresentano un grave pericolo per l’integrità della “concatenazione dello spazio vuoto” che protegge il fragile corpo fisico dell’Universo dalla ferocia del Fuoco Cosmico.

Secondo queste dichiarazioni esiste una contesa sul controllo dell’Organo Intelligente Centrale della Galassia: il gigantesco Buco Nero nel centro galattico spiroidale definito nelle opere di Alice Bailey il “Sole Centrale Spirituale” e nella tradizionale scuola esoterica Occidentale, a cui appartenevano anche gli esploratori della

Ahnenerbe, il “Sole Nero”. L’immagine simbolica del Sole Nero fu posta infatti sul pavimento della sala di meditazione nel Castello di Wewelsburg in Germania, il quartier generale della Ahnenerbe. Risultava chiaro che la civiltà che avesse posseduto il controllo del Sole Nero sarebbe stata in grado di far esplodere stelle, frantumare

Il Sole Nero sul pavimento del castello a Wewelsburg 88


pianeti e/o popolarli con razze di loro scelta, ovvero sarebbe divenuta la padrona incontrastata di questa Galassia. Secondo queste fonti, il controllo del Sole Nero potrebbe essere teoricamente esercitato attraverso una sua “modificazione”, inviando un “virus di trasformazione del vuoto” attraverso l’ipertunnel di teletrasporto situato al Polo Sud che ora, secondo la stampa russa, è estensivamente studiato ed esplorato dal Pentagono. In pratica si tratta di utilizzare i campi torsionici, un termine ormai accettato per definire “vortici di energia” più veloci della luce. Secondo le moderne teorie scientifiche, i buchi neri non sono masse omogenee di oscurità indifferenziata ma contenitori di informazioni d’immensa capacità.

Ogni informazione assorbita in un buco nero e registrata nel formato di “superstringhe di frattali spiroidali” - che, secondo il prof. Samir Mathur dell’Ohio University e di alcuni colleghi russi, sono super densamente immagazzinate nel buco nero come le stringhe del DNA - sono immagazzinate all’interno del nucleo della cellula. Queste spirali possono emettere le così dette “onde di torsione”, che diffondendosi più veloci della luce, non possono essere fermate dal campo gravitazionale del buco nero. Il dr. J. Milewski di Albuquerque ha proposto una raffinata teoria di come la rete di comunicazione cosmica di questi campi torsionici dirige e controlla i processi evolutivi della Vita Cosmica. Il prof.Milewski ha scoperto la capacità di tali campi d’interagire

direttamente con i ritmi del DNA per mezzo di rilevatori a fibre ultrafini. Occultisti iniziati ai misteri di civiltà avanzate come quella dell’Antico Egitto, dei Maya e dell’India/Tibet, le cui dottrine esoteriche prestano molta attenzione al concetto e al ruolo del Sole Nero – ma anche Wilhelm Reich nel 1950 e J.Arguelles nel 1980 –, misero in evidenza che questo contesto (che può essere comparato a quello dello spermatozoo che desidera fecondare un ovulo) è deliberatamente provocato da questa super intelligente Femmina Cosmica (chiamata “Utero di Iside” dagli Antichi Egiziani e “Madre del Mondo” negli insegnamenti di Roerich) come una normale parte del ciclo evolutivo di questo “Fiore Galattico auto-impollinante”.

Un immagine tratta da una spedizione dell’ Ahnenerbe in Tibet 89


Ciò permette di accelerare e sincronizzare i processi evolutivi di distinti civiltà planetarie, producendo il “prezioso Polline di Conoscenza” ardentemente assorbito dall’Utero/Pistillo Galattico del predatore Fiore Cosmico. Memorie di un’antica Guerra Galattica per il controllo dell’Utero Galattico furono recuperate negli archivi astrali dell’Akasha da squadre di medium altamente addestrati della Ahenenerbe. Sebbene i nemici dell’evoluta e potente civiltà della Terra preumana del popolo leonino, non furono in grado di nuocere direttamente al nostro pianeta (in quanto i loro attacchi furono respinti da potenti sistemi di

curvatura dello spazio-tempo installati attorno all’ipertunnel del Polo Sud, nel continente Antartico allora libero dai ghiacci), la Terra non riuscì a mantenere il suo grande Impero Galattico. Alcune parti di questo impero diviso divennero le più determinati oppositrici della Terra. In un articolo anonimo, firmato K.I, pubblicato sul periodico russo “Anomaly”, l’autore dichiara che nelle informazioni sulla spedizione Antartica tedesca, ritrovate negli archivi segreti della Ahnenerbe, erano contenuti accenni al fatto che questa spedizione fosse organizzata attraverso l’iniziativa dei Maestri di Shamballa (al cui messaggero, il Conte de St.Germain, sia Hitler che Himmler ed Hesse avevano offerto 90

giuramento di obbedienza assoluta), che intendevano pregiudicare possibili attacchi sulla Terra da parte dei suoi aggressivi vicini Extraterrestri, pianificando di distruggere una volta per sempre questa “potenziale sorgente di problemi”. Agendo in accordo alle dettagliate istruzioni fornite da St.Germain, iniziati delle Ahnenerbe, membri della spedizione tedesca in Antartide, furono in grado di compiere un test di attivazione dell’ipertunnel nel 1939. L’aiuto di rituali di “reincarnazione retroattiva” di anime di eroi Ariani dell’Antica India che 5000 anni prima avevano combattuto nella guerra descritta nel “Mahabharata” (la lettura favorita


di Himmler) permise agli esoteristi tedeschi di creare curvature temporali. Il dottore di Scienze Occulte Sergey Vronsky, ora deceduto, superagente sovietico infiltrato nel circolo interno della Ahnenerbe, dichiarò di aver partecipato a questo “rituale retroattivo” che fu organizzato nell’ultima settimana dell’Agosto 1939, e che questo spiega l’incredibile efficienza di combattimento degli aerei, delle navi e dei sottomarini tedeschi, di gran lunga superiore a quella dei loro avversari. Durante il “test di attivazione” furono rilasciate comunque onde torsioniche che furono intercettate dai nostri vicini galattici, i cui sensibili rilevatori torsionici monitoravano costantemente la galassia cercando ogni anomalia che avrebbe potuto rivelare l’insorgenza di una civiltà in veloce evoluzione e

quindi potenzialmente aggressiva. Secondo le informazioni diffuse dagli ex ricercatori russi, questa fu la causa reale dell’eccessivo interesse degli ET per il nostro pianeta e ciò spiega anche il loro spiccato interesse per la regione Antartica dove, secondo alcuni, continua a esistere il così detto “Terzo Reich Slavo-Germanico”, del quale poco meno del 80% della popolazione iniziale era composto da donne Ucraine “razzialmente pure”, deportate da Bormann in Germania nel 1942 e successivamente trasportate in sottomarini alla Base-211 in Antartide. Come alcuni autori dichiarano, le informazioni sul Reich Antartico sono divenute più accessibili alla fine degli anni ’90 del secolo scorso, periodo in cui presumibilmente il dr.Vronsky, che assunse una posizione influente nell’élite

91

dell’industria militare sovietica, predispose una catena di intermediari per la vendita di scafi in titanio di sottomarini nucleari sovietici al Reich Antartico, che in questo modo riuscì a sviluppare la propria piccola ma efficiente forza offensiva basata su sottomarini nucleari. Come pensano alcuni esperti di strategia nucleare russa, è stata la consapevolezza dell’esistenza di queste forze che ha spinto l’amministrazione Bush a portare avanti attivamente i progetti della Difesa Antimissilistica, fino a interrompere importanti trattati con la Russia, e non le presunte minacce da “stati canaglia” come la Corea del Nord, l’Iran ed altri, che possono essere spazzati dalla faccia della Terra in tre minuti, semplicemente premendo con un dito un tasto nucleare negli Stati Uniti.


L’articolo di “Anomaly” afferma che, alla fine di Novembre del 1975, quando la Terra, il Sole, la Luna e il Sole Nero furono allineati in modo particolare, i Maestri di Shamballa trasmisero attraverso l’ipertunnel del Polo Sud, un “messaggio retroattivo” al Centro Galattico, al fine di risalire a un tempo di miliardi d’anni fa, quando una giovane “Galassia Bambina” non aveva ancora sviluppato quei formidabili meccanismi di difesa immunitaria che possiede ora. Ora l’incarico principale delle “Spie ET”, come dichiarano Agenti del Ramo di Contro-Intelligence del Gruppo Russo Indipendente per la Difesa della Terra, è cercare di Ciò sarebbe comunque impossibile ottenere la maggior quantità di informazioni riguardo il contenuto nel caso del Reich Antartico, di questo “messaggio di metaprotetto da un manto di ghiaccio istruzioni” il cui codice gli ET non spesso due miglia e che in questo modo avrebbe il tempo necessario sono in grado di violare, benché la sua trasmissione non avrebbe per lanciare una devastante potuto essere nascosta dopo che gli controffensiva. Come affermano gli autori russi, con osservatori ET furono messi in il rafforzamento di sicuri mezzi di deterrente nucleare da parte del Reich Antartico nella metà degli anni ’90 del secolo scorso, è divenuta forte la necessità di tenere più nascosto possibile il “Segreto dell’esistenza del Reich Antartico”, in modo particolare alle masse facilmente eccitabili, mentre i massimi esperti dei poteri nucleari sapevano questo fatto almeno dal fallito attacco, nel 1947, della missione dell’Ammiraglio R.Byrd contro il Reich Antartico, e dell’intervento di intermediari massonici che aiutarono a creare un fragile accordo tra Reich Antartico e Stati Uniti, basato sulla promessa del primo di condividere, con la seconda, la presunta tecnologia militare ottenuta dagli ET. Molti esperti sono convinti che la versione familiare del “Mito degli UFO” sia stata progettata come uno schermo di fumo psicologico per questa operazione top secret. 92

allerta per la prima volta con il test del 1939. Nel medesimo tempo, i potenti sistemi di difesa in Antartico, in grado di respingere, curvando lo spazio/tempo, anche i più forti attacchi da parte di alieni aggressivi, sia fisici (come il lancio sul pianeta di un asteroide o di una cometa), sia più sottili (come l’irradiazione dell’intero pianeta con mortali raggi torsionici), stanno per essere resi pronti alla battaglia dagli equipaggi tedesco-ucraini, prima di possibili attacchi nemici. L’idea principale di questo articolo, come dichiara il suo stesso autore, è rendere chiaro a tutti gli abitanti del Pianeta Terra, esposti ora a un pericolo, senza precedenti, di totale distruzione da parte dei suoi potenti nemici alieni, il bisogno di unirsi per la difesa della propria comune Casa Globale, dimenticando, o per meglio dire, guarendo con una efficiente Psicoterapia Globale, tutti i conflitti e i disaccordi che ci


separano in questo momento critico del test definitivo del nostro diritto di sopravvivere e progredire. Le persone altamente intelligenti e informate, in tutti i paesi del mondo, se si svegliassero dall’indolenza prima che sia troppo tardi, e si rendessero consapevoli dell’esistenza e della gravità di questa minaccia cosmica, potrebbero divenire il seme dell’Attrattore Globale di Unificazione. Nell’articolo a firma di K.I. si fa intendere che le estese esplorazioni delle proprietà bioattive delle radiazioni del Sole Nero effettuate dai ricercatori russi che ottennero informazioni su tecnologie di contatto con il Sole Centrale Galattico da esperti tedeschi dell’Ahnenerbe, dopo la loro cattura, sono state portate avanti per diversi anni se non per decenni. L’esistenza del Reich Antartico, se reale, rimane totalmente un mistero celato, come anche l’ipertunnel del Polo Sud e la

minaccia di alieni che ci contendono il controllo sullo spaventoso potere del Sole Nero. In effetti, gli studi avanzati sulla possibilità di interagire direttamente con l’oscuro organo centrale intelligente della Galassia e la percezione dello smisurato e terribile potere che ne deriva, danno i brividi anche solo per intuizione profana. Dal punto di vista esoterico siamo di fronte al massimo Mistero Mistico che l’essere umano ha affrontato in tutta la sua esistenza come razza intelligente di questo pianeta. Anche se la nostra esistenza umana è breve e limitata, e il nostro campo d’azione è circoscritto dagli angusti parametri fisici tridimensionali, abbiamo il diritto di conoscere la sorgente suprema dalla quale siamo scaturiti e il dovere di compiere tutti i singoli passi che ci separano da essa sulla via del ritorno. Sono stati, sono e saranno, pochi coloro che, attraverso ogni mezzo e percorrendo qualsiasi via, oltre ogni 93

limite, sono giunti alle porte di un nuovo abisso, perché ciò che è in alto è come ciò che è in basso, perché sempre ci attende una nuova morte e una nuova rinascita, che fa di ogni uomo e di ogni donna una Stella, di ogni Iniziato un Re e una Regina. È la realtà che supera sempre l’immaginazione, e l’agitazione di uomini e alieni, come l’illusoria convinzione di poter padroneggiare, per un’inutile supremazia, la Forza Cosmica che ha generato gli astri, i mondi e le creature viventi della Galassia, non sono che un debole sussulto nell’imperturbabile moto del tutto, nell’ineluttabile andare che possiede ogni cosa. Il Sole Nero arde nelle viscere, alla radice della vita, come l’urlo della Madre Terribile che divora i suoi figli nell’apoteosi del suo feroce, perfetto, immacolato e implacabile Amore.


LIFE AFTER LIFE di Noemi Stefani

La vita oltre la vita

Noi abbiamo uno strano rapporto con la religione. Senza generalizzare, parlo di quelli che si definiscono "credenti e osservanti", in particolare i cattolici che frequentano la chiesa la domenica e le feste comandate. Si confessano dei loro peccati con altri uomini che peccano a loro volta, certi che sarà lavata qualsiasi macchia, anche il più piccolo neo della loro coscienza. Gesù spezzò il pane insegnandoci a dividere il nostro bene con gli altri, e in questo modo saremmo rimasti con Lui nella sua Essenza. Gesù lo sapeva che siamo umani e sbagliamo facilmente. Era previsto.

Non credo nella confessione. Ci è stata insegnata e imposta da una chiesa cattolica, gerarchica e potente, che con questa astuzia è riuscita a conoscere tutti i segreti più nascosti del popolino, vendendo perdoni e imperando fino ai giorni nostri. I "credenti" per essere perfetti rispettano anche il digiuno del venerdì rinunciando alla carne. Naturalmente compensano abbondantemente con altro, e così si sentono a posto con le regole e i comandamenti fatti per gli uomini da uomini... O da Dio? Forse. Ma anche no. Se facciamo un salto indietro nella 94

storia, ci rendiamo conto che gli antichi greci e i romani facevano doni e sacrifici agli dei per essere sicuri che il futuro sarebbe stato loro propizio, avrebbero evitato sciagure e carestie. Insomma, tutto un dare e avere. Ma nessuno ha mai detto che è il risultato dei nostri pensieri e delle nostre azioni, insieme al resto che rimane dalle vite precedenti e alcune altre varianti che determinerà il futuro. La legge del Karma. Nella Bibbia, si descrive il massimo dei sacrifici che il Signore possa chiedere a un umano. Dio chiede ad Abramo di uccidere il sangue del


suo sangue, il suo amatissimo figlio. E Abramo è pronto a farlo, sa che deve. Si prepara a colpire, e alza il braccio a sferrare quel fendente che lo avrebbe privato della sua creatura, sapendo che anche la sua anima ne sarebbe morta di dolore nello stesso momento. Questa volta c'è il lieto fine, per fortuna, l'olocausto viene sostituito da un animale e il ragazzo si salva. Gesù stesso, Figlio del Padre viene mandato sulla terra. È consapevole che soffrirà e morirà in modo atroce ma deve sperimentare in un corpo umano cosa significa il dolore sotto le peggiori forme e quindi accetta tutto quanto. Anche la morte, che è l'ultimo passaggio, doloroso quanto la nascita, a cui nessuna creatura può sfuggire. In un universo di materia e antimateria così simmetrico nella sua asimmetria e ancora tutto da scoprire si può credere che esista soltanto il razionale. Ma sarebbe come negare che ci sia la luce soltanto perché è notte, oppure che l'aria non è realtà solo perché non si vede con gli occhi. Quando stiamo davvero male, o chiamiamo la mamma o invochiamo Dio. Persino i non credenti, anche gli atei, quando cercano l'ultimo respiro, rivolgono una silenziosa richiesta d'aiuto al Creatore. È umano chiedersi perché tanta sofferenza, perché il distacco dalle persone che ci sono care deve essere così doloroso e devastante. Chi ha un brutto male spesso si domanda “Perché a me?”. E la risposta non la trova. Forse la risposta potrebbe essere “Perché non a me”. Forse io sono migliore degli altri? Oppure siamo tutti generati e scintille della stessa luce? Sembrerebbe un Dio crudele quello che manda il proprio figlio (una parte di Se) a subire tanto.

Questo Dio che è Padre, e ci ama talmente tanto da lasciarci liberi di sbagliare e di scegliere il nostro futuro invece di imporci la via dell'Amore. Amare sarebbe facile, se nell'uomo fosse rimasto il senso dell'unità con il tutto. Purtroppo mente e cuore sono sempre in disputa e le cose si complicano per toglierci la serenità. Si vive in attesa di ciò che si vorrebbe e un giorno si ritorna al Padre senza aver fatto tutto ciò che era dentro al nostro percorso esistenziale. Si muore e basta. E se la morte fosse soltanto un 95

passaggio obbligato per qualcosa di migliore? Cristo è risorto. Svegliatevi. Questo è il messaggio che deve passare per tutti. Abbiate fede in Lui, non vi lascerà cadere se riporrete in Lui le vostre speranze. Alla fine di tutto questo travaglio, non dovremo più fare i conti con la paura dell'ignoto, perché sarà l'uomo stesso che con fatica partorisce l'Uomo nuovo, quello immortale fatto di spirito e di luce. È promesso, torneremo a Casa.


La piramide che non c’è di Simone Barcelli

Natividade da Serra è un piccolo paese dello stato di San Paolo, in Brasile. Qui, una decina d’anni fa, in cima a una collina (a circa 250 metri dal ruscello che prende forza dal Paraibuna Rio) sono state rinvenute misteriose rovine, in una zona che almeno fino al 1853 non ha ospitato insediamenti umani.

Le spesse lastre in granito, di forma rettangolare (quasi fossero blocchi di muratura), alte 70 centimetri, larghe fino a 80 e lunghe fino a duecento, denotato angoli arrotondati e potrebbero pesare quasi 250 chilogrammi. Hanno un profilo regolare a sei facce e potrebbero essere quel che rimane

96

delle pareti di un edificio. C’è chi dice si tratti dei resti di una cava risalente al XIX secolo, quando la zona cominciò a essere abitata regolarmente, eppure qualche dubbio rimane perché sarebbe stato più logico estratte rocce in una posizione più agevole. La presenza di quella che in origine poteva essere una scalinata, realizzata con una tecnica meno precisa rispetto alle lastre, avvalora l’ipotesi che servisse per raggiungere la cima della collina, ove era presente in origine un edificio sacro a forma piramidale. Il sito, pur potendo ragionevolmente risalire alla preistoria del Brasile, non è stato ancora monitorato dall’IPHAN (Istituto per i Beni Artistici e Storici). L’edificio principale è stato completamente rimosso (a parte un unico monolite) probabilmente dai


dipendenti dell’azienda agricola di un certo Carlos Frahya, utilizzando anche dei bulldozer. Qualcuno ha insinuato che il proprietario abbia distrutto quasi completamente il sito, prima alla ricerca d’improbabili tesori, poi per paura di perdere la terra a causa dell’inevitabile interesse archeologico che poteva nascere. Proprio alcuni dipendenti dell’azienda segnalarono il sito nell’agosto 2002, provocando subito quella deleteria curiosità che anche in questo caso, è evidente dalle tracce, ha prodotto un generalizzato saccheggio. La piramide che non c’è Il geologo Paulo Roberto Martini dell’Instituto Nacional de Pesquisas Espaciais (INPE), uno dei primi a ispezionare il sito, ha rilevato quel che resta di una struttura in granito, una volta rimosso l’accumulo di terra, che

potrebbe anche essere la prima piramide edificata in Brasile. Martini si dice convinto che si tratti di una costruzione realizzata da

97

un’avanzata civiltà primordiale perché i blocchi di granito sovrapposti sono tagliati con precisione, anche se è difficoltoso


risalire alla traccia costruttiva originale per la forte azione erosiva che ha fatto scivolare le pesanti pietre. Il geologo spiega che l’erosione che ha interessato la radice delle montagne può senz’altro spiegare l’affioramento

del granito, di origine vulcanica, ma non certo i tagli e la disposizione delle pietre: sulla scorta del telerilevamento (il sistema che produce immagini satellitari della superficie del pianeta), non ha mancato di paragonare le

98

costruzioni a quelle del Nuovo Messico. Migrazioni d’Amazzonia La regione è abitata dagli indigeni Tamoios: secondo loro i costruttori di questo e altri monumenti, oggi sepolti dalla folta vegetazione, si deve agli antenati che dimoravano prevalentemente sulla costa dell’attuale stato di San Paolo e Rio de Janeiro. I Tamoios (“gli anziani”) ritengono tuttora di essere la più antica tribù Tupi – Guarani. Un migliaio di anni fa si resero protagonisti di una notevole espansione geografica verso l’Amazzonia e altre regioni del Brasile, forse dettata da motivazioni a sfondo religioso. La migrazione dei Tamoios costrinse la gente Jes, che viveva sugli altopiani, ad abbandonare quei luoghi. L’archeologo Placido Cali dell’Università di Sao Paulo suggerisce che la composizione rinvenuta a Natividade da Serra è unica nel suo genere ed è


attribuibile a una cultura certamente avanzata, che si discosta notevolmente da quelle che popolarono il Sudamerica. Il presupposto che i misteriosi costruttori realizzarono questi artefatti utilizzando una roccia cristallina come il granito, caratteristica degli Inca o dei loro antenati, ha riacceso la discussione sulla presenza o meno di questo popolo anche in Brasile. “La terra senza il male” Il “Peabiru”, un’antica rete di sentieri che si estendeva per tremila chilometri collegando le Ande alle coste dell’Atlantico, avrebbe potuto permettere agli Inca di raggiungere il Brasile, attraversando gli stati di San Paolo, Paranà e Santa Catarina. Il camminamento, in uso almeno fino al XIX secolo, oggi è quasi sconosciuto poiché irrimediabilmente danneggiato

dall’uso intensivo dopo la conquista. È possibile ricostruirne il percorso in maniera molto approssimativa e rimane qualche traccia solo a Pitanga nel Paranà.

99

La leggenda narra dell’uomo bianco con la barba, indicato come Sumé dagli indios, che avrebbe raggiunto la costa brasiliana camminando sulle acque. Questa divinità,


chiamata Pay Sume in Paraguay, giunse sulle vette andine, dove sarebbe stato ricordato come Viracocha. I nativi erano convinti che questo camminamento per la “Terra Senza il Male” (identificabile nella costa meridionale del Brasile) andasse di pari passo con la Via Lattea, che i Guarani conoscevano come Sentiero del Tapiro o Dimora degli Dei. Una decina di anni fa un altro archeologo, Luis Galdino, nel libro “The Inca in Brasile” (2002), oltre a

particolare tecnica costruttiva, facendo paralleli con quella in voga dall’espansione alla caduta degli Inca, a cavallo tra il XV e XVI secolo. I più arditi hanno riconosciuto nella muratura irregolare, in pietra con malta, una tecnica costruttiva propria della cultura di Caral e Chavin. Meglio non correre troppo con la fantasia, anche perché della piramide non c’è purtroppo traccia e nessuno ne parla più. Il Brasile è ancora privo di un retroterra culturale importante e gli scavi archeologici sono scarsi anche per mancanza di fondi; eppure, qualcuno tiene accesa la fiammella dell’immaginazione. Dalle informazioni che ci giungono dall’America latina, un paio di ricercatori indipendenti, Pepe Chaves e A. Fonseca, sono particolarmente attivi nella zona del Minas Gerais, dove avrebbero individuato basse strutture in muratura, analoghe a quelle peruviane per via dell’originale taglio delle pietre. Quando ne sapremo di più, ne daremo conto su queste pagine.

credere che il Peabiru testimoniasse l’espansione degli Inca fino all’Atlantico, avvalorava la presenza di questa gente in Brasile anche per la fattura delle asce di rame, bronzo e argento rinvenute a San Paolo, manufatti utilizzati dagli Inca sia per scopi rituali sia per offendere. Tecniche costruttive Alcune lastre rinvenute nel sito di Natividade da Serra sono effettivamente molto simili ai blocchi di pietra a secco Per approfondire: delle murature andine. C’è chi si http:// arrischia anche a individuare la julioottoboni.wordpress.com/2010/04/25/

piramide-na-serra-do-mar/ http:// piramidalcwb.wordpress.com/2011/06/14/ suposta-piramide-descoberta-em-sao-paulo/ http://ovnihoje.com/2011/06/voce-sabia-queno-brasil-tambem-ha-piramides/ http://www.diaadiaeducacao.pr.gov.br/portals/ roteiropedagogico/recursometod/415_Piramide s.pdf http://sites.google.com/site/cotiacittabandeiris ta/il-sentiero-peabiru

Sta arrivando… Tra breve disponibile on line e presso Cerchio della Luna Editore 100


Tracce d'eternità nr.17