Page 84

Quello che veramente sono ed avreste altresì riconosciuto in qual modo Io operi i Miei miracoli. Ma siccome voi considerate la Scrittura soltanto una serie di frasi vuote, opera degli uomini ed affatto inservibile in questi tempi, così vi riesce anche impossibile riconoscerMi per Quello che Io veramente sono e, dal momento che non Mi potete riconoscere per Tale, per conseguenza anche le Mie opere devono riuscirvi in sommo grado incomprensibili!". 12. Osservò Gioram: "Mio carissimo ragazzo, a questo riguardo tu mi sembri tuttavia eccedere un pochino con la tua asserzione! Poiché, vedi, se anche fra di noi vi sono alcuni che non credono alla pura divinità della Scrittura, ce ne sono tuttavia degli altri che ci tengono ancora molto e che credono fermamente e quindi sperano anche nella venuta del promesso Messia e del Suo Regno, e costoro, quando ti avranno conosciuto più da vicino, non avranno nulla in contrario qualora tu fossi appunto quel promesso Messia del Quale il profeta Isaia, più di ogni altro, ha predetto. 13. Certamente, la predizione in Isaia ha un'impronta quanto mai mistica, e se si vuole dedurre dalle sue parole la personalità del Messia non è facile venirne a capo; però nel suo complesso essa ha realmente molte cose che calzano su di te! D'altro canto ve ne sono delle altre che non si possono riferire né a te, né infine meno ancora ad un vero Messia, anche se dovesse discendere direttamente dai cieli! Per cui, o mio sapientissimo giovinetto, devi convenire tu stesso che, perfino per i più fervidi credenti, per quanto riguarda il buon Messia - per dirla apertamente - la cosa è ancor sempre tale da far riflettere seriamente e che è davvero molto difficile potervisi orientare chiaramente e con ordine! 14. La questione si presenta sempre piuttosto come una leggenda popolare sorta dal desiderio da lungo tempo nutrito dal popolo, e sembra davvero che i Romani non abbiano un gran torto quando dicono: “Ubinam vanis invectis superlativum tradis gens, nihil quam aquam haurire!”. (Non appena il popolo da dicerie vaghe tramanda esagerazioni, questo non vuol dire altro che andare per acqua col vaglio!). E così stanno parzialmente le cose anche qui riguardo al 84

I Tre Giorni Nel Tempio - 5.a Ed.2009 (Jakob Lorber)  

La Parola del Signore attraverso Jakob Lorber

I Tre Giorni Nel Tempio - 5.a Ed.2009 (Jakob Lorber)  

La Parola del Signore attraverso Jakob Lorber

Advertisement